GUIDA FISCALE PER IL SETTORE VINICOLO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GUIDA FISCALE PER IL SETTORE VINICOLO"

Transcript

1 GUIDA FISCALE PER IL SETTORE VINICOLO

2 Sommario I. ASPETTI GENERALI...3 INTRODUZIONE...3 L IMPRENDITORE AGRICOLO...3 LE CANTINE SOCIALI E I CONSORZI...4 I RIVENDITORI DI PRODOTTI ENOLOGICI...5 II. IMPOSTE SUL REDDITO...6 REDDITO AGRARIO...6 REDDITO DOMINICALE...9 REDDITO D IMPRESA...10 III. IRAP...12 ASPETTI GENERALI...12 IMPRENDITORI AGRICOLI...12 IMPRENDITORI COMMERCIALI...13 DEDUZIONI...14 IV. IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO...16 ALIQUOTE E CLASSIFICAZIONE DEI PRODOTTI VITIVINICOLI AI FINI IVA REGIMI IVA...16 IMPRESE AGRICOLE...17 IMPRESE COMMERCIALI...22 CONFERIMENTI A COOPERATIVE...23 RICEVUTA E SCONTRINO...23 V. ACCISE - CENNI...25 PRODOTTI SOGGETTI AD ACCISA...25 PRODOTTI ESCLUSI...25 DEPOSITI FISCALI DI ALCOLE E BEVANDE ALCOLICHE DOCUMENTI DI TRASPORTO...26 VI. IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI...27 BASE IMPONIBILE...27 ESENZIONI...27 AGEVOLAZIONI...27 APPENDICE...28 PER SAPERNE DI PIU...29 guida fiscale per il settore vinicolo 1

3

4 INTRODUZIONE I. ASPETTI GENERALI Il vino, bevanda tra le più diffuse nei paesi mediterranei, è ottenuto dalla fermentazione alcolica totale o parziale di uve fresche o di uve pigiate. L Italia è sicuramente una delle nazioni nel mondo che primeggia nella produzione di vino, riscontrando, da sempre, una fama mondiale per la qualità del vino e per i numerosi vini D.O.C. che produce. Nella catena che va dal prodotto agricolo (l uva) al bene finito (il vino) intervengono una serie di figure professionali. Infatti, ci possono essere sia i produttori agricoli, che oltre a coltivare le viti effettuano anche la vinificazione, che vere e proprie aziende industriali che producono vini su larga scala acquistando la materia prima direttamente dai produttori agricoli. Senza poi dimenticare la catena distributiva per la vendita del prodotto finito (commercianti al minuto, enoteche, ecc.). Scopo della presente guida è quello di fornire le informazioni fiscali di base per chi opera nel settore vitivinicolo o per chi intende intraprendere l attività di produzione e/o commercializzazione del vino. L IMPRENDITORE AGRICOLO La produzione e la successiva vendita di prodotti vinicoli può essere esercitata da un unico soggetto che, su fondi propri o altrui, svolge un complesso di attività dirette alla coltivazione del fondo al fine di ritrarre da esso le uve da trasformare in vino destinato alla vendita. In tal caso il soggetto assume, secondo la definizione contenuta nell articolo 2135 del codice civile, come modificato dalla cosiddetta legge di orientamento (D.Lgs. 18 maggio 2001, n. 228) la connotazione di imprenditore agricolo e il reddito prodotto viene tassato secondo le disposizioni contenute nell art. 32 del Tuir che disciplinano il reddito agrario. In base all articolo 2135 del codice civile, l imprenditore agricolo è colui che esercita un attività diretta: alla coltivazione del fondo; alla silvicoltura; all allevamento del bestiame; all esercizio di attività connesse alle precedenti. Per coltivazione del fondo, per silvicoltura e per allevamento del bestiame si intendono le attività dirette alla cura e allo sviluppo di un ciclo biologico o di una fase necessaria del ciclo stesso, di carattere vegetale o animale, che utilizzano o possono utilizzare il fondo, il bosco o le acque dolci, salmastre o marine. Si considerano connesse alle precedenti le attività, svolte dallo stesso imprenditore agricolo, dirette alla manipolazione, conservazione, trasformazione, commercializzazione e valorizzazione che abbiano ad oggetto prodotti ottenuti prevalentemente dalla coltivazione del fondo o del bosco o dall allevamento di animali. Dalle definizioni che precedono emerge che l imprenditore agricolo è tale anche quando si occupa della trasformazione, manipolazione e simili di prodotti agricoli acquistati da terzi, purché risultino prevalenti i prodotti propri. guida fiscale per il settore vinicolo 3

5 IMPRENDITORE AGRICOLO PROFESSIONALE Con il D.Lgs. 29 marzo 2004, n. 99, è stato introdotta la figura di imprenditore agricolo professionale (IAP). Con tale termine si intende colui il quale è in possesso dei seguenti requisiti: abbia conoscenze e competenze professionali ai sensi dell articolo 5 del regolamento (CE) 17 maggio 1999, n. 1257/1999; dedichi alle attività agricole di cui all articolo 2135 del codice civile, direttamente o in qualità di socio di società, almeno il 50% del proprio tempo di lavoro complessivo; ricavi dalle attività medesime almeno il 50% del proprio reddito globale da lavoro. Nel computo del reddito globale da lavoro sono escluse le pensioni di ogni genere, gli assegni ad esse equiparati, le indennità e le somme percepite per l espletamento di cariche pubbliche, ovvero in associazioni ed altri enti operanti nel settore agricolo. Nel caso delle società di persone e cooperative, ivi incluse le cooperative di lavoro, l attività svolta dai soci nella società, in presenza dei requisiti di conoscenze e competenze professionali, tempo lavoro e reddito di cui sopra, è idonea a far acquisire ai medesimi la qualifica di imprenditore agricolo professionale e al riconoscimento dei requisiti per i soci lavoratori. Nel caso di società di capitali, l attività svolta dagli amministratori nella società, in presenza dei predetti requisiti di conoscenze e competenze professionali, tempo lavoro e reddito, è idonea a far acquisire ai medesimi amministratori la qualifica di imprenditore agricolo professionale. Per gli imprenditori che operano nelle zone svantaggiate di cui all articolo 17 del citato regolamento (CE) n. 1257/1999, i requisiti di cui sopra sono ridotti al 25%. All imprenditore agricolo professionale persona fisica, se iscritto nella gestione previdenziale ed assistenziale, sono riconosciute le agevolazioni tributarie in materia di imposizione indiretta e creditizie stabilite dalla normativa vigente a favore delle persone fisiche in possesso della qualifica di coltivatore diretto. LE CANTINE SOCIALI E I CONSORZI La produzione del vino può avvenire ad opera di cantine sociali, normalmente strutturate sotto la veste giuridica di cooperative di trasformazione. Tali strutture si occupano della produzione del vino utilizzando prevalentemente le uve conferite dai soci della cooperativa, rappresentati generalmente da imprenditori agricoli. Le cantine sociali, come chiarito dalla circolare della Direzione generale della cooperazione n. 96 del 9 dicembre 1965, rientrano nell ambito delle cooperative agricole. Inoltre, ai sensi dell art. 1 della legge di orientamento (D. Lgs. n. 228/2001), si considerano imprenditori agricoli le cooperative di imprenditori agricoli e i loro consorzi quando utilizzano per lo svolgimento delle attività di cui all art del codice civile prevalentemente prodotti dei soci, ovvero forniscono prevalentemente ai soci beni e servizi diretti alla cura e allo sviluppo del ciclo biologico. Le società di persone, cooperative e di capitali, anche a scopo consortile, sono considerate imprenditori agricoli professionali qualora lo statuto preveda quale oggetto sociale l esercizio esclusivo delle attività agricole di cui all articolo 2135 del codice civile e siano in possesso dei seguenti requisiti: a) nel caso di società di persone almeno un socio sia in possesso della qualifica di imprenditore agricolo professionale. Per le società in accomandita la qualifica si riferisce 4 guida fiscale per il settore vinicolo

6 ai soci accomandatari; b) nel caso di società di capitali o cooperative, almeno un amministratore sia anche socio per le società cooperative e in possesso della qualifica di imprenditore agricolo professionale. Dal punto di vista societario, l articolo 2522, 1 comma, codice civile prevede che per costituire una società cooperativa è necessario che i soci siano almeno nove. Un numero inferiore - e cioè almeno tre - è ammesso solamente quando gli stessi siano persone fisiche e le società adottino le norme della società a responsabilità limitata. E da ricordare che il numero minimo appena individuato per la costituzione deve essere mantenuto anche successivamente; infatti, ove dovesse essere inferiore, lo stesso deve essere integrato nel termine massimo di un anno, trascorso il quale la società si scioglie e deve essere posta in liquidazione. Solo per particolari cooperative il numero minimo può essere diverso da quello sopra previsto. Gli imprenditori agricoli, inoltre, possono istituire un organizzazione comune per la disciplina e per lo svolgimento di determinate attività; si suole parlare, in tal caso, di consorzio vinicolo. Scopo essenziale ed oggetto principale dei maggiori consorzi vinicoli presenti sul territorio nazionale consiste nel tutelare, valorizzare e curare gli interessi relativi ai vini prevalentemente quelli a Denominazione di Origine Controllata - prodotti nelle varie aree geografiche d Italia. A tale fine, i consorzi, a titolo esemplificativo: organizzano e coordinano le attività delle categorie interessate alla produzione ed alla commercializzazione delle denominazioni nell ambito delle proprie specifiche competenze, ai fini della tutela e della valorizzazione delle denominazioni stesse; effettuano accertamenti tecnici, prima sulle uve, poi sul vino, attraverso l opera di una esperta equipe di enotecnici, al fine di garantire la validità del prodotto da imbottigliare e assicurare costanza di caratteristiche nel tempo, nel più rigoroso rispetto dei tradizionali sistemi affiancati dalle attualissime tecnologie di imbottigliamento; attuano tutte le misure per valorizzare direttamente e indirettamente le denominazioni, sotto il profilo tecnico e dell immagine, anche organizzando concorsi enologici; collaborano con Enti e soggetti aventi scopi affini per promuovere e realizzare iniziative atte alla valorizzazione e al sostegno della produzione vitivinicola e dei prodotti tutelati; curano la formazione e forniscono assistenza tecnica nelle varie fasi interessate al settore vitivinicolo, compresa la fornitura di servizi generali relativi all utilizzo delle denominazioni. I RIVENDITORI DI PRODOTTI ENOLOGICI Tra i rivenditori di vino, un ruolo di primaria importanza assumono le enoteche, locali commerciali in cui è possibile, oltre che degustare vini alla mescita, acquistare il prodotto in bottiglia. Da un punto di vista squisitamente fiscale, le enoteche rappresentano esercizi commerciali; ne deriva che il reddito da esse prodotto si qualifica come reddito d impresa. guida fiscale per il settore vinicolo 5

7 II. IMPOSTE SUL REDDITO REDDITO AGRARIO L attività di coltivazione del fondo diretta alla produzione dell uva, se esercitata da una persona fisica, dà luogo alla determinazione del reddito agrario, disciplinato dall art. 32 del D.P.R. n. 917/1986. Anche laddove l agricoltore si occupi personalmente anche attraverso l utilizzazione di strutture e macchinari tecnologicamente avanzati - della trasformazione dell uva in vino, l attività esercitata si qualifica come attività agricola e il relativo reddito come reddito agrario. Nel diverso caso in cui l attività di coltivazione del fondo e/o trasformazione dell uva in vino venga svolta da società di capitali, enti commerciali, cooperative, società di mutua assicurazione o società di persone diverse dalle società semplici, il reddito che ne deriva non si qualifica come reddito agrario, ma come reddito d impresa. In base al citato art. 32 del Tuir, il reddito agrario esprime la redditività media derivante dall esercizio di attività agricole nei limiti della potenzialità del terreno. Esso è determinato mediante l applicazione di tariffe d estimo stabilite dalla legge catastale per ciascuna coltivazione e deve essere rapportato al capitale d esercizio e al lavoro di organizzazione della produzione impiegati dal soggetto che esercita l attività agricola. SOGGETTI TENUTI A DICHIARARE IL REDDITO AGRARIO Sono tenuti a dichiarare il reddito agrario i contribuenti che esercitano su un fondo l attività agricola di coltivazione della vite e in presenza di determinate condizioni - di trasformazione dell uva in vino. Tale obbligo sussiste non soltanto quando i contribuenti possiedono il fondo a titolo di proprietà, ma anche quando essi lo detengono sulla base di un altro diritto reale, o anche sulla base di un contratto di locazione (in quest ultimo caso, l obbligo di dichiarare il reddito agrario decorre dalla data di effetto del contratto). In caso di conduzione associata del fondo come la mezzadria, la colonia parziaria e la soccida il reddito agrario concorre a formare il reddito complessivo di ciascun associato per la quota di sua spettanza. A tal fine, ciascun associato dovrà conservare un atto sottoscritto da tutti i partecipanti all associazione da cui risulti la quota di reddito agrario spettante ad ognuno e la data di decorrenza del contratto. In mancanza di tale atto, si presume che il reddito venga ripartito in parti uguali. QUALI ATTIVITÀ PRODUCONO REDDITO AGRARIO La qualificazione del reddito come agrario dipende dal tipo di attività svolta; l art. 32 del Tuir, infatti, indica espressamente le attività dal cui esercizio se svolto da contribuenti persone fisiche si origina reddito agrario. Con esclusivo riferimento al settore relativo alla produzione e commercializzazione del vino, le attività esercitate dall imprenditore agricolo che determinano l insorgere del reddito agrario sono rappresentate da: attività di coltivazione del fondo ai fini della produzione di uva (attività, questa, definita agricola in senso stretto); attività connesse, di cui al terzo comma dell articolo 2135 del codice civile, dirette alla manipolazione, conservazione, trasformazione, commercializzazione e valorizzazione, ancorché non svolte sul terreno, di uve ottenute dall imprenditore agricolo prevalentemente dalla coltivazione del fondo. 6 guida fiscale per il settore vinicolo

8 Qualora, pertanto, l imprenditore agricolo svolga l attività agricola diretta alla coltivazione del terreno ai fini della produzione di uva (attività di trasformazione), il reddito che egli ritrae dalla vendita di tale prodotto è di natura agricola. ATTIVITÀ CONNESSE Nell attività di trasformazione l imprenditore può acquistare, da terzi, anche altre uve o mosti o vini per migliorare qualitativamente la propria produzione. Nella circolare 14 maggio 2002 n. 44 l Agenzia delle entrate ha sostenuto che l utilizzo di prodotti acquistati presso terzi è ammesso al fine di migliorare la qualità del prodotto finale e di aumentare la redditività complessiva dell impresa agricola; è il caso, ad esempio, dell imprenditore vitivinicolo che acquista vino da taglio presso terzi per migliorare la qualità del proprio prodotto. Le attività connesse sono considerate agricole anche se talune fasi sono realizzate da terzi in conto lavorazione, come ad esempio la pigiatura dell uva effettuata presso l impianto di un terzo. Inoltre, in linea generale, è considerato agricolo il reddito che l imprenditore realizza a seguito della commercializzazione del vino derivante da un processo di lavorazione di uve ottenute in misura prevalente dalla coltivazione del fondo da lui stesso effettuata. Infatti, in tal caso trova applicazione la norma che prevede che le attività connesse e cioè quelle dirette alla manipolazione, conservazione, trasformazione, commercializzazione e valorizzazione di prodotti rientrano nel reddito agrario, anche se non svolte sul terreno, purché: i beni e le attività rientrino in quelle previste da un apposito decreto; i beni siano ottenuti prevalentemente dalla coltivazione del fondo. Nel caso in cui i beni non sono compresi nel citato decreto, trova applicazione l articolo 56 bis del Tuir, mentre, se non viene rispettato il requisito della prevalenza, l eccedenza è sottoposta alle disposizioni sul reddito d impresa. A tal proposito, si nota che tra le attività connesse, individuate dal decreto del Ministro dell economia e delle finanze 19 marzo 2004, sono comprese: la produzione di vini; la produzione di aceto. Inoltre, tra le attività di manipolazione rientrano anche quelle che riguardano le colture viticole. Sintetizzando, è possibile affermare che: l attività di trasformazione e manipolazione di prodotti propri indicati nel decreto ministeriale è considerata attività agricola e la tassazione rientra nel reddito agrario; la trasformazione e manipolazione di prodotti agricoli acquistati da terzi, purché compresi tra quelli indicati nel citato decreto, è considerata come attività agricola e quindi si applica la tassazione in base al reddito agrario, purché vi sia integrazione con i prodotti propri e sia rispettato il criterio della prevalenza; l attività di mera commercializzazione, conservazione e valorizzazione di prodotti acquistati presso terzi determina, invece, reddito d impresa. Con riguardo al secondo punto sopra indicato, va detto che qualora non fosse soddisfatta la condizione della prevalenza, occorrerà distinguere il caso in cui l attività connessa abbia ad oggetto beni che rientrano fra quelli elencati nel decreto ministeriale dal caso in cui riguardi beni diversi da questi ultimi. Infatti, nella prima ipotesi opera la c.d. franchigia e, quindi, sono da qualificarsi come redditi agrari ai sensi dell art. 32 i redditi provenienti dall attività di trasformazione dei prodotti agricoli nei limiti del doppio delle quantità prodotte in proprio dall imprenditore agricolo (o, nel caso di acquisti per un miglioramento della gamma, nei limiti del doppio del valore normale delle medesime); i redditi ottenuti dalla trasformazione delle quantità eccedenti devono, invece, essere determinati in base alle regole in materia di reddito guida fiscale per il settore vinicolo 7

9 d impresa ai sensi dell art. 56 del Tuir. Nel caso in cui l attività di trasformazione o manipolazione riguardi beni che non rientrano fra quelli elencati nel citato decreto ministeriale, non essendo soddisfatto il requisito della prevalenza, esplicitamente richiesto dal menzionato art. 56 bis del Tuir, l intero reddito prodotto costituisce reddito d impresa da determinarsi analiticamente in base all art. 56 del Tuir. Esempi Nel caso dell imprenditore agricolo che produce vini utilizzando anche uva acquistata presso terzi, ad esempio, è necessario, affinché possa mantenere lo status di imprenditore agricolo, che l uva di produzione propria impiegata nel processo produttivo sia quantitativamente superiore a quella acquistata all esterno. In tal caso, quindi, l intera attività di produzione e vendita del vino effettuata anche attraverso la trasformazione di uva acquistata da terzi - viene qualificata come attività agricola e la tassazione viene regolata secondo le disposizioni che disciplinano il reddito agrario. Continuando nelle esemplificazioni, nel caso di un imprenditore agricolo che trasforma uva nera di propria produzione e commercializza il vino rosso che ne deriva dopo un processo di imbottigliamento e che, contestualmente, acquista vino bianco da terzi già imbottigliato, il quadro fiscale è il seguente: - limitatamente all attività di produzione di vino rosso, il produttore è qualificato quale imprenditore agricolo e i redditi che ne derivano sono considerati redditi agrari; - l attività di vendita di vino bianco acquistato presso terzi poiché non comporta alcuna attività di manipolazione, conservazione, trasformazione, commercializzazione e valorizzazione - è considerata attività commerciale, tassata secondo le disposizioni che regolano il reddito d impresa. In conclusione, le sole attività di conservazione, commercializzazione e valorizzazione di prodotti (uva o vino) acquistati presso terzi poiché tali attività non vengono esercitate congiuntamente ad un processo di trasformazione o manipolazione non possono essere assoggettate al regime di determinazione del reddito agrario previsto dall art. 32 del Tuir, ma vengono attratte nel regime di determinazione del reddito d impresa. TERRENI NON PRODUTTIVI DI REDDITO AGRARIO Non producono reddito agrario: i terreni che costituiscono pertinenze di fabbricati urbani (ad esempio, giardini privati); i terreni destinati a pubblici servizi gratuiti (ad esempio, parchi pubblici, aree di parcheggio); i terreni che costituiscono beni strumentali di imprese; i terreni affittati per uso non agricolo (ad esempio, per una cava o una miniera). DETERMINAZIONE DEL REDDITO AGRARIO Il reddito agrario si determina in base alle tariffe d estimo catastali. Più in dettaglio, la determinazione del reddito agrario avviene in base ad un meccanismo forfetario, ovvero mediante l applicazione delle tariffe d estimo, stabilite dalla legge catastale per ogni qualità e classe di coltura. Ai fini delle imposte sui redditi, inoltre, fino all entrata in vigore delle nuove tariffe d estimo, tale reddito deve essere rivalutato con l applicazione di un coefficiente pari al 70 per cento. PERDITA PER MANCATA COLTIVAZIONE E PER EVENTI NATURALI Il reddito agrario si considera inesistente e quindi non viene tassato quando si veri- 8 guida fiscale per il settore vinicolo

10 ficano le seguenti ipotesi: mancate coltivazioni; perdite per eventi naturali di almeno il 30% del prodotto ordinario. REDDITO DOMINICALE ASPETTI GENERALI Il reddito dominicale è il reddito imputato al proprietario del terreno ovvero al soggetto che possiede un diritto reale su di esso. Tale reddito viene definito dall art. 27 del Tuir come la parte dominicale del reddito medio ordinario che si ritrae dal terreno attraverso l esercizio di attività agricole. Ai fini della determinazione del reddito dominicale, quindi, non si fa riferimento a quanto effettivamente percepito, bensì ad un valore stimato catastalmente sulla base dell estensione del terreno, della zona in cui si trova e della coltura praticata, valore che si considera comunque prodotto per il solo fatto di essere possessore del terreno. Limitatamente al settore vitivinicolo, sono obbligati a dichiarare il reddito dominicale coloro che svolgono attività agricola e sono in possesso di uno dei seguenti diritti: proprietà; enfiteusi; superficie; usufrutto; uso; oneri reali (quali, ad esempio, censi, livelli, colonie perpetue, ecc.). Così come previsto per il reddito agrario, non producono reddito dominicale: i terreni che costituiscono pertinenze di fabbricati urbani; i terreni destinati a pubblici servizi gratuiti; i terreni che costituiscono beni strumentali di imprese; i terreni affittati per uso non agricolo. DETERMINAZIONE DEL REDDITO DOMINICALE Il calcolo si basa sulle tariffe d estimo, stabilite dalla legge catastale. A tal riguardo, si ricorda che, ai fini della determinazione delle imposte sui redditi, la tariffa d estimo che esprime il reddito dominicale deve essere rivalutata dell 80%. Dal 1 gennaio 1999, la rivalutazione del reddito dominicale ed agrario non si applica per il periodo in cui i terreni sono concessi in affitto per uso agricolo ai giovani: di età inferiore a 40 anni; che siano coltivatori diretti o imprenditori agricoli a titolo principale (anche se hanno acquisito tale veste entro 12 mesi dalla stipula del contratto di affitto). PERDITE PER MANCATA COLTIVAZIONE Nel caso in cui un fondo rustico, costituito per almeno due terzi da terreni qualificati come coltivabili, non sia stato coltivato per un intera annata agraria, il reddito dominicale si considera pari al 30%. PERDITE PER EVENTI NATURALI Il reddito dominicale si considera inesistente nel caso di una perdita per eventi naturali di almeno il 30% del prodotto ordinario del fondo rustico. A tal fine la perdita deve essere causata da eventi naturali e non da atti dolosi o colposi. Inoltre, la perdita deve essere misurata avuto riguardo al prodotto dell intero fondo. guida fiscale per il settore vinicolo 9

11 Occorre presentare la denuncia per perdita dovuta ad eventi naturali all Ufficio dell Agenzia del Territorio entro tre mesi dalla data in cui si è verificato l evento dannoso. Se la data non è determinabile in modo esatto occorre comunque che la denuncia sia presentata almeno quindici giorni prima dell inizio del raccolto. REDDITO D IMPRESA ASPETTI GENERALI Come già accennato, le regole di determinazione del reddito d impresa trovano applicazione, nel settore vitivinicolo, in diversi casi. In particolare, è possibile richiamare le seguenti ipotesi: esercizio di attività connesse eccedenti i limiti previsti dall articolo 32, comma 2, lettera c); esercizio di attività commerciale pura. Pertanto, come già accennato, nel caso in cui un soggetto si occupi dell acquisto di uve presso un imprenditore agricolo per la successiva rivendita al pubblico l attività che ne risulta si qualifica come attività commerciale e, in quanto tale, assoggettata alle regole di determinazione del reddito d impresa. Della stessa natura è il reddito che si origina dalla vendita di vino ottenuto dalla trasformazione di uve acquistate interamente presso terzi; in tale ipotesi, infatti, il soggetto che produce vino non svolge alcuna attività di natura agricola, né diretta (coltivazione del fondo), né connessa (produzione di vino con uva ottenuta prevalentemente dalla coltivazione del fondo svolta in prima persona), per cui mancano i presupposti affinché tornino applicabili le regole di determinazione del reddito agrario di cui all art. 32 del Tuir. Ne deriva che l attività in questione viene tassata secondo le disposizioni che regolano il reddito d impresa. Di tipo commerciale è, inoltre, l attività di vendita al pubblico di vino in bottiglia o alla mescita, quale l attività esercitata dai commercianti al dettaglio o dalle enoteche. Anche in tale fattispecie, il reddito che ne deriva si qualifica come reddito d impresa e segue, ai fini della tassazione diretta, le specifiche regole contenute nel Tuir. ATTIVITÀ SVOLTA DA SOCIETÀ DI CAPITALI O COOPERATIVE E il caso di precisare, che, laddove l attività agricola sia essa diretta, quale la coltivazione di viti o connessa, come la produzione di vino con uva ottenuta in prevalenza dalla produzione propria venga svolta da società di capitali, enti commerciali, cooperative, società di mutua assicurazione o società di persone diverse dalle società semplici, il reddito non può assumere mai la connotazione di reddito agrario, ma quella di reddito d impresa. In particolare, le cooperative agricole hanno lo stesso trattamento fiscale delle società di capitali; perciò rientrano tra i soggetti passivi dell Ires, anche se, per esse sono previste particolari agevolazioni fiscali in materia. DETERMINAZIONE DEL REDDITO Nelle fattispecie sopra elencate il reddito da assoggettare a tassazione non viene determinato sulla base di criteri forfetari come si verifica per i redditi di natura agraria e dominicale, determinati, come detto, sulla base di tariffe di estimo catastale ma in maniera analitica, considerando opportunamente tutti i costi, i ricavi e le rimanenze che si originano a seguito dell attività svolta. 10 guida fiscale per il settore vinicolo

12 A tale proposito, si ricorda che, nonostante la riforma del diritto societario, è rimasto invariato il principio fondamentale secondo cui il reddito d impresa è determinato apportando all utile o alla perdita risultante dal conto economico, relativo all esercizio chiuso nel periodo d imposta, le variazioni in aumento o in diminuzione conseguenti all applicazione dei criteri stabiliti nelle disposizioni del Tuir. Conseguentemente, il punto di partenza resta il dato risultante dal conto economico. REDDITO FORFETARIO Come accennato, con riferimento ad alcune attività, l articolo 56 bis del Tuir, prevede una tassazione agevolata mediante l applicazione di un coefficiente di redditività da applicare all ammontare dei corrispettivi conseguiti. Si tratta, in particolare: delle attività connesse relative a prodotti non inclusi tra quelli indicati nel decreto ministeriale 19 marzo 2004, cui si applica il coefficiente di redditività del 15%; delle attività dirette alla fornitura a terzi di servizi effettuate mediante l utilizzazione prevalente di attrezzature o risorse dell azienda normalmente impiegate nell attività agricola principale, cui si applica il coefficiente di redditività del 25%. Va, infine, ricordato che le disposizioni previste dall articolo 56 bis si applicano anche per i redditi diversi derivanti dallo svolgimento occasionale delle attività agricole connesse eccedenti i limiti dell articolo 32, comma 2, lettera c del Tuir. TAVOLA 1 IMPOSTE SUI REDDITI 19/3/2004; guida fiscale per il settore vinicolo 11

13 III. IRAP ASPETTI GENERALI Così come previsto per le imposte sui redditi, anche relativamente all Irap, occorre distinguere tra produttori vitivinicoli titolari di reddito agrario e soggetti che esercitano, a tutti gli effetti, un impresa commerciale. Infatti, anche se l imposta si applica sul valore della produzione netta derivante dall attività esercitata nel territorio della regione, la definizione del valore di produzione netta varia in funzione della tipologia di attività esercitata. Pertanto, se nel primo caso si applicano le specifiche disposizioni previste per i produttori agricoli, in particolar modo con riferimento alla determinazione della base imponibile ed alle aliquote applicabili, nel secondo caso valgono le regole ordinarie previste per gli imprenditori commerciali. IMPRENDITORI AGRICOLI BASE IMPONIBILE La base imponibile Irap per gli agricoltori è costituita dai corrispettivi soggetti a registrazione ai fini Iva, al netto dei seguenti elementi: acquisti inerenti all attività agricola, soggetti a registrazione ai fini Iva; contributi per assicurazioni obbligatorie contro gli infortuni sul lavoro; spese relative agli apprendisti e ai disabili; spese relative al personale assunto con contratto di formazione lavoro. Non sono ammessi in deduzione i seguenti elementi: costi relativi al personale (Tfr, erogazioni a favore della generalità dei dipendenti, ecc); compensi per prestazioni di lavoro autonomo non esercitate abitualmente; costi per prestazioni di collaborazione coordinata e continuativa; compensi per prestazioni di lavoro assimilato a quello dipendente; utili spettanti agli associati in partecipazione; quota riferibile agli interessi passivi del canone relativo a contratti di locazione finanziaria; perdite su crediti. Le modalità di determinazione della base imponibile sopra evidenziate riguardano le imprese agricole che determinano il reddito in base alla Tariffa catastale. Invece le società di capitali e quelle di persone diverse dalle società semplici calcolano la base imponibile seguendo le regole previste per le imprese commerciali; tuttavia, anche queste ultime applicano l aliquota ridotta dell 1,9%. Nel caso in cui l attività sia esercitata in più regioni da persone fisiche, società semplici ed enti non commerciali che svolgono attività agricola nei limiti di cui all art. 32 del Tuir, la ripartizione della base imponibile deve essere effettuata in funzione dell estensione dei terreni ubicati nel territorio di ciascuna regione. OPZIONE PER IL REGIME ORDINARIO I produttori agricoli titolari di reddito agrario di cui all articolo 32 del Tuir possono optare per la determinazione della base imponibile con modalità analoghe a quelle previste per le imprese a condizione che l opzione venga esercitata nella dichiarazione ai fini Irap. 12 guida fiscale per il settore vinicolo

14 Una volta esercitata, l opzione ha effetto fino a revoca e comunque per almeno 4 anni. ALIQUOTE Le aliquote Irap per i soggetti che operano nel settore vitivinicolo sono le seguenti: per il periodo : 1,9%; per il periodo d imposta 2006: 3,75%; per i periodi d imposta successivi: 4,25%. AGRICOLTORI IN REGIME DI ESONERO Sono esclusi dall Irap i produttori agricoli che rientrano nel regime di esonero ai fini Iva, cioè coloro che nell anno precedente hanno realizzato un volume d affari non superiore a euro 2.582,28 (o euro 7.746,85 per le attività agricole esercitate esclusivamente nei Comuni montani con meno di mille abitanti ovvero negli altri centri montani con meno di 500 abitanti individuati dalla Regione) costituito per almeno due terzi da cessione di prodotti agricoli e ittici compresi nella prima parte della tabella A allegata al D.P.R. n. 633/1972. Tali produttori agricoli, tuttavia, assumono la veste di soggetti passivi Irap se nel corso dell anno hanno superato il limite di un terzo per le operazioni diverse da quelle sopra delineate, a meno che ciò sia dovuto ad operazioni di cessione di beni ammortizzabili che non concorrono alla determinazione del volume d affari. IMPRENDITORI COMMERCIALI BASE IMPONIBILE In caso di esercizio di impresa commerciale, per la determinazione della base imponibile, occorre fare riferimento alle voci del conto economico e, precisamente, alla differenza algebrica tra la somma 1 - Valore della produzione: Ricavi delle vendite e delle prestazioni; Variazioni delle rimanenze di prodotti in corso di lavorazione, semilavorati e finiti; Variazione dei lavori in corso su ordinazione; Incrementi di immobilizzazioni per lavori interni; Altri ricavi e proventi, compresi i contributi erogati in base a norma di legge, con esclusione di quelli correlati a componenti negativi non ammessi in deduzione; e la somma 2 - Costi della produzione: Per materie prime, sussidiarie, di consumo e di merci; Per servizi; Per godimento di beni di terzi; Ammortamenti e svalutazioni; Variazioni delle rimanenze di materie prime, sussidiarie, di consumo e merci; Oneri diversi di gestione con esclusione delle perdite su crediti. Anche in questo caso, non sono ammessi in deduzione i seguenti elementi: costi relativi al personale (Tfr, erogazioni a favore della generalità dei dipendenti, ecc); compensi per prestazioni di lavoro autonomo non esercitate abitualmente; costi per prestazioni di collaborazione coordinata e continuativa; compensi per prestazioni di lavoro assimilato a quello dipendente; guida fiscale per il settore vinicolo 13

15 utili spettanti agli associati in partecipazione; quota riferibile agli interessi passivi del canone relativo a contratti di locazione finanziaria; perdite su crediti. SOGGETTI NON TENUTI ALLA REDAZIONE DEL CONTO ECONOMICO Per le società di persone, per le imprese individuali e per tutti gli altri soggetti non tenuti alla redazione del conto economico a norma dell art del codice civile, la base imponibile IRAP è determinata con gli stessi criteri previsti per le società di capitali. SOGGETTI IN CONTABILITÀ SEMPLIFICATA I soggetti in contabilità semplificata determinano la base imponibile con gli stessi criteri previsti per i soggetti in contabilità ordinaria e devono, pertanto, procedere alla riclassificazione dei componenti positivi e negativi, utilizzando lo schema di conto economico previsto dall art del codice civile. SOGGETTI IN REGIME FORFETARIO La base imponibile Irap dei redditi forfetari di cui all art. 56-bis del Tuir è determinata sommando al reddito forfettario l ammontare delle retribuzioni sostenute per il personale dipendente, dei compensi spettanti ai collaboratori coordinati e continuativi, di quelli per prestazioni di lavoro autonomo non esercitate abitualmente, e degli interessi passivi. ALIQUOTE Per le imprese commerciali si applica l aliquota ordinaria pari al 4,25%. Vale la pena di ricordare che le regioni hanno facoltà di variare l aliquota fino a un massimo di un punto percentuale. Pertanto, si rimanda alle disposizioni regionali la verifica della presenza o meno di aliquote particolari. DEDUZIONI SPESE DEDUCIBILI Per entrambe le categorie (imprenditori agricoli e commerciali) sono ammessi in deduzione: i contributi per le assicurazioni obbligatorie contro gli infortuni sul lavoro; le spese relative agli apprendisti; le spese relative ai lavoratori disabili; nella misura del 100% le spese relative ai contratti di formazione lavoro. Inoltre, a decorrere dal 1 gennaio 2005, per tutti i soggetti passivi, escluse le Amministrazioni pubbliche, sono deducibili anche i costi sostenuti per il personale addetto alla ricerca e sviluppo, ivi compresi quelli per il predetto personale sostenuti da consorzi tra imprese costituiti per la realizzazione di programmi comuni di ricerca e sviluppo. 14 guida fiscale per il settore vinicolo

16 ULTERIORE DEDUZIONE Per tutti i soggetti, ad esclusione delle Amministrazioni pubbliche, a partire dal periodo d imposta che inizia successivamente al 31 dicembre 2004, è prevista un ulteriore deduzione dal valore della produzione netta prima della ripartizione dello stesso su base regionale, pari: euro se la base imponibile non supera euro ,91; euro se la base imponibile supera euro ,91 ma non euro ,91; euro se la base imponibile supera euro ,91 ma non euro ,91; euro se la base imponibile supera euro ,91 ma non euro ,91. DEDUZIONE PER LAVORO DIPENDENTE Inoltre, con effetto dal 1 gennaio 2003, per ogni lavoratore dipendente spetta una deduzione pari a euro 2.000, a condizione che i componenti positivi che concorrono alla formazione del valore della produzione non siano superiori nel periodo d imposta a euro La deduzione massima spettante è pari a Euro I lavoratori rilevanti per l attribuzione della deduzione devono avere le seguenti caratteristiche: non devono essere assunti con contratto di formazione e lavoro; non devono essere disabili; non devono essere apprendisti; devono avere un contratto a tempo pieno e per l intero periodo d imposta; in caso di periodo inferiore, la deduzione deve essere ragguagliata al periodo di lavoro. DEDUZIONE PER INCREMENTO OCCUPAZIONALE Infine, per tutti i soggetti, ad esclusione delle Amministrazioni pubbliche, fino al periodo d imposta in corso al 31 dicembre 2008, che incrementano il numero di lavoratori dipendenti assunti con contratto a tempo indeterminato, rispetto al numero dei lavoratori assunti con il medesimo contratto mediamente occupati nel periodo d imposta in corso al 31 dicembre 2004, è deducibile il costo del predetto personale per un importo annuale non superiore a euro per ciascun nuovo dipendente assunto, e nel limite dell incremento complessivo del costo del personale classificabile nell articolo 2425, primo comma, lettera B), numeri 9) e 14), del codice civile. Nelle aree ammissibili alle deroghe previste dall articolo 87, paragrafo 3, lettere a) e c), del Trattato che istituisce la Comunità europea, individuate dalla Carta italiana degli aiuti a finalità regionale per il periodo , l importo deducibile è raddoppiato. Ai fini del calcolo rilevano gli incrementi del predetto personale nei tre periodi d imposta successivi a quello in corso al 31 dicembre 2004; la media dell incremento occupazionale raggiunto nei predetti periodi di imposta costituisce l incremento massimo agevolabile nei periodi d imposta successivi. La deduzione in esame può essere operata, semprechè ricorrono i previsti requisiti, con riferimento a tutte le nuove assunzioni effettuate nel periodo d imposta in corso al 7 dicembre guida fiscale per il settore vinicolo 15

17 IV. IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO ALIQUOTE E CLASSIFICAZIONE DEI PRODOTTI VITIVINICOLI AI FINI IVA Con riferimento all attività di produzione e di trasformazione dei prodotti vitivinicoli, la Tabella A, Parte I allegata al D.P.R. n. 633/1972, classifica tra i prodotti agricoli e ittici: la frutta commestibile, fresca, secca o temporaneamente conservata (n. 18, Tab. A); i mosti di uve parzialmente fermentati anche mutizzati con metodi diversi dalla aggiunta di alcole e i mosti di uve fresche anche mutizzati con alcole (n. 35, Tab. A); i vini di uve fresche con esclusione di quelli liquorosi ed alcoolizzati e di quelli contenenti più del ventidue per cento in volume di alcole (n. 36, Tab. A). Per quanto riguarda l uva, non è prevista una netta distinzione tra prodotto destinato al consumo (uva da tavola) e prodotto destinato alla vinificazione (uva da vino). Infatti, l Amministrazione finanziaria si è espressa in passato, chiarendo che l uva da vino, classificata alla voce doganale 08.04, rientra tra la frutta commestibile, fresca o secca o temporaneamente conservata di cui al n. 18 della tabella A, parte prima. Pertanto, come per l uva da tavola, anche per quella da vino si applica la percentuale di compensazione del 4%; tale percentuale, come si vedrà in seguito, si utilizza in caso di regime speciale. La distinzione tra uva da tavola e uva da vino ha valenza solamente con riferimento all aliquota Iva applicabile. Infatti, mentre per l uva da tavola si applica l aliquota edittale del 4% (l uva da tavola rientra nel n. 8 della tabella A parte seconda) per quella da vino si applica l aliquota del 10% (l uva da vino è prevista dal n. 22 della tabella A, parte terza). TAVOLA 2 ALIQUOTE IVA E PERCENTUALI DI COMPENSAZIONE REGIMI IVA L attività di produzione, trasformazione e commercializzazione di prodotti vitivinicoli, è soggetta a differenti disposizioni a seconda delle modalità di svolgimento della stessa. In particolare, occorre distinguere tra le seguenti ipotesi: imprese agricole che producono e trasformano il prodotto (uva e/o vino); imprese commerciali che vendono il prodotto (uva e/o vino) acquistato da terzi. 16 guida fiscale per il settore vinicolo

18 IMPRESE AGRICOLE Nel caso in cui l impresa agricola svolga un attività diretta alla produzione ed alla vendita del proprio prodotto, come anticipato, trova applicazione il regime degli imprenditori agricoli previsto dall articolo 34 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n Tale norma, prevede i seguenti regimi: speciale; semplificato; di esonero; ordinario. REGIME SPECIALE SOGGETTI INTERESSATI Il regime speciale, che consiste in un particolare regime di detrazione dell Iva, si applica: ai produttori vitivinicoli che esercitano individualmente o in forma associata le attività di cui all articolo 2135 del codice civile, a prescindere dal volume d affari realizzato nell anno solare precedente; vi rientra anche la commercializzazione di uve acquistate, da parte di imprese agricole, presso terzi, purché non sia prevalente rispetto alla commercializzazione di uva prodotta in proprio; alle cooperative di produttori vitivinicoli e loro consorzi che effettuano per conto dei soci la vendita dei prodotti conferiti, solo relativamente alle cessioni di prodotti agricoli ed ittici elencati nella Tabella A, Parte I allegata al D.P.R. n. 633/1972 a condizione che il loro acquisto sia stato assoggettato ad Iva. Il regime speciale si applica anche: alla manipolazione, conservazione, trasformazione e commercializzazione diretta dei propri prodotti; alla manipolazione, conservazione, trasformazione e commercializzazione di prodotti acquisiti da terzi, a condizione che sia rispettato il principio della prevalenza, e cioè che l ammontare di questi ultimi prodotti non sia superiore a quelli provenienti dal proprio fondo. Pertanto, l attività di vinificazione resta assoggettata al regime speciale purché, come verrà descritto in seguito, sia rispettato il principio della prevalenza. MODALITÀ OPERATIVE Il regime speciale è un regime di detrazione dell Iva. In altre parole, mentre l imposta relativa alle cessioni di prodotti agricoli (esclusi i conferimenti) è determinata mediante l applicazione delle relative aliquote, per il calcolo della detrazione dell Iva, si applicano le percentuali di compensazione stabilite con appositi decreti ministeriali. Il calcolo è il seguente: Imposta sulle vendite determinata con le aliquote ordinarie Imposta detraibile corrispondente alle percentuali di compensazione = Iva a debito/credito Per i produttori vitivinicoli in regime speciale permane l obbligo di calcolo dell Iva eventualmente dovuta e del versamento della stessa entro le normali scadenze valide per tutti gli altri contribuenti. guida fiscale per il settore vinicolo 17

19 Esempio Cessione di uva da vino da parte di un produttore agricolo per un ammontare pari a euro esclusa Iva. Come detto, la cessione di uva da vino è soggetta: - all aliquota Iva del 10%; - alla percentuale di compensazione del 4%. Il calcolo dell Iva è, pertanto, il seguente: Iva sulle operazioni imponibili = x 10% = euro 600; Iva detraibile = x 4% = euro 240; Iva dovuta = = euro 360. OPERAZIONI ESCLUSE Il regime speciale Iva non si applica relativamente alle seguenti operazioni: cessioni di prodotti agricoli, qualora l acquisto derivi da atto non assoggettato a Iva sempre che il cedente, il donante o il conferente sia soggetto al regime ordinario; cessioni di prodotti agricoli, acquistati da terzi, qualora i prodotti acquisiti da terzi siano superiori a quelli di produzione propria. Per queste operazioni l Iva si calcola nel seguente modo: Iva sulle vendite determinata con le aliquote ordinarie - Iva sugli acquisti ed importazioni di beni non ammortizzabili e sui servizi utilizzati esclusivamente per la produzione di tali beni e servizi = Iva a debito/credito Tali operazioni devono essere registrate distintamente ed essere indicate separatamente in sede di liquidazione e di dichiarazione annuale. PASSAGGIO DAL REGIME SPECIALE A QUELLO ORDINARIO Il passaggio dal regime speciale a quello ordinario trova applicazione su tutti i produttori vitivinicoli in qualunque momento, se decidono di optare per il regime ordinario. Il passaggio dal regime speciale a quello ordinario comporta la necessità di effettuare la rettifica della detrazione limitatamente ai beni presenti in azienda e non ancora ceduti. Tali beni devono risultare da apposito inventario, da redigersi senza particolari formalità. Il credito Iva che ne deriva può essere utilizzato a partire dalla prima liquidazione periodica dell anno. L opzione deve essere esercitata nella prima dichiarazione Iva che il contribuente deve presentare successivamente alla scelta operata e, in caso di esonero, entro il termine previsto per la presentazione. Va comunque precisato che, anche in assenza di tale comunicazione (che, però, è soggetta ad una sanzione da euro 258 a euro 2.065), l opzione si desume dal comportamento concludente del contribuente e dalle modalità di tenuta delle scritture contabili. L opzione è valida fino a revoca e comunque, per almeno 3 anni. 18 guida fiscale per il settore vinicolo

20 PASSAGGIO DAL REGIME ORDINARIO A QUELLO SPECIALE Nel caso di passaggio dal regime ordinario a quello speciale, sui beni giacenti deve essere determinata l Iva detratta nel regime ordinario. A tal fine, il calcolo dell Iva si effettua applicando le percentuali di compensazioni vigenti al momento della rettifica. La differenza che ne deriva deve essere conteggiata a debito nella prima liquidazione periodica utile. SVOLGIMENTO DI PIÙ ATTIVITÀ AGRICOLE Può succedere che l imprenditore vitivinicolo nell ambito della stessa impresa agricola eserciti più attività distinte a livello organizzativo l una dall altra e che voglia gestirle separatamente applicando differenti regimi Iva. Pertanto, è possibile, per le imprese agricole interessate, separare le attività (applicando per una il regime speciale e per l altra quello ordinario) laddove c è convenienza. REGIME SEMPLIFICATO SOGGETTI INTERESSATI Il regime Iva semplificato si applica agli imprenditori vitivinicoli che: nell anno precedente hanno realizzato un volume d affari compreso fra euro 2.582,28 (o euro 7.746,85 per i comuni montani) e euro ,28; il cui volume d affari sia costituito per almeno due terzi da cessioni di prodotti agricoli e ittici compresi nella prima parte della tabella A allegata al D.P.R. n. 633/1972. MODALITÀ OPERATIVE Il regime semplificato consiste, principalmente, in una serie di semplificazioni contabili. Infatti, i produttori vitivinicoli che rientrano in tale regime sono esonerati dall obbligo delle liquidazioni periodiche e dei relativi versamenti mentre devono rispettare i seguenti adempimenti: emissione della fattura; numerazione e conservazione delle fatture emesse e di acquisto; annotazione delle fatture emesse in forma riepilogativa, distinte per aliquota, entro il termine per la dichiarazione annuale, in apposito registro o, se tenuto, nel registro dei corrispettivi; annotazione su tale registro delle fatture d acquisto relative a beni e servizi utilizzati esclusivamente per effettuare operazioni diverse; versamento con scadenza annuale dell Iva a debito; presentazione della dichiarazione annuale con modalità semplificate. Per le cessioni al dettaglio è, inoltre, previsto l esonero dall obbligo di rilascio dello scontrino o della ricevuta fiscale. In caso di superamento del limite di volume d affari, il regime cessa di avere applicazione dall anno successivo a quello di superamento. Qualora, invece, nel corso dell anno venga superato il limite di un terzo del volume d affari, mediante cessioni di prodotti non agricoli o di prestazioni di servizi, il regime semplificato cessa con effetto immediato. guida fiscale per il settore vinicolo 19

FISCO E VINO 2013. Guida agli adempimenti fiscali ed alle agevolazioni per il settore vitivinicolo

FISCO E VINO 2013. Guida agli adempimenti fiscali ed alle agevolazioni per il settore vitivinicolo vini e oli di sicilia Regione Siciliana Assessorato Regionale delle Risorse Agricole e Alimentari Direzione Regionale della Sicilia IRVOS Istituto Regionale Vini e Oli di Sicilia FISCO E VINO 2013 Guida

Dettagli

Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti e Relazioni Esterne. in collaborazione con Direzione Regionale della Liguria AGGIORNAMENTO 2006

Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti e Relazioni Esterne. in collaborazione con Direzione Regionale della Liguria AGGIORNAMENTO 2006 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti e Relazioni Esterne in collaborazione con Direzione Regionale della Liguria AGGIORNAMENTO 2006 INDICE I. ASPETTI GENERALI 2 DEFINIZIONE DI IMPRENDITORE AGRICOLO

Dettagli

Società agricole e ICI. Stefano Spina

Società agricole e ICI. Stefano Spina Società agricole e ICI Stefano Spina 1 AZIENDE AGRICOLE SOCIETÀ AGRICOLE 2 IVA L IVA IN AGRICOLTURA Art.34 DPR 26.10.72 n.633 La disciplina IVA per il settore agricolo prescinde dalla qualifica di azienda

Dettagli

genzia ntrate UNICO Società di persone

genzia ntrate UNICO Società di persone genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Società di persone INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO SOCIETÀ DI PERSONE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

CIRCOLARE N. 60/E. Roma, 28 ottobre 2008

CIRCOLARE N. 60/E. Roma, 28 ottobre 2008 CIRCOLARE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 28 ottobre 2008 OGGETTO: Le nuove modalità di determinazione della base imponibile dell imposta regionale sulle attività produttive per

Dettagli

RISOLUZIONE N. 86/E. Roma, 15/10/2015

RISOLUZIONE N. 86/E. Roma, 15/10/2015 RISOLUZIONE N. 86/E Direzione Centrale Normativa Roma, 15/10/2015 OGGETTO: Interpello ordinario Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 - (Tassazione forfettaria del reddito derivante dalla produzione e

Dettagli

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi Il Punto sull Iva I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi I regimi Iva previsti dalla normativa Il sistema giuridico italiano ha previsto, per le imprese e professionisti,

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 giugno 2006 Oggetto: Fondi comuni di investimento immobiliare. Modificazioni al regime tributario dei partecipanti. Articolo 1, comma

Dettagli

Circolare N.5/E. OGGETTO: Rapporti tra l IMU e le imposte sui redditi - Chiarimenti

Circolare N.5/E. OGGETTO: Rapporti tra l IMU e le imposte sui redditi - Chiarimenti Circolare N.5/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 marzo 2013 OGGETTO: Rapporti tra l IMU e le imposte sui redditi - Chiarimenti.it 2 INDICE PREMESSA...3 1. RAPPORTO TRA IMU E IMPOSTE SUI REDDITI...3

Dettagli

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO DEGLI AGRICOLTORI

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO DEGLI AGRICOLTORI IL SISTEMA CONTRIBUTIVO DEGLI AGRICOLTORI Coltivatori diretti e Iap (Imprenditori agricoli professionali) pagano i contributi previdenziali in base alla fascia di reddito agrario in cui è inquadrata l

Dettagli

Presupposto soggettivo/oggettivo

Presupposto soggettivo/oggettivo IRAP Principi generali Irap: acronimo di Imposta regionale sulle attività produttive. È un'imposta reale che colpisce la ricchezza in quanto tale, senza tener conto delle condizioni personali del contribuente

Dettagli

Fiscal Approfondimento

Fiscal Approfondimento Fiscal Approfondimento Il Focus di qualità N. 52 31.12.2013 Il regime IVA nel settore agricolo Il regime speciale IVA e il regime di esonero per i produttori agricoli marginali Categoria: Agricoltura Sottocategoria:

Dettagli

Redditi fondiari, redditi di lavoro dipendente e redditi di lavoro autonomo

Redditi fondiari, redditi di lavoro dipendente e redditi di lavoro autonomo Redditi fondiari, redditi di lavoro dipendente e redditi di lavoro autonomo Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario prof. Giuseppe Zizzo 1 oggetto della lezione

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Regime contabile: ordinario o semplificato

Regime contabile: ordinario o semplificato Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 02 20.01.2014 Regime contabile: ordinario o semplificato A cura di Devis Nucibella Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione

Dettagli

Circolare n. 4 04 Febbraio 2013. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE. 1 Premessa... 3

Circolare n. 4 04 Febbraio 2013. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE. 1 Premessa... 3 Circolare n. 4 04 Febbraio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE 1 Premessa... 3 2 Deducibilità delle auto aziendali e dei professionisti... 3 2.1 Auto aziendali...

Dettagli

OGGETTO: Consulenze giuridiche Quesito in materia di contributi regionali erogati ad aziende agrituristiche.

OGGETTO: Consulenze giuridiche Quesito in materia di contributi regionali erogati ad aziende agrituristiche. Roma, 22 gennaio 2010 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenze giuridiche Quesito in materia di contributi regionali erogati ad aziende agrituristiche. Quesito Nell ambito dei Piani di Sviluppo

Dettagli

Regione Campania DISCIPLINA E REGIME TRIBUTARIO

Regione Campania DISCIPLINA E REGIME TRIBUTARIO Regione Campania COMMISSIONE D ESAME PER L ACCESSO ALL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO EX ART. 5 LEGGE 264/91 ANNO 2002 DISCIPLINA E REGIME TRIBUTARIO E01 Che cosa s intende

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 20 del 14 gennaio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di imposte dirette INDICE 1 Premessa... 3 2 Deducibilità delle auto aziendali e dei professionisti...

Dettagli

IL NUOVO REGIME DEI MINIMI A CONFRONTO

IL NUOVO REGIME DEI MINIMI A CONFRONTO IL NUOVO REGIME DEI MINIMI A CONFRONTO Dal prossimo anno il nuovo regime dei minimi sarà scontato, con l'imposta sostitutiva che si ridurrà al 5%, ma saranno poche le persone fisiche che lo potranno applicare.

Dettagli

CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI

CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI Anno IV, n. 1 GENNAIO 2014 I N D I C E LEGGE DI STABILITà n. 147/2013... 3 Canoni di locazione Immobili abitativi... 3 Aumento detrazione Irpef lavoro dipendente...

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Diritto Tributario. Anno 2012 Diritto del Lavoro

Diritto Tributario. Anno 2012 Diritto del Lavoro Anno 2012 Diritto del Lavoro - Premesso il concetto di assicurazione sociale, il candidato illustri i principali adempimenti del datore di lavoro nei confronti di I.N.P.S. ed I.N.A.I.L., sia all inizio

Dettagli

3. Detrazione per acquisto di mobili e grandi elettrodomestici

3. Detrazione per acquisto di mobili e grandi elettrodomestici CIRCOLARE gennaio 2014: La Legge di Stabilità e le altre novità fiscali Vi riepiloghiamo le principali e più rilevanti novità introdotte in materia fiscale dalla Legge 27.12.2013 n 147 (Legge di Stabilità

Dettagli

LE MANOVRE DELL ANNO 2012. Riassunto delle principali novità introdotte nel corso del 2012.

LE MANOVRE DELL ANNO 2012. Riassunto delle principali novità introdotte nel corso del 2012. Milano, 28 gennaio 2013 LE MANOVRE DELL ANNO 2012 Riassunto delle principali novità introdotte nel corso del 2012. D.L. 16 del 02/03/2012, convertito in Legge 26/04/2012 n. 44 Deducibilità dei costi periodici

Dettagli

Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE

Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO Ai sensi dell art. 2 del D.Lgs. 446/97 il presupposto dell'irap e' costituito

Dettagli

Gennaio 2008 Anno IV N. 1

Gennaio 2008 Anno IV N. 1 Fisco Pratico magazine 1 Sintesi Srl 38100 Trento Via alto Adige 170 Tel. 0461-968.900 - Fax 0461-968.989 Codice Fiscale, Partita Iva e Numero iscrizione al Registro Imprese di Trento: 00 616 500 229 info@sintesiservizi.com

Dettagli

-anna maria mangiapelo

-anna maria mangiapelo REDDITI DI IMPRESA - norme generali - dall utile al reddito: esame dei principali casi di deducibilità fiscale dei componenti negativi - regole per la contabilità semplificata -anna maria mangiapelo 1

Dettagli

LA FISCALITA DEGLI IMMOBILI E LE NOVITA IN TEMA DI ACCERTAMENTO

LA FISCALITA DEGLI IMMOBILI E LE NOVITA IN TEMA DI ACCERTAMENTO ADC ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI SINDACATO NAZIONALE UNITARIO SEZIONE ROMA LA FISCALITA DEGLI IMMOBILI E LE NOVITA IN TEMA DI ACCERTAMENTO Roma, 10 dicembre 2009 TRA

Dettagli

a cura dello Studio de Strobel - Forti (Consulenza Societaria e Tributaria) - Roma, Via Montello, 20

a cura dello Studio de Strobel - Forti (Consulenza Societaria e Tributaria) - Roma, Via Montello, 20 Scadenze fiscali Principali adempimenti di carattere fiscale e previdenziale per i Professionisti e le Società in genere in scadenza nel periodo compreso dal 1 gennaio al 31 febbraio 2013. a cura dello

Dettagli

La Comunicazione Dati Iva 2014 entro il 28.02.2014

La Comunicazione Dati Iva 2014 entro il 28.02.2014 Numero 24/2014 Pagina 1 di 10 La Comunicazione Dati Iva 2014 entro il 28.02.2014 Numero : 24/2014 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : IVA COMUNICAZIONE DATI IVA PROVVEDIMENTO DIRETTORE AGENZIA DELLE ENTRATE

Dettagli

IL FOTOVOLTAICO IN AGRICOLTURA

IL FOTOVOLTAICO IN AGRICOLTURA COMMISSIONE DI STUDIO IMPOSTE DIRETTE QUADERNO a cura di Letizia Giovanna Galati IL FOTOVOLTAICO IN AGRICOLTURA FEBBRAIO 2014 1 Con la circolare n.32/e del 2009, l Agenzia delle Entrate ha fornito importanti

Dettagli

Impianti FV oltre i 3 kw accatastabili, presentata interrogazione alla Camera

Impianti FV oltre i 3 kw accatastabili, presentata interrogazione alla Camera casaeclima.com http://www.casaeclima.com/ar_17457_rinnovabili-fotovoltaico-fotovoltaico-agenzia-delle-entrate-rendite-catastali-impianti-fvoltre-i-3-kw-accatastabili-presentata-interrogazione-alla-camera.html

Dettagli

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI Gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Comunicazione dati IVA per l anno 2014 Dichiarazione IVA per l anno 2014 - Chiusure contabili 2014 Entro lunedì 2 marzo 2015 deve

Dettagli

FISCALITA PER IL GIOVANE MEDICO

FISCALITA PER IL GIOVANE MEDICO FISCALITA PER IL GIOVANE MEDICO INTRODUZIONE Il Medico o l Odontoiatra che intende esercitare la libera professione è tenuto ad osservare gli adempimenti fiscali previsti per legge: denuncia di inizio

Dettagli

Regime fiscale agevolato per autonomi

Regime fiscale agevolato per autonomi 1 REGIME FORFETARIO PER AUTONOMI Regime fiscale agevolato per autonomi L art. 1, c. 54 89, della legge di stabilità 2015 disciplina il nuovo regime fiscale agevolato per autonomi, destinato agli esercenti

Dettagli

REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI o NUOVO REGIME FORFETARIO

REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI o NUOVO REGIME FORFETARIO REGIME FISCALE AGEVOLATO PER AUTONOMI o NUOVO REGIME FORFETARIO REGIME FORFETARIO PER AUTONOMI L art. 1 co. 54-89 della legge di stabilità 2015 disciplina il nuovo regime fiscale agevolato per autonomi,

Dettagli

La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE

La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Le fonti normative Normativa fiscale Riferimenti D.P.R. 917/86 (T.U.I.R.) Artt. 73, 143-150 L. 398/91 Regime forfetario di determinazione

Dettagli

LA LIBERA PROFESSIONE

LA LIBERA PROFESSIONE LA LIBERA PROFESSIONE PRINCIPI DELLE RILEVAZIONI CONTABILI La determinazione del reddito di professionisti ed artisti avviene in modo analitico. Nel regime analitico il reddito è costituito dalla differenza

Dettagli

Il regime della cedolare

Il regime della cedolare STUDIO Russo commercialisti Ai Clienti dello Studio RUSSO Il regime della cedolare secca Il calcolo della tassazione agevolata e le modalità di opzione alla luce dei chiarimenti di prassi in materia. Il

Dettagli

IMPOSTA UNICA COMUNALE - IUC

IMPOSTA UNICA COMUNALE - IUC IMPOSTA UNICA COMUNALE - IUC TARI tassa sui rifiuti TASI tassa sui servizi indivisibili (illuminazione pubblica, manutenzione strade, vigilanza urbane ecc.) IMU imposta municipale sugli immobili Esenti:

Dettagli

Tipologie di contribuenti

Tipologie di contribuenti DEFINIZIONI E CLASSIFICAZIONI Tipologie di contribuenti Il mondo dei contribuenti Persone Fisiche viene analizzato sia nella sua completezza che considerando i soli titolari di partita iva. Tutti i contribuenti

Dettagli

CESEDA studio associato. Circolare numero 2 del 17 gennaio 2014 IN BREVE

CESEDA studio associato. Circolare numero 2 del 17 gennaio 2014 IN BREVE CESEDA studio associato Circolare numero 2 del 17 gennaio 2014 IN BREVE Compensazione del credito IVA dal 16 gennaio 2014 Nuovi limiti alle compensazioni d imposta (imposte sui redditi, IRAP, ritenute

Dettagli

L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI

L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI INFORMATIVA N. 253 10 NOVEMBRE 2011 IMPOSTE DIRETTE - IVA L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI Art. 1, commi 96 e seguenti, Legge n. 244/2007 Circolari Agenzia Entrate 21.12.2007,

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Novità modello 730/2013 e modello Unico Persone Fisiche2013 (Fascicolo1) Roma, 26 marzo 2013

Novità modello 730/2013 e modello Unico Persone Fisiche2013 (Fascicolo1) Roma, 26 marzo 2013 Novità modello 730/2013 e modello Unico Persone Fisiche2013 (Fascicolo1) Roma, 26 marzo 2013 RAPPORTO TRA IMU E IRPEF EFFETTI SUI REDDITI DEI TERRENI E DEI FABBRICATI RAPPORTO IMU -IRPEF REDDITI FONDIARI

Dettagli

Vito Dulcamare. REGIME FORFETARIO - legge 23 dicembre 2014, n. 190, co 54/89 -

Vito Dulcamare. REGIME FORFETARIO - legge 23 dicembre 2014, n. 190, co 54/89 - Vito Dulcamare REGIME FORFETARIO - legge 23 dicembre 2014, n. 190, co 54/89-5 febbraio 2015 1 LEGGE DELEGA PER LA RIFORMA DEL FISCO Legge 11 marzo 2014, n. 23 Delega al Governo recante disposizioni per

Dettagli

Istruzioni Quadro G. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA 2014

Istruzioni Quadro G. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro G Il contribuente, per la compilazione di questo

Dettagli

IL FISCO PER LA CRESCITA, MENO TASSE E ADEMPIMENTI, PIU «COMPLIANCE» in collaborazione con l Agenzia delle Entrate Direzione Regionale del Piemonte

IL FISCO PER LA CRESCITA, MENO TASSE E ADEMPIMENTI, PIU «COMPLIANCE» in collaborazione con l Agenzia delle Entrate Direzione Regionale del Piemonte 1 IL FISCO PER LA CRESCITA, MENO TASSE E ADEMPIMENTI, PIU «COMPLIANCE» in collaborazione con l Agenzia delle Entrate Direzione Regionale del Piemonte IL NUOVO REGIME AGEVOLATO PER I CONTRIBUENTI DI MINORI

Dettagli

Le differenze tra queste due attengono al momento della formazione e a quello delle responsabilità economiche.

Le differenze tra queste due attengono al momento della formazione e a quello delle responsabilità economiche. Enti no profit (associazioni) Una organizzazione no profit si caratterizza per il fatto che, non avendo scopo di lucro e non essendo destinata alla realizzazione di profitti, reinveste gli utili interamente

Dettagli

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Entro il 28 febbraio 2014 i titolari di partita Iva sono tenuti a presentare

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

L APICOLTORE IMPRENDITORE AGRICOLO * * * PREMESSA. L articolo 2135 del codice civile (modificato nel 2001) definisce in modo chiaro la figura

L APICOLTORE IMPRENDITORE AGRICOLO * * * PREMESSA. L articolo 2135 del codice civile (modificato nel 2001) definisce in modo chiaro la figura Pag. 1 di 24 L APICOLTORE IMPRENDITORE AGRICOLO * * * PREMESSA L articolo 2135 del codice civile (modificato nel 2001) definisce in modo chiaro la figura dell imprenditore agricolo in chi esercita le attività

Dettagli

TEST D ACCESSO PER I REGIMI AGEVOLATI

TEST D ACCESSO PER I REGIMI AGEVOLATI TEST D ACCESSO PER I REGIMI AGEVOLATI ART. 1 C. 96 E SEGG. L. 244/2007; ART. 27, DL 98/2011; PROVV. ENTRATE DEL22/12/2011; CM N. 17 DEL 30/5/2012; ART. 13, L. 388/2000 Sintesi: si riepilogano le principali

Dettagli

L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI

L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI Sommario Introduzione... 2 Il principio generale di esenzione dall Iva... 2 La nozione di impresa costruttrice... 3 Fabbricati

Dettagli

INFORMATIVA N. 2/2013

INFORMATIVA N. 2/2013 STUDIO RENZO GORINI DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE COMO 1.2.2013 22100 COMO - VIA ROVELLI, 40 TEL. 031.27.20.13 E mail: segreteria@studiogorini.it FAX 031.27.33.84 INFORMATIVA N. 2/2013 LEGGE

Dettagli

Regime Iva delle associazioni di volontariato non iscritte nei registri regionali di Sebastiano Di Diego*

Regime Iva delle associazioni di volontariato non iscritte nei registri regionali di Sebastiano Di Diego* SCHEDE OPERATIVE n.1/2006 non OdV Regime Iva delle associazioni di volontariato non iscritte nei registri regionali di Sebastiano Di Diego* Come per l Ires, anche in materia di Iva, è l iscrizione o meno

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE

CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE SOMMARIO TRATTAMENTO FISCALE E CONTA- BILE Art. 88 D.P.R. 22.12.1986, n. 917 - Principio contabile n. 16 - R.M. 29.03.2002, n. 100/E Costituiscono sopravvenienze attive i proventi

Dettagli

Opzione Irap entro il 3 marzo

Opzione Irap entro il 3 marzo Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 07 24.02.2014 Opzione Irap entro il 3 marzo A cura di Devis Nucibella Categoria: Irap Sottocategoria: Base imponibile Entro il prossimo

Dettagli

SALDI D IMPOSTA 2014 E ACCONTI 2015

SALDI D IMPOSTA 2014 E ACCONTI 2015 STUDIO PASSARELLI Rag. Adriano Commercialista - Revisore Contabile Tributi Lavoro - Società Circolare informativa per la clientela del 21 maggio 2015 SALDI D IMPOSTA 2014 E ACCONTI 2015 In questa Circolare

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 183 TRATTAMENTO

Dettagli

REGIME DEI MINIMI: LE RISPOSTE DELL AGENZIA

REGIME DEI MINIMI: LE RISPOSTE DELL AGENZIA APPROFONDIMENTI 12 febbraio 2008 Copyright 2000-2006 Wolters Kluwer Italia. Riproduzione Vietata. REGIME DEI MINIMI: LE RISPOSTE DELL AGENZIA di Annibale Dodero tratto da IPSOA, Corriere Tributario, n.

Dettagli

SCRITTURE E REGIMI CONTABILI

SCRITTURE E REGIMI CONTABILI SCRITTURE E REGIMI CONTABILI Parte III I regimi contabili per imprese e professionisti Dott. Alberto Marengo Dott. Umberto Terzuolo Dott. Piercarlo Bausola Regimi adottabili: I REGIMI CONTABILI PER IMPRESE

Dettagli

SOCIETA IMMOBILIARI DI GESTIONE A cura della Dott.ssa Antonella SABATINI Tutor: Dott. Francesco REMIGIO Novembre 2004

SOCIETA IMMOBILIARI DI GESTIONE A cura della Dott.ssa Antonella SABATINI Tutor: Dott. Francesco REMIGIO Novembre 2004 dei dottori Francesco & Ivo Remigio S t u d i o A s s o c i a t o C o m m e r c i a l i s t i Via Aventino n. 10 int. 2 66023 Francavilla al Mare (CH) Tel. 085 4913703 085 810347 = Fax. 085 814137 - Codice

Dettagli

Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo

Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo Redditi di lavoro dipendente Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo è il contratto mediante il quale l impresa fornitrice pone uno o più lavoratori,

Dettagli

IL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE

IL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE IL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE 1. Introduzione Il contratto di leasing costituisce un negozio a titolo oneroso concluso con la presenza di tre soggetti ognuno con un diverso interesse economico, ossia

Dettagli

STRUTTURA DELLA NUOVA IRPEF

STRUTTURA DELLA NUOVA IRPEF Sezione prima - Imposte dirette Struttura della nuova IRPEF STRUTTURA DELLA NUOVA IRPEF I commi da 6 a 9, Legge finanziaria 2007, intervenendo a modifica del TUIR, riscrivono ancora una volta la struttura

Dettagli

La fiscalità dei contratti di locazione. Milano, 29 gennaio 2013

La fiscalità dei contratti di locazione. Milano, 29 gennaio 2013 La fiscalità dei contratti di locazione Milano, 29 gennaio 2013 1 Fiscalità connessa ai contratti di locazione Imposte dirette Per il locatore non imprenditore, ai fini della determinazione del reddito

Dettagli

Paghe. Detrazioni Irpef e oneri deducibili Andrea Barone - Responsabile analisi normativa software lavoro WKI

Paghe. Detrazioni Irpef e oneri deducibili Andrea Barone - Responsabile analisi normativa software lavoro WKI Detrazioni Irpef e oneri deducibili Andrea Barone - Responsabile analisi normativa software lavoro WKI Voci della busta paga Finanziaria 2007 Limite di reddito Parametrazione a mese Misura Con il pagamento

Dettagli

MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE

MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITA SPORTIVA DILETTANTISTICA (II PARTE) Nel mondo dell associazionismo sportivo tutti i dirigenti sportivi affrontano con abnegazione e spirito di sacrificio

Dettagli

Redditi diversi. Capitolo 8 8.1 CONCETTI GENERALI 8.2 PLUSVALENZE 8.3 INDENNITÀ DI ESPROPRIO 8.4 PREMI E VINCITE 8.5 IMMOBILI SITUATI ALL ESTERO

Redditi diversi. Capitolo 8 8.1 CONCETTI GENERALI 8.2 PLUSVALENZE 8.3 INDENNITÀ DI ESPROPRIO 8.4 PREMI E VINCITE 8.5 IMMOBILI SITUATI ALL ESTERO Redditi diversi Capitolo 8 8.1 CONCETTI GENERALI 8.2 PLUSVALENZE 8.3 INDENNITÀ DI ESPROPRIO 8.4 PREMI E VINCITE 8.5 IMMOBILI SITUATI ALL ESTERO 8.6 ALTRI REDDITI DI NATURA FONDIARIA 8.7 UTILIZZAZIONE ECONOMICA

Dettagli

La Finanziaria 2014 1 parte

La Finanziaria 2014 1 parte INFORMA AZIENDE La Finanziaria 2014 1 parte (Legge di Stabilita 2014 pubbl. G.U. n.147 il 27/12/2013) DETRAZIONI PER EFFICIENZA ENERGETICA-RISTRUTT EDILIZIA PAGAMENTO CANONI LOCAZIONI IMMOBILI ABITATIVI

Dettagli

L ARTISTA E GLI ADEMPIMENTI FISCALI

L ARTISTA E GLI ADEMPIMENTI FISCALI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LA MUSICA FRA CREATIVITA, DIRITTO E FISCO L ARTISTA E GLI ADEMPIMENTI FISCALI Dott. Campolunghi Davide 12 ottobre 2010 - Foyer del Conservatorio, via Conservatorio 12 Milano

Dettagli

R RrRrrr. Roma, 19 febbraio 2015

R RrRrrr. Roma, 19 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 4/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa Roma, 19 febbraio 2015 OGGETTO: Regime fiscale applicabile, ai fini delle imposte dirette e delle imposte indirette, ai contratti di godimento in

Dettagli

Caretteristiche Presupposto Soggetti passivi Base Imponibile Periodo d imposta diretta personale reale

Caretteristiche Presupposto Soggetti passivi Base Imponibile Periodo d imposta diretta personale reale Caretteristiche L Irpef è l imposta sul reddito delle persone fisiche, è la principale imposta del sistema tributario italiano per numero di contribuenti e per gettito. Presupposto: possesso di un reddito

Dettagli

LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI

LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI Forlì, 5 luglio 2013 Prot. n. 115/2013 LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI Continuano a pervenire al nostro ufficio studi, numerose richieste di chiarimenti sulla gestione fiscale

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 158 del 12 vembre 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Bozza Legge di Stabilità 2016. Regime forfettario e regimi agevolati: cosa ci aspetta nel 2016? Gentile cliente, con

Dettagli

CONTRATTO di LEASING NOVITÀ del DECRETO SEMPLIFICAZIONI

CONTRATTO di LEASING NOVITÀ del DECRETO SEMPLIFICAZIONI Circolare informativa per la clientela n. 19/2012 del 7 giugno 2012 CONTRATTO di LEASING NOVITÀ del DECRETO SEMPLIFICAZIONI In questa Circolare 1. Imposte sui redditi 2. Irap 3. Iva 4. Altre imposte indirette

Dettagli

Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio

Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio 4. 1. Attività istituzionale Definizione. L Attività istituzionale è lo scopo per il quale l associazione si è costituita, uno scopo che non può essere di natura

Dettagli

I.R.E.S. Imposta sul Reddito delle Società Titolo II D.P.R. 917/86 Tuir

I.R.E.S. Imposta sul Reddito delle Società Titolo II D.P.R. 917/86 Tuir PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA a.a.2013-2014 I.R.E.S. Imposta sul Reddito delle Società Titolo II D.P.R. 917/86 Tuir 1 I.R.E.S. soggetti passivi = società di capitali S.p.a., S.a.p.a., S.r.l.,

Dettagli

Le associazioni sportive

Le associazioni sportive L IVA nelle associazioni sportive dilettantistiche 1 Attività «ISTITUZIONALE» Attività «COMMERCIALE» applicazione del regime «ORDINARIO» liquidazione ordinaria dell IVA eccezione per attività spettacolistiche

Dettagli

I redditi diversi derivano da diverse fattispecie produttive, non riconducibili alle altre categorie reddituali fino ad ora studiate.

I redditi diversi derivano da diverse fattispecie produttive, non riconducibili alle altre categorie reddituali fino ad ora studiate. REDDITI DIVERSI INDICAZIONI GENERALI Cosa sono i redditi diversi I redditi diversi derivano da diverse fattispecie produttive, non riconducibili alle altre categorie reddituali fino ad ora studiate. Per

Dettagli

LE DEDUZIONI IRAP PER IL 2012

LE DEDUZIONI IRAP PER IL 2012 INFORMATIVA N. 085 27 MARZO 2013 DICHIARAZIONI LE DEDUZIONI IRAP PER IL 2012 Art. 11, D.Lgs. n. 446/97 Art. 2, comma 2, DL n. 201/2011 Circolare Agenzia Entrate 19.11.2007, n. 61/E Risoluzioni Agenzia

Dettagli

DETRAIBILITA DELL IVA DALL

DETRAIBILITA DELL IVA DALL CASO: spese di vitto e alloggio sostenute per le trasferte effettuate fuori dal Comune sede di lavoro dai lavoratori dipendenti e dai titolari di rapporti di co.co.co. (ad esempio anche Amministratori)

Dettagli

START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI

START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI 1 APERTURA PARTITA I.V.A. Lo psicologo che svolge in modo abituale e senza vincolo di subordinazione la propria

Dettagli

NUOVO REGIME PER CONTRIBUENTI MINIMI INTRODOTTO DALLA LEGGE FINANZIARIA 2008

NUOVO REGIME PER CONTRIBUENTI MINIMI INTRODOTTO DALLA LEGGE FINANZIARIA 2008 NUOVO PER CONTRIBUENTI MINIMI INTRODOTTO DALLA LEGGE FINANZIARIA 2008 Il nuovo regime fiscale, introdotto dalla Finanziaria 2008 per i lavoratori autonomi, è riservato a coloro che nell anno 2007 hanno

Dettagli

TRATTAMENTO IVA DELLE CESSIONI GRATUITE. (in particolare, delle cessioni di beni a titolo di sconto, premio o abbuono, ecc...)

TRATTAMENTO IVA DELLE CESSIONI GRATUITE. (in particolare, delle cessioni di beni a titolo di sconto, premio o abbuono, ecc...) TRATTAMENTO IVA DELLE CESSIONI GRATUITE (in particolare, delle cessioni di beni a titolo di sconto, premio o abbuono, ecc...) Andreetta Giandomenico Dottore Commercialista SOMMARIO REGOLA GENERALE... 2

Dettagli

FAQ IMU/TASI PROBLEMI APPLICATIVI DI CARATTERE GENERALE

FAQ IMU/TASI PROBLEMI APPLICATIVI DI CARATTERE GENERALE FAQ IMU/TASI Di seguito vengono messe a disposizione le risposte ad alcune domande frequentemente poste all amministrazione finanziaria da contribuenti, operatori professionali e dai soggetti che realizzano

Dettagli

Edilizia: regimi fiscali ai fini IVA e dirette e agevolazioni

Edilizia: regimi fiscali ai fini IVA e dirette e agevolazioni Salvatore Albanese Rosita Donzì Edilizia: regimi fiscali ai fini IVA e dirette e agevolazioni Risparmio energetico, interventi di ristrutturazione, ecc. ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

IUC 2015 - Imposta Unica Comunale

IUC 2015 - Imposta Unica Comunale IUC 2015 - Imposta Unica Comunale Aggiornamento 04/06/2015 Dal 1 Gennaio 2014 con la normativa introdotta dalla Legge di stabilità ( Legge 147/2013) è stata istituita la IUC, la nuova Imposta Unica Comunale.

Dettagli

Imposte sul reddito d esercizio

Imposte sul reddito d esercizio Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 25 novembre 29 Reddito esercizio e reddito fiscale Determinazione del reddito fiscale (IRAP e IRES) Imposte sul reddito d

Dettagli

Il comodato di beni immobili

Il comodato di beni immobili Il contratto di comodato Con il contratto di comodato una parte (comodante) consegna all altra (comodatario) una cosa mobile o immobile, affinché questi se ne serva per un periodo o per un uso determinato,

Dettagli

Comunicazione Dati Iva relativa al 2009

Comunicazione Dati Iva relativa al 2009 PERIODICO INFORMATIVO N. 08/2010 Comunicazione Dati Iva relativa al 2009 Come di consueto entro la fine del mese di febbraio va presentata, esclusivamente in via telematica, la Comunicazione dati IVA.

Dettagli

Scelto Per Voi. Dall Ici all IMU La Base Imponibile dell IMU e calcolo dell imposta

Scelto Per Voi. Dall Ici all IMU La Base Imponibile dell IMU e calcolo dell imposta Lawt è lieta di offrirvi, nell ambito del progetto di collaborazione con Federalberghi VCO - finalizzato ad offrire ai propri associati nuovi servizi di consulenza fiscale tematici - un tema di approfondimento

Dettagli

730, Unico 2015 e Studi di settore

730, Unico 2015 e Studi di settore 730, Unico 2015 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 1 30.03.2015 Le novità del Modello 730/2015 Precompilato, termini e quadri Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: 730 Con il Provvedimento

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Studio Paolo Simoni. Dottori Commercialisti Associati. Bologna, 14/04/2015. Ai Signori Clienti Loro Indirizzi -----------------------

Studio Paolo Simoni. Dottori Commercialisti Associati. Bologna, 14/04/2015. Ai Signori Clienti Loro Indirizzi ----------------------- Dott. Paolo Simoni Dott. Grazia Marchesini Dott. Alberto Ferrari Dott. Federica Simoni Rag. Lidia Gandolfi Dott. Francesco Ferrari Dott. Enrico Ferra Dott. Agostino Mazziotti Bologna, 14/04/2015 Ai Signori

Dettagli

UNICO 2005 PERSONE FISICHE E SOCIETA DI PERSONE

UNICO 2005 PERSONE FISICHE E SOCIETA DI PERSONE UNICO 2005 PERSONE FISICHE E SOCIETA DI PERSONE Nuovo limite per invio l telematico il contribuente è obbligato ad utilizzare l inviol telematico di unico 2005 se nel 2004 ha realizzato un volume d affari

Dettagli