TRASFERTE NAZIONALI ED ESTERE DEL PERSONALE DI LIVELLO 1-7 E QUADRO (* )

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TRASFERTE NAZIONALI ED ESTERE DEL PERSONALE DI LIVELLO 1-7 E QUADRO (* )"

Transcript

1 TRASFERTE NAZIONALI ED ESTERE DEL PERSONALE DI LIVELLO 1-7 E QUADRO (* ) NOZIONE DI TRASFERTA Si considerano in trasferta i dipendenti chiamati per motivi di servizio ad operare provvisoriamente fuori dalla propria sede di lavoro, ai sensi degli accordi e dei contratti collettivi vigenti. Sono previsti due regimi alternativi di rimborso delle spese sostenute in trasferta: a piè di lista e forfetario. La trasferta deve essere preventivamente autorizzata dal diretto Responsabile. RICHIESTA TITOLI DI VIAGGIO E PRENOTAZIONI In occasione di trasferta il personale dovrà consegnare le richieste di prenotazione alberghiera, che dovranno essere formulate con riferimento agli alberghi convenzionati, ed emissione titoli di viaggio autorizzate dal diretto Responsabile - al corrispondente punto delega, il quale provvederà all inoltro all agenzia di viaggio individuata dall Azienda. Le richieste devono essere formulate con il più largo anticipo possibile rispetto alla data di partenza (di norma almeno tre giorni lavorativi precedenti il giorno di inizio trasferta). L agenzia provvederà alle prenotazioni della struttura alberghiera ed alla consegna dei titoli di viaggio, secondo le modalità e gli standard previsti, presso lo stesso punto delega, normalmente il giorno precedente la partenza, in orario lavorativo. Per ogni eventuale deroga agli standard di seguito riportati il dipendente dovrà ottenere la preventiva autorizzazione del Responsabile del personale competente. (* ) Ai fini della presente disciplina al personale Quadro deve considerarsi equiparato il personale di liv. 7 e di liv. 6 che abbia a suo tempo optato per il trattamento riservato ai Quadri.

2 MEZZI DI TRASPORTO Treni e navi: E previsto l utilizzo della prima classe per i quadri, per i livelli 7, 6, 5 e per il personale di sesso femminile; per il personale di sesso maschile (livv. 1 4) è previsto l utilizzo della seconda classe e, in caso di percorrenze superiori a 200 chilometri, quello della prima. Aerei: E previsto il ricorso all aereo (alternativo al treno) per percorsi superiori a 420 chilometri e secondo le seguenti modalità: - classe economica per voli nazionali e per tratte di durata effettiva inferiore o pari a 4 ore; - classe business per tratte di durata effettiva superiore alle quattro ore. In ogni caso non è consentito il ricorso a biglietti open. Auto privata: L utilizzo dell auto propria da parte del dipendente deve essere preventivamente autorizzato dal diretto Responsabile ed è consentito, sempre che risulti più conveniente o più funzionale alle esigenze di servizio, esclusivamente nel caso in cui sia necessario in relazione al disagio del viaggio verso la località da raggiungere ed in caso di assenza di mezzi pubblici o di indisponibilità di automezzo sociale. L automezzo deve essere di proprietà del dipendente e deve essere fornito di adeguata copertura assicurativa. Il dipendente deve inoltre essere in possesso di valido documento di guida. Tali circostanze vanno documentate la prima volta a cura del dipendente e si intendono tacitamente confermate sino a diversa dichiarazione da parte dello stesso. Il rimborso delle spese avverrà sulla base dei chilometri percorsi e del modello di vettura utilizzato, avendo a riferimento le tabelle ACI, decurtati delle spese che eventualmente l azienda già sostiene sull auto. Fermo restando il riferimento ai costi chilometrici dell autovettura utilizzata, il rimborso non potrà in alcun caso superare i massimali per fascia di cilindrata riportati nella tabella allegata (allegato 1). L uso dell automezzo privato non è mai consentito ai dipendenti che abbiano in assegnazione un auto in uso promiscuo. Auto in uso promiscuo: Il personale al quale è assegnata un autovettura dovrà utilizzare tale mezzo nei casi in cui lo stesso risulti più conveniente o più funzionale alle esigenze di servizio rispetto all utilizzo dei mezzi pubblici. Taxi: L utilizzo del taxi è ammesso nei giorni di inizio e fine trasferta nonché in presenza di condizioni di difficoltà e disagio (es. bagaglio non facilmente trasportabile), escludendo comunque la possibilità di rimborso nei casi in cui sia agevole il ricorso ai mezzi di trasporto pubblici. Auto a noleggio: Il ricorso all auto a noleggio, di classe B, nella località di trasferta, in abbinamento ai mezzi pubblici (ad es. aereo + auto a noleggio), è circoscritto all ipotesi in cui la località non sia servita da collegamenti pubblici ovvero in presenza di condizioni di raggiungibilità critiche (frequenza e/o orari dei mezzi pubblici non compatibili con gli impegni previsti). La preferenza rispetto ad altri mezzi di trasporto pubblico dovrà essere sempre valutata e autorizzata dal diretto Responsabile, sulla base di criteri di economicità ed efficienza. Nel caso in cui siano disponibili automezzi sociali idonei al percorso da compiere, questi ultimi sono sempre da privilegiare rispetto all auto a noleggio. Il personale dovrà essere in possesso di valido documento di guida. Il veicolo noleggiato, oltre all assicurazione per i terzi trasportati, deve essere provvisto di copertura integrativa per i danni passivi del veicolo (polizza kasko).

3 TRATTAMENTO A PIE DI LISTA PASTI Il rimborso a piè di lista del 1 e del 2 pasto è previsto solo nel caso in cui il dipendente si trovi nella località di trasferta, rispettivamente oltre le ore 14 ed oltre le ore 20. Nel caso di trasferte in cui vitto ed alloggio sono direttamente a carico della Società, il costo di eventuali pasti consumati al di fuori della struttura ospitante è a carico dell interessato. Per trasferte in Italia il limite massimo rimborsabile per il singolo pasto è di 22,00. Nel caso di trasferta che consenta il rimborso dei due pasti trova applicazione un massimale complessivo giornaliero di 44,00. Nel caso di trasferte all estero le spese per i pasti dovranno essere contenute e nei limiti della normalità, riferiti alla località ed alla possibilità di scelta del luogo di ristoro. Quadri Per il personale Quadro le spese per i pasti dovranno essere contenute nei limiti della normalità, riferiti alla località ed alla possibilità di scelta del luogo di ristoro. Il dipendente dovrà prestare particolare attenzione alla necessità di contenere i costi. PERNOTTAMENTI La scelta della struttura alberghiera potrà essere effettuata esclusivamente nell ambito degli alberghi convenzionati, privilegiando la struttura più vicina all effettiva sede di trasferta.. All estero la categoria massima ammessa è la 4 stelle. Lo standard è riferito a camere singole o, in caso di non disponibilità delle stesse, a camere doppie uso singolo. Le c.d. piccole spese (piccole consumazioni, lavanderia, ecc.) possono essere rimborsate solo se di limitato valore, a condizione che vengano regolarmente esposte sulle ricevute degli alberghi ed il regime di trasferta applicato non preveda il pagamento di eventuali indennità forfetarie destinate a coprire tale tipologia di spesa. IMPORTI AGGIUNTIVI Per ogni giorno di trasferta fuori dalla provincia, con pernottamento nella località sede della trasferta stessa viene corrisposto un rimborso per spese non documentabili pari a 9,10 lordi. Il rimborso viene riconosciuto anche al dipendente che trascorra la notte in viaggio, ovvero che abbia effettivamente pernottato nella località di trasferta pur non presentando alcuna documentazione relativa al pernottamento (ad esempio nel caso di trasferte con alloggio direttamente a carico della Società). Per le trasferte all estero è riconosciuto, per ogni giorno di trasferta, un rimborso per spese non documentabili pari a 21,00 lordi. Quadri Al personale quadro è corrisposto un rimborso per spese non documentabili pari a 19,11 lordi, per ogni giornata di trasferta con permanenza fuori dalla provincia di durata pari o superiore alla durata della giornata lavorativa, anche in assenza di pernottamento.

4 In tutte le trasferte di durata superiore ad un giorno, il suddetto importo è comunque riconosciuto per la prima (** ) giornata, anche nel caso in cui la stessa abbia durata inferiore al normale orario di lavoro. Per le trasferte all estero è riconosciuto, per ogni giorno di trasferta, un rimborso per spese non documentabili pari a 41,32 lordi. (**) In caso di oggettiva impossibilità di fruizione di alberghi convenzionati il massimale di rimborso riconoscibile per il pernottamento presso strutture diverse è pari a 155.

5 TRATTAMENTO FORFETARIO Nel caso di trasferta in Italia pari o superiore a 30 giorni, in alternativa al trattamento di rimborso a piè di lista, il dipendente può richiedere un rimborso forfetario nella misura di 35,00 giornaliere. L importo assorbe tutti i rimborsi spese (comprese quelle per eventuali rientri intermedi non richiesti dall azienda) ad eccezione del rimborso dei titoli di viaggio [vedasi Mezzi di trasporto] necessari per andare e tornare dalla località di trasferta rispettivamente all inizio ed alla fine della stessa. Quadri In tutti i casi di trasferta di durata pari o superiore a cinque giorni, in alternativa al rimborso spese di trasferta a piè di lista, il dipendente può richiedere un importo forfetario pari a 35,00 giornalieri. L importo assorbe tutti i rimborsi spese (comprese quelle per eventuali rientri intermedi non richiesti dall azienda) ad eccezione del rimborso dei titoli di viaggio necessari per andare e tornare dalla località di trasferta all inizio ed alla fine della stessa [vedasi Mezzi di trasporto] e del pernottamento in residence convenzionati con costo a carico dell azienda. Nel caso di trasferta all estero, fermo restando il regime visto, l importo forfetario è pari a 51,65 giornalieri. CONSUNTIVAZIONE Il dipendente dovrà porre la massima attenzione nel verificare la correttezza dei documenti attestanti le spese sostenute e nella relativa conservazione. CONSUNTIVO DELLA TRASFERTA Al termine della trasferta il dipendente è tenuto a compilare, entro 48 ore dal rientro presso il proprio posto di lavoro (***), il modello di consuntivazione della trasferta, allegando allo stesso, in originale, tutta la documentazione giustificativa delle spese sostenute (ricevute fiscali di alberghi/ristoranti, titoli di viaggio, ricevute rilasciate da vettori pubblici e privati etc.). Il prospetto compilato e corredato della suddetta documentazione dovrà essere firmato per autorizzazione al rimborso dal diretto Responsabile e trasmesso al competente punto delega. (***) Nel caso di trasferte lunghe, a cavallo di più mesi, la richiesta dovrà essere presentata entro il secondo giorno lavorativo di ciascun mese (anche attraverso l invio per posta al proprio punto delega).

6 ANNULLAMENTO DELLA TRASFERTA In caso di annullamento della trasferta, il dipendente è tenuto a darne immediata comunicazione al proprio Responsabile e, tramite le competenti strutture aziendali/punti delega, all Agenzia di viaggio, restituendo i titoli di viaggio ed i voucher di prenotazione. RIMBORSO BIGLIETTI FERROVIARI A seguito delle modifiche introdotte da Trenitalia S.p.A.(****) circa le modalità di rimborso dei biglietti ferroviari non utilizzati relativi a treni Eurostar Italia ed al fine di limitare le perdite connesse alla mancata utilizzazione dei citati titoli di viaggio il dipendente, qualora l impossibilità all utilizzo del titolo emergesse in stazione (ad es. per annullamento del treno o per sciopero etc.), dovrà chiedere direttamente il rimborso presso gli appositi sportelli delle Ferrovie, informando per iscritto la competente funzione di gestione del personale dell esatto importo del rimborso ottenuto. (****) Regolamentazione rimborsi dei titoli di viaggio non utilizzati (Cfr. procedura aziendale BIRDS): a. Prima della partenza del treno: rimborso in contanti con trattenuta del 20% oppure Bonus integrale valido 6 mesi dalla data di emissione del Bonus b. Entro 24 ore dalla partenza del treno: rimborso in contanti con trattenuta del 50% c. Successivamente alle 24 ore dalla partenza del treno: nessun rimborso Per l effettuazione delle operazioni sopra indicate è necessario disporre del titolo di viaggio originale.

7 CASI PARTICOLARI SPOSTAMENTI NELL AMBITO DELLA SEDE DI LAVORO Al dipendente inviato dall'azienda, per esigenze di servizio, fuori dal suo posto normale di lavoro e nell ambito del comune sede di lavoro, verranno rimborsate per intero le spese di trasporto su mezzi pubblici dietro presentazione dei relativi titoli di viaggio. L eventuale utilizzo del taxi (con pagamento in contanti o con convenzione aziendale) deve, in ogni caso, essere preventivamente autorizzato dal Responsabile.

8 Allegato 1 RIMBORSO CHILOMETRICO AUTO PRIVATA Il rimborso delle spese avverrà sulla base dei chilometri percorsi e del modello di vettura utilizzato avendo a riferimento i costi indicati nelle tabelle ACI, decurtati delle spese che eventualmente l azienda già sostiene sull auto (ad es. polizza kasko, tassa di proprietà). Il rimborso non potrà in alcun caso superare i massimali per fascia di cilindrata riportati nella successiva tabella. MASSIMALI DI RIMBORSO PER KM PER FASCIA DI CILINDRATA Benzina Gasolio fino a 1200 cc 0,351 0,262 oltre 1200 cc fino a 1600 cc 0,498 0,327 oltre 1600 cc 0,664 0,573

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE F.A.Q. MISSIONI DEFINIZIONE DI MISSIONE (art. 2.1 del Regolamento Missioni) 1. COSA SI INTENDE PER MISSIONE? Per missione si intende il trasferimento temporaneo

Dettagli

studio associato zaniboni

studio associato zaniboni N protocollo 03/07 Titolo Approfondimenti sui rimborsi chilometrici Data 5 febbraio 2007 Approfondimento sui rimborsi spese chilometrici e sull uso di autovetture da parte degli amministratori di società

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA PER LA CLIENTELA. Oggetto: Rimborsi spese e trasferte per dipendenti, amministratori e collaboratori

CIRCOLARE INFORMATIVA PER LA CLIENTELA. Oggetto: Rimborsi spese e trasferte per dipendenti, amministratori e collaboratori CIRCOLARE INFORMATIVA PER LA CLIENTELA Oggetto: Rimborsi spese e trasferte per dipendenti, amministratori e collaboratori Trattamento fiscale delle spese di trasferta, vitto e alloggio per dipendenti e

Dettagli

8.1. Trasferte dei dipendenti

8.1. Trasferte dei dipendenti 8.1. Trasferte dei dipendenti Capitolo 8 TRASFERTE La disciplina normativa delle indennità e dei rimborsi spese che il datore di lavoro corrisponde al dipendente quando quest ultimo svolge la propria prestazione

Dettagli

MODALITA DI RIMBORSO SPESE DI MISSIONE.

MODALITA DI RIMBORSO SPESE DI MISSIONE. MODALITA DI RIMBORSO SPESE DI MISSIONE. Per ottenere il rimborso delle spese di missione, i componenti delle Commissioni di Valutazione Comparativa, Commissioni di Dottorato di Ricerca (esame finale e

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DELLE MISSIONI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DELLE MISSIONI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DELLE MISSIONI ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE 1. Il presente regolamento disciplina lo svolgimento delle missioni da parte del personale dipendente dell Università

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 24 25.06.2014 Rimborsi spese a dipendenti e collaboratori Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le spese sostenute dai dipendenti dell

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Art. 1 - Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI DI SERVIZIO 1. Per missione si intende la prestazione di una attività nell interesse istituzionale dell Ateneo, fuori dall abituale

Dettagli

REGOLAMENTO MISSIONI E RIMBORSI SPESE IN ITALIA E ALL ESTERO

REGOLAMENTO MISSIONI E RIMBORSI SPESE IN ITALIA E ALL ESTERO REGOLAMENTO MISSIONI E RIMBORSI SPESE IN ITALIA E ALL ESTERO Personale dipendente Personale comandato (incluso il personale ex IRRE) Collaboratori con contratto di collaborazione coordinata e continuativa

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI DI SERVIZIO Emanato con D.R. n. 6080 del 16.1.2004 Ultime modifiche apportate con D.R. Rep. n.1354/2013 dell 11/11/2013 In vigore dal 26/11/2013 REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE MISSIONI DEL PERSONALE IUAV (modificato con decreto rettorale 24 marzo 2006, n. 452) INDICE

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE MISSIONI DEL PERSONALE IUAV (modificato con decreto rettorale 24 marzo 2006, n. 452) INDICE REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE MISSIONI DEL PERSONALE IUAV (modificato con decreto rettorale 24 marzo 2006, n. 452) INDICE Articolo 1 (Ambito di applicazione) Articolo 2 (Incarico della missione) Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DI MISSIONE DEL PERSONALE DI ARPA PIEMONTE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DI MISSIONE DEL PERSONALE DI ARPA PIEMONTE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DI MISSIONE DEL PERSONALE DI ARPA PIEMONTE Art. 1 - Oggetto CAPO I PRINCIPI GENERALI 1. Il presente regolamento, nel rispetto dei principi stabiliti in materia

Dettagli

Università Ca Foscari Venezia REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE MISSIONI

Università Ca Foscari Venezia REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE MISSIONI Consiglio di Amministrazione del 24 settembre 2001 ALLEGATO al punto V - REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE MISSIONI Università Ca Foscari Venezia REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE MISSIONI ART. 1 OBIETTIVI E SCOPI

Dettagli

RIMBORSI E TRASFERTE

RIMBORSI E TRASFERTE Studio Associato Diana di Mauro Sottili e Angelo Pizzocri Consulenza del lavoro Crema, Giugno 2008 RIMBORSI E TRASFERTE DIPENDENTI - COLLABORATORI - AMMINISTRATORI Caratteristiche rimborsi e trasferte

Dettagli

Università degli Studi di Torino

Università degli Studi di Torino Università degli Studi di Torino Direttore Amministrativo Vicario DECRETO RETTORALE N. 57 DEL 30/1/2004 OGGETTO: MODIFICA ART. 5 DEL REGOLAMENTO MISSIONI IL RETTORE Vista la legge 9 maggio 1989, n. 168,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE MISSIONI IN ITALIA E ALL ESTERO

REGOLAMENTO DELLE MISSIONI IN ITALIA E ALL ESTERO REGOLAMENTO DELLE MISSIONI IN ITALIA E ALL ESTERO INDICE Articolo 1 Ambito di applicazione Articolo 2 Autorizzazione della missione Articolo 3 Provvedimento di autorizzazione Articolo 4 Durata della missione

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare 03/2006 del 13 febbraio 2006 Trasferte dei dipendenti ed Amministratori In relazione all argomento di cui in oggetto, considerando che la sua disciplina fiscale risulta di non facile lettura

Dettagli

TRASFERTE, RIMBORSO SPESE, DEDUCIBILITA

TRASFERTE, RIMBORSO SPESE, DEDUCIBILITA TRASFERTE, RIMBORSO SPESE, DEDUCIBILITA I lavoratori che, recandosi fuori sede per ragioni di servizio, sostengono spese connesse con l esecuzione del loro lavoro hanno diritto di ricevere dall impresa

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE SOSTENUTE DAI DIPENDENTI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE SOSTENUTE DAI DIPENDENTI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE SOSTENUTE DAI DIPENDENTI Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 26 del 27.02.2008 N.B. Vedi anche : 1 - Deliberazione Giunta

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELLE MISSIONI DELL UNIVERSITÀ DELLA VALLE D AOSTA UNIVERSITÉ DE LA VALLÉE D AOSTE

REGOLAMENTO INTERNO DELLE MISSIONI DELL UNIVERSITÀ DELLA VALLE D AOSTA UNIVERSITÉ DE LA VALLÉE D AOSTE Emanato con Decreto Rettorale n. 50, prot. n. 2129/A13 del 16 giugno 2003 e s.m. e i. (D.R. n. 8, prot. n. 465/A3 del 21 gennaio 2010 e D.R. n. 88, prot. n. 6626/I3, del 24 luglio 2015). REGOLAMENTO INTERNO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI E DEL RIMBORSO DELLE SPESE SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI E DEL RIMBORSO DELLE SPESE SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI E DEL RIMBORSO DELLE SPESE SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI Approvato con deliberazione del Consiglio provinciale n. del INDICE Art. 1 -

Dettagli

MODALITA ATTUATIVE IN MATERIA DI TRATTAMENTO DI TRASFERTA IN ITALIA E ALL ESTERO

MODALITA ATTUATIVE IN MATERIA DI TRATTAMENTO DI TRASFERTA IN ITALIA E ALL ESTERO FUNZIONE CENTRALE RISORSE UMANE MODALITA ATTUATIVE IN MATERIA DI TRATTAMENTO DI TRASFERTA IN ITALIA E ALL ESTERO (Art. 49 Area Tecnico-Amministrativa (T.A.) e Art. 48 Area Dirigenziale e delle Specifiche

Dettagli

COMUNE DI SANSEPOLCRO

COMUNE DI SANSEPOLCRO COMUNE DI SANSEPOLCRO REGOLAMENTO PER LE MISSIONI DEGLI AMMINISTRATORI COMUNALI Approvato con delibera del Consiglio comunale n. 231 del 23.12.1991 Modificato con delibera del Consiglio comunale n. 10

Dettagli

Oggetto: trattamento tributario delle indennità e rimborsi spese erogati ai dipendenti e collaboratori

Oggetto: trattamento tributario delle indennità e rimborsi spese erogati ai dipendenti e collaboratori A tutti i nostri clienti Loro indirizzi Bolzano, 01 agosto 2012 Oggetto: trattamento tributario delle indennità e rimborsi spese erogati ai dipendenti e collaboratori Gentili clienti, con la presente circolare

Dettagli

Il Caso della settimana

Il Caso della settimana N. 15 del 20.04.2012 Il Caso della settimana A cura di Edoardo Martini I rimborsi spese a dipendenti ed amministratori per utilizzo auto personale La società ALFA s.r.l., per lo svolgimento della propria

Dettagli

OGGETTO UTILIZZO DELL AUTO PROPRIA PER ESIGENZE AZIENDALI

OGGETTO UTILIZZO DELL AUTO PROPRIA PER ESIGENZE AZIENDALI 1 OGGETTO UTILIZZO DELL AUTO PROPRIA PER ESIGENZE AZIENDALI QUESITO (posto in data 31 agosto 2013 ) Il medico incardinato in un ospedale ma chiamato a svolgere la propria opera professionale in un altro

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO. Capitolato Tecnico servizi di agenzia di viaggio. Pagina 1 di 11

CAPITOLATO TECNICO. Capitolato Tecnico servizi di agenzia di viaggio. Pagina 1 di 11 SERVIZIO DI AGENZIA DI VIAGGIO PER LA GESTIONE INTEGRATA DELLE TRASFERTE DI LAVORO DEL PERSONALE DI TURISMO TORINO E PROVINCIA, NONCHÉ DEI SERVIZI DI PIANIFICAZIONE, ORGANIZZAZIONE ED ASSISTENZA ACCESSORIA

Dettagli

Consorzio Autorità dell Ambito Territoriale Ottimale della provincia di Pavia

Consorzio Autorità dell Ambito Territoriale Ottimale della provincia di Pavia Consorzio Autorità dell Ambito Territoriale Ottimale della provincia di Pavia REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DI TRASFERTA DEL PERSONALE DIPENDENTE approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

Normativa sulle trasferte e i relativi rimborsi delle spese della Federazione Motociclistica Italiana

Normativa sulle trasferte e i relativi rimborsi delle spese della Federazione Motociclistica Italiana Normativa sulle trasferte e i relativi rimborsi delle spese della Federazione Motociclistica Italiana Approvata dal Consiglio Federale n. 5 del 10-11 ottobre 2013 con deliberazione n. 157 1. STRUTTURA

Dettagli

ANNUARIO SPORTIVO NAZIONALE 2015 APPENDICE 10 AL REGOLAMENTO SPORTIVO NAZIONALE RIMBORSI SPESE E TRATTAMENTI ECONOMICI

ANNUARIO SPORTIVO NAZIONALE 2015 APPENDICE 10 AL REGOLAMENTO SPORTIVO NAZIONALE RIMBORSI SPESE E TRATTAMENTI ECONOMICI ANNUARIO SPORTIVO NAZIONALE 2015 APPENDICE 10 AL REGOLAMENTO SPORTIVO NAZIONALE RIMBORSI SPESE E TRATTAMENTI ECONOMICI CRONOLOGIA MODIFICHE: ARTICOLO MODIFICATO DATA DI APPLICAZIONE DATA DI PUBBLICAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E DEL RIMBORSO SPESE SOSTENUTE DAI DIPENDENTI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E DEL RIMBORSO SPESE SOSTENUTE DAI DIPENDENTI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E DEL RIMBORSO SPESE SOSTENUTE DAI DIPENDENTI Approvato con D.G.P. in data 10.03.2003 n. 72 reg. e modificato

Dettagli

REGOLAMENTO MISSIONI ARTICOLO 1. Norme generali

REGOLAMENTO MISSIONI ARTICOLO 1. Norme generali REGOLAMENTO MISSIONI ARTICOLO 1 Norme generali Col trattamento di missione il Consorzio persegue lo scopo di consentire il recupero delle spese al personale dipendente, al personale afferente, ai collaboratori

Dettagli

Regolamento sul trattamento di missione del personale dipendente dell INFN sul territorio nazionale

Regolamento sul trattamento di missione del personale dipendente dell INFN sul territorio nazionale Regolamento sul trattamento di missione del personale dipendente dell INFN sul territorio nazionale Allegato alla delibera del Consiglio Direttivo n. 9941 del 20 dicembre 2006 Regolamento missioni sul

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE MISSIONI E TRASFERTE DEL PERSONALE DELLA FONDAZIONE BRUNO KESSLER

REGOLAMENTO PER LE MISSIONI E TRASFERTE DEL PERSONALE DELLA FONDAZIONE BRUNO KESSLER REGOLAMENTO PER LE MISSIONI E TRASFERTE DEL PERSONALE DELLA FONDAZIONE BRUNO KESSLER Allegato n. XII/13 al Verbale del CdA della Fondazione Bruno Kessler dell 1 febbraio 2013 INDICE Art. 1 - Obiettivi

Dettagli

Regolamento per la disciplina delle missioni e del rimborso delle spese sostenute dagli Amministratori comunali

Regolamento per la disciplina delle missioni e del rimborso delle spese sostenute dagli Amministratori comunali COMUNE DI OULX Regolamento per la disciplina delle missioni e del rimborso delle spese sostenute dagli Amministratori comunali approvato con deliberazione C.C. n. 15 del 11.05.2005 in vigore dal 12.06.2005

Dettagli

INDICAZIONI GENERALI PER LE MISSIONI DIPARTIMENTO SEMeQ

INDICAZIONI GENERALI PER LE MISSIONI DIPARTIMENTO SEMeQ INDICAZIONI GENERALI PER LE MISSIONI DIPARTIMENTO SEMeQ Per missione si intende la prestazione di attività lavorativa in località distante almeno 10 km dalla sede di servizio, sia in territorio nazionale

Dettagli

La normativa delle missioni in Italia e all estero

La normativa delle missioni in Italia e all estero La normativa delle missioni in Italia e all estero Trattamento di Missione in Italia Fondamentalmente il trattamento di missione è regolato dalla L. 836 del 18/12/1973 e successive modificazioni, nonché

Dettagli

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa REGOLAMENTO DEL TRATTAMENTO ECONOMICO RELATIVO ALLE MISSIONI DEGLI AMMINISTRATORI E SPESE DI RAPPRESENTANZA

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa REGOLAMENTO DEL TRATTAMENTO ECONOMICO RELATIVO ALLE MISSIONI DEGLI AMMINISTRATORI E SPESE DI RAPPRESENTANZA COMUNE DI LARI Provincia di Pisa REGOLAMENTO DEL TRATTAMENTO ECONOMICO RELATIVO ALLE MISSIONI DEGLI AMMINISTRATORI E SPESE DI RAPPRESENTANZA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 83 del 29.11.2006

Dettagli

Disciplinare interno per il rimborso delle spese di trasferta/missioni

Disciplinare interno per il rimborso delle spese di trasferta/missioni PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE RICERCA E COMPETITIVITÀ 2007-2013 (CCI: 2007IT161PO006) Disciplinare interno per il rimborso delle spese di trasferta/missioni Criteri generali, profili autorizzativi, regole

Dettagli

Delibera 281 Consiglio Federale Milano 17 dicembre 2011 NORME GENERALI SUI RIMBORSI AUTORIZZAZIONI

Delibera 281 Consiglio Federale Milano 17 dicembre 2011 NORME GENERALI SUI RIMBORSI AUTORIZZAZIONI Delibera 281 Consiglio Federale Milano 17 dicembre 2011 NORME GENERALI SUI RIMBORSI AUTORIZZAZIONI Tutte le trasferte, di qualsiasi natura, svolte da un soggetto federale, devono essere precedentemente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITÀ DI CONFERIMENTO E DEL TRATTAMENTO ECONOMICO DEGLI INCARICHI DI MISSIONE (D.R. n. 204 del 9.6.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITÀ DI CONFERIMENTO E DEL TRATTAMENTO ECONOMICO DEGLI INCARICHI DI MISSIONE (D.R. n. 204 del 9.6. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITÀ DI CONFERIMENTO E DEL TRATTAMENTO ECONOMICO DEGLI INCARICHI DI MISSIONE (D.R. n. 204 del 9.6.2014) Art. 1 Principi generali 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Comune di Legnaro Provincia di Padova

Comune di Legnaro Provincia di Padova Comune di Legnaro Provincia di Padova REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI (Regolamento a latere del Regolamento sull Ordinamento Uffici e Servizi)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI MEZZI DI TRASPORTO E MODALITÀ DI RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI MEZZI DI TRASPORTO E MODALITÀ DI RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI MEZZI DI TRASPORTO E MODALITÀ DI RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO Art. 1 Definizione di trasferta, attività di servizio e di rimborso spese 1. Per trasferta si intende l'attività

Dettagli

Università degli Studi di Palermo

Università degli Studi di Palermo REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DI MISSIONE Testo approvato dal C. d. A. nella seduta del 20 luglio 2010 Art. 1 OBIETTIVI E SCOPI 1. Il presente regolamento disciplina le modalità amministrative per l autorizzazione

Dettagli

Regolamento aziendale

Regolamento aziendale Regolamento aziendale Premessa Scopo di tale regolamento è la definizione dei criteri secondo i quali Cooperativa Sociale Società Dolce intende trattare il riconoscimento delle spese connesse all utilizzo

Dettagli

REGOLAMENTAZIONE PER I SERVIZI PRESTATI SU DESIGNAZIONE DEL GUG CENTRALE NUOTO TUFFI SINCRONIZZATO SALVAMENTO

REGOLAMENTAZIONE PER I SERVIZI PRESTATI SU DESIGNAZIONE DEL GUG CENTRALE NUOTO TUFFI SINCRONIZZATO SALVAMENTO REGOLAMENTAZIONE PER I SERVIZI PRESTATI SU DESIGNAZIONE DEL GUG CENTRALE NUOTO TUFFI SINCRONIZZATO SALVAMENTO 1 aprile 2009 1. TURNO DI SERVIZIO 1.1 Per un turno di servizio si intende quello prestato

Dettagli

Articolo 1. Oggetto. Articolo 2. Norme di riferimento

Articolo 1. Oggetto. Articolo 2. Norme di riferimento PARCO NAZIONALE DELLO STELVIO REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LE INDENNITÀ, I GETTONI DI PRESENZA E LE SPESE AI COMPONENTI DEGLI ORGANI (deliberazione del Consiglio Direttivo n. 55 del 27 novembre 2006) INDICE

Dettagli

COMUNE DI CADEO. Regolamento comunale per l uso del mezzo proprio per le trasferte del personale dipendente

COMUNE DI CADEO. Regolamento comunale per l uso del mezzo proprio per le trasferte del personale dipendente COMUNE DI CADEO Regolamento comunale per l uso del mezzo proprio per le trasferte del personale dipendente Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 28 del 06/03/2012 ARTICOLO 1 1. A decorrere

Dettagli

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina)

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) * * * * * REGOLAMENTO per il rimborso ai dipendenti delle spese sostenute in occasione di missioni fuori dal territorio comunale * * * * * (Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO MISSIONI DEL CONSORZIO INSTM TITOLO I NORME GENERALI

REGOLAMENTO MISSIONI DEL CONSORZIO INSTM TITOLO I NORME GENERALI REGOLAMENTO MISSIONI DEL CONSORZIO INSTM TITOLO I NORME GENERALI ART. 1 - PREMESSE Il presente regolamento disciplina le modalità di conferimento degli incarichi di missione fuori sede ed il relativo trattamento

Dettagli

REGOLAMENTO MISSIONI E RIMBORSO SPESE

REGOLAMENTO MISSIONI E RIMBORSO SPESE REGOLAMENTO MISSIONI E RIMBORSO SPESE 1. Ambito di applicazione e norme generali 1. Il presente Regolamento disciplina, compatibilmente con la legislazione vigente, presupposti, modalità di conferimento

Dettagli

d.dis DIPARTIMENTO DI DISEGNO TECNICO, INDUSTRIALE E DELLA RAPPRESENTAZIONE

d.dis DIPARTIMENTO DI DISEGNO TECNICO, INDUSTRIALE E DELLA RAPPRESENTAZIONE d.dis DIPARTIMENTO DI DISEGNO TECNICO, INDUSTRIALE E DELLA RAPPRESENTAZIONE Modello per missione Il sottoscritto Sig./Prof./Dott: qualifica Responsabile del Fondo su cui graverà la spesa. intende recarsi

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE MISSIONI PER IL PERSONALE DIPENDENTE E NON DIPENDENTE DELL' UNIVERSITÀ' DEGLI STUDI DI GENOVA

REGOLAMENTO DELLE MISSIONI PER IL PERSONALE DIPENDENTE E NON DIPENDENTE DELL' UNIVERSITÀ' DEGLI STUDI DI GENOVA REGOLAMENTO DELLE MISSIONI PER IL PERSONALE DIPENDENTE E NON DIPENDENTE DELL' UNIVERSITÀ' DEGLI STUDI DI GENOVA ALL. A ART. 1 - OBIETTIVI, SCOPI ED IMPUTAZIONE DELLE SPESE (1) Il presente regolamento disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO, VITTO E ALLOGGIO DEI: 3. PRESTATORI D OPERA OCCASIONALI

REGOLAMENTO PER IL RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO, VITTO E ALLOGGIO DEI: 3. PRESTATORI D OPERA OCCASIONALI REGOLAMENTO PER IL RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO, VITTO E ALLOGGIO DEI: 1. OMISSIS 2. OMISSIS 3. PRESTATORI D OPERA OCCASIONALI 4. OMISSIS Approvato con delibera del Consiglio istitutivo n. 7 del 15.04.1998

Dettagli

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO ORGANIZZAZIONE E PERSONALE DISCIPLINARE DEL TRATTAMENTO DI TRASFERTA DEL PERSONALE DIPENDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO ORGANIZZAZIONE E PERSONALE DISCIPLINARE DEL TRATTAMENTO DI TRASFERTA DEL PERSONALE DIPENDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO ORGANIZZAZIONE E PERSONALE DISCIPLINARE DEL TRATTAMENTO DI TRASFERTA DEL PERSONALE DIPENDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Approvato con decreto dirigenziale n. 10134 del 24.7.2008

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore Morcone Don Peppino Diana

Istituto di Istruzione Superiore Morcone Don Peppino Diana Prot. n. Morcone, 30 gennaio 2012 CAPITOLATO D ONERI TRA ISTITUTO E AGENZIA DI VIAGGI Allegato n.1 1. L Agenzia di viaggi (di seguito denominato ADV) si impegna a rispettare tutte le norme del decr. lgs.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO E DI SOGGIORNO SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI DELLA PROVINCIA DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO E DI SOGGIORNO SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI DELLA PROVINCIA DI RAVENNA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO E DI SOGGIORNO SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI DELLA PROVINCIA DI RAVENNA INDICE ART. 1 oggetto del regolamento ART. 2 definizione di missione

Dettagli

SERVIZI FUORI SEDE 1. Articolo 1 - Orario di lavoro durante il servizio fuori sede

SERVIZI FUORI SEDE 1. Articolo 1 - Orario di lavoro durante il servizio fuori sede SERVIZI FUORI SEDE 1 Articolo 1 - Orario di lavoro durante il servizio fuori sede 1. Al dipendente che per esigenze di servizio debba effettuare la prestazione lavorativa al di fuori della propria sede

Dettagli

Comune di Figino Serenza Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI

Comune di Figino Serenza Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI Comune di Figino Serenza Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI IN VIGORE DAL 01.06.2012 INDICE Premessa Art. 1 Oggetto del regolamento

Dettagli

PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLA CASSA ECONOMALE E PER L UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO E DI DEBITO.

PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLA CASSA ECONOMALE E PER L UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO E DI DEBITO. Pagina 1 di 8 3 31.01.2014 2 08.05.2012 Revisione par.6 e par.8 Introduzione Parte II Ufficio Acquisti/Appalti Dott.sa Federica Mandorino Ufficio Acquisti/Appalti Il Responsabile Dott. Samuele Marchioro

Dettagli

Auto aziendali e Fisco. Alexandre Martinelli 23 Ottobre 2013 1

Auto aziendali e Fisco. Alexandre Martinelli 23 Ottobre 2013 1 Auto aziendali e Fisco 2013 1 La deducibilità dei costi 2 autovetture Mezzi di trasporto presi in considerazione dall art. 164, DPR 917/1986 ciclomotori Il veicolo non rientra in una delle categorie individuate

Dettagli

ALLEGATO II. Manuale per la gestione. delle Visite Preparatorie / Seminari di contatto

ALLEGATO II. Manuale per la gestione. delle Visite Preparatorie / Seminari di contatto PROGRAMMA DI APPRENDIMENTO PERMANENTE (2007 2013) 1 PROGRAMMA SETTORIALE LEONARDO DA VINCI VISITE PREPARATORIE / SEMINARI DI CONTATTO ALLEGATO II Manuale per la gestione delle Visite Preparatorie / Seminari

Dettagli

In data 20 maggio 2003 le Organizzazioni sindacali, in applicazione di quanto stabilito dal CCNL. Direzione Centrale Sviluppo e Gestione risorse umane

In data 20 maggio 2003 le Organizzazioni sindacali, in applicazione di quanto stabilito dal CCNL. Direzione Centrale Sviluppo e Gestione risorse umane Direzione Centrale Sviluppo e Gestione risorse umane Roma, 25 Giugno 2003 Circolare n. 113 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici

Dettagli

REGOLAMENTO RIMBORSO SPESE VIAGGI DOTTORANDI

REGOLAMENTO RIMBORSO SPESE VIAGGI DOTTORANDI REGOLAMENTO RIMBORSO SPESE VIAGGI DOTTORANDI DOTTORANDI CON BORSA Rimborso delle sole spese di viaggio (aereo treno) previa presentazione del titolo di viaggio in originale. Per i viaggi aerei, in caso

Dettagli

RIMBORSO delle SPESE di TRASFERTA: DEDUCIBILITÀ

RIMBORSO delle SPESE di TRASFERTA: DEDUCIBILITÀ RIMBORSO delle SPESE di TRASFERTA: DEDUCIBILITÀ IN QUESTA CIRCOLARE: 1. Definizione del concetto di «trasferta»; 2. Sistemi di rimborso; 3. Lavoro dipendente e rimborsi spese; 4. Deducibilità dei rimborsi

Dettagli

Prot. 1271 Roma, 17 Febbraio 2009

Prot. 1271 Roma, 17 Febbraio 2009 Prot. 1271 Roma, 17 Febbraio 2009 Ai Sigg. Presidenti delle Associazioni Cronometristi Ai Sigg. Consiglieri Federali Ai Sigg. Presidenti dei Comitati Regionali Ai Sigg. Delegati Provinciali con funzioni

Dettagli

FIM-FIOM-UILM RSU PIATTAFORMA PER LA CONTRATTAZIONE DI GRUPPO ENGINEERING

FIM-FIOM-UILM RSU PIATTAFORMA PER LA CONTRATTAZIONE DI GRUPPO ENGINEERING FIM-FIOM-UILM RSU PIATTAFORMA PER LA CONTRATTAZIONE DI GRUPPO ENGINEERING Le scriventi OO.SS. sono a precisare in premessa che tutta la contrattazione vigente in capo alle diverse ragioni sociali e/o ai

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE DLGC/2014/107 O G G E T T O

COMUNE DI ROVIGO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE DLGC/2014/107 O G G E T T O COMUNE DI ROVIGO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE DLGC/2014/107 O G G E T T O Regolamento sul trattamento di trasferta di Dipendenti, Dirigenti,

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 6 giugno 2011, n. 631. b. dell art. 35 CCNL delle Regioni e delle Autonomie

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 6 giugno 2011, n. 631. b. dell art. 35 CCNL delle Regioni e delle Autonomie 17792 Atti di Organi monocratici regionali DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 6 giugno 2011, n. 631 Disciplina per il trattamento di trasferta co. 6, art. 11, della Legge regionale 4 gennaio

Dettagli

Autorità di Bacino del Fiume Arno

Autorità di Bacino del Fiume Arno REGOLAMENTO RELATIVO ALL ORARIO DI LAVORO ED ALLA SUA ARTICOLAZIONE ART. 1 Orario di servizio e orario di lavoro ordinario 1 L orario di servizio dell Autorità di Bacino del Fiume Arno si svolge su 5 giorni

Dettagli

ART.2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO

ART.2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO AZIIENDA PER L ASSIISTENZA SANIITARIIA N.. 3 ALTO FRIIULII-COLLIINARE-MEDIIO FRIIULII REGOLAMENTO AZIENDALE DISCIPLINANTE IL TRATTAMENTO DI TRASFERTA INDICE ART.1 OGGETTO ART.2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO

Dettagli

TRAVEL POLICY DICEMBRE 2009

TRAVEL POLICY DICEMBRE 2009 TRAVEL POLICY 2009 Pag. 1 di 23 TRAVEL POLICY DICEMBRE 2009 Redatta Verificata Approvata Distribuita In vigore da RUO/RI/N RUO/RI RUO RUO/RI Dicembre 2009 TRAVEL POLICY 2009 Pag. 2 di 23 INDICE 1. STRUTTURA

Dettagli

- i costi di viaggio; - i costi di soggiorno (vitto, alloggio, trasporti urbani, comunicazione, assicurazione del viaggio).

- i costi di viaggio; - i costi di soggiorno (vitto, alloggio, trasporti urbani, comunicazione, assicurazione del viaggio). ESTRATTO DELL ALLEGATO VI HANDBOOK ERASMUS A.A. 2008/2009 Estratto della Guida per le Agenzie Nazionali per l implementazione del Programma LLP, dell Invito a presentare proposte 2008 e della Guida del

Dettagli

Approvato con Deliberazione del Consiglio Provinciale n. del

Approvato con Deliberazione del Consiglio Provinciale n. del REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO E DI SOGGIORNO DEGLI AMMINISTRATORI E DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI PAVIA Approvato con Deliberazione del Consiglio Provinciale

Dettagli

GE.SE.CO. ARZACHENA SRL REGOLAMENTO PER USO AUTOMEZZI GE.SE.CO. ARZACHENA SRL MODALITÀ DI UTILIZZO DEL MEZZO PROPRIO PER RAGIONI DI SERVIZIO

GE.SE.CO. ARZACHENA SRL REGOLAMENTO PER USO AUTOMEZZI GE.SE.CO. ARZACHENA SRL MODALITÀ DI UTILIZZO DEL MEZZO PROPRIO PER RAGIONI DI SERVIZIO GE.SE.CO. ARZACHENA SRL REGOLAMENTO PER USO AUTOMEZZI GE.SE.CO. ARZACHENA SRL E MODALITÀ DI UTILIZZO DEL MEZZO PROPRIO PER RAGIONI DI SERVIZIO Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 24 gennaio

Dettagli

C O M U N E D I G E L A (Provincia di Caltanissetta)

C O M U N E D I G E L A (Provincia di Caltanissetta) C O M U N E D I G E L A (Provincia di Caltanissetta) Regolamento comunale per l uso del mezzo proprio in occasione delle trasferte e/o missioni del personale dipendente Approvato con delibera di G.M. n

Dettagli

Regolamento rimborsi, trasferte e indennità della Federazione Italiana Sport Equestri

Regolamento rimborsi, trasferte e indennità della Federazione Italiana Sport Equestri Regolamento rimborsi, trasferte e indennità della Federazione Italiana Sport Equestri 1. STRUTTURA DEL DOCUMENTO Il presente documento disciplina l istituto della trasferta nella Federazione Italiana Sport

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI, DELL ASSICURAZIONE DEI CONSIGLIERI E DEL RIMBORSO DELLE SPESE SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI, DELL ASSICURAZIONE DEI CONSIGLIERI E DEL RIMBORSO DELLE SPESE SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI. Fondazione Caorle Città dello Sport Via Roma, 26 30021 CAORLE (VE) tel 0421.219264 fax 0421.219302 F o n d a z i o n e P.IVA/C.F. 03923230274 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI, DELL ASSICURAZIONE

Dettagli

All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF)

All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) Programma di Sviluppo Rurale 2014/2020 Reg. (CE) 1305/2013 Regione Toscana Bando Sottomisura 16.2 Sostegno a progetti pilota e di cooperazione All interno dei Progetti Integrati di Filiera (PIF) OBIETTIVO

Dettagli

Serie A Dilettanti Serie A1 Femminile

Serie A Dilettanti Serie A1 Femminile CIRCOLARE PER LA DISCIPLINA E LA MISURA DEI RIMBORSI, DELLE INDENNITÀ DI PRESENZA PER L ATTIVITA NAZIONALE DEGLI ARBITRI, UFFICIALI DI CAMPO, COMMISSARI SPECIALI IN VIGORE DAL 01/10/2008 Le spese sostenute

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI MEZZI COMUNALI, PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E PER IL RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI MEZZI COMUNALI, PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E PER IL RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI MEZZI COMUNALI, PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E PER IL RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI (Regolamento a latere del Regolamento sull Ordinamento

Dettagli

AGENZIA DI VIAGGIO CONVENZIONATA CARLSON WAGONLIT ITALIA S.R.L.

AGENZIA DI VIAGGIO CONVENZIONATA CARLSON WAGONLIT ITALIA S.R.L. AGENZIA DI VIAGGIO CONVENZIONATA CARLSON WAGONLIT ITALIA S.R.L. Il servizio prevede l'utilizzo della piattaforma CWT Book2go all'indirizzo : http://www.cwt.it/cwtbook2go Le modalità di prenotazione sono

Dettagli

OGGETTO PRONTA DISPONIBILITÀ E SPESE DI VIAGGIO E PERNOTTAMENTO

OGGETTO PRONTA DISPONIBILITÀ E SPESE DI VIAGGIO E PERNOTTAMENTO OGGETTO PRONTA DISPONIBILITÀ E SPESE DI VIAGGIO E PERNOTTAMENTO QUESITO (posto in data 1 marzo 2011) Siamo due medici dipendenti di una Azienda Sanitaria Locale; con sede di lavoro in uno dei distretti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI ART. 1 Ambito di applicazione Il presente regolamento disciplina le modalità di conferimento degli incarichi di missione fuori sede e il relativo trattamento

Dettagli

NOTE OPERATIVE (DAL 10 OTTOBRE 2012)

NOTE OPERATIVE (DAL 10 OTTOBRE 2012) NOTE OPERATIVE (DAL 10 OTTOBRE 2012) REGOLAMENTO DELLE MISSIONI PER IL PERSONALE DIPENDENTE E NON DIPENDENTE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA ARTICOLO 1 Definizione di missione Per missione

Dettagli

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE PIEMONTE LIGURIA E VALLE D AOSTA. Via Bologna 148-10154 TORINO REGOLAMENTO DEL TRATTAMENTO DI MISSIONE

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE PIEMONTE LIGURIA E VALLE D AOSTA. Via Bologna 148-10154 TORINO REGOLAMENTO DEL TRATTAMENTO DI MISSIONE ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE PIEMONTE LIGURIA E VALLE D AOSTA Via Bologna 148-10154 TORINO REGOLAMENTO DEL TRATTAMENTO DI MISSIONE Art. 1 OGGETTO Il presente regolamento si applica ai dipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI LAVORO ESPLETATE FUORI DALLA ORDINARIA SEDE DI SERVIZIO (MISSIONI)

REGOLAMENTO PER LE ATTIVITA DI LAVORO ESPLETATE FUORI DALLA ORDINARIA SEDE DI SERVIZIO (MISSIONI) Senato Accademico 27.01.2000; modificato dal Senato Accademico il 25.05.2000; dal Consiglio di Amministrazione il 15.06.2004 (art. 7 comma 9); dal Consiglio di Amministrazione il 06.07.2010; dal Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE MISSIONI E DEI RIMBORSI SPESE

REGOLAMENTO DELLE MISSIONI E DEI RIMBORSI SPESE REGOLAMENTO DELLE MISSIONI E DEI RIMBORSI SPESE INDICE Pag. Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione 2 Art. 2 Definizioni 3 Art. 3 Incarico e autorizzazione di missione 3 Art. 4 Durata della missione e

Dettagli

Istituto di Scienze Umane e Sociali

Istituto di Scienze Umane e Sociali Istituto di Scienze Umane e Sociali Linee guida per le attività fuori sede degli allievi: richiesta di autorizzazione e di contributi Gli allievi dei corsi di perfezionamento possono richiedere alla Scuola

Dettagli

DIRETTIVE INTERNE PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E DEL RIMBORSO SPESE AL PERSONALE CON INCARICHI DI MISSIONE

DIRETTIVE INTERNE PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E DEL RIMBORSO SPESE AL PERSONALE CON INCARICHI DI MISSIONE COMUNE DI UDINE Dipartimento Affari Generali Unità Organizzativa Programmazione e Organizzazione Unità Operativa Formazione Approvato con Deliberazione Giuntale n.d ord. 173 della G.C. del 26.5.2009. DIRETTIVE

Dettagli

ART. 164 DEL T.U.I.R.

ART. 164 DEL T.U.I.R. API NOTIZIE N. 16 DEL 07/09/2012 OGGETTO: LA NUOVA DEDUCIBILITÁ DEI COSTI DELLE AUTO AZIENDALI DAL 2013 Riferimenti: Legge 92/2012 Riforma del Lavoro (Legge Fornero) art. 4 commi 72 e 73. La Riforma del

Dettagli

MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners

MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners ragionieri commercialisti economisti d impresa valdagno (vi) via l. festari,15 tel. 0445/406758/408999 - fax 0445/408485 dueville (vi) - via g. rossi, 26 tel. 0444/591846

Dettagli

La disciplina dei soci volontari nelle cooperative sociali

La disciplina dei soci volontari nelle cooperative sociali Cooperative sociali La disciplina dei soci volontari nelle cooperative sociali Modello n. 1 Clausola statutaria che disciplina i soci volontari Art. ( ) (Requisiti, domanda di ammissione e obblighi) 1.Ai

Dettagli

VADEMECUM PER L AMMISSIBILITA DELLA SPESA

VADEMECUM PER L AMMISSIBILITA DELLA SPESA REGIONE BASILICATA Dipartimento Presidenza della Giunta BANDO DI CONCORSO NUOVI FERMENTI PROGETTI PER LA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE CREATIVE ALLEGATO D VADEMECUM PER L AMMISSIBILITA DELLA SPESA 1 Principi

Dettagli

Fringe benefit aziendali. Aspetti fiscali per il percettore e l azienda

Fringe benefit aziendali. Aspetti fiscali per il percettore e l azienda Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 173 16.06.2015 Fringe benefit aziendali Aspetti fiscali per il percettore e l azienda Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette I fringe

Dettagli

ALL. 1 Allegato all OS. n. 31 /2012 del 11-04-2012 DISCIPLINA PER I VIAGGI DEGLI ELETTORI CAPO I AMBITO DI APPLICAZIONE

ALL. 1 Allegato all OS. n. 31 /2012 del 11-04-2012 DISCIPLINA PER I VIAGGI DEGLI ELETTORI CAPO I AMBITO DI APPLICAZIONE ALL. 1 Allegato all OS. n. 31 /2012 del 11-04-2012 DISCIPLINA PER I VIAGGI DEGLI ELETTORI CAPO I AMBITO DI APPLICAZIONE Per i viaggi degli elettori residenti nel territorio nazionale e di quelli residenti

Dettagli

ISTITUTO TUMORI GIOVANNI PAOLO II

ISTITUTO TUMORI GIOVANNI PAOLO II ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE n. del REGOLAMENTO DELLA MISSIONE E DEL SERVIZIO FUORI SEDE Riferimenti normativi - Legge 18/12/1973 n. 836 e s.m.i. (trattamento economico di missione dei dipendenti dello

Dettagli

SOMMARIO. Capitolo 1 IL QUADRO DI RIFERIMENTO

SOMMARIO. Capitolo 1 IL QUADRO DI RIFERIMENTO SOMMARIO Capitolo 1 IL QUADRO DI RIFERIMENTO 1. Premessa... 3 2. La riforma del mercato del lavoro... 5 3. Qualificazione dei redditi di lavoro dipendente ed equiparati... 10 4. Quantificazione dei redditi

Dettagli

entro 30 giorni dal termine dell attività CONTATTI Per informazioni e supporto, gli studenti possono fare riferimento a:

entro 30 giorni dal termine dell attività CONTATTI Per informazioni e supporto, gli studenti possono fare riferimento a: GUIDA ALLA PRIMA CALL SDS 2015 Per organizzare un attività culturale con il senato degli studenti è necessario innanzitutto partecipare alla call inviando la documentazione richiesta dall avviso entro

Dettagli