- richiamata la deliberazione della Giunta regionale n. 308 in data 8 febbraio 2008 recante: Determinazione, a decorrere dal

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "- richiamata la deliberazione della Giunta regionale n. 308 in data 8 febbraio 2008 recante: Determinazione, a decorrere dal"

Transcript

1 LA GIUNTA REGIONALE - vista la legge 5 febbraio 1992, n. 104 Legge quadro per l assistenza, l integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate ; - vista la legge 27 dicembre 1997, n. 449 Misure per la stabilizzazione della finanza pubblica, e in particolare l art. 40 (Personale della scuola); - vista la legge 8 novembre 2000, n. 328 Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali, e in particolare: l art. 2 (Diritto alle prestazioni), commi 2 e 3 dove sono affermati sia il carattere di universalità del sistema dei servizi sociali, sia il principio dell accesso prioritario ai servizi per alcune categorie di soggetti particolarmente svantaggiati; l art. 3 (Principi per la programmazione degli interventi e delle risorse del sistema integrato di interventi e servizi sociali); l art. 16 (Valorizzazione e sostegno delle responsabilità familiari); - vista la legge regionale 19 maggio 2006, n. 11 Disciplina del sistema regionale dei servizi socio-educativi per la prima infanzia. Abrogazione delle leggi regionali 15 dicembre 1994, n. 77, e 27 gennaio 1999, n. 4., ed in particolare l art. 2, comma 2; - richiamata la deliberazione della Giunta regionale n in data 11 dicembre 2000 concernente l approvazione del Progetto di continuità educativa asilo nido-scuola materna ; - richiamata la deliberazione della Giunta regionale n. 940 in data 18 marzo 2002 recante: Approvazione del protocollo di collaborazione tra l Assessorato regionale della Sanità, Salute e Politiche sociali, gli Enti gestori di asili nido e l Azienda U.S.L. della Valle d Aosta denominato Handicap e disagio al nido ; - richiamata la deliberazione della Giunta regionale n. 215 in data 2 febbraio 2004 recante Approvazione di disposizioni per l iscrizione al registro delle tate familiari, istituito con D.G.R. 3470/2002 ; - richiamata la deliberazione della Giunta regionale n in data 21 giugno 2004 recante Approvazione delle modalità e dei termini per il rilascio di autorizzazione alla realizzazione e all esercizio di attività sanitarie, socio-sanitarie, socio-assistenziali e socioeducative, ai sensi dell art. 38 della legge regionale 25 gennaio 2000, n. 5 e successive modificazioni e revoca della deliberazione della Giunta regionale n in data 21 ottobre 2002 ; - richiamata la deliberazione della Giunta regionale n. 597 in data 9 marzo 2007 recante: Ulteriori determinazioni in merito all offerta di servizi socio-educativi per la prima infanzia nonché all offerta di posti nelle strutture adibite all assistenza sanitaria riabilitativa residenziale ospedaliera ed all assistenza socio-assistenziale residenziale per anziani, come previsto dalla l.r. 20 giugno 2006, n. 13 (Approvazione del Piano regionale per la salute ed il benessere sociale per il triennio ) ; - richiamata la deliberazione della Giunta regionale n.1266 in data 11 maggio 2007 recante: Approvazione del Indicatore Regionale della Situazione Economica di cui all art. 4 della l.r. 18/2001 e all obiettivo 20 del Piano regionale per la Salute e il Benessere Sociale 2006/2008 ;

2 - richiamata la deliberazione della Giunta regionale n. 308 in data 8 febbraio 2008 recante: Determinazione, a decorrere dal , della soglia base mensile della situazione economica per l accesso alle prestazioni tese a garantire il minimo vitale, ai sensi dell art. 3 della legge regionale 27 maggio 1994, n.19 ; - richiamata la deliberazione della Giunta regionale n. 310 in data 8 febbraio 2008 recante: Approvazione della ripartizione dei posti autorizzabili finanziabili e non finanziabili, per le strutture socio-educative per la prima infanzia, per l anno 2008, ai sensi dell art. 2, comma 2, lettera a, punto 1), della l.r. 19 maggio 2006, n. 11 ; - richiamata la deliberazione della Giunta regionale n. 311 in data 8 febbraio 2008 recante: Approvazione della realizzazione mediante soggetto esterno del percorso formativo per la figura professionale di tata familiare. Prenotazione di spesa ; - richiamato il Provvedimento dirigenziale n del 17 marzo 2008 recante: Determinazione della ripartizione dei posti per le strutture socio-educative alla prima infanzia ai sensi della deliberazione della Giunta regionale n. 310 in data 8 febbraio 2008 ; - richiamata la deliberazione della Giunta regionale n. 878 in data 28 marzo 2008 recante: Approvazione di nuove disposizioni per l erogazione del voucher per il servizio di tata familiare a partire dal 1 gennaio 2008 al 31 dicembre 2008, ai sensi dell art. 2, comma 2, della l.r. 19 maggio 2006, n.11 ; - richiamata la deliberazione della Giunta regionale n. 879 in data 28 marzo 2008 recante: Approvazione del rimborso del voucher previsto per il servizio di tata familiare ai sensi della l.r. 19 maggio 2006, per l anno 2008, per una spesa di euro ,00. Impegno di spesa ; - considerato che, ai sensi dell'art. 2, comma 2) lettera a) della l.r. 19 maggio 2006, n. 11, il piano di azione annuale per la promozione e il sostegno del sistema dei servizi per la prima infanzia prevede: le modalità per la realizzazione e lo sviluppo dei servizi; la quantificazione dei trasferimenti finanziari con vincolo settoriale di destinazione (nell ambito degli interventi regionali di cui all art. 14, comma 3); il livello di copertura finanziaria a carico delle famiglie, nell ottica dell omogeneizzazione dei costi, per i servizi attivati dagli Enti locali; - dato atto che ai sensi della l.r. 19 maggio 2006, n. 11, l art. 14 definisce le disposizioni finanziarie come segue: trasferimenti finanziari con vincolo settoriale di destinazione nell ambito degli interventi regionali in materia di Finanza locale per la gestione di servizi alla prima infanzia quali gli asili nido, le garderies e gli spazi gioco e per rimborsare le maggiori spese e le minori entrate dovute alla presenza di bambini disabili e di bambini esonerati in tutto o in parte dal pagamento della quota; una quota del Fondo nazionale per le politiche sociali determinata in Euro ,00 per finanziare il servizio di tata familiare e gli asili nido aziendali; - preso atto del parere favorevole, con proposte di modificazioni, espresso dal Consiglio Permanente degli Enti Locali della Valle d Aosta con nota in data 09 settembre 2008, prot. n. 3974;

3 - preso atto del parere favorevole, con una proposta di modificazione, espresso dalla Quinta Commissione Consiliare con nota in data 23 settembre 2008 prot. n. 8104; - ritenuto, su proposta della struttura competente, di accogliere le modificazioni proposte dal Consiglio Permanente degli Enti Locali e la modificazione proposta dalla Quinta Commissione Consiliare; - richiamata la deliberazione della Giunta regionale n in data 29 agosto 2008 concernente l'approvazione del bilancio di gestione, per il triennio 2008/2010, con attribuzione alle strutture dirigenziali di quote di bilancio e degli obiettivi gestionali correlati e di disposizioni applicative, con decorrenza 1 settembre 2008; - richiamata la deliberazione della Giunta regionale n in data 27 dicembre 2007 concernente la ripartizione della quota regionale, per l anno 2007, del Fondo nazionale per le politiche sociali; - richiamata la deliberazione della Giunta regionale n in data 5 maggio 2008 recante: Variazioni al bilancio di gestione di cui alla DGR n. 3817/2007 in relazione all entrata in vigore della l.r. 15 aprile 2008, n. 9 concernente: Assestamento del bilancio di previsione per l anno finanziario 2008, modifiche a disposizioni legislative, variazioni al bilancio di previsione per l anno finanziario 2008 e a quello pluriennale per il triennio 2008/2010 ; - richiamato l'obiettivo n ("Sviluppo del sistema socio-educativo regionale"); - visto il parere favorevole di legittimità rilasciato dal Direttore della direzione politiche sociali dell assessorato sanità, salute e politiche sociali, in vacanza del Capo Servizio del servizio anziani e prima infanzia, ai sensi del combinato disposto degli articoli 13 - comma 1 - lett. e) e 59 - comma 2 - della legge regionale n. 45/1995, sulla presente proposta di deliberazione; - su proposta del Presidente della Regione, Augusto Rollandin; - ad unanimità di voti favorevoli DELIBERA 1) di approvare, ai sensi dell art. 2, comma 2, lettera a), della legge regionale 19 maggio 2006, n. 11, l allegato piano di azione per l anno 2008 per la promozione e il sostegno del sistema dei servizi per la prima infanzia, che costituisce parte integrante della presente deliberazione; 2) di impegnare la spesa complessiva di Euro ,00 (tremilioniquattrocentomila/00) sul Capitolo ( Contributi agli Enti locali nelle spese di gestione di servizi sociali alla prima infanzia ) - Richiesta ( Contributi per gestione spese dei servizi alla prima infanzia ) del Bilancio di previsione della Regione per l anno 2008 che presenta la necessaria disponibilità per finanziare gli asili nido, gli spazi gioco, per rimborsare le maggiori spese e le minori entrate dovute alla presenza di bambini disabili e di bambini esonerati in tutto o in parte dal pagamento della quota e all eventuale utilizzo dei mediatori interculturali;

4 3) di dare atto che la somma di euro ,00 (seicentocinquantamila/00) per rimborsare alle famiglie il voucher previsto per l utilizzo del servizio di tata familiare è stata impegnata con deliberazione della Giunta regionale 879 del 28 marzo 2008; 4) di finanziare la somma complessiva di Euro ,00 (settecentomila/00) sul residuo passivo (Oneri sui fondi assegnati dallo Stato per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali a valere sul Fondo nazionale per le politiche sociali) Richiesta n Oneri per lo sviluppo delle politiche sociali regionali (Impegno 2007/8631 Prima Infanzia) del Bilancio di previsione della Regione, per l anno 2008, che presenta la necessaria disponibilità, per finanziare le garderie, gli asili nido aziendali e per il rimborso del voucher per le famiglie che utilizzano il servizio di tata familiare (per le tate formate nell anno 2008); 5) di rimborsare agli Enti gestori di asili nido, di garderie e di asili nido aziendali le maggiori spese determinate dalla presenza di bambini disabili e agli Enti gestori di asili nido e garderie le maggiori spese determinate dall eventuale utilizzo dei mediatori interculturali e le effettive minori entrate determinate dalla presenza di bambini esonerati in tutto o in parte dal pagamento della quota per la frequenza sulla base della relazione dell equipe socio sanitaria territoriale; 6) di stabilire che alla liquidazione delle somme di cui al punto 4 provvede il Servizio Anziani e Prima Infanzia con provvedimento dirigenziale, su presentazione di apposite richieste da parte degli Enti gestori di servizi alla prima infanzia; 7) di disporre la pubblicazione della presente deliberazione nel Bollettino Ufficiale della Regione.

5 ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N DEL 3/10/2008 PIANO DI AZIONE ANNUALE PER LA PROMOZIONE E IL SOSTEGNO DEL SISTEMA DEI SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA (in base all art. 2, comma 2, lettera a) della l.r. 19 maggio 2006, n. 11) ANNO 2008

6 Ripartizione dei nuovi posti per le strutture socio educative alla prima infanzia, per l anno 2008, ai sensi della DGR n. 310/2008: Ente richiedente POSTI FINANZIABILI ASILI NIDO TIPOLOGIA DI SERVIZIO AUTORIZZABILE GARDERIES ASILO NIDO AZIENDALE SPAZIO GIOCO Comune di Verrayes 6 posti / / / Comune di Hône 6 posti 3 posti / / Comuni di Antey-Saint-André 6 posti 3 posti / / Comune di Gressoney St. Jean / 6 posti / / Comune di Morgex / 3 posti / / Comunità Montana Evançon 6 posti / / / Comune di Cogne / / / 6 posti Comune di Valtournenche 3 posti 3 posti / / Comunità Montana Grand Paradis 7 posti / / / Ente Richiedente POSTI NON FINANZIABILI ASILI NIDO TIPOLOGIA DI SERVIZIO AUTORIZZABILE GARDERIES AS. NIDO AZIENDALE SPAZIO GIOCO *Fondazione Crétier Joris 28 posti 4 posti / / Frasson-Guzzo- Compagnoni 12 posti 16 posti / / * L erogazione del finanziamento al Comune di Saint-Vincent verrà effettuato unicamente nel caso in cui vi siano dei residui sul capitolo di bilancio previsto poiché detto comune non ha inoltrato la richiesta nei tempi stabiliti dalla deliberazione di Giunta regionale n. 1543/2007.

7 Elenco dei posti aggiornato a tutt oggi dei posti autorizzati e finanziati: ENTE GESTORE ASILI NIDO CAPIENZA PERIODO Comune Aosta Aosta - Berra 36 Comune Aosta Aosta - Via Roma 50 Comune Aosta Aosta - V.le Europa 40 Coop. "La Sorgente" Via P.Salimbeni 30 Comune Chatillon Chatillon 40 Comune di Courmayeur Courmayeur 25 Comunità mont "Grand Combin"- Gignod Gignod 18 Comunità mont "Mont Emilius"- Quart Nus 30 Comune di Pont-St-Martin Pont-St-Martin 40 Consorzio asilo nido St.Christophe,Quart,Brissogne St-Christophe 60 Comunità mont "Grand Paradis"- Villeneuve St-Pierre 54 Comune di Sarre Sarre 24 Comunità Montana Evancon Verrès 36 dal 1 luglio 08 Comune di Pollein 5 Comune di Antey St. André Antey 6 Comune di Hone Hône 12 dal 15 giugno 08 Comune di Valtournenche Cervinia 18 Comune di La Thuile La Thuile 12 Comune di Morgex Morgex 15 dal 23 maggio 08 Totale 547 ASILI NIDO AZIENDALI CAPIENZA asilo nido az. USL 24 asilo n. az. "La Ninfa" 7 31 GARDERIES-COMUNE GESTORE CAPIENZA il gatto blu - Aosta 18 l'apeluna - Aosta 12 Les gamins - Consorzio Envers 30 L'albero dei giochi - Cogne 16 garderie Hône 12 garderie Antey 6

8 garderie Sarre (Montan) 12 garderie Valtournenche (Breuil) 3 Totale 109 SPAZ.-GIOCO-COMUNE GESTORE CAPIENZA il gatto blu - Aosta 6 l'apeluna - Aosta 6 Il grande albero - La Thuile 6 Totale 18

9 1. MODALITÀ PER LA REALIZZAZIONE E LO SVILUPPO DEI SERVIZI 1.1. Al fine di fornire elementi per l aggiornamento del presente piano di azione, entro il 30 del mese di luglio, i soggetti pubblici e privati interessati ad aprire un nuovo servizio, per l anno successivo, possono manifestare tale interesse agli uffici regionali competenti in materia di prima infanzia, indicando le seguenti informazioni: - Soggetto gestore; - Ubicazione del servizio; - Tipologia del servizio; - Capienza; 1.2. Solo per l anno 2009 i soggetti pubblici e privati interessati ad attivare e ad accedere al finanziamento per un servizio socio-educativo per la prima infanzia, dovranno darne comunicazione per iscritto agli uffici regionali competenti in materia di prima infanzia, con le informazioni definite al precedente punto 1.1. entro il 30 ottobre Le suddette richieste saranno sottoposte all esame di un apposita commissione, formata da membri nominati dall Amministrazione Regionale e dal Consiglio Permanente degli Enti Locali che, in base alle necessità territoriali, definirà il totale dei posti autorizzabili per l anno successivo ed attribuirà il consenso affinché le richieste possano proseguire l iter autorizzativi. Le suddette richieste verranno esaminate tenendo conto delle seguenti priorità: - disponibilità reale di locali, da parte del soggetto proponente, da destinare al servizio socio-educativo; - assenza o carenza di servizi socio-educativi per la prima infanzia nel territorio di appartenenza del soggetto proponente. I successivi finanziamenti verranno erogati solo previa autorizzazione all apertura e all esercizio da parte della Giunta regionale, ai sensi della deliberazione della Giunta regionale n. 2103, in data 21 giugno QUANTIFICAZIONE DEI TRASFERIMENTI FINANZIARI 2.1 Il finanziamento agli enti gestori di servizi a favore della prima infanzia si applica a tutti i servizi, pur se in modo differenziato a seconda del tipo di servizio: asili nido, garderies d enfance, asili nido aziendali, spazio gioco e tate familiari. 2.2 Per quanto riguarda gli asili nido, gli asili nido aziendali, le garderies d enfance e gli spazi gioco, l erogazione del finanziamento viene effettuata sulla base della quota capitaria per bambino. Tale quota viene determinata sulla base della capienza annuale delle strutture sopraccitate 2.3 Il finanziamento prevede anche il rimborso agli enti gestori dei costi sostenuti per le maggiori spese e le minori entrate, determinate rispettivamente dall assistenza ai bambini disabili e dalla presenza di bambini esonerati in tutto o in parte dal pagamento della quota per la frequenza dell asilo nido, dell asilo nido aziendale o della garderie, sulla base della relazione dell équipe socio-sanitaria territoriale. 2.4 In via sperimentale, per l anno 2008, viene istituito un fondo per il rimborso agli enti gestori, delle spese derivanti dall utilizzo di mediatori interculturali, per un intervento maggiormente efficace nei confronti delle famiglie immigrate. I mediatori interculturali, direttamente

10 interpellati dall ente, dopo attenta valutazione della necessità dell intervento, dovranno essere regolarmente iscritti all apposito registro regionale ed emettere fattura all ente stesso, che provvederà, successivamente, a richiederne il rimborso all ufficio anziani e prima infanzia. 2.5 Per il servizio di tata familiare, il contributo regionale viene erogato alle famiglie utenti del servizio sulla base delle disposizioni previste con deliberazione della Giunta regionale n. 878 del 28 marzo 2008; tale contributo viene assegnato alle famiglie utenti di tate iscritte all apposito registro regionale. 2.6 I trasferimenti finanziari previsti per l anno 2008 risultano così ripartiti: a) ,00 (quattromilionicinquantamila/00) per la gestione dei servizi alla prima infanzia quali asili nido e spazi gioco, per rimborsare le maggiori spese e le minori entrate dovute alla presenza di bambini disabili e di bambini esonerati in tutto o in parte dal pagamento della quota, per il rimborso dell eventuale utilizzo dei mediatori interculturali e per il rimborso del voucher per le famiglie che utilizzano il servizio di tata familiare (per le tate operanti a gennaio 2008); b) ,00 (settecentomila/00) per finanziare le garderie, gli asili nido aziendali e per il rimborso del voucher per le famiglie che utilizzano il servizio di Tata Familiare (per le tate operanti formate nel 2008). 2.8 In base ai posti esistenti ed ai posti preventivati, i fondi sopraccitati verranno, per l anno 2008, così ripartiti: tabella 5: quota capitaria per capienza - anno 2008 QUOTA CAPITARIA ASILO NIDO GARDERIE ASILO NIDO AZIENDALE SPAZI GIOCO TATE* INSERIMENTO DI BAMBINI DISABILI/MAGGIORI SPESE MINORI ENTRATE MEDIATORI CULTURALI* * Per il servizio di tata familiare, per le maggiori spese e minori entrate relative all inserimento di bambini disabili e di bambini esonerati in tutto o in parte dal pagamento della quota di asilo nido e per l utilizzo dei mediatori interculturali viene inserita la quota globale di contribuzione al servizio, che verrà ripartita in base alle dichirazioni Irse delle famiglie, per il servizio di tata familiare ed ai casi di bambini disabili e bambini esonerati dalla quota per il servizio di asilo nido. 2.7 Il finanziamento agli enti gestori di servizi per la prima infanzia verrà erogato secondo le seguenti modalità: acconto del 60% della quota capitaria prevista, entro il 30 aprile di ogni anno; la restante parte verrà assegnata entro il 31 marzo dell anno successivo, previa presentazione, da parte degli enti gestori, del rendiconto consuntivo, contenente anche

11 le maggiori spese e le minori entrate di cui al punto 2.3 del presente documento, da trasmettere, entro il 28 febbraio, all ufficio competente del servizio anziani e prima infanzia. 2.9 Con successivo provvedimento dirigenziale, verranno predisposte alcune schede finalizzate all analisi socio-demografica relativa alla fruizione dei servizi. Tali schede dovranno essere compilate dagli enti gestori e trasmesse annualmente all Ufficio competente del Servizio Anziani e Prima Infanzia Per l anno 2008, la liquidazione del finanziamento agli enti gestori verrà erogata con le seguenti modalità: acconto del 50% della quota capitaria entro il 30 ottobre 2008, previa richiesta da parte degli enti gestori; la restante parte verrà assegnata entro il 31 marzo 2009, previa presentazione, da parte degli enti gestori, del rendiconto consuntivo, contenente anche le maggiori spese e le minori entrate e i costi sostenuti per l eventuale utilizzo dei mediatori interculturali, di cui ai punti 2.3 e 2.4 del presente documento, da trasmettere, entro il 28 febbraio, all ufficio competente del servizio anziani e prima infanzia. 3. LIVELLO DI COPERTURA A CARICO DELLE FAMIGLIE 3.1 Per l anno 2008 il livello di copertura a carico delle famiglie viene stabilito dai singoli enti gestori dei servizi per la prima infanzia. 3.2 La quota mensile a carico della famiglia utente dell asilo nido viene stabilita sulla base di una percentuale, definita dall ente gestore, dell Indicatore Regionale della Situazione Economica del nucleo familiare (IRSE). Nell ambito dell autonoma potestà organizzativa, gli Enti gestori possono stabilire quote minime e quote massime di contribuzione al servizio ed appositi criteri per la contribuzione dei genitori dei bambini (o chi ne fa le veci) titolari di un IRSE inferiore al minimo vitale annuo. 3.3 La quota oraria a carico della famiglia utente della garderie e dello spazio gioco viene stabilita dall ente gestore. 3.4 La quota a carico della famiglia utente dell asilo nido aziendale e le modalità di pagamento vengono stabilite dall Ente gestore. 3.5 Il voucher di rimborso erogato dalla Regione alle famiglie utenti del servizio di Tata familiare viene calcolato sulla base di una percentuale relativa all Indicatore Regionale della Situazione Economica del nucleo familiare (IRSE.) e sulla base delle disposizioni previste con deliberazione di Giunta regionale n. 878 del 28 marzo DISCIPLINA DEI CASI PARTICOLARI ( PER UTENTI ISCRITTI PRESSO GLI ASILI NIDO E PRESSO IL SERVIZIO DI TATA FAMILIARE). 4.1 Qualora i genitori che hanno riconosciuto il minore non risultino essere sullo stesso stato di famiglia, il conteggio della quota o del voucher viene stabilito calcolando la media aritmetica tra l IRSE del nucleo del minore e l ISEE. del genitore non convivente; nel caso in cui gli stessi genitori esplicitino difficoltà nell accordarsi sulla modalità di pagamento, l ente gestore suddividerà la quota totale proporzionalmente sulla base dell IRSE di ogni

12 singolo genitore, (50% della quota calcolata in base all IRSE del genitore convivente e 50% della quota calcolata in base all ISEE del genitore non convivente) e richiederà il pagamento ad ognuno dei genitori. 4.2 Se dalla relazione dell assistente sociale per i casi già in carico al servizio sociale risulta che uno dei genitori non contribuisce al mantenimento del bambino, la quota mensile viene determinata sulla base dell IRSE del genitore che contribuisce al mantenimento Se il bambino è affidato a terze persone, la quota mensile viene determinata sulla base dell IRSE della famiglia affidataria. 4.4 Nel caso in cui uno dei genitori producesse redditi all estero, gli stessi dovranno essere autocertificati (al netto) dall utente, riparametrati con il coefficiente previsto per il nucleo familiare e sommati al valore dell ISEE. 4.5 Le aggiuntive regionali da considerare sono quelle riferite al fruitore del servizio e devono essere sommate al valore dell ISEE di riferimento: - rendite INAIL; - provvidenze di cui alla legge regionale 7 giugno 1999, n. 11.

ASSESSORATO SANITÀ, SALUTE E POLITICHE SOCIALI DIPARTIMENTO SANITÀ, SALUTE E POLITICHE SOCIALI STRUTTURA POLITICHE SOCIALI E GIOVANILI

ASSESSORATO SANITÀ, SALUTE E POLITICHE SOCIALI DIPARTIMENTO SANITÀ, SALUTE E POLITICHE SOCIALI STRUTTURA POLITICHE SOCIALI E GIOVANILI CPEL - Prot. 0000848/2015 del 14/09/2015 pos. 3.1.2 I ASSESSORATO SANITÀ, SALUTE E POLITICHE SOCIALI DIPARTIMENTO SANITÀ, SALUTE E POLITICHE SOCIALI STRUTTURA POLITICHE SOCIALI E GIOVANILI PROPOSTA DI

Dettagli

- su proposta dell Assessore alla sanità, salute e politiche sociali, Albert LANIECE; DELIBERA

- su proposta dell Assessore alla sanità, salute e politiche sociali, Albert LANIECE; DELIBERA LA GIUNTA REGIONALE - visto l Accordo Collettivo Nazionale in data 23 marzo 2005 per la disciplina dei rapporti con i medici di medicina generale, ai sensi dell art. 8 del d.lgs. n. 502 del 1992 e successive

Dettagli

Regione Valle d Aosta. Deliberazione 25 settembre 2009, n. 2630

Regione Valle d Aosta. Deliberazione 25 settembre 2009, n. 2630 Regione Valle d Aosta. Deliberazione 25 settembre 2009, n. 2630 Approvazione di modificazioni alla DGR 2883/2008 recante: Approvazione delle direttive per l applicazione dell art. 2, comma 2, lettere b),

Dettagli

socio-sanitari, al fine di qualificare i servizi per anziani sempre più necessitanti competenze socio-sanitarie in capo al personale coinvolto nell

socio-sanitari, al fine di qualificare i servizi per anziani sempre più necessitanti competenze socio-sanitarie in capo al personale coinvolto nell LA GIUNTA REGIONALE - Visto il decreto legislativo n. 163/2006 (Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE) e successive

Dettagli

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE Regione Autonoma Valle d Aosta Région Autonome Vallée d Aoste PRESIDENZA DELLA REGIONE Dipartimento enti locali, servizi di prefettura e protezione civile. Direzione enti locali. Servizio finanza e contabilità

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 10 luglio 2012, n. 1389

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 10 luglio 2012, n. 1389 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 113 del 31-07-2012 27015 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 10 luglio 2012, n. 1389 DGR n. 2990/2011 - Documento di indirizzo Economico - Funzionale del

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. richiamate le deliberazioni della Giunta regionale n del 31 luglio 2015 e n del 1 ottobre 2015;

LA GIUNTA REGIONALE. richiamate le deliberazioni della Giunta regionale n del 31 luglio 2015 e n del 1 ottobre 2015; L Assessore alle attività produttive, energia e politiche del lavoro, Raimondo Davide Donzel, richiama la legge regionale 21 gennaio 2003, n. 2 Tutela e valorizzazione dell artigianato valdostano di tradizione

Dettagli

Regione Umbria. Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N SEDUTA DEL 21/11/2016

Regione Umbria. Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N SEDUTA DEL 21/11/2016 Regione Umbria Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 1334 SEDUTA DEL 21/11/2016 OGGETTO: DGR N. 444 del 26/04/2016 Programma attuativo del D.P.C.M. 7 agosto 2015, recante riparto di

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 342 DEL 18/02/2011

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 342 DEL 18/02/2011 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 342 DEL 18/02/2011 OGGETTO: APPROVAZIONE DELLE MODALITA DI ATTUAZIONE DELL ART. 6, COMMA 1, INTERVENTI A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE MENO ABBIENTI. BONUS ENERGIA ED

Dettagli

in attuazione dell'obiettivo Interventi di formazione professionale a valere sul fondo per le politiche del lavoro

in attuazione dell'obiettivo Interventi di formazione professionale a valere sul fondo per le politiche del lavoro L Assessore alle attività produttive, Ennio Pastoret, richiama la legge regionale 21 gennaio 2003, n. 2 Tutela e valorizzazione dell artigianato di tradizione, e successive modificazioni, nonché la deliberazione

Dettagli

Anno XLIV - N.41 Speciale ( ) Bollettino Ufficiale della Regione Abruzzo Pag. 1. Speciale n. 41 del 12 Aprile 2013.

Anno XLIV - N.41 Speciale ( ) Bollettino Ufficiale della Regione Abruzzo Pag. 1. Speciale n. 41 del 12 Aprile 2013. Anno XLIV - N.41 Speciale (12.04.2013) Bollettino Ufficiale della Regione Abruzzo Pag. 1 Speciale n. 41 del 12 Aprile 2013 Asili Nido Pag. 2 Bollettino Ufficiale della Regione Abruzzo Anno XLIV - N. 41

Dettagli

REGIONE LAZIO GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE DI CONCERTO

REGIONE LAZIO GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE DI CONCERTO REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 558 27/09/2016 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 13479 DEL 15/09/2016 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: SALUTE E POLITICHE SOCIALI Area: POLITICHE PER L'INCLUSIONE

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO SISTEMA SOCIO-SANITARIO REGIONALE

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO SISTEMA SOCIO-SANITARIO REGIONALE REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO SISTEMA SOCIO-SANITARIO REGIONALE SETTORE POLITICHE PER L'INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA E LA SALUTE IN

Dettagli

DETERMINAZIONE. Estensore PUGLIESE FRANCESCO. Responsabile del procedimento MASSIDDA AURELIO. Responsabile dell' Area A. MASSIDDA

DETERMINAZIONE. Estensore PUGLIESE FRANCESCO. Responsabile del procedimento MASSIDDA AURELIO. Responsabile dell' Area A. MASSIDDA REGIONE LAZIO Dipartimento: Direzione Regionale: Area: DIPARTIMENTO SOCIALE POLITICHE SOCIALI E FAMIGLIA INCLUSIONE SOCIALE DETERMINAZIONE N. D2517 del 07/07/2010 Proposta n. 11155 del 05/07/2010 Oggetto:

Dettagli

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE ASSESSORATO SANITA', SALUTE E POLITICHE SOCIALI DIPARTIMENTO SANITA', SALUTE E POLITICHE SOCIALI POLITICHE SOCIALI PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE OGGETTO : ISCRIZIONE NEL REGISTRO REGIONALE DELLE ORGANIZZAZIONI

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL ASSESSORATO POLITICHE SOCIALI E FAMIGLIA IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO L' ASSESSORE IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO L' ASSESSORE

DELIBERAZIONE N. DEL ASSESSORATO POLITICHE SOCIALI E FAMIGLIA IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO L' ASSESSORE IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO L' ASSESSORE REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 502 17/10/2012 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 15883 DEL 31/07/2012 STRUTTURA PROPONENTE Dipartimento: DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE Direzione Regionale:

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 2 suppl. del

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 2 suppl. del Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 2 suppl. del 05-01-2017 215 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 30 novembre 2016, n. 1971 L.R. n. 23 del 9 agosto 2016, art. 18. Approvazione del Regolamento

Dettagli

Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA POLITICHE DEL BILANCIO, PATRIMONIO E DEMANIO

Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA POLITICHE DEL BILANCIO, PATRIMONIO E DEMANIO REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. 933 DEL 30/12/2014 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 20155 DEL 20/11/2014 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: INTEGRAZIONE

Dettagli

Assessorato agricoltura e risorse naturali Dipartimento Corpo forestale della Valle d Aosta e risorse naturali Comandante Forestazione e sentieristica

Assessorato agricoltura e risorse naturali Dipartimento Corpo forestale della Valle d Aosta e risorse naturali Comandante Forestazione e sentieristica Assessorato agricoltura e risorse naturali Dipartimento Corpo forestale della Valle d Aosta e risorse naturali Comandante Forestazione e sentieristica PROPOSTA DI DELIBERAZIONE all esame della Giunta regionale

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 8 FEBBRAIO 2010, N. 175

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 8 FEBBRAIO 2010, N. 175 Regione Emilia-Romagna DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 8 FEBBRAIO 2010, N. 175 Definizione criteri per l'assegnazione di contributi per la realizzazione di interventi relativi al primo anno in famiglia

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: SALUTE E POLITICHE SOCIALI Area: SUSSIDIARIETA' ORIZZONTALE, TERZO SETTORE E SPORT

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: SALUTE E POLITICHE SOCIALI Area: SUSSIDIARIETA' ORIZZONTALE, TERZO SETTORE E SPORT REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 10835 DEL 12/06/2017 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: SALUTE E POLITICHE SOCIALI Area: SUSSIDIARIETA' ORIZZONTALE, TERZO SETTORE

Dettagli

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE Regione Autonoma Valle d Aosta Région Autonome Vallée d Aoste PRESIDENZA DELLA REGIONE Dipartimento enti locali, servizi di prefettura e protezione civile. Direzione enti locali. Servizio finanza e contabilità

Dettagli

SAN. PUBBL., PROM. SALUTE, SIC. ALIM. SCREENING DETERMINAZIONE. Estensore TEODORI MARGHERITA. Responsabile del procedimento TEODORI MARGHERITA

SAN. PUBBL., PROM. SALUTE, SIC. ALIM. SCREENING DETERMINAZIONE. Estensore TEODORI MARGHERITA. Responsabile del procedimento TEODORI MARGHERITA REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: SALUTE E INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA SAN. PUBBL., PROM. SALUTE, SIC. ALIM. SCREENING DETERMINAZIONE N. G19217 del 30/12/2014 Proposta n. 22808 del 29/12/2014 Oggetto:

Dettagli

11/09/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 73. Regione Lazio

11/09/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 73. Regione Lazio Regione Lazio DIREZIONE POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 4 settembre 2014, n. G12475 D.G.R. 314 del 27 maggio 2014 "Programma di utilizzazione

Dettagli

art. 3 individuazione aree intervento modalità di presentazione delle domande criteri e modalità di riparto rendicontazione entrata in vigore

art. 3 individuazione aree intervento modalità di presentazione delle domande criteri e modalità di riparto rendicontazione entrata in vigore Regolamento per la determinazione per l anno 2015 dei criteri di riparto e delle modalità di utilizzo della quota di cui all articolo 39, comma 2, della legge regionale 31 marzo 2006, n. 6 (Sistema integrato

Dettagli

DETERMINAZIONE. Estensore GASPARINI VALERIA. Responsabile del procedimento MASSIMI GIANCARLO. Responsabile dell' Area A.

DETERMINAZIONE. Estensore GASPARINI VALERIA. Responsabile del procedimento MASSIMI GIANCARLO. Responsabile dell' Area A. REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: SALUTE E POLITICHE SOCIALI POLITICHE PER L'INCLUSIONE DETERMINAZIONE N. G15843 del 22/12/2016 Proposta n. 19784 del 19/12/2016 Oggetto: Deliberazione della Giunta

Dettagli

7) di dare atto che il presente provvedimento non comporta oneri a carico del bilancio della Regione. IM/

7) di dare atto che il presente provvedimento non comporta oneri a carico del bilancio della Regione. IM/ LA GIUNTA REGIONALE Vista la legge regionale 24 agosto 1982, n. 59 Norme per la tutela delle acque dall inquinamento ; visto il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 e successive modificazioni (Norme

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO MOBILITA, QUALITA URBANA, OPERE PUBBLICHE, ECOLOGIA e PAESAGGIO SEZIONE POLITICHE ABITATIVE SERVIZIO OSSERVATORIO CONDIZIONE ABITATIVA, PROGRAMMI COMUNALI E IACP PROPOSTA DI DELIBERAZIONE

Dettagli

COMUNE DI SENIGALLIA AREA PERSONA U F F I C I O POLITICHE SOCIALI E INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA DETERMINAZIONE DIRIGENTE n 1253 del 01/12/2015

COMUNE DI SENIGALLIA AREA PERSONA U F F I C I O POLITICHE SOCIALI E INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA DETERMINAZIONE DIRIGENTE n 1253 del 01/12/2015 COMUNE DI SENIGALLIA AREA PERSONA U F F I C I O POLITICHE SOCIALI E INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA DETERMINAZIONE DIRIGENTE n 1253 del 01/12/2015 Oggetto: CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SENIGALLIA E LA FONDAZIONE

Dettagli

DETERMINAZIONE. Estensore CIOFFI STEFANIA. Responsabile del procedimento DI GIAMMARCO GIADA. Responsabile dell' Area AD INTERIM A.

DETERMINAZIONE. Estensore CIOFFI STEFANIA. Responsabile del procedimento DI GIAMMARCO GIADA. Responsabile dell' Area AD INTERIM A. REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: SALUTE E POLITICHE SOCIALI INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA DETERMINAZIONE N. G00538 del 29/01/2016 Proposta n. 114 del 12/01/2016 Oggetto: Approvazione delle linee

Dettagli

COMUNE DI DECIMOMANNU

COMUNE DI DECIMOMANNU COMUNE DI DECIMOMANNU SETTORE : Settore I Responsabile: Garau Donatella DETERMINAZIONE N. 353 in data 20/04/2015 OGGETTO: PROGRAMMA RITORNARE A CASA - LIQUIDAZIONE A FAVORE DI UN UTENTE DELLA MENSILITA'

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO POLITICHE SOCIALI DI TUTELA, LEGALITA', PRATICA SPORTIVA E SICUREZZA URBANA. PROGETTI INTEGRATI STRATEGICI

Dettagli

VERBALE DI DETERMINAZIONE

VERBALE DI DETERMINAZIONE Comune di Marnate Provincia di Varese VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL SERVIZIO SOCIO ASSISTENZIALE N. 77/ASS G74/2013 del 22 ottobre 2013 OGGETTO: IMPEGNO SPESA PER COPERTURA COSTI DERIVANTI DALLE CONVENZIONI

Dettagli

ProvinciadiRoma. Dipartimento09Servizio01. Immigrazioneedemigrazione. e-mail:o.cherubini@provincia.roma.it

ProvinciadiRoma. Dipartimento09Servizio01. Immigrazioneedemigrazione. e-mail:o.cherubini@provincia.roma.it ProvinciadiRoma Dipartimento09Servizio01 Immigrazioneedemigrazione e-mail:o.cherubini@provincia.roma.it Propostan.3135 del24/05/2012 RIFERIMENTICONTABILI Anno bilancio 2012 Intervento di riferimento 1080203

Dettagli

DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO TURISMO, COMMERCIO E TERZIARIO

DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO TURISMO, COMMERCIO E TERZIARIO REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO TURISMO, COMMERCIO E TERZIARIO SETTORE DISCIPLINA, POLITICHE E INCENTIVI DEL COMMERCIO

Dettagli

Regione Umbria Giunta Regionale

Regione Umbria Giunta Regionale Regione Umbria Giunta Regionale DIREZIONE REGIONALE RISORSE FINANZIARIE E STRUMENTALI. AFFARI GENERALI E RAPPORTI CON I LIVELLI DI GOVERNO Servizio Bilancio e finanza DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 3959

Dettagli

SETTORE SERVIZI SOCIALI. DETERMINAZIONE N. 34 del 23/09/2014

SETTORE SERVIZI SOCIALI. DETERMINAZIONE N. 34 del 23/09/2014 ORIGINALE SETTORE SERVIZI SOCIALI DETERMINAZIONE N. 34 del 23/09/2014 Oggetto: SERVIZIO SAD EROGATO DALL' AZIENDA SPECIALE CONSORTILE ISOLA BERGAMASCA BASSA VAL SAN MARTINO CON SEDE IN BONATE SOTTO. ASSUNZIONE

Dettagli

CITTÀ DI POTENZA UNITA DI DIREZIONE SERVIZI ALLA PERSONA UFFICIO SPORT ASSUNZIONE DI IMPEGNO CONTABILE

CITTÀ DI POTENZA UNITA DI DIREZIONE SERVIZI ALLA PERSONA UFFICIO SPORT ASSUNZIONE DI IMPEGNO CONTABILE CITTÀ DI POTENZA UNITA DI DIREZIONE SERVIZI ALLA PERSONA UFFICIO SPORT Repertorio delle determinazioni N di Rep. 1 del 11/01/2017 Riservato al Servizio Finanziario Pervenuta in data Restituita in data

Dettagli

il D. Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni;

il D. Lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni; Oggetto DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA MISURA INNOVATIVA A SOSTEGNO DELLA FAMIGLIA PER I CARICHI DI CURA ACCESSORI DELLA PERSONA RICOVERATA IN UNITÀ D OFFERTA RESIDENZIALI PER ANZIANI VISTI: il D. Lgs.

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI MONTANI ALTA VAL D ARDA Provincia di Piacenza SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DELL UNIONE

UNIONE DEI COMUNI MONTANI ALTA VAL D ARDA Provincia di Piacenza SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DELL UNIONE UNIONE DEI COMUNI MONTANI ALTA VAL D ARDA Provincia di Piacenza.. SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DELL UNIONE DETERMINAZIONE N. 6 DEL 26.01.2016 Oggetto: SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ACCREDITATO A

Dettagli

decorrenza diversa rispetto al periodo di ammortamento del mutuo. Di conseguenza il costo a carico dell ente risulta inferiore a quello inizialmente

decorrenza diversa rispetto al periodo di ammortamento del mutuo. Di conseguenza il costo a carico dell ente risulta inferiore a quello inizialmente Il Presidente della Regione, Sig. Luciano Caveri, richiama la legge 24 dicembre 1993, n. 537 Interventi correttivi di finanza pubblica che all art. 12, comma 6, dispone che a partire dal 1 gennaio 1994

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 1 del

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 1 del 370 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 30 novembre 2016, n. 1939 Variazione amministrativa al Bilancio di previsione per l esercizio finanziario 2016 CRA 42 06 - DGR n. 668 del 17/05/2016 - Prelievo

Dettagli

IL DIRETTORE REGIONALE

IL DIRETTORE REGIONALE OGGETTO: Riparto al Comune di Roma ed ai comuni ed enti capofila dei distretti socio-sanitari del Lazio delle risorse del fondo regionale per la non autosufficienza - Art.4 della L.R. 23 novembre 2006,

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: COORD. ERP E RECUP. ABITAZ. NEI CENTRI STORICI

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: COORD. ERP E RECUP. ABITAZ. NEI CENTRI STORICI REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 533 05/08/2014 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 12052 DEL 10/07/2014 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: COORD.

Dettagli

L A G I U N T A nelle persone dei Signori:

L A G I U N T A nelle persone dei Signori: VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA N. 01 (28/01/2016) OGGETTO: L.R. 6/2014 SERVIZI ALLA PERSONA ASILI NIDO. DETERMINAZIONI IN MERITO. L'anno duemilasedici addì ventotto del mese di gennaio alle ore

Dettagli

PROGRAMMA GRAVISSIME DISABILITÀ ACQUISITE (DGR 2068/2004 E S.M.): AGGIORNAMENTO ASSEGNO DI CURA DGR 1848/12.

PROGRAMMA GRAVISSIME DISABILITÀ ACQUISITE (DGR 2068/2004 E S.M.): AGGIORNAMENTO ASSEGNO DI CURA DGR 1848/12. Progr.Num. 1732/2014 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 03 del mese di novembre dell' anno 2014 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori: via

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: PIANI E PROGRAMMI DI EDILIZIA RESIDENZIALE

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: PIANI E PROGRAMMI DI EDILIZIA RESIDENZIALE REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 366 21/07/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 9641 DEL 18/06/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: PIANI E

Dettagli

Unione di Comuni Terre di Castelli (Provincia di Modena)

Unione di Comuni Terre di Castelli (Provincia di Modena) Unione di Comuni Terre di Castelli (Provincia di Modena) Determinazione nr. 957 Del 14/10/ Welfare Locale OGGETTO: CONVENZIONE TRA L'UNIONE TERRE DI CASTELLI E I NIDI D'INFANZIA PRIVATI DI GUIGLIA, SPILAMBERTO,

Dettagli

DETERMINAZIONE PROT. N REP. 512 DEL

DETERMINAZIONE PROT. N REP. 512 DEL Direzione Generale della Pubblica Istruzione Servizio Istruzione DETERMINAZIONE PROT. N. 12613 REP. 512 DEL 11.11.205 Oggetto: L.R. 25.6.1984, n. 31 - L.R. 9.3.2015, n. 6 - art. 27 L. 23.12.1998, n. 448

Dettagli

Regione Siciliana Assessorato dell'istruzione e della formazione professionale Dipartimento dell'istruzione e della formazione professionale

Regione Siciliana Assessorato dell'istruzione e della formazione professionale Dipartimento dell'istruzione e della formazione professionale Il Dirigente Generale Servizio I Programmazione per gli interventi in materia di formazione professionale Oggetto: impegno della somma di euro 3.217.009,61 per l erogazione del saldo, sul capitolo di spesa

Dettagli

DECRETO N Del 13/05/2015

DECRETO N Del 13/05/2015 DECRETO N. 3858 Del 13/05/2015 Identificativo Atto n. 456 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE AVVISO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AI CONTRATTI DI SOLIDARIETA IN ATTUAZIONE

Dettagli

SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA' SERVIZIO SCUOLA E FORMAZIONE DETERMINAZIONE CON IMPEGNO DI SPESA

SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA' SERVIZIO SCUOLA E FORMAZIONE DETERMINAZIONE CON IMPEGNO DI SPESA SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA' SERVIZIO SCUOLA E FORMAZIONE DETERMINAZIONE CON IMPEGNO DI SPESA Oggetto: Interventi per il miglioramento delle scuole dell infanzia (progetti 3-5 anni) ai

Dettagli

Regione Umbria Giunta Regionale

Regione Umbria Giunta Regionale Regione Umbria Giunta Regionale DIREZIONE REGIONALE PROGRAMMAZIONE, INNOVAZIONE E COMPETITIVITA' DELL'UMBRIA Servizio Istruzione, università e ricerca DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 2727 DEL 29/04/2015

Dettagli

COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE SEGRETERIA. DETERMINAZIONE DEL SEGRETARIO COMUNALE n. 4 di data 14 gennaio 2015

COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE SEGRETERIA. DETERMINAZIONE DEL SEGRETARIO COMUNALE n. 4 di data 14 gennaio 2015 COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE SEGRETERIA DETERMINAZIONE DEL SEGRETARIO COMUNALE n. 4 di data 14 gennaio 2015 OGGETTO: Impegno di spesa per la partecipazione ai corsi di aggiornamento e di

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA N. 24 IN DATA 13/03/2017

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA N. 24 IN DATA 13/03/2017 COPIA ALBO REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA REGION AUTONOME DE LA VALLEE D AOSTE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA N. 24 IN DATA 13/03/2017 Unité des Communes valdôtaines OGGETTO: ANTICIPAZIONE DI CASSA PER L'ANNO

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA N. 25 IN DATA 13/03/2017

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA N. 25 IN DATA 13/03/2017 COPIA ALBO REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA REGION AUTONOME DE LA VALLEE D AOSTE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA N. 25 IN DATA 13/03/2017 Unité des Communes valdôtaines OGGETTO: DETERMINAZIONE DEL COMPENSO SPETTANTE

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO SISTEMA SOCIO-SANITARIO REGIONALE

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO SISTEMA SOCIO-SANITARIO REGIONALE REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO SISTEMA SOCIO-SANITARIO REGIONALE SETTORE POLITICHE PER L'INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA E LA SALUTE IN

Dettagli

ASSESSORADU DE SOS TRASPORTOS ASSESSORATO DEI TRASPORTI. Decreto PROT N REP. N. 12 DEL 23/11/2015

ASSESSORADU DE SOS TRASPORTOS ASSESSORATO DEI TRASPORTI. Decreto PROT N REP. N. 12 DEL 23/11/2015 13-00-00 Assessore dei Trasporti Decreto PROT N. 10548 REP. N. 12 DEL 23/11/2015 Oggetto: Bilancio Regionale 2015 - Variazione compensativa di euro 1.269.000 all interno della UPB S07.06.001 tra il cap.

Dettagli

COMUNE DI LACONI. Provincia di Oristano

COMUNE DI LACONI. Provincia di Oristano COMUNE DI LACONI Provincia di Oristano SETTORE : Responsabile: UFFICIO AMMINISTRATIVO COMUNALE Dott. Luca Murgia COPIA DETERMINAZIONE N. 605 DEL 25/10/2016 PROPOSTA DETERMINAZIONE N. 609 DEL 25/10/2016

Dettagli

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2016 02087/019 Servizio Disabili CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2016 02087/019 Servizio Disabili CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2016 02087/019 Servizio Disabili CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 96 approvata il 26 aprile 2016 DETERMINAZIONE:

Dettagli

Regione Umbria, Deliberazione della Giunta Regionale 25 giugno 2007, n

Regione Umbria, Deliberazione della Giunta Regionale 25 giugno 2007, n Regione Umbria, Deliberazione della Giunta Regionale 25 giugno 2007, n. 1066. Registro regionale dei soggetti e servizi socio-educativi per la prima infanzia autorizzati al funzionamento (art. 12, comma

Dettagli

COMUNE DI TREVISO. codice ufficio: 076 SETTORE SERVIZI SOCIALI E DEMOGRAFICI, SCUOLA E CULTURA

COMUNE DI TREVISO. codice ufficio: 076 SETTORE SERVIZI SOCIALI E DEMOGRAFICI, SCUOLA E CULTURA Registro determinazioni n. 1496 Documento composto da n. 6 pagine Firmato con firma digitale ai sensi del D.Lgs. 82/2005 COMUNE DI TREVISO area: I codice ufficio: 076 SETTORE SERVIZI SOCIALI E DEMOGRAFICI,

Dettagli

DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE DETERMINAZIONE. Estensore RUSSO RAFFAELLO. Responsabile del procedimento RAFFAELLO RUSSO

DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE DETERMINAZIONE. Estensore RUSSO RAFFAELLO. Responsabile del procedimento RAFFAELLO RUSSO REGIONE LAZIO Dipartimento: Direzione Regionale: Area: DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE POLITICHE SOCIALI E FAMIGLIA PIANI DI ZONA E SERVIZI SOCIALI LOCALI DETERMINAZIONE N. B7111 del 15/09/2011

Dettagli

REGIONE LAZIO. 22/12/ prot. 802 GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE

REGIONE LAZIO. 22/12/ prot. 802 GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 760 22/12/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 20809 DEL 21/12/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: Area: BILANCIO PROGRAM. ECONOMICA, BILANCIO, DEMANIO E PATRIMONIO

Dettagli

7056 N BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA Parte I

7056 N BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA Parte I 7056 N. 31 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 16-8-2013 Parte I di disporre la pubblicazione della presente deliberazione, per esteso, sul B.U.R. e sul sito web della Regione, nonché la

Dettagli

vista la legge regionale 4 settembre 2001, n. 18 Approvazione del piano socio-sanitario regionale per il triennio 2002/2004 ;

vista la legge regionale 4 settembre 2001, n. 18 Approvazione del piano socio-sanitario regionale per il triennio 2002/2004 ; LA GIUNTA REGIONALE visto il D.P.R 13 febbraio 1964, n. 185 Sicurezza degli impianti e protezione sanitaria dei lavoratori e delle popolazioni contro i pericoli delle radiazioni ionizzanti derivanti dall

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente Ufficio 7

Ministero della Pubblica Istruzione Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente Ufficio 7 Ministero della Pubblica Istruzione Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente Ufficio 7 Prot. n. 5508/P7 Roma, 14 novembre 2007 Allegati Destinatari Oggetto: Contributi scuole paritarie

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 44/13 DEL

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 44/13 DEL IBERAZIONE N. 44/13 31.10.2007 Oggetto: Fondo per la non autosufficienza: sostegno alle persone anziane che si avvalgono dell aiuto di un assistente familiare (LR 2/2007 art. 34 comma 4 lettere b) ed f)

Dettagli

POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT DETERMINAZIONE. Estensore CALIA GIUSEPPINA. Responsabile del procedimento BEVILACQUA CONCETTA

POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT DETERMINAZIONE. Estensore CALIA GIUSEPPINA. Responsabile del procedimento BEVILACQUA CONCETTA REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT SOSTEGNO ALLA DISABILITA' DETERMINAZIONE N. G18678 del 23/12/2014 Proposta n. 22262 del 19/12/2014 Oggetto: Deliberazione

Dettagli

DECRETO N Del 09/03/2017 DIREZIONE GENERALE INFRASTRUTTURE E MOBILITA'

DECRETO N Del 09/03/2017 DIREZIONE GENERALE INFRASTRUTTURE E MOBILITA' DECRETO N. 2551 Del 09/03/2017 Identificativo Atto n. 7 DIREZIONE GENERALE INFRASTRUTTURE E MOBILITA' Oggetto MODIFICA DELLE ATTRIBUZIONI DELLE RISORSE AGGIUNTIVE ALLE AGENZIE PER IL TRASPORTO PUBBLICO

Dettagli

SERVIZIO SANITARIO REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ATS- AREA SOCIO SANITARIA LOCALE CAGLIARI

SERVIZIO SANITARIO REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ATS- AREA SOCIO SANITARIA LOCALE CAGLIARI SERVIZIO SANITARIO REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ATS- AREA SOCIO SANITARIA LOCALE CAGLIARI..DI DETERMINAZIONE DIRETTORE ASSL Cagliari N DET8-2017-310 DEL 19/05/2017 Dott. Paolo Tecleme (firma digitale

Dettagli

DELIBERAZIONE N. VIII/3580 DEL LA GIUNTA REGIONALE

DELIBERAZIONE N. VIII/3580 DEL LA GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE N. VIII/3580 DEL 22.11.2006 Oggetto: Accreditamento istituzionale dei centri di medicina sportiva in strutture pubbliche e private. Atto da trasmettere al Consiglio Regionale ai sensi dell

Dettagli

Comune di Cattolica Provincia di Rimini

Comune di Cattolica Provincia di Rimini Comune di Cattolica Provincia di Rimini DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO Settore 2 Area P.O. N. 358 DEL 26/05/2015 LIQUIDAZIONE INCENTIVI DI PROGETTAZIONE DI OPERE PUBBLICHE EX ART. 92, V COMMA

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. Su proposta dell Assessore Istruzione e Politiche per i Giovani

LA GIUNTA REGIONALE. Su proposta dell Assessore Istruzione e Politiche per i Giovani OGGETTO: Legge Regionale 29 novembre 2001, n. 29, Promozione e coordinamento delle politiche in favore dei giovani. Approvazione Programma Triennale 2010-2012 degli interventi in favore dei giovani. E.F.

Dettagli

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Agricoltura, Protezione Civile e Turismo Politiche Turistiche - Settore LA GIUNTA REGIONALE

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Agricoltura, Protezione Civile e Turismo Politiche Turistiche - Settore LA GIUNTA REGIONALE OGGETTO : APPROVAZIONE PROGETTI PRESENTATI DALL' STL RIVIERA DEI FIORI E IMPEGNO DI EURO 1.374.200,00 AI FINI DEL COFINANZIAMENTO REGIONALE AI SENSI DELL'ART. 15, COMMA 1 DELLA L.R. 28/2006 E SS.MM. N.

Dettagli

Premesso che. - la Città di Torino; - il Consorzio Monviso Solidale (CN); - ASL AL, Servizio Socio-assistenziale- Distretto di Casale Monferrato;

Premesso che. - la Città di Torino; - il Consorzio Monviso Solidale (CN); - ASL AL, Servizio Socio-assistenziale- Distretto di Casale Monferrato; REGIONE PIEMONTE BU38 18/09/2014 Codice DB1906 D.D. 22 maggio 2014, n. 160 pestensione del Programma P.I.P.P.I. (Modello di Intervento Unitario per la prevenzione degli allontanamenti familiari). Assegnazione

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N DD/ DEL 01/03/2012. Comune di Parma

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N DD/ DEL 01/03/2012. Comune di Parma DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N DD/2012-131 DEL 01/03/2012 Comune di Parma Centro di Responsabilità: 61700 - SERVIZIO PER I DISABILI Centro di Costo: F0400.- Interventi a favore dei disabili Centro di Costo

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. vista la legge 4 maggio n. 184 Disciplina dell adozione e dell affidamento di minori

LA GIUNTA REGIONALE. vista la legge 4 maggio n. 184 Disciplina dell adozione e dell affidamento di minori LA GIUNTA REGIONALE vista la legge 4 maggio 1983. n. 184 Disciplina dell adozione e dell affidamento di minori vista la legge 27 maggio 1991, n. 176 Ratifica ed esecuzione della Convenzione sui diritti

Dettagli

POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT DETERMINAZIONE. Estensore CALIA GIUSEPPINA. Responsabile del procedimento BEVILACQUA CONCETTA

POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT DETERMINAZIONE. Estensore CALIA GIUSEPPINA. Responsabile del procedimento BEVILACQUA CONCETTA REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT SOSTEGNO ALLA DISABILITA' DETERMINAZIONE N. G18678 del 23/12/2014 Proposta n. 22262 del 19/12/2014 Oggetto: Deliberazione

Dettagli

16/05/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 39. Regione Lazio

16/05/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 39. Regione Lazio Regione Lazio DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 26 aprile 2017, n. G05368 POR FESR Lazio 2014-2020. Rimodulazione Quadro Finanziario. Progetto

Dettagli

REGOLAMENTO DESTINATO A DISCIPLINARE LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN FAVORE DI FAMIGLIE CON BAMBINI ISCRITTI AGLI ASILI NIDO DI AVIANO

REGOLAMENTO DESTINATO A DISCIPLINARE LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN FAVORE DI FAMIGLIE CON BAMBINI ISCRITTI AGLI ASILI NIDO DI AVIANO REGOLAMENTO DESTINATO A DISCIPLINARE LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN FAVORE DI FAMIGLIE CON BAMBINI ISCRITTI AGLI ASILI NIDO DI AVIANO 1 Art. 1 Oggetto e finalità 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Servizio Lavoro, Formazione e Istruzione. Servizi alla Persona ********* DETERMINAZIONE

Servizio Lavoro, Formazione e Istruzione. Servizi alla Persona ********* DETERMINAZIONE PROVINCIA DI PIACENZA FIN. Servizio Lavoro, Formazione e Istruzione. Servizi alla Persona ********* DETERMINAZIONE Proposta n. SRFORLIS 26/2016 Determ. n. 22 del 19/01/2016 Oggetto: L. 12.03.99 N. 68 ART.

Dettagli

Regione Lazio. Leggi Regionali 14/07/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 56

Regione Lazio. Leggi Regionali 14/07/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 56 Regione Lazio Leggi Regionali Legge Regionale 13 luglio 2016, n. 9 Riconoscimento del ruolo sociale delle società di mutuo soccorso della Regione ed interventi a tutela del loro patrimonio storico e culturale

Dettagli

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO

DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO 9936 27/10/2014 Identificativo Atto n. 1029 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO APPROVAZIONE ELENCO CORSI DI PRIMA E SECONDA ANNUALITÀ IEFP A.F. 2014/2015 E PRESA ATTO ASSEGNAZIONE DOTI.

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Provincia di Bologna DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Anno 2012 n 21 data 10/01/2012 OGGETTO: FONDO PER LO SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE E PRODUTTIVITÀ DESTINATO AL PAGAMENTO DELLE INDENNITÀ STABILI-IMPEGNO

Dettagli

REGIONE LAZIO. 07/04/ prot. 197 GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE

REGIONE LAZIO. 07/04/ prot. 197 GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 6187 DEL 04/04/2017 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: Area: BILANCIO PROGRAM. ECONOMICA, BILANCIO, DEMANIO E PATRIMONIO Prot. n.

Dettagli

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE ASSESSORATO TERRITORIO E AMBIENTE DIPARTIMENTO TERRITORIO E AMBIENTE DIREZIONE AMBIENTE SERVIZIO TUTELA DELLE ACQUE DALL'INQUINAMENTO E GESTIONE DEI RIFIUTI PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE OGGETTO : MODIFICA

Dettagli

REGIONE LAZIO GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE DI CONCERTO

REGIONE LAZIO GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE DI CONCERTO REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 255 17/05/2016 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 7102 DEL 13/05/2016 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: PROGRAM. ECONOMICA, BILANCIO, DEMANIO E PATRIMONIO Area: TRIBUTI,

Dettagli

DETERMINAZIONE. Estensore FELICI CRISTINA. Responsabile del procedimento TOSINI FLAMINIA. Responsabile dell' Area F. TOSINI

DETERMINAZIONE. Estensore FELICI CRISTINA. Responsabile del procedimento TOSINI FLAMINIA. Responsabile dell' Area F. TOSINI REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: GOVERNO DEL CICLO DEI RIFIUTI CICLO INTEGRATO DEI RIFIUTI DETERMINAZIONE N. G11459 del 10/10/2016 Proposta n. 9096 del 15/06/2016 Oggetto: Presenza annotazioni

Dettagli

Direzione Cultura, Educazione e Gioventù /007 Servizio Personale e Organizzazione dei Circoli Didattici

Direzione Cultura, Educazione e Gioventù /007 Servizio Personale e Organizzazione dei Circoli Didattici Direzione Cultura, Educazione e Gioventù 2015 00460/007 Servizio Personale e Organizzazione dei Circoli Didattici CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 9 approvata il 5 febbraio 2015

Dettagli

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DELL AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI MAGLIE <<<<>>>>

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DELL AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI MAGLIE <<<<>>>> Comune Comune di Comune di Comune di Comune di Comune di Comune di Comune di Comune di Comune di Comune di Comune di Maglie Bagnolo del Cannole Castrignano Corigliano Cursi Giurdignano Melpignano Muro

Dettagli

Région autonome Vallée d'aoste Regione Autonoma Valle d'aosta

Région autonome Vallée d'aoste Regione Autonoma Valle d'aosta IL PRESIDENTE DELLA REGIONE Augusto ROLLANDIN IL DIRIGENTE ROGANTE Livio SALVEMINI Région autonome Vallée d'aoste Regione Autonoma Valle d'aosta Gouvernement régional Giunta regionale Verbale di deliberazione

Dettagli

Comune di Udine. Servizio Servizi Sociali DETERMINAZIONE CON IMPEGNO DI SPESA IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO

Comune di Udine. Servizio Servizi Sociali DETERMINAZIONE CON IMPEGNO DI SPESA IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO Comune di Udine Servizio Servizi Sociali DETERMINAZIONE CON IMPEGNO DI SPESA Oggetto: Legge regionale n. 20 del 06.08.2015, art. 9. Assegno una tantum per le nascite e adozioni di minori avvenute nell'anno

Dettagli

Comune di Parma DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N DD DEL 30/03/2015

Comune di Parma DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N DD DEL 30/03/2015 Comune di Parma DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N DD-2015-614 DEL 30/03/2015 Inserita nel fascicolo: 2015.VII/12/3.6/1 Centro di Responsabilità: 65 6 2 0 - SETTORE SOCIALE E SERVIZI EDUCATIVI - SERVIZIO SOCIALE

Dettagli

POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT DETERMINAZIONE. Estensore CALIA GIUSEPPINA. Responsabile del procedimento BEVILACQUA CONCETTA

POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT DETERMINAZIONE. Estensore CALIA GIUSEPPINA. Responsabile del procedimento BEVILACQUA CONCETTA REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT SOSTEGNO ALLA DISABILITA' DETERMINAZIONE N. G18285 del 18/12/2014 Proposta n. 21959 del 17/12/2014 Oggetto: Presenza

Dettagli

Unione di Comuni Terre di Castelli (Provincia di Modena)

Unione di Comuni Terre di Castelli (Provincia di Modena) Unione di Comuni Terre di Castelli (Provincia di Modena) Determinazione nr. 998 Del 20/10/ Welfare Locale OGGETTO: INTERVENTI PER LA QUALIFICAZIONE E IL CONSOLIDAMENTO DEL SISTEMA INTEGRATO DEI SERVIZI

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 101 del

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 101 del Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 101 del 28-8-2017 48281 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 2 agosto 2017, n. 1317 Legge 28 dicembre 2015, n. 208(Legge di stabilità 2016). Istituzione N.C.

Dettagli

- in particolare con D.G.R. n del 30 gennaio 2006 è stata accantonata la somma di euro ,00 sul bilancio 2006;

- in particolare con D.G.R. n del 30 gennaio 2006 è stata accantonata la somma di euro ,00 sul bilancio 2006; REGIONE PIEMONTE BU36 05/09/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 2 agosto 2013, n. 52-6255 Misure per la copertura dei programmi di finanziamento di opere igienico-sanitarie in territorio montano,

Dettagli

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA)

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA) Settore Servizi alla Persona Sezione Istruzione ed Integrazione proposta n. 1527 / 2015 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 996 / 2015 OGGETTO: TRASFERIMENTO AGLI ISTITUTI COMPRENSIVI SCOLASTICI DI FONDI PER

Dettagli

Parte I N BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA

Parte I N BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA Parte I N. 22 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 1-7-2013 4755 DIPARTIMENTO AGRICOLTURA, SVILUP- PO RURALE, ECONOMIA MONTANA - UFFI- CIO AUTORITA DI GESTIONE P.S.R. BASILI- CATA 2007/2013

Dettagli