MODALITA ATTUATIVE IN MATERIA DI TRATTAMENTO DI TRASFERTA IN ITALIA E ALL ESTERO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MODALITA ATTUATIVE IN MATERIA DI TRATTAMENTO DI TRASFERTA IN ITALIA E ALL ESTERO"

Transcript

1 FUNZIONE CENTRALE RISORSE UMANE MODALITA ATTUATIVE IN MATERIA DI TRATTAMENTO DI TRASFERTA IN ITALIA E ALL ESTERO (Art. 49 Area Tecnico-Amministrativa (T.A.) e Art. 48 Area Dirigenziale e delle Specifiche Tipologie Professionali (D.P.) dei C.C.L. ENEA 94/97)

2 2 INDICE Parte Prima DISPOSIZIONI GENERALI 1 DEFINIZIONE DI TRASFERTA pag Durata massima della trasferta pag Orari per gli spostamenti per la trasferta pag Criteri computo tempo viaggio pag Assicurazione dei dipendenti in trasferta pag Tassazione trasferte di breve e lunga durata pag Trasferte e partecipazione a Seminari e Congressi di borsisti ENEA pag Tempistica pag. 9 Parte Seconda TRASFERTA IN ITALIA 2 TRASFERTA IN ITALIA DI DURATA NON SUPERIORE A 30 GIORNI breve durata pag Rimborso spese di viaggio pag Treno pag Nave pag Aereo pag Autovettura privata pag Mezzi pubblici extraurbani e urbani pag Taxi pag Vetture dell ENEA pag Auto in noleggio senza autista pag Documentazione spese di viaggio pag Prolungamento della permanenza, per motivi personali, sul luogo di trasferta pag Anticipo spese di trasporto e fornitura biglietti di viaggio pag Rimborso delle spese di vitto pag. 14

3 2.3.1 Massimale giornaliero e suo frazionamento per vitto rimborsabile a piè di lista pag Rimborso forfetario per vitto per trasferte comportanti consumazioni al pag. 14 sacco Rimborso forfetario per vitto nel caso di campagne oceanografiche pag Documentazione richiesta per rimborso spese vitto pag Anticipo spese di vitto pag Rimborso spese di alloggio pag Anticipo spese di alloggio pag Documentazione richiesta per il rimborso spese alloggio pag TRASFERTA IN ITALIA DI DURATA SUPERIORE A 30 GIORNI lunga durata pag Rimborso spese di viaggio pag Rimborso giornaliero forfetario spese vitto alloggio pag Anticipazione spese di trasferta pag RIMBORSO SPESE NON DOCUMENTABILI PER TRASFERTE IN ITALIA pag Trasferta di durata tra le 8 e le 16 ore pag Trasferta di durata superiore alle 16 ore pag. 18 Parte Terza TRASFERTA ALL ESTERO 5 TRASFERTA ALL ESTERO DI DURATA NON SUPERIORE A 30 GIORNI breve durata pag Rimborso spese di viaggio pag Treno pag Nave pag Aereo pag Autovettura privata pag Mezzi pubblici extraurbani e urbani pag Taxi pag Auto in noleggio senza autista pag Documentazione spese di viaggio pag. 22

4 5.1.9 Prolungamento della permanenza, per motivi personali, sul luogo di trasferta pag Rimborso spese di trasporto e fornitura biglietti di viaggio pag Rimborso delle spese di vitto pag Massimale forfetario giornaliero pag Massimale giornaliero e suo frazionamento per vitto rimborsabile a piè di lista pag Rimborso spese di alloggio a piè di lista pag Anticipo spese di trasferta sino a 30 giorni pag TRASFERTA ALL ESTERO DI DURATA SUPERIORE A 30 GIORNI lunga durata pag Rimborso spese di viaggio pag Rimborso forfetario giornaliero per spese di vitto e alloggio pag Anticipo spese di trasferta pag RIMBORSO SPESE NON DOCUMENTABILI PER LE TRASFERTE ALL ESTERO SIA DI BREVE CHE DI LUNGA DURATA 8 RIVALUTAZIONE RIMBORSO GIORNALIERO FORFETARIO PER TRASFERTE ALL ESTERO pag. 27 pag DECORRENZA TRATTAMENTO DI TRASFERTA ALL ESTERO pag CONGUAGLIO IN SEDE DI CONSUNTIVO DI TRASFERTA pag. 28 Parte Quarta LIQUIDAZIONE DELLA TRASFERTA 11 TEMPI E MODALITA DI LIQUIDAZIONE DELLA TRASFERTA SIA IN ITALIA CHE ALL ESTERO pag. 28 Parte Quinta DISCIPLINA DI FATTISPECIE PARTICOLARI CONCERNENTI LE TRASFERTE SIA IN ITALIA CHE ALL ESTERO 12 SOSPENSIONE DELLA TRASFERTA PER MALATTIA pag RIMBORSO SPESE VARIE pag VARIAZIONI RISPETTO ALLA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE TRASFERTE pag. 29

5 5 15 FERIE GODUTE IN TRASFERTA SUPERIORE A 30 GIORNI pag TRASFERTA DI BREVE DURATA IN ALTRA LOCALITA NELL AMBITO DI TRASFERTE SUPERIORI A 30 GIORNI 17 INTERRUZIONE ANTICIPATA DELLE TRASFERTE SUPERIORI A 30 GIORNI pag. 30 pag UTILIZZO DELLA CARTA DI CREDITO AZIENDALE pag TRASFERTE PER LE QUALI SIANO PREVISTE RIMBORSI DA PARTE DI ORGANISMI ESTERNI 19.1 Trasferte di dipendenti che ricoprono incarichi di Consigliere di Amministrazione presso Organismi esterni o Società pag. 31 pag Trasferte su invito o per conto di altri Enti o Società pag Trasferte presso l Unione Europea pag. 31 Parte Sesta PROCEDURA PER LA CONSUNTIVAZIONE DELLE MISSIONI E ALLEGATI ALLA NORMATIVA SULLA TRASFERTA All. 1 All. 2 All. 3 All. 4 All. 5 All. 6 All. 7 PROCEDURE DI MISSIONI PER AUTORIZZAZIONE E CONSUNTIVAZIONI CON FIRMA DIGITALE TABELLA DISTANZE CONVENZIONALI TRA CENTRI E AEROPORTI TABELLA DISTANZE CONVENZIONALI INTER-CENTRI TABELLA RIMBORSO SPESE NON DOCUMENTABILI VALORI DEI RIMBORSI SPESE DI TRASFERTA DICHIARAZIONE DI ASSUNZIONE DI RESPONSABILITA PER L USO DEL MEZZO PROPRIO VALORI GIORNALIERI PER LA DETERMINAZIONE DI TRASFERTA ALL ESTERO

6 Parte Prima DISPOSIZIONI GENERALI 6 1. DEFINIZIONE DI TRASFERTA (Missione) Il trattamento di trasferta in Italia e all estero è regolato dall art. 49 del C.C.L Area Tecnico- Amministrativa (T.A.) per i dipendenti inquadrati in detta area contrattuale, dall art. 48 del C.C.L Area Dirigenziale e delle Specifiche Tipologie Professionali (D.P.) per i dipendenti inquadrati in quest altra area contrattuale; dal Protocollo d intesa tra l ENEA e le Organizzazioni Sindacali Maggiormente rappresentative, e infine dalle disposizioni applicative riportate nella presente normativa. Ai fini dell applicazione della predetta disciplina, si considera trasferta lo spostamento che il dipendente è chiamato ad effettuare, per ragioni di servizio, fuori della sua abituale sede di lavoro ad altra località non coincidente o limitrofa con la dimora abituale (oppure dalla dimora abituale ad altra località non coincidente o limitrofa con la sede di lavoro), distante almeno 50 km e in ogni caso che comporti una durata non inferiore alle 8 ore. La missione parte sempre dalla sede di lavoro salvo quando più lontana dal luogo della missione della dimora abituale. L autorizzazione della missione è concessa dal Delegato utilizzando il Mod. M1. Per le missioni il Delegato dovrà ricoprire un incarico non inferiore a quello di Responsabile di Progetto e/o Commessa di nomina dei Direttori di Divisione. Il Delegato della missione può autorizzare, per ragioni di funzionalità e/o economicità, la partenza dall abitazione del dipendente anziché dalla sede di lavoro. Nel caso la distanza del viaggio sia inferiore a 50 km ovvero lo spostamento risulti di durata inferiore ad 8 ore, sarà applicata la specifica normativa prevista nella Circolare n. 352/PERSOR del e successive integrazioni e modifiche per gli spostamenti di servizio. Si intende per Delegato il Responsabile ENEA con delega alla spesa di livello immediatamente superiore al richiedente; l ufficio missioni competente per ogni missione da effettuare deve sempre essere inteso quello del Delegato. Per tutte le trasferte per le quali si faccia uso di carta aziendale (DINERS) sarà demandato agli uffici missioni competenti il riscontro tra i rendiconti periodici DINERS e i consuntivi missioni. 1.1 Durata massima della trasferta Il trattamento di trasferta non può eccedere la durata di un anno. Per le ipotesi in cui si preveda una permanenza continua superiore ad un anno, dovrà procedersi al trasferimento di sede del dipendente interessato, al quale competerà il trattamento previsto nell art. 50 del C.C.L Area Tecnico-Amministrativa (T.A.), ovvero nell art. 49 del C.C.L Area Dirigenziale e delle Specifiche Tipologie Professionali (D.P.). In via eccezionale, potranno essere concesse dal Direttore Generale deroghe a tale disposizione, sulla base di puntuali relazioni sottoscritte dai Responsabili delle Unità di Macrostruttura che ne giustifichino l autorizzazione.

7 1.2 Orari per gli spostamenti per trasferta 7 Il personale inviato in trasferta per esigenze di servizio è tenuto, di norma, ad effettuare il viaggio, per recarsi sul luogo della trasferta nonché quello per il rientro, in orari quanto più coincidenti con il normale orario di lavoro. Il tempo di viaggio effettuato in missione al di fuori del normale orario di lavoro non dà luogo a riposi compensativi. Per i viaggi effettuati in giornate festive viene riconosciuto al dipendente un riposo compensativo pari alla durata del viaggio, calcolato sulla base dei criteri indicati al successivo punto 1.3. In ogni caso la durata del riposo compensativo non potrà superare il limite massimo di una giornata lavorativa. L orario di lavoro del dipendente durante lo svolgimento della trasferta, è, ad ogni effetto, l ordinario orario di lavoro vigente nella sede di lavoro del dipendente stesso. 1.3 Criteri computo tempo viaggio La durata del viaggio, effettuato con mezzi di trasporto diversi dall automezzo proprio o di servizio, con riferimento all inizio e al termine della stessa, viene convenzionalmente determinata sulla base dei seguenti criteri : Aereo : viene considerato il tempo effettivo di volo ed inoltre : un ora e mezza prima della partenza (voli interni) due ore prima della partenza (voli internazionali) un ora dopo l arrivo (voli interni) un ora e mezza dopo l arrivo (voli internazionali). Treno : viene considerato il tempo effettivo di percorrenza ed inoltre : un ora prima della partenza 30 minuti dopo l arrivo. Nave (Traghetti e navi oceanografiche) : viene considerato il tempo effettivo di attraversata ed inoltre : un ora prima della partenza 30 minuti dopo l arrivo.

8 1.4 Assicurazione dei dipendenti in trasferta 8 Tutti i dipendenti ENEA sono coperti dal rischio volo e infortuni durante la trasferta. La copertura assicurativa è di tipo integrativo, nel senso che opera a condizione che il dipendente non abbia trovato il riconoscimento dell invalidità da parte dell INAIL e che la stessa invalidità permanente sia comunque superiore al 10% del totale. Per i dipendenti ai quali è stato autorizzato l uso del mezzo proprio per la trasferta, l Ente fornisce una copertura assicurativa di tipo Kasco sul veicolo del dipendente. La copertura assicurativa opera esclusivamente per danni da urto, collisione e ribaltamento la cui responsabilità sia da attribuire al dipendente medesimo. Il rimborso è regolato da un massimale di di lire per autovettura e una franchigia di lire per sinistro (rif. All. A alla Circolare n. 1 BIFI-ASPA del 27/10/97). Comunque resta sottinteso che è responsabilità del dipendente autorizzato che il veicolo utilizzato sia in regola con le vigenti disposizioni di legge in materia di assicurazione obbligatoria per la Responsabilità Civile compresi i terzi trasportati ed in regola con le norme sulla circolazione dei veicoli (Revisioni periodiche, rinnovi patente conducente). Tale assicurazione solleva l Ente dagli eventuali danni causati dalla guida del veicolo autorizzato a altri veicoli, persone, animali o cose. Pertanto, nella dichiarazione di assunzione di responsabilità (all. 6) dovranno essere riportati i dati identificativi del veicolo utilizzato (tipo di veicolo, targa, nome del proprietario se diverso dal dipendente). 1.5 Tassazione trasferte di breve e lunga durata Le indennità e i rimborsi al personale ENEA in occasione di trasferte, sono assoggettati alla tassazione ed alla contribuzione previdenziale previste dalla legge per i redditi da lavoro dipendente. 1.6 Trasferte e partecipazione a Seminari e Congressi di borsisti ENEA I titolari di borse di studio ENEA e di Assegni di Ricerca, ove se ne ravvisi l effettiva utilità, possono effettuare brevi missioni a carico dell Ente, per incontri tecnici o per la partecipazione a Seminari, Convegni o Congressi, in Italia e all estero. Le trasferte non possono avere una durata superiore ai 30 giorni complessivi nell arco della durata della borsa di studio ovvero nel caso di assegni di ricerca; non più di 30 gg./anno. Al personale borsista e assegnista sarà riconosciuto lo stesso trattamento a piè di lista previsto per i dipendenti inquadrati al 7 livello ad esclusione delle indennità di rimborso delle spese non documentabili previste nei successivi punti 4 e 7. Gli oneri relativi a dette trasferte, graveranno sui bilanci delle Unità ENEA ospitanti che dovranno imputare la spesa sulla Categoria C Cap. 213 VPC 294 così come definito dal Doc. ENEA (94)92/C.A. del

9 1.7 Tempistica 9 Onde consentire una più efficace ed economica organizzazione del viaggio, la richiesta di autorizzazione a recarsi in trasferta dovrà essere inoltrata con almeno 5 gg. lavorativi di anticipo rispetto alla data prevista. Parte Seconda TRASFERTA IN ITALIA 2. TRASFERTA IN ITALIA DI DURATA NON SUPERIORE A 30 GIORNI breve durata Al dipendente inviato in trasferta di durata non superiore a 30 giorni compete : a) il rimborso delle spese di viaggio e trasporto effettivamente sostenute ed autorizzate ; b) il rimborso a piè di lista delle spese di vitto e di alloggio debitamente e formalmente documentate ; c) il rimborso di spese non documentabili nella misura descritta nel successivo punto Rimborso spese di viaggio E compito del Delegato verificare che la scelta del mezzo di trasporto sia effettuata tenendo conto, da un lato delle esigenze funzionali e logistiche connesse alle attività che il dipendente dovrà svolgere durante la missione, e dall altro di criteri di economicità rapportati ai costi ed ai tempi di viaggio. Ai fini di tale verifica, il Delegato si avvale del supporto degli uffici e degli organismi, anche esterni alla propria Unità, preposti alla gestione della missione. Sono rimborsate le spese di viaggio effettivamente sostenute e documentate, per l utilizzo dei mezzi di trasporto autorizzati, come indicato nel seguito : Treno E consentito usufruire della 1a classe a tutto il personale. E ammesso l uso dei treni rapidi, speciali e di lusso. Al personale spetta l uso di un posto letto in compartimento singolo speciale ; solo in caso di indisponibilità di quest ultimo è autorizzato l uso del singolo (di Wagon Lits)

10 2.1.2 Nave 10 L utilizzo della nave è concesso soltanto per traghetti o navi per campagne oceanografiche e può essere effettuato secondo le stesse modalità di cui al precedente punto Aereo Tutto il personale dovrà utilizzare vettori, tariffe e orari di partenza e di arrivo che comportino la maggiore economicità per l Ente in termini di costo e tempo. L eventuale deroga a quanto sopra, per ragioni di servizio, dovrà essere motivata e sottoscritta dal Delegato in sede di preventivo di missione. In assenza di tale autorizzazione preventiva, al dipendente sarà rimborsato il solo importo relativo alla tariffa ridotta. E consentito l uso dell aereo in classe turistica per tutto il personale. Si può far ricorso a biglietti aerei prepagati (comportanti una tassa supplementare) solo in casi eccezionali debitamente motivati ed autorizzati dal Delegato. E rimborsata la spesa documentata per l eccedenza bagagli quando sia motivata da esigenze di trasporto di materiale o strumentazione di lavoro o di effetti personali in relazione alla durata della missione Autovettura privata Di norma per raggiungere l aeroporto e per il ritorno dall aeroporto si farà uso, anche sul luogo di missione, dei mezzi pubblici di servizio per l aerostazione. E tuttavia consentito il rimborso della spesa per l uso dell autovettura privata per raggiungere l aeroporto e viceversa entro i limiti massimi di distanza fissati convenzionalmente nella relativa tabella (all. 2). La spesa documentata per il parcheggio presso l aeroporto è rimborsata fino ad un massimo di 72 ore. Il dipendente può essere autorizzato, per l effettuazione della trasferta in Italia, all uso dell autovettura privata in caso di manifesta economicità ed in casi eccezionali, quando sia presente la necessità di ottimizzazione dei tempi della missione, e purché ricorra almeno una delle seguenti condizioni : le località da raggiungere non sono servite da mezzi pubblici di linea, o lo siano con orari tali da prolungare notevolmente il periodo di trasferta ; il dipendente debba portare con sé apparecchiature delicate o ingombranti o si trasporti documentazione voluminosa; si accompagnino altri dipendenti in missione nella stessa località ; la missione sia di durata superiore ai 15 giorni.

11 L uso del mezzo di trasporto privato deve essere preventivamente autorizzato dal Delegato della missione previa verifica della sussistenza dei presupposti che consentono l uso del mezzo privato. L autorizzazione all uso dell autovettura privata è comunque subordinata alla presentazione da parte del dipendente di apposita dichiarazione scritta di assunzione di responsabilità (all. 6) che individua il veicolo utilizzato e attesta che è in regola con le vigenti disposizioni di legge in materia di assicurazione obbligatoria per la Responsabilità Civile (compresi i terzi trasportati) ed in materia di circolazione dei veicoli. In detta richiesta devono essere riportati gli estremi d individuazione della targa dell auto e della relativa polizza d assicurazione, nonché i nominativi dei dipendenti eventualmente trasportati. Al dipendente autorizzato all uso dell autovettura privata compete la corresponsione di un indennità chilometrica, a titolo di rimborso delle spese di viaggio, pari ad 1/5 (un quinto) del prezzo medio di un litro di benzina super (rilevato trimestralmente in Italia). Degli aggiornamenti del valore dell indennità predetta sarà data notizia con apposita circolare. Per il raggiungimento di località servite da autostrade sono rimborsate le spese di pedaggio, documentate dall apposita ricevuta rilasciata ai caselli, se coerente con la missione, in ragione di date e orari di inizio e termine del viaggio, nonché di itinerario. In caso di mancato utilizzo, si procede al rimborso chilometrico in coerenza con la missione e l itinerario. E ammessa al rimborso la spesa documentata per la custodia in autorimessa del mezzo privato autorizzato, di quello messo a disposizione dall Ente, nonché di auto presa a noleggio. Per talune percorrenze ricorrenti relative agli specifici Centri ENEA, si applicano, convenzionalmente, le distanze chilometriche riportate nell apposita tabella (all. 3). In sede di consuntivo, eventuali richieste di rimborso per km eccedenti rispetto a quelli indicati nella tabella di cui all allegato 3, dovranno essere esplicitamente autorizzate e motivate dal Delegato. A quei dipendenti che utilizzano il mezzo proprio con altri dipendenti potranno essere autorizzati i km eccedenti fino ad un massimo di Mezzi pubblici extraurbani e urbani Sono rimborsate le spese per mezzi pubblici extraurbani (corriere, collegamenti con l aerostazione, traghetti, etc.) sulla base dei biglietti di viaggio che dovranno essere allegati alla nota spese. Sono rimborsati i biglietti di mezzi pubblici urbani (metro e bus) per il collegamento con l aeroporto e per gli spostamenti urbani relativi alla missione. I biglietti di viaggio dovranno riportare la data e l ora d utilizzo e essere allegati al consuntivo di missione.

12 2.1.6 Taxi 12 E fatto divieto in occasione di trasferte, per ragioni contabili e amministrative, di utilizzare buoni taxi in dotazione presso il Centro di appartenenza. L uso dei taxi è consentito, tra le 22,00 e le 7,00, da e per la stazione ferroviaria o l airterminal in corrispondenza della partenza o dell arrivo del treno, dell aereo o dei mezzi pubblici di collegamento con l aeroporto. Le spese di taxi devono essere documentate con ricevuta dalla quale si rilevi l importo, la data e il percorso effettuato. L uso del taxi può inoltre essere autorizzato dal Delegato per trasporto documentazione, per tempi ristretti e per valutazione di economicità Vetture dell ENEA L eventuale impiego di una vettura ENEA per l effettuazione della missione deve essere indicata nel modulo di richiesta di autorizzazione di missione M3 La richiesta di utilizzazione di tali mezzi deve essere inoltrata alla Direzione di Centro dal Delegato della missione Auto in noleggio senza autista Qualora il dipendente debba effettuare spostamenti in luoghi adiacenti al luogo della missione il Delegato potrà autorizzare il noleggio di un autovettura senza autista per motivi legati all ottimizzazione dei tempi della trasferta.. L autorizzazione deve recare l indicazione delle motivazioni del noleggio, del periodo massimo per il quale il noleggio è autorizzato, nonché il numero dei chilometri che presumibilmente saranno effettuati. Il tipo di autovettura da noleggiare deve essere di norma di classe B o K per la Società AVIS e di classe B o C per la Società MAGGIORE. L utilizzo di altre classi di vetture dovrà essere adeguatamente motivato dal Delegato. Dovranno essere utilizzati preferibilmente qualora disponibili, i voucher di credito rilasciati da Società di autonoleggio convenzionate a tariffa agevolata di importanza nazionale e internazionale, che possono essere temporaneamente assegnati al dipendente interessato. Nel consuntivo di missione dovrà essere allegata copia di tutta la documentazione rilasciata dalla società di autonoleggio attestante : il luogo di prelievo del veicolo; il luogo di riconsegna; il totale dei chilometri effettuati. Non è consentito l uso di auto a noleggio con autista.

13 Documentazione spese di viaggio Al rientro dalla missione deve essere allegata al modulo M2 per il consuntivo di missione, la documentazione relativa ai titoli di viaggio utilizzati (biglietto ferroviario vidimato, matrice biglietto aereo, ecc.) siano essi forniti dall Ente, ovvero acquistati direttamente dal dipendente. In caso di smarrimento o furto della documentazione relativa alle spese di viaggio di missioni già effettuate, in treno o in aereo (voli nazionali), ove non sia possibile avere dei duplicati della suddetta documentazione da parte dell agenzia di viaggio che lo ha emesso il dipendente rilascerà idonea autocertificazione vistata come di seguito specificato. Al riguardo si precisa che per la liquidazione del biglietto ferroviario deve risultare, nel consuntivo di missione, apposita dichiarazione dell interessato, vistata dal Direttore di Unità della Macrostruttura o da persona a ciò delegata, circa lo smarrimento dei biglietti. In caso di ripetuti smarrimenti non sarà dato alcun rimborso. In caso di smarrimento o furto della documentazione relativa alle spese di viaggi non ancora effettuati, in treno o in aereo, il dipendente dovrà comunicare entro 24 ore l avvenuto furto per le vie brevi; successivamente inoltrare una dichiarazione sottoscritta dal Delegato allegando la regolare denuncia presentata alle Autorità competenti. L ufficio missioni provvederà, dietro autorizzazione del Delegato, a far emettere un biglietto sostitutivo. Sarà cura dell ufficio missioni inoltrare all Agenzia di viaggio copia della denuncia e seguire la pratica per l eventuale rimborso del biglietto all ENEA. In caso contrario il costo del biglietto rimarrà a carico dell Ente. In caso di smarrimento delle ricevute di pagamento del pedaggio autostradale non verrà riconosciuto alcun rimborso. Non è consentito il rimborso delle penali dovute ad inadempienze imputabili al dipendente in ragione del non corretto utilizzo di biglietti per il trasporto (quali, ad esempio, la mancata timbratura del biglietto ferroviario e l effettuazione dello stesso in treno) Prolungamento della permanenza, per motivi personali, sul luogo di trasferta Qualora il dipendente desideri prolungare per motivi personali la permanenza sul luogo di missione ne dovrà richiedere preventiva autorizzazione della missione, il benestare al proprio Delegato, specificando bene nell autorizzazione i tempi di servizio e fine missione. Comunque le spese di viaggio per il ritorno non dovranno essere superiori a quelle già previste nel programma di viaggio per il rientro. Non potrà essere autorizzato il prolungamento della missione qualora comporti l impossibilità di usufruire di tariffe agevolate.

14 2.2 Anticipo spese di trasporto e fornitura biglietti di viaggio 14 Al personale autorizzato a recarsi in missione con il mezzo proprio è concesso un anticipo della somma riconosciuta a titolo di indennità chilometrica pari ai Km previsti per i percorsi di andata e ritorno. I biglietti di viaggio sono forniti dalle Agenzie di viaggio convenzionate con l ENEA, o acquistati direttamente dall Ufficio Missioni soltanto nel caso di impossibilità di contattare Agenzie di viaggi convenzionate. 2.3 Rimborso delle spese di vitto Massimale giornaliero e suo frazionamento per vitto rimborsabile a piè di lista Si ha diritto al rimborso : per la prima colazione, quando l inizio della trasferta avviene prima delle ore 8,00 ; per il pranzo, quando l inizio della trasferta avviene prima delle ore 13,00 oppure il termine della stessa avviene dopo le ore 14,00 ; per la cena, quando l inizio della trasferta avviene prima delle ore 20,00 oppure il termine della stessa avviene dopo le ore 21,00. Il rimborso a piè di lista delle spese di vitto è riconosciuto nei limiti di giornaliere non cumulabili nei diversi giorni della missione, con importo non superiore a per singolo pasto. Le spese di prima colazione, ove non comprese nelle spese dell albergo, rientrano nei limiti delle giornaliere previste per il rimborso a piè di lista delle spese di vitto, non cumulabili nei diversi giorni della missione se regolarmente documentate. Non sono rimborsabili le spese sostenute per eventuali pasti consumati nella sede di lavoro o in quello della dimora abituale del dipendente. Per il personale autista, in relazione a particolari condizioni di servizio, può essere autorizzato tale rimborso dal Delegato di missione. Nel caso la missione si svolga per partecipazioni a convegni, seminari o corsi presso Enti, Organizzazioni o Società, ove nella quota di iscrizione sia compreso un pasto e non sia quantificabile il suo costo, il limite giornaliero, non cumulabile nei diversi giorni della missione, per le spese di vitto (prima colazione e altro pasto) rimborsabile a piè di lista non può superare il limite di per il rimanente pasto e di per detto pasto e l eventuale prima colazione Rimborso forfetario per vitto per trasferte comportanti consumazioni al sacco In caso di missioni effettuate in zone lontane dai centri urbani, per le quali in relazione al tipo di lavoro, è prevista già all atto dell autorizzazione la consumazione di un pasto al sacco, è

15 15 corrisposto un rimborso forfetario per il vitto nel limite giornaliero di così ripartito : prima colazione ; pranzo ; cena Rimborso forfetario per vitto nel caso di campagne oceanografiche Nel caso di campagne oceanografiche, ove non previsto il pasto a bordo a carico dell Ente, è corrisposto un importo forfetario giornaliero di con la stessa ripartizione di cui al punto precedente. 2.4 Documentazione richiesta per rimborso spese vitto Ai fini del rimborso delle spese di vitto deve essere prodotta la seguente documentazione conforme alle disposizioni di legge vigenti in materia : a) Ricevuta fiscale per i pasti consumati in esercizi commerciali (ristorante, trattoria, carrozzaristorante, ecc.); b) scontrino fiscale di cassa, uno per ciascun pasto consumato in esercizi commerciali, quali : bar, snack bar ecc., fino al massimo del limite giornaliero per singolo pasto. Se l importo eccede la cifra di , lo scontrino dovrà riportare in modo analitico le voci di spesa. Se ciò non è possibile, il dipendente dovrà farsi rilasciare ricevuta fiscale. Nel caso si partecipi a pranzi o cene organizzate da associazioni o enti, in occasione di convegni e seminari o nel caso in cui si utilizzino mense aziendali con il costo del pasto variabile, l attestazione della spesa può essere effettuata con una ricevuta rilasciata dall ente organizzatore del pranzo o dal gestore della mensa aziendale. Tale attestazione deve essere intestata al dipendente e deve riportare: la data dei pasti consumati, la spesa riguardante il singolo pasto, l intestazione ed i riferimenti fiscali dell ente a cui è stato effettuato il pagamento. La documentazione di spesa non deve recare alcuna correzione e deve comunque essere firmata in modo leggibile dal dipendente. Non è ammesso il rimborso delle spese di frigo bar. In caso di fruizione del servizio mensa dell Ente, verrà addebitato il costo del pasto per i dipendenti (L.700). Non potranno essere rimborsate le spese per le quali la documentazione non risulti conforme a quanto sopra indicato.

16 Anticipo spese di vitto Al personale è concesso un anticipo pari all importo massimo giornaliero previsto per le spese di vitto di cui al punto Rimborso spese di alloggio Al dipendente compete il rimborso delle spese di alloggio, a piè di lista, per l utilizzo di albergo o residence di 1a categoria convenzionati. Secondo quanto previsto dalla Legge 662/96, devono essere utilizzati per l alloggio gli alberghi convenzionati con l Ente. Qualora non risulti possibile l utilizzo di alberghi convenzionati dovrà essere autorizzato dal Delegato, in sede di preventivo di missione, l utilizzo di altro albergo precisando l indirizzo, la tariffa e le motivazioni per cui non è stato possibile usufruire di alberghi convenzionati. Il costo dell albergo non convenzionato non potrà eccedere il tetto di spesa massimo previsto per quella località. L Ufficio missioni potrà effettuare verifiche sulla effettiva impossibilità di usufruire di alberghi convenzionati. Per l individuazione di alberghi e residence convenzionati con l Ente si fa riferimento alla pagina su INTRANET appositamente predisposta. L Ente non risponde in alcun modo di addebiti relativi alla mancata tempestiva disdetta, da parte dei dipendenti, delle prenotazioni alberghiere, a meno che ciò non sia imputabile all annullamento o alla procrastinazione della trasferta disposta dall Ente per esigenze di servizio. 2.7 Anticipo spese di alloggio Al dipendente autorizzato a recarsi in trasferta possono essere forniti vouchers a fronte di spese di alloggio. Nel caso di impossibilità ad utilizzare vouchers viene corrisposto al dipendente un anticipo pari al costo dell albergo prescelto. 2.8 Documentazione richiesta per il rimborso spese alloggio E indispensabile la presentazione di una fattura o di una ricevuta fiscale per l ottenimento dei relativi rimborsi, nel caso di pagamento tramite voucher è sufficiente una ricevuta fiscale o una nota di pernottamento, o una fotocopia del voucher timbrata dall albergo.

17 17 3. TRASFERTA IN ITALIA DI DURATA SUPERIORE A 30 GIORNI ( lunga durata ) Al dipendente inviato in trasferta in Italia per durata superiore a 30 giorni compete il seguente trattamento : - a) Rimborso spese di viaggio; - b) Rimborso giornaliero per spese di vitto e alloggio; - c) Rimborso spese non documentabili. 3.1 Rimborso spese di viaggio I rimborsi vengono effettuati negli stessi termini e con le stesse modalità indicate al precedente punto 2.1 relativo al rimborso spese viaggio per le trasferte sino a 30 giorni. Non è ammessa al rimborso la spesa relativa alla custodia dell auto in autorimessa, né quella relativa agli spostamenti sul luogo della trasferta, eccetto gli spostamenti di servizio espressamente autorizzati. 3.2 Rimborso giornaliero forfetario spese vitto alloggio Il rimborso giornaliero per spese di vitto e alloggio è determinato, in forfetarie, per ogni 24 ore di trasferta, ivi compreso il tempo occorrente per compiere il viaggio all inizio e al termine della stessa. Per frazioni inferiori alle 24 ore compete un importo pari ad 1/24 del suddetto rimborso giornaliero per ogni ora di missione; le frazioni di ora sono arrotondate all ora intera. Il rimborso giornaliero forfetario subirà un abbattimento proporzionale nel caso il dipendente fruisca di vitto e alloggio gratuito nei termini di seguito indicati : 50% per alloggio e prima colazione ; 25% per il pranzo ; 25% per la cena. Gli abbattimenti relativi al vitto troveranno anche applicazione : nel caso in cui il dipendente effettui la trasferta di lunga durata presso Centri e Sedi dell ENEA presso i quali è in funzione un servizio mensa interno o convenzionato a carico dell Ente ; è fatta salva comunque la trattenuta nei modi e termini periodicamente previsti per il contributo pasto a carico del dipendente (buono mensa); qualora il dipendente effettui la trasferta di lunga durata presso altri Enti o Organismi dotati di servizio mensa interno ; è fatto salvo comunque il rimborso del costo dei pasti consumati alla tariffa in vigore presso i predetti Enti e/o Organismi ; nel caso in cui, in relazione alle particolari modalità della trasferta, sia prevista la fruizione del pasto, nei punti di ristoro, tramite l utilizzo di ticket restaurant.

18 Anticipazione spese di trasferta Per missioni superiori a 30 giorni e inferiori a 3 mesi sono anticipati, mese per mese, gli importi giornalieri forfetari di cui al precedente punto 3.2. Per le missioni di durata superiore a 3 mesi e inferiore a 6 mesi è consentita l anticipazione mese per mese, oltre che dei predetti importi forfetari, anche della maggiorazione per il rimborso delle spese non documentabili. Per missioni di durata superiore a 6 mesi è consentita, tenuto conto delle spese di prima sistemazione che il dipendente dovrà affrontare, un anticipazione, prima della partenza, pari al trattamento di missione spettante per i primi 2 mesi. Detta anticipazione va recuperata in proporzione alla durata prevista della missione. 4. RIMBORSO SPESE NON DOCUMENTABILI PER TRASFERTE IN ITALIA SIA DI BREVE CHE DI LUNGA DURATA Ai dipendenti in missione (ivi compresi quelli impegnati in campagne oceanografiche) sia di breve che di lunga durata, oltre al trattamento di trasferta di cui ai punti 2 e 3, compete un importo aggiuntivo, a titolo di rimborso spese non documentabili, come indicato nella relativa tabella (all. 4). 4.1 Trasferta di durata tra le 8 e le 16 ore Per trasferte di durata inferiore a 16 ore e superiore alle 8 ore è dovuto un importo aggiuntivo pari allo 0,25% della retribuzione minima del livello di cui all All. B dei C.C.L. dell Area Tecnico- Amministrativa e dell Area Dirigenziale e delle Specifiche Tipologie Professionali e delle relative quote mensili dell indennità di contingenza ai valori in atto al 31/12/91. Tale importo è erogato in misura unica qualunque sia la durata della missione, purché compresa tra le 8 e le 16 ore. 4.2 Trasferta di durata superiore alle 16 ore Per trasferte di durata superiore alle 16 ore l importo aggiuntivo è pari allo 0,75% della retribuzione minima del livello di cui all All. B dei C.C.L. dell Area Tecnico-Amministrativa e dell Area Dirigenziale e delle Specifiche Tipologie Professionali e delle relative quote mensili dell indennità di contingenza ai valori in atto al 31/12/91, per ogni periodo pari a 24 ore. Il suddetto importo è erogato in ventiquattresimi in relazione all effettiva durata della missione; le frazioni di ora sono arrotondate all ora intera.

19 19 Parte Terza TRASFERTA ALL ESTERO 5. TRASFERTA ALL ESTERO DI DURATA NON SUPERIORE A 30 GIORNI ( breve durata ) Al dipendente inviato in trasferta all estero con durata non superiore a 30 giorni compete : a) il rimborso delle spese di viaggio e trasporto effettivamente sostenute ed autorizzate ; b) il rimborso a piè di lista delle spese di alloggio debitamente e formalmente documentate ; c) il rimborso delle spese di vitto con opzione, da esercitarsi all atto della richiesta di autorizzazione della missione, tra il rimorso a piè di lista ed il rimborso forfetario con le modalità appresso indicate. 5.1 Rimborso spese di viaggio E compito del Delegato verificare che la scelta del mezzo di trasporto sia effettuata tenendo conto, da un lato delle esigenze funzionali e logistiche connesse alle attività che il dipendente dovrà svolgere durante la missione, dall altro di criteri di economicità rapportati ai costi ed ai tempi di viaggio. Ai fini di tale verifica, il Delegato si avvale del supporto degli uffici e degli organismi, anche esterni alla propria Unità, preposti alla gestione della missione. Sono rimborsate le spese di viaggio effettivamente sostenute e documentate, per l utilizzo dei mezzi di trasporto autorizzati, come indicato nel seguito : Treno E consentito usufruire della 1a classe a tutto il personale. E ammesso l uso dei treni rapidi, speciali e di lusso. Al personale spetta l uso di un posto letto in compartimento singolo speciale ; solo in caso di indisponibilità di quest ultimo è autorizzato l uso del singolo (di Wagon Lits) Nave L utilizzo della nave è concesso soltanto per traghetti o navi per campagne oceanografiche e può essere effettuato secondo le modalità previste al precedente punto

20 5.1.3 Aereo 20 Tutto il personale dovrà utilizzare vettori, tariffe e orari di partenza e di arrivo che comportino la maggiore economicità per l Ente in termini di costo e tempo. L eventuale deroga a quanto sopra, per ragioni di servizio, dovrà essere motivata e sottoscritta dal Delegato in sede di preventivo di missione. In assenza di tale autorizzazione preventiva, al dipendente sarà rimborsato il solo importo relativo alla tariffa ridotta. E consentito l uso dell aereo in classe turistica per tutto il personale con la sola eccezione dei voli intercontinentali, sui quali si dovrà preferenzialmente usufruire della business class a tariffa Corporate. E rimborsata la spesa documentata per l eccedenza bagagli quando sia motivata da esigenze di trasporto di materiale o strumentazione di lavoro o di effetti personali in relazione alla durata della missione. Si può far ricorso a biglietti aerei prepagati (comportanti una tassa supplementare) solo in casi eccezionali debitamente motivati ed autorizzati dal Delegato Autovettura privata Di norma per raggiunge l aeroporto e per il ritorno dall aeroporto si farà uso, anche sul luogo di missione, dei mezzi pubblici di servizio per l aerostazione. E tuttavia consentito il rimborso della spesa per l uso dell autovettura privata per raggiungere l aeroporto e viceversa entro i limiti massimi di distanza fissati convenzionalmente nella relativa tabella (all. 2). La spesa documentata per il parcheggio presso l aeroporto è rimborsata fino ad un massimo di 72 ore. Il dipendente può essere autorizzato all uso dell autovettura privata per le trasferte all estero, solo in casi eccezionali debitamente autorizzati per particolari esigenze di servizio e quando sia presente la necessità di ottimizzazione dei tempi ove non sono disponibili mezzi di trasporto forniti dall Ente e purché ricorra almeno una delle seguenti condizioni : le località da raggiungere non risultano servite da mezzi pubblici di linea, o lo siano con orari tali da prolungare notevolmente il periodo di trasferta ; il dipendente debba portare con sé apparecchiature delicate o ingombranti o si trasporti documentazione voluminosa; si accompagnino altri dipendenti in missione nella stessa località ; la missione risulti di durata superiore ai 15 giorni. L autorizzazione all uso dell autovettura privata è comunque subordinata alla presentazione da parte del dipendente di apposita dichiarazione scritta di assunzione di responsabilità (all. 6) attestante che l auto da utilizzare è in regola con le vigenti disposizioni di legge in materia

21 21 di assicurazione obbligatoria per la Responsabilità Civile (compresi i terzi trasportati) e sulla circolazione dei veicoli. In detta richiesta devono essere riportati gli estremi d individuazione della targa dell auto e della relativa polizza d assicurazione, nonché i nominativi dei dipendenti eventualmente trasportati. Al dipendente autorizzato all uso dell autovettura privata compete la corresponsione di un indennità chilometrica, a titolo di rimborso delle spese di viaggio, pari ad 1/5 (un quinto) del prezzo di un litro di benzina super al prezzo medio corrente nel luogo della missione rilevato mensilmente sulla pubblicazione Notizie Petrolifere del periodico Unione Petrolifera. Per il raggiungimento di località servite da autostrade sono rimborsate le spese di pedaggio, documentate dall apposita ricevuta rilasciata ai caselli, se coerente con la missione, in ragione di date e orari di inizio e termine del viaggio, nonché di itinerario. In caso di mancato utilizzo si procede al rimborso chilometrico in coerenza con la missione e l itinerario. E ammessa al rimborso la spesa documentata per la custodia in autorimessa del mezzo privato autorizzato, di quello messo a disposizione dall Ente o a noleggio. In sede di consuntivo, eventuali richieste di rimborso per km eccedenti rispetto a quelli indicati nella tabella di cui all allegato 3, dovranno essere esplicitamente autorizzate e motivate dal Delegato. A quei dipendenti che utilizzano il mezzo proprio con altri dipendenti potranno essere autorizzati km eccedenti fino ad un massimo di Mezzi pubblici extraurbani e urbani Sono rimborsate le spese per mezzi pubblici extraurbani (corriere, collegamenti con l aerostazione, traghetti, ecc.) sulla base dei biglietti di viaggio che dovranno essere allegati alla nota spese. Sono rimborsati i biglietti di mezzi pubblici urbani (metro e bus) per il collegamento con l aeroporto e per gli spostamenti urbani relativi alla missione. I biglietti di viaggio dovranno riportare la data e l ora d utilizzo e essere allegati al consuntivo di missione Taxi E fatto divieto in occasione di trasferte, per ragioni contabili e amministrative, di utilizzare buoni taxi in dotazione presso il Centro di appartenenza. Per raggiungere l aeroporto e per il ritorno dall aeroporto si farà uso, normalmente, anche sul luogo di missione, dei mezzi pubblici di servizio per l aerostazione. L uso dei taxi è consentito, tra le 22,00 e le 7,00, da e per la stazione ferroviaria o l airterminal in corrispondenza della partenza o l arrivo del treno, dell aereo o dei mezzi pubblici di collegamento con l aeroporto.

22 22 L uso del taxi può inoltre essere autorizzato dal Delegato per trasporto documentazione, o sulla base di valutazioni relative all ottimizzazione dei tempi ristretti e della minimizzazione dei costi. Le spese di taxi devono essere documentate con ricevuta dalla quale si rilevi l importo, la data ed il percorso effettuato Auto in noleggio senza autista Qualora il dipendente debba effettuare spostamenti in luoghi adiacenti al luogo della missione o per casi specifici il Delegato potrà autorizzare il noleggio di un autovettura senza autista. L autorizzazione deve recare l indicazione delle motivazioni del noleggio, del periodo massimo per il quale il noleggio è autorizzato, nonché il numero dei chilometri che presumibilmente saranno effettuati. Il tipo di autovettura da noleggiare deve essere di norma di classe B o K per la Società AVIS e di classe B o C per la Società MAGGIORE. L utilizzo di altre classi di vetture dovrà essere adeguatamente motivato dal Delegato. Dovranno essere utilizzati preferibilmente qualora disponibili i voucher di credito rilasciati da Società di autonoleggio convenzionate a tariffa agevolata di importanza nazionale e internazionale che possano essere temporaneamente assegnati al dipendente interessato. Nel consuntivo di missione dovrà essere allegata copia di tutta la documentazione rilasciata dalla società di autonoleggio attestante : il luogo di prelievo del veicolo; il luogo di riconsegna; il totale dei chilometri effettuati. Non è consentito l uso di auto a noleggio con autista Documentazione spese di viaggio Al rientro dalla missione deve essere allegata al modulo M2 per il consuntivo di missione, la documentazione relativa ai titoli di viaggio utilizzati ( biglietto ferroviario vidimato, matrice biglietto aereo, ecc.) siano essi forniti dall Ente, ovvero acquistati direttamente dal dipendente. In caso di smarrimento o furto della documentazione relativa alle spese di viaggio di missioni già effettuate, in treno o in aereo (voli nazionali), ove non sia possibile avere dei duplicati della suddetta documentazione da parte dell agenzia di viaggio che lo ha emesso il dipendente rilascerà idonea autocertificazione vistata come di seguito specificato. Al riguardo si precisa che per la liquidazione del biglietto ferroviario deve risultare, nel consuntivo di missione, apposita dichiarazione dell interessato, vistata dal Direttore di Unità della Macrostruttura o da persona a ciò delegata, circa lo smarrimento dei biglietti. In caso di ripetuti smarrimenti non sarà dato alcun rimborso.

23 23 In caso di smarrimento o furto della documentazione relativa alle spese di viaggi non ancora effettuati, in treno o in aereo, il dipendente dovrà comunicare entro 24 ore l avvenuto furto per le vie brevi; successivamente inoltrare una dichiarazione sottoscritta dal Delegato allegando la regolare denuncia presentata alle Autorità competenti. L ufficio missioni provvederà, dietro autorizzazione del Delegato, a far emettere un biglietto sostitutivo. Sarà cura dell ufficio missioni inoltrare all Agenzia di viaggio copia della denuncia e seguire la pratica per l eventuale rimborso del biglietto all ENEA. In caso contrario il costo del biglietto rimarrà a carico dell Ente. In caso di smarrimento delle ricevute di pagamento del pedaggio autostradale non verrà riconosciuto alcun rimborso. Non è consentito il rimborso delle penali dovute ad inadempienze imputabili al dipendente in ragione del non corretto utilizzo di biglietti per il trasporto (quali, ad esempio, la mancata timbratura del biglietto ferroviario e l effettuazione dello stesso in treno) Prolungamento della permanenza, per motivi personali, sul luogo di trasferta Qualora il dipendente desideri prolungare per motivi personali la permanenza sul luogo di missione ne dovrà richiedere preventiva autorizzazione della missione, il benestare al proprio Delegato, specificando bene nell autorizzazione i tempi di servizio e fine missione. Comunque le spese di viaggio per il ritorno non dovranno essere superiori a quelle già previste nel programma di viaggio per il rientro. Non potrà essere autorizzato il prolungamento della missione qualora comporti l impossibilità di usufruire di tariffe agevolate. 5.2 Anticipo spese di trasporto e fornitura biglietti di viaggio Al personale autorizzato a recarsi in missione con il mezzo proprio è concesso un anticipo della somma riconosciuta a titolo di indennità chilometrica pari ai Km previsti per i percorsi di andata e ritorno. I biglietti di viaggio sono forniti dalle Agenzie di viaggio convenzionate con l ENEA, o acquistate direttamente dall Ufficio Missioni soltanto nel caso di impossibilità di contattare Agenzie di viaggi convenzionate. 5.3 Rimborso delle spese di vitto Rimborso forfetario Il rimborso forfetario è riconosciuto nella misura del 60% degli importi indicati nella Tab B allegata al Decreto del Ministro del Tesoro del 27 agosto 98 e successivo Decreto del 2 aprile 99 (v. all. 7). Il personale inquadrato nell Area Tecnico-Amministrativa è

24 24 equiparato al personale del gruppo 5 della Tab. A; mentre per l Area Dirigenziale e delle Specifiche Tipologie Professionali, il personale Dirigente e del livello differenziato 9.2 è equiparato al personale del gruppo 3 della suddetta Tabella, il restante personale è equiparato al personale del gruppo 4 della medesima Tabella (v. stesso allegato 7). Nel caso la missione si svolga per partecipazioni a convegni, seminari o corsi presso Enti, Organizzazioni o Società, ove nella quota di iscrizione sia compreso un pasto, il forfait giornaliero viene ridotto del 30% Massimale giornaliero e suo frazionamento per vitto rimborsabile a piè di lista Ove si sia optato per il rimborso a piè di lista, si ha diritto al rimborso : per la prima colazione, quando l inizio della trasferta avviene prima delle ore 8,00 ; per il pranzo, quando l inizio della trasferta avviene prima delle ore 13,00 oppure il termine della stessa avviene dopo le ore 14,00 ; per la cena, quando l inizio della trasferta avviene prima delle ore 20,00 oppure il termine della stessa avviene dopo le ore 21,00. Il rimborso a piè di lista delle spese di vitto è riconosciuto nei limiti del 60% dei valori riportati nella Tab B. allegata al decreto del Ministro del Tesoro del 27 agosto 98 e successivo decreto del 2 aprile 99 (v. all. 7). Il personale inquadrato nell Area Tecnico- Amministrativa è equiparato al personale del gruppo 5 della Tab. A., mentre per l Area Dirigenziale e delle Specifiche Tipologie Professionali, il personale Dirigente e del livello differenziato 9.2 è equiparato al personale del gruppo 3, il restante personale è equiparato al personale del gruppo 4 (v. stesso allegato 7). Le spese di prima colazione ove non comprese nelle spese dell albergo, rientrano nei limiti giornalieri non cumulabili nel limite del 10% di quanto previsto per l intera giornata e dovranno essere documentate. Nel caso la missione si svolga per partecipazioni a convegni, seminari o corsi presso Enti, Organizzazioni o Società, ove nella quota di iscrizione sia compreso un pasto e non sia quantificabile il suo costo, il limite giornaliero non cumulabile per le spese di vitto (prima colazione e altro pasto) rimborsabile a piè di lista non potrà superare il 52% di quanto previsto nella citata Tabella B. Nel caso si partecipi a pranzi o cene organizzate da associazioni o enti, in occasione di convegni e seminari o nel caso in cui si utilizzino mense aziendali con il costo del pasto variabile, l attestazione della spesa può essere effettuata con una ricevuta rilasciata dall ente organizzatore del pranzo o dal gestore della mensa aziendale. Tale attestazione deve essere intestata al dipendente e deve riportare: la data dei pasti consumati, la spesa riguardante il singolo pasto, l intestazione ed i riferimenti fiscali dell ente a cui è stato effettuato il pagamento. Non è ammesso il rimborso delle spese di frigo bar.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DI MISSIONE DEL PERSONALE DI ARPA PIEMONTE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DI MISSIONE DEL PERSONALE DI ARPA PIEMONTE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DI MISSIONE DEL PERSONALE DI ARPA PIEMONTE Art. 1 - Oggetto CAPO I PRINCIPI GENERALI 1. Il presente regolamento, nel rispetto dei principi stabiliti in materia

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE MISSIONI DEL PERSONALE IUAV (modificato con decreto rettorale 24 marzo 2006, n. 452) INDICE

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE MISSIONI DEL PERSONALE IUAV (modificato con decreto rettorale 24 marzo 2006, n. 452) INDICE REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE MISSIONI DEL PERSONALE IUAV (modificato con decreto rettorale 24 marzo 2006, n. 452) INDICE Articolo 1 (Ambito di applicazione) Articolo 2 (Incarico della missione) Articolo

Dettagli

VADEMECUM MISSIONI DEL PERSONALE STRUTTURATO AFFERENTE ALLE UADR DEL POLO (ESTRATTO DI NORMATIVE TECNICHE APPLICABILI)

VADEMECUM MISSIONI DEL PERSONALE STRUTTURATO AFFERENTE ALLE UADR DEL POLO (ESTRATTO DI NORMATIVE TECNICHE APPLICABILI) Pag. 1 di 11 VADEMECUM MISSIONI DEL PERSONALE STRUTTURATO AFFERENTE ALLE (ESTRATTO DI NORMATIVE TECNICHE APPLICABILI) Pag. 2 di 11 Indice 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. MODALITA OPERATIVE 2.1. DEFINIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELLE MISSIONI DELL UNIVERSITÀ DELLA VALLE D AOSTA UNIVERSITÉ DE LA VALLÉE D AOSTE

REGOLAMENTO INTERNO DELLE MISSIONI DELL UNIVERSITÀ DELLA VALLE D AOSTA UNIVERSITÉ DE LA VALLÉE D AOSTE Emanato con Decreto Rettorale n. 50, prot. n. 2129/A13 del 16 giugno 2003 e s.m. e i. (D.R. n. 8, prot. n. 465/A3 del 21 gennaio 2010 e D.R. n. 88, prot. n. 6626/I3, del 24 luglio 2015). REGOLAMENTO INTERNO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

Comune di Legnaro Provincia di Padova

Comune di Legnaro Provincia di Padova Comune di Legnaro Provincia di Padova REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI (Regolamento a latere del Regolamento sull Ordinamento Uffici e Servizi)

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Art. 1 - Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI DI SERVIZIO 1. Per missione si intende la prestazione di una attività nell interesse istituzionale dell Ateneo, fuori dall abituale

Dettagli

Università degli Studi di Torino

Università degli Studi di Torino Università degli Studi di Torino Direttore Amministrativo Vicario DECRETO RETTORALE N. 57 DEL 30/1/2004 OGGETTO: MODIFICA ART. 5 DEL REGOLAMENTO MISSIONI IL RETTORE Vista la legge 9 maggio 1989, n. 168,

Dettagli

TRASFERTE NAZIONALI ED ESTERE DEL PERSONALE DI LIVELLO 1-7 E QUADRO (* )

TRASFERTE NAZIONALI ED ESTERE DEL PERSONALE DI LIVELLO 1-7 E QUADRO (* ) TRASFERTE NAZIONALI ED ESTERE DEL PERSONALE DI LIVELLO 1-7 E QUADRO (* ) NOZIONE DI TRASFERTA Si considerano in trasferta i dipendenti chiamati per motivi di servizio ad operare provvisoriamente fuori

Dettagli

Regolamento sul trattamento di missione del personale dipendente dell INFN sul territorio nazionale

Regolamento sul trattamento di missione del personale dipendente dell INFN sul territorio nazionale Regolamento sul trattamento di missione del personale dipendente dell INFN sul territorio nazionale Allegato alla delibera del Consiglio Direttivo n. 9941 del 20 dicembre 2006 Regolamento missioni sul

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE SOSTENUTE DAI DIPENDENTI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE SOSTENUTE DAI DIPENDENTI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE SOSTENUTE DAI DIPENDENTI Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 26 del 27.02.2008 N.B. Vedi anche : 1 - Deliberazione Giunta

Dettagli

Regolamento per la disciplina delle missioni e del rimborso delle spese sostenute dagli Amministratori comunali

Regolamento per la disciplina delle missioni e del rimborso delle spese sostenute dagli Amministratori comunali COMUNE DI OULX Regolamento per la disciplina delle missioni e del rimborso delle spese sostenute dagli Amministratori comunali approvato con deliberazione C.C. n. 15 del 11.05.2005 in vigore dal 12.06.2005

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DELLE MISSIONI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DELLE MISSIONI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DELLE MISSIONI ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE 1. Il presente regolamento disciplina lo svolgimento delle missioni da parte del personale dipendente dell Università

Dettagli

Comune di Figino Serenza Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI

Comune di Figino Serenza Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI Comune di Figino Serenza Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI IN VIGORE DAL 01.06.2012 INDICE Premessa Art. 1 Oggetto del regolamento

Dettagli

Regolamento sulla disciplina dei rimborsi spese e delle trasferte in Italia ed all'estero dei componenti degli Organi camerali

Regolamento sulla disciplina dei rimborsi spese e delle trasferte in Italia ed all'estero dei componenti degli Organi camerali Regolamento sulla disciplina dei rimborsi spese e delle trasferte in Italia ed all'estero dei componenti degli Organi camerali Approvato con delibera della Giunta camerale n. 58 dd. 16.04.2012 Pubblicato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI E DEL RIMBORSO DELLE SPESE SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI E DEL RIMBORSO DELLE SPESE SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI E DEL RIMBORSO DELLE SPESE SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI Approvato con deliberazione del Consiglio provinciale n. del INDICE Art. 1 -

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE MISSIONI E DEI RIMBORSI SPESE

REGOLAMENTO DELLE MISSIONI E DEI RIMBORSI SPESE REGOLAMENTO DELLE MISSIONI E DEI RIMBORSI SPESE (approvato nella seduta del Consiglio Direttivo del 27 novembre 2012) Indice 1) Oggetto e ambito di applicazione 2) Definizioni 3) Autorizzazione a svolgere

Dettagli

REGOLAMENTAZIONE PER I SERVIZI PRESTATI SU DESIGNAZIONE DEL GUG CENTRALE NUOTO TUFFI SINCRONIZZATO SALVAMENTO

REGOLAMENTAZIONE PER I SERVIZI PRESTATI SU DESIGNAZIONE DEL GUG CENTRALE NUOTO TUFFI SINCRONIZZATO SALVAMENTO REGOLAMENTAZIONE PER I SERVIZI PRESTATI SU DESIGNAZIONE DEL GUG CENTRALE NUOTO TUFFI SINCRONIZZATO SALVAMENTO 1 aprile 2009 1. TURNO DI SERVIZIO 1.1 Per un turno di servizio si intende quello prestato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI MEZZI DI TRASPORTO E MODALITÀ DI RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI MEZZI DI TRASPORTO E MODALITÀ DI RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI MEZZI DI TRASPORTO E MODALITÀ DI RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO Art. 1 Definizione di trasferta, attività di servizio e di rimborso spese 1. Per trasferta si intende l'attività

Dettagli

Normativa sulle trasferte e i relativi rimborsi delle spese della Federazione Motociclistica Italiana

Normativa sulle trasferte e i relativi rimborsi delle spese della Federazione Motociclistica Italiana Normativa sulle trasferte e i relativi rimborsi delle spese della Federazione Motociclistica Italiana Approvata dal Consiglio Federale n. 5 del 10-11 ottobre 2013 con deliberazione n. 157 1. STRUTTURA

Dettagli

COMUNE DI ITRI (Provincia di Latina)

COMUNE DI ITRI (Provincia di Latina) COMUNE DI ITRI (Provincia di Latina) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI (Regolamento a latere del Regolamento sull Ordinamento Uffici e Servizi)

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Via Ravasi 2-21100 Varese REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI DI SERVIZIO Emanato con D.R. n. 6080 del 16.1.2004 Ultime modifiche apportate con D.R. Rep. n.1354/2013 dell 11/11/2013 In vigore dal 26/11/2013 REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina)

COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) COMUNE DI GAETA (Provincia di Latina) * * * * * REGOLAMENTO per il rimborso ai dipendenti delle spese sostenute in occasione di missioni fuori dal territorio comunale * * * * * (Approvato con deliberazione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA REGOLAMENTO PER LE MISSIONI DEL PERSONALE DOCENTE E TECNICO AMMINISTRATIVO (D.R. n.430 del 16 marzo 2004) Art. 1 OBIETTIVI E SCOPI 1. Lo svolgimento delle missioni da

Dettagli

ISTITUTO TUMORI GIOVANNI PAOLO II

ISTITUTO TUMORI GIOVANNI PAOLO II ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE n. del REGOLAMENTO DELLA MISSIONE E DEL SERVIZIO FUORI SEDE Riferimenti normativi - Legge 18/12/1973 n. 836 e s.m.i. (trattamento economico di missione dei dipendenti dello

Dettagli

Rev. 6 del 20.04.2012 - Reg. missioni. - Prete. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DI BRINDISI

Rev. 6 del 20.04.2012 - Reg. missioni. - Prete. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DI BRINDISI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DI BRINDISI Approvato con deliberazione di Giunta Provinciale n. 74 del 25/5/2012 1 INDICE Art.1 Oggetto del regolamento....3

Dettagli

Allegato 1) alla deliberazione del Consiglio camerale n. 5 del 21 aprile 2015

Allegato 1) alla deliberazione del Consiglio camerale n. 5 del 21 aprile 2015 Allegato 1) alla deliberazione del Consiglio camerale n. 5 del 21 aprile 2015 Regolamento sulla disciplina delle trasferte in Italia ed all'estero dei componenti gli organi camerali e dei soggetti autorizzati

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE AL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE AL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE AL PERSONALE DIPENDENTE Art. 1 - Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento ha per oggetto la disciplina del trattamento di trasferta e dei rimborsi

Dettagli

REGOLAMENTO MISSIONI E RIMBORSI SPESE IN ITALIA E ALL ESTERO

REGOLAMENTO MISSIONI E RIMBORSI SPESE IN ITALIA E ALL ESTERO REGOLAMENTO MISSIONI E RIMBORSI SPESE IN ITALIA E ALL ESTERO Personale dipendente Personale comandato (incluso il personale ex IRRE) Collaboratori con contratto di collaborazione coordinata e continuativa

Dettagli

INDICAZIONI GENERALI PER LE MISSIONI DIPARTIMENTO SEMeQ

INDICAZIONI GENERALI PER LE MISSIONI DIPARTIMENTO SEMeQ INDICAZIONI GENERALI PER LE MISSIONI DIPARTIMENTO SEMeQ Per missione si intende la prestazione di attività lavorativa in località distante almeno 10 km dalla sede di servizio, sia in territorio nazionale

Dettagli

COMUNE DI DICOMANO Prov. di Firenze REGOLAMENTO PER IL RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI

COMUNE DI DICOMANO Prov. di Firenze REGOLAMENTO PER IL RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI COMUNE DI DICOMANO Prov. di Firenze REGOLAMENTO PER IL RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 4 del 03/03/2015 Indice Art. 1 Oggetto

Dettagli

Approvato con Deliberazione del Consiglio Provinciale n. del

Approvato con Deliberazione del Consiglio Provinciale n. del REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO E DI SOGGIORNO DEGLI AMMINISTRATORI E DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI PAVIA Approvato con Deliberazione del Consiglio Provinciale

Dettagli

MODALITA DI RIMBORSO SPESE DI MISSIONE.

MODALITA DI RIMBORSO SPESE DI MISSIONE. MODALITA DI RIMBORSO SPESE DI MISSIONE. Per ottenere il rimborso delle spese di missione, i componenti delle Commissioni di Valutazione Comparativa, Commissioni di Dottorato di Ricerca (esame finale e

Dettagli

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE PIEMONTE LIGURIA E VALLE D AOSTA. Via Bologna 148-10154 TORINO REGOLAMENTO DEL TRATTAMENTO DI MISSIONE

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE PIEMONTE LIGURIA E VALLE D AOSTA. Via Bologna 148-10154 TORINO REGOLAMENTO DEL TRATTAMENTO DI MISSIONE ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE PIEMONTE LIGURIA E VALLE D AOSTA Via Bologna 148-10154 TORINO REGOLAMENTO DEL TRATTAMENTO DI MISSIONE Art. 1 OGGETTO Il presente regolamento si applica ai dipendenti

Dettagli

Regolamento aziendale

Regolamento aziendale Regolamento aziendale Premessa Scopo di tale regolamento è la definizione dei criteri secondo i quali Cooperativa Sociale Società Dolce intende trattare il riconoscimento delle spese connesse all utilizzo

Dettagli

MEMORA DUM PER IL TRATTAME TO DI MISSIO E DEI COMPO E TI DELLE COMMISSIO I PER L ESAME FI ALE DEL DOTTORATO

MEMORA DUM PER IL TRATTAME TO DI MISSIO E DEI COMPO E TI DELLE COMMISSIO I PER L ESAME FI ALE DEL DOTTORATO MEMORA DUM PER IL TRATTAME TO DI MISSIO E DEI COMPO E TI DELLE COMMISSIO I PER L ESAME FI ALE DEL DOTTORATO Di seguito alcune specifiche inerenti il trattamento di missione spettante ai membri delle commissioni

Dettagli

Università degli Studi di Palermo

Università degli Studi di Palermo REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DI MISSIONE Testo approvato dal C. d. A. nella seduta del 20 luglio 2010 Art. 1 OBIETTIVI E SCOPI 1. Il presente regolamento disciplina le modalità amministrative per l autorizzazione

Dettagli

COMUNE DI SANSEPOLCRO

COMUNE DI SANSEPOLCRO COMUNE DI SANSEPOLCRO REGOLAMENTO PER LE MISSIONI DEGLI AMMINISTRATORI COMUNALI Approvato con delibera del Consiglio comunale n. 231 del 23.12.1991 Modificato con delibera del Consiglio comunale n. 10

Dettagli

Istituto di Scienze Umane e Sociali

Istituto di Scienze Umane e Sociali Istituto di Scienze Umane e Sociali Linee guida per le attività fuori sede degli allievi: richiesta di autorizzazione e di contributi Gli allievi dei corsi di perfezionamento possono richiedere alla Scuola

Dettagli

Approvato con Deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 54 del 26 settembre 2011

Approvato con Deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 54 del 26 settembre 2011 Approvato con Deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 54 del 26 settembre 2011 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI (Regolamento a latere

Dettagli

COMUNE DI BORGHI PROVINCIA DI FORLÌ CESENA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI E DEL RIMBORSO DELLE SPESE SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI

COMUNE DI BORGHI PROVINCIA DI FORLÌ CESENA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI E DEL RIMBORSO DELLE SPESE SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI COMUNE DI BORGHI PROVINCIA DI FORLÌ CESENA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI E DEL RIMBORSO DELLE SPESE SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 6

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 6 giugno 2011, n. 631. b. dell art. 35 CCNL delle Regioni e delle Autonomie

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 6 giugno 2011, n. 631. b. dell art. 35 CCNL delle Regioni e delle Autonomie 17792 Atti di Organi monocratici regionali DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 6 giugno 2011, n. 631 Disciplina per il trattamento di trasferta co. 6, art. 11, della Legge regionale 4 gennaio

Dettagli

AZIENDA SPECIALE TORINO INCONTRA Regolamento della gestione organizzativa e del personale

AZIENDA SPECIALE TORINO INCONTRA Regolamento della gestione organizzativa e del personale AZIENDA SPECIALE TORINO INCONTRA Regolamento della gestione organizzativa e del personale Articolo 1 Orario di lavoro 1. L orario normale di lavoro è di 40 ore settimanali corrispondenti a 8 ore al giorno

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI DEL PERSONALE CAMERALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI DEL PERSONALE CAMERALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI DEL PERSONALE CAMERALE Ad delibera n. 59 dd. 16.04.2012 ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente regolamento disciplina la gestione delle missioni e del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E DEL RIMBORSO SPESE SOSTENUTE DAI DIPENDENTI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E DEL RIMBORSO SPESE SOSTENUTE DAI DIPENDENTI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E DEL RIMBORSO SPESE SOSTENUTE DAI DIPENDENTI Approvato con D.G.P. in data 10.03.2003 n. 72 reg. e modificato

Dettagli

(Concertato con la delegazione sindacale di Area il 22/12/2008) (Delibera Giunta Comunale 211 del 30/12/2008)_)

(Concertato con la delegazione sindacale di Area il 22/12/2008) (Delibera Giunta Comunale 211 del 30/12/2008)_) AREA PERSONALE E ORGANIZZAZIONE Servizio Amministrazione del Personale Corso Garibaldi, 62 48022 Lugo Tel. 0545 38311 Fax 0545 38442 marinid@unione.labassaromagna.it REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DI TRASFERTA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI, DELL ASSICURAZIONE DEI CONSIGLIERI E DEL RIMBORSO DELLE SPESE SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI, DELL ASSICURAZIONE DEI CONSIGLIERI E DEL RIMBORSO DELLE SPESE SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI. Fondazione Caorle Città dello Sport Via Roma, 26 30021 CAORLE (VE) tel 0421.219264 fax 0421.219302 F o n d a z i o n e P.IVA/C.F. 03923230274 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI, DELL ASSICURAZIONE

Dettagli

COSMOLAB REGOLAMENTO MISSIONI Consorzio per il supercalcolo, la modellistica computazionale e la gestione di grandi database

COSMOLAB REGOLAMENTO MISSIONI Consorzio per il supercalcolo, la modellistica computazionale e la gestione di grandi database ARTICOLO 1 Norme generali Col trattamento di missione il Consorzio persegue lo scopo di consentire il recupero delle spese al personale dipendente del Consorzio e dei consorziati, al personale a contratto,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI MEZZI COMUNALI, PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E PER IL RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI MEZZI COMUNALI, PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E PER IL RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI MEZZI COMUNALI, PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E PER IL RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI (Regolamento a latere del Regolamento sull Ordinamento

Dettagli

2 pasti per le missioni superiori alle 12 ore Spese alimentari qualora lo scontrino non riporti la descrizione dell alimento acquistato.

2 pasti per le missioni superiori alle 12 ore Spese alimentari qualora lo scontrino non riporti la descrizione dell alimento acquistato. 1 pasto per missioni non inferiori alle 8 ore Missioni svolte nel comune del proprio domicilio o presso la sede di servizio. (Art 3 lett. b) l. 836/1973) 2 pasti per le missioni superiori alle 12 ore Spese

Dettagli

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI VENEZIA REGOLAMENTO DEI SERVIZI

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI VENEZIA REGOLAMENTO DEI SERVIZI CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI VENEZIA REGOLAMENTO DEI SERVIZI 1. Campo di applicazione Il presente Regolamento ha per oggetto la gestione economica, anche in riferimento ai

Dettagli

Disciplinare interno per il rimborso delle spese di trasferta/missioni

Disciplinare interno per il rimborso delle spese di trasferta/missioni PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE RICERCA E COMPETITIVITÀ 2007-2013 (CCI: 2007IT161PO006) Disciplinare interno per il rimborso delle spese di trasferta/missioni Criteri generali, profili autorizzativi, regole

Dettagli

INDENNITA DI TRASFERTA RIMBORSI SPESE - DIARIE. Cervignano - 13 novembre 2013 Dott. Giorgio Zerio

INDENNITA DI TRASFERTA RIMBORSI SPESE - DIARIE. Cervignano - 13 novembre 2013 Dott. Giorgio Zerio INDENNITA DI TRASFERTA RIMBORSI SPESE - DIARIE Cervignano - 13 novembre 2013 Dott. Giorgio Zerio Normativa e prassi Art.51 e 95 D.P.R. 22.12.1986 n. 917; Circ. Ag. Entrate 18.06.2011, n. 57; Circ. Ag.

Dettagli

REGOLAMENTO MISSIONI

REGOLAMENTO MISSIONI REGOLAMENTO MISSIONI ART. 1 Norme generali Col trattamento di missione Conisma persegue lo scopo di consentire il recupero delle spese ai componenti degli Organi e dei componenti di Comitati o Commissioni,

Dettagli

Consorzio Autorità dell Ambito Territoriale Ottimale della provincia di Pavia

Consorzio Autorità dell Ambito Territoriale Ottimale della provincia di Pavia Consorzio Autorità dell Ambito Territoriale Ottimale della provincia di Pavia REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DI TRASFERTA DEL PERSONALE DIPENDENTE approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA

MINISTERO DELLA DIFESA Circolare Missioni Personale Civile. 2010 M_D GCIV prot. data 0070234 20/09/2010 Div.11 PARTENZA MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE CIVILE IV Reparto 11^ Divisione 2^ Sezione Dr.

Dettagli

REGOLAMENTO MISSIONI ARTICOLO 1. Norme generali

REGOLAMENTO MISSIONI ARTICOLO 1. Norme generali REGOLAMENTO MISSIONI ARTICOLO 1 Norme generali Col trattamento di missione il Consorzio persegue lo scopo di consentire il recupero delle spese al personale dipendente, al personale afferente, ai collaboratori

Dettagli

Versione: 02 del 03/03/2006. Procedura Rimborso Spese Impiegati Quadri Dirigenti. Pag. 1 di 14

Versione: 02 del 03/03/2006. Procedura Rimborso Spese Impiegati Quadri Dirigenti. Pag. 1 di 14 RIMBORSO SPESE IMPIEGATI - QUADRI - DIRIGENTI Pag. 1 di 14 INDICE 1. GENERALITA... 3 2. RIMBORSO DELLE SPESE SOSTENUTE.... 3 2.1. Principi generali....3 2.2. Definizione della richiesta...3 2.3. Modalità

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE MISSIONI IN ITALIA E ALL ESTERO

REGOLAMENTO DELLE MISSIONI IN ITALIA E ALL ESTERO REGOLAMENTO DELLE MISSIONI IN ITALIA E ALL ESTERO INDICE Articolo 1 Ambito di applicazione Articolo 2 Autorizzazione della missione Articolo 3 Provvedimento di autorizzazione Articolo 4 Durata della missione

Dettagli

ATC Siena. Regolamento Rimborsi Spese

ATC Siena. Regolamento Rimborsi Spese Art. 1 - Oggetto e definizioni ATC Siena Regolamento Rimborsi Spese 1. Il presente regolamento disciplina l incarico ed il rimborso spese delle missioni/trasferte dei membri del Comitato di Gestione (in

Dettagli

La normativa delle missioni in Italia e all estero

La normativa delle missioni in Italia e all estero La normativa delle missioni in Italia e all estero Trattamento di Missione in Italia Fondamentalmente il trattamento di missione è regolato dalla L. 836 del 18/12/1973 e successive modificazioni, nonché

Dettagli

Articolo 1. Oggetto. Articolo 2. Norme di riferimento

Articolo 1. Oggetto. Articolo 2. Norme di riferimento PARCO NAZIONALE DELLO STELVIO REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LE INDENNITÀ, I GETTONI DI PRESENZA E LE SPESE AI COMPONENTI DEGLI ORGANI (deliberazione del Consiglio Direttivo n. 55 del 27 novembre 2006) INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI E DEI RIMBORSI DELLE SPESE DI VIAGGIO E SOGGIORNO SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI E DIPENDENTI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI E DEI RIMBORSI DELLE SPESE DI VIAGGIO E SOGGIORNO SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI E DIPENDENTI COMUNALI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI E DEI RIMBORSI DELLE SPESE DI VIAGGIO E SOGGIORNO SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI E DIPENDENTI COMUNALI Art.1 Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento

Dettagli

Allegato A - ELENCO DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PROGETTI DI RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO PRECOMPETITIVO

Allegato A - ELENCO DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PROGETTI DI RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO PRECOMPETITIVO Allegato A - ELENCO DOCUMENTAZIONE RICHIESTA PROGETTI DI RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO PRECOMPETITIVO 1) SPESE RENDICONTATE IN A) Personale Per le spese A.1 Personale dipendente i documenti richiesti

Dettagli

RIMBORSI E TRASFERTE

RIMBORSI E TRASFERTE Studio Associato Diana di Mauro Sottili e Angelo Pizzocri Consulenza del lavoro Crema, Giugno 2008 RIMBORSI E TRASFERTE DIPENDENTI - COLLABORATORI - AMMINISTRATORI Caratteristiche rimborsi e trasferte

Dettagli

Università Ca Foscari Venezia REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE MISSIONI

Università Ca Foscari Venezia REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE MISSIONI Consiglio di Amministrazione del 24 settembre 2001 ALLEGATO al punto V - REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE MISSIONI Università Ca Foscari Venezia REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE MISSIONI ART. 1 OBIETTIVI E SCOPI

Dettagli

Emittente: Direzione Centrale Personale

Emittente: Direzione Centrale Personale REGOLE PER IL PERSONALE IN MISSIONE Normativa attinente ad aree sensibili relative al D.Lgs. 231/01 Area di rischio: Reati contro PA Protocolli: Gestione delle procedure acquisitive dei beni, servizi e

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE F.A.Q. MISSIONI DEFINIZIONE DI MISSIONE (art. 2.1 del Regolamento Missioni) 1. COSA SI INTENDE PER MISSIONE? Per missione si intende il trasferimento temporaneo

Dettagli

RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE A DIPENDENTI/COLLABORATORI

RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE A DIPENDENTI/COLLABORATORI Spett.le DITTA/ SOCIETÀ CIRCOLARE n. CF 29/2009 Come comunicato con la circolare CC 02/2006, Vi rinnoviamo la segnalazione che nella nuova veste del nostro sito internet www.studiosinergie.it, sono costantemente

Dettagli

ANNUARIO SPORTIVO NAZIONALE 2015 APPENDICE 10 AL REGOLAMENTO SPORTIVO NAZIONALE RIMBORSI SPESE E TRATTAMENTI ECONOMICI

ANNUARIO SPORTIVO NAZIONALE 2015 APPENDICE 10 AL REGOLAMENTO SPORTIVO NAZIONALE RIMBORSI SPESE E TRATTAMENTI ECONOMICI ANNUARIO SPORTIVO NAZIONALE 2015 APPENDICE 10 AL REGOLAMENTO SPORTIVO NAZIONALE RIMBORSI SPESE E TRATTAMENTI ECONOMICI CRONOLOGIA MODIFICHE: ARTICOLO MODIFICATO DATA DI APPLICAZIONE DATA DI PUBBLICAZIONE

Dettagli

OGGETTO UTILIZZO DELL AUTO PROPRIA PER ESIGENZE AZIENDALI

OGGETTO UTILIZZO DELL AUTO PROPRIA PER ESIGENZE AZIENDALI 1 OGGETTO UTILIZZO DELL AUTO PROPRIA PER ESIGENZE AZIENDALI QUESITO (posto in data 31 agosto 2013 ) Il medico incardinato in un ospedale ma chiamato a svolgere la propria opera professionale in un altro

Dettagli

Oggetto: trattamento tributario delle indennità e rimborsi spese erogati ai dipendenti e collaboratori

Oggetto: trattamento tributario delle indennità e rimborsi spese erogati ai dipendenti e collaboratori A tutti i nostri clienti Loro indirizzi Bolzano, 01 agosto 2012 Oggetto: trattamento tributario delle indennità e rimborsi spese erogati ai dipendenti e collaboratori Gentili clienti, con la presente circolare

Dettagli

CIRCOLARE N. 10. Dipartimenti regionali. Agli Uffici di Gabinetto degli On.li Assessori regionali

CIRCOLARE N. 10. Dipartimenti regionali. Agli Uffici di Gabinetto degli On.li Assessori regionali Repubblica Italiana Regione Siciliana Assessorato dell Economia Dipartimento Regionale Bilancio e Tesoro RAGIONERIA GENERALE DELLA REGIONE SERVIZIO VIGILANZA Via Notarbartolo, 17 90141 Palermo Telefono

Dettagli

REGOLAMENTO MISSIONI E RIMBORSO SPESE

REGOLAMENTO MISSIONI E RIMBORSO SPESE REGOLAMENTO MISSIONI E RIMBORSO SPESE 1. Ambito di applicazione e norme generali 1. Il presente Regolamento disciplina, compatibilmente con la legislazione vigente, presupposti, modalità di conferimento

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO ECONOMICO DELLE SPESE DI VIAGGIO SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO ECONOMICO DELLE SPESE DI VIAGGIO SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO ECONOMICO DELLE SPESE DI VIAGGIO SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI (Approvato con Delibera di Consigli n. 5 del 7/04/2014) 1 SOMMARIO Art. 1 Oggetto del Regolamento pag. 3 Art.

Dettagli

TRAVEL & EXPENSES POLICY

TRAVEL & EXPENSES POLICY TRAVEL & EXPENSES POLICY Pag. 16 di 16 TRAVEL & EXPENSES POLICY Redatta Verificata Approvata Distribuita DIREZIONE DIRETTORE CDA DIREZIONE Versione n Del In vigore da 1.0 28/02/2012 01/03/2012 TRAVEL &

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE DLGC/2014/107 O G G E T T O

COMUNE DI ROVIGO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE DLGC/2014/107 O G G E T T O COMUNE DI ROVIGO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE DLGC/2014/107 O G G E T T O Regolamento sul trattamento di trasferta di Dipendenti, Dirigenti,

Dettagli

Il Caso della settimana

Il Caso della settimana N. 15 del 20.04.2012 Il Caso della settimana A cura di Edoardo Martini I rimborsi spese a dipendenti ed amministratori per utilizzo auto personale La società ALFA s.r.l., per lo svolgimento della propria

Dettagli

TRATTAMENTO FISCALE DI MISSIONI E RIMBORSI SPESE

TRATTAMENTO FISCALE DI MISSIONI E RIMBORSI SPESE TRATTAMENTO FISCALE DI MISSIONI E RIMBORSI SPESE Si riporta di seguito una sintesi delle principali disposizioni normative riguardanti il trattamento di missione e i rimborsi spese. Per maggiori dettagli

Dettagli

In data 20 maggio 2003 le Organizzazioni sindacali, in applicazione di quanto stabilito dal CCNL. Direzione Centrale Sviluppo e Gestione risorse umane

In data 20 maggio 2003 le Organizzazioni sindacali, in applicazione di quanto stabilito dal CCNL. Direzione Centrale Sviluppo e Gestione risorse umane Direzione Centrale Sviluppo e Gestione risorse umane Roma, 25 Giugno 2003 Circolare n. 113 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE, DELL USO DEL MEZZO PROPRIO E DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIRI-

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE, DELL USO DEL MEZZO PROPRIO E DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIRI- REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE, DELL USO DEL MEZZO PROPRIO E DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIRI- GENTE/DIPENDENTE DEL COMUNE DI FERRARA Approvato dalla Giunta Comunale

Dettagli

REGOLE PER IL PERSONALE IN MISSIONE

REGOLE PER IL PERSONALE IN MISSIONE REGOLE PER IL PERSONALE IN MISSIONE Normativa attinente ad aree sensibili relative al D.Lgs. 231/01 Area di rischio: Reati contro PA Protocolli: Gestione delle procedure acquisitive dei beni, servizi e

Dettagli

TRASFERTE, RIMBORSO SPESE, DEDUCIBILITA

TRASFERTE, RIMBORSO SPESE, DEDUCIBILITA TRASFERTE, RIMBORSO SPESE, DEDUCIBILITA I lavoratori che, recandosi fuori sede per ragioni di servizio, sostengono spese connesse con l esecuzione del loro lavoro hanno diritto di ricevere dall impresa

Dettagli

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa REGOLAMENTO DEL TRATTAMENTO ECONOMICO RELATIVO ALLE MISSIONI DEGLI AMMINISTRATORI E SPESE DI RAPPRESENTANZA

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa REGOLAMENTO DEL TRATTAMENTO ECONOMICO RELATIVO ALLE MISSIONI DEGLI AMMINISTRATORI E SPESE DI RAPPRESENTANZA COMUNE DI LARI Provincia di Pisa REGOLAMENTO DEL TRATTAMENTO ECONOMICO RELATIVO ALLE MISSIONI DEGLI AMMINISTRATORI E SPESE DI RAPPRESENTANZA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 83 del 29.11.2006

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Art. 1 Finalità.2 Art. 2 Orario di Lavoro 2 Art. 3 Flessibilità autorizzata.. 2 Art. 4 Recuperi e trattenute....3 Art. 5 Ferie e Permessi......3 Art.

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA PER LA CLIENTELA. Oggetto: Rimborsi spese e trasferte per dipendenti, amministratori e collaboratori

CIRCOLARE INFORMATIVA PER LA CLIENTELA. Oggetto: Rimborsi spese e trasferte per dipendenti, amministratori e collaboratori CIRCOLARE INFORMATIVA PER LA CLIENTELA Oggetto: Rimborsi spese e trasferte per dipendenti, amministratori e collaboratori Trattamento fiscale delle spese di trasferta, vitto e alloggio per dipendenti e

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO Indice TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Ambito di applicazione Art. 2 Definizioni TITOLO

Dettagli

MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners

MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners ragionieri commercialisti economisti d impresa valdagno (vi) via l. festari,15 tel. 0445/406758/408999 - fax 0445/408485 dueville (vi) - via g. rossi, 26 tel. 0444/591846

Dettagli

DISCIPLINARE DELLE ATTIVITÀ FUORI SEDE

DISCIPLINARE DELLE ATTIVITÀ FUORI SEDE DEL PERSONALE, DEI DIRIGENTI E DEI COMPONENTI DEGLI ORGANI DI INDIRIZZO DELL AZIENDA REGIONALE PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO DELLA TOSCANA Versione 5 febbraio 2014 art. 1 Oggetto del Disciplinare...

Dettagli

TRATTAMENTO FISCALE DELLE TRASFERTE DEI DIPENDENTI E COLLABORATORI ED AMMINISTRATORI

TRATTAMENTO FISCALE DELLE TRASFERTE DEI DIPENDENTI E COLLABORATORI ED AMMINISTRATORI TRATTAMENTO FISCALE DELLE TRASFERTE DEI DIPENDENTI E COLLABORATORI ED AMMINISTRATORI Le trasferte per motivi di lavoro sono molto frequenti in quasi tutte le aziende a prescindere dalle loro dimensioni,

Dettagli

DISCIPLINARE PER MODULISTICA E DOCUMENTI DI SPESA CONSORZIO FUTURO in RICERCA (CFR)

DISCIPLINARE PER MODULISTICA E DOCUMENTI DI SPESA CONSORZIO FUTURO in RICERCA (CFR) DISCIPLINARE PER MODULISTICA E DOCUMENTI DI SPESA CONSORZIO FUTURO in RICERCA (CFR) Gli uffici del CFR rispettano il seguente orario di apertura al pubblico: dal lunedì al venerdì, dalle ore 8,30 alle

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA ALLEGATO A ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA REGOLAMENTO TRATTAMENTO DI MISSIONE DELIBERA DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 13 DEL 25.1.2011 Premessa Il presente regolamento

Dettagli

ART.2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO

ART.2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO AZIIENDA PER L ASSIISTENZA SANIITARIIA N.. 3 ALTO FRIIULII-COLLIINARE-MEDIIO FRIIULII REGOLAMENTO AZIENDALE DISCIPLINANTE IL TRATTAMENTO DI TRASFERTA INDICE ART.1 OGGETTO ART.2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO

Dettagli

RIMBORSI E TRASFERTE

RIMBORSI E TRASFERTE Studio Associato Diana di Mauro Sottili e Angelo Pizzocri Consulenza del lavoro Crema, Gennaio 2014 RIMBORSI E TRASFERTE DIPENDENTI - COLLABORATORI - AMMINISTRATORI Caratteristiche rimborsi e trasferte

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Dipartimento di Studi di Impresa Governo Filosofia. RICHIESTA LIQUIDAZIONE TRASFERTA* (data..

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Dipartimento di Studi di Impresa Governo Filosofia. RICHIESTA LIQUIDAZIONE TRASFERTA* (data.. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Dipartimento di Studi di Impresa Governo Filosofia 1 RICHIESTA LIQUIDAZIONE TRASFERTA* (data..) Parte riservata al Dipartimento - Trasferta n... Data.... Prot...

Dettagli

A tal fine l incaricato in missione dovrà utilizzare l idonea modulistica allegata al presente regolamento.

A tal fine l incaricato in missione dovrà utilizzare l idonea modulistica allegata al presente regolamento. REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA PER L AUTORIZZAZIONE ALL UTILIZZO DEL MEZZO PROPRIO, NELL AMBITO DELL ISTITUTO DELLA MISSIONE l'incarico e l'autorizzazione a compiere la missione, devono risultare da un

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI Regolamento per la disciplina del rimborso delle spese di viaggio dei componenti degli organi dell Agenzia Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE MISSIONI E TRASFERTE DEL PERSONALE DELLA FONDAZIONE BRUNO KESSLER

REGOLAMENTO PER LE MISSIONI E TRASFERTE DEL PERSONALE DELLA FONDAZIONE BRUNO KESSLER REGOLAMENTO PER LE MISSIONI E TRASFERTE DEL PERSONALE DELLA FONDAZIONE BRUNO KESSLER Allegato n. XII/13 al Verbale del CdA della Fondazione Bruno Kessler dell 1 febbraio 2013 INDICE Art. 1 - Obiettivi

Dettagli

Direzione Centrale Supporto alla Gestione delle Risorse Ufficio Monitoraggio Risorse e Ragioneria della S.A.C. Il Direttore

Direzione Centrale Supporto alla Gestione delle Risorse Ufficio Monitoraggio Risorse e Ragioneria della S.A.C. Il Direttore Allegato alla Circolare n. 24 /2011 Direzione Centrale Supporto alla Gestione delle Risorse Ufficio Monitoraggio Risorse e Ragioneria della S.A.C. Il Direttore n. Reg. Mo.R.Ra. 308/2011 Roma, 22 luglio

Dettagli

C O M U N E D I G E L A (Provincia di Caltanissetta)

C O M U N E D I G E L A (Provincia di Caltanissetta) C O M U N E D I G E L A (Provincia di Caltanissetta) Regolamento comunale per l uso del mezzo proprio in occasione delle trasferte e/o missioni del personale dipendente Approvato con delibera di G.M. n

Dettagli