Le parole chiave della mobilità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le parole chiave della mobilità"

Transcript

1 Le parole chiave della mobilità Nella normativa a favore dell' eliminazione delle barriere architettoniche esistono alcuni termini che rivestono una particolare importanza rispetto al concetto ed al diritto alla mobilità. Il mini-glossario di parole-chiave che riportiamo di se - guito non ha nessuna pretesa di esaustività né si rivolge agli esperti del settore, in verità molto pochi. Vorremmo piuttosto fornire a chi si scontra, per la prima volta, con questi problemi, poche ma chiare indicazioni, facendo presente che ciascuno dei punti trattati richiede sicuramente ulteriori approfondimenti. Accessibilità (Rif. legislativi: D.M. LL.PP. n. 236/1989 art. 2 lettera G) E' la possibilità, anche per persone con gravi disabilità motorie o sensoriali, di raggiungere un edificio e di utilizzarne agevolmente tutte le sue parti. E' il requisito richiesto per tutti i luoghi destinati ad attività sociali o di interesse collettivo o sedi di servizi, indipendentemente da chi ne sia il proprietario. Adattabilità (Rif. legislativi: D.M. LL.PP. n. 236/1989 art. 2 lettera 1) E' la possibilità di modificare nel tempo, a costi limitati, le strutture costruite per.renderle completamente fruibili da parte di persone con ridotte o impedite capacità motorie o sensoriali. Ad esempio deve essere previsto lo spazio per l'istallazione di un servo scala, o di un ascensore. Alberghi, Ristoranti e Campeggi (Rif. legislativi: D.M. LL.PP. 236/1989 -art.3a Legge 104/ 1992 art.24.6 ) Secondo il Decreto Ministeriale dei Lavori Pubblici, citato, ogni struttura ricettiva (alberghi, pensioni, villaggi turistici. campe_gi':j ecc),. di nuova costruzione o nstrutturazione, deve prevedere tutte le parti e i servizi comuni e un determinato numero di stanze accessibili anche a persone con ridotta o impedita capacità motoria o sensoriale. Il numero di stanze accessibili in ogni struttura ricettiva deve essere di almeno due, fino a quaranta o frazione di quaranta, aumentato di altre due ogni quaranta stanze o frazione di quaranta in più. (Esempio: hotel con 25 camere = 2 camere accessibili; hotel con 75 camere = 4 camere accessibili; 120 camere = 6 camere accessibili). Queste stanze dovrebbero essere preferibilmente ubicate nei piani bassi o comunque nelle vicinanze di una via di esodo accessibile. Il rispetto delle stesse indicazioni è vincolante per gli edifici per i quali venga richiesta la modifica di destinazione d'uso. Ad esempio una villa trasformata in albergo, anche senza che siano state effettuate ristrutturazioni, deve garantire l' accessibilità nelle parti aperte al pubblico., Ascensori (Rif. legislativi: D.P.R. 384/1978, artt. 15,16,18,19,20,21,23,26; D.M. LL.PP. 236/1989 artt. 3, ,6.1,6.2,8.1.12) Il D.P.R. n. 384/1978 esprime chiaramente l'indicazione che in tutti gli edifici pubblici con più di un piano fuori terra, deve essere previsto l'ascensore ed essere dimensionato e posizionato in modo tale da garantire il trasporto di persone disabili su sedia a ruote (cm 150 di larghezza per cm 137 di lunghezza, porta larga 90 cm, sistemi automatici di

2 livellamento al piano e di apertura delle porte, altezza massima della pulsanteria cm 120). Tali indicazioni vengono ribadite per gli edifici scolastici, le stazioni, i treni, le filovie, le tramvie, i servizi di navigazione nazionale, le sedi di spettacoli e riunioni. Il D.M. n.236/1989, fissa standard diversificati a seconda che gli ascensori siano collocati in - edifici non residenziali di nuova costruzione (larghezza 110 cm, lunghezza 140 cm, porta 80 cm su lato corto); - edifici residenziali di nuova costruzione (larghezza 95 cm, lunghezza 130 cm, porta 80 cm su lato corto); - edifici preesistenti adeguati (larghezza 80 cm, lunghezza 120 cm, porta 75 cm su lato corto); Viene prevista altresì una pulsanteria con segnalazioni in codici Braille, per i non vedenti. Negli edifici residenziali è obbligatoria l'istallazione dell'ascensore, qualora vi siano più di tre livelli fuori terra, o quando l'accesso alla più alta unità immobiliare sia posto oltre il terzo livello. Fino a tre livelli fuori terra è consentita la deroga, a patto che sia possibile l'istallazione in un momento successivo. Esemplifichiamo: Palazzina: garage interrato, piano terra (abitazioni), primo piano (abitazioni) = ascensore non obbligatono; Palazzina: garage interrato, piano terra (abitazioni), primo piano (abitazioni), secondo piano (abitazioni) = ascensore obbligatorio; Palazzina: garage interrato, piano terra (porticato), primo piano (abitazioni), secondo piano (abitazioni) = ascensore obbligatorio; Edifici privati (Rif. legislativi: L13/ D.M. LLPP. 236/ Legge 104/1992 artt ) Il Legislatore è entrato solo di recente a nonnalizzare il settore degli edifici privati e dell'eliminazione delle barriere architettoniche all'interno di questi. La Legge 13/1989 e il D.M. 236/89, sono, per ora, i riferimenti principali sull'argomento. Oltre a prevedere la possibilità per i disabili di adattare la propria abitazione, o parti comuni del condominio, al proprio handicap, queste fonti nonnative prevedono espressamente che devono essere accessibili (vedi Accessibilità): - tutte le parti comuni di qualsiasi edificio privato anche non aperto al pubblico. Per parti comuni si intendono i locali di proprietà condominiale. - tutte le parti comuni dei condomini privati e di edilizia residenziale pubblica, convenzionata ed agevolata. - il 5% degli alloggi di edilizia residenziale sovvenzionata dallo Stato. Devono, inoltre, essere adattabili (vedi Adattabilità): - le abitazioni monofamiliari o che non abbiano accessi o scale comulll. - tutte le parti delle abitazioni che non devono essere accessibili o visitabili. Negli edifici con più di tre piani fuori terra deve essere previsto un ascensore. Per gli edifici con meno di tre piani deve essere previsto lo spazio per un servoscala (vedi Ascensori). Edifici pubblici I ( Rif. legislativi: D.PR.. 384/ I L104/1992 artt.23-24; L 41/1986 art. 32 ) Per edifici pubblici non si devono intendere solo quelli di proprietà di Regioni, Province, Comuni, Amministrazioni ed Istituti dello Stato, ma in generale gli edifici di carattere collettivo o sociale ove si svolgano attività di interesse amministrativo, culturale, giudiziario, economico, sanitario e comunque edifici in cui si svolgono attività comunitarie o nei quali vengono prestati servizi di interesse generale. Il principio dell'accessibilità di questi edifici era già sancito dalla legge 118/1971, e dal D.P.R ; tale indicazione é stata irrigidita ulteriormente dalla Legge 41/86 che prevede, tra le altre cose, che non possano essere stanziati finanziamenti pubblici per nessuna opera che non sia accessibile anche alle persone disabilità motoria o sensoriale.

3 La Legge quadro , ribadisce l'obbligo che tutte le opere edilizie riguardanti edifici pubblici e privati aperti al pubblico siano conformi alle indicazioni tecniche fissate dalla L. 118/1971, D.P.R. 384/1978 e DM 236/1989. La stessa legge prevede che ad ogni progetto sia acclusa una dichiarazione di conformità alla normativa vigente; lo stesso rilascio della concessione edilizia e del certificato di agibilità e abitabilità è condizionato dal rispetto della normativa vigente; lo stesso dicasi per le modifiche di destinazione d'uso. Sono previste sanzioni pecuniarie e di sospensione dagli albi professionali per i progettisti, i direttori dei lavori, i tecnici responsabili degli accertamenti che rendano possibile la realizzazione di opere tali da rendere impossibile l'utilizzazione dell' edificio da parte di persone handicappate (vedi Responsabilità). I Comuni avrebbero dovuto adeguare i propri regolamenti edilizi alla normativa esistente entro 180 giorni dall' entrata in vigore della Legge Quadro 104/1992; scaduto il termine, le norme dei regolamenti edilizi comunali in contrasto con la normativa vigente avrebbero perso la loro efficacia. Ricordiamo inoltre che la L. n. 41/1986 (art. 32 comma 21) prevede che per gli edifici pubblici giàesistenti avrebbero dovuto essere adottati piani per l'eliminazione delle barriere architettoniche entro un anno dall' entrata in vigore della legge (28 febbraio 1986). Il D.M. n. 236/89, ha ribadito ulteriormente le indicazioni precedenti; secondo questa emanazione devono essere accessibili (vedi Accessibilità): - tutti i luoghi destinati ad attività sociali; - tutte le aziende soggette al collocamento obbligatorio (e_: ditte con più di 35 dipendenti). Devono essere visitabili (vedi Visitabilità) tutti quegli edifici e locali per i quali non è obbligatoria l' accessibilità. In particolare: - gli alberghi in tutte le parti comuni; alcune stanze con i servizi igienici dovranno essere accessibili; (es.: hall, sala ristorante, guardaroba, solarium) - gli alloggi di qualsiasi tipo dovranno prevedere accessibilità almeno negli ingressi, nella zona pranzo e nel Servizi. - cinema, ristoranti, circoli ricreativi, sale riunioni: dovranno essere accessibili almeno una zona, un servizio igienico, le biglietterie e le uscite di sicurezza. - almeno un ingresso e una zona dei luoghi di culto. - le sedi di attività aperte al pubblico relativamente agli spazi ove il pubblico ha accesso. Devono essere adatta bili (vedi Adattabilità) : - le aziende con meno di 35 dipendenti anche non aperte al pubblico. Impianti Sportivi (Rif legislativi: L. 104/1992 art D.P.R. 384/1978 art. 1 - DM LL.PP.. 236/1989 art.3,4,5 - Legge 6 marzo 1987 n.65 artt.1, 2 ter Decreto Ministero dell' interno 10 settembre 1986 art.22) Gli impianti sportivi essendo edifici aperti al pubblico sottostanno alla normativa e alle prescrizioni tecniche vigenti; in particolare dovrebbero essere previsti accessi, percorsi spazi comum e servizi igienici accessibili a persone con ridotta o impedita capacità motoria. La Legge Quadro (104/1992) precisa che Regioni, Comuni e CONI dovrebbero realizzare, ciascuno per gli impianti di propria competenza, interventi mirati a favorire l' accessibilità e la fruibilità delle strutture sportive da parte delle persone handicappate., Il rispetto delle norme sulle barriere architettoniche era comunque già stato richiamato chiaramente sia dalla legge 65 del 1987 che dal Decreto del Ministero dell 'Interno 10/9/1986. Mezzi di trasporto (Rif. legislativi: D.P.R. 384, 2714/1978 artt l , L , art.26 - D.PC.M.10 aprilel986 art.59) Prima della legge quadro, il Legislatore, aveva già affrontato il tema dell' accessibilità del trasporto pubblico, che dal punto di vista del diritto alla mobilità, rappresenta l'argomento forse più spinoso e di difficile soluzione; in particolare il D.P.R. 384/1978 prevede con chiarezza l'accessibilità dei mezzi pubblici ( bus, filovie, tram, ferrovie, servizi di navigazione ecc.). Lo stesso Piano Generale dei Trasporti del 1986 analizzava con lucidità i problemi connessi alla

4 mobilità collettiva per le persone con disabilità. La Legge Quadro (104/1992) stabilisce le modalità con le quali i Comuni dispongono gli interventi per consentire alle persone handicappate la possibilità di muoversi liberamente sul territorio usufruendo dei servizi di trasporto collettivo appositamente adattati o di servizi alternativi sia disciplinata dalle Regioni. Entro sei mesi dall' entrata in vigore della Legge Quadro (104/1992) le Regioni avrebbero dovuto elaborare piani di mobilità delle persone handicappate nell'ambito dei piani regionali di trasporto e dei piani di adeguamento delle infrastrutture urbane e coordinati con i piani di trasporto predisposti dai comuni. Entro un anno dalla data di entrata in vigore della Legge Quadro (104/1992), il Ministro dei trasporti avrebbe dovuto provvedere alla omologazione di almeno un prototipo di autobus urbano ed extraurbano, di taxi, di vagone ferroviario, conformemente alle finalità della legge stessa; tutto ciò non è, a tutt'oggi, ancora stato realizzato. Modifica di destinazione d'uso (Rif. legislativi: L.1041l992 art. 24.6) Non può essere rilasciata dal Sindaco competente l'autorizzazione alla modifica di destinazione d'uso di edifici pubblici o aperti al pubblico, se questa richiesta non è accompagnata da documentazione e dichiarazione di conformità alla normativa sull'eliminazione delle barriere architettoniche. Ad esempio, un appartamento ad uso abitazione trasformato in uno studio medico, dopo l'approvazione della Legge 104/1992, deve essere conforme alle norme sull' accessibilità. Parcheggi (Rif legislativi: D.P.R. 384/1978 art.4 - DM 236/1989 punti 4.2.3, Codice della strada, D.M art.188) Nelle aree di parcheggio devono essere previsti spazi riservati gratuitamente a persone handicappate nella misura di uno ogni 50 posti o frazione di 50 (es.: Area di parcheggio con 30 posti auto = uno riservato ai disabili; Area di parcheggio con 55 posti auto = due riservati ai disabili). Questi parcheggi devono essere opportunamente segnalati e progettati in modo tale da agevolare l'avvicinamento e il trasferimento alla propria automobile; deve essere cioè previsto uno spazio di manovra - a fianco del parcheggio vero e pro pno. Per poter usufruire dei parcheggi segnalati come riservati, l'invalido civile deve essere in possesso dell'apposito contrassegno rilasciato dal Comune di residenza, solitamente presso l'ufficio dei Vigili Urbani. Non è molto noto il fatto che gli autoveicoli al servizio dei disabili "non sono tenuti all'obbligo del rispetto dei limiti di tempo, se lasciati in sosta nelle aree di parcheggio a tempo determinato". (art.l88 Codice della Strada). Percorsi pedonali (Rif. legislativi: D.P.R. 384/1978 art.3 - DM 236/1989 punti 4.2.1, 8.2.1) I percorsi pedonali devono essere accessibili cioè consentire il passaggio di una persona in carrozzina o con ridotte capacità motorie, con degli scivoli ogniqualvolta il marciapiede si interrompe o prevede un attraversamento pedonale. La normativa di riferimento precisa che la larghezza minima del percorso pedonale deve essere tale da consentire l'inversione di marcia da parte di persona su sedia a rotelle, avere una pendenza massima del 5%; devono essere altresì previsti scivoli ed altri accorgimenti tali da rendere agevole la circolazione di persone con ridotta capacità moto ria. La pavimentazione deve essere antisdrucciolevole. La Legge 104/1992, prevede inoltre che vengano previsti Piani per l'eliminazione delle barriere architettoniche anche lungo i percorsi pedonali. Ci preme sottolineare l'importanza di appositi sistemi di segnalazione di direzione o di pericolo per le persone non vedenti; in

5 questo particolare settore manca ancora oggi una competenza tale da garantire soluzioni efficaci. Piani per l'eliminazione delle barriere architettoniche (Rif legislativi: L. n.41/1986 art ; L. n.104/1992 art.24.9) Dopo 15 anni dall' approvazione della Legge 118/1971, e dopo 8 anni dall'emanazione del D.P.R. 384/1978, essendo evidente l'immobilismo delle amministrazione locali nei confronti dell'accessibilità degli edifici pubblici, nel 1986, all'interno della Legge Finanziaria, l'autorità centrale ha previsto l' obbligatorietà dell'adozione, da parte delle Amministrazioni competenti, di piani per l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici pubblici già esistenti. Tale indicazione è stata estesa dalla Legge 104/1992 anche ai percorsi pedonali e agli spazi pubblici. Oggi moltissime Amministrazioni Pubbliche, oltre a non aver provveduto ad adeguare gli edifici esistenti, non himno nemmeno adottato i Piani previsti dalla normativa; la Regione territorialmente competente, anche dietro segnalazione di Associazioni o di cittadini direttamente interessati, può nominare un commissario straordinario per la stesura del piano. Piattaforme elevatrici (Rif. legislativi: D.M. LL. PP. n.236/1989 ara , 5.2, 6.1, ) Le piattaforme elevatrici sono strumenti che solo di recente si sono resi disponibili sul mercato, non a ca_ so il Legislatore è ancora cauto nel concedere un impiego ampio e proporzionato alle reali potenzialità di queste soluzioni. La normativa più recente, prevede l'impiego di piattaforme elevatrici, che non devono superare la velocità di 0,1 metro al secondo, e per superare dislivelli non superiori, di norma, ai quattro metri. Le piattaforme elevatrici sono comunque soluzioni che vengono sempre più utilizzate, in particolare nelle ristrutturazione di edifici privati, visto il minor costo rispetto agli ascensori, la rapidità di istallazione, le minori complicazioni dal punto di vista burocratico. Porte (Rif legislativi: D.P.R. 384/1978, ara. 7, 12, 14, 15, 18,21,23,25; D.M. LL. PP. 236/1989 ara , 4.1.6,4.1.12,5,5.1,8,8.1.12) La normativa differenzia le misure di riferimento fra le porte di accesso (es.: la porta principale di accesso ad un cinema) e le porte interne. Mentre per la normativa meno recente, riferita agli edifici pubblici, gli standard minimi sono rispettivamente 150 cm (accessi) e 85 cm (porte) il D.M. del 1989 prevede, per gli edifici privati, rispettivamente 80 cm e 75 cm. Queste misure si riferiscono alla luce netta delle porte. Queste prescrizioni valgono ovviamente anche per i bagni e per gli ascensori; il rispetto di queste prescrizioni è un prerequisito, quantomeno, alla visitabilità delle unità immobiliari. La normativa più recente fissa anche limiti massimi di ampiezza delle porte: 120 cm; misure superiori comporterebbero un eccessivo sforzo nello spingere una porta. Rampe (Rif. legislativi: D.P.R. 384/1978, artt.3,4,7,10,18,19, 21, 22, 23, 26D.M. 236/1989, ara ,4.2.1, 5.2,5.4,8.1.11,8.2.1) La normativa tecnica di riferimento, affronta il tema delle rampe di accesso o di transito sia negli edifici pubblici che nei percorsi pedonali. Le rampe devono essere realizzate in modo tale da non provocare affaticamento da parte della persona disabile che la percorre} in tal senso dovrebbero essere interposti, nelle rampe di lunga distanza (ogni lo m), ripiani di stazionamento per il riposo. La larghezza di norma dovrebbe essere di 90 cm per consentire il transito di una persona in carrozzina, di 150 cm per fame transitare due in senso opposto di marcia. La pendenza delle rampe non deve superare 1'8%, mentre quella dei percorsi non dovrebbe superare il 5%. In fase di raccordo fra percorsi pedonali e passi carrabili o sede stradale, sono ammesse brevi rampe di pendenza comunque non superiore al 15%.

6 E' opportuno segnalare l'importanza di proteggere le rampe dagli agenti atmosferici, di prevedere eventuali corrimani o sostegni, e di prestare attenzione a grado di antisdrucciolevolezza del calpestio della rampa stessa, in modo da evitare che ciò che è un ausilio per alcuni rappresenti un ostacolo o un pericolo per altri. Responsabilità (Rif. legislativi: L.1O4/1992 art. 24.7) La Legge Quadro sull'handicap 104/1992, ha previsto che il progettista, il direttore dei lavori, il collaudatore ed il responsabile tecnico degli accertamenti per l'agibilità e l'abitabilità di un edificio, siano da considerarsi, ciascuno per sua parte, responsabili della realizzazione di opere realizzate in difformità della normativa sull' eliminazione delle barriere architettoniche. I responsabili sono punibili con un ammenda (dai lo ai 50 milioni) e con la sospensione temporanea (fino a sei mesi) dai rispettivi albi professionali. La Legge precisa per che, per rendere inevitabili questi provvedimenti, la violazione deve essere tale da rendere impossibile l'utilizzazione dell'opera da parte di persone con disabilità; ad esempio: una gradinata davanti ad un negozio non rende definitivamente non visitabile un negozio, in quanto la situazione è sanabile con l' allestimento di un servoscala. Pertanto tecnici e progettisti, possono spesso agevolmente trovare scappatoie, quando le violazioni non siano gravissime. Seggi elettorali (Rif. legislativi: L. L.1O4/1992 art. 29.1) 15/1991 Il disabile, per esercitare il proprio diritto di voto, si può presentare presso il seggio elettorale del proprio comune che non presenti barriere architettoniche, indipendentemente dal fatto che sia quello indicato dall'ufficio anagrafe, a patto che presso il seggio prescelto si svolgano le stesse consultazioni con le stesse liste elettorali. Per esercitare questo diritto è necessario che il disabile esibisca unitamente al certificato elettorale l' apposita attestazione medica rilasciata dall'u.s.l. competente. Il seggio privo di barriere architettoniche sarà segnalato da un apposito pittogramma. I Comuni dovrebbero provvedere al censimento delle barriere architettoniche esistenti presso i locali solitamente adibiti a seggi elettorali. Servizi Igienici (Rif. legislativi: D.PR. 384 /1978 artt.14, 18, 21, 23 - D.M. LL.PP. 236/1989 artt. 3.4, 4.1.6, 4.4, 4.5, 5.1,5.2,5.2,5.5,8.1.6) Particolare attenzione è riservata dalla normativa ai servizi igienici negli edifici sia pubblici che privati; sottolineiamo in particolare il contenuto dell'articolo 3.4 del D.M. 236/1989 che prevedendo espressamente la visitabilità di ogni unità immobiliare, qualsiasi sia la sua destinazione, precisa che questo requisito deve essere soddisfatto dalla presenza di un bagno accessibile ai disabili nelle sedi (temporanee o permanenti) di riunioni e di spettacoli, di ristorazione, e in tutte le sedi di attività aperte al pubblico (quindi biblioteche, stazioni, edifici scolastici) Il Legislatore si è ripetutamente cimentato nel tentativo di fissare standard e criteri di progettazione per gli interni dei bagni, in modo più rigido all'interno del D.P.R. 384/1978 e con più flessibilità nel DM 236/1989; la seconda emanazione legislativa offre tuttavia migliori indicazioni operative. E' opportuno sottolineare che, dalla fase della progettazione, alla scelta ed al posizionamento degli igienici, la realizzazione di un bagno accessibile richiede molta attenzione ed una certa competenza; è da sfatare inoltre il luogo comune che la costruzione di un bagno accessibile richiede dei costi aggiuntivi eccessivamente onerosi. La normativa più recente richiama l'attenzione dei progettisti, oltre che sul dimensionamento del bagno che deve consentire accesso agevole e fruibilità, sugli spazi necessari per l' accostamento alla tazza bidè, wc, lavabo e doccia, oltre che sulle altezze del posizionamento degli igienici stessi (es.: 80 cm piano superiore del lavabo), di tutti i

7 pulsanti e degli eventuali maniglioni. Si consiglia a_ progettisti un attenta lettura delle indicazioni tecniche e della nutrita bibliografia in materia. Servoscala (Rif. legislativi: D.M. 236/1989 artt , 6.1, ; L..263/1989, art.l.3.bis) Il servoscala è un'apparecchiatura che solitamente è mossa da motore elettrico lungo una scala o un piano inclinato; in grado, quindi, di far superare dei dislivelli a persone con disabilità. La normativa tenta di mettere ordine fra le diverse tipologie di servoscala (pedane per il trasporto di persone in piedi, sedili servoscala, pedane ribaltabili, o piattaforme per il trasporto di persone in carrozzina). Il legislatore, fissa standard per portate minime, velocità, ancoraggi e nonne di sicurezza. Consigliamo un' attenta lettura delle specifiche tecniche e delle indicazioni normative di riferimento. E' bene ricordare che su questi prodotti si applica l'aliquota IV A del 4%. Spazi culturali e di spettacolo (Rif. Legislativi. D.M. LL.PP. 236/1989 art.3., 3.4, 4.1.4, 4.3, D.PR. 384/1978 art.26d.m.13/l/1992 n.184 art.18) Negli edifici sedi di riunioni o spettacoli, temporanei o permanenti, compresi i circoli privati il requisito della visitabilità si intende soddisfatto se almeno una zona riservata al pubblico, oltre ad un servizio igienico sono accessibili; deve essere inoltre garantita la fruibilità de gli spazi di relazione e dei servizi previsti (es.: biglietteria e guardaroba). Alle stesse prescrizioni sottostanno gli spazi destinati agli spettacoli all'aperto. Le sale per riunione, spettacolo e ristorazione, devono essere dotate di posti riservati a persone con ridotta capacità motoria, in numero pari ad almeno due posti ogni 400; due posti devono essere comunque garantiti; le sale devono essere dotate, nella stessa percentuale di spazi liberi riservati per le persone su sedia a ruote, predisposti su pavimento orizzontale, con dimensioni tali da garantire la manovra e lo stazionamento di una sedia a rotelle Il rispetto di queste indicazioni è richiamato anche dal D.M. 184/1992.,r Stabilimenti balneari (Rif. legislativi L. 104/ Circ. Min. Marina Mercantile 259/1990) Anche per gli stabilimenti balneari è sancita l'obbligatorietà della visitabilità; devono essere previste rampe d'accesso, scivoli e servizi igienici adeguati alle esigenze delle persone con disabilità. Non possono essere rilasciate, né rinnovate, concessioni demaniali a quegli impianti che non consentano la visitabilità a persone handicappate. Telefoni pubblici (Rif. legislativi: D.P.R. n.384/1978 art.25; D.M. LL.PP. n. 236/1989 artt , 8.1.5; D.M. Poste e Telecomunicazioni 10 agosto 1979) Il D.P.R. del 1978, aveva previsto che nei posti telefonici pubblici dei capoluoghi di provincia, di nuova costruzione o ristrutturazione fosse previsto almeno un telefono pubblico accessibile; stessa prescrizione veniva fissata per ogni Comune. Inoltre il 5% dei nuovi impianti avrebbe dovuto essere accessibile. Lo stesso D.P.R. fissa gli standard minimi per considerare la cabina telefonica accessibile (porta 85 cm, telefono posizionato a cm 90 dal calpestio, sedile ribaltabile a scomparsa a cm 45 di altezza, mensola porta elenchi a 80 cm di altezza). Un decreto ministeriale delle Poste e delle Telecomunicazioni del 1979 ha fissato con maggiore precisione gli spazi utili delle cabine telefoniche distinguendo in: - posti telefonici pubblici; dimensioni esterne: larghezza cm 100, lunghezza cm 83, altezza cm 203; - cabine telefoniche stradali; dimensioni esterne: larghezza cm 105, lunghezza cm 105, altezza cm _ 230; Il D.M. LL.PP. 236/1989 e più re. centi studi ergonomici, suggerisco. no il posizionamento degli apparecchi telefonici fra i 110 e i 140 cm di altezza massima. A nostro. avviso, sarebbe comunque più opportuno progettare ed istallare tutti i posti telefonici, in

8 modo tale che siano accessibili a tutte la tipologie di utenza. Visitabilità (Rif. legislativi: D.M. LL.PP. n. 236/1989 art. 2 lettera H) E' la possibilità, da parte di chiunque di accedere agli spazi di rela. zione e ad almeno un servizio igienico all'interno di ogni singola unità immobiliare; per spazi di relazione si intendono i luoghi di lavoro, di soggiorno, del pranzo, di servizio e di incontro, nei quali i cittadini entrano in relazione con la funzione ivi svolta.

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989

Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989 Decreto Ministeriale n 236 del 14/06/1989 Prescrizioni tecniche necessarie a garantire l'accessibilità, l'adattabilità e la visitabilità degli edifici privati e di edilizia residenziale pubblica e sovvenzionata

Dettagli

CRITERI DI PROGETTAZIONE PER L ACCESSIBILITA AGLI IMPIANTI SPORTIVI

CRITERI DI PROGETTAZIONE PER L ACCESSIBILITA AGLI IMPIANTI SPORTIVI CRITERI DI PROGETTAZIONE PER L ACCESSIBILITA AGLI IMPIANTI SPORTIVI Premessa...Pag.2 1. Introduzione..Pag.2 1.a Definizione di barriera architettonica....pag.2 1.b Antropometria e quadro esigenziale.....pag.3

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

HOTEL SOL DON MARCO Europa > Spagna > Torre Molinos

HOTEL SOL DON MARCO Europa > Spagna > Torre Molinos HOTEL SOL DON MARCO Europa > Spagna > Torre Molinos TESTATO PER TE DA: Con l obiettivo di mettere a tua disposizione tutte le informazioni utili per una scelta consapevole Consulta le pagine che seguono

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

ASSOCIAZIONE TETRA-PARAPLEGICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA ONLUS. Guida alla progettazione accessibile e funzionale

ASSOCIAZIONE TETRA-PARAPLEGICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA ONLUS. Guida alla progettazione accessibile e funzionale ASSOCIAZIONE TETRA-PARAPLEGICI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA ONLUS Guida alla progettazione accessibile e funzionale prog_43giparte_cambion.qxp 03/08/2006 10.13 Pagina 3 PENSARE ACCESSIBILE E FUNZIONALE PER

Dettagli

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS-IRCCS Centro S. Maria Nascente Milano 5 febbraio 2014 Organizzazione

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

Articolo 3, comma 3- Viene così riformulato Il Contrassegno è predisposto per una validità di cinque anni. Approvato unanime.

Articolo 3, comma 3- Viene così riformulato Il Contrassegno è predisposto per una validità di cinque anni. Approvato unanime. 1 2 3 Preso atto, inoltre, che la I Commissione consiliare permanente - Affari Generali e Istituzionali con verbale del 29 settembre 2011, qui allegato, ha espresso parere favorevole, sulla proposta in

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

Commissione per l analisi delle problematiche relative alla disabilità nello specifico settore dei beni e delle attività culturali

Commissione per l analisi delle problematiche relative alla disabilità nello specifico settore dei beni e delle attività culturali Commissione per l analisi delle problematiche relative alla disabilità nello specifico settore dei beni e delle attività culturali LINEE GUIDA PER IL SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEI LUOGHI

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

FABS/M (Facilitators and Barriers Survey/Mobility 1 ) Valutazione di Facilitatori e Barriere/Mobilità (Traduzione sperimentale in lingua italiana)

FABS/M (Facilitators and Barriers Survey/Mobility 1 ) Valutazione di Facilitatori e Barriere/Mobilità (Traduzione sperimentale in lingua italiana) FABS/M (Facilitators and Barriers Survey/Mobility 1 ) Valutazione di Facilitatori e Barriere/Mobilità (Traduzione sperimentale in lingua italiana) n.prog.: Iniz: Luogo di abitazione: Data di nascita: Dominio

Dettagli

SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE AAAA/AAAA DELL AMMINISTRAZIONE QUADRO DELLE RISORSE DISPONIBILI

SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE AAAA/AAAA DELL AMMINISTRAZIONE QUADRO DELLE RISORSE DISPONIBILI SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE AAAA/AAAA QUADRO DELLE RISORSE DISPONIBILI TIPOLOGIE RISORSE Entrate aventi destinazione vincolata per legge Entrate acquisite mediante contrazione di

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 15-03-1984 REGIONE CAMPANIA

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 15-03-1984 REGIONE CAMPANIA LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 15-03-1984 REGIONE CAMPANIA

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

Legge 6 agosto 1967, n. 765 MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI ALLA LEGGE URBANISTICA 17 AGOSTO 1942, N. 1150. (G.U. 31 agosto 1967, n.

Legge 6 agosto 1967, n. 765 MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI ALLA LEGGE URBANISTICA 17 AGOSTO 1942, N. 1150. (G.U. 31 agosto 1967, n. Legge 6 agosto 1967, n. 765 MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI ALLA LEGGE URBANISTICA 17 AGOSTO 1942, N. 1150 (G.U. 31 agosto 1967, n. 218) INDICE Art. 1... 2 Art. 2... 2 Art. 3... 2 Art. 4... 3 Art. 5... 3

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

LEGGE 26 OTTOBRE 1995, N. 447

LEGGE 26 OTTOBRE 1995, N. 447 Legge 447/95 LEGGE 26 OTTOBRE 1995, N. 447 Legge quadro sull'inquinamento acustico. (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale 30 ottobre 1995, n. 254) Art. 1. Finalità della legge. 1. La presente legge stabilisce

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2012, n. 151

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2012, n. 151 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 luglio 2012, n. 151 Regolamento recante modifiche al decreto del Presidente della Repubblica 16 dicembre 1992, n. 495, concernente il regolamento di esecuzione

Dettagli

AL SINDACO del COMUNE Via San Rocco, 9 63030 ACQUAVIVA PICENA

AL SINDACO del COMUNE Via San Rocco, 9 63030 ACQUAVIVA PICENA Marca da bollo Da. 14,62 Spazio per timbro protocollo AL SINDACO del COMUNE Via San Rocco, 9 63030 ACQUAVIVA PICENA per il successivo inoltro alla A.S.U.R. n. 12 Dipartimento di Prevenzione di SAN BENEDETTO

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

ALLEGATO ALL ATTO DELIBERATIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 30 del 24/25.02.03 (P.D. n. 2769 dell 08.02.02)

ALLEGATO ALL ATTO DELIBERATIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 30 del 24/25.02.03 (P.D. n. 2769 dell 08.02.02) Direzione Centrale Sviluppo del Territorio e Mobilità REGOLAMENTO EDILIZIO ALLEGATO ALL ATTO DELIBERATIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 30 del 24/25.02.03 (P.D. n. 2769 dell 08.02.02) ESECUTIVO IL DELIBERA

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

all esercizio, direttamente, sia da luogo pubblico, che da luogo privato aperto al pubblico.

all esercizio, direttamente, sia da luogo pubblico, che da luogo privato aperto al pubblico. "Esercizi pubblici di somministrazione di alimenti e bevande: i controlli della Polizia Municipale sulla sorvegliabilità dei locali e sulle uscite di sicurezza" Magg. Centrone dott. Giovanni Comandante

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE (L.R. n 89/98 art 2.2, D.R. n 77/2000 Parte 3 e L. 447/95) Il Dirigente GEOL. ROBERTO FERRARI Approvato con deliberazione del C.C. n. 14 del 13/02/2008 1 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE -

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - 1 2 Art. 1 - OGGETTO E DEFINIZIONI 1. Il presente regolamento disciplina la collocazione su suolo pubblico e privato delle strutture temporanee a servizio di locali ad

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli

Codifica: RFI DMO TVM LG SVI 001 A I.1 SCOPO I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE I.3 DOCUMENTI CORRELATI I.4 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI

Codifica: RFI DMO TVM LG SVI 001 A I.1 SCOPO I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE I.3 DOCUMENTI CORRELATI I.4 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI 1 di 29 PROGETTAZIONE DI PICCOLE STAZIONI E PARTE I PARTE TITOLO I.1 SCOPO I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE I.3 DOCUMENTI CORRELATI I.4 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI PARTE II II.1 METODOLOGIA PER IL DIMENSIONAMENTO

Dettagli

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME Legge regionale n.20 del 21 agosto 1991. Riordino delle competenze per l'esercizio delle funzioni amministrative in materia di bellezze naturali. (B.U. 11 novembre 1991, n. 12). (vedi circolare prot. n.

Dettagli

LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO

LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO LA NORMATIVA NAZIONALE SULL INQUINAMENTO ACUSTICO PREMESSA LA LEGGE QUADRO N. 447 DEL 26/10/95 I DUE DECRETI APPLICATIVI PIU IMPORTANTI GLI ALTRI DECRETI SANZIONI E CONTROLLI IL CODICE CIVILE E IL CODICE

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI 5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI In questo capitolo, dopo aver definito il concetto di «coefficienti correttivi», verranno esaminati nel dettaglio i coefficienti di riduzione previsti dalla Circolare del Ministero

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 19 AGOSTO 1996 (S.O.G.U. n. 14 del 12 settembre 1996) Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

DELLA REGIONE PUGLIA

DELLA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA Sped. in abb. Postale, art. 2, comma 20/c - Legge 662/96 - Filiale di Padova Anno XXX BARI, 19 FEBBRAIO 1999 N. 18 Il Bollettino Ufficiale

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

Una casa su misura. Domande e risposte per migliorare l accessibilità domestica. A cura di Devis Trioschi

Una casa su misura. Domande e risposte per migliorare l accessibilità domestica. A cura di Devis Trioschi Una casa su misura Domande e risposte per migliorare l accessibilità domestica A cura di Devis Trioschi Fisioterapista Centro Regionale Ausili di Bologna È un iniziativa Regione Emilia Romagna Programma

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante;

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli