BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15"

Transcript

1 BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15

2 SCHEDA DI SINTESI E INDICATORI DI GESTIONE Situazione al Variazione % 31/12/09 30/9/09 31/12/08 31/12/07 12/09 12/09 9/09 12/08 SITUAZIONE PATRIMONIALE (1) Totale attività ,6 12,6 Provvista ,3 15,9 - Raccolta diretta (a) ,2 17,9 * Debiti verso clientela ,1 26,3 * Titoli in circolazione ,5 8,5 * Passività al fair value ,0 6,0 - Debiti verso banche ,5-19,3 - Raccolta indiretta (b) ,3 1,0 - Risparmio gestito (2) ,3 9,1 - Risparmio amministrato (2) ,4-4,0 Attività finanziarie intermediate (AFI) (a+b) ,6 9,8 Investimenti ,6 11,5 - Crediti verso clientela (3) ,7 10,0 - Crediti verso banche (3) (4) ,0 - Portafoglio titoli ,5 46,7 Capitale e riserve ,6 6,5 Situazione al Variazione % 31/12/09 30/9/09 31/12/08 31/12/07 12/09 12/09 9/09 12/08 CONTO ECONOMICO (1) Margine di intermediazione ,2 Risultato netto della gestione finanziaria ,1 Utile dell'operatività corrente al lordo delle imposte ,8 Utile d'esercizio ,0 RISORSE (5) Rete sportelli Personale ,2-0,2 INDICATORI DI GESTIONE Costi operativi / Margine d'intermediazione 57,37% 54,91% 56,55% 49,89% Utile dell'operatività corrente al lordo delle imposte /Capitale e riserve 7,34% 6,64% 8,47% 12,16% ROE 5,39% 4,84% 6,38% 7,75% ROE (6) 6,70% 6,02% 7,81% 10,05% ROAE (7) 5,56% 4,97% 7,19% 7,91% ROAE (6) (7) 6,86% 6,14% 9,03% 10,29% ATTIVITA' DI RISCHIO E COEFFICIENTI DI VIGILANZA Totale attivo ponderato (1) ,9 3,2 Core Tier 1/Totale attivo ponderato 8,83% 8,71% 9,06% 9,86% Patrimonio di base (Tier1)/Totale attivo ponderato 9,75% 9,62% 10,01% 9,86% Patrimonio di vigilanza incluso Tier 3/Totale attivo pon 12,04% 12,11% 12,58% 10,96% (1) Importi in migliaia di euro. (2) Nel corso dell'anno è intervenuta una revisione dei processi di investimento finanziario riguardante parte del portafoglio titoli delle Compagnie assicurative del Gruppo, in forza del quale sono state disdettate le convenzioni per la gestione degli investimenti stipulate tra la Capogruppo e le Compagnie assicurative controllate, sostituendole con un contratto di sola consulenza, affidato a Carige AM SGR. Alla luce di quanto sopra, gli importi facenti capo alle Compagnie sono stati riclassificati dal risparmio gestito al risparmio amministrato. Per consentire un confronto omogeneo, gli aggregati dei periodi precedenti al 31/12/2009 sono stati opportunamente riclassificati. (3) Al lordo delle rettifiche di valore. (4) Al netto dei titoli di debito classificati L&R (5) Dati puntuali di fine periodo. (6) Al netto della riserva AFS costituita a fronte della rivalutazione della partecipazione in Banca d'italia. (7) Indicatore calcolato rapportando l'utile netto al patrimonio medio (Return On Average Equity). 317

3 318

4 L'ATTIVITA' DI INTERMEDIAZIONE Nell esaminare i dati relativi alle attività finanziarie intermediate della Capogruppo si tenga presente che, per effetto della Legge 262/2005, a partire dal 2006 la Banca Carige ha deciso di riservare a sé il ruolo di unico emittente di obbligazioni del Gruppo, lasciando alle altre banche controllate l attività di collocamento; successivamente, per evitare problematiche connesse alla trasformazione delle scadenze, il Consiglio di Amministrazione della Carige ha deliberato la copertura del fabbisogno finanziario a medio lungo termine delle banche controllate tramite l emissione di proprie obbligazioni sottoscritte da Carige. Per la Capogruppo tali operazioni hanno determinato una ricomposizione delle AFI a favore della raccolta diretta, che presenta una forte crescita nei dodici mesi, ed il contestuale incremento del volume del portafoglio titoli. Il totale delle Attività Finanziarie Intermediate per conto della clientela (AFI) raccolta diretta e indiretta ammonta a ,8 milioni, in aumento del 9,8% nell anno e del 5,6% negli ultimi tre mesi dell esercizio. La raccolta diretta si dimensiona in milioni, in crescita del 17,9% nell anno e del 10,2% negli ultimi tre mesi del 2009, grazie, in particolare, all emissione di un miliardo di covered bond ai primi di novembre e, per quanto riguarda il programma EMTN, all emissione di un prestito subordinato della tipologia Lower Tier 2 per nominali 100 milioni; la raccolta indiretta è pari a ,9 milioni, in aumento nell anno (+1%) e, in minor misura, nell ultimo trimestre (+0,3%); essa è composta per il 41,2% da risparmio gestito e per il 58,8% da risparmio amministrato. ATTIVITA' FINANZIARIE INTERMEDIATE (importi in migliaia di euro) Situazione al Variazioni % 31/12/09 30/9/09 31/12/08 31/12/07 12/09 12/09 9/09 12/08 Totale (A+B) ,6 9,8 Raccolta diretta (A) ,2 17,9 % sul Totale 56,3% 54,0% 52,4% 46,9% Raccolta indiretta (B) ,3 1,0 % sul Totale 43,7% 46,0% 47,6% 53,1% - Risparmio gestito (1) ,3 9,1 % sul Totale 18,0% 18,2% 18,1% 21,6% % sulla Raccolta indiretta 41,2% 39,6% 38,1% 40,8% - Risparmio amministrato (1) ,4-4,0 % sul Totale 25,7% 27,8% 29,4% 31,4% % sulla Raccolta indiretta 58,8% 60,4% 61,9% 59,2% (1) Nel corso dell'anno è intervenuta una revisione dei processi di investimento finanziario riguardante parte del portafoglio titoli delle Compagnie assicurative del Gruppo, in forza della quale sono state disdettate le convenzioni per la gestione degli investimenti stipulate tra la Capogruppo e le Compagnie assicurative controllate, sostituendole con un contratto di sola consulenza, affidato a Carige AM SGR. Alla luce di quanto sopra, gli importi facenti capo alle Compagnie sono stati riclassificati dal risparmio gestito al risparmio amministrato. Per consentire un confronto omogeneo, gli aggregati dei periodi precedenti al 31/12/2009 sono stati opportunamente riclassificati. La provvista globale, che include la raccolta diretta da clientela ( milioni) e quella da banche (874 milioni), ammonta a milioni, in crescita del 15,9% da inizio anno e dell 8,3% nell ultimo trimestre del La raccolta diretta risulta in aumento da inizio anno del 17,9% e da fine settembre 2009 del 10,2%. La componente a breve termine, pari a ,6 milioni, aumenta del 27% nell anno e del 7,3% nell ultimo trimestre, sostenuta, in particolare, dal successo dell iniziativa legata all introduzione del nuovo conto di deposito on line, Contoconto ed allo sviluppo del prodotto Carige Rendimento Reale. La raccolta a medio/lungo termine, pari a ,4 milioni, aumenta dell 8% nell anno e del 14,1% nell ultimo trimestre del 2009, con un incidenza sul totale del 44,1%, (48,1% a dicembre 2008 e 42,5% a settembre 2009). Nell ambito della raccolta diretta, i debiti verso la clientela ammontano a ,6 milioni, con un incremento del 26,3% e del 7,1% rispettivamente nell anno e negli ultimi tre mesi, grazie, in particolare alla crescita dei conti correnti e depositi liberi). Le obbligazioni (+9,6% nei dodici e +16,1% nei tre mesi) rappresentano la quasi totalità dei titoli in circolazione, complessivamente pari a 9.438,2 milioni (+8,5% e 319

5 +15,5% rispettivamente nei dodici e nei tre mesi). Le passività valutate al fair value (612,2 milioni) aumentano del 6% rispetto a dicembre 2008 e sono sostanzialmente stabili rispetto a settembre I debiti verso banche mostrano una diminuzione del 19,3% nei dodici mesi e del 25,5% da settembre PROVVISTA (importi in migliaia di euro) Situazione al Variazioni % 31/12/09 30/9/09 31/12/08 31/12/07 12/09 12/09 9/09 12/08 Totale (A+B) ,3 15,9 Raccolta diretta (A) ,2 17,9 Debiti verso clientela ,1 26,3 conti correnti e depositi liberi ,1 30,2 pronti contro termine ,8 depositi vincolati ,7-43,0 finanziamenti ,4 13,0 fondi di terzi in amministrazione ,0-100,0 altra raccolta ,6-14,8 Titoli in circolazione ,5 8,5 obbligazioni ,1 9,6 altri titoli ,1-30,9 Passivita' al fair value ,0 6,0 obbligazioni ,0 6,0 breve termine ,3 27,0 % sul Totale 55,9 57,5 51,9 53,1 medio/lungo termine ,1 8,0 % sul Totale 44,1 42,5 48,1 46,9 Debiti verso banche (B) ,5-19,3 Debiti verso banche centrali ,3 Conti correnti e depositi liberi ,4 Depositi vincolati ,7-4,8 Pronti contro termine ,9-65,4 Finanziamenti ,8 20,5 La raccolta diretta per distribuzione geografica al netto delle obbligazioni collocate tramite la rete postale, di quelle rientranti nel programma EMTN e delle poste in contropartita dell operazione di cartolarizzazione Argo Mortgage 2, evidenzia per la Liguria una quota del 61%, in diminuzione da dicembre È aumentato anche il peso di Lombardia (da 8% a 9,3%), mentre è diminuito quello di Veneto (da 7,3% a 6,9%), Lazio (da 7% a 6,7%) e Sicilia (da 5,8% a 5,6%). 320

6 RACCOLTA DIRETTA (1) - DISTRIBUZIONE GEOGRAFICA (2) (importi in migliaia di euro) Situazione al 31/12/09 30/9/09 31/12/08 31/12/07 % % % % Liguria ,0% ,4% ,8% ,0% Lombardia ,3% ,0% ,0% ,7% Veneto ,9% ,1% ,3% ,4% Lazio ,7% ,9% ,0% ,5% Sicilia ,6% ,9% ,8% ,0% Piemonte ,3% ,3% ,3% ,0% Emilia Romagna ,0% ,9% ,8% ,1% Puglia ,4% ,6% ,6% ,9% Sardegna ,2% ,3% ,9% ,1% Marche ,6% ,6% ,6% ,7% Valle d'aosta ,3% ,3% ,3% 0 0,0% Umbria ,3% ,2% ,2% ,2% Toscana ,2% ,2% ,2% ,2% Totale Italia ,9% ,8% ,8% ,7% Estero ,1% ,2% ,2% ,3% Totale Italia + Estero ,0% ,0% ,0% ,0% Altre poste (3) Totale raccolta diretta (1) Voci 20 e 30 del passivo patrimoniale. (2) Dati per provincia di sportello. (3) Obbligazioni emesse nell'ambito del programma EMTN, prestiti subordinati, obbligazioni emesse e collocate tramite la rete BancoPosta e passività a fronte di mutui cartolarizzati e raccolta derivante dal conto di deposito on line "contoconto". Con riferimento alla distribuzione dei debiti verso la clientela per settore, il 67,6% della raccolta è detenuto dalle famiglie consumatrici, il 19,3% dalle società non finanziarie e famiglie produttrici e il 5,2% dalle società finanziarie. RACCOLTA DIRETTA (1) - DISTRIBUZIONE SETTORIALE (migliaia di euro) 31/12/09 30/9/09 31/12/08 31/12/07 % % % % Debiti verso clientela Amministrazioni pubbliche ,8% ,5% ,3% ,8% Società finanziarie e assicurative ,2% ,3% ,7% ,9% Società non finanziarie e famiglie produttrici ,3% ,7% ,9% ,5% Istituzioni sociali private ed unità n.c ,6% ,7% ,2% ,2% Famiglie consumatrici ,6% ,3% ,5% ,1% Totale residenti ,4% ,6% ,6% ,4% Resto del mondo ,6% ,4% ,4% ,6% Totale ,0% ,0% ,0% ,0% Titoli in circolazione Passività al fair value TOTALE RACCOLTA DIRETTA (1) Voci 20, 30 e 50 del passivo patrimoniale. La raccolta indiretta è pari a ,9 milioni, in aumento dell 1% rispetto al 2008 e dello 0,3% nell ultimo trimestre. Tale dinamica sintetizza una crescita del risparmio gestito a milioni (+9,1% rispetto a dicembre 2008 e +4,3% rispetto a settembre 2009) e una diminuzione di quello amministrato a ,9 milioni (-4% rispetto a dicembre 2008 e -2,4% rispetto a settembre 2009). Per quanto riguarda il risparmio gestito i fondi comuni sono aumentati a 3.949,4 milioni (+0,9% nell anno e +4,6% nell ultimo trimestre), le gestioni patrimoniali si attestano a 410,3 milioni (-4,6% e +1,4% rispettivamente) e i prodotti bancario-assicurativi a 3.067,4 milioni (+24,6% e +4,4% rispettivamente). Per quanto riguarda il risparmio amministrato, i titoli di Stato sono diminuiti sia nell anno (-11,3%), sia nell ultimo trimestre (- 7,1%), attestandosi a 5.042,2 milioni mentre gli altri titoli (5.574,6 milioni) sono aumentati del 3,7% rispetto al 2008 e del 2,4% nell ultimo trimestre. 321

7 RACCOLTA INDIRETTA (importi in migliaia di euro) Situazione al Variazioni % 31/12/09 30/9/09 31/12/08 31/12/07 12/09 12/09 9/09 12/08 Totale (A+B) ,3 1,0 Risparmio gestito (A) ,3 9,1 Fondi comuni ,6 0,9 Gestioni patrimoniali (1) ,4-4,6 Prodotti bancario-assicurativi (1) ,4 24,6 Risparmio amministrato (B) ,4-4,0 Titoli di Stato (1) ,1-11,3 Altro (1) ,4 3,7 (1) Nel corso dell'anno è intervenuta una revisione dei processi di investimento finanziario riguardante parte del portafoglio titoli delle Compagnie assicurative del Gruppo, in forza della quale sono state disdettate le convenzioni per la gestione degli investimenti stipulate tra la Capogruppo e le Compagnie assicurative controllate, sostituendole con un contratto di sola consulenza, affidato a Carige AM SGR. Alla luce di quanto sopra, gli importi facenti capo alle Compagnie sono stati riclassificati dal risparmio gestito al risparmio amministrato. Per consentire un confronto omogeneo, gli aggregati dei periodi precedenti al 31/12/2009 sono stati opportunamente riclassificati. Nel 2009 i premi incassati sui prodotti bancario-assicurativi collocati dagli sportelli Carige sono aumentati a 868,3 milioni, il 46,7% in più dell anno precedente, e sono riferibili per la maggior parte a polizze vita (858 milioni rispetto ai 587,7 milioni del 2008); tra queste rileva la polizza Carige soluzione rendimento che, passando dai 262,2 milioni del 2008 ai 679,7 milioni del 2009 ha confermato le preferenze della clientela verso i prodotti tradizionali. I premi incassati sul ramo danni ammontano a 10,3 milioni, più che raddoppiati rispetto ai 4,1 milioni del Tale crescita è riconducibile alle polizze associate ai mutui Credit Protection Insurance (CPI), saliti a 6,9 milioni (pari al 66,7% del totale ramo danni) mentre sono arretrate le vendite di polizze auto (-18,1%) e del Mutuo 100% in relazione alla sospensione della commercializzazione del relativo prodotto di riferimento. BANCASSICURAZIONE (importi in migliaia di euro) Situazione al Var. % 31/12/09 30/9/09 31/12/08 31/12/07 12/09 12/08 Totale premi incassati ,7 Vita, di cui: ,0. Polizze Unit linked/index ,1. Polizze Tradizionali ,0 Danni, di cui: Rami Auto ,1. Rami Elementari L analisi territoriale conferma il peso rilevante della Liguria (70,8% rispetto al 68,2% del 2008); nelle altre regioni la quota risulta in leggera diminuzione: in Lombardia passa dall 8,6% al 7,9%, in Veneto dal 7% al 6,2% e in Piemonte dal 4,3% al 4,1%. 322

8 RACCOLTA INDIRETTA - DISTRIBUZIONE GEOGRAFICA (1) (importi in migliaia di euro) Situazione al. 31/12/09 30/9/09 31/12/08 31/12/07 % % % % Liguria ,8% ,5% ,2% ,3% Lombardia ,9% ,0% ,6% ,2% Veneto ,2% ,3% ,0% ,9% Piemonte ,1% ,1% ,3% ,4% Sicilia ,8% ,8% ,1% ,9% Lazio ,6% ,8% ,1% ,5% Emilia Romagna ,3% ,3% ,5% ,7% Sardegna ,6% ,6% ,4% ,4% Marche ,5% ,4% ,4% ,6% Puglia ,5% ,5% ,6% ,9% Valle d'aosta ,4% ,4% ,5% 0 0,0% Umbria ,2% ,2% ,2% ,2% Toscana ,1% ,1% ,1% ,1% Totale Italia ,0% ,0% ,0% ,0% Estero ,0% ,0% ,0% ,0% Totale raccolta indiretta ,0% ,0% ,0% ,0% (1) Dati per provincia di sportello. Il 72,1% della raccolta indiretta è detenuta dalla famiglie consumatrici (76,5% nel 2008) ed il 21,3% dalle società finanziarie (16,4% nel 2008). RACCOLTA INDIRETTA - DISTRIBUZIONE SETTORIALE (migliaia di euro) 31/12/09 30/9/09 31/12/08 31/12/07 % % % % Amministrazioni pubbliche ,6% ,7% ,6% ,6% Società finanziarie e assicurative ,3% ,9% ,4% ,7% Società non finanziarie e famiglie produttrici ,0% ,0% ,4% ,7% Istituzioni sociali private ed unità n.c ,8% ,8% ,8% ,7% Famiglie consumatrici ,1% ,3% ,5% ,1% Totale residenti ,8% ,8% ,7% ,8% Resto del mondo ,2% ,2% ,3% ,2% Totale ,0% ,0% ,0% ,0% I crediti verso clientela (che, ai fini della presente esposizione, non comprendono i titoli di debito riclassificati Loans & Receivables, per i quali si rimanda alla sezione dedicata al portafoglio titoli, di seguito in questo paragrafo), al netto di rettifiche di valore per 461,4 milioni, ammontano a ,8 milioni, in crescita del 9,8% rispetto a dicembre 2008 (del 5,6% nell ultimo trimestre); nonostante il contesto particolarmente critico, è quindi proseguito anche nel 2009 il sostegno della Carige allo sviluppo delle aree di insediamento. Al lordo delle rettifiche, l aggregato si dimensiona in ,2 milioni, evidenziando un incremento del 10% nei dodici mesi e del 5,7% negli ultimi tre mesi del La componente a breve termine è pari a 4.623,9 milioni, sostanzialmente stabile nei dodici mesi (+0,6%) ma in crescita del 15,1% nell ultimo trimestre dell anno; quella a mediolungo ammonta a ,9 milioni (+12,3% nei dodici mesi e +2,9% nei tre mesi), con un incidenza sul valore nominale del 72,7% (71,2% a dicembre 2008 e 74,7% a settembre 2009). Le sofferenze si attestano a 727,4 milioni (+34,2% nell anno e +6,1% nei tre mesi) con un peso sul totale degli impieghi del 3,7%, superiore al 3% di dicembre 2008 ed in linea con il corrispondente dato di settembre I mutui, comprensivi delle attività cedute e non cancellate, sono pari a ,4 milioni e rappresentano la voce più consistente dei crediti verso clientela; l aggregato risulta in crescita del 7,7% rispetto a dicembre 2008 e dell 1,4% rispetto a settembre I conti correnti sono pari a milioni (+4,8% nei dodici e +10,7% nei tre mesi). La dinamica del credito al consumo mostra un andamento negativo in relazione all accordo di cooperazione commerciale stipulato con Creditis Servizi Finanziari SpA (società del Gruppo specializzata nel credito al consumo) che, dal 1 Luglio 2008, è subentrata alla Banca nel collocamento dei prestiti personali, erogando finanziamenti nell anno per 194,1 milioni (247,9 milioni dall inizio dell attività); includendo i crediti concessi tramite Creditis la dinamica del credito al consumo mostra un andamento positivo (+55,2% nei dodici e +18,5% nei tre mesi). 323

9 Al netto delle rettifiche di valore per 0,9 milioni, i crediti verso banche ammontano a 1.305,6 milioni, in aumento del 26,6% su fine 2008 e dell 84,4% su settembre Il saldo interbancario netto (differenza tra crediti e debiti verso banche) evidenzia una posizione datrice netta per 432,5 milioni a fronte di una posizione prenditrice netta per 51,6 milioni a dicembre 2008 e per 463,3 milioni a settembre 2009). CREDITI (1) (importi in migliaia di euro) Situazione al Variazioni % 31/12/09 30/9/09 31/12/08 31/12/07 12/09 12/09 9/09 12/08 Totale (A+B) ,6 10,7 Crediti verso clientela (A) ,6 9,8 -Valori nominali (2) ,7 10,0 conti correnti ,7 4,8 pronti contro termine ,8 mutui (3) ,4 7,7 carte di credito, prestiti personali e cessioni del quinto ,3-31,4 leasing ,7-1,4 factoring ,3 15,8 altri crediti ,2 23,7 attività deteriorate (3) ,6 47,1 -breve termine ,1 0,6 % sul valore nominale 23,5 21,6 25,7 23,6 -medio/lungo termine ,9 12,3 % sul valore nominale 72,7 74,7 71,2 72,7 - Sofferenze ,1 34,9 % sul valore nominale 3,7 3,7 3,0 3,8 -Rettifiche di valore (-) ,5 16,7 Crediti verso banche (B) ,4 26,6 -Valori nominali (2) ,2 26,6 riserva obbligatoria ,0-32,9 altri crediti verso banche centrali conti correnti e depositi liberi depositi vincolati ,0 pronti contro termine ,0-100,0 finanziamenti attività deteriorate ,9-2,4 -breve termine ,2 33,2 % sul valore nominale 96,6 93,6 91,8 95,2 3,3 5,2 -medio/lungo termine ,8-47,5 % sul valore nominale 3,4 6,4 8,2 4,8 - Sofferenze % sul valore nominale Rettifiche di valore (-) ,5 12,2 (1) Al netto dei titoli di debito classificati L&R. (2) Al lordo delle rettifiche di valore. (3) In base alle nuove disposizioni dettate dalla Banca d Italia nel primo aggiornamento della circolare 262/2005 del 18 novembre 2009 ( Il bilancio bancario: schemi e regole di compilazione ), tra cui la riorganizzazione dei dettagli informativi sulle attività deteriorate e sulle attività cedute e non cancellate, queste ultime sono ora rilevate nell ambito delle pertinenti forme tecniche e non più in una voce autonoma. Per consentire un confronto omogeneo, i corrispondenti dati relativi al 30/9/2009 ed al 31/12/2008 sono stati opportunamente riclassificati. La segmentazione geografica evidenzia una ripresa della quota degli impieghi della rete ligure (dal 50% di fine 2008 al 51,5% di fine 2009), a fronte di un calo nel Veneto (dal 6,4% al 6%) e Sicilia (dal 3,4% al 3,2%). 324

10 CREDITI LORDI VERSO CLIENTELA (1) - DISTRIBUZIONE GEOGRAFICA (2) (importi in migliaia di euro) Situazione al. 31/12/09 30/9/09 31/12/08 31/12/07 % % % % Liguria ,5% ,0% ,0% ,2% Lombardia ,5% ,4% ,0% ,7% Emilia Romagna ,8% ,7% ,5% ,9% Piemonte ,7% ,0% ,7% ,5% Veneto ,0% ,5% ,4% ,0% Lazio ,6% ,9% ,9% ,5% Sicilia ,2% ,4% ,4% ,5% Sardegna ,7% ,7% ,3% ,5% Puglia ,2% ,3% ,4% ,6% Marche ,8% ,8% ,9% ,1% Umbria ,5% ,5% ,6% ,5% Toscana ,4% ,4% ,6% ,3% Valle d'aosta ,1% ,1% ,1% 0 0,0% Totale Italia ,9% ,8% ,8% ,4% Estero ,1% ,2% ,2% ,6% Totale crediti verso clientela ,0% ,0% ,0% ,0% (1) Importi al lordo delle rettifiche di valore e al netto dei titoli di debito classificati L&R. (2) Dati per provincia di sportello. Con riferimento alla distribuzione per settori, il più consistente si conferma quello delle società non finanziarie e famiglie produttrici (56,7% del totale), seguito dalle famiglie consumatrici (28,9%), dalle società finanziarie (7,4%) e dalle amministrazioni pubbliche (4,7%). Le branche più rilevanti sono quelle degli altri servizi destinabili alla vendita (19,9% del totale), dell'edilizia e opere pubbliche (9,1%) e dei servizi al commercio recuperi e riparazioni (8,4%). CREDITI LORDI VERSO CLIENTELA (1) - DISTRIBUZIONE SETTORIALE (migliaia di euro) 31/12/09 30/9/09 31/12/08 31/12/07 % % % % Amministrazioni pubbliche ,7% ,5% ,7% ,5% Società finanziarie e assicurative ,4% ,2% ,0% ,6% Società non finanziarie e famiglie produttrici ,7% ,3% ,0% ,7% Altri servizi destinabili alla vendita ,9% ,4% ,9% ,8% Edilizia ed Opere Pubbliche ,1% ,7% ,4% ,1% Servizi al commercio, recuperi e riparazioni ,4% ,1% ,5% ,9% Servizi alberghieri e pubblici esercizi ,7% ,7% ,0% ,9% Prodotti energetici ,8% ,1% ,0% ,0% Altro ,9% ,3% ,2% ,9% Istituzioni sociali private ed unità n.c ,6% ,5% ,5% ,6% Famiglie consumatrici ,9% ,4% ,1% ,4% Totale residenti ,3% ,9% ,3% ,7% Resto del mondo ,7% ,1% ,7% ,3% Totale ,0% ,0% ,0% ,0% (1) Importi la lordo delle rettifiche di valore e al netto dei titoli di debito classificati L&R. Relativamente alla clientela, i crediti deteriorati, per cassa e firma alla clientela, ammontano a 1.677,5 milioni, in aumento del 46,3% nei dodici e del 16,2% nei tre mesi, le corrispondenti rettifiche di valore a 420 milioni (+18,9% e +9,5% rispettivamente nei dodici e nei tre mesi). La componente per cassa è pari a 1.657,9 milioni (+47,1% da dicembre 2008 e +16,6% da settembre 2009), quella di firma ammonta a 19,5 milioni (-1,4% nei dodici e -7,9% nei tre mesi). Nell'ambito delle esposizioni per cassa alla clientela, l'analisi dei singoli aggregati evidenzia quanto segue: le sofferenze sono pari a 727,4 milioni, in aumento del 34,9% nei dodici e del 6,1% nei tre mesi; risultano svalutate per il 47,6% (54,1% a dicembre 2008 e 46,2% a settembre 2009). Il rapporto sofferenze/impieghi relativamente alla clientela è pari al 3,7% in aumento rispetto a dicembre 2008 (3%) e stabile rispetto a settembre La Banca, coerentemente con il disegno complessivo di un utilizzo sempre più ampio e diffuso dei parametri base del sistema di rating nella prassi gestionale ed operativa, ha adottato per la valutazione analitica delle posizioni a sofferenza non significative un modello statistico di LGD (Loss Given Default), sviluppato internamente sulla base dei flussi storici attualizzati degli incassi legati all iter di recupero. L ammontare 325

11 unitario medio delle posizioni così valutate è risultato pari a circa euro. Il modello di LGD, che tiene conto di tutti i costi diretti ed indiretti connessi al processo di recupero, consente di mantenere un approccio analitico nella valutazione delle singole posizioni, esaminate infatti in base a diversi assi di analisi che prendono in esame la natura del soggetto prenditore, il range di esposizione al momento del default, la tipologia della garanzia prestata ed il suo grado di copertura. L applicazione di tale metodologia consente positivi riscontri di natura operativa, vista una maggior standardizzazione dei processi ed una maggior omogeneità nelle valutazioni delle posizioni in questione e presenta un positivo effetto sulle rettifiche di valore sul portafoglio sofferenze; gli incagli ammontano a 393,7 milioni, in aumento del 7,9% su fine 2008 e in diminuzione del 3,8% nei tre mesi. Risultano svalutati per il 14,7% (14,5% a dicembre e 13,2% a settembre 2009); le esposizioni ristrutturate ammontano a 122,8 milioni, in aumento rispetto ai 3,7 milioni di dicembre 2008 e ai 110,3 milioni di settembre Risultano svalutate per l 1,8% (6,7% a dicembre 2008 e 2% a settembre 2009); - le esposizioni scadute ammontano a 414 milioni, in aumento dell 89% nei dodici e del 90,8% nei tre mesi. Risultano svalutate per il 2,2% (1,6% a dicembre 2008; 2,6% a settembre 2009). Oltre alla situazione economica e finanziaria, la dinamica registrata dai crediti scaduti è riconducibile anche alle modifiche apportate, a partire dal 31 dicembre 2009, dalla Banca d Italia nella definizione e nel trattamento delle e- sposizioni scadute nell ambito dei crediti deteriorati. I crediti di firma deteriorati sono pari a 19,5 milioni, in diminuzione nei dodici e nei tre mesi, rispettivamente dell 1,4% e del 7,9%; sono svalutati per il 24,5% (24,1% a dicembre e 23,1% a settembre 2009). Complessivamente, le rettifiche di valore sui crediti per cassa e di firma alla clientela ammontano a 470,2 milioni, di cui 461,4 milioni relativi ai crediti per cassa e 8,8 milioni relativi ai crediti di firma. 326

12 QUALITA' DEL CREDITO (1) (importi in migliaia di euro) Esposizione lorda (a) Rettifiche di valore (b) 31/12/09 30/9/09 Esposizione Esposizione Rettifiche di % netta (a-b) lorda (a) valore (b) Esposizione netta (a-b) b/a b/a Crediti per cassa (2) Sofferenze , ,2 - clientela , ,2 Incagli , ,2 - banche , ,3 - clientela , ,2 Esposizioni ristrutturate , ,4 - banche ,6 - clientela , ,0 Esposizioni scadute , ,6 - banche clientela , ,6 Totale crediti deteriorati , ,4 Crediti in bonis , ,3 - banche clientela , ,3 Totale Crediti per Cassa , ,2 - banche , ,1 - clientela , ,3 Crediti di firma Deteriorati , ,1 - clientela , ,1 Altri crediti , ,2 - banche (3) clientela , ,3 Totale Crediti di firma , ,6 - banche clientela , ,6 Totale , ,1 - banche , ,1 - clientela , ,2 % Esposizione lorda (a) Rettifiche di valore (b) 31/12/08 31/12/07 Esposizione Esposizione Rettifiche di % netta (a-b) lorda (a) valore (b) b/a Esposizione netta (a-b) Crediti per cassa Sofferenze , ,9 - clientela , ,9 Incagli , ,1 - banche , ,0 - clientela , ,1 Esposizioni ristrutturate , ,6 - banche , ,7 - clientela , ,4 Esposizioni scadute , ,2 - banche clientela , ,2 Totale crediti deteriorati , ,0 Crediti in bonis , ,3 - banche clientela , ,4 Totale Crediti per Cassa , ,4 - banche , ,0 - clientela , ,7 Crediti di firma Deteriorati , ,8 - clientela , ,8 Altri crediti , ,4 - banche (3) clientela , ,4 Totale Crediti di firma , ,7 - banche clientela , ,7 Totale , ,3 - banche , ,0 - clientela , ,5 (1) Valori al netto dei titoli di debito classificati Loans & Receivables (L&R). (2) Al 30/09/2009 il valore è comprensivo del Fair Value dei finanziamenti verso la clientela per i quali si è optato per la c.d. "Fair Value Option" (par. 9 IAS 39) - Voce 30 dell'attivo pari a 753 migliaia di Euro. % b/a La distribuzione geografica delle posizioni della clientela in sofferenza mostra una quota per la Liguria in diminuzione rispetto a dicembre 2008 (dal 42,6% al 36,6%); risultano invece in crescita le quote di tutte le altre regioni, in particolare della Lombardia (dal 20,5% al 24,9%), del Piemonte (dal 13,1% al 13,9%) e dell Emilia Romagna (dal 7,6% all 8%). Tale dinamica è collegata alla chiusura (in Liguria) e al passaggio 327

13 in sofferenza (fuori Liguria) di alcune importanti operazioni. SOFFERENZE (1) - DISTRIBUZIONE GEOGRAFICA (2) (importi in migliaia di euro) Situazione al. 31/12/09 30/9/09 31/12/08 31/12/07 % % % % Liguria ,6% ,3% ,6% ,4% Lombardia ,9% ,7% ,5% ,2% Piemonte ,9% ,8% ,1% ,3% Emilia Romagna ,0% ,8% ,6% ,6% Lazio ,6% ,5% ,8% ,0% Veneto ,9% ,8% ,2% ,8% Sicilia ,6% ,7% ,9% ,5% Puglia ,7% ,8% ,9% ,6% Sardegna ,6% ,7% ,1% ,0% Marche ,4% ,2% ,4% ,3% Umbria ,7% ,7% ,8% ,6% Toscana ,7% ,8% ,8% ,5% Valle d'aosta 815 0,1% 520 0,1% 14 0,0% 0 0,0% Totale Italia ,8% ,8% ,7% ,8% Estero ,2% ,2% ,3% ,2% Totale ,0% ,0% ,0% ,0% (1) Importi al lordo delle rettifiche di valore e al netto dei titoli di debito classificati L&R. (2) Dati per provincia di sportello. Il rapporto sofferenze/impieghi si attesta al 3,7% (3% a dicembre 2008 e 3,7% a settembre 2009). La regione dove l indicatore è più elevato è il Piemonte (7,7%), seguita da Marche (6,7%) e Toscana (6,5%). RAPPORTO SOFFERENZE/IMPIEGHI (1) - DISTRIBUZIONE GEOGRAFICA (2) (valori percentuali) 31/12/09 30/9/09 31/12/08 31/12/07 Piemonte 7,7% 7,2% 5,2% 5,1% Marche 6,7% 5,4% 4,5% 4,4% Toscana 6,5% 8,2% 4,4% 5,7% Lombardia 6,0% 5,9% 4,1% 3,7% Puglia 5,6% 5,1% 4,4% 3,7% Umbria 5,2% 5,2% 4,0% 4,4% Emilia Romagna 4,4% 4,3% 3,5% 2,5% Lazio 3,7% 3,4% 3,0% 2,7% Sardegna 3,6% 3,6% 2,6% 2,5% Valle d'aosta 3,3% 2,1% 0,1% Sicilia 3,0% 3,0% 2,6% 3,7% Liguria 2,6% 2,7% 2,6% 3,9% Veneto 1,8% 1,6% 1,0% 3,4% Totale Italia 3,7% 3,7% 3,0% 3,8% Estero 0,7% 0,6% 0,7% 1,4% Totale 3,7% 3,7% 3,0% 3,8% (1) Importi al lordo delle rettifiche di valore e al netto dei titoli di debito classificati L&R. (2) Dati per provincia di sportello. L analisi della distribuzione settoriale evidenzia una progressiva diminuzione al 67,9% della quota delle società non finanziarie e delle famiglie produttrici, a fronte di un aumento delle famiglie consumatrici al 29%. Nell ambito dei settori produttivi, la quota più rilevante delle sofferenze fa capo alle branche dell'edilizia e opere pubbliche (18,8%) e dei servizi al commercio, recuperi e riparazioni (14,6%). 328

14 SOFFERENZE CLIENTELA (1) - DISTRIBUZIONE SETTORIALE (migliaia di euro) 31/12/09 30/9/09 31/12/08 31/12/07 % % % % Amministrazioni pubbliche Società finanziarie e assicurative ,8% ,9% ,3% ,1% Società non finanziarie e famiglie produttrici ,9% ,5% ,2% ,7% Edilizia ed Opere Pubbliche ,8% ,0% ,8% ,8% Servizi al commercio, recuperi e riparazioni ,6% ,8% ,7% ,4% Altri servizi destinabili alla vendita ,2% ,2% ,9% ,3% Prodotti in metallo ,2% ,2% ,3% ,8% Servizi alberghieri e pubblici esercizi ,6% ,5% ,8% ,4% Altro ,5% ,8% ,7% ,9% Istituzioni sociali private ed unità n.c ,2% ,2% ,2% 850 0,2% Famiglie consumatrici ,0% ,6% ,5% ,4% Totale residenti ,8% ,2% ,3% ,3% Resto del mondo ,2% ,8% ,7% ,7% Totale ,0% ,0% ,0% ,0% (1) Valori al lordo delle rettifiche di valore e al netto dei titoli di debito classificati L&R. Il rapporto sofferenze/impieghi risulta in aumento per i settori delle famiglie consumatrici e delle società non finanziarie e famiglie produttrici; risulta in diminuzione quello delle istituzioni sociali e private e quello delle società finanziarie. Tra le branche produttive principali per esposizione creditizia complessiva, le più rischiose sono quelle dell'edilizia e opere pubbliche (7,6%) e dei servizi al commercio, recuperi e riparazioni (6,5%). RAPPORTO SOFFERENZE/IMPIEGHI (1) - DISTRIBUZIONE SETTORIALE 31/12/09 30/9/09 31/12/08 31/12/07 Amministrazioni pubbliche Società finanziarie 0,9% 1,7% 1,0% 2,2% Società non finanziarie e famiglie produttrici 4,4% 4,3% 3,8% 5,1% Altri servizi destinabili alla vendita 2,1% 2,2% 2,1% 2,1% Edilizia ed Opere Pubbliche 7,6% 7,2% 6,1% 6,6% Servizi al commercio, recuperi e riparazioni 6,5% 6,0% 4,7% 4,7% Servizi alberghieri e pubblici esercizi 3,6% 3,4% 2,8% 3,1% Prodotti energetici 0,2% 0,0% 0,0% 0,1% Altri 5,1% 5,0% 4,6% 8,1% Istituzioni sociali private 1,1% 1,2% 1,2% 1,0% Famiglie consumatrici 3,7% 3,5% 2,5% 2,3% Totale residenti 3,7% 3,7% 3,0% 3,8% Resto del mondo 2,6% 1,4% 3,2% 2,1% Totale 3,7% 3,7% 3,0% 3,8% (1) Valori al lordo delle presunte perdite. Al 31 dicembre 2008 il portafoglio titoli ammonta a 5.067,1 milioni, in aumento del 46,7% nell'esercizio e del 6,5% nel quarto trimestre L aumento ha interessato tutte le macrotipologie di titoli ma, in particolare, quelli di debito. In particolare, è riconducibile all investimento temporaneo della liquidità in attività a maggior rendimento rispetto al mercato interbancario. La crescita del portafoglio è stata realizzata con la massima attenzione al mantenimento di contenuti livelli di duration e di rischiosità. I titoli disponibili per la vendita ammontano a 3.514,5 milioni (più che raddoppiati nell anno e in crescita del 26,7% rispetto a settembre 2009), quelli detenuti per la negoziazione si attestano a 631,6 milioni (+8% e -9,5% rispettivamente nell anno e su settembre 2009); sono presenti titoli L&R per 921 milioni (900,3 milioni a dicembre 2008 e 879,3 milioni a settembre 2009) mentre sono nulli gli HTM (421,9 milioni a dicembre 2008 e 404,4 milioni a settembre 2009) in quanto, da novembre 2009, in parte dismessi ed in parte riclassificati nel comparto AFS, in osservanza di quanto stabilito dal par. 51 dello IAS 39. I titoli di debito crescono nell anno del 61,4% a milioni (+8,5% su settembre 2009) e quelli di capitale del 12,8% a 1.002,7 milioni (+0,2% su settembre 2009); questi ultimi sono per la quasi totalità (1.002 milioni) inclusi nel portafoglio disponibile per la vendita (Available For Sale), nell ambito del quale è ricompresa anche la partecipazione in Banca d Italia pari a 776,8 milioni; tale valore deriva dalla valutazione al fair value - utilizzando il patrimonio netto quale proxy attendibile del fair value - effettuata sulla base dei dati di bilancio della Banca d'italia al 31 dicembre 2008 (ultimo approvato), coerentemente con il criterio contabile adottato per la redazione del bilancio d esercizio della Banca e del bilancio consolidato del Gruppo Banca Carige al 31 dicembre Le quote di O.I.C.R., invece si attestano a 132,4 milioni (+1,3% nell anno e -0,4% su settembre 2009). 329

15 PORTAFOGLIO TITOLI (importi in migliaia di euro) Situazione al Variazioni % 31/12/09 30/9/09 31/12/08 31/12/07 12/09 12/09 9/09 12/08 Titoli di debito ,5 61,4 Detenuti per la negoziazione ,1 8,8 Disponibili per la vendita ,7 Loans & Receivable Detenuti fino a scadenza ,0-100,0 Titoli di capitale ,2 12,8 Detenuti per la negoziazione ,8-53,8 Disponibili per la vendita ,2 12,9 Quote di O.I.C.R ,4 1,3 Detenuti per la negoziazione ,4 1,2 Disponibili per la vendita ,4 1,3 Totale ,5 46,7 di cui: Detenuti per la negoziazione (1) ,5 8,0 Disponibili per la vendita ,7 Loans & Receivable ,7 2,3 Detenuti fino a scadenza (1) Il dettaglio non corrisponde alla Voce 20 "Attività finanziarie detenute per la negoziazione" in quanto al netto dei derivati. Per quanto attiene alle riclassificazioni ammesse dalle modifiche apportate nei mesi di ottobre e novembre 2008 ai principi contabili internazionali IAS 39 e IFRS 7, effettuate nel 2008, ai loro effetti ed ai diversi livelli di fair value utilizzati dalla Banca per la valutazione delle proprie attività e passività finanziarie al 31 dicembre 2009, si fa specifico rinvio a quanto indicato alla Parte A 3 - Informativa sul fair value della Nota integrativa. Il valore delle attività per derivati di copertura è pari a 72,9 milioni, in aumento sia rispetto ai 53,2 milioni di dicembre 2008, sia rispetto ai 68,8 milioni di settembre Il valore delle passività per derivati di copertura, pari a 276,7 milioni, risulta superiore sia rispetto ai 104,6 milioni di dicembre 2008, sia rispetto ai 195,2 milioni di settembre Sui contratti derivati di copertura sono stati contabilizzati 12,6 milioni di rivalutazioni e 160,3 milioni di svalutazioni; le variazioni dell'oggetto della copertura sono state positive per 150 milioni. ATTIVITA' PER DERIVATI DI COPERTURA PER TIPOLOGIA DI COPERTURA (importi in migliaia di euro) Situazione al Variazione % 31/12/09 30/9/09 31/12/08 31/12/07 12/09 12/09 9/08 12/08 Derivati a copertura di attività Copertura specifica del fair value tasso di interesse Copertura specifica di flussi finanziari Copertura generica del rischio di tasso di interesse Derivati a copertura di passività ,0 36,9 Copertura specifica del fair value ,5 35,5 tasso di interesse ,5 35,5 Copertura specifica di flussi finanziari Copertura generica del rischio di tasso di interesse ,8 70,9 Totale ,0 36,9 330

16 PASSIVITA' PER DERIVATI DI COPERTURA PER TIPOLOGIA DI COPERTURA (importi in migliaia di euro) Situazione al Variazione % 31/12/09 30/9/09 31/12/08 31/12/07 12/09 12/09 9/08 12/08 Derivati a copertura di attività ,8 Copertura specifica del fair value ,8 tasso di interesse ,8 Copertura specifica di flussi finanziari Copertura generica del rischio di tasso di interesse Derivati a copertura di passività ,8 23,1 Copertura specifica del fair value tasso di interesse Copertura specifica di flussi finanziari Copertura generica del rischio di tasso di interesse ,0 20,2 Totale ,7 I contratti derivati di negoziazione ammontano a 245,7 milioni, in aumento rispetto ai 220,6 milioni di dicembre 2008 (+11,4%) e in calo rispetto ai 256 milioni di settembre 2009 (-4%). DERIVATI DI NEGOZIAZIONE (importi in migliaia di euro) Situazione al Variazione % 31/12/09 30/9/09 31/12/08 31/12/07 12/09 12/09 9/08 12/08 Controvalori positivi ,7 13,9 Derivati finanziari ,7 31,5 contratti a termine ,3-61,5 swap ,8 80,1 opzioni acquistate ,3-2,4 Derivati creditizi ,4-92,3 cds ,4-92,3 altri Controvalori negativi ,2 9,9 Derivati finanziari ,6 9,3 contratti a termine ,4-30,4 swap ,8 14,0 opzioni emesse ,1 1,7 Derivati creditizi ,6 38,7 tror ,0 cds ,6 39,3 TOTALE ,0 11,4 Con riferimento ai valori nozionali, l'ammontare di contratti derivati è pari a ,9 milioni e risulta in crescita rispetto a dicembre 2008 (+39,2%) e rispetto a settembre 2009 (+22,8%). 331

17 VALORI NOZIONALI DEI CONTRATTI DERIVATI (importi in migliaia di euro) Situazione al Variazioni % 31/12/09 30/9/09 31/12/08 31/12/07 12/09 12/09 9/08 12/08 Derivati finanziari ,4 41,0 future ,0 contratti a termine (1) ,1 swap ,9 62,9 opzioni acquistate ,3-8,3 altri ,8-13,0 Derivati creditizi ,4-19,8 tror ,3 cds ,4-17,5 TOTALE ,8 39,2 (1) La sottovoce "contratti a termine" comprende le operazioni c.d. "regular way". Sui contratti derivati di negoziazione sono stati contabilizzati 53,6 milioni di rivalutazioni e 80,1 milioni di svalutazioni. Le perdite nette di negoziazione sono stati pari a 6,4 milioni. Il risultato netto dell attività in contratti derivati è negativo per 30,6 milioni: i contratti di negoziazione contribuiscono negativamente per 32,9 milioni mentre quelli di copertura positivamente per 2,3 milioni. RISULTATO NETTO DELL'ATTIVITA' IN CONTRATTI DERIVATI AL 31/12/2009 (importi in migliaia di euro) Rivalutazioni Svalutazioni Utili netti Risultato netto da negoziazione 1. Contratti di negoziazione Derivati finanziari Derivati su crediti Rivalutazioni Svalutazioni Variazioni dell'oggetto Risultato netto della copertura 2. Contratti di copertura Copertura di attività Copertura di passività TOTALE

18 I RISULTATI ECONOMICI Al 31 dicembre 2009 il conto economico evidenzia un utile netto di 201,1 milioni a fronte dei 223,5 milioni del Come già evidenziato nella corrispondente parte della relazione al bilancio consolidato, il risultato risente della crisi economica in atto, che si è riflessa, da un lato, in una contrazione dell attività produttiva e, dall altro lato, in una diminuzione della capacità di risparmio e di spesa delle famiglie. Essa è stata contrastata dalla Autorità di Governo, con una politica monetaria espansiva, con conseguenti riduzione dei tassi e restringimento degli spread del sistema bancario. Il restringimento degli spread ha determinato un minor apporto del margine d interesse e dai maggiori ricavi consentiti dall evoluzione del mercato finanziario, con particolare riferimento alla ripresa di valore degli strumenti finanziari di trading che nel 2008 avevano registrato pesanti minusvalenze. I risultati dell anno recepiscono per l intero periodo il contributo delle 119 filiali acquisite nel 2008 dai gruppi Intesa Sanpaolo e UniCredit con decorrenza rispettivamente 11 marzo e 1 novembre Dal alto dei costi si evidenzia l incremento significativo delle rettifiche di valore, conseguente al deterioramento della qualità del portafoglio crediti. CONTO ECONOMICO (importi in migliaia di euro) Variaz /9/ assoluta % 10 Interessi attivi e proventi assimilati ,3 20 Interessi passivi e oneri assimilati ,0 30 MARGINE DI INTERESSE ,7 40 Commissioni attive ,3 50 Commissioni passive ,0 60 COMMISSIONI NETTE ,8 70 Dividendi e proventi simili ,5 80 Risultato netto dell'attività di negoziazione Risultato netto dell'attività di copertura Utile (Perdita) da cessione o riacquisto di: a) crediti ,2 b) attività finanziarie disponibili per la vendita d) passività finanziarie Risultato netto delle attività e passività finanziarie valutate al fair value MARGINE D'INTERMEDIAZIONE ,2 130 Rettifiche di valore nette per deterioramento di: ,5 a) crediti ,8 b) attività finanziarie disponibili per la vendita ,0 d) altre operazioni finanziarie RISULTATO NETTO DELLA GESTIONE FINANZIARIA ,1 150 Spese amministrative ,8 a) spese per il personale ,4 b) altre spese amministrative ,3 160 Accantonamenti netti ai fondi per rischi e oneri ,7 170 Rettifiche di valore nette su attività materiali ,0 180 Rettifiche di valore nette su attività immateriali ,6 190 Altri oneri/proventi di gestione ,2 200 COSTI OPERATIVI ,7 210 Utili (Perdite) delle partecipazioni ,7 240 Utili (Perdite) da cessione di investimenti ,7 250 UTILE (PERDITA) DELLA OPERATIVITA' CORRENTE AL LORDO DELLE IMPOSTE ,8 260 Imposte sul reddito d'esercizio dell'operatività corrente ,1 270 UTILE (PERDITA) DELLA OPERATIVITA' CORRENTE AL NETTO DELLE IMPOSTE ,0 290 UTILE (PERDITA) D'ESERCIZIO ,0 333

19 CONTO ECONOMICO - RISULTATI TRIMESTRALI (importi in migliaia di euro) 4 trimestre trimestre 2008 VARIAZIONE 3 trimestre trimestre trimestre VARIAZIONE 10 - INTERESSI ATTIVI E PROVENTI ASSIMILATI ( ) ( ) INTERESSI PASSIVI E ONERI ASSIMILATI ( ) ( ) (88.358) ( ) (88.860) ( ) ( ) 30 -MARGINE DI INTERESSE (63.596) (45.427) COMMISSIONI ATTIVE (5.171) COMMISSIONI PASSIVE (31.234) (32.210) 976 (9.879) (8.486) (1.393) (7.203) (7.217) (6.935) 60 -COMMISSIONI NETTE (6.564) DIVIDENDI E PROVENTI SIMILI RISULTATO NETTO DELL'ATTIVITA' DI NEGOZIAZIONE (38.666) (7.331) (6.312) 90 - RISULTATO NETTO DELL'ATTIVITA' DI COPERTURA (393) (1.038) (290) UTILE (PERDITA) DA CESSIONE O RIACQUISTO DI: (646) (7.491) a) crediti (1.490) (768) 652 (843) b) attività finanziarie disponibili per la vendita (6.455) d) passività finanziarie (827) (3.419) (157) (193) RISULTATO NETTO DELLE ATTIVITA' E PASSIVITA' FINANZIARIE VALUTATE AL FAIR VALUE (739) 679 (1.418) 437 (15.369) (2.233) (566) MARGINE DI INTERMEDIAZIONE (5.278) RETTIFICHE DI VALORE NETTE PER DETERIORAMENTO DI : (94.742) (66.954) (27.788) (41.091) (2.531) (38.560) (14.215) (9.801) (29.635) a) crediti (83.323) (60.894) (22.429) (31.934) (34.657) (13.188) (9.258) (28.943) b) attività finanziarie disponibili per la vendita (10.997) (7.970) (3.027) (8.856) (7.970) (886) (610) (1.009) (522) d) altre operazioni finanziarie (422) (2.332) (301) (3.017) (417) 466 (170) 140 -RISULTATO NETTO DELLA GESTIONE FINANZIARIA (842) (43.838) SPESE AMMINISTRATIVE: ( ) ( ) (24.191) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) a) spese per il personale ( ) ( ) (21.311) (79.464) (85.021) (68.568) (84.522) (74.971) b) altre spese amministrative ( ) ( ) (2.880) (59.172) (56.211) (2.961) (49.495) (55.042) (54.858) ACCANTONAMENTI NETTI AI FONDI PER RISCHI ED ONERI (3.302) (2.148) (1.154) (749) (5.171) (388) (529) (1.636) RETTIFICHE/RIPRESE DI VALORE NETTE SU ATTIVITA' MATERIALI (15.540) (12.947) (2.593) (4.485) (4.294) (191) (3.802) (3.721) (3.532) RETTIFICHE/RIPRESE DI VALORE NETTE SU ATTIVITA' IMMATERIALI (18.723) (13.415) (5.308) (6.085) (3.978) (2.107) (4.621) (4.161) (3.856) ALTRI ONERI/PROVENTI DI GESTIONE COSTI OPERATIVI ( ) ( ) (22.267) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) UTILE( PERDITE) DELLE PARTECIPAZIONI (52) (78) 26 - (78) 78 (52) UTILI (PERDITE) DA CESSIONE DI INVESTIMENTI (105) - 92 (92) 13 (1) UTILE ( PERDITA) DELLA OPERATIVITA' CORRENTE AL LORDO DELLE IMPOSTE (23.188) (28.926) IMPOSTE SUL REDDITO DELL'ESERCIZIO DELL'OPERATIVITA' CORRENTE (72.478) (73.300) 822 (5.505) (23.803) (27.207) (19.567) (20.199) 270 -UTILE ( PERDITA) DELLA OPERATIVITA' CORRENTE AL NETTO DELLE IMPOSTE (22.366) (10.628) UTILE ( PERDITA) D'ESERCIZIO (22.366) (10.628) Il margine d interesse ammonta a 530,3 milioni, in diminuzione annua del 10,7% in relazione al negativo effetto tasso che più che compensa il buon andamento dei volumi intermediati. Nel dettaglio, gli interessi attivi ammontano a 942,2 milioni, in calo del 23,3%. La componente relativa agli interessi su crediti verso la clientela (che comprende anche gli interessi attivi su attività finanziarie cedute e non cancellate) diminuisce del 22,2% a 812,5 milioni e quella relativa ai crediti verso banche passa dai 77,8 milioni di fine 2008 a 43,2 milioni di fine 2009 (-44,5%). Gli interessi attivi sulla componente titoli (AFS, HFT, HTM) ammontano a 85,8 milioni (-17,7%). Per quanto riguarda gli interessi passivi, pari a 411,9 milioni, si rileva una diminuzione del 35% in relazione principalmente al calo degli interessi su titoli in circolazione (-23,9% a 245,6 milioni), a clientela (-34,7% a 119 milioni) e a banche (-83,4% a 13,3 milioni). Il margine da clientela, considerando anche gli interessi passivi su titoli in circolazione, pari a 448,3 milioni, presenta un decremento del 16,6%, mentre quello interbancario risulta positivo per 29,8 milioni (valore negativo per 2,6 milioni a dicembre 2008). INTERESSI ATTIVI (importi in migliaia di euro) Variaz /9/ assoluta % Attività finanziarie detenute per la negoziazione ,6 Attività finanziarie disponibili per la vendita ,6 Attività finanziarie detenute sino a scadenza ,5 Crediti verso banche ,5 Crediti verso clientela ,2 Altre attività ,0 TOTALE INTERESSI ATTIVI ,3 334

20 INTERESSI PASSIVI (importi in migliaia di euro) Variaz /9/ assoluta % Debiti verso banche ,4 Debiti verso clientela ,7 Titoli in circolazione ,9 Passività finanziarie valutate al fair value ,6 Passività finanziarie associate ad attività cedute non cancellate Altre passività ,8 Derivati di copertura ,4 TOTALE INTERESSI PASSIVI ,0 Le commissioni nette ammontano a 226,8 milioni, in aumento nell anno dell 8,8%. Le commissioni attive si dimensionano a 258 milioni, superiori del 7,3% rispetto a quelle del 2008; si rileva il forte incremento delle commissioni da servizi di gestione, intermediazione e consulenza (88,5 milioni; +15,3%), in particolare quelle da distribuzione di prodotti assicurativi di terzi, delle commissioni da tenuta e gestione dei conti correnti (72,6 milioni; +10,5%) e delle commissioni da garanzie rilasciate (10,3 milioni; +13,6%). Le commissioni passive, pari a 31,2 milioni, diminuiscono del 3%, per la diminuzione delle commissioni da servizi di incasso e pagamento (16,1 milioni; -7,9%); aumentano quelle da collocamento di servizi finanziari. COMMISSIONI ATTIVE (importi in migliaia di euro) Variaz /9/ assoluta % Garanzie rilasciate ,6 Servizi di gestione, intermediazione e consulenza: ,3 1. Negoziazione di strumenti finanziari Negoziazione di valute ,4 3. Gestioni patrimoniali ,4 4. Custodia e amministrazione di titoli ,6 5. Banca depositaria ,3 6. Collocamento di titoli ,4 7. Raccolta ordini ,4 8. Attività di consulenza Distribuzione di servizi di terzi gestioni di portafogli ,0 - prodotti assicurativi altri prodotti ,6 Servizi di incasso e pagamento ,4 Servizi di servicing per operazioni di cartolarizzazione ,3 Servizi per operazioni di factoring ,5 Tenuta e gestione dei conti correnti ,5 Altri servizi ,7 TOTALE COMMISSIONI ATTIVE ,3 335

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 SCHEDA DI SINTESI E INDICATORI DI GESTIONE Situazione al Variazione % 31/12/07 30/09/07 31/12/06

Dettagli

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 PREMESSA Per quanto riguarda il presente bilancio di Banca Carige SpA si ricorda che nell anno

Dettagli

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15

BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 BANCA CARIGE SpA - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 340 SCHEDA DI SINTESI E INDICATORI DI GESTIONE Situazione al Variazione % 31/12/11 30/09/11 31/12/10

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015 Società per Azioni con Sede Legale in Cagliari Viale Bonaria, 33 Codice fiscale e n di iscrizione al Registro delle Imprese di Cagliari 01564560900 Partita IVA 01577330903 Iscrizione all Albo delle Banche

Dettagli

Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche

Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche Informativa qualitativa La definizione a fini contabili delle esposizioni in default (sofferenza, incaglio, credito ristrutturato

Dettagli

STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO RICLASSIFICATO (in milioni di euro) ATTIVO 2012 2011

STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO RICLASSIFICATO (in milioni di euro) ATTIVO 2012 2011 STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO RICLASSIFICATO (in milioni di euro) ATTIVO 2011 Crediti verso clientela 30.712,6 29.985,5 727,1 2,4% Crediti verso banche 4.341,4 3.491,8 849,6 24,3% Attività finanziarie

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione Relazione economica Posso dire che ritengo oggi ci siano tutte le condizioni per riportare la Banca al ruolo che le compete anche grazie all impegno dei colleghi, che ho potuto apprezzare in questo periodo,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 146,6 milioni (ex Euro 134,3 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 146,6 milioni (ex Euro 134,3 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE CONSOLIDATO AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: LA COMPARAZIONE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni)

COMUNICATO STAMPA. RISULTATO DELLA GESTIONE OPERATIVA Euro 44,4 milioni (ex Euro 2 milioni) COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2015 NOTA: A SEGUITO DELL AVVENUTO CONFERIMENTO

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio consolidato al 31 dicembre 2009 SOCIETÀ PER AZIONI Sede legale: Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede amministrativa e Direzione generale: Sassari - Viale Umberto 36 Capitale sociale Euro 155.247.762,00 i.v. Cod. fisc. e num. iscriz. al Registro

Dettagli

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005.

COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005. COMUNICATO STAMPA BANCA POPOLARE DI SPOLETO SPA: CIRCOLARE BANCA D ITALIA. BILANCIO 2005. In data 3 aprile u.s. la Banca d Italia ha emanato una circolare a tutti gli intermediari creditizi con cui disciplina

Dettagli

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria

Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Comunicato Stampa Risultati consolidati al 30 settembre 2006 Rafforzamento patrimoniale, elevato presidio del rischio, crescita dei ricavi complessivi e della redditività ordinaria Ricavi in crescita -

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA DEL 51 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154

NOTA ESPLICATIVA DEL 51 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154 AREA RISORSE INFORMATICHE E RILEVAZIONI STATISTICHE Servizio Rilevazioni ed Elaborazioni Statistiche NOTA ESPLICATIVA DEL 51 AGGIORNAMENTO DELLA CIRCOLARE N. 154 Con la presente nota si forniscono alcune

Dettagli

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007)

(290,8 milioni il dato depurato dalle componenti non ricorrenti) Utile netto di periodo: 103,2 milioni (36,1 milioni al 30.6.2007) CREDITO BERGAMASCO: il Consiglio di Amministrazione approva la relazione finanziaria semestrale. Crescono i ricavi. Continua espansione dei prestiti a piccole e medie imprese e della raccolta diretta complessiva.

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i Bilanci della Banca Popolare di Milano e del Gruppo Bipiemme al 31 dicembre 2008. Utile netto consolidato a 75,3 milioni di euro: risente dell andamento negativo

Dettagli

G L O S S A R I O. Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI. segnalazione trimestrale

G L O S S A R I O. Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI. segnalazione trimestrale G L O S S A R I O Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI segnalazione trimestrale Alineato alle circolari n. 272/08 (5 aggiornamento luglio 2013) e n. 286/2013 (1 aggiornamento

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011

RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2011 Costante supporto all economia reale dei territori di insediamento: circa 3 miliardi di euro di crediti erogati alle famiglie e alle PMI, in condizioni di liquidità

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CAPOGRUPPO BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2014 NOTA:

Dettagli

G L O S S A R I O. Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI. segnalazione trimestrale

G L O S S A R I O. Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI. segnalazione trimestrale G L O S S A R I O Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI segnalazione trimestrale Alineato alla circolare 272/08-5 aggiornamento luglio 2013 PROFILO GESTIONALE: RISCHIOSITA'

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto)

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2.1. Dati significativi di gestione Nelle pagine che seguono sono rappresentate le principali grandezze economico-patrimoniali, ottenute dalla

Dettagli

Cassa depositi e prestiti spa. Il Bilancio 2007. Conferenza stampa. Roma, 28 aprile 2008. www.cassaddpp.it

Cassa depositi e prestiti spa. Il Bilancio 2007. Conferenza stampa. Roma, 28 aprile 2008. www.cassaddpp.it Il Bilancio 2007 Conferenza stampa Roma, 28 aprile 2008 www.cassaddpp.it L andamento economico Il 2007 si è chiuso con un utile d esercizio di 1.374 (1.876 milioni nel 2006). La diminuzione del 26,8% rispetto

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve

COMUNICATO STAMPA. Mestre, 14 novembre 2011. I risultati in breve COMUNICATO STAMPA Margini in forte crescita e indici di solidità patrimoniale a livelli di assoluta eccellenza: il Gruppo Banca IFIS conferma la validità del modello di business anche in mercati instabili

Dettagli

GRUPPO CARIGE: +20,7% L UTILE NETTO CONSOLIDATO (A 100,5 MILIONI) E +18,2% L UTILE NETTO DELLA CAPOGRUPPO (A 114 MILIONI)

GRUPPO CARIGE: +20,7% L UTILE NETTO CONSOLIDATO (A 100,5 MILIONI) E +18,2% L UTILE NETTO DELLA CAPOGRUPPO (A 114 MILIONI) PRESS RELEASE COMUNICATO STAMPA A cura dell Ufficio Comunicazione e Immagine Tel. 010 579 2697 Fax 010 579 4927 GRUPPO CARIGE: +20,7% L UTILE NETTO CONSOLIDATO (A 100,5 MILIONI) E +18,2% L UTILE NETTO

Dettagli

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10%

CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% CREDEM, IL CDA HA APPROVATO I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE 2013: UTILE +11,2% A/A, CORE TIER 1 AL 10% Utile netto consolidato a 100,3 milioni di euro, +11,2% a/a; investimenti per lo sviluppo dei canali di

Dettagli

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013 CAMERA DI COMMERCIO DI FIRENZE L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 213 U.O. Statistica e studi III 213 Da questo trimestre inizia la pubblicazione di un

Dettagli

BANCA POPOLARE DI SPOLETO: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2011

BANCA POPOLARE DI SPOLETO: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2011 www.bpspoleto.it BANCA POPOLARE DI SPOLETO: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2011 Spoleto, 24 Agosto 2011 CRESCITA DELLA BANCA REALE Base Clientela a 137.943 unità (+2,8% rispetto al 31/12/10) Conti Correnti

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2007 DATI DI BILANCIO

Dettagli

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro

il margine di interesse risulta stabile, attestandosi a 30,6 Milioni di Euro COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Banca Intermobiliare di Investimenti e Gestioni S.p.A. approva il Bilancio consolidato ed il Bilancio d esercizio al 31 dicembre 2012: Raccolta complessiva

Dettagli

Dati al 30 Giugno 2015

Dati al 30 Giugno 2015 Dati al 30 Giugno 2015 www.biverbanca.it info@biverbanca.it Sede Legale e Direzione Generale: 13900 Biella Via Carso, 15 Capitale Sociale euro 124.560.677,00 Registro delle Imprese di Biella Partita Iva

Dettagli

TITOLO. Consiglio di amministrazione del 6 novembre 2013: approvazione del resoconto intermedio di gestione consolidato al 30 settembre 2013.

TITOLO. Consiglio di amministrazione del 6 novembre 2013: approvazione del resoconto intermedio di gestione consolidato al 30 settembre 2013. Società cooperativa per azioni - fondata nel 1871 Sede sociale e direzione generale: I - 23100 Sondrio So - Piazza Garibaldi 16 Iscritta al Registro delle Imprese di Sondrio al n. 00053810149 Iscritta

Dettagli

CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A.

CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A. CREDEM, RISULTATI CONSOLIDATI: NEL PRIMO SEMESTRE 2015 UTILE +20,6% A/A, PROSEGUE LA CRESCITA DEI PRESTITI +5,3% A/A. IMPORTANTE SOSTEGNO ALL ECONOMIA Prestiti a clientela (1) : +5,3% a/a (vs sistema -0,6%

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2006

APPROVATA LA RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2006 APPROVATA LA RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2006 Il Consiglio di Amministrazione di Banca CR Firenze Spa, presieduto da Aureliano Benedetti, ha oggi deliberato la nomina del Vice Presidente e dei componenti

Dettagli

RELAZIONI E BILANCIO D ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2009

RELAZIONI E BILANCIO D ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2009 RELAZIONI E BILANCIO D ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2009 Banca di Cascina Credito Cooperativo Banca di Cascina 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35

Dettagli

BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009

BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009 BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009 BANCA DI ROMAGNA SPA SEDE LEGALE IN FAENZA CORSO GARIBALDI 1. SOCIETÀ APPARTENENTE AL GRUPPO UNIBANCA SPA (ISCRITTO ALL'ALBO DEI

Dettagli

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO

Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO COMUNICATO STAMPA Approvati i risultati del primo trimestre 2007 GRUPPO MPS: UTILE NETTO A 253,6 MILIONI DI EURO In forte accelerazione i flussi commerciali, 56.000 nuovi clienti nei primi quattro mesi

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Il Bilancio delle Banche L impatto degli IAS nelle valutazioni di fine esercizio 2 Le tipicità delle banche Le valutazioni

Dettagli

1 Relazione sulla gestione

1 Relazione sulla gestione Settore Bancario Andamento della gestione del Gruppo Unipol Banca Il 2013 è stato un anno caratterizzato da profondi cambiamenti che hanno riguardato sia la struttura direzionale della banca che la composizione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2009 DATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO

Dettagli

IL CREDITO A REGGIO EMILIA

IL CREDITO A REGGIO EMILIA Osservatorio economico, coesione sociali, legalità IL CREDITO A REGGIO EMILIA a cura di Matteo Ruozzi Responsabile Ufficio Studi, Statistica, Osservatori 16 giugno 2015 Provincia di Reggio Emilia Alcuni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio Consolidato al 31 dicembre 2005 redatto secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS

COMUNICATO STAMPA. Bilancio d esercizio Consolidato al 31 dicembre 2005 redatto secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Sede Legale Cagliari - Viale Bonaria 33 Sede Amministrativa e Direzione Generale Sassari - Viale Umberto 36 Capitale Sociale Euro 147.420.075,00 i.v. Codice fiscale e numero di

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1.

Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. Approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati relativi al primo semestre 2011 del Gruppo Bipiemme 1. L utile netto si posiziona a 42,7 milioni, mentre l utile netto normalizzato 2 si attesta a

Dettagli

Sezione 8 - Il capitale, le riserve, il fondo per rischi bancari generali e le passività subordinate

Sezione 8 - Il capitale, le riserve, il fondo per rischi bancari generali e le passività subordinate Sezione 8 - Il capitale, le riserve, il fondo per rischi bancari generali e le passività subordinate Variazioni della voce 100 Fondo per rischi bancari generali Saldo al 1.1.2002... 516 Variazione dell

Dettagli

Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015

Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015 Comunicato Stampa Approvati i risultati dei primi nove mesi del 2015 Utile netto consolidato a 7,6 milioni di Euro (+52,3% a/a) Ricavi consolidati a 44,8 milioni di Euro (+2,1% a/a) Risultato della gestione

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico ZENITH SERVICE S.P.A. Informativa al pubblico In ottemperanza alle norme relative alla vigilanza prudenziale sugli intermediari inscritti nell Elenco speciale ex art. 107 TUB (Circolare della Banca d Italia

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA Milano, 15 aprile 2015 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ALBA PRIVATE EQUITY APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014 Bilancio Capogruppo:

Dettagli

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013:

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: Nei primi sei mesi dell anno, la gestione economica del Gruppo ha generato un risultato della gestione operativa in

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il Roe consolidato a fine 2007 si attesta al 18,3% (17,5% nel 2006).

COMUNICATO STAMPA. Il Roe consolidato a fine 2007 si attesta al 18,3% (17,5% nel 2006). Capogruppo del Gruppo Bancario CREDITO EMILIANO CREDEM COMUNICATO STAMPA CREDEM, IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO CONSOLIDATO 2007(1): UTILE A 249,4 MILIONI DI EURO (+18,7%), ROE 18,3%, DIVIDENDO

Dettagli

Precisazioni. Circolare 154. Segnalazioni delle banche e dei gruppi bancari. Precisazioni sulla struttura delle voci

Precisazioni. Circolare 154. Segnalazioni delle banche e dei gruppi bancari. Precisazioni sulla struttura delle voci Precisazioni Circolare 154 Segnalazioni delle banche e dei gruppi bancari Precisazioni sulla struttura delle voci Voce 58214 Attività finanziarie sottostanti operazioni di cartolarizzazione di IFM residenti

Dettagli

ROAD SHOW 2008 Company Results

ROAD SHOW 2008 Company Results ROAD SHOW 2008 Company Results Milano, 24 marzo 2009 1 Relatori Luca Bronchi Direttore Generale Ugo Borgheresi Investor Relator 2 Agenda Company Highlights 31 Dicembre 2008 Linee Guida Piano Industriale

Dettagli

Relazione sulla gestione dell impresa RISULTATI

Relazione sulla gestione dell impresa RISULTATI RISULTATI Gli schemi di conto economico e stato patrimoniale del Banco Popolare vengono di seguito rappresentati in forma riclassificata secondo criteri gestionali per fornire una lettura più immediata

Dettagli

In merito ai punti all ordine del giorno della parte Ordinaria, l Assemblea ha deliberato:

In merito ai punti all ordine del giorno della parte Ordinaria, l Assemblea ha deliberato: ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA VENETO BANCA I Soci hanno approvato il bilancio al 31 dicembre 2014 e nominato quattro Consiglieri di Amministrazione. Si è svolta oggi a Villa Spineda, a Venegazzù

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A

COMUNICATO STAMPA CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A CREDEM, RISULTATI 1Q2015: UTILE +47,4% A/A, PRESTITI +6,6% A/A Raccolta da clientela (1) +11,8% a/a a 56.235 milioni di euro, con un incremento in valore assoluto di circa sei miliardi di euro a/a; raccolta

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Comunicato stampa RISULTATI DEL 1 SEMESTRE DEL GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Utile Netto

Dettagli

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012

1 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2012 Gestione patrimoniale e finanziaria Investimenti e disponibilità Operatività 2012 Gruppo Unipol perimetro ante acquisizione Premafin Durante il 2012 le politiche di investimento hanno perseguito, in un

Dettagli

GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA

GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 31 MARZO 2006 1 INDICE Prospetti contabili pag. 03 Note di commento ed osservazioni degli Amministratori pag. 04 Nota informativa pag. 04 La struttura

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a)

COMUNICATO STAMPA. - In crescita significativa la massa amministrata, che supera i 94 miliardi di euro (+ 8% a/a) GRUPPO CARIPARMA CRÉDIT AGRICOLE: UTILE NETTO 2014 A 182 MILIONI (+21% A/A) TRAINATO DALLA GESTIONE OPERATIVA (+14% A/A); POSIZIONE PATRIMONIALE SOLIDA E LIVELLI PIÙ CHE ADEGUATI DI LIQUIDITÀ Il ha conseguito

Dettagli

INFORMAZIONI FINANZIARIE INFRANNUALI AL 30 GIUGNO 2010

INFORMAZIONI FINANZIARIE INFRANNUALI AL 30 GIUGNO 2010 INFORMAZIONI FINANZIARIE INFRANNUALI AL 30 GIUGNO 2010 Società Cooperativa Sede Sociale 47900 Rimini Via XX Settembre, 63 Iscritta al Registro Imprese C.C.I.A.A. di Rimini R.E.A. 287035 Codice Fiscale

Dettagli

Informativa mensile ai sensi dell art. 114, comma 5, D. Lgs. n. 58/1998

Informativa mensile ai sensi dell art. 114, comma 5, D. Lgs. n. 58/1998 Informativa mensile ai sensi dell art. 114, comma 5, D. Lgs. n. 58/1998 Milano, 31 agosto 2011 Investimenti e Sviluppo S.p.A. (la Società, Capogruppo ), con sede legale in Milano,, ai sensi e per gli effetti

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione 36 37 38 Dati significativi di gestione In questa sezione relativa al Rendiconto economico sono evidenziati ed analizzati i risultati economici raggiunti da ISA nel corso dell esercizio. L analisi si focalizza

Dettagli

2012, l anno migliore per i tre pilastri di Banca IFIS: Redditività, Liquidità, Patrimonio

2012, l anno migliore per i tre pilastri di Banca IFIS: Redditività, Liquidità, Patrimonio Sommario L intero esercizio COMUNICATO STAMPA 2012, l anno migliore per i tre pilastri di Banca IFIS: Redditività, Liquidità, Patrimonio Proposto all Assemblea un dividendo di 0,37 euro per azione. Incremento

Dettagli

SUPPLEMENTO PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all Offerta Pubblica di Sottoscrizione di azioni ordinarie

SUPPLEMENTO PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all Offerta Pubblica di Sottoscrizione di azioni ordinarie SUPPLEMENTO al PROSPETTO INFORMATIVO relativo all Offerta Pubblica di Sottoscrizione di azioni ordinarie Denominazione: CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo Società Cooperativa. Sede legale

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione 182 183 Dati significativi di gestione In questa sezione relativa al Rendiconto Economico sono evidenziati ed analizzati i risultati economici raggiunti da ISA nel corso dell esercizio. L analisi si focalizza

Dettagli

RILEVAZIONE SULLE ESPOSIZIONI RILEVANTI Risposte a quesiti di interesse generale

RILEVAZIONE SULLE ESPOSIZIONI RILEVANTI Risposte a quesiti di interesse generale RILEVAZIONE SULLE ESPOSIZIONI RILEVANTI Risposte a quesiti di interesse generale 1. Modalità di rilevazione delle quote di OICR Q. In merito al trattamento delle quote di OICR sono fornite indicazioni

Dettagli

RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI

RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI RAFFORZATE SOLIDITA PATRIMONIALE E LIQUIDITA ; LA GESTIONE OPERATIVA TRAINA LA REDDITIVITA (+23%): UTILE NETTO 2013: 150 MILIONI In un contesto ancora debole, il esprime una redditività in crescita continuando

Dettagli

BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1

BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1 COMUNICATO STAMPA BANCA SISTEMA: +22% UTILE NETTO NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 1 Performance commerciale: +20% turnover factoring nei primi nove mesi 2015 a/a Outstanding CQS/CQP al 30 settembre 2015 pari

Dettagli

Il sistema creditizio in provincia di Pisa

Il sistema creditizio in provincia di Pisa Il sistema creditizio in provincia di Pisa Consuntivo anno 2013 Pisa, 31 luglio 2014. La presenza bancaria in provincia di Pisa risente del processo di riorganizzazione che sta attraversando il sistema

Dettagli

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008

FERCREDIT spa. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Esercizio 2008 FERCREDIT spa Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al pubblico Pag. 1/12 Premessa La Circolare della Banca d Italia n. 216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007 al capitolo V ha introdotto

Dettagli

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012 PREMESSA La Circolare 216 di Banca d Italia del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, al Capitolo V, al fine di rafforzare la disciplina prudenziale per gli Intermediari Finanziari iscritti

Dettagli

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Dopo sei anni di continui cali nelle erogazioni per finanziamenti per investimenti in edilizia, anche

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013)

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2014 GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) Il risultato è influenzato dagli oneri

Dettagli

Informativa al pubblico - Pillar III -

Informativa al pubblico - Pillar III - Informativa al pubblico - Pillar III - Indice Premessa...2 Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale...3 Tavola 2 - Rischio di credito - Informazioni generali...5 Tavola 3 - Rischio di credito - Informazioni

Dettagli

ESERCIZIO 2012 Relazione e Bilancio Consolidato

ESERCIZIO 2012 Relazione e Bilancio Consolidato ESERCIZIO 2012 Relazione e Bilanc io Consolidato 2 La struttura della sub-holding Banco di Sardegna S.p.A. Sede legale: Cagliari Sede amministrativa: Sassari 79,72% Banca di Sassari S.p.A. Sassari 91,16%

Dettagli

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 - Risultato economico netto consolidato dei primi sei mesi 2013 pari a -232 milioni di euro (perdita per l esercizio

Dettagli

VENETO BANCA, IL CDA HA ESAMINATO GLI SCHEMI PRELIMINARI DI BILANCIO 2015 E APPROVATO L AGGIORNAMENTO DEL PIANO INDUSTRIALE

VENETO BANCA, IL CDA HA ESAMINATO GLI SCHEMI PRELIMINARI DI BILANCIO 2015 E APPROVATO L AGGIORNAMENTO DEL PIANO INDUSTRIALE VENETO BANCA, IL CDA HA ESAMINATO GLI SCHEMI PRELIMINARI DI BILANCIO 2015 E APPROVATO L AGGIORNAMENTO DEL PIANO INDUSTRIALE DOPO L ESITO POSITIVO DELL ASSEMBLEA DEL 19 DICEMBRE 2015 E LA CONSEGUENTE TRASFORMAZIONE

Dettagli

Economie regionali. L'andamento del credito in Umbria nel primo trimestre del 2010

Economie regionali. L'andamento del credito in Umbria nel primo trimestre del 2010 Economie regionali L'andamento del credito in Umbria nel primo trimestre del 21 Perugia luglio 21 2 1 73 La serie Economie regionali ha la finalità di presentare studi e documentazione sugli aspetti territoriali

Dettagli

COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009

COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009 COGES FINANZIARIA SPA TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2009 COGES FINANZIARIA S.p.A. Capitale Sociale 15.000.000 i.v. Sede Sociale Roma, Via del Pianeta Venere n. 36 Sede Amministrativa

Dettagli

2.4 Attività finanziarie - IAS 32 e 39 IFRS 7

2.4 Attività finanziarie - IAS 32 e 39 IFRS 7 59 Hotel di Roma (via Pio IV) in considerazione della sua particolare natura e destinazione. Nel caso in cui si sia stimato che il valore recuperabile dell immobile sia superiore al valore contabile, l

Dettagli

BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 Estratto per la pubblicazione

BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 Estratto per la pubblicazione BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 Estratto per la pubblicazione BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 1. STATO PATRIMONIALE Voci dell'attivo 31.12.2014 31.12.2013 10. Cassa e disponibilità liquide 341 153 60. Crediti:

Dettagli

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro:

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro: MITTEL S.P.A. Sede in Milano - Piazza A. Diaz 7 Capitale sociale 66.000.000 i.v. Codice Fiscale - Registro Imprese di Milano - P. IVA 00742640154 R.E.A. di Milano n. 52219 Iscritta all U.I.C. al n. 10576

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IW BANK S.P.A.: APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007

COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IW BANK S.P.A.: APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007 COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IW BANK S.P.A.: APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2007 Utile netto a 5,0 milioni di euro (2,5 milioni di euro al 30 giugno 2006, +100%) Margine

Dettagli

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA BASILEA 2 TERZO PILASTRO Informativa al pubblico Anno 2010 INDICE Premessa Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale Tavola 2 - Rischio di credito: informazioni generali Tavola

Dettagli

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII Relazione Annuale - Roma, 31 maggio 2007 anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO esercizio CXIII Relazione Annuale - Presentata all Assemblea Ordinaria dei Partecipanti anno 2006 - centotredicesimo esercizio

Dettagli

LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP)

LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP) GRUPPO INTERBANCARIO PUMA2 LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP) Roma, marzo 2015 BANCA D ITALIA Servizio Rilevazioni Statistiche 2 INDICE PREMESSA... 5 1. LE NUOVE

Dettagli

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs)

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs) EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(s) EEMS Italia S.p.A PROSPETTI CONTABILI DI EEMS ITALIA S.P.A AL 30 GIUGNO 2006 Premessa

Dettagli

Materiali EIF. Le banche. Università degli Studi Roma Tre

Materiali EIF. Le banche. Università degli Studi Roma Tre Le banche La banca - definizioni Definizione minima: raccolta risparmio dal pubblico + concessione credito (art. 10 D.lgs. 385/1993) Molteplicità delle attività possibili (ammesse al mutuo riconoscimento):

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

BANCA POPOLARE VOLKSBANK IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANCA POPOLARE VOLKSBANK APPROVA I RISULTATI DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013

BANCA POPOLARE VOLKSBANK IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANCA POPOLARE VOLKSBANK APPROVA I RISULTATI DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013 BANCA POPOLARE VOLKSBANK IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI BANCA POPOLARE VOLKSBANK APPROVA I RISULTATI DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013 Utile lordo di Euro 35,6 mln e utile netto di 18,8 mln

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IWBANK S.P.A.: APPROVATI I DATI DEL PRIMO SEMESTRE 2008

COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IWBANK S.P.A.: APPROVATI I DATI DEL PRIMO SEMESTRE 2008 COMUNICATO STAMPA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI IWBANK S.P.A.: APPROVATI I DATI DEL PRIMO SEMESTRE 2008 Confermato l ottimo trend di crescita del Gruppo Utile netto semestrale consolidato a circa 7,0

Dettagli

GRUPPO BANCO DESIO. al 30 settembre 2006 RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA

GRUPPO BANCO DESIO. al 30 settembre 2006 RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA GRUPPO BANCO DESIO RELAZIONE TRIMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 SETTEMBRE 2006 1 INDICE Prospetti contabili pag. 03 Note di commento ed osservazioni degli Amministratori pag. 04 Nota informativa pag. 04 La

Dettagli

ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS

ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS CAMFIN s.p.a. COMUNICATO STAMPA RIUNITO IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI CAMFIN SPA ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS APPROVATA LA RELAZIONE

Dettagli

LIBRARY C. Osservatorio Assofin sul credito immobiliare alle famiglie consumatrici. Anno 20xx

LIBRARY C. Osservatorio Assofin sul credito immobiliare alle famiglie consumatrici. Anno 20xx LIBRARY C Osservatorio Assofin sul credito immobiliare alle famiglie consumatrici Anno 20xx ASSOFIN CORSO ITALIA, 17-20122 MILANO TEL. 02 865437 r.a. - FAX 02 865727 mailbox@assofin.it - www.assofin.it

Dettagli

Allegato "14" Piero Luigi Montani Consigliere Delegato Contesto economico 2011 Scenario macroeconomico Economia mondiale 2011: crescita debole del PIL ed elevata instabilità finanziaria a causa delle tensioni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PRINCIPALI DATI PATRIMONIALI RACCOLTA

COMUNICATO STAMPA PRINCIPALI DATI PATRIMONIALI RACCOLTA COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA BANCA POPOLARE DI SPOLETO S.P.A. HA APPROVATO I RISULTATI PRELIMINARI DELL ESERCIZIO 1 AGOSTO 2014 31 DICEMBRE 2014 PRIMO BILANCIO D ESERCIZIO IN

Dettagli

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS

Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS Comunicato stampa Mestre, 29 aprile 2010 Il CDA ha approvato il resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 GRUPPO BANCA IFIS UTILI IN FORTE CRESCITA: +107,8% SUL 4 TRIMESTRE 2009, +13,9% SUL 1 TRIMESTRE

Dettagli

CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29%

CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29% CREDEM, RISULTATI 9M2014. PROSEGUE CRESCITA PER LINEE INTERNE: UTILE +28,1% A/A; PRESTITI +4,3% A/A (SISTEMA -2,3% A/A (1) ); CET 1 RATIO 11,29% Utile netto consolidato +28,1% a/a a 128,5 milioni di euro;

Dettagli