provincialavoroeformazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "provincialavoroeformazione"

Transcript

1 provincialavoroeformazione

2 A cura di Giorgio Santarello, Dirigente del Settore Lavoro e Formazione della Provincia di Padova, con la consulenza di Simone Chigliaro della Direzione Lavoro della Regione del Veneto. La Guida sarà aggiornata costantemente sul sito della Provincia di Padova,

3 Incentivi ai datori di lavoro per il reimpiego La Presidenza e l Assessorato al Lavoro e Formazione della Provincia di Pa dova perseguono con determinazione l obiettivo di offrire il migliore e più efficace servizio ai lavoratori e alle aziende. Le imprese stanno affrontando con determinazione i contraccolpi della crisi economica. Per mantenere e migliorare i livelli occupazio nali, può essere necessario rivedere l organizzazione aziendale interna, migliorare l efficacia della propria impresa o avviare un percorso di innovazione. Un valido strumento di sostegno alle aziende e di rilancio del mondo del lavoro è quello degli incentivi economici che perseguono il duplice obiettivo di sostenere le aziende e di promuovere il reinserimento di alcune categorie di lavoratori. Gli interventi programmati e progettati a livello territoriale sono volti a crea re e consolidare strutture permanenti di assistenza tecnica della Provincia a supporto dei Servizi per il lavoro, a rendere disponibili flussi e sistemi informativi per programmare, gestire ed erogare i servizi riducendo i tempi di esclusione dal mercato del lavoro. Questa guida propone una panoramica sintetica sugli strumenti di natura fiscale e contributiva per le aziende, fornendo gli indispensabili riferimenti legislativi, che incentivano il reinserimento di disoccupati e cassaintegrati nel mercato del lavoro e riattivano l economia in un circolo virtuoso. Attraverso un linguaggio semplice, abbiamo voluto supportare gli imprenditori ed i lavoratori su una materia complessa e finora di difficile comprensione ai non addetti ai lavori. provincialavoroeformazione Massimiliano Barison Assessore Lavoro e Formazione della Provincia di Padova Barbara Degani Presidente della Provincia di Padova 1

4 Incentivi ai datori di lavoro per il reimpiego Di seguito si offre uno sguardo sintetico sugli strumenti di natura contributiva e fiscale che promuovono nuove opportunità e favoriscono il reinserimento nel mercato del lavoro di determinate categorie di persone. Si riportano anche alcune forme contrattuali che agevolano l inserimento lavorativo di determinate categorie di lavoratori. Il disoccupato e anche il cassaintegrato è portatore, per il solo fatto di trovarsi in quella condizione, di benefici economici per il datore di lavoro che lo assume. In capo al datore di lavoro, per beneficiare delle agevolazioni, devono sussistere le seguenti condizioni: rispettare gli accordi e contratti collettivi, essere in regola con la normativa sul lavoro, compresa la sicurezza e in possesso della regolarità contributiva 1. Inoltre i benefici non sono riconoscibili per le assunzioni di lavoratori che sono stati collocati in mobilità nei 6 mesi precedenti da parte di impresa dello stesso settore o anche diverso che al momento del licenziamento presenta assetti societari sostanzialmente coincidenti con quelli dell impresa che assume o che risulta con quest ultima in rapporto di collegamento o di controllo. Successivamente si riassumono tali strumenti, iniziando da quelli ordinari fino a quelli di recente introduzione. 2 1) I benefici contributivi, ai sensi dell art. 1 comma 1175 legge 296/2006 (finanziaria 2007) sono riconoscibili solamente alle aziende che hanoo ottenuto il rilascio del Documento unico di regolarità contributiva (Durc). Il Durc ha una valenza probatoria di norma di un mese.

5 provincialavoroeformazione Assunzione dei lavoratori in mobilità indennizzata (legge 223/91 2 ) Il datore di lavoro che assume a tempo pieno e indeterminato, anche successivamente ad un impiego a tempo determinato, un lavoratore che percepisce l indennità di mobilità, usufruisce di un contributo mensile pari al 50% dell indennità di mobilità che sarebbe spettata al lavoratore se fosse rimasto disoccupato percependo il trattamento (12 mesi se il lavoratore ha meno di 50 anni, 24 mesi solo se il lavoratore ha più di 50 anni). Inoltre, sempre se l assunzione è stata a tempo indeterminato, per i primi 18 mesi di svolgimento del rapporto di lavoro la contribuzione previdenziale a carico del datore di lavoro per il lavoratore assunto è fissata in misura del 10%, anche per le assunzioni part-time. Se invece l assunzione è a tempo determinato (anche part-time) l agevolazione non può avere durata superiore a 12 mesi, in caso poi di trasformazione a tempo indeterminato 3 dello stesso rapporto di lavoro a termine il beneficio spetta per ulteriori 12 mesi. Questi incentivi non sono riconoscibili per i datori di lavoro che procedono con la riassunzione di personale collocato dagli stessi in mobilità, o impresa che presenta assetti proprietari sostanzialmente coincidenti con quella che ha licenziato i lavoratori, o in rapporto di collegamento o controllo 4. I datori di lavoro inoltre per ricevere i benefici devono essere in possesso dei requisiti di regolarità contributiva e applicare la parte economica e normativa degli accordi e contratti collettivi nazionali e anche regionali, territoriali o aziendali se stipulati. I datori di lavoro per ricevere le agevolazioni dovranno inoltrare alla sede INPS competente una domanda per ciascun lavoratore, un apposito modello (mod. contr. 223/1). 2) Art. 8 commi 2, 4 e art. 25 comma 9 legge 223/91; art. 2 DL 299/1994; art. 1 comma 1 del D.lgs 110/2004; art. 1, commi 773, 1175 e 1176 legge 296/2006, DM , art. 2 comma 525 legge 244/2007; art. 13 comma 2 del DL 35/2005 convertito con legge 80/2005; art. 19 comma 13 legge 2/2009 3) Circolare INPA 134/1999 e Messaggio INPS del ) Circolare INPS 122/1999 e 109/2003 3

6 Incentivi ai datori di lavoro per il reimpiego Ottenuta l autorizzazione dall ufficio competente (mod. contr. 223/2), il datore di lavoro può conguagliare le somme di cui risulta creditore sul modello DM 10/2 (nel caso in cui il beneficio si protragga oltre l anno solare, l azienda dovrà provvedere a far rinnovare l autorizzazione il 1 gennaio di ogni anno). Nel caso di trasformazione del rapporto di lavoro a tempo indeterminato, il datore di lavoro deve allegare copia della documentazione attestante la trasformazione e inviarne una copia anche al Centro per l impiego competente per territorio. Le aziende agricole e le cooperative possono accedere alle suddette agevolazioni solo per le assunzioni di personale con qualifica impiegatizia 5. Esse devono presentare per ciascun mese una dichiarazione attestante il numero delle giornate retribuite e l ammontare della retribuzione corrisposta, indicando separatamente le eventuali competenze ultramensili calcolate pro quota 6. Assunzione del lavoratore iscritto nella lista di mobilità non indennizzata (legge 236/93) Nella lista di mobilità non indennizzata 7 sono iscritti i lavoratori che sono stati licenziati per giustificato motivo oggettivo da un rapporto di lavoro a tempo indeterminato da imprese 8 che occupano fino a 15 dipendenti, per i quali non ricorrono le condizioni per l attivazione delle procedure di mobilità. L iscrizione non dà titolo all indennità di mobilità, non opera d ufficio 4 5) Circolare INPS n. 39/1994 6) Circolare INPS 152/1995 e n. 152/1997 7) Art. 4 comma 1 Legge 236/1993 8) Con DGR 1109 del la Regione Veneto ha emanato indirizzi affinché i Servizi per l Impiego delle Province, in conformità della normativa europea, iscrivano nella lista di mobilità non indennizzata anche i lavoratori licenziati da datori di lavoro non imprenditori. A seguito di recenti interpretazioni ministeriali, anche gli apprendisti che possono far valere come motivo della cessazione del rapporto di lavoro di apprendistato il giustificato motivo (cessazione di attività imprenditoriale, riduzione del personale e soppressione del posto o della mansione di lavoro) possono chiedere l iscrizione nella lista 236/93.

7 provincialavoroeformazione e avviene su richiesta del lavoratore da effettuare, al competente Servizio per l impiego della Provincia, entro 60 giorni dal licenziamento. In caso di assunzione di lavoratori iscritti nella lista di mobilità non indennizzata le agevolazioni contributive sono le medesime del punto precedente: vale a dire 18 mesi di contribuzione al 10% per il datore di lavoro se l assunzione è a tempo indeterminato, 12 mesi se l assunzione è a tempo indeterminato con la possibilità di ulteriori 12 mesi in caso di trasformazione del rapporto di lavoro in tempo indeterminato. La contribuzione a carico del lavoratore è dovuta interamente. I casi di esclusione e le condizioni di accesso sono i medesimi del precedente punto, come le procedure di accesso all agevolazione. Assunzione di lavoratori in CIGS I lavoratori che sono stati in CIGS almeno 3 mesi, anche non continuativi, e dipendenti di azienda beneficiaria della CIGS da almeno 6 mesi, se sono assunti a tempo pieno e indeterminato, apportano per 12 mesi all azienda che li assume un abbattimento contributivo a carico del datore di lavoro nella misura fissa del 10%, mentre la contribuzione a carico del lavoratore è dovuta nella misura prevista per la generalità dei lavoratori. Al datore di lavoro viene poi concesso un contributo mensile pari al 50% dell indennità che sarebbe spettata al lavoratore, ridotta di 3 mesi, sulla base dell età del lavoratore al momento dell assunzione o ammissione. Per effetto di tale riduzione di tre mesi della durata dell erogazione, il contributo spetta, per un periodo di 9 mesi elevato a 21 per i lavoratori che alla data di assunzione abbiano compiuto 50 anni. Il datore di lavoro, comprese le cooperative di produzione e lavoro, che assume non deve aver proceduto a riduzioni di personale negli ultimi 12 mesi e/o avere personale sospeso in CIGS, salvo che l assunzione avvenga al fine di acquisire professionalità sostanzialmente diverse da quelle dei lavoratori interessati alle predette riduzioni o sospensioni di personale. La domanda diretta ad ottenere il contributo deve essere redatta in confor- 5

8 Incentivi ai datori di lavoro per il reimpiego mità al mod. contr. 236/1 e ad essa deve essere allegata la dichiarazione della ditta di provenienza redatta in conformità al mod. contr. 236/2. La domanda dovrà essere indirizzata alla sede INPS presso la quale la ditta richiedente effettua gli adempimenti contributivi la quale provvederà ad autorizzare l azienda a conguagliare nel mod. DM 10/2 le somme di cui è creditrice. L autorizzazione deve essere rinnovata al 1 gennaio di ciascun anno compreso nell arco della sua durata. Assunzione di disoccupati o lavoratori in CIGS da almeno 24 mesi I lavoratori disoccupati da almeno 24 mesi 9 e i lavoratori in CIGS 10 da uguale periodo sono portatori, per il datore di lavoro che li assume a tempo indeterminato dello sgravio contributivo della durata di 36 mesi del 50%, elevato al 100% se il datore di lavoro è un impresa artigiana. Nel caso l assunzione sia part-time l agevolazione è riconosciuta proporzionalmente. L agevolazione è relativa alla parte contributiva a carico del datore del lavoro, mentre per la parte a carico del lavoratore è dovuta come per la generalità dei dipendenti. E possibile ammettere alle agevolazioni in esame, i datori di lavoro che procedano alle relative assunzioni di personale una volta decorsi 6 mesi dalla cessazione dei precedenti rapporti di lavoro 11. Non sono ammesse agevolazioni contributive ai datori di lavoro che procedano ad assunzioni dirette a sostituire i lavoratori licenziati per qualsiasi causa o sospesi 12. Il Ministero del lavoro con nota n del 14/11/2005 ritiene ammissibile l applicazione delle agevolazioni al datore di lavoro che assume il lavoratore a tempo indeterminato a tempo parziale fino a 20 ore settimanali anche nel caso in cui il lavoratore sia 6 9) Art. 8 comma 9 legge 407/ ) I datori di lavoro possono optare tra la sudetta forma di agevolazione e quella descritta al punto precedente. 11) Messaggio INPS n / ) Messaggio INPS n /2005

9 provincialavoroeformazione già impiegato a tempo parziale presso un altro datore di lavoro. Le procedure per ottenere le agevolazioni sono le medesime del punto precedente. Assunzione di lavoratori in disoccupazione speciale L assunzione di lavoratori in disoccupazione speciale 13 da oltre 12 mesi comporta una riduzione contributiva del 75% per 12 mesi (se disoccupati per un periodo non superiore a 2 anni), per 24 mesi (se disoccupati tra 2 e 3 anni), per 36 mesi (se disoccupati oltre i 3 anni). Il datore di lavoro può scegliere per un esonero contributivo pari al 37,5% per un periodo non superiore a 72 mesi. In caso di assunzione con contratto part-time i benefici sono riconosciuti proporzionalmente all orario svolto. Le presenti agevolazioni non si applicano ai premi dovuti all assicurazione contro gli infortuni e le malattie professionali Assunzione di lavoratori destinatari degli ammortizzatori sociali in deroga ( ) Ai datori di lavoro che assumono i lavoratori destinatari della CIG o mobilità in deroga per cessazione totale o parziale dell attività o per procedura concorsuale (fallimento, concordato, etc.) spetta un incentivo mensile pari alla residua indennità che sarebbe spettata al lavoratore, con l esclusione della parte relativa alla contribuzione figurativa. L assunzione può essere sia a tempo determinato sia indeterminato, a tempo pieno o parziale. Gli assetti societari dell azienda che ha collocato in CIG in deroga il lavoratore e dell azienda che lo assume non devono essere coincidenti o legati da collegamento e controllo. 13) Art. 20 legge 223/1991 7

10 Incentivi ai datori di lavoro per il reimpiego Incentivi per le assunzioni di lavoratori con più di cinquant anni Per il solo anno 2010 è stata introdotta in via sperimentale la disposizione per cui le assunzioni di lavoratori ultracinquantenni con più di 35 anni di anzianità contributiva e che accettano un offerta di lavoro con un inquadramento retributivo inferiore del 20% rispetto a quello di provenienza, vi sia la contribuzione figurativa della differenza tra il contributo previdenziale accreditato nelle mansioni di provenienza e il contributo spettante per il lavoro svolto. Tale contribuzione figurativa è concessa su domanda del lavoratore. Sono stati estesi poi a tali lavoratori gli sgravi contributivi previsti per le assunzioni di personale in mobilità, sono stati cioè diminuiti i contributi previdenziali a livello degli apprendisti, anche per i lavoratori che percepiscono l indennità di disoccupazione ordinaria purché abbiano almeno 35 anni di anzianità contributiva. Tale agevolazione è riconosciuta fino alla data di maturazione dei diritti pensionistici del lavoratore. Si è in attesa del Decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro dell economia e delle finanze, che dovrà disciplinare le modalità di attuazione delle suddette agevolazioni. Assunzioni di lavoratori che percepiscono l indennità di disoccupazione ordinaria 8 I datori di lavoro che, senza esservi tenuti, assumono a tempo pieno ed indeterminato lavoratori destinatari dell indennità di disoccupazione ordinaria con requisiti normali o quella speciale edile, possono beneficiare di un incentivo pari all indennità spettante al lavoratore nel limite di spesa del trattamento che viene erogato al lavoratore, esclusa quindi la contribuzione figurativa, per il numero di mensilità di indennità non ancora erogate.

11 provincialavoroeformazione Il beneficio è erogato dall Inps, su domanda del datore di lavoro e nel limite delle risorse messe a disposizione (12 milioni di euro), attraverso il conguaglio con i contributi previdenziali dovuti all INPS. Rientro anticipato dei lavoratori cassaintegrati 14 I lavoratori in cassa integrazione possono essere impiegati nell impresa di appartenenza in progetti di formazione o riqualificazione con previsione di svolgimento di attività produttiva che sia connessa all apprendimento. L inserimento del lavoratore nel progetto può avvenire sulla base di un accordo tra le parti sociali. I lavoratori continuano a percepire il trattamento di cassa integrazione (80% della retribuzione) a cui si aggiunge, a carico dell impresa, la differenza rispetto alla retribuzione intera. Erogazione anticipata dei sussidi in un unica soluzione per finalità di autoimpiego I lavoratori che percepiscono i trattamenti di cassa integrazione, o mobilità o qualunque ammortizzatore sociale, e che intendono costituirsi in cooperativa o avviare un attività di lavoro autonomo, possono chiedere l erogazione anticipata in un unica soluzione dell ammontare non goduto dei sussidi. La domanda deve essere presentata all INPS entro 60 giorni dall inizio dell attività di lavoro autonomo o in associazione in cooperativa di nuova costituzione o già costituita. Questo beneficio deve essere restituito al INPS nel caso il lavoratore si rioccupi in qualità di lavoratore dipendente nei 24 mesi successivi alla data di erogazione dell anticipazione. 14) Vedi legge 102/2009 e Decreto interministeriale

12 Incentivi ai datori di lavoro per il reimpiego Possibilità per i lavoratori cassaintegrati di effettuare lavori brevi pagati con i buoni lavoro I lavoratori cassaintegrati possono svolgere lavori occasionali di tipo accessorio pagati attraverso il sistema dei buoni lavoro nel limite di 3 mila euro, senza decadere o sospendere il trattamento di integrazione salariale 15. Bonus per le agenzie per il lavoro che ricollocano lavoratori disoccupati, cassaintegrati e svantaggiati È una misura sperimentale 16 che ha la finalità di ricondurre al lavoro i lavoratori che hanno più difficoltà a reinserirsi nel mercato del lavoro. Alle agenzie per il lavoro, solo in caso di successo, è riconosciuto un bonus se il lavoratore intermediato è condotto al lavoro. Per ogni assunzione di lavoratori svantaggiati con contratto a tempo indeterminato o a termine superiore a 2 anni il bonus è di euro 1.200,00. Il bonus è di 800,00 euro se l assunzione è con contratto a termine di durata tra 1 e 2 anni. Le agenzie per il lavoro riceveranno invece un bonus da 2.500,00 a 5.000,00 euro per ogni disabile a cui avrà trovato un lavoro a tempo indeterminato, di inserimento o a termine non inferiore a 12 mesi. Sono escluse dall incentivo le assunzioni con contratto di lavoro intermittente o somministrato. Questi incentivi sono comulabili con quelli già previsti per le imprese e correlati allo status del lavoratori (es. disoccupato di lunga durata, in mobilità, ecc.). La gestione della misura è affidata a Italia Lavoro Spa, d intesa con la Direzione generale degli ammortizzatori sociali e incentivi all occupazione del Ministero de Lavoro e delle Politiche Sociali e a breve dovrebbe essere emanato un decreto attuativo della misura ) Art. 70 Dlgs 276 comma 1 bis introdotto dal DL n. 5 convertito con legge n ) Art. 2, comma 145 della Legge 191/2009

13 provincialavoroeformazione Alle forme di incentivo all assunzione sopra descritte di natura contributiva e fiscale, si possono aggiungere le seguenti di natura contrattuale. Apprendistato Il contratto di apprendistato 17 instaura uno speciale rapporto di lavoro caratterizzato dal contenuto formativo. In base al D.lgs 276/2003 esistono tre diversi percorsi formativi: 1. l apprendistato per l espletamento del diritto e dovere dell istruzione e formazione; 2. l apprendistato professionalizzante; 3. l apprendistato per l acquisizione di un diploma o per percorsi di alta formazione. Queste tipologie sono condizionate ad una serie di provvedimenti attuativi di natura legislativa e contrattuale, tanto che per alcuni settori è possibile ancora l apprendistato del vecchio ordinamento (legge 25/55 e successive modificazioni e integrazioni). Il numero complessivo degli apprendisti in azienda non può superare il 100% delle maestranze specializzate e qualificate presenti in azienda o non superiori a 3, se il datore di lavoro non ha dipendenti o ne ha meno di 3 (salvo diversa disposizione contrattuale). L apprendistato è attivabile per i giovani dai 16 ai 29 anni, salve alcune specificazioni previste per legge. La durata dell apprendistato varia a seconda della causa giuridica e per durata da un minimo di 18 mesi ad un massimo di 6 anni (le cause giuridiche e la durata sono previste dai CCNL). Gli incentivi economici e normativi sono i seguenti: l inquadramento dell apprendista potrà essere di 2 livelli inferiore spettante a quella dei lavoratori con le medesime mansioni e con la retribuzione di tale inquadramento; per l applicazione di determinati istituti e normative i lavoratori in apprendistato non sono computati ed inoltre per la durata del contratto e i 12 mesi successivi alla conferma con contratto a tempo indeterminato, il datore di lavoro ha diritto ad un regime contributivo agevolato. 17) Circolare ministeriale n. 30; art. 13 comma 13 bis legge 80/2005; artt D.lgs 276/2003; circolare ministeriale n

14 Incentivi ai datori di lavoro per il reimpiego Le aziende con più di 9 dipendenti sono soggette per il lavoratore apprendista ad una contribuzione del 15,84% (10% per il datore di lavoro e 5,84% del lavoratore apprendista), mentre le aziende con meno di 9 addetti per il primo anno di apprendistato versano una contribuzione di 7,34% ( di cui il 5,84% a carico dell apprendista), per il secondo anno di apprendistato 8,34% e dal terzo anno il 15,84%. Contratto di inserimento Il rapporto di lavoro che si instaura con il contratto di inserimento 18 è finalizzato a realizzare, mediante un progetto individuale di adattamento delle competenze professionali del lavoratore, l inserimento lavorativo di determinate categorie di lavoratori. I lavoratori che potranno essere assunti con tale strumento sono i giovani di età compresa tra 18 e 29 anni, i disoccupati di tra 29 e 32 anni, i lavoratori con più di 50 anni privi del posto di lavoro, i lavoratori che intendono riprendere un attività e che non hanno lavorato per almeno due anni, le persone riconosciute affette da un grave handicap fisico, mentale o psichico. I datori di lavoro che possono attivare tale contratto sono gli enti pubblici economici, imprese e loro consorzi, i gruppi di imprese, le associazioni professionali, socio-culturali e sportive, le fondazioni, gli enti di ricerca pubblici e privati, le organizzazioni e associazioni di categoria. Non è prevista una percentuale massima di lavoratori che possono essere assunti con contratto di inserimento (anche se questa potrà essere stabilita dai contratti collettivi nazionali, territoriali o aziendali). Il datore di lavoro, per poter assumere con questo contratto, deve aver mantenuto in servizio almeno il 60% dei lavoratori il cui contratto di inserimento sia scaduto nei 18 mesi precedenti. A tal fine non si calcolano i dimissionari, i licenziati per giusta causa, i lavoratori che non hanno superato il periodo di prova o non hanno accettato la trasformazione a tempo indeterminato, e i lavoratori non trasformati a tempo 12 18) Art. 1 bis legge 80/2005; D.lgs 251/2004; Circolare ministeriale n. 31; art D.lgs 276/2003; Circolare INPS 51/2004

15 provincialavoroeformazione indeterminato nella misura di 4 lavoratori. Condizione essenziale per l assunzione con il contratto di inserimento è la definizione, con il consenso del lavoratore, di un progetto individuale di inserimento, che però non occorre che sia approvato o autorizzato da enti terzi (pubblici o sindacali). Il contratto di inserimento può avere una durata tra i 9 e i 18 mesi, (fino a 36 mesi per gli assunti con grave handicap fisico, mentale o psichico). Non può essere rinnovato tra le stesse parti (ma è possibile che il lavoratore sia assunto con il medesimo contratto preso un altro datore di lavoro). Eventuali proroghe devono comunque aversi nei limiti stabiliti (18 o 36 mesi). Gli incentivi economici e normativi per il datore di lavoro sono l inquadramento con la relativa retribuzione fino a 2 livelli inferiori rispetto ad un lavoratore già qualificato a parità di mansioni svolte, l esclusione, salvo specifiche previsioni, dal computo dei limiti numerici previsti da leggi e contratti collettivi per l applicazione di particolari normative e istituti e gli incentivi contributivi. A tali incentivi non è possibile accedere se l assunzione riguarda giovani di età tra i 18 e i 29 anni. Per le altre categorie di destinatari del contratto la misura dell agevolazione per i datori di lavoro non imprenditori e per le imprese è fissata in una riduzione contributiva a carico del datore di lavoro del 25%. Per le aziende del settore commerciale e turistico con meno di 15 dipendenti la riduzione contributiva per la parte a carico del datore di lavoro è del 40%, mentre per le imprese artigiane la contribuzione è dovuta nella stessa misura degli apprendisti. L ordinamento prevede forme di incentivazione alle assunzioni di determinate categorie di persone, si riassumono le principali: Disabili I disabili 19 assunti all interno di convenzioni con i servizi per l impiego delle Province, sono portatori per il datore di lavoro di particolari agevolazioni. 19) Art. 13 e 14 legge 68/

16 Incentivi ai datori di lavoro per il reimpiego I datori di lavoro privati che assumono disabili a tempo indeterminato a valere sul fondo nazionale per il diritto al lavoro dei disabili con percentuale di invalidità superiore al 66% fino al 79%, che permangono al lavoro almeno 12 mesi, sono destinatari di un incentivo all assunzione fino al 25% del costo salariale annuo. Se le assunzioni a tempo indeterminato riguardano disabili con percentuale di invalidità superiore al 79% o disabili psichici e intellettivi indipendentemente dalla percentuale di invalidità l incentivo è fino al 60% del costo salariale annuo. Inoltre per le assunzioni di disabili con percentuale di invalidità superiore al 50% è possibile richiedere un rimborso forfettario per le spese relative all adattamento del posto di lavoro, all apprestamento di postazioni di telelavoro e alla rimozione delle barriere architettoniche. Con il fondo regionale per l occupazione dei disabili sono incentivabili le assunzioni anche a tempo determinato di durata non inferiore a 6 mesi fino al 30% del costo salariale e relative a disabili con handicap psichico o intellettivo indipendentemente dalla percentuale di invalidità, o disabili di difficile collocabilità individuati dal Comitato tecnico provinciale. È possibile anche il riconoscimento di incentivi all assunzione di disabili con percentuale tra il 46 e il 66% in una forma una tantum definita a livello provinciale. Detenuti L attività lavorativa dei detenuti 20 è agevolata prevedendo per quei soggetti pubblici o privati (imprese o cooperative sociali) che assumono lavoratori che si trovano nella condizione di detenuti in esecuzione di pena degli sgravi fiscali e contributivi. Due sono i tipi di agevolazioni previste: un credito mensile di imposta pari a 516,46 euro per ogni lavoratore assunto e una riduzione dell aliquota complessiva della contribuzione per l assicurazione obbligatoria che attualmente è pari all 80% ) Legge 193/2000; Circolare INPS 134/2002

17 provincialavoroeformazione La prima agevolazione (credito d imposta) è prevista a favore di imprese e cooperative sociali nel caso di assunzione di lavoratori dipendenti detenuti internati, nel caso di attività di formazione a detenuti internati se al termine della formazione è prevista l assunzione, nel caso di formazione mirata a fornire professionalità a detenuti ed internati da impiegare in attività lavorativa gestita in proprio dall Amministrazione penitenziaria. La seconda agevolazione (riduzione dell aliquota contributiva) spetta solamente nel caso di cooperative sociali che assumono persone detenute o internate negli istituti penitenziari, o ancora ex degenti degli ospedali psichiatrici anche giudiziari o persone condannate e internate ammesse al lavoro all esterno o alle misure alternative alla detenzione. Per accedere al beneficio è necessario richiedere l autorizzazione di lavoro all esterno: la richiesta di autorizzazione verrà effettuata dal detenuto o internato al Direttore dell Istituto Penitenziario. Poi bisogna comunicare l assunzione: al lavoro all esterno dell istituto penitenziario si applicano la disciplina e le procedure generali delle comunicazioni di assunzione pertanto, l impresa avrà cura di effettuare le comunicazioni del caso a tutti gli enti preposti: Centro per l Impiego di competenza, INPS, INAIL, etc. Successivamente è necessario comunicare l assunzione all istituto penitenziario: l impresa che assume lavoratori detenuti o internati o ammessi al lavoro esterno comunicherà all Istituto Penitenziario dove il lavoratore assunto è detenuto, l assunzione, eventualmente allegando una copia della comunicazione d assunzione effettuata al Centro per l Impiego. Dirigenti privi di occupazione 21 L agevolazione è pari al 50% della contribuzione complessiva dovuta all INPS per 12 mesi. L azienda deve avere meno di 250 dipendenti e l assunzione deve avvenire tramite l intermediazione non solo pubblica, ma anche svolta dall agenzia Fondodirigenti o da altre agenzie per il lavoro. 21) Art. 9 comma 2 DL 301/1996 e art. 20, comma 2, Legge 266/

18 Incentivi ai datori di lavoro per il reimpiego Lavoratori assunti in sostituzione di lavoratori/trici in astensione dal lavoro per maternità obbligatoria o facoltativa nonché per malattia del bambino 22 Le aziende con meno di 20 dipendenti, senza contare apprendisti, contratti di inserimento, somministrati e calcolando proporzionalmente i part-time, hanno uno sgravio contributivo del 50% dei contributi a carico del datore di lavoro. La sostituzione è possibile anche con lavoratori in somministrazione. La domanda va presentata dal datore di lavoro all INPS autocertificando che l assunzione è avvenuta in sostituzione di lavoratori in astensione. Lo sgravio è legittimo anche in caso di sostituzione di un lavoratore assunto a tempo pieno con un lavoratore a tempo parziale. La durata dell intervento è fissata fino al compimento di un anno di età del figlio della lavoratrice o del lavoratore in astensione o per un anno dal momento dell adozione o dell affidamento. Poi vi sono particolari agevolazioni concesse per determinati settori come per l edilizia, l autotrasporto, la pesca, la cooperazione sociale, o per altre determinate categorie di soggetti oltre a quelle sopra previste, quali i profughi, i ricercatori scientifici, lavoratori assunti dopo l esperienza delle borse lavoro, o di impiego in lavori socialmente utili, i giornalisti/praticanti disoccupati o in cigs. A tutte queste misure se ne possono aggiungere poi altre frutto di particolari progetti promossi da enti istituzionali: la Comunità Europea, il Governo Italiano e i vari Ministeri, la Regione, le Province e anche i Comuni. Sono stati promossi vari interventi per favorire l occupazione anche da parte di soggetti privati, quali fondazioni, camere di commercio, enti bilaterali e altro. I contenuti del presente vademecum hanno una valenza unicamente informativa ) Art. 10, Legge 53/2000 e art. 4, comma 3, D.lgs 151/2001, Circolare INPS 117/2000

19 provincialavoroeformazione

20

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 INCENTIVI PER I LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA

Dettagli

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione.

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. INCENTIVO DESTINATARI Giovani (l.99/2013) L incentivo è pari: -ad 1/3 della retribuzione

Dettagli

Incentivi alle assunzioni

Incentivi alle assunzioni Incentivi alle assunzioni Principali incentivi alle assunzioni Esonero contributivo Legge Stabilità 2015 Bonus Garanzia Giovani Incentivo donne e over 50 Incentivo iscritti liste mobilità indennizzata

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza.

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza. Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI COLLABORATORI: ELISABETTA UBINI RITA MAGGI

Dettagli

L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015

L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015 L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015 di 1 Con il comma 118 e ss. della Legge di Stabilità 2015 2, al fine di promuovere forme di occupazione stabile, viene introdotto

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 5 del 12 gennaio 2010 Legge Finanziaria 2010

Dettagli

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole Clicca sull incentivo di tuo interesse: Giovani 18-29 anni; Apprendistato; Fruitori di ASPI; Lavoratori disoccupati o sospesi da almeno 24 mesi; Donne e over 50; Ricercatori

Dettagli

ASSUNZIONI AGEVOLATE 2015: sgravi contributivi per chi assume a tempo indeterminato (Legge n. 190 del 23.12.2014)

ASSUNZIONI AGEVOLATE 2015: sgravi contributivi per chi assume a tempo indeterminato (Legge n. 190 del 23.12.2014) CIRCOLARE INFORMATIVA N. 2 FEBBRAIO 2015 ASSUNZIONI AGEVOLATE 2015: sgravi contributivi per chi assume a tempo indeterminato (Legge n. 190 del 23.12.2014) Gentile Cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato

Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani Cos è Dote Lavoro-Tirocini per i Giovani Dote Lavoro - Tirocini

Dettagli

Camera dei deputati. Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di determinate categorie di lavoratori

Camera dei deputati. Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di determinate categorie di lavoratori Camera dei deputati XVII LEGISLATURA Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di determinate categorie di lavoratori Servizio studi Dipartimenti Lavoro e Finanze 17 Giugno 2014 1 AGEVOLAZIONI

Dettagli

LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI

LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI Nel corso del rapporto lavorativo può accadere che il datore di lavoro si trovi impossibilitato, soprattutto per oggettivi motivi economici e di mancanza di lavoro, a ricevere

Dettagli

I PRINCIPALI INCENTIVI ALL'ASSUNZIONE

I PRINCIPALI INCENTIVI ALL'ASSUNZIONE PERSONE NON OCCUPATE NEI 6 MESI PRECEDENTI CON CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO Tutti i datori di lavoro privati Tempo (a tutele crescenti) Riduzione del 40% dei contributi previdenziali a carico del datore

Dettagli

L art. 1 del Decreto Legislativo n. 181 del 2000 definisce lo stato di disoccupazione come la condizione del soggetto:

L art. 1 del Decreto Legislativo n. 181 del 2000 definisce lo stato di disoccupazione come la condizione del soggetto: INCENTIVI DONNE E OVER 50: REQUISITI E PROCEDURE OPERATIVE INPS Stante l abrogazione del contratto di inserimento lavorativo, a partire dal 1 gennaio 2013 non è più possibile stipulare questo contratto

Dettagli

Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro

Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro N. 157 del 13.04.2011 La Memory A cura di Roberto Camera Funzionario della DPL Modena (1) Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro Il Governo, al fine di sostenere il reddito delle famiglie

Dettagli

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI Esonero contributivo triennale Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI API Torino 5 marzo 2015 Beniamino Gallo Esonero triennale per le assunzioni a tempo indeterminato Il legislatore si è posto

Dettagli

Il sistema incentivante previsto dalla normativa e da specifici programmi a livello nazionale

Il sistema incentivante previsto dalla normativa e da specifici programmi a livello nazionale Azione di Sistema Welfare to Work per le politiche di reimpiego 2015-2016 Il sistema incentivante previsto dalla normativa e da specifici programmi a livello nazionale SOMMARIO Introduzione... 4 1. INCENTIVI

Dettagli

ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE NUOVE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO EFFETTUATE NEL 2015. Raggruppamento Schio-Thiene 11 febbraio 2015

ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE NUOVE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO EFFETTUATE NEL 2015. Raggruppamento Schio-Thiene 11 febbraio 2015 ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE NUOVE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO EFFETTUATE NEL 2015 Raggruppamento Schio-Thiene 11 febbraio 2015 LE FONTI NORMATIVE ED AMMINISTRATIVE Legge 23 dicembre 2014 n.190 (Legge

Dettagli

TRIENNALE PER NEOASSUNTI A

TRIENNALE PER NEOASSUNTI A ESONERO CONTRIBUTIVO TRIENNALE PER NEOASSUNTI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015 (legge di stabilità 2015 Circ. Inps 17/2015) DEFINIZIONE - Incentivo all occupazione per i contratti indeterminati - Non costituisce

Dettagli

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA Uno degli aspetti più problematici connessi alla crisi dell impresa riguarda la gestione dei rapporti di lavoro. L imprenditore in crisi dispone di diversi

Dettagli

www.asarva.org guida pratica alle agevolazioni alle assunzioni In vigore al gennaio 2015 CONFARTIGIANATO IMPRESE VARESE

www.asarva.org guida pratica alle agevolazioni alle assunzioni In vigore al gennaio 2015 CONFARTIGIANATO IMPRESE VARESE www.asarva.org guida pratica alle agevolazioni alle assunzioni In vigore al gennaio 2015 In appendice al Convegno: Jobs Act del 4 marzo 2015 Gli incentivi alle assunzioni» INCENTIVO: Esonero Triennale

Dettagli

CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI.

CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI. CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI. Con la Circolare 94/2015, pubblicata lo scorso 12 Maggio 2015, l INPS, dopo una lunga attesa ha reso note le istruzioni definitive per la presentazione

Dettagli

Incentivi all occupazione

Incentivi all occupazione Incentivi all occupazione a cura di Michelino De Carlo [*] Organizzato dalla Consigliera Regionale di Parità del Friuli-Venezia Giulia, si è tenuto a Udine il 7 aprile 2014 un seminario formativo dal titolo

Dettagli

Circolare N. 17 del 3 Febbraio 2015

Circolare N. 17 del 3 Febbraio 2015 Circolare N. 17 del 3 Febbraio 2015 Incentivi e assunzioni - quali agevolazioni posso applicare nel 2015? Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che per favorire l occupazione e, contemporaneamente,

Dettagli

Esonero contributivo triennale assunti a tempo indeterminato

Esonero contributivo triennale assunti a tempo indeterminato OBIETTIVO: Al fine di promuovere forme di occupazione stabile Incentivo all occupazione DESTINATARI: Datori di lavoro privati e, sub condicione, agricoli. imprenditori, non imprenditori (Associazioni,

Dettagli

Vademecum su lavoro e mobilità

Vademecum su lavoro e mobilità Fondazione Distretto HT Milano Brianza Vademecum su lavoro e mobilità Vimercate, 11 settembre 2009 Il Distretto HT per una gestione attiva della mobilità occupazionale Nelle schede allegate vengono riassunte

Dettagli

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro LINEA DI PRODOTTO PREVIDENZA PA OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro Nei giorni scorsi è stato varato dal Governo il disegno di legge recante disposizioni in materia di

Dettagli

IL SISTEMA DEGLI INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE. A cura del Servizio Politiche Territoriali e Coesione UIL (febbraio 2015)

IL SISTEMA DEGLI INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE. A cura del Servizio Politiche Territoriali e Coesione UIL (febbraio 2015) IL SISTEMA DEGLI INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE A cura del Servizio Politiche Territoriali e Coesione UIL (febbraio 2015) Jobs Act non solo contratto a tutele crescenti, razionalizzazione delle tipologie contrattuali,

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi

INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi n 43 del 16 novembre 2012 circolare n 695 del 15 novembre 2012 referente GRANDI/af INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi L INPS, con circolare n.128 del 2 novembre 2012 (allegata alla

Dettagli

Circolare N. 103 del 14 Luglio 2015

Circolare N. 103 del 14 Luglio 2015 Circolare N. 103 del 14 Luglio 2015 Da ASPI a NASPI: come cambiano contributi e incentivi per il datore di lavoro? Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che l INPS, con il messaggio n.

Dettagli

Quadro di sintesi normativa

Quadro di sintesi normativa Allegato n.1 Quadro di sintesi normativa Articolo 19 del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2 Articolo 7 ter del decreto legge 10 febbraio 2009, n. 5, convertito

Dettagli

Circolare N.124 del 21 settembre. Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono

Circolare N.124 del 21 settembre. Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono Circolare N.124 del 21 settembre Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono Banca dati per l occupazione dei giovani genitori: via agli incentivi

Dettagli

NUOVI PERCORSI DI INSERIMENTO LAVORATIVO

NUOVI PERCORSI DI INSERIMENTO LAVORATIVO NUOVI PERCORSI DI INSERIMENTO LAVORATIVO La nuova legge n. 68 del 12/03/1999 Norme per il diritto al lavoro dei disabili risponde alla necessità di creare maggiori ed innovative opportunità per un collocamento

Dettagli

Decreto Legislativo n. 151/2015

Decreto Legislativo n. 151/2015 Decreto Legislativo n. 151/2015 DISPOSIZIONI DI RAZIONALIZZAZIONE E SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE E DEGLI ADEMPIMENTI A CARICO DI CITTADINI E IMPRESE E ALTRE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAPPORTO DI LAVORO

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

COME CAMBIA IL DIRITTO DEL LAVORO

COME CAMBIA IL DIRITTO DEL LAVORO COME CAMBIA IL DIRITTO DEL LAVORO DALLA LEGGE FORNERO ALLE TUTELE CRESCENTI Redatto da Ufficio Legale Dopo la Riforma del Lavoro del Governo Monti (elaborata dal Ministro Fornero) e le successive modifiche

Dettagli

LA RIFORMA DEL LAVORO. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013

LA RIFORMA DEL LAVORO. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013 LA RIFORMA DEL LAVORO GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013 Fonti normative: RIFORMA DEL LAVORO: AMMORTIZZATORI SOCIALI Legge 28

Dettagli

6. La presentazione dell istanza di prima concessione deve avvenire entro e non oltre 68 gg:

6. La presentazione dell istanza di prima concessione deve avvenire entro e non oltre 68 gg: Messaggio 07 febbraio 2011, n. 2981 Indennità di mobilità in deroga 2011 - Accordo quadro del 14.1.2011 Facendo seguito al messaggio n. 2926 del 7.02.2011 col quale è stato trasmesso l'accordo quadro del

Dettagli

1. Esclusione dei benefici contributivi nel caso di assunzioni effettuate in attuazione, o in violazione, di preesistenti obblighi normativi.

1. Esclusione dei benefici contributivi nel caso di assunzioni effettuate in attuazione, o in violazione, di preesistenti obblighi normativi. ALL ASSUNZIONE PREVISTI DALLA NORMATIVA NAZIONALE Con la Riforma del mercato del lavoro, Legge 28.6.2012, n. 92 art. 4 commi 12-15, il legislatore ha definito una disciplina omogenea delle condizioni di

Dettagli

Incentivi alle assunzioni, politiche attive e NASpI

Incentivi alle assunzioni, politiche attive e NASpI Incentivi alle assunzioni, politiche attive e NASpI Dott. Salvatore Vitiello Consulente del lavoro Convegno «La riforma del lavoro - Jobs Act. COSA CAMBIA DAVVERO» Milano, 24 marzo 2015 www.hrcapital.it

Dettagli

Incentivi e assunzioni: quali agevolazioni posso applicare nel 2015?

Incentivi e assunzioni: quali agevolazioni posso applicare nel 2015? Milano, 3 febbraio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Incentivi e assunzioni: quali agevolazioni posso applicare nel 2015? Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che per favorire l occupazione

Dettagli

L INDENNITA DI MOBILITA. Patronato INCA 1 05/02/09

L INDENNITA DI MOBILITA. Patronato INCA 1 05/02/09 L INDENNITA DI MOBILITA Patronato INCA 1 AMBITO DI APPLICAZIONE I lavoratori licenziati da imprese, con più di 15 dipendenti nel semestre precedente l avvio della procedura di mobilità, che rientrano nel

Dettagli

Centro per l Impiego di Lucca

Centro per l Impiego di Lucca Centro per l Impiego di Lucca Via Vecchia Pesciatina angolo Via Lucarelli 55100 S. Vito - Lucca Tel. 0583/417590 - Fax 0583/417812 Sito web: www.luccalavoro.it Posta elettronica: cilucca@provincia.lucca.it

Dettagli

LEGGE DI STABILITA 2015 E JOBS ACT: quali opportunità per il lavoro.

LEGGE DI STABILITA 2015 E JOBS ACT: quali opportunità per il lavoro. LEGGE DI STABILITA 2015 E JOBS ACT: quali opportunità per il lavoro. Principali novità per i datori di lavoro. Stabilizzazione bonus 80 euro. Aumento soglia esenzione buoni pasto elettronici Deduzione

Dettagli

5B -5C - 5D - 5F - 5G

5B -5C - 5D - 5F - 5G Cod Dal Al 5A CODICI 5 IMPRESA ARTIGIANA CON FAMILIARI COADIUTORI E/O SOCI. Il numero di tali lavoratori, iscritti nella Gestione speciale artigiani, deve essere inserito nel campo del mod. DM72 o del

Dettagli

L'esonero contributivo triennale per l'assunzione. a tempo indeterminato;

L'esonero contributivo triennale per l'assunzione. a tempo indeterminato; MAP L'esonero contributivo triennale per l'assunzione A cura di Luca Furfaro Consulente del lavoro in Torino Analizzeremo l esonero contributivo triennale per le assunzioni a tempo indeterminato, effettuate

Dettagli

LAVORO: MANUALE PER LE ASSUNZIONI AGEVOLATE

LAVORO: MANUALE PER LE ASSUNZIONI AGEVOLATE Spedizione Poste Italiane SpA in abb. post. 70% Roma Aut. n. C/AC/RM/75/2011 - IN CASO DI MANCATO RECAPITO RESTITUIRE A CMP ROMANINA LAVORO: MANUALE PER LE ASSUNZIONI AGEVOLATE Norme generali e norme speciali

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Guida informativa Apprendistato di alta formazione e ricerca Guida informativa Cos è l apprendistato di alta formazione e di ricerca Il contratto di apprendistato per il conseguimento di un diploma di istruzione secondaria

Dettagli

Breve guida alle assunzioni e agli incentivi.

Breve guida alle assunzioni e agli incentivi. Breve guida alle assunzioni e agli incentivi. Giovani Under 30 svantaggiati L. 99/13 Aziende Interessate Possono accedere al beneficio tutti i datori di lavoro che : -Risultano in regola con obblighi contributivi

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO 1. IL CONTRATTO DI APPRENDISTATO IN ITALIA L'apprendistato ha assunto in Italia un ruolo centrale nelle politiche occupazionali e nel quadro degli interventi formativi, rappresentando

Dettagli

Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012

Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012 Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012 La riforma del lavoro Legge 28 giugno 2012, n. 92 Maurizio

Dettagli

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti Padova, 3 febbraio 2015 Circolare n 6/2015 Alla Spett.le Clientela IMPORTANTE!!! Oggetto: Esonero contributivo per le nuove assunzioni con contratto a tempo indeterminato nel 2015. Gentili Clienti, la

Dettagli

PROVINCIA OGLIASTRA. PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati

PROVINCIA OGLIASTRA. PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati PROVINCIA OGLIASTRA PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati INVITO A MANIFESTARE INTERESSE, DIRETTO AI DATORI DI LAVORO 1. FINALITA La Provincia dell Ogliastra,

Dettagli

News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO 1- INCENTIVI ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO DEI GIOVANI

News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO 1- INCENTIVI ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO DEI GIOVANI News Lavoro STUDIO MEGGIORINI CONSULENZA DEL LAVORO PRINCIPALI NOVITÀ DECRETO LAVORO 03 Luglio 2013 1- INCENTIVI ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO DEI GIOVANI Tra gli obiettivi prefissati dal decreto legge

Dettagli

Esonero contributivo per le assunzioni a tempo indeterminato nel 2015

Esonero contributivo per le assunzioni a tempo indeterminato nel 2015 STUDIO DUCOLI - BRENO (BS) DOTTORI COMMERCIALISTI REVISORI LEGALI DEI CONTI Dott.Giacomo Ducoli Via Aldo Moro n.5-25043 Breno (Bs) - Telefono 0364/21265-320487 - Fax 0364320487 Internet Email: infostudio@studioducoli.it

Dettagli

1. I tirocini sono prioritariamente destinati a persone residenti o stabilmente domiciliate in provincia di Bolzano.

1. I tirocini sono prioritariamente destinati a persone residenti o stabilmente domiciliate in provincia di Bolzano. Delibera 24 giugno 2013, n. 949 Criteri per la promozione di tirocini di formazione ed orientamento da parte della Ripartizione Lavoro e delle Aree alla Formazione professionale. Allegato A CRITERI PER

Dettagli

AGEVOLAZIONI CONTRIBUTIVE INPS

AGEVOLAZIONI CONTRIBUTIVE INPS AGEVOLAZIONI CONTRIBUTIVE INPS CODICE BENEFICI NOTE A LAVORATORE ISCRITTO IN LISTA DI MOBILITA'. Benefici previsti dall'art. 8, commi 2 e 4, e dall'art. 25 della Legge n. 223/1991a favore dei datori di

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito. Direzione Centrale Bilanci e Servizi fiscali

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito. Direzione Centrale Bilanci e Servizi fiscali Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Bilanci e Servizi fiscali Direzione Centrale Sistemi nformativi e Tecnologici Roma, 6 Marzo 2009 Circolare n. 39 Allegato 1 Ai Dirigenti

Dettagli

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI)

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) L Assicurazione Sociale per l Impiego (ASPI) costituisce il nuovo trattamento contro la disoccupazione ed entrerà in vigore il 1 gennaio 2013, sostituendo quindi:

Dettagli

Esonero contributivo per assunzioni a tempo indeterminato

Esonero contributivo per assunzioni a tempo indeterminato Al fine di promuovere una stabile occupazione, la Legge di Stabilità 2015 introduce un esonero contributivo per le assunzioni con contratto a tempo effettuate nel 2015. L introduzione del beneficio in

Dettagli

PROGRAMMA P.A.R.I. INVITO A MANIFESTARE INTERESSE DIRETTO AI DATORI DI LAVORO

PROGRAMMA P.A.R.I. INVITO A MANIFESTARE INTERESSE DIRETTO AI DATORI DI LAVORO ALLEGATO A PROGRAMMA P.A.R.I. INVITO A MANIFESTARE INTERESSE DIRETTO AI DATORI DI LAVORO 1. FINALITA La Provincia del Medio Campidano, d intesa con l Assessorato Regionale al Lavoro, Formazione Professionale,

Dettagli

NASpI ASDI DIS-COLL decreto legislativo n. 22 del 4/03/2015

NASpI ASDI DIS-COLL decreto legislativo n. 22 del 4/03/2015 NASpI ASDI DIS-COLL decreto legislativo n. 22 del 4/03/2015 NASpI ASDI DIS-COLL Decreto Legislativo n. 22 del 4/03/2015 (G.U. n. 54 de 6/03/2015) Disposizioni per il riordino della normativa in materia

Dettagli

Assicurazione sociale per l impiego

Assicurazione sociale per l impiego Aspi Assicurazione sociale per l impiego La riforma del lavoro voluta dal Governo Monti Fornero ha introdotto una nuova prestazione Inps a sostegno dei disoccupati. Si tratta dell Assicurazione sociale

Dettagli

INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE

INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE INCENTIVI ALL OCCUPAZIONE Le agevolazioni contributive ed economiche previste dalla normativa vigente per i datori di lavoro che assumono lavoratori di specifiche categorie Mattia Passero INDICE Introduzione...4

Dettagli

MANOVRA ANTICRISI 2010 INDICAZIONI OPERATIVE SPERIMENTALI

MANOVRA ANTICRISI 2010 INDICAZIONI OPERATIVE SPERIMENTALI MANOVRA ANTICRISI 2010 INDICAZIONI OPERATIVE SPERIMENTALI PREMESSA:...2 1 LAVORATORI IN MOBILITA, DISOCCUPATI BENEFICIARI DEL SOSTEGNO AL REDDITO, LAVORATORI SOSPESI DICHIARATI IN ESUBERO...3 2. LAVORATORI

Dettagli

ASPI assicurazione sociale per impiego

ASPI assicurazione sociale per impiego ASPI assicurazione sociale per impiego Riforma del mercato del lavoro Legge 92/2012 Enzo Mologni 01-10-2013 ASPI Assicurazione sociale per impiego dal 01-01-2013 In vigore dal 1/1/2013 è un indennità mensile

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali.

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali. Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Roma, 05/11/2014 Circolare n. 137 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili

Dettagli

STUDIO DI CONSULENZA DEL LAVORO CASIGLIA LAURA E RONZONI MARIA CRISTINA CONSULENTI ASSOCIATI

STUDIO DI CONSULENZA DEL LAVORO CASIGLIA LAURA E RONZONI MARIA CRISTINA CONSULENTI ASSOCIATI STUDIO DI CONSULENZA DEL LAVORO CASIGLIA LAURA E RONZONI MARIA CRISTINA CONSULENTI ASSOCIATI 00179 Roma P.IVA 05009061002 Via Latina, 110 Fax. 06 78 08 383 Tel. 06 78 34 66 50 06 78 34 65 73 06 78 34 61

Dettagli

CIRCOLARE N. 104 Jobs Act : agevolazioni per l assunzione di lavoratori, nuova disciplina del licenziamento e TFR in busta paga.

CIRCOLARE N. 104 Jobs Act : agevolazioni per l assunzione di lavoratori, nuova disciplina del licenziamento e TFR in busta paga. CIRCOLARE N. 104 Jobs Act : agevolazioni per l assunzione di lavoratori, nuova disciplina del licenziamento e TFR in busta paga. Con l approvazione della legge di Stabilità 2015, L. 183/2014, che prevede

Dettagli

Contratto di Apprendistato: nuova disciplina

Contratto di Apprendistato: nuova disciplina Contratto di Apprendistato: nuova disciplina Contratto di apprendistato: nuova disciplina Il 25 giugno 2015 è entrato in vigore uno dei decreti attuativi del c.d. Jobs Act (D.Lgs. 81/2015, di seguito Decreto

Dettagli

Guida ALL APPRENDISTATO ESISTONO 3 TIPOLOGIE DI APPRENDISTATO:

Guida ALL APPRENDISTATO ESISTONO 3 TIPOLOGIE DI APPRENDISTATO: 1 Guida ALL APPRENDISTATO 2012 Il Testo Unico approvato dal Governo italiano con il Decreto Legislativo n. 167 del 14 settembre 2011 ed entrato effettivamente in vigore a partire dal 25 ottobre dello stesso

Dettagli

Vademecum Tirocini ex LR 7/2013

Vademecum Tirocini ex LR 7/2013 Vademecum Tirocini ex LR 7/2013 Profilo Amministrativo: L attivazione di un percorso di tirocinio prevede la presenza fondamentale di tre soggetti: 1) Tirocinante; 2) Soggetto Promotore (soggetto terzo

Dettagli

Provincia Ogliastra PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati

Provincia Ogliastra PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati Provincia Ogliastra PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati Interventi di sostegno al reddito e di formazione per disoccupati privi di ammortizzatori sociali

Dettagli

Settore Formazione Professionale, Lavoro, Politiche Sociali Ufficio :Centri per l impiego

Settore Formazione Professionale, Lavoro, Politiche Sociali Ufficio :Centri per l impiego Allegato 2 (Da presentare in triplice copia) PROT. DEL CONVENZIONE DI INTEGRAZIONE LAVORATIVA PER L AVVIAMENTO DI DISABILI CHE PRESENTANO PARTICOLARI CARATTERISTICHE E DIFFICOLTA DI INSERIMENTO NEL CICLO

Dettagli

AMMORTIZZATORI SOCIALI _ LA MOBILITA

AMMORTIZZATORI SOCIALI _ LA MOBILITA AMMORTIZZATORI SOCIALI _ LA MOBILITA MOBILITÀ COLLETTIVA E' un ammortizzatore sociale per l'accompagnamento dei lavoratori licenziati per: riduzione di attività o lavoro trasformazione di attività cessazione

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 27 10.02.2014 Contributi: gli effetti per il 2014 Riepilogate le disposizioni aventi riflesso sulla contribuzione dovuta dai

Dettagli

LA REGIONE DEL VENETO CONTRO LA CRISI: UNA DOTE PER I LAVORATORI

LA REGIONE DEL VENETO CONTRO LA CRISI: UNA DOTE PER I LAVORATORI LA REGIONE DEL VENETO CONTRO LA CRISI: UNA DOTE PER I LAVORATORI COS È LA DOTE LAVORO La dote lavoro è un pacchetto di servizi, accompagnato da un indennità economica, offerto ai lavoratori per favorire

Dettagli

PRINCIPALI STRUMENTI PREVISTI DALLA LEGGE PER GESTIRE UNA CRISI AZIENDALE

PRINCIPALI STRUMENTI PREVISTI DALLA LEGGE PER GESTIRE UNA CRISI AZIENDALE la Cassa integrazione guadagni straordinaria; la Cassa integrazione guadagni in deroga; le procedure di licenziamento collettivo con indennità di mobilità - oppure ASPI. Breve premessa: A ) Aziende che

Dettagli

Per accedere al beneficio contributivo inserire il codice INPS 6Y accedendo al Cassetto previdenziale aziende.

Per accedere al beneficio contributivo inserire il codice INPS 6Y accedendo al Cassetto previdenziale aziende. ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE NUOVE ASSUNZIONI CON CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015 (legge 190/2014 - Legge di Stabilità 2015; Circ. Inps n.17/2015) Per accedere al beneficio contributivo inserire

Dettagli

SCHEDA N. 3 3.B APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE

SCHEDA N. 3 3.B APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE SCHEDA N. 3 CONTRATTO DI APPRENDISTATO D. Lgs. 167/2011, aggiornato alla L. 92/2012 (riforma Fornero), alla L. 99/2013 di conversione del D.L. 76/2013 e alla L. 78/2014 di conversione del D.L. 34/2014

Dettagli

Ammortizzatori Sociali Proposta di riforma BOZZA

Ammortizzatori Sociali Proposta di riforma BOZZA Ammortizzatori Sociali Proposta di riforma BOZZA Premessa L attuale sistema di ammortizzatori sociali è caratterizzato da una estrema disomogeneità delle tutele tra settori, classe di ampiezza dell impresa

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE Approvato dal Senato della Repubblica

DISEGNO DI LEGGE Approvato dal Senato della Repubblica Deleghe al Governo in materia di lavori usuranti, di riorganizzazione di enti, di congedi, aspettative e permessi, di ammortizzatori sociali, di servizi per l impiego, di incentivi all occupazione, di

Dettagli

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO

PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO PROVINCIA DI ROVIGO AREA PERSONALE E LAVORO AVVISO PUBBLICO Fondo Regionale per l occupazione dei disabili di cui all art. 14 della Legge 12 marzo 1999, n.68 TIROCINI L.68/1999 IL DIRIGENTE AREA PERSONALE

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza CIRCOLARE Febbraio 2014 Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Gentili clienti! Con la presente circolare vorremmo portarla a conoscenza delle

Dettagli

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Messaggio numero 8881 del 19-11-2014 Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Entrate Roma, 19-11-2014

Dettagli

INDENNITA DIS-COLL. Articolo 15, Decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22

INDENNITA DIS-COLL. Articolo 15, Decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22 INDENNITA DIS-COLL Articolo 15, Decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22 1 DESTINATARI Dal 1 gennaio 2015 è stata istituita, in via sperimentale, in relazione agli eventi di cessazione dal lavoro verificatisi

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

Provincia di Cagliari Provincia de Casteddu. SETTORE LAVORO Servizio Mobilità e vertenze collettive L Istituto della mobilità

Provincia di Cagliari Provincia de Casteddu. SETTORE LAVORO Servizio Mobilità e vertenze collettive L Istituto della mobilità Provincia di Cagliari Provincia de Casteddu SETTORE LAVORO Servizio Mobilità e vertenze collettive L Istituto della mobilità 1 Per informazioni SETTORE LAVORO Servizio Mobilità Via Giudice Guglielmo 09131

Dettagli

LA FINANZIARIA 2010 IN SINTESI

LA FINANZIARIA 2010 IN SINTESI LA FINANZIARIA 2010 IN SINTESI Con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n.302 del 30 dicembre 2009, entra in vigore, dal 1 gennaio, la Legge Finanziaria per il 2010 (Legge 23 dicembre 2009, n.191).

Dettagli

Legge 10 ottobre 2014, n. 147: nuove disposizioni in materia di salvaguardia pensionistica (cd. sesta salvaguardia).

Legge 10 ottobre 2014, n. 147: nuove disposizioni in materia di salvaguardia pensionistica (cd. sesta salvaguardia). Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Entrate Roma, 19-11-2014 Messaggio n. 8881 Allegati n.2 OGGETTO: Legge 10 ottobre 2014, n. 147: nuove

Dettagli

CONVENZIONE TRA PREMESSO

CONVENZIONE TRA PREMESSO CONVENZIONE TRA ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE (di seguito denominato INPS), nella persona di Gabriella Di Michele nata a L Aquila il 27 Febbraio 1959 e domiciliata per la carica presso INPS

Dettagli

JOBS ACT IN PROGRESS Diritti dei lavoratori e occupazione nella riforma del mercato del lavoro

JOBS ACT IN PROGRESS Diritti dei lavoratori e occupazione nella riforma del mercato del lavoro JOBS ACT IN PROGRESS Diritti dei lavoratori e occupazione nella riforma del mercato del lavoro Decreto Poletti marzo 2014 I parte Jobs Act Legge n. 183 del 10 dicembre 2014 Delega lavoro DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI Indennità di disoccupazione Mini-ASpI COSA E E una prestazione economica istituita dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti ridotti. E una

Dettagli

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO Federazione Italiana Sindacale Lavoratori Assicurazioni e Credito Comprensorio di Alessandria Via Cavour, 27-15121 Alessandria - Tel. 0131 308254 e-mail: fisacal@libero.it - Sito Internet www.fisacalessandria.it

Dettagli

La NASpI è riconosciuta ai lavoratori che hanno perduto involontariamente l occupazione e che presentano congiuntamente i seguenti requisiti:

La NASpI è riconosciuta ai lavoratori che hanno perduto involontariamente l occupazione e che presentano congiuntamente i seguenti requisiti: Schema di decreto legislativo recante Disposizioni per il riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione involontaria e di ricollocazione dei lavoratori disoccupati

Dettagli

CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO. Premesso che

CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO. Premesso che Allegato n. 3 CONVENZIONE DI TIROCINIO DI FORMAZIONE E ORIENTAMENTO ai sensi dell art. 4 bis della legge provinciale 16 giugno 1983, n. 19 Premesso che - la Provincia autonoma di Trento, per favorire le

Dettagli

JOBS ACT. 9 febbraio 2015, Ancona. Dott. Stefano Carotti Consulente del Lavoro I PRIMI DECRETI. LE NOVITA PRINCIPALI. www.an.camcom.gov.

JOBS ACT. 9 febbraio 2015, Ancona. Dott. Stefano Carotti Consulente del Lavoro I PRIMI DECRETI. LE NOVITA PRINCIPALI. www.an.camcom.gov. JOBS ACT I PRIMI DECRETI. LE NOVITA PRINCIPALI 9 febbraio 2015, Ancona Dott. Stefano Carotti Consulente del Lavoro www.an.camcom.gov.it 1 IL CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI Nonostante

Dettagli

Piscaglia Rag. Luca Consulente del lavoro

Piscaglia Rag. Luca Consulente del lavoro San Mauro Pascoli li 14/01/2014 Ai Signori Clienti Loro indirizzi Oggetto: LEGGE DI STABILITÀ 2014 IN SINTESI Sul supplemento ordinario n.87 alla Gazzetta Ufficiale n.302 del 27 dicembre 2013 è stata pubblicata

Dettagli

Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013

Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013 Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013 INTEGRAZIONI AL PIANO DEGLI INTERVENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLE POLITICHE DELL ISTRUZIONE, DELLA FORMAZIONE E DEL LAVORO INDICAZIONI

Dettagli

Provincia di Bergamo

Provincia di Bergamo PROGRAMMA P.A.R.I. Programma d Azione per il Re-Impiego di lavoratori svantaggiati Provincia di Bergamo AVVISO PUBBLICO RIVOLTO ALLE IMPRESE (Invito a manifestare interesse) Domanda di accesso ai contributi

Dettagli