REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA"

Transcript

1 Allegato alla Delib.G.R. n. 30/ 35 del Disposizioni per la formazione dei responsabili e addetti del servizio di prevenzione e protezione (RSPPe ASPP), di cui all Accordo Stato - Regioni su D.Lgs. 195/ Premessa Le seguenti disposizioni hanno lo scopo di dare attuazione all Accordo Stato - Regioni del 26 gennaio 2006, n. 2407, di seguito denominato Accordo Stato - Regioni, e regolamentare l avvio delle attività formative dei responsabili e degli addetti al servizio di prevenzione e protezione aziendale, così come previsto all art. 8-bis del D.Lgs. 626/1994, modificato dal D.Lgs. 195/2003, in coerenza con le disposizioni normative nazionali e regionali, vista la Deliberazione della Giunta regionale del 13/03/2007 n. 10/6. 1. Campo di applicazione Le seguenti disposizioni si applicano alle attività formative rivolte ai responsabili e agli addetti del servizio di prevenzione e protezione aziendale, realizzate in regime di finanziamento pubblico e in regime di autofinanziamento. Per tutto quanto non esplicitamente richiamato nel presente atto si rinvia alle disposizioni contenute nell Accordo Stato - Regioni e alla normativa specifica di settore. 2. Soggetti formatori I soggetti deputati alla realizzazione dell attività formativa sono distinti in tre gruppi. 1/ 11

2 2.1 Primo gruppo: è costituito dai soggetti individuati all art. 8-bis, comma 3, del D.Lgs. 626/1994 come modificato dal D.Lgs. 195/2003, legittimati, ope legis, a svolgere la formazione nei confronti di ogni tipologia di utenza: a) Regioni e Province autonome; b) Università; c) ISPESL; d) INAIL; e) Istituto Italiano di Medicina sociale; f) Dipartimento dei Vigili del fuoco, del Soccorso pubblico e della difesa civile; g) Amministrazione della Difesa; h) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione; i) Associazioni sindacali dei datori di lavoro o dei lavoratori o organismi paritetici. Tali soggetti sono istituzionalmente abilitati a formare, valutare e attestare direttamente l attività formativa. La Regione può realizzare i corsi per responsabili del servizio prevenzione e protezione e per addetti del servizio prevenzione e protezione (di seguito denominati RSPP e ASPP) anche mediante le strutture tecniche regionali operanti nei Dipartimenti di Prevenzione delle Aziende Sanitarie Locali Servizio di Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro (di seguito SPRESAL). Nel caso delle Associazioni sindacali dei datori di lavoro o dei lavoratori o degli Organismi paritetici, l attività formativa e/o di aggiornamento potrà essere erogata direttamente o avvalendosi unicamente di strutture formative di loro diretta ed esclusiva emanazione. In questo caso, per queste ultime, non sono richiesti i requisiti previsti alle lettere a), b) e c) del punto dell Accordo Stato - Regioni del , n Qualora i sopra elencati soggetti formatori intendano avvalersi di soggetti formatori esterni alla propria struttura, questi ultimi devono possedere i requisiti di accreditamento e di esperienza formativa e professionale richiesti per i soggetti appartenenti al terzo gruppo, così come individuati al punto 2.3 del presente provvedimento. 2.2 Secondo gruppo: è stato individuato in sede di Conferenza permanente per i rapporti Stato, Regioni e Province autonome con l Accordo Stato - Regioni del , n. 2407, e comprende: 2/ 11

3 a) Le Amministrazioni statali e pubbliche sotto elencate, limitatamente al personale della pubblica amministrazione, allocato a livello centrale o periferico: 1) Ministero del lavoro e delle politiche sociali; 2) Ministero della salute; 3) Ministero delle attività produttive; 4) Ministero dell interno:dipartimento degli affari interni e territoriali e Dipartimento di pubblica sicurezza; 5) FORMEZ. b) Le istituzioni scolastiche statali, riconducibili alle seguenti tipologie, nei confronti del proprio personale e di quello delle altre istituzioni scolastiche: 1) Istituti tecnici industriali; 2) Istituti tecnici aeronautici; 3) Istituti professionali per l industria e l artigianato; 4) Istituti tecnici agrari; 5) Istituti professionali per l agricoltura; 6) Istituti tecnici nautici; 7) Istituti professionali per le attività marinare. c) Gli Ordini e i Collegi professionali, già abilitati ai sensi dell art. 10, commi 1 e 2 del D.Lgs. 494/1996, limitatamente ai propri iscritti. I soggetti formatori di cui alle precedenti lettere a), b) e c) sono ritenuti idonei ad assicurare direttamente l attività formativa, la valutazione e l attestazione richiesta a favore dei destinatari sopra specificati. Il personale docente impiegato per l attività formativa dalle predette istituzioni deve possedere esperienza almeno biennale (come specificata per i soggetti di cui al terzo gruppo) in materia di prevenzione e sicurezza sul lavoro. Qualora i sopra elencati soggetti intendano avvalersi di soggetti formatori esterni alla propria struttura, questi ultimi devono possedere i requisiti di accreditamento e di esperienza formativa e professionale richiesti per i soggetti appartenenti al terzo gruppo così come individuati al punto Terzo Gruppo: sulla base di quanto previsto al punto 4.2 dell Accordo Stato Regioni, possono svolgere attività formativa anche i soggetti pubblici e privati che operano in ambito regionale in possesso dei seguenti requisiti: 3/ 11

4 a) possedere esperienza professionale maturata in materia di prevenzione e sicurezza e/o maturata nella formazione alla prevenzione e sicurezza (esperienza formativa) almeno biennale. Per esperienza professionale biennale deve intendersi aver svolto, nei quattro anni immediatamente precedenti la data della domanda, attività professionale in materia di prevenzione e sicurezza sul lavoro per almeno 24 mesi, anche non consecutivi. Per esperienza formativa biennale deve intendersi la realizzazione, in almeno due anni solari (anche non consecutivi) fra i quattro immediatamente precedenti la data della domanda, di un monte ore minimo pari a 50 ore per ciascun anno (intero corso o cumulabile su più moduli di almeno 16 ore) maturate in ambito di prevenzione e sicurezza sul lavoro. b) disporre o impegnarsi a utilizzare docenti con esperienza professionale o esperienza formativa, almeno biennale, maturate in materia di prevenzione e sicurezza sul lavoro. Per esperienza professionale almeno biennale deve intendersi aver svolto attività professionale in materia di prevenzione e sicurezza sul lavoro per almeno 24 mesi, anche non consecutivi, negli ultimi quattro anni precedenti la data di conferimento dell incarico di docenza. Per esperienza formativa biennale deve intendersi aver svolto docenze in materia di prevenzione e sicurezza sul lavoro, per almeno due anni (anche non consecutivi) fra i quattro immediatamente precedenti la data di conferimento dell incarico di docenza, per un monte ore complessivo del biennio pari a un minimo di 100 ore. c) essere inseriti nell Elenco regionale delle Agenzie formative abilitate a proporre e realizzare attività di formazione professionale nella macrotipologia C (formazione continua e permanente), abilitati per la specifica area sicurezza nei luoghi di lavoro, di cui al sistema di accreditamento regionale delle agenzie e delle sedi formative (ex D.M. 166/2001; Delibera Giunta regionale 22 febbraio 2005, n. 7/10 e Decreto Assessorile del 12 aprile 2005, n. 10/05) istituito presso l Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale; Le agenzie formative dovranno utilizzare, per lo svolgimento delle attività, sedi formative accreditate dall Assessorato del Lavoro, Formazione professionale, Cooperazione e Sicurezza sociale, ai sensi del vigente sistema regionale di accreditamento. I soggetti pubblici e privati che intendano attivare corsi di formazione per RSPP e ASPP, devono presentare, al servizio competente dell Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale, 4/ 11

5 Cooperazione e Sicurezza Sociale istanza di inserimento o estensione dell inserimento nella specifica area sicurezza nei luoghi di lavoro nell Elenco regionale di soggetti abilitati a proporre e realizzare interventi di formazione professionale, con le procedure stabilite dal medesimo sistema regionale di accreditamento. La Regione, anche per il tramite degli SPRESAL, si riserva la facoltà di verificare il possesso dei requisiti di cui alle lettere a) e b). 3. Procedure di validazione dei corsi di formazione per RSPP e ASPP I soggetti formatori operanti ope legis o individuati con l Accordo Stato Regioni, primo e secondo gruppo, possono direttamente realizzare i corsi. Qualora, invece, dovessero avvalersi di strutture formative esterne per la realizzazione di detti corsi, queste ultime dovranno seguire la procedura di validazione dei corsi prevista per i soggetti formatori di cui al terzo gruppo e di seguito indicata. I soggetti formatori di cui al terzo gruppo, che intendano attivare corsi di formazione per RSPP e ASPP, in regime di autofinanziamento, devono inoltrare istanza di validazione dei corsi all Assessorato dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale, per il tramite dello SPRESAL del territorio in cui il corso avrà luogo, almeno 90 giorni prima della data prevista per l inizio dell attività formativa. Il progetto formativo dovrà essere oggetto di validazione da parte di una commissione composta da funzionari dell Assessorato dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale e da funzionari dello SPRESAL competente per territorio. Qualora bandi pubblici prevedano il finanziamento di corsi per RSPP e ASPP, il progetto formativo dovrà essere validato da un nucleo di valutazione nel quale deve essere necessariamente prevista la partecipazione di funzionari dell Assessorato dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale e di funzionari degli SPRESAL. In ogni caso, per qualsiasi tipologia di finanziamento, l istanza di validazione dovrà essere corredata dal progetto formativo che si intende attivare. Nel progetto formativo dovranno essere indicati, nel rispetto di quanto previsto nell Accordo Stato Regioni, in dettaglio: l organizzazione dei corsi di formazione; i requisiti professionali della docenza utilizzata; la metodologia di insegnamento/apprendimento; 5/ 11

6 l articolazione dei percorsi formativi, con l indicazione dei moduli A, B e C che si intendono attivare e con l indicazione delle date di inizio e termine per ciascun modulo formativo; le modalità di valutazione e certificazione dell apprendimento; il riconoscimento dei crediti professionali e formativi pregressi; la sede in cui si intende svolgere l attività formativa. Come specificato dalle Linee interpretative dell Accordo Stato - Regioni relative al D.Lgs. 195/2003, per i moduli A, B e C è da escludersi, nella fase attuale di sperimentazione, il ricorso alla metodologia FAD. Parimenti non si riconosce, al momento, l utilizzo di tale metodologia formativa per i corsi di aggiornamento. L Assessorato dell Igiene e Sanità, avvalendosi eventualmente del supporto della Commissione regionale per la formazione sanitaria (istituita con DGR 49/13 del 28/11/2006), definisce con apposito provvedimento, pubblicato nel B.U.R.A.S. e nel sito internet della Regione: gli standard formativi dei corsi, volti a garantire livelli qualitativi il più possibile uniformi nei servizi formativi erogati; le modalità di controllo e di monitoraggio delle iniziative formative attivate; le modalità di alimentazione e di gestione dell elenco dei RSPP e ASPP, per i quali è prevista la partecipazione a corsi di formazione di aggiornamento, da effettuarsi con periodicità quinquennale. L Assessorato dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale, in collaborazione con lo SPRESAL del territorio in cui verrà svolto il corso, verifica che i contenuti e le metodologie formative siano conformi alle disposizioni contenute nell Accordo Stato Regioni e agli standard definiti nel relativo provvedimento regionale. In ogni caso, durante la fase istruttoria di validazione, potranno essere richieste modifiche e/o integrazioni al progetto proposto, che se non recepite, determineranno la mancata autorizzazione all avvio del corso. Il riscontro positivo sull accreditamento della sede formativa individuata nel progetto, consente, all Assessorato dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale, di comunicare all Agenzia formativa interessata l avvenuto riconoscimento del corso e l autorizzazione formale all avvio dell attività formativa prevista. 6/ 11

7 Lo SPRESAL, nel cui territorio sono state attivate le iniziative formative, svolgerà le attività di controllo e di monitoraggio secondo le indicazione dell Assessorato dell Igiene e Sanità. 4. Modalità di presentazione della domanda di validazione dei corsi La domanda di validazione delle azioni formative, presentata in bollo su apposito modello, dovrà essere riferita ad una programmazione didattica sviluppata su base annuale. La programmazione annuale dell attività formativa, che deve intendersi sviluppata nell arco dell anno solare, deve indicare la data prevista di inizio e termine di ciascuna eventuale edizione e deve concludersi entro il 31 dicembre dell anno di riferimento. La domanda di validazione e la programmazione annuale dovranno essere riferite a un solo modulo formativo (A, B o C di cui all Accordo Stato - Regioni), da realizzarsi esclusivamente nella sede formativa indicata. Qualora l agenzia intenda programmare e realizzare attività su diversi moduli e/o su diverse sedi formative, dovrà presentare più domande, in quanto ciascuna domanda è caratterizzata dall indicazione di un solo modulo formativo e di una unica sede. In ogni caso, il soggetto formatore autorizzato dovrà, precedentemente all avvio di ciascuna edizione corsuale, darne comunicazione allo SPRESAL competente trasmettendo, contestualmente, il registro delle presenze compilato con i nominativi dei corsisti ammessi. 5. Rimborso forfetario delle spese istruttorie All atto della presentazione dell istanza di validazione dell attività corsuale, all Assessorato dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale, ciascun soggetto formatore dovrà provvedere al versamento di un contributo forfetario pari a 100,00 (Euro cento/00) per la gestione, il monitoraggio e il mantenimento del sistema. 6. Percorsi di aggiornamento di cui all art. 8 bis, comma 5, D.Lgs. 626/1994 I corsi di aggiornamento quinquennali sono obbligatori sia per RSPP che per ASPP. 7/ 11

8 In base a quanto stabilito dalla Conferenza Stato Regioni i corsi di aggiornamento dovranno fare riferimento ai contenuti dei moduli del rispettivo percorso formativo con riguardo a: a) al settore produttivo di riferimento; b) alle novità normative nel frattempo eventualmente intervenute in materia; c) alle innovazioni nel campo delle misure di prevenzione. La decorrenza del quinquennio per i corsi di aggiornamento parte dalla data del conseguimento della laurea triennale e/o dalla data di conseguimento dell attestato di frequenza con verifica dell apprendimento del modulo B e/o dalla data di conclusione dell aggiornamento previsto per coloro che usufruiscono dell esonero (Accordo Stato - Regioni tabelle A4 e A5 prima riga). L obbligo di aggiornamento ha decorrenza immediata e deve concludersi entro il 14/02/2012 per: > RSPP e ASPP - esonerati dalla frequenza dei moduli A e B in quanto in possesso di esperienza lavorativa superiore a 3 anni; - già designati alla data del ; - attivi alla data del 13 agosto 2003; - in esercizio alla data del ; - senza vincoli di titolo di studio. > RSPP e ASPP in possesso delle seguenti lauree triennali conseguite da più di cinque anni: - Ingegneria della sicurezza e Protezione; - Scienze della Sicurezza e Protezione - Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro. In vigenza dell obbligo dell immediato aggiornamento, gli RSPP o gli ASPP devono frequentare nel corrente anno almeno il 20% del monte ore complessivo di aggiornamento, relativo al macrosettore di attività pertinente, e diluire la quota oraria restante nel quinquennio. In alternativa è possibile optare per la frequenza del modulo B riferito al macrosettore di attività. 7. Riconoscimento dei crediti formativi pregressi Per il riconoscimento dei crediti professionali e formativi pregressi i soggetti deputati alla realizzazione dell attività formativa faranno riferimento a quanto stabilito nell Accordo Stato - Regioni (Tabelle A4 e A5). 8/ 11

9 Deve essere data puntuale motivazione, da parte dei soggetti erogatori, dell attribuzione di crediti formativi ad personam, mediante sottoscrizione, da parte del legale rappresentante dell agenzia, di apposita dichiarazione di responsabilità relativa all avvenuta verifica documentale effettuata per l attribuzione del credito formativo. 8. Sperimentazione L Accordo Stato - Regioni prevede un primo periodo di sperimentazione al fine di testare il nuovo impianto formativo e apportare gli eventuali adeguamenti in Conferenza Stato - Regioni. Pertanto, i progetti formativi elaborati in questa fase transitoria costituiranno un contributo per l elaborazione dei progetti-tipo regionali e per il loro inserimento nel costituendo repertorio regionale delle qualifiche. 9. Attestati L esito positivo della verifica finale, unitamente all accertata frequenza di almeno il 90% del monte ore, consente il rilascio dell attestato di frequenza con verifica dell apprendimento. Analogo attestato di frequenza dovrà essere rilasciato anche al termine dell attività di aggiornamento. Per garantire la riconoscibilità degli attestati e la loro circolazione nel territorio regionale, tutti i soggetti formatori di cui al primo, secondo e terzo gruppo dovranno adottare modelli uniformi di attestato, disponibili sul sito Al fine della rintracciabilità, ciascun attestato avrà un codice identificativo composto dal codice alfanumerico del soggetto erogatore, dall anno di rilascio, dalla sigla provinciale e dal numero cronologico. Per i soggetti appartenenti al primo e secondo gruppo che erogano direttamente la formazione, nella composizione del codice identificativo dell attestato, il codice alfanumerico del soggetto erogatore potrà essere sostituito dal numero di Partita Iva o dal Codice Fiscale. I soggetti formatori appartenenti al terzo gruppo devono, in particolare, curare la corretta compilazione degli attestati, apporre le firme del legale rappresentante dell agenzia e del responsabile del progetto formativo, quindi, trasmetterli per visione, entro 30 giorni, unitamente alla copia originale dei verbali di accertamento dell apprendimento, allo SPRESAL competente, per l apposizione del timbro e della firma da parte del direttore del medesimo. 9/ 11

10 Contestualmente dovrà essere trasmesso, all Assessorato dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale, un documento di sintesi per ciascun corso realizzato contenente l elenco del personale formato e il codice identificativo degli attestati rilasciati. Tale documento dovrà essere firmato dal rappresentante legale del soggetto formatore, su originale cartaceo e in supporto informatico (CD- ROM) per le necessarie attività di monitoraggio. 10. Conservazione degli atti Tutti gli atti relativi all attività formativa in argomento dovranno essere conservati a cura del soggetto formatore. I verbali finali dovranno essere conservati per un periodo di almeno 5 anni al pari di tutti gli altri documenti (curricula docenti, registri presenze, ecc.). 11. Elenco degli RSPP e ASPP abilitati Al fine di garantire il monitoraggio dei percorsi formativi realizzati e dei corsisti formati, è istituito presso l Assessorato dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale un elenco regionale dei soggetti abilitati ai compiti di RSPP e ASPP. Le informazioni che l elenco regionale dovrà contenere, le modalità di alimentazione e di gestione dello stesso saranno definite in apposito provvedimento dirigenziale. 12. Motivi di revoca e cancellazione Sono motivi di revoca dell autorizzazione allo svolgimento di attività formativa: 1) la cancellazione dall elenco regionale dei soggetti abilitati a proporre e realizzare attività di formazione professionale nella macrotipologia C (formazione continua e permanente) abilitati per la specifica area sicurezza nei luoghi di lavoro, di cui al sistema di accreditamento regionale delle agenzie e delle sedi formative (ex D.M. 166/2001; Delibera della Giunta Regionale 22 febbraio 2005, n. 7/10 e Decreto Assessorile del 12 aprile 2005, n. 10/05), istituito presso l Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale; 10/ 11

11 2) il mancato utilizzo, nella realizzazioni delle attività formative, di docenti con esperienza professionale o esperienza formativa, almeno biennale, maturate in materia di prevenzione e sicurezza sul lavoro; 3) la non veridicità delle autocertificazioni; 4) il mancato rispetto di programmi, tempi e metodologie di svolgimento dell attività formativa autorizzata. L atto di revoca è adottato con provvedimento motivato dell Assessorato dell Igiene e Sanità e dell Assistenza Sociale. 13. Attività di supporto Presso gli uffici del competente Assessorato dell Igiene e sanità saranno fornite le attività di supporto all utenza. 14. Rinvio all Accordo Stato-Regione Per tutto quanto non richiamato nel presente atto si rinvia alle disposizioni contenute nell Accordo Stato Regioni del 26 gennaio 2006, n. 2407, relativo ai percorsi formativi RSPP e ASPP e al documento di Linee interpretative dell Accordo 7 settembre / 11

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Sviluppo Economico e Politiche dell'occupazione Sicurezza e Qualità del Lavoro - Ufficio

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Sviluppo Economico e Politiche dell'occupazione Sicurezza e Qualità del Lavoro - Ufficio REGIONE LIGURIA Dipartimento Sviluppo Economico e Politiche dell Occupazione Ufficio Sicurezza e Qualità del lavoro Prime disposizioni in materia di formazione delle figure professionali di Responsabile

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE SERVIZIO PREVENZIONE

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE SERVIZIO PREVENZIONE Direttiva sulle procedure di attuazione ed approvazione della modulistica per i percorsi di formazione dei Responsabili ed Addetti dei servizi di prevenzione e protezione (RSPP e ASPP) di cui all Accordo

Dettagli

Repubblica Italiana. Regione Siciliana

Repubblica Italiana. Regione Siciliana OGGETTO: Formazione degli addetti e dei responsabili SPP di cui al D. Lgs. 195/03 (Gazzetta Ufficiale Serie Generale numero 37 del 14 febbraio 2006) Indice 1.Premessa 2.Soggetti Formatori 3.Procedure 4.Certificazione

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 37 DEL 2 LUGLIO 2007

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 37 DEL 2 LUGLIO 2007 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 18 maggio 2007 - Deliberazione N. 853 - Area Generale di Coordinamento N. 17 - Istruzione - Educazione - Formazione Professionale - Politica Giovanile e

Dettagli

Premesso. convengono quanto segue

Premesso. convengono quanto segue Le Regioni e Province Autonome Premesso a) che in data 14 febbraio 2006 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 37 l Accordo, siglato in Conferenza Stato-Regioni, attuativo dell art.2, commi 2 e

Dettagli

Decreto RSPP : le ulteriori indicazioni delle Regioni per favorire l interpretazione univoca del testo dell Accordo

Decreto RSPP : le ulteriori indicazioni delle Regioni per favorire l interpretazione univoca del testo dell Accordo ASSOCIAZIONE AMBIENTE E LAVORO Associazione di Protezione Ambientale di interesse nazionale (D.M. 1/3/88 - G.U. 19/5/88) Decreto RSPP : le ulteriori indicazioni delle Regioni per favorire l interpretazione

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE RSPP E ASPP

CORSI DI FORMAZIONE RSPP E ASPP CORSI DI FORMAZIONE RSPP E ASPP Ultimo accordo raggiunto nell incontro tecnico del 29/9/2005 tra i rappresentanti delle Amministrazioni centrali interessate e delle Regioni e Province autonome per l attuazione

Dettagli

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PROVVEDIMENTO 26 gennaio 2006

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PROVVEDIMENTO 26 gennaio 2006 CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PROVVEDIMENTO 26 gennaio 2006 Accordo tra il Governo e le regioni e province autonome, attuativo

Dettagli

Decreto RSPP : linee interpretative dell Accordo Stato-Regioni sulla Formazione RSPP approvate dalla Conferenza Stato-Regioni il 05 ottobre 2006

Decreto RSPP : linee interpretative dell Accordo Stato-Regioni sulla Formazione RSPP approvate dalla Conferenza Stato-Regioni il 05 ottobre 2006 Decreto RSPP : linee interpretative dell Accordo Stato-Regioni sulla Formazione RSPP approvate dalla Conferenza Stato-Regioni il 05 ottobre 2006 Pubblichiamo in anteprima le Linee interpretative del cosiddetto

Dettagli

ALLEGATO A LA PROVINCIA DI PISA SERVIZIO FORMAZIONE E LAVORO

ALLEGATO A LA PROVINCIA DI PISA SERVIZIO FORMAZIONE E LAVORO ALLEGATO A LA PROVINCIA DI PISA SERVIZIO FORMAZIONE E LAVORO In esecuzione della determinazione dirigenziale n. del emana il seguente AVVISO PUBBLICO PER RICONOSCIMENTO Procedura semplificata di prototipi

Dettagli

2. Sezione SOGGETTO RICHIEDENTE

2. Sezione SOGGETTO RICHIEDENTE 2. Sezione SOGGETTO RICHIEDENTE - Caratteristiche dell Agenzia Formativa - L inserimento nell elenco regionale dei soggetti abilitati a proporre e realizzare attività di formazione è riconosciuto alle

Dettagli

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PROVVEDIMENTO 5 ottobre 2006 Accordo ai sensi dell'articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997,

Dettagli

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano Accordo ai sensi dell'articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, concernente le linee guida interpretative dell'accordo sancito in Conferenza Stato-Regioni il 26 gennaio 2006, in attuazione

Dettagli

Circolare n. 32/SAN. 1. Premessa

Circolare n. 32/SAN. 1. Premessa Ai Direttori Generali Ai Direttori Sanitari Ai Direttori del Dipartimento Prevenzione Medico Ai Responsabili Servizi PSAL delle ASL della Regione Lombardia Circolare n. 32/SAN OGGETTO: attuazione dell

Dettagli

PORRECA Gerardo - Prevenzione e Sicurezza sul Lavoro

PORRECA Gerardo - Prevenzione e Sicurezza sul Lavoro PORRECA Gerardo - Prevenzione e Sicurezza sul Lavoro IL SITO DELL'ING. GERARDO PORRECA Analisi critica dell accordo Stato Regioni sulla formazione ex D. Lgs. n. 195/2003 degli RSPP e ASPP. Da un esame

Dettagli

Corsi di formazione per addetti e responsabili SPP D. Lgs 195/03 (G. U. 14 febbraio 2006)

Corsi di formazione per addetti e responsabili SPP D. Lgs 195/03 (G. U. 14 febbraio 2006) Corsi di formazione per lo svolgimento diretto da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dai rischi ai sensi dell art. 34, commi 2 e 3 del d.lgs. 81/08 e per la formazione dei

Dettagli

Servizio di prevenzione e protezione dai rischi

Servizio di prevenzione e protezione dai rischi Servizio di prevenzione e protezione dai rischi Il DATORE di lavoro DESIGNA (oppure) INCARICA NOMINA Servizio INTERNO di prevenzione e protezione Servizio ESTERNO di consulenza alla sicurezza MEDICO competente

Dettagli

RUOLI per la SSL SOGGETTI A FORMAZIONE SPECIFICA

RUOLI per la SSL SOGGETTI A FORMAZIONE SPECIFICA Dipartimento Prevenzione Medica di Como 22100 Como via Castelnuovo, 1 Tel. 031/370.863 Fax 031/370.425 E-mail progetti.spsal@asl.como.it Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro RUOLI

Dettagli

REGOLAMENTO SOGGETTI ACCREDITATI PER ORGANIZZAZIONE CORSI ENTI/AZIENDE/PROFESSIONISTI INDOMITA

REGOLAMENTO SOGGETTI ACCREDITATI PER ORGANIZZAZIONE CORSI ENTI/AZIENDE/PROFESSIONISTI INDOMITA REGOLAMENTO SOGGETTI ACCREDITATI PER ORGANIZZAZIONE CORSI ENTI/AZIENDE/PROFESSIONISTI INDOMITA 1 Premessa. L Ente Formazione Sicurezza E.F.S. Cantiere Scuola Nazionale in riferimento alle progettazioni

Dettagli

Nomina a RSPP e ASPP e obblighi di Formazione dopo il 14 febbraio 2008

Nomina a RSPP e ASPP e obblighi di Formazione dopo il 14 febbraio 2008 ASSOCIAZIONE AMBIENTE E LAVORO Soggetto accreditato per la Formazione dalla Regione Lombardia Associazione di Protezione Ambientale di interesse nazionale (D.M. 1/3/88 - G.U. 19/5/88) Nomina a RSPP e ASPP

Dettagli

La Formazione Del Certificatore

La Formazione Del Certificatore La Formazione Del Certificatore SICUREZZA NELL IMPRESA Formazione per RSPP e ASPP Certificatore Energetico In Edilizia Energetico In Edilizia MODULO A:corso Base per RSPP e ASPP Acquisire elementi di conoscenza

Dettagli

Doc. 407X0024.0LO di Origine Regionale emanato/a da: Regione Lombardia e pubblicato/a su: Bollettino. Uff. Regione n 31 del 30/07/2007

Doc. 407X0024.0LO di Origine Regionale emanato/a da: Regione Lombardia e pubblicato/a su: Bollettino. Uff. Regione n 31 del 30/07/2007 Circolare reg. n 24 del 11/07/2007 Attuazione dell'accordo per la formazione degli addetti al montaggio, allo smontaggio e alla trasformazione dei ponteggi e degli addetti e preposti all'impiego di sistemi

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 1902 Prot. n. 13 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Sicurezza e salute dei lavoratori. Approvazione del documento recante le "Linee

Dettagli

Elementi essenziali dei corsi di formazione in materia di salute e sicurezza

Elementi essenziali dei corsi di formazione in materia di salute e sicurezza Elementi essenziali dei corsi di formazione in materia di salute e sicurezza La normativa italiana in materia di salute e sicurezza sul lavoro è il risultato di una serie di interventi, succedutisi in

Dettagli

art. 1 oggetto e finalità Art. 2 definizioni

art. 1 oggetto e finalità Art. 2 definizioni Direttive tecniche in tema di istruzione e formazione professionale (IeFP) di cui al capo III del Decreto Legislativo 17 ottobre 2005, n. 226. Standard regionali in materia di accreditamento degli enti

Dettagli

D.Lgs. 81/08 Art. 34 - Svolgimento diretto da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dai rischi

D.Lgs. 81/08 Art. 34 - Svolgimento diretto da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dai rischi LA FORMAZIONE PER DATORI DI LAVORO ACCORDO CONFERENZA STATO - REGIONI D.Lgs. 81/08 Art. 34 - Svolgimento diretto da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dai rischi 2. Il datore

Dettagli

REGOLAMENTO SOGGETTI PER ORGANIZZAZIONE CORSI di diretta emanazione O.NA.P.S. O.NA.P.S. Territoriali

REGOLAMENTO SOGGETTI PER ORGANIZZAZIONE CORSI di diretta emanazione O.NA.P.S. O.NA.P.S. Territoriali REGOLAMENTO SOGGETTI PER ORGANIZZAZIONE CORSI di diretta emanazione O.NA.P.S. O.NA.P.S. Territoriali ENTI FORMAZIONE E PROFESSIONISTI (ISCRITTI O.NA.P.S.) Impossibile visualizzare l'immagine. La memoria

Dettagli

Seminario tecnico Quale formazione per la sicurezza. Perugia, 28 settembre 2012. Hotel Giò Jazz Via Ruggero D'Andreotto, 19 (PG)

Seminario tecnico Quale formazione per la sicurezza. Perugia, 28 settembre 2012. Hotel Giò Jazz Via Ruggero D'Andreotto, 19 (PG) Seminario tecnico Quale formazione per la sicurezza Perugia, 28 settembre 2012 Hotel Giò Jazz Via Ruggero D'Andreotto, 19 (PG) La formazione per il Datore di Lavoro Responsabile del Servizio Prevenzione

Dettagli

L'Organismo Paritetico dell'artigianato per la Provincia di (OPTA)

L'Organismo Paritetico dell'artigianato per la Provincia di (OPTA) PROCEDURA PER LA COLLABORAZIONE CON L'ORGANISMO PARITETICO LINEE DI INDIRIZZO SULLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI E DEI LORO RAPPRESENTANTI AZIENDALI, DEI PREPOSTI E DEI DIRIGENTI. L'Organismo Paritetico dell'artigianato

Dettagli

vista la Legge Regionale del 7.08.2002, n. 15 Riforma della Formazione Professionale, pubblicata sul BURP n. 104 del 09/08/2002; PARTE SECONDA

vista la Legge Regionale del 7.08.2002, n. 15 Riforma della Formazione Professionale, pubblicata sul BURP n. 104 del 09/08/2002; PARTE SECONDA 1294 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 10 del 18-1-2007 PARTE SECONDA Deliberazioni del Consiglio e della Giunta DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 11 dicembre 2006, n. 1899 Sperimentazione

Dettagli

Accordi Stato Regioni

Accordi Stato Regioni Accordi Stato Regioni Formazione dei Datori di Lavoro che svolgono direttamente il ruolo di RSPP Aula Aula 6 10 14 Entro 24 mesi per gli esonerati di cui all articolo 95 del D.Lgs 626/94 Aggiornamento:

Dettagli

TESTO COORDINATO. Indice

TESTO COORDINATO. Indice TESTO COORDINATO DIRETTIVE TECNICHE PER L ACCREDITAMENTO DEI SOGGETTI FORMATORI CHE GESTISCONO I CORSI DI FORMAZIONE PER LO SVOLGIMENTO DIRETTO DA PARTE DEL DATORE DI LAVORO DEI COMPITI DI PREVENZIONE

Dettagli

Formazione regionale di RSPP e ASPP in applicazione del Decreto 195/03

Formazione regionale di RSPP e ASPP in applicazione del Decreto 195/03 AZIENDA AGRICOLA MULTIFUNZIONALE: LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NELL IMPIEGO DELLE MACCHINE Formazione regionale di RSPP e ASPP in applicazione del Decreto 195/03 EIMA International 2006 Bologna, 17 novembre

Dettagli

I NUOVI ACCORDI STATO-REGIONI SUGLI OBBLIGHI FORMATIVI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

I NUOVI ACCORDI STATO-REGIONI SUGLI OBBLIGHI FORMATIVI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO I NUOVI ACCORDI STATO-REGIONI SUGLI OBBLIGHI FORMATIVI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Sicurezza sul lavoro in edilizia a Bologna e provincia: dati e riflessioni sul 2011 Bologna, 3/5/2012 Dr. Paolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE FORMATORI EX ART. 37 D.LGS. 81/08

CORSO DI FORMAZIONE FORMATORI EX ART. 37 D.LGS. 81/08 CORSO DI FORMAZIONE FORMATORI EX ART. 37 D.LGS. 81/08 IL DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA SICUREZZA NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI DEL PIEMONTE Corso di formazione formatori ex art. 37 del D.lgs. 81/08 Il corso

Dettagli

PROCEDURE PER L ACCERTAMENTO DEGLI ADEMPIMENTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE ALLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO DI CUI AL DLGS 81/08 E S.M.I.

PROCEDURE PER L ACCERTAMENTO DEGLI ADEMPIMENTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE ALLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO DI CUI AL DLGS 81/08 E S.M.I. PROCEDURE PER L ACCERTAMENTO DEGLI ADEMPIMENTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE ALLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO DI CUI AL DLGS 81/08 E S.M.I. FEBBRAIO 2016 PREMESSA La sicurezza e la salute nei luoghi

Dettagli

nei confronti del proprio personale e di quello delle altre istituzioni scolastiche

nei confronti del proprio personale e di quello delle altre istituzioni scolastiche Linee guida per l attuazione dei corsi per ASPP e RSPP di cui all accordo tra Governo e le Regioni e Province autonome dd. 26 gennaio 2006, art. 2 commi 2,3,4,5 del D.Lgs 195/03. Soggetti attuatori : Regioni

Dettagli

Decreto RSPP : le principali Regole

Decreto RSPP : le principali Regole Decreto RSPP : le principali Regole di Rino Pavanello segretario naz. Associazione Ambiente e Lavoro Le nuove regole hanno luci e ombre ma costituiscono, comunque una innovazione straordinaria ed una opportunità

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 14 marzo 2013, n. 449

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 14 marzo 2013, n. 449 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 14 marzo 2013, n. 449 Modifica della deliberazione 18 luglio 2008, n. 1820 (Sistema di accreditamento per l'affidamento in gestione degli interventi formativi cofinanziati

Dettagli

Collaborazione degli organismi paritetici alla formazione

Collaborazione degli organismi paritetici alla formazione Sintesi : Adeguamento e linee applicative degli accordi ex articolo 34, comma 2, e 37, comma 2, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, e successive modificazioni e integrazioni Articolo 34 Svolgimento

Dettagli

Linee Guida per. la sperimentazione di percorsi formativi. nell apprendistato per la qualifica e il diploma professionale

Linee Guida per. la sperimentazione di percorsi formativi. nell apprendistato per la qualifica e il diploma professionale ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE Apprendistato per la qualifica

Dettagli

FORMAZIONE RSPP (DATORE DI LAVORO)

FORMAZIONE RSPP (DATORE DI LAVORO) LAVORO IN SICUREZZA S.R.L. - Società Unipersonale 30174 MESTRE (VE) - VIA EMILIA, 13/A int. 1 e 2 tel. 041.5442959 - fax 041.5442821 e-mail: lavoroinsicurezza@lavoroinsicurezza.it sito web: www.lavoroinsicurezza.it

Dettagli

14 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 32 - Lunedì 05 agosto 2013

14 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 32 - Lunedì 05 agosto 2013 14 Bollettino Ufficiale D.G. Salute Circolare regionale 29 luglio 2013 - n. 17 Indicazioni in ordine ai criteri di realizzazione di corsi di formazione a distanza in modalità e-learning e avvio della sperimentazione

Dettagli

Brescia, 24 gennaio 2013 Prot. n. 38/P. A tutti i Direttori dei CFA Loro sedi. CIRCOLARE n. 4. Oggetto: AiFOS soggetto formazione nazionale ope legis

Brescia, 24 gennaio 2013 Prot. n. 38/P. A tutti i Direttori dei CFA Loro sedi. CIRCOLARE n. 4. Oggetto: AiFOS soggetto formazione nazionale ope legis Brescia, 24 gennaio 2013 Prot. n. 38/P A tutti i Direttori dei CFA Loro sedi CIRCOLARE n. 4 Oggetto: AiFOS soggetto formazione nazionale ope legis Premessa Le circolari e le norme A seguito dei diversi

Dettagli

PROVINCIA DI RAVENNA

PROVINCIA DI RAVENNA PROVINCIA DI RAVENNA AVVISO PUBBLICO PER L AUTORIZZAZIONE IN AUTOFINANZIAMENTO DI ATTIVITÀ FORMATIVE AFFERENTI I PROFILI DI FORMAZIONE REGOLAMENTATA E DI ATTIVITÀ FORMATIVE FINALIZZATE AL CONSEGUIMENTO

Dettagli

REGIONE LAZIO. ASSESSORATO ISTRUZIONE, FORMAZIONE E DIRITTO ALLO STUDIO e ASSESSORATO ALLA SANITA

REGIONE LAZIO. ASSESSORATO ISTRUZIONE, FORMAZIONE E DIRITTO ALLO STUDIO e ASSESSORATO ALLA SANITA ALLEGATO 2 REGIONE LAZIO ASSESSORATO ISTRUZIONE, FORMAZIONE E DIRITTO ALLO STUDIO e ASSESSORATO ALLA SANITA DIRETTIVE PER L ATTUAZIONE DELL ACCORDO CONFERENZA STATO-REGIONI ART. 36-QUATER, COMMA 8 E 36-

Dettagli

DOSSIER FORMAZIONE SOMMARIO. Accordi Stato-Regioni del 21 dicembre 2011 e 22 febbraio 2012 02. D.Lgs. 81/08 e s.m.i.: SANZIONI E CULPA IN ELIGENDO 03

DOSSIER FORMAZIONE SOMMARIO. Accordi Stato-Regioni del 21 dicembre 2011 e 22 febbraio 2012 02. D.Lgs. 81/08 e s.m.i.: SANZIONI E CULPA IN ELIGENDO 03 1 DOSSIER FORMAZIONE SOMMARIO ARGOMENTO PAG. Accordi Stato-Regioni del 21 dicembre 2011 e 22 febbraio 2012 02 D.Lgs. 81/08 e s.m.i.: SANZIONI E CULPA IN ELIGENDO 03 QUALIFICAZIONE DOCENTI 04 FORMAZIONE

Dettagli

àcapacita adeguate alla natura dei rischi presenti sul luogo di lavoro e relativi alle attivita lavorative

àcapacita adeguate alla natura dei rischi presenti sul luogo di lavoro e relativi alle attivita lavorative D. Lgs. 195 / 2003 Requisiti e Formazione Addetti e Responsabili dei SPP interni o esterni Paola Magneschi Settore Prevenzione e Sicurezza Direzione Generale Diritto alla Salute e Politiche di Solidarieta

Dettagli

COMMENTO ACCORDI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DATORE LAVORO-RSPP

COMMENTO ACCORDI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DATORE LAVORO-RSPP ALLEGATO 1 COMMENTO ACCORDI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DATORE LAVORO-RSPP Premessa. I corsi hanno una durata minima di 16 ore e a determinate condizioni e entro certi limiti (v. punto 4), è consentito

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE PER LA FORMAZIONE ALLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO DI CUI AL DLGS 81/08 E S.M.I.

INDICAZIONI OPERATIVE PER LA FORMAZIONE ALLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO DI CUI AL DLGS 81/08 E S.M.I. INDICAZIONI OPERATIVE PER LA FORMAZIONE ALLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO DI CUI AL DLGS 81/08 E S.M.I. PRIMA EDIZIONE GIUGNO 2013 Indice Indice Premessa Pag. 2 Campo di applicazione Pag. 2

Dettagli

RICONOSCIMENTO AI RESPONSABILI SPP (RSPP) DEI CREDITI PROFESSIONALI E FORMATIVI PREGRESSI

RICONOSCIMENTO AI RESPONSABILI SPP (RSPP) DEI CREDITI PROFESSIONALI E FORMATIVI PREGRESSI Corso di formazione per R.S.P.P. e A.S.P.P. in materia di Prevenzione e Protezione D.Lgs 81/2008 Art. 32 Comma 2 Conferenza Stato-Regione 26 Gennaio 2006 La frequenza del corso è obbligatoria per i soggetti

Dettagli

Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011 Pubblicato in GU n.8 del 11/01/2012 in vigore dal 26/01/2012. Formazione e sicurezza

Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011 Pubblicato in GU n.8 del 11/01/2012 in vigore dal 26/01/2012. Formazione e sicurezza Formazione e sicurezza 1 RSPP ASPP Lavoratori e Preposti addetti al Montaggio / Smontaggio/ Trasformazione di Ponteggi Addetti Primo Soccorso Prevenzione incendi RLS Accordo Stato-Regioni 26 gennaio 2006

Dettagli

Catalogo delle Agenzie formative per la gestione dei corsi autofinanziati finalizzati alla riqualificazione in Operatori Socio Sanitari (OSS)

Catalogo delle Agenzie formative per la gestione dei corsi autofinanziati finalizzati alla riqualificazione in Operatori Socio Sanitari (OSS) Catalogo delle Agenzie formative per la gestione dei corsi autofinanziati finalizzati alla riqualificazione in Operatori Socio Sanitari (OSS) Avviso pubblico di chiamata ARTICOLO 1 OGGETTO DELL AVVISO

Dettagli

Prot. n. (SSF/06/0044181) -------------------------------------------------------------

Prot. n. (SSF/06/0044181) ------------------------------------------------------------- Determinazione n. 17660 del 12 dicembre 2006 "LINEE INTERPRETATIVE CONDIVISE DELL'ACCORDO IN CONFERENZA STATO- REGIONI ATTUATIVO DELL'ART.2, COMMI 2 E 3, DEL D.LGS. 23 GIUGNO 2003, N. 195 (PUBBLICATO SU

Dettagli

LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI DELLA SCUOLA SECONDO L ACCORDO STATO REGIONI DEL 21 DICEMBRE 2011

LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI DELLA SCUOLA SECONDO L ACCORDO STATO REGIONI DEL 21 DICEMBRE 2011 LA FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI DELLA SCUOLA SECONDO L ACCORDO STATO REGIONI DEL 21 DICEMBRE 2011 Alessandro PALESE Direzione Sanità Regione Piemonte 17 ottobre 2013 IIS A.

Dettagli

PREMESSA. Art. 1 Finalità Generali

PREMESSA. Art. 1 Finalità Generali PREMESSA A norma dell art. 8 della L.R. n. 15 del 07/08/2002, al comma 2 lettera g è attribuita alle Province la funzione relativa al riconoscimento e autorizzazione delle attività di Formazione Professionale

Dettagli

Criteri di qualificazione della figura del formatore per la salute e sicurezza sul lavoro

Criteri di qualificazione della figura del formatore per la salute e sicurezza sul lavoro Criteri di qualificazione della figura del formatore per la salute e sicurezza sul lavoro Decreto Interministeriale 6 marzo 2013 Consulenza organizzativa e formazione 1 Sommario Sintesi dei requisiti per

Dettagli

Bozza: Accordo Stato Regioni

Bozza: Accordo Stato Regioni PROPOSTA D ACCORDO DATORI DI LAVORO Bozza: Accordo Stato Regioni Accordo in Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato le Regioni e le Province Autonome sui corsi di formazione per lo svolgimento

Dettagli

LA FORMAZIONE SULLA SICUREZZA GENNAIO/GIUGNO 2016 PMINFORMA CONFAPINDUSTRIA PIACENZA

LA FORMAZIONE SULLA SICUREZZA GENNAIO/GIUGNO 2016 PMINFORMA CONFAPINDUSTRIA PIACENZA LA FORMAZIONE SULLA SICUREZZA GENNAIO/GIUGNO 2016 PMINFORMA CONFAPINDUSTRIA PIACENZA 1 INDICE ATTREZZATURE 4 LAVORATORI 5 CORSI TECNICO SPECIFICI 6 FORMAZIONE FORMATORI 7 RSPP 8 RLS 10 PREPOSTI 11 PREVENZIONI

Dettagli

ALLEGATO 3) AVVISO PUBBLICO CATALOGO UNICO REGIONALE DELL OFFERTA FORMATIVA INDIVIDUALE: INTEGRAZIONE ED ADEGUAMENTO

ALLEGATO 3) AVVISO PUBBLICO CATALOGO UNICO REGIONALE DELL OFFERTA FORMATIVA INDIVIDUALE: INTEGRAZIONE ED ADEGUAMENTO ALLEGATO 3) AVVISO PUBBLICO CATALOGO UNICO REGIONALE DELL OFFERTA FORMATIVA INDIVIDUALE: INTEGRAZIONE ED ADEGUAMENTO 1 PREMESSA La Regione Umbria adotta il presente Avviso Pubblico in coerenza ed attuazione:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO POZZOMAGGIORE Via San Pietro, 37/a - 07018 Pozzomaggiore (SS) - tel. 079/801093 - fax 079/800157

ISTITUTO COMPRENSIVO POZZOMAGGIORE Via San Pietro, 37/a - 07018 Pozzomaggiore (SS) - tel. 079/801093 - fax 079/800157 ISTITUTO COMPRENSIVO POZZOMAGGIORE Via San Pietro, 37/a - 07018 Pozzomaggiore (SS) - tel. 079/801093 - fax 079/800157 C.F. 80008250906 - e-mail ssic80200l@istruzione.it Pozzomaggiore, 31.01.2014 Prot.

Dettagli

Organismo Paritetico Provinciale. OBBLIGHI DI DESIGNAZIONE E FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO ai sensi del D.Lgs.

Organismo Paritetico Provinciale. OBBLIGHI DI DESIGNAZIONE E FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO ai sensi del D.Lgs. Ente Bilaterale Mantovano Commercio Turismo Servizi Organismo Paritetico Provinciale I. Parte generale. OBBLIGHI DI DESIGNAZIONE E FORMAZIONE IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO ai sensi del D.Lgs.

Dettagli

VICENZA, 6 APRILE 2006

VICENZA, 6 APRILE 2006 I SEMINARI DEL GIOVEDÌ: REQUISITI TECNICO PROFESSIONALI E PERCORSI DI FORMAZIONE PER RESPONSABILI ED ADDETTI AI SERVIZI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE AZIENDALE VICENZA, 6 APRILE 2006 REQUISITI TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE Legge Regionale n. 20/2005 Art. 49 D.lgs. n. 276/2003 D.G.R. N. 8/15 del 28.02.2006 DIRETTIVA 1 1. PRINCIPI GENERALI 1.1. Finalità L'apprendistato ha lo scopo di consentire

Dettagli

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PROVVEDIMENTO 26 gennaio 2006 Accordo tra il Governo e le regioni e province autonome, attuativo

Dettagli

La bozza di Accordo Stato- Regioni sui nuovi criteri di formazione degli RSPP ANDREA GIACOMINELLI

La bozza di Accordo Stato- Regioni sui nuovi criteri di formazione degli RSPP ANDREA GIACOMINELLI 1 La bozza di Accordo Stato- Regioni sui nuovi criteri di formazione degli RSPP ANDREA GIACOMINELLI La bozza di Accordo Stato-Regioni sui nuovi criteri di formazione degli RSPP Il nuovo Accordo Stato-Regioni

Dettagli

DELLA REGIONE SICILIANA

DELLA REGIONE SICILIANA GAZZETTA REPUBBLICA ITALIANA DELLA REGIONE SICILIANA Anno 66 - Numero 39 UFFICIALE PARTE PRIMA Palermo - Venerdì, 14 settembre 2012 SI PUBBLICA DI REGOLA IL VENERDI Sped. in a.p., comma 20/c, art. 2, l.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTI SCUOLA DELL INFANZIA PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTI SCUOLA DELL INFANZIA PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO ISTITUTO COMPRENSIVO MONTI SCUOLA DELL INFANZIA PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO SSIC83000R - C.F. 91021460901 - tel. 0789/44423 - FAX 0789/449233 Via A. MORO - 07020 MONTI Monti, 23.01.2014 Prot. N. 152/C22

Dettagli

IL FORMATORE SULLA SICUREZZA IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO I 6 CRITERI PER L INDIVIDUAZIONE DEI DOCENTI PREREQUISITO DIPLOMA DI SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO COMUNE AI 6 CRITERI

Dettagli

Premessa. Art. 1 Finalità Generali

Premessa. Art. 1 Finalità Generali Premessa La legge regionale n. 15 del 7/08/2002 prevede, all art. 8 lettera g), che alle Province sono attribuite, tra l altro, le funzioni relative all autorizzazione delle attività di formazione professionale

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI E PIANO DIDATTICO CORSO IL NUOVO RSPP-ASPP-RLS-CS CORSO MODULARE PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DI

INFORMAZIONI GENERALI E PIANO DIDATTICO CORSO IL NUOVO RSPP-ASPP-RLS-CS CORSO MODULARE PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DI INFORMAZIONI GENERALI E PIANO DIDATTICO CORSO IL NUOVO RSPP-ASPP-RLS-CS CORSO MODULARE PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DI RSPP RESPONSABILI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ASPP ADDETTI AL SERVIZIO

Dettagli

98 21-11-2008 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 53

98 21-11-2008 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 53 98 21-11-2008 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 53 Allegato 1 CORSO DI FORMAZIONE PER RSPP E ASPP Modello di comunicazione avvio corso ad uso dei soggetti del III blocco (ai sensi

Dettagli

NUOVI OBBLIGHI FORMATIVI PER DATORI DI LAVORO - RSPP

NUOVI OBBLIGHI FORMATIVI PER DATORI DI LAVORO - RSPP NUOVI OBBLIGHI FORMATIVI PER DATORI DI LAVORO - RSPP CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA STATO REGIONI PROVINCIE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Accordo tra il Ministro del lavoro e delle politiche sociali,

Dettagli

Oggetto: accordi per la formazione sulla sicurezza per lavoratori e datori di lavoro.

Oggetto: accordi per la formazione sulla sicurezza per lavoratori e datori di lavoro. Roma, 9 febbraio 2012 Circ. n. 39 / 2012 Prot. n. 113 / AS Arch. n. 2 / D ALLE ASSOCIAZIONI ALBERGATORI ALLE UNIONI REGIONALI AI SINDACATI NAZIONALI AL CONSIGLIO DIRETTIVO AI REVISORI DEI CONTI LORO SEDI

Dettagli

IF FELSILAB INNOVAZIONE E FORMAZIONE ORGANISMO DI FORMAZIONE ACCREDITATO DALLA REGIONE EMILIA ROMAGNA COD. 7095

IF FELSILAB INNOVAZIONE E FORMAZIONE ORGANISMO DI FORMAZIONE ACCREDITATO DALLA REGIONE EMILIA ROMAGNA COD. 7095 FORMAZIONE OBBLIGATORIA DEI LAVORATORI, PREPOSTI, DIRIGENTI E DATORI DI LAVORO RSPP La Conferenza permanente per i rapporti Stato-Regioni e le provincie autonome di Trento e Bolzano, con l Accordo siglato

Dettagli

2012-2014. Indirizzi per la programmazione della formazione di base e trasversale

2012-2014. Indirizzi per la programmazione della formazione di base e trasversale APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE O CONTRATTO DI MESTIERE (art. 4 - D.Lgs. n. 167/2011) 2012-2014 Indirizzi per la programmazione della formazione di base e trasversale Provvedimento attuativo dell art.

Dettagli

Avviso pubblico di chiamata ARTICOLO 1 OGGETTO DELL AVVISO

Avviso pubblico di chiamata ARTICOLO 1 OGGETTO DELL AVVISO Catalogo delle Agenzie formative per la gestione dei corsi per il conseguimento della qualifica di Operatore Socio Sanitario (OSS) con un percorso formativo di 1000 ore in autofinanziamento Avviso pubblico

Dettagli

FAC-SIMILE DA NON COMPILARE

FAC-SIMILE DA NON COMPILARE FAC-SIMILE DA NON COMPILARE E.F.E.I. ENTE FORMAZIONE EDILE ITALIA CF.: 97784700581 P.Iva: 13269791003 CONVENZIONE N. ------ DEL ---------- L'anno il giorno del mese di, con la presente da far valere a

Dettagli

DOCUMENTO SINTESI SULLA FORMAZIONE ACCORDI CONFERENZA STATO-REGIONI. Como, 29 aprile 2013

DOCUMENTO SINTESI SULLA FORMAZIONE ACCORDI CONFERENZA STATO-REGIONI. Como, 29 aprile 2013 DOCUMENTO SINTESI SULLA FORMAZIONE ACCORDI CONFERENZA STATO-REGIONI Como, 29 aprile 2013 Accordo Conferenza Stato-Regioni 21/12/2011 Formazione dei lavoratori ai sensi dell art. 37, comma 2 del D.Lgs.

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE PER LA FORMAZIONE ALLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO DI CUI AL DLGS 81/08 E S.M.I.

INDICAZIONI OPERATIVE PER LA FORMAZIONE ALLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO DI CUI AL DLGS 81/08 E S.M.I. INDICAZIONI OPERATIVE PER LA FORMAZIONE ALLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO DI CUI AL DLGS 81/08 E S.M.I. SECONDA EDIZIONE MARZO 2014 Indice Indice Premessa Pag. 2 Campo di applicazione Pag. 2

Dettagli

Corsi RSPP: 14 febbraio 2007, cosa succede?

Corsi RSPP: 14 febbraio 2007, cosa succede? ASSOCIAZIONE AMBIENTE E LAVORO Associazione di Protezione Ambientale di interesse nazionale (D.M. 1/3/88 - G.U. 19/5/88) Corsi RSPP: 14 febbraio 2007, cosa succede? Certezze e dubbi su obblighi, tempi

Dettagli

Accordo Conferenza Stato-Regioni 21/12/2011 Formazione dei lavoratori ai sensi dell art. 37, comma 2 del D.Lgs. 81/08

Accordo Conferenza Stato-Regioni 21/12/2011 Formazione dei lavoratori ai sensi dell art. 37, comma 2 del D.Lgs. 81/08 Accordo Conferenza Stato-Regioni 21/12/2011 Formazione dei lavoratori ai sensi dell art. 37, comma 2 del D.Lgs. 81/08 Accordo Conferenza Stato-Regioni 21/12/2011 Sui corsi di formazione per lo svolgimento

Dettagli

REGIONE LAZIO ASSESSORATO ISTRUZIONE, FORMAZIONE E DIRITTO ALLO STUDIO E ASSESSORATO ALLA SANITA

REGIONE LAZIO ASSESSORATO ISTRUZIONE, FORMAZIONE E DIRITTO ALLO STUDIO E ASSESSORATO ALLA SANITA ALLEGATO 2 REGIONE LAZIO ASSESSORATO ISTRUZIONE, FORMAZIONE E DIRITTO ALLO STUDIO E ASSESSORATO ALLA SANITA DIRETTIVE PER L ATTUAZIONE DELL ACCORDO CONFERENZA STATO-REGIONI E PP.AA.PER LA FORMAZIONE DEI

Dettagli

REGOLAMENTO DI ACCREDITAMENTO

REGOLAMENTO DI ACCREDITAMENTO REGOLAMENTO DI ACCREDITAMENTO Pagina 1 di 18 Rev. CAUSALE Approvato 10 Modifica documentale 14.10.2013 1. DEFINIZIONI 3 2. SOGGETTI RICHIEDENTI 4 3. CONCESSIONE ACCREDITAMENTO 4 4. REQUISITI MINIMI CORSI

Dettagli

PROVINCIA DI COSENZA DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO ON-LINE

PROVINCIA DI COSENZA DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO ON-LINE PROVINCIA DI COSENZA DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO ON-LINE INDICE GENERALE Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Istituzione dell Albo Pretorio on-line Art. 3 - Finalità della pubblicazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE

LINEE GUIDA PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE Allegato 2 LINEE GUIDA PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE L accreditamento corrisponde al riconoscimento di idoneità dei soggetti che si candidano a gestire iniziative di

Dettagli

ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE

ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE D.G.R. n.36/6 del 5 settembre 2006 D. Dirett. n.407 del 12 dicembre 2005 A VVISO PUBBLICO per la presentazione delle domande di assegnazione di voucher formativi per apprendisti

Dettagli

Criteri di qualificazione della figura del formatore per la salute e sicurezza sul lavoro. 5 luglio 2013

Criteri di qualificazione della figura del formatore per la salute e sicurezza sul lavoro. 5 luglio 2013 Criteri di qualificazione della figura del formatore per la salute e sicurezza sul lavoro 5 luglio 2013 Articolo 6, comma 8, lettera m-bis) del D.Lgs. 81/08 individua tra i compiti della Commissione Consultiva

Dettagli

Allegato II. La durata ed i contenuti della formazione sono da considerarsi minimi. 3. Soggetti formatori e sistema di accreditamento

Allegato II. La durata ed i contenuti della formazione sono da considerarsi minimi. 3. Soggetti formatori e sistema di accreditamento Allegato II Schema di corsi di formazione per preposti e lavoratori, addetti alle attività di pianificazione, controllo e apposizione della segnaletica stradale destinata alle attività lavorative che si

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SERVIZIO EUROPA Prot. n. DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 95 DI DATA 22 Luglio 2013 O G G E T T O: Concessione dell'accreditamento specifico per la sicurezza ai sensi dell'allegato

Dettagli

CONVENZIONE N. --------- DEL ---------

CONVENZIONE N. --------- DEL --------- E.N.B.L.I. ENTE NAZIONALE BILATERALE LAVORO E IMPRESA Via Appia Nuova n. 612 00179 Roma CF.: 97752910584 P.Iva: 12936051007 CONVENZIONE N. --------- DEL --------- L'anno ----- il giorno ----- del mese

Dettagli

LA FORMAZIONE SULLA SICUREZZA SETTEMBRE/DICEMBRE 2015 CONFAPINDUSTRIA EMILIA ROMAGNA

LA FORMAZIONE SULLA SICUREZZA SETTEMBRE/DICEMBRE 2015 CONFAPINDUSTRIA EMILIA ROMAGNA LA FORMAZIONE SULLA SICUREZZA SETTEMBRE/DICEMBRE 2015 CONFAPINDUSTRIA EMILIA ROMAGNA 1 INDICE ATTREZZATURE 4 LAVORATORI 6 CORSI TECNICO SPECIFICI 7 RSPP 9 RLS 10 PREPOSTI 11 PREVENZIONE INCENDI 12 PRIMO

Dettagli

Decreto RSPP : le principali FAQ

Decreto RSPP : le principali FAQ ASSOCIAZIONE AMBIENTE E LAVORO Associazione di Protezione Ambientale di interesse nazionale (D.M. 1/3/88 - G.U. 19/5/88) Decreto RSPP : le principali FAQ a cura di Anna Guardavilla e Rino Pavanello Pubblichiamo

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO A tutte le scuole di ordine e grado di Palermo e Provincia All'Albo della Sede Al Sito WEB Prot. n. 0003252/A35 Bagheria, 09/09/2011 AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEL R.S.P.P. (Responsabile Servizio

Dettagli

Sezione Sede Formativa

Sezione Sede Formativa Scheda 1 Ambito di accreditamento DATI RIEPILOGATIVI DELL AGENZIA FORMATIVA RICHIEDENTE (ACRONIMO SE ESISTENTE E DENOMINAZIONE ESTESA) >(denominazione) Numero di iscrizione nell elenco regionale dei soggetti

Dettagli

Catalogo Corsi Formativi

Catalogo Corsi Formativi Catalogo Corsi Formativi Salute e sicurezza sul lavoro Tutti i corsi erogati dalla nostra scuola sono realizzati conformemente ai requisiti richiesti dalla normativa vigente in materia di formazione per

Dettagli

Istituto Comprensivo

Istituto Comprensivo Istituto Comprensivo di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 Grado 07018 Pozzomaggiore Via San Pietro 37/a C.F. 80008250906 tel. 079/801093-fax079800157 http://www.icpozzomaggiore.gov.it/ e-mail

Dettagli

Brescia, 24 gennaio 2013 Prot. n. 39/P. A tutti i Direttori dei CFA Loro sedi. CIRCOLARE n. 5. Oggetto: Accreditamenti regionali ed AiFOS

Brescia, 24 gennaio 2013 Prot. n. 39/P. A tutti i Direttori dei CFA Loro sedi. CIRCOLARE n. 5. Oggetto: Accreditamenti regionali ed AiFOS Brescia, 24 gennaio 2013 Prot. n. 39/P A tutti i Direttori dei CFA Loro sedi CIRCOLARE n. 5 Oggetto: Accreditamenti regionali ed AiFOS Premessa Le circolari e le norme A seguito dei diversi Accordi Stato

Dettagli