NETWORK I TREND TECNOLOGICI. Paolo Gianola, Gianni Luca Guglielmi, Paolo Solina

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NETWORK I TREND TECNOLOGICI. Paolo Gianola, Gianni Luca Guglielmi, Paolo Solina"

Transcript

1 38 I TREND TECNOLOGICI Paolo Gianola, Gianni Luca Guglielmi, Paolo Solina

2 39 La forte crescita del traffico dati nelle reti di telecomunicazione attuali pone importanti sfide per gli operatori che saranno chiamati nei prossimi anni a forti investimenti per potenziare le attuali infrastrutture. Nel presente articolo sono analizzati, al fine di comprenderne meglio il valore strategico, i principali abilitatori tecnologici nelle varie aree di rete e di servizio che giocheranno un ruolo chiave nell evoluzione delle reti di telecomunicazione dei prossimi anni. SERVIZI INFORMATICA 1 Introduzione Partendo da un analisi sui vincoli regolatori e sugli enti di standard, nel presente articolo sono analizzati i principali abilitatori per ogni segmento di rete, che permetteranno all operatore di rispondere alle crescenti esigenze di banda e all evoluzione dei nuovi servizi. Per ciascun abilitatore sono identificate le opportunità, le minacce e gli eventuali cambi di paradigmi legati all adozione o meno di tale abilitatore. Particolare enfasi è stata posta sulla tematica dell evoluzione del FBB (Fixed Broadband) e del MBB (Mobile Broadband) ed in particolare sugli impatti derivanti dall introduzione della tecnologia LTE, analizzando le innovazioni delle interfacce radio, delle architetture e del dimensionamento del backhauling. È stato inoltre approfondito l ecosistema device e servizi in un contesto di insieme che tiene conto dei vari player, come le altre Telco e gli OTT (Over The Top). Infine sono stati svolti approfondimenti relativi alle milestone tecnologiche relative al trasporto e all intelligenza di rete in ottica evolutiva. Per esigenze editoriali si è scelto di evidenziare solo alcuni degli abilitatori più rappresentativi, che però mostrano come segmenti tecnologici che apparentemente sembrano separati verticalmente in realtà in ottica prospettica evolveranno secondo principi che li porterà ad integrarsi sempre di più allo scopo di migliorare il livello di servizio offerto al cliente. 2Verso la Cloud RAN È comunemente diffusa l opinione tra i maggiori produttori di tecnologie radio e tra gli operatori delle telecomunicazioni mobili che le attuali RANs (Radio Access Networks) dovranno evolvere secondo nuovi paradigmi architetturali volti a maggiore flessibilità ed efficienza per reggere la competizione nel futuro mondo del mobile internet. In un contesto altamente competitivo si dovranno garantire livelli di qualità della connessione radio che richiederanno ingenti investimenti sulle infrastrutture di rete e sulle tecnologie di accesso wireless. Gli investimenti potranno risultare vantaggiosi, se la RAN potrà essere gestita con flessibilità, introducendo quegli abilitatori di riconfigurabilità in grado di garantire efficienza sulle risorse disponibili e sui costi operativi. Gli investimenti nella ricerca di soluzioni tecnologiche ed architetturali che consentano un dispiegamento con costi per bit sempre più contenuti saranno fondamentali per assicurare a tutti i fruitori dei servizi a larga banda mobile velocità di connessione sempre più elevate, come quelle consentite dalle tecniche previste dagli standard attuali e in fase di sviluppo (LTE e LTE- Advanced). In particolare è stato dimostrato che per avere elevate qualità del canale radio e velocità di connessione prossime ai picchi previsti dai livelli protocollari dell accesso UBB (Ultra Broad-Band), le antenne devono avvicinarsi ai clienti. Le reti tradizionali costituite da siti macro-cellulari, con antenne posizionate sopra i tetti delle abitazioni, devono integrarsi con livelli di copertura di dimensioni ridotte, quali quelli garantiti da siti micro-cellulari situati a livello strada in zone al coperto ad alta affluenza (Pico celle per coperture indoor e Femto celle per coperture private business o domestiche). Inoltre è opportuno che le antenne diventino intelligenti per avvicinarsi elettromagneticamente ai clienti, confinando dinamicamente l energia, inseguendo i clienti in mobilità e riducendo l interferenza attraverso tec-

3 40 SERVIZI INFORMATICA niche di Digital Signal Processing (e.g. BeamForming). In questo contesto sta emergendo una nuova concezione di rete di accesso mobile, denominata Cloud RAN (o C- RAN). La C-RAN (Figura 1) è una rete eterogenea (macro, micro, pico indoor) di punti di accesso connessi in fibra tramite tecniche di remotizzazione della banda base che consente una riduzione dei consumi energetici e degli spazi occupati nei siti di antenna. Gli abilitatori tecnologici della Cloud RAN sono: la diffusione della fibra in accesso ottenibile grazie alla sinergia con i piani di sviluppo NGAN; la disponibilità di Stazioni Radio Base distribuite, riconfigurabili (in tecnologia SDR (Software Defined Radio) e con funzionalità basate sul CR (Cognitive Radio) [1]) e ad alta efficienza energetica; le tecniche avanzate di signal processing per incrementare l efficienza spettrale come il BeamForming, il MU-MIMO (Multi User Multiple Input Multiple Output) e la trasmissione e ricezione coordinata CoMP (Coordinated Multi-Point); le funzionalità evolute di network management come il SON (Self Organizing Network). La C-RAN eterogenea e riconfigurabile potrà quindi mantenere profittevole il business degli operatori mobili nella competizione sulle applicazioni mobile internet e sulla qualità, anche grazie all introduzione delle tecniche di signal processing avanzate e di network management e nuovi elementi di rete di seguito brevemente descritti: il Beam-Forming permetterà di concentrare la potenza del segnale utile verso il cliente, diminuendo l interferenza verso i clienti serviti dalle altre stazioni, grazie all utilizzo di schiere di antenna opportunamente pilotate dal segnale trasmesso (reconfigurable beam, adaptive antennas); con il MU-MIMO si potranno trasmettere i bit simultaneamente verso due o più clienti sulle medesime risorse fisiche della stessa cella, aumentando la capacità del sistema; grazie al CoMP sarà possibile coordinare più punti trasmissivi separati per servire uno stesso insieme di clienti, in questo modo si aumenteranno le prestazioni dei clienti posizionati a bordo cella uniformandone la qualità radio a quella dei clienti disposti a centro cella; un dispiegamento mirato di Relay- Nodes agevolerà una continuità di copertura sui layer micro/pico/ femto anche dove non ci sia disponibilità immediata di fibra; RAT1 RAT2 SDR/CR OLT/MSAN RAT1 RAT2 PON PON PON PON CU GbE GbE GbE CU OPM Reconfiguration Entity AAS NEM SON Network Management MU/MIMO Armadio + urru Relay Node Armadio + urru CoMP Un femto ADSL Figura 1 - Evoluzione della rete di accesso mobile: verso la Cloud RAN

4 41 l SDR consente già oggi, seppur in maniera limitata, di introdurre in rete nodi multi-standard e multi-banda, riconfigurabili via SW. La disponibilità futura di nodi multi-rat (Radio Access Technology) riconfigurabili con funzionalità adattative e cognitive consentirà all operatore una gestione dinamica ed efficiente delle risorse La regolamentazione (nazionale ed internazionale) e gli standard tecnologici giocano un ruolo di rilievo nel guidare l innovazione tecnologica. Gli aspetti di regolamentazione che maggiormente impatteranno i trend tecnologici nei prossimi anni sono: spettro radio per regolarne l uso, assicurando la coesistenza tra i sistemi radio e definendo quali tecnologie possano utilizzarne una data porzione (es. refarming da GSM ad UMTS e/o LTE). In questo processo rientrano anche le regole per l assegnazione delle licenze d uso delle frequenze: tutela del cliente e rete NGN core per garantire un adeguato livello di qualità del servizio ed evitare al contempo fenomeni di bill shock (tetti per le tariffe) e la net neutrality ; rete NGA per regolare la posizione di dominanza di Telecom nei confronti degli altri operatori, definire i diritti di accesso alle infrastrutture ed alla fibra come supporto fisico (dark fibre) e l estensione degli obblighi di unbundling per la rete in rame alla fibra; Digital Agenda per definire gli obiettivi per una società digitale entro il Gli standard permettono la riduzione dei prezzi grazie alla maggiore concorrenza tra vendor e alle economie di scala, garantendo allo stesso tempo l interoperabilità tra apparati di fornitori diversi ed integrazione a livello di infrastrutture. I principali aspetti su cui stan- radio nel proprio spettro ed investimenti relativi (anche prima dell avvento del full Cloud RAN) [1]; le tecniche abilitate dal SON vedranno l introduzione di funzionalità di auto-configurazione e di ottimizzazione dei parametri radio all interno dei nodi di rete e di O&M. L integrazione tra le architetture ibride Standard e regolamentazione nel processo di innovazione no lavorando i diversi enti di standardizzazione sono brevemente illustrati nel seguito: Rete mobile e convergente la Release 8 (dic. 2008) del 3GPP definisce il sistema LTE/EPS, basato su di una nuova rete core completamente IP con velocità di 100 Mbps e latenza ridottissima. La release introduce anche Common IMS, gestione automatica della rete LTE, femto celle, aggregazione di portanti HSPA e funzionalità atte a garantire il servizio voce anche in assenza di controllo IMS (CS Fallback). La Release 9 (dic. 2009) introduce alcune ottimizzazioni per LTE/EPS mentre la Release 10 (mar. 2011) introduce l interfaccia radio LTE-advanced (con velocità di centinaia di Mbps e pienamente compatibile con LTE), oltre a nuove prestazioni di rete per un maggiore controllo del traffico IP broadband (es. Deep Packet Inspection e IP flow mobility). La Release 11 (fine 2012) apporterà ottimizzazioni degli accessi radio HSPA ed LTE, soluzioni di rete per M2M ed innovazioni architetturali per convergenza fisso-mobile. Rete fissa L obiettivo è di incrementare la velocità di accesso a casa del cliente (rete in rame ed in fibra) e le prestazioni della rete di trasporto (fino a 100 Gbps), garantendo al contempo la gestione di qualità di servizio differenziate a seconda del cliente composte dalle reti legacy (GSM/ UMTS) e dalle reti con SON nativo (LTE/LTE-Advanced), potrà essere garantita da applicazioni di Planning e Optimization opportunamente realizzate a livello di Network Management, permettendo anche di mantenere i relativi processi sotto il controllo dell operatore [2]. per evitare che il ruolo dell operatore telco sia quello di semplice fornitore di connettività di rete. L attività riguarda anche l ambiente domestico: home gateway, come interfaccia tra mondo telco e mondo entertainment; soluzioni per servizi media, quali IPTV; servizi evoluti di controllo e gestione dell ambiente domestico. Applicazioni e servizi L obiettivo è definire soluzioni interoperabili ed innovative per evitare o limitare che i fornitori di servizi Over The Top releghino l operatore (in particolare quello mobile) a mero fornitore di connettività. I lavori riguardano la definizione di abilitatori di servizio modulari (Rich Communication Suite per la personal communication, servizi di localizzazione, Augmented Reality, ), StandardWeb (W3C), servizi machineto-machine, componenti per il cloud computing e le soluzioni di gestione per il mondo OSS/BSS. A metà 2010 è stato creato il consorzio WAC con lo scopo di definire e dispiegare un Application Store centralizzato, a cui gli operatori possono agganciare il proprio e offrire agli sviluppatori una piattaforma comune. Le API individuate da WAC sono quelle pubblicate da GSMA e specificate da OMA. SERVIZI INFORMATICA

5 42 SERVIZI INFORMATICA Trend di evoluzione della rete di 3 accesso fissa Lo sviluppo di nuovi servizi sempre più band consuming sta guidando l evoluzione delle tecnologie da impiegare in rete di accesso verso una progressiva introduzione in rete di tecnologie ottiche. Tale orientamento, condiviso dalla totalità degli operatori a livello mondiale, comporterà ingenti investimenti infrastrutturali per il dispiegamento della rete in fibra ottica. Gli investimenti dovranno essere ovviamente valorizzati per un lungo periodo di tempo: questa esigenza dovrà pertanto essere tenuta in conto nella definizione delle future tecnologie ottiche. La soluzione di riferimento oggi maggiormente adottata a livello mondiale (vedi Figura 2) è basata su uno sviluppo di rete secondo un architettura di tipo punto-multipunto; su tale rete la soluzione tecnica oggi maggiormente vantaggiosa è basata sulla tecnologia GPON 1. Considerando queste premesse, Telecom Italia ritiene che la strategia per l introduzione in rete delle tecnologie ottiche evolutive debba rispettare i seguenti criteri: valorizzazione degli investimenti; progressiva introduzione delle tecnologie evolute lato centrale e lato cliente. È bene sottolineare che l evoluzione della rete di accesso ottica debba consentire non solo la fornitura di servizi ad alta velocità verso l utenza fissa, ma essere anche sinergica con l evoluzione dei servizi di rete mobile, per la quale dovrà offrire adeguate soluzioni di backhauling. Tale esigenza viene oggi soddisfatta raggiungendo i siti delle stazioni radio base secondo una topologia punto-punto dagli attuali stadi di linea. In alternativa, esiste la possibilità di adottare soluzioni punto-multipunto attuali (GPON, XG-PON1) e/o di nuova generazione (NG-PON2); infatti l evoluzione delle tecnologie radiomobili verso IMT-Advanced ed i relativi requisiti influenzeranno fortemente l evoluzione della rete di accesso fisso. Agganciando queste parte al testo precedente mediante l inserimento di un punto e virgola al posto del punto inserito nella versione precedente. Trasporto ottico e reti IP verso il cloud 4 computing 4.1 Rete di trasporto ottico Backbone fotonico Kaleidon a Gbit/s Il nuovo backbone fotonico Kaleidon 2 di Telecom Italia (Figura 4), basato sulla tecnologia WSON, permetterà di soddisfare nei prossimi anni l aumento di banda nel backbone a costi contenuti e con funzionalità innovative. La rete consente, infatti, di configurare in modo automatico i percorsi dei canali ottici mediante l azione del piano di controllo sui nodi ROADM. Il costo dei circuiti trasportati da Kaleidon è notevolmente inferiore a quello delle tecnologie precedenti (DWDM punto-punto), e di conseguenza aumenta la competitività di Telecom Italia nel mercato del trasporto nazionale ad altissima capacità. Supercanale a 1 Tbit/s Figura 2 - La scelta architetturale maggiormente diffusa nel mondo è punto-multipunto Nell ambito della trasmissione DWDM ad altissima capacità la ricerca si sta orientando verso lo sviluppo di canali ottici con bit rate fino a 1 Tbit/s. Questa nuova tecnologia di trasmissione dovrebbe sostenere l aumento di banda delle reti di trasporto in scenari di lungo periodo caratterizzati da un elevatissimo tasso di crescita del traffico (> 50%/anno). 1 Per maggiori dettagli sulla GPON si veda il numero di aprile 2001 del Notiziario Tecnico, pagg Per maggiori dettagli sul backbone fotonico Kaleidon si veda l articolo precedente in questo Notiziario Tecnico: Tutti i bit passano per il trasporto pagg

6 43 SERVIZI INFORMATICA Figura 3 - Il nuovo backbone fotonico Kaleidon Uno degli obiettivi fondamentali connessi al Supercanale a 1 Tbit/s è l aumento di efficienza spettrale della trasmissione. Si punta ad accrescere l efficienza spettrale dagli attuali 2 bit/s/hz dei sistemi a 100 Gbit/s fino a 6 bit/s/hz mediante l aumento del symbol rate di trasmissione, l impiego di formati di modulazione con elevato numero di bit per simbolo e l impiego di diverse portanti ottiche fittamente raggruppate. Con l introduzione in rete di supercanali a 1 Tbit/s il costo del trasporto potrà subire un ulteriore riduzione a patto che la gittata dei sistemi sia para- gonabile almeno a quella degli attuali sistemi a 100 Gbit/s (~1000 km). 4.2 Reti dati e funzionalità di servizio Nodi IP/MPLS con interfacce Gb/s Il progresso delle tecnologie e degli standard di riferimento ha portato alla disponibilità commerciale di una nuova generazione di nodi IP/MPLS con capacità aggregate molto elevate, dell ordine di varie decine di Tb/s. Le architetture di questi nodi sono caratterizzate anche dalla significativa crescita della capacità per slot, che consente loro di ospitare le nuove interfacce a velocità di linea 100 Gb/s, fino ad oggi non supportate dagli apparati IP/MPLS presenti sul mercato, riducendo anche i costi a parità di capacità. Infine, il sostanziale allineamento con la parallela crescita delle velocità trasmissive sulle reti ottiche di trasporto abilita lo sviluppo sinergico delle infrastrutture di rete, al fine di sostenere la continua crescita del traffico registrata sulle reti dati.

7 44 SERVIZI INFORMATICA Evoluzione verso paradigmi di information-centric networking In una prospettiva di medio-lungo periodo, sta riscuotendo sempre maggiore interesse la proposta di adottare un modello information-centric per realizzare il livello di networking della rete Internet 3. La rete, attraverso meccanismi di routing-by-name, è in grado di instradare la richiesta del cliente, utilizzando direttamente il nome del dato, verso una qualsiasi copia disponibile. La tecnica di instradamento basata sul nome, unitamente all integrazione di cache nei nodi, rende la rete particolarmente adatta alla distribuzione efficiente dei contenuti. Le funzioni di caching ed il routing-by-name, infatti, abilitano la rete a svolgere in modo nativo funzioni di content delivery, senza il ricorso a piattaforme esterne (es. CDN) di tipo overlay. Se la prerogativa saliente del paradigma information-centric è quella di rendere lo scambio e la disseminazione dei contenuti digitali particolarmente semplice ed efficiente, esso consente anche di incrementare la sicurezza delle informazioni, grazie ai meccanismi di self-certification dei dati IPv6 3 Febbraio 2011 sarà ricordato come il giorno in cui gli indirizzi IPv4 pubblici si sono esauriti. Per soddisfare le richieste dei provider, il RIPE NCC, il gestore europeo, sta già attingendo alle proprie riserve. Si è quindi ormai prossimi all esaurimento definitivo degli indirizzi disponibili per Internet: l unica soluzione strutturale a disposizione degli operatori è il dispiegamento di IPv6 (Figura 4), preceduto dall uso di indirizzi IPv4 privati, dispiegando un NAT centralizzato nella rete dell operatore, dimensionato per gestire il traffico di un gran numero di utenti finali CGN (Carrier Grade NAT). Nonostante IPv6 comporti l aggiornamento di gran parte della rete e dei servizi in campo, esso rappresenta un opportunità importante. Con IPv6, infatti, si conterranno gli investimenti e i costi di esercizio dovuti ai CGN, poiché una quota sempre più ampia di traffico potrà essere instradata su IPv6 senza attraversare il CGN. Non vi sarà nessun ostacolo a nuove applicazioni e/o servizi basati sulla trasparenza end-to-end di Internet, ad esempio quelle applicazioni in cui un terminale mobile funziona da server e deve perciò essere raggiungibile in ogni momento. I clienti infine avranno una migliore esperienza d uso: la presenza di NAT sul cammino di instradamento impatta negativamente la durata delle batterie dei terminali mobili e può diminuire le prestazioni di alcune applicazioni peer-to-peer. Anche i fornitori di contenuti non sperimenteranno problemi: per garantire l interlavoro con i servizi IPv4, all u- Terminale IPv6 capable Terminale IPv4 only Terminale IPv6 capable AG PDP context Trasporto IPv4 su IPv6 GGSN BRAS Rete IPv6 Figura 4 - Modalità di dispiegamento di IPv6 in rete fisso/mobile tenza IPv6-capable sarà offerta connettività IPv4 e IPv Il controllo nella Cloud Nel campo del controllo di rete fisso/ mobile vi è un trend evidente: la separazione fra la funzione di forwarding dei dati e il controllo del loro instradamento. Questo concetto è già oggi realtà nelle reti mobili attuali e future (LTE/ EPC). Recentemente, sta emergendo un framework interessante, che sfrutta questo principio: OpenFlow, un protocollo che serve a manipolare la forwarding table degli switch L2/L3. La logica per instanziare le regole di forwarding è contenuta in un OpenFlow Controller, aperto e programmabile; lo switch riceve le regole e le usa per smistare i pacchetti. L idea base è quella di aprire la rete alla possibilità di implementare nuovi meccanismi di controllo del traffico. Si può pensare di utilizzare questo paradigma per implementare funzio- CGN Rete dual-stack IPv6 IPv4 IPv6 IPv4 IPv4 only node/server IPv6 capable node/server IPv4 only node/server IPv6 capable node/server 3 Il paradigma information-centric prevede di utilizzare i nomi dei dati in luogo dei tradizionali indirizzi IP e si basa sui seguenti principi: i dati sono richiesti alla rete per nome, utilizzando qualunque mezzo di comunicazione disponibile (es. IPv4, IPv6, Ethernet, broadcast, ecc.); ogni dato è firmato e sicuro, self-certifying, ossia fornito di tutte le informazioni necessarie a verificarne l integrità e l associazione valida con il suo nome.

8 45 nalità specifiche di rete mobile (e.g. mobility management, policy management), concentrandole tutte in un Controller, specificato, gestito e personalizzato dall operatore e realizzando il piano di forwarding su hardware general purpose (meno potente e quindi più numeroso dei nodi attuali). Un passo successivo è quello di implementare il Controller mediante Cloud Computing (Figura 5): esso cioè sarà un processo software, istanziato in un infrastruttura di virtualizzazione altamente affidabile. I possibili benefit includono risparmi sugli apparati di forwarding, maggiore flessibilità, maggiore robustezza e disponibilità della rete e la possibilità di introdurre rapidamente nuove logiche di servizio in rete, agendo solo sul Controller. L operatore può idealmente diventare padrone delle logiche di controllo della propria rete. 5 Device, applicazioni e servizi Il mondo dei device, applicazioni e servizi è un arena in cui si confrontano Cloud (Data Center) Controller (SW process) attori di industry diverse, dalla Consumer Electronics ai grandi player OTT agli operatori. È caratterizzato da dinamiche molto rapide, in cui spesso le idee nascono da piccole realtà, spesso localizzate in distretti industriali ben definiti, con modelli di business anche molto lontani da quelli tipici di un telco operator. Sono molti i trend in essere o anche solo ipotizzabili per il futuro, brevemente sintetizzati nel seguito. 5.1 Device Nel campo dei device assisteremo nei prossimi anni, con la diffusione della rete 4G, all introduzione di veri e propri edge servers, dispositivi sempre connessi con capacità di computazione e storage molto elevati che porteranno l intelligenza della rete ancora più verso la periferia e abiliteranno nuovi modelli di servizio e di business. Già oggi però la produzione di componenti low cost porta allo sviluppo di smartphone nella fascia sotto i 200 euro e a tendere anche sotto i 100 euro, Legay router grazie anche alla diffusione sempre più estesa del sistema operativo Android, che da un lato non presenta costi di licenza e dall altro porta integrati con sè una suite di servizi riconosciuta universalmente, quelli di Google, di sicuro valore per i costruttori di terminali. Questo accentramento dei servizi intorno allo smartphone fa sì che questo, inteso sia come hardware sia come sistema operativo, sia il fulcro attorno a cui si stanno affermando alcuni ecosistemi di servizi dominati dagli stessi produttori (Apple, Google, Microsoft). In questa logica la crescita delle vendite di Smartphone trascinerà anche la crescita del mercato delle Applicazioni Mobili (Figura 6) e dei Servizi, offrendo un potenziale di crescita anche agli Operatori nell accrescere l ARPU dei propri clienti (dati+vas). Sarà una battaglia difficile perché applicazioni e contenuti, gaming, pubblicità e social networking sono i campi in cui gli OTT hanno già il predominio, mentre a rischio sono servizi e asset dell operatore come le comunicazioni voce e video, la customer identity e l home environment. I Telco, in ogni caso, con la costituzione del WAC e di altre iniziative, intendono partecipare attivamente a questa corsa, unendo le loro forze per poter contrastare insieme la forza di questi grandi player. Anche perchè alcune feature, centrali per un insieme di futuri servizi (come NFC e mobile payment) dipendono fortemente dal ruolo e dalla velocità che i Telco terranno sullo sviluppo di OS e smartphone. SERVIZI INFORMATICA Forwarding (L2/L3 switches) Figura 5 - Il controllo di rete si sposta nella Cloud 5.2 La casa digitale Anche la casa è oggetto di una forte digitalizzazione dei servizi, a partire dalla diffusione dei televisori connessi, fino alla domotica o alle reti di sensori per il controllo dei consumi energetici. La proliferazione di questi servizi offre

9 46 Ad Hoc Networks SERVIZI INFORMATICA Una nuova generazione di social network localizzate (es: Foursquare e Shopkick) si diffonde con l obiettivo di incentivare i clienti ad entrare (fare il check-in) nei negozi fisici. All ingresso, i punti vendita più evoluti offrono al cliente connettività e la possibilità di registrarsi ad un server (es: Aruba) in grado di identificarlo, fornire al commesso suggerimenti sui suoi interessi e gestire i pagamenti. Lo smartphone del cliente può scaricare le mobile app del negozio in grado di fornire informazioni sui prodotti e giochi a tema. Non solo. Sui nuovi smartphone arrivano tecnologie come WiFi Direct (WiFi Alliance) o Mobile Hotspot (es: Android ed iphone), che abilitano la creazione di reti ad-hoc e la condivisione degli accessi ad internet (wireless tethering). In futuro, reti tipo FON e FlashlinQ amplieranno le possibilità anche di copertura. Oltre ai negozi, se ne avvantaggeranno anche le reti sociali fisiche, composte da vicini di casa, amici o frequentatori dello stesso circolo, entro le quali si sviluppano molte delle comunicazioni che ora si rivolgono alla rete WAN. OEM come Apple (AirPlay) e RIM (BlackBerry Bridge) hanno rapidamente sfruttato queste opportunità per fornire esperienze di utilizzo differenzianti all interno di un proprio eco-sistema ed Apple ha già definito un insieme di API per permettere agli sviluppatori di aggiungere valore con nuove applicazioni. Eco-sistemi aperti possono nascere da iniziative cross-platform come AllJoyn (Qualcomm) che permette lo sviluppo di applicazioni basate su reti adhoc, abilitando nuovi scenari di utilizzo. La rete WWAN in questi contesti è percepita come una risorsa necessaria, ma costosa da utilizzare come backup: una forma di traffic offloading auto-gestito dal cliente. Siamo di fronte ad una dimensione del tutto nuova e gli operatori per giocare un ruolo devono agire con la velocità degli attori citati, tenendo presente alcuni fattori competitivi importanti: Il mobile payment diventa progressivamente parte di un ecosistema locale, in cui i punti vendita devono attirare clienti nel negozio, riconoscerli, fornire loro informazioni e promozioni personalizzate, gestire i programmi di fidelizzazione e di post-vendita. Il disegno di un offerta integrata permette di acquisire in questo ambito un ruolo di orchestrator. Le social network localizzate si propongono come owner del cliente e della sua identità, considerando il check-in al negozio fisico come un estensione del concetto di visita di un sito web. L operatore può opporre i propri servizi di Identity Management ancorati alla SIM. Le reti ad-hoc sono un alternativa nell interazione tra gruppi di persone tanto più appetibile quanto più è percepito come costoso dal cliente l accesso alla rete WAN. Ѐ importante che i device abbiano connection manager evoluti e coerenti con le strategie aziendali sul traffic-offload. Mobile App e widget, sviluppati con la possibilità di accedere a dati e connessioni locali sono un importante mezzo per semplificare la vita del cliente verso i nuovi servizi. L utilizzo di molteplici connessioni ed il GPS sono due ingredienti importanti, ma hanno un impatto forte sulla batteria. Il cliente si troverà a dover gestire dei compromessi tra questa total immersion in ambiente locale, la connettività WAN e le varie funzioni dello smartphone. Soluzioni aperte, infine, permettono al cliente di usufruire di funzionalità evolute senza essere intrappolato in ecosistemi proprietari comodi ma costosi. innanzitutto un ruolo potenziale di orchestrazione e gestione remota di questi servizi a chi, come Telecom Italia, ha una forte presenza nelle case, dove oltre a portare connettività è già presente con un Access Gateway che può essere il fulcro attorno a cui far crescere l intelligenza che governa almeno parte di questi nuovi servizi. Particolare attenzione va posta alla diffusione rapida dei televisori connessi. La loro presenza permette nuovi modelli di fruizione dei contenuti video di qualità via via crescente grazie all evoluzione della rete fissa descritta prima e di cui la TV connessa rappresenta la naturale valorizzazione in ottica nuovi servizi. Infatti, non appena superata la massa critica di televisori connessi, Internet potrebbe diventare una sorgente sempre più adeguata di contenuti, attraverso le sue capacità di includere dinamicamente informazioni o contenuti provenienti da più fonti (mash-up) con una rapidità impressionante e di renderlo personale e centrato sugli interessi del fruitore (a riprova l offerta Cubovision di Telecom Italia).

10 Mobile Application Stores Revenue (Billions of US Dollars) Source: IHS Screen Digest Research, May 2011 Figura 6 - Previsioni di crescita del mercato mobile application 5.3 Customer Identity Si è già detto come i grandi player OTT portino nelle mani del cliente un ecosistema di servizi, facendo leva su un forte controllo dei device e dei sistemi operativi che sono il veicolo per portare questi servizi ovunque, fino all aggregazione di grandi community di sviluppatori. Sotteso a tutto ciò, quello che avviene è che l identità del cliente presso l OTT acquisisce una centralità sempre più forte e sempre più trasversale fino a creare fenomeni di attrazione (come Facebook). In questo campo sicuramente gli operatori, unendo le loro forze, uniformando le modalità di accesso, e facendo leva sul controllo end to end della qualità percepita dal cliente, possono avere una loro offerta di identity management, portando inoltre in dote un identita riconosciuta come la più sicura, quale quella garantita dalla SIM, caratteristica fondamentale per servizi come il mobile payment. Conclusioni Nel presente articolo è stata affrontata la descrizione di importanti abilitatori tecnologici chiave nella futura evoluzione delle reti di telecomunicazione al fine di far fronte alla crescente richiesta di traffico dati. In particolare sul fronte dell accesso fisso si è visto come l evoluzione dell architettura e della tecnologia della rete in fibra consentirà prestazioni sempre maggiori abilitando servizi broadband per i clienti in ambienti fissi e mobili. Infatti anche il MBB capace di abilitare servizi a bit rate sempre più elevato e con migliore qualità del servizio potrà beneficiare dell evoluzione della rete in fibra guidandone i requisiti in termini di banda e latenza offerte. In una prima fase il backhauling a larga banda assicurato principalmente dalla fibra e dal ponte radio consentirà alla rete di accesso mobile HSPA+ prima e LTE poi di estendere a tutte le condizioni d uso il servizio broadband TI. A medio e lungo termine, come evi- denziato nel testo, il paradigma della cloud RAN permetterà alla rete radio di sfruttare al meglio la pervasività della rete NGAN impiegando nuove tecniche trasmissive molto efficienti nel caso di architetture in fibra pervasive. Questo consentirà di aumentare ancor di più la qualità del servizio offerta al cliente rendendo la rete capace di inseguire in modo flessibile le esigenze dei clienti in termini di banda richiesta, mobilità e condizioni di fruizione su diversi device. Anche il trasporto e il piano del controllo di rete evolve in tal senso e sempre di più la conoscenza delle caratteristiche del servizio trasportato verrà utilizzata per migliorare la qualità end to end. In pratica questo trend permea l evoluzione degli abilitatori nei differenti filoni tecnologici. Infatti l ecosistema del servizi NGN sarà strettamente correlato ai device sempre più convergenti a prescindere dal fatto che il broadband sia trasportato dalla rete fissa o mobile ma purché sia pervasivo ovvero ne consenta la fruizione in varie condizioni, a casa, in mobilità, in ufficio; da questo punto di vista il device può essere il PC, lo smartphone, il tablet, il televisore purché la customer identity e la percezione cliente possa essere gestita in modo seamless. In sintesi in ottica evolutiva le tecnologie di accesso di controllo e di trasporto saranno sempre più compenetrate dal punto di vista architetturale e della tecnologia IP nell ottica di abilitare una qualità di rete end to end in ogni condizione di fruizione e in modo che l ecosistema di servizi e device NGN possa beneficiare degli abilitatori di rete citati SERVIZI INFORMATICA

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply Abstract Nei nuovi scenari aperti dal Cloud Computing, Reply si pone come provider di servizi e tecnologie, nonché come abilitatore di soluzioni e servizi di integrazione, volti a supportare le aziende

Dettagli

L architettura di rete FlexNetwork

L architettura di rete FlexNetwork HP L offerta di soluzioni e servizi per il networking di HP si inserisce nella strategia che concorre a definire la visione di una Converged Infrastructure, pensata per abilitare la realizzazione di data

Dettagli

FUTURE INTERNET 4 FUTURE SERVICES

FUTURE INTERNET 4 FUTURE SERVICES Nel Semestre di Presidenza del Consorzio ELIS FUTURE INTERNET 4 FUTURE SERVICES Executive Summary Sistema integrato di iniziative formative di innovazione per la famiglia professionale ICT Febbraio 2011

Dettagli

LTE Long Term Evolution Late To Evolve

LTE Long Term Evolution Late To Evolve LTE Long Term Evolution Late To Evolve 0 Overview della tecnologia 1 Driver del 4G: la domanda di banda del mobile 2 LTE (3GPP Rel.8): ingredienti tecnologici del 4G Architettura Evoluta (E-UTRAN) di tipo

Dettagli

Aspetti di business e strategici di Smart Connectivity Verso un nuovo ruolo per l operatore

Aspetti di business e strategici di Smart Connectivity Verso un nuovo ruolo per l operatore GRUPPO TELECOM ITALIA Aspetti di business e strategici di Smart Connectivity Verso un nuovo ruolo per l operatore Quadrato della Radio 16 novembre 2013 «Smart», Perché? Il mercato è in continua evoluzione

Dettagli

Gruppo Telecom Italia Linee Guida del Nuovo Piano Industriale 2014-2016

Gruppo Telecom Italia Linee Guida del Nuovo Piano Industriale 2014-2016 GRUPPO TELECOM ITALIA Il Piano Industriale 2014-2016 Gruppo Telecom Italia Linee Guida del Nuovo Piano Industriale 2014-2016 - 1 - Piano IT 2014-2016 Digital Telco: perché ora I paradigmi di mercato stabile

Dettagli

Implementazione rete LTE

Implementazione rete LTE Implementazione rete LTE Milano, 11 dicembre 2013 Riccardo Zanini Agenda LTE: caratteristiche e prestazioni Stazioni radio base: installazione ed integrazione Strategia e sviluppo della rete Agenda LTE:

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

Reti di calcolatori: Introduzione

Reti di calcolatori: Introduzione Reti di calcolatori: Introduzione Vittorio Maniezzo Università di Bologna Reti di computer e Internet Rete: sistema di collegamento di più computer mediante una singola tecnologia di trasmissione Internet:

Dettagli

L iniziativa Cloud DT

L iniziativa Cloud DT L iniziativa Cloud DT Francesco Castanò Dipartimento del Tesoro Ufficio per il Coordinamento Informatico Dipartimentale (UCID) Roma, Luglio 2011 Il Cloud Computing Alcune definizioni Il Cloud Computing

Dettagli

Pianificazione e progetto di reti geografiche

Pianificazione e progetto di reti geografiche Pianificazione e progetto di reti geografiche 1 Architettura delle reti di telecomunicazioni e contesto infrastrutturale regionale 1 Indice Architettura delle reti di Telecomunicazioni Banda Larga nella

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso RETELIT

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso RETELIT Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso RETELIT Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.9 Innovare la comunicazione aziendale

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

TELECOM ITALIA@ICT TRADE. Claudio Contini Telecom Italia Digital Solutions Ferrara 13 maggio 2014

TELECOM ITALIA@ICT TRADE. Claudio Contini Telecom Italia Digital Solutions Ferrara 13 maggio 2014 TELECOM ITALIA@ICT TRADE Claudio Contini Telecom Italia Digital Solutions Ferrara 13 maggio 2014 Il Gruppo Telecom Italia oggi Ricavi 23.407 M.ni di Dipendenti 65.623 Unità Investimenti Industriali 4.400

Dettagli

Work package 1.4. Task. Documento. Versione 1.2. Data 04/12/2009. Autore/i

Work package 1.4. Task. Documento. Versione 1.2. Data 04/12/2009. Autore/i Next Generation Network: standard ITU-T ed ETSI ed aspetti di interconnessione e convergenza dei servizi (executive summary e raccomandazioni per future attività) Work package 1.4 Task Documento All Executive

Dettagli

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale 1. Livello infrastrutturale Il Cloud, inteso come un ampio insieme di risorse e servizi fruibili da Internet che possono essere dinamicamente

Dettagli

> LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco.

> LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco. > LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco. Perché investire in innovazione 2 Perché scegliere MediaNET 4 A chi si rivolge MediaNET 6 I numeri 7 Soluzioni e servizi 8 L identità MediaNET

Dettagli

Guido Salerno Aletta. Direttore Generale Fondazione Ugo Bordoni

Guido Salerno Aletta. Direttore Generale Fondazione Ugo Bordoni Dalla televisione digitale di prima generazione alla Ip-TV Guido Salerno Aletta Direttore Generale Fondazione Ugo Bordoni Il passaggio al digitale nella telefonia mobile e nella televisione inizia dal

Dettagli

Banda larga e ultralarga: lo scenario

Banda larga e ultralarga: lo scenario Banda larga e ultralarga: lo scenario Il digitale per lo sviluppo della mia impresa Ancona, 4 luglio 2013 L importanza della banda larga per lo sviluppo economico L Agenda Digitale Europea: obiettivi e

Dettagli

b.dataline INTERCONNETTI LE SEDI DELLA TUA AZIENDA

b.dataline INTERCONNETTI LE SEDI DELLA TUA AZIENDA b.dataline INTERCONNETTI LE SEDI DELLA TUA AZIENDA DESCRIZIONE DEL SERVIZIO CARATTERISTICHE TECNICHE 2015 PAGINA 2 DI 10 DATA PRIVATE NETWORK INTRODUZIONE GENERALE Brennercom Data Private Network costituisce

Dettagli

Sistemi tecnologici e modelli della Connected tv

Sistemi tecnologici e modelli della Connected tv Sistemi tecnologici e modelli della Connected tv Alberto Marinelli Teoria e tecniche della comunicazione e dei nuovi media A.A. 2013/ 2014 Parte terza UN NUOVO AMBIENTE DI SINTESI: LA CONNECTED TELEVISION

Dettagli

Pianificazione e progetto di reti geografiche

Pianificazione e progetto di reti geografiche Pianificazione e progetto di reti geografiche 1 e contesto infrastrutturale regionale 1 2 Modello della rete Architettura delle reti ditelecomunicazioni 3 4 Principali segmenti di rete Rete di accesso

Dettagli

Elaborazione Numerica dei Segnali per Telecomunicazioni. Software Defined Radio e Campionamento Passa-Banda

Elaborazione Numerica dei Segnali per Telecomunicazioni. Software Defined Radio e Campionamento Passa-Banda Elaborazione Numerica dei Segnali per Telecomunicazioni Anno Accademico 2008/2009 Software Defined Radio e Campionamento Passa-Banda Francesco Benedetto (fbenedet@uniroma3.it) Digital Signal Processing,

Dettagli

Centralino telefonico OfficeServ 7400

Centralino telefonico OfficeServ 7400 Centralino telefonico OfficeServ 7400 Samsung OfficeServ 7400 è il sistema di comunicazione all-in-one dedicato alle aziende di medie e grandi dimensioni che necessitano di soluzioni semplici ed integrate

Dettagli

Introduzione. Introduzione

Introduzione. Introduzione Introduzione L uomo sin dalla preistoria ha sempre cercato, per necessità e per comodità, di comunicare con altri individui; con l andare del tempo questa esigenza è cresciuta sempre più, si è passati

Dettagli

UNA RETE SENZA FILI. C O N L E A Z I E N D E V E R S O N U O V E I M P R E S E

UNA RETE SENZA FILI. C O N L E A Z I E N D E V E R S O N U O V E I M P R E S E UNA RETE SENZA FILI. C O N L E A Z I E N D E V E R S O N U O V E I M P R E S E LA MOBILITÀ WLAN La mobilità aziendale non è più una frontiera tecnologica, ma una concreta necessità per competere ed essere

Dettagli

Centralino telefonico OfficeServ 7200

Centralino telefonico OfficeServ 7200 Centralino telefonico OfficeServ 7200 Samsung OfficeServ 7200 costituisce un unica soluzione per tutte le esigenze di comunicazione di aziende di medie dimensioni. OfficeServ 7200 è un sistema telefonico

Dettagli

Press release 22 febbraio 2016

Press release 22 febbraio 2016 La tecnologia e tutte le novità di prodotto AVM al Mobile World Congress 2016 FRITZ!Box per qualsiasi tipo di connessione ad alta velocità: DSL, cavo, fibra ottica e 4G (LTE) WiFi intelligente e un ambiente

Dettagli

LE 10 TECNOLOGIE STRATEGICHE PER IL 2008

LE 10 TECNOLOGIE STRATEGICHE PER IL 2008 http://www.sinedi.com ARTICOLO 18 DICEMBRE 2007 LE 10 TECNOLOGIE STRATEGICHE PER IL 2008 Come ogni anno, Gartner, la società americana di ricerche e d informazione sulle tecnologie, ha identificato dieci

Dettagli

MANTENERE LA CALMA MENTRE SI ADOTTANO SOLUZIONI CLOUD E MOBILI

MANTENERE LA CALMA MENTRE SI ADOTTANO SOLUZIONI CLOUD E MOBILI MANTENERE LA CALMA MENTRE SI ADOTTANO SOLUZIONI CLOUD E MOBILI Si è parlato moltissimo degli tsunami di cambiamento che hanno colpito l IT. Discorsi sul passaggio al cloud, sulla forza lavoro mobile crescente

Dettagli

INTEGRAZIONE ED ESPANSIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA TITOLO ELABORATO: MODULO ISOLE WI-FI HOT SPOT

INTEGRAZIONE ED ESPANSIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA TITOLO ELABORATO: MODULO ISOLE WI-FI HOT SPOT INTEGRAZIONE ED ESPANSIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA TITOLO ELABORATO: MODULO ISOLE WI-FI HOT SPOT INDICE 1. PREMESSA 4 2. ARCHITETTURA RETI MESH 5 3. DISPOSITIVI

Dettagli

I servizi Metro Ethernet

I servizi Metro Ethernet I servizi Metro Ethernet Attualmente i servizi Metro Ethernet stanno guadagnando una fetta di mercato sempre più considerevole, grazie ai loro attraenti benefits quali la facilità di utilizzo, economicità

Dettagli

56 NOTIZIARIO TECNICO I NOSTRI PRINCIPALI PARTNER TECNOLOGICI: CISCO E SAMSUNG

56 NOTIZIARIO TECNICO I NOSTRI PRINCIPALI PARTNER TECNOLOGICI: CISCO E SAMSUNG 56 NOTIZIARIO TECNICO I NOSTRI PRINCIPALI PARTNER TECNOLOGICI: CISCO E SAMSUNG Antonio Bosio, Max Locatelli 1/2015 57 In questo articolo si evidenzia il valore della collaborazione tra il Gruppo Telecom

Dettagli

Le soluzioni per l accesso alle reti ad alta velocità

Le soluzioni per l accesso alle reti ad alta velocità Giornata di studio: Infrastrutture avanzate per reti ad alta velocità Modena, 5 Aprile 2006 Università di Modena e Reggio Emilia, Facoltà di Ingegneria Le soluzioni per l accesso alle reti ad alta velocità

Dettagli

ALCATEL-LUCENT. Strategie e architetture. Networking 2013

ALCATEL-LUCENT. Strategie e architetture. Networking 2013 ALCATEL-LUCENT Strategie e architetture Il portfolio per le infrastrutture di rete di Alcatel-Lucent copre esigenze di rete dalla PMI sino alla grande azienda e ambienti fissi e mobili e comprende piattaforme

Dettagli

Verso le Next Generation Networks

Verso le Next Generation Networks Verso le Next Generation Networks Reti di nuova generazione (o Next Generation Networks) è un termine molto ampio per indicare l insieme delle reti di TLC che sono previste per i prossimi 5-10 anni e che

Dettagli

10 argomenti a favore dell over IP

10 argomenti a favore dell over IP Quello che i fornitori di telecamere analogiche non dicono 10 argomenti a favore dell over IP Le telecamere di rete non sono certo una novità, infatti il primo modello è stato lanciato nel 1996. Nei primi

Dettagli

Titolo: È gradita una competenza base in Matlab. Conoscenze linguistiche: padronanza della lingua inglese

Titolo: È gradita una competenza base in Matlab. Conoscenze linguistiche: padronanza della lingua inglese Titolo: Studio e sviluppo di applicazioni innovative basate su tecnologia di sensori indossabili Descrizione: Le body sensor networks (BSN) sono costituite da piccoli dispositivi che posti sul corpo umano

Dettagli

La classificazione delle reti

La classificazione delle reti La classificazione delle reti Introduzione Con il termine rete si intende un sistema che permette la condivisione di informazioni e risorse (sia hardware che software) tra diversi calcolatori. Il sistema

Dettagli

Software Defined Networks di Riccardo Florio

Software Defined Networks di Riccardo Florio Software Defined Networks di Riccardo Florio Dopo anni di innovazioni tecnologiche, che si sono orientate fondamentalmente verso l'incremento di prestazioni prima e di funzionalità successivamente, i trend

Dettagli

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA Obiettivo Richiamare quello che non si può non sapere Fare alcune precisazioni terminologiche IL COMPUTER La struttura, i componenti

Dettagli

CALENDARIO EVENTI 2015

CALENDARIO EVENTI 2015 CALENDARIO EVENTI 2015 Cloud Computing Summit Milano 25 Febbraio 2015 Roma 18 Marzo 2015 Mobile Summit Milano 12 Marzo 2015 Cybersecurity Summit Milano 16 Aprile 2015 Roma 20 Maggio 2015 Software Innovation

Dettagli

Il lavoro d ufficio e la rete

Il lavoro d ufficio e la rete Il lavoro d ufficio e la rete Quale parola meglio rappresenta e riassume il secolo XX appena trascorso? La velocità Perché? L evoluzione della tecnologia ha consentito prima la contrazione del tempo poi

Dettagli

Regione Piemonte: prospettive per lo sviluppo di ecosistemi digitali di business

Regione Piemonte: prospettive per lo sviluppo di ecosistemi digitali di business Regione Piemonte: prospettive per lo sviluppo Abstract Il presente documento intende illustrare la strategia e l approccio adottati da CSP nell ambito del progetto DIADI 2000 (progetto 2003-2006), iniziativa

Dettagli

Il gruppo TSC è presente sul mercato italiano da oltre 30 anni è formato dai seguenti brand

Il gruppo TSC è presente sul mercato italiano da oltre 30 anni è formato dai seguenti brand Il gruppo TSC è presente sul mercato italiano da oltre 30 anni è formato dai seguenti brand Telematic Service Communication s.r.l. (TSC), viene fondata a Torino nel 1984 ed è un System Integrator, già

Dettagli

Introduzione a Internet

Introduzione a Internet Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

PRESENTAZIONE AZIENDALE

PRESENTAZIONE AZIENDALE PRESENTAZIONE AZIENDALE Wi-Next, Everything Can Be Part of a Network Wi-Next, nata da un Gruppo di ricerca e Sviluppo del Politecnico di Torino, è un Vendor italiano di prodotti e soluzioni innovative

Dettagli

LO STANDARD LTE COME ELEMENTO CHIAVE PER LA REALIZZAZIONE DELLE SMART NETWORK INFRASTRUCTURES

LO STANDARD LTE COME ELEMENTO CHIAVE PER LA REALIZZAZIONE DELLE SMART NETWORK INFRASTRUCTURES LO STANDARD LTE COME ELEMENTO CHIAVE PER LA REALIZZAZIONE DELLE SMART NETWORK INFRASTRUCTURES VITTORIO MOSCATELLI SALES DIRECTOR TIESSE S.P.A 20 Maggio 2014 INNOVAZIONE MADE IN ITALY TIESSE il Gruppo New

Dettagli

Cenni sulle principali tecnologie di rete. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it

Cenni sulle principali tecnologie di rete. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Cenni sulle principali tecnologie di rete IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Oltre la LAN Perché uscire? connessione di più edifici geograficamente lontani della stessa società connessione

Dettagli

Quale rotta verso il Cloud? Le scelte per una adozione su misura Stefano Pileri, AD Italtel

Quale rotta verso il Cloud? Le scelte per una adozione su misura Stefano Pileri, AD Italtel Quale rotta verso il Cloud? Le scelte per una adozione su misura Stefano Pileri, AD Italtel I nuovi device, il trend BYOD, cambiano l IT 2 There will be 5B mobile devices and 2B M2M nodes Global mobile

Dettagli

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042)

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Reti di elaboratori Rete di calcolatori: insieme di dispositivi interconnessi Modello distribuito INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Funzioni delle reti: comunicazione condivisione di

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet Informatica Generale Andrea Corradini 10 - Le reti di calcolatori e Internet Cos è una rete di calcolatori? Rete : È un insieme di calcolatori e dispositivi collegati fra loro in modo tale da permettere

Dettagli

Nuovi modi per comunicare. Risparmiando.

Nuovi modi per comunicare. Risparmiando. Nuovi modi per comunicare. Risparmiando. Relatori: Fiorenzo Ottorini, CEO Attua S.r.l. Alessio Pennasilico, CSO Alba S.a.s. Verona, mercoledì 16 novembre 2005 VoIP Voice over xdsl Gateway GSM Fiorenzo

Dettagli

Risparmiare ed innovare attraverso le nuove soluzioni ICT e «cloud»

Risparmiare ed innovare attraverso le nuove soluzioni ICT e «cloud» Risparmiare ed innovare attraverso le nuove soluzioni ICT e «cloud» CLOUD: Dietro le quinte Giovanni Zorzoni 1 Gli argomenti trattati Infrastrutture di Datacenter Connettività e importanza del service

Dettagli

Smart & Green Technologies. Antonio Iossa R&D, Scouting

Smart & Green Technologies. Antonio Iossa R&D, Scouting Smart & Green Technologies Antonio Iossa R&D, Scouting SMART? GREEN? Le dimensioni della Smart City Fonte: http://www.smart-cities.eu Le dimensioni della Smart City Fonte: ForumPA C. Forghieri SCCI Smart

Dettagli

I sistemi di comunicazione per lo smart metering di seconda generazione

I sistemi di comunicazione per lo smart metering di seconda generazione GRUPPO TELECOM ITALIA Incontro di approfondimento: Sistemi di smart metering di seconda generazione Milano, 11 dicembre 2015 I sistemi di comunicazione per lo smart metering di seconda generazione Regulatory

Dettagli

Evoluzioni delle reti mobili verso la larga banda

Evoluzioni delle reti mobili verso la larga banda MOBILE SPECIALE NGN2 Evoluzioni delle reti mobili verso la larga banda LUCA D ANTONIO PAOLO GIANOLA GIOVANNI ROMANO L utilizzo sempre più diffuso di Internet, in particolare dei servizi di download di

Dettagli

Perché le reti di calcolatori. Terminologia e classificazione delle reti. Reti aziendali Reti domestiche Reti Mobili

Perché le reti di calcolatori. Terminologia e classificazione delle reti. Reti aziendali Reti domestiche Reti Mobili Perché le reti di calcolatori Reti aziendali Reti domestiche Reti Mobili Terminologia e classificazione delle reti Tecnologia di trasmissione Scala della rete 2 Diffusione della tecnologia digitale Distribuzione,

Dettagli

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Indice Mezzi e tecniche di trasmissione dati Cavi in rame Fibre ottiche Onde radio e sistemi wireless Modulazione e demodulazione Reti di calcolatori

Dettagli

Rete elettrica e telecomunicazioni nell ottica smart grid

Rete elettrica e telecomunicazioni nell ottica smart grid Politecnico di Milano Advanced Network Technologies Laboratory Rete elettrica e telecomunicazioni nell ottica smart grid Antonio Capone 1 Reti di Comunicazione ed Elettriche Electric Network & Communication

Dettagli

Le reti e i servizi: il passato, il presente e il futuro. a cura HR Services (Gruppo Telecom Italia)

Le reti e i servizi: il passato, il presente e il futuro. a cura HR Services (Gruppo Telecom Italia) GRUPPO TELECOM ITALIA Il Digitale per lo sviluppo della mia Impresa Torino, 26 Novembre 2013 Le reti e i servizi: il passato, il presente e il futuro a cura HR Services (Gruppo Telecom Italia) Agenda Rete

Dettagli

Wireless Internet Banda Larga

Wireless Internet Banda Larga Wireless Internet Banda Larga SERVIZI FORNITI DA ROMAGNA RIPETITORI Romagna Ripetitori Srl Via Lasie 10/L - Imola (BO) www.romagnaripetitori.it info@romagnaripetitori.it Tel. 0542.066536 Fax. 051.3764109

Dettagli

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete INFORMATICA e COMUNICAZIONE DIGITALE Anno Accademico 2013-2014 Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale Introduzione ( parte II) Prof. Sebastiano Pizzutilo Dipartimento di Informatica

Dettagli

La virtualizzazione dell infrastruttura di rete

La virtualizzazione dell infrastruttura di rete La virtualizzazione dell infrastruttura di rete La rete: la visione tradizionale La rete è un componente passivo del processo che trasporta i dati meglio che può L attenzione è sulla disponibilità di banda

Dettagli

Corso di Sistemi di Telecomunicazione Ottici A. A. 2009/2010. Reti di accesso. Architettura di rete HFC FTTx

Corso di Sistemi di Telecomunicazione Ottici A. A. 2009/2010. Reti di accesso. Architettura di rete HFC FTTx Corso di Sistemi di Telecomunicazione Ottici Reti di accesso Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni A.A. 2009/2010 Reti di accesso (1) Reti di accesso Architettura di rete

Dettagli

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Dopo anni di innovazioni nel settore dell Information Technology, è in atto una profonda trasformazione.

Dettagli

Le Reti di Computer. Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione. I.S.I.S.S. Sartor CASTELFRANCO V.TO. Prof. Mattia Amadori

Le Reti di Computer. Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione. I.S.I.S.S. Sartor CASTELFRANCO V.TO. Prof. Mattia Amadori I.S.I.S.S. Sartor CASTELFRANCO V.TO Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione Le Reti di Computer Prof. Mattia Amadori Anno Scolastico 2015/2016 COS È UNA RETE DI COMPUTER? Rete di computer è

Dettagli

La banda 800 MHz per servizi radiomobili in Italia: opportunità e problemi

La banda 800 MHz per servizi radiomobili in Italia: opportunità e problemi La banda 800 MHz per servizi radiomobili in Italia: opportunità e problemi Valerio Zingarelli Telecommunications Studies and Consulting Convegno L armonizzazione europea della banda 800 MHz Fondazione

Dettagli

Telecom Italia ed Expo Expo 2015 il primo evento Fully Cloud Powered

Telecom Italia ed Expo Expo 2015 il primo evento Fully Cloud Powered Telecom Italia ed Expo Expo 2015 il primo evento Fully Cloud Powered Bergamo, 5 Novembre 2012 EXPO 2015 come modello di Digital Smart City del futuro La Digital Smart City Expo 2015 deve quindi essere

Dettagli

Quali scenari dal Mobile Payment?

Quali scenari dal Mobile Payment? Quali scenari dal Mobile Payment? 9 Giugno 2011 Filippo Renga filippo.renga@polimi.it La dinamica del mercato dei Media in Italia: Non Digitali vs. Digitali 16.000 14.000 12.000 14.570 14.150-16% 11.910

Dettagli

COMUNE DI MARTELLAGO

COMUNE DI MARTELLAGO Regolamentazione per l'installazione delle stazioni radio base per telefonia mobile - Aggiornamento COMUNE DI MARTELLAGO PROVINCIA DI VENEZIA Piano di localizzazione per l installazione delle stazioni

Dettagli

Cloud Computing: alcuni punti fermi per non smarrirsi fra le nuvole

Cloud Computing: alcuni punti fermi per non smarrirsi fra le nuvole Cloud Computing: alcuni punti fermi per non smarrirsi fra le nuvole Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it L ICT come Commodity L emergere del Cloud Computing e i nuovi modelli di delivery Trend n.

Dettagli

IL SERVIZIO DI RICERCA SUI DISPOSITIVI MOBILI

IL SERVIZIO DI RICERCA SUI DISPOSITIVI MOBILI IL SERVIZIO DI RICERCA SUI DISPOSITIVI MOBILI I motori di ricerca non sono più solamente lo strumento per arrivare ai siti web, ma sono anche e sempre più il principale strumento di accesso alle informazioni

Dettagli

FINANCIAL INSTITUTIONS E I MARKETPLACE

FINANCIAL INSTITUTIONS E I MARKETPLACE FINANCIAL INSTITUTIONS E I MARKETPLACE Il processo di trasformazione digitale delle aziende sta avendo profondi impatti sull offerta di servizi B2C e B2B che le stesse propongono ai propri clienti. La

Dettagli

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI PARTE 1 INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI Parte 1 Modulo 1: Introduzione alle reti Perché le reti tra computer? Collegamenti remoti a mainframe (< anni 70) Informatica distribuita vs informatica monolitica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE E. MAJORANA SOMMA VESUVIANA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Telecomunicazioni Telecomunicazioni Classe V D Classe V D INSEGNANTI Prof.

Dettagli

IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD

IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it L ICT come Commodity L emergere del Cloud Computing e i nuovi modelli di delivery Trend n. 1 - ICT Commoditization

Dettagli

LINKSYS LANCIA LINKSYS ONE, SOLUZIONE PER LE COMUNICAZIONI AZIENDALI COMPLETA, SEMPLICE E ACCESSIBILE PER LE PICCOLE IMPRESE

LINKSYS LANCIA LINKSYS ONE, SOLUZIONE PER LE COMUNICAZIONI AZIENDALI COMPLETA, SEMPLICE E ACCESSIBILE PER LE PICCOLE IMPRESE Ufficio Stampa: Investor Relations: Linksys Fleishman Hillard Italia Cisco Melodie Testelin Francesca Tolimieri/Laura Meroni Ken Bond +00 33 1 58 04 31 02 + 39 02 318041 +14085266001 mtestelin@cisco.com

Dettagli

ICT Information &Communication Technology

ICT Information &Communication Technology ICT Information &Communication Technology www.tilak.it Profile Tilak Srl, azienda specializzata in soluzioni in ambito Communication Technology opera nell ambito dei servizi di consulenza, formazione e

Dettagli

Quale rotta verso il Cloud? Le scelte per una adozione su misura Stefano Pileri, AD Italtel

Quale rotta verso il Cloud? Le scelte per una adozione su misura Stefano Pileri, AD Italtel Quale rotta verso il Cloud? Le scelte per una adozione su misura Stefano Pileri, AD Italtel Cosa sta cambiando nel mondo ICT? I nuovi device, il trend BYOD, e le APPS cambiano l ICT 3 There will be 5B

Dettagli

L ambiente mobile. Ing. Gianfranco Pontevolpe. Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Programma

L ambiente mobile. Ing. Gianfranco Pontevolpe. Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Programma L ambiente mobile Ing. Gianfranco Pontevolpe Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Programma I sistemi cellulari Lo standard GSM I problemi di sicurezza del GSM Lo standard

Dettagli

Documento di consultazione per l indagine conoscitiva sulla Televisione 2.0 nell era della convergenza.

Documento di consultazione per l indagine conoscitiva sulla Televisione 2.0 nell era della convergenza. Allegato B alla delibera n. 93/13/CONS Documento di consultazione per l indagine conoscitiva sulla Televisione 2.0 nell era della convergenza. Premessa In Italia, con il recente switch-off della televisione

Dettagli

Cloud Computing e Mobility:

Cloud Computing e Mobility: S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Cloud Computing e Mobility: Lo studio professionale agile e sicuro Davide Grassano Membro della Commissione Informatica 4 dicembre 2013 - Milano Agenda 1

Dettagli

RIMUOVERE I LIMITI DELL'ARCHITETTURA TELCO MOBILE CON TELCO-OVER-CLOUD (TOC)

RIMUOVERE I LIMITI DELL'ARCHITETTURA TELCO MOBILE CON TELCO-OVER-CLOUD (TOC) RIMUOVERE I LIMITI DELL'ARCHITETTURA TELCO MOBILE CON TELCO-OVER-CLOUD (TOC) L'architettura Telco Mobile è formata da un grande numero di dispositivi fisici costosi, ciascuno segregato nella propria area.

Dettagli

Security. Security. Security. Data Center & Cloud Services. Security. Internet of Things. Internet of Things Internet of Things Security

Security. Security. Security. Data Center & Cloud Services. Security. Internet of Things. Internet of Things Internet of Things Security managing complexity Azienda Akhela è un azienda innovativa in rapida crescita che è diventata un attore importante e riconosciuto nel mercato IT italiano e che si sta affacciando con successo nel mercato

Dettagli

Lo sviluppo sostenibile della rete di accesso FTTC/FTTH a banda ultra larga nella trasparenza della qualità del servizio

Lo sviluppo sostenibile della rete di accesso FTTC/FTTH a banda ultra larga nella trasparenza della qualità del servizio Lo sviluppo sostenibile della rete di accesso FTTC/FTTH a banda ultra larga nella trasparenza della qualità del servizio Alberto Calcagno Roma, 12 giugno 2013 Il mondo always on e la broadband equation

Dettagli

TAVOLA ROTONDA: "RETI FISSE: QUALI PROSPETTIVE?"

TAVOLA ROTONDA: RETI FISSE: QUALI PROSPETTIVE? TAVOLA ROTONDA: "RETI FISSE: QUALI PROSPETTIVE?" WIND Telecomunicazioni - Strategy & Business Development Francesco De Leo, Ph. D. Fondazione Politecnico di Milano Milano, 10 Maggio 2006 1 Indice L evoluzione

Dettagli

Torino, Febbraio 2011

Torino, Febbraio 2011 Presentazione Aziendale Torino, Febbraio 2011 Wi-Next, Everything Can Be Part of a Network Wi-Next, nata dalla Ricerca e Sviluppo del Politecnico di Torino, è un Vendoritaliano di prodotti e soluzioni

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO CARRARO GROUP

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO CARRARO GROUP Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO CARRARO GROUP Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.9 Far

Dettagli

Consulenza, progettazione, realizzazione e gestione reti.

Consulenza, progettazione, realizzazione e gestione reti. Consulenza, progettazione, realizzazione e gestione reti. La 3S Telematica offre servizi di consulenza, progettazione, realizzazione e gestione di reti informatiche con particolare risvolto legato alla

Dettagli

LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO

LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO LA TUA SOFTWARE HOUSE IN CANTON TICINO CHI SIAMO Workablecom è una Software House nata a Lugano con sede in Chiasso ed operante in tutto il Canton Ticino. E un System Integrator che crea e gestisce soluzioni

Dettagli

ECOMONDO 2011 - WORKSHOP OROBLU Francesca Mondello, Telecom Italia TC.M.SS

ECOMONDO 2011 - WORKSHOP OROBLU Francesca Mondello, Telecom Italia TC.M.SS ECOMONDO 2011 - WORKSHOP OROBLU Francesca Mondello, Telecom Italia TC.M.SS Rimini 9/11/2011 per l ottimizzazione delle risorse e il contenimento dei consumi (energia, acqua, gas ). Nuvola IT Energreen

Dettagli

Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Elena Vaciago Aprile 2014

Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Elena Vaciago Aprile 2014 2014 Cloud Computing 2014: mercato, adozione, scenario competitivo Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Elena Vaciago Aprile 2014 INDICE INDICE DELLE FIGURE 2 INDICE DELLE TABELLE

Dettagli

Connettività Domenica 19 Dicembre 2010 17:32 - Ultimo aggiornamento Lunedì 24 Novembre 2014 19:34

Connettività Domenica 19 Dicembre 2010 17:32 - Ultimo aggiornamento Lunedì 24 Novembre 2014 19:34 La Suite di servizi Origine.net può essere erogata su reti di telecomunicazioni in tecnolgia Wired e/o Wireless. In base alle esigenze del cliente ed alla disponibilità di risorse tecnologiche, Origine.net

Dettagli

Informatica. Prof. M. Colajanni Università di Modena Reggio Emilia

Informatica. Prof. M. Colajanni Università di Modena Reggio Emilia Informatica Prof. M. Colajanni Università di Modena Reggio Emilia PARTE 3 - COMUNICAZIONI INFORMATICHE (Internet) Importanza delle comunicazioni Tutti vogliono comunicare Oggi un computer che non è in

Dettagli

TI Connected Home. Secondo Gallo Technology Home Network Engineering

TI Connected Home. Secondo Gallo Technology Home Network Engineering TI Connected Home Secondo Gallo Technology Home Network Engineering Da domani disponibili le offerte Ultra Internet Fibra Ottica per navigare da casa ad una velocità di 30 Megabit al secondo grazie alla

Dettagli

Internet e il World Wide Web. Informatica Generale -- Rossano Gaeta 30

Internet e il World Wide Web. Informatica Generale -- Rossano Gaeta 30 Internet e il World Wide Web 30 Tecnologia delle Telecomunicazioni Uso di dispositivi e sistemi elettromagnetici per effettuare la comunicazione a lunghe distanze (telefoni, televisione, radio, etc) Comunicazione

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Reti Radiomobili. Prof. Antonio Capone

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Reti Radiomobili. Prof. Antonio Capone Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Reti Radiomobili Prof. Antonio Capone Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione 1 - Introduzione al corso Reti Radiomobili

Dettagli

BEO832 Tecniche di Gestione dello Stress 2 18/11/13 19/11/13 2 1.090 MI

BEO832 Tecniche di Gestione dello Stress 2 18/11/13 19/11/13 2 1.090 MI BEO Benessere Organizzativo e Gestione dello Stress BEO832 Tecniche di Gestione dello Stress 2 18/11/13 19/11/13 2 1.090 MI DAZ Strumenti di Direzione Aziendale DAZ738 Economics per il successo dell'impresa

Dettagli

Internet: Come siamo arriva/ fin qui e come possiamo andare oltre. Antonio Capone. Antonio Capone: Internet del futuro

Internet: Come siamo arriva/ fin qui e come possiamo andare oltre. Antonio Capone. Antonio Capone: Internet del futuro Internet: Come siamo arriva/ fin qui e come possiamo andare oltre Antonio Capone Come tutto è cominciato 2 La nascita di Internet: anni 60 o 1961: Kleinrock dimostra l efficacia della commutazione di pacchetto

Dettagli