COMMENTARI. Contratti. Formulario CoMmentato. Con Cd-Rom. a cura di Francesco Macario

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMMENTARI. Contratti. Formulario CoMmentato. Con Cd-Rom. a cura di Francesco Macario"

Transcript

1 ESTRATTO COMMENTARI Contratti Formulario CoMmentato Con Cd-Rom a cura di Francesco Macario

2 CONTRATTI FORMULARIO COMMENTATO con Cd-Rom a cura di Francesco Macario I PLUS COMPLETEZZA: l Opera fornisce le formule e gli schemi dei contratti tipici e atipici, compresi i modelli accolti di recente nella prassi e introdotti dalle ultime riforme legislative, maggiormente utilizzati in ogni ambito dell attività commerciale. La casistica in materia è estremamente vasta e comprende anche i modelli della pratica internazionale (ad es. il contratto di buy back ) e quelli più attuali, quali l assistenza informatica e medico sanitaria, Call and put option, Financial futures e il contratto di Call Center (Tele-assistenza). Le formule sono state selezionate in considerazione delle ricadute pratiche e delle implicazioni nell attività commerciale. IMPOSTAZIONE, ogni formula è corredata da: a) l indicazione delle fonti normative; b) un inquadramento sistematico d autore sintetico e completo che tratta le caratteristiche essenziali del contratto e i profili di problematicità; c) una rassegna delle questioni giuridiche più controverse risolte dalla giurisprudenza di legittimità e di merito; d) una bibliografia essenziale che fornisce la selezione delle opere più utili per la pratica e le fonti classiche per eventuali approfondimenti. UTILITA : il taglio pratico-scientifico e la struttura dell Opera rendono il Formulario uno strumento di rapida e completa consultazione nella delicata fase della redazione degli accordi contrattuali. L Opera si rivolge a diverse figure professionali: avvocati, commercialisti, operatori bancari, assicurativi e finanziari, consulenti aziendali e giuristi di impresa.

3 Piano dell opera 1 PIANO DELL OPERA Accollo di debito Accordi di ristrutturazione dei debiti Affitto di azienda Affitto di fondo rustico Agenzia Amministrazione condominiale Anticipazione bancaria Anticresi Apertura di credito Appalto Assicurazione contro il furto Assicurazione contro l incendio, le dispersioni di acque ed i danni a beni materiali Assicurazione della responsabilità civile Assicurazione privata contro gli infortuni Assistenza informatica Assistenza medico-sanitaria Associazione in partecipazione Associazione temporanea di imprese Atto costitutivo di fondazione Brokeraggio Buy-back Catering e banqueting Cessione del credito Cessione di azienda Cessione di azioni Cessione di quote sociali Collocamento di strumenti finanziari Commissione Comodato Compromesso e clausola compromissoria Concessione di ipoteca Concessione di know-how Concessione di vendita Conto corrente Contratto autonomo di garanzia Contratto d opera Contratto d opera intellettuale Contratto di Call center (o Tele-assistenza) Contratto di consulenza Contratto di edizione Contratto di manutenzione Contratto di utilizzazione del computer Contratto di viaggio Contratto estimatorio Contratto preliminare di vendita Cooperazione tecnologica Delegazione Deposito Engineering Factoring Fideiussione Financial future Forfaiting Franchising Intermediazione finanziaria Leasing finanziario Lettera di patronage Leveraged buy out Licenza di brevetto Licenza di marchio Locazione

4 2 Piano dell opera Mandato Mandato di credito Mediazione Merchandising Mutuo Noleggio Opzione finanziaria (Call and put option) Outsourcing Patti parasociali Pegno Permuta Prestito di titoli Procacciamento d affari Pronti contro termine Proposta di concordato fallimentare Proposta di concordato preventivo Rendita perpetua Rendita vitalizia Riporto Sequestro convenzionale Somministrazione Spedizione Sponsorizzazione Subappalto Subfornitura Swap Transazione Trasporto di cose Trasporto di persone Vendita a campione Vendita a prova Vendita alternativa Vendita con facoltà alternativa Vendita con patto di prelazione Vendita con patto di riscatto Vendita con riserva di gradimento Vendita con riserva di proprietà Vendita di cosa altrui Vendita di cosa futura Vendita di cose mobili Vendita di eredità Vendita di hardware Vendita di immobili Vendita di multiproprietà Vendita di prodotti agricoli e alimentari Vendita sottoposta a condizione

5 Hanno collaborato 3 HANNO COLLABORATO PROF.SSA ADRIANA ADDANTE Professore aggregato nell Università di Foggia; Avvocato in Bari PROF. GIUSEPPE COLANGELO Professore aggregato nell Università della Basilicata AVV. ALESSANDRA ANGIULI di Bari; Avvocato in Bari PROF. VINCENZO COLONNA Professore aggregato nell Università di Foggia AVV. CAMILLA BALDASSARRE Dottoranda di ricerca nell Università di Bari; Avvocato in Taranto AVV. FRANCESCO CORLETO Dottore di ricerca nell'università di Macerata; Avvocato in Bari AVV. SERGIO BARBARO Dottore di ricerca nell'università di Bari; Avvocato in Taranto AVV. MARIELLA CUCCOVILLO di Foggia; Avvocato in Trani AVV. MARCO BELLEZZA Dottorando di ricerca nell'università di Bari; Avvocato in Bari AVV. FRANCESCA DARDES Assegnista di ricerca nell Università di Bari; Avvocato in Bari AVV. CLAUDIA MORGANA CASCIONE Assegnista di ricerca nell Università di Roma 3; Avvocato in Bari AVV. MICHELE DELLA CHIESA di Bari; Avvocato in Bari AVV. CHIARA CAVAJONI Assegnista di ricerca nell'università d Milano; Avvocato in Milano AVV. FIAMMETTA CERIO di Bari; Avvocato in Bari AVV. COSIMO DI BITONTO Avvocato in Milano AVV. LORETTA DI GIOVANNI di Bari; Avvocato in Bari

6 4 Hanno collaborato DOTT.SSA ROSA FUNCIELLO Cultore della materia nell Università di Roma 3 AVV. CINZIA MARSEGLIA di Foggia; Avvocato in Foggia DOTT.SSA AMARILLIDE GENOVESE Ricercatore confermato nell Università di Bari AVV. RACHELE MARSEGLIA Borsista di post dottorato nell'università di Bari; Avvocato in Bari PROF. MASSIMILIANO GRANIERI Professore aggregato nell Università di Foggia DOTT.SSA GIULIA OREFICE Dottorando di ricerca nell'università di Pisa AVV. EZIO GUERINONI di Milano; Avvocato in Milano DOTT.SSA LEA LIDIA LAVITOLA Foro di Milano DOTT.SSA MARIA CECILIA PAGLIETTI Ricercatore nell Università di Roma 3 AVV. MARIA PASTORE Dottoranda di ricerca nell Università di Bari; Avvocato in Taranto AVV. FEDERICO GUGLIELMO LELLA Dottore di ricerca nell Università di Bari; Avvocato in Taranto DOTT. GIANLUCA PETTI di Foggia; Magistrato onorario in Foggia AVV. DANIELA MAFFEI di Bari; Avvocato in Bari AVV. ARTURO PIRONTI Assegnista di ricerca nell Università di Foggia; Avvocato in Foggia AVV. VIVIANA MANCINELLI di Bari; Avvocato in Taranto DOTT.SSA FRANCESCA PULITI Cultore della materia nell Università di Roma 3 AVV. BENEDETTA MANFREDONIA Assegnista di ricerca nell Università di Bari; Avvocato in Bari AVV. PAOLA QUARTICELLI di Foggia; Avvocato in Foggia

7 Hanno collaborato 5 PROF. AVV. MARIANO ROBLES Professore aggregato nell Università di Bari; Avvocato in Bari DOTT. MARCO ROSSETTI Magistrato applicato all'ufficio Massimario della Corte di cassazione AVV. VALERIO SANGIOVANNI di Heidelberg; Avvocato in Milano e Rechtsanwalt in Francoforte sul Meno AVV. LORENZO SCARANO di Bari; Avvocato in Taranto PROF. MARIA STEFANIA SCARDIGNO Professore aggregato nell Università di Bari AVV. ANNA TODESCAN Avvocato in Roma AVV. AURORA TORELLI Dottoranda nell Università di Milano Bicocca; Avvocato in Lucera AVV. FRANCESCO TOSCHI VESPASIANI Avvocato in Firenze DOTT. ENZO MARIA TRIPODI Coordinatore INDIS-Unioncamere DOTT.SSA MARIALETIZIA VARRICCHIO Cultore della materia nell Università di Roma 3 AVV. ELISABETTA VIANELLO Avvocato in Bologna DOTT. FRANCESCO SCARONGELLA Dottorando di ricerca nell Università di Foggia PROF. DOMENICO VITI Professore associato nell Università di Foggia AVV. DARIO SCARPA Avvocato in Napoli DOTT.SSA VERA VOZZA Dottoranda di ricerca nell Università di Bari AVV. ALBERTO MARIA SCHIAVONE Avvocato in Milano AVV. SERGIO SISIA Avvocato in Milano

8 6 CONTRATTI FORMULARIO COMMENTATO Fonti normative: Artt c.c. FIDEIUSSIONE A) INQUADRAMENTO SISTEMATICO: 1. Profili strutturali e funzionali della fideiussione - 2. Forma e prova della fideiussione - 3. Carattere accessorio della fideiussione - 4. I rapporti tra creditore e fideiussore - 5. I rapporti tra fideiussore e debitore - 6. Fideiussio fideiussionis: natura e responsabilità del fideiussore di secondo grado - 7. L istituto della confideiussione e il beneficio della divisione fra più fideiussori - 8. Fideiussione omnibus e determinabilità dell oggetto. Le modifiche della l , n. 154 e il problema dei rapporti preesistenti - 9. L estinzione della fideiussione. 1. Profili strutturali e funzionali della fideiussione 1 Sebbene l art c.c. non offra una definizione di fideiussione, limitandosi a descrivere una delle parti del rapporto obbligatorio (il fideiussore), è innegabile la sua riconducibilità nell alveo delle garanzie personali (di cui la fideiussione rappresenta l archetipo) anche in virtù dell uso dell avverbio personalmente. Altrettanto inequivoco è il riferimento alla manifestazione di volontà del debitore riconducibile, secondo l orientamento prevalente, a una proposta contrattuale, sufficiente a impegnare il fideiussore, pur in mancanza di accettazione da parte del creditore, secondo lo schema del contratto unilaterale da concludersi ex art c.c.; ove invece si ravvisino nell offerta del fideiussore gli estremi della promessa, il modello generale di riferimento non potrà che essere quello della promessa unilaterale ex art c.c. [per tutti, v. MACARIO (20), 127 s.]. Dato comune ad entrambe le impostazioni è comunque rappresentato dall estraneità del debitore al perfezionamento del contratto, che si ricava a fortiori dal c. 2 dell art c.c., nella misura in cui si ribadisce l efficacia della fideiussione, anche se il debitore non è a conoscenza, nonché dalla norma che disciplina il regresso del fideiussore ex art c.c., attribuendo al garante solvens il diritto di rivalersi sul debitore principale, indipendentemente dalla conoscenza che questi abbia dell esistenza di un rapporto di garanzia. 2 Quanto alla natura del contratto, da ricondurre alla categoria dei contratti a e- secuzione differita [FRAGALI (16), 33; GIUSTI (17), 85], è da escludere

9 Fideiussione 7 l inquadrabilità della fideiussione nel novero dei rapporti lato sensu di durata, poiché nella fideiussione, a differenza di quanto accade nei rapporti di durata, l elemento temporale, limitandosi a fissare il momento dell esecuzione, non incide sulla funzione del contratto, dal momento che il rapporto di garanzia realizza la sua funzione tipica, nel senso di rafforzare la tutela al creditore, sin dal momento della sua costituzione [per tutti, MACARIO (20), 59]. 2. Forma e prova della fideiussione 1 Pur non richiedendo formule sacramentali, la volontà diretta a prestare fideiussione deve essere espressamente dichiarata e risultare senza incertezze e ambiguità [sulla chiarezza e inequivocità della manifestazione di volontà: FRAGALI (16), 184; G. BOZZI (4), 211 s.]. Secondo la dottrina dominante, dunque, che rinviene la ratio dell art c.c., nel consentire al fideiussore di rendere una dichiarazione frutto di una decisione ponderata [così, RAVAZZONI (31), 37] e - di conseguenza - nel privare di ogni rilevanza le dichiarazioni non caratterizzate dalla serietà dell impegno di garantire, come, ad esempio, raccomandazioni o semplici pareri resi da terzi al creditore sulla solvibilità del debitore [in tale seconda direzione, CICCAGLIONE (9), 618], la forma scritta non sarebbe necessaria. 2 Quanto al regime probatorio, l opinione dominante è nel senso dell ammissibilità della prova presuntiva. Poiché il negozio di fideiussione è a forma libera, secondo l orientamento dottrinale e giurisprudenziale prevalente la fideiussione può essere accertata con qualsiasi mezzo di prova, ivi compresa la prova per presunzioni [in tal senso, già nel vigore del codice civile del 1865: CAMPOGRANDE (6), 189 s.; successivamente, v. FRAGALI (16), 138, contra BIANCA (2), 475]. 3. Carattere accessorio della fideiussione 1 La centralità del principio di accessorietà nella disciplina della fideiussione e- merge agevolmente dal complesso delle vicende inerenti il rapporto fideiussorio, condizionate dal legame intercorrente tra l obbligazione fideiussoria e principale, al punto che quest ultima influenza le sorti della prima dalla fase geneti-

10 8 CONTRATTI FORMULARIO COMMENTATO ca sino alla fase estintiva [negli stessi termini, in dottrina, v. RAVAZZONI (31), 52]. Nella fase genetica, costituisce applicazione del principio di accessorietà l art c.c. La norma prevede l invalidità dell obbligazione di garanzia nell ipotesi di invalidità dell obbligazione principale, con l unico limite dei casi in cui la fideiussione sia prestata dall incapace. Il problema della derogabilità dell art c.c. è stato affrontata in maniera più corretta dalla dottrina rispetto all approccio più semplicistico della giurisprudenza [MACARIO (20), 211], impostando la questione in termini di qualificazione del contratto. In quest ultima direzione, argomentando dall indefettibilità del principio di accessorietà, taluno deriva la qualifica del contratto con clausola di sopravvivenza come contratto atipico, ovvero come nuovo tipo di contratto con causa di garanzia [in tal senso, PORTALE (29), 1047 ss.; NATUCCI (26), 15 s.; contra, a favore della tesi che ravvisa nella clausola in esame una mera deroga all accessorietà, restando, peraltro, inalterata la natura del contratto di fideiussione: FRAGALI (16), 63; CAMPOBASSO (6), 140 s.]. Lo stretto collegamento fra il rapporto principale e quello accessorio determina altresì l identità dell oggetto dell obbligazione garantita e di quella fideiussoria, ai sensi dell art c.c. [MACARIO (20), 185]. In ossequio al principio di accessorietà che informa la disciplina della fideiussione in tutti i suoi aspetti, l estinzione dell obbligazione principale determina l estinzione dell obbligazione accessoria. Il principio di accessorietà - corroborato da quello di solidarietà (su cui v. infra) - dell obbligazione fideiussoria è pure alla base della regola posta dall art c.c. in tema di rapporti fra fideiussore e creditore, secondo cui il fideiussore può opporre al creditore tutte le eccezioni che spettano al debitore principale, salva quella derivante dall incapacità. (Omissis) B) FORMULE F115 FIDEIUSSIONE 1. Oggetto della fideiussione Il Signor. dichiara di prestare, come presta, fideiussione in via solidale e indivisibile, per sé o successori, per il pieno e puntuale adempimento di tutte le obbligazioni assunte da con il presente contratto o comunque da esso nascenti fino alla completa estinzione delle stesse, in specie per la restituzione del capitale erogato, per il pagamento dei relativi interessi, anche di mora, ed accessori, per il rimborso delle spese e in genere per

11 Fideiussione 9 qualsiasi altro titolo anche accessorio che si riferisca al presente contratto e all'allegato " ". 2. Estensione della fideiussione La presente fideiussione viene prestata sino a concorrenza dell'importo complessivo di Euro... La fideiussione rimarrà ferma e valida in avvenire, senza bisogno di ulteriori interventi o dichiarazioni del "fideiussore", anche nella ipotesi che l'istituto consentisse proroghe dei pagamenti oppure consentisse eventuali liberazioni, restrizioni o sostituzioni delle eventuali altre garanzie ad esso Istituto conferite con il contratto di finanziamento o successivamente, restando l'istituto anche esonerato dal darne comunicazione al "fideiussore". L Istituto non è tenuto a comunicare al fideiussore la situazione debitoria della impresa finanziata e le sue variazioni, salvo che esso fideiussore richieda di volta in volta sulla situazione suddetta. 3. Escussione Per quanto ad abbondanza il "fideiussore" dichiara espressamente di rinunciare al beneficio della previa escussione della "impresa finanziata" e si obbliga a versare all'istituto, invece della "Impresa finanziata" stessa, dietro semplice invito dell'istituto a mezzo di lettera raccomandata ed entro trenta giorni dall'invito medesimo e anche prima della realizzazione, da parte dell'istituto medesimo, delle eventuali altre garanzie che lo stesso potesse a qualunque titolo detenere, quanto dovuto dalla "Impresa finanziata" nel caso che questa mancasse, per qualsiasi motivo, alla puntuale esecuzione degli obblighi assunti. Resta inoltre convenuto che, in deroga all'art c.c., l Istituto è dispensato dall'onere di agire contro la debitrice principale e gli altri coobbligati entro i termini previsti dalla predetta norma. Luogo, ; data... Firme...

12 10 CONTRATTI FORMULARIO COMMENTATO F116 CONDIZIONI GENERALI UNIFORMI RELATIVE ALLE FIDEIUSSIONI SENZA INDICAZIONE DI LIMITE MASSIMO A GARANZIA DI QUALUN- QUE OPERAZIONE BANCARIA (FIDEIUSSIONE OMNIBUS) (1) Spett. le. Con la presente, (vi comunico di costituirmi fideiussore) oppure (vi comunichiamo di costituirci fideiussore) del Signor. e dei suoi successori o aventi causa, sino alla concorrenza dell importo di Euro per l adempimento delle obbligazioni verso codesta banca, dipendenti da operazioni bancarie di qualunque natura, già consentite o che venissero in seguito consentite al predetto nominativo o a chi gli fosse subentrato, quali, ad esempio, finanziamenti sotto qualsiasi forma concessi, aperture di credito, aperture di crediti documentari, anticipazioni su titoli, su crediti o su merci, sconto o negoziazione di titoli cambiari o documenti, rilascio di garanzie a terzi, deposito cauzionali, riporti, compravendita titoli e cambi, operazioni di intermediazione o prestazioni di servizi. La fideiussione garantisce inoltre qualsiasi altra obbligazione che il debitore principale si trovasse in qualunque momento ad avere verso codesta banca in relazione a garanzie già prestate o che venissero prestate dallo stesso debitore a favore di codesta banca nell interesse di terzi, fermo restando per le garanzie fideiussorie quanto previsto dall art c.c. La presente fideiussione è regolata dalle seguenti condizioni: 1. Oggetto della garanzia La fideiussione garantisce tutto quanto dovuto dal debitore per capitale, interessi, anche se moratori ed ogni altro accessorio, nonché per ogni spesa anche di carattere giudiziario ed ogni onere tributario. 2. Solidarietà e indivisibilità delle obbligazioni Le obbligazioni derivanti dalla fideiussione nei confronti della banca si intendono assunte in via solidale e indivisibile anche per gli eventuali aventi causa a qualsiasi titolo dal fideiussore stesso.

13 Fideiussione Recesso dalla garanzia Il recesso del fideiussore della garanzia non è efficace nei confronti della banca finché questa non abbia ricevuto la relativa comunicazione inviata a mezzo di lettera raccomandata, telegramma, telefax oppure la stessa sia stata presentata allo sportello presso cui è intrattenuto il rapporto e. (2) Il fideiussore risponde, oltre che delle obbligazioni del debitore in essere al momento in cui il recesso è efficace nei confronti della banca, ai sensi del precedente c. 1, di ogni altra obbligazione che venisse successivamente a sorgere o a maturare esclusivamente in dipendenza dei rapporti esistenti al momento suindicato. Per quanto concerne i rapporti di apertura di credito intrattenuti col debitore, il fideiussore può recedere dalla fideiussione, con l effetto che il fideiussore stesso sarà tenuto in ogni caso a garantire il debito esistente al momento in cui il recesso medesimo è divenuto efficace ai sensi del precedente c. 1 e sia decorso il termine di presentazione degli assegni emessi dal debitore e ancora in circolazione. 4. Informazioni sull andamento del rapporto garantito Il fideiussore avrà cura di tenersi al corrente delle condizioni patrimoniali del debitore e, in particolare, di informarsi presso lo stesso dello svolgimento dei suoi rapporti con la banca. La banca è comunque tenuta, a richiesta del fideiussore, a comunicargli entro i limiti dell importo dallo stesso garantito, l entità dell esposizione complessiva del debitore, quale ad essa risultante al momento della richiesta, nonché, previo ottenimento da parte del fideiussore del consenso scritto del debitore principale, ulteriori informazioni concernenti l esposizione stessa. Indipendentemente da quanto disposto dal precedente c. 2, la banca comunica al fideiussore - nei limiti e alle condizioni ivi previsti - le medesime informazioni con cadenza.. e secondo le modalità di comunicazione indicate nell allegato modulo. 5. Pagamento del fideiussore

14 12 CONTRATTI FORMULARIO COMMENTATO Il fideiussore è tenuto a pagare immediatamente alla banca, a semplice richiesta scritta, quanto dovutole per capitale, interessi, spese, tasse ed ogni altro accessorio. In caso di suo ritardo nel pagamento, il fideiussore è tenuto a corrispondere alla banca gli interessi moratori nella stessa misura ed alle stesse condizioni previste a carico del debitore. L eventuale decadenza del debitore dal beneficio del termine si intenderà automaticamente estesa al fideiussore. Dell avvenuta decadenza la banca dà tempestiva comunicazione al fideiussore. 6. Recesso dal rapporto garantito La banca esercita la facoltà di recedere dai rapporti con il debitore secondo le modalità e i termini contrattualmente previsti. 7. Efficacia della fideiussione La fideiussione ha pieno effetto indipendentemente da qualsiasi garanzia, personale o reale, già esistente o che fosse in seguito prestata a favore della banca nell interesse del debitore medesimo. Quando vi sono più fideiussori, ciascuno di essi risponde per l intero ammontare del debito, anche se le garanzie sono state prestate con un unico atto e l obbligazione di alcuno dei garanti è venuta a cessare o ha subito modificazioni, per qualsiasi causa e anche per remissione o transazione da parte della banca. 8. Invio della corrispondenza al fideiussore L invio al fideiussore di lettere, le eventuali notifiche e qualunque altra dichiarazione o comunicazione della banca - anche relative al presente contratto - saranno fatti al fideiussore con pieno effetto all ultimo indirizzo comunicato per iscritto. 9. Segnalazione della garanzia Il fideiussore autorizza espressamente la banca a segnalare la presente fideiussione, se richiesta, alla società di revisione incaricata dal debitore del controllo contabile e della certificazione dei suoi bilanci.

15 Fideiussione Clausola non applicabile ai consumatori Alla fideiussione prestata da un soggetto che riveste la qualità di consumatore ai sensi dell artt bis, c. 2 c.c., a favore di un soggetto che rivesta la medesima qualità fatto salvo diverso specifico accordo in tal senso con il fideiussore stesso non si applica quanto previsto dall art. 5, c. 1 (pagamento a semplice richiesta ). Luogo, ; data... Firme... Note: (1) È riprodotta la traccia di fideiussione omnibus concordata tra ABI e associazione dei consumatori, come emendata a seguito del Provvedimento della Banca d Italia , n. 55 (Circolare ABI, , n. 4231). (2) La clausola va integrata prevedendo il termine trascorso il quale diviene efficace nei confronti della banca la comunicazione di recesso. C) GIURISPRUDENZA: 1. Fideiussione: caratteri generali - 2. Carattere accessorio della fideiussione. La c.d. clausola di sopravvivenza. Oggetto e reviviscenza della fideiussione - 3. Rapporti tra più fideiussori: fideiussione solidale - 4. Fideiussione del fideiussore (o fideiussione di secondo grado) e fideiussione al fideiussore. Confideiussione - 5. Fideiussione omnibus - 6. Estinzione della fideiussione. 1. Fideiussione: caratteri generali 1 Sotto il profilo soggettivo, si segnala la nota sentenza della Suprema Corte che ha concluso per l applicabilità dell art. 33 c. cons. inerente la disciplina sulle clausole vessatorie nei contratti con i consumatori, ove la fideiussione acceda ad un contratto avente ad oggetto la cessione di beni o la prestazione di servizi [C , n , RFI 2005, voce Fideiuss. e mand. cred., n. 22]. In altra ipotesi, la Cassazione ha concluso per l efficacia della clausola di deroga alla competenza territoriale, trattandosi di un fideiussore, amministratore unico della società garantita [C , n. 314, FI 2001, I, 1589, nt. PALMIERI; GC 2001,

16 14 CONTRATTI FORMULARIO COMMENTATO 2149, nt. DI MARZIO]. Si ricorda che la Cassazione ha concluso per l inapplicabilità della disciplina sulle clausole vessatorie ai contratti di fideiussione bancaria stipulati anteriormente, stante il principio generale di irretroattività della legge [C n , RFI 2003, voce Contratto, n. 353]. Si segnala ancora per la peculiarità sotto il profilo soggettivo, una recente sentenza della Corte [C , n , BBTC 2008, II, 4099, nt. BARILLÀ], nella cui massima si legge: "[l]a società di persone, anche se sprovvista di personalità giuridica, costituisce un distinto centro di interessi e di imputazioni di situazioni sostanziali e processuali, dotato di una propria autonomia e capacità processuale. In forza di tale autonomia, così come è legittimato ad agire in giudizio per gli interessi della società e far valere diritti, ovvero per contestare eventuali obblighi ad essa ascritti, è esclusivamente il soggetto che riveste la qualità di legale rappresentante, e così come riguardo ad esse è configurabile una responsabilità degli amministratori nei confronti dei singoli soci, oltre che verso la società, allo stesso modo deve ritenersi che la fideiussione prestata dal socio a favore della società, proprio per effetto della rilevata autonomia patrimoniale e della distinzione di sfere giuridiche, rientra tra le garanzie prestate per le obbligazioni altrui, secondo lo schema delineato dall art c.c.". 2 Quanto al profilo strutturale, l estraneità del debitore alla vicenda perfezionativa del contratto è affermazione assolutamente consolidata in giurisprudenza [C , n , RFI 2006, voce Fideius. e mand. cred., n. 13; C , n. 8064, GI 1993, I, 1, 1296; C , n. 2456, GC 1985, I, 466]. Va da sé che, ove non espressamente contemplate nel contratto, non possano assumere rilievo le intese tra fideiussore e debitore [C n. 1525, BBTC 1985, II, 467]. 3 In ordine ai requisiti formali, la giurisprudenza - sia di merito che di legittimità - maggioritaria esclude, anzitutto, che sia indispensabile la forma scritta, purché la volontà del fideiussore di obbligarsi in luogo d altri risulti percepibile al creditore in maniera inequivocabile, ovvero senza possibilità di dubbio [C , n. 8471, RFI 1994, voce Fideius. e mand. cred., n. 21; T Milano , BBTC 1988, II, 532; C n. 4314, RFI 1974, voce Fideius. e mand. cred., n. 7, che sostiene la necessità di espressioni atte ad esteriorizzare immediatamente e direttamente, in modo chiaro ed inequivoco, la volontà del garante di adempiere l obbligazione analoga a quella del debitore ; risalendo indietro nel tempo: C , n. 2309, RFI 1954, voce Fideiussione, n. 7;

17 Fideiussione 15 nella giurisprudenza di merito, da ultimo, v. C App. Cagliari , RGSarda 2005, n. 87, nt. CORRIAS]. Sono perciò ammessi tutti i mezzi di prova [C , n. 8922, RFI 1998, voce Fideiuss. e mand. cred., n. 21; C , n , GI 1994, I, 1, 1649, la cui massima così recita: "la garanzia personale che, ai sensi dell art c.c., il mediatore può prestare per l adempimento delle prestazioni di una delle parti del contratto concluso per il suo tramite, è regolata dai principi propri della fideiussione e, ai sensi dell art. 1937, deve, quindi, risultare da una volontà espressa: che, cioè, anche se non sono necessarie la forma scritta o le formule sacramentali, sia espressamente manifestata in un patto del quale è possibile la prova con ogni mezzo, ed anche, quindi con testimoni o per presunzioni"]. Scendendo nel dettaglio dei singoli mezzi di prova per l ammissibilità del deferimento del giuramento suppletorio è una sentenza di legittimità risalente [C , n. 2820, RFI 1954, voce Fideiussione, n. 9], mentre nel senso dell ammissibilità della prova presuntiva è la giurisprudenza dominante [C , n , RFI 2007, voce Fideiuss.e mand. cred., n. 16; C , n , GI 1994, I, 1, 1649, nt. PERNAZZA; C , n. 2369, FI 1985, I, 2383, nt. PROTO PISANI; T Milano , BBTC 2006, II, 545]. (Omissis). D) BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE: (1) ARU, Della fideiussione, Obbligazioni, Com. DF, II, 2, 1949; (2) BIANCA, Diritto civile, V, La responsabilità, Milano, 1994; (3) BONFATTI, Effetti diretti ed indiretti della disciplina della trasparenza sulle fideiussioni bancarie, DBMF 1994, I, 3; (4) BOZZI G., La fideiussione, le figure affini e l anticresi, Tr. RES, XIII, 2ª ed., Torino, 2007, 207 ss.; (5) CAMPOBASSO, Coobbligazione cambiaria e solidarietà disuguale, Napoli, 1974; (6) CAMPOGRANDE, Trattato della fideiussione nel diritto odierno, Torino, 1902; (7) CARBONE, La fideiussione. Rassegna di dottrina e giurisprudenza, DG 1958, 321; (8) CHIANALE, voce Fideiussione, DI civ.,vii, Torino, 1992, 254; (9) CICCAGLIONE, voce Fideiussione, EGI, VI, Milano, 1903; (10) DI MAJO, La nullità, in DI MAJO-FERRI-FRANZONI, Il contratto in generale, Tr. BES., XIII, 7, Torino, 2002, 31; (11) DI SABATO, Fideiussione e negozi di assunzione del debito altrui: criteri d interpretazione, RDC 1961, II, 490; (12) DOLMETTA, Fideiussioni chiuse e legge sulla trasparenza: una massima della Cassazione, BBTC 1993, II, 240; (13) D ORAZI FLAVONI, Fideiussione, mandato di credito, anticresi, Tr. GSP, Milano, 1961; (14) FALASCHI, L art c.c.: fideiussione e mandato di credito, FI 1958, IV, 185; (15) FALQUI MASSIDDA, voce Fideiussione, EGT, XIV, Roma, 1989; (16) FRAGALI, Della Fideiussione, Com. S.B., Bo-

18 16 CONTRATTI FORMULARIO COMMENTATO logna-roma, 1968; (17) GIUSTI, La fideiussione ed il mandato di credito, Tr. CM, XVIII, 3, Milano, 1998; (18) GRIPPO-PACCHI-PASQUARIELLO-VALIGNANI, Le garanzie personali, Tr. BES., XI, 1, Torino, 2007; (19) LOBUONO, I contratti di garanzia, Tr. CNN, Napoli, 2006; (20) MACARIO, Garanzie personali, Tr. SAC., Torino, 2009; (21) MARICONDA, Fideiussione omnibus, irretroattività della novella, clausola a prima richiesta, CG 1993, 695; (22) MASTROPAO- LO-CALDERALE, Fideiussione e contratti di garanzia personale, in AA.VV., I contratti di garanzia, a cura di F. MASTROPAOLO, Tr. RG, Torino, 2006; (23) MICCIO, Della fideiussione, Com. Utet, IV, Torino, 1959, 408; (24) MONTICEL- LI, Garanzie personali, Tr. CNN, III, 19, Napoli, 2005; (25) MORETTI, La fideiussione, GSDCC, Torino, 1980, 51; (26) NATUCCI, Astrazione causale e contratto autonomo di garanzia, Padova, 1992; (27) PETTI, La fideiussione e le garanzie personali del credito, 2ª ed., Padova, 2006; (28) PONTIROLI, voce Fideiussione omnibus, DI civ., agg., Torino, 2000, 373 ss. ; (29) PORTALE, Fideiussione e Garantievertrag nella prassi bancaria, in Le operazioni bancarie, a cura di ID., Milano, 1978, II, 1052 ss.; (30) RAVAZZONI, Sulla c.d. polizza fideiussoria, FI 1958, I, 1311; (31) ID., Le garanzie dell obbligazione, Parma, 1993; (32) RIVOLTA, Le nuove disposizioni sulla fideiussione, RDC 1992, II, 675; (33) RUBINO, Obbligazioni alternative. Obbligazioni in solido. Obbligazioni divisibili ed indivisibili, Com. S.B., Bologna-Roma, 1957; (34) SACERDO- TI, Aspetti delle assicurazioni delle cauzioni nel mercato assicurativo italiano, ASS 1956, I, 278; (35) SALVESTRONI, La solidarietà fideiussoria, Padova, 1977; (36) ID., Fideiussioni speciali atipiche o miste e solidarietà attenuata, BBTC 1982, I, 1085; (37) STOLFI, Natura giuridica dell assicurazione cauzioni, ASS 1958, I, 61; (38); TAMBURRINO, Appunti sulla natura e sulla disciplina della cosiddetta assicurazione fideiussoria, ASS 1970, I, 523; (39) TOMMASINI, voce Invalidità (dir. priv.), ED, XXII, Torino, 1992, 575.

19 Della stessa collana: Codici - Codice di procedura civile commentato a cura di C. Consolo - Codice penale commentato a cura di E. Dolcini e G. Marinucci - Codice di procedura penale commentato a cura di A. Giarda e G. Spangher - Codice commentato del fallimento diretto da G. Lo Cascio - Codice commentato delle società a cura di L. De Angelis, G. Bonfante, D. Corapi, R. Rordorf, V. Salafia - Codice del processo amministrativo commentato a cura di R. De Nictolis Formulari - Lavoro - Formulario commentato a cura di A. Maresca, R. Romei, L. Failla, M. Brisciani, P. Rausei - Diritto di famiglia - Formulario commentato a cura di M. Trimarchi, P. Corder - Processo civile. Il processo di cognizione - Formulario commentato a cura di C. Consolo, V. Mariconda, P. Pototschnig - Processo civile. Il processo di esecuzione - Formulario commentato a cura di C. Consolo, M. Ferro - Processo civile. I procedimenti speciali - Formulario commentato a cura di C. Consolo, V. Mariconda - Atti difensivi penali - Formulario commentato a cura di S. Corbetta e G. Spangher - Atti societari - Formulario commentato a cura di V. Salafia I Contratti Mensile di dottrina, giurisprudenza e pratiche contrattuali Periodicità: mensile Direzione scientifica: Umberto Breccia, Ugo Carnevali, Giovanni D Amico, Francesco Macario, Claudio Scognamiglio Comitato di redazione: Christian Romeo Grazie all ampia rilevanza data alla giurisprudenza, alla contrattualistica nazionale e internazionale e alle problematiche connesse all arbitrato, la Rivista fornisce una risposta autorevole, completa e tempestiva all esigenza informativa in materia. Particolare attenzione è dedicata all analisi dei profili applicativi della disciplina del contratto in generale e delle singole fattispecie, compresi gli aspetti fiscali. La rubrica Dibattiti mette a confronto i massimi Esperti del settore su tematiche di particolare interesse e offre spunti di riflessione utili ad agevolare e alimentare la discussione con i lettori. Arricchiscono la Rivista, gli Itinerari della giurisprudenza e gli Osservatori di giurisprudenza di legittimità e di merito.

20 CONTRATTI FORMULARIO COMMENTATO con Cd-Rom 2011, pagg. 2432, 150,00 a cura di Francesco Macario Per maggiori informazioni ed acquisti, rivolgersi a: - il suo agente di zona per conoscere la sua agenzia di riferimento: Ipsoa tel Cedam tel UTET Giuridica tel (0,14 al minuto iva inclusa) - la sua libreria professionale di fiducia per indicazioni sulla libreria più vicina: il servizio librerie tel il servizio informazioni commerciali: tel fax per il suo acquisto on line TIMBRO

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l.

Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l. Studio n. 836-2014/I Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l. Approvato dall Area Scientifica Studi d Impresa il 10 ottobre 2014 Approvato dal CNN nella seduta del 9 gennaio 2015

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

Il recesso dal contratto collettivo nel diritto civile

Il recesso dal contratto collettivo nel diritto civile Capitolo I nel diritto civile SOMMARIO: 1. Il recesso dal contratto: i termini della questione. 2. Il principio della temporaneità dei vincoli contrattuali e la questione del recesso dal contratto. 3.

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali

La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali La prescrizione dell azione sociale di responsabilità nelle procedure concorsuali SOMMARIO: 1. - La fattispecie concreta 2. Le azioni di responsabilità contro gli amministratori: caratteri essenziali 3.

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo La modulistica nella

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

La Società tra Professionisti

La Società tra Professionisti Paolo Tonalini Notaio La Società tra Professionisti Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Pavia in collaborazione con Banca Generali Relazione al Convegno del 6 marzo 2015 NOTAIO

Dettagli

Commissione Protocolli. Regola n. 17 I mutui bancari e le clausole vessatorie

Commissione Protocolli. Regola n. 17 I mutui bancari e le clausole vessatorie Commissione Protocolli Regola n. 17 I mutui bancari e le clausole vessatorie In caso di contratti di finanziamento tra Istituti di Credito e soggetti qualificabili come "consumatori", il Notaio, pur in

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

Prot. n 1857/22 Circolare N 10/LUGLIO 2015 LUGLIO 2015 A tutti i colleghi (*)

Prot. n 1857/22 Circolare N 10/LUGLIO 2015 LUGLIO 2015 A tutti i colleghi (*) Prot. n 1857/22 Circolare N 10/LUGLIO 2015 LUGLIO 2015 A tutti i colleghi (*) LE ASSUNZIONI CONGIUNTE IN AGRICOLTURA. Il settore agricolo, in particolar modo per quel che concerne la gestione degli operai

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

Fascicolo informativo

Fascicolo informativo Fascicolo informativo Aedifica Assicura Polizza Fideiussoria per la Tutela dei Diritti Patrimoniali degli Acquirenti di Immobili da costruire. L. 210 del 02.08.2004/D.LGS.122 del 20.06.2005 Il presente

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO Firenze, 21 aprile, 12 e 26 maggio 2015 (15,00-18,30) Auditorium Adone Zoli dell Ordine degli Avvocati di Firenze c/o Nuovo Palazzo di Giustizia Viale

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Lezione III. Indice. 2 di 11

Lezione III. Indice. 2 di 11 INSEGNAMENTO DI DIRITTO COMMERCIALE I LEZIONE II IMPUTAZIONE DELL ATTIVITÀ D IMPRESA PROF. RENATO SANTAGATA Indice 1 principio generale della spendita del nome ----------------------------------------------------------

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» ROMA SOCIETÀ EDITRICE DEL «FORO ITALIANO» 1969 (2014) Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli