La Normativa per la Gestione delle Missioni del Personale CNR

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Normativa per la Gestione delle Missioni del Personale CNR"

Transcript

1 Corso di Formazione Interdipartimentale per la Gestione Amministrativa delle Attività di Ricerca La Normativa per la Gestione delle Missioni del Personale CNR Galatea Palace Hotel Acitrezza, 5 Giugno 2013 A cura di Luca Scu+gliani

2 Perché è difficile rimborsare una missione? Confusione Norma.va Inada2abilità della norma alla realtà opera.va Casis.che infinite e non inquadrabili a priori La propensione dei colleghi all anarchia La non conoscenza delle leggi e delle regole

3 A chi è destinato il Trattamento di Missione? Dipenden. CNR Borsis. e.tolari di assegni di ricerca (CNR) Dipenden. di altri En. pubblici e priva. associa. (art. 50 l. B TUIR) Titolari di Co.Co.Co. (art. 50 l. c bis TUIR) Collaboratori associa. non.tolari di rapporto di lavoro dipendente

4 Quali sono i principali riferimenti normativi? D.P.R. n 411 del 1976 Legge n 836 del 1973 Circ. M.E.F. n 36 del 2010 D.M. n 78 del 2010 Missioni Estere

5 Come si classificano le missioni? Missioni in Italia Missioni all Estero Missioni con compenso forfe2ario giornaliero (art. 25 c.3 D.P.R. 171/91)

6 Le Missioni in Italia Preme2endo che la norma.va sulle missioni in Italia è datata, frammentata e in mol. casi non aderente alle esigenze opera.ve del personale, può essere riassunta in 4 macro- argomen.: Quando si parla di Missione in Italia Le spese di viaggio Le spese di vi2o e alloggio Gli an.cipi

7 Quando si parla di Missione in Italia In base a quanto disposto dalla legge 836 del 1973 e dal D.P.R. 411 del 1976, il tra2amento di missione NON è dovuto se (è sufficiente anche uno dei seguen. pun.): Ha una durata < 4 h. È svolta nella località di residenza È svolta nello stesso comune della sede di servizio

8 Le spese di viaggio Le spese di viaggio contemplate dalla norma.va sono sostanzialmente 4: Trasporto Aereo e Ferroviario Trasporto Urbano e Taxi Mezzo Proprio Noleggio

9 Trasporto Aereo e Ferroviario I Titoli di Viaggio (vale anche per le missioni all estero) Cosa deve presentare il dipendente? Biglie2o ferroviario/aereo Conferma della prenotazione Carta d imbarco (solo aereo) N.B. I biglie5 devono essere prodo5 SEMPRE in originale. Qualora si di biglie5/carte d imbarco/prenotazioni stampa+ in proprio, il dipendente deve dichiarare che il rimborso di tale spesa viene richiesto esclusivamente al CNR. Cosa si deve fare in caso di smarrimento dei.toli di viaggio? Smarrimento biglie2o ferroviario Furto biglie2o ferroviario Smarrimento biglie2o aereo Rimborso del costo del biglie2o di 2 Classe Rimborso del costo del biglie2o di 2 Classe Rimborso integrale Dichiarazione di smarrimento Dichiarazione di smarrimento Copia della denuncia fa2a alle Autorità

10 Trasporto Aereo e Ferroviario I Titoli di Viaggio (vale anche per le missioni all estero) Possono essere rimborsate le commissioni d agenzia? La risposta è afferma.va. Si raccomanda sempre e comunque morigerazione per chi prenota e supervisione da parte di chi controlla e procede al rimborso. Affidarsi ad agenzie che applicano commissioni fuori mercato, vista la concorrenza presente nel se2ore, è in violazione del principio di economicità che si trova alla base di una corre2a amministrazione del denaro pubblico. Quali sono le spese di viaggio che non posso essere MAI rimborsate? (a.tolo esemplifica.vo) Bagaglio extra e/o assicurazioni correlate Rinnovo del documento d iden.tà o del passaporto Assicurazioni mediche (e similari) facolta.ve Commissioni bancarie sui prelievi

11 Trasporto Aereo e Ferroviario Classi/Categorie Chi può prendere cosa? A seconda della qualifica, può variare (anche se la differenza in questo caso è davvero minima) la classe/ categoria del mezzo di trasporto fruibile dal dipendente. A tal proposito la norma.va prevede: Qualifica Trenitalia NTV Vagone Le4o Aereo Nave I - III Liv. Fino alla classe Execu.ve Fino alla classe Prima Singola (III Liv. Doppia) Economy * Cabina Singola IV Liv. Fino alla classe Execu.ve Fino alla classe Prima Doppia Economy * Cabina doppia V Liv. Fino alla classe Execu.ve Fino alla classe Prima Doppia Economy * Cabina doppia VI Liv. Fino alla classe Execu.ve Fino alla classe Prima Doppia Economy* Cabina doppia VII - VIII Liv. Fino alla classe Execu.ve Fino alla classe Prima Cucce2a prima classe Economy* Cabina doppia La tabella è esemplifica9va, u9lizzare quella del manuale! * Business per voli intercon.nentali superiori alle 5 ore

12 Trasporto Urbano e Taxi Si possono rimborsare i biglieo dei mezzi pubblici urbani? NO. La legge vieta esplicitamente il ricorso ai mezzi urbani. Il divieto deriva dalla non curanza del legislatore che, dopo aver abolito la diaria in Italia (u.lizzabile per gli spostamen. nel luogo di missione), si dimen.cò di introdurre un apposita norma.va per ques. ul.mi. E consen.to, invece, il rimborso per le spese rela.ve ai mezzi extra- urbani (N.B. onde evitare fraintendimen+ o furbizie varie, per extraurbano si intende da comune a comune ). Esiste una deroga? SI, qualora il dipendente in possesso di apposita autorizzazione (con annessa mo.vazione SERIA) all uso del taxi, u.lizzi per RAGIONI DI ECONOMICITA il mezzo urbano. Va precisato che, anche usufruendo di tale deroga, non è mai ammesso il rimborso di abbonamen. sia per ciò che concerne i mezzi urbani sia per quelli extraurbani. Si possono rimborsare gli spostamen. da e per l aeroporto? SI, sono rimborsabili. Si fa notare che rarissimi sono i casi in cui i biglieo per queste tra2e hanno un costo uguale a quello dei canonici biglieo urbani, pertanto a2enzione: se vi chiedono il rimborso del terminal allegando questo.po di.cket, nell 80% dei casi ci stanno provando.

13 Trasporto Urbano e Taxi Si può rimborsare l uso del Taxi? Il costo del taxi è una spesa eccezionale e straordinaria, pertanto può essere rimborsato solo nel caso in cui il dipendente disponga di un autorizzazione PREVENTIVA del Dirigente/Dire2ore e sia corredato da un idonea e SERIA mo.vazione. E vietato l u.lizzo di N.C.C. (noleggio con conducente).

14 Mezzo Proprio E possibile recarsi in missione con il mezzo proprio? La risposta è SI, anche se devono sussistere tre requisi. fondamentali: 1) la proprietà del mezzo u.lizzato (non ci si può recare in missione con mezzi intesta. ad altri). 2) l indisponibilità di automezzi di servizio. 3) l economicità rispe2o ad un eventuale uso dei mezzi pubblici o noleggia.. Tali mo.vazioni devono essere contenute nell apposita autorizzazione che il Dirigente/Dire2ore deve so2oscrivere se il dipendente si avvarrà del mezzo di proprietà per recarsi in missione. Per quali aovità è ammesso l u.lizzo del mezzo proprio? Funzioni is.tuzionali rela.ve a compi. ispeovi, di verifica e di controllo. Aovità cara2erizzata da emergenza, urgenza e indifferibilità. Aovità che richiedano il trasporto di materiale e/o a2rezzature ingombran., fragili o pesan.. NB.: Lo svolgimento di almeno una delle tre aovità è necessaria al riconoscimento della spesa

15 Mezzo Proprio Casi 2 o 3: Urgenza, emergenza, indifferibilità - Trasporto materiale o a2rezzature ingombran. o fragili Cosa si deve rimborsare al dipendente? Al dipendente che si reca in missione con il mezzo proprio spe2a un indennizzo pari al costo del biglie2o ferroviario a/r di seconda classe (o bus) per la tra2a dalla sede di servizio (o dalla residenza se più economico) e il luogo di missione (o località più prossima a questo). Per la scelta della tariffa da applicare si prende in considerazione il treno più economico compa.bile con l orario di inizio e fine missione. Nel caso in cui oltre al dipendente vi siano altri passeggeri a bordo (s intende colleghi e non mari., mogli, cognate o aman.), l indennizzo da erogare al dipendente sarà pari al costo dei biglieo per tuo i passeggeri oltre al proprio. (es. dipendente + 2 colleghi = Rimb. 3 biglieo A/R). Cosa non può essere rimborsato? Pedaggio autostradale Carburante Parcheggio

16 Mezzo Proprio Caso 1: Svolgimento di funzioni is.tuzionali rela.vi a compi. ispeovi, di verifica e controllo Quali sono, in linea di massima, le aovità che rientrano in questa categoria? Verifica e monitoraggio ambientale Verifica sulla sicurezza sui luoghi di lavoro e della salute dei lavoratori Verifica di salubrità o sicurezza di luoghi, fabbrica., etc. Aovità di verifica e di campionamento sul territorio Cosa può essere rimborsato? Indennità chilometrica pari ad 1/5 del costo di un litro di benzina verde per ogni km percorso. * Pedaggio. Parcheggio, nel SOLO caso di par.colari esigenze come, per esempio, la custodia di a2rezzature o strumentazioni di elevato valore o non trasportabili dal dipendente inviato in missione. * Per la determinazione dei chilometri percorsi, al di là della dichiarazione del dipendente, si consiglia di u.lizzare si. internet specializza. come ed esempio viamichelin.it.

17 Noleggio E possibile recarsi in missione con un mezzo noleggiato? La spesa per il mezzo noleggiato è rimborsabile ma subordinata al vincolo dell eccezionalità, della necessità e dell autorizzazione da parte del Dirigente/Dire2ore. Pertanto, il dipendente che intende recarsi in missione con un mezzo a noleggio dovrà essere appositamente autorizzato per iscri2o sulla base di una mo.vazione tale da gius.ficare il ricorso a questa spesa eccezionale. Cosa può essere rimborsato? Fa2ura del noleggio * Carburante Pedaggi autostradali * Si precisa che le fa2ure, per qualsivoglia spesa, devono essere sempre intestate al dipendente e non al CNR!

18 Vitto e Alloggio Pas. Quali sono i tempi minimi per il rimborso dei pas.? Il rimborso della spesa di un pasto (pasto singolo), spe2a dopo 4 ore di missione per i livelli I - III e dopo 8 ore per i livelli IV - VIII. Il cd. Pasto completo (max 2 scontrini/ricevute), spe2a per entrambi trascorse almeno 12 ore. Quali cara2eris.che minime e necessarie perme2ono il rimborso dei pas.? Devono essere frui. nelle ore in cui solitamente vengono consuma. i pas.. NO COLAZIONI! Devono essere effe2ua. nel luogo di missione o in i.nere Gli scontrini/ricevute devono essere fiscali e parlan. (de2aglio dei prodoo acquista.) Ogni giorno possono essere consuma. al massimo due pas. che equivalgono a due scontrini. NON DI PIU! Non sono ammessi, salvo rarissimi casi, ricevute o scontrini cumula.vi

19 Vitto e Alloggio Pas. Quali sono i massimali di spesa? Qualifica Tempo minimo Pasto Singolo Pasto Completo I - III Liv. 4 ore. 30,55. 61,10 IV - VIII Liv. 8 ore. 22,26. 44,26 Pasto Singolo - > 1 scontrino Pasto Completo - > 2 scontrini Nel caso in cui il dipendente di liv. IV - VIII, per esigenze stre2amente lavora.ve, si trovi al seguito di un collega di liv. I - III gli deve essere riconosciuto il medesimo tra2amento per ciò che concerne vi2o e alloggio. Il seguito deve essere esplicitato nell ordine di missione, autorizzato dal Dirigente/Dire2ore e sopra2u2o deve essere funzionale all espletamento della missione stessa.

20 Vitto e Alloggio Perno2amen. Le categorie alberghiere fruibili e rimborsabili variano a seconda dell inquadramento del dipendente. Nello specifico: per i livelli I - IV è riconosciuto il perno2amento in alberghi di prima categoria ( ) mentre per i livelli V - VIII è rimborsabile fino alla seconda categoria ( ). E possibile perno2are in un residence? Si ma solo nel caso di missione con durata non inferiore ai 30 giorni e, in ogni caso, la residenza turis.co alberghiera deve essere della medesima categoria ammessa per gli alberghi in funzione dell inquadramento del dipendente. Quali spese sono vietate e pertanto non rimborsabili? Contrao di locazione, con priva. o en. pubblici. Frigobar Parcheggio Lavanderia Connessione ad internet

21 Gli anticipi (regole valide per le missioni in Italia) Al dipendente inviato in missione in Italia è riconosciuto, su presentazione di idonea mo.vazione, un an.cipo in denaro. L en.tà di tale erogazione è pari al 75% delle spese previste ovvero viaggio, vi2o e alloggio nient altro. E opportuno ricordare che, nel caso in cui vi siano apposite convenzioni con delle agenzie di viaggio (v. REGENT INTL. per la sede centrale), non è consen.to procedere con qualsivoglia an.cipo (nemmeno per la restante parte delle spese come per esempio il vi2o).

22 Le Missioni all Estero La norma.va sulle missioni all estero è piu2osto nuova ed ha subito non poche modificazioni rispe2o alla precedente. Ovviamente (e sarebbe stata una sorpresa se fosse accaduto il contrario) la norma, provenendo da un D.M. del Ministero degli Affari Esteri, è piu2osto lacunosa sopra2u2o considerando la specificità delle aovità svolte in missione da parte del personale CNR. Tornando alle novità introdo2e, il legislatore ha classificato le nazioni in 7 macro- aree (a- b- c- d- e- f- g) e ha previsto due diverse.pologie di tra2amento di missione all estero: Il Tra2amento con Rimborso Documentato Il Tra2amento Alterna.vo

23 Il trattamento con Rimborso Documentato Il tra2amento delle missioni all estero con rimborso documentato ricalca quasi esa2amente quanto disposto dalla legge per le trasferte in Italia, pertanto parleremo di: Spese di Vi2o Spese di Trasporto Spese di Alloggio An.cipi

24 Spese di Alloggio Come per le missioni in Italia, le categorie alberghiere fruibili e rimborsabili variano a seconda dell inquadramento del dipendente. Nello specifico: per i livelli I - IV è riconosciuto il perno2amento in alberghi di prima categoria ( ) mentre per i livelli V - VIII è rimborsabile fino alla seconda categoria ( ). E possibile perno2are in un residence? Si ma solo nel caso di missione con durata non inferiore ai 30 giorni e, in ogni caso, la residenza turis.co alberghiera deve essere della medesima categoria ammessa per gli alberghi in funzione dell inquadramento del dipendente. Quali spese sono vietate e pertanto non rimborsabili? Contrao di locazione, con priva. o en. pubblici. Frigobar Parcheggio Lavanderia Connessione ad internet

25 Spese di Vitto La principale novità, nonché differenza, con le missioni in Italia è l eliminazione della dis.nzione tra pasto singolo e pasto giornaliero fermo restando, comunque, il limite di massimo due scontrini presentabili al giorno. Alla luce di questo, il dipendente potrà richiedere (e o2enere) il rimborso anche di un solo scontrino di importo al massimale. Quali sono le regole base per il rimborso dei pas. in una missione all estero? Devono essere frui. nelle ore in cui solitamente vengono consuma. i pas.. NO COLAZIONI! Devono essere effe2ua. nel luogo di missione o in i.nere Gli scontrini/ricevute devono essere fiscali e parlan. (de2aglio dei prodoo acquista.) Ogni giorno possono essere consuma. al massimo due pas. che equivalgono a due scontrini. NON DI PIU! Non sono ammessi, salvo rarissimi casi, ricevute o scontrini cumula.vi

26 Spese di Vitto I Massimali di Spesa Il massimale giornaliero di spesa per i pas. varia a seconda dell inquadramento del dipendente e dell area di appartenenza del paese dove si recherà in missione. Gli impor. sono i seguen.: Area I - III Liv. Rimanente personale A B C D E F G

27 Spese di Trasporto Per le spese di trasporto in senso stre2o (aereo/treno), nonché per l u.lizzo dei mezzi pubblici urbani, valgono le medesime regole e i medesimi vincoli delle missioni in Italia. Quali sono le regole per il rimborso delle spese di taxi? La norma.va ricalca in tu2o e per tu2o quella per le missioni in Italia e pertanto l uso del taxi deve essere autorizzato anteriormente alla partenza e deve essere corredata da una valida mo.vazione. L unica eccezione è riservata ai dipenden. inquadra. come Dirigen. Amministra.vi i quali, seppur sia loro concesso l u.lizzo del taxi nonché quello dei mezzi urbani, hanno un limite massimo di spesa giornaliero pari ad. 25. Onde evitare fraintendimen., si ricorda che la figura del Dirigente Amministra.vo è una figura presente solo presso la Sede Centrale CNR. Quali sono e come ci si deve comportare dinanzi a spese correlate a quelle di trasporto? Il noleggio di autove2ura può essere effe2uato esclusivamente in territorio estero e spe2a il rimborso delle spese per il carburante e per i pedaggi. Non si può pertanto noleggiare una macchina in Italia e oltrepassare il confine di Stato. Il costo per l o2enimento del visto può essere rimborsato. Il bollo NO. Non sono ammissibili a rimborso le spese per la so2oscrizione di assicurazioni personali medico/ sanitarie salvo il caso di obbligatorietà imposta dal paese di des.nazione.

28 Gli anticipi La norma.va prevede che per il tra2amento di missione con rimborso documentato, sia possibile la corresponsione di un an.cipo, ovviamente su richiesta dell interessato, per un importo NON SUPERIORE alle spese alberghiere (o di residence) preven.vate e alle spese di viaggio (aereo, treno, nave). Nella somma da an.cipare non è MAI possibile imputare ulteriori spese.

29 Il trattamento alternativo Per le missioni superiori ad un giorno e in ALTERNATIVA al tra2amento con rimborso documentato (non esistono tra2amen. mis. dalla serie un pò e un pò ) l amministrazione, su richiesta del dipendente, può autorizzare il cd. Tra4amento alternabvo di missione che prevede, oltre al rimborso delle spese di viaggio, la corresponsione di una quota di rimborso (tassata) per ogni 24 ore svolte in missione. L indennità, che varia in funzione delle aree- paese è così quan.ficata: AREA A B C D E F G QUOTA GIORNALIERA N.B. Nel caso in cui, nel giorno di inizio o di fine missione, non si raggiungano le 24 h. ma si oltrepassino comunque le 12 h., la quota giornaliera sarà pari alla metà. Es. 30 ore di missione in fascia A - > 120 ; 37 ore di missione in fascia A - > 180.

30 Il trattamento alternativo Quali sono i criteri per determinare le date e gli orari di inizio e fine missione? INIZIO MISSIONE Aereo/Nave: data e ora d IMBARCO nell aeromobile o nella nave (fa fede l orario indicato nel biglie2o). Treno/Bus: data e ora di a2raversamento della fron.era. FINE MISSIONE Aereo/Nave: data e ora di RIENTRO in Italia (fa fede l orario indicato nel biglie2o). Treno/Bus: data e ora di ATTRAVERSAMENTO della fron.era italiana. Come comportarsi nel caso in cui una parte della missione si debba necessariamente svolgere in Italia (es. per raggiungere un aeroporto ubicato in una ci2à diversa)? Può succedere che, per esempio, i voli internazionali partano da un aeroporto diverso da quello sito nel comune di residenza/sede di servizio. In questo caso, si devono liquidare 2 missioni con un solo ordine di missione. La prima, dove verranno rimborsate le spese sostenute in Italia (es. treno per raggiungere l aeroporto e/o spese di pasto [se è trascorso il tempo minimo per averne diri2o]), la seconda per la parte svolta all estero con le regole previste per il tra2amento alterna.vo.

31 Il trattamento alternativo Sono rimborsabili i mezzi di trasporto urbano/extra- urbano o di taxi? Il tra2amento alterna.vo non consente alcun.po di rimborso per le spese di trasporto urbano/extra- urbano o di taxi. Le uniche deroghe sono i cd. Terminal (da/per stazioni, aeropor., por. italiani) e la spesa di traporto extra- urbano per raggiungere il luogo di missione, se questo è ubicato in un comune diverso da quello dell aeroporto. E possibile il ricorso al taxi con le regole già note. Es. se il luogo missione è l isola croata di KRK e l aeroporto più vicino è Pola, può essere rimborsato lo spostamento fino all isola. Da lì in poi, è tu2o a carico del dipendente. Quali altre spese non sono rimborsabili? Pas. Mezzi urbani o taxi per spostamen. nel luogo di missione Assicurazioni sanitarie o personali se non obbligatorie Spese accessorie come ad esempio i bagagli extra

32 Il trattamento alternativo E possibile corrispondere l an.cipo nel tra2amento alterna.vo? La risposta è SI. La norma prevede la possibilità di corrispondere al dipendente che ne faccia richiesta un an.cipo monetario di importo pari alle spese di viaggio + il 90% della quota di rimborso.

33 Precisazioni importanti Non è mai possibile ricorrere ad un tra2amento misto ovvero usufruire per alcuni giorni del tra2amento documentato e per i restan. dell alterna.vo. La quota di rimborso è irrinunciabile. Non è possibile richiedere il tra2amento alterna.vo nel caso in cui il dipendente usufruisca di alloggi con le spese a carico di terzi. In questo caso, si applica il tra2amento documentato. In nessun caso, è possibile rimborsare le commissioni di prelevamento da sportelli Bancomat e similari. Il tasso di cambio, salvo il caso di presentazione della ricevuta del cambia valute, è quello del giorno di partenza e ricavabile solo da si. is.tuzionali (come per esempio l Ufficio Italiano Cambi)

34 Altre spese rimborsabili Quota di iscrizione a convegni, corsi e simili Sia per le missioni in Italia che per quelle all estero, è possibile rimborsare le spese di iscrizione a convegni, corsi, scuole etc. Per poter procedere al sudde2o rimborso, il dipendente dovrà presentare idonea fa2ura fiscale/nota di addebito a LUI INTESTATA. Nel caso in cui tale quota comprenda anche spese di perno2amento e/o pas., sarà onere dello stesso richiedere agli organizzatori del corso/convegno (e successivamente presentare) idonea documentazione con separazione delle singole voci di spesa al fine di individuare con esa2ezza il rispe2o/superamento dei massimali. Autove2ura di servizio La norma prevede la possibilità per il dipendente di recarsi in missione usufruendo della cd. macchina di servizio. L u.lizzo di tale mezzo non è consen.to per le trasferte in territorio estero salvo alcune eccezioni par.colari come il trasporto di strumentazione scien.fica delicata, nel caso di economicità rispe2o agli altri mezzi di trasporto o quando le aovità da svolgere rientrino in un piano programmato a cara2ere periodico. In ogni caso è sempre necessaria l approvazione (con annesse mo.vazioni in caso di missioni all estero) del Dirigente/Dire2ore. Le spese rimborsabili nel caso di u.lizzo di autove2ure di servizio sono PEDAGGIO, CARBURANTE e, solo nell ipotesi in cui si s.ano trasportando a2rezzature o strumentazione scien.fica delicata e/o di valore, le spese di PARCHEGGIO (se questo è al coperto ed è custodito).

35 Altre spese rimborsabili Missioni con annesse ferie (Circ. CNR /91) Al dipendente è riconosciuta la possibilità di usufruire, in un periodo precedente o successivo, delle ferie per mo.vi personali nel luogo di missione SOLO ED ESCLUSIVAMENTE per una durata MINIMA rispe2o a quella della missione. Questo vuol dire che il rimborso del biglie2o del viaggio di andata (nel caso vengano a2accate le ferie prima dell inizio della missione) o del biglie2o del viaggio di ritorno (nel caso in cui vengano a2accate alla fine) può essere effe2uato SOLO NEL CASO IN CUI IL DIPENDENTE FORNISCA DELLE VALIDE MOTIVAZIONI (approvate dal Dirigente/Dire2ore) DALLE QUALI SI EVINCA L ECCEZIONALITA DELLA SITUAZIONE E CHE LA DURATA DEL PERMESSO SIA MINIMA RISPETTO AI GIORNI EFFETTIVI DI MISSIONE.

36 Compenso Forfe2ario art. 25 DPR 171/91 Al personale con qualifica IV - IX, inviato in missione per lo svolgimento delle seguen. aovità: aovità di protezione civile nelle situazioni di prima urgenza, aovità epidemiologiche e biomediche; aovità di rilevazione, campionamento, osservazione, misura e controllo anche di impian. ed installazioni scien.fiche; aovità di tutela e rilevazione del patrimonio storico, ar.s.co ed ambientale; aovità di campagna nelle ricerche geologiche, geofisiche, astrofisiche, agronomiche, archeologiche e sul territorio e aovità con.nua.ve in galleria; aovità oceanografiche e che si trovi nell impossibilità di fruizione di vi2o e alloggio per mancanza di idonee stru2ure, spe2erà un compenso forfe2ario giornaliero pari ad. 10,33 ne2e per i pas. e a. 10,33 ne2e per il perno2amento.

37 Missioni all estero con Diaria La legge n.217/2011, all art.4, stabilisce che la nuova norma.va sulle missioni estere, introdo2a dal Decreto MAE del 23 marzo 2011, non si applica nel caso di partecipazione a riunioni nell ambito di processi decisionali dell Unione Europea, o degli organismi internazionali nonché nel caso di missioni nei paesi beneficiari degli aiu+ eroga+ da parte dei medesimi organismi e dell UE. Per poter usufruire di questa deroga devono sussistere contemporaneamente i seguen. requisi.: Le riunioni devono essere svolte presso l Unione Europea o altro Organismo Internazionale. Le decisioni prese in seno alla riunione devono avere portata vincolante rispe2o alla d e l i b e r a d e fi n i. v a dell organo decisionale. Il dipendente inviato in missione deve essere in possesso del potere di rappresentanza is.tuzionale o di un apposito incarico. La valutazione della sussistenza dei requisi. per l erogazione della diaria dovrà essere effe2uata dai competen. uffici dell amministrazione che si occupano di aovità internazionale e comunitaria (a2ualmente l Ufficio Accordi e Relazioni Internazionali e l Ufficio Aovità e Relazioni con le Is.tuzioni Europee) i quali, in base alle istanze presentate, dovranno esprimersi formalmente in merito alla spe2anza della diaria.

38 Missioni all estero con Diaria Casi d inapplicabilità della deroga Partecipazione a riunioni, comita. o gruppi di lavoro di natura meramente interlocutoria. Partecipazione a congressi, seminari o convegni. Partecipazione a negozia. riconducibili ad una fase preliminare rispe2o alla formazione della decisione.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

A tal fine l incaricato in missione dovrà utilizzare l idonea modulistica allegata al presente regolamento.

A tal fine l incaricato in missione dovrà utilizzare l idonea modulistica allegata al presente regolamento. REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA PER L AUTORIZZAZIONE ALL UTILIZZO DEL MEZZO PROPRIO, NELL AMBITO DELL ISTITUTO DELLA MISSIONE l'incarico e l'autorizzazione a compiere la missione, devono risultare da un

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future.

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Roma, 11.11.2014

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi:

1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi: 8. RIMBORSI E INDENNITA 1. Rimborso 1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi: Per mancata effettuazione del viaggio

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA la guida DI CHI è alla guida SERVIZIO CLIENTI Per tutte le tue domande risponde un solo numero Servizio Clienti Contatta lo 06 65 67 12 35 da lunedì a venerdì, dalle 8.30 alle 18.00 o manda un e-mail a

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma PRODOTTO BASE UTENTE INFORMAZIONI SULL EMITTENTE ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo Sede legale e amministrativa Numero telefonico: 800.991.341 Numero fax: 06.87.41.74.25 E-mail

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI 1) NOZIONE DI PACCHETTO TURISTICO La nozione di pacchetto turistico è la seguente: i pacchetti turistici hanno ad oggetto i viaggi, le

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel

Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel Devi fare una fattura elettronica alla PA? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt PA Lextel FATTURAZIONE ELETTRONICA Fa# PA è il servizio online di fa/urazione ele/ronica semplice e sicuro

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

INDICE. 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3. 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10. 3. Come acquistare on line Pag. 14

INDICE. 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3. 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10. 3. Come acquistare on line Pag. 14 INDICE Carte Prepagate istruzioni per l uso 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10 3. Come acquistare on line Pag. 14 4. Come creare il 3D security Pag. 16 5. Collegamento

Dettagli

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende)

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende) RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing (Enti e Aziende) Richiesta di abbonamento del Il/La sottoscritta Nome Cognome Legale Rappresentante dell Azienda Attività Sede Legale

Dettagli

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD)

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Lecce, 19.02.2014 La

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 documento redatto sulla base del questionario CIO Candidature Acceptance Procedure Games of the XXXI Olympiad 2016 PREMESSA ESTRATTO

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

ATM PER I GIOVANI E PER GLI STUDENTI

ATM PER I GIOVANI E PER GLI STUDENTI ATM PER I GIOVANI E PER GLI STUDENTI EDIZIONE MARZO 015 ABBONARSI AI MEZZI ATM 1 ATM, per rispondere alle diverse esigenze di mobilità, offre ai giovani e agli studenti una serie di agevolazioni sull acquisto

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI TERMINI E CONDIZIONI GENERALI Leggere attentamente Termini e Condizioni prima di noleggiare una vettura con Atlaschoice. I Termini si applicano a qualsiasi prenotazione effettuata con Atlaschoice tramite

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

Raduno precampionato. 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat. Il referto di gara. Indicazioni per la corre1a compilazione

Raduno precampionato. 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat. Il referto di gara. Indicazioni per la corre1a compilazione Raduno precampionato 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat Il referto di gara Indicazioni per la corre1a compilazione Il referto di gara Il referto di gara rappresenta il documento che completa l incarico arbitrale:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

Condizioni di contratto ed al tre informazioni importanti

Condizioni di contratto ed al tre informazioni importanti Condizioni di contratto ed al tre informazioni importanti CONDIZIONI DI CONTRATTO ED ALTRE INFORMAZIONI IMPORTANTI SI INFORMANO I PASSEGGERI CHE EFFETTUANO UN VIAGGIO CON DESTINAZIONE FINALE O UNO STOP

Dettagli

IL BUDGET. Che cos è il budget.

IL BUDGET. Che cos è il budget. IL BUDGET Che cos è il budget. Ogni progetto deve possedere una sostenibilità economica che permette la realizzazione delle attività e il raggiungimento degli obiettivi. Questa sostenibilità economica

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92)

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) REGOLAMENTO RECANTE APPROVAZIONE DELLE DELIBERAZIONI IN DATA 16 MAGGIO

Dettagli

Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto anno tra contenuti e attività

Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto anno tra contenuti e attività XXXII CONVEGNO UMI-CIIM IL VALORE FORMATIVO DELLA MATEMATICA NELLA SCUOLA DI OGGI dedicato a Federigo Enriques Livorno, 16-18 ottobre 2014 Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

INFORMAZIONI DI BASE SUL PROGETTO E LA CONFERENZA

INFORMAZIONI DI BASE SUL PROGETTO E LA CONFERENZA Sostenere l'integrazione dei giovani lavoratori nei settori europei della metallurgia, dei trasporti, dell'alimentazione, dei servizi, dell'edilizia e del legno (nel quadro dell agenda sociale dell UE)

Dettagli

HELP 03 RIMBORSI SPESE

HELP 03 RIMBORSI SPESE a cura di Flavio Chistè RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE Nella gestione ordinaria degli enti non commerciali accade spesso che vengano erogate delle somme ai collaboratori, ai professionisti e ai dipendenti

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

Euro 165,00 Trattamento BB (camera e prima colazione). Le tariffe non sono valide durante fiere ed eventi.

Euro 165,00 Trattamento BB (camera e prima colazione). Le tariffe non sono valide durante fiere ed eventi. CRIVI S Corso di Porta Vigentina, 46 Albergo di cat. 4 stelle. La fermata della metropolitana MM3 più vicina è Crocetta. Dall albergo l Università Bocconi è raggiungibile a piedi in 10 minuti. Uso Singola

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

A ROMA DA PAPA FRANCESCO. Roma 31 Ottobre 2015

A ROMA DA PAPA FRANCESCO. Roma 31 Ottobre 2015 A ROMA DA PAPA FRANCESCO Roma 31 Ottobre 2015 Il Programma definitivo della giornata sarà disponibile sul sito www.ucid.it A ROMA DA PAPA FRANCESCO - Roma, 31 Ottobre 2015 PROPOSTE DI ACCOGLIENZA OPZ.

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Parte II Trasporto Nazionale

Parte II Trasporto Nazionale Parte II Trasporto Nazionale Aggiornata al 1 marzo 2015 1 Indice Capitolo 1 Parte generale Pagina 1. Ambito di applicazione 7 2. Il titolo di viaggio 7 2.1. Le classi 7 2.2. I livelli di servizio AV Frecciarossa

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

NORME E CONDIZIONI PER L UTILIZZO DEL TELEPASS PER IL PAGAMENTO DEI PARCHEGGI

NORME E CONDIZIONI PER L UTILIZZO DEL TELEPASS PER IL PAGAMENTO DEI PARCHEGGI Norme e Condizioni per il Pagamento dei Parcheggi con il Telepass NORME E CONDIZIONI PER L UTILIZZO DEL TELEPASS PER IL PAGAMENTO DEI PARCHEGGI Art. 1 1.1 Le presenti norme e condizioni disciplinano l

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

FAI IL PIENO DI CALCIO

FAI IL PIENO DI CALCIO REGOLAMENTO INTEGRALE DEL CONCORSO A PREMI FAI IL PIENO DI CALCIO La Beiersdorf SpA, con sede in Via Eraclito 30, 20128 Milano, promuove la seguente manifestazione, che viene svolta secondo le norme contenute

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI Avere Telepass Premium è un vantaggio, che ne racchiude molti di più.

GUIDA AI SERVIZI Avere Telepass Premium è un vantaggio, che ne racchiude molti di più. telepass.it/premium GUIDA AI SERVIZI Avere Telepass Premium è un vantaggio, che ne racchiude molti di più. BENVENUTO E congratulazioni per essere un cliente Telepass Premium. Grazie, infatti, alla tessera

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Dicembre 2010. Conto 3. Guida pratica alla Fattura.

Dicembre 2010. Conto 3. Guida pratica alla Fattura. Dicembre 200 Conto 3. Guida pratica alla Fattura. La guida pratica alla lettura della fattura contiene informazioni utili sulle principali voci presenti sul conto telefonico. Gentile Cliente, nel ringraziarla

Dettagli

Fringe benefits e rimborsi spese ai lavoratori: trattamento fiscale

Fringe benefits e rimborsi spese ai lavoratori: trattamento fiscale Fringe benefits e rimborsi spese ai lavoratori: trattamento fiscale Mauro Porcelli 1 I fringe benefits sono emolumenti aggiuntivi della retribuzione costituiscono vantaggi accessori servono a motivare

Dettagli

Articolo 3, comma 3- Viene così riformulato Il Contrassegno è predisposto per una validità di cinque anni. Approvato unanime.

Articolo 3, comma 3- Viene così riformulato Il Contrassegno è predisposto per una validità di cinque anni. Approvato unanime. 1 2 3 Preso atto, inoltre, che la I Commissione consiliare permanente - Affari Generali e Istituzionali con verbale del 29 settembre 2011, qui allegato, ha espresso parere favorevole, sulla proposta in

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DECRETO n. 429 del 15 dicembre 2011 Direttive e calendario per le limitazioni alla circolazione stradale fuori dai centri abitati per l anno 2012 IL MINISTRO

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

1 di 5 14/04/2011 19.22

1 di 5 14/04/2011 19.22 1 di 5 14/04/2011 19.22 testata Direttiva nâ 6/2011 Il presente questionario à finalizzato a rilevare le modalitã di gestione finanziaria e logistica della flotta di rappresentanza e del parco macchine

Dettagli

PUBBLICHIAMO LA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE

PUBBLICHIAMO LA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE www.forzearmate.org Servizi di Informazione Assistenza - Consulenza legale Diritti - Banca dati - Convenzioni CHI SIAMO E COSA FACCIAMO SIDEWEB è una società di servizi nata dall entusiasmo e dall esperienza

Dettagli

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ).

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). 1 ADESIONE A IOSI 1.1 Possono aderire al Club IoSi (qui di seguito IoSi ) tutti i

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

TITOLO VI ALTRI USI TITOLO VI

TITOLO VI ALTRI USI TITOLO VI TITOLO VI 167 Capitolo primo PRESTAZIONI D OPERA VARIE E DI SERVIZIO (nessun uso accertato) Capitolo secondo USI MARITTIMI (nessun uso accertato) 169 Capitolo terzo USI NEI TRASPORTI TERRESTRI TRASPORTI

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. Identità e contatti del finanziatore/ intermediario del credito Finanziatore Indirizzo Telefono Email Fax Sito web Creditis Servizi Finanziari

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

Guida al Pass InterRail 2014

Guida al Pass InterRail 2014 Guida al Pass InterRail 2014 Scarica gratuitamente l app InterRail Rail Planner: diponibile anche in modalità offline! Caro Viaggiatore InterRail, Hai scelto il modo perfetto di viaggiare in Europa: in

Dettagli

Guida al Pass Interrail 2015

Guida al Pass Interrail 2015 Guida al Pass Interrail 2015 Scarica gratuitamente l app Interrail Rail Planner: diponibile anche in modalità offline! Caro viaggiatore Interrail, hai scelto il modo perfetto di esplorare l Europa: in

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

PREMESSA. La GIUNTA della Camera di Commercio di Brescia

PREMESSA. La GIUNTA della Camera di Commercio di Brescia DISCIPLINARE TECNICO E AMMINISTRATIVO VERIFICAZIONE PERIODICA DI ESECUZIONE DELLA PREMESSA L art. 11 del T.U. delle leggi sui pesi e sulle misure, approvato con R. D. 23 agosto 1890 n. 7088, stabilisce

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli