Corte dei conti, Sez. Giur. Lombardia sentenza 28 maggio 2012 n. 310

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corte dei conti, Sez. Giur. Lombardia sentenza 28 maggio 2012 n. 310"

Transcript

1 Corte dei conti, Sez. Giur. Lombardia sentenza 28 maggio 2012 n. 310 (Omissis) DIRITTO Questo Collegio è preliminarmente chiamato a verificare se, nella fattispecie in esame, sussista la propria competenza giurisdizionale. A tal proposito appare sufficiente evidenziare l assenza di profili di mero inadempimento di una obbligazione di diritto comune, e la sussistenza viceversa della violazione di un dovere tipico di servizio nell ambito del complesso sistema di relazioni intercorrenti tra il dipendente e l amministrazione nella gestione della organizzazione del lavoro pubblico. Deve infatti evidenziarsi che, qualora risulti come danno il mero inadempimento degli obblighi lavorativi, allora il dipendente pubblico sarà solo un semplice debitore, alla stregua di un qualsiasi lavoratore privato inadempiente ed in quanto tale soggetto alle normali sanzioni ed azioni civilistiche dell Amministrazione di appartenenza, sulle quali sussiste la giurisdizione del Giudice del lavoro. Qualora, invece, come nel caso di specie, il danno da inadempimento sia l effetto di un distorto esercizio delle funzioni pubbliche di competenza dell impiegato, allora deve ritenersi che questi venga in rilievo come funzionario pubblico. Ne consegue, quindi, che deve essere positivamente verificata, nella fattispecie, la giurisdizione di questa Corte. Ciò posto, in ordine alle richieste istruttorie formulate dalla difesa del convenuto, la Sezione ritiene di non poterle accogliere. Questo perché il materiale sin qui acquisito in fascicolo è più che sufficiente per ricostruire, ai fini che qui rilevano, sia il quadro generale sia la riferibilità causale, ed arrivare ad una documentata valutazione delle fattispecie in esame. Per quanto concerne, poi, l'interrogatorio formale del Sig. (Omissis), il Collegio rammenta che trattasi di istituto processuale diretto a provocare la confessione giudiziale di fatti eventualmente sfavorevoli al confitente e ad esclusivo vantaggio del deferente, e che nel caso in esame tali posizioni, che non possono ipotizzarsi se non dialetticamente contrapposte nella dinamica del processo e fisiologicamente intestate a soggetti diversi, risulterebbero sostanzialmente riunite nella medesima parte, e cioè il convenuto, quale confitente ed al contempo richiedente. Tanto premesso, nella fattispecie in esame sono contestate al Sig. (Omissis) varie condotte illecite foriere sia di danno da interruzione del nesso sinallagmatico tra prestazione lavorativa e retribuzione, sia di danno all immagine, entrambi arrecati all Ospedale (Omissis), relative a vicende penali coinvolgenti direttamente quest ultimo. Ciò risulta provato dalle risultanze del processo penale, definito ai sensi degli art. 444 e segg. c.p.p. con la sentenza del Tribunale di (Omissis), depositata in cancelleria il (Omissis) (cit. all. n. 4 del fascicolo della Procura), divenuta poi irrevocabile in data 3 luglio 2009 (cit. all. n. 5 del fascicolo della Procura). Con tale sentenza sono state attribuite al convenuto le plurime condotte di corruzione per atti contrari ai doveri d ufficio, rivelazione di segreto d ufficio ed associazione per delinquere, con la conseguente applicazione della pena patteggiata di anni uno e mesi otto di reclusione, avendo riconosciuto il vincolo della continuazione tra tutte le violazioni contestate. In ordine alla sussistenza dei fatti contestati questo Collegio condivide la prospettazione del requirente ed il richiamo alla recente giurisprudenza sul valore probatorio della sentenza penale di patteggiamento. Infatti, la sentenza penale di applicazione della pena ex art.444 c.p.p. (c.d. patteggiamento) - pur non contenendo un accertamento capace di fare stato nel giudizio civile -

2 costituisce, unitamente a tutti gli altri atti del procedimento penale, elemento di prova per il giudice di merito, il quale, laddove intenda disconoscerne l efficacia probatoria, ha il dovere di spiegare le ragioni per cui l'imputato avrebbe ammesso una sua insussistente responsabilità ed il Giudice penale avrebbe prestato fede a tale ammissione. Detto riconoscimento, pertanto, pur non essendo oggetto di statuizione assistita dall'efficacia del giudicato, può essere utilizzato come prova (Cass. 19 novembre 2007, n ; Cass. 8 settembre 2008, n ). Pertanto, le prove formatesi nel giudizio penale, possono essere acquisite nel giudizio di responsabilità amministrativo-contabile per essere oggetto di autonoma valutazione del giudice in questa sede, nella quale possono essere oggetto di contestazione e di dialettica processuale (Sez. I 9 maggio 2008 n. 209; Sez. III 10 aprile 2008 n. 122). Sul punto si tiene a precisare anche che la sentenza ex art.444 e ss c.p.p., conserva la sua valenza probatoria, anche dopo la riforma introdotta dall art. 17, comma 30 ter, d.l. n. 78 del 2009, convertito nella legge n. 102 del 2009, come modificato dal d.l. n. 103 del 2009, convertito nella legge 179/09, e dopo la pronuncia della Corte Costituzionale n. 355 del 2010 (Sez. II 12 ottobre 2010 n. 387; Sez. II 9 maggio 2011 n. 206; Sez. Lombardia, 17 febbraio 2011 n. 109). Circa, invece, la sussistenza degli elementi probatori della colpevolezza dei convenuti, nel caso di specie, vengono in rilievo i seguenti atti: a) sentenza di applicazione della pena patteggiata, ex art.444 e ss. c.p.p. depositata il (Omissis) (cit. all. n. 4 del fascicolo della Procura) poi divenuta irrevocabile il (Omissis) (cit. all. n. 5 del fascicolo della Procura); b) ordinanza del G.I.P. presso il Tribunale di Milano del (Omissis), concernente l applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari (cit. all. n. 2 del fascicolo della Procura); c) richiesta di rinvio a giudizio del (Omissis) nei confronti del Sig. (Omissis) (cit. all. n. 3 del fascicolo della Procura); d) chiamata di correità da parte di (Omissis), altro infermiere in servizio al medesimo Ospedale all epoca dei fatti contestati e partecipe dello stesso sodalizio criminale, in particolare l interrogatorio reso al P.M. in data (Omissis) (all. n. 11 del fascicolo della Procura); e) chiamata di correità da parte dei soggetti titolari delle imprese di pompe funebri beneficiarie delle illecite segnalazioni fatte dagli infermieri, in particolare l interrogatorio reso al P.M. dal Sig. (Omissis) in data (Omissis), pag. 10 e l interrogatorio reso al P.M. dal Sig. (Omissis) in data (Omissis)8, pagg. 7 e ss. (all.ti nn. 12 e 13 del fascicolo della Procura); f) sommarie informazioni rese in data (Omissis)dal Sig. (Omissis), titolare dell impresa funebre, in ordine alla sussistenza di un sistema di turnazione presso l Ospedale (Omissis) di Milano, in particolare le sommarie informazioni testualmente riportate nell ordinanza del G.I.P. di applicazione degli arresti domiciliari del (Omissis), pag. 71 (cit. all. n. 2 del fascicolo della Procura), richiamate, altresì, nell informativa di P.G. del 25 giugno 2008 (all. n. 14 del fascicolo della Procura); g) intercettazioni delle conversazioni telefoniche intercorse tra il (Omissis)ed il (Omissis) e tra il (Omissis) ed i titolari o collaboratori delle imprese funebri, in particolare le trascrizioni delle intercettazioni riportate in allegato alla relazione di P.G. del 25 giugno 2008 (cit. all. n. 14 del fascicolo della Procura), riportate anche nell ordinanza del G.I.P. di applicazione degli arresti domiciliari del 9 ottobre 2008, pag. 73 (cit. all. n. 2 del fascicolo della Procura); h) relazione di P.G. del 25 giugno 2008 (cit. all. n. 14 del fascicolo della Procura). Il Collegio dopo un attento esame degli atti sopra riportati ritiene che la sussistenza dei fatti illeciti attribuiti al convenuto e la loro giuridica qualificazione intervenuta in sede penale, appaiono

3 inconfutabili, nella loro storicità e definitività, anche in questa sede, senza necessità di alcuna particolare rivalutazione data la loro evidenza. Alla luce di quanto esposto emerge quindi, diversamente da quanto sostenuto dalla difesa del convenuto, la sussistenza degli elementi costitutivi della responsabilità amministrativa in capo al Sig. (Omissis) e, nello specifico: il danno; il rapporto di impiego e/o di servizio del convenuto in ragione del quale si sono verificate le condotte dannose; il nesso di causalità tra il comportamento doloso posto in essere dal convenuto e l evento lesivo subito dall Ospedale (Omissis) di Milano; l elemento soggettivo del dolo. Ciò posto, per quanto attiene la prima ipotesi di danno contestata dalla Procura agente, ovvero il danno da interruzione del nesso sinallagmatico tra retribuzione corrisposta dall Ospedale (Omissis) di (Omissis) ed attività lavorativa svolta per conto e nell interesse della medesima Amministrazione, il Collegio rileva che il Sig. (Omissis) ha effettivamente posto in essere le descritte attività illecite in modo sistematico e continuativo durante l orario di servizio. Pertanto, il dedotto danno da indebita retribuzione sussiste concretamente. Infatti, il danno da interruzione del nesso sinallagmatico tra le prestazioni è qualificato come pregiudizio al buon andamento della P.A. derivante dalla disutilità della spesa in tal modo sostenuta (Sez. Lombardia 2 gennaio 2012 n. 1 e n. 47 del 20 gennaio 2011). L odierno convenuto non ha eseguito correttamente le proprie prestazioni lavorative, perché le energie per le mansioni di sua specifica spettanza sono state parzialmente distratte nelle condotte illecite sopra descritte. Di conseguenza, la retribuzione corrisposta dall Amministrazione di appartenenza non ha compensato solo lo svolgimento di lecite e doverose attività istituzionali, ma, quanto meno, in parte, ha indebitamente arricchito il convenuto per l attività svolta in violazione degli obblighi di servizio e diretta alla consumazione di delitti, da cui ha tratto non trascurabili vantaggi patrimoniali illeciti. Quanto affermato trova riscontro evidente soprattutto nelle sommarie informazioni rese in data (Omissis) dal Sig. (Omissis) testualmente riportate nell ordinanza del G.I.P. di applicazione degli arresti domiciliari del (Omissis), pag. 71 (cit. all. n. 2 al fascicolo della Procura) ed in particolare nelle seguenti dichiarazioni:... l infermiere che gestisce la Camera mortuaria per vestizioni e compensi si chiama (Omissis). Ancora, dalle trascrizioni delle intercettazioni, riportate fra l altro nell ordinanza del G.I.P. del Tribunale di Milano del (Omissis), di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti del convenuto (cit. all. n. 2, pag. 76 del fascicolo della Procura), risulta evidente come il convenuto abbia sistematicamente disatteso ai propri compiti istituzionali durante l orario di servizio. A tal proposito è opportuno riportare a titolo di esempio alcune parti significative delle trascrizioni delle intercettazioni intercorse fra il Sig. (Omissis) ed Sig. (Omissis), titolare di un impresa funebre coinvolta negli illeciti ed, collaboratore di quest ultimo: (Omissis), ore 17:29:54 (Omissis) gli dice che è deceduta una persona e ai parenti ha già dato il suo numero personale e il numero del centralino, quindi a breve chiameranno ; (Omissis) ore 13:27:44 (Omissis) mentre è di turno alla Camera mortuaria del Policlinico, chiama (Omissis) e inizialmente parla con un collaboratore di (Omissis). e gli dice a questi di riferire a (Omissis). che hanno preso una salma dal Pronto Soccorso ma i parenti dovrebbero arrivare martedì. Tanto premesso, risulta priva di pregio l eccezione sollevata dalla difesa secondo cui il danno non sussisterebbe perché le intercettazioni riferite al convenuto durante l orario di lavoro si riferirebbero a poche telefonate della durata complessiva di pochi minuti. Infatti, è evidente che il telefono veniva utilizzato solo qualora il collaboratore dell impresa funebre di turno non stazionava fuori dalla Camera mortuaria, circostanza assolutamente residuale rispetto alla maggior parte dei casi in cui le segnalazioni venivano fatte personalmente. Infatti, solo quando la camera mortuaria era chiusa nella fascia oraria notturna poteva verificarsi la necessità di telefonare, diversamente i titolari ed i collaboratori delle imprese funebri di turno,

4 una volta ottenuta l autorizzazione a stazionare in quel giorno innanzi alla Camera mortuaria di certo non si dirigevano altrove essendo questo il luogo stabilito per poter procacciare con le segnalazioni anche del convenuto i clienti. Definita ed accertata l esistenza del danno da interruzione del nesso sinallagmatico, il Collegio procede ora alla sua quantificazione. È importante rammentare che la Procura ha quantificato questa voce di danno, in via equitativa ex art c.c., in euro ,98 (pari al 25% della retribuzione media annuale lorda di euro ,95, percepita dal Sig. (Omissis) nel 2008). Sul punto questo Collegio concorda con le modalità di calcolo adottate dalla Procura in riferimento al criterio equitativo di cui all art c.c., in quanto è oggettivamente impossibile provarne l esatto ammontare e quindi determinare la quota esatta della retribuzione indebitamente percepita in funzione dell attività illecita contestata al Sig. (Omissis). Infatti, le segnalazioni ai responsabili delle imprese funebri di turno non avvenivano solo telefonicamente e pertanto quantificabili attraverso il tempo stesso delle telefonate, bensì soprattutto di persona. Di conseguenza, attesa la dimostrata sistematicità e continuità di tali condotte, la quantificazione può essere fatta solo basandosi sul criterio equitativo di cui all art c.c.. Pertanto, in considerazione del tempo lavorativo che con ragionevole presunzione è stato sottratto all attività di servizio complessivamente espletata, il Collegio ritiene di quantificare il danno da indebita corresponsione di quota di retribuzione nella misura di euro 8.481,49 (pari al 20% di euro ,45 rappresentante la retribuzione media annuale lorda, percepita dal convenuto dal (Omissis) al (Omissis)). Il Collegio precisa che si è ritenuto di prendere come periodo di riferimento gli undici mesi intercorrenti fra il mese di dicembre 2007 e quello di ottobre 2008 e non l intero periodo (2008) come fatto invece dalla Procura, in quanto come si evince dalla sentenza di patteggiamento (cit. all. n. 4 del fascicolo della Procura) la prima segnalazione documentata risulta essere stata fatta dal convenuto il 21 dicembre 2007 e nello specifico: comunicava per telefono a (Omissis) l arrivo presso i loro uffici di tale (Omissis), parente di una salma, mentre il momento conclusivo del protrarsi di tali condotte illecite è stato individuato nel 9 ottobre 2008, giorno di esecuzione della misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti del convenuto. Pertanto per il danno da indebita percezione della retribuzione deve essere condannato il convenuto (Omissis) al pagamento di euro 8.481,49, importo da rivalutare a decorrere dal 9 ottobre 2008 (momento in cui è stata eseguita la misura cautelare degli arresti domiciliari) sino alla data di deposito della presente sentenza oltre gli interessi legali, calcolati a decorrere dalla data di deposito della sentenza e sino al saldo. Circa la seconda ipotesi di danno avanzata dalla Procura agente il convenuto con il proprio illecito comportamento avrebbe arrecato una grave lesione all immagine dell Amministrazione pubblica di appartenenza. Come è noto il danno all immagine consiste nell alterazione del prestigio e della personalità dello Stato-Amministrazione oppure di altra Pubblica Amministrazione, a seguito della commissione di un azione dannosa compiuta in violazione dell art. 97 Cost., ossia in dispregio delle funzioni e delle responsabilità dei funzionari pubblici (Sez. Lombardia 29 dicembre 2008 n. 989). Si verifica pertanto una lesione del bene giuridico consistente nel buon andamento della Pubblica Amministrazione che, a causa della condotta illecita dei suoi dipendenti, perde credibilità ed affidabilità all esterno, ingenerandosi la convinzione che tale comportamento patologico sia una caratteristica usuale dell attività dell Ente pubblico (Sez. Lombardia, 2 luglio 2008 n. 433; Sez. II 31 marzo 2008 n. 106; SS.RR. 23 aprile 2003 n. 10). Sulla configurazione giuridica del danno all immagine si fa riferimento alla consolidata giurisprudenza delle Sezioni di Appello condivisa da questo Collegio (SS.RR., n.10/sr/qm; Sez. III 10 settembre 2003 n. 392/A; Sez. I 10 febbraio 2004, n. 49/A; Sez. II 26

5 gennaio 2004 n. 27/A; Sez I 21 giugno 2007 n. 173/A; Sez. I 21 marzo 2007 n. 66/A; Sez. II 10 luglio 2007 n. 231; Sez. I 24 febbraio 2009 n. 97; Sez. I 7 maggio 2008 n. 202). Per la quantificazione del danno all immagine arrecato con i fatti contestati occorre fare riferimento al criterio equitativo ex art c.c., basato sui seguenti parametri: la diffusività dell episodio nella collettività, la gravità oggettiva del fatto (rilevabile dalle circostanze del fatto, dalla eventuale reiterazione dello stesso, dall entità dell arricchimento illecito), la qualifica del soggetto agente e il suo ruolo nell organizzazione amministrativa. Tanto premesso, questa Sezione Giurisdizionale ritiene che le condotte illecite poste in essere dal convenuto (sia pure provenienti da un soggetto non ricoprente un ruolo apicale nell'organizzazione della struttura ospedaliera) hanno leso l'immagine dell'amministrazione di appartenenza in considerazione dell indubbia ed intrinseca gravità dei fatti, nonché dell effetto emulativo negativo delle condotte dei convenuti all interno dell Ente. Di conseguenza, per quanto riguarda l an della lesione all immagine ed al prestigio dell Ospedale (Omissis) di (Omissis), questa Sezione condivide pienamente le argomentazioni dedotte dalla Procura Regionale, che si è appellata ai noti criteri oggettivi, soggettivi e sociali elaborati dalla giurisprudenza prevalente della Corte dei conti, ponendo l accento, per un verso, sull impatto negativo, di livello elevatissimo, che la notizia dei citati avvenimenti ha generato sul comune sentire dell opinione pubblica, per altro verso, sulla condotta assolutamente deprecabile, anche sotto l aspetto morale, del responsabile delle condotte illecite. Al riguardo la Sezione tiene a precisare che il noto rapporto di immedesimazione organica, in base al quale l Ente pubblico agisce e si relaziona con l esterno sempre per mezzo dei propri organi persone fisiche, compresi quelli che esplicano attività esecutive o materiali, si configura anche nell ipotesi di dipendenti di non elevata qualifica, il cui comportamento illecito può sicuramente determinare una lesione dell immagine dell Amministrazione, sia nell opinione pubblica, sia nell ambito del personale inquadrato nella struttura di appartenenza, specie quando la risonanza mediatica della vicenda assume dimensioni notevoli, come nel caso di specie. Infatti, la posizione o meglio la qualifica funzionale può, al limite, rilevare quale criterio soggettivo ai fini della quantificazione del danno. La gravità della lesione si manifesta, sicuramente, nella sua massima oggettiva estensione, trattandosi di comportamenti tenuti in assoluto disprezzo della pietas verso i defunti. Pertanto, una tale sistematica lesione di un sentimento etico così alto ed importante, vero e proprio fondamento della convivenza civile, comporta l'inevitabile riflesso negativo dell'immagine dell'istituzione ospedaliera. Infatti il convenuto ha abilmente sfruttato, con vile spregio di ogni etica personale e professionale, i momenti di particolare debolezza dei prossimi congiunti dei deceduti, i quali sono divenuti così a loro volta vittime di un consolidato sistema speculativo della sofferenza e del dolore che non può trovare alcuna giustificazione tantomeno di ordine puramente morale. Il quadro probatorio sopra descritto attesta inequivocabilmente che il convenuto, infermiere addetto alla camera mortuaria dell'ospedale (Omissis), ha ricevuto denaro in diverse occasioni dai titolari o collaboratori delle imprese funebri con cui era in essere il pactum sceleris, utilizzando scientemente a tal fine a proprio vantaggio la condizione di fragilità psichica dei parenti dei defunti attraversati in quei delicati momenti da sentimenti di profondo dolore, di smarrimento, nonché di prostrazione per la perdita del caro estinto. Tutto ciò, in dispregio all appartenenza ad un Ente pubblico la cui immagine esterna dovrebbe sempre apparire al riparo da situazioni che possano compromettere concretamente la fiducia dei cittadini. Inoltre, questa Sezione rileva che le condotte illecite poste in essere dal convenuto si sono concretizzate nell ambito dell accertata esistenza di un accordo di ripartizione dei proventi illeciti che riguardava complessivamente tutte le vicende corruttive connesse con la camera mortuaria e, che, quindi, andava ben oltre l intesa finalizzata alla commissione di una o più condotte corruttive determinate. Tale condotta ha, certamente, determinato una lesione diretta ed immediata dell'immagine dell'amministrazione di appartenenza,

6 fonte di danno risarcibile secondo un rapporto di assoluta ed esclusiva necessarietà. Ancora, è opportuno evidenziare che i fatti illeciti in contestazione sono stati oggetto di ripetuta attenzione da parte degli organi d'informazione locali e nazionali e delle agenzie di stampa (cit. all. n.1 del fascicolo della Procura), così da generare vivo sconcerto e stupore dell opinione pubblica. Conseguentemente, l'immagine dell'amministrazione ha subito, per l'inevitabile risonanza della condotta delittuosa del responsabile, una effettiva, concreta e significativa lesione, la cui dimensione appare certamente significativa. Alla luce di tutto ciò, affermazioni difensive quali: il Policlinico non ha patito l onta dell infedeltà del dipendente; ma anzi ha tollerato e prestato quiescenza ad un malcostume generalizzato ancora le dazioni di denaro a titolo di mancia oggetto dell indagine penale, erano elargite volontariamente agli infermieri anche da parte dei dolenti, cosa che chiarisce come questa pratica fosse percepita nell opinione pubblica più come un malcostume diffuso che come un vero e proprio sistema illecito rendono ancora più netta la posizione del convenuto. Infatti, il Collegio rileva che per la difesa le illecite connessioni tra infermieri e addetti alle imprese funebri sarebbero solo un malcostume tollerato non solo dallo stesso Ospedale ma addirittura dalla collettività che le avvertirebbero ormai come del tutto normali. Al contrario, in realtà risulta che l Ospedale (Omissis)già nel gennaio 2008 si era attivato per scongiurare tale malcostume emanando una precisa Circolare in merito. Ciò si evince a chiare lettere da quanto dichiarato in sede di interrogatorio al P.M. dal Sig. (Omissis), altro infermiere coinvolto negli illeciti, all epoca dei fatti in servizio presso l Ospedale (Omissis) (cit. all. n. 11 al fascicolo della Procura) ed in particolare: quanto all episodio relativo alla Circolare emessa dalla Direzione Sanitaria la divulgazione dell ord. del Trib. civ. di Monza, che vietava alla (Omissis). di avvicinare i parenti dei defunti nelle camere mortuarie, posso riferire che (Omissis) (il Direttore Sanitario dell Ospedale all epoca dei fatti) si arrabbiò molto quando scoprì che (Omissis) aveva in mano questa Circolare interna, al punto che fece una sorta di indagine per scoprire chi degli infermieri della Camera mortuaria avesse dato la Circolare al (Omissis). In tale ottica, in accordo con quanto affermato dall Organo requirente, appare opportuno sottolineare che la giurisprudenza prevalente di questa Corte (ex multis Sez. I nn. 222 del 2004 e 251 del 2006; Sez. Lombardia nn del 2004, 681 del 2006, 831 e 834 del 2008; Sezione Veneto n. 927 del 2006; Sez. Lazio n. 373 del 2007), avallata anche dalla Corte di Cassazione (III Sez. civile n del 2007) ha precisato che: il danno all immagine non si identifica o si verifica soltanto quando, per ripristinarlo, l Amministrazione pubblica sostiene delle spese, atteso che tale genere di pregiudizio si configura e si concreta anche nel caso in cui la rottura di quella aspettativa di legalità, imparzialità e correttezza che il cittadino e gli appartenenti all Ente pubblico si attendono dall apparato, viene spezzata dall illecito comportamento dei suoi agenti. Pertanto, l essenza ed il nucleo centrale di questo tipo di danno non si palesano solo in stretta relazione alla sussistenza di una spesa necessaria al ripristino del bene giuridico leso, in quanto la risarcibilità di un simile pregiudizio non può rapportarsi, per la sua intrinseca lesione, al ristoro della spesa che abbia inciso sul bilancio dell Ente, ma deve essere vista come lesione ideale, con valore da determinarsi secondo l apprezzamento del Giudice, ai sensi dell articolo 1226 c.c.. Ne deriva che il danno all immagine dell Amministrazione e gli esborsi sostenuti per il ripristino della stessa si trovano su piani ben distinti. Infatti, il primo raffigura una lesione di un bene tutelato in via diretta ed immediata dall ordinamento giuridico, mentre i secondi sono soltanto dei mezzi di prova utilizzabili eventualmente dalla Procura agente a sostegno della domanda di risarcimento. Diversamente, nel caso in cui si facesse espressa richiesta, ai fini della configurabilità del danno all immagine, della prova della spesa effettiva sopportata dall Ente pubblico, si arriverebbe alla paradossale situazione per cui l Amministrazione ancorché danneggiata, se sprovvista di adeguati fondi in bilancio da utilizzare per il ripristino del bene immagine, non potrebbe conseguire il risarcimento del nocumento sofferto, non essendo in condizione di offrire la prova degli esborsi sostenuti.

7 In ordine, invece, alla sua quantificazione la Procura invoca la valutazione equitativa, ex art c.c. in relazione all oggettiva gravità dei fatti contestati, di indubbio rilievo penale e disciplinare, alla particolare riprovevolezza delle condotte illecite, finalizzate a lucrare sulla morte altrui ed approfittare del dolore dei parenti degli estinti, alla reiterazione delle stesse, al notevolissimo risalto dato dagli organi d informazione alle vicende di cui è causa, come testimoniato dagli articoli versati in atti (cit. all. n. 1 del fascicolo della Procura), nonché al pericolo di condotte emulative nell ambito dell Amministrazione danneggiata. Sul punto, il Collegio osserva che è destituito di fondamento il rilievo mosso dalla difesa in ordine alla totale estraneità del parametro preso a riferimento dalla Procura (retribuzione lorda del convenuto nell anno 2008) per effettuare la quantificazione in via equitativa ex art c.c.. Infatti, nel caso di specie, il suddetto parametro risulta sicuramente il più idoneo per poter effettuare una valutazione equitativa che abbia però come punto di riferimento un valore oggettivo a prescindere dalla sua diretta riconducibilità all immagine dell Ospedale. Ciò posto, il Collegio, tenendo conto, da una parte, della oggettiva gravità della vicenda, del comportamento socialmente riprovevole del convenuto, della ripetitività delle dazioni in pagamento, elevate a sistema di carattere associativo, del notevole impatto sullo stato d'animo e sui sentimenti dell'opinione pubblica, della notevole risonanza sugli organi di stampa e, dall'altra parte, della posizione funzionale, non apicale sotto il profilo soggettivo, rivestita dal Sig. (Omissis) nell ambito della struttura sanitaria, fissa la misura del danno all immagine cagionato all Ospedale (Omissis) in complessivi euro 8.481,49 (pari al 20 % di euro ,45 rappresentante la retribuzione media annuale lorda, percepita dal convenuto dal (Omissis) al (Omissis)) importo da rivalutare a decorrere dal (Omissis) (momento in cui è stata eseguita la misura cautelare degli arresti domiciliari e pertanto è cessata l attività illecita) sino alla data di deposito della presente sentenza oltre gli interessi legali, calcolati a decorrere dalla data di deposito della sentenza e sino al saldo. Anche in questo caso, per le stesse motivazioni sopra descritte, si è preso come riferimento temporale il periodo già individuato per il danno da interruzione del nesso sinallagmatico. In conclusione, una volta definita nei termini sopra esposti la responsabilità complessiva del convenuto, la Sezione rileva che con riguardo al dedotto accordo fra il Sig. (Omissis) e l Ospedale (Omissis) (circa il ristoro del danni oggetto del presente giudizio), si tratta di affermazione assolutamente non documentata, mancando l evidenza di un esplicito consenso di entrambe le parti. Inoltre, osserva il Collegio che una eventuale valutazione a carattere compensativo del danno da risarcire con le vantate ore di straordinario ed altre competenze accessorie non retribuite non rientra certo nella sfera di competenza giurisdizionale di questo Giudice. Da ultimo, in ordine alla richiesta di dilazione e rateizzazione della somma complessiva da versare all Ospedale (Omissis)a titolo di ristoro dei danni, così come sopra individuati, questo Collegio rileva che trattasi anch essa di valutazione che esula dalle competenze di questa Corte, trattandosi di spetti attinenti alla fase esecutiva dell eventuale sentenza di condanna. La condanna alle spese segue la soccombenza. (Omissis)

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012 Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO Quale è il trattamento fiscale delle somme riconosciute

Dettagli

Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi

Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi Coordinamento Nazionale Quadri Direttivi TUTTO SUL DEMANSIONAMENTO (Parte 3 di 4) 6 IL DANNO ALLA PROFESSIONALITÀ L articolo 2103 cod. civ. afferma pertanto il diritto del lavoratore all effettivo svolgimento

Dettagli

I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra

I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra Lecco - 31-10 2009 - acuradi S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it Principi generali della

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE n. 47391/10 9716/11 R.G. GIP. rito ordinario

PROCEDIMENTO PENALE n. 47391/10 9716/11 R.G. GIP. rito ordinario [Portici 5, 2008-2010] PROCEDIMENTO PENALE n. 47391/10 9716/11 R.G. GIP rito ordinario 1. Dati identificativi del procedimento. Numeri di registro: 47391/10 R.G. N.R. 9716/11 R.G. GIP- 14175/11 R.G.Dib..

Dettagli

MASSIME CIVILE RISARCIMENTO DANNO. Corte di Cassazione Sez. III civ. 28 Dicembre 2012, n 22909 (Pres.

MASSIME CIVILE RISARCIMENTO DANNO. Corte di Cassazione Sez. III civ. 28 Dicembre 2012, n 22909 (Pres. MASSIME CIVILE RISARCIMENTO DANNO Corte di Cassazione Sez. III civ. 28 Dicembre 2012, n 22909 (Pres. M. Finocchiaro; Rel. R. Lanzillo Danno (risarcimento da) Incidente mortale Casalinga Prossimi congiunti

Dettagli

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Cassazione Sentenza n. 3922/2012 commento e testo Studio legale law In materia

Dettagli

4. PERSONE DANNEGGIATE DA VACCINAZIONI DLOOBBLIGATORIE

4. PERSONE DANNEGGIATE DA VACCINAZIONI DLOOBBLIGATORIE 4. PERSONE DANNEGGIATE DA VACCINAZIONI DLOOBBLIGATORIE 1. I beneficiari 2. L indennizzo aggiuntivo 3. Ulteriore assegno una tantum 4. La domanda 5. Dichiarazione di assistenza prevalente e continuativa

Dettagli

Capitolo 7 Risarcimento del danno da provvedimento illegittimo favorevole

Capitolo 7 Risarcimento del danno da provvedimento illegittimo favorevole Capitolo 7 Risarcimento del danno da provvedimento illegittimo favorevole La pronuncia del Consiglio di Stato affronta il tema della richiesta di risarcimento del danno da provvedimento illegittimo favorevole,

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

ATTIVITA DELLA GUARDIA DI FINANZA A RICHIESTA DELLA CORTE DEI CONTI

ATTIVITA DELLA GUARDIA DI FINANZA A RICHIESTA DELLA CORTE DEI CONTI ATTIVITA DELLA GUARDIA DI FINANZA A RICHIESTA DELLA CORTE DEI CONTI Sezioni Accertamento Danni Erariali Dette articolazioni, svolgono l attività operativa a favore della Procura Regionale della Corte dei

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 REPUBBLICA ITALIANAIN NOME DEL POPOLO ITALIANOLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott.

Dettagli

IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE

IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE in composizione monocratica, nella persona del giudice Giuseppe Rini, sciogliendo la riserva assunta all udienza del 28 novembre 2013, ha pronunciato la seguente

Dettagli

PER. Associazioni di Promozione Sociale, di cui all art. 7 della. legge 7 dicembre 2000 n. 383, in persona del Segretario

PER. Associazioni di Promozione Sociale, di cui all art. 7 della. legge 7 dicembre 2000 n. 383, in persona del Segretario j TRIBUNALE CIVILE DI (luogo di domicilio/residenza del disabile) Ricorso ex articoli 3 e 4, comma 1, legge n. 67/2006 i PER Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica, con sede legale

Dettagli

Cassazione Penale, sez. VI, 07 luglio 2011, n. 26746

Cassazione Penale, sez. VI, 07 luglio 2011, n. 26746 Cassazione Penale, sez. VI, 07 luglio 2011, n. 26746 SVOLGIMENTO DEL PROCESSO 1. Con decreto del 27 novembre 2008 il G.i.p. del Tribunale di Roma disponeva il sequestro preventivo delle somme giacenti

Dettagli

affermato alla giurisprudenza (tra le altre, Cass. 17 gennaio 2008, n. 858; Cass. 3 aprile 2003, n. 5136). In particolare, nel caso di specie, non vi

affermato alla giurisprudenza (tra le altre, Cass. 17 gennaio 2008, n. 858; Cass. 3 aprile 2003, n. 5136). In particolare, nel caso di specie, non vi Ricorre un ipotesi di responsabilità per cose in custodia ex art. 2051 c.c., per la società di ginnastica, nel caso di lesione subita dall utilizzatore di un attrezzo ginnico in cattivo stato di manutenzione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it OSSERVATORIO SUL DIRITTO DELL AMBIENTE AGGIORNATO AL 31 GENNAIO 2013 ANGELA OZZI BELLEZZE NATURALI

www.ildirittoamministrativo.it OSSERVATORIO SUL DIRITTO DELL AMBIENTE AGGIORNATO AL 31 GENNAIO 2013 ANGELA OZZI BELLEZZE NATURALI OSSERVATORIO SUL DIRITTO DELL AMBIENTE AGGIORNATO AL 31 GENNAIO 2013 ANGELA OZZI BELLEZZE NATURALI T.A.R. Campania Salerno, 28 gennaio 2013, n. 235 Il mutato senso estetico consente oggi di considerare

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA RESTAG / BT ITALIA S.P.A. (GU14/441/2014) L AUTORITÀ NELLA riunione della Commissione per le infrastrutture e le reti del 13 ottobre 2014; VISTA la legge 14 novembre

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 I profili di responsabilità nei rapporti banca cliente La violazione degli obblighi Biennio

Dettagli

COMUNICAZIONE CONSIGLIO DIRETTIVO SOCIETA MEDICO LEGALE DEL TRIVENETO

COMUNICAZIONE CONSIGLIO DIRETTIVO SOCIETA MEDICO LEGALE DEL TRIVENETO COMUNICAZIONE CONSIGLIO DIRETTIVO SOCIETA MEDICO LEGALE DEL TRIVENETO Considerazioni interpretative tecniche per la valutazione medico legale del danno biologico per lesioni di lieve entità, ex DL 209/2005,

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 10 dicembre 2015 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 10 dicembre 2015 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 10 dicembre 2015 (*) «Rinvio pregiudiziale Spazio di libertà, sicurezza e giustizia Cooperazione giudiziaria in materia civile Regolamento (CE) n. 864/2007 Articolo

Dettagli

Mobbing. Responsabile il datore di lavoro se omette la dovuta vigilanza sui dipendenti

Mobbing. Responsabile il datore di lavoro se omette la dovuta vigilanza sui dipendenti CASSAZIONE CIVILE, Sezione Lavoro, Sentenza n. 16148 del 20/08/2007 Mobbing. Responsabile il datore di lavoro se omette la dovuta vigilanza sui dipendenti Il datore di lavoro e ritenuto responsabile dei

Dettagli

ESPOSIZIONE DELLA QUESTIONE

ESPOSIZIONE DELLA QUESTIONE RISOLUZIONE N. 106/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22/04/2009 OGGETTO: Richiesta parere su istanza di rimborso ex articolo 38 del DPR 29 settembre 1973, n. 602 - Danno all immagine Articolo

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

Incidenti stradali: le nuove disposizioni

Incidenti stradali: le nuove disposizioni INCONTRO DI STUDIO PER OPERATORI DI POLIZIA LOCALE LE NOVITA LEGISLATIVE PER LA P.M. FAENZA (RA) - 19 maggio 2006 Incidenti stradali: le nuove disposizioni LEGGE 21 febbraio 2006, n. 102 Disposizioni in

Dettagli

fra questi in particolare sono da ricordare

fra questi in particolare sono da ricordare La responsabilità penale è quella in cui incorre un pubblico ufficiale o un incaricato di pubblico servizio che compia uno dei reati contro la pubblica amministrazione previsti dal codice penale, fra questi

Dettagli

Cass. Sez. III 02 Luglio 2010 n 15706

Cass. Sez. III 02 Luglio 2010 n 15706 Il danno tanatologico Cass. Sez. III 02 Luglio 2010 n 15706 Veronica Maina Valeria Mastrolembo Barnà Parti Familiari della vittima Generali Assicurazioni SpA T.R. Fatti Il minore viaggiava sul ciclomotore

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Tribunale di Verona Sentenza 21.7.2011 (Composizione monocratica Giudice LANNI) TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Verbale dell udienza del 21.7.11 della causa iscritta al numero 14501 del ruolo generale

Dettagli

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita 1 La Cassazione chiarisce le conseguenze penali della sottrazione agli obblighi di mantenimento (cd. assegno) e l'ambito di applicazione dell'art. 3 della legge n. 54/2006. Corte di Cassazione, Sezione

Dettagli

Tribunale di Verona Sentenza 14 ottobre 2010 (Composizione monocratica Giudice RIZZUTO)

Tribunale di Verona Sentenza 14 ottobre 2010 (Composizione monocratica Giudice RIZZUTO) Tribunale di Verona Sentenza 14 ottobre 2010 (Composizione monocratica Giudice RIZZUTO) MOTIVI DELLA DECISIONE Preliminarmente si da atto che viene omesso il puntuale svolgimento del processo alla luce

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in persona del Giudice Unico, dott.ssa Consiglia Invitto ha pronunciato la seguente

Dettagli

Corte di Appello di Genova - 27 maggio 2011 n. 545 - Pres. De Angelis - Rel. Ponassi M. A. (Avv. Bennati) - INPS (Avv. Capurso).

Corte di Appello di Genova - 27 maggio 2011 n. 545 - Pres. De Angelis - Rel. Ponassi M. A. (Avv. Bennati) - INPS (Avv. Capurso). Lavoro (rapporto di) Contratto a progetto - Mancanza del requisito della specificità del progetto - Effetto legale automatico di conversione in rapporto di lavoro subordinato. Corte di Appello di Genova

Dettagli

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Paolo Biavati ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Seconda edizione aggiornata Ag g i o r na m e n t o n. 4 29 giugno 2015 Bononia University Press L editore mette a disposizione sul sito nella sezione

Dettagli

Svolgimento atto giudiziario in materia di diritto penale a cura di Ilaria Di Punzio. Possibile soluzione schematica a cura di Altalex

Svolgimento atto giudiziario in materia di diritto penale a cura di Ilaria Di Punzio. Possibile soluzione schematica a cura di Altalex Esame avvocato 2011: seconda traccia e svolgimento atto giudiziario in materia di diritto penale Caio, dipendente del comune di Beta, viene sorpreso dal Sindaco mentre, per mezzo del computer dell'ufficio,

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che qualunque fatto doloso o colposo che cagioni ad altri un danno ingiusto obbliga colui

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

Fiscal News N. 76. Dichiarazione infedele: quando è reato? La circolare di aggiornamento professionale 14.03.2014

Fiscal News N. 76. Dichiarazione infedele: quando è reato? La circolare di aggiornamento professionale 14.03.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 76 14.03.2014 Dichiarazione infedele: quando è reato? Senza la prova del dolo specifico, la condanna è illegittima Categoria: Contenzioso Sottocategoria:

Dettagli

Capitolo V Criteri generali per la liquidazione

Capitolo V Criteri generali per la liquidazione Capitolo V Criteri generali per la liquidazione Sommario: 1. Liquidazione onorari a carico del soccombente - 2. Cause di particolare importanza - 3. Liquidazione onorari a carico del cliente. Prestazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 30 gennaio 2009 OGGETTO: Istanza di interpello - Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. ALFA spa Rilevanza Irap delle somme corrisposte

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Abstract. L illegittima iscrizione del nominativo di un individuo nell archivio della Centrale Interbancaria dei soggetti segnalati come protestati, con conseguente revoca temporanea per l iscritto della

Dettagli

OGGETTO: IL RILANCIO DEL REDDITOMETRO: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

OGGETTO: IL RILANCIO DEL REDDITOMETRO: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE OGGETTO: IL RILANCIO DEL REDDITOMETRO: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Nell ambito del sistema di accertamento nei confronti delle persone fisiche, trovano nuova linfa le disposizioni che definiscono

Dettagli

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati Roma, 15 febbraio 2013 Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati - Oggetto: sulla possibilità di intraprendere azioni legali in merito alle trattenute operate sull indennità giudiziaria in caso

Dettagli

CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it

CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it CAMPER CLUB LA GRANDA www.camperclublagranda.it beppe@cnnet.it DANNO DA MORTE: PER OGNI CONGIUNTO SE AGISCE AUTONOMAMENTE VALE IL MASSIMALE CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE, SENTENZA 09.02.2005 N 2653 Svolgimento

Dettagli

Titolo I MODIFICHE AL CODICE PENALE

Titolo I MODIFICHE AL CODICE PENALE DISEGNO DI LEGGE RECANTE MODIFICHE ALLA NORMATIVA PENALE, SOSTANZIALE E PROCESSUALE, E ORDINAMENTALE PER IL RAFFORZAMENTO DELLE GARANZIE DIFENSIVE E LA DURATA RAGIONEVOLE DEI PROCESSI E PER UN MAGGIORE

Dettagli

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO DETENZIONE PER FINI DI COMMERCIALIZZAZIONE DI SUPPORTI AUDIOVISIVI ABUSIVAMENTE RIPRODOTTI E RICETTAZIONE: LA LEX MITIOR SI APPLICA ANCHE SE SUCCESSIVAMENTE VIENE MODIFICATA IN SENSO PEGGIORATIVO Cassazione

Dettagli

LeggeMania ~ Quos ego

LeggeMania ~ Quos ego LeggeMania ~ Quos ego L AZIONE RISARCITORIA NEL PROCESSO AMMINISTRATIVO Il codice del processo amministrativo ha inciso in modo consistente sull azione di condanna al risarcimento del danno. Prima dell

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

Falsa dichiarazione per disattenzione revoca dell attestato SOA ed esclusione dalle gare.

Falsa dichiarazione per disattenzione revoca dell attestato SOA ed esclusione dalle gare. NEWS N.68/ 8 giugno 2015 Falsa dichiarazione per disattenzione revoca dell attestato SOA ed esclusione dalle gare. E sempre più importante prestare attenzione alla documentazione fornita alla SOA nel corso

Dettagli

Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro

Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro N. 388 del 05.10.2012 La Memory A cura di Raffaele Covino Avvocato e Funzionario della DTL Modena (1) Stato di malattia e occupazione presso altro datore di lavoro Con sentenza n. 16375 del 26 settembre

Dettagli

Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico

Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico La Sezione Lavoro della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 5230/2012, ha stabilito che nei giudizi risarcitori

Dettagli

INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO

INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO La Corte costituzionale riaffronta il tema delle indagini difensive nel rito abbreviato. Con l ordinanza n. 245 del 2005 la Corte aveva dichiarato manifestamente

Dettagli

Il Giudice, dott. Orazio Muscato, in funzione di delegato del Presidente, nel giudizio di opposizione promosso dall Avv. Xxxxxx del Foro di Varese

Il Giudice, dott. Orazio Muscato, in funzione di delegato del Presidente, nel giudizio di opposizione promosso dall Avv. Xxxxxx del Foro di Varese T R I B U N A L E D I V A R E S E Il Giudice, dott. Orazio Muscato, in funzione di delegato del Presidente, nel giudizio di opposizione promosso dall Avv. Xxxxxx del Foro di Varese avverso il decreto di

Dettagli

Il risarcimento equitativo.

Il risarcimento equitativo. Il risarcimento equitativo. Firenze, 26 novembre 2013. Corso di Diritto civile Prof. Giuseppe Vettori Mario Mauro Abstract Rapporto tra risarcimento equitativo e principio di integrale riparazione del

Dettagli

LA RESPONSABILITA PROFESSIONALE DEL MEDICO OPINIONI A CONFRONTO

LA RESPONSABILITA PROFESSIONALE DEL MEDICO OPINIONI A CONFRONTO PISA, 13.04.2013 LA RESPONSABILITA PROFESSIONALE DEL MEDICO OPINIONI A CONFRONTO IL PUNTO DI VISTA DEL BROKER ASSICURATIVO 1 Il contratto individuato dalla Corte di Cassazione quale fondamento della struttura

Dettagli

C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A

C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A REGOLAMENTO PER LE DIFESE D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BOLOGNA approvato all adunanza del 1 luglio 2015 e integrato

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 4/2012 del 22 novembre 2012 I REDDITI PER ATTIVITA PROFESSIONALI TRA OBBLIGO CONTRIBUTIVO INARCASSA E RIFORMA FORNERO DELLE COLLABORAZIONI: SPUNTI DA UNA RECENTE SENTENZA L obbligo di pagamento

Dettagli

TRIBUNALE DI AVELLINO Sezione dei Giudici per le indagini preliminari

TRIBUNALE DI AVELLINO Sezione dei Giudici per le indagini preliminari Trib. Avellino, Sez. GIP, ud. 18 maggio 2011 Proc. pen. n. 2146/2011 R. GIP Proc. pen. n. 2851/2011 RGNR TRIBUNALE DI AVELLINO Sezione dei Giudici per le indagini preliminari ORDINANZA DI NON CONVALIDA

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013 CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 novembre 2013 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi erogati da amministrazioni pubbliche - Criteri generali per la definizione

Dettagli

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE INFORMA. Circolare informativa - ottobre 2009 Materia Giuridica: Mediazione tipica e mediazione atipica: i nuovi profili di responsabilità delineati dalla pronuncia della Cassazione civile 14.07.2009 n.

Dettagli

SINTESI DURATA GIUDIZIO

SINTESI DURATA GIUDIZIO SINTESI Cause Apicella c/ Italia (ricorso n. 64890/01), Cocchiarella c/ Italia (ricorso n. 64886/01), Ernestina Zullo c/ Italia (ricorso n. 64897/01), Giuseppe Mostacciuolo c/ Italia (n. 1) (ricorso n.

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO S E N T E N Z A

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO S E N T E N Z A Sent. 585/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO composta dai seguenti magistrati: Ivan DE MUSSO Andrea LUPI Pina Maria Adriana

Dettagli

LA SURROGA DELL ASSICURATORE

LA SURROGA DELL ASSICURATORE LA SURROGA DELL ASSICURATORE L ASSICURATORE CHE HA PAGATO L INDENNITÀ È SURROGATO, FINO ALLA CONCORRENZA DELL AMMONTARE DI ESSA NEI DIRITTI DELL ASSICURATO VERSO I TERZI RESPONSABILI. (Art. 1916 C.C.)

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI GENOVA SECONDA SEZIONE CIVILE Il dott. Massimo D'Arienzo, Presidente della II sezione

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI GENOVA SECONDA SEZIONE CIVILE Il dott. Massimo D'Arienzo, Presidente della II sezione REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI GENOVA SECONDA SEZIONE CIVILE Il dott. Massimo D'Arienzo, Presidente della II sezione civile, in qualità di giudice unico, ha pronunciato ex

Dettagli

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa a cura dell Avv. Elio Garibaldi 1 RECENTI ORIENTAMENTI DOTTRINALI E GIURISPRUDENZIALI IN ARGOMENTO DI RESPONSABILITA SANITARIA Responsabilità contrattuale

Dettagli

Che il legislatore non nutra un particolare favore per l azione civile nel processo penale lo si

Che il legislatore non nutra un particolare favore per l azione civile nel processo penale lo si Che il legislatore non nutra un particolare favore per l azione civile nel processo penale lo si ricava, in primis, dal disposto di cui all art. 652 c.p.p. il quale prevede che la sentenza irrevocabile

Dettagli

INCIDENTE STRADALE CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE SENTENZA

INCIDENTE STRADALE CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE SENTENZA INCIDENTE STRADALE CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE SENTENZA 28 settembre 2012, n.16520 Persona danneggiata non è solo la vittima diretta dell'incidente, ma anche i prossimi congiunti o gli aventi

Dettagli

Determinazione dirigenziale n. 9 del 12/11/2014. Oggetto: definizione della controversia XXX/ H3G XXX

Determinazione dirigenziale n. 9 del 12/11/2014. Oggetto: definizione della controversia XXX/ H3G XXX Determinazione dirigenziale n. 9 del 12/11/2014 Oggetto: definizione della controversia XXX/ H3G XXX IL DIRIGENTE VISTI i principi di cui al decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e s.m.i., Norme generali

Dettagli

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Svolgimento del processo - La C.T.P. di Milano, previa riunione, rigettava i ricorsi proposti dalla s.r.l. G.M. avverso avvisi

Dettagli

La premessa. Ischia, 23 settembre 2002

La premessa. Ischia, 23 settembre 2002 Ischia, 23 settembre 2002 Oggetto: parere sull ammissibilità del rimborso delle spese legali sostenute da ex amministratori comunali in procedimenti penali definiti con formula assolutoria. Viene chiesto

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

SEZIONE ESITO NUMERO ANNO MATERIA PUBBLICAZIONE SICILIA SENTENZA 3311 2013 RESPONSABILITA' 14/11/2013 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI

SEZIONE ESITO NUMERO ANNO MATERIA PUBBLICAZIONE SICILIA SENTENZA 3311 2013 RESPONSABILITA' 14/11/2013 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE ESITO NUMERO ANNO MATERIA PUBBLICAZIONE SICILIA SENTENZA 3311 2013 RESPONSABILITA' 14/11/2013 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE SICILIANA composta

Dettagli

Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata

Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata 1 Danno morale: categoria autonoma o componente del danno biologico? Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata si è consolidato, nel corso

Dettagli

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4 FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI. L ESPERIBILITÀ DELL AZIONE

Dettagli

DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA. STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA. STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 33/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA STUDIO MCM XXX / EUTELIA XXX in XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità,

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana. (Sezione Prima) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana. (Sezione Prima) SENTENZA N. 01807/2011 REG.PROV.COLL. N. 01970/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (Sezione Prima) ha pronunciato la

Dettagli

Corte di Cassazione Sezione Lavoro civile

Corte di Cassazione Sezione Lavoro civile Corte di Cassazione Sezione Lavoro civile Sentenza 11 dicembre 2013, n. 27651 Integrale Lavoro ed occupazione - licenziamento - individuale REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA

Dettagli

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012. DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 31 28.03.2012-31/GPF/FS/om TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

Dettagli

Tribunale di Milano. Sezione V Civile. Sentenza 19 febbraio 2009, n. 2334

Tribunale di Milano. Sezione V Civile. Sentenza 19 febbraio 2009, n. 2334 Tribunale di Milano Sezione V Civile Sentenza 19 febbraio 2009, n. 2334 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE V CIVILE In persona del Giudice Istruttore, in funzione

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale..... Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio.. Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato

Dettagli

RISOLUZIONE N. 255/E. Roma, 2 ottobre 2009. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 255/E. Roma, 2 ottobre 2009. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RISOLUZIONE N. 255/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 2 ottobre 2009 OGGETTO: Interpello art. 11, legge 27 luglio 2000 n. 212 cessione dello sfruttamento economico del diritto d immagine

Dettagli

Memorandum : indennità di fine rapporto di agenzia. 1. Si applica l accordo economico collettivo o l art. 1751 c.c.?

Memorandum : indennità di fine rapporto di agenzia. 1. Si applica l accordo economico collettivo o l art. 1751 c.c.? Milano, 4 febbraio 2015 Memorandum : indennità di fine rapporto di agenzia 1. Si applica l accordo economico collettivo o l art. 1751 c.c.? 1.1 L intervento interpretativo della Corte di Giustizia della

Dettagli

IL DIRIGENTE. VISTO il decreto legislativo 1 agosto 2003, n. 259, recante il Codice delle comunicazioni elettroniche, e in particolare l art.

IL DIRIGENTE. VISTO il decreto legislativo 1 agosto 2003, n. 259, recante il Codice delle comunicazioni elettroniche, e in particolare l art. Determinazione n. 4/2012 Oggetto: definizione della controversia XXX/Sky Italia XXX IL DIRIGENTE VISTA la legge 31 luglio 1997, n. 249 Istituzione dell Autorità per le garanzie nelle comunicazioni e norme

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE

Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; Pm (conforme) Destro. LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE OMISSIONE DELLA COMUNICAZIONE DEI

Dettagli

Home page Sezione.fallimentare Diritto.finanziario

Home page Sezione.fallimentare Diritto.finanziario Home page Sezione.fallimentare Diritto.finanziario Tribunale di Mantova 6 aprile 2006 G.U. Dr. Laura De Simone. Responsabilità della banca Fideiussione Escussione del garante Diligenza, correttezza e buona

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA. Sezione I

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA. Sezione I Tribunale di Verona Sentenza 25.9.2013 (Composizione monocratica Giudice LANNI) TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Sezione I Al termine della camera di consiglio il Giudice pronuncia mediante lettura

Dettagli

I VARI APETTI DI RESPONSABILITA DEGLI AMMINISTRATORI E DEI DIPENDETI DELL ENTE LOCALE

I VARI APETTI DI RESPONSABILITA DEGLI AMMINISTRATORI E DEI DIPENDETI DELL ENTE LOCALE I VARI APETTI DI RESPONSABILITA DEGLI AMMINISTRATORI E DEI DIPENDETI DELL ENTE LOCALE Art. 28 Cost. I funzionari e i dipendenti dello Stato e degli enti pubblici sono direttamente responsabili, secondo

Dettagli

Contabilità e Bilancio Il Danno Erariale

Contabilità e Bilancio Il Danno Erariale Contabilità e Bilancio Il Danno Erariale 29 agosto 2008 Vito Meloni - Dottore Commercialista e Revisore 1 Scaletta intervento: La responsabilità del Revisore; I presupposti di danno erariale; Fattispecie

Dettagli

Risarcimento dei danni per la non ragionevole durata dei processi: la nuova legge Pinto

Risarcimento dei danni per la non ragionevole durata dei processi: la nuova legge Pinto STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

SEZIONE GIURISDIZIONALE REGIONALE PER IL VENETO Presidente: S. Zambardi Relatore: G. Maneggio

SEZIONE GIURISDIZIONALE REGIONALE PER IL VENETO Presidente: S. Zambardi Relatore: G. Maneggio * A cura dell Ufficio Stampa Sentenza n. 986/2006 SEZIONE GIURISDIZIONALE REGIONALE PER IL VENETO Presidente: S. Zambardi Relatore: G. Maneggio FATTO Con atto di citazione in data 16 dicembre 2005, il

Dettagli

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE DPR 131/86 1 Prassi C.M. 11.7.91 n. 37; Circ. Agenzia delle Entrate 22.1.2008 n. 3 Giurisprudenza Cass. 5.2.90 n. 1963

Dettagli

Concordato preventivo: il credito contestato non è una causa di risoluzione. Tribunale, Reggio Emilia, sez. fallimentare, decreto 24/06/2015

Concordato preventivo: il credito contestato non è una causa di risoluzione. Tribunale, Reggio Emilia, sez. fallimentare, decreto 24/06/2015 Concordato preventivo: il credito contestato non è una causa di risoluzione Tribunale, Reggio Emilia, sez. fallimentare, decreto 24/06/2015 di Giuseppina Mattiello Pubblicato il 14/09/2015 Il creditore

Dettagli

Diritto Civile Contemporaneo

Diritto Civile Contemporaneo Diritto Civile Contemporaneo Rivista trimestrale online ad accesso gratuito ISSN 2384-8537 Anno I, numero II, luglio/settembre 2014 Le Sezioni Unite sul rapporto tra azione di rivendica ed azione di restituzione

Dettagli

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE Nel corso del 2009 sono state pubblicate numerose sentenze delle Sezioni Unite della Suprema

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO Tribunale di Roma, Sez. Lavoro, 4 febbraio 2013 TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO Il Giudice designato, Dott. E. FOSCOLO Nelle cause riunite 16964/12 e 16966/12 TRA M.V. e M.G.S. Domiciliati in Roma, presso

Dettagli

CORTE APPELLO TORINO 16 NOVEMBRE 2009 (E. Goria v/ Banca Fideuram S.p.A., Eurizon Vita S.p.A., P. Vercelli): con

CORTE APPELLO TORINO 16 NOVEMBRE 2009 (E. Goria v/ Banca Fideuram S.p.A., Eurizon Vita S.p.A., P. Vercelli): con CORTE APPELLO TORINO 16 NOVEMBRE 2009 (E. Goria v/ Banca Fideuram S.p.A., Eurizon Vita S.p.A., P. Vercelli): con riferimento alla negoziazione di una polizza unit linked, la Corte d Appello accerta la

Dettagli

Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015

Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015 Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015 Signori Giudici del Tribunale, Nelle conclusioni di questa mattina,

Dettagli

135 Sezione giurisdizionale Regione Piemonte: sentenza 1 agosto 2013: Pres. Sfrecola Est. Berruti P.M. Floreani Pr c. S.

135 Sezione giurisdizionale Regione Piemonte: sentenza 1 agosto 2013: Pres. Sfrecola Est. Berruti P.M. Floreani Pr c. S. 135 Sezione giurisdizionale Regione Piemonte: sentenza 1 agosto 2013: Pres. Sfrecola Est. Berruti P.M. Floreani Pr c. S. Responsabilità amministrativa e contabile Dirigente scolastico - Vessazioni continue

Dettagli

Lombardia/406/2010/PRSE

Lombardia/406/2010/PRSE Lombardia/406/2010/PRSE REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: Dott. Nicola Mastropasqua Presidente Dott. Antonio Caruso Dott. Giuliano

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali CIRCOLARE N. 8/E Direzione Centrale Pubblicità immobiliare e affari legali Roma, 4 marzo 2015 OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali 2 INDICE Premessa... 3 1. Il decreto di

Dettagli