La Normativa per la Gestione delle Missioni del Personale CNR

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Normativa per la Gestione delle Missioni del Personale CNR"

Transcript

1 Corso di Formazione Interdipartimentale per la Gestione Amministrativa delle Attività di Ricerca La Normativa per la Gestione delle Missioni del Personale CNR Galatea Palace Hotel Acitrezza, 5 Giugno 2013 A cura di Luca Scu+gliani

2 Perché è difficile rimborsare una missione? Confusione Norma.va Inada2abilità della norma alla realtà opera.va Casis.che infinite e non inquadrabili a priori La propensione dei colleghi all anarchia La non conoscenza delle leggi e delle regole

3 A chi è destinato il Trattamento di Missione? Dipenden. CNR Borsis. e.tolari di assegni di ricerca (CNR) Dipenden. di altri En. pubblici e priva. associa. (art. 50 l. B TUIR) Titolari di Co.Co.Co. (art. 50 l. c bis TUIR) Collaboratori associa. non.tolari di rapporto di lavoro dipendente

4 Quali sono i principali riferimenti normativi? D.P.R. n 411 del 1976 Legge n 836 del 1973 Circ. M.E.F. n 36 del 2010 D.M. n 78 del 2010 Missioni Estere

5 Come si classificano le missioni? Missioni in Italia Missioni all Estero Missioni con compenso forfe2ario giornaliero (art. 25 c.3 D.P.R. 171/91)

6 Le Missioni in Italia Preme2endo che la norma.va sulle missioni in Italia è datata, frammentata e in mol. casi non aderente alle esigenze opera.ve del personale, può essere riassunta in 4 macro- argomen.: Quando si parla di Missione in Italia Le spese di viaggio Le spese di vi2o e alloggio Gli an.cipi

7 Quando si parla di Missione in Italia In base a quanto disposto dalla legge 836 del 1973 e dal D.P.R. 411 del 1976, il tra2amento di missione NON è dovuto se (è sufficiente anche uno dei seguen. pun.): Ha una durata < 4 h. È svolta nella località di residenza È svolta nello stesso comune della sede di servizio

8 Le spese di viaggio Le spese di viaggio contemplate dalla norma.va sono sostanzialmente 4: Trasporto Aereo e Ferroviario Trasporto Urbano e Taxi Mezzo Proprio Noleggio

9 Trasporto Aereo e Ferroviario I Titoli di Viaggio (vale anche per le missioni all estero) Cosa deve presentare il dipendente? Biglie2o ferroviario/aereo Conferma della prenotazione Carta d imbarco (solo aereo) N.B. I biglie5 devono essere prodo5 SEMPRE in originale. Qualora si di biglie5/carte d imbarco/prenotazioni stampa+ in proprio, il dipendente deve dichiarare che il rimborso di tale spesa viene richiesto esclusivamente al CNR. Cosa si deve fare in caso di smarrimento dei.toli di viaggio? Smarrimento biglie2o ferroviario Furto biglie2o ferroviario Smarrimento biglie2o aereo Rimborso del costo del biglie2o di 2 Classe Rimborso del costo del biglie2o di 2 Classe Rimborso integrale Dichiarazione di smarrimento Dichiarazione di smarrimento Copia della denuncia fa2a alle Autorità

10 Trasporto Aereo e Ferroviario I Titoli di Viaggio (vale anche per le missioni all estero) Possono essere rimborsate le commissioni d agenzia? La risposta è afferma.va. Si raccomanda sempre e comunque morigerazione per chi prenota e supervisione da parte di chi controlla e procede al rimborso. Affidarsi ad agenzie che applicano commissioni fuori mercato, vista la concorrenza presente nel se2ore, è in violazione del principio di economicità che si trova alla base di una corre2a amministrazione del denaro pubblico. Quali sono le spese di viaggio che non posso essere MAI rimborsate? (a.tolo esemplifica.vo) Bagaglio extra e/o assicurazioni correlate Rinnovo del documento d iden.tà o del passaporto Assicurazioni mediche (e similari) facolta.ve Commissioni bancarie sui prelievi

11 Trasporto Aereo e Ferroviario Classi/Categorie Chi può prendere cosa? A seconda della qualifica, può variare (anche se la differenza in questo caso è davvero minima) la classe/ categoria del mezzo di trasporto fruibile dal dipendente. A tal proposito la norma.va prevede: Qualifica Trenitalia NTV Vagone Le4o Aereo Nave I - III Liv. Fino alla classe Execu.ve Fino alla classe Prima Singola (III Liv. Doppia) Economy * Cabina Singola IV Liv. Fino alla classe Execu.ve Fino alla classe Prima Doppia Economy * Cabina doppia V Liv. Fino alla classe Execu.ve Fino alla classe Prima Doppia Economy * Cabina doppia VI Liv. Fino alla classe Execu.ve Fino alla classe Prima Doppia Economy* Cabina doppia VII - VIII Liv. Fino alla classe Execu.ve Fino alla classe Prima Cucce2a prima classe Economy* Cabina doppia La tabella è esemplifica9va, u9lizzare quella del manuale! * Business per voli intercon.nentali superiori alle 5 ore

12 Trasporto Urbano e Taxi Si possono rimborsare i biglieo dei mezzi pubblici urbani? NO. La legge vieta esplicitamente il ricorso ai mezzi urbani. Il divieto deriva dalla non curanza del legislatore che, dopo aver abolito la diaria in Italia (u.lizzabile per gli spostamen. nel luogo di missione), si dimen.cò di introdurre un apposita norma.va per ques. ul.mi. E consen.to, invece, il rimborso per le spese rela.ve ai mezzi extra- urbani (N.B. onde evitare fraintendimen+ o furbizie varie, per extraurbano si intende da comune a comune ). Esiste una deroga? SI, qualora il dipendente in possesso di apposita autorizzazione (con annessa mo.vazione SERIA) all uso del taxi, u.lizzi per RAGIONI DI ECONOMICITA il mezzo urbano. Va precisato che, anche usufruendo di tale deroga, non è mai ammesso il rimborso di abbonamen. sia per ciò che concerne i mezzi urbani sia per quelli extraurbani. Si possono rimborsare gli spostamen. da e per l aeroporto? SI, sono rimborsabili. Si fa notare che rarissimi sono i casi in cui i biglieo per queste tra2e hanno un costo uguale a quello dei canonici biglieo urbani, pertanto a2enzione: se vi chiedono il rimborso del terminal allegando questo.po di.cket, nell 80% dei casi ci stanno provando.

13 Trasporto Urbano e Taxi Si può rimborsare l uso del Taxi? Il costo del taxi è una spesa eccezionale e straordinaria, pertanto può essere rimborsato solo nel caso in cui il dipendente disponga di un autorizzazione PREVENTIVA del Dirigente/Dire2ore e sia corredato da un idonea e SERIA mo.vazione. E vietato l u.lizzo di N.C.C. (noleggio con conducente).

14 Mezzo Proprio E possibile recarsi in missione con il mezzo proprio? La risposta è SI, anche se devono sussistere tre requisi. fondamentali: 1) la proprietà del mezzo u.lizzato (non ci si può recare in missione con mezzi intesta. ad altri). 2) l indisponibilità di automezzi di servizio. 3) l economicità rispe2o ad un eventuale uso dei mezzi pubblici o noleggia.. Tali mo.vazioni devono essere contenute nell apposita autorizzazione che il Dirigente/Dire2ore deve so2oscrivere se il dipendente si avvarrà del mezzo di proprietà per recarsi in missione. Per quali aovità è ammesso l u.lizzo del mezzo proprio? Funzioni is.tuzionali rela.ve a compi. ispeovi, di verifica e di controllo. Aovità cara2erizzata da emergenza, urgenza e indifferibilità. Aovità che richiedano il trasporto di materiale e/o a2rezzature ingombran., fragili o pesan.. NB.: Lo svolgimento di almeno una delle tre aovità è necessaria al riconoscimento della spesa

15 Mezzo Proprio Casi 2 o 3: Urgenza, emergenza, indifferibilità - Trasporto materiale o a2rezzature ingombran. o fragili Cosa si deve rimborsare al dipendente? Al dipendente che si reca in missione con il mezzo proprio spe2a un indennizzo pari al costo del biglie2o ferroviario a/r di seconda classe (o bus) per la tra2a dalla sede di servizio (o dalla residenza se più economico) e il luogo di missione (o località più prossima a questo). Per la scelta della tariffa da applicare si prende in considerazione il treno più economico compa.bile con l orario di inizio e fine missione. Nel caso in cui oltre al dipendente vi siano altri passeggeri a bordo (s intende colleghi e non mari., mogli, cognate o aman.), l indennizzo da erogare al dipendente sarà pari al costo dei biglieo per tuo i passeggeri oltre al proprio. (es. dipendente + 2 colleghi = Rimb. 3 biglieo A/R). Cosa non può essere rimborsato? Pedaggio autostradale Carburante Parcheggio

16 Mezzo Proprio Caso 1: Svolgimento di funzioni is.tuzionali rela.vi a compi. ispeovi, di verifica e controllo Quali sono, in linea di massima, le aovità che rientrano in questa categoria? Verifica e monitoraggio ambientale Verifica sulla sicurezza sui luoghi di lavoro e della salute dei lavoratori Verifica di salubrità o sicurezza di luoghi, fabbrica., etc. Aovità di verifica e di campionamento sul territorio Cosa può essere rimborsato? Indennità chilometrica pari ad 1/5 del costo di un litro di benzina verde per ogni km percorso. * Pedaggio. Parcheggio, nel SOLO caso di par.colari esigenze come, per esempio, la custodia di a2rezzature o strumentazioni di elevato valore o non trasportabili dal dipendente inviato in missione. * Per la determinazione dei chilometri percorsi, al di là della dichiarazione del dipendente, si consiglia di u.lizzare si. internet specializza. come ed esempio viamichelin.it.

17 Noleggio E possibile recarsi in missione con un mezzo noleggiato? La spesa per il mezzo noleggiato è rimborsabile ma subordinata al vincolo dell eccezionalità, della necessità e dell autorizzazione da parte del Dirigente/Dire2ore. Pertanto, il dipendente che intende recarsi in missione con un mezzo a noleggio dovrà essere appositamente autorizzato per iscri2o sulla base di una mo.vazione tale da gius.ficare il ricorso a questa spesa eccezionale. Cosa può essere rimborsato? Fa2ura del noleggio * Carburante Pedaggi autostradali * Si precisa che le fa2ure, per qualsivoglia spesa, devono essere sempre intestate al dipendente e non al CNR!

18 Vitto e Alloggio Pas. Quali sono i tempi minimi per il rimborso dei pas.? Il rimborso della spesa di un pasto (pasto singolo), spe2a dopo 4 ore di missione per i livelli I - III e dopo 8 ore per i livelli IV - VIII. Il cd. Pasto completo (max 2 scontrini/ricevute), spe2a per entrambi trascorse almeno 12 ore. Quali cara2eris.che minime e necessarie perme2ono il rimborso dei pas.? Devono essere frui. nelle ore in cui solitamente vengono consuma. i pas.. NO COLAZIONI! Devono essere effe2ua. nel luogo di missione o in i.nere Gli scontrini/ricevute devono essere fiscali e parlan. (de2aglio dei prodoo acquista.) Ogni giorno possono essere consuma. al massimo due pas. che equivalgono a due scontrini. NON DI PIU! Non sono ammessi, salvo rarissimi casi, ricevute o scontrini cumula.vi

19 Vitto e Alloggio Pas. Quali sono i massimali di spesa? Qualifica Tempo minimo Pasto Singolo Pasto Completo I - III Liv. 4 ore. 30,55. 61,10 IV - VIII Liv. 8 ore. 22,26. 44,26 Pasto Singolo - > 1 scontrino Pasto Completo - > 2 scontrini Nel caso in cui il dipendente di liv. IV - VIII, per esigenze stre2amente lavora.ve, si trovi al seguito di un collega di liv. I - III gli deve essere riconosciuto il medesimo tra2amento per ciò che concerne vi2o e alloggio. Il seguito deve essere esplicitato nell ordine di missione, autorizzato dal Dirigente/Dire2ore e sopra2u2o deve essere funzionale all espletamento della missione stessa.

20 Vitto e Alloggio Perno2amen. Le categorie alberghiere fruibili e rimborsabili variano a seconda dell inquadramento del dipendente. Nello specifico: per i livelli I - IV è riconosciuto il perno2amento in alberghi di prima categoria ( ) mentre per i livelli V - VIII è rimborsabile fino alla seconda categoria ( ). E possibile perno2are in un residence? Si ma solo nel caso di missione con durata non inferiore ai 30 giorni e, in ogni caso, la residenza turis.co alberghiera deve essere della medesima categoria ammessa per gli alberghi in funzione dell inquadramento del dipendente. Quali spese sono vietate e pertanto non rimborsabili? Contrao di locazione, con priva. o en. pubblici. Frigobar Parcheggio Lavanderia Connessione ad internet

21 Gli anticipi (regole valide per le missioni in Italia) Al dipendente inviato in missione in Italia è riconosciuto, su presentazione di idonea mo.vazione, un an.cipo in denaro. L en.tà di tale erogazione è pari al 75% delle spese previste ovvero viaggio, vi2o e alloggio nient altro. E opportuno ricordare che, nel caso in cui vi siano apposite convenzioni con delle agenzie di viaggio (v. REGENT INTL. per la sede centrale), non è consen.to procedere con qualsivoglia an.cipo (nemmeno per la restante parte delle spese come per esempio il vi2o).

22 Le Missioni all Estero La norma.va sulle missioni all estero è piu2osto nuova ed ha subito non poche modificazioni rispe2o alla precedente. Ovviamente (e sarebbe stata una sorpresa se fosse accaduto il contrario) la norma, provenendo da un D.M. del Ministero degli Affari Esteri, è piu2osto lacunosa sopra2u2o considerando la specificità delle aovità svolte in missione da parte del personale CNR. Tornando alle novità introdo2e, il legislatore ha classificato le nazioni in 7 macro- aree (a- b- c- d- e- f- g) e ha previsto due diverse.pologie di tra2amento di missione all estero: Il Tra2amento con Rimborso Documentato Il Tra2amento Alterna.vo

23 Il trattamento con Rimborso Documentato Il tra2amento delle missioni all estero con rimborso documentato ricalca quasi esa2amente quanto disposto dalla legge per le trasferte in Italia, pertanto parleremo di: Spese di Vi2o Spese di Trasporto Spese di Alloggio An.cipi

24 Spese di Alloggio Come per le missioni in Italia, le categorie alberghiere fruibili e rimborsabili variano a seconda dell inquadramento del dipendente. Nello specifico: per i livelli I - IV è riconosciuto il perno2amento in alberghi di prima categoria ( ) mentre per i livelli V - VIII è rimborsabile fino alla seconda categoria ( ). E possibile perno2are in un residence? Si ma solo nel caso di missione con durata non inferiore ai 30 giorni e, in ogni caso, la residenza turis.co alberghiera deve essere della medesima categoria ammessa per gli alberghi in funzione dell inquadramento del dipendente. Quali spese sono vietate e pertanto non rimborsabili? Contrao di locazione, con priva. o en. pubblici. Frigobar Parcheggio Lavanderia Connessione ad internet

25 Spese di Vitto La principale novità, nonché differenza, con le missioni in Italia è l eliminazione della dis.nzione tra pasto singolo e pasto giornaliero fermo restando, comunque, il limite di massimo due scontrini presentabili al giorno. Alla luce di questo, il dipendente potrà richiedere (e o2enere) il rimborso anche di un solo scontrino di importo al massimale. Quali sono le regole base per il rimborso dei pas. in una missione all estero? Devono essere frui. nelle ore in cui solitamente vengono consuma. i pas.. NO COLAZIONI! Devono essere effe2ua. nel luogo di missione o in i.nere Gli scontrini/ricevute devono essere fiscali e parlan. (de2aglio dei prodoo acquista.) Ogni giorno possono essere consuma. al massimo due pas. che equivalgono a due scontrini. NON DI PIU! Non sono ammessi, salvo rarissimi casi, ricevute o scontrini cumula.vi

26 Spese di Vitto I Massimali di Spesa Il massimale giornaliero di spesa per i pas. varia a seconda dell inquadramento del dipendente e dell area di appartenenza del paese dove si recherà in missione. Gli impor. sono i seguen.: Area I - III Liv. Rimanente personale A B C D E F G

27 Spese di Trasporto Per le spese di trasporto in senso stre2o (aereo/treno), nonché per l u.lizzo dei mezzi pubblici urbani, valgono le medesime regole e i medesimi vincoli delle missioni in Italia. Quali sono le regole per il rimborso delle spese di taxi? La norma.va ricalca in tu2o e per tu2o quella per le missioni in Italia e pertanto l uso del taxi deve essere autorizzato anteriormente alla partenza e deve essere corredata da una valida mo.vazione. L unica eccezione è riservata ai dipenden. inquadra. come Dirigen. Amministra.vi i quali, seppur sia loro concesso l u.lizzo del taxi nonché quello dei mezzi urbani, hanno un limite massimo di spesa giornaliero pari ad. 25. Onde evitare fraintendimen., si ricorda che la figura del Dirigente Amministra.vo è una figura presente solo presso la Sede Centrale CNR. Quali sono e come ci si deve comportare dinanzi a spese correlate a quelle di trasporto? Il noleggio di autove2ura può essere effe2uato esclusivamente in territorio estero e spe2a il rimborso delle spese per il carburante e per i pedaggi. Non si può pertanto noleggiare una macchina in Italia e oltrepassare il confine di Stato. Il costo per l o2enimento del visto può essere rimborsato. Il bollo NO. Non sono ammissibili a rimborso le spese per la so2oscrizione di assicurazioni personali medico/ sanitarie salvo il caso di obbligatorietà imposta dal paese di des.nazione.

28 Gli anticipi La norma.va prevede che per il tra2amento di missione con rimborso documentato, sia possibile la corresponsione di un an.cipo, ovviamente su richiesta dell interessato, per un importo NON SUPERIORE alle spese alberghiere (o di residence) preven.vate e alle spese di viaggio (aereo, treno, nave). Nella somma da an.cipare non è MAI possibile imputare ulteriori spese.

29 Il trattamento alternativo Per le missioni superiori ad un giorno e in ALTERNATIVA al tra2amento con rimborso documentato (non esistono tra2amen. mis. dalla serie un pò e un pò ) l amministrazione, su richiesta del dipendente, può autorizzare il cd. Tra4amento alternabvo di missione che prevede, oltre al rimborso delle spese di viaggio, la corresponsione di una quota di rimborso (tassata) per ogni 24 ore svolte in missione. L indennità, che varia in funzione delle aree- paese è così quan.ficata: AREA A B C D E F G QUOTA GIORNALIERA N.B. Nel caso in cui, nel giorno di inizio o di fine missione, non si raggiungano le 24 h. ma si oltrepassino comunque le 12 h., la quota giornaliera sarà pari alla metà. Es. 30 ore di missione in fascia A - > 120 ; 37 ore di missione in fascia A - > 180.

30 Il trattamento alternativo Quali sono i criteri per determinare le date e gli orari di inizio e fine missione? INIZIO MISSIONE Aereo/Nave: data e ora d IMBARCO nell aeromobile o nella nave (fa fede l orario indicato nel biglie2o). Treno/Bus: data e ora di a2raversamento della fron.era. FINE MISSIONE Aereo/Nave: data e ora di RIENTRO in Italia (fa fede l orario indicato nel biglie2o). Treno/Bus: data e ora di ATTRAVERSAMENTO della fron.era italiana. Come comportarsi nel caso in cui una parte della missione si debba necessariamente svolgere in Italia (es. per raggiungere un aeroporto ubicato in una ci2à diversa)? Può succedere che, per esempio, i voli internazionali partano da un aeroporto diverso da quello sito nel comune di residenza/sede di servizio. In questo caso, si devono liquidare 2 missioni con un solo ordine di missione. La prima, dove verranno rimborsate le spese sostenute in Italia (es. treno per raggiungere l aeroporto e/o spese di pasto [se è trascorso il tempo minimo per averne diri2o]), la seconda per la parte svolta all estero con le regole previste per il tra2amento alterna.vo.

31 Il trattamento alternativo Sono rimborsabili i mezzi di trasporto urbano/extra- urbano o di taxi? Il tra2amento alterna.vo non consente alcun.po di rimborso per le spese di trasporto urbano/extra- urbano o di taxi. Le uniche deroghe sono i cd. Terminal (da/per stazioni, aeropor., por. italiani) e la spesa di traporto extra- urbano per raggiungere il luogo di missione, se questo è ubicato in un comune diverso da quello dell aeroporto. E possibile il ricorso al taxi con le regole già note. Es. se il luogo missione è l isola croata di KRK e l aeroporto più vicino è Pola, può essere rimborsato lo spostamento fino all isola. Da lì in poi, è tu2o a carico del dipendente. Quali altre spese non sono rimborsabili? Pas. Mezzi urbani o taxi per spostamen. nel luogo di missione Assicurazioni sanitarie o personali se non obbligatorie Spese accessorie come ad esempio i bagagli extra

32 Il trattamento alternativo E possibile corrispondere l an.cipo nel tra2amento alterna.vo? La risposta è SI. La norma prevede la possibilità di corrispondere al dipendente che ne faccia richiesta un an.cipo monetario di importo pari alle spese di viaggio + il 90% della quota di rimborso.

33 Precisazioni importanti Non è mai possibile ricorrere ad un tra2amento misto ovvero usufruire per alcuni giorni del tra2amento documentato e per i restan. dell alterna.vo. La quota di rimborso è irrinunciabile. Non è possibile richiedere il tra2amento alterna.vo nel caso in cui il dipendente usufruisca di alloggi con le spese a carico di terzi. In questo caso, si applica il tra2amento documentato. In nessun caso, è possibile rimborsare le commissioni di prelevamento da sportelli Bancomat e similari. Il tasso di cambio, salvo il caso di presentazione della ricevuta del cambia valute, è quello del giorno di partenza e ricavabile solo da si. is.tuzionali (come per esempio l Ufficio Italiano Cambi)

34 Altre spese rimborsabili Quota di iscrizione a convegni, corsi e simili Sia per le missioni in Italia che per quelle all estero, è possibile rimborsare le spese di iscrizione a convegni, corsi, scuole etc. Per poter procedere al sudde2o rimborso, il dipendente dovrà presentare idonea fa2ura fiscale/nota di addebito a LUI INTESTATA. Nel caso in cui tale quota comprenda anche spese di perno2amento e/o pas., sarà onere dello stesso richiedere agli organizzatori del corso/convegno (e successivamente presentare) idonea documentazione con separazione delle singole voci di spesa al fine di individuare con esa2ezza il rispe2o/superamento dei massimali. Autove2ura di servizio La norma prevede la possibilità per il dipendente di recarsi in missione usufruendo della cd. macchina di servizio. L u.lizzo di tale mezzo non è consen.to per le trasferte in territorio estero salvo alcune eccezioni par.colari come il trasporto di strumentazione scien.fica delicata, nel caso di economicità rispe2o agli altri mezzi di trasporto o quando le aovità da svolgere rientrino in un piano programmato a cara2ere periodico. In ogni caso è sempre necessaria l approvazione (con annesse mo.vazioni in caso di missioni all estero) del Dirigente/Dire2ore. Le spese rimborsabili nel caso di u.lizzo di autove2ure di servizio sono PEDAGGIO, CARBURANTE e, solo nell ipotesi in cui si s.ano trasportando a2rezzature o strumentazione scien.fica delicata e/o di valore, le spese di PARCHEGGIO (se questo è al coperto ed è custodito).

35 Altre spese rimborsabili Missioni con annesse ferie (Circ. CNR /91) Al dipendente è riconosciuta la possibilità di usufruire, in un periodo precedente o successivo, delle ferie per mo.vi personali nel luogo di missione SOLO ED ESCLUSIVAMENTE per una durata MINIMA rispe2o a quella della missione. Questo vuol dire che il rimborso del biglie2o del viaggio di andata (nel caso vengano a2accate le ferie prima dell inizio della missione) o del biglie2o del viaggio di ritorno (nel caso in cui vengano a2accate alla fine) può essere effe2uato SOLO NEL CASO IN CUI IL DIPENDENTE FORNISCA DELLE VALIDE MOTIVAZIONI (approvate dal Dirigente/Dire2ore) DALLE QUALI SI EVINCA L ECCEZIONALITA DELLA SITUAZIONE E CHE LA DURATA DEL PERMESSO SIA MINIMA RISPETTO AI GIORNI EFFETTIVI DI MISSIONE.

36 Compenso Forfe2ario art. 25 DPR 171/91 Al personale con qualifica IV - IX, inviato in missione per lo svolgimento delle seguen. aovità: aovità di protezione civile nelle situazioni di prima urgenza, aovità epidemiologiche e biomediche; aovità di rilevazione, campionamento, osservazione, misura e controllo anche di impian. ed installazioni scien.fiche; aovità di tutela e rilevazione del patrimonio storico, ar.s.co ed ambientale; aovità di campagna nelle ricerche geologiche, geofisiche, astrofisiche, agronomiche, archeologiche e sul territorio e aovità con.nua.ve in galleria; aovità oceanografiche e che si trovi nell impossibilità di fruizione di vi2o e alloggio per mancanza di idonee stru2ure, spe2erà un compenso forfe2ario giornaliero pari ad. 10,33 ne2e per i pas. e a. 10,33 ne2e per il perno2amento.

37 Missioni all estero con Diaria La legge n.217/2011, all art.4, stabilisce che la nuova norma.va sulle missioni estere, introdo2a dal Decreto MAE del 23 marzo 2011, non si applica nel caso di partecipazione a riunioni nell ambito di processi decisionali dell Unione Europea, o degli organismi internazionali nonché nel caso di missioni nei paesi beneficiari degli aiu+ eroga+ da parte dei medesimi organismi e dell UE. Per poter usufruire di questa deroga devono sussistere contemporaneamente i seguen. requisi.: Le riunioni devono essere svolte presso l Unione Europea o altro Organismo Internazionale. Le decisioni prese in seno alla riunione devono avere portata vincolante rispe2o alla d e l i b e r a d e fi n i. v a dell organo decisionale. Il dipendente inviato in missione deve essere in possesso del potere di rappresentanza is.tuzionale o di un apposito incarico. La valutazione della sussistenza dei requisi. per l erogazione della diaria dovrà essere effe2uata dai competen. uffici dell amministrazione che si occupano di aovità internazionale e comunitaria (a2ualmente l Ufficio Accordi e Relazioni Internazionali e l Ufficio Aovità e Relazioni con le Is.tuzioni Europee) i quali, in base alle istanze presentate, dovranno esprimersi formalmente in merito alla spe2anza della diaria.

38 Missioni all estero con Diaria Casi d inapplicabilità della deroga Partecipazione a riunioni, comita. o gruppi di lavoro di natura meramente interlocutoria. Partecipazione a congressi, seminari o convegni. Partecipazione a negozia. riconducibili ad una fase preliminare rispe2o alla formazione della decisione.

La normativa delle missioni in Italia e all estero

La normativa delle missioni in Italia e all estero La normativa delle missioni in Italia e all estero Trattamento di Missione in Italia Fondamentalmente il trattamento di missione è regolato dalla L. 836 del 18/12/1973 e successive modificazioni, nonché

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA REGOLAMENTO PER LE MISSIONI DEL PERSONALE DOCENTE E TECNICO AMMINISTRATIVO (D.R. n.430 del 16 marzo 2004) Art. 1 OBIETTIVI E SCOPI 1. Lo svolgimento delle missioni da

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DELLE MISSIONI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DELLE MISSIONI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DELLE MISSIONI ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE 1. Il presente regolamento disciplina lo svolgimento delle missioni da parte del personale dipendente dell Università

Dettagli

Regolamento sulla disciplina dei rimborsi spese e delle trasferte in Italia ed all'estero dei componenti degli Organi camerali

Regolamento sulla disciplina dei rimborsi spese e delle trasferte in Italia ed all'estero dei componenti degli Organi camerali Regolamento sulla disciplina dei rimborsi spese e delle trasferte in Italia ed all'estero dei componenti degli Organi camerali Approvato con delibera della Giunta camerale n. 58 dd. 16.04.2012 Pubblicato

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELLE MISSIONI DELL UNIVERSITÀ DELLA VALLE D AOSTA UNIVERSITÉ DE LA VALLÉE D AOSTE

REGOLAMENTO INTERNO DELLE MISSIONI DELL UNIVERSITÀ DELLA VALLE D AOSTA UNIVERSITÉ DE LA VALLÉE D AOSTE Emanato con Decreto Rettorale n. 50, prot. n. 2129/A13 del 16 giugno 2003 e s.m. e i. (D.R. n. 8, prot. n. 465/A3 del 21 gennaio 2010 e D.R. n. 88, prot. n. 6626/I3, del 24 luglio 2015). REGOLAMENTO INTERNO

Dettagli

Regolamento sul trattamento di missione del personale dipendente dell INFN sul territorio nazionale

Regolamento sul trattamento di missione del personale dipendente dell INFN sul territorio nazionale Regolamento sul trattamento di missione del personale dipendente dell INFN sul territorio nazionale Allegato alla delibera del Consiglio Direttivo n. 9941 del 20 dicembre 2006 Regolamento missioni sul

Dettagli

MANUALE OPERATIVO LE SPESE DI TRASFERTA A CURA DI: ROBERTO TATARELLI FABIANA CARINCI DIREZIONE GENERALE

MANUALE OPERATIVO LE SPESE DI TRASFERTA A CURA DI: ROBERTO TATARELLI FABIANA CARINCI DIREZIONE GENERALE DIREZIONE GENERALE Ufficio Monitoraggio Risorse e Ragioneria della Struttura Amministrativa Centrale MANUALE OPERATIVO LE SPESE DI TRASFERTA CRITERI E MODALITÀ DI CORRESPONSIONE DEL TRATTAMENTO DI MISSIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE SOSTENUTE DAI DIPENDENTI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE SOSTENUTE DAI DIPENDENTI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE SOSTENUTE DAI DIPENDENTI Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 26 del 27.02.2008 N.B. Vedi anche : 1 - Deliberazione Giunta

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE F.A.Q. MISSIONI DEFINIZIONE DI MISSIONE (art. 2.1 del Regolamento Missioni) 1. COSA SI INTENDE PER MISSIONE? Per missione si intende il trasferimento temporaneo

Dettagli

VADEMECUM MISSIONI DEL PERSONALE STRUTTURATO AFFERENTE ALLE UADR DEL POLO (ESTRATTO DI NORMATIVE TECNICHE APPLICABILI)

VADEMECUM MISSIONI DEL PERSONALE STRUTTURATO AFFERENTE ALLE UADR DEL POLO (ESTRATTO DI NORMATIVE TECNICHE APPLICABILI) Pag. 1 di 11 VADEMECUM MISSIONI DEL PERSONALE STRUTTURATO AFFERENTE ALLE (ESTRATTO DI NORMATIVE TECNICHE APPLICABILI) Pag. 2 di 11 Indice 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. MODALITA OPERATIVE 2.1. DEFINIZIONI

Dettagli

Direzione Centrale Supporto alla Gestione delle Risorse Ufficio Monitoraggio Risorse e Ragioneria della S.A.C. Il Direttore

Direzione Centrale Supporto alla Gestione delle Risorse Ufficio Monitoraggio Risorse e Ragioneria della S.A.C. Il Direttore Allegato alla Circolare n. 24 /2011 Direzione Centrale Supporto alla Gestione delle Risorse Ufficio Monitoraggio Risorse e Ragioneria della S.A.C. Il Direttore n. Reg. Mo.R.Ra. 308/2011 Roma, 22 luglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DI MISSIONE DEL PERSONALE DI ARPA PIEMONTE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DI MISSIONE DEL PERSONALE DI ARPA PIEMONTE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DI MISSIONE DEL PERSONALE DI ARPA PIEMONTE Art. 1 - Oggetto CAPO I PRINCIPI GENERALI 1. Il presente regolamento, nel rispetto dei principi stabiliti in materia

Dettagli

REGOLAMENTO MISSIONI E RIMBORSI SPESE IN ITALIA E ALL ESTERO

REGOLAMENTO MISSIONI E RIMBORSI SPESE IN ITALIA E ALL ESTERO REGOLAMENTO MISSIONI E RIMBORSI SPESE IN ITALIA E ALL ESTERO Personale dipendente Personale comandato (incluso il personale ex IRRE) Collaboratori con contratto di collaborazione coordinata e continuativa

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE MISSIONI DEL PERSONALE IUAV (modificato con decreto rettorale 24 marzo 2006, n. 452) INDICE

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE MISSIONI DEL PERSONALE IUAV (modificato con decreto rettorale 24 marzo 2006, n. 452) INDICE REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE MISSIONI DEL PERSONALE IUAV (modificato con decreto rettorale 24 marzo 2006, n. 452) INDICE Articolo 1 (Ambito di applicazione) Articolo 2 (Incarico della missione) Articolo

Dettagli

2 pasti per le missioni superiori alle 12 ore Spese alimentari qualora lo scontrino non riporti la descrizione dell alimento acquistato.

2 pasti per le missioni superiori alle 12 ore Spese alimentari qualora lo scontrino non riporti la descrizione dell alimento acquistato. 1 pasto per missioni non inferiori alle 8 ore Missioni svolte nel comune del proprio domicilio o presso la sede di servizio. (Art 3 lett. b) l. 836/1973) 2 pasti per le missioni superiori alle 12 ore Spese

Dettagli

Allegato 1) alla deliberazione del Consiglio camerale n. 5 del 21 aprile 2015

Allegato 1) alla deliberazione del Consiglio camerale n. 5 del 21 aprile 2015 Allegato 1) alla deliberazione del Consiglio camerale n. 5 del 21 aprile 2015 Regolamento sulla disciplina delle trasferte in Italia ed all'estero dei componenti gli organi camerali e dei soggetti autorizzati

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Art. 1 - Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI DI SERVIZIO 1. Per missione si intende la prestazione di una attività nell interesse istituzionale dell Ateneo, fuori dall abituale

Dettagli

INDICAZIONI GENERALI PER LE MISSIONI DIPARTIMENTO SEMeQ

INDICAZIONI GENERALI PER LE MISSIONI DIPARTIMENTO SEMeQ INDICAZIONI GENERALI PER LE MISSIONI DIPARTIMENTO SEMeQ Per missione si intende la prestazione di attività lavorativa in località distante almeno 10 km dalla sede di servizio, sia in territorio nazionale

Dettagli

MODALITA DI RIMBORSO SPESE DI MISSIONE.

MODALITA DI RIMBORSO SPESE DI MISSIONE. MODALITA DI RIMBORSO SPESE DI MISSIONE. Per ottenere il rimborso delle spese di missione, i componenti delle Commissioni di Valutazione Comparativa, Commissioni di Dottorato di Ricerca (esame finale e

Dettagli

COMUNE DI SANSEPOLCRO

COMUNE DI SANSEPOLCRO COMUNE DI SANSEPOLCRO REGOLAMENTO PER LE MISSIONI DEGLI AMMINISTRATORI COMUNALI Approvato con delibera del Consiglio comunale n. 231 del 23.12.1991 Modificato con delibera del Consiglio comunale n. 10

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI DI SERVIZIO Emanato con D.R. n. 6080 del 16.1.2004 Ultime modifiche apportate con D.R. Rep. n.1354/2013 dell 11/11/2013 In vigore dal 26/11/2013 REGOLAMENTO

Dettagli

Università degli Studi di Torino

Università degli Studi di Torino Università degli Studi di Torino Direttore Amministrativo Vicario DECRETO RETTORALE N. 57 DEL 30/1/2004 OGGETTO: MODIFICA ART. 5 DEL REGOLAMENTO MISSIONI IL RETTORE Vista la legge 9 maggio 1989, n. 168,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI DEL PERSONALE CAMERALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI DEL PERSONALE CAMERALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI DEL PERSONALE CAMERALE Ad delibera n. 59 dd. 16.04.2012 ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente regolamento disciplina la gestione delle missioni e del

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA ALLEGATO A ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA REGOLAMENTO TRATTAMENTO DI MISSIONE DELIBERA DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 13 DEL 25.1.2011 Premessa Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO MISSIONI E RIMBORSO SPESE

REGOLAMENTO MISSIONI E RIMBORSO SPESE REGOLAMENTO MISSIONI E RIMBORSO SPESE 1. Ambito di applicazione e norme generali 1. Il presente Regolamento disciplina, compatibilmente con la legislazione vigente, presupposti, modalità di conferimento

Dettagli

Rev. 6 del 20.04.2012 - Reg. missioni. - Prete. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DI BRINDISI

Rev. 6 del 20.04.2012 - Reg. missioni. - Prete. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DI BRINDISI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DI BRINDISI Approvato con deliberazione di Giunta Provinciale n. 74 del 25/5/2012 1 INDICE Art.1 Oggetto del regolamento....3

Dettagli

MODALITA ATTUATIVE IN MATERIA DI TRATTAMENTO DI TRASFERTA IN ITALIA E ALL ESTERO

MODALITA ATTUATIVE IN MATERIA DI TRATTAMENTO DI TRASFERTA IN ITALIA E ALL ESTERO FUNZIONE CENTRALE RISORSE UMANE MODALITA ATTUATIVE IN MATERIA DI TRATTAMENTO DI TRASFERTA IN ITALIA E ALL ESTERO (Art. 49 Area Tecnico-Amministrativa (T.A.) e Art. 48 Area Dirigenziale e delle Specifiche

Dettagli

COMUNE DI BORGHI PROVINCIA DI FORLÌ CESENA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI E DEL RIMBORSO DELLE SPESE SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI

COMUNE DI BORGHI PROVINCIA DI FORLÌ CESENA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI E DEL RIMBORSO DELLE SPESE SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI COMUNE DI BORGHI PROVINCIA DI FORLÌ CESENA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI E DEL RIMBORSO DELLE SPESE SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 6

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE MISSIONI IN ITALIA E ALL ESTERO

REGOLAMENTO DELLE MISSIONI IN ITALIA E ALL ESTERO REGOLAMENTO DELLE MISSIONI IN ITALIA E ALL ESTERO INDICE Articolo 1 Ambito di applicazione Articolo 2 Autorizzazione della missione Articolo 3 Provvedimento di autorizzazione Articolo 4 Durata della missione

Dettagli

MEMORA DUM PER IL TRATTAME TO DI MISSIO E DEI COMPO E TI DELLE COMMISSIO I PER L ESAME FI ALE DEL DOTTORATO

MEMORA DUM PER IL TRATTAME TO DI MISSIO E DEI COMPO E TI DELLE COMMISSIO I PER L ESAME FI ALE DEL DOTTORATO MEMORA DUM PER IL TRATTAME TO DI MISSIO E DEI COMPO E TI DELLE COMMISSIO I PER L ESAME FI ALE DEL DOTTORATO Di seguito alcune specifiche inerenti il trattamento di missione spettante ai membri delle commissioni

Dettagli

Università degli Studi di Palermo

Università degli Studi di Palermo REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DI MISSIONE Testo approvato dal C. d. A. nella seduta del 20 luglio 2010 Art. 1 OBIETTIVI E SCOPI 1. Il presente regolamento disciplina le modalità amministrative per l autorizzazione

Dettagli

Comune di Figino Serenza Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI

Comune di Figino Serenza Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI Comune di Figino Serenza Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI IN VIGORE DAL 01.06.2012 INDICE Premessa Art. 1 Oggetto del regolamento

Dettagli

Normativa sulle trasferte e i relativi rimborsi delle spese della Federazione Motociclistica Italiana

Normativa sulle trasferte e i relativi rimborsi delle spese della Federazione Motociclistica Italiana Normativa sulle trasferte e i relativi rimborsi delle spese della Federazione Motociclistica Italiana Approvata dal Consiglio Federale n. 5 del 10-11 ottobre 2013 con deliberazione n. 157 1. STRUTTURA

Dettagli

Università Ca Foscari Venezia REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE MISSIONI

Università Ca Foscari Venezia REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE MISSIONI Consiglio di Amministrazione del 24 settembre 2001 ALLEGATO al punto V - REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE MISSIONI Università Ca Foscari Venezia REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE MISSIONI ART. 1 OBIETTIVI E SCOPI

Dettagli

Regolamento per la disciplina delle missioni e del rimborso delle spese sostenute dagli Amministratori comunali

Regolamento per la disciplina delle missioni e del rimborso delle spese sostenute dagli Amministratori comunali COMUNE DI OULX Regolamento per la disciplina delle missioni e del rimborso delle spese sostenute dagli Amministratori comunali approvato con deliberazione C.C. n. 15 del 11.05.2005 in vigore dal 12.06.2005

Dettagli

TRASFERTE NAZIONALI ED ESTERE DEL PERSONALE DI LIVELLO 1-7 E QUADRO (* )

TRASFERTE NAZIONALI ED ESTERE DEL PERSONALE DI LIVELLO 1-7 E QUADRO (* ) TRASFERTE NAZIONALI ED ESTERE DEL PERSONALE DI LIVELLO 1-7 E QUADRO (* ) NOZIONE DI TRASFERTA Si considerano in trasferta i dipendenti chiamati per motivi di servizio ad operare provvisoriamente fuori

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI, DELL ASSICURAZIONE DEI CONSIGLIERI E DEL RIMBORSO DELLE SPESE SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI, DELL ASSICURAZIONE DEI CONSIGLIERI E DEL RIMBORSO DELLE SPESE SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI. Fondazione Caorle Città dello Sport Via Roma, 26 30021 CAORLE (VE) tel 0421.219264 fax 0421.219302 F o n d a z i o n e P.IVA/C.F. 03923230274 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI, DELL ASSICURAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE MISSIONI E DEI RIMBORSI SPESE

REGOLAMENTO DELLE MISSIONI E DEI RIMBORSI SPESE REGOLAMENTO DELLE MISSIONI E DEI RIMBORSI SPESE (approvato nella seduta del Consiglio Direttivo del 27 novembre 2012) Indice 1) Oggetto e ambito di applicazione 2) Definizioni 3) Autorizzazione a svolgere

Dettagli

Comune di Legnaro Provincia di Padova

Comune di Legnaro Provincia di Padova Comune di Legnaro Provincia di Padova REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI (Regolamento a latere del Regolamento sull Ordinamento Uffici e Servizi)

Dettagli

C fv j; :-~l{ (~01. Disciplinare per il rimborso spese. Art 1 - Oggetto. Art 2 - Soggetti destinatari

C fv j; :-~l{ (~01. Disciplinare per il rimborso spese. Art 1 - Oggetto. Art 2 - Soggetti destinatari ) " l C fv j; :-~l{ (~01 Disciplinare per il rimborso spese Art 1 - Oggetto Il presente disciplinare intende regolamentare la procedura il rimborso delle spese di missione sostenute dai dipendenti della

Dettagli

CIRCOLARE N. 10. Dipartimenti regionali. Agli Uffici di Gabinetto degli On.li Assessori regionali

CIRCOLARE N. 10. Dipartimenti regionali. Agli Uffici di Gabinetto degli On.li Assessori regionali Repubblica Italiana Regione Siciliana Assessorato dell Economia Dipartimento Regionale Bilancio e Tesoro RAGIONERIA GENERALE DELLA REGIONE SERVIZIO VIGILANZA Via Notarbartolo, 17 90141 Palermo Telefono

Dettagli

LLP - Lifelong Learning Programme Settore Erasmus Azione Teaching Staff (STA) Anno Accademico 2012/2013 VADEMECUM

LLP - Lifelong Learning Programme Settore Erasmus Azione Teaching Staff (STA) Anno Accademico 2012/2013 VADEMECUM LLP - Lifelong Learning Programme Settore Erasmus Azione Teaching Staff (STA) Anno Accademico 2012/2013 VADEMECUM Si riportano i seguenti adempimenti necessari ai fini della mobilità dei docenti per attività

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE AL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE AL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE AL PERSONALE DIPENDENTE Art. 1 - Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento ha per oggetto la disciplina del trattamento di trasferta e dei rimborsi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

OGGETTO UTILIZZO DELL AUTO PROPRIA PER ESIGENZE AZIENDALI

OGGETTO UTILIZZO DELL AUTO PROPRIA PER ESIGENZE AZIENDALI 1 OGGETTO UTILIZZO DELL AUTO PROPRIA PER ESIGENZE AZIENDALI QUESITO (posto in data 31 agosto 2013 ) Il medico incardinato in un ospedale ma chiamato a svolgere la propria opera professionale in un altro

Dettagli

Allegato A - ELENCO DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PROGETTI DI RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO PRECOMPETITIVO

Allegato A - ELENCO DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PROGETTI DI RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO PRECOMPETITIVO Allegato A - ELENCO DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PROGETTI DI RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO PRECOMPETITIVO 1) SPESE RENDICONTATE IN A) Personale Per le spese A.1 Personale dipendente i documenti richiesti

Dettagli

ATC Siena. Regolamento Rimborsi Spese

ATC Siena. Regolamento Rimborsi Spese Art. 1 - Oggetto e definizioni ATC Siena Regolamento Rimborsi Spese 1. Il presente regolamento disciplina l incarico ed il rimborso spese delle missioni/trasferte dei membri del Comitato di Gestione (in

Dettagli

Disciplinare interno per il rimborso delle spese di trasferta/missioni

Disciplinare interno per il rimborso delle spese di trasferta/missioni PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE RICERCA E COMPETITIVITÀ 2007-2013 (CCI: 2007IT161PO006) Disciplinare interno per il rimborso delle spese di trasferta/missioni Criteri generali, profili autorizzativi, regole

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE MISSIONI PER IL PERSONALE DIPENDENTE E NON DIPENDENTE DELL' UNIVERSITÀ' DEGLI STUDI DI GENOVA

REGOLAMENTO DELLE MISSIONI PER IL PERSONALE DIPENDENTE E NON DIPENDENTE DELL' UNIVERSITÀ' DEGLI STUDI DI GENOVA REGOLAMENTO DELLE MISSIONI PER IL PERSONALE DIPENDENTE E NON DIPENDENTE DELL' UNIVERSITÀ' DEGLI STUDI DI GENOVA ALL. A ART. 1 - OBIETTIVI, SCOPI ED IMPUTAZIONE DELLE SPESE (1) Il presente regolamento disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI E DEL RIMBORSO DELLE SPESE SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI E DEL RIMBORSO DELLE SPESE SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI E DEL RIMBORSO DELLE SPESE SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI Approvato con deliberazione del Consiglio provinciale n. del INDICE Art. 1 -

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI E DEI RIMBORSI DELLE SPESE DI VIAGGIO E SOGGIORNO SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI E DIPENDENTI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI E DEI RIMBORSI DELLE SPESE DI VIAGGIO E SOGGIORNO SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI E DIPENDENTI COMUNALI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI E DEI RIMBORSI DELLE SPESE DI VIAGGIO E SOGGIORNO SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI E DIPENDENTI COMUNALI Art.1 Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento

Dettagli

COMUNE DI CADEO. Regolamento comunale per l uso del mezzo proprio per le trasferte del personale dipendente

COMUNE DI CADEO. Regolamento comunale per l uso del mezzo proprio per le trasferte del personale dipendente COMUNE DI CADEO Regolamento comunale per l uso del mezzo proprio per le trasferte del personale dipendente Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 28 del 06/03/2012 ARTICOLO 1 1. A decorrere

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE, DELL USO DEL MEZZO PROPRIO E DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIRI-

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE, DELL USO DEL MEZZO PROPRIO E DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIRI- REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE, DELL USO DEL MEZZO PROPRIO E DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIRI- GENTE/DIPENDENTE DEL COMUNE DI FERRARA Approvato dalla Giunta Comunale

Dettagli

RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE A DIPENDENTI/COLLABORATORI

RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE A DIPENDENTI/COLLABORATORI Spett.le DITTA/ SOCIETÀ CIRCOLARE n. CF 29/2009 Come comunicato con la circolare CC 02/2006, Vi rinnoviamo la segnalazione che nella nuova veste del nostro sito internet www.studiosinergie.it, sono costantemente

Dettagli

Rimborso spese di trasporto a mezzo ferrovia

Rimborso spese di trasporto a mezzo ferrovia IL TRATTAMENTO ECONOMICO DI MISSIONE SPETTANTE AL PERSONALE MILITARE DELLA DIFESA VINCOLATO DA RAPPORTO D IMPIEGO ALLA LUCE DEL D.P.R 16 APRILE 2009, N. 52. N.B. LA PRESENTE GUIDA ESCLUDE, IL PERSONALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI MEZZI DI TRASPORTO E MODALITÀ DI RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI MEZZI DI TRASPORTO E MODALITÀ DI RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI MEZZI DI TRASPORTO E MODALITÀ DI RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO Art. 1 Definizione di trasferta, attività di servizio e di rimborso spese 1. Per trasferta si intende l'attività

Dettagli

ISTITUTO TUMORI GIOVANNI PAOLO II

ISTITUTO TUMORI GIOVANNI PAOLO II ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE n. del REGOLAMENTO DELLA MISSIONE E DEL SERVIZIO FUORI SEDE Riferimenti normativi - Legge 18/12/1973 n. 836 e s.m.i. (trattamento economico di missione dei dipendenti dello

Dettagli

AZIENDA SPECIALE TORINO INCONTRA Regolamento della gestione organizzativa e del personale

AZIENDA SPECIALE TORINO INCONTRA Regolamento della gestione organizzativa e del personale AZIENDA SPECIALE TORINO INCONTRA Regolamento della gestione organizzativa e del personale Articolo 1 Orario di lavoro 1. L orario normale di lavoro è di 40 ore settimanali corrispondenti a 8 ore al giorno

Dettagli

COMUNE DI DICOMANO Prov. di Firenze REGOLAMENTO PER IL RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI

COMUNE DI DICOMANO Prov. di Firenze REGOLAMENTO PER IL RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI COMUNE DI DICOMANO Prov. di Firenze REGOLAMENTO PER IL RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 4 del 03/03/2015 Indice Art. 1 Oggetto

Dettagli

Oggetto: Rimborsi spese e trasferte per dipendenti, amministratori e collaboratori

Oggetto: Rimborsi spese e trasferte per dipendenti, amministratori e collaboratori Oggetto: Trattamento fiscale delle spese di trasferta, vitto e alloggio per dipendenti e collaboratori Definizioni Per rimborso spese si intende la corresponsione di una somma in denaro da parte del datore

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Dipartimento di Studi di Impresa Governo Filosofia. RICHIESTA LIQUIDAZIONE TRASFERTA* (data..

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Dipartimento di Studi di Impresa Governo Filosofia. RICHIESTA LIQUIDAZIONE TRASFERTA* (data.. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Dipartimento di Studi di Impresa Governo Filosofia 1 RICHIESTA LIQUIDAZIONE TRASFERTA* (data..) Parte riservata al Dipartimento - Trasferta n... Data.... Prot...

Dettagli

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE PIEMONTE LIGURIA E VALLE D AOSTA. Via Bologna 148-10154 TORINO REGOLAMENTO DEL TRATTAMENTO DI MISSIONE

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE PIEMONTE LIGURIA E VALLE D AOSTA. Via Bologna 148-10154 TORINO REGOLAMENTO DEL TRATTAMENTO DI MISSIONE ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE PIEMONTE LIGURIA E VALLE D AOSTA Via Bologna 148-10154 TORINO REGOLAMENTO DEL TRATTAMENTO DI MISSIONE Art. 1 OGGETTO Il presente regolamento si applica ai dipendenti

Dettagli

DISCIPLINARE PER MODULISTICA E DOCUMENTI DI SPESA CONSORZIO FUTURO in RICERCA (CFR)

DISCIPLINARE PER MODULISTICA E DOCUMENTI DI SPESA CONSORZIO FUTURO in RICERCA (CFR) DISCIPLINARE PER MODULISTICA E DOCUMENTI DI SPESA CONSORZIO FUTURO in RICERCA (CFR) Gli uffici del CFR rispettano il seguente orario di apertura al pubblico: dal lunedì al venerdì, dalle ore 8,30 alle

Dettagli

Approvato con Deliberazione del Consiglio Provinciale n. del

Approvato con Deliberazione del Consiglio Provinciale n. del REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO E DI SOGGIORNO DEGLI AMMINISTRATORI E DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI PAVIA Approvato con Deliberazione del Consiglio Provinciale

Dettagli

COMUNE DI ITRI (Provincia di Latina)

COMUNE DI ITRI (Provincia di Latina) COMUNE DI ITRI (Provincia di Latina) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI (Regolamento a latere del Regolamento sull Ordinamento Uffici e Servizi)

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE MISSIONI E DEI RIMBORSI SPESE

REGOLAMENTO DELLE MISSIONI E DEI RIMBORSI SPESE REGOLAMENTO DELLE MISSIONI E DEI RIMBORSI SPESE INDICE Pag. Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione 2 Art. 2 Definizioni 3 Art. 3 Incarico e autorizzazione di missione 3 Art. 4 Durata della missione e

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E DEL RIMBORSO SPESE SOSTENUTE DAI DIPENDENTI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E DEL RIMBORSO SPESE SOSTENUTE DAI DIPENDENTI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E DEL RIMBORSO SPESE SOSTENUTE DAI DIPENDENTI Approvato con D.G.P. in data 10.03.2003 n. 72 reg. e modificato

Dettagli

Consorzio Autorità dell Ambito Territoriale Ottimale della provincia di Pavia

Consorzio Autorità dell Ambito Territoriale Ottimale della provincia di Pavia Consorzio Autorità dell Ambito Territoriale Ottimale della provincia di Pavia REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DI TRASFERTA DEL PERSONALE DIPENDENTE approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

ALLEGATO III DISPOSIZIONI FINANZIARIE. PARAGRAFO 1 Disposizioni generali

ALLEGATO III DISPOSIZIONI FINANZIARIE. PARAGRAFO 1 Disposizioni generali ALLEGATO III DISPOSIZIONI FINANZIARIE PARAGRAFO 1 Disposizioni generali La sovvenzione si basa sul principio del cofinanziamento, in quanto completa il contributo finanziario del beneficiario. L importo

Dettagli

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa REGOLAMENTO DEL TRATTAMENTO ECONOMICO RELATIVO ALLE MISSIONI DEGLI AMMINISTRATORI E SPESE DI RAPPRESENTANZA

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa REGOLAMENTO DEL TRATTAMENTO ECONOMICO RELATIVO ALLE MISSIONI DEGLI AMMINISTRATORI E SPESE DI RAPPRESENTANZA COMUNE DI LARI Provincia di Pisa REGOLAMENTO DEL TRATTAMENTO ECONOMICO RELATIVO ALLE MISSIONI DEGLI AMMINISTRATORI E SPESE DI RAPPRESENTANZA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 83 del 29.11.2006

Dettagli

Comitato Nazionale Italiano Permanente per il Microcredito

Comitato Nazionale Italiano Permanente per il Microcredito Comitato Nazionale Italiano Permanente per il Microcredito REGOLAMENTO PER LE MISSIONI IN ITALIA ED ALL ESTERO DEL PERSONALE DIPENDENTE E DEI SOGGETTI ASSIMILATI AL PERSONALE DIPENDENTE Comitato Nazionale

Dettagli

REGOLAMENTAZIONE PER I SERVIZI PRESTATI SU DESIGNAZIONE DEL GUG CENTRALE NUOTO TUFFI SINCRONIZZATO SALVAMENTO

REGOLAMENTAZIONE PER I SERVIZI PRESTATI SU DESIGNAZIONE DEL GUG CENTRALE NUOTO TUFFI SINCRONIZZATO SALVAMENTO REGOLAMENTAZIONE PER I SERVIZI PRESTATI SU DESIGNAZIONE DEL GUG CENTRALE NUOTO TUFFI SINCRONIZZATO SALVAMENTO 1 aprile 2009 1. TURNO DI SERVIZIO 1.1 Per un turno di servizio si intende quello prestato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI ART. 1 Ambito di applicazione Il presente regolamento disciplina le modalità di conferimento degli incarichi di missione fuori sede e il relativo trattamento

Dettagli

TRASFERTE, RIMBORSO SPESE, DEDUCIBILITA

TRASFERTE, RIMBORSO SPESE, DEDUCIBILITA TRASFERTE, RIMBORSO SPESE, DEDUCIBILITA I lavoratori che, recandosi fuori sede per ragioni di servizio, sostengono spese connesse con l esecuzione del loro lavoro hanno diritto di ricevere dall impresa

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO ECONOMICO DELLE SPESE DI VIAGGIO SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO ECONOMICO DELLE SPESE DI VIAGGIO SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO ECONOMICO DELLE SPESE DI VIAGGIO SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI (Approvato con Delibera di Consigli n. 5 del 7/04/2014) 1 SOMMARIO Art. 1 Oggetto del Regolamento pag. 3 Art.

Dettagli

INDENNITA DI TRASFERTA RIMBORSI SPESE - DIARIE. Cervignano - 13 novembre 2013 Dott. Giorgio Zerio

INDENNITA DI TRASFERTA RIMBORSI SPESE - DIARIE. Cervignano - 13 novembre 2013 Dott. Giorgio Zerio INDENNITA DI TRASFERTA RIMBORSI SPESE - DIARIE Cervignano - 13 novembre 2013 Dott. Giorgio Zerio Normativa e prassi Art.51 e 95 D.P.R. 22.12.1986 n. 917; Circ. Ag. Entrate 18.06.2011, n. 57; Circ. Ag.

Dettagli

ART.2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO

ART.2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO AZIIENDA PER L ASSIISTENZA SANIITARIIA N.. 3 ALTO FRIIULII-COLLIINARE-MEDIIO FRIIULII REGOLAMENTO AZIENDALE DISCIPLINANTE IL TRATTAMENTO DI TRASFERTA INDICE ART.1 OGGETTO ART.2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO

Dettagli

C O M U N E D I G E L A (Provincia di Caltanissetta)

C O M U N E D I G E L A (Provincia di Caltanissetta) C O M U N E D I G E L A (Provincia di Caltanissetta) Regolamento comunale per l uso del mezzo proprio in occasione delle trasferte e/o missioni del personale dipendente Approvato con delibera di G.M. n

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITÀ DI CONFERIMENTO E DEL TRATTAMENTO ECONOMICO DEGLI INCARICHI DI MISSIONE (D.R. n. 204 del 9.6.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITÀ DI CONFERIMENTO E DEL TRATTAMENTO ECONOMICO DEGLI INCARICHI DI MISSIONE (D.R. n. 204 del 9.6. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITÀ DI CONFERIMENTO E DEL TRATTAMENTO ECONOMICO DEGLI INCARICHI DI MISSIONE (D.R. n. 204 del 9.6.2014) Art. 1 Principi generali 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO MISSIONI ARTICOLO 1. Norme generali

REGOLAMENTO MISSIONI ARTICOLO 1. Norme generali REGOLAMENTO MISSIONI ARTICOLO 1 Norme generali Col trattamento di missione il Consorzio persegue lo scopo di consentire il recupero delle spese al personale dipendente, al personale afferente, ai collaboratori

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI DIPARTIMENTO GESTIONE RISORSE FINANZIARIE AREA MISSIONI E COMPENSI PER COMMISSIONI CONCORSO SETTORE I MISSIONI E

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI DIPARTIMENTO GESTIONE RISORSE FINANZIARIE AREA MISSIONI E COMPENSI PER COMMISSIONI CONCORSO SETTORE I MISSIONI E UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI DIPARTIMENTO GESTIONE RISORSE FINANZIARIE AREA MISSIONI E COMPENSI PER COMMISSIONI CONCORSO SETTORE I MISSIONI E COMPENSI COMMISSIONI Pag. 1 UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BARI

Dettagli

TRATTAMENTO FISCALE DI MISSIONI E RIMBORSI SPESE

TRATTAMENTO FISCALE DI MISSIONI E RIMBORSI SPESE TRATTAMENTO FISCALE DI MISSIONI E RIMBORSI SPESE Si riporta di seguito una sintesi delle principali disposizioni normative riguardanti il trattamento di missione e i rimborsi spese. Per maggiori dettagli

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE MISSIONI E TRASFERTE DEL PERSONALE DELLA FONDAZIONE BRUNO KESSLER

REGOLAMENTO PER LE MISSIONI E TRASFERTE DEL PERSONALE DELLA FONDAZIONE BRUNO KESSLER REGOLAMENTO PER LE MISSIONI E TRASFERTE DEL PERSONALE DELLA FONDAZIONE BRUNO KESSLER Allegato n. XII/13 al Verbale del CdA della Fondazione Bruno Kessler dell 1 febbraio 2013 INDICE Art. 1 - Obiettivi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'AMMINISTRAZIONE LA FINANZA E LA CONTABILITA' GENERALE

REGOLAMENTO PER L'AMMINISTRAZIONE LA FINANZA E LA CONTABILITA' GENERALE REGOLAMENTO PER L'AMMINISTRAZIONE LA FINANZA E LA CONTABILITA' GENERALE Approvato dal Consiglio dell Ordine nella seduta del 9 luglio 2015 Pagina 1 di 11 TITOLO I (NORME GENERALI) Articolo 1 (Finalità

Dettagli

ANNUARIO SPORTIVO NAZIONALE 2015 APPENDICE 10 AL REGOLAMENTO SPORTIVO NAZIONALE RIMBORSI SPESE E TRATTAMENTI ECONOMICI

ANNUARIO SPORTIVO NAZIONALE 2015 APPENDICE 10 AL REGOLAMENTO SPORTIVO NAZIONALE RIMBORSI SPESE E TRATTAMENTI ECONOMICI ANNUARIO SPORTIVO NAZIONALE 2015 APPENDICE 10 AL REGOLAMENTO SPORTIVO NAZIONALE RIMBORSI SPESE E TRATTAMENTI ECONOMICI CRONOLOGIA MODIFICHE: ARTICOLO MODIFICATO DATA DI APPLICAZIONE DATA DI PUBBLICAZIONE

Dettagli

la Legge 18 dicembre 1973 n. 836 Trattamento economico di missione e di trasferimento dei dipendenti statali;

la Legge 18 dicembre 1973 n. 836 Trattamento economico di missione e di trasferimento dei dipendenti statali; Area Contabilità, Finanza e Controllo di Gestione Settore Miss. Anticip. Utenze e Rip. Fondi IL DIRETTORE GENERALE VISTA VISTA VISTO VISTO VISTO la Legge 18 dicembre 1973 n. 836 Trattamento economico di

Dettagli

Versione: 02 del 03/03/2006. Procedura Rimborso Spese Impiegati Quadri Dirigenti. Pag. 1 di 14

Versione: 02 del 03/03/2006. Procedura Rimborso Spese Impiegati Quadri Dirigenti. Pag. 1 di 14 RIMBORSO SPESE IMPIEGATI - QUADRI - DIRIGENTI Pag. 1 di 14 INDICE 1. GENERALITA... 3 2. RIMBORSO DELLE SPESE SOSTENUTE.... 3 2.1. Principi generali....3 2.2. Definizione della richiesta...3 2.3. Modalità

Dettagli

A tal fine l incaricato in missione dovrà utilizzare l idonea modulistica allegata al presente regolamento.

A tal fine l incaricato in missione dovrà utilizzare l idonea modulistica allegata al presente regolamento. REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA PER L AUTORIZZAZIONE ALL UTILIZZO DEL MEZZO PROPRIO, NELL AMBITO DELL ISTITUTO DELLA MISSIONE l'incarico e l'autorizzazione a compiere la missione, devono risultare da un

Dettagli

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI FORMATIVI SPECIFICATAMENTE DEDICATI ALLE PICCOLE, MEDIE E MICRO IMPRESE

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI FORMATIVI SPECIFICATAMENTE DEDICATI ALLE PICCOLE, MEDIE E MICRO IMPRESE Allegato 9 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI FORMATIVI SPECIFICATAMENTE DEDICATI ALLE PICCOLE, MEDIE E MICRO IMPRESE in attuazione dell articolo 11, comma 1, lettera b) del d.lgs. 81/2008 e s.m.i.

Dettagli

PREMESSE DESTINATARI DEI CONTRIBUTI

PREMESSE DESTINATARI DEI CONTRIBUTI Allegato alla Delib.G.R. n. 43/14 del 28.10.2014 Direttive per la presentazione dei programmi di attività, per la ripartizione delle risorse tra le organizzazioni professionali agricole regionali e per

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare 03/2006 del 13 febbraio 2006 Trasferte dei dipendenti ed Amministratori In relazione all argomento di cui in oggetto, considerando che la sua disciplina fiscale risulta di non facile lettura

Dettagli

REGOLAMENTO RIMBORSO SPESE VIAGGI DOTTORANDI

REGOLAMENTO RIMBORSO SPESE VIAGGI DOTTORANDI REGOLAMENTO RIMBORSO SPESE VIAGGI DOTTORANDI DOTTORANDI CON BORSA Rimborso delle sole spese di viaggio (aereo treno) previa presentazione del titolo di viaggio in originale. Per i viaggi aerei, in caso

Dettagli

COSMOLAB REGOLAMENTO MISSIONI Consorzio per il supercalcolo, la modellistica computazionale e la gestione di grandi database

COSMOLAB REGOLAMENTO MISSIONI Consorzio per il supercalcolo, la modellistica computazionale e la gestione di grandi database ARTICOLO 1 Norme generali Col trattamento di missione il Consorzio persegue lo scopo di consentire il recupero delle spese al personale dipendente del Consorzio e dei consorziati, al personale a contratto,

Dettagli

IL RETTORE. l art. 106 del Regolamento per l Amministrazione, la Finanza e la Contabilità dell Ateneo, emanato con D.R. n. 8746 del 14.11.

IL RETTORE. l art. 106 del Regolamento per l Amministrazione, la Finanza e la Contabilità dell Ateneo, emanato con D.R. n. 8746 del 14.11. AVVERTENZA La modulistica da utilizzare per le richieste di missione è disponibile in coda al testo del Regolamento (il modello è aggiornato al 28.01.2008) U.S.R. Decreto n. 2217 IL RETTORE VISTO VISTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI MEZZI COMUNALI, PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E PER IL RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI MEZZI COMUNALI, PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E PER IL RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI MEZZI COMUNALI, PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E PER IL RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI (Regolamento a latere del Regolamento sull Ordinamento

Dettagli

Il Caso della settimana

Il Caso della settimana N. 15 del 20.04.2012 Il Caso della settimana A cura di Edoardo Martini I rimborsi spese a dipendenti ed amministratori per utilizzo auto personale La società ALFA s.r.l., per lo svolgimento della propria

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI LAVORO ESPLETATE FUORI DALLA ORDINARIA SEDE DI SERVIZIO (MISSIONI)

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI LAVORO ESPLETATE FUORI DALLA ORDINARIA SEDE DI SERVIZIO (MISSIONI) Senato Accademico 27.01.2000; modificato dal Senato Accademico il 25.05.2000; dal Consiglio di Amministrazione il 15.06.2004 (art. 7 comma 9); dal Consiglio di Amministrazione il 06.07.2010; dal Consiglio

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI AGRONOMI E DEI DOTTORI FORESTALI DELLA PROVINCIA DI NAPOLI Via Toledo, n 156-80132 Napoli

ORDINE DEI DOTTORI AGRONOMI E DEI DOTTORI FORESTALI DELLA PROVINCIA DI NAPOLI Via Toledo, n 156-80132 Napoli REGOLAMENTO DEI RIMBORSI PER LE ATTIVITA DI CONSIGLIERE ESPLETATE FUORI DALLA ORDINARIA SEDE DI RESIDENZA ( MISSIONI) del Consiglio dell Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali della Provincia

Dettagli