Le parole chiave della mobilità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le parole chiave della mobilità"

Transcript

1 Le parole chiave della mobilità Nella normativa a favore dell' eliminazione delle barriere architettoniche esistono alcuni termini che rivestono una particolare importanza rispetto al concetto ed al diritto alla mobilità. Il mini-glossario di parole-chiave che riportiamo di se - guito non ha nessuna pretesa di esaustività né si rivolge agli esperti del settore, in verità molto pochi. Vorremmo piuttosto fornire a chi si scontra, per la prima volta, con questi problemi, poche ma chiare indicazioni, facendo presente che ciascuno dei punti trattati richiede sicuramente ulteriori approfondimenti. Accessibilità (Rif. legislativi: D.M. LL.PP. n. 236/1989 art. 2 lettera G) E' la possibilità, anche per persone con gravi disabilità motorie o sensoriali, di raggiungere un edificio e di utilizzarne agevolmente tutte le sue parti. E' il requisito richiesto per tutti i luoghi destinati ad attività sociali o di interesse collettivo o sedi di servizi, indipendentemente da chi ne sia il proprietario. Adattabilità (Rif. legislativi: D.M. LL.PP. n. 236/1989 art. 2 lettera 1) E' la possibilità di modificare nel tempo, a costi limitati, le strutture costruite per.renderle completamente fruibili da parte di persone con ridotte o impedite capacità motorie o sensoriali. Ad esempio deve essere previsto lo spazio per l'istallazione di un servo scala, o di un ascensore. Alberghi, Ristoranti e Campeggi (Rif. legislativi: D.M. LL.PP. 236/1989 -art.3a Legge 104/ 1992 art.24.6 ) Secondo il Decreto Ministeriale dei Lavori Pubblici, citato, ogni struttura ricettiva (alberghi, pensioni, villaggi turistici. campe_gi':j ecc),. di nuova costruzione o nstrutturazione, deve prevedere tutte le parti e i servizi comuni e un determinato numero di stanze accessibili anche a persone con ridotta o impedita capacità motoria o sensoriale. Il numero di stanze accessibili in ogni struttura ricettiva deve essere di almeno due, fino a quaranta o frazione di quaranta, aumentato di altre due ogni quaranta stanze o frazione di quaranta in più. (Esempio: hotel con 25 camere = 2 camere accessibili; hotel con 75 camere = 4 camere accessibili; 120 camere = 6 camere accessibili). Queste stanze dovrebbero essere preferibilmente ubicate nei piani bassi o comunque nelle vicinanze di una via di esodo accessibile. Il rispetto delle stesse indicazioni è vincolante per gli edifici per i quali venga richiesta la modifica di destinazione d'uso. Ad esempio una villa trasformata in albergo, anche senza che siano state effettuate ristrutturazioni, deve garantire l' accessibilità nelle parti aperte al pubblico., Ascensori (Rif. legislativi: D.P.R. 384/1978, artt. 15,16,18,19,20,21,23,26; D.M. LL.PP. 236/1989 artt. 3, ,6.1,6.2,8.1.12) Il D.P.R. n. 384/1978 esprime chiaramente l'indicazione che in tutti gli edifici pubblici con più di un piano fuori terra, deve essere previsto l'ascensore ed essere dimensionato e posizionato in modo tale da garantire il trasporto di persone disabili su sedia a ruote (cm 150 di larghezza per cm 137 di lunghezza, porta larga 90 cm, sistemi automatici di

2 livellamento al piano e di apertura delle porte, altezza massima della pulsanteria cm 120). Tali indicazioni vengono ribadite per gli edifici scolastici, le stazioni, i treni, le filovie, le tramvie, i servizi di navigazione nazionale, le sedi di spettacoli e riunioni. Il D.M. n.236/1989, fissa standard diversificati a seconda che gli ascensori siano collocati in - edifici non residenziali di nuova costruzione (larghezza 110 cm, lunghezza 140 cm, porta 80 cm su lato corto); - edifici residenziali di nuova costruzione (larghezza 95 cm, lunghezza 130 cm, porta 80 cm su lato corto); - edifici preesistenti adeguati (larghezza 80 cm, lunghezza 120 cm, porta 75 cm su lato corto); Viene prevista altresì una pulsanteria con segnalazioni in codici Braille, per i non vedenti. Negli edifici residenziali è obbligatoria l'istallazione dell'ascensore, qualora vi siano più di tre livelli fuori terra, o quando l'accesso alla più alta unità immobiliare sia posto oltre il terzo livello. Fino a tre livelli fuori terra è consentita la deroga, a patto che sia possibile l'istallazione in un momento successivo. Esemplifichiamo: Palazzina: garage interrato, piano terra (abitazioni), primo piano (abitazioni) = ascensore non obbligatono; Palazzina: garage interrato, piano terra (abitazioni), primo piano (abitazioni), secondo piano (abitazioni) = ascensore obbligatorio; Palazzina: garage interrato, piano terra (porticato), primo piano (abitazioni), secondo piano (abitazioni) = ascensore obbligatorio; Edifici privati (Rif. legislativi: L13/ D.M. LLPP. 236/ Legge 104/1992 artt ) Il Legislatore è entrato solo di recente a nonnalizzare il settore degli edifici privati e dell'eliminazione delle barriere architettoniche all'interno di questi. La Legge 13/1989 e il D.M. 236/89, sono, per ora, i riferimenti principali sull'argomento. Oltre a prevedere la possibilità per i disabili di adattare la propria abitazione, o parti comuni del condominio, al proprio handicap, queste fonti nonnative prevedono espressamente che devono essere accessibili (vedi Accessibilità): - tutte le parti comuni di qualsiasi edificio privato anche non aperto al pubblico. Per parti comuni si intendono i locali di proprietà condominiale. - tutte le parti comuni dei condomini privati e di edilizia residenziale pubblica, convenzionata ed agevolata. - il 5% degli alloggi di edilizia residenziale sovvenzionata dallo Stato. Devono, inoltre, essere adattabili (vedi Adattabilità): - le abitazioni monofamiliari o che non abbiano accessi o scale comulll. - tutte le parti delle abitazioni che non devono essere accessibili o visitabili. Negli edifici con più di tre piani fuori terra deve essere previsto un ascensore. Per gli edifici con meno di tre piani deve essere previsto lo spazio per un servoscala (vedi Ascensori). Edifici pubblici I ( Rif. legislativi: D.PR.. 384/ I L104/1992 artt.23-24; L 41/1986 art. 32 ) Per edifici pubblici non si devono intendere solo quelli di proprietà di Regioni, Province, Comuni, Amministrazioni ed Istituti dello Stato, ma in generale gli edifici di carattere collettivo o sociale ove si svolgano attività di interesse amministrativo, culturale, giudiziario, economico, sanitario e comunque edifici in cui si svolgono attività comunitarie o nei quali vengono prestati servizi di interesse generale. Il principio dell'accessibilità di questi edifici era già sancito dalla legge 118/1971, e dal D.P.R ; tale indicazione é stata irrigidita ulteriormente dalla Legge 41/86 che prevede, tra le altre cose, che non possano essere stanziati finanziamenti pubblici per nessuna opera che non sia accessibile anche alle persone disabilità motoria o sensoriale.

3 La Legge quadro , ribadisce l'obbligo che tutte le opere edilizie riguardanti edifici pubblici e privati aperti al pubblico siano conformi alle indicazioni tecniche fissate dalla L. 118/1971, D.P.R. 384/1978 e DM 236/1989. La stessa legge prevede che ad ogni progetto sia acclusa una dichiarazione di conformità alla normativa vigente; lo stesso rilascio della concessione edilizia e del certificato di agibilità e abitabilità è condizionato dal rispetto della normativa vigente; lo stesso dicasi per le modifiche di destinazione d'uso. Sono previste sanzioni pecuniarie e di sospensione dagli albi professionali per i progettisti, i direttori dei lavori, i tecnici responsabili degli accertamenti che rendano possibile la realizzazione di opere tali da rendere impossibile l'utilizzazione dell' edificio da parte di persone handicappate (vedi Responsabilità). I Comuni avrebbero dovuto adeguare i propri regolamenti edilizi alla normativa esistente entro 180 giorni dall' entrata in vigore della Legge Quadro 104/1992; scaduto il termine, le norme dei regolamenti edilizi comunali in contrasto con la normativa vigente avrebbero perso la loro efficacia. Ricordiamo inoltre che la L. n. 41/1986 (art. 32 comma 21) prevede che per gli edifici pubblici giàesistenti avrebbero dovuto essere adottati piani per l'eliminazione delle barriere architettoniche entro un anno dall' entrata in vigore della legge (28 febbraio 1986). Il D.M. n. 236/89, ha ribadito ulteriormente le indicazioni precedenti; secondo questa emanazione devono essere accessibili (vedi Accessibilità): - tutti i luoghi destinati ad attività sociali; - tutte le aziende soggette al collocamento obbligatorio (e_: ditte con più di 35 dipendenti). Devono essere visitabili (vedi Visitabilità) tutti quegli edifici e locali per i quali non è obbligatoria l' accessibilità. In particolare: - gli alberghi in tutte le parti comuni; alcune stanze con i servizi igienici dovranno essere accessibili; (es.: hall, sala ristorante, guardaroba, solarium) - gli alloggi di qualsiasi tipo dovranno prevedere accessibilità almeno negli ingressi, nella zona pranzo e nel Servizi. - cinema, ristoranti, circoli ricreativi, sale riunioni: dovranno essere accessibili almeno una zona, un servizio igienico, le biglietterie e le uscite di sicurezza. - almeno un ingresso e una zona dei luoghi di culto. - le sedi di attività aperte al pubblico relativamente agli spazi ove il pubblico ha accesso. Devono essere adatta bili (vedi Adattabilità) : - le aziende con meno di 35 dipendenti anche non aperte al pubblico. Impianti Sportivi (Rif legislativi: L. 104/1992 art D.P.R. 384/1978 art. 1 - DM LL.PP.. 236/1989 art.3,4,5 - Legge 6 marzo 1987 n.65 artt.1, 2 ter Decreto Ministero dell' interno 10 settembre 1986 art.22) Gli impianti sportivi essendo edifici aperti al pubblico sottostanno alla normativa e alle prescrizioni tecniche vigenti; in particolare dovrebbero essere previsti accessi, percorsi spazi comum e servizi igienici accessibili a persone con ridotta o impedita capacità motoria. La Legge Quadro (104/1992) precisa che Regioni, Comuni e CONI dovrebbero realizzare, ciascuno per gli impianti di propria competenza, interventi mirati a favorire l' accessibilità e la fruibilità delle strutture sportive da parte delle persone handicappate., Il rispetto delle norme sulle barriere architettoniche era comunque già stato richiamato chiaramente sia dalla legge 65 del 1987 che dal Decreto del Ministero dell 'Interno 10/9/1986. Mezzi di trasporto (Rif. legislativi: D.P.R. 384, 2714/1978 artt l , L , art.26 - D.PC.M.10 aprilel986 art.59) Prima della legge quadro, il Legislatore, aveva già affrontato il tema dell' accessibilità del trasporto pubblico, che dal punto di vista del diritto alla mobilità, rappresenta l'argomento forse più spinoso e di difficile soluzione; in particolare il D.P.R. 384/1978 prevede con chiarezza l'accessibilità dei mezzi pubblici ( bus, filovie, tram, ferrovie, servizi di navigazione ecc.). Lo stesso Piano Generale dei Trasporti del 1986 analizzava con lucidità i problemi connessi alla

4 mobilità collettiva per le persone con disabilità. La Legge Quadro (104/1992) stabilisce le modalità con le quali i Comuni dispongono gli interventi per consentire alle persone handicappate la possibilità di muoversi liberamente sul territorio usufruendo dei servizi di trasporto collettivo appositamente adattati o di servizi alternativi sia disciplinata dalle Regioni. Entro sei mesi dall' entrata in vigore della Legge Quadro (104/1992) le Regioni avrebbero dovuto elaborare piani di mobilità delle persone handicappate nell'ambito dei piani regionali di trasporto e dei piani di adeguamento delle infrastrutture urbane e coordinati con i piani di trasporto predisposti dai comuni. Entro un anno dalla data di entrata in vigore della Legge Quadro (104/1992), il Ministro dei trasporti avrebbe dovuto provvedere alla omologazione di almeno un prototipo di autobus urbano ed extraurbano, di taxi, di vagone ferroviario, conformemente alle finalità della legge stessa; tutto ciò non è, a tutt'oggi, ancora stato realizzato. Modifica di destinazione d'uso (Rif. legislativi: L.1041l992 art. 24.6) Non può essere rilasciata dal Sindaco competente l'autorizzazione alla modifica di destinazione d'uso di edifici pubblici o aperti al pubblico, se questa richiesta non è accompagnata da documentazione e dichiarazione di conformità alla normativa sull'eliminazione delle barriere architettoniche. Ad esempio, un appartamento ad uso abitazione trasformato in uno studio medico, dopo l'approvazione della Legge 104/1992, deve essere conforme alle norme sull' accessibilità. Parcheggi (Rif legislativi: D.P.R. 384/1978 art.4 - DM 236/1989 punti 4.2.3, Codice della strada, D.M art.188) Nelle aree di parcheggio devono essere previsti spazi riservati gratuitamente a persone handicappate nella misura di uno ogni 50 posti o frazione di 50 (es.: Area di parcheggio con 30 posti auto = uno riservato ai disabili; Area di parcheggio con 55 posti auto = due riservati ai disabili). Questi parcheggi devono essere opportunamente segnalati e progettati in modo tale da agevolare l'avvicinamento e il trasferimento alla propria automobile; deve essere cioè previsto uno spazio di manovra - a fianco del parcheggio vero e pro pno. Per poter usufruire dei parcheggi segnalati come riservati, l'invalido civile deve essere in possesso dell'apposito contrassegno rilasciato dal Comune di residenza, solitamente presso l'ufficio dei Vigili Urbani. Non è molto noto il fatto che gli autoveicoli al servizio dei disabili "non sono tenuti all'obbligo del rispetto dei limiti di tempo, se lasciati in sosta nelle aree di parcheggio a tempo determinato". (art.l88 Codice della Strada). Percorsi pedonali (Rif. legislativi: D.P.R. 384/1978 art.3 - DM 236/1989 punti 4.2.1, 8.2.1) I percorsi pedonali devono essere accessibili cioè consentire il passaggio di una persona in carrozzina o con ridotte capacità motorie, con degli scivoli ogniqualvolta il marciapiede si interrompe o prevede un attraversamento pedonale. La normativa di riferimento precisa che la larghezza minima del percorso pedonale deve essere tale da consentire l'inversione di marcia da parte di persona su sedia a rotelle, avere una pendenza massima del 5%; devono essere altresì previsti scivoli ed altri accorgimenti tali da rendere agevole la circolazione di persone con ridotta capacità moto ria. La pavimentazione deve essere antisdrucciolevole. La Legge 104/1992, prevede inoltre che vengano previsti Piani per l'eliminazione delle barriere architettoniche anche lungo i percorsi pedonali. Ci preme sottolineare l'importanza di appositi sistemi di segnalazione di direzione o di pericolo per le persone non vedenti; in

5 questo particolare settore manca ancora oggi una competenza tale da garantire soluzioni efficaci. Piani per l'eliminazione delle barriere architettoniche (Rif legislativi: L. n.41/1986 art ; L. n.104/1992 art.24.9) Dopo 15 anni dall' approvazione della Legge 118/1971, e dopo 8 anni dall'emanazione del D.P.R. 384/1978, essendo evidente l'immobilismo delle amministrazione locali nei confronti dell'accessibilità degli edifici pubblici, nel 1986, all'interno della Legge Finanziaria, l'autorità centrale ha previsto l' obbligatorietà dell'adozione, da parte delle Amministrazioni competenti, di piani per l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici pubblici già esistenti. Tale indicazione è stata estesa dalla Legge 104/1992 anche ai percorsi pedonali e agli spazi pubblici. Oggi moltissime Amministrazioni Pubbliche, oltre a non aver provveduto ad adeguare gli edifici esistenti, non himno nemmeno adottato i Piani previsti dalla normativa; la Regione territorialmente competente, anche dietro segnalazione di Associazioni o di cittadini direttamente interessati, può nominare un commissario straordinario per la stesura del piano. Piattaforme elevatrici (Rif. legislativi: D.M. LL. PP. n.236/1989 ara , 5.2, 6.1, ) Le piattaforme elevatrici sono strumenti che solo di recente si sono resi disponibili sul mercato, non a ca_ so il Legislatore è ancora cauto nel concedere un impiego ampio e proporzionato alle reali potenzialità di queste soluzioni. La normativa più recente, prevede l'impiego di piattaforme elevatrici, che non devono superare la velocità di 0,1 metro al secondo, e per superare dislivelli non superiori, di norma, ai quattro metri. Le piattaforme elevatrici sono comunque soluzioni che vengono sempre più utilizzate, in particolare nelle ristrutturazione di edifici privati, visto il minor costo rispetto agli ascensori, la rapidità di istallazione, le minori complicazioni dal punto di vista burocratico. Porte (Rif legislativi: D.P.R. 384/1978, ara. 7, 12, 14, 15, 18,21,23,25; D.M. LL. PP. 236/1989 ara , 4.1.6,4.1.12,5,5.1,8,8.1.12) La normativa differenzia le misure di riferimento fra le porte di accesso (es.: la porta principale di accesso ad un cinema) e le porte interne. Mentre per la normativa meno recente, riferita agli edifici pubblici, gli standard minimi sono rispettivamente 150 cm (accessi) e 85 cm (porte) il D.M. del 1989 prevede, per gli edifici privati, rispettivamente 80 cm e 75 cm. Queste misure si riferiscono alla luce netta delle porte. Queste prescrizioni valgono ovviamente anche per i bagni e per gli ascensori; il rispetto di queste prescrizioni è un prerequisito, quantomeno, alla visitabilità delle unità immobiliari. La normativa più recente fissa anche limiti massimi di ampiezza delle porte: 120 cm; misure superiori comporterebbero un eccessivo sforzo nello spingere una porta. Rampe (Rif. legislativi: D.P.R. 384/1978, artt.3,4,7,10,18,19, 21, 22, 23, 26D.M. 236/1989, ara ,4.2.1, 5.2,5.4,8.1.11,8.2.1) La normativa tecnica di riferimento, affronta il tema delle rampe di accesso o di transito sia negli edifici pubblici che nei percorsi pedonali. Le rampe devono essere realizzate in modo tale da non provocare affaticamento da parte della persona disabile che la percorre} in tal senso dovrebbero essere interposti, nelle rampe di lunga distanza (ogni lo m), ripiani di stazionamento per il riposo. La larghezza di norma dovrebbe essere di 90 cm per consentire il transito di una persona in carrozzina, di 150 cm per fame transitare due in senso opposto di marcia. La pendenza delle rampe non deve superare 1'8%, mentre quella dei percorsi non dovrebbe superare il 5%. In fase di raccordo fra percorsi pedonali e passi carrabili o sede stradale, sono ammesse brevi rampe di pendenza comunque non superiore al 15%.

6 E' opportuno segnalare l'importanza di proteggere le rampe dagli agenti atmosferici, di prevedere eventuali corrimani o sostegni, e di prestare attenzione a grado di antisdrucciolevolezza del calpestio della rampa stessa, in modo da evitare che ciò che è un ausilio per alcuni rappresenti un ostacolo o un pericolo per altri. Responsabilità (Rif. legislativi: L.1O4/1992 art. 24.7) La Legge Quadro sull'handicap 104/1992, ha previsto che il progettista, il direttore dei lavori, il collaudatore ed il responsabile tecnico degli accertamenti per l'agibilità e l'abitabilità di un edificio, siano da considerarsi, ciascuno per sua parte, responsabili della realizzazione di opere realizzate in difformità della normativa sull' eliminazione delle barriere architettoniche. I responsabili sono punibili con un ammenda (dai lo ai 50 milioni) e con la sospensione temporanea (fino a sei mesi) dai rispettivi albi professionali. La Legge precisa per che, per rendere inevitabili questi provvedimenti, la violazione deve essere tale da rendere impossibile l'utilizzazione dell'opera da parte di persone con disabilità; ad esempio: una gradinata davanti ad un negozio non rende definitivamente non visitabile un negozio, in quanto la situazione è sanabile con l' allestimento di un servoscala. Pertanto tecnici e progettisti, possono spesso agevolmente trovare scappatoie, quando le violazioni non siano gravissime. Seggi elettorali (Rif. legislativi: L. L.1O4/1992 art. 29.1) 15/1991 Il disabile, per esercitare il proprio diritto di voto, si può presentare presso il seggio elettorale del proprio comune che non presenti barriere architettoniche, indipendentemente dal fatto che sia quello indicato dall'ufficio anagrafe, a patto che presso il seggio prescelto si svolgano le stesse consultazioni con le stesse liste elettorali. Per esercitare questo diritto è necessario che il disabile esibisca unitamente al certificato elettorale l' apposita attestazione medica rilasciata dall'u.s.l. competente. Il seggio privo di barriere architettoniche sarà segnalato da un apposito pittogramma. I Comuni dovrebbero provvedere al censimento delle barriere architettoniche esistenti presso i locali solitamente adibiti a seggi elettorali. Servizi Igienici (Rif. legislativi: D.PR. 384 /1978 artt.14, 18, 21, 23 - D.M. LL.PP. 236/1989 artt. 3.4, 4.1.6, 4.4, 4.5, 5.1,5.2,5.2,5.5,8.1.6) Particolare attenzione è riservata dalla normativa ai servizi igienici negli edifici sia pubblici che privati; sottolineiamo in particolare il contenuto dell'articolo 3.4 del D.M. 236/1989 che prevedendo espressamente la visitabilità di ogni unità immobiliare, qualsiasi sia la sua destinazione, precisa che questo requisito deve essere soddisfatto dalla presenza di un bagno accessibile ai disabili nelle sedi (temporanee o permanenti) di riunioni e di spettacoli, di ristorazione, e in tutte le sedi di attività aperte al pubblico (quindi biblioteche, stazioni, edifici scolastici) Il Legislatore si è ripetutamente cimentato nel tentativo di fissare standard e criteri di progettazione per gli interni dei bagni, in modo più rigido all'interno del D.P.R. 384/1978 e con più flessibilità nel DM 236/1989; la seconda emanazione legislativa offre tuttavia migliori indicazioni operative. E' opportuno sottolineare che, dalla fase della progettazione, alla scelta ed al posizionamento degli igienici, la realizzazione di un bagno accessibile richiede molta attenzione ed una certa competenza; è da sfatare inoltre il luogo comune che la costruzione di un bagno accessibile richiede dei costi aggiuntivi eccessivamente onerosi. La normativa più recente richiama l'attenzione dei progettisti, oltre che sul dimensionamento del bagno che deve consentire accesso agevole e fruibilità, sugli spazi necessari per l' accostamento alla tazza bidè, wc, lavabo e doccia, oltre che sulle altezze del posizionamento degli igienici stessi (es.: 80 cm piano superiore del lavabo), di tutti i

7 pulsanti e degli eventuali maniglioni. Si consiglia a_ progettisti un attenta lettura delle indicazioni tecniche e della nutrita bibliografia in materia. Servoscala (Rif. legislativi: D.M. 236/1989 artt , 6.1, ; L..263/1989, art.l.3.bis) Il servoscala è un'apparecchiatura che solitamente è mossa da motore elettrico lungo una scala o un piano inclinato; in grado, quindi, di far superare dei dislivelli a persone con disabilità. La normativa tenta di mettere ordine fra le diverse tipologie di servoscala (pedane per il trasporto di persone in piedi, sedili servoscala, pedane ribaltabili, o piattaforme per il trasporto di persone in carrozzina). Il legislatore, fissa standard per portate minime, velocità, ancoraggi e nonne di sicurezza. Consigliamo un' attenta lettura delle specifiche tecniche e delle indicazioni normative di riferimento. E' bene ricordare che su questi prodotti si applica l'aliquota IV A del 4%. Spazi culturali e di spettacolo (Rif. Legislativi. D.M. LL.PP. 236/1989 art.3., 3.4, 4.1.4, 4.3, D.PR. 384/1978 art.26d.m.13/l/1992 n.184 art.18) Negli edifici sedi di riunioni o spettacoli, temporanei o permanenti, compresi i circoli privati il requisito della visitabilità si intende soddisfatto se almeno una zona riservata al pubblico, oltre ad un servizio igienico sono accessibili; deve essere inoltre garantita la fruibilità de gli spazi di relazione e dei servizi previsti (es.: biglietteria e guardaroba). Alle stesse prescrizioni sottostanno gli spazi destinati agli spettacoli all'aperto. Le sale per riunione, spettacolo e ristorazione, devono essere dotate di posti riservati a persone con ridotta capacità motoria, in numero pari ad almeno due posti ogni 400; due posti devono essere comunque garantiti; le sale devono essere dotate, nella stessa percentuale di spazi liberi riservati per le persone su sedia a ruote, predisposti su pavimento orizzontale, con dimensioni tali da garantire la manovra e lo stazionamento di una sedia a rotelle Il rispetto di queste indicazioni è richiamato anche dal D.M. 184/1992.,r Stabilimenti balneari (Rif. legislativi L. 104/ Circ. Min. Marina Mercantile 259/1990) Anche per gli stabilimenti balneari è sancita l'obbligatorietà della visitabilità; devono essere previste rampe d'accesso, scivoli e servizi igienici adeguati alle esigenze delle persone con disabilità. Non possono essere rilasciate, né rinnovate, concessioni demaniali a quegli impianti che non consentano la visitabilità a persone handicappate. Telefoni pubblici (Rif. legislativi: D.P.R. n.384/1978 art.25; D.M. LL.PP. n. 236/1989 artt , 8.1.5; D.M. Poste e Telecomunicazioni 10 agosto 1979) Il D.P.R. del 1978, aveva previsto che nei posti telefonici pubblici dei capoluoghi di provincia, di nuova costruzione o ristrutturazione fosse previsto almeno un telefono pubblico accessibile; stessa prescrizione veniva fissata per ogni Comune. Inoltre il 5% dei nuovi impianti avrebbe dovuto essere accessibile. Lo stesso D.P.R. fissa gli standard minimi per considerare la cabina telefonica accessibile (porta 85 cm, telefono posizionato a cm 90 dal calpestio, sedile ribaltabile a scomparsa a cm 45 di altezza, mensola porta elenchi a 80 cm di altezza). Un decreto ministeriale delle Poste e delle Telecomunicazioni del 1979 ha fissato con maggiore precisione gli spazi utili delle cabine telefoniche distinguendo in: - posti telefonici pubblici; dimensioni esterne: larghezza cm 100, lunghezza cm 83, altezza cm 203; - cabine telefoniche stradali; dimensioni esterne: larghezza cm 105, lunghezza cm 105, altezza cm _ 230; Il D.M. LL.PP. 236/1989 e più re. centi studi ergonomici, suggerisco. no il posizionamento degli apparecchi telefonici fra i 110 e i 140 cm di altezza massima. A nostro. avviso, sarebbe comunque più opportuno progettare ed istallare tutti i posti telefonici, in

8 modo tale che siano accessibili a tutte la tipologie di utenza. Visitabilità (Rif. legislativi: D.M. LL.PP. n. 236/1989 art. 2 lettera H) E' la possibilità, da parte di chiunque di accedere agli spazi di rela. zione e ad almeno un servizio igienico all'interno di ogni singola unità immobiliare; per spazi di relazione si intendono i luoghi di lavoro, di soggiorno, del pranzo, di servizio e di incontro, nei quali i cittadini entrano in relazione con la funzione ivi svolta.

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone nella progettazione di tutti gli edifici il rispetto

Dettagli

Impianti elettrici e barriere architettoniche (Scheda)

Impianti elettrici e barriere architettoniche (Scheda) Principali norme di riferimento: Norma CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua ; Guida CEI 64-50 Guida

Dettagli

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone nella progettazione di tutti gli edifici il rispetto

Dettagli

Impianti elettrici e abbattimento delle barriere architettoniche (seconda parte)

Impianti elettrici e abbattimento delle barriere architettoniche (seconda parte) Pubblicato il: 04/01/2005 Aggiornato al: 18/01/2005 (seconda parte) di Gianluigi Saveri Relativamente all impianto elettrico devono essere rimosse tutte quelle barriere che non permettono o che in qualunque

Dettagli

ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI - DICHIARAZIONE DEL PROGETTISTA -

ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI - DICHIARAZIONE DEL PROGETTISTA - ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI - DICHIARAZIONE DEL PROGETTISTA - ai sensi del comma 4 dell art. 77 del D.P.R. 380/01 come modificato dal D.lgs 301/02, L. 13/1989 e D.M.

Dettagli

B come Barriere Architettoniche

B come Barriere Architettoniche B come Barriere Architettoniche La definizione sintetica di barriera architettonica la troviamo nel d.m. 236/89, art 2. E riassumibile : A) gli ostacoli fisici che limitano e impediscano la mobilità dei

Dettagli

CITTÀ DI LISSONE (Provincia di Monza e della Brianza)

CITTÀ DI LISSONE (Provincia di Monza e della Brianza) Prot. 27547 Lissone, 3/6/2016 DISPOSIZIONI IN MERITO ALL ACCESSIBILITÀ DEI DISABILI AI LOCALI O SPAZI IN EDIFICI PRIVATI APERTI AL PUBBLICO PREMESSO che l art. 1, del Decreto del Presidente della Repubblica

Dettagli

VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014

VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014 VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014 AZV_A1_A3_9.004 INDICE - PREMESSA - TIPOLOGIA DELL INTERVENTO - RIFERIMENTI NORMATIVI -

Dettagli

ALLEGATO 002: RELAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE

ALLEGATO 002: RELAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE ALLEGATO 002: RELAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE I tecnici: Ing. Marco Galperti Geom. Fabio Drufovka PREMESSE Obiettivo dei decreti (D.P.R.) n. 384/78 e 236/89 il cui campo di azione nonché le indicazioni

Dettagli

Oggetto_. Localizzazione_. Committente_. Altanon S.r.l. Descrizione_. Fase_. Scala_. Data deposito_. Codice interno_.

Oggetto_. Localizzazione_. Committente_. Altanon S.r.l. Descrizione_. Fase_. Scala_. Data deposito_. Codice interno_. GianRenato Piolo Architetto Oggetto_ Variante alla P.E. n. 2012/0533 ai sensi della L.R. 14/2009 e ss.mm.ii. e delle Norme Tecniche del Piano degli Interventi 2008/C per l'attuazione dei Comparti n.1,

Dettagli

La normativa sulle Barriere Architettoniche. La normativa sulle Barriere Architettoniche. Barriere Architettoniche - Barriere Culturali

La normativa sulle Barriere Architettoniche. La normativa sulle Barriere Architettoniche. Barriere Architettoniche - Barriere Culturali Barriere Architettoniche - Barriere Culturali PROGETTARE, COSTRUIRE, ABITARE CON QUALITÀ COLLEGAMENTI ORIZZONTALI COLLEGAMENTI VERTICALI Arch. Cesare Beghi CAAD di Parma 30 Gennaio 2008 Parma Seminario

Dettagli

Barriere Architettoniche

Barriere Architettoniche Segnalazioni Settore Attività amministrative e finanziarie per il Governo del territorio febbraio 2010 Barriere Architettoniche (30 settembre 2009) Barriere architettoniche negli edifici privati Abbattimento

Dettagli

Al Signor Sindaco del Comune di Prato. Al Comune di Prato Servizio Istanze Edilizie Via Arcivescovo Martini n.61 Prato

Al Signor Sindaco del Comune di Prato. Al Comune di Prato Servizio Istanze Edilizie Via Arcivescovo Martini n.61 Prato Studio Tecnico Ing. MASSIMO CECCARINI Cod. Fisc. CCC MSM 56H14 G999V Part. I.V.A. 00036530970 Viale V. Veneto, 13 59100 PRATO Tel. e Fax 0574 29062 / 607600 Prato, li 27/12/10. e-mail: studiomcmp@conmet.it

Dettagli

Requisiti essenziali per il bagno a norma ed esempi progettuali

Requisiti essenziali per il bagno a norma ed esempi progettuali Requisiti essenziali per il bagno a norma ed esempi progettuali REQUISITI BASE Gli obblighi di norma si riducono a poche prescrizioni che sinteticamente sono: C D A Il lavabo deve essere di tipo a mensola,

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1996, n. 503

Decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1996, n. 503 Decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1996, n. 503 Regolamento recante norme per l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici TITOLO I - Scopi e campo

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE Legge 09.01.1989 n 13 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA RELAZIONE TECNICA DI ACCESSIBILITA

RELAZIONE TECNICA ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE Legge 09.01.1989 n 13 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA RELAZIONE TECNICA DI ACCESSIBILITA Progetto di trasformazione ex Cinema Fox in Centro Culturale Comunale CENTRO CIVICO CINE FOX RELAZIONE TECNICA ELIMINAZIONE BARRIERE ARCHITETTONICHE Legge 09.01.1989 n 13 DICHIARAZIONE DI CONFORMITA RELAZIONE

Dettagli

DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 LUGLIO 1996 N.

DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 LUGLIO 1996 N. DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 LUGLIO 1996 N. 503 Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici TITOLO I - SCOPI E CAMPO DI

Dettagli

RIABILITARE (L)A CASA

RIABILITARE (L)A CASA CORSO NAZIONALE DI AGGIORNAMENTO SIMFER RIABILITARE (L)A CASA Accessibilità e Domotica: quali le norme e gli strumenti? Disability Manager 21-22-23 NOVEMBRE 2013 Centro Servizi Villa delle Magnolie e Park

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini RELAZIONE TECNICA Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini della legge 13/89 per l eliminazione delle barriere architettoniche. Premessa: Ai fini

Dettagli

CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96 INDICE 1. PREMESSA - 3 -

CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96 INDICE 1. PREMESSA - 3 - INDICE 1. PREMESSA - 3-2. CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96, RICHIESTA DALLA A.S.L./NA 1, DIPARTIMENTO PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA PUBBLICA, IN SEDE DI CONFERENZA DEI SERVIZI

Dettagli

COMUNE DI AVETRANA (Provincia di Taranto)

COMUNE DI AVETRANA (Provincia di Taranto) COMUNE DI AVETRANA (Provincia di Taranto) RELAZIONE TECNICA E ATTESTAZIONE DI CONFORMITA' relative alle prescrizioni della L. 9/1/1989 n.13 e D.M. 14.06.1989 n.236. " Prescrizioni tecniche necessarie a

Dettagli

Dal turismo per disabili al turismo per tutti Dal turismo per tutti al turismo di qualità

Dal turismo per disabili al turismo per tutti Dal turismo per tutti al turismo di qualità Dal turismo per disabili al turismo per tutti Dal turismo per tutti al turismo di qualità Eliminazione e superamento delle barriere nelle strutture ricettive (progettazione, esecuzione, gestione, accoglienza)

Dettagli

Barriere Architettoniche

Barriere Architettoniche Segnalazioni Settore Attività amministrative e finanziarie per il Governo del territorio ottobre 2009 Barriere Architettoniche (da I QUADERNI Consulente IMMOBILIARE, Suppl. al n. 845 del 30 settembre 2009)

Dettagli

Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici

Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l art. 87 della Costituzione; Vista la legge 30

Dettagli

EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA

EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA Complesso di proprietà di Pentagramma Romagna Spa in via XX Settembre n.38 e Corso Mazzini n.41, sito nel Comune di Cervia (RA). OPERE DI RESTAURO

Dettagli

Albenga accessibile. Ci Vado ad Occhi Chiusi OPUSCOLO INFORMATIVO PER GLI ESERCENTI

Albenga accessibile. Ci Vado ad Occhi Chiusi OPUSCOLO INFORMATIVO PER GLI ESERCENTI Ci Vado ad Occhi Chiusi Albenga accessibile OPUSCOLO INFORMATIVO PER GLI ESERCENTI Progetto cofinanziato da Comunità Europea Regione Liguria Comune di Albenga In collaborazione con Unione Italiana dei

Dettagli

[STANDARD RESIDENZIALI] Circolare n. 425 del Ministero dei Lavori Pubblici del 20 01 1967 art. 6. Aspetti qualitativi. Barriere architettoniche.

[STANDARD RESIDENZIALI] Circolare n. 425 del Ministero dei Lavori Pubblici del 20 01 1967 art. 6. Aspetti qualitativi. Barriere architettoniche. Barrier free design [STANDARD RESIDENZIALI] Circolare n. 425 del Ministero dei Lavori Pubblici del 20 01 1967 art. 6. Aspetti qualitativi. Barriere architettoniche. [EDIFICI SOCIALI] Circolare del Ministero

Dettagli

COMUNE DI SESTRI LEVANTE

COMUNE DI SESTRI LEVANTE Elaborato E2 COMUNE DI SESTRI LEVANTE Località San Bartolomeo della Ginestra Zona di P.U.C.: AC(B3) E1 (TPA) territorio di presidio ambientale agricolo Istanza Permesso di Costruire in variante al P.U.C.

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

D.P.R. 384/78 D.P.R. 236/89 D.P.R. 503/96

D.P.R. 384/78 D.P.R. 236/89 D.P.R. 503/96 D.P.R. 384/78 D.P.R. 236/89 D.P.R. 503/96 Obiettivo dei decreti (D.P.R.) n. 384/78 e 236/89 il cui campo di azione nonché le indicazioni tecniche di riferimento sono contenute nella circolare ministeriale

Dettagli

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI SCHEMI E POSSIBILI SOLUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DELLO SPAZIO COMMERCIALE SCHEMA FUNZIONALE INDICATIVO E DIMENSIONAMENTO ARREDI PER LA ZONA RECEPTION DIMENSIONAMENTO DI

Dettagli

RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E.

RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E. RELAZIONE TECNICA BARRIERE ARCHITETTONICHE ai sensi della L.13 e DM 236/89; DPR 380/01 e Allegato I del R.E. RIFERIMENTO: Richiesta di integrazione P.G. n 119428 del 29/09/2009 OGGETTO: Piano Attuativo

Dettagli

Competenze delle Amministrazioni comunali in materia di eliminazione delle barriere architettoniche (aggiornato al 30 settembre 2015)

Competenze delle Amministrazioni comunali in materia di eliminazione delle barriere architettoniche (aggiornato al 30 settembre 2015) Competenze delle Amministrazioni comunali in materia di eliminazione delle barriere architettoniche (aggiornato al 30 settembre 2015) Sulla base delle normative vigenti, le Amministrazioni comunali della

Dettagli

Premessa. A cura dell ing. Carmelo Tomaselli.

Premessa. A cura dell ing. Carmelo Tomaselli. Report sugli adempimenti normativi riguardanti l abbattimento delle barriere architettoniche con particolare attenzione a quelle che impediscono l orientamento, la riconoscibilità dei luoghi e delle fonti

Dettagli

CRITERIO DA RISPETTARE

CRITERIO DA RISPETTARE SCHEDA DI RILEVAZIONE STRUTTURE ALBERGHIERE LIVELLO ARGENTO Esercizio: Indirizzo: Telefono: Fax: Email: Web site: Referente: STRUTTURA ESTERNA CRITERIO DA RISPETTARE DEVE ESSERE UN PARCHEGGIO PRIVATO.

Dettagli

DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili.

DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili. COMMITTENTE: Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili.it PROGETTO: ELABORAZIONE DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. 338 OGGETTO TITOLO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA E ATTESTAZIONE DI CONFORMITA' relative alle prescrizioni della L. 9/1/1989 n.13 e D.M. 14.06.1989 n.236.

RELAZIONE TECNICA E ATTESTAZIONE DI CONFORMITA' relative alle prescrizioni della L. 9/1/1989 n.13 e D.M. 14.06.1989 n.236. RELAZIONE TECNICA E ATTESTAZIONE DI CONFORMITA' relative alle prescrizioni della L. 9/1/1989 n.13 e D.M. 14.06.1989 n.236. "Prescrizioni tecniche necessarie a garantire l'accessibilità, l'adattabilità

Dettagli

Oggetto: Relazione tecnica ex art. 10 punto 10,2 D.M. 236/89, allegata al P.L. via della Resistenza a Molinetto di MAZZANO Comune di Mazzano (Bs)

Oggetto: Relazione tecnica ex art. 10 punto 10,2 D.M. 236/89, allegata al P.L. via della Resistenza a Molinetto di MAZZANO Comune di Mazzano (Bs) Mazzano (Bs) li, 27 febbraio 2012 Al Signor Sindaco del Comune di Mazzano (Bs) Oggetto: Relazione tecnica ex art. 10 punto 10,2 D.M. 236/89, allegata al P.L. via della Resistenza a Molinetto di MAZZANO

Dettagli

ESEMPIO PER LA RESIDENZA

ESEMPIO PER LA RESIDENZA COMUNE DI BOLZANO GEMEINDE BOZEN ESEMPIO PER LA RESIDENZA PRESENTAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE PER IL SUPERAMENTO E L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI E PUBBLICI A COMPLETAMENTO

Dettagli

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI. sala polivalente/cento sociale ricreativo. utilizzo di cicli

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI. sala polivalente/cento sociale ricreativo. utilizzo di cicli ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI sala polivalente/cento sociale ricreativo utilizzo di cicli Schema tratto da AA.VV., Enciclopedia pratica per PROGETTARE COSTRUIRE 8 ed. - Hoepli. pag. 28 ERGONOMIA E DIMENSIONAMENTO

Dettagli

Nuovo Regolamento Edilizio

Nuovo Regolamento Edilizio CITTA DI CESANO MADERNO PROVINCIA DI MILANO Nuovo Regolamento Edilizio Allegato tecnico LINEE GUIDA PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE modificato a seguito delle controdeduzioni alle osservazioni

Dettagli

CRITERIO DA RISPETTARE

CRITERIO DA RISPETTARE SCHEDA DI RILEVAZIONE STRUTTURE PUBBLICI ESERCIZI E RISTORANTI LIVELLO ARGENTO Esercizio: Indirizzo: Telefono: Fax: Email: Web site: Referente: STRUTTURA ESTERNA BAR E RISTORANTE CRITERIO DA RISPETTARE

Dettagli

CRITERIO DA RISPETTARE

CRITERIO DA RISPETTARE SCHEDA DI RILEVAZIONE STRUTTURE ALBERGHIERE LIVELLO BRONZO Esercizio: Indirizzo: Telefono: Fax: Email: Web site: Referente: CRITERIO DA RISPETTARE STRUTTURA ESTERNA DEVE ESSERE PRESENTE UN PARCHEGGIO PRIVATO.

Dettagli

CRITERIO DA RISPETTARE

CRITERIO DA RISPETTARE SCHEDA DI RILEVAZIONE STRUTTURE PUBBLICI ESERCIZI E RISTORANTI LIVELLO BRONZO Esercizio: Indirizzo: Telefono: Fax: Email: Web site: Referente: CRITERIO DA RISPETTARE STRUTTURA ESTERNA BAR E RISTORANTI

Dettagli

Realizzare l adattabilità

Realizzare l adattabilità PROGETTARE UNA CITTA OSPITALE Ciclo di incontri sulla progettazione accessibile Realizzare l adattabilità Bergamo, 24 settembre 2015 ADATTABILITA 1. Definizioni, riferimenti normativi 2. Come si progetta

Dettagli

CITTA DI TORINO ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE IN LOCALI PUBBLICI E PRIVATI APERTI AL PUBBLICO.

CITTA DI TORINO ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE IN LOCALI PUBBLICI E PRIVATI APERTI AL PUBBLICO. All. n. 1 Deliberazione n. 2008 06681/38 CITTA DI TORINO ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE IN LOCALI PUBBLICI E PRIVATI APERTI AL PUBBLICO. ARTICOLO 31, comma 5, DEL REGOLAMENTO EDILIZIO DELLA

Dettagli

COMUNE DI SENIGALLIA

COMUNE DI SENIGALLIA COMUNE DI SENIGALLIA PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI EDIFICI RESIDENZIALI NEL COMPARTO 17R DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE SITO IN CESANO DI SENIGALLIA DITTA: EDRA IMMOBILIARE S.r.l. Via Cimabue, n 7 - SENIGALLIA

Dettagli

INDICE 1.RIFERIMENTI NORMATIVI 2 2.SCELTE PROGETTUALI 2 3.SISTEMAZIONI ESTERNE 3. MASSIMO LEGGERI Ordine Ingegneri Roma n. 22424.

INDICE 1.RIFERIMENTI NORMATIVI 2 2.SCELTE PROGETTUALI 2 3.SISTEMAZIONI ESTERNE 3. MASSIMO LEGGERI Ordine Ingegneri Roma n. 22424. INDICE 1.RIFERIMENTI NORMATIVI 2 2.SCELTE PROGETTUALI 2 3.SISTEMAZIONI ESTERNE 3 Pagina 1 di 4 1.RIFERIMENTI NORMATIVI I criteri seguiti nella progettazione ai fini di garantire l accessibilità all intera

Dettagli

COMUNE DI SANSEPOLCRO

COMUNE DI SANSEPOLCRO TAVOLA: 9 COMUNE DI SANSEPOLCRO OGGETTO: PIANO DI RECUPERO Edificio Via N. Aggiunti n. 90 TITOLO TAVOLA: ASSEVERAZIONE L. 13/89 COMMITTENTE: FINTRUCKS S.p.a Ing. Bacchi Camillo PROGETTISTA: Dott. ENRICO

Dettagli

Ambienti in elevazione Normativa, certificazioni e soluzioni progettuali

Ambienti in elevazione Normativa, certificazioni e soluzioni progettuali Ordine degli Architetti P.P.C di Milano Contenuti Piattaforme elevatrici Riferimenti normativi e sgravi fiscali Caratteristiche peculiari e certificazioni Soluzioni progettuali 2 Piattaforme elevatrici

Dettagli

LE BARRIERE ARCHITETTONICHE

LE BARRIERE ARCHITETTONICHE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BASILICATA POLO DI MATERA Facoltà di Architettura Corso di Laurea in Ingegneria Edile-Architettura (Classe 4/S) CORSO DI TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA LE BARRIERE ARCHITETTONICHE

Dettagli

Il gradino deve essere prolungato in piano per 30 cm. in corrispondenza delle interruzioni.

Il gradino deve essere prolungato in piano per 30 cm. in corrispondenza delle interruzioni. 141 LA SCALA Larghezza della scala Caratteristiche del gradino Rapporto alzata/pedata Corrimano Segnalazioni tattili e visive PARAMETRI ESSENZIALI A Larghezza scale pubbliche e di parti comuni: 120 cm.

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1428 del 06 settembre 2011 pag. 1/22

ALLEGATOA alla Dgr n. 1428 del 06 settembre 2011 pag. 1/22 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1428 del 06 settembre 2011 pag. 1/22 TESTO COMPARATO Prescrizioni Tecniche atte a garantire la fruizione degli edifici residenziali privati, degli

Dettagli

BARRIERE ARCHITETTONICHE SCHEMI E RIFERMENTI NORMATIVI. (ESEMPIO DI RELAZIONE TECNICA ALLEGATA A PROGETTO)

BARRIERE ARCHITETTONICHE SCHEMI E RIFERMENTI NORMATIVI. (ESEMPIO DI RELAZIONE TECNICA ALLEGATA A PROGETTO) BARRIERE ARCHITETTONICHE SCHEMI E RIFERMENTI NORMATIVI. (ESEMPIO DI RELAZIONE TECNICA ALLEGATA A PROGETTO) Per le parti non verificabili in progetto la costruzione si adeguerà: D.P.R. 27 aprile 1978, n.

Dettagli

DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 LUGLIO 1996 N. 503

DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 LUGLIO 1996 N. 503 DECRETO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 LUGLIO 1996 N. 503 REGOLAMENTO RECANTE NORME PER L'ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI, SPAZI E SERVIZI PUBBLICI. TITOLO I SCOPI E CAMPO DI

Dettagli

Decreto Presidente della Repubblica 24 Luglio 1996 N. 503

Decreto Presidente della Repubblica 24 Luglio 1996 N. 503 Decreto Presidente della Repubblica 24 Luglio 1996 N. 503 Regolamento recante norme per l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici. Fonte: G.U. del 27 settembre

Dettagli

PROGETTARE PER TUTTI SENZA BARRIERE - 10 CORSO DI FORMAZIONE POST LAUREAM A.A. 2001 2002

PROGETTARE PER TUTTI SENZA BARRIERE - 10 CORSO DI FORMAZIONE POST LAUREAM A.A. 2001 2002 Fonte: Progettare per tutti senza barriere architettoniche, Maggioli editore, Rimini 1997 Titolo: SICUREZZA E RACCORDI CON LA NORMATIVA ANTINCENDIO Prof. Arch. Fabrizio Vescovo SICUREZZA E RACCORDI CON

Dettagli

COMUNE DI CARASCO Provincia di Genova ALLEGATO E RELAZIONE TECNICA LEGGE 13/89

COMUNE DI CARASCO Provincia di Genova ALLEGATO E RELAZIONE TECNICA LEGGE 13/89 . COMUNE DI CARASCO Provincia di Genova ALLEGATO E RELAZIONE TECNICA LEGGE 13/89 oggetto : relazione tecnica ai sensi della Legge 13/89 allegata alla richiesta di permesso di costruire diretto convenzionato

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA E RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA, DI CONFORMITA ALLA NORMATIVA IN MATERIA DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA E RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA, DI CONFORMITA ALLA NORMATIVA IN MATERIA DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE DICHIARAZIONE DI CONFORMITA E RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA, DI CONFORMITA ALLA NORMATIVA IN MATERIA DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE Il sottoscritto.progettista delle opere suddette, nato

Dettagli

COMPARTO UNITARIO ST2_P14 Via IV Novembre RELAZIONE SUL SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE (DPR 24.07.1996 N. 503)

COMPARTO UNITARIO ST2_P14 Via IV Novembre RELAZIONE SUL SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE (DPR 24.07.1996 N. 503) PIANO DI LOTTIZZAZIONE DELLA ZONA C1 - RESIDENZIALE DI ESPANSIONE COMPARTO UNITARIO ST2_P14 Via IV Novembre RELAZIONE SUL SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE (DPR 24.07.1996 N. 503) Il progetto

Dettagli

"...servizi di trasporto pubblico ed in particolare i tram e le metropolitane dovranno essere accessibili agli invalidi non deambulanti...

...servizi di trasporto pubblico ed in particolare i tram e le metropolitane dovranno essere accessibili agli invalidi non deambulanti... M come Mobilità L'articolo 27 della legge 118/71 stabilisce tra l'altro : "...servizi di trasporto pubblico ed in particolare i tram e le metropolitane dovranno essere accessibili agli invalidi non deambulanti..."

Dettagli

1. PREMESSA 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO

1. PREMESSA 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO 1. PREMESSA L edificio in esame è soggetto alle prescrizioni tecniche di cui alla Legge 9 gennaio 1989, n 13 e relativo regolamento d attuazione D.M. LL.PP., 14 giugno 1989, n 236. Nel caso specifico è

Dettagli

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI. distribuzione dei tavoli e dei percorsi all interno della biblioteca o della mediateca

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI. distribuzione dei tavoli e dei percorsi all interno della biblioteca o della mediateca ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI distribuzione dei tavoli e dei percorsi all interno della biblioteca o della mediateca dimensionamento tavoli per lettura/consultazione testi e ricerca per biblioteca o

Dettagli

CRITERIO DA RISPETTARE

CRITERIO DA RISPETTARE SCHEDA DI RILEVAZIONE STRUTTURE ESERCIZI COMMERCIALI Esercizio: Indirizzo: Telefono: Fax: Email: Web site: Referente: STRUTTURA ESTERNA CRITERIO DA RISPETTARE IN PRESENZA DI PARCHEGGIO PRIVATO, E PRESENTE

Dettagli

Comune di Camposampiero (PD)

Comune di Camposampiero (PD) Comune di Camposampiero (PD) Piano Urbanistico Attuativo VANDURA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA ALLE NORME PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PREMESSA L intervento in oggetto prevede la realizzazione

Dettagli

DELLA REGIONE PUGLIA

DELLA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA Sped. in abb. Postale, Art. 2, comma 20/c - Legge 662/96 - Aut. DC/215/03/01/01 - Potenza Anno XXXIV BARI, 8 APRILE 2003 N. 38 Il Bollettino

Dettagli

INDICARE TIPO E NOME DELL INFRASTRUTTURA CONSIDERATA: AEROPORTO STAZIONE FERROVIARIA STAZIONE DELLA FUNICOLARE

INDICARE TIPO E NOME DELL INFRASTRUTTURA CONSIDERATA: AEROPORTO STAZIONE FERROVIARIA STAZIONE DELLA FUNICOLARE INDICARE TIPO E NOME DELL INFRASTRUTTURA CONSIDERATA: AEROPORTO STAZIONE FERROVIARIA STAZIONE DELLA FUNICOLARE BIGLIETTERIA DELLA COMPAGNIA DI NAVIGAZIONE NOTE RIASSUNTIVE MEZZI DI COLLEGAMENTO Mezzi di

Dettagli

DISPENSA INFORMATIVA. In collaborzione con:

DISPENSA INFORMATIVA. In collaborzione con: In copertina: foto G. Mariotti DISPENSA INFORMATIVA In collaborzione con: Cooperazione Reciproca Pergine Cooperazione Reciproca Pergine è un associazione, promossa dalla Cassa Rurale di Pergine, che si

Dettagli

CRITERIO DA RISPETTARE

CRITERIO DA RISPETTARE SCHEDA DI RILEVAZIONE STRUTTURE ALBERGHIERE LIVELLO ORO Esercizio: Indirizzo: Telefono: Fax: Email: Web site: Referente: STRUTTURA ESTERNA CRITERIO DA RISPETTARE DEVE ESSERE PRESENTE UN POSTO MACCHINA

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE 7 gennaio 1991, n. 1 Eliminazione delle barriere architettoniche in provincia di Trento INDICE

LEGGE PROVINCIALE 7 gennaio 1991, n. 1 Eliminazione delle barriere architettoniche in provincia di Trento INDICE LEGGE PROVINCIALE 7 gennaio 1991, n. 1 Eliminazione delle barriere architettoniche in provincia di Trento INDICE Capo I - Disposizioni generali Art. 1 - Oggetto della legge Art. 2 - Ufficio provinciale

Dettagli

BARRIERE ARCHITETTONICHE E LOCALIZZATIVE: EXCURSUS DELLE NORMATIVE NAZIONALI. di Rocco Artifoni ANALISI DELLE NORMATIVE DI CARATTERE NAZIONALE

BARRIERE ARCHITETTONICHE E LOCALIZZATIVE: EXCURSUS DELLE NORMATIVE NAZIONALI. di Rocco Artifoni ANALISI DELLE NORMATIVE DI CARATTERE NAZIONALE BARRIERE ARCHITETTONICHE E LOCALIZZATIVE: EXCURSUS DELLE NORMATIVE NAZIONALI. di Rocco Artifoni ANALISI DELLE NORMATIVE DI CARATTERE NAZIONALE La Costituzione La Carta costituzionale riconosce tra i Principi

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO PIANO REGOLATORE GENERALE. Regolamento urbanistico. Appendice 4

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO PIANO REGOLATORE GENERALE. Regolamento urbanistico. Appendice 4 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO PIANO REGOLATORE GENERALE Regolamento urbanistico Appendice 4 Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche 16 maggio 2008 1. Premessa

Dettagli

5. ANALISI SPAZIALE. Distribuzione degli spazi

5. ANALISI SPAZIALE. Distribuzione degli spazi 5. ANALISI SPAZIALE Distribuzione degli spazi L attenzione nella progettazione degli spazi si affianca alla scelta delle tecnologie più evolute per la gestione della qualità ambientale. L edificio è stato

Dettagli

COMUNE DI ANDORA REGIONE LIGURIA PROVINCIA SAVONA

COMUNE DI ANDORA REGIONE LIGURIA PROVINCIA SAVONA COMUNE DI ANDORA REGIONE LIGURIA PROVINCIA SAVONA PERMESSO DI COSTRUIRE in parziale Sanatoria ed in Variante al P.d.C. n. 759/7 del 06/08/2010 EDIFICI A1 e A2 del P.U.O. PROGETTO PER NUOVE RESIDENZE IN

Dettagli

Pavimenti Tutti i pavimenti, in ciascun piano, sono piani e complanari e le pavimentazioni antisdrucciolevoli secondo le seguenti prescrizioni:

Pavimenti Tutti i pavimenti, in ciascun piano, sono piani e complanari e le pavimentazioni antisdrucciolevoli secondo le seguenti prescrizioni: 1. PREMESSA L edificio in esame è soggetto alle prescrizioni tecniche di cui alla Legge 9 gennaio 1989, n 13 e relativo regolamento d attuazione D.M. LL.PP., 14 giugno 1989, n 236. Nel caso specifico è

Dettagli

RELAZIONE Tecnico- Illustrativa e PROGETTO BARRIERE ARCHITETTONICHE. Ass.ne Cultori della Storia delle Forze Armate

RELAZIONE Tecnico- Illustrativa e PROGETTO BARRIERE ARCHITETTONICHE. Ass.ne Cultori della Storia delle Forze Armate BARRIERE ARCHITETTONICHE LEGGE del 9/1/89 n. 13, D.M. del 14/6/89 n. 236, D.P.R. del 24/7/96 n.503 Dgrv n.509 del 2/3/2010 Allegato A Dgrv n.1428 del 6/9/2011 Allegato A e B RELAZIONE Tecnico- Illustrativa

Dettagli

Impianti elettrici e abbattimento delle barriere architettoniche (prima parte)

Impianti elettrici e abbattimento delle barriere architettoniche (prima parte) Pubblicato il: 04/01/2005 Aggiornato al: 04/01/2005 Impianti elettrici e abbattimento delle barriere architettoniche Impianti elettrici e abbattimento delle barriere architettoniche (prima parte) di Gianluigi

Dettagli

1 - CAMPO DI APPLICAZIONE

1 - CAMPO DI APPLICAZIONE DM 236-14 giugno 1989 Sommario Art. 1 - CAMPO DI APPLICAZIONE Art. 2 DEFINIZIONI Art. 3 - CRITERI GENERALI DI PROGETTAZIONE Art. 4 - CRITERI DI PROGETTAZIONE PER L'ACCESSIBILITA' Art. 5 - CRITERI DI PROGETTAZIONE

Dettagli

Accessibilità esterna e delle parti comuni interne all edificio Accessibilità interna della singola unità immobiliare ad uso abitativo

Accessibilità esterna e delle parti comuni interne all edificio Accessibilità interna della singola unità immobiliare ad uso abitativo AL COMUNE DI GRADO SERVIZIO SOCIO ASSISTENZIALE Viale Papa Giovanni XXIII, 40 34073 GRADO (GO) Bollo 16,00 In caso di mancata apposizione della marca da bollo o in caso di marca da bollo insufficiente,

Dettagli

DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89

DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89 AL G. NDACO DEL COMUNE DI SABBIO CHIESE (BS) D.P.R. 380/01 art. 77 e succ. VERIFICA DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89 Allegata al progetto di Sportello Unico Attività Produttive da realizzarsi nel Comune

Dettagli

Ai sensi della normativa citata per tale intervento è richiesto il soddisfacimento dei seguenti livelli di qualità:

Ai sensi della normativa citata per tale intervento è richiesto il soddisfacimento dei seguenti livelli di qualità: PREMESSA La presente relazione tecnica è redatta in ottemperanza alle prescrizioni contenute nel D.P.R. 24 luglio 1996, n. 503 Regolamento recante norme per l eliminazione delle barriere architettoniche

Dettagli

COMUNE DI COPERTINO PROVINCIA DI LECCE

COMUNE DI COPERTINO PROVINCIA DI LECCE REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ASSSETTO DEL TERRITORIO SETTORE EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA COMUNE DI COPERTINO PROVINCIA DI LECCE REALIZZAZIONE FABBRICATO EDILIZIA SPERIMENTALE IN ZONA GELSI FSC FONDO PER

Dettagli

Scheda di Rilevamento Delle Strutture Ricettive

Scheda di Rilevamento Delle Strutture Ricettive PROVINCIA DI SAVONA Scheda di Rilevamento Delle Strutture Ricettive La scheda è realizzata e gentilmente concessa da: Cooperativa Jonathan Livingston c/o Unità Spinale Unipolare - Ospedale Santa Corona

Dettagli

ALLEGATO N NORME TECNICHE PER IL SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE

ALLEGATO N NORME TECNICHE PER IL SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE ALLEGATO N NORME TECNICHE PER IL SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE INDICE TITOLO I NORME DI CARATTERE GENERALE Art. 1 Definizioni Art. 2 Ambiti di applicazione della normativa sulle barriere architettoniche

Dettagli

"Regolamento recante norme per l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici."

Regolamento recante norme per l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 24 luglio 1996, n. 503. "Regolamento recante norme per l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici." SOMMARIO DECRETO DEL

Dettagli

Legislazione ed informazioni per la progettazione dei servizi igienici destinati a disabili ed anziani

Legislazione ed informazioni per la progettazione dei servizi igienici destinati a disabili ed anziani Legislazione ed informazioni per la progettazione dei servizi igienici destinati a disabili ed anziani HOSPITALITY Documento n. 9 12/2008 Giovanni del Zanna nel suo studio Uomo, disabilità, ambiente, affronta

Dettagli

BARRIERE ARCHITETTONICHE

BARRIERE ARCHITETTONICHE Comune di Castel San Pietro Terme Piazza XX Settembre, 3 40024 Castel San Pietro Terme (BO) rea Servizi al Territorio SPORTELLO UNICO PER L EDILIZI BRRIERE RCHITETTONICHE 1 DICHIRZIONE DI CONFORMIT I SENSI

Dettagli

COMUNE DI PRATO. Ass.to Pari Opportunita Ass.re Rita Pieri Ass.to Lavori Pubblici Ass.re Roberto Caverni

COMUNE DI PRATO. Ass.to Pari Opportunita Ass.re Rita Pieri Ass.to Lavori Pubblici Ass.re Roberto Caverni COMUNE DI PRATO Ass.to Pari Opportunita Ass.re Rita Pieri Ass.to Lavori Pubblici Ass.re Roberto Caverni Gruppo di lavoro per l elaborazione del Piano per l Accessibilità Urbana Coordinatore Gruppo Arch.

Dettagli

IL MALATO ANZIANO E LE BARRIERE ARCHITETTONICHE. Patrizia Bianchetti Abano T.me 27/04/05 1

IL MALATO ANZIANO E LE BARRIERE ARCHITETTONICHE. Patrizia Bianchetti Abano T.me 27/04/05 1 IL MALATO ANZIANO E LE BARRIERE ARCHITETTONICHE Patrizia Bianchetti Abano T.me 27/04/05 1 Invecchiare è l unico modo per non morire giovani Woody Allen Patrizia Bianchetti Abano T.me 27/04/05 2 Un po di

Dettagli

Alberto Arenghi Università degli Studi di Brescia La fruibilità nel regolamento edilizio del Comune di Brescia.

Alberto Arenghi Università degli Studi di Brescia La fruibilità nel regolamento edilizio del Comune di Brescia. studio ajs La fruibilità nel regolamento edilizio del Comune di Brescia. Premessa!Le considerazioni che seguiranno fanno riferimento alla bozza del nuovo Regolamento Edilizio del 07-01-2005 in discussione

Dettagli

abbattimento delle Barriere Architettoniche

abbattimento delle Barriere Architettoniche Laurea Specialistica in Ingegneria Edile abbattimento delle Barriere Architettoniche Progettazione e sicurezza dei luoghi di lavoro Disabili Il primo provvedimento italiano inerente le barriere architettoniche

Dettagli

PROGETTARE PER TUTTI

PROGETTARE PER TUTTI Ordine degli Ingegneri della Provincia di Genova ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------ PROGETTARE

Dettagli

creating solutions Legislazione ed informazioni per la progettazione dei servizi igienici destinati a disabili ed anziani

creating solutions Legislazione ed informazioni per la progettazione dei servizi igienici destinati a disabili ed anziani creating solutions legislazione 2013 Legislazione ed informazioni per la progettazione dei servizi igienici destinati a disabili ed anziani 2 Informazioni per la progettazione Spazi di manovra con sedia

Dettagli

1) E previsto un trasferimento adattato per il trasporto dei clienti con mobilità ridotta? SI NO A richiesta a

1) E previsto un trasferimento adattato per il trasporto dei clienti con mobilità ridotta? SI NO A richiesta a NOME STRUTTURA Hotel Domina Cassia LOCALITA Roma TELEFONO 0039 063035931 E-MAIL romacassia@domina.it DATA 11/02/2006 RESPONSABILE STRUTTURA SITO WEB www.dominaromacassia.com RILEVATORE Passetto L. LA STRUTTURA

Dettagli

DESCRIZIONE DELL ACCESSIBILITA DELLA STRUTTURA

DESCRIZIONE DELL ACCESSIBILITA DELLA STRUTTURA DESCRIZIONE DELL ACCESSIBILITA DELLA STRUTTURA La casa albergo Liberty è composta da 15 appartamenti bilocali (camera doppia, soggiorno-cucina con divano letto matrimoniale, bagno) dotati di tutti i comfort,

Dettagli

Partito della Rifondazione Comunista Gruppo Consiliare di Sovicille

Partito della Rifondazione Comunista Gruppo Consiliare di Sovicille Sovicille, 30 Settembre 2008 Partito della Rifondazione Comunista Gruppo Consiliare di Sovicille Al Sindaco Dott. Alessandro Masi E p.c. al responsabile Ufficio Tecnico al responsabile della Polizia Municipale

Dettagli

APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE

APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE 2013/2014 LCA1 corsi A B C Laboratorio di Costruzione dell'architettura 1 APPROFONDIMENTI PER LA PROGETTAZIONE SENZA BARRIERE 6 dicembre 2013 arch. EMMA FRANCIA 1 I PROGETTO SENZA BARRIERE - Decreto del

Dettagli