Sicurezza in E-Commerce

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sicurezza in E-Commerce"

Transcript

1 Sicurezza in E-Commerce Corso di Laurea Magistrale Scienze e Tecnologie Informatiche Sicurezza dei Sistemi Informatici A. A. 2008/2009 Luca Assirelli - Mirco Gamberini Gruppo 6

2 E-Commerce Internet, ha trasformato il commercio elettronico da semplice scambio di dati tra imprese in una vera attività commerciale in cui i siti Web funzionano come negozi virtuali annullando la distanza tra l azienda produttrice ed il consumatore finale. L E-Commerce è l'insieme delle transazioni per la commercializzazione di beni e servizi tra produttore (offerta) e consumatore (domanda), realizzate tramite Internet. In Italia si diffuse verso la fine degli anni 90. Oggi una delle realtà più significativa di E-Commerce è Ebay.

3 Vantaggi del E-Commerce Chi acquista: Comodità: non bisogna muoversi da casa per fare acquisti. Convenienza: ci sono vari sconti e promozioni sui prodotti. Informazione: vagliare gli acquisti con calma. Cortesia: i commessi virtuali trattano con dovuta premura i propri clienti nell'intento di fidelizzarli Chi vende: Flessibilità: è facile pianificare le vendite. Visibilità: grande quantità di visite e contatti ricevuti nella piazza di Internet. Economicità: non richiede grossi investimenti.

4 Ha effettuato acquisti in Rete negli ultimi 3 mesi Dati sull E-Commerce in Italia Penetrazione dell'ecommerce in alcuni paesi europei 60% 50% 50% 43% 43% 41% 40% 30% 26% 20% 13% 10% 7% 6% 0% Fonte: Experian 28/11/2008

5 Problemi sull E-Commerce Chi acquista: Mancanza del contatto diretto Impossibilità del possesso immediato Assenza di dimostrazioni pratiche Chi vende: Difetti di comprensione del comportamento della clientela Incapacità di prevedere le reazioni nell'ambiente in cui opera l'impresa Sottovalutazione dei tempi richiesti per il raggiungimento degli obiettivi aziendali.

6 Sicurezza in e-commerce Riguarda sicurezza sulle modalità di pagamento. Dubbi riguardo la sicurezza. Molte persone non usano la carta di credito in Internet per timore di furti e frodi. Inizialmente, trasferimento di informazioni avveniva in chiaro. Riservatezza Transazioni sicure

7 I Protocolli per la sicurezza delle transazioni Due sono i protocolli più diffusi per garantire la sicurezza delle transazioni: Transport Layer Security (TLS): è il successore di SSL. È un protocollo crittografico che permette comunicazioni sicure e integrità dei dati su reti TCP/IP. Ad oggi è sicuramente il sistema più usato. Opera a livello di trasporto (Transport Layer); Secure Electronic Transaction (SET): protocollo standard per rendere sicure le transazioni con carta di credito su reti insicure e, in particolare, su Internet.

8 SSL Si tratta di un protocollo a livello utente che permette di proteggere la segretezza, l'integrità e l'autenticità dei dati trasmessi tra due entità distinte su una rete di computer. L'abbinamento di questo protocollo al normale HTTP permette di ottenere un nuovo protocollo: l'https. Principali obiettivi: Sicurezza integrità; crittografica: deve garantire segretezza, autenticazione e Interoperabilità: diverse implementazioni dello stesso standard possono dialogare; Estendibilità: possibili aggiunta di nuovi sistemi di cifratura; Efficienza relativa: SSL fornisce alcuni metodi per limitare il carico computazionale e l utilizzo di banda.

9 Storia di SSL SSL v1 non è mai stato rilasciato; SSL v2 (Secure Socket Layer) è stato proposto da Netscape nel 1995 come elemento del suo browser: Netscape Navigator 1.1; Microsoft migliorò tale protocollo (aggiustando alcuni problemi di sicurezza) e rilasciando un suo protocollo incompatibile: PCT (Private Communications Technology); SSL v3 fu rilasciato nel 1996 da Netscape come revisione del precedente protocollo; Nel gennaio 1999, IETF produce il successore di SSL che prende il nome di TLS.

10 Funzionamento di SSLv3

11 Altri protocolli del SSL Oltre ai protocolli principali Handshake Protocol e Record Protocol, ci sono altri due importanti protocolli utilizzati in SSL: Alert Protocol: si occupa della gestione delle eventuali situazioni di errore, segnalandolo attraverso l invio di un messaggio che può essere: Fatal Warning ChangeCipherSpec Protocol: permette di passare dalla fase di negoziazione alla fase di trasmissione vera e propria. Da questo momento in poi, tutti i messaggi saranno criptati.

12 Tipi di attacchi (1/2) Man-In-The-Middle: se il server usa certificati correttamente firmati dalle CA ciò non è possibile; possibile con l Anonymous DH; Replay attack e riordino dei pacchetti: non è possibile grazie ai numeri di sequenza; CipherSuite list manipulation: in SSL v2 l avversario poteva modificare la lista delle ciphersuite (magari eliminando quelle più sicure) ed inducendo le parti coinvolte a concordare una suite più debole del necessario; in SSL v3 questo è stato sistemato inviando (in modo protetto) l hash di tutti i messaggi scambiati (rilevando così dei messaggi alterati);

13 Tipi di attacchi (2/2) Version manipulation: l avversario potrebbe manipolare il numero di versione supportato per indurre le parti ad usare una versione più debole di SSL (magari la v2); in SSL v3 ciò si può evitare poiché: Alla fine c è il doppio scambio di hash sui messaggi scambiati; Le implementazioni SSL v3 che supportano la v2 inseriscono una modifica nota all interno dell encryption RSA per riconoscere un client v3 anche se si spaccia per un v2. Rilevazione di dati semantici sul plaintext: analizzando il traffico cifrato l avversario potrebbe riuscire a rilevare delle informazioni sulla semantica dei dati in chiaro trasmessi, ad esempio: Invio multiplo di blocchi uguali: grazie agli stream cipher e ai modi di applicazione (tipo CBC) dei block cipher con i vettori di inizializzazione è possibile spezzare questi legami tra blocchi; Rilevazione della lunghezza dei dati inviati.

14 Debolezze di SSL (1/2) Non protegge da attacchi agli host Tripwire: software che garantisce l integrit{ dei dati, ovvero permette di modificare gli stessi solo alle persone autorizzate. Alcuni dati spediti nel Client hello potrebbero essere spediti in un secondo momento, crittografati. Un errato MAC potrebbe far terminare la connessione, provocando nuovi attacchi, per esempio di tipo DoS, in cui si cerca di portare il funzionamento di un sistema informatico che fornisce un servizio al limite delle prestazioni.

15 Debolezze di SSL (2/2) Uno dei punti deboli di SSL sta proprio nel certificato del server; Se il certificato non viene controllato a dovere la sicurezza del sistema crolla vertiginosamente; E necessario anche controllare l URL e i dati del certificato.

16 TLS Il protocollo consente di comunicare attraverso una rete in modo tale da prevenire la manomissione dei dati, la falsificazione e l intercettazione. Definito da Internet Engineering Task Force (IETF) Giunto alla versione 1.2 Successore di SSL Funzionamento simile a SSL

17 Differenze con SSL Aggiunti più alert ad Alert Protocol HMAC (Hash MAC) Generazione della chiave con PRF CertificateVerify TLS-PSK o SRP

18 HMAC (1/3) La differenza sostanziale tra SSL e il suo successore TLS risiede nella fase di autenticazione dei messaggi. Infatti, in SSL l autenticazione è garantita dall utilizzo di una funzione pseudorandom, mentre in TLS l autenticazione del messaggio è garantita da un algoritmo di hash mediante l utilizzo di HMAC. HMAC (keyed-hash Message Authentication Code) è una tipologia di MAC basata su funzione hash, utilizzata in diverse applicazioni legate alla sicurezza informatica. Peculiarità di HMAC è il non essere legata a nessuna funzione di hash particolare, questo per rendere possibile una sostituzione della funzione nel caso fosse scoperta la sua debolezza. Nonostante ciò le funzioni più utilizzate sono MD5 e SHA-1. Utilizzato anche da IPSec.

19 HMAC (2/3) Chiave Ipad: Inner pad, byte 0x36 ripetuti 64 volte Opad: Outer pad, byte 0x5c ripetuti 64 volte. Messaggio da scambiare Funzione hash MAC del messaggio

20 HMAC (3/3) La funzione è definita nel seguente modo: Combinando chiave e funzioni hash in questo modo si evitano attacchi che vengono effettuati sucombinazioni più semplici del tipo: MAC = H(key ++ message) La funzione hash più esterna maschera il risultato di quella interna. Ipad e Opad permettono elevata distanza di Hamming. SICUREZZA Dipende dalla lunghezza della chiave. Non è affetto da collisioni. IMPORTANTE: la sicurezza di HMAC è basata sulle esistenti funzioni hash crittografiche.

21 Intermediate pseudo-random Output A partire dall H-MAC standard, TLS definisce una procedura attraverso la quale utilizzare H-MAC per generare un risultato pseudo-random. Questa procedura prende il input un segreto e un seme. La procedura genera tanti risultati pseudorandom quanti sono necessari.

22 PRF (Pseudo Random Function) Allo scopo di un ulteriore miglioramento, TLS utilizza la procedura per generare dei risultati pseudo-random vista in precedenza per creare una funzione pseudo-random detta PRF. Essa combina due separate istanze della procedura di generazione dei risultati pseudo-random: in una viene utilizzato l algoritmo hash MD5, mentre nell altra viene utilizzato l algoritmo hash SHA.

23 Key material generation TLS utilizza la PRF per generare contemporaneamente sia il master secret che la chiave.

24 Assenza di certificati Nel TLS l autenticazione è unilaterale: solo il server è autenticato ma non viceversa. Il protocollo però permette anche un autenticazione bilaterale attraverso lo scambio dei relativi certificati tra il server e il client. Incaso di assenza di certificati? Si possono utilizzare due protocolli distinti: Pre Shared Key (TLS-PSK); Secure Remote Password (SRP)

25 TLS-PSK (TLS Pre-Shared Key) TLS-PSK è un insieme di protocolli crittografici che garantiscono la comunicazione sicura attraverso l utilizzo di chiavi pre-condivise. Può essere utilizzato per la sola autenticazione delle parti, per autenticare lo scambio di chiavi Diffie-Helmann, o per combinare l autenticazione del server tramite certificato con l autenticazione del client con chiave pre-condivisa.

26 Diffie-Hellman: un protocollo per scambio di chiavi Un protocollo per generare un segreto S condiviso tra due utenti E legato al problema del logaritmo discreto Calcolare z = g^w mod p è facile es: z = 2^4 mod 11 z = 5 Il problema inverso, ovvero trovare w dati z,g e p è difficile es: 3 = 2^w mod 11 w =?? Uno dei modi per ottenere il logaritmo discreto è quello di provare tutte le potenze di w finchè non si trova l esponente giusto, macon numeri grandi questo richiede molte risorse di calcolo

27 Diffie-Hellman: funzionamento 1. Inizio: determinare un numero primo grande n, ed un generatore g, 1<g<n Possono essere valori pubblici! 2. Alice: sceglie a, spedisce A = g a mod n a Bob, dove a è segreto 3. Bob: sceglie b, spedisce B = g b mod n ad Alice, dove b è segreto 4. Entrambi calcolano S = g (a*b) mod n Alice: S = B a mod n; Bob: S = A b mod n; Si ha che: (g a mod n) b mod n = (g b mod n) a mod n

28 DHE_PSK & RSA_PSK Esistono diverse chypersuite per il TLS-PSK che sono: il PSK, il DHE_PSK e l RSA_PSK. Tutti utilizzano la stessa struttura per il premaster secret che viene generato includendo la chiave pre-condivisa e altri segreti. DHE_PSK: utilizza PSK per autenticare lo scambio di chiavi Diffie Hellman. In questo caso, il ServerKeyExchange e il ClientKeyExchange includono i parametri Diffie Hellman; RSA_PSK: utilizza RSA e un certificato per autenticare il server e nello stesso tempo raggiunge anche l autenticazione reciproca tramite l utilizzo della chiave pre-condivisa.

29 SRP (Secure Remote Password) È un protocollo di autenticazione pensato per lo scambio sicuro ed autenticato di chiave di sessione, progettato per resistere ad attacchi attivi e passivi. Il meccanismo è analogo a quello del protocollo di Diffie-Hellman di cui SRP è un estensione. Eredita i vantaggi del protocollo DH, risolvendone la maggior parte delle vulnerabilità. S corrisponde al pre-master secret utilizzato da TLS per ricavare il master secret attraverso la chiave K cosi generata.

30 Software liberi OpenSSL: è un'implementazione open source dei protocolli SSL e TLS. Le librerie di base (scritte in linguaggio C) eseguono le funzioni crittografiche principali. Nei diversi linguaggi di programmazione sono disponibili procedure che permettono di accedere alle funzioni della libreria OpenSSL. GnuTLS: è un'implementazione libera dei protocolli SSL e TLS. Il suo scopo è di offrire un'interfaccia di programmazione (API) per aprire un canale di comunicazione sicura attraverso la rete. GnuTLS è rilasciato tramite la licenza GNU

31 SET (Secure Electronic Transaction) Il SET è un protocollo standard per rendere sicure le transazioni con carta di credito su reti insicure quali Internet. È stato sviluppato da Visa e Mastercard ed alcune altre grandi aziende quali la Microsoft, IBM e Netscape a partire dal Le fasi previste dallo standard sono: 1. Registrazione del possessore della carta di credito; 2. Registrazione del commerciante; 3. Sottomissione di un ordine; 4. Autorizzazione del pagamento. Le prime due fasi sono eseguite una volta sola e indipendentemente dalle due parti.

32 Architettura Il SET opera sul livello applicativo (digital wallet) indipendentemente dal livello di trasporto, una proprietà che lo distingue da SSL. Si focalizza solo sul pagamento ed esclude la ricerca e la selezione dei beni. Esso introduce tre novità: la certification authority che certifica i partecipanti; il payment gateway, che fa da filtro fra Internet e la rete bancaria; la dual signature, la doppia firma. Vi sono sei partecipanti: il cardholder, la cui carta è conforme alle specifiche SET; il commerciante; il payment gateway; l Issuing Istitution, che emette la carta di credito; la Certification Authority (CA); l Acquiring istitution, che è la banca del commerciante.

33 Funzionamento (1/2) Il SET essendo una forma di pagamento viene selezionata dal cliente sulla pagina Web una volta che questi ha preparato l ordine. A questo punto il browser lancia automaticamente un software denominato digital wallet (borsello elettronico) cui si accede inserendo il proprio codice di identificazione e password. In questo modo si può avviare la procedura di pagamento: al venditore viene inviato un messaggio con le informazioni riguardo al pagamento e l ordine effettuato dal cliente, insieme all ordine destinato l Acquiring istitution. A questo punto il venditore richiederà all Acquiring Istitution di verificare la validità della carta di credito utilizzata dal cliente. Se la carta di credito è valida, l Acquiring Istitution invia al venditore il documento firmato e certificato per autorizzare l acquisto, e se confermato effettuerà il pagamento tramite la rete interbancaria

34 Funzionamento (2/2)

35 Crittografia nel SET Il SET combina la crittografia a chiave pubblica con algoritmi di crittografia a chiave simmetrica: anche le chiavi segrete vengono distribuite con algoritmi a chiave pubblica. Si ottiene la cosiddetta busta digitale: la chiave simmetrica viene inviata utilizzando la chiave pubblica del destinatario per mezzo dell RSA e inviata insieme al messaggio cifrato. Combina la crittografia a chiave pubblica con l uso dei message digest. Il SET fa uso di due tipologie di funzioni hash: SHA-1 HMAC

36 Dual Signature Ladoppia firma si ottiene nel modo seguente: A calcola il message digest di M1 (h(m1)) e di M2 (h(m2)); A concatena i due digest ottenuti e firma con la sua chiave privata di signature (ea) il risultato della concatenazione ottenendo ea(h(m1) h(m2)); A invia a B1 il messaggio <M1, h(m2), ea(h(m1) h(m2))> ed a B2 il messaggio <h(m1),m2, ea(h(m1) h(m2))>. Per verificare la firma di A, si estrae il message digest della doppia firma di A, si calcola il message digest di M1 e lo si concatena a quello di M2, quindi si computa il message digest del risultato e lo si confronta con quello estratto dalla doppia firma di A. Se coincidono allora A ha firmato il messaggio M=M1 M2.

37 Confronto tra SET e SSL SET protegge l identit{ delle parti, SSL no; il SET è un protocollo da utente a utente, mentre l SSL è point-to-point, cioè tra client e server; nel SET non solo i dati vengono trasferiti dal consumatore al commerciante, ma il SET garantisce che quegli stessi dati vengano trasferiti alla banca del commerciante; l SSL non garantisce la non ripudiabilit{ di una transazione.

38 Concludendo SET fu ampiamente pubblicizzato alla fine degli anni novanta come lo standard approvato dalle carte di credito ma non riuscì a conquistare quote di mercato. Tra le cause di ciò, vanno citati: la necessità di installare un software client (digital wallet) da parte dell utente; il costo e la complessità per gli imprenditori di offrire supporto tecnico agli utenti; la difficoltà logistica di distribuzione dei certificati sul lato client; tempi di risposta inadeguati.

39 Bibliografia trazione%20di%20sistema/lds-ssl.pdf; SSL and TLS essentials. Securing the Web Stephen Thomas John Wiley & Sons; Andrea Manganaro, Mingyur Koblensky, Michele Loreti, Analisi del protocollo SRP (Secure Remote Password), 2007; ico%20sicuro.pdf.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE. INTRODUZIONE ALL ARGOMENTO. A cura di: Eleonora Brioni, Direzione Informatica e Telecomunicazioni ATI NETWORK.

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato Un protocollo è un insieme di regole che permettono di trovare uno standard di comunicazione tra diversi computer attraverso la rete. Quando due o più computer comunicano tra di loro si scambiano una serie

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Accordo su chiavi. (key agreement) Alfredo De Santis. Marzo 2015. Dipartimento di Informatica Università di Salerno

Accordo su chiavi. (key agreement) Alfredo De Santis. Marzo 2015. Dipartimento di Informatica Università di Salerno Accordo su chiavi (key agreement) Alfredo De Santis Dipartimento di Informatica Università di Salerno ads@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/ads Marzo 2015 Accordo su una chiave Alice Bob??

Dettagli

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 Introduzione SmartCard: Carta intelligente Evoluzione della carta magnetica Simile a piccolo computer : contiene memoria (a contatti elettrici)

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

INTRODUZIONE AL PROGETTO

INTRODUZIONE AL PROGETTO SETEFI INTRODUZIONE AL PROGETTO Il nostro obiettivo è quello di illustrare la struttura e le caratteristiche di fondo che stanno alla base delle transazioni online operate tramite Setefi, società del gruppo

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

QUIPAGO - MODALITÀ PAYMENT

QUIPAGO - MODALITÀ PAYMENT E-Commerce Qui Pago è l offerta di Key Client per il Commercio Elettronico: un Pos virtuale altamente affidabile ed efficiente che prevede diverse modalità d utilizzo: Payment (integrazione col sito del

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA Facoltà di scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in INFORMATICA Tesi di laurea in RETI DI CALCOLATORI Autenticazione Centralizzata con il sistema CAS, integrando

Dettagli

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4)

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4) Guida al nuovo sistema di posta CloudMail UCSC (rev.doc. 1.4) L Università per poter migliorare l utilizzo del sistema di posta adeguandolo agli standard funzionali più diffusi ha previsto la migrazione

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

LA CRITTOGRAFIA Le applicazioni della crittografia e della firma digitale a cura di Sommaruga Andrea Guido

LA CRITTOGRAFIA Le applicazioni della crittografia e della firma digitale a cura di Sommaruga Andrea Guido INDICE LA FIRMA DIGITALE O ELETTRONICA...2 LA LEGISLAZIONE IN MATERIA...5 NOTA SUI FORMATI DI FILE...6 COME FUNZIONA IL MECCANISMO DELLE FIRME ELETTRONICHE...7 FIRMA DI PIÙ PERSONE... 7 DOCUMENTO SEGRETO...

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza X-Pay Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza Agenda CartaSi e l e-commerce Chi è CartaSi CartaSi nel mercato Card Not Present I vantaggi I vantaggi offerti da X-Pay I vantaggi offerti da

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio Deutsche Bank db Corporate Banking Web Guida al servizio INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. SPECIFICHE DI SISTEMA... 4 3 MODALITÀ DI ATTIVAZIONE E DI PRIMO COLLEGAMENTO... 4 3. SICUREZZA... 5 4. AUTORIZZAZIONE

Dettagli

Marco Giorgi. Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012

Marco Giorgi. Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012 Marco Giorgi Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012 Post mortem (Dopo lo spegnimento del sistema) Si smonta il dispositivo e lo si collega ad un PC dedicato all'acquisizione Live forensics (Direttamente

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

TorrentLocker Enti Italiani sotto riscatto

TorrentLocker Enti Italiani sotto riscatto Digital Forensics Bureau www.difob.it TorrentLocker Enti Italiani sotto riscatto Paolo DAL CHECCO, Giuseppe DEZZANI Studio DIgital Forensics Bureau di Torino 20 ottobre 2014 Da mercoledì 15 ottobre stiamo

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Sicurezza del DNS. DNSSEC & Anycast. Claudio Telmon ctelmon@clusit.it

Sicurezza del DNS. DNSSEC & Anycast. Claudio Telmon ctelmon@clusit.it Sicurezza del DNS DNSSEC & Anycast Claudio Telmon ctelmon@clusit.it Perché il DNS Fino a metà degli anni '80, la traduzione da nomi a indirizzi IP era fatta con un grande file hosts Fino ad allora non

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

La presente guida illustra i passaggi fondamentali per gestire l account posta elettronica certificata (PEC) sui dispositivi Apple ipad.

La presente guida illustra i passaggi fondamentali per gestire l account posta elettronica certificata (PEC) sui dispositivi Apple ipad. La presente guida illustra i passaggi fondamentali per gestire l account posta elettronica certificata (PEC) sui dispositivi Apple ipad. OPERAZIONI PRELIMINARI Dal menu impostazioni andate su E-mail, Contatti,

Dettagli

LA SICUREZZA NEI SISTEMI INFORMATIVI. Antonio Leonforte

LA SICUREZZA NEI SISTEMI INFORMATIVI. Antonio Leonforte LA SICUREZZA NEI SISTEMI INFORMATIVI Antonio Leonforte Rendere un sistema informativo sicuro non significa solo attuare un insieme di contromisure specifiche (di carattere tecnologico ed organizzativo)

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Standard di Sicurezza sui Dati previsti dai Circuiti Internazionali. Payment Card Industry Data Security Standard

Standard di Sicurezza sui Dati previsti dai Circuiti Internazionali. Payment Card Industry Data Security Standard Standard di Sicurezza sui Dati previsti dai Circuiti Internazionali Payment Card Industry Data Security Standard STANDARD DI SICUREZZA SUI DATI PREVISTI DAI CIRCUITI INTERNAZIONALI (Payment Card Industry

Dettagli

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY Interfaccia Full Ascii Con questa interfaccia è possibile inviare i dati al Server utilizzando solo caratteri Ascii rappresentabili e solo i valori che cambiano tra un sms e l altro, mantenendo la connessione

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key.

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key. 1 Indice 1 Indice... 2 2 Informazioni sul documento... 3 2.1 Scopo del documento... 3 3 Caratteristiche del dispositivo... 3 3.1 Prerequisiti... 3 4 Installazione della smart card... 4 5 Avvio di Aruba

Dettagli

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone è pronto per le aziende. Supporta Microsoft Exchange ActiveSync, così come servizi basati su standard, invio e ricezione di e-mail, calendari

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

Contenuti. Dov e` il nemico?

Contenuti. Dov e` il nemico? Contenuti SICUREZZA INFORATICA Sicurezza Problemi Requisiti Attacchi Crittografia Crittografia simmetrica e asimmetrica Criptoanalisi Autenticazione Firma Digitale etodi per la Firma Digitale Certificati

Dettagli

Regole tecniche del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica certificata

Regole tecniche del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica certificata Regole tecniche del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica certificata Pagina 1 di 48 INDICE 1 MODIFICHE DOCUMENTO...4 2 RIFERIMENTI...4 3 TERMINI E DEFINIZIONI...4

Dettagli

Protocollo SSH (Secure Shell)

Protocollo SSH (Secure Shell) Università degli Studi Roma Tre Dipartimento di Informatica ed Automazione Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Tesina per il corso di Elementi di Crittografia Protocollo SSH

Dettagli

Web Conferencing and Collaboration tool

Web Conferencing and Collaboration tool Web Conferencing and Collaboration tool La piattaforma Meetecho Piattaforma di Web Conferencing e Collaborazione on line in tempo reale Caratteristiche generali Soluzione client-server progettata per essere

Dettagli

Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT

Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account

Dettagli

Symbolic. Ambiti Operativi. Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp.

Symbolic. Ambiti Operativi. Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp. Symbolic Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp. La nostra mission è di rendere disponibili soluzioni avanzate per la sicurezza

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

MANUALE SOFTWARE LIVE MESSAGE ISTRUZIONI PER L UTENTE

MANUALE SOFTWARE LIVE MESSAGE ISTRUZIONI PER L UTENTE MANUALE SOFTWARE ISTRUZIONI PER L UTENTE PAGINA 2 Indice Capitolo 1: Come muoversi all interno del programma 3 1.1 Inserimento di un nuovo sms 4 1.2 Rubrica 4 1.3 Ricarica credito 5 PAGINA 3 Capitolo 1:

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito, semplice da utilizzare e fornisce

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

beyond Gestionale per centri Fitness

beyond Gestionale per centri Fitness beyond Gestionale per centri Fitness Fig. 1 Menu dell applicazione La finestra del menù consente di avere accesso a tutte le funzioni del sistema. Inoltre, nella finestra del menù, sono visualizzate alcune

Dettagli

Manuale di installazione e d uso

Manuale di installazione e d uso Manuale di installazione e d uso 1 Indice Installazione del POS pag. 2 Funzionalità di Base - POS Sagem - Accesso Operatore pag. 2 - Leggere una Card/braccialetto Cliente con il lettore di prossimità TeliumPass

Dettagli

TeamPortal. Servizi integrati con ambienti Gestionali

TeamPortal. Servizi integrati con ambienti Gestionali TeamPortal Servizi integrati con ambienti Gestionali 12/2013 Modulo di Amministrazione Il modulo include tutte le principali funzioni di amministrazione e consente di gestire aspetti di configurazione

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail Configurare un programma di posta con l account PEC di Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account ii nel programma di

Dettagli

Servizio Posta Elettronica Certificata P.E.C. Manuale Operativo

Servizio Posta Elettronica Certificata P.E.C. Manuale Operativo Servizio Posta Elettronica Certificata P.E.C. Manuale Operativo Informazioni sul documento Redatto da Ruben Pandolfi Responsabile del Manuale Operativo Approvato da Claudio Corbetta Amministratore Delegato

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+...

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+... Setup delle ConnessioniTCP Una connessione TCP viene instaurata con le seguenti fasi, che formano il Three-Way Handshake (perchè formato da almeno 3 pacchetti trasmessi): 1) il server si predispone ad

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Rischi e Opportunità nella gestione della sicurezza ecommerce

Rischi e Opportunità nella gestione della sicurezza ecommerce Rischi e Opportunità nella gestione della sicurezza ecommerce Andrea Gambelli Head of Functional Analysis, Fraud, Test and Client Service Management Financial Services Division Roma, 3 Novembre 2011 AGENDA

Dettagli

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads.

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads. MailStore Proxy Con MailStore Proxy, il server proxy di MailStore, è possibile archiviare i messaggi in modo automatico al momento dell invio/ricezione. I pro e i contro di questa procedura vengono esaminati

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE IN RETE

GUIDA DELL UTENTE IN RETE GUIDA DELL UTENTE IN RETE Memorizza registro di stampa in rete Versione 0 ITA Definizione delle note Nella presente Guida dell'utente viene utilizzata la seguente icona: Le note spiegano come intervenire

Dettagli

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET Programmi Outlook Express Internet Explorer 72 DNS Poiché riferirsi a una risorsa (sia essa un host oppure l'indirizzo di posta elettronica di un utente) utilizzando un

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice Pagina 1 di 14 Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice servizi del livello trasporto multiplexing/demultiplexing trasporto senza connesione: UDP principi del trasferimento dati affidabile trasporto

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

R.Focardi Laboratorio di Ingegneria del Software 6. 1

R.Focardi Laboratorio di Ingegneria del Software 6. 1 Networking Java permette comunicazioni in rete basate sul concetto di socket, che permette di vedere la comunicazione in termini di flusso (stream), in modo analogo all input-output di file, usando Stream

Dettagli

AUTENTICAZIONE CON CERTIFICATI DIGITALI MOZILLA THUNDERBIRD

AUTENTICAZIONE CON CERTIFICATI DIGITALI MOZILLA THUNDERBIRD AUTENTICAZIONE CON CERTIFICATI DIGITALI MOZILLA THUNDERBIRD 1.1 Premessa Il presente documento è una guida rapida che può aiutare i clienti nella corretta configurazione del software MOZILLA THUNDERBIRD

Dettagli

DNS cache poisoning e Bind

DNS cache poisoning e Bind ICT Security n. 19, Gennaio 2004 p. 1 di 5 DNS cache poisoning e Bind Il Domain Name System è fondamentale per l'accesso a internet in quanto risolve i nomi degli host nei corrispondenti numeri IP. Se

Dettagli

INDICE. 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3. 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10. 3. Come acquistare on line Pag. 14

INDICE. 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3. 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10. 3. Come acquistare on line Pag. 14 INDICE Carte Prepagate istruzioni per l uso 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10 3. Come acquistare on line Pag. 14 4. Come creare il 3D security Pag. 16 5. Collegamento

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità Zucchetti Software Giuridico srl - Viale della Scienza 9/11 36100 Vicenza tel 0444 346211 info@fallco.it

Dettagli

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows Progettare network AirPort con Utility AirPort Mac OS X v10.5 + Windows 1 Indice Capitolo 1 3 Introduzione a AirPort 5 Configurare un dispositivo wireless Apple per l accesso a Internet tramite Utility

Dettagli

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1 Glossario... 3 2 Presentazione... 4 3 Quando procedere al ripristino

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

Altri cifrari a blocchi

Altri cifrari a blocchi Altri cifrari a blocchi Barbara Masucci Dipartimento di Informatica ed Applicazioni Università di Salerno masucci@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/masucci RC2 [1989] IDEA (International

Dettagli

Procedura accesso e gestione Posta Certificata OlimonTel PEC

Procedura accesso e gestione Posta Certificata OlimonTel PEC Procedura accesso e gestione Posta Certificata OlimonTel PEC Informazioni sul documento Revisioni 06/06/2011 Andrea De Bruno V 1.0 1 Scopo del documento Scopo del presente documento è quello di illustrare

Dettagli

Comoda, sicura, conveniente. Legale.

Comoda, sicura, conveniente. Legale. Comoda, sicura, conveniente. Legale. 80.000 caselle attivate. E voi, cosa aspettate? InfoCert è il più importante gestore di Posta Elettronica Certificata. Legalmail è il servizio pensato per professionisti,

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli