GUIDA AI PRODOTTI BETONTEX IPN SISTEMI FRCM A BASE CALCE CON PROMOTORI DI ADESIONE BETONTEX IPN. Prove Meccaniche. Edizione Gennaio 2014

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GUIDA AI PRODOTTI BETONTEX IPN SISTEMI FRCM A BASE CALCE CON PROMOTORI DI ADESIONE BETONTEX IPN. Prove Meccaniche. Edizione Gennaio 2014"

Transcript

1 LE GUIDE BETONTEX GUIDA AI PRODOTTI BETONTEX IPN SISTEMI FRCM A BASE CALCE CON PROMOTORI DI ADESIONE BETONTEX IPN Prove Meccaniche Edizione Gennaio 2014 ARDEA PROGETTI E SISTEMI SRL - VIA E. CRISTONI 58 (LA MERIDIANA) CASALECCHIO DI RENO (BO) PH: 0039/051/ FAX: 0039/051/ WEBSITE: 1

2 PREMESSA L impiego di reti di rinforzo a base di fibre ad alto modulo, ed in particolare di fibre di carbonio, direttamente all interno di malte cementizie o malte a base calce, ha riscosso un notevole interesse del mercato ponendosi in alcuni casi come una possibile alternativa ai tradizionali compositi applicati con resine epossidiche (FRP). Queste nuove tecnologie che vengono indicate con l acronimo FRCM (Fiber Reinforced Cementitious Matrices), possono trovare importanti applicazioni, in particolare su murature quando si rende necessario estendere i rinforzi su superfici di grande dimensioni. E evidente che nella situazione Italiana, che richiede di risolvere problemi importanti in strutture murarie, su edifici storici e monumenti di ogni tipo, l aspetto più interessante è di potere utilizzare queste tecniche con malte a base calce, a dispetto della sigla FRCM con cui vengono definite, più rispettose delle strutture che devono essere rinforzate. Gli FRCM, che nascono direttamente dal concetto di materiale composito FRP, non possono prescindere da tale criterio: si considera composito un materiale costituito da una matrice, che prende la forma, e da una fibra di rinforzo, che prende i carichi trasferiti dalla matrice., condizione che può verificarsi unicamente quando si realizza una buona adesione/impregnazione fibra-matrice. Senza questo requisito, peraltro alla base del criterio da cui è nato il cemento armato, difficilmente un materiale può essere considerato un composito e presentare caratteristiche meccaniche tali da consentirne un impiego strutturale. Infatti, le prime prove eseguite nel con malte cementizie avevano già dimostrato che difficilmente si può ottenere un materiale composito con un accettabile adesione fibra-matrice. Una semplice adesione meccanica dovuta all ingranamento della matrice nelle maglie della rete non può costituire un elemento sufficiente per un buon comportamento strutturale del materiale composito. Partendo da queste importanti considerazioni, Ardea Progetti e Sistemi, in collaborazione con il laboratorio Ciri dell Università di Bologna sotto la guida del Prof. Marco Savoia e con il contributo dell Università di Modena Reggio Emilia sotto la guida del Prof. Francesco Pilati, ha condotto una serie di sperimentazioni in seguito alle quali è stato possibile mettere a punto il sistema Betontex IPN. Nella linea di prodotti IPN, il promotore di adesione Betontex IPN 01 è in grado di garantire una perfetta adesione fibra-matrice e quindi di realizzare un materiale composito FRCM. In questo documento tecnico concentreremo la nostra attenzione sui materiali FRCM a base calce riportando i risultati ottenuti con l impiego di reti di rinforzo in fibra di carbonio e in fibra di vetro AR. 1 Sistemi Betontex IPN I sistemi Betontex IPN sono costituiti da: 1. promotore di adesione (o primer) IPN adesivo IPN putty IPN 03 Sono tutti prodotti bicomponenti a base acqua, costituiti da due o più resine supportate su una matrice inorganica microcristallina, tixotropica. Nella fase di polimerizzazione si crea un reticolo interpenetrato (Interpenetrated Polymer Network) rinforzato dai microcristalli della fase inorganica attiva, che conferisce alla matrice elevate proprietà meccaniche e termiche nonché una buona porosità al vapor d acqua (traspirabilità). Gli adesivi Betontex IPN possono essere utilizzati per adesione diretta del rinforzo su supporti in calcestruzzo, muratura, legno, opportunamente preparati, o quali promotori di adesione per l inglobamento diretto del rinforzo, su strati di malta di tipo cementizio o a base calce. Le caratteristiche sono riportate nelle schede tecniche e nel documento di cui al punto (1). 2

3 1- La scelta delle Fibre La sperimentazione condotta da Ardea Srl, pur avendo la capacità di utilizzare molteplici tipologie di fibra e di rinforzi, si è concentrata solo sui seguenti campioni di fibra: Reti in carbonio, Betontex Carbon Wire RC170 TH12, da 170 g/m 2, Reti in vetro AR, Betontex Zirconglass Wire da 300g/m 2. La scelta delle fibre in materiali compositi FRCM è un aspetto molto importante. Le malte cementizie e le malte a base calce presentano un ambiente fortemente alcalino ad elevata umidità, condizione che favorisce la corrosione delle fibre di rinforzo in esso immerse, influenzando in modo determinante la durabilità del materiale. Molti tipi di fibre di tipo organico (2), non presentano una buona resistenza all umidità, all ambiente acido ed alcalino durante la fase di confezionamento e agli UV (se non ben protette da una matrice resistente a tali ambienti) durante la fase di applicazione. Inoltre, come noto, anche le fibre di vetro E e le fibre di basalto non presentano una resistenza all idrolisi e all ambiente alcalino, sufficiente a dare garanzie di durata nel tempo (3). Pertanto, l uso di queste fibre in sistemi FRCM deve essere visto con una grande attenzione e prudenza. Le fibre di carbonio, risultano estremamente resistenti a qualsiasi ambiente chimico, e quindi offrono una grande garanzia di durata nel tempo. Le fibre di con un elevato contenuto in Zirconia, oltre il 16 %, sono utilizzabili in ambiente alcalino, come da regolamentato secondo la norma UNI EN Matrice: Calce pozzolanica Per la preparazione dei campioni è stata utilizzata una malta da ripristino di tipo F, in seguito indicata come CA1, di tipo pozzolanico, a base di calce idraulica naturale ad elevata flessibilità ed adesione. Tale malta, a basso modulo elastico e permeabile al vapore, viene utilizzata per consolidare murature e volte e risulta particolarmente adatta ad interventi in edifici storici. Nessun lattice o additivo polimerico è stato aggiunto alla malta che risulta perfettamente uguale a quanto commercializzato. Altre prove con calci differenti, sempre commerciali, sono indicate con (CA2). 3- Campioni e loro composizione I campioni su cui sono state condotte le prove sono costituiti da due strati di malta di 3 mm di spessore con interposta la rete di rinforzo, trattata in superficie con il promotore di adesione Betontex IPN 01 (spessore totale di circa 7 mm). La quantità di componente polimerica nel campione finale risulta inferiore al 5 %, come da proposta della normativa FRCM in corso. I campioni sono stati preparati per laminazione dei due strati di calce e della rete con la malta ancora umida, fresco su fresco. Nella laminazione si è tenuto conto del numero di fili in ordito (lungo l asse del provino) per consentire un corretto calcolo della sezione di fibra. 5- Prove di trazione (4) 5.1 Prove di trazione monotone: RETE RC170 TH12 e RETE I campioni per le prove di trazione sono stati preparati secondo una metodologia messa a punto dal CIRI Edilizia&Costruzioni-Università di Bologna, con le dimensioni indicate in figura 1 e trattando i terminali in modo opportuno al fine di non indurre fessurazione dovute dalla pressione dei morsetti. Fig 1 Provino per prove a trazione, e dimensioni. 3

4 In Figura 2 viene riportata l attrezzatura di prova del CIRI-E&C- Università di Bologna; nel dinamometro è collocato un campione di FRCM già pronto per la prova di trazione. Fig. 2- Set di prova CIRI / DICAM Università di Bologna Le prove di trazione monotone, sui provini con rete in carbonio RC170 TH12 e sui provini con rete in vetro RV320AR, malte a base calce con promotore di adesione Betontex IPN01, condotte su tre campioni hanno dato i seguenti risultati: Tabella 1. Prove di trazione monotone sui provini a base calce (CA1). Spessore provino = 7 mm Valori medi di 3 provini Rinforzo Calce Carico massimo P Deformazione a rottura ε Resistenza a trazione F (*) Modulo elastico (**) E Energia di rottura (***) G Modo di rottura (CA1) KN % MPa GPa MPa , Rottura fibra RC170 TH12 3,12 1, , Rottura fibra (*) Riferita alla sezione della fibra (**) Il modulo elastico è stato valutato mediando dalla retta: punto 0 punto di rottura (***) Area sottesa alla curva carico deformazione 4

5 Tabella 2. Prove di trazione monotone su provini a base calce (CA2). Spessore provino = 7 mm Valori medi di 3 provini Rinforzo Carico massimo P Deformazione a rottura ε Resistenza a trazione F (*) Modulo elastico (**) E Energia di rottura (***) G Modo di rottura KN % MPa GPa MPa 5,82 1, , Rottura fibra RC170 TH12 CA2 RC170 TH12 2,76 0, , Sfilamento fibra Senza IPN CA2 3,41 1, , Rottura fibra CA2 1,87 1, , Sfilamento fibra Senza IPN CA2 (*) Riferita alla sezione della fibra (**) Il modulo elastico è stato valutato mediando dalla retta: punto 0 punto di rottura (***) Area sottesa alla curva carico-deformazione I valori di carico di rottura riferiti alla sezione della fibra sono in linea con i dati rilevati per le fibre di carbonio e vetro AR laminati con resine IPN. Importante l elevato valore dell energia di rottura, rappresentato dall area sottesa alla curva. Da notare che in entrambi i casi la crisi dei campioni è avvenuta per rottura della fibra e l ulteriore comportamento post-flessionale presenta un contenuto abbattimento della rigidezza, indice del fatto che non si presentano scorrimenti fibra-matrice (Fig.3-8). In tutte le prove, dopo la rottura le micro fessure formatesi durante la deformazione si sono richiuse, indice dell ottima adesione fibra matrice. 5

6 Calce CA1 Fig. 3 Grafico carico deformazione Rete in carbonio RC170 TH12 CA1 Con IPN Calce CA2 Fig.4- Grafico carico deformazione Rete in carbonio RC170 TH12 CA2 Con IPN Calce CA2 Fig.5 Grafico carico deformazione Rete in carbonio RC170 TH12 CA2- Senza IPN 6

7 Fig. 6 Grafico carico-deformazione Rete in Vetro CA1-Con IPN Calce CA 1 Calce CA2 Fig. 7 Grafico carico deformazione Rete in Vetro CA2- con IPN Calce CA2 Fig. 8 Grafico carico deformazione Rete in Vetro CA2- Senza IPN 7

8 5.2 Prove di trazione ciclica carico-scarico RETE RC170 TH12 e RETE (5) I campioni sono stati preparati con la stessa metodologia delle prove monotone e con le dimensioni riportate in fig. 1. Le prove cicliche sono state condotte in controllo di spostamento, con ritorno prossimo a forza nulla nella fase di scarico. I campioni prima della rottura sono stati sottoposti 24 cicli. In questa serie di prove sono stati considerati provini preparati con promotore di adesione (IPN) e senza promotore di adesione. Nella figura 9 viene riportato il grafico carico deformazione di una prova ciclica di un campione tipo con rete in carbonio RC170 TH12 ottenuto impiegando il promotore di adesione Betontex IPN 01 e calce CA1. Nella figura10 un analogo campione ottenuto senza l impiego del promotore di adesione. (Calce CA1). In questo caso le capacità meccaniche risultano inferiori. Fig. 9 Prova ciclica carico-scarico fino a rottura Rete carbonio RC170 TH12 Calce CA1- con IPN Fig. 10 Prova ciclica carico-scarico fino a rottura Rete carbonio RC170 TH12 Calce CA1- Senza IPN Nelle Fig. 11 e 12 si osserva un comportamento analogo con la rete in fibra di vetro 8

9 Fig. 11 Prova ciclica carico-scarico fino a rottura Rete Vetro Calce CA1- con IPN Fig.12 Prova ciclica carico-scarico fino a rottura Rete Vetro Calce CA1- Senza IPN In tutti i provini in cui è stato utilizzato il promotore di adesione IPN si riscontra che la crisi avviene per rottura delle fibre (indice di una buona adesione fibra matrice), mentre per i provini in cui non è stato utilizzato l IPN la rottura avviene per sfilamento della fibra (indice di una mancanza di adesione). E evidente che un sistema che presenta uno stato limite ultimo dovuto allo slittamento delle fibre rispetto alla matrice, non consente la definizione di caratteristiche meccaniche precise e facilmente utilizzabili in fase di progettazione. 9

10 Il considerare eventualmente, come limite di impiego, il valore di crisi per sfilamento, non consentirebbe al progettista di sfruttare appieno il materiale di rinforzo. Di fatto lo scorrimento non dipende dal rinforzo ma dalla matrice e pertanto soggetto a grande variabilità. Notevoli differenze nei risultati in termini di deformazione ultima ed energia di rottura, si riscontrano in campioni in cui si è utilizzato o meno il promotore di adesione Betontex IPN01. Il perfetto comportamento del sistema ai cicli di carico e scarico, con ripresa delle caratteristiche e del comportamento meccanico ad ogni successiva fase di ricarico, è un buon indice di adeguatezza di questa tecnologia e del relativo materiale in possibili condizioni generate da un sisma. Nella tabella seguente si riassumono i valori di carico ed il modo di rottura delle prove cicliche. Tabella 3. Valori di Carico Ultimo in prove ciclica di carico e scarico. Calce utilizzata CA1 Rinforzo Carico massimo P Deformazione a rottura ε Resistenza a trazione F (*) Modo di rottura KN % MPa RC170 TH12 RC170 TH12 Senza IPN 6,22 1, Rottura fibra 3,90 1, Sfilamento fibra 3,41 1, Rottura fibra 1,87 1, Sfilamento fibra Senza IPN (*) Riferita alla sezione della fibra nel provino 7 Prove di aderenza per taglio, su laterizio (5) Le prove di aderenza per taglio sono state realizzate impiegando una speciale tecnologia e una attrezzatura messa a punto dal CIRI-E&C- Università di Bologna, che consente di misurare il comportamento del sistema rinforzato, quando il rinforzo è soggetto ad una trazione lungo l asse longitudinale. Tali prove sono finalizzate a determinare il modo di rottura dei vari campioni. Nel caso specifico le prove sono state eseguite su campioni ottenuti con malte base calce del tipo CA1 applicate su supporto in laterizio. In Fig. 13 viene rappresentato lo schema sperimentale per la prova modificato per la prova di adesione al supporto in laterizio. 10

11 FIg. 13 Set-Up di prova di aderenza per taglio, supporto in laterizio La preparazione dei provini è stata eseguita con la stessa procedura dei campioni preparati per le prove a trazione usando come supporto il laterizio di prova. Prima dell applicazione il laterizio è stato accuratamente pulito e bagnato; si è quindi proceduto alla preparazione del campione laminando due strati di malta da 3 mm di spessore, con interposta la rete di rinforzo trattata in superficie con il promotore di adesione Betontex IPN 01 (spessore finale circa 6 mm). Il provino, le cui dimensioni sono riportate in Fig. 14, è composto da una zona d adesione laterizio-frcm e da una zona libera di aggancio per la macchina di prova. Fig. 14 Dimensioni del provino supportato sul laterizio. 11

12 7.1 Prove con rete in RC170 TH12 Le prove sono state eseguite su campioni preparati impiegando il promotore di adesione IPN 01, e alcuni campioni senza promotore di adesione. I risultati sono riportati nella tabella seguente: Tabella 3. Prove di aderenza per taglio su laterizio di campioni di FRCM con malta a base calce (tipo CA1) con rete in carbonio RC170 TH12 Rinforzo Modo di rottura Allungamento al carico massimo Carico raggiunto (KN) (mm) (KN) RC170 TH12 con IPN RC170 TH12 con IPN RC170 TH12 Senza IPN Rottura della fibra Rottura della fibra Sfilamento della fibra 0,22 Rottura Fibra 0,23 Rottura Fibra 0,09 1,36 Durante la prova sono state rilevate le fessurazioni, la loro propagazione e la variazione del loro profilo. Nelle due figure seguenti sono riportate le mappe delle deformazioni corrispondenti ad assegnati livelli di forza prossimi alla crisi, per un campione con IPN e un campione senza IPN. Fig. 15A con IPN, al carico di 1.90 KN Fig. 15B senza IPN al carico di 0,604 KN Fig. 15 Mappa delle deformazioni corrispondenti ai campioni A (con IPN), B (senza IPN) Dalle figure riportate nelle mappe di fig. 15 in primis si può osservare come la fessurazione parta vicino al lato della trazione del provino. Si può osservare che il campione A con IPN presenta una fessurazione diffusa con piccole dimensioni (colore azzurro) ad un carico di 1,90 KN, mentre il campione senza IPN presenta poche fessure di grande dimensione vicine al lato trazione; già con un carico di 0,604 KN, questo campione si romperà per sfilamento della fibra. 12

13 7.2- Prove con rete in, RV 320 AR Nella tabella seguente vengono riportati i risultati delle prove su campioni con IPN e senza IPN Rinforzo Modo di rottura Allungamento al carico massimo Carico raggiunto (KN) (mm) (KN) con IPN con IPN Senza IPN Rottura della fibra Rottura della fibra Sfilamento della fibra 0,20 Rottura fibra 0,30 Rottura fibra 0,058 0,50 Le mappe riportano lo stato fessurativo di due campioni con e senza IPN, analogamente alle prove condotte sulla rete in carbonio. Fig. 16A con IPN, al carico di KN Fig. 16B senza IPN al carico di 0,130 KN Fig. 16 Mappa delle deformazioni corrispondenti al campione A con IPN e B senza IPN Dall analisi delle mappe di fig.16, si può evincere come la fessurazione parta vicino al lato della trazione del provino e come il campione A con IPN presenti una fessurazione diffusa con piccole dimensioni (colore azzurro-lilla) ad un carico di 1,379 KN, al contrario del campione senza IPN che presenta poche fessure di grande dimensione (colore rosso) vicine al lato trazione; già ad un carico di 0,604 KN, quest ultimo campione si romperà per sfilamento della fibra. 13

14 CONCLUSIONI I dati riportati mostrano chiaramente che il sistema Betontex IPN 01 utilizzato come promotore di adesione crea un ottima interazione tra fibra IPN Matrice, anche nel caso in cui la matrice sia a base calce, dando luogo ad un adesione che porta gli FRCM a comportarsi come veri materiali compositi. Gli ottimi risultati ottenuti utilizzando il promotore di adesione Betontex IPN 01, in termini di proprietà meccaniche, consentono di fornire ai progettisti dati certi per la progettazione e la verifica dell idoneità dei materiali applicati. I prodotti FRCM privi di adesione fibra-matrice, a parità di rinforzo utilizzato, presentano valori di carico molto bassi, decisamente inferiori agli FRCM dotati di adesione fibra-matrice. La sperimentazione ha anche evidenziato che, in mancanza di adesione fibra-matrice, il materiale, sottoposto a carico, presenta una crisi dovuta allo sfilamento della fibra, meccanismo che crea una notevole incertezza nelle definizione delle caratteristiche dei materiali che dovranno essere utilizzati in fase di progettazione. E noto che in qualsiasi componente in composito, e ancora di più negli FRCM, le proprietà meccaniche non saranno mai uguali a quelle del filato costituente il rinforzo, ma tanto più si avvicineranno a tali valori quanto più la matrice riuscirà a legarsi con la fibra. I nuovi sistemi IPN possono essere utilizzati nel rinforzo delle murature direttamente come resina per adesione e impregnazione (FRP) e come promotori di adesione con malte a base calce o malte cementizie, dando luogo a sistemi FRCM di alta qualità. Bibliografia 1- Ardea Guida ai prodotti Betontex IPN, Ardea Progetti e Sistemi s.r.l., Ed J.M. O Neil, Factor contributing to the degradation of aramide and poly (p-phenylene benzobisoxazole) fibers under elevated temperature and humidity conditions, Texas A&M University, A. Coricciati, P. Corvaglia, G. Mosheyey, Durability of fibers in aggressive alkaline environment Department of Materials and Structures Engineering, Consorzio CETMA, Brindisi, Italy 4- Certificati e prove DICAM ( ), Università di Bologna Ardea Progetti e Sistemi srl 5- Rapporto Prova CIRI Università di Bologna ( ), Ardea Progetti e Sistemi srl RINGRAZIAMENTI Si ringrazia il Prof Marco Savoia e lo Staff del CIRI e del DICAM dell Università di Bologna, per la preziosa collaborazione prestata durante questa ricerca. ATTENZIONE: I dati riportati sono di esclusiva proprietà di Ardea Progetti e Sistemi S.r.l. e possono essere utilizzati unicamente dai Progettisti a fini professionali legati alla progettazione e non possono essere riprodotti in toto ed in parte per qualsiasi motivo senza l Autorizzazione di Ardea Progetti e Sistemi S.r.l. 14

15 CARATTERISTICHE DEL SISTEMA IPN COMBINAZIONE DI RESINE /ADESIVI IPN E RINFORZI APPOSITAMENTE PROGETTATI ECOLOGICAMENTE PERFETTO SISTEMA DI RESINE ALL ACQUA, SENZA IMPIEGO DI SOLVENTI O MONOMERI VOLATILI. TUTTI I COMPONENTI DEL SISTEMA SONO DI USO TRADIZIONALE IN EDILIZIA COMPATIBILE E CHIMICAMENTE INERTE IL SISTEMA NON MODIFICA CHIMICAMENTE LE FIBRE CON CUI VIENE A CONTATTO. PRESENTA UN PH NEUTRO E UNA ELEVATA ADESIONE ALLE FIBRE DI QUALSIASI NATURA: CARBONIO, VETRO AR, ARAMIDE, POLIMERI A CRISTALLI LIQUIDI, POLICONDENSATI, POLIARILATI. COMPATIBILE CON LE MALTE E GLI AMBIENTI ALCALINI, PRESENTA UNA ELEVATA ADESIONE AI SUPPORTI A BASE CEMENTO, CALCESTRUZZO, CALCE E LEGNO RESISTENZA ALLA TEMPERATURA NON PRESENTA ALCUNA FUSIONE O TRANSIZIONE DEL SECONDO ORDINE (Tg) RISULTA TERMICAMENTE INERTE OLTRE LA TEMPERATURA DI DECOMPOSIZIONE DELLE MALTE E DEI CALCESTRUZZI NON BRUCIA COMPORTAMENTO AL FUOCO, CLASSE 1 (UNO) SECONDO METODO UNI 9177 (1987) MICRO POROSITA DELLA STRUTTURA PERMEABILE AL VAPORE D ACQUA, CONSENTE LA TRASPIRABILITÀ DELLA STRUTTURA, ACCOMPAGNATO DA UN BASSO ASSORBIMENTO D ACQUA ELEVATE PROPRIETA MECCANICHE IN PROVE DI TRAZIONE MOSTRA UNA RESISTENZAMECCANICA DEL RINFORZO IMPREGNATO, EQUIVALENTE ALL 80 % DI UN COMPOSITO PREPARATO CON RESINA EPOSSIDICA ELEVATA ENERGIA DI DEFORMAZIONE IN COMBINAZIONE CON MATRICI CEMENTIZIE O A BASE CALCE, DATA L ELEVATA CAPACITÀ DI ADESIONE E DI COMPATIBILITÀ DELLE RESINE IPN, IN UN PROVINO SOTTOPOSTO A TRAZIONE, CAMBIA COMPLETAMENTE IL QUADRO FESSURATIVO DELLA MALTA, CON SVILUPPO DI ELEVATE DEFORMAZIONI A ROTTURA ED ELEVATO ASSORBIMENTO DI ENERGIA, SENZA DISTACCO DELLA MALTA DAL RINFORZO 15

16 CARATTERISTICHE DEI SISTEMI DI RINFORZO FRP COMPOSITI A MATRICE ORGANICA SISTEMA EPOSSIDICO SISTEMA IPN PROPRIETA FRCM COMPOSITI A MATRICE INORGANICA MODIFICATA SISTEMA CEMENTIZIO IPN SISTEMA CEMENTIZIO MODIFICATO min min Tempo Utile Applicazione matrice min min 100 C Brucia in presenza di Aria 180 C Non brucia Resistenza alla Temperatura Resistenza al Fuoco 160 C Non brucia 130 C Non brucia Bicomponente Bicomponente Sistema Bicomponente Bicomponente Superficie asciutta Sempre Applicabilità in ambiente umido Sempre Sempre Ottima Ottima Durabilità in ambiente umido Ottima Ottima Compatibilità matrice/rinforzo Ottima Ottima Impregnazione Fibra Ottimo Buono Legame fibra matrice Ottime Buone Proprietà meccaniche Ottima Ottima Ottima Buono Buone Solo con Assente Assente Assente Scarse Proprietà meccaniche del composito riferite a (100 %) epossidica No Si Permeabilità al Vapore 70 Max 40 Si No Assimilabile rifiuto urbano Assimilabile rifiuto urbano Smaltimento Rifiuti Assimilabile materiale edile Assimilabile Materiale edile 16

GUIDA AI PRODOTTI BETONTEX IPN SISTEMA BETONTEX IPN INTERPENETRATED POLYMER NETWORK PER IL RINFORZO DI STRUTTURE EDILI

GUIDA AI PRODOTTI BETONTEX IPN SISTEMA BETONTEX IPN INTERPENETRATED POLYMER NETWORK PER IL RINFORZO DI STRUTTURE EDILI LE GUIDE BETONTEX GUIDA AI PRODOTTI BETONTEX IPN SISTEMA BETONTEX IPN INTERPENETRATED POLYMER NETWORK PER IL RINFORZO DI STRUTTURE EDILI UN NUOVO SISTEMA BASATO SU RESINE ALL ACQUA A STRUTTURA RETICOLATA

Dettagli

TD13C. Betoncino strutturale di consolidamento e collaborazione statica

TD13C. Betoncino strutturale di consolidamento e collaborazione statica pag. 1 di 6 DESCRIZIONE è un betoncino pronto strutturale, reoplastico, antiritiro, ad alta resistenza meccanica, di calce idraulica naturale NHL 5 ed inerti selezionati. è ideale negli interventi di consolidamento,

Dettagli

FIDGLASS GRID 120 AR73

FIDGLASS GRID 120 AR73 Proprietà geometriche e meccaniche* -Giugno 2012- Fibra secca (singolo filamento) Tensione caratteristica a trazione, σ fibra 2000 MPa Modulo elastico, E fibra 75 GPa Deformazione a rottura, ε fibra 2,80

Dettagli

FIDFLAX GRID 300 HS20

FIDFLAX GRID 300 HS20 Proprietà geometriche e meccaniche* -Maggio 2012- Fibra secca (filato) Tensione caratteristica a trazione, σ fibra 512 MPa Modulo elastico, E fibra 21,4 GPa Deformazione a rottura, ε fibra 3,27 % Densità

Dettagli

Prodotti per l Edilizia e il Restauro - Tecnologie per l Ambiente e le Infrastrutture

Prodotti per l Edilizia e il Restauro - Tecnologie per l Ambiente e le Infrastrutture S.r.l. Prodotti per l Edilizia e il Restauro - Tecnologie per l Ambiente e le Infrastrutture DESCRIZIONE L uso dei rinforzi FRP SYTEM per il consolidamento di strutture in c.a., murature, legno e acciaio

Dettagli

ESEMPIO DI CARATTERIZZAZIONE DI ALCUNI PRODOTTI TIPICI DI RIPRISTINO AD ALTA DURABILITA

ESEMPIO DI CARATTERIZZAZIONE DI ALCUNI PRODOTTI TIPICI DI RIPRISTINO AD ALTA DURABILITA ESEMPIO DI CARATTERIZZAZIONE DI ALCUNI PRODOTTI TIPICI DI RIPRISTINO AD ALTA DURABILITA 1 Progetto CARFIB integrato ai sistemi VHDRS MuCis 4. I SISTEMI RAZIONALI DI RINFORZO CON COMPOSITI NELLE COSTRUZIONI

Dettagli

MADE EXPO 2011. Ardea srl - Prof. Lino Credali

MADE EXPO 2011. Ardea srl - Prof. Lino Credali MADE EXPO 2011 La nostra organizzazione ARDEA PROGETTI S.r.l. E SISTEMI PRODUZIONE E VENDITA PROGETTAZIONE ASSISTENZA TECNICA RINFORZI FRP: Ardea S.r.l. FTS s.p.a. RESINE: Ardea S.r.l. Formulazione e Componenti

Dettagli

www.mpmsrl.com rinforzo statico con fibre di carbonio carbostar materiali protettivi milano

www.mpmsrl.com rinforzo statico con fibre di carbonio carbostar materiali protettivi milano www.mpmsrl.com rinforzo statico con fibre di carbonio carbostar materiali protettivi milano Tradizione, esperienza, innovazione tecnologica. mpm - Materiali Protettivi Milano - s.r.l. è un azienda italiana,

Dettagli

SISTEMA ANTIRIBALTAMENTO PRE E POST SISMA PER TRAMEZZI, TAMPONATURE, PARTIZIONI

SISTEMA ANTIRIBALTAMENTO PRE E POST SISMA PER TRAMEZZI, TAMPONATURE, PARTIZIONI SISTEMA ANTIRIBALTAMENTO PRE E POST SISMA PER TRAMEZZI, TAMPONATURE, PARTIZIONI SCHEMA APPLICATIVO 1) Chiusura con malta bicomponente tipo BS 38/39 2,5 MuCis 2) realizzazione del foro e inserimento del

Dettagli

Very High Durability Repair & Prevention Systems

Very High Durability Repair & Prevention Systems 18 FASCIATURE CON MATERIALI COMPOSITI: STRUTTURE VOLTATE IN MATTONI O PIETRA INDICE ANALITICO DELLE OPERE a) Preparazione del supporto b) Preparazione delle piste che ospiteranno il tessuto in materiale

Dettagli

. Pagina 210 D E S C R I Z I O N E

. Pagina 210 D E S C R I Z I O N E 1 Pagina 209 C RIPRISTINI STRUTTURALI C01 Preparazioni delle superfici C02 Inghisaggi, ancoraggi ed iniezioni nel cemento armato C03 Ripristino del cemento armato C04 Rinforzo strutturale del cemento armato

Dettagli

NOBILIUM VEL. Velo per armatura di fibra NOBILIUM SCHEDA TECNICO-COMPARATIVA

NOBILIUM VEL. Velo per armatura di fibra NOBILIUM SCHEDA TECNICO-COMPARATIVA NOBILIUM VEL Velo per armatura di fibra NOBILIUM SCHEDA TECNICO-COMPARATIVA Origine: Il velo è un prodotto relativamente nuovo nel settore edilizio ed è principalmente associato alla fibra di vetro e/o

Dettagli

www.mpmsrl.com rinforzo statico con fibre di carbonio carbostar materiali protettivi milano

www.mpmsrl.com rinforzo statico con fibre di carbonio carbostar materiali protettivi milano www.mpmsrl.com rinforzo statico con fibre di carbonio carbostar materiali protettivi milano Tradizione, esperienza, innovazione tecnologica. Da oltre 50 anni MPM materiali protettivi milano s.r.l opera

Dettagli

IO NON TREMO la prevenzione del rischio sismico Efficienza energetica e conservazione della muratura antisismica Fano 13 28 aprile 2013

IO NON TREMO la prevenzione del rischio sismico Efficienza energetica e conservazione della muratura antisismica Fano 13 28 aprile 2013 IO NON TREMO la prevenzione del rischio sismico Efficienza energetica e conservazione della muratura antisismica Fano 13 28 aprile 2013 IL CONSOLIDAMENTO DI MURATURE STORICHE ovvero: valutazione e caratteristiche

Dettagli

Soluzioni per edifici in muratura Sistemi Sika per il risanamento, la deumidificazione, il consolidamento e il rinforzo

Soluzioni per edifici in muratura Sistemi Sika per il risanamento, la deumidificazione, il consolidamento e il rinforzo Soluzioni per edifici in muratura Sistemi Sika per il risanamento, la deumidificazione, il consolidamento e il rinforzo Indice Risanamento, Deumidificazione e leganti Consolidamento idraulici. Sistemi

Dettagli

Malte standard Prodotti cementizi compositi di ultima generazione: Confronto tra le proprietà fisico-meccaniche

Malte standard Prodotti cementizi compositi di ultima generazione: Confronto tra le proprietà fisico-meccaniche Malte standard Prodotti cementizi compositi di ultima generazione: Confronto tra le proprietà fisico-meccaniche malte standard Refor-tec UHPC HPFRCC HFE-tec SHCC ECC Modulo elastico [GPa] 8-30 40-50 8-25

Dettagli

RELAZIONE DI FINE TIROCINIO

RELAZIONE DI FINE TIROCINIO RELAZIONE DI FINE TIROCINIO Laurea magistrale in ingegneria civile per la protezione del territorio dai rischi naturali A.A. 2014/2015 CARATTERIZZAZIONE DI MATERIALI COMPOSITI FRCM MEDIANTE PROVE A TRAZIONE

Dettagli

Ruredil linea. Sistemi di rinforzo e connessione strutturale con fibra in PBO. e matrice inorganica ecocompatibile

Ruredil linea. Sistemi di rinforzo e connessione strutturale con fibra in PBO. e matrice inorganica ecocompatibile innovazione Ruredil mondiale linea Sistemi di rinforzo e connessione strutturale con fibra in PBO e matrice inorganica ecocompatibile specifici per supporti in calcestruzzo e muratura Rinforzi strutturali

Dettagli

Piano di Manutenzione delle Parte Strutturale dell Opera

Piano di Manutenzione delle Parte Strutturale dell Opera Piano di Manutenzione delle Parte Strutturale dell Opera (Ai sensi del D.M. 14.01.2008, art. 10.1) 1. Premessa Il presente Piano di manutenzione è relativo alle opere strutturali da eseguire per il ripristino

Dettagli

XR Muratura RUREGOLD. Ruredil. Ruredil. Scheda tecnica

XR Muratura RUREGOLD. Ruredil. Ruredil. Scheda tecnica XR Muratura Sistema di rinforzo strutturale FRCM con rete bidirezionale in PBO e matrice inorganica stabilizzata per il rinforzo delle costruzioni in muratura A2 CLASSE REAZIONE AL FUOCO DT 200/2004 VALIDAZIONE

Dettagli

www.seicocompositi.it soluzioni a sistemi edili innovativi e compositi

www.seicocompositi.it soluzioni a sistemi edili innovativi e compositi www.seicocompositi.it 360 soluzioni a sistemi edili innovativi e compositi L azienda SERVIZI_ PROGETTAZIONI VENDITA e ASSISTENZA Con tecnici altamente qualificati SEICO COMPOSITI offre un servizio completo

Dettagli

uredil tenuta Rinforzi strutturali sicurezza Tutti i vantaggi di una grande squadra Forza Sistemi di rinforzo composito a matrice epossidica

uredil tenuta Rinforzi strutturali sicurezza Tutti i vantaggi di una grande squadra Forza Sistemi di rinforzo composito a matrice epossidica uredil Rinforzi strutturali Sistemi di rinforzo composito a matrice epossidica Forza tenuta sicurezza Tutti i vantaggi di una grande squadra Soluzioni certificate per i rinforzi compositi a matrice epossidica.

Dettagli

Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it

Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it Università degli Studi di Cassino Progettazione Sostenibile bl di Strutture tt Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it

Dettagli

PRINCIPALI APPLICAZIONI DI MATERIALE FIBRO-RINFORZATO IN CARBONIO

PRINCIPALI APPLICAZIONI DI MATERIALE FIBRO-RINFORZATO IN CARBONIO pull PRINCIPALI APPLICAZIONI DI MATERIALE FIBRO-RINFORZATO IN CARBONIO - Sistema IDES-Wrap con Tessuto UNI-direzionale IDES-Wrap C-UNI/220 IDES-Wrap C-UNI/320 IDES-Wrap C-UNI/420 - Sistema IDES-Wrap con

Dettagli

MALTA FINE FIBRORINFORZATA, TRADIZIONALE, ECOLOGICA E TRASPIRANTE, A PRESA AEREA PER INTONACI DI FINITURA E/O RASATURA

MALTA FINE FIBRORINFORZATA, TRADIZIONALE, ECOLOGICA E TRASPIRANTE, A PRESA AEREA PER INTONACI DI FINITURA E/O RASATURA FIBROFIN BIO NO POLVERE MALTA FINE FIBRORINFORZATA, TRADIZIONALE, ECOLOGICA E TRASPIRANTE, A PRESA AEREA PER INTONACI DI FINITURA E/O RASATURA PRODOTTO COMPOSTO DA GRASSELLO DI CALCE, AGGREGATI SILICEI

Dettagli

TECNOLOGIE DI LIQUID MOULDING

TECNOLOGIE DI LIQUID MOULDING TECNOLOGIE DI LIQUID MOULDING Tecniche legate alla produzione di materiali compositi, caratterizzate dal flusso di una matrice polimerica termoindurente (resina) attraverso un rinforzo asciutto a base

Dettagli

CONDOMINIO DE L CASTE LLO GIUSSO Restauro e risanamento conservativo, corpo A4, facciata Nord -Ovest SCHEDE MATERIALI SPECIALI DA IMPIEGARE NEI LAVORI

CONDOMINIO DE L CASTE LLO GIUSSO Restauro e risanamento conservativo, corpo A4, facciata Nord -Ovest SCHEDE MATERIALI SPECIALI DA IMPIEGARE NEI LAVORI 1 CONDOMINIO DE L CASTE LLO GIUSSO Restauro e risanamento conservativo, corpo A4, facciata Nord -Ovest SCHEDE MATERIALI SPECIALI DA IMPIEGARE NEI LAVORI Il direttore dei lavori (Prof. arch. Giulio Pane)

Dettagli

Potenzialità di materiali avanzati per il miglioramento sismico di strutture in c.a. Andrea Prota

Potenzialità di materiali avanzati per il miglioramento sismico di strutture in c.a. Andrea Prota Potenzialità di materiali avanzati per il miglioramento sismico di strutture in c.a. Andrea Prota Ricercatore di Tecnica delle Costruzioni Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università degli Studi

Dettagli

SISTEMI DECORATIVI MICROCEMENTI PER PARETI, SOFFITTI E PAVIMENTI

SISTEMI DECORATIVI MICROCEMENTI PER PARETI, SOFFITTI E PAVIMENTI SISTEMI DECORATIVI MICROCEMENTI PER PARETI, SOFFITTI E PAVIMENTI INDICE creatività FINITURE esclusività 1. IL MICROCEMENTO 4 1.1. VANTAGGI E APPLICAZIONI DEL SISTEMA SikaDecor Nature 6 1.2. STRUTTURA DEL

Dettagli

Prestazioni tipiche dei tessuti (riferite allo spessore di tessuto secco)

Prestazioni tipiche dei tessuti (riferite allo spessore di tessuto secco) FRP Sistema composito costituito da tessuti unidirezionali in fibra di carbonio, aramide e vetro impregnati in situ con matrice polimerica (Fiber Reinforced Polymer) per il rinforzo di elementi in calcestruzzo,

Dettagli

CARATTERISTICHE MATERIALE

CARATTERISTICHE MATERIALE Proprietà geometriche e meccaniche* -Maggio 2015- Nastro secco/trefolo Area effettiva di un trefolo (5 fili), A trefolo n trefoli/cm Massa (prodotto finito) Spessore equivalente del rinforzo FRP, t nastro

Dettagli

LINEA FRP SYSTEM Consolidamento strutturale. Sch. Tec. FS02

LINEA FRP SYSTEM Consolidamento strutturale. Sch. Tec. FS02 Sch. Tec. FS02 LINEA FRP SYSTEM Consolidamento strutturale Sistema di rinforzo murario con intonaci strutturali armati con reti C-NET in carbonio e G-NET in vetro AR Descrizione L uso dei rinforzi sotto

Dettagli

Analisi delle caratteristiche fisico-meccaniche dei materiali compositi, scelta di fibre e matrice, tecnologie di produzione.

Analisi delle caratteristiche fisico-meccaniche dei materiali compositi, scelta di fibre e matrice, tecnologie di produzione. Corso Tecnico Applicativo sull Utilizzo dei Materiali Compositi FRP SRG (Fibre di Carbonio, Vetro.) nel Settore Civile, dalla Conoscenza dei Materiali al Collaudo delle Opere Il corso Organizzato dal Centro

Dettagli

Ruredil. Ripristino, consolidamento e deumidificazione murature. murature

Ruredil. Ripristino, consolidamento e deumidificazione murature. murature Ruredil Ripristino, consolidamento e deumidificazione murature murature Ripristino Consolidamento DISSESTO Le strutture in muratura sono organismi complessi, i cui diversi componenti devono essere presi

Dettagli

FRP; 4 24 28/02 01/03 2013 14/15 03 2013. 550,00 450,00 10%. A

FRP; 4 24 28/02 01/03 2013 14/15 03 2013. 550,00 450,00 10%. A Corso Tecnico Applicativo sull Utilizzo dei Materiali Compositi FRP SRG (Fibre di Carbonio, Vetro.) nel Settore Civile, dalla Conoscenza dei Materiali al Collaudo delle Opere Il corso Organizzato dal Centro

Dettagli

INTERVENTI DI RINFORZO STRUTTURALE MEDIANTE SISTEMI FRCM STRUTTURE IN C.A.

INTERVENTI DI RINFORZO STRUTTURALE MEDIANTE SISTEMI FRCM STRUTTURE IN C.A. INTERVENTI DI RINFORZO STRUTTURALE MEDIANTE SISTEMI FRCM STRUTTURE IN C.A. LE ESPERIENZE RUREDIL NEL CONSOLIDAMENTO E NEL RINFORZO CON FRCM SU EDIFICI IN C.A. casi di studio Siena 12.12.2014 Ing. Bernie

Dettagli

TRADIMALT IN 200 FIBRORINFORZATO

TRADIMALT IN 200 FIBRORINFORZATO TRADIMALT IN 200 FIBRORINFORZATO IN 200 FIBRORINFORZATO è una malta bastarda per intonaco di sottofondo tradizionale per interno ed esterno costituita da cemento, calce, inerti selezionati max 2,0 mm e

Dettagli

SISTEMA NAVI CERCOL CERCOL

SISTEMA NAVI CERCOL CERCOL Introduzione All interno di imbarcazioni, dagli yacht privati alle grandi navi da crociera, gli acciai strutturali ed inossidabili costituiscono la grande maggioranza dei sottofondi degli ambienti comuni

Dettagli

DURABILITÀ DI MALTE FIBRORINFORZATE AL VARIARE DELLA TEMPERATURA

DURABILITÀ DI MALTE FIBRORINFORZATE AL VARIARE DELLA TEMPERATURA DURABILITÀ DI MALTE FIBRORINFORZATE AL VARIARE DELLA TEMPERATURA I.Iacobini*, S.Candamano*, F.Crea* * Dipartimento di Ingegneria per l'ambiente e il Territorio e Ingegneria Chimica - DIATIC, Università

Dettagli

TECNOPOLO TALKS Il Tecnopolo della provincia di Ravenna si racconta. Materiali compositi ceramici e polimerici Laboratorio MITAI ENEA Faenza

TECNOPOLO TALKS Il Tecnopolo della provincia di Ravenna si racconta. Materiali compositi ceramici e polimerici Laboratorio MITAI ENEA Faenza TECNOPOLO TALKS Il Tecnopolo della provincia di Ravenna si racconta Materiali compositi ceramici e polimerici Laboratorio MITAI ENEA Faenza 26 Settembre 2013 MATERIALI COMPOSITI CERAMICI E POLIMERICI LINEE

Dettagli

Consolidamento di edifici esistenti in cemento armato. 2S.I. s.r.l.

Consolidamento di edifici esistenti in cemento armato. 2S.I. s.r.l. Consolidamento di edifici esistenti in cemento armato 2S.I. s.r.l. www.2si.it Ing. Marco Pizzolato Ing. Gennj Venturini 201310 Introduzione Una volta modellato un edificio esistente è possibile assegnare

Dettagli

INDICE. Premessa, XII

INDICE. Premessa, XII INDICE Premessa, XII 1. Prestazioni dei materiali e progetto, 3 1.1 Comportamento meccanico, 6 1.2 Azione dell ambiente, 6 1.3 Vita di servizio e durabilità, 11 1.4 Prevenzione del degrado, 16 1.5 Restauro,

Dettagli

Kimisteel I compositi in acciaio. Un presidio attivo, resistente alle alte temperature e traspirante, ideale per il miglioramento/adeguamento sismico

Kimisteel I compositi in acciaio. Un presidio attivo, resistente alle alte temperature e traspirante, ideale per il miglioramento/adeguamento sismico I N D I C E Kimisteel I compositi in acciaio Un presidio attivo, resistente alle alte temperature e traspirante, ideale per il miglioramento/adeguamento sismico I componenti del sistema Gli impieghi Tabella

Dettagli

Soluzioni per edifici in muratura Sistemi Sika per il risanamento, la deumidificazione, il consolidamento e il rinforzo

Soluzioni per edifici in muratura Sistemi Sika per il risanamento, la deumidificazione, il consolidamento e il rinforzo Soluzioni per edifici in muratura Sistemi Sika per il risanamento, la deumidificazione, il consolidamento e il rinforzo Indice Soluzioni Sika per gli edifici in muratura Soluzioni per gli edifici in muratura

Dettagli

Tecniche di rinforzo con materiali innovativi

Tecniche di rinforzo con materiali innovativi Interventi di recupero del patrimonio edilizio, Roma, 29.1.09 Tecniche di rinforzo con materiali innovativi Zila Rinaldi Università di Roma Tor Vergata Dip. di Ingegneria Civile Introduzione Perchè si

Dettagli

LE SOLUZIONI PAULIN UNI EN 1504 IL RISANAMENTO DEL CEMENTO ARMATO. Un intervento efficace e di lunga durata

LE SOLUZIONI PAULIN UNI EN 1504 IL RISANAMENTO DEL CEMENTO ARMATO. Un intervento efficace e di lunga durata LE SOLUZIONI PAULIN 1. Preparazione del supporto mediante completa asportazione e demolizione con l ausilio di mezzi meccanici o manuali di tutte le parti in calcestruzzo degradate o invia di distacco

Dettagli

Il Contratto di Fiume: strumento t per la gestione e riqualificazione dei paesaggi fluviali e delle aree a rischio idrogeologico

Il Contratto di Fiume: strumento t per la gestione e riqualificazione dei paesaggi fluviali e delle aree a rischio idrogeologico RemTech 2012 21 settembre Il Contratto di Fiume: strumento t per la gestione e riqualificazione dei paesaggi fluviali e delle aree a rischio idrogeologico Coordinatori: Endro Martini, Filippo M. Soccodato

Dettagli

IL RISANAMENTO DEL CEMENTO ARMATO

IL RISANAMENTO DEL CEMENTO ARMATO www.colorificiopaulin.com info@colorificiopaulin.com IL DEGRADO DEL CEMENTO ARMATO Le cause principali che determinano il degrado del cemento armato sono riconducibili principalmente a: A) Cattivo confezionamento:

Dettagli

ALLEGATO A. RELAZIONE TECNICA Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia

ALLEGATO A. RELAZIONE TECNICA Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia ALLEGATO A RELAZIONE TECNICA Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia 1 Prove sperimentali sull efficacia di supporti in polipropilene per piastrelle Nella presente relazione tecnica si riportano

Dettagli

Resistenza caratteristica del connettore, f connettore CARATTERISTICHE MATERIALE

Resistenza caratteristica del connettore, f connettore CARATTERISTICHE MATERIALE Proprietà geometriche e meccaniche* -Maggio 2012- Trefolo Tensione caratteristica a trazione, σ filo 2820 MPa Modulo elastico, E filo 190 GPa Deformazione a rottura, ε trefolo 1,50 % Connettore Carico

Dettagli

LA SICUREZZA E IL NOSTRO OBIETTIVO

LA SICUREZZA E IL NOSTRO OBIETTIVO EDILIZIA MODERNA FIBREBUILD Edilizia moderna LA SICUREZZA E IL NOSTRO OBIETTIVO L imponente patrimonio architettonico italiano comprende, oltre alle costruzioni storiche di grande valore storico e artistico,

Dettagli

ATP Via Casa Pagano,31 84012 Angri (SA) Tel +39 081 94 77 77 Fax +39 081 94 77 40 www.atp-pultrsuion.com email: a.giamundo@atp-pultrusion.

ATP Via Casa Pagano,31 84012 Angri (SA) Tel +39 081 94 77 77 Fax +39 081 94 77 40 www.atp-pultrsuion.com email: a.giamundo@atp-pultrusion. IL CONSOLIDAMENTO STATICO CON COMPOSITI PRESTAZIONALI E CONVENIENTI PREMESSA L utilizzo di materiali e tecnologie proprie dell industria dei compositi registrano, negli ultimi anni, una sempre più capillare

Dettagli

Generalità sui provvedimenti tecnici

Generalità sui provvedimenti tecnici 14 Problemi Strutturali dei Monumenti e dell Edilizia Storica Immagini lezioni 2012 Generalità sui provvedimenti tecnici fuori piano arch. Mariateresa Guadagnuolo 1 Sintesi schematica di dissesti da sisma

Dettagli

STEEL NET SRG-SRP. SYSTEM Tessuto unidirezionale in fibra di acciaio ad altissima resistenza per il rinforzo strutturale

STEEL NET SRG-SRP. SYSTEM Tessuto unidirezionale in fibra di acciaio ad altissima resistenza per il rinforzo strutturale STEEL NET SRG-SRP Sch. Tec. FS03 LINEA STEEL NET SRG-SRP SYSTEM Consolidamento strutturale SYSTEM Tessuto unidirezionale in fibra di acciaio ad altissima resistenza per il rinforzo strutturale Descrizione

Dettagli

componente A: bianco - componente B: nero - A+B: grigio cemento

componente A: bianco - componente B: nero - A+B: grigio cemento Scheda Tecnica Edizione 07.09.15 Identification no. 02 04 02 03 001 0 000120-000119 Sikadur -32 Sikadur -32 Resina epossidica fluida bicomponente per riprese di getto Descrizione Prodotto Sikadur -32 è

Dettagli

INFLUENZA DEL SISTEMA DI RINFORZO SU COMPORTAMENTO MECCANICO DI TRAVI IN C.A. RINFORZATE CON NASTRI FRP (FIBER REINFORCED POLYMERS)

INFLUENZA DEL SISTEMA DI RINFORZO SU COMPORTAMENTO MECCANICO DI TRAVI IN C.A. RINFORZATE CON NASTRI FRP (FIBER REINFORCED POLYMERS) Estratto dagli atti del 15 Congresso C.T.E. Bari, 4-5-6 novembre 2004 INFLUENZA DEL SISTEMA DI RINFORZO SU COMPORTAMENTO MECCANICO DI TRAVI IN C.A. RINFORZATE CON NASTRI FRP (FIBER REINFORCED POLYMERS)

Dettagli

RINFORZO STRUTTURALE CON FIBRE DI CARBONIO

RINFORZO STRUTTURALE CON FIBRE DI CARBONIO RINFORZO STRUTTURALE CON FIBRE DI CARBONIO Capacità portante: quando e come intervenire. Durante la vita di un edificio o di una struttura può accadere che la capacità portante non risulti più adeguata

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

Principali campi di applicazione Iniezioni di consolidamento (anche armate) su: - paramenti murari; - volte ed archi; - fondazioni.

Principali campi di applicazione Iniezioni di consolidamento (anche armate) su: - paramenti murari; - volte ed archi; - fondazioni. ALBARIA INIEZIONE Boiacca di calce pozzolanica, priva di cemento, di colore bianco, per le iniezioni di consolidamento delle murature. Non rilascia sali idrosolubili e non induce formazione di efflorescenze

Dettagli

Plastivo 250 VOLTECO. Il prodotto. Dove si impiega

Plastivo 250 VOLTECO. Il prodotto. Dove si impiega Plastivo 250 Il prodotto è un rivestimento impermeabile ad elevata elasticità composto da inerti, leganti cementizi e polimeri acrilici che, dopo la miscelazione, consente la realizzazione di una guaina

Dettagli

MENSA UNIVERSITARIA CAMMEO VIALE CAMMEO n. 51 - PISA A4 RELAZIONE SUI MATERIALI IMPIEGATI

MENSA UNIVERSITARIA CAMMEO VIALE CAMMEO n. 51 - PISA A4 RELAZIONE SUI MATERIALI IMPIEGATI Claudio Barandoni Pisa 01/07/2015 Ingegnere Civile Edile Dottore di Ricerca in Materiali e strutture per L Architettura Via F. Rismondo, 39 56123 PISA MENSA UNIVERSITARIA CAMMEO VIALE CAMMEO n. 51 - PISA

Dettagli

DISPOSITIVI MECCANICI PER L ANCORAGGIO L LAMINE DI FRP NEGLI INTERVENTI DI RINFORZO A FLESSIONE O A PRESSOFLESSIONE DI ELEMENTI STRUTTURALI DI C.A.

DISPOSITIVI MECCANICI PER L ANCORAGGIO L LAMINE DI FRP NEGLI INTERVENTI DI RINFORZO A FLESSIONE O A PRESSOFLESSIONE DI ELEMENTI STRUTTURALI DI C.A. Materiali ed Approcci Innovativi per il Progetto in Zona Sismica e la Mitigazione della Vulnerabilità delle Strutture Università degli Studi di Salerno, 12-13 13 Febbraio 2007 DISPOSITIVI MECCANICI PER

Dettagli

FRP PROFILES PROFILI STRUTTURALI IN MATERIALE COMPOSITO

FRP PROFILES PROFILI STRUTTURALI IN MATERIALE COMPOSITO FRP PROFILES 2008 FRP PROFILES PROFILI STRUTTURALI IN MATERIALE COMPOSITO COSA SONO I PROFILI PULTRUSI? I Profili Pultrusi sono elementi in profilo sottile di materiale composito ottenuti con la tecnica

Dettagli

La verifica termoigrometrica. Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia

La verifica termoigrometrica. Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia La verifica termoigrometrica Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia 1 - Igrometria: l aria umida - Temperatura di rugiada, umidità specifica e umidità relativa - Il controllo dell umidità: requisiti

Dettagli

Il costo del corso è di 450.00 iva esclusa; agli iscritti degli ordini professionali della Sicilia è riservato uno sconto del 10%.

Il costo del corso è di 450.00 iva esclusa; agli iscritti degli ordini professionali della Sicilia è riservato uno sconto del 10%. Corso Tecnico Applicativo sull Utilizzo dei Materiali Compositi FRP SRG (Fibre di Carbonio, Vetro.) nel Settore Civile, dalla Conoscenza dei Materiali al Collaudo delle Opere Il corso Organizzato dal Centro

Dettagli

FIBRE DI CARBONIO. Descrizione

FIBRE DI CARBONIO. Descrizione 1 Con tessuto undirezionale del peso di ca. 200 gr/mq. Primo strato. Componente U.m. Quantità Costo unit. Operaio specializzato ora 2,0000 27,86 55,72 Operaio qualificato ora 1,0000 25,98 25,98 Operaio

Dettagli

TECNICHE INNOVATIVE DI INTERVENTO SUL PATRIMONIO EDILIZIO

TECNICHE INNOVATIVE DI INTERVENTO SUL PATRIMONIO EDILIZIO TECNICHE INNOVATIVE DI INTERVENTO SUL PATRIMONIO EDILIZIO RINFORZO CON COMPOSITI COSTITUITI DA MATRICE IN MALTA CEMENTIZIA E RETI IN FIBRE DI CARBONIO E IN FIBRE DI VETRO Silvia Briccoli Bati Dipartimento

Dettagli

Ruredil. Ripristino e protezione calcestruzzo. calcestruzzo

Ruredil. Ripristino e protezione calcestruzzo. calcestruzzo Ruredil Ripristino e protezione calcestruzzo calcestruzzo Ripristino e Protezione CARATTERISTICHE Il calcestruzzo è il materiale da costruzione di gran lunga più impiegato nell ultimo secolo, anche se

Dettagli

Indice Capitolo 1 I leganti e il loro impiego nel settore delle costruzioni Capitolo 2 Il cemento Portland, le aggiunte minerali e i cementi comuni

Indice Capitolo 1 I leganti e il loro impiego nel settore delle costruzioni Capitolo 2 Il cemento Portland, le aggiunte minerali e i cementi comuni Indice Capitolo 1 I leganti e il loro impiego nel settore delle costruzioni 1.1 Introduzione 1.2 Leganti aerei e idraulici 1.3 Il gesso 1.4 La calce aerea 1.5 Le calci idrauliche 1.6 Dalle calci idrauliche

Dettagli

Vlt Volte e portali murari rinforzati con FRP

Vlt Volte e portali murari rinforzati con FRP Roma, 29 gennaio 2009 Convegno Sika INTERVENTI DI RECUPERO DEL PATRIMONIO EDILIZIO: utilizzo di materiali fibrorinforzati e malte da ripristino Vlt Volte e portali murari rinforzati con FRP Ugo Ianniruberto

Dettagli

Messa in sicurezza Rinforzi Strutturali Adeguamenti Sismici Resistenza al Fuoco Anticorrosione

Messa in sicurezza Rinforzi Strutturali Adeguamenti Sismici Resistenza al Fuoco Anticorrosione News TECHNOLOGY MICROCALCESTRUZZI Duttili ad Elevata Energia di Frattura e Rapida o Rapidissima Agibilità Strutturale HPFRC - High Performance Fiber Reinforced Concretes UHPFRCC - Ultra High Performance

Dettagli

certificazioni per il rinforzo strutturale delle costruzioni in muratura

certificazioni per il rinforzo strutturale delle costruzioni in muratura certificazioni per il rinforzo strutturale delle costruzioni in muratura tecnologie e soluzioni per l edilizia moderna certificazioni per il rinforzo s Indice pag. 3] pag. 4] delle costr in muratura Introduzione

Dettagli

RINFORZO DI STRUTTURE MURARIE

RINFORZO DI STRUTTURE MURARIE CNR-DT 200/2004 Istruzioni per la Progettazione, l Esecuzione ed il Controllo di Interventi di Consolidamento Statico mediante l utilizzo dicompositi Fibrorinforzati Materiali, strutture in c.a. e in c.a.p.,

Dettagli

PRINCIPALI APPLICAZIONI DI MATERIALE FIBRO-RINFORZATO IN CARBONIO

PRINCIPALI APPLICAZIONI DI MATERIALE FIBRO-RINFORZATO IN CARBONIO pull PRINCIPALI APPLICAZIONI DI MATERIALE FIBRO-RINFORZATO IN CARBONIO - Sistema IDES-Wrap con Tessuto BI-assiale IDES-Wrap C-BI/188 IDES-Wrap C-BI/320 Pagina 1 di 5 Sistema IDES-Wrap con Tessuto BI-assiale

Dettagli

Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti

Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti Modifica dell organismo strutturale con aggiunta di nuovi elementi strutturali Incatenamenti di volte o di strutture spingenti Gli interventi sulle strutture ad arco o a volta possono essere realizzati

Dettagli

Tecniche di rinforzo e consolidamento edifici esistenti con sistemi FRCM casi studio di edifici in muratura Ing. Bernie Baietti

Tecniche di rinforzo e consolidamento edifici esistenti con sistemi FRCM casi studio di edifici in muratura Ing. Bernie Baietti Tecniche di rinforzo e consolidamento edifici esistenti con sistemi FRCM casi studio di edifici in muratura Ing. Bernie Baietti Siena 12.12.2014 CARATTERISTICHE DEI MATERIALI RUREDIL LINEA RUREWALL (POZZOLANICA)

Dettagli

Massetti-specifiche tecniche e prescrizioni

Massetti-specifiche tecniche e prescrizioni Massetti-specifiche tecniche e prescrizioni 2 3 Riscaldamento a pavimento ciclo di preaccensione Operazione prevista dalle norme UNI 11371 e 1264.4 oltre al Manuale IL PARQUET Affinchè il risultato finale

Dettagli

Annalisa Tirella a.tirella@centropiaggio.unipi.it 04/04/2013

Annalisa Tirella a.tirella@centropiaggio.unipi.it 04/04/2013 I materiali compositi Annalisa Tirella a.tirella@centropiaggio.unipi.it 04/04/2013 Definizione Composizione Classificazione Proprietà Materialicomposi5 Matricepolimerica Matricemetallica Matriceceramica

Dettagli

Macrorinforzo delle pavimentazioni flessibili con GEOSINTETICI

Macrorinforzo delle pavimentazioni flessibili con GEOSINTETICI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria DCT ICAR/04 STRADE, FERROVIE, AEROPORTI Macrorinforzo delle pavimentazioni flessibili con GEOSINTETICI Ing. Nicola Baldo e-mail: nicola.baldo@unipd.it

Dettagli

SCIENZA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI COMPOSITI A MATRICE POLIMERICA

SCIENZA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI COMPOSITI A MATRICE POLIMERICA Università degli studi di Messina Corso di laurea in INGEGNERIA DEI MATERIALI SCIENZA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI COMPOSITI A MATRICE POLIMERICA Prof. A.M.Visco Lezione T 2 : Processi di realizzazione di

Dettagli

Cos è il nastro autoadesivo?

Cos è il nastro autoadesivo? Cos è il nastro autoadesivo? Per nastro autoadesivo si intende una striscia di materiale che può aderire con la semplice pressione su varie superfici senza la necessità di calore, umettatura od altro.

Dettagli

Rinforzo e messa in sicurezza di strutture in muratura mediante materiali compositi.

Rinforzo e messa in sicurezza di strutture in muratura mediante materiali compositi. I materiali compositi nella riqualificazione strutturale ed antisismica. Normative, criteri di calcolo, verifiche strutturali, tecnologie ed interventi. Mantova, 4 Ottobre 2012 Rinforzo e messa in sicurezza

Dettagli

C A P I T O L A T I SISTEMI D ISOLAMENTO TERMICO PER ESTERNI A CAPPOTTO

C A P I T O L A T I SISTEMI D ISOLAMENTO TERMICO PER ESTERNI A CAPPOTTO C A P I T O L A T I SISTEMI D ISOLAMENTO TERMICO PER ESTERNI A CAPPOTTO CON PANNELLI IN FIBRE DI LEGNO (WF) CAPITOLATO GENERALE SISTEMI D ISOLAMENTO TERMICO PER ESTERNI A CAPPOTTO CON PANNELLI IN FIBRE

Dettagli

Via Sorte 2/4 24030 Barzana (BG) Italy -Tel. +39 035 554811 Fax +39 035 554816 info@tecnochem.it www.tecnochem.it

Via Sorte 2/4 24030 Barzana (BG) Italy -Tel. +39 035 554811 Fax +39 035 554816 info@tecnochem.it www.tecnochem.it Via Sorte 2/4 24030 Barzana (BG) Italy -Tel. +39 035 554811 Fax +39 035 554816 info@tecnochem.it www.tecnochem.it News TECHNOLOGY FRP - Fiber Reinforced Polymers INNOVAZIONE Tessuti e lamine e connettori

Dettagli

SEYBILASTIK ADESIVO EPOSSIPOLIURETANICO ADESIVO REATTIVO BICOMPONENTE ALTAMENTE DEFORMABILE PER LA POSA DI PIASTRELLE CERAMICHE E MATERIALI LAPIDEI

SEYBILASTIK ADESIVO EPOSSIPOLIURETANICO ADESIVO REATTIVO BICOMPONENTE ALTAMENTE DEFORMABILE PER LA POSA DI PIASTRELLE CERAMICHE E MATERIALI LAPIDEI ADESIVO EPOSSIPOLIURETANICO SEYBILASTIK ADESIVO REATTIVO BICOMPONENTE ALTAMENTE DEFORMABILE PER LA POSA DI PIASTRELLE CERAMICHE E MATERIALI LAPIDEI OTTIMA LAVORABILITÀ RAPIDO ANTISCIVOLO DEFORMABILE GRANDI

Dettagli

Calibro Plus Evaporation

Calibro Plus Evaporation Calibro Plus Evaporation Il prodotto CALIBRO P. E., è un sistema specificatamente formulato per realizzare intonaci antiumidità, antisale ed anticondensa su murature umide. È costituito dalla combinazione

Dettagli

Sistemi di rinforzo e connessione strutturale. con fibra in PBO e matrice inorganica ecocompatibile, specifici per supporti in calcestruzzo e muratura

Sistemi di rinforzo e connessione strutturale. con fibra in PBO e matrice inorganica ecocompatibile, specifici per supporti in calcestruzzo e muratura Sistemi e connessione strutturale con fibra in PBO e matrice inorganica ecocompatibile, specifici per supporti in calcestruzzo e muratura Sistema composito FRM con rete in PBO e matrice inorganica ecocompatibile

Dettagli

L utilizzo di materiali fibrorinforzati per interventi su strutture esistenti in accordo alle NTC del DM 2008

L utilizzo di materiali fibrorinforzati per interventi su strutture esistenti in accordo alle NTC del DM 2008 L utilizzo di materiali fibrorinforzati per interventi su strutture esistenti in accordo alle NTC del DM 2008 Carlo Poggi - Giulia Fava Dipartimento di Ingegneria Strutturale Politecnico di Milano Compositi

Dettagli

ESEMPI DI ADEGUAMENTO SISMICO DI EDIFICI ESISTENTI

ESEMPI DI ADEGUAMENTO SISMICO DI EDIFICI ESISTENTI VULNERABILITA SISMICA DEGLI EDIFICI ESISTENTI: DIAGNOSI E CONSOLIDAMENTO ESEMPI DI ADEGUAMENTO SISMICO DI EDIFICI ESISTENTI ing. Giacomo Iannis (TECNOCHEM ITALIANA SpA) 210 210.000 compressive strength

Dettagli

STUDIO DELLE PROPRIETÀ MECCANICHE E DI ADERENZA DI BARRE IN ROTOLO RIBOBINATE DA C.A.

STUDIO DELLE PROPRIETÀ MECCANICHE E DI ADERENZA DI BARRE IN ROTOLO RIBOBINATE DA C.A. Contratto di Ricerca tra FERALPI SIDERURGICA S.p.A. e CONSORZIO CIS-E STUDIO DELLE PROPRIETÀ MECCANICHE E DI ADERENZA DI BARRE IN ROTOLO RIBOBINATE DA C.A. Relazione finale Prof. Ing. Carlo Poggi Prof.

Dettagli

Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO. Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA

Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO. Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA PROGRAMMA DEL CORSO Indagine Sclerometrica: determina la durezza

Dettagli

Indice. Presentazione

Indice. Presentazione ROMANE 28-02-2007 16:20 Pagina VII Prefazione Presentazione XIII XVIII Capitolo 1 I leganti e il loro impiego nel settore delle costruzioni 1.1 Introduzione 1 1.2 Leganti aerei e idraulici 2 1.3 Il gesso

Dettagli

Ciclo incapsulamento cemento-amianto Gattocel con PR-G primer e WG-G secondo norma UNI 10686 A-B-C-D

Ciclo incapsulamento cemento-amianto Gattocel con PR-G primer e WG-G secondo norma UNI 10686 A-B-C-D Ciclo incapsulamento cemento-amianto Gattocel con PR-G primer e WG-G secondo norma UNI 10686 A-B-C-D Gattocel Italia S.p.A. www.gattocel.com Total Quality Management ISO 9001 ISO 14001 IL PROBLEMA Per

Dettagli

Pag 2/32 CIRI EDILIZIA E COSTRUZIONI INDICE

Pag 2/32 CIRI EDILIZIA E COSTRUZIONI INDICE Pag 2/32 CIRI EDILIZIA E COSTRUZIONI Convenzione di ricerca con Fixolite-Isobloc Prove di laboratorio tipologia prova 3a - spess=14cm INDICE 1. PREMESSA... 3 2. PROGRAMMA DI PROVA E DETTAGLI COSTRUTTIVI

Dettagli

LA SICUREZZA E IL NOSTRO OBIETTIVO

LA SICUREZZA E IL NOSTRO OBIETTIVO EDILIZIA STORICA FIBREBUILD Edilizia storica LA SICUREZZA E IL NOSTRO OBIETTIVO La fragilità e il degrado dei beni storicoarchitettonici, gli eventi sismici che colpiscono periodicamente il nostro territorio,

Dettagli

COMUNE DI CARPI - CIMITERO URBANO RIPARAZIONE CON RAFFORZAMENTO LOCALE PROG. ESECUTIVO - RELAZIONE SUI MATERIALI

COMUNE DI CARPI - CIMITERO URBANO RIPARAZIONE CON RAFFORZAMENTO LOCALE PROG. ESECUTIVO - RELAZIONE SUI MATERIALI INDICE 1. DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 2 2. CARATTERISTICHE DEI MATERIALI NUOVI... 3 2.1. CALCESTRUZZO... 3 2.1.1. Calcestruzzo per opere di fondazione... 5 2.1.2. Calcestruzzo per opere in elevazione...

Dettagli

Sch. Tec. FS01. Consolidamento strutturale

Sch. Tec. FS01. Consolidamento strutturale Rinforzo strutturale e adeguamento antisismico di elementi in C.A. e C.A.P. con lamelle CFK. Sch. Tec. FS01 LINEA FRP SYSTEM Consolidamento strutturale FRP SYSTEM LAMELLE CFK e FIBRE FRP Tecnologie e prodotti

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile ed Ambientale TESI DI LAUREA MAGISTRALE ADERENZA TRA COMPOSITI FRCM E CALCESTRUZZO: PROVE

Dettagli

Ripristino e consolidamento dei travetti portanti mediante applicazione di tessuti in fibra di carbonio FRP SYSTEM - FIBRE C-SHEET

Ripristino e consolidamento dei travetti portanti mediante applicazione di tessuti in fibra di carbonio FRP SYSTEM - FIBRE C-SHEET S.r.l. Prodotti per l Edilizia e il Restauro - Tecnologie per l Ambiente e le Infrastrutture Ripristino e consolidamento dei travetti portanti mediante applicazione di tessuti in fibra di carbonio FRP

Dettagli

IL RISANAMENTO DELLA MURATURA UMIDA

IL RISANAMENTO DELLA MURATURA UMIDA www.colorificiopaulin.com info@colorificiopaulin.com LE PRINCIPALI CAUSE DI DEGRADO DEI MATERIALI DI COSTRUZIONE La penetrazione dell acqua all interno delle opere murarie rappresenta per l edilizia una

Dettagli