IMPRESA GUERINI LEGNANO (MI) Boffalora Ticino: estensione della fognatura alla via Folletta e Località Magnana nonché alla Frazione Pontenuovo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IMPRESA GUERINI LEGNANO (MI) Boffalora Ticino: estensione della fognatura alla via Folletta e Località Magnana nonché alla Frazione Pontenuovo"

Transcript

1

2 IMPRESA GUERINI LEGNANO (MI) Boffalora Ticino: estensione della fognatura alla via Folletta e Località Magnana nonché alla Frazione Pontenuovo RELAZIONE GEOLOGICA AI SENSI DEL D.M Solbiate (CO), luglio Rif. 47/13

3 1 1. PREMESSA Come da incarico conferito dall'impresa GUERINI di Legnano, è stata redatta la presente relazione geologica a supporto del progetto relativo alla realizzazione di una nuova tratta fognaria, da realizzarsi in Comune di Boffalora Sopra Ticino, nel settore indicato nella corografia di Tav. 1. La relazione è stata compilata in accordo con i riferimenti normativi vigenti (vedi successivo 2). 2. RIFERIMENTI NORMATIVI D.M e relative NTC08 Nell'ambito della documentazione prevista dal D.M ( Norme tecniche per le costruzioni ), in materia di progettazione geologica e geotecnica, il presente elaborato costituisce la relazione geologica. Norme geologiche di piano Le norme geologiche di piano derivano direttamente dalla componente geologica, idrogeologica e sismica del PGT e sono esplicitate nella Carta della fattibilità geologica alle azioni di piano, costituente parte integrante del piano delle regole. La Tav. 2 riporta uno stralcio della Carta della fattibilità geologica alle azioni di piano relativa al tracciato del collettore, si evidenzia che la maggior parte dello sviluppo lineare del collettore ricade in area classificata in classe 2b - fattibilità con modeste limitazioni; un settore minore dello sviluppo lineare del collettore ricade in classe 3b - fattibilità con consistenti limitazioni. Come indicato nella legenda della carta, anch essa riportata in Tav. 2, la classe 2b, sul territorio comunale di Boffalora Sopra Ticino, coincide con aree potenzialmente soggette a risalita della falda freatica; la classe 3b comprende aree a bassa soggiacenza della superficie freatica. Si evidenzia che in entrambe le due classe di fattibilità le limitazioni derivano dalla presenza dell acqua nel primo sottosuolo. L intervento in progetto, come l edilizia residenziale in genere, si configura tra le opere ammissibili in classe di fattibilità 2b e 3b, subordinando le stesse all esecuzione di un indagine, in accordo con le problematiche in essere e della

4 2 conseguente relazione geologica e geotecnica (ai sensi del D.M ). 3. DESCRIZIONE SINTETICA DEGLI INTERVENTI IN PROGETTO L intervento in progetto consiste nella realizzazione di un collettore fognario interrato costituito da una tubazione in gres, in alcuni tratti alloggiata sotto la sede stradale ed in altri tratti alloggiata in terreno libero. Lungo lo sviluppo lineare del collettore sono previste le strutture di norma presenti in tubazioni fognarie quali: sifoni, camerette caditoie, stazioni di sollevamento, ecc. Sono inoltre previsti attraversamenti di rogge esistenti e di sedi stradali, in questo caso mediante spingitubo. In relazione alla tipologia d intervento le azioni indotte dello stesso nei confronti di suolo e sottosuolo è trascurabile. Ai fini delle valutazioni geologiche previste dal D.M l elemento fondamentale è accertare che l area di posa del collettore presenti caratteristiche di stabilità sufficienti per garantire la piena funzionalità dell opera; parimenti la posa del collettore non deve costituire elemento di innesco di fenomeni di instabilità. Da un punto di vista prettamente geotecnico le problematiche si pongono in modo minore in relazione al moderato impatto dell intervento stesso, fermo restando la corretta esecuzione delle opere nel rispetto delle caratteristiche geotecniche del sottosuolo. 4. GEOLOGIA E LITOLOGIA Come evidenziato nella carta geologia generale (Tav. 3), l area d intervento ricade nell ambito del settore di competenza dei depositi di origine alluvionale connessi all'attività deposizionale del Fiume Ticino. I depositi in oggetto presentano una composizione costante su vasta area, avente estensione superiore alle tratte di competenza del collettore e caratterizzata dal prevalere di ghiaie e sabbie. Nei primi metri accanto alla componente ghiaioso sabbiosa è presente una certa percentuale in limo, a costituire la matrice del deposito, ma sempre in condizione di subordine rispetto la componente sabbioso ghiaiosa.

5 3 In superficie, nelle aree non urbanizzate, è presente un limitato spessore (pochi decimetri) di terreno agrario; oppure di riporto (sottofondo o banchina stradale), per quei tratti di collettore in adiacenza, o coincidenti, con le sedi stradali. 5. MORFOLOGIA E CONDIZIONI GENERALI DI STABILITA DELLE AREE L area in esame è ubicata alla quota media di 120m s.l.m., in Comune di Boffalora sopra Ticino, tra le località C.na Gagiolo e Magnana. Morfologicamente l area appartiene all alta Pianura Padana e, nel dettaglio, si colloca nell ambito del terrazzo morfologico in sponda sinistra del Fiume Ticino, ad una distanza di almeno 1.5 km dal fiume e ad un altezza di circa 10m rispetto la piana alluvionale del fiume stesso. Ne consegue una superficie topografica a morfologia subpianeggiante e debolmente inclinata verso Sud Ovest. Mancando un evidente "fattore acclività" e risultando assenti, in un intorno significativo, elementi di pertinenza morfologica legati alla dinamica gravitativa, o all'azione delle acque superficiali, o al dissesto in genere, l'intervento in progetto non richiede l'esecuzione di quelle verifiche volte a definire le condizioni di stabilità del territorio e/o gli eventuali effetti indotti sulla stabilità del territorio stesso dalla nuova edificazione. Sulla scorta delle caratteristiche sopra descritte l area in esame ricade in un contesto stabile, caratterizzato dall assenza di forme e/o depositi riconducibili all esistenza di dissesti, sia attivi sia quiescenti; l area non risulta inoltre interessata da processi morfogenetici che possano comportare in futuro l evoluzione della stessa verso una condizione di dissesto. 6. IDROGRAFIA ED IDROGEOLOGIA 6.1. Idrografia L elemento idrografico più importante è il Fiume Ticino; tale corso d acqua divaga all interno della propria piana alluvionale dando origine a numerose anse e canali

6 4 laterali; il fiume si trova ad una distanza di almeno 1.5 km dall area d interesse e ad una quota altimetricamente inferiore, con scarto altimetrico dell ordine di 10m. Il collettore si trova quindi in posizione esterna alle fasce fluviali ed in condizioni di sicurezza nei confronti dell attività esercitata dal Fiume. Nell ambito del settore di pertinenza del collettore, in posizione più elevata rispetto al fiume Ticino, è presente una fitta rete di fossi e rogge originate da fontanili ed in stretta pertinenza con l attività agricola. Queste rogge per caratteristiche intrinseche (dimensioni, portate) non sono in grado di generare elementi di rischio idraulico come confermato anche dalla documentazione e la vincolistica di carattere geologico a corredo del PGT. Le rogge di cui sopra traggono talvolta origine da fontanili, che sul territorio di Boffalora Ticino risultano essere gravati dalle relative fasce di rispetto ai sensi dell Art. 34 comma 3 del PTCP della Provincia di Milano e dell art delle NTA del PTC del Parco Naturale Valle del Ticino. L intervento in progetto, non interessando direttamente la testata de fontanili, è compatibile con la normativa relativa le fasce di rispetto dei fontanili; inoltre trattandosi di un intervento di razionalizzazione degli scarichi, se ben costruito, è da considerarsi migliorativo del contesto ambientale Idrogeologia Struttura idrogeologica del sottosuolo In base ai dati di letteratura specifica disponibili, è stato possibile definire la struttura idrogeologica dell area, che è risultata essere in accordo con quella tipica dell alta pianura, le cui caratteristiche sono costanti su un areale ben più vasto rispetto quello di stretta pertinenza del territorio di Boffalora sopra Ticino. La struttura prevede l'esistenza di due acquiferi principali: uno superficiale ed uno profondo. Il primo acquifero superficiale si sviluppa all interno di depositi ghiaioso sabbiosi spessi circa 40 50m ed aventi origine fluviale e fluvioglaciale; risulta separato dal secondo acquifero da un livello argilloso dallo spessore medio di 3m 5m e talora fino a 10m. Il primo acquifero, contiene una sola falda (prima falda) ed è ampiamente sfruttato

7 5 dai molteplici pozzi della zona, con portate attorno ai 20/30 l/s. Il secondo acquifero, definito anche acquifero profondo, è formato da un alternanza di strati sabbioso - ghiaiosi e strati più marcatamente limoso-argillosi che suddividono l acquifero in più falde sovrapposte (contenute nei livelli a maggiore permeabilità). Si riconosce da 40m / 50m fino almeno a 150m dal p.c.. La minore potenzialità di questo acquifero impone degli emungimenti inferiori, rispetto al precedente, che si attestano attorno ai 5/10 l/s. Ai fini delle problematiche in esame si considera solamente l'interazione tra intervento in progetto e le acque di prima falda (acquifero superficiale) Livello dell acqua nel sottosuolo Le linee isopiezometriche riportate in Tav. 4 indicano direzione di deflusso e profondità della falda. Il deflusso idrico sotterraneo è orientato verso sud-ovest con gradiente idraulico di circa 8. La piezometria media della zona indica una soggiacenza media della prima falda contenuta entro i primi metri; nell'area in esame la falda è presente a circa -2m da p.c.. Per un maggior dettaglio, in corrispondenza dei due settori in cui sono state eseguite prove geotecniche specifiche, sono stati installati piezometri per il monitoraggio del livello idrico. Di seguito si riporta il dettaglio delle misure del livello di falda eseguite nei piezometri di cui sopra PROVA QUOTA ASSOLUTA INIZIO PROVA PROFONDITA ACQUA QUOTA ASSOLUTA LIVELLO ACQUA P1 117,5m s.l.m -1,72 m da p.c. 115,80m s.l.m. P2 119,5m s.l.m. -2,26 m da p.c. 117,20m s.l.m. Nel valutare il dato di cui sopra si consideri che i dati relativi all idrogeologia del territorio di Boffalora Ticino indicano che il livello della prima falda è soggetto ad oscillazioni di carattere stagionale con il livello idrico più alto (più prossimo alla

8 6 superficie topografica) nei mesi di giugno luglio; ed il livello più basso in uscita dall inverno (febbraio marzo). I dati di oscillazione sono documentati presso il Sistema Informativo Falda della Provincia di Milano e nell ambito della documentazione a corredo della Componente Geologica, Idrogeologica e sismica del PGT. I dati consultati indicano un intervallo di oscillazione dell ordine di 1,8m 2,0m. Ai fini della lettura del trend di oscillazione si segnala che le misure sono relative ai rilievi nei pozzi pubblici, ubicati a quote più alte rispetto le aree interessate dal collettore; ne conseguono livelli più profondi rispetto quelli rilevati nei piezometri installati nelle aree investigate. Questo elemento non condiziona comunque il trend di oscillazione, che è quello già citato. Tenendo conto però della maggior superficialità del livello rilevato nei piezometri e quindi la maggiore suscettibilità nei confronti degli eventi esterni, pur convalidando il trend sopra specificato, si consiglia di fare riferimento ad un intervallo di oscillazione minore e di ordine metrico Compatibilità dell intervento nei confronti della tutela delle acque I pozzi pubblici cui attinge l acquedotto sono ubicati a notevole distanza dall area di pertinenza del collettore ed in posizione idrogeologica di monte; ciò esclude ogni interferenza di tipo diretto ed indiretto tra interventi in progetto e falda alimentante i pozzi, poiché quest ultima prima alimenta il pozzo e successivamente fluisce verso valle (verso il Fiume Ticino) in direzione dei lavori in progetto. Si evidenzia inoltre che l area è ubicata in posizione esterna ed a notevole distanza dalle zone di protezione dei pozzi pubblici più vicini. L intervento in progetto è quindi compatibile con i requisiti di tutela del patrimonio idrico sotterraneo. 7. INDAGINI GEOTECNICHE SPECIFICHE 7.1. Indagini eseguite Per ricostruire la stratificazione litotecnica del sottosuolo e per definire i valori medi

9 7 dei parametri geotecnici è stata eseguita un indagine specifica mediante n 2 prove penetrometriche dinamiche continue, la cui ubicazione generale viene riportata in Tav. 5 (su aerofotogrammetrico a scala 1:5.000); in Tavv. 6a/6b si riporta l'ubicazione di dettaglio a scala 1:2.000 e la documentazione fotografica della postazione di prova. Quest ultima evidenzia che le prove sono state eseguite alla quota dei piani stradali esistenti nelle adiacenze, salvo variazioni di ordine decimetrico. Le quote di riferimento per l inizio prova e quindi la quota del terreno è di seguito riportata: PROVA P1 PROVA P2 117,5 m s.l.m 119,5 m s.l.m. Le prove sono state eseguite secondo i criteri standardizzati normalmente in uso impiegando un penetrometro semovente avente le caratteristiche del penetrometro superpesante (DPSH) Meardi AGI, avente le caratteristiche di seguito riportate: PESO MASSA BATTENTE 73 kg ALTEZZA DI CADUTA 0.75 m LUNGHEZZA ASTE 0.90 m DIAMETRO ASTE 34 mm DIAMETRO PUNTA CONICA 51 mm ANGOLO DEL CONO 60 DIAMETRO RIVESTIMENTO 48/38 mm LUNGHEZZA RIVESTIMENTO 0.90 m Le prove sono state eseguite dal piano campagna esistente ubicato all'incirca alla medesima quota e Si sono arrestate a profondità variabili tra 3,9m e 4,2m dal piano campagna per avere raggiunto le condizioni di rifiuto all avanzamento. Di seguito si riportano le quote assolute del rifiuto o arresto prova: PROVA P1 PROVA P2 113,3 m s.l.m 115,6 m s.l.m. I risultati delle prove sono riportati nei diagrammi N SCPT / z, dove N SCPT è il numero di colpi necessari per far avanzare la punta entro il terreno per un tratto di 30 cm e z è la profondità di misura (in m da p.c.). I diagrammi delle prove penetrometriche sono riportati in appendice alla presente.

10 Criteri di interpretazione Le caratteristiche geotecniche del sottosuolo derivano dal confronto incrociato tra valori di N SCPT registrati nelle prove penetrometriche dinamiche e dati relativi al rilievo geologico dell'area. Poiché il valore numerico dei parametri geotecnici viene calcolato in base alla resistenza penetrometrica del terreno riferita ai valori di Standard Penetration Test (N SPT ), opportunamente convertiti negli analoghi valori di N 60 e N (1)60, in sede di elaborazione dei dati si è reso necessario trasformare i valori di N SCPT (resistenza penetrometrica misurata con la prova dinamica) nei corrispondenti valori di N SPT (resistenza penetrometrica riferita allo Standard Penetration Test) adottando un rapporto N SPT / N SCPT = 1.5 (dato conservativo per depositi con caratteristiche granulometriche analoghe a quelle presenti nel sottosuolo d'interesse). Infine i valori di N SPT sono stati convertiti negli analoghi valori di N 60, che rappresenta il valore di N SPT normalizzato per tenere conto del fattore strumentale (lunghezza delle aste nei primi 10 m di prova) e di N (1)60, che rappresenta il valore di N SPT normalizzato per tenere conto dell incidenza del carico litostatico (σ vo ) alla profondità di misura. I valori di N SCPT prima della conversione in N SPT sono stati inoltre preventivamente analizzati dal punto di vista statistico, al fine di individuare il trend medio di N SCPT con la profondità. Il dato acquisito con le prove concorda sia con il contesto geologico generale che caratterizza il settore di territorio comunale cui appartiene l area in esame; sia con il dato geotecnico medio da prevedersi nel sottosuolo, come accertato in altre indagini eseguite nei dintorni e che è generalmente costante su vasta area. In sede di predisposizione del modello geotecnico sussistono le condizioni per convalidare la relazione: parametro geotecnico medio = parametro geotecnico caratteristico

11 9 8. UNITA LITOTECNICHE PRESENTI NEL SOTTOSUOLO PARAMETRI GEOTECNICI MEDI 8.1. Unità litotecniche A seguito degli esiti delle elaborazioni dei diagrammi penetrometrici, secondo quanto precedentemente specificato il terreno investigato viene suddiviso in due unità litotecniche sovrapposte a diverse caratteristiche geotecniche, crescenti al passaggio da un'unità alla successiva e presenti nel sottosuolo secondo le modalità illustrate nella sezione di Tav. 7. Di seguito si descrivono le caratteristiche delle unità. Unità litotecnica 1 Viene individuata dal piano campagna fino alle quote profondità di seguito specificate PROVA QUOTE ASSOLUTE SPESSORI P1 da 113,3 m s.l.m (p.c.) a m. s.l.m. 1,8 m P2 da 115,6 m s.l.m. (p.c.) a 114,1 m s.l.m. 1,5 m In entrambe le verticali indagate per i primi 0,6 m è caratterizzata da valori di resistenza penetrometrica dell ordine di 8 10m, cui segue un rapido decremento verso valori molto bassi e dell ordine di 1 2 colpi/piede. Considerando che le prove sono state eseguite nelle adiacenze delle sedi stradali non si esclude che i valori più alti riscontrati nei primi 0,6m corrispondano a terreno di riporto. I successivi valori più bassi dovrebbero coincidere con il raggiungimento del terreno naturale del vecchio piano campagna coincidente con sabbia ± limosa e ± frammista a terreno di coltivo. Ai fini della parametrizzazione geotecnica si consiglia di fare riferimento ai valori più bassi (1 2 colpi/piede) cui corrispondono caratteristiche geotecniche scadenti. Unità litotecnica 2 È stata rilevata dalla base della seconda fino alle massime profondità investigate. Nella prova P1 la resistenza penetrometrica media è dell'ordine di 30 colpi/piede, fino

12 10 al rifiuto; nella prova P2 è di poco inferiore e pari a 28 colpi/piede, fino al rifiuto. In entrambi i casi è indicativa di caratteristiche geotecniche rientranti nelle categorie superiori. La composizione dovrebbe coincidere con quella dei depositi alluvionali da prevedersi nel sottosuolo, in base alla posizione geologica dello stesso (vedi 4) e quindi in prevalenza ghiaia e sabbia. L arresto per rifiuto delle prove non viene associato alla comparsa di un eventuale quarta unità ulteriormente addensata, ma ad un livello in ciottoli nell ambito di terreni con caratteristiche di addensamento pari alla seconda unità Acqua nel sottosuolo Le prove eseguite hanno riscontrato la presenza di acqua nel sottosuolo; il livello idrico è stato successivamente controllato nei piezometri lasciati in opera nei fori di prova. Per livelli dell acqua e valutazioni in merito si rimanda ai contenuti del Valori medi dei parametri geotecnici del sottosuolo Di seguito si riportano i valori medi dei parametri geotecnici delle unità individuate nel sottosuolo d interesse. Unità litotecnica 1 P1 2 P2 N SCPT N N (1) I d (%) > 80 > 80 γ m (kn/m 3 ) 16, γ' m ( ) 6,5 7 8 ϕ m ( ) c m (kpa) E m (MPa) Nella tabella: N SCPT = resistenza penetrometrica misurata con le prove; N 60 = resistenza

13 11 penetrometrica riferita allo Standard Penetration Test normalizzata per il dispositivo di battitura; N (1)60 = resistenza penetrometrica riferita allo Standard Penetration Test normalizzata per dispositivo di battitura e carico litostatico; I d = indice di densità; γ m = peso di volume naturale del terreno; γ' m = peso del terreno in falda; ϕ m = angolo di attrito, c m = coesione a lungo termine, E m = modulo di elasticità. Il valore dell'indice di densità relativa è stato ricavato in base a N (1)60 dalle relazioni di Peck e Bazaraa. I valori del peso di volume del terreno sono stati scelti nell ambito degli usuali intervalli di variazione, compatibili con la natura granulometrica ed il grado di addensamento del terreno stesso. L angolo di attrito interno è stato ricavato in base a N (1)60 utilizzando le correlazioni di Peck, Hanson & Thomburn. Il valore della coesione a lungo termine è stato posto pari a zero in relazione alle caratteristiche composizionali del terreno. Il valore del modulo elastico (E) è stato calcolato in base alla relazione generica E = A x (N (60) + B) + C; dove A, B e C sono tre parametri il cui valore numerico dipende dal valore di resistenza penetrometrica e dalla frazione granulometria dominante nel terreno. 9. CARATTERIZZAZIONE SISMICA DEL SITO In relazione alla classe d uso della struttura ed alla zona sismica di appartenenza (zona 4), gli elementi relativi la sismicità di base e quelli relativi agli effetti sitospecifici, vengono derivati dagli elementi geotecnici a disposizione e senza il supporto di un indagine sismica mirata; salvo diverse disposizioni del Progettista in merito a più approfondite analisi/valutazioni, relativamente le quali si rimane a disposizione. Gli elementi riportati consentono una prima lettura dell esposizione dell area al rischio sismico. Nella classificazione contenuta nell' O.P.C.M. nr il Comune di Boffalora Ticino è classificato in zona sismica 4, comprendente quei comuni a rischio sismico più basso. Nella classificazione antecedente (D.M. 5 marzo 1984), che prevedeva solo 3 classi, il Comune di Boffalora Ticino risultava escluso dalle 3 classi.

14 12 Nel valutare gli effetti di sito si considerino gli elementi di seguito riportati. a. Nell ambito degli scenari di pericolosità sismica locale predisposti dalla Regione Lombardia l area in esame ricade in ambito Z4a corrispondente a zona di fondovalle con presenza di depositi alluvionali granulari, per cui sono da prevedersi amplificazioni litologiche e geometriche (vedi anche carta della pericolosità sismica locale allegata alla componente geologica, idrogeologica e sismica del PGT). b. La subplanarità della superficie topografica esclude l intervento dei fattori di amplificazione topografica (categoria topografica T1). c. Allo stato attuale delle conoscenza il sito non ricade nell area d influenza di faglie sismogenetiche attive; d. Pur essendo presente acqua nel primo sottosuolo, il sito in esame, sussistendo più di una delle condizioni riportate in elenco al del D.M , non richiede la verifica alla liquefazione. e. Ai fini della definizione dell azione sismica, pur in assenza del dato relativo la velocità di propagazione delle onde sismiche di superficie entro i primi 30m di profondità (Vs 30 ) oppure del responso di un sondaggio geognostico con prove SPT spinto fino a 30m di profondità (N SPT,30 ), in base al responso delle indagini eseguite ed a quanto indicato negli studi di approfondimento sismico riportati nella Componente Geologica Idrogeologica e Sismica del PGT, è molto attendibile catalogare il sottosuolo d interesse nell ambito della categoria B di sottosuolo di fondazione corrispondente, nello specifico del caso, a depositi di sabbia e ghiaia molto addensati con spessori di diverse decine di metri caratterizzati da un graduale miglioramento delle proprietà meccaniche con la profondità e da valori di Vs 30 compresi tra 360 m/s e 800 m/s (ovvero N SPT,30 > 50). 10. PROBLEMATICHE DI ORDINE GEOLOGICO INERENTI L INTERVENTO IN PROGETTO A seguito degli esiti delle analisi/valutazioni geologiche e geotecniche documentate ai paragrafi precedenti il quadro geologico caratteristico per l area consente la realizzazione dell intervento in progetto.

15 13 Si evidenzia quanto di seguito riportato. L intervento in progetto interessa un area geologicamente stabile e priva di problematiche e/o condizioni di rischio geologico cui assoggettare le scelte di progetto o tali da non garantire la piena funzionalità dell opera. La posa del collettore non comporta un deprezzamento delle attuali condizioni di stabilità delle aree. L intervento è compatibile con le condizioni di vulnerabilità della falda e con i requisiti di tutela della risorsa idrica sotterranea.. L intervento è compatibile con la vincolistica di tutela geologico/ambientale presente sul territorio. La progettazione dell intervento, in relazione al moderato impatto dello stesso, unitamente alle caratteristiche geotecniche del terreno rilevate con l indagine non comportano l insorgenza di problematiche e/o fattori limitativi tali da richiedere l attivazione di soluzioni progettuali supplementari preposte alla soluzione dell elemento limitante. In particolare si segnala l assenza nel sottosuolo di terreni particolarmente cedevoli nel tempo quali torbe, limi o argille. La progettazione dovrà tenere conto dei livelli dell acqua nel sottosuolo secondo quanto specificato al Per l operatività dello spingitubo e per la stabilità dei fronti di scavo, con eventuali soluzioni operative; si dovrà fare riferimento alla parametrizzaziione geotecnica del sottosuolo di cui al 8.

16 COMPATIBILITA DELL INTERVENTO A seguito delle analisi e valutazioni documentate nella presente relazione geologica, l intervento è compatibile con i fattori di rischio e le limitazioni d uso proprie delle classi di fattibilità 2/b e 3/b, nell ambito delle quali è azzonata l area d intervento.

17 TAVOLE

18

19

20

21

22

23

24

25

26 DIAGRAMMI PROVE PENETROMETRICHE DINAMICHE CARATTERISTICHE PENETROMETRO MODELLO: TG peso della massa battente: 73 kg - altezza di caduta: 0.75 m - lunghezza aste: 0.90m - diametro aste : 34 mm - diametro punta conica: 51mm - angolo del cono: 60 - diametro rivestimento: 48/38mm - lunghezza rivestimento: 0.90m

27 Committente: GUERINI Cantiere: Boffalora Sopra Ticino (MI) Data: luglio 2013 prova SCPT - P1 N (colpi/piede) profondità (m) falda: -1.72m da p.c punta rivestimento GEOCIPO Srl - Via Battisti, SOLBIATE (CO) Telefono Fax

28 Committente: GUERINI Cantiere: Boffalora Sopra Ticino (MI) Data: luglio 2013 prova SCPT - P2 N (colpi/piede) profondità (m) falda: -2.26m da p.c. 50 punta rivestimento GEOCIPO Srl - Via Battisti, SOLBIATE (CO) Telefono Fax

INDICE ALLEGATI - UBICAZIONE INDAGINI GEOGNOSTICHE - GRAFICI PROVE PENETROMETRICHE

INDICE ALLEGATI - UBICAZIONE INDAGINI GEOGNOSTICHE - GRAFICI PROVE PENETROMETRICHE INDICE 1. PREMESSA E SCOPO DEL LAVORO... 2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO GEOMORFOLOGICO... 3 3. INQUADRAMENTO IDROGEOLOGICO ED IDROLOGICO... 4 4. CLASSIFICAZIONE SISMICA... 5 4.1 OPCM 20 marzo 2003... 5 4.2

Dettagli

9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO

9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO 9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO ART. 1 Il Comune di Capergnanica è tenuto ad informare i Soggetti Attuatori delle previsioni dello strumento urbanistico, denominato Piano di Governo del Territorio (P.G.T.),

Dettagli

Committente: Comune di Flero. Cantiere: via Paine Flero (BS) Progetto: Riqualificazione e ampliamento della scuola materna in via Paine

Committente: Comune di Flero. Cantiere: via Paine Flero (BS) Progetto: Riqualificazione e ampliamento della scuola materna in via Paine Committente: Comune di Flero Cantiere: via Paine Flero (BS) Progetto: Riqualificazione e ampliamento della scuola materna in via Paine ------------------------------------------------------------------

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA Standard minimo per la Relazione Geologica ai sensi delle NTC08 Il Consiglio Nazionale dei Geologi, con la deliberazione n. 209/2010, ha approvato il documento che

Dettagli

SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08

SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08 Edilprogress Via Locatelli 21 24050 Cividate al Piano (BG) PROVINCIA DI BERGAMO Comune di Cividate al Piano SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08 Data emissione

Dettagli

CONTENUTI MINIMI DEGLI STUDI GEOLOGICI PER I DIFFERENTI LIVELLI DI PIANIFICAZIONE PIANO STRUTTURALE COMUNALE O SUE VARIANTI GENERALI

CONTENUTI MINIMI DEGLI STUDI GEOLOGICI PER I DIFFERENTI LIVELLI DI PIANIFICAZIONE PIANO STRUTTURALE COMUNALE O SUE VARIANTI GENERALI CONTENUTI MINIMI DEGLI STUDI GEOLOGICI PER I DIFFERENTI LIVELLI DI PIANIFICAZIONE PIANO STRUTTURALE COMUNALE O SUE VARIANTI GENERALI RELAZIONE GEOLOGICA E GEOLOGICO-TECNICA Contenuti: Illustrazione degli

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CARATTERISTICHE GEOLOGICHE E GEOMORFOLOGICHE DEL TERRITORIO. 3. 2.1 Inquadramento geologico e geomorfologico...

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CARATTERISTICHE GEOLOGICHE E GEOMORFOLOGICHE DEL TERRITORIO. 3. 2.1 Inquadramento geologico e geomorfologico... INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CARATTERISTICHE GEOLOGICHE E GEOMORFOLOGICHE DEL TERRITORIO. 3 2.1 Inquadramento geologico e geomorfologico... 3 2.2 Caratteristiche geotecniche e coefficiente di permeabilità

Dettagli

INDAGINE GEOTECNICA INDICE 1. PREMESSA 2. RIFERIMENTO NORMATIVO 3. INQUADRAMENTO GEOLOGICO-GEOMORFOLOGICO 4. ASSETTO IDROGEOLOGICO

INDAGINE GEOTECNICA INDICE 1. PREMESSA 2. RIFERIMENTO NORMATIVO 3. INQUADRAMENTO GEOLOGICO-GEOMORFOLOGICO 4. ASSETTO IDROGEOLOGICO INDAGINE GEOTECNICA INDICE 1. PREMESSA 2. RIFERIMENTO NORMATIVO 3. INQUADRAMENTO GEOLOGICO-GEOMORFOLOGICO 4. ASSETTO IDROGEOLOGICO 5. INQUADRAMENTO GEOTECNICO 1 1. PREMESSA La presente relazione ha come

Dettagli

Dott. Geologo PAOLA LAFRANCONI

Dott. Geologo PAOLA LAFRANCONI Dott. Geologo PAOLA LAFRANCONI Geologia Applicata, Geotecnica, Idrogeologia,Geologia Ambientale, Pianificazione Territoriale S.ta Bosisolo 35; 23848 Oggiono (LC) - tel 0341-577046 fax 0341/578066 tel.

Dettagli

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA TIPOLOGIA DI POLO LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA L area è ubicata a nord degli abitati di Porotto e Cassana, nel Comune di Ferrara, confina a nord

Dettagli

COMMITTENTE: Regione Veneto Azienda ULSS 18 - Rovigo RELAZIONE GEOLOGICA

COMMITTENTE: Regione Veneto Azienda ULSS 18 - Rovigo RELAZIONE GEOLOGICA COMMITTENTE: Regione Veneto Azienda ULSS 18 - Rovigo RELAZIONE GEOLOGICA INDICE 1. NORMATIVA DI RIFERIMENTO... pag. 3 2. PREMESSA... " 4 3. INDAGINI GEOGNOSTICHE... " 5 4. GEOLOGIA E STRATIGRAFIA... "

Dettagli

Ristrutturazione del complesso ENAV di Roma ACC - Ciampino Roma Progetto definitivo delle strutture - RELAZIONE GEOTECNICA

Ristrutturazione del complesso ENAV di Roma ACC - Ciampino Roma Progetto definitivo delle strutture - RELAZIONE GEOTECNICA INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 2 3 SISMICITA DELL AREA... 3 4 LE INDAGINI GEOGNOSTICHE... 3 5 ASPETTI IDROGEOLOGICI GENERALI... 5 6 ASPETTI GEOTECNICI DEL PROGETTO LE STRUTTURE FONDALI...

Dettagli

Relazione Tecnica: allegato A

Relazione Tecnica: allegato A COMUNE DI BELLINZAGO LOMBARDO Regione Lombardia Provincia di Milano Relazione Tecnica: allegato A RELAZIONE GEOLOGICA e GEOTECNICA IL SINDACO IL SEGRETARIO IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO COMUNE DI BELLINZAGO

Dettagli

PROVINCIA DI PERUGIA INTEGRAZIONE ALLA RELAZIONE GEOLOGICA PRELIMINARE GENERALE DI FATTIBILITA

PROVINCIA DI PERUGIA INTEGRAZIONE ALLA RELAZIONE GEOLOGICA PRELIMINARE GENERALE DI FATTIBILITA Dott. Geol. Antonio Forini Dott. Geol. Sara Serena Fabris Dott. Geol. Carlo Ricci PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI BASTIA UMBRA INTEGRAZIONE ALLA RELAZIONE GEOLOGICA PRELIMINARE GENERALE DI FATTIBILITA PIANO

Dettagli

Progetto ampliamento capannone industriale RELAZIONE GEOLOGICO-TECNICA

Progetto ampliamento capannone industriale RELAZIONE GEOLOGICO-TECNICA REGIONE LOMBARDIA... Progetto ampliamento capannone industriale Ottobre 2011 Provincia di MILANO Via Passavone Robecco S/N MI Proprietà RELAZIONE GEOLOGICO-TECNICA COSMOGRAFICA ALBERTINI S.p.A. Via Passavone,

Dettagli

RELAZIONE. AOB2 srl Via XXV aprile n. 18 25038 Rovato (Bs)

RELAZIONE. AOB2 srl Via XXV aprile n. 18 25038 Rovato (Bs) AOB2 srl Via XXV aprile n. 18 2508 Rovato (Bs) Cedimenti differenziali e fessurazioni vasca di ossidazione linea 2 ed annesso magazzino Depuratore comunale acque reflue di Chiari (Bs) INDAGINE GEOLOGICA

Dettagli

Sommario ELENCO FIGURE: FIG 1 COROGRAFIA FIG 2 CARTA GEOLOGICA DEL PGT FIG 3 CARTA GEOMORFOLOGICA DEL PGT FIG 4 CARTA IDROGEOLOGICA DEL PGT

Sommario ELENCO FIGURE: FIG 1 COROGRAFIA FIG 2 CARTA GEOLOGICA DEL PGT FIG 3 CARTA GEOMORFOLOGICA DEL PGT FIG 4 CARTA IDROGEOLOGICA DEL PGT 1 Sommario 1. PREMESSA... 2 1.1. Normativa di riferimento... 2 1.2. Descrizione della struttura... 2 2. MODELLAZIONE GEOLOGICA... 2 2.1. Inquadramento geologico e stratigrafia del sito... 2 2.2. Inquadramento

Dettagli

Committente: E.Eco S.r.l., Roma, Via della Madonna dei Monti n 50 (P.Iva 10735421009)

Committente: E.Eco S.r.l., Roma, Via della Madonna dei Monti n 50 (P.Iva 10735421009) Dott. Geol. Gianluca Bianchi Fasani, Dottore di ricerca Via Mocenigo n 32, 00192 Roma e-mail: gianluca.bianchifasani@uniroma1.it Tel. 06/39744398 - Cell. 347/5226276 P.Iva 06 250 121 008 C.F. BNCGLC71L13L009P

Dettagli

(riprendendo un trasparente mostrato a proposito di indagini e campionamento) MEZZI D INDAGINE PROFILO STRATIGRAFICO PROPRIETÀ MECCANICHE

(riprendendo un trasparente mostrato a proposito di indagini e campionamento) MEZZI D INDAGINE PROFILO STRATIGRAFICO PROPRIETÀ MECCANICHE (riprendendo un trasparente mostrato a proposito di indagini e campionamento) MEZZI D INDAGINE FINALITÀ MEZZI PROFILO STRATIGRAFICO POZZI TRINCEE CUNICOLI SONDAGGI DIRETTI INDIRETTI INDAGINI GEOFISICHE

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE ALLEGATO N. 2 LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE Le seguenti linee di indirizzo per la redazione della relazione geologica e relazione

Dettagli

Regione Lombardia. Provincia di Pavia COMUNE DI CURA CARPIGNANO PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO

Regione Lombardia. Provincia di Pavia COMUNE DI CURA CARPIGNANO PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO Regione Lombardia Provincia di Pavia COMUNE DI CURA CARPIGNANO PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO ai sensi della L. R. per il Governo del Territorio del 11.03.2005 n 12 Gennaio 2008 NORME GEOLOGICHE DI PIANO

Dettagli

FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO

FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO COMMITTENTE : M + ASSOCIATI SEREGNO (MB) 2165_15 STUDIO IDROGEOLOGICO E IDRAULICO IN SUPPORTO AL PROGETTO DI UN PERCORSO CICLOPEDONALE NEL COMUNE DI MELZO (MI), DA

Dettagli

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BORGOMASINO Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario Giugno 2012 dott. geol. Mirco Rosso

Dettagli

REGIONE VENETO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI CONCORDIA SAGITTARIA

REGIONE VENETO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI CONCORDIA SAGITTARIA Dott. Geol. ALESSANDRO VIDALI INDAGINI GEOLOGICO-GEOTECNICHE Via Roma, 20 30027 San Donà di Piave 0421-51616 335-8336809 FAX 0421-51616 E-mail ak.vidali@aliceposta.it C.F. VDL LSN 59P15 F130X P.I. 02793580271

Dettagli

SCHEDA DI FATTIBILITA IDRAULICA, GEOMORFOLOGICA E SISMICA Identificativo schede tecniche D1 Via Cantagallo Cimitero di Figline Inquadramento

SCHEDA DI FATTIBILITA IDRAULICA, GEOMORFOLOGICA E SISMICA Identificativo schede tecniche D1 Via Cantagallo Cimitero di Figline Inquadramento Identificativo schede tecniche D1 Ubicazione Via Cantagallo Cimitero di Figline Inquadramento territoriale da P.S. Ambito agrario storico Geologia e litologia Terreni lapidei : Gabbri Aree di bordo valle

Dettagli

Inquadramento geografico e geologico

Inquadramento geografico e geologico RELAZIONE Premessa Nell ambito del progetto di rinaturazione e ripascimento di un tratto di costa compreso tra La Maddalena Spiaggia e Cala d Orri, lungo il litorale di Capoterra (Ca), è stata eseguita

Dettagli

1.1 Zona geotecnica 1: piano generale terrazzato della pianura

1.1 Zona geotecnica 1: piano generale terrazzato della pianura Comune di Cigole PROVINCIA DI BRESCIA PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO NORME GEOLOGICHE 1 Caratterizzazione geotecnica del territorio All'interno del territorio comunale, possono essere distinte 3 diverse

Dettagli

Via XXV Aprile, 18 - Rovato COMUNE DI PALAZZOLO SULL OGLIO PROVINCIA DI BRESCIA UPGRADING DEL DEPURATORE COMUNALE DI PALAZZOLO SULL OGLIO

Via XXV Aprile, 18 - Rovato COMUNE DI PALAZZOLO SULL OGLIO PROVINCIA DI BRESCIA UPGRADING DEL DEPURATORE COMUNALE DI PALAZZOLO SULL OGLIO Via XXV Aprile, 18 - Rovato COMUNE DI PALAZZOLO SULL OGLIO PROVINCIA DI BRESCIA UPGRADING DEL DEPURATORE COMUNALE DI PALAZZOLO SULL OGLIO PROGETTO DEFINITIVO R.2.1 Relazione geologica-geotecnica Rovato,

Dettagli

UBICAZIONE DELL AREA IN CARTA DI TUTELA DEL TERRITORIO DEL PIANO ASSETTO IDROGEOLOGICO BACINO OMBRONE- SCALA 1:10.000 TAVOLA 3

UBICAZIONE DELL AREA IN CARTA DI TUTELA DEL TERRITORIO DEL PIANO ASSETTO IDROGEOLOGICO BACINO OMBRONE- SCALA 1:10.000 TAVOLA 3 UBICAZIONE DELL AREA IN CARTA DI TUTELA DEL TERRITORIO DEL PIANO ASSETTO IDROGEOLOGICO BACINO OMBRONE- SCALA 1:10.000 TAVOLA 3 TAVOLA 4 UBICAZIONE DELL AREA IN CARTA DELLA PERICOLOSITA' GEOLOGICA DEL PIANO

Dettagli

COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GORVERNO DEL TERRITORIO COMUNALE DI BEDULITA (BG) Integrazioni

COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GORVERNO DEL TERRITORIO COMUNALE DI BEDULITA (BG) Integrazioni COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GORVERNO DEL TERRITORIO COMUNALE DI BEDULITA (BG) Integrazioni Norma di riferimento: D.g.r. 30 novembre 2011 - n. IX/2616 Aggiornamento dei Criteri

Dettagli

3. Azioni sismiche. Le probabilità di superamento P VR nel periodo V R di riferimento dell azione sismica sono riportate alla successiva tabella:

3. Azioni sismiche. Le probabilità di superamento P VR nel periodo V R di riferimento dell azione sismica sono riportate alla successiva tabella: 3. Azioni sismiche Per la norma le azioni sismiche devono essere valutare partendo dalla pericolosità sismica di base del sito di costruzione. Si ricorda che la pericolosità sismica, intesa in senso probabilistico,

Dettagli

COMUNE DI BARLETTA. Tav. 1/Str. RELAZIONE GEOTECNICA

COMUNE DI BARLETTA. Tav. 1/Str. RELAZIONE GEOTECNICA COMUNE DI BARLETTA Settore Manutenzioni Provincia di Barletta-Andria-Trani Tav. 1/Str. RELAZIONE GEOTECNICA OGGETTO: RECUPERO E RISTRUTTURAZIONE DELLA PALAZZINA COMUNALE DI VIA GALVANI DA DESTINARE A CENTRO

Dettagli

Centro per le Biotecnologie e la Ricerca Biomedica, necessarie alla Fondazione Ri.MED. Carini - Palermo CAPITOLATO SPECIALE

Centro per le Biotecnologie e la Ricerca Biomedica, necessarie alla Fondazione Ri.MED. Carini - Palermo CAPITOLATO SPECIALE Affidamento del servizio di redazione degli studi geologici, geotecnici, sismici, idrologici ed idraulici e delle relative indagini in sito e in laboratorio, a supporto delle attività di progettazione

Dettagli

PROVA PENETROMETRICA STATICA CPT 3 VALUTAZIONI LITOLOGICHE

PROVA PENETROMETRICA STATICA CPT 3 VALUTAZIONI LITOLOGICHE PROVA PENETROMETRICA STATICA CPT 3 VALUTAZIONI LITOLOGICHE - note : - scala vert.: 1 : 100 m Rp/RL (Litologia Begemann 1965 A.G.I. 1977) Rp - RL/Rp (Litologia Schmertmann 1978) Torbe ed Limi ed Limi sabb.

Dettagli

VALUTAZIONE DELLA PERICOLOSITA SISMICA LOCALE ANALISI DI 2 LIVELLO

VALUTAZIONE DELLA PERICOLOSITA SISMICA LOCALE ANALISI DI 2 LIVELLO Allegato B COMUNE DI SARNICO PROVINCIA DI BERGAMO STUDIO GEOLOGICO DEL TERRITORIO COMUNALE REVISIONE ED ADEGUAMENTO AI SENSI DELLA L.R. 12/05 VALUTAZIONE DELLA PERICOLOSITA SISMICA LOCALE ANALISI DI 2

Dettagli

TRACCIA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE GEOLOGICA E DELLA RELAZIONE GEOTECNICA FACENTI PARTE DI UN PROGETTO PER COSTRUZIONI.

TRACCIA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE GEOLOGICA E DELLA RELAZIONE GEOTECNICA FACENTI PARTE DI UN PROGETTO PER COSTRUZIONI. TRACCIA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE GEOLOGICA E DELLA RELAZIONE GEOTECNICA FACENTI PARTE DI UN PROGETTO PER COSTRUZIONI. PRECISAZIONI Il presente documento nasce dalla pressante richiesta di iscritti

Dettagli

Piano Operativo Comunale

Piano Operativo Comunale ALLEGATO 1 Relazione geologica sismica Variante al Piano Operativo Comunale L.R. 20/2000 e s.m. ai sensi dell art. 34 Adozione C.C. n.171 del 18.12.2008 Approvazione C.C. n. 57 del 28.05.2009 Comune di

Dettagli

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO SECONDA SESSIONE 2012 PRIMA PROVA SCRITTA Tema n. 1 Aspetti geologici, minero-petrografici e normativi relativi alle attività

Dettagli

Integrazione a seguito di parere espresso dalla Provincia di Milano in data 17/3/2008 (Atti n. 64984/5.2/2003/10848)

Integrazione a seguito di parere espresso dalla Provincia di Milano in data 17/3/2008 (Atti n. 64984/5.2/2003/10848) COMUNE DI BARLASSINA Provincia di MILANO COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO AI SENSI DELLA L.R. 12/2005 E SECONDO I CRITERI DELLA D.G.R. n. 8/1566/05 Integrazione

Dettagli

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Come previsto dalle norme tecniche del Piano stralcio (autorità Bacini Romagnoli) l area è soggetta al rispetto del principio di invarianza

Dettagli

COMUNE DI SCANDICCI Provincia di Firenze

COMUNE DI SCANDICCI Provincia di Firenze VIA LA QUERCE, 58/A 50067 RIGNANO SULL ARNO (FI) P.IVA 06003030480 - TEL 3293388892 FAX 0558349364 MICHELECECCHI@DILUVIO.IT COMUNE DI SCANDICCI Provincia di Firenze VARIANTE PEEP BADIA A SETTIMO E SAN

Dettagli

INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. DESCRIZIONE DEL SITO DI INTERESSE... 4. 2.1 Ubicazione del sito ed estratti cartografici... 4

INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. DESCRIZIONE DEL SITO DI INTERESSE... 4. 2.1 Ubicazione del sito ed estratti cartografici... 4 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. DESCRIZIONE DEL SITO DI INTERESSE... 4 2.1 Ubicazione del sito ed estratti cartografici... 4 2.1 Classificazione sismica... 6 3. MODELLAZIONE GEOLOGICA... 8 3.1. DESCRIZIONE

Dettagli

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997)

Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) R e g i o n e L o m b a r d i a Provincia di Milano COMUNE DI NERVIANO Studio geologico del territorio comunale (L.R. n. 41 / 1997) Marzo 2003 PRESCRIZIONI GEOLOGICHE PER LE N.T.A. Studio Associato di

Dettagli

Fig.1 Mappa freatimetrica a scala regionale dell acquifero non confinato dell alta pianura friulana.

Fig.1 Mappa freatimetrica a scala regionale dell acquifero non confinato dell alta pianura friulana. ACTION 2: Banca dati e implementazione del GIS, Definizione delle caratteristiche dei siti potenziali per l applicazione del metodo di RA degli acquiferi con particolare attenzione alla metodologia di

Dettagli

Prova penetrometrica dinamica: SPT (Standard Penetration Test)

Prova penetrometrica dinamica: SPT (Standard Penetration Test) PROVE IN SITO Prova penetrometrica dinamica: SPT (Standard Penetration Test) Durante le fasi di perforazione si possono eseguire, oltre al prelievo di campioni indisturbati, prove SPT (Standard Penetration

Dettagli

VARIANTE STRUTTURALE 03/09

VARIANTE STRUTTURALE 03/09 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI MONTANERA PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE VARIANTE STRUTTURALE 03/09 (ai sensi art. 1 L.R. 1/07) RELAZIONE GEOLOGICO TECNICA SULLE AREE DII NUOVA ESPANSIIONE

Dettagli

PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO

PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO ACCORDO PUBBLICO-PRIVATO N. 2 ART. 6 LR N.11/2004 AZIENDA AGRICOLA BERTAGNA E. e SAURO P. Riqualificazione ambientale con demolizione opera incongrua

Dettagli

COMUNE DI FANO RELAZIONE GEOLOGICO TECNICA PER LA SOPRELEVAZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE SITO IN FANO VIA RINALDUCCI

COMUNE DI FANO RELAZIONE GEOLOGICO TECNICA PER LA SOPRELEVAZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE SITO IN FANO VIA RINALDUCCI COMUNE DI FANO RELAZIONE GEOLOGICO TECNICA PER LA SOPRELEVAZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE SITO IN FANO VIA RINALDUCCI COMMITTENTE: MANCINELLI GIUSEPPINA OPERA DELL INGEGNO RIPRODUZIONE VIETATA OGNI

Dettagli

Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868

Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868 COMUNE DI CRANDOLA VALSASSINA Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868 Lecco Febbraio 2003 (Aggiornamento all Aprile 2004)

Dettagli

2. REDAZIONE DI RELAZIONE TECNICA E GEOLOGICA FINALE

2. REDAZIONE DI RELAZIONE TECNICA E GEOLOGICA FINALE PREMESSA Con la presente si espone il programma dettagliato delle indagini geognostiche necessarie per la redazione della Relazione geologica e della relazione geotecnica relative agli interventi di Riqualificazione

Dettagli

RELAZIONE GEOTECNICA

RELAZIONE GEOTECNICA RELAZIONE GEOTECNICA GENERALITA La presente relazione ha come oggetto l analisi delle caratteristiche stratigrafiche e la determinazione dei parametrici geotecnici relativamente alle opere di allargamento

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI INDICE 1. INTRODUZIONE pag. 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI pag. 2 3. STRUTTURA GEOLOGICA DEL SITO pag. 2 4. PROGETTO DELLE INDAGINI GEOGNOSTICHE pag. 3 5. RISULTATI PROVE DI LABORATORIO / IN SITO pag. 4 6.

Dettagli

FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO

FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO INDAGINI NEL SOTTOSUOLO COMMITTENTE: MILANOSPORT SPA - MILANO 1377_11 PROGETTO DI REALIZZAZIONE DI UNA TRIBUNA E UNA PISTA COPERTA PRESSO IL CENTRO SPORTIVO XXV APRILE, IN VIA CIMABUE A MILANO - RELAZIONE

Dettagli

ALTO TREVIGIANO SERVIZI S.r.l. Pag. 1

ALTO TREVIGIANO SERVIZI S.r.l. Pag. 1 ALTO TREVIGIANO SERVIZI S.r.l. Pag. 1 CONDOTTA CORNUDA SALVATRONDA COLLETTORE PRIMARIO DEL BACINO SCOLANTE DELLA LAGUNA DI VENEZIA STRALCIO I PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE GEOLOGICO - GEOTECNICA DATA FEBBRAIO

Dettagli

((ai sensi della L.R. 12/05))

((ai sensi della L.R. 12/05)) Rif. L1393 Comune di Pero (Provincia di Milano) Manuttenziione sttraordiinariia con cambiio dii desttiinaziione d uso dellll ediiffiiciio siitto iin viia Morandii SS n 33 dell Sempiione RELAZIONE GEOLOGICA

Dettagli

Vitantonio Roma Copyright riservato. Metodo HVSR (Nakamura)

Vitantonio Roma Copyright riservato. Metodo HVSR (Nakamura) Metodo HVSR (Nakamura) Metodo HVSR (Nakamura) Metodo HVSR (Nakamura) Esempio 11 (ANGELUCCI) Nel sito in esame sono state eseguite solo misure HVSR, ma non si dispongono di altre indagini geognostiche o

Dettagli

PROGETTAZIONE DELL AMPLIAMENTO DELLA CASA DI RIPOSO DON BOSCO A BOLZANO RELAZIONE GEOLOGICO GEOTECNICA DI PROGETTO- INTEGRAZIONE

PROGETTAZIONE DELL AMPLIAMENTO DELLA CASA DI RIPOSO DON BOSCO A BOLZANO RELAZIONE GEOLOGICO GEOTECNICA DI PROGETTO- INTEGRAZIONE PROGETTAZIONE DELL AMPLIAMENTO DELLA CASA DI RIPOSO DON BOSCO A BOLZANO RELAZIONE GEOLOGICO GEOTECNICA DI PROGETTO- INTEGRAZIONE Redattore della relazione: Dott. Geol. Emanuele Sascor PROGETTAZIONE DELL

Dettagli

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie medie e fini COMUNE INTERESSATO Ostellato INQUADRAMENTO DELL AREA

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie medie e fini COMUNE INTERESSATO Ostellato INQUADRAMENTO DELL AREA TIPOLOGIA DI POLO LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie medie e fini COMUNE INTERESSATO Ostellato INQUADRAMENTO DELL AREA L area è ubicata in località Cavallara presso l abitato di S.Giovanni nel Comune di Ostellato.

Dettagli

GEOTECNICA LEZIONE 9 INDAGINI IN SITO. Ing. Alessandra Nocilla

GEOTECNICA LEZIONE 9 INDAGINI IN SITO. Ing. Alessandra Nocilla GEOTECNICA LEZIONE 9 INDAGINI IN SITO Ing. Alessandra Nocilla 1 INTRODUZIONE SCOPO DELLE INDAGINI GEOTECNICHE 1) Gli ingegneri geotecnici non possono scegliere i materiali sui quali sono chiamati a costruire.

Dettagli

INQUADRAMENTO GEOGRAFICO e GEOMORFOLOGIA DELL AREA. L'area oggetto d'indagine, ricade nella tavoletta

INQUADRAMENTO GEOGRAFICO e GEOMORFOLOGIA DELL AREA. L'area oggetto d'indagine, ricade nella tavoletta INQUADRAMENTO GEOGRAFICO e GEOMORFOLOGIA DELL AREA L'area oggetto d'indagine, ricade nella tavoletta 1:25.000 dell'i.g.m.i. denominata "Torretta Granitola" IV S.E. del foglio n 265 della Carta d'italia.

Dettagli

GEOSER S.r.l. - Via Basilicata 11-27100 Pavia - PIVA 01779010188 - www.geoser.com

GEOSER S.r.l. - Via Basilicata 11-27100 Pavia - PIVA 01779010188 - www.geoser.com Geoser offre da anni un servizio completo nel settore delle indagini geotecniche e geoambientali. A sostegno di questo servizio propone tutte le indagini finalizzate all individuazione dei parametri geotecnici

Dettagli

Terme, con delibera della G.M. N 133 del 26 febbraio 2002, per la redazione della

Terme, con delibera della G.M. N 133 del 26 febbraio 2002, per la redazione della INTEGRAZIONE ALLE INDAGINI GEOGNOSTICHE E RIVISITAZIONE DEL MODELLO GEOLOGIGICO RELATIVAMENTE ALL URBANIZZAZIONE DEL PIP COMMERCIALE 1 LOTTO FUNZIONALE I sottoscritti geologi Anna Garippa e Gianluca Tullio,

Dettagli

COMUNE DI PIAN DI SCÒ REGOLAMENTO URBANISTICO 2012 VARIANTE 1 INDAGINI GEOLOGICHE

COMUNE DI PIAN DI SCÒ REGOLAMENTO URBANISTICO 2012 VARIANTE 1 INDAGINI GEOLOGICHE COMUNE DI PIAN DI SCÒ PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO URBANISTICO 2012 AI SENSI AI SENSI DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 25 OTTOBRE 2011 N. 53/R LUNGARNO GUIDO RENI N. 55 52027 SAN GIOVANNI

Dettagli

Zone di Protezione delle acque sotterranee: aree di ricarica nel territorio di pedecollina- pianura della Provincia di Bologna.

Zone di Protezione delle acque sotterranee: aree di ricarica nel territorio di pedecollina- pianura della Provincia di Bologna. Bologna, 29 Maggio 2 0 0 8 Zone di Protezione delle acque sotterranee: aree di ricarica nel territorio di pedecollina- pianura della Provincia di Bologna. Paolo Severi, Luciana Bonzi Servizio Geologico,

Dettagli

Dott. Eraldo Viada Geologo

Dott. Eraldo Viada Geologo Dott. Eraldo Viada Geologo Via Tetto Chiappello, 21D 12017 Robilante (CN) 3404917357 1 Premessa Nella presente relazione sono esposte le risultanze delle indagini geologiche e geotecniche eseguite con

Dettagli

Comune di Rosignano Marittimo

Comune di Rosignano Marittimo Comune di Rosignano Marittimo Regolamento urbanistico Approfondimenti del quadro conoscitivo Studio geologico,idrogeologico e geotecnico finalizzato alla verifica delle condizioni di stabilità e progetto

Dettagli

M E T O D O L O G I A D I A N A L I S I

M E T O D O L O G I A D I A N A L I S I SEDE OPERATIVA STRADA CAVEDOLE 12/C 41126 PORTILE (MO) STUDIO GEOLOGICO E AMBIENTALE TEL E FAX +39 059 784335 CELL +39 339 8179913 DOTT.SSA CLAUDIA BORELLI e mail c.borelli@studio-borelli.191.it P. IVA

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE FONDAZIONI

DESCRIZIONE DELLE FONDAZIONI SOMMARIO 2 GENERALITA 3 3 DESCRIZIONE DELLE FONDAZIONI 3 4 PERICOLOSITA SISMICA 4 5 CARATTERIZZAZIONE FISICO-MECCANICA DEL TERRENO 4 6 MODELLI GEOTECNICI DI SOTTOSUOLO 5 7 VERIFICHE DELLA SICUREZZA E DELLE

Dettagli

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista

Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista Foglio n 1 di 9 CHECK LIST DI ASSEVERAZIONE DEI CONTENUTI DEL PROGETTO ESECUTIVO Il/La sottoscritto/a, in qualità di progettista delle opere fognarie comprese nel Piano Urbanistico denominato. in Comune

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010 DIRETTIVE PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE, GEOTECNICHE E SISMICHE AI SENSI DELLE NTC, D.M. 14.01.2008, E DELLA NORMATIVA NAZIONALE E PROVINCIALE COLLEGATA DOCUMENTO DI SINTESI Trento, Bolzano,

Dettagli

Circolare n. 1 del 6 ottobre 2009 O.G.B.

Circolare n. 1 del 6 ottobre 2009 O.G.B. Circolare n. 1 del 6 ottobre 2009 O.G.B. ISTRUZIONI TECNICHE PER L APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI CONTROLLI - REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLA L.R. 6 AGOSTO 1997 N. 38 - NORME PER L ESERCIZIO

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO PER LA MIGLIOR GESTIONE IRRIGUA INDICE

PROGETTO ESECUTIVO PER LA MIGLIOR GESTIONE IRRIGUA INDICE Via Turazza 48, 35128 Padova. Tel./Fax 049 774197. E-mail: albmazzu@libero.it PROGETTO ESECUTIVO PER LA MIGLIOR GESTIONE IRRIGUA INDICE 1 PREMESSA... 2 2 CANALE ALTIPIANO... 2 2.1 TRATTA 1... 2 2.2 TRATTA

Dettagli

Relazione Geologica e Relazione Geotecnica

Relazione Geologica e Relazione Geotecnica Relazione Geologica e Relazione Geotecnica La Relazione Geologica e la Relazione Geotecnica sono due documenti progettuali sempre distinti. La Relazione Geologica è essenziale per il geotecnico e lo strutturista,

Dettagli

Relazione geotecnica A-06

Relazione geotecnica A-06 Relazione geotecnica A-06 Elaborato A-06.doc Settembre 2009 1 Emissione Ing. Cosimo Convertino Ing. Nicola Mori Ing. Remo Chiarini INDICE 1. Introduzione... 3 2. Inquadramento generale dell area di intervento...

Dettagli

INDICE. 1. PREMESSA Riferimenti progettuali e Normativi...2 1.1 RIFERIMENTI NORMATIVI... 3

INDICE. 1. PREMESSA Riferimenti progettuali e Normativi...2 1.1 RIFERIMENTI NORMATIVI... 3 INDICE 1. PREMESSA Riferimenti progettuali e Normativi...2 1.1 RIFERIMENTI NORMATIVI... 3 1.2 Metodologia di lavoro e Contenuti ai sensi della L.R. 12/05 ed alla D.G.R. 9/2616/2011... 5 2. INTERVENTO DI

Dettagli

GEOLOGO MARCO MARCATO

GEOLOGO MARCO MARCATO GEOLOGO MARCO MARCATO RELAZIONE GEOLOGICA-GEOTECNICA CON INDAGINI GEOLOGICHE. INDICE 1. PREMESSA..... pag. 1 2. QUADRO DEI VINCOLI IDROGEOLOGICI.. 2 3. RELAZIONE GEOLOGICA 3 3.1 INQUADRAMENTO GEOLOGICO

Dettagli

INDAGINE GEOTECNICA DI SUPPORTO ALLA PROGETTAZIONE

INDAGINE GEOTECNICA DI SUPPORTO ALLA PROGETTAZIONE PIEMME s.r.l. INGEGNERIA E COSTRUZIONI Nuova costruzione di edifici plurifamiliari in Via Goldoni 31 a Varese INDAGINE GEOTECNICA DI SUPPORTO ALLA PROGETTAZIONE N. Riferimento: 05-008 Data: Febb. 2005

Dettagli

MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO. Geol. Fabio Garbin

MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO. Geol. Fabio Garbin MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO Geol. Fabio Garbin Preparazione all Esame di Stato, Roma 8 aprile 2011 Riferimenti Normativi essenziali D.M. 14.01.2009: Approvazione delle nuove Norme Tecniche sulle

Dettagli

Indice 1 INTRODUZIONE... 2 2 INDAGINI GEOGNOSTICHE E RICOSTRUZIONE IDROGEOLOGICA... 3 3 RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ E DEWATERING...

Indice 1 INTRODUZIONE... 2 2 INDAGINI GEOGNOSTICHE E RICOSTRUZIONE IDROGEOLOGICA... 3 3 RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ E DEWATERING... DIMENSIONAMENTO DI UN INTERVENTO DI DEWATERING CON RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ A cura di Giovanni Formentin, Loris Colombo, Vincenzo Francani Giovanni.Formenti@tethys-geco.it, Loris.colombo@polimi.it,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COSTRUZIONE DI POZZI PER L ESTRAZIONE DI ACQUA SOTTERRANEA

LINEE GUIDA PER LA COSTRUZIONE DI POZZI PER L ESTRAZIONE DI ACQUA SOTTERRANEA LINEE GUIDA PER LA COSTRUZIONE DI POZZI PER L ESTRAZIONE DI ACQUA SOTTERRANEA Le domande di autorizzazione e di concessione per la costruzione di un pozzo devono essere corredate da un progetto preliminare

Dettagli

Indice... 1 A1 Relazione di calcolo strutturale... 2

Indice... 1 A1 Relazione di calcolo strutturale... 2 Indice Indice... 1 A1 Relazione di calcolo strutturale... 2 A1.1 Relazione generale illustrativa dell opera... 2 A1.2 Normativa di riferimento... 3 A1.3 Descrizione del modello strutturale... 4 A1.4 Valutazione

Dettagli

Linee guida di progettazione geologica: un esempio in rapporto alla idrogeologia di bassa pianura IL PROGETTO IDRO DELLA PROVINCIA DI VENEZIA

Linee guida di progettazione geologica: un esempio in rapporto alla idrogeologia di bassa pianura IL PROGETTO IDRO DELLA PROVINCIA DI VENEZIA ORDINE DEI GEOLOGI DEL VENETO Venezi a Mestre, 01 febbraio 2014 Linee guida di progettazione geologica: un esempio in rapporto alla idrogeologia di bassa pianura IL PROGETTO IDRO DELLA Valentina Bassan

Dettagli

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee NORME DI ATTUAZIONE Art. 1 Norma transitoria Le norme relative al dissesto sono da ritenersi transitorie fino all'approvazione (previa intesa con l'autorità di Bacino) del PTCP 2007. Il PSC dovrà adeguarsi

Dettagli

A.R.P.A.V. Via Dominutti 37135 Verona. MAIL: dapvr@pec.arpav.it

A.R.P.A.V. Via Dominutti 37135 Verona. MAIL: dapvr@pec.arpav.it D i s c a r i c a i n L o c a l i t à C à d i C a p r i PROVINCIA DI VERONA U.O. DISCARICHE E BONIFICHE Via delle Franceschine, 11-37121 Verona MAIL: provincia.verona@cert.ip-veneto.net A.R.P.A.V. Via

Dettagli

GEOSAT GEOTECNICA - GEOLOGIA - GEOTERMIA TOPOGRAFIA E INDAGINI AMBIENTALI. LINDOS srl. SEGRATE (MI) Via MONVISO

GEOSAT GEOTECNICA - GEOLOGIA - GEOTERMIA TOPOGRAFIA E INDAGINI AMBIENTALI. LINDOS srl. SEGRATE (MI) Via MONVISO GEOSAT GEOTECNICA - GEOLOGIA - GEOTERMIA TOPOGRAFIA E INDAGINI AMBIENTALI LINDOS srl SEGRATE (MI) Via MONVISO PIANO ATTUATIVO TR4 Palazzina A e B RELAZIONE GEOLOGICA RELAZIONE GEOTECNICA Cernusco Sul Naviglio,

Dettagli

Comune di Albiolo Componente geologica PGT Piano delle Regole Pag.1

Comune di Albiolo Componente geologica PGT Piano delle Regole Pag.1 Pag.1 INTRODUZIONE AMBITO DI APPLICAZIONE Le presenti norme costituiscono parte integrante del Piano di Governo del Territorio, in dettaglio del Piano delle Regole, come definito nella L.R. 11 marzo 2005,

Dettagli

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Geotecnica

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Geotecnica SOMMARIO 1 INTRODUZIONE...2 2 IL NUOVO EDIFICIO DEL POLO TECNOLOGICO INTEGRATO...2 3 L ORGANISMO STRUTTURALE ED I CRITERI DI PROGETTO...2 4 LE PROBLEMATICHE GEOTECNICHE...3 4.1 Inquadramento geologico...3

Dettagli

COMUNE DI OZZERO STUDIO GEOLOGICO A SUPPORTO DEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO

COMUNE DI OZZERO STUDIO GEOLOGICO A SUPPORTO DEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO COMUNE DI OZZERO STUDIO GEOLOGICO A SUPPORTO DEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO ex art. 57 Legge Regionale 12 del 11 marzo 2005 DGR n.8/1566 del 22 dicembre 2005 e DGR n. 8/7374 del 28 maggio 2008 NORME

Dettagli

ELABORATI CARTOGRAFICI di Riferimento geologico

ELABORATI CARTOGRAFICI di Riferimento geologico / COMMITTENTE: Comune di VARENNA Provincia di Lecco PROGETTO: Costruzione di una nuova rotatoria all intersezione di viale Polvani con la strada provinciale 72 in comune di Varenna Progetto definitivo

Dettagli

Prove penetrometriche. - Dinamiche SPT standard penetration test DP dynamic penetration test

Prove penetrometriche. - Dinamiche SPT standard penetration test DP dynamic penetration test Prove penetrometriche - Dinamiche SPT standard penetration test DP dynamic penetration test - Statiche CPT cone penetration test 1 Prove Penetrometriche Dinamiche 2 Prove Penetrometriche Dinamiche - DP

Dettagli

COMUNE DI NOVARA VARIANTE GENERALE PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE. ELABORATI GEOLOGICI ai sensi della circolare PRG n.7 LAP del 6 Maggio 1996

COMUNE DI NOVARA VARIANTE GENERALE PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE. ELABORATI GEOLOGICI ai sensi della circolare PRG n.7 LAP del 6 Maggio 1996 COMUNE DI NOVARA VARIANTE GENERALE PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE ELABORATI GEOLOGICI ai sensi della circolare PRG n.7 LAP del 6 Maggio 1996 Elaborato: 19 RELAZIONE GEOLOGICO-TECNICA RELATIVA ALLE

Dettagli

OGGETTO: REALIZZAZIONE DI FABBRICATO RESIDENZIALE SITO IN VIA BARABINO IN COMUNE DI SANREMO. PIANO DI MONITORAGGIO PRELIMINARE.

OGGETTO: REALIZZAZIONE DI FABBRICATO RESIDENZIALE SITO IN VIA BARABINO IN COMUNE DI SANREMO. PIANO DI MONITORAGGIO PRELIMINARE. Studio di Ingegneria Civile Dott. Ing. Massimo Carli Studio di Geologia Tecnica Dott. Geol. Roberto Castellano Via Matteotti n 18, 18014 Ospedaletti (IM) Via Manzoni n 75, 18038 Sanremo (IM) Tel. 0184/689368

Dettagli

INDICE INDICE DELLE TAVOLE DEL TESTO

INDICE INDICE DELLE TAVOLE DEL TESTO INDICE 1. PREMESSA Pag. 3 2. NOTE ESPLICATIVE ALLA CARTA DELLE MICROZONE OMOGENEE IN PROSPETTIVA SISMICA (LIVELLO1) Pag. 4 3. NOTE ESPLICATIVE ALLA CARTA DELLA FATTIBILITÀ DELLE SCHEDE DELLA VARIANTE Pag.

Dettagli

COSTRUIRE SU TERRENI DIFFICILI Romolo Di Francesco e dott. Geol. Vittorio Gennari www.romolodifrancesco.it

COSTRUIRE SU TERRENI DIFFICILI Romolo Di Francesco e dott. Geol. Vittorio Gennari www.romolodifrancesco.it COSTRUIRE SU TERRENI DIFFICILI Romolo Di Francesco e dott. Geol. Vittorio Gennari www.romolodifrancesco.it 1. INTRODUZIONE Pur considerato che le conoscenze teoriche, sperimentali e tecnologiche hanno

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA VALDIGNE MONT BLANC

COMUNITÀ MONTANA VALDIGNE MONT BLANC R E G I O N E A U T O N O M A D E L L A V A L L E D A O S T A COMUNITÀ MONTANA VALDIGNE MONT BLANC DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE COMPRENSORIALI IN COMUNE DI LA SALLE A SERVIZIO DELLA COMUNITÀ MONTANA

Dettagli

GEOLOGICO, SISMICO E GEOTECNICO DI UN AREA DESTINATA ALLA COSTRUZIONE DI UN EDIFICIO DI CLASSE D USO II (struttura ordinaria)

GEOLOGICO, SISMICO E GEOTECNICO DI UN AREA DESTINATA ALLA COSTRUZIONE DI UN EDIFICIO DI CLASSE D USO II (struttura ordinaria) INCARICO PROFESSIONALE PER LO STUDIO GEOLOGICO, SISMICO E GEOTECNICO DI UN AREA DESTINATA ALLA COSTRUZIONE DI UN EDIFICIO DI CLASSE D USO II (struttura ordinaria) 1. Quadro normativo 2. Programmazione

Dettagli

4$5 (2% 1 (...* (.. ("2 2 (.." "")" ' 3 3.%.&( % ( (2%%.""".("2 % +.* %# ) <% "" " 3 3"". 0 %' 3'=..(' >6 6%4(5 ) <3 3"".

4$5 (2% 1 (...* (.. (2 2 (.. ) ' 3 3.%.&( % ( (2%%..(2 % +.* %# ) <%   3 3. 0 %' 3'=..(' >6 6%4(5 ) <3 3. 1 Premessa... 3 1.1 Normativa di riferimento... 5 2 Inquadramento dell area... 6 3 Inquadramento geologico e geomorfologico regionale... 8 4 Indagini geotecniche in situ... 17 4.1 Modalità d indagini...

Dettagli

RELAZIONE INTEGRATIVA

RELAZIONE INTEGRATIVA COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) INDAGINE GEOLOGICO TECNICA DI SUPPORTO ALLA VARIANTE DEL PORTO TURISTICO DI TALAMONE (D.P.G.R.T. N 26/R/2007) RELAZIONE INTEGRATIVA Consulenti: Dr. Geol. STEFANO

Dettagli

engineering s.r.l. via del Rio, 2 56025 PONTEDERA PI tel. +39.0587.608233 fax +39.0587.606784

engineering s.r.l. via del Rio, 2 56025 PONTEDERA PI tel. +39.0587.608233 fax +39.0587.606784 05 04 03 02 01 08.11.2010 VARIANTE 1 00 14.03.2009 Prima emissione Rev. DATA: Motivo Il Direttore dei Lavori Piano di Lottizzazione UTOE Pontedera Est Comparto 12 OPERE DI URBANIZZAZIONE PONTEDERA PI Loc.tà

Dettagli

26 settembre 2012. 02 ottobre 2012

26 settembre 2012. 02 ottobre 2012 N 12212 Bini Tesi 551 Lucca P.I. 211455466 Rapporto n 12212 Committente Sig. ri Bini Giuseppe e Tesi Donato Tipo di indagine Indagini sismiche: Down Hole Cantiere Via Lungomonte Rosignano Solvay Data misure

Dettagli