di G. Sagliaschi e L. Noja

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "di G. Sagliaschi e L. Noja"

Transcript

1 TUTELA DELLA PROVENIENZA GEOGRAFICA E AZIENDALE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI: LA SVOLTA DEL MADE IN ITALY di G. Sagliaschi e L. Noja Estero >> Commercio internazionale

2 Con la legge finanziaria 2004 (legge 350/2003) ha preso il via un vasto progetto di riforma a tutela del "made in Italy", volto a contrastare il crescente fenomeno della contraffazione, proveniente, in particolare, dai mercati del Far East, che, secondo le stime del Governo, in Italia ha ormai raggiunto l allarmante cifra di 4-5 miliardi di euro all anno. È stato così avviato, ad opera del Ministero delle Attività Produttive e del Ministero delle Finanze, il c.d. Progetto Leonardo "per la realizzazione di azioni a sostegno di una campagna promozionale straordinaria a favore del made in Italy, anche attraverso la regolamentazione dell'indicazione di origine o l'istituzione di un apposito marchio a tutela delle merci integralmente prodotte sul territorio italiano o assimilate ai sensi della normativa europea in materia di origine, nonché per il potenziamento delle attività di supporto formativo e scientifico particolarmente rivolte alla diffusione del made in Italy nei mercati mediterranei, dell'europa continentale e orientale" (art. 61 legge finanziaria 2004), che prevede, tra l'altro, la creazione del Fondo per la promozione straordinaria del made in Italy, della esposizione permanente del design italiano e del made in Italy, nonché del Comitato nazionale anti-contraffazione 1 ). Inoltre, non limitandosi a stabilire, in chiave programmatica, misure per tutelare e promuovere il made in Italy con interventi legislativi di attuazione e risorse da destinare al sistema produttivo, la legge finanziaria 2004, art. 4, par. 49, interviene direttamente nel settore, introducendo una parziale modifica all'art. 517 del Codice penale ("Vendita di prodotti industriali con segni mendaci"), tale per cui: L'importazione e l'esportazione a fini di commercializzazione ovvero la commercializzazione di prodotti recanti false o fallaci indicazioni di provenienza costituisce reato ed è punita ai sensi dell'art. 517 del Codice penale. Costituisce falsa indicazione la stampigliatura made in Italy su prodotti e merci non originari dall'italia ai sensi della normativa europea sull'origine; costituisce fallace indicazione, anche qualora sia indicata l'origine e la provenienza estera dei prodotti o delle merci, l'uso di segni, figure, o quant'altro possa indurre il consumatore a ritenere che il prodotto o la merce sia di origine italiana. Le fattispecie sono commesse sin dalla presentazione dei prodotti o delle merci in dogana per l'immissione in consumo o in libera pratica e sino alla vendita al dettaglio. È davanti agli occhi di tutti l'esigenza che ha ispirato l'intervento riformatore, ossia quella di porre un freno alla commercializzazione di prodotti contraffatti provenienti da mercati esteri, in particolare dal Far East, con indicazione mendace circa l'origine, la provenienza e/o la qualità degli stessi, e ciò a tutela non soltanto dei consumatori, vittime dell'inganno, ma anche, e soprattutto, degli imprenditori nazionali che subiscono una concorrenza sleale contro la quale spesso non sanno, o non possono, difendersi. Un discorso de iure condendo sulla tutela della provenienza geografica e aziendale dei prodotti industriali dovrebbe, peraltro, necessariamente fare i conti con le dinamiche complesse della moderna realtà economica, caratterizzate da aspetti fisiologi e patologici strettamente interconnessi, e con le istanze ed esigenze, tra loro spesso contrapposte e apparentemente inconciliabili, da queste veicolate. In quest'ottica, infatti, un intervento riformatore inteso a colpire la patologia del sistema, individuata per l'appunto nell'inarrestabile diffusione sul mercato nazionale di prodotti contraffatti provenienti da mercati stranieri in via di sviluppo, dovrebbe tener conto delle conseguenze che un tale intervento potrebbe avere rispetto ad altre dinamiche e ad altre esigenze parimenti meritevoli di tutela. Ci si intende riferire, in particolare, al fisiologico decentramento dell'attività industriale attraverso l'esternalizzazione della produzione a terzi sub-fornitori, spesso operanti proprio su mercati in via di sviluppo dove è possibile avvantaggiarsi del basso costo del lavoro e/o di agevolazioni fiscali, e alla esigenza degli imprenditori nazionali, che hanno, in parte o del tutto, decentrato il ciclo di produzione, di caratterizzare comunque i propri prodotti in maniera uniforme, per origine, provenienza e qualità, e ciò al fine di conservare, indipendentemente dal luogo di effettiva lavorazione dei prodotti stessi, l'immagine unitaria del gruppo, del marchio e del prodotto. L'interconnessione tra i due fenomeni, quello fisiologico del decentramento produttivo e quello patologico della contraffazione, appare subito evidente quando si consideri che l esternalizzazione spesso comporta il trasferimento di tecnologia e segni distintivi proprio in 1 La legge finanziaria 2004 è stata pubblicata in G.U. n. 299 del 27 dicembre S.o. n Pagina 2 di 10

3 quei mercati in cui è più avvertito il rischio contraffazione. D'altronde, emerge altrettanto chiaramente il possibile contrasto tra le istanze veicolate da tali fenomeni, visto che, almeno in apparenza, le misure più efficaci a contrastare il fenomeno della contraffazione finiscono per soffocare anche, o forse soprattutto, l esigenza manifestata dalle imprese nazionali che hanno decentrato la produzione. Stabilendo che "Costituisce falsa indicazione la stampigliatura made in Italy su prodotti e merci non originari dall'italia ai sensi della normativa europea sull'origine; costituisce fallace indicazione, anche qualora sia indicata l'origine e la provenienza estera dei prodotti o delle merci, l'uso di segni, figure, o quant'altro possa indurre il consumatore a ritenere che il prodotto o la merce sia di origine italiana" - senza distinguere a seconda del soggetto che fa utilizzo dell'indicazione made in Italy, imprenditore italiano o straniero, bensì in ragione del luogo di effettiva lavorazione del prodotto - certamente il legislatore italiano ha intenso porre in essere una misura protettiva volta a contrastare il fenomeno della contraffazione, ma non si è forse sufficientemente curato del rischio connesso di frustrare anche le esigenze dell imprenditore nazionale che, per aver esternalizzato una parte sostanziale del ciclo produttivo, si veda impedito a caratterizzare unitariamente il proprio prodotto, valorizzandolo con il marchio di italianità. Di seguito, verrà sinteticamente delineato il quadro normativo attuale a tutela della provenienza geografica e aziendale dei prodotti industriali, analizzando trasversalmente gli strumenti offerti dalla normativa penale e da quella a tutela del consumatore e della concorrenza, soffermandosi, di volta in volta, a considerare l'impatto che potrà avere la riforma che ha preso il via con la legge finanziaria Con una doverosa premessa e un'altrettanto doverosa domanda: come si avrà modo di approfondire infra, dall'attuale quadro d'insieme emerge chiaramente che, salvo quanto riguarda specifiche categorie merceologiche, l'ordinamento italiano non impone, in positivo, un obbligo di indicare l'origine e la provenienza dei prodotti industriali messi in commercio, quanto, in negativo, vieta e intende reprimere la condotta ingannatoria di chi faccia uso di nomi, marchi e segni distintivi mendaci; la legge finanziaria 2004 e i futuri interventi legislativi di attuazione andranno ad incidere anche su questo assunto di fondo? ASPETTI PENALISTICI Il codice penale del 1930 conosce la tutela della provenienza aziendale e geografica dei prodotti industriali e colloca tra i reati contro l'economia pubblica, l'industria e il commercio due figure tipiche di reato, la frode nell'esercizio del commercio (art. 515) e la vendita di prodotti industriali con segni mendaci (art. 517), a espressa tutela dell'origine, provenienza e qualità delle merci vendute o comunque poste in circolazione. Va ribadito innanzitutto quanto anticipato in termini generali: la condotta penale tipica descritta negli artt. 515 e 517 codice penale è condotta commissiva e non omissiva, per cui integra la fattispecie di reato chi ponga in essere una condotta ingannatoria facendo uso di nomi, marchi e segni distintivi mendaci e non invece chi semplicemente ometta di dichiarare l'origine e la provenienza di prodotti industriali posti in circolazione. In particolare, l'art. 517, che qui interessa, incrimina: chiunque pone in vendita o mette altrimenti in circolazione opere dell'ingegno o prodotti industriali, con nomi, marchi o segni distintivi nazionali o esteri, atti a indurre in inganno il compratore sull'origine, provenienza o qualità dell'opera o del prodotto". Un reato di pericolo concreto, dunque, che non intende offrire una tutela diretta alla veridicità dei segni o alla verità del messaggio, ma alla affidabilità che il pubblico viene a riporre in essi. Non importa che si tratti di nomi, marchi o segni distintivi - da intendersi come qualsivoglia indicazione o simbolo capace di dare informazioni al consumatore, ivi pertanto comprese le indicazioni di provenienza 2 - registrati o altrimenti riconosciuti e protetti a livello nazionale o 2 In tal senso, si è espressa la Cassazione penale il 25 settembre 1980, in Giust. pen. 81, II, 130. Parte della dottrina, peraltro, non condivide tale estensione della formula legale, pur ammettendo che nel concetto di segno distintivo Pagina 3 di 10

4 internazionale. Parimenti non è necessario che vi sia stata una vera e propria contraffazione o alterazione degli stessi: è sufficiente che comunque vi sia stato l'utilizzo di nomi, marchi o segni distintivi che risultano idonei ad indurre in errore l'eventuale compratore "medio" in ordine alla origine, provenienza o qualità del prodotto. Si rileva, peraltro, l'incertezza mostrata dalla dottrina nel definire i concetti di origine e di provenienza, spesso utilizzati alla stregua di una mera endiadi, ove, invece, a voler distinguere, sembra corretto ricollegare l'"origine" alla provenienza geografica, "da una determinato luogo specifico", e la "provenienza", invece, alla provenienza aziendale, "da un determinato produttore specifico", dei prodotti messi in circolazione. Parte della dottrina, supportata da una certa giurisprudenza, si spinge persino a negare qualsiasi autonomia ai due concetti di origine e provenienza, qualificandoli quali elementi funzionali al terzo, la qualità, che in realtà sarebbe il solo fondamentale, posto che il luogo e lo stabilimento in cui il prodotto è confezionato sono indifferenti alla qualità del prodotto stesso. In quest'ottica, origine e provenienza dovrebbero intendersi esclusivamente come indicatori della provenienza giuridica, ossia del produttore cui attribuire la responsabilità per la qualità, appunto, del prodotto. Tutto ciò premesso, e a prescindere dalle ambiguità terminologiche della norma, non vi può essere dubbio che la fattispecie penale risulta integrata nel caso di vera e propria contraffazione, ossia ogni qual volta vengono commercializzati in Italia beni industriali prodotti all'estero da imprenditori stranieri, con falsa indicazione di provenienza aziendale o geografica, ossia con apposizione di marchi o altri segni distintivi in grado di creare nel consumatore l'apparenza di un prodotto fabbricato in Italia e/o da soggetti italiani. Invero, in linea teorica, la fattispecie penale sembra applicarsi anche al caso dell'imprenditore nazionale che, dopo aver affidato a terzi sub-fornitori, in tutto o in parte prevalente, la lavorazione dei prodotti industriali da commercializzare sul mercato italiano, contrassegni il prodotto finito con il proprio nome e marchio, nonché con indicazioni di provenienza, aziendale e/o geografica, che riconducano comunque il prodotto al territorio italiano e all imprenditore nazionale. Peraltro, la giurisprudenza, che ha avuto modo in diverse circostanze di verificare l applicabilità della fattispecie ai casi di esternalizzazione della produzione, è giunta, almeno in parte, a risultati di compromesso che, senza snaturare la lettera della norma penale, permettessero di salvaguardare le esigenze di decentramento ed insieme di unitarietà del gruppo aziendale, che abbiamo visto essere proprie della moderna realtà economica. In quest ottica, si è innanzitutto dato conferma del fatto che, a prescindere dall effettivo luogo di lavorazione dei prodotti, l imprenditore nazionale ha il diritto di contrassegnare gli stessi con i propri marchi e segni distintivi. Scopo del marchio, si è detto, non è tanto quello di indicare la provenienza geografica o aziendale del prodotto, quanto la sua provenienza giuridica, ossia quello di individuare il soggetto responsabile delle scelte e delle modalità della produzione e quindi, in ultima analisi, della qualità del prodotto finito 3. Più problematiche le ipotesi nelle quali, con una qualche equivocità, l'imprenditore nazionale non si limita ad apporre al prodotto commissionato a terzisti il proprio marchio, ma faccia uso di nomi, segni distintivi o altre indicazioni che possano indurre il pubblico a ritenere il prodotto fabbricato direttamente dall'imprenditore e/o in una determinata zona geografica. rientrano certamente la ragione o denominazione sociale, la ditta, l'insegna, le indicazioni di provenienza e gli altri segni di genere. 3 Cfr., in particolare, Tribunale Torino 12 ottobre 1984, in Foro it. 1985, II, 230. Il Tribunale ha riformato una precedente decisione resa dal Pretore di Torino, che aveva ritenuto integrata la fattispecie di reato di cui all'art. 517 del Codice penale per il fatto di avere la Fiat apposto il proprio marchio su autovetture fatte produrre all'estero conto terzi, in Polonia, Jugoslavia, Spagna, Brasile, senza indicazione del luogo di effettiva produzione. Secondo il Tribunale di Torino la "funzione distintiva del marchio... è una funzione di indicazione di provenienza di un determinato prodotto da un determinato nucleo imprenditoriale, garantendo, quindi, il marchio anche, almeno indirettamente e tendenzialmente, la costanza qualitativa del prodotto rispetto agli altri che lo hanno preceduto e recavano lo stesso segno..." ed è pertanto lecita la "apposizione del marchio del committente sui prodotti fabbricati per suo conto da terzi (i c.d. "terzisti"), per lo meno quanto tale lavorazione avvenga secondo le dettagliate istruzioni tecniche del committente e sotto la sua sorveglianza, sì da origine ad un prodotto che non si distingua qualitativamente da quello fabbricato dal committente medesimo, ampliandosi in tal modo sia la funzione tipica del marchio sia il concetto di provenienza aziendale di un prodotto". Pagina 4 di 10

5 In tutti questi casi ci si trova in una zona grigia, dipendendo l'applicazione della norma penale dalla concreta attitudine ingannatoria delle indicazioni utilizzate dall'imprenditore. Secondo il più recente indirizzo giurisprudenziale, peraltro, neppure l'indicazione errata o imprecisa del luogo di fabbricazione è sufficiente per integrare gli estremi del reato quando sia comunque possibile ricondurre il prodotto ad una determinata organizzazione imprenditoriale, e ciò perché la garanzia che la legge ha inteso assicurare al pubblico riguarda l'origine e la provenienza del prodotto non già da un determinato luogo, bensì da un determinato produttore, e cioè da un imprenditore che ha la responsabilità giuridica, economica e tecnica del processo di produzione 4. Tutto ciò premesso, non resta che chiedersi come andrà ad incidere sulla norma penale e sulla sua applicazione la modifica introdotta con la legge finanziaria Invero, la Finanziaria più che modificare, integra la norma penale, ne specifica il contenuto, stabilendo espressamente che: Costituisce falsa indicazione la stampigliatura "made in Italy" su prodotti e merci non originari dall'italia ai sensi della normativa europea sull'origine; costituisce fallace indicazione, anche qualora sia indicata l'origine e la provenienza estera dei prodotti o delle merci, l'uso di segni, figure, o quant'altro possa indurre il consumatore a ritenere che il prodotto o la merce sia di origine italiana 5. In attesa delle prime applicazioni giurisprudenziali e gli aspetti sanzionatori, sembrano possibili due diverse interpretazioni: o la riforma ha soltanto carattere declamatorio, non incidendo, di fatto, sulla portata della norma penale; ovvero la riforma incide direttamente sulla estensione della norma penale, in tal caso ampliandone i confini al di là di quanto stabilito dalla più recente giurisprudenza. A tale riguardo, non senza una certa vis polemica, sarà sin d'ora permesso osservare che un tale ampliamento della norma penale non andrà certo a colpire la condotta contraffattoria dell'imprenditore straniero che commercializzi in Italia beni industriali prodotti all'estero e contrassegnati con false indicazione di provenienza aziendale o geografica, ossia con apposizione di marchi o altri segni distintivi in grado di creare nel consumatore l'apparenza di un prodotto fabbricato in Italia e/o da soggetti italiani, ché, già oggi, la norma penale reprime senza riserve questa condotta; piuttosto, la riforma andrà con ogni probabilità a colpire proprio l'imprenditore nazionale che abbia esternalizzato la produzione, il quale potrebbe vedere frustrata l'esigenza, che fino ad oggi la nostra giurisprudenza ha cercato di contemperare, di caratterizzare unitariamente il proprio prodotto, valorizzandolo con il marchio di italianità. 4 Lo sviluppo giurisprudenziale sembra dare conferma della consapevolezza, ormai acquisita dai nostri Giudici, circa le esigenze veicolate dalle moderne tecniche di produzione. Mentre nel 1979 la Cassazione (Cassazione penale 29 gennaio 1979, in Foro it. 1981, II, 252), dopo aver ribadito il diritto dell'imprenditore di contrassegnare con il proprio marchio i prodotti commissionati a terzi subfornitori, concludeva sostenendo che "integra gli estremi del reato di vendita di prodotti industriali con segni mendaci, di cui all'art. 517 del Codice penale, il fatto dell'imprenditore, titolare del marchio, che offre in vendita prodotti commissionati ad altri, indicando sulla confezione in modo equivoco il luogo di fabbricazione", nel 1999 la Suprema Corte (Cassazione penale 7 luglio 1999, in Riv. pen. 1999, 1107) ha escluso la sussistenza del reato in un caso in cui l'imprenditore committente aveva apposto sul prodotto commissionato a terzi subfornitori, oltre al proprio marchio, anche l'indicazione della propria sede legale, concludendo che "una indicazione errata o imprecisa relativa al luogo di produzione non può costituire motivo di inganno su uno dei tassativi aspetti considerati dall'art. 517 del Codice penale in quanto deve ritenersi pacifico che l'origine del prodotto deve intendersi in senso esclusivamente giuridico, non avendo alcuna rilevanza la provenienza materiale posto che origine e provenienza sono indicate, a tutela del consumatore, solo quali origine e provenienza dal produttore". 5 Non viene preso in considerazione nel testo l aspetto forse più innovativo della riforma, ossia quello sanzionatorio: a tal riguardo ci limita a richiamare il testo dell art. 4 par. 49 della legge finanziaria 2004, in base al quale: "La fallace indicazione delle merci può essere sanata sul piano amministrativo con l'asportazione a cura ed a spese del contravventore dei segni o delle figure o di quant'altro induca a ritenere che si tratti di un prodotto di origine italiana. La falsa indicazione sull'origine o sulla provenienza di prodotti o merci può essere sanata sul piano amministrativo attraverso l'esatta indicazione dell'origine o l'asportazione della stampigliatura made in Italy". Pagina 5 di 10

6 TUTELA DEL CONSUMATORE E TUTELA DELLA CONCORRENZA L'esame del quadro normativo e giurisprudenziale, nell ambito del quale l iniziativa legislativa del Governo andrebbe ad inserirsi, non può non investire anche l ulteriore profilo riguardante la tutela della concorrenza e del consumatore. Come è già stato sottolineato, non è ancora ben chiaro se e come il Governo intenda dare attuazione al Progetto Leonardo sul made in Italy, previsto dall art. 61 legge finanziaria È, però, certo che, se la preannunciata "regolamentazione dell'indicazione di origine" dei prodotti commercializzati in Italia dovesse tradursi nell imposizione sui produttori dell obbligo di indicare sulle loro merci il paese di origine delle stesse, la riforma sarebbe epocale e potrebbero finanche porsi problemi di compatibilità della normativa in questione con i principi comunitari che governano la materia della libera concorrenza nel mercato comune. Tale problematica in passato è già stata affrontata dalla Corte di Giustizia Europea 6, la quale, chiamata a pronunciarsi sulla legittimità di una normativa nazionale in forza della quale, in mancanza di una precisa indicazione circa l origine di determinati prodotti, ne vietava la commercializzazione all interno dello Stato membro, dichiarò un siffatto divieto incompatibile con l art. 30 del Trattato Cee. La Corte ebbe, infatti, ad affermare che, essendo lo scopo delle indicazioni di origine quello di permettere ai consumatori di distinguere tra prodotti nazionali e prodotti importati, prevedere l obbligo di inserire una tale indicazione sulle etichette dei prodotti, di fatto dà ai consumatori "la possibilità di far valere i loro eventuali pregiudizi nei confronti delle merci straniere" 7. Del resto, la Corte significativamente aggiungeva che, ove l'origine nazionale della merce suggerisce ai consumatori determinate qualità, i produttori hanno interesse ad indicarlo di loro iniziativa sui prodotti o sugli imballaggi, senza che sia necessario obbligarveli; in questo caso, la tutela dei consumatori è adeguatamente garantita dalle norme che consentono di far vietare l'uso di indicazioni d'origine false, norme che il trattato Cee lascia intatte. Con la decisione citata, la Corte di Giustizia ha voluto, dunque, affermare il principio secondo cui, se è vero che gli Stati membri non possono imporre l obbligo di apporre su prodotti commercializzati nei rispettivi territori un marchio di origine, è altrettanto vero che, nella misura in cui tale marchio venga volontariamente apposto dagli stessi produttori, le norme nazionali devono garantire la correttezza e veridicità delle indicazioni che da esso possono trarsi circa la provenienza della merce; diversamente non verrebbe attuato quel difficile bilanciamento tra libera concorrenza e tutela dei consumatori che ciascuno Stato membro è chiamato a realizzare. In linea con quanto precede, come già rilevato, ad oggi, fatta eccezione per determinate categorie merceologiche, il legislatore italiano si è astenuto dall'introdurre nel nostro ordinamento un obbligo generale per i produttori di indicare sulle etichette il paese di produzione delle merci che commercializzano in Italia. Salvo quanto previsto dal codice penale, 6 Commissione Ce vs. United Kingdom, Causa 207/83, sentenza 25 aprile Nello stesso senso cfr. anche Commissione Ce vs. Repubblica federale di Germania, Causa C-325/00, sentenza 5 novembre 2002 e Commissione Ce vs. Repubblica francese, Causa C-6/02, sentenza 6 marzo Nel primo caso la Corte di Giustizia Europea dichiarò che la Repubblica federale di Germania, con la concessione del marchio di qualità «Markenqualität aus deutschen Landen» (qualità di marca della campagna tedesca) a prodotti finiti di una determinata qualità e fabbricati in Germania, era venuta meno agli obblighi ad essa incombenti ai sensi dell'art. 30 del trattato Ce. Secondo la Corte, infatti, la disciplina controversa ha, quantomeno potenzialmente, effetti restrittivi sulla libera circolazione delle merci tra Stati membri. Una simile disciplina, introdotta al fine di promuovere la commercializzazione dei prodotti agroalimentari realizzati in Germania ed il cui messaggio pubblicitario sottolinea la provenienza tedesca dei prodotti interessati, può indurre i consumatori ad acquistare i prodotti che portano il marchio Cma, escludendo i prodotti importati. Peraltro, la Corte ha aggiunto, il fatto che l'uso del marchio Cma sia facoltativo non ne elimina il carattere di ostacolo per gli scambi, dato che l'uso di questo marchio favorisce, o è atto a favorire, lo smercio dei prodotti in questione rispetto ai prodotti che non possono fregiarsene. Si deve quindi, del pari, respingere l'argomento secondo cui il fatto che la disciplina controversa persegua una politica di qualità la escluderebbe dal campo d'applicazione dell'art. 30 del Trattato. Infatti, l'esistenza di una restrizione ai sensi dell'art. 30 del Trattato dev'essere valutata con riferimento all'effetto della misura interessata sugli scambi. Nel secondo caso, la Corte censurò, in quanto contrario all art. 28 (ex art. 30) del Trattato Ce, il mantenimento da parte del Governo francese, della protezione giuridica nazionale concessa ad alcuni marchi regionali quali «Savoie», «Franche-Comté», «Corse», «Midi-Pyrénées», «Normandie», «Nord-Pas-de-Calais», «Ardennes de France», «Limousin», «Languedoc-Roussillon» e «Lorraine». Pagina 6 di 10

7 la materia inerente alle indicazioni di provenienza delle merci trova, infatti, la propria sola ed unica disciplina specifica nel dpr 656 del 26 febbraio 1968, con il quale l'accordo di Madrid è stato recepito in Italia. In forza dell'art. 1 di tale dpr: le merci per le quali vi sia il fondato sospetto che rechino falsa o fallace indicazione di provenienza sono soggette a fermo all'atto della loro introduzione nel territorio della Repubblica, a cura dei competenti uffici doganali che ne danno immediata notizia all'autorità giudiziaria e agli interessati. La ratio sottesa a tale norma è chiaramente quella di garantire ai consumatori un'efficace tutela rispetto a false dichiarazioni in merito alla provenienza delle merci importate nel nostro territorio, imponendo l'obbligo per i produttori di agire in buona fede nei confronti del mercato e, nella misura in cui vogliano "dichiarare" qualcosa circa l'origine dei loro prodotti, di dichiarare il vero. Ben diverso sarebbe, è evidente, prevedere che tutte le merci commercializzate nel nostro paese debbano recare il marchio made in, considerato che, come rilevato dalla Corte di Giustizia, una tale previsione, ben lungi dal limitarsi a garantire il sacrosanto diritto dei consumatori a non essere raggirati, potrebbe in realtà risolversi in una misura protezionistica volta a scoraggiare le importazioni da paesi stranieri. Tale rischio fu paventato anche all'epoca della conclusione dell Accordo di Madrid e la soluzione di compromesso raggiunta allora fu quella di prevedere, da un lato, che le disposizioni contenute [nell Accordo stesso] non escludono che il venditore indichi il proprio nome o indirizzo su prodotti che provengano da un paese diverso da quello in cui ha luogo la vendita, dall altro, che in tali casi, l indirizzo o il nome del venditore devono essere accompagnate dall indicazione, precisa, e a caratteri chiari, del paese o del luogo di fabbricazione o produzione o da altre indicazioni che valgano ad evitare errori sulla vera provenienza delle merci (art. 3 dell Accordo). Alla luce della disposizione citata, poteva apparire obbligata al legislatore italiano la scelta di non consentire all operatore commerciale l importazione in Italia di prodotti contraddistinti con il proprio nome e indirizzo, senza che a tale indicazione fosse associata quella relativa al luogo di origine dei prodotti stessi. In realtà, però, non solo il dpr 656/68 attuativo dell Accordo di Madrid non ha recepito espressamente l art. 3 di tale Accordo, ma, successivamente all emanazione del dpr in questione, il Ministero delle Finanze 8, tornando sull argomento riguardante l indicazione di provenienza, precisò che, in presenza di prodotti importati con marchi di fabbrica legalmente utilizzati, non risulta necessaria l evidenziazione del paese di origine degli stessi, e ciò in quanto la diversificazione dei processi industriali porta alla necessità che più imprese, ubicate anche in paesi differenti e facenti parte di un unica organizzazione imprenditoriale, concorrano alla produzione di merci sulle quali vengono apposti marchi identificanti l organizzazione stessa. Secondo tale orientamento, infatti, il semplice marchio di fabbrica sarebbe già di per sé idoneo a consentire al consumatore di identificare la provenienza del prodotto non tanto in termini di luogo, quanto in termini di produttore. Da quanto precede, risulta, dunque, chiaro che il legislatore italiano, sin qui scarsamente propenso ad imporre obblighi positivi di informazione in merito al luogo di produzione delle merci importate, ha preferito lasciare alla libera scelta di ciascun produttore la decisione riguardo a cosa indicare sulle proprie merci; e ciò, pur senza che il nostro ordinamento rinunciasse a vincolare gli operatori del mercato ad un obbligo di correttezza e verità nei confronti dei consumatori. Ed infatti, nei casi in cui l indicazione di origine volontariamente apposta dal produttore sia successivamente risultata non conforme al vero, l Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato è severamente intervenuta, affermando che una siffatta dichiarazione costituisce un'ipotesi di pubblicità ingannevole ai sensi degli artt. 1, 2 e 3, lettera a), del decreto legislativo 74/92. 8 Circolare Prot. 358/77.29/VI del 22 luglio Pagina 7 di 10

8 A tale riguardo, è sufficiente citare la decisione 9 con la quale l'autorità Garante, nel valutare un messaggio pubblicitario costituito da etichette riportanti la dicitura made in Italy ed apposte su merci che, difformemente da quanto indicato, erano state importate da paesi terzi, ha affermato che un siffatto messaggio "risulta idoneo ad indurre i destinatari in errore in relazione all'origine geografica del prodotto e, per tale motivo, suscettibile di orientare indebitamente le scelte dei potenziali acquirenti, pregiudicandone il comportamento economico; il potenziale pregiudizio per i concorrenti è, poi, in re ipsa: essi non potrebbero non risentire dello sviamento di clientela provocato dall'errore in cui dovessero incorrere i destinatari al momento di orientare le proprie scelte". Sulla base della stessa ratio, l'autorità Garante ha altresì ritenuto che integrasse un'ipotesi di pubblicità ingannevole l'uso del marchio "Geneve" e la dicitura Swiss Made in relazione ad orologi che si sono rivelati di produzione interamente italiana 10 e ciò proprio in virtù del fatto che, in casi quale quello citato, l'indicazione dell'origine era volta ad evidenziare una caratteristica del prodotto, in realtà mancante, promuovendone indirettamente l'acquisto. Dunque, l'ottica che sino ad ora ha prevalso in Italia, sia a livello legislativo che a livello giurisprudenziale, è stata quella di astenersi dall'imporre obblighi generali di informazione relativamente all'origine dei prodotti commercializzati nel nostro paese e, per converso, di censurare qualunque pratica commerciale che, inducendo in errore i consumatori circa il luogo di produzione dei medesimi, creasse un'indebita turbativa del mercato. Le considerazioni esposte evidenziano il difficile equilibrio raggiunto dal nostro ordinamento, attraverso l opera d'interpretazione, tanto a livello giudiziario quanto a livello amministrativo, per definire, nel campo della tutela della provenienza geografica e aziendale dei prodotti industriali, soluzioni compatibili con le complesse dinamiche economiche e le multiformi esigenze da queste veicolate. La regolamentazione della materia, infatti, deve necessariamente tener conto dello stato attuale della nostra economia, caratterizzata dalla libera circolazione delle merci, dei fattori prodottivi e dei capitali, e deve conseguentemente contemperare le diverse esigenze a ciò riconnesse, ossia, da un lato, quella di contrastare la commercializzazione sul mercato nazionale di merci contraffatte provenienti da mercati stranieri e, dall altro lato, quella di non pregiudicare l imprenditore nazionale che intenda esternalizzare (su mercati stranieri) parte del proprio ciclo di produzione. Sotto tale profilo, è paradigmatico come la più recente giurisprudenza si sia fatta carico di adeguare la normativa di settore alle dinamiche della nuova economia globale. L'indirizzo seguito dalla Cassazione penale nel come anche l'intervento ministeriale del sono, infatti, chiari esempi della volontà di tutelare, per quanto possibile, anche le esigenze dell'imprenditore italiano che abbia esternalizzato su mercati stranieri la propria produzione. In questo quadro, la riforma, avviata con la legge finanziaria 2004, e di cui non è dato ancora conoscere i confini, dovrà intervenire con cautela, senza minare l'equilibrio raggiunto e, soprattutto, senza la pretesa di combattere contro i "mulini a vento". Per concludere, a nostro avviso, è, dunque, necessario in primo luogo chiedersi se l inadeguatezza del sistema, resa evidente dai dati più recenti che confermano le cifre crescenti del fenomeno contraffazione, sia da ricondurre non tanto ad un deficit normativo, quanto ad un deficit applicativo che ha la sua origine nel momento stesso in cui le merci contraffatte fanno ingresso sul mercato nazionale, ossia alle dogane. Inoltre, sia permesso di notare ulteriormente che proprio le più volte richiamate dinamiche dell'economia globale dovrebbero indurre il nostro legislatore a riflettere sul fatto che una riforma non può ormai prescindere dal contesto internazionale che ci circonda e che anzi qualsiasi riforma potrà godere di un reale grado di effettività soltanto nel momento in cui venga condivisa, quantomeno a livello europeo. Alcune perplessità sorgono, dunque, in merito all'opportunità di una riforma esclusivamente nazionale, ciò anche in considerazione 9 Provvedimento dell'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato Garante n del 25 gennaio 2001; nello stesso senso, cfr. Provvedimenti nn e 9168 emessi in pari data. 10 Provvedimento n del 23 giugno Pagina 8 di 10

9 dell'accesso dibattito che si sta svolgendo, in sede europea, per una regolamentazione comune della materia che, a breve, potrebbe portare alla creazione di un marchio "made in Ue" Cfr., per un approfondimento del dibattito in sede europea, Made in the EU Origin Marking Working Document of the Commission Services, Brussels, 12 dicembre Pagina 9 di 10

10 GLOSSARIO Accordo di Madrid L'Accordo di Madrid risale al 14 aprile 1891 ed è nato per dare forza alla repressione delle false o fallaci indicazioni di provenienza delle merci. E stato riveduto a Washington il 2 giugno 1911, ad Hague il 6 novembre 1925, a Londra il 2 giugno 1934 e a Lisbona il 31 ottobre Etichette Secondo l'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato "non v'è, infatti, dubbio che anche l'etichetta e la confezione di un prodotto costituiscono una forma di messaggio pubblicitario valutabile ai sensi del decreto legislativo 25 gennaio 1992, n. 74" (Provvedimento n. 2525, del 7 dicembre 1994; nello stesso senso, cfr. Provvedimento n del 31 marzo 2003; Provvedimento n del 17 dicembre 1998; Provvedimento n del 26 gennaio 1995; Provvedimento n del 13 ottobre 1993).. Documento reperibile, assieme ad altre monografie, nella sezione Dossier del sito Documento pubblicato su licenza di WKI - Ipsoa Editore Fonte: Commercio Internazionale Quindicinale di diritto e pratica degli scambi con l'estero, Ipsoa Editore Copyright: WKI - Ipsoa Editore Pagina 10 di 10

ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO

ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO ORIGINE NON PREFERENZIALE COME INDIVIDUARE L ESATTO MADE IN DEL PRODOTTO LA NORMATIVA COMUNITARIA E I CRITERI PER L INDIVIDUAZIONE DEL MADE IN Merci interamente ottenute o sostanzialmente trasformate La

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 "Disposizioni sanzionatorie in applicazione del regolamento (CEE) n. 2081/92, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA Anna Rosa Marra, Ugo Santonastaso (Ufficio Valutazione e Autorizzazione, Agenzia Italiana del Farmaco) Cosa significa farmaco di importazione parallela Il farmaco, come

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

ORIGINE PREFERENZIALE E NON PREFERENZIALE DELLE MERCI. Risvolti doganali

ORIGINE PREFERENZIALE E NON PREFERENZIALE DELLE MERCI. Risvolti doganali ORIGINE PREFERENZIALE E NON PREFERENZIALE DELLE MERCI Risvolti doganali ORIGINE PREFERENZIALE E NON PREFERENZIALE DELLE MERCI Risvolti doganali Luglio 2007 Il presente lavoro è stato realizzato da: Andrea

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici 232.21 del 5 giugno 1931 (Stato 1 agosto 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, in virtù degli articoli

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo

CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo Fármacos de Importación Paralela CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo Schema Relazione Introduzione al concetto Normativa europea Conseguenze sul mercato Portata

Dettagli

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» ROMA SOCIETÀ EDITRICE DEL «FORO ITALIANO» 1969 (2014) Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Dettagli

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Ambito dell'accesso REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AGLI ATTI ED AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DELL'ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA (G.U.R.S. n. 28 del 20/06/2008)

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Premessa I Confidi - Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi - sono i soggetti che, ai sensi della legge 326/2003, svolgono esclusivamente

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

Agroalimentare: la nuova tutela penale fornita dal codice ai prodotti DOP e IGP

Agroalimentare: la nuova tutela penale fornita dal codice ai prodotti DOP e IGP PREVENZIONE Agroalimentare: la nuova tutela penale fornita dal codice ai prodotti DOP e IGP Cosimo Nicola Pagliarone* Lelio Palazzo** In ambito di mercato i marchi di tutela hanno la funzione di preservare

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export

Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export Dott.ssa Luigia Scimonelli ISS - Min. del lavoro, della salute e delle politiche sociali Roma, 26 novembre 2008 Indice Convenzione di

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 Decreto n. 85708 del 24 ottobre 2014 del Ministro del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze per il prolungamento

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

Cosa rischiate quando utilizzate, comprate o vendete una macchina per costruzioni non conforme?

Cosa rischiate quando utilizzate, comprate o vendete una macchina per costruzioni non conforme? Cosa rischiate quando utilizzate, comprate o vendete una macchina per costruzioni non conforme? Introduzione Le macchine per costruzioni immesse sul mercato europeo devono rispettare le norme Ue e tutti

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

Casi in cui l autorità doganale può rinunciare alla presentazione del D.V.1

Casi in cui l autorità doganale può rinunciare alla presentazione del D.V.1 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL D.V.1 Di cosa si tratta Il modello D.V.1 è un particolare stampato da allegare alla dichiarazione doganale, nel quale vanno dichiarati gli elementi relativi al valore in dogana

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

PARTE SPECIALE 3 Altri reati

PARTE SPECIALE 3 Altri reati MODELLO ORGANIZZATIVO ai sensi del D.Lgs. 231/2001 PAGINA 1 DI 13 - SOMMARIO 1. TIPOLOGIA DI REATI... 3 1.1 DELITTI CONTRO LA PERSONALITA INDIVIDUALE... 3 1.2 SICUREZZA SUL LAVORO... 3 1.3 RICETTAZIONE,

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

Qual è la valenza ai fini penali dell'accertamento sintetico?

Qual è la valenza ai fini penali dell'accertamento sintetico? Accertamento sintetico Art. 38, dpr 29/9/73, n. 600; artt. 2727 e 2729 cc; artt. 4 e 5, D.Lgs. 10/3/00, n. 74 Qual è la valenza ai fini penali dell'accertamento sintetico? di Alessandro Traversi* L'accertamento

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008)

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Disposizioni atte a regolamentare l'emissione di aldeide formica da pannelli a base di legno e manufatti con essi realizzati in

Dettagli

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO Si prega di prestare particolare attenzione ai "PUNTI ESSENZIALI" Nota bene: la presente guida ha lo scopo di aiutare i richiedenti

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

PATENTE DI GUIDA ITALIA DESCRIZIONE MODELLO 720 P

PATENTE DI GUIDA ITALIA DESCRIZIONE MODELLO 720 P Modello di patente di guida utilizzato dal 19 gennaio 2013 (Mod. 720 P) PATENTE DI GUIDA ITALIA DESCRIZIONE MODELLO 720 P Decreto legislativo 18 aprile 2011, n. 59, con cui sono state recepite, le direttive

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Ai Signori Segretari Regionali

Ai Signori Segretari Regionali Venezia, 14 GEN. 1993, prot. n. 313/SGP Oggetto: L. 7 agosto 1990, n. 241 Ai Signori Segretari Regionali Ai Signori Assistenti Alla Segreteria Generale Ai Signori Assistenti Alla Segreteria per il Territorio

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

D.Lgs. 16 febbraio 2011, n. 15 (1).

D.Lgs. 16 febbraio 2011, n. 15 (1). D.Lgs. 16-2-2011 n. 15 Attuazione della direttiva 2009/125/CE relativa all'istituzione di un quadro per l'elaborazione di specifiche per progettazione ecocompatibile dei prodotti connessi all'energia.

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

Documento. 10 Novembre 2011

Documento. 10 Novembre 2011 Documento 10 Novembre 2011 Rimborso della Tassa di concessione governativa sull utilizzo dei telefoni cellulari: un quadro d insieme delle interpretazioni in essere e sulle possibili soluzioni operative

Dettagli

Direttive comunitarie che coordinano le seguenti procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici:

Direttive comunitarie che coordinano le seguenti procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici: Versione finale del 29/11/2007 COCOF 07/0037/03-IT COMMISSIONE EUROPEA ORIENTAMENTI PER LA DETERMINAZIONE DELLE RETTIFICHE FINANZIARIE DA APPLICARE ALLE SPESE COFINANZIATE DAI FONDI STRUTTURALI E DAL FONDO

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI

LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI Forlì, 5 luglio 2013 Prot. n. 115/2013 LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI Continuano a pervenire al nostro ufficio studi, numerose richieste di chiarimenti sulla gestione fiscale

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org.

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. giud., Uff, II) Con la presente nota-circolare si ritiene

Dettagli