CAPITOLO XVI FONDAZIONE LIONS CLUBS INTERNATIONAL

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLO XVI FONDAZIONE LIONS CLUBS INTERNATIONAL"

Transcript

1 FONDAZIONE LIONS CLUBS INTERNATIONAL A. STRUTTURA 1. Scopo e Dichiarazione della missione a. La Fondazione di Lions Clubs Internazionale, qui di seguito indicata come LCIF, è un ente pubblico senza scopo di lucro ed esente da oneri fiscali come indicato alla sezione 501 c (3) dell International Revenue Code degli Stati Uniti del La LCIF è stata costituita negli Stati Uniti il 13 Giugno 1968 come il braccio caritatevole del Lions Clubs International. La LCIF è un mezzo attraverso il quale si ricevono contributi, ingenti o modesti, che vengono poi distribuiti per aiutare i Lions in tutto il mondo nel loro impegno a favore del servizio umanitario. b. La missione della fondazione è sostenere l impegno dei Lions Clubs nel mondo a servire le loro comunità locali e la comunità mondiale attraverso attività umanitarie, aiuti per i maggiori disastri e programmi d assistenza attitudinale. 2. Membri della fondazione a. Membri Non Votanti--I membri non votanti (Membri Contribuenti) sono persone che versano un contributo di $ US 20, non finalizzato nell'arco di un anno fiscale. b. Membri Votanti--I membri del Consiglio Fiduciario (Board of Trustees), come di volta in volta costituito, saranno, in virtù di detta carica, membri votanti di questo ente e costituiscono i membri votanti. Qualsiasi persona che lasci detta posizione cesserà conseguentemente d essere membro votante di questo ente. I governatori distrettuali di Lions Clubs International, nel corso del loro mandato, avranno il ruolo di consiglieri fiduciari non votanti della Fondazione LCIF di Lions Clubs International. 3. Consiglio Fiduciario Il Consiglio Fiduciario dovrà essere composto da membri con diritto di voto del Consiglio d'amministrazione del Lions Clubs International e da due (2) ulteriori Lions incaricati dal Presidente di tale associazione, uno (1) dei quali dovrà essere un past presidente internazionale dell'associazione. Questi due membri aggiuntivi, dovranno essere nominati dal Presidente di Lions Clubs International con il consenso del Consiglio Fiduciario della LCIF e dovranno essere membri con diritto di voto di detto Consiglio Fiduciario. Ogni membro (Trustee) del Consiglio Fiduciario nominato dal Presidente, dovrà servire fino al termine della successiva riunione annuale della Fondazione che segue il suo incarico, oppure fino a quando venga nominato ed approvato il suo successore, a seconda Pagina 1

2 di quale delle due circostanze avvenga per prima. I past officer possono essere rinominati ma non possono servire per più di due (2) anni consecutivi. 4. Officer a. Officer Esecutivi - Gli officer esecutivi della Fondazione saranno un chairperson (presidente) nella persona dell immediato past presidente internazionale dell Associazione Internazionale dei Lions Clubs e un vice chairperson, un segretario e un tesoriere. La stessa persona potrà ricoprire due o più cariche, ad eccezione di quelle di chairperson (presidente) e di segretario. b. Officer amministrativi Gli officer amministrativi della Fondazione Lions Clubs International saranno l amministratore esecutivo, l assistente segretario e l assistente tesoriere. Amministratore Esecutivo, Assistente Tesoriere e Assistente Segretario (1) Dall 1 luglio 2014 Rebecca Daou assumerà il titolo, le responsabilità e le responsabilità di amministratore esecutivo della Fondazione Lions Clubs International 'analista finanziario di LCIF sarà il Tesoriere aggiunto della LCIF. Il comitato esecutivo avrà l autorità di definire tramite contratto le responsabilità, la durata dell incarico e il compenso di Rebecca Daou. (2) L amministratore esecutivo della Associazione Internazionale dei Lions Clubs sarà l assistente segretario della LCIF. (3) L analista finanziario della LCIF sarà l assistente tesoriere della LCIF. 5. Comitati a. Comitato Esecutivo Il presidente della Fondazione, il primo vice presidente e il secondo vice presidente dell'associazione Internazionale dei Lions Club e altri otto (8) Lions di cui due (2) saranno direttori dell'associazione al loro secondo anno d'incarico, due (2) saranno direttori dell'associazione al loro primo anno d'incarico, due (2) saranno incaricati fiduciari della Fondazione (tali 6 membri saranno incaricati dal presidente dell'associazione) e due membri del Comitato Direttivo (Steering Committee) della LCIF di cui uno (1) sarà il presidente del suddetto comitato e uno (1) sarà il vice presidente del detto comitato, costituiranno il Comitato Esecutivo del Consiglio Fiduciario, per e con l'approvazione di suddetto Consiglio. Tale comitato potrà agire a nome del Consiglio Fiduciario unicamente quando i membri di detto Consiglio non sono presenti nello stesso luogo o riuniti in assemblea. Nessun azione del Consiglio potrà essere modificata, emendata o annullata dal Comitato Esecutivo. La presenza di sei (6) membri di detto comitato costituirà il quorum alle sue riunioni. Le decisioni prese della maggioranza di tali membri costituiranno le decisioni del Comitato. Il suddetto Comitato può trattare le questioni attraverso conferenza telefonica o posta (incluse lettere, posta elettronica, fax, cavo o altri canali elettronici), purché a tale speciale forma di riunione partecipino almeno sei (6) dei suoi componenti. La decisione espressa dalla maggioranza dei partecipanti sarà Pagina 2

3 considerata quella del Comitato. Il Comitato Esecutivo si riunirà immediatamente prima delle riunioni regolari o straordinarie del Consiglio Fiduciario, oltreché in occasione delle riunioni del Consiglio, se necessario, per preparare raccomandazioni per l'esame e l'azione del Consiglio Fiduciario. b. Comitato direttivo Un Comitato Direttivo formato da 15 membri fornirà guida e supporto al Comitato Esecutivo. Tali membri saranno: un (1) rappresentante di ogni area costituzionale, un (1) rappresentante dell'africa, un (1) rappresentante di ciascuno dei due paesi che contano il maggior numero di soci appartenenti all'associazione Internazionale dei Lions Clubs, come sancito dalle normative del Consiglio Fiduciario, un (1) rappresentante di ciascuno dei due paesi maggiori contribuenti della Fondazione, come sancito dalle normative del Consiglio Fiduciario, l'immediato past presidente (chairperson) della Fondazione e due membri aggiuntivi. Il Comitato Direttivo non avrà la facoltà di cambiare, emendare o annullare le decisioni del Consiglio. c. Comitato Revisione Contabile. Il comitato revisione contabile della Fondazione Lions Clubs International sarà come descritto al Capitolo II, Paragrafo A, Pagina II-1 del Manuale delle Norme di Procedura del Consiglio di Amministrazione: Comitato Revisione dei Conti di Lions Clubs International e della Fondazione Lions Clubs International. d. Comitato Finanze. Il vice presidente della Fondazione, il segretario, il tesoriere, il secondo vice presidente di LCI e il presidente della Fondazione saranno membri con diritto di voto del Comitato Finanze di LCIF. Il vice presidente della Fondazione presiederà tale comitato e almeno due membri del Comitato Direttivo della LCIF, l amministratore esecutivo e il tesoriere di LCI saranno membri senza diritto di voto di tale comitato. e. Altri comitati Il presidente della fondazione nominerà, con l'approvazione del Consiglio Fiduciario, altri comitati, qualora ritenuto necessario per lo svolgimento delle operazione della Fondazione. 6. Coordinatori LCIF di distretto e multidistretto a. Coordinatori Multidistrettuali Ogni tre anni ciascun rappresentante di Area Costituzionale membro del Comitato Direttivo della LCIF nominerà un Lion all'incarico di Coordinatore Multidistrettuale della LCIF per la rispettiva area, in consultazione con il consiglio dei governatori locale e altri leader Lions, come gli officer internazionali in carica o gli immediati past officer internazionali, quando possibile. I criteri per la selezione dovranno basarsi sull'interesse dimostrato dal Lion, nonché sulla cooperazione, l'impegno e la leadership dimostrati a favore della LCIF a livello di club, distretto e multidistretto. Il presidente internazionale e il presidente della LCIF in carica, nomineranno ufficialmente i coordinatori, che saranno soggetti a sostituzione, se necessario. Pagina 3

4 b. Coordinatore Distrettuale - Ogni tre anni, ciascun coordinatore multidistrettuale, in consultazione con il governatore distrettuale e il team dei suoi vice, come opportuno, nominerà un Lion che ricoprirà il ruolo di Coordinatore Distrettuale LCIF nelle rispettive aree. I criteri per la selezione dovranno basarsi sull'interesse dimostrato dal Lion, nonché sulla cooperazione, l'impegno e la leadership dimostrati a favore della LCIF a livello di club e di distretto. Il presidente della LCIF in carica nominerà ufficialmente i coordinatori che saranno soggetti a sostituzione, se necessario. B. CONTRIBUTI (GRANT) 1. Scopi e portata dei contributi a. Il mandato e l'impegno della Fondazione Lions Clubs International sono quelli di realizzare i massimi benefici umanitari e i migliori risultati attraverso un uso sensato uso dei fondi disponibili. Qualsiasi progetto, per cui si autorizzano concessioni di contributi, dovrà pertanto soddisfare un bisogno umanitario o sociale di grande importanza b. Tutti i contributi assegnati dalla fondazione devono soddisfare uno o più dei principali obiettivi della LCIF: servizi umanitari, soccorsi in caso di catastrofi maggiori e programmi per la formazione professionale. Lo sviluppo delle iniziative relative ai contributi della Fondazione, compresi i criteri e i parametri relativi ai fondi elargiti, dovranno essere gestiti ed approvati dal Consiglio Fiduciario della LCIF. Tutti i contributi di importo superiore a US$ , ad eccezione di tutti i contributi designati e dei contributi per le maggiori catastrofi di un importo non superiore ai US$ , richiedono l approvazione del Consiglio Fiduciario della LCIF, oppure dei sottocomitati incaricati oppure dei Comitati Consultivi debitamente autorizzati. 2. Operazioni di controllo e di valutazione dei contributi elargiti Il personale incaricato dal Presidente della LCIF dovrà condurre visite in loco nei luoghi dove sono stati elargiti i contributi per progetti speciali, al fine di esaminarne i progressi e analizzare l uso appropriato dei contributi concessi. Con l approvazione del Presidente della LCIF, ai membri del Coniglio Fiduciario potrà essere richiesto di effettuare dette visite di controllo in loco. Quando necessario, potranno essere condotti progetti su scala maggiore e una valutazione dei programmi dalla Fondazione utilizzando personale, consulenti e membri del Consiglio Fiduciario, come richiesto. Il preventivo di spesa stanziato per questo processo di visite e controllo potrà consistere in un massimo del due (2%) percento del totale dei sussidi elargiti nel precedente anno fiscale. 3. Normativa per la spesa finanziaria dei contributi umanitari Definizione Una direttiva scritta che autorizzi il finanziamento dei programmi di contributi umanitari nel corso dell'anno fiscale. Pagina 4

5 Scopo Massimizzare le donazioni al fine di poter far fronte ai bisogni finanziari dei programmi di contributi e alle spese della fondazione, all'interno o al di sotto degli standard dell'industria, pur tuttavia mantenendo la lunga durata della dotazione, per garantire la risposta ai bisogni futuri della fondazione. Procedura I fondi massimi annuali per i contributi umanitari saranno di: 50% dell ammontare del fondo designato al 30 giugno dell anno precedente delle donazioni designate dell'anno fiscale più recente nelle categorie di soccorsi in caso di disastri, bisogni umanitari, programmi a favore della vista e programmi per i giovani Più 80% del valore della media ponderata delle donazioni non designate degli ultimi tre anni. La normativa di spesa sarà esaminata con scadenza minima triennale dal Comitato Esecutivo della LCIF con l approvazione finale del dal Consiglio Fiduciario della LCIF. L esame può includere modifiche alla normativa di spesa, compreso l ammontare dei fondi disponibili, per rispondere ai cambiamenti delle condizioni economiche e di mercato e alle necessità dei programmi. Le spese amministrative e di sviluppo saranno esaminate periodicamente per garantire che i proventi attesi siano sufficienti alla copertura delle spese annuali previste. Lo staff della LCIF conserverà i dossier delle approvazioni dei contributi e l ammontare disponibile che saranno riferiti durante ogni riunione del Comitato Esecutivo della LCIF e, su richiesta in altri momenti. 4. Contributi per richieste per assistenza in caso di disastri In conformità al Capitolo XV, Paragrafo A.2.f. del Manuale della Normativa del Consiglio d'amministrazione Internazionale, il Consiglio d Amministrazione Internazionale concede autorità al Presidente Internazionale nel sollecitare la donazione di fondi, o di soccorsi finanziari di qualsiasi valore materiale o commerciale, presso qualsiasi Lions Club e/o presso distretti Lions, ma solo quando tale richiesta riguardi esborsi di fondi collegati a concessioni di contributi già autorizzare da parte del Presidente della LCIF a favore di soccorsi in caso di disastri. C. PROGRAMMA LIONS QUEST 1. Informazioni generali Lions Quest è un iniziativa della LCIF condotta nelle scuole per fornire competenze ai giovani dall'asilo fino alle scuole superiori. Tra queste: imparare ad accettare delle Pagina 5

6 responsabilità, comunicare con successo, definire degli obiettivi, la capacità di prendere delle decisioni positive e di resistere alle pressioni all'uso di droghe e alcolici. Le scuole che adottano Lions Quest dovranno inserire tale programma nell'orario scolastico come corso aggiuntivo. Gli insegnanti di Lions Quest dovranno partecipare a dei corsi di formazione e d orientamento sui contenuti del programma e sui relativi metodi d applicazione. 2. Amministrazione La LCIF, attraverso il Dipartimento Lions Quest, sarà responsabile della gestione e dell amministrazione dei programmi Lions Quest. La LCIF potrà inoltre contrattare con una terza parte al fine di poter rispondere alle richieste di materiali o informazioni sul Programma Lions Quest da parte dei suoi utenti. Potranno essere contattati dei consulenti per le operazioni di marketing, d assistenza tecnica o per lo sviluppo del programma stesso, secondo quanto stabilito dall amministratore esecutivo della LCIF e dal Presidente della LCIF. 3. Entrate e spese di gestione del programma Per mezzo della diffusione del programma Lions Quest, la LCIF si troverà ad avere delle entrate. Tali entrate saranno utilizzate per le spese di gestione del programma stesso e altre spese amministrative relative al programma Lions Quest. Tali entrate e spese dovranno essere tenute separate dal resto delle spese amministrative della Fondazione. 4. Bilancio Il bilancio per il programma Lions Quest dovrà essere mantenuto separato bilancio generale della Fondazione LCIF. Il Preventivo del Lions Quest dovrà tuttavia seguire le regole generali di procedura d approvazione, previsione e controllo. D. FUNZIONAMENTO 1. Amministrazione Le operazioni amministrative della Fondazione sono soggette all'osservanza degli Articoli della Costituzione della LCIF, del Regolamento e del Manuale delle Normative. 2. Richiesta e sviluppo dei fondi a. In base al Capitolo XV, Paragrafo A.2.f. del Manuale della Normativa del Consiglio d'amministrazione, il Consiglio d'amministrazione Internazionale autorizza la Fondazione Lions Clubs International a richiedere, nell'ambito dei suoi scopi istituzionali, fondi od aiuti, o qualsiasi cosa di valore materiale o commerciale, presso qualsiasi e tutti i Pagina 6

7 Lions Clubs, socio o soci, e/o distretti Lions (distretti singoli, sottodistretti e /o distretti multipli). b. Sebbene le organizzazioni locali Lions siano incoraggiate a richiedere donazioni alle imprese e alle fondazioni che sono importanti fonti per le iniziative di servizio locale, è tuttavia necessario che queste contattino il dipartimento LCIF Development prima di effettuare una richiesta di donazione alla sede di una multinazionale o di una fondazione, al fine di garantire il coordinamento delle iniziative e evitare di perdere donazioni più cospicue a favore della LCIF. c. Il personale responsabile dello sviluppo della LCIF, in collaborazione con gli amministratori della LCIF, potranno richiedere contributi a corporazioni, fondazioni, enti governativi ed al pubblico. La Fondazione, i suoi amministratori e il personale eserciteranno la propria autorità riguardo le normative, lo statuto e regolamento e le procedure della Fondazione inerenti la protezione del suo nome ed emblema. 3. Principali campagne di raccolta fondi a. Con l approvazione del Consiglio Fiduciario, la Fondazione del Lions Clubs International sarà autorizzata a lanciare delle principali campagne di raccolta fondi, sollecitando donazioni e regali da parte dei Lions o da altre organizzazioni ed assegnare il ricavato a favore delle iniziative maggiori della LCIF come definito al paragrafo b sottostante. Le donazioni ed i regali derivanti da detta campagna, compresi gli utili ricavati dagli investimenti di detti utili, dovranno essere utilizzati esclusivamente a favore dei programmi e per gli scopi per i quali essi sono stati sollecitati. b. Si definisce campagna principale ogni campagna di raccolta fondi che si prefigga come obiettivo la raccolta di US$ in fondi designati. La Fondazione potrà condurre questo tipo di campagna solamente in relazione ai programmi ed alle iniziative che: (1) siano legati agli obiettivi e ai servizi principali della LCIF come stabilito nell articolo I del Regolamento della LCIF, oppure (2) a supporto delle maggiori iniziative internazionali di Lions Clubs International. c. Per autorizzare questo tipo di campagna di raccolta fondi, è necessaria l approvazione del Consiglio Fiduciario della LCIF. Il Comitato Esecutivo della LCIF o i sotto comitati debitamente incaricati, saranno i responsabili primari nella pianificazione delle principali campagne di raccolta fondi. Prima di dare l avvio alla pianificazione di dette campagne, il Comitato Esecutivo della LCIF dovrà consultarsi con il Comitato di Pianificazione a Lungo Termine della LCI per verificare che la campagna che si voglia intraprendere non sia in conflitto con le iniziative predisposte contemporaneamente dal Comitato di Pianificazione a Lungo Termine Pagina 7

8 della LCI. In considerazione del fatto che i soci Lions hanno delle responsabilità nei confronti della LCI, e considerando che una campagna di raccolta fondi potrà creare del lavoro operativo e gestionale supplementare per il personale della sede centrale, la scelta delle date nelle quali attuare la campagne, la quale, dovrà essere fatta in maniera ponderata, con l intento di valutare gli impegni finanziari ed operativi della LCI e pertanto non dovrà causare né degli impedimenti né un effetto negativo sulla campagna stessa. d. Il Consiglio Fiduciario della LCIF, -dovrà autorizzare le varie fasi della pianificazione di qualsiasi campagna di raccolta fondi la quale dovrà in ogni caso includere le seguenti attività nell ordine stabilito qui di seguito: 1) un analisi che stabilisca l effettiva fattibilità della Campagna; analisi che dovrà essere effettuata da parte dal personale o da consulenti esperti esterni, al fine di determinare le possibili reazioni dei soci Lions nei confronti della campagna, dell obiettivo finanziario prefissato ed altri fattori esterni, quali per esempio l andamento dei mercati finanziari a livello globale che potranno influenzare detta campagna; 2) l elaborazione di un piano di sviluppo dettagliato in merito alla suddetta campagna (un documento nel quale vengano presi in considerazione sia lo scopo della campagna che la stima dei potenziali risultati raggiungibili); e 3) un piano ed un preventivo di bilancio che prendano in considerazione tutte le variabili maggiori che si possano presentare nell ambito di una campagna di successo, includendo, ma senza l esclusione di altri fattori: il personale necessario per l espletamento di tutte le fasi delle operazioni della campagna, i tempi e le date di scadenza per il completamento di ogni fase della Campagna, la metodologia che si desideri utilizzare per la raccolta dei fondi ed il tipo di riconoscimento che si voglia attribuire, ed infine la descrizione della composizione di qualsiasi eventuale comitato di leader che sarà istituito per gestire detta campagna. Il Comitato Esecutivo della LCIF sarà l organo di controllo, previa autorizzazione del Comitato Esecutivo della LCIF, incaricato di verificare la suddetta documentazione e tutte le fasi della programmazione della campagna. e. Poiché la Fondazione dovrà continuare a finanziare le altre normali attività a favore dei contributi nel corso della campagna, dovranno essere prese le opportune misure al fine di garantire che vi siano sufficienti fondi di riserva finanziari destinati ai normali programmi di contributi della LCIF nel periodo di svolgimento della campagna, periodo nel quale le donazioni potrebbero avere una flessione negativa. f. Vista la complessità delle principali campagne di raccolta fondi, l utilizzo di consulenti esterni specializzati in questo settore dovrà essere incoraggiata, soprattutto nelle fasi di valutazione e studio della fattibilità e dello sviluppo dei programmi. Pagina 8

9 4. Normativa sull'accettazione delle donazioni materiali Il Dipartimento Sviluppo della LCIF, sotto la guida del Consiglio Fiduciario della LCIF, dovrà mantenere e studiare periodicamente un regolamento completo relativo alle norme per l accettazione di donazioni materiali come: lasciti testamentari, successioni, proprietà immobiliari, investimenti, azioni, conti fiduciari, così come da doni in natura. 5. DIRETTIVE PER COLLABORAZIONI E ACCORDI TRA LA LCIF E ORGANIZZAZIONI A SCOPO DI LUCRO (FOR-PROFIT ) a. Rapporti di collaborazione saranno intrapresi solo con organizzazioni internazionali o locali le cui attività sono simili alla missione di Lions Clubs International. b. L affiliazione individuerà specifici e comuni obiettivi da raggiungere in un periodo non superiore a tre anni, sempre che tale periodo non sia esteso per decisione del Comitato Esecutivo della LCIF. La collaborazione si concluderà con la fine dell anno fiscale di LCIF. c. Le proposte di collaborazione, compresi il rapporto dettagliato riguardante gli obiettivi ed i benefici potenziali derivanti dall accordo, dovranno essere sottoposte al Comitato Esecutivo della LCIF. Tali proposte, accompagnate dalla documentazione d appoggio, dovranno essere inviate unitamente ad altro materiale relativo, ai membri del Comitato Esecutivo della LCIF tre settimane prima della riunione più prossima. d. Il Comitato Esecutivo della LCIF esaminerà tali collaborazioni almeno una volta l anno in occasione della riunione di ottobre/novembre. e. Come parte della proposta, è necessario preparare e sottoporre un bilancio con i costi previsti, la necessità di personale amministrativo e qualunque altra necessità di fondi. In caso di approvazione del rapporto di collaborazione, un rapporto sulla situazione del bilancio sarà sottoposto annualmente nel corso della riunione di ottobre/novembre. f. I proposti rapporti di collaborazione dovranno includere un programma per sensibilizzare l opinione pubblica sul rapporto intrapreso e sui suoi obiettivi. g. Le organizzazioni con cui si è instaurata una collaborazione non potranno richiedere fondi, contattare o comunicare in altro modo con i Lions club, i distretti o multidistretti senza l espresso permesso scritto della LCIF. Pagina 9

10 h. Qualsiasi collaborazione o alleanza dovrà promuovere l immagine globale della LCIF e offrire il dovuto riconoscimento alla LCIF (per es., tramite l utilizzo prevalente dell emblema LCIF). i. La richiesta di fondi originalmente stanziati dalla LCI potrà essere vagliata quando ritenuto opportuno. E. Normativa Generale sui rimborsi 1. Regole generali per il rimborso Le regole e la normativa di seguito riportate sono relative ai conti spese presentati, in riferimento ai viaggi ufficiali per la fondazione, come opportuno, effettuati da Lions scelti come membri dal Comitato Esecutivo LCIF, dal Comitato Direttivo di LCIF, dai coordinatori multidistrettuali e distrettuali LCIF, dai membri scelti del Comitato Consultivo SightFirst e della Commissione consultiva di Lions Quest, e da altri Lions rappresentanti la LCIF, su richiesta della stessa. Nessuna spesa, ad eccezione di quelle specificatamente indicate in queste regole per il rimborso, può essere addebitata alla fondazione a nome dell'individuo che viaggia per conto della stessa, né può essere fatturata o pagata dall'associazione. Coloro che viaggiano dovranno utilizzare i fondi della fondazione in modo ragionevole e pianificare al fine da evitare il superamento dei limiti previsti dal budget. Sarà responsabilità dei viaggiatori fornire una relazione sulle spese di viaggio effettuate, nel rispetto del regolamento stabilito nella presente normativa. a. Le richieste di rimborso spese dovranno essere presentate al dipartimento di competenza della Fondazione entro 90 giorni dal ritorno della persona dall espletamento dell incarico. Nel caso in cui i rimborsi spese siano presentati oltre 90 giorni dalla scadenza, questi potranno essere pagati con esclusiva approvazione di un officer amministrativo a seguito di presentazione di un documentazione che illustri le ragioni di un tale ritardo. Le richieste di rimborso presentate dopo 120 giorni o più, successivi alla scadenza non saranno considerate. 1. Per ottenere il rimborso delle spese di viaggio relative alla fondazione, il viaggiatore dovrà presentare un modulo di richiesta ufficiale dell associazione, debitamente firmato. 2. Le ricevute in originale sono obbligatorie per le spese di US$25 o superiori se non altrimenti stabilito dalle leggi locali. 3. L'itinerario di viaggio, la prova dell avvenuto pagamento e altra documentazione della compagnia di trasporto devono essere presentati ai fini del rimborso. 2. Lions che ricevono un incarico dal Comitato Esecutivo di LCIF Pagina 10

11 Il rimborso per le spese di viaggio, alloggio e altre spese riferite ai membri del Comitato Esecutivo di LCIF, che non siano membri delle commissioni del Consiglio d Amministrazione di Lions Clubs International, e ai loro accompagnatori adulti, che partecipano a una riunione del Comitato Esecutivo di LCIF, saranno contabilizzate e il loro rimborso sarà effettuato nel rispetto del regolamento di seguito riportato: a. Trasporti: (1) Trasporto Aereo: I Lions che ricoprono un incarico come membri del Comitato Esecutivo di LCIF, insieme ai loro accompagnatori, sono autorizzati a viaggiare in classe coach economy. I voli in classe business sono autorizzati unicamente nel caso in cui il numero totale delle ore di volo per i voli di andata e ritorno, escluse le ore di attesa in transito, superi le dieci ore. Qualora la classe business non sia disponibile, il rimborso sarà effettuato per la tariffa aerea di classe coach economy. I past presidenti internazionali e i loro accompagnatori adulti saranno autorizzati a viaggiare in classe business. Un rimborso per viaggiare nella classe superiore è possibile per i viaggi la cui durata complessiva (andata e ritorno) supera le dieci ore, esclusi i tempi di attesa per le coincidenze. L'indennità consisterà nella differenza tra il reale costo del biglietto e la più bassa tariffa di classe business disponibile e sarà soggetta alle imposte applicabili. Gli officer esecutivi sono autorizzati a volare in prima classe, data la necessità dei loro frequenti viaggi. Tutte le operazioni relative ai voli dovranno essere eseguite tramite l'agenzia di riferimento dell'associazione. Nel caso in cui l'associazione non abbia un'agenzia di viaggi locale di riferimento, il viaggiatore dovrà ottenere l'approvazione dal Dipartimento Travel prima dell'emissione del biglietto per tutte le tariffe di importo superiore a US$ I voli con tariffe di importo inferiore a US$1.000 dovranno essere prenotati alla tariffa standard più bassa o scontata, con l'itinerario più diretto, nella classe di volo e nel periodo di viaggio autorizzati. (2) Viaggi in Auto: Il rimborso chilometrico standard è di US$0.31 al chilomentro US$0.25 al chilometro ed è stabilito tenendo in considerazione tutte le spese legate all'automobile, quali carburante, guasti, pezzi di ricambio, gomme, deprezzamento, assicurazione, ecc. [I cambiamenti evidenziati entreranno in vigore il 1 luglio ] Un viaggiatore può utilizzare l automobile se è un mezzo di trasporto comodo ed è il meno caro a disposizione. Le spese di alloggio, pasti, parcheggio, chilometraggio, pedaggi, taxi, traghetti ed altre spese di viaggio potranno essere rimborsate purché tali costi non superino il prezzo di un biglietto aereo andata e ritorno nella classe di servizio autorizzata. Dovrà essere richiesta ed ottenuta l approvazione anticipata ai fini del rimborso spese. Pagina 11

12 (3) Noleggio di una vettura: Un veicolo potrà essere noleggiato, se il noleggio risulterà più conveniente per la fondazione rispetto a altre forme di trasporto, come il servizio taxi. Le prenotazioni del noleggio dovranno essere fatte, quando possibile, in anticipo e l'automobile richiesta dovrà essere un'utilitaria o un modello economico. Il viaggiatore sarà responsabile della richiesta della tariffa più vantaggiosa, considerate le caratteristiche del viaggio. Per il noleggio di un autovettura negli Stati Uniti, il viaggiatore dovrà ottenere una copertura assicurativa da eventuali danni per incidenti. Tale costo complessivo non dovrà essere superiore a quello per un biglietto aereo di andata e ritorno per la classe di viaggio autorizzata. (4) Altre modalità di viaggio: I trasporti ferroviari e le autolinee possono essere utilizzati quando questi risultino il mezzo di trasporto più conveniente. Dovrà essere richiesta e ottenuta l approvazione anticipata ai fini del rimborso spese. Le spese per i taxi saranno rimborsate in base al costo reale, mance incluse. b. Albergo: Gli incaricati del Consiglio (Board Appointees) e i loro accompagnatori adulti possono ricevere un rimborso per una camera doppia. Potrà essere ottenuto un rimborso ragionevole per spese per il servizio lavanderia, lavaggio a secco e stiratura, mance per il personale di servizio e uso di internet. c. Pasti: Il rimborso sarà effettuato sulla base delle spese effettive sostenute dell incaricato e dal suo accompagnatore, e non includerà le bevande alcoliche Il costo di ogni pasto dovrà essere indicato sul modulo apposito fornito dall'associazione. È necessario presentare ricevute dettagliate per tutte le spese per i pasti. d. Spese personali: Nel caso di spese personali sostenute da un Lion (e dal suo accompagnatore) che ricopre un incarico all interno del Comitato Esecutivo di LCIF, tali spese saranno di pertinenza dello stesso Lion. Tale somma sarà detratta dal rimborso per le spese sostenute. Nel caso in cui il viaggiatore non presenti alcun rimborso in atto, sarà emessa una fattura di pagamento per le spese personali. e. Regole e condizioni generali per i rimborsi spese: (2) (1) Spese nel corso di un mandato: i membri del Comitato Esecutivo della LCIF riceveranno il completo rimborso per le spese di viaggio per e dal luogo di svolgimento della Convention internazionale, insieme al rimborso per le loro spese secondo quanto stabilito dalla Normativa Generale sui rimborsi, fino alla conclusione del loro mandato. Data della riunioni: Le spese di viaggio, alloggio e vitto per i Lions facenti parte del Comitato Esecutivo della LCIF saranno coperte a far data dal giorno precedente all inizio della riunione, e fino al giorno successivo a quello del termine della riunione stessa, per il diritto di rimanere per la consegna del rapporto del Presidente di LCIF al Consiglio d Amministrazione. Inoltre, le spese dei membri per la Pagina 12

13 partecipazione alla riunione del Comitato Esecutivo che si tiene contestualmente alla Convention Internazionale saranno rimborsate per il giorno precedente alla riunione di detto Comitato e fino al giorno successivo a quello in cui ha termine la riunione associativa annuale. (3) Biglietti utilizzati e ricevute d'albergo: Le richieste di rimborso per i mezzi di trasporto (ad esclusione di quelli per le automobili) e per l albergo non saranno rimborsate, se non accompagnate dal biglietto utilizzato e da una prova di pagamento (assegno incassato o ricevuta della carta di credito) e dalle ricevute dell albergo. (4) Valuta del rimborso: I pagamenti saranno effettuati nella valuta di domicilio del suo membro del Comitato Esecutivo della LCIF, salvo quando ritenuto opportuno fare diversamente nel miglior interesse della associazione. (5) Assicurazione: I membri del Comitato Esecutivo di LCIF, che non svolgono contemporaneamente un incarico all interno di un comitato del Consiglio d Amministrazione, dovranno essere assicurati per la somma di USD per morte accidentale e invalidità. (6) Paesi dove è il trasferimento dei fondi dell'associazione è vincolato: Salvo quando diversamente stabilito, se il trasferimento di fondi dell'associazione nel paese dove il Lion risiede è vincolato da oltre un anno, le spese di tale membro del Comitato Esecutivo LCIF saranno rimborsate unicamente utilizzando i fondi vincolato dell'associazione in quella nazione. 3. Comitato Direttivo LCIF, Coordinatori LCIF multidistrettuali e distrettuali, membri del Comitato Consultivo SightFirst, Comitato Consultivo Lions Quest e altri leader Lion che viaggiano su richiesta della LCIF: La Normativa Generale sui rimborsivigente per i Lions membri del Comitato Esecutivo LCIF (Capitolo XVI, Paragrafo E del Manuale delle Norme di Procedura del Consiglio d'amministrazione) saranno valide per i membri del Comitato Direttivo di LCIF, per i coordinatori LCIF multidistrettuali e distrettuali, per i membri del Comitato Consultivo SightFirst e del Comitato Consultivo Lions Quest e per altri leader Lion che viaggiano su richiesta di LCIF, con le seguenti eccezioni: a. Spese di viaggio per accompagnatore: Le spese per i trasporti dell accompagnatore adulto dei membri del Comitato Direttivo LCIF, dei coordinatori distrettuali e multidistrettuali di LCIF, dei membri del Comitato Consultivo SightFirst e del Comitato Consultivo Lions Quest e di altri leader Lion che viaggiano su richiesta della LCIF, non sono rimborsabili. b. Assicurazione: Non è prevista alcuna copertura assicurativa, come indicato in 2.e.(5), per il Comitato Direttivo LCIF, i coordinatori distrettuali e multidistrettuali LCIF, i membri del Comitato Consultivo Pagina 13

14 SightFirst e del Comitato Consultivo Lions Quest e per gli altri leader Lion che viaggiano su richiesta di LCIF. 4. Autorizzazione ai viaggi: Il Presidente di LCIF potrà autorizzare i viaggi a nome di LCIF, cosí come i suoi stessi viaggi, qualora tali viaggi rispettino la Normativa Generale sui rimborsi e le spese relative siano coperte all interno del budget di LCIF. Il presidente di LCIF coordinerà tali viaggi in modo da non creare alcun conflitto con i viaggi del Presidente di Lions Clubs International. F. FONDI DI DOTAZIONE 1. Il Consiglio Fiduciario della Fondazione Lions Clubs International autorizza l'accettazione di donazioni vincolate per la costituzione di fondi di dotazione. Tali fondi possono essere finalizzati solo alle attività generalmente svolte dalla Fondazione Lions Clubs International o finanziate dalla Fondazione Lions Clubs International. Tali attività includono quelle elencate nel Capitolo I del Manuale delle Norme di Procedura del Consiglio d'amministrazione Internazionale, alla voce Attività dell'associazione. 2. Il capitale del fondo di dotazione sarà conservato a tempo illimitato o fino al momento o nei casi specificati o stabiliti per iscritto dal donatore e dalla fondazione al momento della donazione. 3. I redditi prodotti da tali donazioni saranno usati per tutti i fini non vincolati della Fondazione, salvo quando diversamente specificato al momento della donazione, e che rientrino nella sfera delle normali e generalmente accettate attività della fondazione. 4. Le restrizioni e le procedure per l'accettazione di donazioni non monetarie da usare per il finanziamento della fondazione, saranno uguali a quelle per le donazioni non monetarie e non vincolate fatte alla fondazione. 5. Al fine degli investimenti, i fondi di dotazione possono essere abbinati ad altri fondi vincolati ma non ai fondi destinati agli scopi generali della fondazione, regolati dalle norme e procedure standard della Fondazione per investimenti. 6. Qualora al momento della donazione il donatore lo richieda, una donazione di US$ o superiore può essere vincolata ad un "conto specificatamente intestato. a. Un donatore che desidera effettuare una donazione con i proventi vincolati ad uno specifico programma o scopo è incoraggiato ad includere una clausola che permetta al Consiglio della Fondazione di riassegnare tale reddito in caso il programma originale cessi di esistere. Pagina 14

15 b. Le donazioni per il fondo di dotazione, il cui reddito deve essere vincolato per i programmi in corso della fondazione e che non hanno una clausola per una ri-assegnazione, possono essere accettate dall'amministratore esecutivo di LCI, dall'amministratore esecutivo della LCIF e dal capo del dipartimento sviluppo se, a loro parere collettivo, l ammontare della donazione e la prevista durata del programma, giustificano tale operazione. a. Le entrate provenienti da "conti intestati stanziati per un determinato programma della fondazione e/o dell'associazione, per decisione del Consiglio possono essere usate per altri programmi, nel caso in cui il programma, al quale le donazioni erano state originariamente vincolate, non è più offerto dalla fondazione o dall'associazione al pubblico o ai suoi soci; b. Tutti i "conti intestati, il cui reddito vincolato è destinato ad un determinato scopo diverso da quello generalmente stabilito per i fondi di dotazione approvati dal Consiglio, hanno una vita di dieci anni dopo l'ultima donazione effettuata per quel particolare fondo. Dopo detto periodo, il capitale può essere trasferito al fondo non vincolato della fondazione e il reddito prodotto dal fondo sarà usato per gli scopi generali umanitari che potranno comprendere o meno il programma originale al quale la donazione era stata vincolata. 7. Tutti i "conti intestati" saranno permanentemente elencati nella relazione annuale della fondazione, sempre che i conti siano estinti o si sia verificata una particolare situazione stabilita dal donatore al momento della donazione. 8. Una donazione di US$ o superiore, può essere effettuata su un "conto intestato già esistente, se così viene vincolata dal donatore al momento della donazione. 9. Una donazione effettuata da più persone, che non siano club, distretti e multidistretti o che non sia stata raccolta con contributi del pubblico, e del valore di almeno US$ , può essere vincolata ad un "conto intestato. Due o più donatori possono congiuntamente vincolare la donazione ad un "conto intestato anche se le loro donazioni individuali sono inferiori a US$ Qualunque donazione inferiore a US$ o di qualsiasi altro importo, che il donatore non desidera vincolare ad un "conto intestato, sarà depositata nell'apposito fondo di dotazione generale per finanziamenti corrispondente all'attività scelta dal donatore. Pagina 15

16 11. Coloro che effettuano donazioni per il programma del fondo di dotazione della fondazione sono incoraggiati a vincolare il reddito prodotto dalle loro donazioni alle attività vincolate approvate dal Consiglio. 12. Un donatore che desidera effettuare una donazione con i proventi vincolati ad uno specifico programma o scopo è incoraggiato ad includere una clausola che permetta al Consiglio della Fondazione di ri-assegnare tale reddito in caso il programma originale cessi di esistere. 13. Le donazioni per il fondo di dotazione, il cui reddito deve essere vincolato per i programmi in corso della fondazione e che non hanno una clausola per una riassegnazione, possono essere accettate dall amministratore esecutivo di LCI, dall amministratore esecutivo della LCIF e dal capo del dipartimento sviluppo se, a loro parere collettivo, l ammontare della donazione e la prevista durata del programma, giustificano tale operazione Le donazioni destinate al fondo dotazione, il cui reddito è vincolato ad uno specifico scopo diverso dalle attività in corso della fondazione e/o dell'associazione, possono essere accettate solo con l'approvazione ed un apposita delibera del Consiglio Fiduciario La principale, anche se non unica, fonte di provenienza dei fondi di dotazione dovrebbe derivare da redditi di immobili, come donazioni pianificate con una consulenza professionale, donazioni non monetarie, o da testamenti, lasciti, polizze assicurative o altri beni Scopo di questi fondi è di rafforzare le riserve finanziarie della fondazione, assicurando così la continuità dei servizi offerti dalla fondazione. E fortemente sconsigliata la designazione dei correnti sistemi di supporto operativo alla Fondazione come donazioni al fondo di dotazione In base alle suddette condizioni, le donazioni al fondo di dotazione possono essere accettate a nome della fondazione da due dei seguenti: amministratore esecutivo, amministratore esecutivo della LCIF o capo del Dipartimento Sviluppo; o amministratore esecutivo LCI, amministratore esecutivo della LCIF o capo del Dipartimento Sviluppo della Fondazione Lions Clubs International congiuntamente con i membri del Consiglio Fiduciario. G. NORMATIVA ANTI-DISCRIMINAZIONE 1. Normativa contro la discriminazione Impiego La Fondazione Lions Clubs International è un datore di lavoro che offre uguali opportunità a tutti. La discriminazione sulla base di razza, religione, colore, età, sesso, Pagina 16

17 provenienza, invalidità, handicap, stato di famiglia, discendenza, condizione di veterani di guerra, o altra condizione protetta è proibita e non sarà tollerata. 2. Normativa contro la discriminazione Programma La Fondazione Lions Clubs International proclama un preciso criterio contro la discriminazione in tutti i programmi al di sopra di ogni distinzione di razza, religione, credo, colore, sesso, età, nazionalità o disabilità. Il Consiglio Fiduciario ha adottato la suddetta normativa contro la discriminazione e incoraggia tutti i Lions club che partecipano ai progetti finanziati dalla Fondazione a promuovere il Codice dell Etica lionistica e gli Scopi di Lions Clubs International, riflettendo la causa comune dell'amicizia e del servizio in tutti i programmi e nelle attività in modo antidiscriminatorio. H. BANCHE 1. Conti Bancari SIA DELIBERATO CHE ognuna delle persone autorizzate di seguito indicate saranno dalla presente autorizzate e avranno il potere di nominare in ogni paese in cui i sono o saranno presenti i seguenti a nome della fondazione di Lions Clubs International: e. Aprire e chiudere un conto corrente, firmare accordi per i conti bancari e contratti relativi ai versamenti e altro f. Firmare e autorizzare assegni, cambiali, moduli di prelevamento, e qualsiasi altri ordine di pagamento, in carta, elettronico, o altro. c. Realizzare accordi per operazioni bancarie online a nome della Fondazione di Lions Clubs International. I nomi e le firme originali, manuali o facsimile, delle persone autorizzate sono le seguenti: Maryellen Skerik, Tesoriere di LCI Mark Koerlin, Manager, Department Contabilità di LCI Janet Bianchetta, Manager, Rapporti finanziari e conformità di LCI Christine Hastings, Analista finanziario della LCIF I. INVESTIMENTI 1. Rendite delle donazioni di beneficenza SIA STABILITO che la La Northern Trust Company sia la depositaria delle rendite provenienti dalle donazioni di beneficenza (CGAs). Pagina 17

18 SIA INOLTRE STABILITO che Ll amministratore esecutivo di LCI, l amministratore esecutivo della LCIF il Tesoriere di LCI o l'analista finanziario di LCIF siano autorizzati a intraprendere le azioni, di volta in volta, nel rispetto dell'accordo a nome della fondazione, come potrebbe rivelarsi necessario, per portare a compimento le intenzioni e gli obiettivi dell'accordo. SIA INOLTRE STABILITO che due Due dei suddetti officer della Fondazione potranno delegare di volta in volta, tramite delega scritta, una parte o l'intera autorità indicata nel paragrafo precedente a altri officer o impiegati della Fondazione, a loro unica e assoluta discrezione. SIA INOLTRE STABILITO che la La Northern Trust Company potrà al contrario della stessa Fondazione ritenere che gli individui riconosciuti per ricoprire una determinata carica continuino a rivestire tale carica fino a quando comunicazione scritta non sia ricevuta dal Segretario della Fondazione. SIA INOLTRE STABILITO che Qquesta delibera sia in pieno vigore e vincolante per la Fondazione fino a quando non sarà abrogata, o fino al ricevimento da parte della Northern Trust Company presso il suo ufficio di Chicago della comunicazione scritta di tale abrogazione. 2. Le decisioni relative agli investimenti della Fondazione dovranno essere basate sulla Dichiarazione della Normativa sugli Investimenti adottata dal Consiglio d Amministrazione per il Fondo GeneraleUmanitario, i fondi per la Campagna SightFirst e per i fondi per le donazioni pianificate. La Dichiarazioni della Normativa degli Investimenti, dovrà essere stabilita in base ai formati convenzionali utilizzati dal settore dell Industria e dovrà sempre, ed in ogni caso, essere in linea con il Regolamento della Fondazione (Articolo XI). La Dichiarazione della Politica degli Investimenti dovrà essere sempre conservata nell ufficio dell amministratore esecutivo della LCIFe dovrà essere rivista annualmente e aggiornata al bisogno da parte del Comitato Esecutivo. Le decisioni sugli investimenti, all infuori di quelle enunciate nella dichiarazione della politica degli investimenti, dovranno essere prese come segue: a. Il Consiglio Fiduciario dovrà autorizzare qualsiasi modifica alla Dichiarazione della Politica degli Investimenti, compresa la ripartizione dell'attivo. b. Il Consiglio Fiduciario dovrà autorizzare qualsiasi modifica riguardante i consulenti finanziari d investimento. c. Il trasferimento di fondi ai/dai conti economici di liquidità per la gestione operativa ai/dai conti d investimento, dovrà essere eseguita, quando ritenuto necessario, con l approvazione dall amministratore esecutivo di LCI, dell amministratore esecutivo della LCIF, o dal Tesoriere di LCI. Pagina 18

19 J. PROCEDURE DI CONTABILITÀ 1. Sistema di Contabilità Il sistema di registrazione contabile/finanziaria della Fondazione di Lions Clubs International, dovrà seguire le norme US Generally Accepted Accounting Principles (GAAP), nonché le norme locali e federali in materia. La preparazione di rendiconti finanziari preparati in conformità alle regole stabilite dal GAAP, richiede una gestione finanziaria, un analisi di gestione ed ottimizzazione dei costi e delle spese di funzionamento; un controllo della gestione con contabilità analitica; dei bilanci di previsione periodici, economici, finanziari e degli investimenti preventivi e consuntivi per la verifica dell'andamento dell organizzazione in quel determinato periodo. I risultati di quest analisi, potrebbero variare da quelli contenuti nel preventivo di bilancio. Tutti gli importi sono espressi in dollari statunitensi. K. AGENTI FISCALI: Paese Nome Effettivo India Neville Mehta 29/06/06 Pagina 19

CAPITOLO XI FINANZE A. INVESTIMENTO DEI FONDI DELL ASSOCIAZIONE

CAPITOLO XI FINANZE A. INVESTIMENTO DEI FONDI DELL ASSOCIAZIONE CAPITOLO XI FINANZE A. INVESTIMENTO DEI FONDI DELL ASSOCIAZIONE Le decisioni relative agli investimenti riguardanti l Associazione dovranno essere basate sulle Dichiarazione della Politica degli Investimenti

Dettagli

CAPITOLO XI FINANZE A. INVESTIMENTO DEI FONDI DELL ASSOCIAZIONE

CAPITOLO XI FINANZE A. INVESTIMENTO DEI FONDI DELL ASSOCIAZIONE CAPITOLO XI FINANZE A. INVESTIMENTO DEI FONDI DELL ASSOCIAZIONE Le decisioni relative agli investimenti riguardanti l Associazione dovranno essere basate sulle Dichiarazione della Politica degli Investimenti

Dettagli

Il vostro Consiglio dei Governatori

Il vostro Consiglio dei Governatori Il vostro Consiglio dei Governatori Il Consiglio dei governatori è l'organo preposto alla guida del distretto e, come di seguito indicato, fornisce supporto di carattere amministrativo al multidistretto,

Dettagli

Normativa sui rimborsi spese del governatore distrettuale

Normativa sui rimborsi spese del governatore distrettuale Normativa sui rimborsi spese del governatore distrettuale I governatori distrettuali potranno richiedere un rimborso spese per le attività di seguito indicate: Tutti i viaggi dovranno essere compiuti nella

Dettagli

CAPITOLO XXI INCARICHI DI RELATORE, NORMATIVA PER I VIAGGI E I RIMBORSI SPESE

CAPITOLO XXI INCARICHI DI RELATORE, NORMATIVA PER I VIAGGI E I RIMBORSI SPESE CAPITOLO XXI INCARICHI DI RELATORE, NORMATIVA PER I VIAGGI E I RIMBORSI SPESE Il presente regolamento si applica ai membri in carica del Consiglio d Amministrazione Internazionale, ai past presidenti internazionali,

Dettagli

PROGRAMMA DI FINANZIAMENTO PER LA LEADERSHIP A LIVELLO MULTIDISTRETTUALE 2015-2016 FOGLIO INFORMATIVO

PROGRAMMA DI FINANZIAMENTO PER LA LEADERSHIP A LIVELLO MULTIDISTRETTUALE 2015-2016 FOGLIO INFORMATIVO PROGRAMMA DI FINANZIAMENTO PER LA LEADERSHIP A LIVELLO MULTIDISTRETTUALE 2015-2016 FOGLIO INFORMATIVO IN CHE COSA CONSISTE IL PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA LEADERSHIP A LIVELLO MULTIDISTRETTUALE? Questo

Dettagli

SOMMARIO DELLE DELIBERE RIUNIONE DEL CONSIGLIO D'AMMINISTRAZIONE INTERNAZIONALE (Board Internazionale) Praga, Repubblica Ceca 13-16 aprile 2015

SOMMARIO DELLE DELIBERE RIUNIONE DEL CONSIGLIO D'AMMINISTRAZIONE INTERNAZIONALE (Board Internazionale) Praga, Repubblica Ceca 13-16 aprile 2015 SOMMARIO DELLE DELIBERE RIUNIONE DEL CONSIGLIO D'AMMINISTRAZIONE INTERNAZIONALE (Board Internazionale) Praga, Repubblica Ceca 13-16 aprile 2015 1. Singapore (Singapore) è stata scelta come sede della Convention

Dettagli

CAPITOLO XIII RELAZIONI INTERNAZIONALI A. RELAZIONI DI LIONS CLUBS INTERNATIONAL CON LE NAZIONI UNITE (ECOSOC)

CAPITOLO XIII RELAZIONI INTERNAZIONALI A. RELAZIONI DI LIONS CLUBS INTERNATIONAL CON LE NAZIONI UNITE (ECOSOC) CAPITOLO XIII RELAZIONI INTERNAZIONALI A. RELAZIONI DI LIONS CLUBS INTERNATIONAL CON LE NAZIONI UNITE (ECOSOC) L'Articolo 71 della Carta Costitutiva (Charter) delle Nazioni Unite recita: "The Economic

Dettagli

SOMMARIO DELLE DELIBERE RIUNIONE DEL CONSIGLIO D'AMMINISTRAZIONE INTERNAZIONALE SAN DIEGO, CALIFORNIA, USA 28 FEBBRAIO - 4 MARZO 2014

SOMMARIO DELLE DELIBERE RIUNIONE DEL CONSIGLIO D'AMMINISTRAZIONE INTERNAZIONALE SAN DIEGO, CALIFORNIA, USA 28 FEBBRAIO - 4 MARZO 2014 SOMMARIO DELLE DELIBERE RIUNIONE DEL CONSIGLIO D'AMMINISTRAZIONE INTERNAZIONALE SAN DIEGO, CALIFORNIA, USA 28 FEBBRAIO - 4 MARZO 2014 1. Milano, Italia è stata scelta come sede della Convention Internazionale

Dettagli

SEDE CENTRALE INTERNAZIONALE

SEDE CENTRALE INTERNAZIONALE Capitolo II SEDE CENTRALE INTERNAZIONALE La sede centrale internazionale è una risorsa importante per tutti i Lions. Tutto il personale della sede centrale internazionale è sempre a vostra disposizione

Dettagli

SOMMARIO DELLE DELIBERE RIUNIONE DEL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE INTERNAZIONALE NEW YORK, NEW YORK, USA 9-14 MARZO, 2009

SOMMARIO DELLE DELIBERE RIUNIONE DEL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE INTERNAZIONALE NEW YORK, NEW YORK, USA 9-14 MARZO, 2009 SOMMARIO DELLE DELIBERE RIUNIONE DEL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE INTERNAZIONALE NEW YORK, NEW YORK, USA 9-14 MARZO, 2009 1. Selezionata Toronto, Ontario, Canada quale luogo della Convention Internazionale

Dettagli

Statuto tipo del Club Rotaract

Statuto tipo del Club Rotaract Statuto tipo del Club Rotaract Obiettivi Sponsorizzazíone di un Rotary Club Qualificazione Effettivo ART. 1 Costituzione e denominazione È costituita l associazione Rotaract Club di [inserire il nome].

Dettagli

ROTARY INTERNATIONAL REGOLAMENTO VIAGGI E RESOCONTO SPESE LUGLIO 2013

ROTARY INTERNATIONAL REGOLAMENTO VIAGGI E RESOCONTO SPESE LUGLIO 2013 ROTARY INTERNATIONAL REGOLAMENTO VIAGGI E RESOCONTO SPESE LUGLIO 2013 SCOPO Il Rotary International Travel Service (RITS) ha lo scopo di offrire servizi sicuri ed economici a chiunque viaggi a spese del

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE. ToscanaSpazio TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE. ToscanaSpazio TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ToscanaSpazio TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA 1) Denominazione E costituita, ai sensi degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile una Associazione senza scopo di lucro denominata

Dettagli

SOMMARIO DELLE DELIBERE RIUNIONE DEL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE INTERNAZIONALE VIENNA, AUSTRIA 18 21 MARZO 2007

SOMMARIO DELLE DELIBERE RIUNIONE DEL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE INTERNAZIONALE VIENNA, AUSTRIA 18 21 MARZO 2007 RIUNIONE DEL CONSIGLIO D AMMINISTRAZIONE INTERNAZIONALE VIENNA, AUSTRIA 18 21 MARZO 2007 COMITATO STATUTO E REGOLAMENTO 1. Adottata la risoluzione da presentare alla Convention Internazionale 2008 per

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE CENTRO STUDI AMERICANI DENOMINAZIONE, SEDE E SCOPO

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE CENTRO STUDI AMERICANI DENOMINAZIONE, SEDE E SCOPO STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE CENTRO STUDI AMERICANI DENOMINAZIONE, SEDE E SCOPO Art. 1) 1.1 È costituita una Associazione denominata Centro Studi Americani (di seguito il Centro ). L Associazione non ha scopi

Dettagli

RICHIESTA DI SUSSIDI PER ASSISTENZA INTERNAZIONALE

RICHIESTA DI SUSSIDI PER ASSISTENZA INTERNAZIONALE FONDAZIONE LIONS CLUBS INTERNATIONAL RICHIESTA DI SUSSIDI PER ASSISTENZA INTERNAZIONALE Ci prendiamo cura degli altri. Serviamo. Otteniamo risultati. RICHIESTA DI SUSSIDI PER ASSISTENZA INTERNAZIONALE

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ Via Contea, 1 31055 QUINTO DI TREVISO Cod. Fisc. 94020520261 Iscritta al registro regionale delle Associazioni di Volontariato al n. TV/0130 ONLUS STATUTO ASSOCIAZIONE

Dettagli

Obiettivo Operativo 2.4 del POR Campania FESR 2007 2013

Obiettivo Operativo 2.4 del POR Campania FESR 2007 2013 Lettera dei Costi relativa all Accordo di Finanziamento ( Accordo di Finanziamento ) stipulato tra la Regione Campania ( Regione ) e SVILUPPO CAMPANIA SpA 1. Premessa La presente Lettera dei Costi indica

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION. Art. 1 Costituzione. Art. 2 Scopi. Art. 3 Attività strumentali accessorie e connesse

STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION. Art. 1 Costituzione. Art. 2 Scopi. Art. 3 Attività strumentali accessorie e connesse STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION Art. 1 Costituzione 1. E costituita dall Università degli Studi Roma Tre una Fondazione di diritto privato denominata Fondazione Università

Dettagli

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione ALLEGATO 2 (SCHEMA TIPO) Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione Art. 1 Costituzione e Sede E costituita ai sensi dell art. 36 e seguenti del C.C., l Organizzazione di Volontariato denominata,

Dettagli

STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. Art. 2 - Sede legale. Art. 3 - Oggetto. Art. 4 - Entrate. Art. 5 - Patrimonio.

STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. Art. 2 - Sede legale. Art. 3 - Oggetto. Art. 4 - Entrate. Art. 5 - Patrimonio. STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. A norma degli articoli 4 e ss. del Codice Civile è costituita la Fondazione denominata Fondazione Studi Oreste Bertucci Art. 2 - Sede legale. La Fondazione

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE ROMANDANDO - Associazione senza scopo di lucro

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE ROMANDANDO - Associazione senza scopo di lucro STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE ROMANDANDO - Associazione senza scopo di lucro ARTICOLO 1. E costituita l Associazione "ROMANDANDO Associazione senza scopo di lucro", in forma abbreviata: "ROMANDANDO". La durata

Dettagli

A.N.F. ASSOCIAZIONE NAZIONALE FORENSE SEDE DI ROMA. Statuto della Sede Romana dell Associazione Nazionale Forense

A.N.F. ASSOCIAZIONE NAZIONALE FORENSE SEDE DI ROMA. Statuto della Sede Romana dell Associazione Nazionale Forense A.N.F. ASSOCIAZIONE NAZIONALE FORENSE SEDE DI ROMA Statuto della Sede Romana dell Associazione Nazionale Forense Art. 1 Disposizioni generali E costituita in Roma, con sede legale presso il Tribunale Civile,

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO Q.d.V. O.N.L.U.S. STATUTO. E costituita l'associazione di volontariato denominata ASSOCIAZIONE DI

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO Q.d.V. O.N.L.U.S. STATUTO. E costituita l'associazione di volontariato denominata ASSOCIAZIONE DI ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO Q.d.V. O.N.L.U.S. STATUTO Art. 1) E costituita l'associazione di volontariato denominata ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO Q.d.V. O.N.L.U.S. SEDE Art. 2) L'associazione ha sede

Dettagli

A. REGOLAMENTO SULL'USO DEL MARCHIO LIONS CLUBS INTERNATIONAL

A. REGOLAMENTO SULL'USO DEL MARCHIO LIONS CLUBS INTERNATIONAL A. REGOLAMENTO SULL'USO DEL MARCHIO LIONS CLUBS INTERNATIONAL 1. NORMATIVA GENERALE SUI MARCHI DEPOSATI. Per la tutela legale dell'associazione dei Lions Clubs International e dei suoi soci, club e distretti

Dettagli

STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) Articolo 2 (Scopo) Articolo 3 (Competenze)

STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) Articolo 2 (Scopo) Articolo 3 (Competenze) STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) É costituita una Federazione tra l Associazione bancaria italiana (ABI), l Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici (ANIA) e le Associazioni rappresentative

Dettagli

STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010

STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010 ASSOCIAZIONE CULTURALE GLI ABRUZZESI A FIRENZE STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010 Articolo 1 Costituzione E costituita, con sede in Firenze, l Associazione culturale denominata GLI ABRUZZESI A FIRENZE

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO Art. 1 Finalità Il presente Regolamento ha per oggetto le norme di funzionamento del Comitato Esecutivo di Slow Food Italia. Art. 2 Il Comitato Esecutivo.

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO. Donatori di sangue liceo A.Vallisneri

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO. Donatori di sangue liceo A.Vallisneri STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO Donatori di sangue liceo A.Vallisneri ART. 1- l Associazione di volontariato donatori di sangue liceo A.Vallisneri più avanti chiamata per brevità associazione,

Dettagli

AESA. Associazione Esperti in Scienze Amministrative STATUTO

AESA. Associazione Esperti in Scienze Amministrative STATUTO AESA Associazione Esperti in Scienze Amministrative STATUTO COSTITUZIONE - SEDE - DURATA Art. 1 E costituita l Associazione fra i diplomati della Scuola di Specializzazione in Studi sulla Amministrazione

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri.

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. Articolo 1 COSTITUZIONE SEDE STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. 2) La Fondazione ha sede in Mede, Piazza della Repubblica

Dettagli

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa REGOLAMENTO DEL TRATTAMENTO ECONOMICO RELATIVO ALLE MISSIONI DEGLI AMMINISTRATORI E SPESE DI RAPPRESENTANZA

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa REGOLAMENTO DEL TRATTAMENTO ECONOMICO RELATIVO ALLE MISSIONI DEGLI AMMINISTRATORI E SPESE DI RAPPRESENTANZA COMUNE DI LARI Provincia di Pisa REGOLAMENTO DEL TRATTAMENTO ECONOMICO RELATIVO ALLE MISSIONI DEGLI AMMINISTRATORI E SPESE DI RAPPRESENTANZA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 83 del 29.11.2006

Dettagli

Statuto di World Vision Italia Onlus (4 marzo 2008 e successive modifiche)

Statuto di World Vision Italia Onlus (4 marzo 2008 e successive modifiche) Statuto di World Vision Italia Onlus (4 marzo 2008 e successive modifiche) 1. Denominazione 1.1 L associazione è denominata: World Vision Italia ONLUS 1.2 Il nome e il logo di World Vision Italia ONLUS

Dettagli

Art. 1 Campo di applicazione

Art. 1 Campo di applicazione REGOLAMENTO Per l individuazione dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) nell ASL Frosinone e la definizione delle modalità di esercizio dell attività per l espletamento del mandato Art.

Dettagli

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Articolo 1 - Costituzione E' costituita una Associazione denominata: Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione (CIIP)

Dettagli

Lions Clubs International Programma di contributi per la leadership Leo. Domanda di contributo

Lions Clubs International Programma di contributi per la leadership Leo. Domanda di contributo Lions Clubs International Programma di contributi per la leadership Leo Domanda di contributo Il Programma di contributi per la leadership Leo fornisce assistenza finanziaria ai multidistretti, sottodistretti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI

REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO PER LA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI CAPO I NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI. Art. 1 Istituzione.. Art. 2 Attribuzioni.. CAPO II ORGANI DELLA

Dettagli

CITTA di SARZANA Provincia della Spezia REGOLAMENTO

CITTA di SARZANA Provincia della Spezia REGOLAMENTO REGOLAMENTO ISTITUTIVO E DI GESTIONE DEL FONDO DI ASSISTENZA, PREVIDENZA ED INCENTIVAZIONE DEI SERVIZI SVOLTI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE. Articolo 1 Denominazione e Sede

STATUTO DELLA FONDAZIONE. Articolo 1 Denominazione e Sede STATUTO DELLA FONDAZIONE Articolo 1 Denominazione e Sede La Fondazione di interesse collettivo denominata Fondazione San Bortolo O.N.L.U.S. è costituita ai sensi dell art. 14 e seguenti del Codice Civile

Dettagli

Statuto della Fondazione dell Ordine degli Architetti Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della provincia di Milano

Statuto della Fondazione dell Ordine degli Architetti Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della provincia di Milano Statuto della Fondazione dell Ordine degli Architetti Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della provincia di Milano 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione

Dettagli

Regolamento finanziario e contabile del Segretariato permanente della Convenzione delle Alpi

Regolamento finanziario e contabile del Segretariato permanente della Convenzione delle Alpi NEU NOUVEAU NUOVO NOVO 12.03.2009 Regolamento finanziario e contabile del Segretariato permanente della Convenzione delle Alpi Entrato in vigore il 1 aprile 2009 Titolo I Disposizioni generali Articolo

Dettagli

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO 1 SCOPI E FUNZIONAMENTO

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO 1 SCOPI E FUNZIONAMENTO RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO 1 SCOPI E FUNZIONAMENTO ARTICOLO 1 In attuazione dell art. 4 dello Statuto Sociale ed ai sensi di quanto prescritto dalle leggi, dalle deliberazioni del Comitato

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CARER : CAREGIVER FAMILIARI EMILIA ROMAGNA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CARER : CAREGIVER FAMILIARI EMILIA ROMAGNA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CARER : CAREGIVER FAMILIARI EMILIA ROMAGNA Art 1. Costituzione E costituita l Associazione CARER : CAREGIVER FAMILIARI EMILIA ROMAGNA. Si propone di dare voce ai caregiver familiari

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE. Dell Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta ONLUS

REGOLAMENTO GENERALE. Dell Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta ONLUS REGOLAMENTO GENERALE Dell Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta ONLUS Il Consiglio Direttivo (C.D.) dell Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta (AS.IT.O.I.) propone il presente regolamento

Dettagli

L anno 2006 il giorno 15 del mese di novembre, in Montemarciano si sono riunite le Signore:

L anno 2006 il giorno 15 del mese di novembre, in Montemarciano si sono riunite le Signore: ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO L anno 2006 il giorno 15 del mese di novembre, in Montemarciano si sono riunite le Signore: - RE DONATELLA, nata ad Arezzo il10/04/1970 e residente a M.Montemarciano

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLO SPORT E DEL TEMPO LIBERO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA. Art.1 Costituzione

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLO SPORT E DEL TEMPO LIBERO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA. Art.1 Costituzione REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLO SPORT E DEL TEMPO LIBERO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA Art.1 Costituzione Il Comune di Ozieri riconosce lo sport come servizio sociale e di volontariato e intende

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE CULTURALE ITALIANI IN GIRO

STATUTO ASSOCIAZIONE CULTURALE ITALIANI IN GIRO STATUTO ASSOCIAZIONE CULTURALE ITALIANI IN GIRO DENOMINAZIONE - SEDE Articolo 1 A norma dell'art. 36 e seguenti del codice Civile, è costituita un'associazione Culturale denominata " ITALIANI IN GIRO ".

Dettagli

Comune di Figino Serenza Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI

Comune di Figino Serenza Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI Comune di Figino Serenza Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE TRASFERTE E RIMBORSO SPESE VIAGGIO SOSTENUTE DAI DIPENDENTI IN VIGORE DAL 01.06.2012 INDICE Premessa Art. 1 Oggetto del regolamento

Dettagli

Statuto. Servizio Cure a Domicilio del Luganese

Statuto. Servizio Cure a Domicilio del Luganese Statuto Servizio Cure a Domicilio del Luganese CAPITOLO 1 Scopo, sede e durata Denominazione Art. 1 Con la denominazione Servizio cure a domicilio del Luganese - SCuDo è costituita a Lugano un Associazione

Dettagli

Regolamento gruppo giovani

Regolamento gruppo giovani Regolamento gruppo giovani Art.1 Costituzione E costituito presso l Associazione Costruttori Salernitani, con sede presso la stessa, il Gruppo Giovani Imprenditori Edili della Provincia di Salerno. Art.2

Dettagli

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DELLE ISTITUZIONI SUPERIORI DI CONTROLLO DELLE FINANZE PUBBLICHE (INTOSAI)

STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DELLE ISTITUZIONI SUPERIORI DI CONTROLLO DELLE FINANZE PUBBLICHE (INTOSAI) * Traduzione a cura dell Ufficio Relazioni Internazionali e Comunitarie maggio 2007 INTOSAI STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DELLE ISTITUZIONI SUPERIORI DI CONTROLLO DELLE FINANZE PUBBLICHE (INTOSAI)

Dettagli

INSIEME PER LIMANA Gruppo d'acquisto Solidale

INSIEME PER LIMANA Gruppo d'acquisto Solidale Statuto INSIEME PER LIMANA Gruppo d'acquisto Solidale 1 E costituita una Associazione denominata GAS INSIEME PER LIMANA L Associazione è costituita in conformità al dettato della L. 383/2000, pertanto

Dettagli

PRESTAZIONI PROFESSIONALI

PRESTAZIONI PROFESSIONALI PRESTAZIONI PROFESSIONALI fascicolo di supporto alla valutazione delle tariffe dei Revisori Contabili Iscritti all Istituto Nazionale Revisori Contabili Presentazione La prima formazione del Registro dei

Dettagli

STATUTO DELL ISTITUTO INTERNAZIONALE JACQUES MARITAIN *

STATUTO DELL ISTITUTO INTERNAZIONALE JACQUES MARITAIN * STATUTO DELL ISTITUTO INTERNAZIONALE JACQUES MARITAIN * Art. 1 È costituita l associazione culturale denominata Istituto Internazionale Jacques Maritain, con sede sociale a Roma. Art. 2 L Istituto non

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA. Articolo 1

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA. Articolo 1 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA Articolo 1 Si costituisce il Circolo Dipendenti della Federazione Trentina della Cooperazione con sede sociale presso la Federazione

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICI DI LOLA

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICI DI LOLA STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO AMICI DI LOLA ART. 1- l Associazione di volontariato AMICI DI LOLA più avanti chiamata per brevità associazione, con sede in _Cava dei Tirreni Via O. di Giordano

Dettagli

CAPITOLO V CLUB. 1. Di seguito sono indicati gli obblighi dei club omologati: a. Svolgere con regolarità riunioni o eventi pianificati.

CAPITOLO V CLUB. 1. Di seguito sono indicati gli obblighi dei club omologati: a. Svolgere con regolarità riunioni o eventi pianificati. CAPITOLO V CLUB A. OBBLIGHI DI UN CLUB OMOLOGATO 1. Di seguito sono indicati gli obblighi dei club omologati: a. Svolgere con regolarità riunioni o eventi pianificati. b. Salvo quando qui diversamente

Dettagli

Statuto Regolamento. del Gruppo Comunale di Volontariato di Protezione Civile.

Statuto Regolamento. del Gruppo Comunale di Volontariato di Protezione Civile. Statuto Regolamento del Gruppo Comunale di Volontariato di Protezione Civile. approvato con delibera della Giunta Comunale n. 29 del 18.03.2004 modificato con delibera della Giunta Comunale n. 216 del

Dettagli

COORDINATORE DISTRETTUALE DOCUMENTAZIONE PER LA DOMANDA

COORDINATORE DISTRETTUALE DOCUMENTAZIONE PER LA DOMANDA COORDINATORE DISTRETTUALE DOCUMENTAZIONE PER LA DOMANDA Per questo incarico saranno presi in considerazione i Lions in possesso dei requisiti necessari per il distretto. Si prega di chiedere ai candidati

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI, DELL ASSICURAZIONE DEI CONSIGLIERI E DEL RIMBORSO DELLE SPESE SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI, DELL ASSICURAZIONE DEI CONSIGLIERI E DEL RIMBORSO DELLE SPESE SOSTENUTE DAGLI AMMINISTRATORI. Fondazione Caorle Città dello Sport Via Roma, 26 30021 CAORLE (VE) tel 0421.219264 fax 0421.219302 F o n d a z i o n e P.IVA/C.F. 03923230274 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI, DELL ASSICURAZIONE

Dettagli

STATUTO. TITOLO 1 - Denominazione - Sede - Scopo

STATUTO. TITOLO 1 - Denominazione - Sede - Scopo STATUTO TITOLO 1 - Denominazione - Sede - Scopo Articolo 1 - E costituita l associazione senza fini di lucro denominata Information Systems Audit and Control Association (ISACA) Capitolo di Roma, con sede

Dettagli

REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE

REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE 24 Luglio 2015 1 ARTICOLO 1 PREMESSA 1.1. Conto tenuto delle raccomandazioni contenute nel Codice di Autodisciplina di Borsa Italiana S.p.A.,

Dettagli

DISTRETTO 2120 ROTARY CLUB LECCE SUD

DISTRETTO 2120 ROTARY CLUB LECCE SUD DISTRETTO 2120 ROTARY CLUB LECCE SUD REGOLAMENTO DEL ROTARY CLUB LECCE SUD tratto dal Manuale di Procedura 2007 ed approvato dall assemblea dei soci il 19 novembre 2009 Articolo 1 - Definizioni 1. Consiglio:

Dettagli

SOCREM SOCIETÀ MANTOVANA PER LA CREMAZIONE STATUTO

SOCREM SOCIETÀ MANTOVANA PER LA CREMAZIONE STATUTO SOCREM SOCIETÀ MANTOVANA PER LA CREMAZIONE STATUTO CON IL PATROCINIO DEL COMUNE DI MANTOVA 46100 MANTOVA VIA A. ALTOBELLI,19- e +390376220886 3389973382 info@socremmn.it www.socremmn.it ART. 1 In considerazione

Dettagli

Approvato con Deliberazione del Consiglio Provinciale n. del

Approvato con Deliberazione del Consiglio Provinciale n. del REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MISSIONI RIMBORSO DELLE SPESE DI VIAGGIO E DI SOGGIORNO DEGLI AMMINISTRATORI E DEI DIPENDENTI DELLA PROVINCIA DI PAVIA Approvato con Deliberazione del Consiglio Provinciale

Dettagli

REGOLAMENTO ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE (APPROVATO DAL CDA IN DATA 28/06/2005)

REGOLAMENTO ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE (APPROVATO DAL CDA IN DATA 28/06/2005) REGOLAMENTO ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE (APPROVATO DAL CDA IN DATA 28/06/2005) ART 1 - Istituzione dell Albo delle Associazioni Studentesche 1. Il Presente Regolamento disciplina le modalità di iscrizione

Dettagli

STATUTO TIPO ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO. Art. 1 (Costituzione)

STATUTO TIPO ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO. Art. 1 (Costituzione) Il presente schema di Statuto viene proposto, a mero titolo indicativo, non potendo, né volendo, limitare la libertà delle Organizzazioni di darsi autonomamente le norme disciplinanti il proprio ordinamento.

Dettagli

STATUTO FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA

STATUTO FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA STATUTO FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA NELLE IMPRESE COOPERATIVE. Testo approvato dall Assemblea ordinaria del 9 giugno 2005 ART. 1 COSTITUZIONE Al fine di promuovere

Dettagli

LA COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO. Lo statuto. Art. 1- Costituzione E costituita l associazione denominata COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO.

LA COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO. Lo statuto. Art. 1- Costituzione E costituita l associazione denominata COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO. LA COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO Lo statuto Art. 1- Costituzione E costituita l associazione denominata COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO. Art. 2- Sede L associazione ha sede legale, in Italia,

Dettagli

REGOLAMENTO DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 66 del 26 luglio 1999 ARTICOLO 1 E costituito il GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE

Dettagli

STATUTO DI ASSOCIAZIONE

STATUTO DI ASSOCIAZIONE STATUTO DI ASSOCIAZIONE ART 1 DENOMINAZIONE, SEDE E DURATA È costituita l Associazione Centro Europeo Formazione e Orientamento, da ora definita Associazione. L Associazione ha sede in Roma. L Associazione

Dettagli

PMI Northern Italy Chapter Statuto dell associazione

PMI Northern Italy Chapter Statuto dell associazione Articolo I Nome, Sede e Relazione con PMI Sezione 1. Questa associazione sarà chiamata Project Management Institute, Northern Italy Chapter (appresso indicata come Chapter ). Questa organizzazione è una

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 11

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 11 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 11 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BIANCONI e CARRARA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 29 APRILE 2008 Modifiche alla legge 11 agosto 1991, n. 266, in

Dettagli

Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova

Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova Regolamento del Consiglio per la Cooperazione Internazionale, Solidarietà e Accoglienza Città di Genova Approvato con deliberazione C.C. n. 48 del 08/09/2015 In vigore dal 9 ottobre 2015 www.comune.genova.it

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE ONLUS Marta per gli altri. Art. 1

STATUTO ASSOCIAZIONE ONLUS Marta per gli altri. Art. 1 STATUTO ASSOCIAZIONE ONLUS Marta per gli altri Art. 1 È costituita una associazione denominata Marta per gli altri, organizzazione non lucrativa di utilità sociale (Onlus). L'associazione assume nella

Dettagli

STATUTO. dell Associazione di associazioni Volontà Solidale

STATUTO. dell Associazione di associazioni Volontà Solidale STATUTO dell Associazione di associazioni Volontà Solidale Art. 1 COSTITUZIONE E' costituita con sede legale a Cosenza l'associazione Volontà Solidale, di seguito denominata Associazione. Volontà Solidale

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE dei DIRETTORI LAVORI della Svizzera Italiana(ADL)

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE dei DIRETTORI LAVORI della Svizzera Italiana(ADL) STATUTO DELL ASSOCIAZIONE dei DIRETTORI LAVORI della Svizzera Italiana(ADL) I. NOME, SEDE, SCOPO E DURATA Art. 1. Con la denominazione Associazione dei Direttori Lavori della Svizzera Italiana (ADL) viene

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI (emanato con decreto rettorale n. 688 del 16 luglio 1997; modificato con delibere del Consiglio di Amministrazione nelle sedute

Dettagli

Fondazione Deutsche Bank Italia

Fondazione Deutsche Bank Italia Fondazione Deutsche Bank Italia STATUTO Articolo 1 Costituzione Denominazione Sede È costituita una fondazione denominata Fondazione Deutsche Bank Italia, con durata illimitata, avente sede in Milano,

Dettagli

1. EVENTI RIMBORSABILI

1. EVENTI RIMBORSABILI CAPITOLO IX OFFICER E ORGANIZZAZIONE DISTRETTUALE A. REGOLAMENTO PER IL PREMIO EXCELLENCE I Premi Excellence sono stati istituiti per conferire un riconoscimento ai governatori distrettuali, ai primi vice

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE ONLUS <>

STATUTO ASSOCIAZIONE ONLUS <<GIOVANI & FUTURO>> STATUTO ASSOCIAZIONE ONLUS DENOMINAZIONE OGGETTO E SEDE Art. 1 È costituita una associazione denominata GIOVANI & FUTURO organizzazione non lucrativa di utilità sociale (Onlus)". L'associazione

Dettagli

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE STATUTO ANDISU ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE E costituita l Associazione Nazionale degli Organismi per il Diritto allo Studio Universitario (A.N.DI.S.U.). Di essa possono far parte tutti gli organismi

Dettagli

Statuto dell associazione di volontariato Solidali Associazione Disturbi Alimentari Novara

Statuto dell associazione di volontariato Solidali Associazione Disturbi Alimentari Novara Statuto dell associazione di volontariato Solidali Associazione Disturbi Alimentari Novara Articolo 1 L'Associazione di volontariato Solidali - Associazione Disturbi Alimentari Novara più avanti chiamata

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in

STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in Parma Via Gramsci,14 presso il Centro per le Malattie dell

Dettagli

COMUNE DI ESCALAPLANO

COMUNE DI ESCALAPLANO COMUNE DI ESCALAPLANO Provincia di Cagliari STATUTO CONSULTA GIOVANI DI ESCALAPLANO CAPO I NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI FONTI NORMATIVE Le disposizioni contenute nel presente statuto trovano il loro

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ASSOCIAZIONE SENZA SCOPO DI LUCRO AIOLaF

REGOLAMENTO DELLA ASSOCIAZIONE SENZA SCOPO DI LUCRO AIOLaF REGOLAMENTO DELLA ASSOCIAZIONE SENZA SCOPO DI LUCRO AIOLaF PREMESSA Il Presente Regolamento si applica a tutti i soci e deve essere accettato contestualmente alla richiesta di associazione; L accettazione

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V.

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. COMUNE DI ROCCARAINOLA PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. Il presente atto abroga e sostituisce il precedente regolamento approvato con delibera di

Dettagli

STATUTO DI ASSOCIAZIONE

STATUTO DI ASSOCIAZIONE STATUTO DI ASSOCIAZIONE ART 1 DENOMINAZIONE, SEDE E DURATA È costituita l Associazione Centro Europeo Formazione e Orientamento, da ora definita Associazione. L Associazione ha sede in Roma, Largo Jacobini,

Dettagli

Statuto dell Ente Bilaterale Nazionale delle Società Concessionarie Autostrade e Trafori

Statuto dell Ente Bilaterale Nazionale delle Società Concessionarie Autostrade e Trafori Statuto dell Ente Bilaterale Nazionale delle Società Concessionarie Autostrade e Trafori Art. 1 Costituzione, sede e durata Conformemente a quanto previsto dall art. 48 del Contatto Collettivo Nazionale

Dettagli

COMUNE DI RAGUSA REGOLAMENTO ISTITUTIVO E DI GESTIONE DEL FONDO DI ASSISTENZA E PREVIDENZA PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE

COMUNE DI RAGUSA REGOLAMENTO ISTITUTIVO E DI GESTIONE DEL FONDO DI ASSISTENZA E PREVIDENZA PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI RAGUSA REGOLAMENTO ISTITUTIVO E DI GESTIONE DEL FONDO DI ASSISTENZA E PREVIDENZA PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE Art. 1 Istituzione E istituito il fondo di assistenza e previdenza per

Dettagli

1) E costituita, con sede in Trescore Balneario, via dell Albarotto. una associazione di volontariato senza scopi di lucro, per fini di

1) E costituita, con sede in Trescore Balneario, via dell Albarotto. una associazione di volontariato senza scopi di lucro, per fini di STATUTO COSTITUZIONE E SCOPI 1) E costituita, con sede in Trescore Balneario, via dell Albarotto una associazione di volontariato senza scopi di lucro, per fini di solidarietà e con durata illimitata,

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE META BRASIL

REGOLAMENTO INTERNO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE META BRASIL REGOLAMENTO INTERNO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE META BRASIL Il seguente regolamento contiene le norme attuative per la vita sociale dell ASSOCIAZIONE CULTURALE META BRASIL. Esso discende dallo statuto,

Dettagli

STATUTO SIENA BASEBALL MONTERIGGIONI A.S.D. TITOLO I - Denominazione sede

STATUTO SIENA BASEBALL MONTERIGGIONI A.S.D. TITOLO I - Denominazione sede STATUTO SIENA BASEBALL MONTERIGGIONI A.S.D. TITOLO I - Denominazione sede Articolo 1 - Nello spirito della Costituzione della Repubblica Italiana ed in ossequio a quanto previsto dagli artt.36 e seguenti

Dettagli

ISTITUTO TUMORI GIOVANNI PAOLO II

ISTITUTO TUMORI GIOVANNI PAOLO II ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE n. del REGOLAMENTO DELLA MISSIONE E DEL SERVIZIO FUORI SEDE Riferimenti normativi - Legge 18/12/1973 n. 836 e s.m.i. (trattamento economico di missione dei dipendenti dello

Dettagli

COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO

COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO STATUTO ART. 1 - COSTITUZIONE E FINALITA Il COMITATO GENITORI MONTEOLIMPINO dei PLESSI

Dettagli

STATUTO. Articolo 1. Articolo 2

STATUTO. Articolo 1. Articolo 2 STATUTO Articolo 1 Costituzione, denominazione, sede e durata E costituita l Associazione LINEA ROSA. L associazione ha sede in Ravenna, Via Garatoni n. 12. Articolo 2 Finalità ed attività dell Associazione.

Dettagli

Comitato Unito - America Latina e Caraibi già Uni-Cuba

Comitato Unito - America Latina e Caraibi già Uni-Cuba Comitato Unito - America Latina e Caraibi già Uni-Cuba dell Università degli Studi di Torino STATUTO ARTICOLO 1 - COSTITUZIONE E DENOMINAZIONE È costituito il Comitato Unito - America Latina e Caraibi

Dettagli

FONDAZIONE GRUPPO CREDITO VALTELLINESE

FONDAZIONE GRUPPO CREDITO VALTELLINESE FONDAZIONE GRUPPO CREDITO VALTELLINESE Statuto STATUTO FONDAZIONE GRUPPO CREDITO VALTELLINESE Articolo 1 È costituita ai sensi dell art. 12 e seguenti del Codice Civile per volontà del CREDITO VALTELLINESE

Dettagli

REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1.0 COSTITUZIONE 1. E costituito presso la sede municipale dei comuni di Mozzate e Limido Comasco il Gruppo Intercomunale di Volontari di

Dettagli