I corridoi controllati e lo sdoganamento in mare: un opportunità per il sistema marittimo, portuale e logistico italiano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I corridoi controllati e lo sdoganamento in mare: un opportunità per il sistema marittimo, portuale e logistico italiano"

Transcript

1 SMART PORT Progetti all avanguardia e standard emergenti per lo sviluppo competitivo dei porti e la sicurezza del lavoro I corridoi controllati e lo sdoganamento in mare: un opportunità per il sistema marittimo, portuale e logistico italiano Forum internazionale Innovazione e cooperazione per lo sviluppo del cluster marittimo del Mediterraneo Napoli, 26 giugno 2014

2 La banchina Italia per rilanciare il sistema Paese Seamless supply chain per rispondere in modo rapido, efficiente ed efficace ai cambiamenti del mercato e alle sfide della globalizzazione STRENGTHS I punti di forza L'Italia ha una posizione geografica strategica 8000 km di coste per una piattaforma logistica naturale S WEAKNESSES - Punti di debolezza un offerta portuale frammentata THREATS Le minacce Normative e processi di business non coerenti T O W OPPPORTUNITIES Le opportunità Fare gioco di squadra per integrare i processi e ridurre i tempi in tutte le fasi della catena logistica cosa hanno fatto le dogane Copyright

3 Ciclo di import/export - la dogana è solo un anello della catena Soluzione: processi condivisi con un mare di attori BANCHINA PIAZZALE VARCO Agente marittimo Pilota di bordo Terminalista Agenzia delle Dogane Polizia di frontiera Spedizioniere doganale Capitaneria di Porto Ormeggiatore Gruista di banchina Guardia di Finanza Carabinieri Gestore magazzini Autorità Portuale Servizi tecnico nautici Gruista di piazzale Sanità marittima e veterinaria portuale Altri operatori portuali Vettore ferroviario Vigili del Fuoco Servizi di sorveglianza Guardia ai fuochi 3 OGA Integratore di sistemi Logistici (MTO) Vettore su strada

4 Il sistema informativo AIDA: declinazione di ecustoms Punti di forza: Telematizzazione e parallela reingegnerizzazione dei processi di servizio e delle attività correlate per modellarli sulle opportunità di semplificazione derivanti dall ICT Reingegnerizzazione basata sull approccio single-window/one-stop-shop (integrazione dei processi ed unificazione dei controlli) Fruibilità dei servizi telematici formazione/informazione on line costante ascolto via web delle imprese per la rilevazione dei fabbisogni e la misurazione dell efficacia dell azione Accesso telematico generalizzato ai servizi erogati ed alle informazioni gestite 4

5 AIDA: un sistema interattivo che collega operatori ed enti Dogane Accise P.A. Governo Laboratori chimici Direzioni Regionali ELABORAZIONE REPORTS Altri enti EDI INFO INFO knowledge E-learning INFO Dialoga con organismi nazionali e comunitari. Le informazioni desunte dai processi doganali sono messe a disposizione via rete agli enti interessati o competenti. Qualità e quantità delle merci, valore, modalità di trasporto, paesi/province di provenienza e di destinazione, sono alcuni dei dati acquisiti e utilizzati per il monitoraggio e l analisi dei flussi commerciali. Ditte Operatori Utenti sdoganamento on-line in cui sono integrati i controlli Partners europei Dogane EU interoperabilità secondo paradigma Single window e One stop shop

6 Tracciabilità documentale full digital Completata la digitalizzazione delle dichiarazioni doganali Completata la telematizzazione dei manifesti merci, trasformando in opportunità i vincoli imposti dal c.d. emendamento sicurezza ENS NA Entry Notifica MMA Manifesto TS CD Temporanea Summary di Merci Custodia Declaration Arrivo Arrivate Dichiarazione Doganale MMA + NA + TS ENS - ITEM ENS Record di apertura (A), dichiarato l entry key della ENS Record merce in sbarco (B), riportato l MRN - ITEM della ENS MMA ITEM Campo 40 del DAU (Documento Amministrativo Unico) riporta Dichiarazione sommaria/documenti precedenti Dichiarazione doganale 6

7 KPI in AIDA Key Performance Indicator per misurare la completa digitalizzazione del processo Nel 2013 il 96,82% delle dichiarazioni doganali (oltre 15 milioni) è stato svincolato dal Circuito di Controllo Automatizzato in un tempo compreso tra 12 secondi e 5 minuti migliorando allo stesso tempo l efficacia dei controlli nell 82,47% dei casi le operazioni di import/export vengono effettuate in procedura domiciliata/semplificata, vale a dire senza la necessità di presentare fisicamente le merci in dogana AEO only NO-STOP CUSTOMS Nota n del 22/6/012: sdoganamento telematico in procedura domiciliata per export tutti i giorni dalle 1.00 alle (H23) 7

8 emanifest nei Porti: già una realtà in Italia

9 Qual è il tempo "complessivo" di sdoganamento? In assenza di efficace coordinamento i costi della frammentazione ricadono sulle imprese e la colpa sulle dogane Azione prioritaria del Piano nazionale della logistica Ministero dello Sviluppo Economico compatibilità elettromagnetica Ministero degli Esteri autorizzazione per armamenti marchi, qualità e sicurezza prodotti CITES Ministero delle Politiche Agricole e Forestali Ministero delle Infrastrutture e Trasporti omologazioni La Banca Mondiale ha stimato fino a 73 documenti per dichiarazione doganale, emessi da più di 20 enti In Italia fino a 68 documenti controlli in capo a 18 enti Ministero della Salute sanitari e veterinari 9

10 Single Window + OneStopShop = portale per l interoperabilità tra amministrazioni e con gli operatori https://aidaservizi.agenziadogane.it Portale per l interoperabilità SPCoop Ministero della Salute Altri Ministeri Le informazioni ottenute interagendo con il portale per l interoperabilità possono essere fruite anche attraverso lo scambio di messaggi XML via Web Services (System-To-System) Internet Operatore Economico AIDA Dichiarazione inviata telematicamente ERP Integrazione dei sistemi gestionali (ERP) degli operatori con il sistema doganale per ridurre costi e tempi di interazione 10

11 Punti di forza dello Sportello Unico Doganale - sezione Sportello Unico Doganale: Progettare e realizzare modelli di interoperabilità una regia di convergenza, metodo operativo per giungere nel breve periodo a sostanziali semplificazioni e riduzioni dei costi, attraverso una stretta collaborazione tra le Amministrazioni indirizzata ad una digitalizzazione coordinata ed integrata dei procedimenti di rispettiva competenza Risultati Drastica riduzione di tempi e costi per imprese e Pubblica Amministrazione One Stop Shop: controlli unificati, più efficaci ed efficienti basati sull analisi dei rischi 11

12 Doing Business 2013 Recupero di performance Grazie alla digitalizzazione dei processi doganali sono state recuperate quattro posizioni nell indicatore Trading across borders del rapporto Doing Business 2013 della Banca Mondiale (http://www.doingbusiness.org/data/exploreeconomies/italy) Doing Business 2014: trasmesso a Banca d Italia report sulle semplificazioni intervenute nel 2012, Sportello Unico compreso, digitalizzazione supply chain, 12

13 Il piano operativo dell' Agenzia delle dogane L Italia attrae correnti di traffico in misura non corrispondente alle potenzialità derivanti dalla sua posizione geografica strategica Nel breve periodo, a infrastrutture date, praticare soluzioni basate su infrastrutture immateriali per ridurre tempi e costi del CICLO IMPORT/EXPORT Istituito un tavolo tecnico fra Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e Comando Generale delle Capitanerie di Porto per il coordinamento delle iniziative finalizzate alla semplificazione del ciclo import export Come ridurre il time release complessivo Completa tracciabilità della merce inoltrata nella catena logistica (monitoraggio documentale delle merci) + Riuso coordinato delle piattaforme di monitoraggio nazionali dei mezzi di trasporto e dei sistemi territoriali - aeroporti/porti/interporti/autoporti- (monitoraggio fisico ) 13

14 . Direttiva 65/2010 : Non reinventare la ruota Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Capitanerie di porto NAVE Sportello Marittimo Direttiva 65/2010 (in attesa del DM) PMIS Manifesti FAL Sicurezza Info su Pre-clearing Rilascio nave (chiusura del MMP) Agenzia delle Dogane DPCM 242/2010 AIDA MERCE 18 AMMINISTRAZIONI Adempimenti demandati alla varie autorità nazionali dalla regolamentazione ONCE Info nave IMO/FAL Altre formalità ENS/EXS Cargo Manifest Import/Export NSW - EU Directive 2010/65 Operatori Economici Adempimenti demandati alla autorità doganale dalla regolamentazione dell Unione 14

15 . Direttiva 65/2010 : Non reinventare la ruota FAL Sportello Sportelli in rete integrazione Marittimodei processi, razionalizzazione dei flussi Direttiva 65/2010 informativi per ridurre adempimenti (in attesa del DM) DPCM 242/2010 PMIS Gioco Info su Pre-clearing di squadra AIDA Rilascio nave (chiusura Per il progetto dell Unione ems (electronic Maritime del MMP) MERCE Simplification) avviata collaborazione con Comando Generale Capitanerie di Porto predisposizione di un Master Plan for the Maritime Single Window ENS/EXS NAVE Adempimenti demandati alla varie autorità nazionali dalla regolamentazione ONCE Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Capitanerie di porto Info nave IMO/FAL Altre formalità Manifesti Sicurezza Cargo Manifest Import/Export NSW - EU Directive 2010/65 Operatori Economici Agenzia delle Dogane 18 AMMINISTRAZIONI Adempimenti demandati alla autorità doganale dalla regolamentazione dell Unione 15

16 Sdoganamento in mare: riduzione del time release Le dichiarazioni doganali possono essere depositate SOLO se la Capitaneria assicura di avere la nave sotto controllo La Capitaneria segnala deviazioni per evitare sbarchi non autorizzati o manomissione delle merci Grazie alla Sportello Unico Doganale, la Dogana e altre Amministrazioni possono anticipare l'analisi dei rischi in modo da avere tempi per lo svincolo minori o nel caso, indirizzare le merci alle aree per l ispezione fisica Stato delle attivazioni Attivo Genova La Spezia In via di attivazione Venezia Ravenna Napoli Civitavecchia Livorno

17 Lo sdoganamento in mare: l integrazione con le Capitanerie di porto Capitaneria di Porto Agenzia delle Dogane Responsabile Manifesto Operatore economico T0 - la nave lascia l ultimo porto che precede l approdo T1 Inizio monitoraggio della nave da parte dei sistemi della Capitaneria di Porto Invio degli estremi del manifesto in corso di composizione utili all identificazione della nave da monitorare La capitaneria di porto comunica l acquisizione del monitoraggio della nave con i propri sistemi Manifesto NON convalidabile Comunica volontà di effettuare sdoganamento in mare indicando il numero del manifesto in corso di composizione L Agenzia delle Dogane rende convalidabile il manifesto Passaggio stato X >> I L operatore convalida il manifesto e conosce lo stato delle partite di temporanea custodia (A3). Se dichiarabili presenta la dichiarazione con il riferimento a tali partite T2 - Ingresso in porto fine del monitoraggio La capitaneria di porto comunica la fine del monitoraggio coincidente con la presentazione della nave alle ostruzioni portuali, ecc. La Dogana e il gestore TC conoscono la destinazione (terminal container o magazzino di temporanea custodia) e lo stato dei container (partite A3) prima dello sbarco Le merci scaricate sono immediatamente indirizzabili ai controlli o al dryport o all uscita (svincolate) Istruzioni per l attivazione sperimentale dello sdoganamento in mare diramata con nota n dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli del 25 ottobre 2013 Sperimentazione in corso presso 17 i porti di Genova e La Spezia

18 Risultati dopo i primi mesi di sperimentazione TEMPI CERTI per pianificare le operazioni di movimentazione e trasferimento intermodale dei container RIDUZIONE DI COSTI E TEMPI grazie ad una riduzione del dwell time - a La Spezia da 5,5 a 3,5 giorni - a Genova da 5 a 4 giorni

19 Prime valutazioni sullo sdoganamento in mare Fruibilità della procedura Piena soddisfazione di importatori e intermediari Miglioramento del ciclo di sbarco conoscendo in anticipo se la merce è svincolata o soggetta ad un controllo i contenitori possono essere immediatamente indirizzati all uscita o alle aree di verifica Riduzione dei tempi di permanenza dei contenitori in porto Tempo di sdoganamento (Time Release) negativo per i contenitori svincolati Aumento competitività della portualità nazionale 19

20 Anche per il transito lo sdoganamento in mare Regime all importazione, inclusa l introduzione in deposito 63077/RU del 16/06/2014 Attivazione sperimentale della procedura di sdoganamento in mare. Integrazioni a seguito dei primi risultati della sperimentazione operativa in corso In procedura ordinaria e domiciliata Messaggio IM Indicare nel campo 15 Preclearing il valore 1 Inserire la dicitura SDOGANAMENTO IN MARE nella casella 31 Riportare gli estremi della partita A/3 generata dal MMA nella casella 40 delle dichiarazioni doganali di esito Regime di transito per le merci in ingresso In procedura ordinaria e domiciliata Messaggio ET Indicare il codice di nomenclatura combinata delle merci Inserire la dicitura SDOGANAMENTO IN MARE nella casella 31 Riportare gli estremi della partita A/3 generata dal MMA nella casella 40 Per le dichiarazioni di Transito, con tale indicazione, il dichiarante attesta che per tali merci non è richiesto il controllo di altri Presidi che intervengono nell attività di sdoganamento o attesta che per le medesime i richiamati Presidi provvedono al rilascio del Nulla Osta astenendosi dalla verifica fisica della merce. 20

21 Sdoganamento in mare: miglioramenti effettuati Nuovo messaggio di risposta IRISP con stato del manifesto X o I al fine di rendere noto il momento dal quale è possibile inviare il record Z di chiusura/convalida del MMA. Ogni variazione intervenuta nello stato del manifesto genererà un nuovo messaggio IRISP. Registrazione del momento esatto (ore e minuti) di apertura, chiusura del manifesto e di convalida della partita di A3. aspetti in corso di valutazione Superamento vincolo di destinazione diretta della nave (sono noti esiti controlli Safety&Security e controlli doganali) - apposizione di sigilli RFID a container FROB - Foreign Remaining On Board Cargo (caricati su navi con scali intermedi), sigilli RFID necessari per i super fast corridor ). 21

22 Punti di riferimento sul territorio Potenziati i presidi presso le dogane operative Presso ogni ufficio il cluster marittimo può fare riferimento alla task force costituita per lo Sportello Unico Contatto diretto e tempestivo in loco per la risoluzione di eventuali criticità 22

23 Verso un time release negativo: la testimonianza dei corrieri aerei Nota prot. n del 14/7/2009 inerente la procedura semplificata per la presentazione anticipata delle dichiarazioni Nota prot. n del 23 dicembre 2010 Pre-clearing in volo. Nuove regole sulla presentazione delle dichiarazioni doganali di importazione relative a merci spedite per via aerea. Modalità operative per talune categorie di operatori Da 3 giorni a 7 ore circa il 70% del tempo risparmiato assicurando Safety&Security 23

24 Le innovazioni per l efficienza della supply chain La disponibilità anticipata dei dati dei manifesti di carico e delle informazioni di sicurezza, costituisce prerequisito essenziale per dar corso ad ulteriori innovazioni tecnologiche e procedurali Espandere le frontiere tecnologiche grazie all etracking (GPS, RFid, etc.) come valore aggiunto Sportello Unico Doganale Sdoganamento in mare Digitalizzazione della supply chain 24

25 Infrastrutture immateriali convergenza, integrazione, riuso Sviluppare infrastrutture immateriali che implicano investimenti contenuti e la possibilità di cogliere nel brevissimo periodo notevoli benefici Condividere processi informatici standardizzati che facilitino la diffusione delle conoscenze sulle regole (drastica riduzione dei costi di transazione derivanti dall incertezza procedurale), sulle opportunità aperte e stimolino l investimento in innovazione

26 Velocizzazione/razionalizzazione del ciclo portuale: riuso dei sistemi di sicurezza portuali e integrazione con i Port Community System per tracciabilità e controllo a 360 Varco d accesso area portuale Accesso all area doganale Imbarco Ingresso all area portuale Il mezzo di trasporto o container viene sottoposto al controllo di sicurezza tramite: controllo manuale telecamere lettori RFId Acquisizione automatica delle informazioni associate: - al veicolo (lettura della TARGA) - allo stato doganale delle merci trasportate (container) PCS Dogana Verifica automatica di: stato degli adempimenti doganali ammissibilità dei documenti Terminal Adempimenti doganali Dogana Instrada in tempo reale il container all imbarco, al terminal o alle formalità doganali UIRNet 26

27 Il Trovatore : giocare d anticipo Nel quadro delle iniziative per rilanciare la competitività del sistema logistico nazionale il Trovatore individua processi innovativi supportati da tecnologie RFId (Radio-Frequency Identification) per la suggellatura dei container; la verifica a distanza delle merci dallo sbarco a destinazione; l ottimizzazione della catena logistica Siglato ad agosto 2008 un accordo di collaborazione con il Joint Research Center (Centro Comune di Ricerca) della Commissione europea, per definire standard per RFID e processi per la tracciabilità e rintracciabilità delle merci. L accordo è in fase di rinnovo ed ampliamento. Accordo con JRC necessario per la certificazione comunitaria delle soluzioni individuate. Tracciabilità e rintracciabilità a tutto campo Siglato a marzo 2009 un accordo con UIRNet S.p.A. per sviluppare una rete informatica di controllo e monitoraggio della movimentazione della merce per l import (dallo sbarco alla destinazione finale) e per l export (dal luogo di carico all imbarco. DIGITALIZZAZIONE DELLA SUPPLY-CHAIN Sviluppare politiche di attrazione sfruttando il ruolo di apripista nell ambito della dogana elettronica paneuropea: realizzare infrastrutture immateriali per disporre di una piattaforma logistica virtualmente illimitata; estendere la rete di controllo oltre i confini comunitari x favorire lo sviluppo di nuove rotte commerciali 27

28 Dai corridoi controllati ai Fast Corridor per EXPO Corridoio Controllato per il monitoraggio fisico e documentale delle merci percorso - dall area portuale (porto di sbarco/imbarco) ad un nodo logistico autorizzato (luogo di destinazione/partenza) - dei mezzi adibiti al trasporto delle le merci destinate ad EXPO controllati da una piattaforma logistica e/o software Collegamento su strada con veicolo monitorato dalla piattaforma UIRNet Collegamento ferroviario treni navetta In corso studio per interoperabilità con la Piattaforma Logistica Integrata (PIL) di Ferrovie dello Stato Adempimenti documentali sostituiti da monitoraggio fisico

29 Elementi tecnici operativi per la Banchina lunga/lunghissima Presentazione del manifesto Intervento dell autorità doganale nel porto Arrivo della nave e scarico delle merci Responsabile MMA Trasmette il manifesto indicando il codice del magazzino di TC presso il dryport e segnalando che le merce è destinata ad EXPO Convalida il manifesto (Trasmette record di chiusura Z): le partite A3 diventano dichiarabili Monitora lo stato delle A3 per eventuali controlli sicurezza COLLOQUIO GESTORI TC REQUISITO IMPRESCINDIBILE AIDA Agenzia delle Dogane Registrazione della presa in carico delle A3 nel magazzino di TC di destinazione Effettua nel porto gli eventuali controlli Safety&Security (Common Risk Criteria) Arrivo a destinazione Terminalista dryport Monitora le A3 di propria competenza grazie al colloquio Gestori TC Scarico delle merci da treno o camion per introdurle nel magazzino Verifica eventuali segnalazioni di anomalie del percorso lungo il corridoio controllato Usa il Colloquio Gestori TC per registrare le merci che entrano in magazzino 29 Terminalista portuale Fast corridor Vettore Agenzia delle Dogane Gestore Piattaforma Logistica Inoltro delle merci nel corridoio controllato con: - camion (UIRNET) - treno navetta Il sistema informativo AIDA registra l uscita dall area portuale e monitora il mezzo di trasporto

30 Elementi tecnici operativi per il corridoio controllato porto - dryport Invio della dichiarazione - tracciato IM Analisi dei rischi Circuito di Controllo Doganale Operatore chiede l autorizzazione all uscita dagli spazi doganali Operatore AEO che opera in domiciliata Trasmette la dichiarazione tracciato IM indicando il luogo autorizzato dove vuole che sia effettuata la visita delle merci (campo 30.1 del nuovo tracciato IM) ed evidenziando che le merci sono destinate ad EXPO Arrivo a l luogo di visita Terminalista dryport Scarico delle merci da treno o camion per introdurle nel luogo domiciliato per la visita doganale AIDA Il sistema AIDA comunica - all operatore se la merce è svincolabile o non vincolabile - al funzionario l esito del circuito doganale di controllo Fast corridor Operatore AEO che opera in domiciliata Se la dichiarazione è esitata VM dal CDC avvia l iter per la movimentazione presso il luogo domiciliato esterno al porto Vettore Agenzia delle Dogane Gestore Piattaforma Logistica Inoltro delle merci nel corridoio controllato con: - camion (UIRNET) - treno navetta Il sistema informativo AIDA registra l uscita dall area portuale e monitora il mezzo di trasporto Verifica eventuali segnalazioni di anomalie del percorso lungo il corridoio controllato 70372/RU del 24 giugno

31 Reg. (UE) 1315/ orientamenti dell'unione per lo sviluppo della rete transeuropea dei trasporti Art. 46 Governance dei corridoi della rete centrale 1. Per ciascun corridoio della rete centrale il coordinatore europeo competente, è assistito nell'espletamento dei suoi compiti relativi al piano di lavoro e alla sua attuazione da un segretariato e da un forum consultivo (in seguito denominato "Forum del corridoio"). D'intesa con gli Stati membri interessati, il Forum del corridoio è istituito e presieduto dal coordinatore europeo. Gli Stati membri interessati convengono sulla composizione del Forum del corridoio per la parte che li concerne del corridoio della rete centrale. 2. Con l'accordo degli Stati membri interessati il coordinatore può istituire e presiedere gruppi di lavoro relativi ai corridoi incentrati su: a) integrazione modale, b) interoperabilità, c) sviluppo coordinato dell'infrastruttura nelle tratte transfrontaliere. "interoperabilità": la capacità, comprese tutte le condizioni regolamentari, tecniche e operative, dell'infrastruttura di un modo di trasporto di consentire i flussi di traffico sicuri e ininterrotti, atti a conseguire i livelli di rendimento richiesti per detta infrastruttura o modo; 31

32 Progetti finanziati dalla Commissione Europea: verso corridoi efficienti ed sicuri Individuare modelli di business per migliorare l'intermodalità e l'integrazione dei processi tra i diversi soggetti coinvolti nella catena logistica e nel momento doganale al fine di semplificare le procedure e ridurre tempi e costi Altre collaborazioni: Tiger, MedNet, Miele Contain Progetto in corso Realizzazione di un sistema europeo per la sorveglianza dei container rispetto a vincoli normativi e standard tecnologici ed individuazione di nuovi modelli di business e di gestione della sicurezza dei container WIDERMOS B2MOS ANNA Kick off in novembre 2013 Soluzioni innovative per migliorare la catena logistica Safety & Security Sostenibilità ambientale Governance dei corridoi TEN-T e Mos Reti intermodali efficienti Interoperabilità e Cooperazione per i corridoi controllati Monitoraggio documentale e fisico (identificazione dei container, antieffrazione e monitoraggio dei mezzi di trasporto) 32

33 Dagli sviluppi verticali all integrazione orizzontale realizzare l infrastruttura centrale di interscambio tra i sistemi di monitoraggio nazionale del traffico navale (PMIS/VTS), del traffico ferroviario (PIL) e della Piattaforma per la rete logistica nazionale (PLN) Interscambio di dati e servizi tra le piattaforme logistiche di rilevanza nazionale & le piattaforme logistiche territoriali con riduzione di tempi e costi della logistica Vettori SISTRI Piattaforma Integrata della Logistica - PIL AIDA PCS PMIS/VTS UIRNet - Piattaforma Logistica Nazionale 33

34 Soluzione: condividere i processi e soluzioni innovative per monitorare i container (tracking& tracing) Standard europei per definire l interoperabilità di processi, applicazioni, piattaforme, tecnologie e-seals elementi chiave per - attuare una global supply chain per integrare e agevolare lo scambio delle informazioni - semplificare lo sdoganamento e il flusso dei veicoli 34

35 Grazie per l attenzione!

Gioco di squadra e infrastrutture immateriali per la competitività portuale

Gioco di squadra e infrastrutture immateriali per la competitività portuale Gioco di squadra e infrastrutture immateriali per la competitività portuale Incontro informativo e ricognitivo delle esigenze delle Autorità Portuali Roma, 8 febbraio 2013 Teresa Alvaro Fruibilità Agenda

Dettagli

La declinazione dell Agenda Digitale in Dogana

La declinazione dell Agenda Digitale in Dogana La declinazione dell Agenda Digitale in Dogana L impresa sociale, nelle nuvole e senza carta: norme ed opportunità Torino, 23 Novembre 2012 Teresa Alvaro Direttore Centrale Tecnologie per l Innovazione

Dettagli

Processi digitali: le novità dalla Dogana

Processi digitali: le novità dalla Dogana Processi digitali: le novità dalla Dogana ICT & PMI: senza carta con le nuove norme Torino, 25 Novembre 2011 Teresa Alvaro Alessandro Di Sipio Agenda: Aida e la strategia dell Agenzia delle Dogane Il fascicolo

Dettagli

e p. c. DIREZIONE CENTRALE TECNOLOGIE PER L INNOVAZIONE Ufficio integrazione applicativa

e p. c. DIREZIONE CENTRALE TECNOLOGIE PER L INNOVAZIONE Ufficio integrazione applicativa Roma, 16/06/2014 Protocollo: 63077 / RU Rif.: 121784/RU Allegati: 1 Alle Direzioni Regionali ed Interregionali delle Dogane e Interprovinciale delle Dogane Al Servizio Processi Automatizzati - dei Distretti

Dettagli

La dogana digitale: ultime novità

La dogana digitale: ultime novità La dogana digitale: ultime novità Torino, 26 Novembre 2010 Teresa Alvaro Direttore Centrale Tecnologie per l Innovazione Agenda: AIDA Le dichiarazioni Intra Trade facilitation e Sportello Unico 1 gennaio

Dettagli

6ª riunione del Comitato di Coordinamento per l attuazione dello Sportello unico doganale

6ª riunione del Comitato di Coordinamento per l attuazione dello Sportello unico doganale 6ª riunione del Comitato di Coordinamento per l attuazione dello Sportello unico doganale Iniziative per EXPO 2015 Stato dell arte sportello unico doganale Teresa Alvaro Direttore Centrale Tecnologie per

Dettagli

Roma, 5 maggio 2015. Alle Direzioni Regionali ed Interregionali delle Dogane e Interprovinciale delle Dogane

Roma, 5 maggio 2015. Alle Direzioni Regionali ed Interregionali delle Dogane e Interprovinciale delle Dogane Roma, 5 maggio 2015 Protocollo: 53313/RU Alle Direzioni Regionali ed Interregionali delle Dogane e Interprovinciale delle Dogane Rif.: Allegati:1 Al Servizio Processi Automatizzati - dei Distretti - presso

Dettagli

Al SAISA. Alla SOGEI. DIREZIONE CENTRALE TECNOLOGIE PER L INNOVAZIONE Ufficio integrazione applicativa

Al SAISA. Alla SOGEI. DIREZIONE CENTRALE TECNOLOGIE PER L INNOVAZIONE Ufficio integrazione applicativa Roma, 9 maggio 2014 Protocollo: 10186 / RU Rif.: Allegati: Ai Componenti del tavolo tecnico e-customs Ai Componenti del tavolo Digitalizzazione accise Alle Direzioni Interregionali, Regionali e Interprovinciale

Dettagli

Al SAISA. Alla SOGEI. DIREZIONE CENTRALE TECNOLOGIE PER L INNOVAZIONE Ufficio integrazione applicativa

Al SAISA. Alla SOGEI. DIREZIONE CENTRALE TECNOLOGIE PER L INNOVAZIONE Ufficio integrazione applicativa Roma, 25 marzo 2015 Protocollo: 37066 / RU Rif.: Allegati: 3 Ai Componenti del tavolo tecnico e-customs Ai Componenti del tavolo Digitalizzazione accise Alle Direzioni Interregionali, Regionali e Interprovinciale

Dettagli

Infrastrutture immateriali e gioco di squadra

Infrastrutture immateriali e gioco di squadra Infrastrutture immateriali e gioco di squadra Roma, 29 novembre 2012 Rosa Trinchese Ufficio Integrazione Applicativa Agenda Le ultime novità Sportello Unico Doganale Infrastrutture e interoperabilità 2

Dettagli

Istruzioni per l attivazione dell interoperabilità con il Ministero della Salute.

Istruzioni per l attivazione dell interoperabilità con il Ministero della Salute. Roma, 6 dicembre 2013 Prot. 142192/RU Rif.: Allegati: 1 Alle Direzioni Regionali ed Interregionali delle Dogane Alle Direzioni Provinciali di Trento e Bolzano Al Servizio Processi Automatizzati - dei Distretti

Dettagli

TIGER PROJECT GENOA FAST CORRIDOR. Port & Shipping Tech. Genova, 29 Novembre. Luca Abatello Genoa Fast Corridor Technical Coordinator CEO, Circle Srl

TIGER PROJECT GENOA FAST CORRIDOR. Port & Shipping Tech. Genova, 29 Novembre. Luca Abatello Genoa Fast Corridor Technical Coordinator CEO, Circle Srl TIGER PROJECT GENOA FAST CORRIDOR Port & Shipping Tech Genova, 29 Novembre Luca Abatello Genoa Fast Corridor Technical Coordinator CEO, Circle Srl Agenda Dove siamo arrivati Prossimi passi Full scale demonstrator

Dettagli

Infrastrutture immateriali per la competitività portuale

Infrastrutture immateriali per la competitività portuale Infrastrutture immateriali per la competitività portuale La Spezia, 1 marzo 2012 Teresa Alvaro Direttore Centrale Tecnologie per l Innovazione Agenda Lo scenario comunitario e la declinazione nazionale:

Dettagli

Convegno Smart Port & Logistics. UIRNet e il Corridoio Controllato Doganale Intervento Prof. Ing. De Dominicis

Convegno Smart Port & Logistics. UIRNet e il Corridoio Controllato Doganale Intervento Prof. Ing. De Dominicis Convegno Smart Port & Logistics UIRNet e il Corridoio Controllato Doganale Intervento Prof. Ing. De Dominicis 17 Settembre 2015 0 INTERAZIONE DI SISTEMA PCS UIRNet e la Piattaforma Logistica Nazionale

Dettagli

Roma, 13 aprile 2015. Alle Direzioni Regionali ed Interregionali delle Dogane e Interprovinciale delle Dogane

Roma, 13 aprile 2015. Alle Direzioni Regionali ed Interregionali delle Dogane e Interprovinciale delle Dogane Roma, 13 aprile 2015 Protocollo: Rif.: Allegati:3 44053 /RU Alle Direzioni Regionali ed Interregionali delle Dogane e Interprovinciale delle Dogane Al Servizio Processi Automatizzati - Dei Distretti -

Dettagli

Prototipo di Sportello Unico Marittimo e proposte di integrazione con il PCS GAIA

Prototipo di Sportello Unico Marittimo e proposte di integrazione con il PCS GAIA Prototipo di Sportello Unico Marittimo e proposte di integrazione con il PCS GAIA Mario Mega Dirigente Autorità Portuale di Bari BARI, 28 Maggio 2014 project partners IL PROTOTIPO DI NATIONAL MARITIME

Dettagli

P r o v i d i n g S o l u t i o n s

P r o v i d i n g S o l u t i o n s P r o v i d i n g S o l u t i o n s Un approccio per la gestione delle informazioni a supporto dei nodi logistici e dei sistemi logistici integrati Gianni Vottero Program Manager Divisione Transportation

Dettagli

PORT COMMUNITY SYSTEM

PORT COMMUNITY SYSTEM PORT COMMUNITY SYSTEM NATIONAL MARITIME SINGLE WINDOW > SHIP SINGLE WINDOW PORT COMMUNITY SYSTEM > CARGO SINGLE WINDOW Comando nave Armatore Agente Marittimo Spedizioniere ecustoms Polizia di Frontiera

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA. Audizione del Direttore dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Giuseppe Peleggi

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA. Audizione del Direttore dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Giuseppe Peleggi COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA Audizione del Direttore dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Giuseppe Peleggi Roma, 5 marzo 2014 Indice Premessa... 1 Il percorso nazionale

Dettagli

A.I.D.A. PROGETTO CARGO. Colloquio Gestori T.C. Automazione Integrata Dogane Accise. Direzione Centrale Tecnologie per l Innovazione.

A.I.D.A. PROGETTO CARGO. Colloquio Gestori T.C. Automazione Integrata Dogane Accise. Direzione Centrale Tecnologie per l Innovazione. A.I.D.A. Automazione Integrata Dogane Accise PROGETTO CARGO Colloquio Gestori T.C. 11 ottobre 2010 Direzione Centrale Tecnologie per l Innovazione COLLOQUIO GESTORI T.C. VERSIONE 1 (in esercizio dal 18

Dettagli

OGGETTO: 133/IE = Digitalizzazione dichiarazioni doganali. Novita dal 27 Novembre 2012.

OGGETTO: 133/IE = Digitalizzazione dichiarazioni doganali. Novita dal 27 Novembre 2012. OGGETTO: 133/IE = Digitalizzazione dichiarazioni doganali. Novita dal 27 Novembre 2012. Con la circolare 16/d del 12 novembre (in allegato) l'agenzia delle Dogane ha annunciato che dal 27 novembre 2012

Dettagli

LINEE GUIDA DOGANALI Versione 8 agosto 2014

LINEE GUIDA DOGANALI Versione 8 agosto 2014 LINEE GUIDA DOGANALI Versione 8 agosto 2014 SOMMARIO Glossario 4 Introduzione 6 1. Identificazione dei Partecipanti Ufficiali e Non Ufficiali 7 1.1 Attribuzione del codice EORI ai Partecipanti Ufficiali

Dettagli

Automazione e tracciabilità nella catena logistica intermodale: sistemi e procedure

Automazione e tracciabilità nella catena logistica intermodale: sistemi e procedure Automazione e tracciabilità nella catena logistica intermodale: sistemi e procedure 2009 CAP SpA Port & Shipping Tech Genova, 22 Novembre 2010 Agenda Nella prima edizione di P&ST abbiamo condiviso alcune

Dettagli

Roma, 27 dicembre 2010. Indirizzi omessi

Roma, 27 dicembre 2010. Indirizzi omessi Protocollo: 166163 Rif.: Allegati: 1 Roma, 27 dicembre 2010 Indirizzi omessi OGGETTO: Emendamento sicurezza al Codice Doganale Comunitario. Nuove funzionalità disponibili in A.I.D.A. relative ai progetti

Dettagli

SMART PORT I corridoi europei, doganali e marittimi da e verso l Europa

SMART PORT I corridoi europei, doganali e marittimi da e verso l Europa SMART PORT I corridoi europei, doganali e marittimi da e verso l Europa Progetto ARGES: attuazione della Direttiva Comunitaria 65/2010 sulla Maritime Single Window e rapporto con i Port Community System

Dettagli

MAIN CONFERENCE GENOA SHIPPING WEEK

MAIN CONFERENCE GENOA SHIPPING WEEK P r o v i d i n g S o l u t i o n s Forum Internazionale sull innovazione e la cooperazione per lo sviluppo del cluster marittimo del Mediterraneo MAIN CONFERENCE GENOA SHIPPING WEEK 2015 Mercoledì 16,

Dettagli

Emendamento sicurezza al Codice Doganale Comunitario.

Emendamento sicurezza al Codice Doganale Comunitario. Emendamento sicurezza al Codice Doganale Comunitario. Le novità dal 1 luglio 2011 e oltre Roma, 15 luglio 2011 Modifiche al Codice/DAC - Normativa di riferimento 1. Reg. CE 648/2005 Modifiche al codice

Dettagli

IL PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA Il «Sistema Mare»: una sfida, una risorsa ed un opportunità per l Italia

IL PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA Il «Sistema Mare»: una sfida, una risorsa ed un opportunità per l Italia IL PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA Il «Sistema Mare»: una sfida, una risorsa ed un opportunità per l Italia Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Pur se separata

Dettagli

LogIS Logistics Information System Il Port Community System di Venezia

LogIS Logistics Information System Il Port Community System di Venezia LogIS Logistics Information System Il Port Community System di Venezia 1 LogIS: il Port Community System di Venezia LogIS è il Port Community System del Porto di Venezia. Il sistema è una piattaforma informatica

Dettagli

Roma, 4 luglio 2015. Per la competitività e la ripresa economica del Paese serve un Sistema Mare che funzioni.

Roma, 4 luglio 2015. Per la competitività e la ripresa economica del Paese serve un Sistema Mare che funzioni. Roma, 4 luglio 2015 PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA: IL SISTEMA MARE, UNA RISORSA, UNA SFIDA ED UN OPPORTUNITÀ PER L ITALIA Per la competitività e la ripresa economica del

Dettagli

LogIS Logistics Information System Il Port Community System di Venezia. Autorità Portuale di Venezia - Direzione Pianificazione Strategica e Sviluppo

LogIS Logistics Information System Il Port Community System di Venezia. Autorità Portuale di Venezia - Direzione Pianificazione Strategica e Sviluppo LogIS Logistics Information System Il Port Community System di Venezia 1 LogIS: il Port Community System di Venezia LogIS è il Port Community System del Porto di Venezia. Il sistema è una piattaforma informatica

Dettagli

XEDI. www.multiconsult.com

XEDI. www.multiconsult.com 622222222222222222222222222222 XEDI Come semplificare i processi telematici di dichiarazione in ambito doganale www.multiconsult.com Sede Filiale Padova Filiale Roma Via Rombon 11 C.so del Popolo 16 Via

Dettagli

P r o v i d i n g S o l u t i o n s

P r o v i d i n g S o l u t i o n s P r o v i d i n g S o l u t i o n s Soluzioni ICT per l intermodalità ed i sistemi logistici integrati AlmavivA Soluzioni tecnologiche per innovare i processi operativi e migliorare i servizi 14 sedi in

Dettagli

Tavolo Tecnico del 9 dicembre 2010

Tavolo Tecnico del 9 dicembre 2010 1 PROGETTO EMCS Tavolo Tecnico del 9 dicembre 2010 ROMA Agenzia delle Dogane Sala Europa 2 Istruzioni Operative e Processi Telematici Stato dell arte del progetto EMCS Sperimentazione WEB-Services Richieste

Dettagli

Venice Port Authority. Porto di Venezia

Venice Port Authority. Porto di Venezia Porto di Venezia Localizzazione e aree di riferimento: Il valore socio economico: 1. Addetti Impiegati presso l Autorità Portuale 96 Addetti diretti presso aziende portuali e terminals 5.247 Addetti indotto

Dettagli

Roma, 5 agosto 2009. e.p.c. Alle Direzioni Regionali delle Dogane. Agli Uffici delle Dogane. All Ufficio Antifrode Centrale

Roma, 5 agosto 2009. e.p.c. Alle Direzioni Regionali delle Dogane. Agli Uffici delle Dogane. All Ufficio Antifrode Centrale Roma, 5 agosto 2009 Protocollo: 63967 Rif.: 3677 del 25/05/2007 Allegati: 1 Alle Direzioni Regionali delle Dogane Agli Uffici delle Dogane All Ufficio Antifrode Centrale All Area Centrale Verifiche e Controlli

Dettagli

Verso la creazione di un prototipo di sportello unico marittimo (direttiva 65/2010/UE)

Verso la creazione di un prototipo di sportello unico marittimo (direttiva 65/2010/UE) Verso la creazione di un prototipo di sportello unico marittimo (direttiva 65/2010/UE) Mario Mega Dirigente Autorità Portuale di Bari ROMA, 9 Aprile 2014 project partners CONTESTO Con la DIRETTIVA 2010/65/UE

Dettagli

La sviluppo della macroarea Genova-Milano in funzione dell industria logistica del Nord Ovest

La sviluppo della macroarea Genova-Milano in funzione dell industria logistica del Nord Ovest Porti e La sviluppo della macroarea Genova-Milano in funzione dell industria logistica del Nord Ovest Riccardo Fuochi Presidente Propeller Port Club di Milano Genova 19 settembre 2013 Il Propeller Port

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/D. e p. c. Emendamento sicurezza al Codice Doganale Comunitario.

CIRCOLARE N. 20/D. e p. c. Emendamento sicurezza al Codice Doganale Comunitario. CIRCOLARE N. 20/D Roma, 30 giugno 2011 Protocollo: 77430 RU Alle Direzioni Regionali ed Interregionali delle Dogane Rif.: 166163 del 27 dicembre 2010; 14960 del 15 febbraio 2011 Alle Direzioni Provinciali

Dettagli

Risultati della sperimentazione operativa del prototipo di National Maritime Single Windows ARGES

Risultati della sperimentazione operativa del prototipo di National Maritime Single Windows ARGES Risultati della sperimentazione operativa del prototipo di National Maritime Single Windows ARGES Mario Mega Segretario Generale f.f. Autorità Portuale del Levante project partners ARGES CONTESTO DEL PROGETTO

Dettagli

Caratteristiche Applicabilità. Piattaforma Logistica

Caratteristiche Applicabilità. Piattaforma Logistica Caratteristiche Applicabilità Piattaforma Logistica Versione 2.0-2011 Azioni semplici o strutturate Risorse umane e materiali Tempi e Luoghi La Piattaforma WOLT è una soluzione progettata per rispondere

Dettagli

PORTO DI VENEZIA 2015/2030: IL DOMANI È OGGI. Paolo Costa Presidente Autorità Portuale di Venezia

PORTO DI VENEZIA 2015/2030: IL DOMANI È OGGI. Paolo Costa Presidente Autorità Portuale di Venezia PORTO DI VENEZIA 2015/2030: IL DOMANI È OGGI Paolo Costa Presidente Autorità Portuale di Venezia POTENZIALE INFRASTRUTTURALE DI PORTO MARGHERA 12 km di banchine attive; 163 accosti operativi; 135 km di

Dettagli

CONVENZIONE 2013-2015. Piano delle attività dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

CONVENZIONE 2013-2015. Piano delle attività dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli CONVENZIONE 2013-2015 Piano delle attività dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli 1 Il Piano dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli per il triennio 2013 2015 PREMESSA La novità più significativa che

Dettagli

USMAF Uffici di Sanità Marittima Aerea e di Frontiera

USMAF Uffici di Sanità Marittima Aerea e di Frontiera USMAF Uffici di Sanità Marittima Aerea e di Frontiera APPLICATIVO NSIS USMAF: Aggiornamento nuove implementazioni DGPRE Ufficio III Roma, 21 FEBBRAIO 2013 Applicativo NSIS-USMAF UTILITA - BENEFICI: Disponibilità

Dettagli

Allegati: Associazione delle Industrie del dolce e della Pasta Italiane aidepi@aidepi.it

Allegati: Associazione delle Industrie del dolce e della Pasta Italiane aidepi@aidepi.it Roma, 23 Marzo 2012 Protocollo: RU 27781 rif.: All Associazione Agenti Raccomandatari Mediatori Marittimi Agenti Aerei -AGENTI info@assagenti.it Allegati: Associazione delle Industrie del dolce e della

Dettagli

AGENZIA DELLE DOGANE E DEI MONOPOLI E DEI MONOPOLI IN PARTENARIATO CON UIRNET

AGENZIA DELLE DOGANE E DEI MONOPOLI E DEI MONOPOLI IN PARTENARIATO CON UIRNET AGENZIA DELLE DOGANE E DEI MONOPOLI E DEI MONOPOLI IN PARTENARIATO CON UIRNET PROCEDURA APERTA PER L APPALTO INTEGRAZIONE DEI SISTEMI INFRASTRUTTURALI DI SECURITY DELL AREA AMPIA DI GIOIA TAURO CON I SISTEMI

Dettagli

Le Soluzioni per il Traffico delle Merci

Le Soluzioni per il Traffico delle Merci Le Soluzioni per il Traffico delle Merci Il Sistema Informativo Integrato che risponde a tutte le esigenze del Trasporto e della Logistica Lo strumento necessario per: Autotrasportatori Completi Groupages

Dettagli

PMIS Port Management Information System

PMIS Port Management Information System PMIS Port Management Information System Architettura VTSL 2 Il sistema VTS Nella maggior parte delle installazioni il VTS è limitato ad un area portuale o ad una ben definita area di transito Il VTS italiano

Dettagli

UN VIAGGIO VERSO L ACCESSIBILITÀ

UN VIAGGIO VERSO L ACCESSIBILITÀ UN VIAGGIO VERSO L ACCESSIBILITÀ di Andrea Campagna Coordinatore tecnico-scientifico di progetto Project n 2S-MED11-29 Project co-funded by the European Regional Development Fund (ERDF) Dopo un anno dal

Dettagli

NEST Network Eur Netw opeo Servizi e T ork Eur r opeo Servizi e T asporto r

NEST Network Eur Netw opeo Servizi e T ork Eur r opeo Servizi e T asporto r NEST Network Europeo Servizi e Trasporto NEST, logistica a 360 gradi NEST (acronimo di: Network Europeo Servizi e Trasporto) si fonda sulla sottoscrizione di un Contratto di Rete d Imprese e si propone

Dettagli

Roma, 18 febbraio 2009. Alle Direzioni regionali LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI OGGETTO:

Roma, 18 febbraio 2009. Alle Direzioni regionali LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI OGGETTO: Roma, 18 febbraio 2009 Protocollo: 17619/RU Rif.: Allegati: Alle Direzioni regionali LORO SEDI Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI OGGETTO: Chiarimenti in merito all applicazione della deroga di cui all

Dettagli

ISTITUTO PRIMO LEVI SEREGNO

ISTITUTO PRIMO LEVI SEREGNO ISTITUTO PRIMO LEVI SEREGNO TRASPORTI E LOGISTICA Articolazione LOGISTICA Cos è la logistica Insieme delle attività organizzative, gestionali e strategiche che governano i flussi di materiali e delle relative

Dettagli

Audizione del Direttore dell Agenzia, Giuseppe Peleggi, presso la Commissioni Finanze - Camera dei Deputati esame del disegno di legge A. C.

Audizione del Direttore dell Agenzia, Giuseppe Peleggi, presso la Commissioni Finanze - Camera dei Deputati esame del disegno di legge A. C. Audizione del Direttore dell Agenzia, Giuseppe Peleggi, presso la Commissioni Finanze - Camera dei Deputati esame del disegno di legge A. C. 5291 Delega al Governo recante disposizioni per un sistema fiscale

Dettagli

Il ruolo delle dogane nel contesto dei traffici internazionali

Il ruolo delle dogane nel contesto dei traffici internazionali Il ruolo delle dogane nel contesto dei traffici internazionali Dott. Fabrizio Fantasia Torino, 17 ottobre 2013 1 In origine i compiti della Dogana erano: Protezione dell economia interna Riscossione di

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 TRASPORTI Processo Trasporto intermodale, logistica integrata e distribuzione Sequenza di processo

Dettagli

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 Piattaforma Tecnologica Nazionale Marittima PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 PROPOSTA DI Azioni Connesse sulle Tecnologie Marine {1} 4/09 L Italia e il Mare L Italia ha oltre 8.000 chilometri di coste ed una innata

Dettagli

All Associazione Agenti Raccomandatari Mediatori Marittimi Agenti Aerei - ASSOAGENTI info@assagenti.it

All Associazione Agenti Raccomandatari Mediatori Marittimi Agenti Aerei - ASSOAGENTI info@assagenti.it Roma, 31 dicembre 2010 Protocollo:156159/RU Rif.: Alle Direzioni Centrali Allegati: Agli Uffici Centrali LORO SEDI Al Servizio Autonomo Interventi nel Settore Agricolo SEDE Alle Direzioni Regionali delle

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

PROGRAMMA DI DETTAGLIO

PROGRAMMA DI DETTAGLIO PROGRAMMA DI DETTAGLIO 1 Contesto: Obiettivo specifico del corso per Spedizionieri è la formazione di una figura professionale in possesso delle competenze necessarie per operare nel settore dei Trasporti,

Dettagli

INTERPORTO DI BOLOGNA Moves the global logistics

INTERPORTO DI BOLOGNA Moves the global logistics INTERPORTO DI BOLOGNA Moves the global logistics La società Interporto Bologna Spa gestisce dal 1971 l Interporto di Bologna, una delle piattaforme logistiche ed intermodali più grandi in Europa. L Interporto

Dettagli

La Piattaforma Logistica Nazionale: I macroservizi offerti agli operatori nazionali della logistica e strategie future

La Piattaforma Logistica Nazionale: I macroservizi offerti agli operatori nazionali della logistica e strategie future La Piattaforma Logistica Nazionale: I macroservizi offerti agli operatori nazionali della logistica e strategie future 0 UIRNet vuole migliorare il sistema logistico perseguendo l integrazione info-telematica

Dettagli

Stato di Operatore Economico Autorizzato. Pre audit per la richiesta della certificazione AEO

Stato di Operatore Economico Autorizzato. Pre audit per la richiesta della certificazione AEO Avv. Danilo Desiderio International Trade & Customs Regulation Piazza Garibaldi, 12/B 83100 Avellino (AV) - Italy Tel./Fax. 00.39.0825.26813 email: d.desiderio@ddcustomslaw.com web site: www.ddcustomslaw.com

Dettagli

G. Trasporti, Telecomunicazioni ed Energia

G. Trasporti, Telecomunicazioni ed Energia G. Allo scopo di rafforzare la competitività, la crescita e l occupazione dell UE, e nel quadro della revisione di medio termine della Strategia Europa 2020, il ruolo delle tecnologie digitali, dell energia

Dettagli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli **** Direzione Interregionale Puglia Molise e Basilicata Ufficio delle Dogane di Taranto. Taranto, 15 maggio 2015

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli **** Direzione Interregionale Puglia Molise e Basilicata Ufficio delle Dogane di Taranto. Taranto, 15 maggio 2015 Agenzia delle Dogane e dei Monopoli **** Direzione Interregionale Puglia Molise e Basilicata Ufficio delle Dogane di Taranto Taranto, 15 maggio 2015 Parleremo di: Sportello Unico Doganale - disciplina

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/D. Roma, 19 Gennaio 2015. Alle Direzioni Regionali, Interregionali e Interprovinciale LORO SEDI. Agli Uffici delle dogane LORO SEDI

CIRCOLARE N. 1/D. Roma, 19 Gennaio 2015. Alle Direzioni Regionali, Interregionali e Interprovinciale LORO SEDI. Agli Uffici delle dogane LORO SEDI CIRCOLARE N. 1/D Protocollo: Rif.: Allegati: 145541/R.U. Roma, 19 Gennaio 2015 Alle Direzioni Regionali, Interregionali e Interprovinciale LORO SEDI Agli Uffici delle dogane LORO SEDI e, p.c.: Agli Uffici

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso SIOS

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso SIOS Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso SIOS Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.4 Le opportunità per le imprese derivanti

Dettagli

Audizione informale del Direttore dell Agenzia delle Dogane Giuseppe Peleggi. presso la. Commissione Finanze e Tesoro Senato della Repubblica

Audizione informale del Direttore dell Agenzia delle Dogane Giuseppe Peleggi. presso la. Commissione Finanze e Tesoro Senato della Repubblica Audizione informale del Direttore dell Agenzia delle Dogane Giuseppe Peleggi presso la Commissione Finanze e Tesoro Senato della Repubblica Roma, 15 giugno 2011 INDICE Introduzione... 1 Il Personale e

Dettagli

Sistemi di Gestione dei DM Dr. M.Pani

Sistemi di Gestione dei DM Dr. M.Pani Sistemi di Gestione dei DM Dr. M.Pani La gestione dei Dispositivi Medici deve: garantire le necessità degli utilizzatori; assicurare la continuità nella fornitura del materiale secondo la programmazione

Dettagli

L FUTURO SBARCA A GENOVA

L FUTURO SBARCA A GENOVA N 1 - Marzo 2014 I L FUTURO SBARCA A GENOVA Assemblea Generale Sessione Congiunta Spediporto-Assagenti Si è tenuta lo scorso 31 Marzo la prima Assemblea Pubblica Congiunta Spediporto-Assagenti, ospitata

Dettagli

LOGISTIC MANAGER. STRUTTURA DEL PERCORSO: 700 ore di formazione d aula, 300 ore di stage e 3 mesi di Work Experience.

LOGISTIC MANAGER. STRUTTURA DEL PERCORSO: 700 ore di formazione d aula, 300 ore di stage e 3 mesi di Work Experience. LOGISTIC MANAGER. CONTESTO: La figura professionale Logistic Manager trova la sua collocazione in aziende operanti nell ambito del trasporto/logistica, di media/piccola o grande dimensione, in cui v è

Dettagli

IL BILANCIO DEL PTCP DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E LE POLITICHE DI SVILUPPO URBANO Bologna, 15 maggio 2013

IL BILANCIO DEL PTCP DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E LE POLITICHE DI SVILUPPO URBANO Bologna, 15 maggio 2013 IL BILANCIO DEL PTCP DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E LE POLITICHE DI SVILUPPO URBANO Bologna, 15 maggio 2013 3 area logistica 1.165.000 m 2 Futura espansione 1 area logistica 1.380.000 m 2 Corrieri e magazzini

Dettagli

Progetto di logistica integrata per la gestione di prodotti biomedicali e sanitari

Progetto di logistica integrata per la gestione di prodotti biomedicali e sanitari Progetto di logistica integrata per la gestione di prodotti biomedicali e sanitari Rif. Bando per i distretti e metadistretti produttivi della Regione Veneto Revisioni Versione Data versione Effettuata

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

LA LOGISTICA DELLE AUTO

LA LOGISTICA DELLE AUTO CORRIERI ZÜST AMBROSETTI LA LOGISTICA DELLE AUTO Il trasporto degli autoveicoli, analizzato attraverso il caso della Züst Ambrosetti, rappresenta uno dei primi esempi di specializzazione, nei mezzi e nelle

Dettagli

Progetto O.T.E.L.L.O. - Online Tax Refund at Exit: Light Lane Optimization.

Progetto O.T.E.L.L.O. - Online Tax Refund at Exit: Light Lane Optimization. Roma, 06/03/2015 Prot. 30144/RU Rif.: Allegati: 2 Ad Assaeroporti Alla Società Tax-Refund Service S.r.l. Alla Società Premier Tax free Italy S.r.l. Alla Società Global Blue Italia S.r.l. Alla Società Expo

Dettagli

XEDI TRASMISSIONI Come semplificare i processi di Dichiarazione in ambito doganale

XEDI TRASMISSIONI Come semplificare i processi di Dichiarazione in ambito doganale XEDI TRASMISSIONI Come semplificare i processi di Dichiarazione in ambito doganale C A RATTERISTICHE GENE R A L I : XEDI è un sistema costituito da diversi software/ tecnologie che dialogano e cooperano

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale MACRO DESCRIZIONE DEL PROGETTO In Italia l utilizzo integrato di tecnologie informatiche e telematiche nel mondo dei trasporti ha consentito, nel corso degli ultimi anni, di sviluppare sistemi per il monitoraggio

Dettagli

Agenda Digitale: questione tecnologica o solo culturale e organizzativa?

Agenda Digitale: questione tecnologica o solo culturale e organizzativa? Agenda Digitale: questione tecnologica o solo culturale e organizzativa? Paolo Donzelli DG Progetti strategici per l innovazione digitale Dipartimento per la Digitalizzazione della P.A. e l innovazione

Dettagli

La Piattaforma Logistica Nazionale I servizi e lo stato della realizzazione

La Piattaforma Logistica Nazionale I servizi e lo stato della realizzazione La Piattaforma Logistica Nazionale I servizi e lo stato della realizzazione Torino, 28 marzo 2012 0 UIRNet, come soggetto attuatore del MIT, sta realizzando l ITS nazionale di riferimento per il trasporto

Dettagli

Le applicazioni di telematica nel trasporto merci e logistica: la prospettiva delle aziende utenti

Le applicazioni di telematica nel trasporto merci e logistica: la prospettiva delle aziende utenti Le applicazioni di telematica nel trasporto merci e logistica: la prospettiva delle aziende utenti Osservatorio ITS School of Politecnico di Milano Alessandro Perego 14 Novembre 2007 L Osservatorio Intelligent

Dettagli

Disposizioni in materia di importazione di prodotti biologici.

Disposizioni in materia di importazione di prodotti biologici. CIRCOLARE N. 13/D Protocollo: 90565/RU Rif.: Allegati: 5 Roma, 2 agosto 2013 Alle Direzioni Interregionali, Regionali e Provinciali Agli Uffici delle Dogane Loro sedi e, p.c. Alla Direzione Centrale Gestione

Dettagli

Ipotesi di sviluppo del trasporto combinato marittimo

Ipotesi di sviluppo del trasporto combinato marittimo Ipotesi di sviluppo del trasporto combinato marittimo di Sergio Rossato D.G. Interporto di Padova S.p.A. A.D. di NET Nord Est Terminal S.p.A. Il traffico intermodale COMPLESSIVO dell Interporto di Padova

Dettagli

IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SENTITO IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SENTITO IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SENTITO IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ED IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI VISTO il decreto-legge 31 agosto 2013,

Dettagli

Authorised Economic Operator (AEO) Sicurezza sul sistema logistico. Silvia Nakos, Manager, KPMG Advisory S.p.A. Milano, 26 giugno 2008

Authorised Economic Operator (AEO) Sicurezza sul sistema logistico. Silvia Nakos, Manager, KPMG Advisory S.p.A. Milano, 26 giugno 2008 Authorised Economic Operator (AEO) Sicurezza sul sistema logistico Silvia Nakos, Manager, KPMG Advisory S.p.A. Milano, 26 giugno 2008 Premessa Analisi iniziale Pre-assessment modifiche Il percorso per

Dettagli

MAIMEX PROMUOVE LA CERTIFICAZIONE AEO

MAIMEX PROMUOVE LA CERTIFICAZIONE AEO A colloquio con Andrea Pagani, Marketing & Sales Director di Maimex, e con Carmine Tomaiuolo, esperto in materia doganale per Maimex MAIMEX PROMUOVE LA CERTIFICAZIONE AEO Maimex è spedizioniere internazionale

Dettagli

PROGETTO SYNTHESIS SICUREZZA DELLE AREE PORTUALI ED INTERPORTUALI (JESI - 7 NOVEMBRE 2012)

PROGETTO SYNTHESIS SICUREZZA DELLE AREE PORTUALI ED INTERPORTUALI (JESI - 7 NOVEMBRE 2012) PROGETTO SYNTHESIS SICUREZZA DELLE AREE PORTUALI ED INTERPORTUALI (JESI - 7 NOVEMBRE 2012) ATTUAZIONE DELLE MISURE DI SECURITY NEL PORTO DI ANCONA La misure di security intese come le attività preventive

Dettagli

Alle Direzioni Regionali, Interregionali e Provinciali delle Dogane

Alle Direzioni Regionali, Interregionali e Provinciali delle Dogane Roma, 22 gennaio 2013 Protocollo: 7894 /RU Rif.: Allegati: 2 OGGETTO: Evoluzione del Servizio Telematico Doganale. Certificati di autenticazione per il colloquio telematico basato su web service. Alle

Dettagli

Industria 2015 Bando Mobilità Sostenibile Progetto MS01_00027 SIFEG - Sistema Integrato trasporto merci FErro-Gomma. Dr.ssa Marina Melissari

Industria 2015 Bando Mobilità Sostenibile Progetto MS01_00027 SIFEG - Sistema Integrato trasporto merci FErro-Gomma. Dr.ssa Marina Melissari Industria 2015 Bando Mobilità Sostenibile Progetto MS01_00027 SIFEG - Sistema Integrato trasporto merci FErro-Gomma Dr.ssa Marina Melissari SIGEI è una piattaforma ICT web based di interoperabilità tra

Dettagli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli SCAMBIO ELETTRONICO DEI DATI ( E. D. I. ) Appendice

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli SCAMBIO ELETTRONICO DEI DATI ( E. D. I. ) Appendice Agenzia delle Dogane e dei Monopoli SCAMBIO ELETTRONICO DEI DATI ( E. D. I. ) Appendice Pagina 1 di 135 INDICE 1 Caratteristiche generali dei tracciati e rappresentazione dei campi... 6 1.1 Campi decimali...7

Dettagli

Reti TEN-T (Trans European Network Transport) il Corridoio Scan-Med Scan-Med Corridor

Reti TEN-T (Trans European Network Transport) il Corridoio Scan-Med Scan-Med Corridor Reti TEN-T (Trans European Network Transport) il Corridoio Scan-Med Scan-Med Corridor Percorso di Capacity Building Progetto STREETS Catania 03/04 dicembre 2014 Giuseppe Anzaldi Regione Siciliana Dipartimento

Dettagli

Bologna, 22 Ottobre 2007 LABORATORI DI LOGISTICA PER LA COMPETITIVITÀ D IMPRESA. Projects part-financed by the EU within the Interreg III initiative

Bologna, 22 Ottobre 2007 LABORATORI DI LOGISTICA PER LA COMPETITIVITÀ D IMPRESA. Projects part-financed by the EU within the Interreg III initiative Presentazione dei risultati della ricerca sui fabbisogni formativi delle imprese e sui profili professionali nei trasporti e nella logistica in Emilia-Romagna Bologna, 22 Ottobre 2007 LABORATORI DI LOGISTICA

Dettagli

Il Dialogo Telematico tra Impresa e Ufficio delle Dogane E.D.I. (Electronic Data Interchange)

Il Dialogo Telematico tra Impresa e Ufficio delle Dogane E.D.I. (Electronic Data Interchange) Telematizzazione degli adempimenti relativi alle accise per le aziende vitivinicole Il Dialogo Telematico tra Impresa e Ufficio delle Dogane E.D.I. (Electronic Data Interchange) AGENZIA DELLE DOGANE Dir.

Dettagli

Esportazione. Tecniche degli scambi internazionali ESPORTAZIONE. Le esportazioni si possono distinguere tra:

Esportazione. Tecniche degli scambi internazionali ESPORTAZIONE. Le esportazioni si possono distinguere tra: Tecniche degli scambi internazionali Esportazione ESPORTAZIONE Le esportazioni si possono distinguere tra: 1. esportazioni dirette (art. 8 Comma 1 lettera a - DPR 633/72) 2. cessioni ad esportatori non

Dettagli

Palermo, 21 luglio 2004

Palermo, 21 luglio 2004 Palermo, 21 luglio 2004 %! " $ %$ $ &!' ( )* +,( ' -+. 2 Le condizioni di contesto: Reti TEN-T / " ("( (!' 1 " 0! " 3 Reti TEN-T Autostrade del Mare % " ' " 0 * + *"2(3 + 4 ' " %!" 4 Corridoi Paneuropei

Dettagli

Freight&Shipping. www.sp1.it. TRASPORTO marittimo TRASPORTO VIA TERRA TRASPORTO AEREO. business intelligence. doganale

Freight&Shipping. www.sp1.it. TRASPORTO marittimo TRASPORTO VIA TERRA TRASPORTO AEREO. business intelligence. doganale Freight&Shipping www.sp1.it marittimo AEREO VIA TERRA dogana magazzino doganale business intelligence SP1, il Freight & Shipping entra spedito nel futuro SP1 è un nuovo applicativo web. Non si installa

Dettagli

Il contributo del PON Reti e Mobilità allo sviluppo dei porti

Il contributo del PON Reti e Mobilità allo sviluppo dei porti Arch. Cynthia Fico Autorità di Gestione del PON Reti e Mobilità Ing. Giovanni Infante Responsabile Linea di Intervento Porti e Interporti Pagina 0 Traffico merci nel Mediterraneo Pagina 1 , Bando di gara

Dettagli

AssoCertificatori. Servizi Abilitanti e Re-engineering dei Processi. Cinzia Villani Presidente AssoCertificatori.

AssoCertificatori. Servizi Abilitanti e Re-engineering dei Processi. Cinzia Villani Presidente AssoCertificatori. Servizi Abilitanti e Re-engineering dei Processi Cinzia Villani Presidente 1 Roma, 14 Ottobre 2005 Gli scopi Promozione e Diffusione di Firma Digitale e PEC ha lo scopo primario di promuovere la pratica

Dettagli

Soluzioni innovative di logistica integrata

Soluzioni innovative di logistica integrata FATA Logistic Systems SpA Uffici Direzionali Via dei Prati, 7 10044 Pianezza (Torino) - Italy Tel. +39 011 9668.1 Fax +39 011 9668.386 www.fatalogistic.it info@fatalogistic.it Filiale di Caselle Torinese

Dettagli

PROGETTO ERICA Easy Railway Infrastructure and Customs Access

PROGETTO ERICA Easy Railway Infrastructure and Customs Access Dott. Francescalberto De Bari Direzione Sviluppo e Innovazione 14 Aprile 2015 Direzione Sviluppo e Innovazione PROGETTO ERICA Easy Railway Infrastructure and Customs Access Il Progetto Globale Livorno

Dettagli

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli