La nuova direttiva sui servizi di investimento 2004/39/CE (MiFID)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La nuova direttiva sui servizi di investimento 2004/39/CE (MiFID)"

Transcript

1 La nuova direttiva sui servizi di investimento 2004/39/CE (MiFID) (e relative norme di 2 livello: Direttiva 2006/73/CE e Regolamento 1287/2006) Regulation & Post Trading Division Fabrizio Plateroti Elena Vantellini Simone D Ippolito

2 La MiFID Contenuti Il Financial Service Action Plan (FSAP) e la tempistica Le novità per gli intermediari I requisiti organizzativi I conflitti di interessi e le ricerche di investimento Gli incentivi La suitability, l appropriateness e l execution only La best execution, l execution policy e l order handling I soggetti I servizi di investimento Le novità per i mercati organizzati (MR & MTF) Aspetti generali Le regole di trasparenza L ammissione degli operatori L ammissione degli strumenti finanziari Le regole sul post-trading Gli internalizzatori Il Transaction Reporting 2

3 La MiFID Contenuti Il Financial Service Action Plan (FSAP) e la tempistica Le novità per gli intermediari I requisiti organizzativi I conflitti di interessi e le ricerche di investimento Gli incentivi La suitability, l appropriateness e l execution only La best execution, l execution policy e l order handling I soggetti I servizi di investimento Le novità per i mercati organizzati (MR & MTF) Aspetti generali Le regole di trasparenza L ammissione degli operatori L ammissione degli strumenti finanziari Le regole sul post-trading Gli internalizzatori Il Transaction Reporting 3

4 Il FSAP e la tempistica Il FSAP e la tempistica Il FSAP ha tra i suoi obiettivi quello di creare le condizioni per favorire l integrazione del mercato finanziario e l armonizzazione dell informativa societaria. Lo stesso FSAP, pertanto, si sviluppa su due principali aspetti: L organizzazione dei mercati (efficienza e competizione tra sistemi di negoziazione) I requisiti strutturali del mercato unico (armonizzazione, comparabilità e fruibilità dell informativa a livello pan-europeo) 4

5 Il FSAP e la tempistica Il FSAP e la tempistica Direttiva Market Abuse (2003/6/CE) GIA RECEPITA A LIVELLO NAZIONALE - Creazione di un unica fonte normativa riguardante gli abusi di mercato, garantendo in tutta la Comunità Europea uno stesso quadro in materia di ripartizione delle competenze, di applicazione e di cooperazione; - Assoggettamento degli emittenti quotati a medesimi obblighi di informativa continua (informativa price sensitive). Direttiva Prospetti (2003/71/CE) IN CORSO DI RECEPIMENTO A LIVELLO NAZIONALE (BOZZA DI D.LGS) - Armonizzazione dei requisiti per le emissioni di strumenti da offrire al pubblico o da ammettere alla negoziazione; - Passaporto unico per gli emittenti, con la possibilità per gli stessi di collocare e quotare strumenti finanziari in diversi Stati con un unico prospetto; - Definizione di un chiaro regime di vigilanza e di un regime linguistico semplificato; - Armonizzazione dei contenuti del prospetto (building block approach) e snellimento delle procedure di autorizzazione, con minori tempi di approvazione (time to market). 5

6 Il FSAP e la tempistica Il FSAP e la tempistica MiFID (ISD2) (2004/39/EC) DA RECEPIRE A LIVELLO NAZIONALE ENTRO IL 31/01/ Regolamentazione della prestazione dei servizi di investimento da parte di banche ed imprese di investimento; - Organizzazione e funzionamento dei mercati; - Coordinamento delle attività di vigilanza. Direttiva Transparency (2004/109/EC) DA RECEPIRE A LIVELLO NAZIONALE ENTRO IL 20/01/ Disciplina la tempistica ed il contenuto dell informativa periodica a cui sono sottoposti gli emittenti quotati; - Disciplina gli obblighi di trasparenza per gli azionisti rilevanti; - Disciplina le modalità con cui devono essere diffuse le informazioni societarie; - Disciplina le modalità di archiviazione delle informazioni stesse. Direttiva OPA (2004/25/CE) DA RECEPIRE A LIVELLO NAZIONALE - Livello minimo di protezione per tutti gli azionisti, in particolar modo di minoranza, a livello europeo; - Definizione di regole omogenee e trasparenti; - Rafforzamento della sicurezza giuridica delle OPA transfrontaliere. 6

7 Il FSAP e la tempistica Il FSAP e la tempistica della MiFID L implementazione delle direttive del FSAP (Financial Service Action Plan), tra cui la MiFID, è raggiunta attraverso l utilizzo della procedura Lamfalussy, sviluppata su 4 livelli: La MiFID Il primo livello prevede l adozione della direttiva comunitaria Direttiva 2004/39/CE Il secondo livello prevede l adozione delle norme di dettaglio, sempre comunitarie Il terzo livello prevede la cooperazione tra le autorità nella fase di attuazione della disciplina comunitaria nonché l attività interpretativa da parte del CESR Direttiva 2006/73/CE Regolamento CE 1287/2006 work in progress Il quarto livello prevede le attività di enforcement e di controllo dello stato di implementazione ad oggi n/a Da ricordare che l adozione della normativa comunitaria nei singoli stati membri è prevista entro il , mentre l applicazione da parte degli operatori è prevista a partire dal

8 La MiFID Contenuti Il Financial Service Action Plan (FSAP) e la tempistica Le novità per gli intermediari I requisiti organizzativi I conflitti di interessi e le ricerche di investimento Gli incentivi La suitability, l appropriateness e l execution only La best execution, l execution policy e l order handling I soggetti I servizi di investimento Le novità per i mercati organizzati (MR & MTF) Aspetti generali Le regole di trasparenza L ammissione degli operatori L ammissione degli strumenti finanziari Le regole sul post-trading Gli internalizzatori Il Transaction Reporting 8

9 I requisiti organizzativi I requisiti organizzativi La Direttiva di primo livello prevede che le imprese di investimento rispettino determinati requisiti di organizzazione. Più in particolare, le norme di secondo livello prevedono che le stesse imprese implementino le seguenti funzioni interne: Compliance Funzione di verifica dell adempimento permanente alle norme della direttiva 2004/39/CE attraverso il controllo dell adeguatezza ed efficacia delle misure e procedure messe in atto. È inoltre prevista un attività di consulenza ai soggetti pertinenti Risk management Funzione che istituisca ed applichi procedure di controllo dei rischi relativi alle attività, ai processi ed ai sistemi dell impresa. Tale funzione deve presentare, inoltre, delle relazioni e fornire consulenza all alta dirigenza. Internal audit Funzione di controllo separata de indipendente dalle altre funzioni che adotti, applichi e mantenga un piano di audit per l esame e la valutazione dell adeguatezza e dell efficacia dei sistemi, dei meccanismi di controllo interno e dei dispositivi dell impresa di investimento. 9

10 La MiFID Contenuti Il Financial Service Action Plan (FSAP) e la tempistica Le novità per gli intermediari I requisiti organizzativi I conflitti di interessi e le ricerche di investimento Gli incentivi La suitability, l appropriateness e l execution only La best execution, l execution policy e l order handling I soggetti I servizi di investimento Le novità per i mercati organizzati (MR & MTF) Aspetti generali Le regole di trasparenza L ammissione degli operatori L ammissione degli strumenti finanziari Le regole sul post-trading Gli internalizzatori Il Transaction Reporting 10

11 La politica di gestione dei conflitti di interessi 1/2 Le imprese di investimento devono elaborare, applicare e mantenere un efficace politica di gestione dei conflitti di interesse che deve essere formulata per iscritto. La politica di gestione dei conflitti di interessi deve: I conflitti di interessi e le ricerche di investimento consentire di individuare le circostanze che generano o potrebbero generare un conflitto di interesse che possa ledere gravemente gli interessi di uno o più clienti; definire le procedure da seguire e le misure da adottare per gestire tali conflitti Le procedure devono garantire che i soggetti impegnati nelle attivit ività che implicano un conflitto di interesse svolgano dette attività con un grado di indipendenza appropriato 11

12 I conflitti di interessi e le ricerche di investimento La politica di gestione dei conflitti di interessi 2/2 Per raggiungere il grado di indipendenza, le procedure devono includere: la vigilanza separata dei soggetti pertinenti (amministratore, dirigente, dipendente dell impresa, nonché persona fisica che partecipi alla prestazione di servizi all impresa) che svolgono attività per conto dei clienti ed i cui interessi possano entrare in conflitto; procedure efficaci per impedire o per controllare lo scambio di informazioni tra i soggetti pertinenti impegnati in attività che comportino un rischio di conflitto di interessi; eliminazione di ogni legame diretto tra la retribuzione dei soggetti che esercitano un attività e la retribuzione di altri soggetti che esercitano un altra attività; misure volte a limitare un influenza indebita sul soggetto che effettua i servizi di investimento; misure volte a impedire/controllare la partecipazione simultanea di un soggetto pertinente a servizi di investimento distinti, quando possa nuocere alla gestione corretta dei conflitti di interessi. Qualora le disposizioni adottate dall impresa di investimento per gestire i conflitti di interesse non sono sufficienti per assicurare che il rischio di nuocere agli interessi dei clienti sia evitato, la stessa impresa deve informare chiaramente i clienti, prima di agire per loro conto, della natura generale e delle fonti di tali conflitti. 12

13 I conflitti di interessi e le ricerche di investimento Definizione di ricerca in materia di investimenti (art. 24 Direttiva 2 livello) definizione coincidente con quella di raccomandazione della MAD (2003/125/CE) recepita nell art. 65 del Reg. Emittenti ypurché siano soddisfatte le seguenti condizioni: esse vengano designate o descritte come ricerca in materia di investimenti o con termini analoghi, o vengano presentate come una spiegazione obiettiva o indipendente delle questioni oggetto della raccomandazione; se la raccomandazione in questione venisse fatta dall impresa di investimento ad un cliente, non costituirebbe consulenza in materia di investimenti ai fini della direttiva 2004/39/CE (MiFID). ye purché siano rispettati i requisiti di organizzazione supplementari descritti nelle slide successive 13

14 I conflitti di interessi e le ricerche di investimento Requisiti di organizzazione supplementari - 1/3 In aggiunta ai requisiti generali di organizzazione, le imprese di investimento che producono o che dispongono la produzione delle ricerche in materia di investimenti destinate ad essere diffuse o che potrebbero essere diffuse ai clienti o al pubblico devono assicurare l attuazione, in relazione agli analisti finanziari coinvolti nella produzione della ricerca in materia di investimenti, delle seguenti misure: procedure per lo scambio di informazioni tra soggetti pertinenti; la vigilanza separata dei soggetti pertinenti; eliminazione legami diretti delle retribuzioni tra soggetti pertinenti; misure per impedire/limitare un indebita influenza sul soggetto pertinente; misure per controllare la partecipazione del soggetto pertinente ai servizi di investimento. (medesimi requisiti della slide 12) 14

15 I conflitti di interessi e le ricerche di investimento Requisiti di organizzazione supplementari - 2/3 Inoltre, le imprese di investimento che rientrano nel campo di applicazione del paragrafo 1 (descritto nella slide precedente) devono adottare disposizioni volte ad assicurare che siano soddisfatte le condizioni seguenti: gli analisti finanziari non devono effettuare operazioni personali o negoziare, salvo che in qualità di market maker o in esecuzione di un ordine di un cliente non sollecitato, per conto di qualsiasi altra persona sugli strumenti finanziari oggetto della ricerca, se tali analisti sono al corrente del probabile timing o contenuto di tale ricerca e tali dati non sono accessibili al pubblico o ai clienti; nelle situazioni non rientranti al punto precedente, gli analisti finanziari e gli altri soggetti pertinenti coinvolti nella produzione della ricerca non devono effettuare operazioni personali su strumenti finanziari oggetto della ricerca o su s.f. correlati contrarie alle raccomandazioni correnti (salvo circostanze eccezionali); le imprese di investimento, gli analisti finanziari e gli altri soggetti pertinenti coinvolti nella produzione della ricerca non devono accettare incentivi da parte di persone aventi un interesse rilevante nell oggetto della ricerca in materia di investimenti e non devono promettere agli emittenti un trattamento positivo nella loro ricerca; gli emittenti, i soggetti pertinenti diversi dagli analisti finanziari e qualsiasi altra persona non devono essere autorizzati ad esaminare un progetto di ricerca per verificare l accuratezza delle analisi fattuali contenute nella ricerca, se il progetto include una raccomandazione o un prezzo obiettivo. 15

16 I conflitti di interessi e le ricerche di investimento Requisiti di organizzazione supplementari - Esenzioni - 3/3 Gli Stati membri esentano le imprese di investimento che diffondono al pubblico o ai clienti ricerca in materia di investimenti prodotta da un altra persona dall obbligo di conformarsi al paragrafo 1 (si veda la slide 12), se sono soddisfatte le condizioni seguenti: la persona che produce la ricerca in materia di investimenti non deve essere un membro del gruppo al quale appartiene l impresa l di investimento; l impresa di investimento non deve modificare sostanzialmente le raccomandazioni contenute nella ricerca in materia di investimenti; ti; l impresa di investimento non deve presentare la ricerca in materia a di investimenti come ricerca da essa stessa prodotta; l impresa di investimento deve verificare che l autore l della ricerca sia soggetto ad obblighi equivalenti a quelli previsti dalla presente e direttiva in relazione alla produzione di tale ricerca o abbia adottato linee guida che includono tali obblighi. 16

17 I conflitti di interessi e le ricerche di investimento Comunicazione di marketing Una raccomandazione ex articolo 1, punto 3 della direttiva 2003/125/CE (definizione ripresa puntualmente dal Regolamento Emittenti ex art. 65 per individuare la raccomandazione ) che non soddisfa le condizioni di cui alla slide 13 comunicazione di marketing comunicazione di marketing Le raccomandazioni di questo tipo (comunicazioni di marketing) devono contenere un avvertenza chiara e cospicua che: non sono state preparate conformemente ai requisiti giuridici volti a promuovere l indipendenza della ricerca in materia di investimenti e; non sono soggette ad alcun divieto che proibisca le negoziazioni prima della diffusione della ricerca in materia di investimenti. 17

18 La MiFID Contenuti Il Financial Service Action Plan (FSAP) e la tempistica Le novità per gli intermediari I requisiti organizzativi I conflitti di interessi e le ricerche di investimento Gli incentivi La suitability, l appropriateness e l execution only La best execution, l execution policy e l order handling I soggetti I servizi di investimento Le novità per i mercati organizzati (MR & MTF) Aspetti generali Le regole di trasparenza L ammissione degli operatori L ammissione degli strumenti finanziari Le regole sul post-trading Gli internalizzatori Il Transaction Reporting 18

19 Gli incentivi Norme di comportamento - Gli incentivi Le imprese di investimento agiscono in modo onesto, equo e professionale, se in relazione alla prestazione di un servizio di investimento ad un cliente ricorrono le seguenti fattispecie: 1) competenze, commissioni o vantaggi non monetari versati o forniti a o da un cliente o da una persona per conto del cliente; 2) competenze, commissioni o vantaggi non monetari versati o forniti a o da un terzo o una persona che agisca per conto di un terzo qualora siano soddisfatte le seguenti condizioni: l esistenza, la natura e l importo delle competenze devono essere comunicati chiaramente al cliente prima della prestazione del servizio; il pagamento delle competenze o commissioni o la concessione di vantaggi non monetari deve accrescere la qualità del servizio fornito al cliente. 19

20 La MiFID Contenuti Il Financial Service Action Plan (FSAP) e la tempistica Le novità per gli intermediari I requisiti organizzativi I conflitti di interessi e le ricerche di investimento Gli incentivi La suitability, l appropriateness e l execution only La best execution, l execution policy e l order handling I soggetti I servizi di investimento Le novità per i mercati organizzati (MR & MTF) Aspetti generali Le regole di trasparenza L ammissione degli operatori L ammissione degli strumenti finanziari Le regole sul post-trading Gli internalizzatori Il Transaction Reporting 20

21 La suitability Suitability test L impresa di investimento, quando effettua consulenza in materia di investimenti o gestione di portafoglio, deve ottenere le informazioni necessarie in merito alle conoscenze ed esperienze del cliente o potenziale cliente in materia di investimenti riguardo: tipo specifico di prodotto o servizio*; alla situazione finanziaria*; agli obiettivi di investimento; Tutto ciò al fine di essere in grado di raccomandare i servizi di investimento e gli strumenti finanziari adatti al cliente o potenziale cliente. *: Si presumono se il servizio è prestato nei confronti di un cliente professionale. 21

22 L appropriateness Appropriateness test L impresa di investimento, quando presta servizi di investimento diversi dalla consulenza in materia di investimenti o gestione di portafoglio (quindi tutti i restanti servizi), deve ottenere le informazioni necessarie in merito alle conoscenze ed esperienze del cliente o potenziale cliente in materia di investimenti riguardo: tipo specifico di prodotto o servizio*; Tutto ciò al fine di determinare se il servizio o il prodotto in questione è adatto al cliente o potenziale cliente. *: Si presume se il servizio è prestato nei confronti di un cliente professionale. 22

23 L execution only Execution only L impresa di investimento che effettua solo il servizio di esecuzione e/o ricezione e trasmissione di ordini può prestare detti servizi senza effettuare il test di appropriatezza, purchè siano soddisfatte le seguenti condizioni: i i servizi sono connessi ad azioni ammesse alla negoziazione in un mercato regolamentato, a strumenti del mercato monetario, obbligazioni o altri titoli di credito, OICVM ed altri strumenti finanziari non complessi; il servizio è prestato ad iniziativa del cliente o potenziale cliente; il cliente o potenziale cliente è stato informato che nel prestare tale servizio l impresa di investimento non è tenuta a valutare l idoneitl idoneità dello strumento o servizio prestato; l impresa di investimento rispetta i propri obblighi relativi ai conflitti c di interessi. 23

24 L execution only Execution only - gli strumenti finanziari non complessi Uno strumento finanziario è considerato non complesso se soddisfa i seguenti criteri: non deve rientrare nella definizione di contratto di opzione, contratto finanziario a termine standardizzato (future), swap,, accordi per scambi futuri di tassi di interesse e altri contratti tti su strumenti derivati connessi a valori mobiliari, valute, tassi di interesse o rendimenti, merci, variabili climatiche, tassi di inflazione tariffe di trasporto, quote di emissione o di altri strumenti finanziari derivati, indici finanziari o misure finanziarie; iarie; non deve inoltre rientrare nella categoria degli s.f. derivati per il trasferimento del rischio di credito o in quella dei contratti finanziari differenziali; devono esistere frequenti opportunità di cedere, riscattare o realizzare tale strumento a prezzi che siano pubblicamente disponibili per i partecipanti al mercato; non deve implicare alcuna passività effettiva o potenziale per il cliente che vada oltre il costo di acquisizione dello strumento; devono essere pubblicamente disponibili informazioni sufficientemente complete e di agevole comprensione in modo che il cliente al dettaglio medio possa p decidere con cognizione di causa se realizzare un operazione su tale strumento. 24

25 La MiFID Contenuti Il Financial Service Action Plan (FSAP) e la tempistica Le novità per gli intermediari I requisiti organizzativi I conflitti di interessi e le ricerche di investimento Gli incentivi La suitability, l appropriateness e l execution only La best execution, l execution policy e l order handling I soggetti I servizi di investimento Le novità per i mercati organizzati (MR & MTF) Aspetti generali Le regole di trasparenza L ammissione degli operatori L ammissione degli strumenti finanziari Le regole sul post-trading Gli internalizzatori Il Transaction Reporting 25

26 L execution policy L execution policy - 1/2 Le imprese di investimento devono definire ed attuare una strategia di esecuzione degli ordini che consenta di ottenere, per gli ordini dei clienti, il miglior risultato possibile così come descritto nelle slide successive. L execution policy: deve specificare per ciascuna categoria di strumenti finanziari (azioni, obbligazioni, etc ) le varie trading venue (mercato regolamentato, MTF, internalizzatore, market maker, liquidity provider) dove l impresa di investimento esegue gli ordini dei clienti; deve essere applicata a ciascun ordine dei clienti; deve individuare i fattori che influenzano la scelta delle sedi (prezzo, costi, velocità ) e le relative priorità; deve assicurare di ottenere in modo duraturo il miglior risultato possibile; deve essere rivista annualmente dall impresa di investimento; deve ricevere il consenso preliminare dei clienti; può prevedere che gli ordini dei clienti possano essere eseguiti al di fuori di un mercato regolamentato o MTF, informando i clienti di tale possibilità. 26

27 L execution policy - 2/2 (art. 46, c2, Direttiva 2 livello) L execution policy Le imprese di investimento devono fornire ai clienti al dettaglio in tempo utile prima della prestazione del servizio le seguenti informazioni sulla loro strategia di esecuzione: 1 - l indicazione dell importanza relativa che l impresa assegna ai fattori di cui alla slide 27 (prezzo, rapidità, natura etc ) conformemente ai criteri prima definiti 2 - l elenco delle trading venue sulla quali l impresa fa notevole affidamento per adempiere al proprio obbligo di best execution 3 - un avvertenza che eventuali istruzioni specifiche di un cliente possono impedire l attuazione delle misure prevista dalla strategia di esecuzione degli ordini 27

28 La best execution La best execution - 1/4 - Abrogazione dell obbligo di concentrazione degli scambi su mercati regolamentati - Eliminazione della presunzione del raggiungimento della best execution mercati regolamentati sui Best Execution regola di comportamento regola di funzionamento del mercato Si applica a tutti gli strumenti finanziari 28

29 La best execution La best execution in generale - 2/4 Le imprese di investimento devono adottare tutte le misure ragionevoli per ottenere il miglior risultato possibile per i loro clienti, tenuto conto del: prezzo costi Rapidità e probabilità di esecuzione Rapidità e probabilità di regolamento fattori natura ordine dimensioni Più in particolare, bisogna considerare i seguenti criteri per stabilire l importanza dei fattori di cui sopra: le caratteristiche del cliente (retail o professional); le caratteristiche dell ordine del cliente; le caratteristiche degli strumenti finanziari che sono oggetto dell ordine; le caratteristiche delle execution venue alle quali l ordine è diretto (mercato regolamentato, MTF, internalizzatore, market maker, liquidity provider). 29

30 La best execution La best execution per la clientela retail - 3/4 Quando l impresa di investimento esegue un ordine per conto di un cliente retail, il miglior risultato possibile è determinato in termini di total consideration, rappresentata dalla sommatoria di: prezzo dello strumento finanziario; i costi di esecuzione (che includono tutte le spese direttamente collegate all esecuzione dell ordine: trading fee, clearing & settlement fee, fee pagate a terzi coinvolti nell esecuzione); le commissioni pagate dal cliente all impresa di investimento. L impresa di investimento deve, pertanto, considerare le commissioni addebitate ai clienti retail ed i costi di esecuzione allo scopo di comparare i risultati che si sarebbero raggiunti eseguendo l ordine su ciascuna trading venue presente nell execution policy 30

31 La best execution La best execution - 4/4 ATTORI TRADING VENUES CLEARING & SETTLEMENT Eligible counterparty Investitore retail Mercati regolamentati CCP/CSD collegati alle trading venues Gli intermediari dei MR possono designare il sistema di settlement Asset manager Broker MTF CCP/CSD europei Investitore professional Internalizzatore sistematico In house book-entry 31

32 L order handling Client order handling rules Le imprese di investimento devono adottare misure volte a facilitare l esecuzione degli ordini con limite di prezzo, in relazione ad azioni negoziate su un mercato regolamentato, che non siano eseguiti immediatamente alle condizioni prevalenti del mercato, pubblicandoli immediatamente in un modo facilmente accessibile agli altri partecipanti al mercato. L impresa di investimento può trasmettere tali ordini ad un mercato regolamentato oppure ad un MTF. Vi è, inoltre, la possibilità per le imprese di investimento di aggregare gli ordini dei clienti ai fini della loro esecuzione. Deve però esistere una strategia di assegnazione degli ordini nel caso in cui l ordine aggregato viene eseguito parzialmente. Medesima possibilità è prevista per le aggregazioni con le operazioni in conto proprio dell impresa. Nel secondo caso, in presenza di eseguito parziale l investment firm assegna le operazioni al cliente prima che all impresa stessa. In casi eccezionali, l assegnazione delle operazioni può avvenire proporzionalmente conformemente alla strategia di assegnazione degli ordini. 32

33 La MiFID Contenuti Il Financial Service Action Plan (FSAP) e la tempistica Le novità per gli intermediari I requisiti organizzativi I conflitti di interessi e le ricerche di investimento Gli incentivi La suitability, l appropriateness e l execution only La best execution, l execution policy e l order handling I soggetti I servizi di investimento Le novità per i mercati organizzati (MR & MTF) Aspetti generali Le regole di trasparenza L ammissione degli operatori L ammissione degli strumenti finanziari Le regole sul post-trading Gli internalizzatori Il Transaction Reporting 33

34 I soggetti La classificazione dei clienti nella MiFID La nuova direttiva sui servizi di investimento individua tre tipologie principali di clienti, caratterizzati da differenti livelli di protezione: Clienti retail Clienti professional Controparti qualificate Tutti i clienti che non siano ricompresi nella categoria di quelli professionali. Dovrebbero essere considerati professionali: - soggetti autorizzati per operare nei mercati finanziari: enti creditizi, imprese di investimento, OICR, SGR, fondi pensione, membri della borsa, negoziatori in c/proprio di merci, altri investitori istituzionali, le imprese di assicurazioni - le imprese di grandi dimensioni che rispettano criteri quantitativi - governi nazionali e regionali, enti pubblici, banche centrali, istituzioni internazionali e sovranazionali - altri investitori istituzionali la cui attività principale è investire in strumenti finanziari compresi gli enti dediti alle cartolarizzazioni di attivi o altre transazioni finanziarie - clienti che su richiesta possono essere trattati come professionali, ma solo dopo una valutazione adeguata da parte dell impresa di investimento - spetta al cliente considerato professionale chiedere un livello più elevato di protezione, attraverso un accordo scritto con l impresa di investimento. - Gli stati membri riconoscono come controparti qualificate: le imprese di investimento, gli enti creditizi, le imprese di assicurazioni, gli OICVM, fondi pensione, SGR, istituzioni non rientranti nel campo di applicazione della MiFID, i governi nazionali, le banche centrali e le organizzazioni sovranazionali --> è però necessaria la conferma del soggetto di essere trattato come controparte qualificata. - la classificazione come controparte qualificata non pregiudica il diritto del soggetto richiedente di chiedere in via generale o per singola negoziazione di essere assoggetto alle norme di comportamento (art. 19), alla best execution (art. 21) ed alle order handling rules (art. 22), sia come cliente retail che come professional. - Tale categoria è valida limitatamente ai servizi di esecuzione ordini per conto dei clienti, negoziazione in conto proprio o ricezione e trasmissione di ordini. 34

35 I soggetti La classificazione dei clienti nella MiFID Controparti qualificate Opzione degli stati membri Su domanda Professional Su domanda Clienti professional Retail Su domanda Professional Su domanda Retail Su domanda Clienti retail 35

36 I soggetti I soggetti e le regole applicabili Retail Prof. ECP Norme di comportamento (art. 19, 1) le imprese devono agire in modo onesto, equo e professionale per servire al meglio gli interessi dei clienti Suitability test (art. 19, 4) per il servizio di consulenza e gestione di portafoglio No obbligo No obbligo Appropriateness test (art. 19, 5) per tutti gli altri servizi di investimento, ad eccezioni dell execution only in determinate circostanze Reporting to clients (art. 19, 8) adeguata comunicazione al cliente dell esecuzione dei servizi di investimento (esecuzione degli ordini, gestione di portafoglio, passività potenziali etc ) Best execution (art. 21, 1) assicurare il miglior risultato possibile per il cliente No obbligo No obbligo Order handling rules (art. 22, 1-2) procedure che assicurino un esecuzione rapida, equa ed efficiente degli ordini, inclusi quelli con limite di prezzo Informazione al cliente (art. 19) tutte le informazioni, comprese le comunicazioni di marketing, indirizzate ai clienti devono essere corrette, chiare e non fuorvianti solo se richiesto solo se agisce come broker solo se richiesto 36

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvata con delibera del C.d.A. del 29/10/2007 Aggiornata con delibera del C.d.A. del 26/11/2008 21/10/2009 29/10/2010 24/01/2011 04/06/2012 18/11/2013

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. PREMESSA.3 2. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 5 3. PRINCIPI GUIDA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI..7 4. FATTORI DI ESECUZIONE

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini DI CREDIO COOPERAIVO S.C. DEGLI OBBLIGAZIONISI 1 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Novembre 2014 eramo - 64100 - Via Savini, 1 el. 0861/ 25691 - Fax 0861/ 359919 DI CREDIO COOPERAIVO

Dettagli

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SANTERAMO IN COLLE (BARI) Aggiornata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 03 DICEMBRE 2014 VVeer r..1111

Dettagli

INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA

INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA 1 INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA Revisione del 01/08/2013 2 INDICE PREMESSA 1.RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 2.PRINCIPI GUIDA

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Approvato con delibera del consiglio di amministrazione del 26 Novembre 2014 Indice

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

UNIVERSITA DI URBINO Mercati regolamentati, sistemi multilaterali di negoziazione, internalizzatori sistematici, Best Execution dinamica

UNIVERSITA DI URBINO Mercati regolamentati, sistemi multilaterali di negoziazione, internalizzatori sistematici, Best Execution dinamica UNIVERSITA DI URBINO Mercati regolamentati, sistemi multilaterali di negoziazione, internalizzatori sistematici, Best Execution dinamica 17 Ottobre 2011 Indice Pag Sedi di esecuzione MiFID 2 Impatto della

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Banca di Ancona Credito Cooperativo Soc. Cooperativa Sede Sociale in Ancona Via Maggini 63/a 60127 iscritta all Albo delle Banche al n. 186.70 all Albo delle Società Cooperative al n. A160770, al Reg.

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. Premessa... 2 1.1 Scopo del documento... 2 1.2 Riferimenti normativi... 2 2. Ambito di applicazione e destinatari... 2 3. Fattori di Best Execution...

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (IN VIGORE DAL 1 DICEMBRE 2014) INDICE POLITICA... 1 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

[B] INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

[B] INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Corso Unità d'italia 11, Cantù (Co) - info@cracantu.it - www.cracantu.it Tel 031/719.111 - Fax 031/7377.800 - Swift ACARIT22XXX Cod.Fisc/P.Iva n.00196950133 - R.E.A. n.43395 Como ABI n.08430 - Albo delle

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A.

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. Decorrenza 3 Gennaio 2011 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. 1. Obiettivo Nel rispetto della direttiva 2004/39/CE

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini

Strategia di Trasmissione degli Ordini Strategia di Trasmissione degli Ordini Revisionato dal Consiglio di Amministrazione con delibera n. 1932 del 23 gennaio 2015 Indice 1 PRINCIPI GENERALI... 3 1.1 Principi generali in tema di best execution...

Dettagli

Transazioni in derivati OTC Obblighi di clearing e di trading Derivati su merci Requisiti di trasparenza

Transazioni in derivati OTC Obblighi di clearing e di trading Derivati su merci Requisiti di trasparenza Transazioni in derivati OTC Obblighi di clearing e di trading Derivati su merci Requisiti di trasparenza Martina Tambucci Consob, Divisione Mercati Le opinioni espresse sono a titolo personale e non impegnano

Dettagli

ASSOSIM DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE DELLA CONSOB SUL RECEPIMENTO DELLA MIFID A. REGOLAMENTO INTERMEDIARI

ASSOSIM DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE DELLA CONSOB SUL RECEPIMENTO DELLA MIFID A. REGOLAMENTO INTERMEDIARI PIAZZA BORROMEO 1-20123 MILANO TEL. 02/86454996 R.A. TELEFAX 02/867898 e.mail assosim@assosim.it www.assosim.it ASSOSIM ASSOCIAZIONE ITALIANA INTERMEDIARI MOBILIARI DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE DELLA CONSOB

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

I mercati organizzati e il post-trading nella MiFID

I mercati organizzati e il post-trading nella MiFID I mercati organizzati e il post-trading nella MiFID Regulation & Post Trading Fabrizio Plateroti Elena Vantellini Simone D Ippolito La MiFID Contenuti Le trading venues nella MiFID I mercati regolamentati

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA LA BANCA D ITALIA E LA CONSOB VISTO il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n.

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini ai sensi dell art. 48 del Regolamento Intermediari CONSOB

Strategia di trasmissione degli ordini ai sensi dell art. 48 del Regolamento Intermediari CONSOB ai sensi dell art. 48 del Regolamento Intermediari CONSOB Visionato da: Dott. Martha Dichristin e Dott. Martin Selva Approvato dal CDA in data 21.10.2014 Sostituisce l edizione d.d. 08.05.2012 Indice 1.

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

LA DIRETTIVA MiFID E GLI EFFETTI DEL SUO RECEPIMENTO

LA DIRETTIVA MiFID E GLI EFFETTI DEL SUO RECEPIMENTO Associazione per lo Sviluppo degli Studi di Banca e Borsa Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Scienze Bancarie Finanziarie e Assicurative V. CONTI - G. SABATINI - C. COMPORTI LA DIRETTIVA MiFID

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori Documentazione Informativa e Contrattuale Sommario INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA, SUI SERVIZI D INVESTIMENTO E SULLA SALVAGUARDIA

Dettagli

DOTTORATO DI RICERCA IN GESTIONE BANCARIA E FINANZIARIA

DOTTORATO DI RICERCA IN GESTIONE BANCARIA E FINANZIARIA SAPIENZA - UNIVERSITA DI ROMA FACOLTA DI ECONOMIA DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT E TECNOLOGIE DOTTORATO DI RICERCA IN GESTIONE BANCARIA E FINANZIARIA TESI DI DOTTORATO XXII CICLO LA MIFID E I MERCATI FINANZIARI

Dettagli

INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI CLIENTI PROFESSIONALI

INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI CLIENTI PROFESSIONALI INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI CLIENTI PROFESSIONALI Banca Akros ha predisposto una politica di esecuzione e di gestione degli ordini (di seguito: politica di esecuzione degli ordini)

Dettagli

Un ordine su misura per ogni taglia

Un ordine su misura per ogni taglia Un ordine su misura per ogni taglia Le funzionalità Cross Order e Block Trade Facilities sui mercati cash Cross Order e BTF Introduzione I Cross Order e la Block Trade Facilities (BTF) sono due nuove tipologie

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL Le osservazioni al documento di consultazione dovranno pervenire entro il 21 Luglio 2014 on-line per il tramite del

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

CONSOB QUADERNI DI FINANZA BEST EXECUTION, MULTIPLE TRADING VENUES E SISTEMI DI STUDI E RICERCHE COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA

CONSOB QUADERNI DI FINANZA BEST EXECUTION, MULTIPLE TRADING VENUES E SISTEMI DI STUDI E RICERCHE COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA CONSOB COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA QUADERNI DI FINANZA STUDI E RICERCHE BEST EXECUTION, MULTIPLE TRADING VENUES E SISTEMI DI SCAMBI ORGANIZZATI: ALCUNE CONSIDERAZIONI GENERALI ED UN

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad.

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista Il ruolo del Nomad. Marco Fumagalli Responsabile Capital Markets Ubi Banca

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

L impatto della frammentazione degli scambi azionari sui mercati regolamentati europei

L impatto della frammentazione degli scambi azionari sui mercati regolamentati europei L impatto della frammentazione degli scambi azionari sui mercati regolamentati europei S.F. Fioravanti, M. Gentile L attività di ricerca e analisi della Consob intende promuovere la riflessione e stimolare

Dettagli

autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included

autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included 1 protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta

Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Il nuovo Regolamento Intermediari n. 16190/2007 emanato dalla Consob ed il Regolamento congiunto del 29 ottobre 2007 emanato da Banca

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI Nel rispetto della nuova disciplina comunitaria introdotta dalla direttiva 2004/39/CE

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI I. Disposizioni generali 1. Le presenti Regole di esecuzione delle istruzioni dei clienti riguardanti i contratti di compensazione delle differenze (CFD) e gli strumenti

Dettagli

I regolamenti europei EMIR e REMIT

I regolamenti europei EMIR e REMIT I regolamenti europei EMIR e REMIT Implementazione pratica per un azienda NFC- Sommario I. L EMIR ed i suoi obblighi II. REMIT e i suoi obblighi III. EMIR: l implementazione pratica in azienda Che cos

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Workshop sulla revisione della Direttiva MIFID 11 giugno 2014

Workshop sulla revisione della Direttiva MIFID 11 giugno 2014 Workshop sulla revisione della Direttiva MIFID 11 giugno 2014 Plateroti Fabrizio Head of Regulation and Post Trading Page 1 Elenco dei temi La nuova architettura dei mercati MR, MTF e OTF Algo e high frequency

Dettagli

Le piattaforme di investimento alternativo nel quadro regolatorio italiano ed europeo: il caso di Epic

Le piattaforme di investimento alternativo nel quadro regolatorio italiano ed europeo: il caso di Epic XVI Convention IBAN Dall Entrepreneurship al Capitale di Rischio dei Business Angels Le piattaforme di investimento alternativo nel quadro regolatorio italiano ed europeo: il caso di Epic Guido Ferrarini

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

scenari di liquidità: quali sfide per gli intermediari? Servizi d investimento e Best Execution a tre anni dalla MiFID

scenari di liquidità: quali sfide per gli intermediari? Servizi d investimento e Best Execution a tre anni dalla MiFID SECTORS AND Advisory THEMES Mercati Title alternativi heree scenari di liquidità: quali sfide per gli Additional information in Univers 45 Light 12pt on 16pt leading intermediari? kpmg.com Servizi d investimento

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

ATTO DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA

ATTO DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA ATTO DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA LA BANCA D ITALIA E LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA E LA

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli