Crisi economica e psicologia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Crisi economica e psicologia"

Transcript

1 Crisi economica e psicologia di Alberto Stilgenbauer Si sa, quando una nave rischia di affondare nel mare in tempesta la cosa più opportuna per non far affondare tutto, è gettare fuori dalla stiva ciò che è ritenuto superfluo, e così viene stabilito un ordine di priorità basato su criteri di sopravvivenza. Questo paragone rappresenta abbastanza bene quello che sta accadendo in Italia in seguito alla più grande crisi finanziaria mondiale, ed è soprattutto la classe media ed i più deboli quelli che ne stanno sopportando il peso, appesantiti dalle tasse e indeboliti nelle speranze, costretti a ridurre anche le necessità, sicuramente riducono le necessità considerate meno vitali, e tra queste c è: la psicoterapia. Le società europee tra cui e soprattutto la società italiana, si trovano in quella che gli economisti chiamano: sofferenza. La piccola e media imprenditoria è in sofferenza, chiudono le attività, i sogni, i desideri di tanta gente che negli anni ha costruito passo dopo passo, generazione dopo generazione, attività di prestigio professionale organizzatrici del tessuto economico e culturale che ha retto la rappresentazione sociale del sistema produttivo e di convivenza della comunità. Attualmente con questa campagna per le votazioni politiche prossime, assistiamo a vergognose rappresentazioni di arrivismo becero, modalità ben lontane da quel modo d essere imprenditivo basato sul lavoro che ha permesso nei decenni passati di mostrare una cultura del lavoro tipicamente italiana. Attualmente abbiamo lo sviluppo dei cosiddetti nuovi poveri, una linea di attraversamento intergenerazionale che vede uniti i giovani e le persone di mezza età. Giovani precari, definiti: generazione persa - giovani che per l egoismo di alcuni sono stati relegati alla condizione di instabilità progettuale, che vivono guardando come dimensione tempo quello che accade nell arco di ventiquattrore e non oltre, non solo per evitare di illudersi, ma perché pensare l oltre ha il sapore dell autonomia e quest ultima è diventata merce rara. Poi ci sono quelli di mezza età che hanno perso il lavoro perché il sistema finanziario nel suo brutale egoismo non prevede categorie di lettura di tipo sociale, anzi. La cultura del lavoro si è trasformata da decenni in una specie d efficientismo finanziario speculativo che fa dire: mi conviene - non mi conviene! Basta il semplice pigiare sullo schermo di un palmare che istantaneamente vengono annullati posti di lavoro: ossia la personalità e dignità di uomini e donne ne viene offesa.

2 Il triste è che spesso questo annullamento di dignità porta un ulteriore annientamento di dignità, un gioco esponenziale alla disumanizzazione del mondo globalizzato, con l avvio di nuovi posti per schiavi, basti pensare alla Apple cinese o alla chiusura di fabbriche d auto in Italia e lo spostamento delle attività a basso costo di produzione nei paesi di quelli che una volta erano definiti: paesi dell est. Con buona pace dello Statuto dei Lavoratori e della dignità del lavoro. Si allarga l area delle nuove povertà che prima di essere economica è culturale, anzi, potrei dire che la povertà culturale è di molto più estesa di quella economica ed invade in maniera diffusa le istituzioni. Il supervalore simbolico dato al denaro è divenuto totalizzante, talmente pregnante da piegare a sé le differenze culturali tra le persone. Questo non nasce così, a caso, cercando un ragionevole momento storico d inizio della crisi attuale, lo possiamo trovare nei primi anni ottanta, quando dai politici di allora si sentiva parlare di Azienda Italia. L Italia stato, popolo, nazione, cultura, storia, si trasformava in una specie di società rappresentata in Borsa, inflazionata, e pubblicizzata con la Milano da Bere, dimenticando che oltre il denaro c è il lavoro come soddisfazione creativa umana. Mi ricordo bene quando nel contesto dei dipendenti pubblici di allora, con gli enti di previdenza e assistenza si poteva prendere del denaro in prestito al 2,4% annuale, per avviarlo in B.O.T. al 13% d interesse con un guadagno netto del 10,60%, tutto ciò senza aver impegnato il proprio denaro e partecipando all incremento del debito pubblico del paese dei balocchi. Il problema non era tanto un problema speculativo, la cultura economica di allora lo imponeva, il problema era che questa modalità culturale diffusa faceva si che si sgretolasse la cultura dello Stato, quello che una volta si diceva: Senso dello Stato, dicitura che successivamente faceva diventare ingombrante e fastidioso chi provava a pronunciarla. Il giocare in Borsa per persone che non avevano nessuna competenza di economia finanziaria, il moltiplicarsi di istituti finanziari pronti a fare assicurazioni sulla vita o fondi d investimento, ha provocato l annullando dell idea di investire su se stessi direttamente con il lavoro, con la cultura, con la solidarietà ed ha fomentato la fantasia illusoria che i beni che si potevano ottenere erano inesauribili. Tutto questo ha portato alla criminalità ed alla corruzione come modalità relazionale tra domanda e offerta, basti pensare all uso quasi assoluto della trattativa privata al posto dei contratti pubblici a gara, al frazionamento illecito per evitare i controlli degli organi preposti a seconda la fascia d importo di spesa, alle regalie miserevoli che hanno trasformato decorose persone in ladri di galline.

3 Torno a ripetere da una prospettiva psicologica non è rilevante il valore in denaro degli importi sottratti, ma per la diffusione di un modello egoistico generalizzato che ha avuto nella società e nella cultura come simbolizzazione delle relazioni sociali di convivenza: tanto lo fanno tutti; se non l avessi presi io, l avrebbe presi un altro!. Chi non si ricorda il: prendi oggi e paghi tra un anno; il diritto ad essere felici con un nuovo modello d auto appena uscito di fabbrica o con l ultimo iphone. Il gioco in Borsa, senza competenze economico-finanziarie, in molti casi si è ridimensionato, e nella sua proletarizzazione si è trasformato nelle dipendenze da gioco alle slot machine o ai gratta e vinci, logicamente legalizzati con leggi e regolamenti. E noi psicologi a parlare della dipendenza da gioco che trasforma le persone in giocatori compulsivi, ignorando la dimensione relazionale e psicosociale di una trasformazione culturale che fa dire che chi gioca troppe volte è malato da gioco, ha una dipendenza. Così facendo ci impediamo di vedere che la dipendenza ha a che fare con una incapacità ad essere indipendenti, proprio perché ci troviamo in una cultura oramai istituzionalizzata della dipendenza, dell alienazione dell uomo al consumo emozionato e non pensato. Basta pensare che quando le persone si basano sull emozione del tentare la fortuna ossessivamente, beh, forse hanno perso progettualità e investimento su se stesse, e in maniera più audace potremmo pensare che forse la cultura sociale imposta sulla delega accettata dalla maggioranza non pensante, vuole che ci sia proprio poco pensiero critico e tutto il resto emozioni inebrianti. Credo che la psicologia possa fare molto su questo, mettere in evidenza professionalmente quello che sta avvenendo, e penso anche che la psicologia e gli psicologi si trovino ad un bivio: - o interpretare e imitare altre professionalità, come ad esempio la psichiatria facendo arbitrariamente propri i criteri di questa valida professione, perdendo quelle competenze e quelle specificità psicologico-sociali che le appartengono; - o rimboccandosi le maniche, detto in termini figurativi, lavorando con i propri criteri e modelli professionali d intervento, ad esempio lavorando, sui problemi, sulla domanda non ancora ben definita dell utenza, incontrandosi, confrontandosi, verificando fattibilità e risultati d intervento a partire dal conoscere quello che sta avvenendo.

4 Un bivio che si può sintetizzare tra una psicologia solo applicativa delle tecniche o in una psicologia clinica[1] della domanda nelle relazioni, una scelta professionale tra intervento sul deficit o intervento sui problemi. La scelta di quale strada intraprendere è tra il considerare le domande che vengono portate allo psicologo come riparazione o sostituzione di ciò che non va, una specie di officina meccanica per la psicologia o la trasformazione della domanda in un possibile sviluppo di cambiamento della persona, gruppi, istituzioni, scoprendo le proprie risorse ed il valore/utilità che queste hanno con la verifica. La psicologia può lavorare per lo sviluppo dei contesti di convivenza, proponendo un superamento della rassegnazione e una acquisizione della fiducia in sé e contemporaneamente nella socialità, a partire da un pensiero sulle emozioni, magari proprio dalla domanda ancora non ben definita, non pensata dell utenza, promuovendo la riassunzione della delega e riscoprendo il nucleo del proprio scopo esistenziale in relazione alla realtà sociale degli individui nei contesti di cui sono. [1] Casi Clinici, il resoconto in psicologia clinica Renzo Carli e Rosa Maria Paniccia, 2005, il Mulino. [2] Casi Clinici, il resoconto in psicologia clinica Renzo Carli e Rosa Maria Paniccia, 2005, il Mulino.

5 LA BOTTEGA DEL VERROCCHIO Alberto Stilgenbauer Muovesi l amante per la cosa amata Se la cosa amata è vile L amante si fa vile Quando l amante è giunto all amato là si riposa Quando il peso è posato Qui si posa (sigla di coda cantata da Ornella Vanoni su parole di Leonardo da Vinci) Qualche decina di anni fa (1971) la RAI produsse uno sceneggiato di alto livello per quegl anni, era dedicato alla vita di Leonardo da Vinci e con diverse puntate fece entrare il pubblico televisivo nel Rinascimento, nell operosità di quella che ora si potrebbe chiamare: economia reale creativa. In una delle prime scene Leonardo poco meno che un ragazzino andò a lavorare nella bottega di Andrea Verrocchio, così raccontato dal narratore Giulio Bosetti: La bottega di un maestro del 400 non ha nulla a che vedere con lo studio di un pittore moderno, è prima di tutto un officina, l artista del rinascimento è un orefice, pittore, fabbro, artigiano, il suo prodotto è vivo, è un prodotto vivo, perché corrisponde sempre ad una necessità quotidiana, come questa grande palla di rivestita di rame che dovrà essere collocata sulla cupola di Santa Maria del Fiore, Leonardo se ne ricorderà molti anni dopo scrivendo: ricordati delle saldature con cui si saldò la palla di Santa Maria del Fiore di rame improntato in sasso, come i triangoli di essa palla E qui si fanno quadri di santi perché il popolo vi preghi inginocchiati, ritratti per ricordare una persona cara, vasellami per le mense dei ricchi e dei meno ricchi, arredi sacri per le Chiese. Pietro Perugino, quasi sicuramente il Botticelli e Lorenzo di Credi allora giovanissimo, lavorano già nella bottega del Verrocchio..

6 Allora per imparare un mestiere si andava a bottega e l apprendimento degli allievi non era verificato tramite esami ed interrogazioni, ma sul prodotto totale o parziale che realizzavano. Attualmente il nostro sistema scolastico e universitario si basa su un forte bisogno di certezza, tale da dare la sensazione di una conoscenza reale tangibile in un sistema formativo chiuso dalle mura reali e mentali dell edificio scolastico/universitario. Ben diversa è la situazione nella vita reale dove non ci sono esami scritti o orali, le risposte che vengono date hanno a che fare con una situazione di variabilità aperta, solo a posteriori, dopo che sono state verificate come prodotto possono essere considerate utili, e il confronto con la realtà diviene angosciante proprio perché non c è una risposta certa, ma un vissuto è di preoccupazione, incertezza, inconclusione. I personaggi del mondo scolastico /universitario, sia essi genitori, allievi insegnanti, professori, vivono uno stato di collusione inconscia che organizza le relazioni su false certezze vivificate magari in un trenta e lode, tenendosi ben lontani dalla realtà dell incertezza della variabilità dei contesti, fino a pensare che la scuola sia una realtà senza prodotto, se non la sua stessa sopravvivenza. Nella scuola/università azzerare i contesti permette di controllare l ansia e di reggimentare in atti specifici istituzionalizzati gli esami, le interrogazioni, le tesi di laurea e tutta la ritualità adempitiva delle lezioni, compreso il libretto delle assenze o il foglio firma delle presenze a lezione per i più grandi. Ma così non poteva essere nella Bottega del Verrocchio, non era possibile far divenire un mito la stessa Bottega, sarebbe diventata improduttiva, museale, ma, al contrario era produttiva, organizzata su committenze, sulle relazioni tra maestro e allievo, dove era chiaro che l esistenza della Bottega era legata alle commesse, ai contratti che venivano aperti con i clienti ed alla soddisfazione di questi. L incertezza era di casa, l angoscia funzionale alla professione, la componente istituzionale funzionale e proporzionale alla realizzazione degli obiettivi produttivi. Probabilmente essere professionisti passa ancora adesso per la qualità dei prodotti forniti, ma prima ancora passa per la capacità di utilizzare l angoscia dell incertezza.

7 Ma la gaussiana, alias Curva di Gauss, alias Normale, ha a che vedere solo con la statistica? Alberto Stilgenbauer Se qualcuno chiedesse quale è la differenza tra normalità e psicopatologia, probabilmente avremmo la presunta sensazione di sapere che cosa significa, magari cercheremo di ricordarci le definizioni acute, ma acontestuali del DSM IV[1][1] e anche TR con tutti gli ASSI I, II, III, IV. Probabilmente potremmo tirare fuori nozioni sicureggianti di tomi e tomi scritti da emeriti studiosi, ma difficilmente potremmo capire il confine tra la normalità e la psicopatologia, quello spazio delle volte così ristretto che fa da zona d interdizione, di separazione tra due mondi che il mediocre perbenismo sociale erige per non esserne toccato. Mi viene in mente l attuale Striscia di Gaza, il Muro che circonda Gerusalemme, l ex Muro di Berlino, e pensando ad altre zone d interdizione il 38 parallelo degli anni sessanta che divideva il Viet-Nam del Nord dal Viet-Nam del Sud, ma anche le strutture manicomiali e molto spesso, le attuali comunità terapeutiche. Proviamo per un momento ad utilizzare in questa riflessione una modalità esplorativa che tenga conto dei sensi sociali e comunitari che descrivono e vivono le relazioni di convivenza, cercando dalle parole i sensi emozionali, i semi dell etimo che formano questo campo, tutto da scoprire. Iniziamo dalla parola normalità, decontestualizzata ha a che vedere con squadra, dal latino norma che sottende il decisionale e sentenziante concetto di normalità, svela il senso di conforme a una certa norma e, con soddisfazione di chi l agisce, conduce alla normalizzazione, ben specificata nel il Nuovo Etimologico Zanichelli con l esempio storico dove un ex superpotenza degli anni 60 aveva normalizzato uno stato satellite occupandolo militarmente, la Cecoslovacchia, ed allora la normalizzazione assume le tinte scure della restaurazione. Ed allora la psicopatologia che cosa è? La psiche malata, senza uscita, blocco della mente, così come è per il Re del gioco degli scacchi, ed è lo scacco matto, posizione in cui non c è via d uscita se non nella distruzione, nella morte sociale, nella resa. I sinonimi culturali della parola matto sono: folle, pazzo, demente e per i più benevoli giudicanti, magari con un po d invidia: estroso, stravagante, bizzarro. Comunque al di fuori della norma, ed anche qui all inverso, ci sono quelli che sono dentro la norma e quelli che sono al di fuori della norma.

8 Ma per chi ha osservato la norma o normale con occhi diversi dall espletamento di un esame di statistica, la norma o gaussiana diviene un modello che può aiutare a comprendere qualche cosa in più sul modo di concepire la convivenza e la psicopatologia. Tutti sappiamo che una gaussiana standard ha due code, due protuberanze estreme rispetto all area centrale, aree che si contrappongono e dove il limite estremo dell accettabile può essere riconosciuto dalla maggioranza standardizzata e normalizzata come appartenente perché non confidente ed allora chi è oltre il limite accettabile, diviene errore vivente, sbaglio della natura. Ed è molto probabile che la diversità, l incapacità di vedere l altro come estraneità non fagocitata porta ad una meritevole condanna, una sentenza severa: matto. In questo caso ci sono le strutture di contenimento oppure è un criminale ed allora il carcere, ma in ambedue i casi è l isolamento sociale della diversità. Interessante è il caso del matto criminale, ma anche lì esiste un altra soluzione che racchiude tutto: il Manicomio Criminale. Ma se le differenze di percentuale dell area intorno alla media e dell area delle code dovessero ridursi, se il delta divenisse prossimo a zero? Beh, allora dovremmo parlare di società malata a tal punto da richiedere cure sociali radicali. Questo ci porta inevitabilmente ad affrontare l argomento della convivenza, alla scoperta di come il contesto reagisce e da valore a quelle regole di convivenza sociale che si è dato rispetto alla diversità, possiamo riflettere sulle modalità di relazione tra un appartenenza che si considera normale e che considera la diversità da se stessa come nemica, non riconoscendogli la specificità d essere, considerandola estranea, anzi strana che provoca stupore, turbamento e conseguentemente sospetto. La convivenza così come descritta da Carli R. è: Convivere significa capacità di trattare con la diversità, con l altro diverso da noi negli obiettivi, negli interessi, nei desideri, nei valori della cultura. La norma, intesa come regola del gioco, non come vincolo costrittivo, è il sistema entro il quale è possibile esplorare la diversità, entrare in relazione con essa ed arricchirsene. Convivere, in sintesi, significa avere relazioni con l altro ed iscrivere tali relazioni entro regole del gioco condivise. È importante sottolineare che il rapporto con l alterità ha bisogno di regole del gioco; ma anche come le regole del gioco implichino sempre, la relazione con l estraneo. [2][2]. (Carli R., 2000). Ecco una modalità per poter esaminare le condizioni sociale in cui è possibile che si avvii quella che viene definita patologia psicologica senza eziologia simil-medica. Potremmo dire che la patologia psicologica nasce da una incapacità di mettersi in relazione con l altro, è senza prodotto ed è incapace di seguire delle regole del gioco se non addirittura di contrattarle, ma queste possono esistere solo dopo il riconoscimento dell altro come altro indipendente con cui poter avere uno scambio.

9 Proprio la capacità di costruire convivenza in molteplicità di contesti può divenire uno strumento di verifica per un trattamento psicoterapeutico, questo permette di spiegare non solo la risposta sociale ai fallimenti della collusione, ma anche la psicopatologia del singolo individuo, considerando che la polis del mondo esterno si riflette nella polis del mondo interno.

10 Famiglia, Familismo, Istituzioni Alberto Stilgenbauer IL PADRE - Abbiamo tutti dentro un mondo di cose; ciascuno un suo mondo di cose! E come possiamo intenderci, signore, se nelle parole ch io dico metto il senso e il valore delle cose come sono dentro di me; mentre chi le ascolta, inevitabilmente le assume col senso e col valore che hanno per sé, del mondo com egli l ha dentro!crediamo d intenderci; non ci intendiamo mai!... (Sei personaggi in cerca d autore) Luigi Pirandello Spesso nelle organizzazioni lavorative, istituzionali, quali: Assistenza Sanitaria, Chiesa, Forze Armate, Scuola, Poste, ecc.; si sente parlare di famiglia e le frasi che spesso abbiamo ascoltato e detto, hanno come riferimenti l istituzione emozionale familiare. Frasi del tipo: (siamo tutti una famiglia) (per noi i figli sono tutti uguali). Trasformando quel luogo organizzativo come una famiglia dove ci sono i genitori e i figli, personalmente ho sentito dire spesso - (questa Forza Armata è come una grande mamma!) Ma lo pensate che cosa vuol dire avere un comandante di gruppo nelle forze armate, un vescovo nella chiesa, un insegnante nella scuola che è come la mamma o come un papà è la riduzione del rapporto alla dimensione familistica come modello che organizza le relazioni di potere all interno di quello specifico contesto organizzativo; è la confusione del significato di prodotto (il motivo perché si è in una specifica organizzazione). La famiglia viene mitizzata e ideologizzata per divenire modello uniformizzante le relazioni: e la competenza ad essere comandante di gruppo, vescovo, insegnante, e perché no? padre o madre? Che fine fa? Il familismo al di fuori della famiglia (direi anche all interno della famiglia, assume l aspetto di un singolo fotogramma, congela le relazioni ad una età dove i figli sono infantilizzati, negandone il processo trasformativo evolutivo verso l autonomia dei figli, e logicamente immobilizza anche i genitori) è quell area non pensata, talmente non pensata che poi diventa una specie di dogma, anzi di dogmatismo, ed allora escono fuori i principi, i valori familistici, i sensi di colpa, le infantilizzazioni di chi occupa una posizione down e chi quella up, fino ad arrivare alla lesa maestà, a quello che definisco caifanismo[1]. Alla confusione tra emozione, mito, idea, ideale, e contesti, distorsioni delle relazioni non pensate che portano al padre eterno, alla madre eterna, al figlio eterno, al familismo eterno, all onnipotenza divina, una specie di passepartout che apre tutte le porte.

11 Certo che parlare ed utilizzare i modelli e processi decisionali materni e paterni, come ha ben spiegato Franco Fornari[2], è inevitabile, proprio perché costruzioni culturali genetiche universali che c appartengono da sempre, ma questi non vanno pigramente e pervasivamente transustanzializzati alla lettera in ogni relazione socio organizzativa. L accettazione e l uso sociale della familizzazione insterilisce i processi nei contesti, li standardizza rendendo ogni luogo di convivenza tutto uguale a tutto. Il familismo sociale dilagante si iscrive dentro processi modellistici e di pensiero acritici del tipo: (chi non è con noi è contro di noi). Un bisogno di riduzione dell altro al conosciuto, al già noto e non più in un assetto produttivo di conoscenza dell altro partendo dal considerarlo altro da me, in cui nasce una curiosità di conoscenza reciproca. I sistemi produttivi non possono essere confusi nel familismo, perché perdono il significato per cui si costituiscono, e se costruisco le relazioni organizzative in termini simbolici familistici agiscono emozioni istituzionali perdendo di vista le relazioni produttive con l esterno, basti pensare a quante istituzioni istituzionalizzandosi soffocano gli scopi, gli obiettivi, i motivi per cui si costituirono. Perdendo di vista il prodotto per cui sono organizzate divengono luoghi il cui fine è solamente quello di vivere emozioni agite, utilizzando lo schema emozionale primordiale amico/nemico come organizzatore di relazioni. La stessa famiglia può trovarsi nell assetto familistico o al contrario produttivo, ma questo passaggio si ha quando, come si diceva qualche anno fa: prende coscienza della sua funzione sociale; ossia quando prende consapevolezza della produttività, come nel caso del cammino verso l autonomia dei figli e del suo essere in continua trasformazione anche per il resto degli altri componenti. Per fare questo, la famiglia si deve mettere in un assetto mentale meta, ossia sospendere l agire familistico per pensare e parlare il ruolo sociale produttivo contestualizzato a quella specifica famiglia in quello specifico periodo storico e culturale. Molto spesso le agenzie supportive alla famiglia esplicitano la loro azione fornendo tecniche: basta pensare a quei programmi televisivi dove si vede una Tata in grembiule pronta con carta e penna a capire da dove nascono le difficoltà nei rapporti tra genitori e figli: è l agire di tecniche dove c è quello che sa (la Tata, raramente il Tato) e quello che non sa (abitualmente tra i genitori sembra che il non sapere come si fa, sia sempre a carico della madre/moglie-compagna), non è che le tecniche della Tata non servano, sono utili, ma per capire quello che sta avvenendo si deve passare per la comprensione dei sistemi simbolici relazionali che si stanno vivendo all interno di quello specifico contesto familiare, dove l agire senza pensiero è la punta dell iceberg di un sistema di simboli, cioè di un sistema collusivo.

12 Lo stesso concetto di famiglia se mitizzato e universalizzato negli altri sistemi di convivenza diventa una spece di dimensione naturale, non è più la famiglia, ma diventa familismo inteso come sistemi familiari, e porta alla deproduttivizzazione dei sistemi organizzativi, al grande bazar emozionale agito, per cui alla domanda: perché bisogna farlo? Si risponde: si fa perché lo dico Io? L adesione totale ad un potere che si legittima dietro la mitizzazione del padre di famiglia e certamente del buon padre di famiglia che conosce il mondo e come vanno le cose, riduce l altro alla figliolanza, a quest ultimo non resta che obbedire a dogmi, a principi e principati, sperando che un giorno anche lui possa fare il padre. Mi viene in mante il nonnismo delle caserme, il rapporto tra vescovi e sacerdoti nella chiesa, o tra ufficiali e sottufficiali nelle forze armate, o tra capoufficio e addetto d ufficio. Tutti posti dove non ci deve essere pensiero sulla simbolizzazione della relazione, dove non ci può essere tempo e spazio per un pensiero verticalizzato rispetto al piano dell agito emozionale, del copione relazionale che si perpetua. Se il familismo è un assetto emozionale agito deleterio per la convivenza sociale e lo è altrettanto per la stessa famiglia, lo stesso considerare i componenti di una famiglia come a sé stanti è una alterazione della realtà, una semplificazione forzata della variabilità relazionale sistemica dell insieme famiglia, non è più possibile considerare una madre scissa da tutto, dal suo contesto, dai suoi desideri, dalle simbolizzazioni emozionali che ha costruito, dai vissuti intrecciati con gli altri componenti di quello specifico nucleo famigliare, in quello specifica cultura locale dove esprimono la loro esistenza. Il familismo annulla la competenza ad essere padre, madre, figli, genitori, nella stessa famiglia, figuriamoci in altri contesti organizzativi produttivi, familismo e competenza sono modelli totalmente opposti tra di loro, tant è vero che il familismo è la traduzione nel sistema sociale di quei processi senza competenza fondati sui sistemi di controllo, sui gruppi di potere che come dicevo, sono un modo di parlare e di vivere in termini familistici, non di famiglie, ma di una enorme grande famiglia (siamo tutti amici - ho i santi in paradiso). Il nodo è poi di chi fa il genitore e chi il figlio, ossia di chi ha il potere. Il prodotto del sistema famiglia parte dall accettazione dell alterità, e questo ha a che fare con l individuazione, con la scoperta su base esperienziale dei vissuti di chi si è, sulla valorizzazione dell essere, di piacevole frommiana memoria.

13 Accettare l alterità di un figlio, per un genitore, vuol dire lasciare uno spazio mentale d estraneità, non pre-scritto nella mente del genitore, ad esempio accettare i rischi perché faccia esperienza perché il figlio si faccia carico dei costi di quello che fa, perché la vita del figlio appartiene al figlio e non al resto. Il genitore può dargli una mano, lo può aiutare, un rapporto non fusionale familista, ma un rapporto di alterità nell alterità perché avvenga uno scambio nella reciprocità delle differenze. [1]http://studiodegama.blogspot.it/

14 La sindrome da Caifa Alberto Stilgenbauer Allora il sommo Sacerdote si stracciò le vesti, dicendo: Ha bestemmiato! Che bisogno abbiamo di testimoni? Ecco, voi avete sentito ora la sua bestemmia. Che ve ne pare?. Quelli risposero: E reo di morte!. Mt.26, Mi sono chiesto: ma perché si stracciò le vesti? Una scena teatrale, il Sommo si straccia le vesti perché non riesce a contenere la rabbia, l offesa, il tradimento fatto alla sua autorità e poi, e poi lo spettacolo lo esigeva. Stracciarsi dei vestiti ha valore anche a seconda della classe d appartenenza (termine classe sopito per qualche decennio e che ultimamente torna utile). Una cosa è che le vesti se le stracci un poveraccio sotto casa, una cosa è che se le stracci un personaggio Sommo, nel primo caso viene ritenuto pazzo o criminale, nel secondo, minimo tutti a cliccare su youtube. Il Sommo con il suo gesto straccesco, prende l attenzione su di sé, carica e organizza emozionalmente la platea manipolatndola, collude con la dimensione paternalistica, fa diventare gli spettatori attori della scena e mitizza l antagonista (Caifa) facendolo divenire protagonista, riprendendosi il controllo del pubblico pagante ignaro. La sindrome da Caifa è molto vicina ad ognuno più di quanto sembri, ha a che fare con lo scandalizzarsi programmato, con la ricerca del pelo nell uovo, con l offesa ricevuta e insostenibile onta alla figura sociale di chi si è fatto Sommo. Nella sindrome da Caifa non c è solo il gioco neoemozionale, agito non pensato, c è un pensiero perverso nascosto, un piano per fare i carnefici vestendosi da vittime. Dante Alighieri nel canto XXIII dell Inferno mette Caifa tra gli ipocriti, di un tipo di ipocrisia particolare, è l ipocrisia di chi si fa IO assoluto, ha la pretesa di conosce il bene e il male ed ha la pretesa di diventare IO Sommo Sacerdote, ossia IO di D IO, IO DIO, DIO!. Per il caifanismo è difficile accettare che ci sia qualcun altro che dice di essere Figlio di Dio, una minacciosa concorrenza da ridimensionare, da eliminare prima che acquisti potere e conquisti la platea prendendosi tutto, comprese le vesti e le entrate del botteghino. La sindrome da Caifa ha a che vedere con il potere senza competenza, perché o c è competenza o c è il potere, e Caifa non vede l altro per quello che è, ossia uno sconosciuto da scoprire e con cui

15 scoprirsi, non nel senso di stracciarsi le vesti. L altro è quello che deve rispondere solamente all affermazione mistificata a domanda: o con me, o contro di me! Assoggettandosi al potere. La sindrome da Caifa è molto diffusa e la si trova in tutti i sistemi di convivenza, viene utilizzata: in famiglia, sul posto di lavoro, nella scuola, in politica e logicamente in economia. Basti pensare alla fatica che si sta facendo con le liberalizzazioni dagli Ordini professionali in Italia. La paura del nuovo, del giovane che toglie alla casta il potere e di come un economia irreale domini il mercato globale e faccia tremare i condomini, le famiglie, le persone con il timore di essere crocifisse nel debito in nome del pil, dello spread. La Sindrome da Caifa uccide la speranza, la credibilità, la dignità di tanti giovani e non solo, fa crocifiggere tanti poveri cristi! E soprattutto azzera la competenza. [2] Franco Fornari: Il Codice Vivente, 1994, ed. Bollati Boringhieri srl, TO. [1][1] Un esempio di classificazione dei disturbi riferiti nella gran maggioranza dei casi, al singolo individuo è dato dal DSM (Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders), una sorta di repertorio utile alla classificazione nosografia dei disturbi mentali, al fine di unificare su scala mondiale la terminologia diagnostica in ambito psichiatrico, disomogenea e non confrontabile prima dell avvento di quest opera orientata alla classificazione; opera comparsa per la prima volta all inizio degli anni 80 del secolo scorso ed ormai alla quarta versione. [2][2] Carli R. (2000) presentazione in Psicologia della convivenza soggettività e socialità. Di Maria p. 12

16 Critica, storia semicontemporanea Alberto Stilgenbauer Alla fine degli anni sessanta si parlava della critica come modalità dei giovani di vedere le cose e quello che avveniva intorno. Il criticare ed il conseguente mettere in discussione fu una modalità con cui i giovani d allora rivendicavano la propria esistenza rispetto a modalità di vivere che erano ormai sorpassate, se non di ostacolo all espressione delle emergenti esperienze dell essere. La critica fu uno degli strumenti molto utilizzati dai giovani contro il perbenismo di facciata (il si fa così perché s è sempre fatto così; si fa così perché lo dico io) espressione di un paternalismo ottuso. Allora si diceva che la critica doveva essere costruttiva, al contrario se era giudicata distruttiva diveniva polemica, sterile protesta che sarebbe finita lì appena i giovani capelloni, con il passare degli anni si sarebbero dovuti caricare delle responsabilità. In quegl anni in quasi tutto il mondo avveniva una profonda trasformazione culturale, in Italia la trasformazione si evolse nella contrapposizione di facciata e fisica ideologica. Manovrata dalle due superpotenze d allora, i giovani italiani obbedendo a sottili ed invisibili fili rappresentarono il dramma dei loro padri che poco meno di vent anni prima erano usciti da una guerra, e per di più da una guerra civile. Furono poi gli anni di piombo, delle sparatorie del sabato pomeriggio. Le due superpotenze non potendosi fare una terza guerra mondiale perché pantoclastia per dirla alla F. Fornari, una guerra nucleare che sarebbe stata catastrofica per l intero pianeta, pensarono che sarebbe stato più conveniente avviare una serie di infinite guerre di dimensioni ridotte in tutto il mondo. Sparirono i capelloni e apparvero le barbe folte da rivoluzionari per ambedue gli schieramenti; Cia e Kgb trovarono fertile terreno per manovrare in Italia e in Europa i fili che tenevano le braccia dei violenti. E la critica, beh la critica piano, piano sparì, si trasformò nella spettacolarizzazione, quella che si definiva allora la partitocrazia dell arco costituzionale e non, trovò il modo di risolvere i problemi della piccola e media borghesia acquistandone con il denaro il consenso. Un tacito accordo da partito trasversale mise gli animi in pace, erano gli anni ottanta, l Italia passava da nazione Italia ad azienda Italia, in televisione si moltiplicavano i canali privati e tra telefilm, cosce e seni, il popolo circense televisivo si rincoglionì e fu ben contento di investire in bot che aumentavano il debito pubblico, nel non pagare le tasse, nel farsi raccomandare, nel vivere nella corruzione, e nel pretendere servizi sociali senza averne diritto, massacrando così i riferimenti

17 culturali dell onestà, del lavoro, del senso di comunità che con molta fatica avevano costruito la Repubblica. Vennero poi accidentalmente, guarda caso alla caduta del Muro di Berlino, le inchieste di Mani Pulite e fu lo sfacelo della politica, il politico divenne il capro espiatorio, non è che non ci fossero i motivi vista la corruzione. In quegli anni si pensò essenzialmente al corrotto, dimenticando che in una relazione di corruzione c è si un corrotto, ossia uno che si fa corrompere, ma anche un corruttore, ossia uno che corrompe. Ma andando oltre c è un corrotto che chiede di essere corrotto e un corruttore che chiede o risponde da protagonista nella richiesta di poter corrompere: maschere da avanspettacolo, espressione di un teatro di provincia. E la critica, beh la critica ogni tanto faceva capolino, ma aveva trovato ormai pochi sostenitori, tant è che quando Mani Pulite comincio a interessarsi del middle management, allora il rischio fu di arrivare ai condomini, alle abitazioni dei normali cittadini per bene e con l esplosione sulla via per Capaci e via d Amelio in Sicilia, si chiuse un periodo interessante di confronto sulla moralizzazione dell amministrazione dello stato e dell intera società italiana. Magicamente nella politica, ormai divenuta palcoscenico apparve l imprenditore della provvidenza, quello fatto da sé, non aveva bisogno di prendere i soldi pubblici perché li aveva dei suoi, ed allora qualche coscia in più, qualche seno più audace, qualche stupido programma televisivo che affascina il livello intellettualmente basso della popolazione fece il resto, con voti feste e festoni, sorrisi e barzellette pian piano siamo arrivati ad oggi. Ora però la presenza del terzo, ossia il contesto economico internazionale e soprattutto europeo a cui rispondere, ha obbligato l Italia a rendersi conto e a rendere conto dell indebitamento, della vulnerabilità dell esistenza non solo economica. Si sta scoprendo che l El Dorado del mercato libero e globale senza regole è pericoloso e stranamente si è scoperto che la globalizzazione fa trasferire rapidamente le passioni necrofile dell uomo, mentre trattiene la biofilia, le conquiste sociali, i valori umani del senso del noi, il rispetto dell uomo messo al centro del sistema, basti pensare alla Apple cinese, a quei ragazzi sfruttai come schiavi con un orario di lavoro che ricorda gli ebrei in Egitto prima dell esodo, sfruttamento di uomini e donne per darci hi-tec a basso costo produttivo ed alti guadagni per chi investe l idolo del denaro. L economia speculativa è riuscita a fare una cosa immaginabile sino a qualche decennio fa: è riuscita a far si che entità contrapposte, quali consumatore-produttore-debitore, servo e padrone risiedessero in ognuno di noi: è il massimo che si potesse fare; neanche le più spietate ideologie del secolo passato sono riuscite a costruire un tale assoggettamento.

18 Ci troviamo in un mondo globalizzato e standardizzato negli idoli dell avere che con la sua normalità normata di economia speculativa ha quasi annientato la critica. Forse proprio la crisi dei mercati può essere l occasione che attivi il senso critico nella ricerca di nuove vie all esistenza, ma questa volta non credo che la critica sia una prerogativa legata all età, penso che l approccio alla critica sia trasversale e riguardi la capacità di generare pensiero, ma generare a che fare con la vita, con il considerare altre modalità d essere, con la diversificazione dei linguaggi, con l esplorazione di aree che hanno al centro l uomo nella sua vulnerabilità e nella sua grandezza: logicamente umana.

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE 2015-2016 CORSO ANNUALE 2015-2016 SILVIA PALLINI Credo che ogni creatura che nasce su questa nostra Terra, sia un essere meraviglioso, unico e

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI IL RAPPORTO CON GLI ALTRI Cos è la vita?, è una domanda che molti si pongono. La vita è rapporto, amici miei. Possono essere date altre risposte, e tutte potrebbero essere valide, ma al di là di tutto,

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA Dr.ssa Anita Casadei Ph.D L istanza psichica del Sé è il cardine centrale della teoria di Kohut, u Quale totalità psichica che si sviluppa e si consolida

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

Prefazione all edizione italiana

Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione italiana Sono lieta di presentare al pubblico di lingua italiana l interessante contributo di Fordham a una patologia complessa come l autismo infantile. La pubblicazione di questo

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it FRANCESCO DOMENICO CAPIZZI IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione medico-malato IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

La Piramide dell Odio

La Piramide dell Odio Lezione La Piramide dell Odio Partecipanti: Studenti di scuola media inferiore o superiore/ max. 40 Materiali: Foglio Domande (una copia per ciascuno studente) Lucido con la definizione di Genocidio (allegato)

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Scheda n.?? Traccia dell intervento di Mauro Magatti

Scheda n.?? Traccia dell intervento di Mauro Magatti Scheda n.?? I VOLTI DI UN TERRITORIO CHE CAMBIA Traccia dell intervento di Mauro Magatti 1 Voglio tenere l equivoco contenuto nel titolo, che mi sembra fecondo: si parla del volto del territorio che cambia

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli