VD DUALE OVVERO DOMESTICA PER LE EVASIONI ITA VEROSIMILMENTE CONNESSE A QUELLE ESTEROVESTITE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VD DUALE OVVERO DOMESTICA PER LE EVASIONI ITA VEROSIMILMENTE CONNESSE A QUELLE ESTEROVESTITE"

Transcript

1 VD DUALE OVVERO DOMESTICA PER LE EVASIONI ITA VEROSIMILMENTE CONNESSE A QUELLE ESTEROVESTITE Alla Vd duale non si applicano i meccanismi di raddoppio dei termini da quadro rw e le presunzioni legali di imponibilità che gravano sulle persone fisiche verificato il loro collegamento endemico con gli obblighi rw; - Nella voluntary estera il perimetro dell emersione degli imponibili è rappresentato ex sé dagli assets esteri nei quali si confonde l evasione esportata e ivi patrimonializzata, tutto quello che non è riassorbibile con la voluntary estera ovvero il nero italia sarà riassorbibile volontariamente con quella duale; - Una vd italia per le esterovestizioni e le stabili organizzazioni estere occulte o italia non dichiarate e non tax e riassorbite dalla norma de qua; - Un evasione italia in questo nuovo scenario di cooperazione internazionale è forse meno neutralizzabile di un conto estero fuori voluntary, l talia diventa (è una vera provocazione) un nuovo deal nella riallocazione delle proprie evasioni il rischio di essere accertati (v. turnazione da controlli ed i fattori d innesco nelle indagini finanziarie, v. inspiegabili esuberi patrimoniali e le anomalie nei conti) è verosimilmente minore di quello che si corre sugli assets esteri; - Attività ostative non escludono una vd duale sugli imponibili relativi ad annualità diverse; - una vd su iva e dirette non escluso da una rettifica ai fini del registro per la cessione di un ramo di azienda potrò integrare gli imponibili; - un utilizzo combinato voluntary e ravvedimento volontario quest ultimo potrà essere utilizzato per rimuovere la causa ostativa v. verbale notificato per un annualità riassorbito in vd ed aprire la strada alla vd duale;

2 - sui profili comparativi fra strumenti omologhi ed alternativi sul riassorbimento volontario delle evasioni si osserva che, sul versante penale il ravvedimento ultratardivo non è estintivo, con le deroghe per le infedeltà dichiarativa, per le evasioni da riscossioni e per le omissioni dichiarative de facto elise nel nuovo diritto penale tributario, invece in voluntary tutte le evasioni anche quelle più gravi fraudolente ex sè si estinguono. Si vuole dire che, il ravvedimento volontario mantiene il rilievo penale sia pure con riduzioni (nuova fino alla metà e non più fino a 1/3) con l effetto deteriore che il ravvedimento ultratardivo sulle più gravi evasioni ad es: da fatturazioni inesistenti rappresenta una forma di autodenuncia su queste evasioni emendate tassate ex post, gravate di una minore riduzione di pena, v. bozza decreti delegati di riforma del diritto penale tributario. Il vantaggio competitivo della vd rispetto al nuovo ravvedimento è evidente su questo spiegato profilo extrafiscale ovvero penale. Invece sui delitti meno gravi di infedeltà dichiarativa ed omissione dichiarativa le due subprocedure interinali di ravvedimento e vd sono allineate prevedendo entrambe l estinzione dei reati fiscali. Comunque l autoriciclahggio ovvero la sua integrazione prima dell intervento della sopravvenuta causa di non punibilità da ravvedimento volontario non viene da esso travolto. In altri termini, gli utilizzi destinazioni imprenditoriali dell evasione ante ravvedimento conserveranno il loro disvalore penale (autoriciclaggio); - si osserva che la depenalizzazione de qua in delega fiscale delle fattispecie di infedeltà dichiarative meno eversive ed offensive, avrà effetti espansivi rassicuranti in un ottica anche di autoriciclaggio, facendo cadere il paventato doppio binario con un avversato cumulo di sanzioni penali anche per le condotte di autoriciclaggio integrate ante decreti delegati; - è evidente che, in ambito di ravvedimento ultratardivo l evasione che ha avuto una declinazione offshore (ricade nella più grave fraudolenta ex art. 3/74 non esclusa dal ravvedimento) rigenera (prefato ravvedimento) la doppia incriminazione penale fiscale ed extrafiscale, essendo previste per essa solo mere

3 riduzioni di pena, per cui la sua riallocazione integra ex sè il delitto di autoriciclaggio; - ovviamente le nuove norme da ravvedimento ultratarrdivo sull estinzione dei reati si applicheranno ex sé in virtù del principio di legalità, v. favor rei, anche ai ravvedimenti ed alle adesioni pregressi se le stesse insistono, osserva supra, su evasioni meno gravi da infedeltà od omissione dichiarative diversamente si applicheranno solo le mere riduzioni di pena, v. evasioni da fatturazioni inesistenti; - autoriciclaggio coperto anche per la volunatry duale domestica ovvero le evasioni affrancate per tale via coerenze e simmetrie resta aperto sui ravvedimenti volontari nella misura in cui le evasioni non sono affrancate sul profilo penale tributario ma rigenerate dal ravvedimento con esimenti; - autoriciclaggio sugli utilizzi reimpieghi endoimprenditoriale (non rilevano quelli personali privatistici ludici destinazioni personali ) dell autore del reato fiscale, concorrenti in esso di terzi ancorchè estranei a quello presupposto sottostante fiscale dichiarativo i quali non risponderanno del più grave riciclaggio; - questi terzi intermediari e professionisti che prima della vd facevano affidamento su una sorta di impunità a titolo di concorso su questa sopravvenuta istituenda tipologia di reato (non prevista); - ancora verificata la presenza della clausola di riserva sul divieto di doppia incriminazione fiscale ed extrafiscale, questi terzi se concorrenti nel reato presupposto fiscale da cui rivengono le utilità oggetto di sostituzione e trasferimento non potevano de facto rispondere di quello di riciclaggio, cosi sono state respinte richieste di estradizione quando appunto l estradato aveva concorso nel reato principale; - terzi in futuro concorrenti nel reato di autoriciclaggio connesso a reati fiscali, con la sua introduzione fra le ipotesi fonte di responsabilità amministrativa ex art. 231/2001 di enti che abbiano tratto vantaggio si avrà che la consumazione dell evasione endosocietaria (non è reato fonte 231) da parte del manager è ex sè

4 causa di nuova responsabilità dell ente (contribuente) rappresentato in base alla norma de qua; - pertanto sull evasione fiscale anche iperdatata ovvero prescritta avremo la seguente trilogia, multilateralità nell evasione fiscale (reato fiscale presupposto nell autoriciclaggio, ancorchè commesso ante vd) autoriciclaggio e 231/01 sulla società contribuente, cui inerisce quel delitto fiscale ancorchè quest ultimo resta estraneo dai reati fonti di responsabilità amministrativa 231; - cosi anche un ipotesi di esterovestizione o una contestazione di residenza o ancora una stabile organizzazione occulta su un veicolo o entità ibrida, si avrà il seguente portato di rigenerare una plurima incriminazione per i manager (reato fiscale ed extrafiscale sugli imponibili evasi se riallocati ita) e di aprire un crinale da responsabilità amministrativa anche sulla partecipata/rappresentata che abbia tratto vantaggio per 231, con l effetto deteriore che, l evasione endosocietaria ovvero la sua verosimile circolazione extrapersonale in futuro libererà queste plurime code extrafiscali, con doppie incriminazioni extrafiscali sui vertici e sui terzi v. fiduciarie e banche verosimilmente coinvolte nel delitto di autoriciclaggio, ed amministrative 231 sulla società; - la responsabilità 231 esclusa per i reati fiscali, de facto viene aliunde rigenerata anche per questi, attraverso la nuova previsione di inclusione fra quelli fonte dell autoriciclaggio che, è ex sè la continuazione ideale del delitto madre fiscale. Si vuole dire che, non vi sarà evasione senza autoriciclaggio (equazione solidale) con deroghe per gli utilizzi consumi e destinazioni endopersonali della stessa, per cui sarà scontato il coinvolgimento extrafiscale da 231 della contribuente che evade sull autoriciclaggio dei propri organi apicali; - per altro responsabilità da 231 per il nuovo delitto di autoriciclaggio inerirà anche i veicoli diversi dalla contribuente le cui evasioni sono state movimentate, traslate, il riferimento è alle banche, fiduciarie ed ai suoi funzionari dipendenti ed organi di vertice che concorreranno nel reato di autoriciclaggio di clienti

5 terzi contribuenti, per cui la vd di questi clienti estinguendo il reato basico presupposto fiscale e quello postumo di autoriciclaggio, ed escludendo de facto un concorso di questi istituti in questo nuovo reato extrafiscale non più esistente, cadrà ogni futura contestazione da 231; - sui modelli endosocietari di prevenzione del prefato delitto di autoriciclaggio fonte di responsabilità ex art. 231 e sulla loro adeguatezza, aleggiano misteri irrisolti; - evidente che questi terzi anche esteri, v. banche (controparti finanziari nelle riallocazioni ita) superati i problemi di territorialità ed extraterritorialità nei reati, potranno rispondere a titolo di concorso della doppia incriminazione fiscale ed extrafiscale sulle movimentazioni/sostituzioni delle evasioni italia, per cui, osserva supra, la vd estinguendo i reati fiscali ed extrafiscali anche per i concorrenti avrà l effetto di svincolare de facto i patrimoni ed i capitali riemersi; - autoriciclaggio anche sugli utilizzi delle evasione pregresse ovvero provviste formatesi prima della sua recente introduzione, condotte postume anche datate che insistono su quelle utilità ovvero sulla sua disponibilità e movimentazione con reimpiego extraimprenditoriale saranno gravate del nuovo e più grave reato extrafiscale. Dunque un frode fiscale commessa nel 2010 il cui autore movimenti o utilizzi quei beni nel 2020, la prescrizione decorrerà da tale momento; - la prescrizione (otto al massimo) decorrerà da tale utilizzo; - nell autoriciclaggipo vi è identità fra l autore del reato basico presupposto fiscale e quello extrafiscale con l effetto deteriore che un erede che utilizza ed abbia la disponibilità di quelle utilità di provenienza delittuosa ad esempio non può autoriciclare ma solo riciclare in senso proprio; - problema si porrà per coloro che acquistano diamanti o oro facilmente commerciabili negoziabili con alto valore intrinseco, e poi rivendono il bene de facto ripulendo il denaro sporco; - sull autoriciclaggio criticità superiore ovvero come si fa dimostrare che quel determinato investimento è stato fatto con denari sottratto all erario;

6 - l autoriciclaggio che ha pene minori rispetto al riciclaggio sarà forte la tentazione di traslare sul primo le condotte di terzi ovvero quest ultimi si autoaccuseranno se del caso come concorrenti dell autoriciclatore accollandosi il reato extrafiscale minore ed ovviamente per tale via beneficiarie della prescrizione più breve; - sull autoriciclaggio da reati extrafiscali, v, truffa, quando un contribuente produce e vende marchi contraffatti dichiarandoli ovvero fatturandoli fiscalmente, se le utilità transitano ex sè in modo trasparente suoi conti della società e reinvestite in essa, non vi è integrazione del più grave delitto extrafiscale, verificata l assenza di uno ostacolo all identificazione provenienza delittuosa di quelle somme; - diverso il caso in cui quelle somme da delitto volontario ovvero non colposo transitano sui conti di tersi v. fratello del contribuente, per ritornare al primo attraverso plurimi prelevamenti, o ancora quando oggi i capitali extraitalia vengono rimpatriati e reimmessi nel circuito legale per acquistare immobili, o colui che organizza falsi corsi di formazione professionale magari coperti da regolari fatturazioni (non vi sono dunque delitti fiscali) abbia riallocati i proventi extraitalia per poi reinvestirli in diverse società ita. Il trasferimento sull estero di quelle evasioni italia potrebbe anche essere avvenuto (coperto) attraverso false fatturazioni, si avranno cosi plurime contestazioni fiscali generandosi un perverso effetto vizioso dell evasione la cui circolazione extraitalia de facto alimenta nuovi risparmi fiscali, ed una declinazione extrafiscale da autoriciclaggio per gli eventuali utilizzi endosocietari; - sul perimetro della vd ovvero sulla sua verosimile (sostenuta da molti) universalità onnicomprensività degli assets esteri si osserva che il reato extrafiscale di esibizione di documentazione deficitaria ovvero infedele e la previsione rassicurante di cu all art. 5 quinquies sulla conservazione degli effetti extrafiscali della vd attraverso l utilizzo dell avverbio limitatamente agli imponibili dichiarati dovrebbe forse abilitare una ricostruzione dell universalità

7 de qua diversa. Nel senso che anche la vd parziale potrebbe aderire ai benefit premiali nella misura in cui l af (non essendo stata riproposta l emendamento capezzone sulla stabilizzazione dei rapporti fiscale attraverso la preclusione dell integrativo) potrebbe ritornare ex se sugli assets non dichiarati ed esercitare il proprio potere impositivo nei termini ordinari (non dovrebbe difatti applicarsi la deroga di cui al comma 10 art. 5 quinquies sugli omessi versamenti post disclosure); - invero senpre sull universalità presunta de qua della vd, poiche il perfezionamento della procedura è legato al versamento dei tributi dovuti in base alla liquidazione del dossier esibito, ritengo che, una dichiarazione sottomanifestante ovvero parziale di questi assets potrebbe sempre essere ex sè riassorbita nei termini ordinari pertanto escluderei un effetto di decadenza da vd parziale; - sugli atti preclusivi interdittivi alla vd, non dovrebbero rilevare i ruoli esattoriali per ragione di connessione e simmetria con la struttura ontologica della vd orientata sulle evasioni dichiarative e non su quelle cartolari da mera riscossione; - con la depenalizzazione ex delega di molti reati fiscali si avrà un effetto di scivolamenti di quei risparmi di imposta nell area della legalità con preclusione dei reati extrafiscali; - depenalizzazione dell infedele dichiarazione sotto soglia (rinforzata), delle evasioni da riscossioni (anch essa sottosoglia) dell imposta abusata ed elusa negoziata tarsferita; - prescrizione sul reato fiscale sottostante non elimina la dimensione illecita della condotta di autoriciclaggio non si verifica un effetto espansivo della causa di non punibilità gravante su di un reato all altro extrafiscale; - una voluntary duale non per affrancare evasioni registro cessioni rami di azienda o evasione immobiliare andrei in ravvedimento ultratardivo per sanare i maggiori imponibili da cessione plusvalente;

8 - evasioni cartolari ed evasioni infedeli il difficile raccordo del perimetro estintivo nella misura in cui le due forme di evasioni agiscono su tipologie di violazione ontologicamente diverse, per cui gli effetti estintivi penali agiscono su cosa?; - sui verbali già notificati andrei con il ravvedimento ultratardivo e non con la voluntary che neutralizza violazioni ultronee per annualità diverse; - sull universalità necessaria della voluntary obiezioni e riserve nella kisura in cui sull extrafiscale gli effetti estintivi sono calibrato sull emersione ancorchè non totale; - ipotesi di reato nuovo sui dati sotto manifestanti; - l integrativo (accertamento) sui periodi fiscali aperti stabilizzazione degli stessi preclusiva per altro una coda post voluntary ovvero nuovi avvisi di accertamento integrativi con un effetto di decadenza da voluntary ed un ipotesi di reato per infedeltà dei dati offerti non coperti da stabilizzazione; - un circolo vizioso per accertamenti post voluntary da integrativo e perdita dei benefici fiscali sui primi avvisi ed ipotesi di reato per infedeltà dichiarativa;

OGGETTO: Circolare 8.2015 Seregno, 16 marzo 2015

OGGETTO: Circolare 8.2015 Seregno, 16 marzo 2015 OGGETTO: Circolare 8.2015 Seregno, 16 marzo 2015 VOLUNTARY DISCLOSURE La collaborazione volontaria (detta anche voluntary disclosure, in seguito "VD") consente entro la data del 30 settembre 2015 la regolarizzazione:

Dettagli

di Federica Perli - Dottore commercialista - BC&, Studio Professionale di Consulenza Societaria Tributaria Legale

di Federica Perli - Dottore commercialista - BC&, Studio Professionale di Consulenza Societaria Tributaria Legale Pagina 1 di 13 Pubblicato su Fiscopiù (http://fiscopiu.it) Home > Bussola > V > Voluntary disclosure di Federica Perli - Dottore commercialista - BC&, Studio Professionale di Consulenza Societaria Tributaria

Dettagli

Sanzioni ed effetti penali della Voluntary disclosure. di Antonio Iorio

Sanzioni ed effetti penali della Voluntary disclosure. di Antonio Iorio Sanzioni ed effetti penali della Voluntary disclosure di Antonio Iorio Benefici: Riduzione delle sanzioni amministrative relative all omessa compilazione del quadro RW (art. 5-quinquies, comma 2 del D.L.

Dettagli

Marzo 2015. Voluntary Disclosure, ravvedimento operoso e acquiescenza. Quale strada percorrere?

Marzo 2015. Voluntary Disclosure, ravvedimento operoso e acquiescenza. Quale strada percorrere? Marzo 2015 Voluntary Disclosure, ravvedimento operoso e acquiescenza. Quale strada percorrere? Carlo Sallustio, Ph. D. in Diritto tributario, Avvocato tributarista presso Studio Legale Tributario Fantozzi

Dettagli

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI EMERSIONE CAPITALI ESTERI, ULTIMA OCCASIONE PER REGOLARIZZARE LE PROPRIE POSIZIONI ESTERE La disciplina cosiddetta della Voluntary disclosure (Emersione e rientro di capitali dall'estero) è stata approvata

Dettagli

SOTTRAZIONE FRAUDOLENTA AL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE

SOTTRAZIONE FRAUDOLENTA AL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE SCHEDA MONOGRAFICA TMG SOTTRAZIONE FRAUDOLENTA AL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE Data aggiornamento scheda 15 novembre 2013 Redattore Ultimi interventi normativi Davide David D.L. 78/2010 (modifica dell art.

Dettagli

Il rimpatrio dei capitali. Voluntary disclosure e nuovo ravvedimento operoso

Il rimpatrio dei capitali. Voluntary disclosure e nuovo ravvedimento operoso Il rimpatrio dei capitali. Voluntary disclosure e nuovo ravvedimento operoso Monitoraggio fiscale e ambito di applicazione Con decorrenza dal 2015, è stata introdotta una procedura di collaborazione volontaria

Dettagli

Voluntary disclosure

Voluntary disclosure Voluntary disclosure La procedura di regolarizzazione dei patrimoni detenuti all estero Proposte operative Bolzano, 17 aprile 2015 Via Monte di Pietà, 15 20121 MILANO TEL.(+39) 02 30305.1 FAX (+39) 02

Dettagli

Legge 186 del 15 dicembre 2014 Voluntary Disclosure

Legge 186 del 15 dicembre 2014 Voluntary Disclosure Legge 186 del 15 dicembre 2014 Voluntary Disclosure Premessa Dopo la falsa partenza del D.L. 4 del 2014 promosso dal governo Letta, provvedimento che durante l iter parlamentare venne epurato degli articoli

Dettagli

Il regime applicabile e le implicazioni sulla normativa antiriciclaggio

Il regime applicabile e le implicazioni sulla normativa antiriciclaggio LA "DISCLOSURE" DEI CONTI NON SCUDATI Il regime applicabile e le implicazioni sulla normativa antiriciclaggio Lugano Fund Forum 25 e 26 novembre 2013 Studio Legale e Tributario Monti Studio Legale e Tributario

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA N. 5/2014 VOLUNTARY DISCLOSURE

CIRCOLARE INFORMATIVA N. 5/2014 VOLUNTARY DISCLOSURE ENRICO MARIA BIGNAMI ANDREA BIGNAMI GAETANO PIGNATTI MORANO CESARE BEOLCHI ROGER OLIVIERI FEDERICO GENTILE CARLO GIROTTI DOMENICO BIANCHI dottore in economia e commercio ARIANNA VITALI dottoressa in economia

Dettagli

Studio Manara Matarese & Associati. Voluntary Disclosure - Riflessioni

Studio Manara Matarese & Associati. Voluntary Disclosure - Riflessioni Studio Manara Matarese & Associati Voluntary Disclosure - Riflessioni Sulla spinta dell accordo FACTA (Foreign Account Tax Compliance Act firmato a Roma il 10 gennaio 2014), è stato sviluppato in sede

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Premessa... LA DISCIPLINA DEI REATI IN MATERIA DI IMPO- STE SUI REDDITI E SUL VALORE AGGIUNTO PARTE PRIMA

INDICE SOMMARIO. Premessa... LA DISCIPLINA DEI REATI IN MATERIA DI IMPO- STE SUI REDDITI E SUL VALORE AGGIUNTO PARTE PRIMA INDICE SOMMARIO Premessa... XV PARTE PRIMA LA DISCIPLINA DEI REATI IN MATERIA DI IMPO- STE SUI REDDITI E SUL VALORE AGGIUNTO CAPITOLO 1 LA REPRESSIONE DEGLI ILLECITI PENALI TRI- BUTARI 1. L illecito tributario...

Dettagli

La legge antiriciclaggio e lo scudo fiscale

La legge antiriciclaggio e lo scudo fiscale S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La legge antiriciclaggio e lo scudo fiscale Inquadramento generale sui reati presupposto I reati per i quali è esclusa la punibilità I reati per i quali non è esclusa la

Dettagli

ALLA LUCE DELLA CIRCOLARE DELL AGENZIA delle ENTRATE

ALLA LUCE DELLA CIRCOLARE DELL AGENZIA delle ENTRATE PRIMI CHIARIMENTI SULLA Voluntary disclosure ALLA LUCE DELLA CIRCOLARE DELL AGENZIA delle ENTRATE N. 10/E DEL 13 MARZO Una delle gravi resistenze ontologiche alla voluntary disclosure che permane nell

Dettagli

Focus di approfondimento: gli anni interessati e i rapporti cointestati. Direzione Regionale della Lombardia

Focus di approfondimento: gli anni interessati e i rapporti cointestati. Direzione Regionale della Lombardia Focus di approfondimento: gli anni interessati e i rapporti cointestati Nel 2003 Tizio apre un conto corrente, cointestato con la moglie Caia, in Svizzera, con il conferimento di una provvista iniziale

Dettagli

LA VOLUNTARY DISCLOSURE PER LE ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO

LA VOLUNTARY DISCLOSURE PER LE ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO SDA Bocconi Milano, 10 dicembre 2014 LA VOLUNTARY DISCLOSURE PER LE ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO Raul-Angelo Papotti Avvocato Dottore Commercialista LL.M 1 La voluntary disclosure Iter normativo: L art.

Dettagli

Focus on Business Consulting stp srl i tuoi consulenti nel processo di Voluntary Disclosure

Focus on Business Consulting stp srl i tuoi consulenti nel processo di Voluntary Disclosure Focus on Business Consulting stp srl i tuoi consulenti nel processo di Voluntary Disclosure Roma Prof. Avv. Elio Blasio Largo Messico, 3 Tel. 06.8551827/ 06.8551828 Fax. 068551829 Padova Dott.ssa Cristina

Dettagli

VOLUNTARY DISCLOSURE ANDREA BALLANCIN

VOLUNTARY DISCLOSURE ANDREA BALLANCIN VOLUNTARY DISCLOSURE ANDREA BALLANCIN a legge La legge 15 dicembre 2014, n. 186 introduce nell ordinamento italiano la disciplina della collaborazione volontaria (c.d. voluntary disclosure) in materia

Dettagli

LINEAMENTI GENERALI DEI REATI TRIBUTARI

LINEAMENTI GENERALI DEI REATI TRIBUTARI Presentazione... VII PARTE PRIMA LINEAMENTI GENERALI DEI REATI TRIBUTARI CAPITOLO I LA REPRESSIONE DEGLI ILLECITI PENALI TRI- BUTARI 1 L illecito tributario... 3 2 Reati finanziari e tributari... 5 3 Soggetto

Dettagli

La voluntary disclosure

La voluntary disclosure News per i Clienti dello studio N. 61 del 23 Aprile 2014 Ai gentili clienti Loro sedi La voluntary disclosure Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che l Agenzia delle Entrate, con la

Dettagli

La voluntarydisclosure : i soggetti e le fattispecie interessate, le modalità di. dott. Valerio Stroppa

La voluntarydisclosure : i soggetti e le fattispecie interessate, le modalità di. dott. Valerio Stroppa La voluntarydisclosure : i soggetti e le fattispecie interessate, le modalità di adesione, gli effetti economici e penali dott. Valerio Stroppa 1 Il quadro normativo Legge n. 186/2014 (e di conseguenza

Dettagli

MODELLO O QUADRO RW E VOLUNTARY DISCLOSURE: PUNTI SALIENTI E SANZIONI

MODELLO O QUADRO RW E VOLUNTARY DISCLOSURE: PUNTI SALIENTI E SANZIONI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO RAVVEDIMENTO OPEROSO E QUADRO RW MODELLO O QUADRO RW E VOLUNTARY DISCLOSURE: PUNTI SALIENTI E SANZIONI Commissione Diritto Tributario Nazionale ODCEC Milano

Dettagli

LE SANZIONI TRIBUTARIE E PENALI

LE SANZIONI TRIBUTARIE E PENALI LE SANZIONI TRIBUTARIE E PENALI Gli aggiornamenti più recenti Sanzioni in materia di monitoraggio fiscale aggiornamento gennaio 2015 SANZIONE AMMINISTRATIVA MONITORAGGIO FISCALE REATI TRIBUTARI SANZIONI

Dettagli

Come aderire alla voluntary disclosure

Come aderire alla voluntary disclosure Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 56 21.02.2014 Come aderire alla voluntary disclosure La regolarizzazione spontanea di attività e investimenti all estero può essere richiesta

Dettagli

IL PROGRAMMA ITALIANO PER LA VOLUNTARY DISCLOSURE SUI PATRIMONI ESTERI: ASPETTI PENALI IL REATO DI AUTO-RICICLAGGIO

IL PROGRAMMA ITALIANO PER LA VOLUNTARY DISCLOSURE SUI PATRIMONI ESTERI: ASPETTI PENALI IL REATO DI AUTO-RICICLAGGIO IL PROGRAMMA ITALIANO PER LA VOLUNTARY DISCLOSURE SUI PATRIMONI ESTERI: ASPETTI PENALI IL REATO DI AUTO-RICICLAGGIO AVV. FABIO CAGNOLA VOLUNTARY DISCLOSURE E AUTO-RICICLAGGIO a) Voluntary disclosure per

Dettagli

Sommario. I. Il reato di riciclaggio e le misure antiriciclaggio pag. 9

Sommario. I. Il reato di riciclaggio e le misure antiriciclaggio pag. 9 I. Il reato di riciclaggio e le misure antiriciclaggio pag. 9 1. Le norme antiriciclaggio previste dal decreto legislativo n. 231 del 21 novembre 2007: applicabilità al nuovo reato di autoriciclaggio pag.

Dettagli

pag. SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1

pag. SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 pag. SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 TESTI LEGISLATIVI... 11 1. Legge 25 giugno 1999, n. 205 (Delega al Governo per la depenalizzazione dei reati minori e modifiche al sistema penale e tributario):

Dettagli

Blasio&Partners- Avvocati: i tuoi consulenti nel processo divoluntarydisclosure

Blasio&Partners- Avvocati: i tuoi consulenti nel processo divoluntarydisclosure : i tuoi consulenti nel processo divoluntarydisclosure Roma Largo Messico, 3 Tel. 06.8551827/ 06.8551828 Fax. 068551829 Ginevra PlaceNeuve, 4 Tel. +410223216233 E-mail: avvocati@studioblasio.it 1 Lo studio

Dettagli

Voluntary Disclosure Implicazioni penali Hotel Lugano Dante

Voluntary Disclosure Implicazioni penali Hotel Lugano Dante Voluntary Disclosure Implicazioni penali Hotel Lugano Dante Lugano, 22 ottobre 2013 avv. Alessandro Pistochini 1 1) Scenario generale Summary 2) L impianto del diritto penale tributario ai sensi del d.lgs.

Dettagli

COMUNE DI PORTOGRUARO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI TRIBUTI COMUNALI

COMUNE DI PORTOGRUARO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI TRIBUTI COMUNALI COMUNE DI PORTOGRUARO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI TRIBUTI COMUNALI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 147 del 03.11.1998 Modificato con delibera

Dettagli

La norma: art. 648-bis c.p.:

La norma: art. 648-bis c.p.: Il trasferimento e la detenzione di capitali all estero Dal reato di riciclaggio al reato di autoriciclaggio Prof. Avv. Roberto Cordeiro Guerra 13 marzo 2015 Riciclaggio e reati tributari La norma: art.

Dettagli

Voluntary Disclosure: luci ed ombre della nuova normativa (monitoraggio fiscale, effetti premiali e rischi penali)

Voluntary Disclosure: luci ed ombre della nuova normativa (monitoraggio fiscale, effetti premiali e rischi penali) Voluntary Disclosure: luci ed ombre della nuova normativa (monitoraggio fiscale, effetti premiali e rischi penali) Marco Abramo Lanza Dottore Commercialista Milano, 12 dicembre 2014 Variabili - Oggetto

Dettagli

Il nuovo sistema sanzionatorio dei reati tributari. Guida breve al D. Lgs. 158/2015

Il nuovo sistema sanzionatorio dei reati tributari. Guida breve al D. Lgs. 158/2015 Il nuovo sistema sanzionatorio dei reati tributari. Guida breve al D. Lgs. 158/2015 di Lorenzo Roccatagliata 1. Premessa. Dopo due esami preliminari, con il Consiglio dei Ministri n. 82 di venerdì 22 settembre,

Dettagli

Informativa n. 38. La manovra di Ferragosto ( DL 13.8.2011 n. 138 convertito nella L. 14.9.2011 n. 148) - Novità in materia di reati tributari INDICE

Informativa n. 38. La manovra di Ferragosto ( DL 13.8.2011 n. 138 convertito nella L. 14.9.2011 n. 148) - Novità in materia di reati tributari INDICE Informativa n. 38 del 21 settembre 2011 La manovra di Ferragosto ( DL 13.8.2011 n. 138 convertito nella L. 14.9.2011 n. 148) - Novità in materia di reati tributari INDICE 1 Premessa... 2 2 Operatività

Dettagli

Rientro dei capitali Convegno con gli esperti di telefisco. Milano, 24 febbraio 2014

Rientro dei capitali Convegno con gli esperti di telefisco. Milano, 24 febbraio 2014 Rientro dei capitali Convegno con gli esperti di telefisco Milano, 24 febbraio 2014 Le criticità della voluntary disclosure tra fiscalità internazionale e aspetti operativi il contesto fiscale internazionale

Dettagli

Collaborazione volontaria (Voluntary disclosure) Legge 15 dicembre 2014, n. 186

Collaborazione volontaria (Voluntary disclosure) Legge 15 dicembre 2014, n. 186 Collaborazione volontaria (Voluntary disclosure) Legge 15 dicembre 2014, n. 186 Rezzato, 21 marzo 2015 Renzo Parisotto aggiornato al 17 marzo 2015 PREMESSA Scudo fiscale: sanatoria per omessa indicazione

Dettagli

La Voluntary Disclosure in Italia

La Voluntary Disclosure in Italia La Voluntary Disclosure in Italia Verso la regolarizzazione dei capitali illecitamente detenuti all estero Aggiornamento del 7 novembre 2013 LO SCENARIO Stando a stime ufficiali almeno 200 miliardi di

Dettagli

VOLUNTARY DISCLOSURE & RAVVEDIMENTO OPEROSO

VOLUNTARY DISCLOSURE & RAVVEDIMENTO OPEROSO 1 VOLUNTARY DISCLOSURE & RAVVEDIMENTO OPEROSO Aspetti procedurali e operatività pratica N.B.: l'impostazione del materiale è stata attuata per costituire «dispensa» dell'incontro di studio e non come supporto

Dettagli

Voluntary Disclosure. Casi pratici e aspetti critici

Voluntary Disclosure. Casi pratici e aspetti critici Voluntary Disclosure Casi pratici e aspetti critici AIGA Genova 30 marzo 2015 Andrea Frassinetti Dottore Commercialista Componente della Commissione di Studio Fiscale Comunitario e Internazionale Attività

Dettagli

EMERSIONE DI ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO

EMERSIONE DI ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli EMERSIONE DI ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO (Artt. 11-21 Decreto legge 25 settembre 2001, n. 350, convertito,

Dettagli

VOLUNTARY DISCLOSURE

VOLUNTARY DISCLOSURE SCHEDA MONOGRAFICA TMG VOLUNTARY DISCLOSURE Data aggiornamento scheda 6 ottobre 2015 Redattore Davide David Ultimi interventi normativi D.L. n. 153 del 30.09.2015 Ultimi interventi di prassi Circ. n. 31/E

Dettagli

Soldi all estero non dichiarati? Torna a casa, nero!

Soldi all estero non dichiarati? Torna a casa, nero! Soldi all estero non dichiarati? Torna a casa, nero! (5 novembre 2013) Di Salvatore Gaziano (s.gaziano@borsaexpert.it) Con la volontary disclosure (letteralmente volontaria rivelazione) europea si riapre

Dettagli

QUANDO LA VIOLAZIONE DELLA NORMATIVA FISCALE HA RIFLESSI DI NATURA PENALE

QUANDO LA VIOLAZIONE DELLA NORMATIVA FISCALE HA RIFLESSI DI NATURA PENALE QUANDO LA VIOLAZIONE DELLA FISCALE HA RIFLESSI DI NATURA PENALE di Teodoro Lateana Nell attuale sistema normativo, tra le fattispecie di reato aventi natura delittuosa (azioni volontarie che producono

Dettagli

INDICE - SOMMARIO. Prefazione... pag. XIX Introduzione...» XXI CAPITOLO I IL CONTESTO NORMATIVO TRIBUTARIO DI RIFERIMENTO CAPITOLO II

INDICE - SOMMARIO. Prefazione... pag. XIX Introduzione...» XXI CAPITOLO I IL CONTESTO NORMATIVO TRIBUTARIO DI RIFERIMENTO CAPITOLO II Prefazione... pag. XIX Introduzione...» XXI CAPITOLO I IL CONTESTO NORMATIVO TRIBUTARIO DI RIFERIMENTO 1. Il diritto tributario e le entrate dello Stato... pag. 1 2. Le fonti del diritto...» 6 3. Le fonti

Dettagli

Fiscal News N. 76. Dichiarazione infedele: quando è reato? La circolare di aggiornamento professionale 14.03.2014

Fiscal News N. 76. Dichiarazione infedele: quando è reato? La circolare di aggiornamento professionale 14.03.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 76 14.03.2014 Dichiarazione infedele: quando è reato? Senza la prova del dolo specifico, la condanna è illegittima Categoria: Contenzioso Sottocategoria:

Dettagli

Workshop Voluntary Disclosure

Workshop Voluntary Disclosure Workshop Voluntary Disclosure L intesa Italia-Svizzera sulla lotta all evasione La circolare N. 10/E dell La determinazione dei costi e i calcoli di convenienza Il reato di autoriciclaggio Milano, 20 aprile

Dettagli

STUDIO DOTTORI COMMERCIALISTI ASSOCIATI DANIELE GUARDUCCI, GIANNI BELLUCCI

STUDIO DOTTORI COMMERCIALISTI ASSOCIATI DANIELE GUARDUCCI, GIANNI BELLUCCI STUDIO DOTTORI COMMERCIALISTI ASSOCIATI DANIELE GUARDUCCI, GIANNI BELLUCCI Viale Vittorio Veneto 60 I-59100 Prato Telefono 0574 25629 Telefax 0574 22380 E-mail info@studio-dca.it - PEC pec@pec.studio-dca.it

Dettagli

Serata di formazione e aggiornamento AIO Torino

Serata di formazione e aggiornamento AIO Torino Torino, 16.12.2014 Serata di formazione e aggiornamento AIO Torino Le novità fiscali per il 2015 Dott. Giorgio Brunero Dott. Umberto Terzuolo Dott. Alessandro Terzuolo Le novità fiscali più importanti

Dettagli

Procedura di emersione e rientro dei capitali detenuti all estero e reato di autoriciclaggio

Procedura di emersione e rientro dei capitali detenuti all estero e reato di autoriciclaggio Bologna, 30 ottobre 2014 Procedura di emersione e rientro dei capitali detenuti all estero e reato di autoriciclaggio Raul-Angelo Papotti Avvocato Dottore Commercialista LL.M 1 Monitoraggio fiscale a seguito

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Torino, 18 gennaio 2012. Dott.ssa Elena De Carlo

Torino, 18 gennaio 2012. Dott.ssa Elena De Carlo Torino, 18 gennaio 2012 Dott.ssa Elena De Carlo - Abbassamento soglie di punibilità - Proroga dei termini per l accertamento IVA - Preclusione degli accertamenti presuntivi in relazione agli studi di settore

Dettagli

QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni.

QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni. QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni. L art. 9 della L. 6.8.2013 n. 97 prevede: l eliminazione della sezione I (trasferimenti attuati

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 71 del 13 Maggio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi I reati fiscali tenui potrebbero essere non punibili Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con

Dettagli

Novità 2015 ravvedimento operoso e altri istituiti deflattivi

Novità 2015 ravvedimento operoso e altri istituiti deflattivi Novità 2015 ravvedimento operoso e altri istituiti deflattivi Art. 1 co. 637-640 L.1902014 (legge di ) D.M. 11122014 variazione tasso legale a cura di Francesco Zuech Ragioniere commercialista e revisore

Dettagli

Voluntary Disclosure: Casi pratici e aspetti critici

Voluntary Disclosure: Casi pratici e aspetti critici Voluntary Disclosure: Casi pratici e aspetti critici Genova 6 luglio 2015 Andrea Frassinetti Dottore Commercialista Commissione di Studio Fiscale Comunitario e Internazionale Caso: attività finanziarie

Dettagli

SANZIONI (tabelle di sintesi)

SANZIONI (tabelle di sintesi) (tabelle di sintesi) DELL OBBLIGO DI DICHIARAZIONE ANNUALE IVA ART. 5 - DLGS 471/1997 Dichiarazione omessa: con IVA dovuta senza IVA dovuta (IVA a credito o saldo a zero) Dichiarazione infedele con incidenza

Dettagli

SANZIONI TRIBUTARIE PENALI

SANZIONI TRIBUTARIE PENALI SANZIONI TRIBUTARIE PENALI Le sanzioni tributarie trovano il loro primo fondamento nella legge "manette agli evasori" D.L. 10 luglio 1982, n. 429, convertito con modificazioni dalla L. 7 agosto 1982, n.

Dettagli

REATI TRIBUTARI PRIMA PARTE

REATI TRIBUTARI PRIMA PARTE REATI TRIBUTARI PRIMA PARTE di Massimiliano Manni Premessa Con il termine frode fiscale, la dottrina e la giurisprudenza 1 aveva accomunato il carattere fraudolento in tutti quei comportamenti che, pur

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 SCUDO FISCALE E ATTIVITÀ ALL ESTERO DA PARTE DEI LAVORATORI DIPENDENTI IL QUESITO Nella circolare n. 48 del 2009 l Agenzia delle entrate

Dettagli

vicies semel, del decreto legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito con modificazioni,

vicies semel, del decreto legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito con modificazioni, 1 Brevi note sulla novella in tema di reati tributari recata dall art. 2, comma 36- vicies semel, del decreto legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito con modificazioni, dalla legge 14 settembre 2011 n.

Dettagli

ANAGRAFE TRIBUTARIA DA FUNZIONE NON PIU RICOGNITIVA (SUBORDINATA) DEI RAPPORTI FINANZIARI A FUNZIONE SELETTIVA NELL ACCERTAMENTO

ANAGRAFE TRIBUTARIA DA FUNZIONE NON PIU RICOGNITIVA (SUBORDINATA) DEI RAPPORTI FINANZIARI A FUNZIONE SELETTIVA NELL ACCERTAMENTO ANAGRAFE TRIBUTARIA DA FUNZIONE NON PIU RICOGNITIVA (SUBORDINATA) DEI RAPPORTI FINANZIARI A FUNZIONE SELETTIVA NELL ACCERTAMENTO FISCALE, V. DL 201/11 La novella, v. commi 2 ss. dell art. 11 DL 201/11,

Dettagli

INQUADRAMENTO GENERALE DELLE SANZIONI PENALI TRIBUTARIE. I Modulo

INQUADRAMENTO GENERALE DELLE SANZIONI PENALI TRIBUTARIE. I Modulo INQUADRAMENTO GENERALE DELLE SANZIONI PENALI TRIBUTARIE I delitti in materia di documenti e pagamenti di imposte I Modulo 1 DEFINIZIONE DI IMPOSTA EVASA Art. 1 d.lgs. N. 74/2000 E l imposta effettivamente

Dettagli

Le sanzioni tributarie amministrative

Le sanzioni tributarie amministrative Le sanzioni tributarie amministrative oggetto della lezione le sanzioni tributarie amministrative il principio di legalità la responsabilità personale gli amministratori di società il concorso di violazioni

Dettagli

QUADRO RW E DICHIARAZIONE INTEGRATIVA

QUADRO RW E DICHIARAZIONE INTEGRATIVA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO RAVVEDIMENTO OPEROSO E QUADRO RW QUADRO RW E DICHIARAZIONE INTEGRATIVA SANDRO BOTTICELLI Commissione Diritto Tributario Nazionale ODCEC Milano Milano, Corso

Dettagli

DECRETI ATTUATIVI DELLA LEGGE DI RIFORMA FISCALE (Consiglio dei ministri venerdì 4 settembre 2015)

DECRETI ATTUATIVI DELLA LEGGE DI RIFORMA FISCALE (Consiglio dei ministri venerdì 4 settembre 2015) DECRETI ATTUATIVI DELLA LEGGE DI RIFORMA FISCALE (Consiglio dei ministri venerdì 4 settembre 2015) Il Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dell economia e delle finanze, Pier Carlo Padoan,

Dettagli

In Diritto24 www.diritto24.com. SCHEMI E TABELLE Rappresentazioni grafiche dei principali istituti del codice penale e delle leggi complementari

In Diritto24 www.diritto24.com. SCHEMI E TABELLE Rappresentazioni grafiche dei principali istituti del codice penale e delle leggi complementari In Diritto24 www.diritto24.com SCHEMI E TABELLE Rappresentazioni grafiche dei principali istituti del codice penale e delle leggi complementari codice penale Reati in generale Principio di legalità e principio

Dettagli

si riferisce a soggetti diversi da quelli effettivi, determina il realizzarsi di un' ipotesi di

si riferisce a soggetti diversi da quelli effettivi, determina il realizzarsi di un' ipotesi di LE OPERAZIONI SOGGETTIVAMENTE INESISTENTI L'intestazione fittizia della fattura o del documento, tale da far apparire che l'operazione si riferisce a soggetti diversi da quelli effettivi, determina il

Dettagli

Regolamento per la definizione agevolata delle entrate tributarie e patrimoniali del Comune

Regolamento per la definizione agevolata delle entrate tributarie e patrimoniali del Comune Regolamento per la definizione agevolata delle entrate tributarie e patrimoniali del Comune Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento, in forza delle disposizioni contenute nell art. 13 L. 27 dicembre

Dettagli

Voluntary Disclosure e Autoriciclaggio

Voluntary Disclosure e Autoriciclaggio Voluntary Disclosure e Autoriciclaggio Contesto e finalità Procedura straordinaria coerente con le linee tracciate dall Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) Necessita di promuovere

Dettagli

di Alex Ingrassia Via Serbelloni, 1 20122 MILANO (MI) Telefono: 0289283000 Fax: 0292879187 redazione@penalecontemporaneo.it

di Alex Ingrassia Via Serbelloni, 1 20122 MILANO (MI) Telefono: 0289283000 Fax: 0292879187 redazione@penalecontemporaneo.it LE (CALEIDOSCOPICHE) RICADUTE PENALISTICHE DELLA PROCEDURA DI VOLUNTARY DISCLOSURE: CAUSA SOPRAVVENUTA DI NON PUNIBILITÀ, AUTODENUNCIA E CONDOTTA PENALMENTE RILEVANTE di Alex Ingrassia Abstract. Lo scritto

Dettagli

PARTE VII > COMUNICAZIONI, ACCERTAMENTI ESECUTIVI, SANZIONI E CARTELLE

PARTE VII > COMUNICAZIONI, ACCERTAMENTI ESECUTIVI, SANZIONI E CARTELLE PARTE VII > COMUNICAZIONI, ACCERTAMENTI ESECUTIVI, SANZIONI E CARTELLE 1. LE COMUNICAZIONI DELL AGENZIA E GLI ACCERTAMENTI ESECUTIVI Il controllo delle dichiarazioni Le comunicazioni derivanti dai controlli

Dettagli

> MISURE PARTE V CONTRO L EVASIONE 1. LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI IVA (SPESOMETRO) 2. GLI INTERVENTI IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE

> MISURE PARTE V CONTRO L EVASIONE 1. LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI IVA (SPESOMETRO) 2. GLI INTERVENTI IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE PARTE V > MISURE CONTRO L EVASIONE 1. LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI IVA (SPESOMETRO) Cosa comunicare Quando e come trasmettere i dati 2. GLI INTERVENTI IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE La pubblicazione

Dettagli

Comune di Badia Calavena PROVINCIA DI VERONA

Comune di Badia Calavena PROVINCIA DI VERONA Comune di Badia Calavena PROVINCIA DI VERONA Tel. 045 / 7810503 045 / 7810685 Fax. 045 / 7810266 C R I T E R I PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PER VIOLAZIONI DI NORME IN MATERIA DI TRIBUTI

Dettagli

Intervento del Capo del III Reparto - Operazioni del Comando Generale della Guardia di Finanza Generale di Brigata Stefano Screpanti

Intervento del Capo del III Reparto - Operazioni del Comando Generale della Guardia di Finanza Generale di Brigata Stefano Screpanti Intervento del Capo del III Reparto - Operazioni del Comando Generale della Guardia di Finanza Generale di Brigata Stefano Screpanti 15 aprile 2015 LE FRODI ALL IVA LA LOTTA ALLE FRODI ALL IVA ESIGENZE

Dettagli

STUDIO LEGALE ASSOCIATO. Impatto sul Modello Organizzativo. L aggiornamento, i controlli. 16 aprile 2015

STUDIO LEGALE ASSOCIATO. Impatto sul Modello Organizzativo. L aggiornamento, i controlli. 16 aprile 2015 STUDIO LEGALE ASSOCIATO Impatto sul Modello Organizzativo L aggiornamento, i controlli 16 aprile 2015 Avv. Antonella Alfonsi Managing Partner Studio Legale Associato Deloitte Autoriciclaggio e D.Lgs. 231/2001

Dettagli

NOVITÀ FISCALI INASPRIMENTO DELLE SANZIONI PENALI. Avv. Giuseppe Ferrara. 25 ottobre 2011

NOVITÀ FISCALI INASPRIMENTO DELLE SANZIONI PENALI. Avv. Giuseppe Ferrara. 25 ottobre 2011 NOVITÀ FISCALI INASPRIMENTO DELLE SANZIONI PENALI Avv. Giuseppe Ferrara 25 ottobre 2011 LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE Il legislatore ha riformato la disciplina delle sanzioni penali tributarie con la

Dettagli

Esame dei casi particolari: trust, polizze assicurative, società, fondazioni, immobili e altri beni.

Esame dei casi particolari: trust, polizze assicurative, società, fondazioni, immobili e altri beni. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Voluntary disclosure Esame dei casi particolari: trust, polizze assicurative, società, fondazioni, immobili e altri beni. CARLO GALLI CLIFFORD CHANCE Milano,

Dettagli

PARTE VII > COMUNICAZIONI, ACCERTAMENTI ESECUTIVI, SANZIONI E CARTELLE

PARTE VII > COMUNICAZIONI, ACCERTAMENTI ESECUTIVI, SANZIONI E CARTELLE PARTE VII > COMUNICAZIONI, ACCERTAMENTI ESECUTIVI, SANZIONI E CARTELLE 1. LE COMUNICAZIONI DELL AGENZIA E GLI ACCERTAMENTI ESECUTIVI Il controllo delle dichiarazioni Le comunicazioni derivanti dai controlli

Dettagli

Giancarlo Modolo Commissione Diritto Tributario Nazionale ODCEC Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO

Giancarlo Modolo Commissione Diritto Tributario Nazionale ODCEC Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2015 Dichiarazione annuale degli investimenti detenuti all estero e delle attività estere di natura finanziaria, Ivie e Ivafe Commissione

Dettagli

L imposta di bollo speciale sulle attività oggetto di emersione ancora segretate

L imposta di bollo speciale sulle attività oggetto di emersione ancora segretate 5591 APPROFONDIMENTO L imposta di bollo speciale sulle attività oggetto di emersione ancora segretate di Enzo Mignarri Con la pubblicazione della circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 5 luglio

Dettagli

OMESSI VERSAMENTI IVA

OMESSI VERSAMENTI IVA OMESSI VERSAMENTI IVA Profili pratici e sviluppi giurisprudenziali a seguito della pronuncia della Corte Costituzionale n. 80/2014 in materia di omesso versamento Iva Normativa La disciplina dei reati

Dettagli

Disegno di legge recante. disposizioni in materia di auto-riciclaggio (AS 1642)

Disegno di legge recante. disposizioni in materia di auto-riciclaggio (AS 1642) SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONI RIUNITE 2^ GIUSTIZIA E 6^ FINANZE E TESORO Disegno di legge recante disposizioni in materia di auto-riciclaggio (AS 1642) Audizione del Direttore dell Unità di Informazione

Dettagli

«LA REGOLARIZZAZIONE DEI PATRIMONI DETENUTI ALL ESTERO» Voluntary Disclosure

«LA REGOLARIZZAZIONE DEI PATRIMONI DETENUTI ALL ESTERO» Voluntary Disclosure «LA REGOLARIZZAZIONE DEI PATRIMONI DETENUTI ALL ESTERO» Voluntary Disclosure La possibilità di usufruire di una sanzione premiale Studio Legale Contabile e Tributario Mifsud Imbimbo Palazzo Via Plutarco

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE IL CONSIGLIO COMUNALE Visto l articolo 3, comma 133 legge 662/1996, recante delega al Governo per l emanazione di uno o più decreti legislativi per la revisione organica ed il completamento della disciplina

Dettagli

INDICE. Premessa... pag. 11

INDICE. Premessa... pag. 11 INDICE Premessa... pag. 11 CAPITOLO PRIMO LA CESSIONE DELLE PARTECIPAZIONI NEL REDDITO DI IMPRESA 1. La cessione delle partecipazioni nel reddito d impresa... pag. 13 1.1 I diversi regimi fiscali applicabili

Dettagli

COMUNE DI OGGIONO PROVINCIA DI LECCO

COMUNE DI OGGIONO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI OGGIONO PROVINCIA DI LECCO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI TRIBUTI COMUNALI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale In data 21.12.1998 N 93

Dettagli

VOLUNTARY DISCLOSURE. San Marino, 27 Marzo 2015. Daniele Majorana Dottore Commercialista - Revisore Legale

VOLUNTARY DISCLOSURE. San Marino, 27 Marzo 2015. Daniele Majorana Dottore Commercialista - Revisore Legale VOLUNTARY DISCLOSURE San Marino, 27 Marzo 2015 Daniele Majorana Dottore Commercialista - Revisore Legale 1 Monitoraggio fiscale (D.L. 167/1990) Il sistema tributario italiano è fondato sul principio della

Dettagli

I soggetti collegati nella voluntary disclosure

I soggetti collegati nella voluntary disclosure MAP I soggetti collegati A cura di Renato Bogoni Dottore Commercialista in Padova Inge Bisinella Dottore Commercialista in Bassano del Grappa Uno degli aspetti più delicati della procedura di voluntary

Dettagli

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Provincia di Venezia

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Provincia di Venezia COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Provincia di Venezia In vigore dal 01 gennaio 2001 CRITERI GENERALI PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA TRIBUTARIA Approvato con deliberazione di Consiglio

Dettagli

Emissione di fatture false

Emissione di fatture false Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 88 24.03.2014 Emissione di fatture false Il commercialista risponde del reato assieme al cliente, se lo ha istigato Categoria: Contenzioso Sottocategoria:

Dettagli

Voluntary disclosure e primi chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Voluntary disclosure e primi chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Circolare n. 6 del 30 marzo 2015 Voluntary disclosure e primi chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Indice 1. Normativa di riferimento 2. Soggetti interessati 3. Presupposto oggettivo 3.1 Investimenti

Dettagli

COMUNE DI PAULARO Provincia di Udine

COMUNE DI PAULARO Provincia di Udine COMUNE DI PAULARO Provincia di Udine approvato con deliberazione CC. n. 52 dd. 22.10.1998 modificato con deliberazioni C.C. n. 04 dd.28.01.1999 C.C. n. 07 dd. 02.03.2007 TITOLO I AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

CIRCOLARE N. / (BOZZA)

CIRCOLARE N. / (BOZZA) CIRCOLARE N. / (BOZZA) Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Settore Agevolazioni, Fiscalità internazionale e Finanziaria Ufficio Fiscalità Finanziaria Roma, xx/xx/20xx Prot.: 2009/116554 Alle Direzioni

Dettagli

Febbraio 2014. Francesco Bonichi e Giulia Abruzzese, Allen & Overy

Febbraio 2014. Francesco Bonichi e Giulia Abruzzese, Allen & Overy Febbraio 2014 L ultima (?) chiamata per i capitali all estero: linee guida, opportunità e aspetti critici della recente normativa italiana in tema di voluntary disclosure Francesco Bonichi e Giulia Abruzzese,

Dettagli

COLLABORAZIONE VOLONTARIA

COLLABORAZIONE VOLONTARIA COLLABORAZIONE VOLONTARIA Presupposti e Strumenti Applicativi secondo il DL n. 4/2014 ( Voluntary Disclosure ) SDA BOCCONI MILANO 13 FEBBRAIO 2014 LUIGI BELLUZZO luigi.belluzzo@belluzzo.net Partner Belluzzo&Partners

Dettagli

CIRCOLARE N. 10/E. Roma, 13 marzo 2015

CIRCOLARE N. 10/E. Roma, 13 marzo 2015 CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 13 marzo 2015 OGGETTO: Legge 15 dicembre 2014, n. 186, concernente Disposizioni in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all estero

Dettagli

INDICE CAPITOLO PRIMO RIFLESSIONI SUL CONCETTO DI FRODE NEL DIRITTO PENALE DELL ECONOMIA

INDICE CAPITOLO PRIMO RIFLESSIONI SUL CONCETTO DI FRODE NEL DIRITTO PENALE DELL ECONOMIA INDICE Premessa... pag. 11 CAPITOLO PRIMO RIFLESSIONI SUL CONCETTO DI FRODE NEL DIRITTO PENALE DELL ECONOMIA 1.1 Le frodi fiscali. Evoluzione storica della fattispecie... pag. 13 1.2 Il concetto di frode.

Dettagli

LA VOLUNTARY DISCLOSURE: COME, QUANDO E PERCHÉ REGOLARIZZARE GLI INVESTIMENTI ESTERI

LA VOLUNTARY DISCLOSURE: COME, QUANDO E PERCHÉ REGOLARIZZARE GLI INVESTIMENTI ESTERI Progettazione e organizzazione di attività formative in partnership con l Ordine di Campobasso LA VOLUNTARY DISCLOSURE: COME, QUANDO E PERCHÉ REGOLARIZZARE GLI INVESTIMENTI ESTERI 20 LUGLIO 2015 CONTESTO

Dettagli

LE MANOVRE ESTIVE CONVEGNO PER ASSOCIAZIONI: 22 Ottobre 2011 Cagliari. RELATORE Dott. Leonardo Ambrosi. Assessorato allo Sport PROVINCIA DI CAGLIARI

LE MANOVRE ESTIVE CONVEGNO PER ASSOCIAZIONI: 22 Ottobre 2011 Cagliari. RELATORE Dott. Leonardo Ambrosi. Assessorato allo Sport PROVINCIA DI CAGLIARI Assessorato allo Sport PROVINCIA DI CAGLIARI In collaborazione con: STUDIO AMBROSI & PARTNERS CONVEGNO PER ASSOCIAZIONI: LE MANOVRE ESTIVE 22 Ottobre 2011 Cagliari RELATORE Dott. Leonardo Ambrosi PROVINCIA

Dettagli