Start up innovative Le possibilità del crowdfunding

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Start up innovative Le possibilità del crowdfunding"

Transcript

1 Start up innovative Le possibilità del crowdfunding Roma, 10 giugno 2014 Silvia Carbone Ufficio Analisi di Impatto della Regolamentazione

2 Quadro normativo e deleghe alla Consob Perché la Consob ha disciplinato l Equity Crowdfunding? Il decreto legge n. 179/2012 (c.d. decreto crescita, convertito con modifiche nella legge n. 221 del 17 dicembre 2012) ha apportato, tra l altro, alcune modifiche al TUF volte a consentire alle imprese start-up innovative la raccolta di capitali attraverso portali on-line (c.d. equity crowdfunding ). In virtù delle deleghe contenute nel decreto, la Consob, con delibera n del 26 giugno 2013 ha adottato il relativo regolamento che disciplina: l istituzione del registro e i principi e i criteri relativi alla registrazione e alla gestione di portali per la raccolta di capitali per le start-up innovative (art. 50-quinquies, comma 4, del Tuf), le regole di condotta che i gestori devono rispettare nei rapporti con gli investitori (art. 50-quinquies, comma 4, del Tuf), la disciplina applicabile alle offerte effettuate attraverso portali per la raccolta di capitali (art. 100-ter del Tuf). 2

3 Quadro normativo e deleghe alla Consob Finalità del decreto Le finalità generali delle misure introdotte dal decreto a favore delle start-up innovative sono indicate dalla relazione al medesimo: crescita sostenibile, sviluppo tecnologico, innovazione occupazione, in particolare quella giovanile. Le previsioni in materia di crowdfunding sono dettate con l obiettivo di: facilitare l accesso al capitale per le start-up innovative (anche in deroga al divieto per s.r.l. di ricorso al pubblico risparmio) incentivando gli investimenti anche da parte di investitori non professionali (incentivi fiscali) 3

4 Quadro normativo e deleghe alla Consob e finalità i della regolamentazione Consob Creazione di un ambiente affidabile in grado di creare fiducia negli investitori. Attraverso una disciplina dei gestori dei portali on-line e la relativa vigilanza. oneri autorizzativi e regolamentari semplificati rispetto a quelli generalmente applicabili ai soggetti che svolgono servizi di investimento ; un regime derogatorio degli obblighi di comportamento e della disciplina della promozione e collocamento a distanza di servizi e strumenti finanziari ma applicazione di regole di condotta specifiche e divieto di detenere somme e s.f. ; Individuazione di requisiti di onorabilità e professionalità e ulteriori condizioni per l iscrizione. 4

5 Quadro normativo e deleghe alla Consob Le norme del decreto sulle offerte delle start up innovative La deroga al divieto per le srl di fare appello al pubblico risparmio offrendo le proprie quote (2468 cc) Limite quantitativo alle offerte (max 5 milioni di ) Delega alla Consob di disciplinare le offerte per assicurare la sottoscrizione da parte di investitori professionali o altre categorie di investitori. e per tutelare gli investitori retail nel caso di cessione della partecipazione di controllo successivamente all offerta 5

6 La regolamentazione CONSOB L approccio della CONSOB per la regolamentazione dell equity crowdfunding: conoscere per decidere Conversione «Decreto crescita bis» (dic 2012) Indagine conoscitiva (dic 2012) Questionario (gen 2013) Open hearing (feb 2013) Consultazione bozza di regolamento (mar 2013) OBIETTIVO: stimolare l apporto di idee e analisi da parte della platea ampia dei potenziali interessati (gestori di portali, imprese innovative in start-up, investitori retail, investitori professionali) 6

7 ANALISI DELLE RISPOSTE ALLE DOMANDE CHIUSE SEZIONE START-UP INNOVATIVE 100% 50% 0% Start up innovative SI NO Avete costituito o intendete costituire una start-up a contenuto innovativo che soddisfi i requisiti di cui all art. 25 del d.l. n. 179/2012? 17 rispondenti 100% 50% 0% Interesse verso il fenomeno SI NO Avete interesse per la raccolta di capitali tramite portali on-line? 17 rispondenti Febbraio 2013 CONSOB - Divisione Strategie Regolamentari - Ufficio Analisi di Impatto della Regolamentazione 7

8 ANALISI DELLE RISPOSTE ALLE DOMANDE CHIUSE SEZIONE START-UP INNOVATIVE Avete già preso o intendete prendere contatti con qualche consulente per la predisposizione delle attività necessarie alla raccolta di capitali tramite portale on-line? 18% SI NO 82% Febbraio 2013 CONSOB - Divisione Strategie Regolamentari - Ufficio Analisi di Impatto della Regolamentazione 8

9 ANALISI DELLE RISPOSTE ALLE DOMANDE CHIUSE SEZIONE START-UP INNOVATIVE Nel caso di risposta affermativa alla domanda precedente quale è la dimensione delle vostre esigenze finanziarie? da a 1 milione di 13% oltre 1 milione di 7% fino a % da a % fino a da a da a 1 milione di oltre 1 milione di Febbraio 2013 CONSOB - Divisione Strategie Regolamentari - Ufficio Analisi di Impatto della Regolamentazione 9

10 ANALISI DELLE RISPOSTE ALLE DOMANDE CHIUSE SEZIONE START-UP INNOVATIVE 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Grado di apertura alla trasparenza SI NO Siete disponibili ad accettare un livello elevato di trasparenza per avere accesso all offerta di fondi effettuata tramite portali on-line? Febbraio 2013 CONSOB - Divisione Strategie Regolamentari - Ufficio Analisi di Impatto della Regolamentazione 10

11 ANALISI DELLE RISPOSTE SEZIONE INVESTITORI POTENZIALI Percentuale di rispondenti che ritiene uno specifico rischio rilevante in relazione all'investimento in una start-up innovativa 90% 84% 84% 80% 70% 60% 50% 40% 41% 28% 30% 20% 10% 0% 0% Rischio di perdita del capitale Rischio di cambio Rischio di liquidità Rischio connesso alla mancata distribuzione di utili Rischio di carenza di informazioni successive all'emissione Febbraio 2013 CONSOB - Divisione Strategie Regolamentari - Ufficio Analisi di Impatto della Regolamentazione 11

12 ANALISI DELLE RISPOSTE ALLE DOMANDE CHIUSE SEZIONE INVESTITORI POTENZIALI Percentuale di rispondenti che ritiene uno specifico rischio rilevante in relazione alle offerte effettuate tramite portali on-line 80% 72% 70% 60% 50% 50% 40% 30% 28% 22% 20% 10% 0% Rischio di truffa Rischio di carenza di informazioni Rischio di conflitti di interessi Rischio di indebito utilizzo dei dati personali Febbraio 2013 CONSOB - Divisione Strategie Regolamentari - Ufficio Analisi di Impatto della Regolamentazione 12

13 100% 90% 80% 70% ANALISI DELLE RISPOSTE ALLE DOMANDE CHIUSE SEZIONE INVESTITORI 91% 81% 63% POTENZIALI 60% 50% 47% 40% 30% 20% 34% 34% 31% 28% 19% 19% 16% 13% 10% 0% Febbraio 2013 CONSOB - Divisione Strategie Regolamentari - Ufficio Analisi di Impatto della Regolamentazione 13

14 Quadro normativo e deleghe alla Consob Attuazione della regolamentazione Consob Nel circuito di finanziamento diretto è l investitore che finanzia i progetti imprenditoriali e, pertanto, il raggiungimento delle finalità generali della regolamentazione dipendono anche dalle sue capacità di selezionare le offerte, oltreché dalla capacità di selezione delle offerte da inserire nei portali da parte dei gestori, e dalla spinta propulsiva degli incubatori Dotazione di strumenti di valutazione dei progetti imprenditoriali da parte degli investitori (profili rischio/rendimento) ponendoli nelle condizioni di operare scelte consapevoli basate su un adeguata informazione fornita dai gestori dei portali e dalle start up che attraverso i portali aprono il proprio capitale a nuovi investitori 14

15 La regolamentazione CONSOB Temi rilevanti e opzioni scelte : : Temi rilevanti Opzioni scelte Informazioni sul gestore del portale Informazioni su principali azionisti e amministratori Informazioni sulle attività svolte Informazioni sulle modalità di selezione delle offerte Informazioni sulla gestione degli ordini Informazioni sulla gestione dei conflitti di interesse Costi a carico degli investitori Trattazione dei reclami 15

16 La regolamentazione CONSOB Temi rilevanti e opzioni scelte : : Temi rilevanti Opzioni scelte Informazioni generali sull investimento in start up innovative Rischio di perdita del capitale investito Rischio di illiquidità Divieto distribuzione utili (art. 25 del decreto 179/2012) Trattamento fiscale Deroghe al diritto societario e fallimentare Descrizione di un business plan Diritto di recesso 16

17 La regolamentazione CONSOB Temi rilevanti e opzioni scelte: : Temi rilevanti Opzioni scelte Informazioni sulle singole offerte Utilizzo di uno schema standard per la diffusione delle informazioni sulle singole offerte delle start-up (comparabilità delle offerte e riduzione delle asimmetrie informative) Ma anche ricorso a presentazioni multimediali (video pitches etc) Rinvio al Registro delle Imprese per le informazioni chiave su azionisti attività Nessun procedimento autorizzatorio della Consob Obbligo di aggiornamento delle informazioni 17

18 La regolamentazione CONSOB Temi rilevanti e opzioni scelte: : Temi rilevanti Opzioni scelte assicurare la sottoscrizione da parte di investitori professionali o altre categorie di investitori ai fini del perfezionamento delle offerte il 5% del capitale offerto deve essere sottoscritto da investitori professionali, fondazioni, incubatori di start up innovative tutelare gli investitori retail nel caso di cessione della partecipazione di controllo successivamente all offerta Lo statuto dell offerente deve prevedere diritto di recesso o di co-vendita a favore degli investitori retail nel caso di cessione del controllo della start up innovativa per almeno 3 anni dall offerta 18

19 La regolamentazione CONSOB Temi rilevanti e opzioni scelte: Temi rilevanti Il percorso di investimento consapevole (sufficiente per investimenti sotto soglia - accompagnato dalla profilatura Mifid da parte delle banche/e imprese di investimento incaricate dell esecuzione dell ordine per investimenti sopra soglia) Richiamo del gestore all opportunità che gli investimenti ad alto rischio siano rapportati alle proprie disponibilità Opzioni scelte La possibilità di aderire alle offerte è subordinata: Alla presa visione dell investor education e alle informazioni generali sull investimento in start up innovative Alla risposta positiva a un questionario su caratteristiche essenziali e rischi connessi all investimento in start up innovative Alla dichiarazione di essere in grado di sostenere economicamente l eventuale intera perdita del capitale 19

20 INVESTOR EDUCATION EQUITY CROWDFUNDING COSA DEVI ASSOLUTAMENTE SAPERE PRIMA DI INVESTIRE IN UNA START-UP INNOVATIVA TRAMITE PORTALI ON- LINE

21 L attuazione del regolamento del 2013 Le prime esperienze applicative: qualche (piccolo) numero 3 i gestori di portali iscritti nel registro a seguito di autorizzazione 1 gestore operante di diritto annotato nella sezione speciale 7 le istanze di società in corso di istruttoria 21

22 L attuazione del regolamento del 2013 Le prime esperienze applicative: qualche (piccolo) numero (segue) 4 le offerte in corso 1 offerta conclusa Importi richiesti: da a Euro 22

23 L attuazione del regolamento del 2013 L offerta ad oggi conclusa ha registrato: Adesioni superiori al capitale richiesto (147 k/ 157k ) 3 investitori istituzionali: 3 (2 banche + 1 sgr) 72 aderenti retail di cui: 60/70 % circa Entourage dell'imprenditore 30% circa Investitori spontanei Circa visitatori dell'offerta 23

24 L attuazione del regolamento del 2013 I potenziali offerenti: Le start up innovative iscritte nella sezione speciale del registro delle imprese 2121 (al 5 giugno 2014) di cui oltre la metà (1224) in 5 regioni (Lombardia, Emilia Romagna, Lazio, Veneto, Piemonte) 24

25 L attuazione del regolamento del 2013 Gli incubatori certificati per il sostegno alla nascita e allo sviluppo delle start up innovative 24 gli incubatori iscritti situati in 10 regioni (di cui 7 in Lombardia) 25

26 L attuazione del regolamento del 2013 La Valutazione ex-post. Le previsioni del DL 179/2012 L art. 32 del Decreto 179/2012: la valutazione dell impatto delle misure Il comitato tecnico per il monitoraggio e la valutazione delle politiche a favore dell ecosistema delle startup innovative MISE, ISTAT, CONSOB, SISTEMA CAMERALE, UNIVERSITA cooperano con la finalità di elaborare un rapporto annuale sullo stato di attuazione delle singole misure e sul grado di effettivo conseguimento delle finalità alla base del Decreto 26

27 L attuazione del regolamento del 2013 La Valutazione ex-post. Gli obiettivi Obiettivi generali: valutazione complessiva dell impatto delle policy adottate nei confronti delle start up innovative, in termini di crescita, occupazione, nuova cultura imprenditoriale, innovazione e internazionalizzazione. 27

28 La Valutazione ex-post L attuazione del regolamento del 2013 Focus sull idoneità effettiva dei portali di equity crowdfunding di porsi quali canali alternativi per il finanziamento e lo sviluppo delle start up innovative anche attraverso: L offerta servizi accessori per start up e investitori quali: la pubblicazione di informazioni periodiche sui traguardi intermedi raggiunti dalle start-up innovative o di report periodici sull'andamento delle società, la predisposizione di eventuali meccanismi atti a facilitare i flussi informativi tra la start-up innovativa e gli investitori o tra gli investitori e la loro partecipazione alla vita societaria la predisposizione di eventuali meccanismi di valorizzazione periodica degli strumenti finanziari acquistati tramite il portale ovvero di rilevazione dei prezzi delle eventuali transazioni aventi ad oggetto tali strumenti finanziari 28

29 L attuazione del regolamento del 2013 La Valutazione ex-post. L AIR e gli indicatori di risultato Domanda Che ruolo rivestono gli investitori professionali? Ha favorito lo sviluppo dell attività istituendo regole semplici e poco onerose? (MOA) Che tipo di investitori operano attraverso portali? Ha creato un ambiente affidabile? Indicatori di risultato N offerte che presentano ab origine la sottoscrizione di un professionale N portali autorizzati N di portali operativi Oneri portali autorizzati Oneri portali non soggetti al regolamento - N adesioni < Controvalore totale adesioni < N adesioni > Controvalore totale adesioni > N provvedimenti sanzionatori/cautelari - N reclami (portali) - N esposti (Consob) - Controvalore delle adesioni per le quali è stata esercitata la facoltà di recesso 29

30 La Valutazione ex-post. Gli strumenti L attuazione del regolamento del 2013 A tal fine risulteranno essenziali: i dati forniti annualmente dai gestori sulle attività svolte, struttura organizzativa e operatività (informazioni aggregate relative alle offerte svolte nel corso dell'anno precedente e ai relativi esiti) e sui servizi accessori prestati con riferimento alle start up e agli investitori le risposte fornite ad appositi questionari conoscitivi 30

31 La prospettiva europea A partire dal 2012 prima attenzione da parte della Commissione Europea e dell ESMA sul fenomeno e sulle prospettive del crowdfunding in Europa attraverso: Consultazioni pubbliche Giornate di studio Focus group fra esperti, regolatori, stakeholders 31

32 La prospettiva europea (3) La Comunicazione del 27marzo 2014 (COM(2014) 172 final) : Sfruttare il potenziale del crowdfunding nell'unione europea Crescente interesse del mercato e dei regolatori Mercato in progressivo sviluppo: le nuove tecnologie e la novità giocano a favore di una sua rapida crescita Valida alternativa alla luce delle attuali difficoltà di funding da parte delle imprese Esistenza di rischi potenziali, soprattutto in considerazione della presenza di investitori retail Mancanza di una regolamentazione armonizzata su base europea: 32

33 La prospettiva europea (4) I prossimi passi della Commissione Europea: Ulteriori studi e approfondimenti al fine di selezionare l adozione di misure fra un ampio ventaglio che va da atti di soft law, (comunicazioni interpretative, linee guida) volti ad accrescere la fiducia, la consapevolezza e la conoscenza del fenomeno (e dei relativi rischi), al coordinamento gli interventi delle Autorità di Vigilanza, sino ad iniziative di natura legislativa Ma anche approfondimenti sulle possibilità di ricorrere a finanziamenti misti (pubblico e privato) allargando le imprese che possono ricorrere ad aiuti di Stato (finanziamento del rischio di PMI e imprese innovative) 33

34 CONCLUSIONI Mantenimento di un livello di attenzione/vigilanza elevato per impedire/limitare possibili distorsioni e consentire lo sviluppo di un ambiente affidabile Dialogo aperto con gli operatori per affrontare questioni concrete che emergono in sede applicativa Partecipazione ascendente all attività della Commissione Europea e dell Esma Possibilità di rivedere la regolamentazione ad esito di quanto emergerà dalle valutazioni ex post effettuate da parte del Comitato e dall analisi degli indicatori di risultato individuati nella documentazione AIR della Consob, delle determinazioni assunte dalla Commissione Europea. 34

35 GRAZIE PER L ATTENZIONE! 35

ALLEGATO 1A Attuazione dell art. 30 del d.l. n. 179/2012 Ufficio Analisi di Impatto della Regolamentazione

ALLEGATO 1A Attuazione dell art. 30 del d.l. n. 179/2012 Ufficio Analisi di Impatto della Regolamentazione ALLEGATO 1A Attuazione dell art. 30 del d.l. n. 179/2012 Analisi delle risposte al questionario per l indagine conoscitiva pubblicato dalla Consob il 21 gennaio 2013 Febbraio 2013 CONSOB - Divisione Strategie

Dettagli

Il quadro normativo. Divisione Strategie Regolamentari. Roma, 12 maggio 2014

Il quadro normativo. Divisione Strategie Regolamentari. Roma, 12 maggio 2014 Il quadro normativo Maria Mazzarella arella Divisione Strategie Regolamentari Roma, 12 maggio 2014 Outline L evoluzione del quadro istituzionale europeo Il quadro normativo: verso una financial union?

Dettagli

21 gennaio 2013. I commenti pervenuti saranno elaborati e resi noti in forma aggregata e anonima.

21 gennaio 2013. I commenti pervenuti saranno elaborati e resi noti in forma aggregata e anonima. RACCOLTA DI CAPITALI DI RISCHIO TRAMITE PORTALI ON-LINE: QUESTIONARIO PER L INDAGINE CONOSCITIVA 21 gennaio 2013 Le risposte al questionario dovranno pervenire entro il giorno 8 febbraio 2013: on line

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLE CONSEGUENZE SULL'ATTIVITÀ DELLE IMPRESE E DEGLI OPERATORI E SUGLI INTERESSI DEGLI INVESTITORI E DEI RISPARMIATORI, DERIVANTI DALLE MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA RACCOLTA DI

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Attuazione della disciplina del Crowdfunding: ROMA 26 marzo 2013

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Attuazione della disciplina del Crowdfunding: ROMA 26 marzo 2013 LLEGTO 1C NLISI DI IMPTTO DELL REGOLMENTZIONE ttuazione della disciplina del Crowdfunding: le deleghe ricevute, le opzioni e le principali scelte regolamentari ROM 26 marzo 2013 1 Le deleghe previste dal

Dettagli

Workshop - Equity Crowdfunding: rischi ed opportunità per le start-up innovative. Presentazione di Matteo Piras presidente di StarsUp s.r.l.

Workshop - Equity Crowdfunding: rischi ed opportunità per le start-up innovative. Presentazione di Matteo Piras presidente di StarsUp s.r.l. Workshop - Equity Crowdfunding: rischi ed opportunità per le start-up innovative Presentazione di Matteo Piras presidente di StarsUp s.r.l. Lomazzo, 12 maggio 2014 Contenuti L equity crowdfunding StarsUp

Dettagli

Definizione. Art. 25.Start-Up innovativa e incubatore certificato:

Definizione. Art. 25.Start-Up innovativa e incubatore certificato: Definizione È: Art. 25.Start-Up innovativa e incubatore certificato: società di capitali, anche in forma cooperativa, di diritto italiano ovvero una Societas Europaea, residente in Italia le cui azioni

Dettagli

1 Macerata, 14 novembre 2014 IL FINANZIAMENTO DELLE PMI ALTERNATIVO AL CREDITO BANCARIO

1 Macerata, 14 novembre 2014 IL FINANZIAMENTO DELLE PMI ALTERNATIVO AL CREDITO BANCARIO 1 Macerata, 14 novembre IL FINANZIAMENTO DELLE PMI ALTERNATIVO AL CREDITO BANCARIO 2 Macerata, 14 novembre LE INIZIATIVE A LIVELLO EUROPEO: EUVECA, EUSEF Il 17 aprile 2013 sono stati pubblicati: (i) il

Dettagli

Siamo (ri) partiti da.

Siamo (ri) partiti da. Siamo (ri) partiti da... Piano d azione 2020 per l imprenditorialità della Commissione Europea del gennaio 2013 afferma : Per riportare l Europa sul sentiero della crescita e su più alti livelli occupazionali

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

LE START UP INNOVATIVE

LE START UP INNOVATIVE LE START UP INNOVATIVE Nell ambito delle attività tese a favorire la crescita sostenibile, lo sviluppo tecnologico e l occupazione giovanile e nell ottica di sviluppare una nuova cultura imprenditoriale,

Dettagli

Vigilanza bancaria e finanziaria

Vigilanza bancaria e finanziaria Vigilanza bancaria e finanziaria DISPOSIZIONI DI VIGILANZA IN MATERIA DI POTERI DI DIREZIONE E COORDINAMENTO DELLA CAPOGRUPPO DI UN GRUPPO BANCARIO NEI CONFRONTI DELLE SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO

Dettagli

Una politica industriale per l innovazione

Una politica industriale per l innovazione Una politica industriale per l innovazione Focus PMI innovative Mattia Corbetta Ancona 12 ottobre 2015 MiSE DG Politica Industriale, Competitività e PMI Le 4 colonne della politica industriale sull innovazione

Dettagli

1 http://webint/main/trasversale/risparmiatori/investor/crowdfunding/index.html Relazione AIR

1 http://webint/main/trasversale/risparmiatori/investor/crowdfunding/index.html Relazione AIR Revisione del Regolamento n. 18592 del 26 giugno 2013 sulla raccolta di capitali di rischio da parte di start-up innovative tramite portali on-line. CONSULTAZIONE PRELIMINARE 19 GIUGNO 2015 Le risposte

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

Sintesi della politica di prestazione dei servizi di investimento (Investment Policy)

Sintesi della politica di prestazione dei servizi di investimento (Investment Policy) Sintesi della politica di prestazione dei servizi di investimento (Investment Policy) La banca per un mondo che cambia Disposizioni generali La Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. ( BNL ), capitale sociale

Dettagli

EQUITY CROWDFUNDING: COSA DEVI ASSOLUTAMENTE SAPERE PRIMA DI INVESTIRE IN UNA START- UP INNOVATIVA TRAMITE PORTALI ON-LINE

EQUITY CROWDFUNDING: COSA DEVI ASSOLUTAMENTE SAPERE PRIMA DI INVESTIRE IN UNA START- UP INNOVATIVA TRAMITE PORTALI ON-LINE EQUITY CROWDFUNDING: COSA DEVI ASSOLUTAMENTE SAPERE PRIMA DI INVESTIRE IN UNA START- UP INNOVATIVA TRAMITE PORTALI ON-LINE Cos è il crowdfunding? Com è disciplinato il fenomeno in Italia? Il Decreto crescita

Dettagli

Una politica industriale per l innovazione

Una politica industriale per l innovazione Una politica industriale per l innovazione Focus PMI innovative Stefano Firpo Ivrea, 18 novembre 2015 MiSE DG Politica Industriale, Competitività e PMI Da 3 anni il Governo sta costruendo una politica

Dettagli

2020. Direttive di attuazione.

2020. Direttive di attuazione. Oggetto: Fondo di capitale di rischio (venture capital) per investimenti in equity per la creazione e lo sviluppo di imprese innovative PO FESR Sardegna 2014-2020. 2020. Direttive di attuazione. L Assessore

Dettagli

Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Regolamento recante la disciplina dell adozione degli atti di natura normativa o di

Dettagli

EQUITY CROWDFUNDING: COSA DEVI ASSOLUTAMENTE SAPERE PRIMA DI INVESTIRE IN UNA START- UP INNOVATIVA TRAMITE PORTALI ON-LINE

EQUITY CROWDFUNDING: COSA DEVI ASSOLUTAMENTE SAPERE PRIMA DI INVESTIRE IN UNA START- UP INNOVATIVA TRAMITE PORTALI ON-LINE EQUITY CROWDFUNDING: COSA DEVI ASSOLUTAMENTE SAPERE PRIMA DI INVESTIRE IN UNA START- UP INNOVATIVA TRAMITE PORTALI ON-LINE Cos è il crowdfunding? Com è disciplinato il fenomeno in Italia? Il Decreto crescita

Dettagli

consulenza finanziaria per gli investitori istituzionali: a che punto siamo? giuseppe patriossi 4 ottobre 2011 itinerari previdenziali

consulenza finanziaria per gli investitori istituzionali: a che punto siamo? giuseppe patriossi 4 ottobre 2011 itinerari previdenziali 4 ottobre 2011 consulenza finanziaria per gli investitori istituzionali: itinerari previdenziali le esigenze degli investitori istituzionali e le proposte del mercato: un connubio possibile? a che punto

Dettagli

La funzionalità dell equity crowdfunding

La funzionalità dell equity crowdfunding La funzionalità dell equity crowdfunding Giovedì 14 maggio 2015 Confindustria Genova Auditorium, via San Vincenzo 2 Cosa sono questi due nuovi termini? Start up innovativa Equitycrowdfunding START UP INNOVATIVA

Dettagli

L equity crowdfunding uno nuovo schema finanziario per le imprese sociali orientate a partnership innovative Ecomondo Rimini 7 novembre 2014

L equity crowdfunding uno nuovo schema finanziario per le imprese sociali orientate a partnership innovative Ecomondo Rimini 7 novembre 2014 L equity crowdfunding uno nuovo schema finanziario per le imprese sociali orientate a partnership innovative Ecomondo Rimini 7 novembre 2014 Tommaso D Onofrio CEO Definizioni Crowdfunding è un metodo di

Dettagli

EQUITY CROWDFUNDING Rischi ed opportunità per le Start Up Innovative Start Up Innovative ed Equity Crowdfunding

EQUITY CROWDFUNDING Rischi ed opportunità per le Start Up Innovative Start Up Innovative ed Equity Crowdfunding EQUITY CROWDFUNDING Rischi ed opportunità per le Start Up Innovative Start Up Innovative ed Equity Crowdfunding Note su Reg. Consob 18592/2013 e sulla Tutela del diritto di sfruttamento esclusivo dell

Dettagli

Crowdfunding nel settore immobiliare 26 giugno 2014

Crowdfunding nel settore immobiliare 26 giugno 2014 Crowdfunding nel settore immobiliare 26 giugno 2014 1 Introduzione Il fenomeno del crowdfunding in Italia Per crowdfunding si intende la raccolta di capitali finalizzata al finanziamento di start-up innovative,

Dettagli

ASTALDI SOCIETÀ PER AZIONI RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE PARTE STRAORDINARIA AI SENSI DELL ART. 125-TER DEL D.LGS.

ASTALDI SOCIETÀ PER AZIONI RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE PARTE STRAORDINARIA AI SENSI DELL ART. 125-TER DEL D.LGS. ASTALDI SOCIETÀ PER AZIONI RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 125-TER DEL D.LGS. 58/1998 PARTE STRAORDINARIA Signori Azionisti, il Consiglio di Amministrazione di Astaldi S.p.A.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 101/E

RISOLUZIONE N. 101/E RISOLUZIONE N. 101/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 novembre 2014 OGGETTO: Consulenza giuridica ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 SOSTITUTO D IMPOSTA - CESSIONE QUOTE FONDI MOBILIARI

Dettagli

NEWSLETTER N 1/13 DECRETO SVILUPPO BIS : LE START-UP INNOVATIVE

NEWSLETTER N 1/13 DECRETO SVILUPPO BIS : LE START-UP INNOVATIVE NEWSLETTER N 1/13 DECRETO SVILUPPO BIS : LE START-UP INNOVATIVE Riferimenti: - Dl. 179/2012 Decreto Sviluppo Bis e relativa legge di conversione 221/2012 Con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n.

Dettagli

CROWDFUNDING. LA RACCOLTA FONDI DAL BASSO : ISTRUZIONI PER L USO funzionamento, normativa, fiscalità e opportunità di business

CROWDFUNDING. LA RACCOLTA FONDI DAL BASSO : ISTRUZIONI PER L USO funzionamento, normativa, fiscalità e opportunità di business CROWDFUNDING LA RACCOLTA FONDI DAL BASSO : ISTRUZIONI PER L USO funzionamento, normativa, fiscalità e opportunità di business - seminario completo - Milano, 26 e 27 febbraio 2014 Hotel Crowne Plaza Milan

Dettagli

II.11 LA BANCA D ITALIA

II.11 LA BANCA D ITALIA Provvedimento del 24 marzo 2010. Regolamento recante la disciplina dell adozione degli atti di natura normativa o di contenuto generale della Banca d Italia nell esercizio delle funzioni di vigilanza bancaria

Dettagli

START-UP INNOVATIVA SCALABRINI CADOPPI & ASSOCIATI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI

START-UP INNOVATIVA SCALABRINI CADOPPI & ASSOCIATI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI ! SCALABRINI CADOPPI & ASSOCIATI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI START-UP INNOVATIVA! Adempimenti amministrativi ed informazioni legali sulle nuove imprese dedicate all innovazione! (Legge

Dettagli

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Piano Nazionale di edilizia abitativa Visto il decreto legge 25 giugno 2008, n 112 convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n 133, recante

Dettagli

Le politiche a sostegno delle start up e il ruolo del sistema camerale

Le politiche a sostegno delle start up e il ruolo del sistema camerale Sondrio, 14 giugno 2013 11ª Giornata dell Economia Le politiche a sostegno delle start up e il ruolo del sistema camerale Roberto Calugi Consorzio camerale per il credito e la finanza Camera di Commercio

Dettagli

1. Condizioni, requisiti e deroghe

1. Condizioni, requisiti e deroghe Sommario 1. Condizioni, requisiti e deroghe INQUADRAMENTO GENERALE 1 DEFINIZIONE E REQUISITI 2 1. Forma societaria 2 1.1 Società a responsabilità limitata semplificata (S.r.l.s.) 3 2. Requisiti cumulativi

Dettagli

tra Provincia di Lecce, Provincia di Torino, Camera di Commercio I.A.A. di Lecce e BIC Lazio

tra Provincia di Lecce, Provincia di Torino, Camera di Commercio I.A.A. di Lecce e BIC Lazio PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DELLE RETI D IMPRESA In data tra Provincia di Lecce, Provincia di Torino, Camera di Commercio I.A.A. di Lecce e BIC Lazio premesso che Con l'art. 3, comma 4-ter, del

Dettagli

Le linee guida ABI sull adeguatezza

Le linee guida ABI sull adeguatezza Le linee guida ABI sull adeguatezza La profilatura della clientela ai fini MiFID è il tema centrale delle Linee Guida ABI recentemente validate dalla Consob sull implementazione degli Orientamenti Esma

Dettagli

Il ruolo delle banche nell equity crowdfunding

Il ruolo delle banche nell equity crowdfunding Il ruolo delle banche nell equity crowdfunding L equity crowdfunding consiste nella raccolta di capitale di rischio di start up innovative tramite portali on line. Le banche potranno avere un ruolo importante

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

Attività di CDP Investimenti Sgr nell edilizia sociale. Torino, 4 Febbraio 2010

Attività di CDP Investimenti Sgr nell edilizia sociale. Torino, 4 Febbraio 2010 Attività di CDP Investimenti Sgr nell edilizia sociale Torino, 4 Febbraio 2010 Premessa Nel febbraio 2009 Cassa Depositi e Presiti Spa (CDP), ACRI ed ABI hanno costituito CDP Investimenti Sgr S.p.A. (CDPI

Dettagli

Equity Crowdfunding 14 febbraio 2013

Equity Crowdfunding 14 febbraio 2013 Equity Crowdfunding 14 febbraio 2013 Umberto Piattelli I modelli di crowdfunding più noti 1 Come funziona l equity crowdfunding 2 L approccio deciso dal legislatore Italiano 100 LIVELLO Di REGOLAMENTAZIONE

Dettagli

Caro Lettore, Buona lettura!

Caro Lettore, Buona lettura! GUIDA PRATICA Caro Lettore, Semplificare e agevolare l accesso al credito. In questo momento di difficile congiuntura economica, sono queste le parole d ordine che hanno portato governo, banche e imprese

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Le Startup innovative e gli Incubatori d'impresa

Le Startup innovative e gli Incubatori d'impresa Le Startup innovative e gli Incubatori d'impresa Le Startup innovative e gli Incubatori d impresa Il decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179 recante Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese, convertito

Dettagli

PIANO NUOVI INVESTIMENTI FILIERA AGROALIMENTARE 2015-2017

PIANO NUOVI INVESTIMENTI FILIERA AGROALIMENTARE 2015-2017 PIANO NUOVI INVESTIMENTI FILIERA AGROALIMENTARE 2015-2017 2 MILIARDI PER IL RILANCIO 2 miliardi di euro di investimenti per le imprese agroalimentari italiane. Queste le risorse del Piano 2015-2017 messo

Dettagli

Il CAPITALE DI RISCHIO E LA COLLABORAZIONE PUBBLICO PRIVATA. Bando 1.2.4. Ingegneria Finanziaria FONDO CAPITALE DI RISCHIO

Il CAPITALE DI RISCHIO E LA COLLABORAZIONE PUBBLICO PRIVATA. Bando 1.2.4. Ingegneria Finanziaria FONDO CAPITALE DI RISCHIO Il CAPITALE DI RISCHIO E LA COLLABORAZIONE PUBBLICO PRIVATA Bando 1.2.4. Ingegneria Finanziaria FONDO CAPITALE DI RISCHIO FINALITA E OBIETTIVI Supportare gli investimenti delle Piccole e Medie imprese

Dettagli

Per le piccole e medie imprese nasce un nuovo regime agevolato PMI innovative

Per le piccole e medie imprese nasce un nuovo regime agevolato PMI innovative Ai gentili clienti Loro sedi Per le piccole e medie imprese nasce un nuovo regime agevolato PMI innovative Con il DL n. 3 del 24.01.2015 il legislatore ha introdotto nel nostro ordinamento un nuovo regime

Dettagli

Startup innovative: opportunità fiscali e strumenti di gestione e finanziamento

Startup innovative: opportunità fiscali e strumenti di gestione e finanziamento Università degli Studi di Sassari Sassari, 15 Maggio 2014 Startup innovative: opportunità fiscali e strumenti di gestione e finanziamento Dottore Commercialista- Revisore legale dei conti La fase di start

Dettagli

Fiscal News N. 101. Start up: pubblicate le linee guida per l accesso al fondo PMI. La circolare di aggiornamento professionale 02.04.2014.

Fiscal News N. 101. Start up: pubblicate le linee guida per l accesso al fondo PMI. La circolare di aggiornamento professionale 02.04.2014. Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 101 02.04.2014 Start up: pubblicate le linee guida per l accesso al fondo PMI Categoria: Imprese Sottocategoria: Varie E stata pubblicata dal

Dettagli

CROWDFUNDING. LA RACCOLTA FONDI DAL BASSO : ISTRUZIONI PER L USO funzionamento, normativa, fiscalità e opportunità di business

CROWDFUNDING. LA RACCOLTA FONDI DAL BASSO : ISTRUZIONI PER L USO funzionamento, normativa, fiscalità e opportunità di business CROWDFUNDING LA RACCOLTA FONDI DAL BASSO : ISTRUZIONI PER L USO funzionamento, normativa, fiscalità e opportunità di business - seminario completo - Milano, 27 e 28 marzo 2014 Hotel Crowne Plaza Milan

Dettagli

L «EQUITY CROWDFUNDING» ALLA LUCE DEL NUOVO REGOLAMENTO CONSOB [ottobre 2013] ***

L «EQUITY CROWDFUNDING» ALLA LUCE DEL NUOVO REGOLAMENTO CONSOB [ottobre 2013] *** L «EQUITY CROWDFUNDING» ALLA LUCE DEL NUOVO REGOLAMENTO CONSOB [ottobre 2013] *** 1. La disciplina contenuta nel TUF L art. 30 del d.l. n. 179 del 18 ottobre 2012 ( Decreto crescita bis, convertito, con

Dettagli

Cerved Information Solutions S.p.A.

Cerved Information Solutions S.p.A. Cerved Information Solutions S.p.A. Relazione del Consiglio di Amministrazione all Assemblea degli Azionisti Unica convocazione: 27 aprile 2015 CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Gli aventi diritto di

Dettagli

Relazione del Consiglio di Amministrazione sul secondo punto all ordine del giorno della parte straordinaria

Relazione del Consiglio di Amministrazione sul secondo punto all ordine del giorno della parte straordinaria Relazione del Consiglio di Amministrazione sul secondo punto all ordine del giorno della parte straordinaria Aumento di capitale sociale ai sensi dell art. 2441, quarto comma, secondo periodo, c.c.; deliberazioni

Dettagli

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA 1. Obiettivo del Documento... 2 2. Criteri per la classificazione della clientela... 2 2.1 Controparti qualificate... 2 2.2. Clientela professionale... 3 2.3

Dettagli

IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL

IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL SOSTEGNO DELLA CRESCITA? S I R I N G R A Z I A P E R L A C O L L A B O R A Z I O N E 2 7 G E N N A I O 2 0 1 4 C O R S O C O N C O R D I A 1 M I L A N O Programma Apertura

Dettagli

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A. PER L INDIVIDUAZIONE E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA DI INVESTIMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI 1.

Dettagli

Marzo 2014. Crowdfunding: social lending e profili di regolamentazione prudenziale

Marzo 2014. Crowdfunding: social lending e profili di regolamentazione prudenziale Marzo 2014 Crowdfunding: social lending e profili di regolamentazione prudenziale Claudio D Auria, Moderari S.r.l. 1. Premessa Con il termine crowdfunding si intende il processo con cui avviene la raccolta

Dettagli

RELAZIONE SULL ADOZIONE DEL PROTOCOLLO DI AUTONOMIA PER LA GESTIONE DEI CONFLITTI D INTERESSI

RELAZIONE SULL ADOZIONE DEL PROTOCOLLO DI AUTONOMIA PER LA GESTIONE DEI CONFLITTI D INTERESSI RELAZIONE SULL ADOZIONE DEL PROTOCOLLO DI AUTONOMIA PER LA GESTIONE DEI CONFLITTI D INTERESSI ai sensi dell articolo 6, comma 2, dello Statuto Assogestioni ARCA SGR S.p.A. Anno 2012 1 ATTESTAZIONE DI CONFORMITÀ

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up e Obbligazioni a Tasso Step-Up Callable.

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up e Obbligazioni a Tasso Step-Up Callable. CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA relativa al programma di emissioni denominato Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up e Obbligazioni a Tasso Step-Up Callable. Banca

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO PER LA GESTIONE E LA COMUNICAZIONE ALL ESTERNO DI INFORMAZIONI RISERVATE E PRIVILEGIATE

REGOLAMENTO INTERNO PER LA GESTIONE E LA COMUNICAZIONE ALL ESTERNO DI INFORMAZIONI RISERVATE E PRIVILEGIATE REGOLAMENTO INTERNO PER LA GESTIONE E LA COMUNICAZIONE ALL ESTERNO DI INFORMAZIONI RISERVATE E PRIVILEGIATE GIUGNO 2015 Articolo 1 - Ambito di applicazione 1.1 Il presente regolamento interno (di seguito

Dettagli

C i r c o l a r e d e l 0 9 G e n n a i o 2 0 1 3 P a g. 1 di 5

C i r c o l a r e d e l 0 9 G e n n a i o 2 0 1 3 P a g. 1 di 5 C i r c o l a r e d e l 0 9 G e n n a i o 2 0 1 3 P a g. 1 di 5 Circolare Numero 01/2013 Oggetto LE START-UP INNOVATIVE E IL CREDITO DI IMPOSTA PER LA DISTRIBUZIONE DELLE OPERE DELL INGEGNO DIGITALI Sommario

Dettagli

Comitato Tecnico Assofondipensione. 4 giugno 2012

Comitato Tecnico Assofondipensione. 4 giugno 2012 Comitato Tecnico Assofondipensione «Disposizioni sulla politica di investimento» 4 giugno 2012 1 Gestione finanziaria nei fondi pensione Normativa e modello operativo ante Deliberazione Covip 16/03/2012;

Dettagli

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI Varese, 8 febbraio 2013 LA START-UP INNOVATIVA E INCUBATORE CERTIFICATO SCADENZA 16.02.2013 Gli articoli dal 25 al 32 del D.L. 18 ottobre 2012, n. 179, convertito

Dettagli

L innovazione finanziata: il ruolo delle piattaforme innovative di Equity

L innovazione finanziata: il ruolo delle piattaforme innovative di Equity L innovazione finanziata: il ruolo delle piattaforme innovative di Equity Inserire Crowd-funding Titolo Environment Park 26 settembre 2014 Rebecca Boasso Dragotti & Associati 20121 Milano Via Nino Bixio,

Dettagli

Il ruolo dell Advisor nei Fondi pensione

Il ruolo dell Advisor nei Fondi pensione Il ruolo dell Advisor nei Fondi pensione Massimo Scolari Rimini, 23 maggio 2013 Criteri e limiti di investimento dei Fondi Pensione Consultazione sullo schema di regolamento ministeriale recante norme

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

TONI MARCELLI Divisione Strategie Regolamentari - CONSOB

TONI MARCELLI Divisione Strategie Regolamentari - CONSOB CONVEGNO TORINO CROWDFUNDING SCENARI E APPLICAZIONI PER FINANZIARE PROGETTI E IMPRESA IL REGOLAMENTO PER L EQUITY CROWDFUNDING Le deleghe alla Consob, il contesto normativo riferimento, l indagine conoscitiva,

Dettagli

DI INFORMATIVO GARANZIA PER LE PMI. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Ministero dello Sviluppo Economico

DI INFORMATIVO GARANZIA PER LE PMI. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Ministero dello Sviluppo Economico FONDO LIBRETTO DI INFORMATIVO GARANZIA PER SUL FONDO LE PICCOLE E DI MEDIE GARANZIA IMPRESE PER LE PMI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dello Sviluppo Economico IL FONDO

Dettagli

Executive summary della nuova normativa sulle startup

Executive summary della nuova normativa sulle startup Executive summary della nuova normativa sulle startup Dicembre 2012 2 Fare dell Italia la prossima startup nation Il 4 ottobre 2012 il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto Legge contenente Ulteriori

Dettagli

MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito da Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a.

MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito da Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a. Offerta al pubblico e ammissione alle negoziazioni di quote del fondo comune di investimento immobiliare chiuso ad accumulazione ed a distribuzione dei proventi denominato MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito

Dettagli

PARTICOLARITA DEL SETTORE E LE START-UP INNOVATIVE NEL TURISMO

PARTICOLARITA DEL SETTORE E LE START-UP INNOVATIVE NEL TURISMO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO PARTICOLARITA DEL SETTORE E LE START-UP INNOVATIVE NEL TURISMO BENEDETTI DOTT. GIULIO Programma Digit Tax Credit Gestione IVA 74ter Consulenza Fiscale per

Dettagli

Assemblea Ordinaria 8 e 11 maggio 2015 (I e II conv.)

Assemblea Ordinaria 8 e 11 maggio 2015 (I e II conv.) FINMECCANICA - Società per azioni Sede in Roma, Piazza Monte Grappa n. 4 finmeccanica@pec.finmeccanica.com Capitale sociale euro 2.543.861.738,00 i.v. Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale n.

Dettagli

SINTESI DELLA POLITICA DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A.

SINTESI DELLA POLITICA DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A. PAG. 1 SINTESI DELLA POLITICA DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A. PER LA DETERMINAZIONE DEL GRADO DI LIQUIDITA DEGLI STRUMENTI FINANZIARI DISTRIBUITI ALLA CLIENTELA AL VERSIONE N. 1/12 DEL 30/08/2012

Dettagli

La fusione per incorporazione del Credito Bergamasco

La fusione per incorporazione del Credito Bergamasco Il Banco Popolare semplifica e razionalizza ulteriormente la struttura societaria del Gruppo: approvato il progetto di fusione per incorporazione del Credito Bergamasco e di Banca Italease Verona, 26 novembre

Dettagli

Tavola Rotonda Start-up innovative e Equity-crowdfunding - Come utilizzare tutti i vantaggi della normativa -

Tavola Rotonda Start-up innovative e Equity-crowdfunding - Come utilizzare tutti i vantaggi della normativa - Tavola Rotonda Start-up innovative e Equity-crowdfunding - Come utilizzare tutti i vantaggi della normativa - Presentazione di Matteo Piras, presidente di StarsUp s.r.l. Incubatore ITech BIC Lazio, 2 luglio

Dettagli

RIPRODUZIONE RISERVATA

RIPRODUZIONE RISERVATA 1. Premessa. Di seguito è riportata una sintetica illustrazione della disciplina della start-up innovativa introdotta dal c.d. Decreto Crescita 2.0, ossia il Decreto Legge 18 ottobre 2012, n. 179, recante

Dettagli

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati Mini bond: alternativa alla crisi delle PMI Il mercato italiano La dipendenza del tessuto produttivo italiano dal sistema bancario è significativamente più alta rispetto agli altri paesi europei, tanto

Dettagli

Relazioni illustrative degli Amministratori

Relazioni illustrative degli Amministratori Relazioni illustrative degli Amministratori Parte ordinaria punto 4 all ordine del giorno Relazione illustrativa degli Amministratori Autorizzazione all acquisto e disposizione di azioni proprie, ai sensi

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti.

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI GRUPPO MUTUIONLINE S.P.A. SULLE PROPOSTE ALL'ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA CONVOCATA IN PRIMA CONVOCAZIONE PER IL 23 APRILE 2013

Dettagli

SINLOC DIMENSIONI DEL DISAGIO ABITATIVO E STRATEGIE DI INTERVENTO. Sistema Iniziative Locali S.p.A. IRES Piemonte Torino, 4 febbraio 2010

SINLOC DIMENSIONI DEL DISAGIO ABITATIVO E STRATEGIE DI INTERVENTO. Sistema Iniziative Locali S.p.A. IRES Piemonte Torino, 4 febbraio 2010 SINLOC Sistema Iniziative Locali S.p.A DIMENSIONI DEL DISAGIO ABITATIVO E STRATEGIE DI INTERVENTO IRES Piemonte Torino, 4 febbraio 2010 1 INDICE PRESENTAZIONE SINLOC SpA IL PROGETTO DI HOUSING SOCIALE

Dettagli

Pirelli & C. S.p.A. Relazioni all Assemblea del 13 maggio 2013

Pirelli & C. S.p.A. Relazioni all Assemblea del 13 maggio 2013 Pirelli & C. S.p.A. Relazioni all Assemblea del 13 maggio 2013 Relazione illustrativa degli Amministratori sulla proposta di autorizzazione all acquisto e all alienazione di azioni proprie ai sensi dell

Dettagli

REGIONE LAZIO GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE DI CONCERTO

REGIONE LAZIO GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE DI CONCERTO REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 482 15/09/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 13612 DEL 09/09/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: PROGRAM. ECONOMICA, BILANCIO, DEMANIO E PATRIMONIO Area: SOCIETA'

Dettagli

PIANO DI STOCK OPTION 2015 2020, E CONSEGUENTE MODIFICA DELL ART. 5 DELLO STATUTO SOCIALE. DELIBERAZIONI INERENTI E CONSEGUENTI.

PIANO DI STOCK OPTION 2015 2020, E CONSEGUENTE MODIFICA DELL ART. 5 DELLO STATUTO SOCIALE. DELIBERAZIONI INERENTI E CONSEGUENTI. OVS S.p.A. Sede legale in Venezia Mestre, Via Terraglio, n. 17 - capitale sociale euro 227.000.000,00 i.v. Registro delle Imprese di Venezia, codice fiscale e partita IVA 04240010274 - REA n VE - 378007

Dettagli

STARTUP E PMI INNOVATIVE: LA STRATEGIA ITALIANA

STARTUP E PMI INNOVATIVE: LA STRATEGIA ITALIANA STARTUP E PMI INNOVATIVE: LA STRATEGIA ITALIANA Mattia Corbetta Segreteria tecnica del Ministro Cos è una startup? Nozione intuitiva È un impresa 1. nuova o di recente costituzione che ambisce a crescere

Dettagli

Si precisa inoltre che il presente decreto potrà subire variazioni in sede di conversione in legge.

Si precisa inoltre che il presente decreto potrà subire variazioni in sede di conversione in legge. Circolare del 31 Ottobre 2012 Pag. 1 di 5 Circolare Numero 43/2012 Oggetto D.L. 179/2012 C.D. NUOVO DECRETO CRESCITA Sommario Nuove misure del governo per stimolare la crescita imprenditoriale e produttiva

Dettagli

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO Roberto Del Giudice Firenze, 10 febbraio 2014 Il progetto Si tratta del più grande fondo italiano di capitale per lo sviluppo, costituito per dare impulso alla crescita

Dettagli

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari.

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari. Torniamo ai nostri lettori con una edizione del nostro Bollettino Informativo interamente dedicata alla nuova disciplina comunitaria che riguarda i mercati, gli strumenti finanziari ed i servizi di investimento:

Dettagli

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini.

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. 1. Introduzione - La Direttiva 2004/39/CE (MIFID) e le relative misure di attuazione emanate dalla Commissione europea

Dettagli

Start-up innovative: requisiti ed agevolazioni fiscali

Start-up innovative: requisiti ed agevolazioni fiscali Start-up innovative: requisiti ed agevolazioni fiscali di Rita Friscolanti e Bruno Pagamici La novità Con il decreto nascono le start-up innovative, destinate a contribuire alla crescita sostenibile, alla

Dettagli

PROMOZIONE DI PROCEDURE DI RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE NEL SETTORE ENERGETICO

PROMOZIONE DI PROCEDURE DI RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE NEL SETTORE ENERGETICO PROMOZIONE DI PROCEDURE DI RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE NEL SETTORE ENERGETICO Alberto Grossi Direttore Direzione Consumatori e utenti Consumers Forum Roma 1 marzo 2012 (*) Questo non

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL VOTO MAGGIORATO

REGOLAMENTO PER IL VOTO MAGGIORATO Via Brera 21, 20121 Milano Capitale sociale i.v. Euro 306.612.100 Codice fiscale, Partita IVA ed iscrizione al Registro imprese di Milano n. 07918170015 Soggetta ad attività di direzione e coordinamento

Dettagli

Punto 3 all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria

Punto 3 all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria Punto 3 all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie. Delibere inerenti e conseguenti. 863 Relazione del Consiglio di Gestione sul punto

Dettagli

OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB AVVIO DEL LIVELLO 3 SUL NUOVO REGOLAMENTO INTERMEDIARI CONFRONTO CON IL MERCATO

OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB AVVIO DEL LIVELLO 3 SUL NUOVO REGOLAMENTO INTERMEDIARI CONFRONTO CON IL MERCATO Roma, 30 gennaio 2008 OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB AVVIO DEL LIVELLO 3 SUL NUOVO REGOLAMENTO INTERMEDIARI CONFRONTO CON IL MERCATO L ANIA ha esaminato i contenuti della documentazione

Dettagli

INVESTMENT COMPACT. Novità per PMI innovative. Unindustria 28 aprile 2015 1

INVESTMENT COMPACT. Novità per PMI innovative. Unindustria 28 aprile 2015 1 INVESTMENT COMPACT Novità per PMI innovative Unindustria 28 aprile 2015 1 LEGGE 33/2015 Il DL 3/2015 convertito in Legge 33/2015 estende alle PMI innovative i benefici riconosciuti alle start up innovative

Dettagli

IL FENOMENO DELL EQUITY CROWDFUNDING E LE FUTURE MODIFICHE ALL ASSETTO LEGISLATIVO-REGOLAMENTARE. CI SIAMO QUASI

IL FENOMENO DELL EQUITY CROWDFUNDING E LE FUTURE MODIFICHE ALL ASSETTO LEGISLATIVO-REGOLAMENTARE. CI SIAMO QUASI regolazione IL FENOMENO DELL EQUITY CROWDFUNDING E LE FUTURE MODIFICHE ALL ASSETTO LEGISLATIVO-REGOLAMENTARE. CI SIAMO QUASI Vittorio Mirra * Attraverso il Decreto Legge n. 179/2012, convertito, con modifiche,

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

START UP INNOVATIVE ED INCUBATORI CERTIFICATI

START UP INNOVATIVE ED INCUBATORI CERTIFICATI START UP INNOVATIVE ED INCUBATORI CERTIFICATI 1 DEFINIZIONE START UP INNOVATIVE L impresa start up innovativa è la società di capitali, costituita anche in forma di cooperativa, che possiede i seguenti

Dettagli