Industria ed Efficienza Energetica. Manuale per gli studenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Industria ed Efficienza Energetica. Manuale per gli studenti"

Transcript

1 Industria ed Efficienza Energetica Manuale per gli studenti

2 Edizione: IT 1.0 Ottobre 2010 Controllare il sito del Progetto IUSES per verificare l ultima versione disponibile. Esonero di responsabilità: Il progetto è stato realizzato con il supporto della Commissione Europea. La presente pubblicazione riflette esclusivamente il punto di vista dell autore e la Commissione non può in alcun modo essere ritenuta responsabile per qualsivoglia utilizzo delle informazioni in essa contenute.

3 Autori: Tadhg Coakley (Clean Technology Centre - Cork Institute of Technology ), Noel Duffy (Clean Technology Centre - Cork Institute of Technology ), Sebastian Freiberger (Stenum), Johannes Fresner (Stenum), Jos Houben (University of Leoben), Hannes Kern (University of Leoben), Christina Krenn (Stenum), Colman McCarthy (Clean Technology Centre - Cork Institute of Technology ), Harald Raupenstrauch (University of Leoben) Traduzione ed adattamento Luca Mercatelli (AREA Science Park), Fabio Tomasi (AREA Science Park) Layout Fabio Tomasi (AREA Science Park) Questo manuale ed il Progetto IUSES Il presente manuale è stato realizzato per il Progetto IUSES Intelligent Use of Energy at School, finanziato dalla Commissione Europea nell ambito del Programma Intelligent Energy Europe. I partner del progetto sono: AREA Science Park (Italia), CERTH (Grecia), CIRCE (Spagna), Clean Technology Center Cork Institute of Technology (Irlanda), Enviros s.r.o. (Repubblica Ceca), IVAM UvA (Olanda), Jelgava - Istituto di Formazione per Adulti (Lettonia), Prioriterre (Francia), Immaginario Scientifico Science Centre (Italia), Slovenski E-forum (Slovenia), Stenum GmbH (Austria), Politecnico di Bucarest (Romania), S.C. IPA S.A. (Romania), Università di Leoben (Austria), Università di Ruse (Bulgaria). Note sui diritti d autore Il presente manuale può venire liberamente copiato e distribuito, a condizione che vengano sempre riportate le presenti note sui diritti d autore, anche in caso di utilizzo parziale. Insegnanti, formatori e qualunque altro utilizzatore o distributore è tenuto a citare gli autori, il progetto IUSES ed il Programma Intelligent Energy Europe. Il manuale può anche essere tradotto liberamente in altre lingue. I traduttori dovranno, in questo caso, includere le presenti note sui diritti d autore e inviare il testo tradotto al coordinatore del progetto che lo pubblicherà sul sito del Progetto IUSES perché venga distribuito gratuitamente. I

4

5 Indice Prefazione... 3 Capitolo 1: Introduzione all energia... 5 Cos è l energia?... 5 Problematiche legate all energia... 5 Fonti energetiche... 5 Consumi energetici... 6 Energia e Potenza... 8 Energia umana... 8 Capitolo 2: Fonti energetiche Problematiche legate alle fonti di energia non rinnovabili (fossili e nucleare) Energia rinnovabile Uso delle energie rinnovabili nell industria Capitolo 3: Trasformazione ed uso industriale dell energia Trasformazione dell energia (Vettori di energia) Tipologie di energia e vettori Produzione di carburanti Produzione di elettricità Centrali a ciclo combinato Centrali combinate termo-elettriche (in cogenerazione) Bilanci energetici nazionali ed intensità energetica Utilizzi finali dell energia nell industria Funzionamento delle caldaie Ventole e compressori Aria compressa Liquidi di raffreddamento e riscaldamento

6 Capitolo 4: Gestione dell energia...36 Obiettivi di un sistema di gestione dell energia...37 Elementi di un sistema di gestione dell energia...38 Politica energetica...38 Pianificazione...40 Implementazione e funzionamento...43 Verifica...45 Revisione delle gestione...46 Capitolo 5: Uso efficiente dell energia nell industria...48 Introduzione...48 Il ciclo di vita della carta...50 Materie prime per la produzione di carta...51 Il processo produttivo della carta...53 Riciclo della carta ed utilizzo di fibra fresca...57 Produzione di fogli...62 Esperimento: Fatevi la carta da soli!

7 Prefazione L energia è ovunque! E ciò che fa succedere le cose, che fa muovere le cose, che ci dà luce e calore, che utilizziamo per viaggiare, cucinare, produrre i cibi e conservarli al fresco. Il manuale Il presente manuale Industria ed efficienza energetica fa parte di un corso denominato IUSES Intelligent Use of Energy at School - Uso Intelligente dell Energia a Scuola che ha l obiettivo di aiutare gli studenti a comprendere i principi base dell efficienza energetica e ne comprende tre: gli altri due sono Trasporto sostenibile e mobilità e L efficienza energetica negli edifici. Questo manuale introduce al concetto di energia e al suo funzionamento, specialmente nell industria; illustra, inoltre, molti dei termini utilizzati nel campo, le diverse fonti energetiche, i metodi di produzione dell elettricità e l utilizzo dell energia nelle attività industriali. Uno degli scopi principali del corso e di questo manuale è mostrare come possiamo rendere l energia più pulita e migliore in senso generale, produrla da fonti maggiormente rinnovabili ed anche come possiamo gestirla meglio, specie per quanto concerne la riduzione dei rifiuti e delle scorie. Com è organizzato il manuale Il manuale ha lo scopo di presentare le informazioni in maniera interessante ed interattiva, utilizzando testi, fotografie, grafici, definizioni, consigli, punti chiave e contiene anche molte attività, esercizi, domande. A seguire una breve panoramica di ciascuna sezione. Capitolo 1 Introduzione all energia Insieme al Capitolo 2, questa sezione introduce al concetto di energia, dandone una definizione e spiegando alcune delle principali misurazioni dell energia, quali ne siano le unità di misura e quali le definizioni. Viene data anche una definizione di potenza e si descrive come l industria e la società in generale siano dipendenti dall uso di energia in larga scale in tutte le occasioni in cui l energia umana non è sufficiente. La produzione di energia su larga scala, inoltre, è anche causa di problematiche legate all ambiente, mentre le fonti principali utilizzate oggi si stanno avviando all esaurimento. Capitolo 2 Fonti energetiche Questa sezione descrive l origine dell energia. Le principali fonti di energia che utilizziamo sono combustibili fossili, quali petrolio, carbone e gas, che sono fonti non rinnovabili e si possono utilizzare solo una volta. Le loro emissioni, inoltre, danno un contributo molto significativo al cambiamento climatico. Altri tipi di energia, da fonti rinnovabili quali il Sole, il vento o il mare, sono inesauribili e non contribuiscono al riscaldamento globale del pianeta. Potremmo anche riuscire a produrre energia utilizzando risorse che forse oggi consideriamo materiali di scarto. In sostanza, otteniamo energia da molte fonti, alcune molto più pulite e migliori di altre. Descriviamo poi le tendenze nell utilizzo dell energia e la sua importanza nell industria. Capitolo 3 - Trasformazione ed uso industriale dell'energia Questa sezione spiega che l energia viene spesso convertita in carburanti trasportabili (con la raffinazione del petrolio) o in elettricità (utilizzando le centrali energetiche). A volte, poi, produciamo sia elettricità che calore. Consideriamo la domanda globale di energia di un dato paese, evidenziando come l industria sia un utilizzatore molto importante, comparabile ai trasporti ed ai consumi domestici. Infine si introduce l idea di intensità energetica. Capitolo 4 - Gestione dell'energia Questo capitolo descrive come si possa applicare all industria un sistema di gestione dell energia. Un approccio simile si potrebbe adottare anche per una scuola, con l obiettivo di fornire uno schema di riferimento per la gestione dell energia. Questo approccio è valido sia per grandi che per piccole organizzazioni! Capitolo 5 Caso studio dell industria cartaria Il capitolo 5 descrive il processo per la produzione della carta. E stato scelto come esempio ad illustrare i processi legati all energia nell industria. Abbiamo anche fornito istruzioni su come gli studenti possono 3

8 produrre la propria carta, per dare l opportunità agli insegnanti di mostrare aspetti particolari del processo. Le icone e le indicazioni che troverete nel libro Nel manuale abbiamo provato a suddividere le informazioni in sezioni e sottosezioni perché siano più facilmente gestibili ed interessanti, per cui non si tratta soltanto di pagine e pagine di testo (che barba!). Quindi, quando abbiamo qualcosa da evidenziare, come una definizione, un attività, un obiettivo didattico, una nota importante o un riferimento, lo segnaliamo con un icona. Occhio, quindi, a queste icone: Definizione: Indica la definizione di un termine e spiega cosa vuol dire Nota: Mostra che qualcosa è importante, un indicazione di un informazione cruciale. Fate attenzione! Obiettivo didattico: Sono all inizio di ciascun capitolo spiegano ciò di cui si parlerà in quel capitolo. Esperimento, Esercizio o Attività: Indica qualcosa da fare sulla base di ciò che si è appreso. Web link: Indica un indirizzo internet dove si possono trovare maggiori informazioni. Riferimenti: Indica la fonte delle informazioni. Caso Studio: Diamo un esempio reale di un industria o di una situazione Punti Chiave: E un sommario (di norma un elenco puntato) di ciò che si è trattato, in genere posto alla fine di un capitolo. Domande: Indica che vi stiamo chiedendo di riflettere, specie alla conclusione di un capitolo Livello 2: Questo indica una sezione di approfondimento Segue: Si trova alla fine di ciascun capitolo e vi dice cosa si trova nella sezione successiva. 4

9 Chapitolo 1 Introduzione all energia Obiettivi didattici: In questo paragrafo parleremo di Che cosa sia l energia e quale sia la sua rilevanza Una breve panoramica di alcuni dei problemi principali connessi all uso dell energia, alle sue fonti ed al suo consumo Cos è l energia? L energia è ovunque e senza non potremmo vivere. L usiamo tutti i giorni, infatti, e in molti modi differenti: il cibo che consumiamo contiene energia, la carta su cui scriviamo questo manuale ha richiesto energia per la sua produzione, la luce utilizzata per leggerlo è anch essa energia. Ma da dove viene tutta questa energia? E che cosa ne facciamo? La utilizziamo in modo appropriato oppure la sprechiamo senza motivo? Cosa faremo quando tutto il carbone ed il petrolio si esauriranno? Si tratta solo di alcune delle domande a cui cercheremo di dare risposta in questo manuale. Abbiamo anche bisogno di pensare alle conseguenze dell utilizzo e della conversione dell energia. Avete mai sentito parlare di cambiamenti climatici? E di emissioni di gas serra? Si tratta di problemi seri per l intero pianeta e la produzione di energia ne è una delle cause principali. Tuttavia non deve andare per forza così: esiste un modo migliore di produrre ed utilizzare l energia e noi parleremo proprio di queste e di altre tematiche nei capitoli che seguono. Definizione: L energia viene di solito definita come la capacità di produrre lavoro. La quantità di energia si traduce, insomma, nella quantità di lavoro prodotta. Problematiche legate all energia Le emissioni risultanti dall utilizzo di combustibili fossili per la produzione di energia sono la causa prima dei cambiamenti climatici: l estrazione e l utilizzo di questi combustibili, infatti, causano inquinamento. Dobbiamo inoltre tenere presente che tali fonti si stanno esaurendo e ciò significa che la garanzia della fornitura è oggi di estrema importanza (dipendiamo soprattutto dal carbone e dal petrolio). L implementazione di misure volte allo sfruttamento di energie rinnovabili ed all efficienza e- nergetica sono la maniera migliore per ridurre tale danno al pianeta. Tutto questo è importante nella vita di tutti i giorni, ma anche nell industria e negli affari. L efficienza energetica nell industria o la completa auto-sufficienza attraverso l utilizzo di fonti rinnovabili non portano soltanto ad un miglioramento dell ambiente, ma possono anche incrementare la resa in termini economici di una determinata attività, attraverso la riduzione dei costi e un miglioramento generale nell efficienza dei processi. Ritorneremo più avanti su queste opportunità. Fonti Energetiche La natura ci mette a disposizione molte fonti di energia, come la radiazione solare, la corrente generata dal fluire dell acqua (energia idro-elettrica), le onde dell oceano, il vento e le maree. L energia, inoltre, viene anche dai combustibili fossili (che includono il carbone, il petrolio, il gas naturale). Queste fonti si possono suddividere tra rinnovabili e non rinnovabili. L energia rinnovabile si ottiene da una gamma di fonti: Le forze gravitazionali del Sole e della Luna che danno origine alle maree; La rotazione della Terra combinata all energia solare, che genera le correnti degli oceani ed il vento; Il decadimento di minerali radioattivi ed il calore interno della Terra, che danno l energia 5

10 geotermica, La produzione foto-sintetica di materiali organici (biomasse); Il calore diretto del Sole (energia solare). Queste fonti di energia vengono dette rinnovabili perché o vengono continuamente rifornite, oppure sono praticamente inesauribili. Le fonti di energia non rinnovabili includono i combustibili fossili (gas naturale, petrolio, olio di scisto, carbone e torba) ed anche l uranio (energia nucleare). I combustibili fossili sono ad alta densità energetica e molto diffusi. La maggioranza dei settori industriali, dei trasporti e dei servizi dipende dall energia contenuta in queste fonti energetiche non rinnovabili. Consumo di energia Secondo l AIE (Agenzia Internazionale dell Energia), il consumo energetico mondiale continuerà ad aumentare in media del 2% l anno. Questo incremento annuo porterà ad un raddoppiamento nei consumi ogni 35 anni. Il consumo energetico è connesso in qualche misura con la performance economica, ma va considerato che esiste una differenza molto significativa tra le quantità di energia utilizzata nei paesi più industrializzati e in quelli più poveri. Lo sapevate che un individuo negli Stati Uniti consuma in media 57 volte più energia di uno che vive in Bangladesh? Gli Stati Uniti consumano il 25% dell energia consumata nel mondo (con una percentuale di produttività a livello globale del 22% ed una popolazione che arriva al 5%). Nota: L incremento più significativo nel consumo energetico si sta registrando in Cina, paese che ha avuto una crescita del 5,5% l anno nel corso degli ultimi 25 anni. In Europa il tasso di crescita è stato soltanto dell 1%. Domanda: Cosa indicano queste quattro fotografie? Scrivete un paragrafo per ciascuna, parlando di energia.. Punti chiave: I punti chiave di questo capitolo sono: L energia ha un ruolo fondamentale nella nostra vita, ma probabilmente la diamo per scontata. La produzione di energia ed il suo consumo stanno causando un danno molto importante al pianeta e questo processo va fermato. L energia viene ricavata da molte fonti: le più tradizionali ed utilizzate con maggiore frequenza (petrolio, carbone, eccetera) stanno per finire e le fonti rinnovabili sono l unica prospettiva per garantire la disponibilità di energia in futuro. 6

11 Web links International Energy Agency (IEA): European Environment Agency: Segue: Nella prossima sezione verrà fornita la definizione di potenza, spiegheremo le unità di misura dell energia e della potenza e svolgeremo alcuni esercizi 7

12 Energia e Potenza Obiettivi didattici: In questo paragrafo parleremo di Le principali unità di misura dell energia e della potenza e le modalità di applicazione Attraverso un esperimento vedremo come si può convertire l energia da una forma all altra Definizione: La potenza viene definita come il lavoro compiuto nell unità di tempo. La potenza misura anche la quantità di energia scambiata o trasformata nell unità di tempo ad esempio da energia chimica (carbone) ad energia elettrica in una centrale energetica e da elettrica a meccanica in un motore. Unità di misura dell energia e della potenza Joule (J) - Si tratta di un unità di misura utilizzata per la misurazione dell energia termica, meccanica ed elettrica. Dal momento che l energia è la capacità di eseguire lavoro, un joule (J) è il lavoro eseguito quando una forza pari ad 1 newton agisce su una distanza di un metro in direzione della forza. E anche pari al lavoro eseguito quando 1 ampere di corrente passa attraverso una resistenza di 1 ohm per un secondo. Watt (W) Si tratta di un unità di misura della potenza, pari al trasferimento di 1 joule di energia al secondo. Multipli delle unità: dal momento che un joule ed un watt sono piuttosto piccoli, si parla spesso di migliaia di joule, cioè di kilo-joule (kj), milioni di joule (MJ) o miliardi di joule (GJ). In maniera simile si parla di kilowatt (kw), megawatt (MW) e giga watt (GW). Energia umana Cosa significano in realtà watt e joule? Quanti ne usiamo nel nostro corpo? E sono sufficienti per la nostra sopravvivenza e per le attività che svolgiamo? Un atleta olimpico di sollevamento pesi può raggiungere W, ma solo per meno di un minuto. Un ciclista di altissimo livello che partecipi al Tour de France può raggiungere una resa di potenza pari a 500 W per molte ore. Una persona seduta utilizza circa 100 W per il metabolismo di base dell organismo: pensare, respirare, eccetera. La misurazione in cavalli-potenza è un antica unità di misura che può avere diverse definizioni, ma tipicamente equivale a 745 W, quindi si riteneva ottimisticamente che un cavallo avesse la capacità di sviluppare una potenza di 745 W. In realtà, però, la potenza espressa dall uomo o dal cavallo non sono più sufficienti per le nostre necessità odierne. Si tratta di quantità molto limitate in relazione a quello di cui abbiamo bisogno in termini di elettricità per far funzionare le fabbriche, i mezzi di trasporto, eccetera. Per questo motivo abbiamo così tanto bisogno di utilizzare petrolio, carbone, gas ed energia solare. 8

13 Unità di misura dell energia e della potenza Kilowattora (kwh) Si tratta di un unità di misura dell energia o del lavoro di norma associata con l energia elettrica, ma utilizzata anche per descrivere altre forme di energia. Se l energia viene utilizzata a joule al secondo (ovvero W) per una durata di un ora, viene utilizzato 1 kilowattora di energia. Ad esempio, se una lampadina ad incandescenza viene lasciata accesa per 10 ore, consuma 1 kilowatt ora (100W x 10 ore = 1.000Wh = 1kWh). E anche pari a 3,6 milioni di joule. Tonnellata Equivalente di Petrolio (TEP) Si tratta di un unità standard convenzionale per l energia definita sulla base di una tonnellata di petrolio con un potere calorifico pari a kj, altrimenti esprimibile in circa 42 GJ. Questa unità di misura è utile se si paragonano diversi carburanti e ne sono necessarie grandi quantità. 1 TEP = MWh Esercizio Esperimento: Nel seguente esperimento: Prenderemo in considerazione come l energia possa essere convertita da una forma all altra (da elettrica a termica); Eseguiremo un semplice bilancio energetico; Stabiliremo quanto sia grande in realtà un joule o un watt. Quando mettiamo dell acqua in un bollitore elettrico, l energia elettrica viene convertita in energia termica, facendo aumentare la temperatura del acqua. La capacità calorifica specifica di una sostanza è l ammontare di energia necessaria per far cambiare la temperatura di un kilogrammo della sostanza di un grado Celsius o Kelvin (K), se preferite, dato che la differenza in temperatura può essere espressa indifferentemente nelle due unità di misura. La capacità calorifica specifica dell acqua e circa J/kg K. Se un kilogrammo di acqua a 20 C viene riscaldato a 60 C, tale operazione richiede J, calcolati secondo la seguente formula: 1 kg x J/kg K x (60-20) gradi K Il valore così ottenuto è 167,2 kj, quindi, come si può osservare, un joule non è una grande quantità di energia! Per l esperimento avrete bisogno di: acqua, una bilancia, un bollitore elettrico, un termometro, un wattometro ed un timer. Ecco cosa dovete fare: 1. Inserite una quantità di acqua ben definita nel bollitore elettrico e misuratene la temperatura. 2. Iniziate a calcolare il tempo nel momento in cui accendete il bollitore e misurate la potenza assorbita dal bollitore stesso in watt. 3. Quando il bollitore si spegne, fermate il tempo e misurate con cautela (l acqua calda può causare ustioni!) la temperatura dell acqua. 4. Calcolate l apporto di energia fornito utilizzando il valore indicato dal wattometro ed il tempo di riscaldamento. Utilizzando la misura della massa dell acqua (valore noto), l aumento della temperatura rilevato e la specifica capacità calorifica del acqua, calcolate il calore assorbito dal liquido. Domanda: Corrispondono? Se no, perché? 9

14 Nota: Per quanto la conversione dell energia nel bollitore si possa considerare molto efficiente, l elettricità potrebbe essere stata prodotta in una centrale a combustibile fossile, con un efficienza inferiore al 50%, come vedremo in seguito. Domande: 1. Se un individuo che lavora sodo può produrre in media 200 W di resa energetica, quanti joule di lavoro può produrre un essere umano in media in un anno di lavoro? A quanto equivale questo valore espresso in kwh? 2. Il vostro wattometro può avere la capacità di determinare quanti kilowattora di energia vengono utilizzati per un particolare compito. Se questo è il caso, individuate la quantità di energia necessaria per lavare una certa quantità di indumenti o di stoviglie. 3. Nell industria si utilizzano comunemente sistemi a vapore, poiché per fare evaporare l acqua è necessario somministrare calore latente, che viene poi rilasciato al momento della condensazione del vapore. Il calore latente è la quantità di energia sotto forma di calore rilasciata o assorbita da una sostanza chimica al momento del cambio di stato (ad esempio solido, liquido, gassoso) o in transizione di fase. Qual è il calore latente di un kilogrammo di acqua (a pressione atmosferica) e che relazione ha con il calore necessario per far aumentare la temperatura dell acqua allo stato liquido fino a 80 C? Definizione: Il calore latente è la quantità di energia sotto forma di calore rilasciato o assorbito da una sostanza chimica nel cambio di stato (ovvero solido, liquido, gassoso) o in transizione di fase. Key Points: I punti chiave del presente paragrafo sono: Le unità misura di energia e di potenza sono rispettivamente watt e joule, ma i loro valori sono molto piccoli e quindi utilizziamo multipli di essi come unità di misura L energia che utilizziamo quotidianamente supera di gran lunga la capacità umana. Web links: AIE - Agenzia Internazionale dell Energia:http://www.iea.org Agenzia Europea per l Ambiente: Segue Nella sezione che segue apprenderemo da dove venga l energia che utilizziamo e come venga convertita e distribuita prima di considerarne l utilizzo nell industria. 10

15 Capitolo 2: Fonti energetiche Obiettivi didattici: In questo capitolo parleremo di Le principali fonti di energia, sia rinnovabili che non rinnovabili Come stia crescendo l uso di energie rinnovabili Per energia primaria si intende l energia che non ha subito alcuna conversione o trasformazione. Sono forme di energia primaria l energia non rinnovabile contenuta in combustibili grezzi come carbone, greggio, gas naturale, uranio ed energie rinnovabili come quelle solare, eolica, idroelettrica e geotermica. Quando si guarda alle tendenze nella fornitura delle singole fonti, si vede che c è stato un incremento generale nella fornitura globale di energia nel corso degli ultimi 35 anni. Nel contesto di questa crescita generale, il gas e l energia nucleare hanno giocato una parte più importante in termini quantitativi, con una riduzione proporzionale nell utilizzo del petrolio. L Europa è ancora in larga misura dipendente dai combustibili fossili. Tra il 1990 ed il 2005, la percentuale di combustibili fossili sul totale del consumo di energia è diminuita solo in misura modesta dall 83 al 79% circa (vedi Fig. 1). Nel corso dei primi10 anni del periodo considerato, il gas è diventato più largamente utilizzato per la produzione di elettricità, con un proporzionale decremento del carbone. Ciò ha avuto come risultato una riduzione importante nelle emissioni. Dal 1999, l uso di carbone ha ripreso quota come conseguenza delle preoccupazioni riguardanti la fornitura e gli aumenti nelle tariffe applicate per il gas. Million tonnes of oil equivalents Renewables Nuclear Coal and lignite Gas Fig. 1 - Il consumo totale di energia primaria nei combustibili, UE-27. Fonte: Agenzia Europea dell Ambiente - Energia e Ambiente, 2008 In questo periodo, l energia rinnovabile ha il maggiore tasso di crescita annuale sul totale dell energia primaria consumata, con una media del 3,4% tra il 1990 ed il Le biomasse ed i rifiuti sono state le fonti che hanno dimostrato la maggior crescita, come mostrato in Fig

16 Shares in primary energy consumption (%) 7,0 6,5 6,0 5,5 5,0 4,5 4,0 3,5 3,0 2,5 2,0 1,5 1,0 0,5 0, Solar Wind Geothermal Hydro Biomass and waste Fig. 2 - Contributo delle fonti rinnovabili al consumo di energia primaria nei 27 paesi membri dell UE. Fonte: Rapporto Agenzia Europea del Ambiente - Energia e Ambiente, 2008 Paesi diversi usano naturalmente quantità differenti di energia primaria, a seconda della popolazione, dell intensità di energia della relativa industria, del clima, eccetera. La Fig. 3 mostra il consumo di energia primaria nei paesi membri nel corso del 2006, espresso in tonnellate equivalenti di petrolio. 1,000 t.o.e Bulgaria Czech Germany Ireland Greece Spain France Italy Latvia Netherlands Austria Portugal Romania Slovenia United 2006 Fig. 3 Produzione di energia primaria nei paesi membri nel 2006 (in migliaia di T.E.P.) Fonte:sito Eurostat Può risultare interessante, ai fini di una migliore comprensione considerare, il mix energetico nei diversi paesi. Nei 27 paesi membri, utilizzando i dati riferiti al 2005, il 79% dell energia è stata prodotta utilizzando petrolio, gas e carbone con percentuali del 36,7%, 24,6% e 17,7% rispettivamente, mentre il 54% di esse è stato importato. Nella figura sotto riportata, il consumo totale di energia per ciascun paese viene rappresentato come 100% e questo totale viene poi suddiviso tra le diverse fonti di energia. 12

17 100% 80% 60% 40% 20% 0% 20% EEA EU 27 EU 15 Bulgaria Czech Republic Germany Ireland Greece Spain France Italy Latvia Netherlands Austria Romania Slovenia United Kingdom Imports exports of electricity Renewables Nuclear Fig. 4 Percentuale del consumo totale di energia primaria da combustibili nei paesi membri nel Fonte: Agenzia Europea dell Ambiente - Energia e Ambiente, 2008 La fig. 5 riportata di seguito mostra la fonte dell energia primaria e la destinazione finale del consumo energetico per i 27 paesi dell UE. Quasi un quarto dell energia primaria consumata viene dispersa nelle operazioni di trasformazione e distribuzione. Il settore dell energia in sé consuma circa il 55 per il proprio funzionamento. Da questa figura si evince l importanza relativa delle diverse fonti di energia e dei settori di consumo, con l industria direttamente responsabile di meno di un quinto della domanda di energia. Gas Oil Coal and lignite Fig. 5 Struttura dell efficienza di trasformazione e distribuzione dell energia dal consumo di energia primaria al consumo finale di energia, UE-27, Fonte: EEA, Eurostat Il consumo finale di energia nei 27 paesi membri dell UE è sceso dell 11% circa tra il 1990 ed il La gran parte di ciò è avvenuto durante la recessione dei primi anni 90, come si può vedere in Fig. 6. Insieme ad un miglioramento in termini di efficienza, è avvenuto uno spostamento a sistemi industriali a minore intensità energetica e ad un economia basata sui servizi all interno dell UE. Per quanto ciò possa aver portato ad una riduzione nei consumi energetici all interno dell UE, dovremmo ancora considerarci utenti indiretti dell energia utilizzata e produttori di gas serra e di altri agenti inquinanti se utilizziamo prodotti e manufatti provenienti dal di fuori dell UE. 13

18 Fig. 6 Consumo energetico finale per settore Fonte: Agenzia Europea dell Ambiente; Eurostat Problematiche legate alle fonti di energia non rinnovabili (fossili e nucleare) Quando bruciamo combustibili fossili, produciamo biossido di carbonio e contribuiamo così ai cambiamenti climatici. Inoltre, a seconda delle condizioni di combustione, delle strumentazioni utilizzate per la depurazione dei gas di scarico e specialmente della composizione del combustibile, possiamo produrre fumi e gas che portano all acidificazione. I combustibili fossili sono, infine, una risorsa limitata e spesso si trovano in aree geograficamente distanti dall Europa. Problema Risorse finite Garanzia di fornitura Emissione di gas serra Emissioni inquinanti Soluzione Non esiste soluzione: carbone, gas e petrolio sono limitati. Possiamo esplorare le profondità degli oceani, l Artico e l Antartide per trovare ulteriori quantità di combustibili fossili, ma a costi finanziari ed ecologici di gran lunga maggiori. Oltre alla limitatezza delle scorte, ci serviamo di trasporti via nave e di oleodotti e gasdotti per trasportare i combustibili fossili da una parte all altra del mondo e l instabilità politica può portare a difficoltà legate all accesso ai territori interessati. Esistono progetti di sviluppo di tecnologie per catturare le emissioni di anidride carbonica ed immagazzinarla, ma sussistono dubbi sulla possibilità tecnica di realizzo, i costi ed i rischi connessi allo stoccaggio. Le costose strumentazioni per la depurazione delle emissioni, l accurata preparazione dei carburanti ed il sofisticato controllo della combustione hanno portato a risultati positivi nella riduzione dell inquinamento in Europa, ma anche ai relativi costi. Tutte queste soluzioni presentano dei problemi, quindi un incremento dell efficienza ed un utilizzo intensivo di energia prodotta con fonti rinnovabili è un obiettivo primario per il futuro. Il picco del petrolio Vi è accordo generale tra le 18 stime riconosciute per i profili di fornitura sul fatto che il picco di estrazione del petrolio si avrà nel 2020 ad una ritmo di 93 milioni di barili al giorno (mbg). Il consumo attuale di petrolio è al ritmo di 0,18 ZJ l anno (31,1 miliardi di barili) o 85 mbg, ma la preoccupazione è diffusa e riguarda l inadeguatezza delle scoperte di nuovi giacimenti a soddisfare la domanda crescente. (fonte. 14

19 Fig. 7 Produzione mondiale nel tempo (fonte: ASPO,. 2005) Il picco del petrolio è il punto di mezzo della produzione globale di idrocarburi. Nel 1956 M. King Hubbert, un geologo che lavorava per la Shell, aveva previsto che il picco della produzione di petrolio negli Stati Uniti sarebbe arrivato alla fine degli anni 60. Benché deriso dalla maggior parte dell industria, Hubbert aveva ragione. E stato il primo ad asserire che la scoperta del petrolio e la conseguente produzione avrebbero seguito una curva a campana nel corso del loro ciclo di vita. Dopo il successo nelle previsioni del picco di estrazione negli Stati uniti, questa analisi è nota come picco di Hubbert. (fonte: Energia rinnovabile Secondo l Agenzia internazionale dell Energia (2007), le energie rinnovabili erano nel 2004 la fonte del 13,1% della fornitura globale di energia primaria, con le biomasse (79,4%) e l idroelettrica (16,7%) come fonti principali. Le nuove fonti di energia rinnovabile il solare, l eolico e le maree danno meno dello 0,1% del totale di energia primaria. Nel suo Scenario di Politiche Alternative (politiche guidate da preoccupazioni per la sicurezza dell energia, l efficienza energetica e l ambiente, in discussione ma non ancor adottate e che potrebbero frenare la crescita della domanda di energia) l Agenzia Internazionale del Energia (2007) ha previsto che entro il 2030 le rinnovabili si assesteranno intorno al 14% del consumo globale di energia, ma la loro quota nel mix dell elettricità andrà dal 18 al 25% (fonte: weo/2007.asp). In Europa le energie rinnovabili hanno il più alto tasso annuale di crescita nel consumo totale di energia primaria, con una media del 3,4% tra il 1990 ed il 2005, anche se l uso attuale mostra una grande varietà nei diversi paesi, come mostrato nella Fig. 8 sotto riportata: 1,000 t.o.e Bulgaria Czech Republic Germany Ireland Greece Spain France Italy Latvia Netherlands Austria Romania Slovenia United Kingdom Fig. 8 Produzione di energia primaria da fonti rinnovabili nel 2006 (biomasse, geotermia, energia idroelettrica, eolica e solare in migliaia di T.E.P.) Fonte: sito Eurostat

20 Uso delle energie rinnovabili nell'industria Energia idroelettrica I mulini ad acqua sono stati uno primi esempi di sfruttamento di una forma di energia rinnovabile, utilizzando l energia dell acqua in movimento per far funzionare delle apparecchiature. Più tardi, la generazione dell elettricità è diventata pratica comune. Un impianto di produzione di energia idroelettrica con stoccaggio dell acqua tramite impianto di pompaggio rappresenta un consumo netto di energia, ma è una tecnologia utilizzata per immagazzinare energia generata in eccesso, per utilizzarla poi a tempo debito. L acqua viene pompata nei bacini di stoccaggio in quota di notte, quando il prezzo dell elettricità è minore e durante i picchi di consumo, quando il prezzo dell elettricità è maggiore, l acqua immagazzinata viene utilizzata per produrre energia elettrica. Dato che molte fonti di energia rinnovabile sono variabili, questa tecnologia è particolarmente utile per immagazzinare grandi quantità di energia. Energia eolica I mulini a vento, come quelli ad acqua, erano utilizzati di frequente in passato per far funzionare macchinari e strumentazioni, ma è ora più comune vedere impianti a turbina azionati dal vento per generare elettricità. Gruppi di turbine installati in alto mare sono particolarmente interessanti, perché non occupano superficie sul suolo ed hanno a disposizione una presenza più costante e consistente di vento. Occasionalmente, un industria può anche installare alcune turbine eoliche nel caso abbia superficie disponibile per l installazione. Energia solare Impianti fotovoltaici (PV) di dimensioni anche ridotte sono diventati comuni, particolarmente per fornire energia a singoli strumenti e macchinari, e collettori solari termici vengono utilizzati per soddisfare quote modeste dei bisogni di riscaldamento. Le applicazioni su larga scala sono rare, coinvolgono serie di specchi parabolici che concentrano la luce del Sole in un tubo contenente un liquido di trasferimento per il calore, ad esempio olio, poi utilizzato per far bollire l acqua che a sua volta, azionando un generatore, produce elettricità. L energia del mare: le onde e le maree Ad eccezione dell esplorazione in mare aperto e delle luci per la navigazione, questa applicazione è limitata alla produzione di energia elettrica per il consumo e per lo sviluppo della stessa tecnologia. Le dighe di contenimento delle correnti, come ad esempio l impianto di Rance in Francia, catturano l energia dell acqua che scorre dentro e fuori dei bracci di mare interessati. Il salire e lo scendere del livello dell acqua tra le maree fornisce l energia potenziale che si può catturare. Le correnti marine, che muovono vaste quantità di acqua, possono anche venire utilizzate per far girare turbine installate sotto il livello dell acqua stessa e che catturano l energia cinetica. E, ad esempio, il caso di Strangford Lough in Irlanda del Nord. Il movimento delle onde generato dal vento si può convertire in energia elettrica che viene poi trasportata fino agli utenti finali. Questi temi sono attualmente oggetto di molte attività di ricerca. Geotermia L energia geotermica viene spesso associata alle sorgenti calde, ai geyser ed all attività vulcanica, presenti ad esempio in Islanda o in Nuova Zelanda. Nel 1904, però, è stato costruito il primo impianto geotermico a vapore asciutto a Larderello in Toscana. L impianto di Larderello fornisce energia a circa un milione di famiglie. Le pompe di calore geotermiche sfruttano macchinari elettrici per estrarre il calore dal suolo nei pressi della superficie, a pochi metri di profondità. Fun- 16

21 zionano come i frigoriferi ed usano la grande massa termica del suolo per estrarre il calore, la cui temperatura viene incrementata dal circuito della pompa di calore ad un livello in cui può essere utilizzato per il riscaldamento. L utilizzo è limitato agli usi domestici. Biomasse Le materie prime vegetali possono essere coltivate apposta per venir utilizzate come fonte energetica tramite combustione per produrre energia termica oppure, con un processo di trasformazione, essere convertite in combustibili liquidi o gassosi o per generare elettricità. Le biomasse vengono spesso considerate una fonte di energia neutrale dal punto di vista delle emissioni di carbonio, poiché il carbonio rilasciato durante la combustione era stato precedentemente assorbito durante il ciclo di vita della pianta. Se si procede poi a piantare nuove colture, esiste la possibilità di ottenere un ciclo chiuso, per quanto andrebbero considerate anche le emissioni di metano conseguenti alla decomposizione del materiale vegetale. La piantumazione dedicata di alberi da utilizzare come combustibile è una tecnica utilizzata da secoli ed il loro uso moderno è soltanto un estensione della tradizione. Le biomasse presentano il vantaggio, rispetto ad altre forme di energia rinnovabile, che possono essere immagazzinate. Tuttavia sono state mosse critiche al fatto che coltivare piante per la produzione di combustibili può comportare il cambiamento di destinazione dei terreni altrimenti dedicati alla produzione di cibo, con le conseguenze di possibile scarsità di scorte alimentari e prezzi alti. Energia dai rifiuti I rifiuti possono essere utilizzati per fornire energia termica o elettrica. I rifiuti biodegradabili depositati nelle discariche producono naturalmente il biogas da discarica, che si può bruciare, e viene in genere utilizzato per produrre corrente elettrica, mentre il calore prodotto contestualmente viene in genere disperso. I liquami, gli scarichi fognari, compresi quelli provenienti dagli allevamenti, e gli scarti biodegradabili prodotti da birrerie, macelli ed altre industrie agroalimentari, possono essere naturalmente decomposti (digestione anaerobica) per la produzione di un combustibile ricco di metano. I rifiuti combustibili di origine domestica, commerciale ed industriale, ad esempio gli imballaggi, si possono bruciare in un inceneritore oppure in un forno da cemento, per la produzione di calore o di energia elettrica. Molte industrie non agro-alimentari, ad esempio gli impianti di produzione di carta e di mobili, producono ingenti quantità di materiali bio-degradabili o combustibili che si possono utilizzare come fonte energetica. Tuttavia, in tutti questi casi, va considerato se i rifiuti non rappresentino un esempio di inefficienza nel processo a cui andrebbe posto rimedio e, benché il materiale possa essere simile alle fonti rinnovabili, se questo non viene controbilanciato da nuove colture, si converte in emissioni di carbonio. I materiali di valore andrebbero separati dai rifiuti prima della combustione e andrebbe, inoltre, posta la massima attenzione per garantire che non si crei inquinamento dovuto alle emissioni gassose o agli scarichi in forma liquida. Domande: 1. Quali sono le più comuni fonti di energia nel vostro paese? Determinate il rapporto tra fonti rinnovabili e non rinnovabili, quindi suddividete queste ultime ulteriormente, indicando le varie fonti rinnovabili ed i combustibili fossili. Qual è la condizione degli altri paesi europei? 2. Come è la condizione del vostro e degli altri paesi europei per quanto riguarda i valori relativi a persona? (Lavorate in gruppi con un paese assegnato a ciascun gruppo della classe) Iniziate controllando i siti riportati più in basso. 17

22 Punti chiave: I punti chiave di questa sezione sono: L UE dipende ancora in maniera significativa dai combustibili fossili (il che causa preoccupazioni per le emissioni di gas serra) e molti di questi combustibili sono importati (il che causa preoccupazioni sulla garanzia della fornitura). Esiste un considerevole potenziale e viene riposto un grande interesse nelle energie rinnovabili, ma rimane ancora molto da fare in questo senso. Web links Il Portale Informativo sull Ambiente: action=select_variable&theme=6 Agenzia Europea dell Ambiente: Eurostat, pagina Ambiente e Energia: _pageid=0, ,0_ &_dad=portal&_schema=portal Segue: Nel Capitolo 3 parleremo di come questa energia primaria possa venire convertita in forme di energia trasportabili come l elettricità o combustibili quali il diesel o il bio-etanolo. 18

23 Capitolo 3: Trasformazione ed uso industriale dell'energia 3.1 Trasformazione dell energia (vettori di energia) Obiettivi didattici: In questa sezione parleremo di Come si trasformi l energia in forme più utili: combustibili liquidi ed elettricità Come un consumo ingente di energia in ambito industriale sia da inserire nel contesto del consumo totale di energia Quali siano i principali vettori ed utilizzatori di energia nell industria Tipologie di energia e vettori Il diagramma riportato sotto in Fig. 1 illustra i concetti di energia primaria, trasformazione, energia secondaria ed utilizzo finale. Fig. 1 Diagramma che illustra le trasformazione dell energia primaria (ad esempio carbone o vento) in energia secondaria (ad esempio elettricità) ed utilizzo finale per riscaldamento, illuminazione, motori, eccetera. Fonte: BREF UE (Note di riferimento sulle migliori tecniche disponibili) sull efficienza energetica Può risultare difficile trasmettere l energia primaria nella sua forma naturale. Le energie primarie vengono quindi convertite utilizzando processi di trasformazione per ottenere vettori di energia di più agevole utilizzo: l energia secondaria. L elettricità è la forma più comune di energia secondaria, prodotta da carbone, petrolio, gas naturale, vento, energia idroelettrica, eccetera in una centrale elettrica. La facilità di utilizzo dell elettricità come vettore di energia ha portato allo sviluppo di una rete di distribuzione per trasportare la corrente elettrica dalle centrali di produzione fino ai luoghi di utilizzo. L uso di energie rinnovabili, inoltre, ha favorito lo sviluppo di forme di produzione di energia più distribuite, pertanto la trasformazione di energia primaria in energia secondaria relativamente semplice da distribuire richiede sistemi più sofisticati. L elettricità si può trasportare, ma lo stoccaggio non è molto agevole. I combustibili liquidi, invece, sono facilmente stoccati e trasportati. Il greggio si può raffinare e trasformare nella gamma di combustibili che tutti conosciamo (diesel, benzina, eccetera) che possono a loro volta essere convertiti in energia termica - ad esempio in riscaldamento per i nostri edifici - oppure in energia meccanica - ad esempio nei mezzi di trasporto. Comunque, va ricordato che la raffinazione ed il trasporto consumano energia. Come vedremo in seguito, un industria può anche convertire elettricità o carburante in un altra forma di vettore di energia, come ad esempio l aria compressa o il vapore. Gli utenti finali dell - energia possono utilizzare energia primaria o secondaria per fini svariati, quali l illuminazione, la locomozione, il riscaldamento, eccetera. 19

24 Produzione di carburanti I principali carburanti liquidi vengono prodotti per distillazione frazionata di greggio (un misto di idrocarburi e idrocarburi derivati che vanno dal metano ai bitumi pesanti). In genere i carburanti come il kerosene ed il diesel vengono utilizzati nell industria per il riscaldamento e per la produzione di vapore. La benzina ed il diesel, inoltre, sono il principali carburanti per il trasporto su strada e su rotaia. Il gas di petrolio liquefatto (GPL) è un gas liquefatto in condizioni di alta pressione per lo stoccaggio e la movimentazione che viene utilizzato nel riscaldamento e come carburante per mezzi di trasporto. I biocarburanti liquidi si possono produrre anche da materie prime biologiche. I materiali di origine biologica, siano essi coltivati appositamente o scarti di produzione, possono venire convertiti biochimicamente in carburanti quali metanolo, etanolo, esteri metilici (biodiesel) o eteri metilici. Sono stati inoltre condotti tentativi di ottenere questi carburanti da coltivazioni specifiche (agro-carburanti), ma è in corso un importante dibattito (cibo o carburante) sulla convenienza di questi processi si veda a riguardo il manuale sui trasporti per ulteriori approfondimenti ed occasioni di discussione. Produzione di elettricità L elettricità può venire prodotta utilizzando fonti rinnovabili, quali vento, energia idroelettrica, solare e geotermica, biomasse, ma la maggioranza viene prodotta utilizzando combustibili fossili o tramite reazioni nucleari, come mostra la Fig. 2 relativa alla produzione nei 27 paesi membri dell UE. La percentuale relativa di utilizzo di gas in UE è cresciuta in seguito alle sue caratteristiche di combustione pulita, ma sussistono continue preoccupazioni sulla garanzia delle forniture e sulle tariffe in costante aumento. Il contributo di energia rinnovabile alla produzione di elettricità nei singoli paesi è mostrato sotto Fig. 2 Produzione di elettricità utilizzando combustibili nei 27 paesi membri dell UE Fonte: sito in Fig. 3, in cui si evidenzia che si può fare molto meglio! Agenzia Europea dell Ambiente Fig. 3 Percentuale di energia rinnovabile nel consumo lordo di elettricità e 2010 indicano obiettivi da raggiungere per i paesi membri dell UE. Fonte: EEA, La maggior parte delle centrali di produzione di energia elettrica sono progettate per produrre esclusivamente elettricità. In generale, vi si bruciano combustibili fossili per produrre energia termica. Per l energia nucleare viene utilizzata una specifica tecnologia che permette di estrarre energia utilizzabile sotto forma di calore dal nucleo degli atomi tramite reazioni controllate di fissione. Questo calore, a sua volta, converte l acqua allo stato liquido in vapore pressurizzato che aziona una turbina e produce energia meccanica (di rotazione). Questa rotazione causa un movimento relativo tra campo magnetico e conduttore, e viene così pro-

25 dotta l elettricità. Dopo l azionamento della turbina, il vapore si trova a condizioni di pressione inferiori e viene fatto condensare con un raffreddamento esterno prima di essere riportato in forma condensata per far ricominciare il processo. Un aspetto critico di questa operazione è che l efficienza globale può essere piuttosto bassa: 40-50%. Il calore viene disperso tramite i gas di scarico che vengono rilasciati nell atmosfera e con la perdita di calore dall edificio e dalle attrezzature, ma ancora più importante, il calore viene trasferito al sistema di raffreddamento quando il vapore viene condensato. Questo raffreddamento è essenziale ed in estate, alcuni impianti europei hanno dovuto ridurre la produzione a causa dei limiti alla possibilità di raffreddamento. Un ulteriore 5-10% dell energia viene poi disperso nella trasmissione dell elettricità attraverso la rete di distribuzione. Centrali a ciclo combinato Un impianto a ciclo combinato è una centrale energetica in cui gas o un altro combustibile viene bruciato dapprima per azionare una turbina a gas, dopo di che i gas di scarico emessi vengono utilizzati a loro volta per produrre vapore. Anche se l efficienza è maggiore, l utilizzo è largamente limitato ad impianti di nuova costruzione e che hanno accesso a forniture di gas, per quanto altre fonti fossili, come ad esempio il carbone, possono essere gasificate ed utilizzate in questa tecnologia. Il bilancio termico globale viene mostrato nella figura seguente: Fig. 4 - Distribuzione di energia in un impianto di produzione a ciclo combinato. (Fonte : Progress in Energy and Combustion Science 33 (2007) ) Centrali combinate termo-elettriche (in cogenerazione) Le centrali combinate di cogenerazione (CHP) sono impianti progettati per la produzione di calore ed elettricità. Questi impianti possono soddisfare soltanto la domanda interna (producono per il proprio consumo) oppure possono vendere calore ad impianti industriali e ad abitazioni localizzati nelle vicinanze con un sistema locale di riscaldamento ed esportare elettricità alla rete 21

26 di distribuzione. L utilizzo di impianti di cogenerazione CHP permette di ottenere un grado molto significativo di efficienza energetica, visto che livelli di efficienza generalmente inferiori al 50% per gli impianti che producono esclusivamente elettricità vengono portati al 75% per gli impianti CHP, come mostrato in Fig. 4. Tuttavia, come si può vedere in Fig. 5, l utilizzo di questi sistemi è limitato in molte aree d Europa. Fig. 5 Efficienza nella trasformazione di energia Fonte: sito dell Agenzia Europea dell Ambiente Fig. 6 Percentuale di produzione combinata di calore ed elettricità nella produzione lorda di elettricità nel Fonte: sito Eurostat Domande: Quali sono le modalità più comuni utilizzate per la produzione di elettricità nel vostro paese? Quanta elettricità (in GWh e come percentuale sul totale) viene generata con l utilizzo di fonti rinnovabili nel vostro paese? Qual è il rapporto con altri paesi europei? 22

27 Bilanci energetici nazionali ed intensità energetica Bilanci energetici Caso Studio: Un bilancio energetico nazionale Considerate il seguente diagramma che illustra il flusso di energia in Irlanda. Questo tipo di diagramma si chiama diagramma Sankey. L ampiezza delle frecce è proporzionale alla grandezza dei flussi di energia. L energia primaria fornita deve bilanciare l energia consumata. Si possono fare velocemente alcune osservazioni: L Irlanda è un paese che dipende dai combustibili fossili, senza energia nucleare e scarse energie rinnovabili. La maggior parte dell energia viene consumata dai trasporti, mentre la domanda energetica dell industria è relativamente bassa. Fig. 7 Flusso di energia in Irlanda nel 2005 Fonte: Efficienza energetica in Irlanda Energia Domande: Ottenete dati simili per il vostro paese e tracciate il corrisponderete diagramma di Sankey. Quale percentuale di energia viene fornita da fonti non rinnovabili? Quale percentuale di energia primaria viene dispersa nella trasformazione? Quale è la percentuale del consumo energetico nell industria nel vostro paese? Calcolate la quantità di energia utilizzata a persona (intensità energetica) nel vostro paese. Conoscendo il mix di combustibili, qual è l intensità di carbonio (quantità di carbonio utilizzato per persona)? Avrete bisogno di informazioni addizionali sulle quantità di carbonio associate a petrolio, gas e carbone. Qual è il rapporto con la media europea? Suggerimento: consultate il sito Eurostat. 23

28 Intensità energetica Cosa ci dicono i numeri? L intensità energetica è una misura del totale dell energia consumata in rapporto all attività economica. Il consumo totale di energia nei 27 paesi membri dell UE è cresciuta ad un ritmo annuale appena superiore allo 0,8% nel periodo , mentre il Prodotto Interno Lordo (PIL una misura economica) nei prezzi costanti è cresciuto ad un ritmo annuo del 2,1% nel corso dello stesso periodo. Il risultato è che l intensità energetica totale nei 27 paesi membri dell UE è caduta ad un tasso medio di -1,3% l anno. Questo risultato apparentemente positivo viene descritto nella Fig. 8 riportata sotto: Fig. 8 - Intensità energetica totale nei 27 paesi membri dell UE nel periodo , in cui 1990=100 Fonte: Eurostat ed Agenzia Europea dell Ambiente In ogni caso, dobbiamo tener conto del fatto che l aumento percentuale annuo dello 0,8% nel consumo di energia si somma ad un aumento generale del 12% nella domanda energetica. In termini economici, possiamo forse essere più efficienti nell utilizzare meno energia per produrre un risultato economico, ma la pressione sull ambiente è ancora cresciuta. Per ottenere un immagine migliore dell impatto, va considerato il mix dei combustibili utilizzati e come esso vari da paese a paese ed in particolare l importanza della dipendenza da fonti non rinnovabili. Questo ci dà una misura nota come intensità di carbonio o impronta di carbonio, che riflette l ammontare di carbonio emesso a persona per ciascun paese. In ogni caso è bene ricordare che dobbiamo sempre prestare la massima attenzione nell utilizzo dei dati statistici. Esercizio: Considerate il grafico che segue (Fig. 9) che descrive il consumo energetico nazionale totale. Ridisegnatelo sulla base della popolazione, vale a dire del consumo energetico pro capite della popolazione. 24

29 Fig. 9 Consumo energetico finale nei paesi membri nel 1995 e nel 2006 (Fonte: sito Eurostat) Tabella 1 Consumo energetico finale /in migliaia di T.E.P.) nei paesi membri nel 1995 e nel dati di riferimento per la Fig. 9 riportata sopra (Fonte: sito Eurostat) Questi dati probabilmente non riflettono il comportamento nei confronti dell energia degli individui, ma piuttosto la natura dell industria, le modalità di trasporto ed il consumo domestico nel paese e le particolari condizioni economiche. Weblinks : Agenzia Europea dell Ambiente: Eurostat, pagina Ambiente e Energia: _pageid=0, ,0_ &_dad=portal&_schema=portal Segue: Nella sezione che segue parleremo di come l energia venga consumata dall industria come parte del consumo totale di energia e, più in generale, per quali finalità tale energia venga utilizzata. 25

30 3.2 Utilizzi finali dell'energia nell'industria I principali utilizzi finali di energia nell industria sono: Termico Elettrico Forni Riscaldamento Raffreddamento Refrigerazione Cottura in forno Asciugatura Riscaldamento e raffrescamento degli ambienti, inclusa la ventilazione Motori Pompe Ventole Nastri trasportatori Operazioni di macinatura, molitura, triturazione Processi industriali di lavorazione, sagomatura, manifattura Sistemi sottovuoto Illuminazione Tabella 1: Principali utilizzi finali dell energia Più dell 85% dell elettricità utilizzata nell industria viene consumata dai motori elettrici. Essi convertono l energia elettrica in energia meccanica, facendo funzionare pompe, ventole, nastri trasportatori, compressori, eccetera. I motori sono spesso in funzionamento per molte ore ed hanno un periodo di utilizzo di molti anni, quindi scegliere motori ad alta efficienza e garantire che vengano ben utilizzati è cruciale per minimizzare il consumo di elettricità. L illuminazione è un'altra voce di consumo molto significativa nell industria. I cambiamenti necessari a ridurre i consumi si possono realizzare facilmente e comprendono garantire che i livelli di illuminazione siano appropriati per le operazioni da compiere e installare sistemi di illuminazione che garantiscano più luce utile per unità di energia utilizzata. I circuiti di refrigerazione usano un fluido di raffreddamento che sottrae il calore latente. Di norma questo fluido viene poi pressurizzato e condensato per il suo riutilizzo. L energia per la pressurizzazione del fluido è di solito fornita dall elettricità tramite un motore elettrico. Ventole e compressori rispondono ad esigenze di ventilazione ed alle necessità legate ai processi produttivi. Estraggono l aria dagli edifici ed introducono aria fresca dall esterno. Gli impianti di condizionamento dell aria che utilizzano gas refrigeranti vengono utilizzati anche per controllare le condizioni di umidità e di temperatura all interno di un edificio. Funzionamento delle caldaie Obiettivi didattici: In questo capitolo parleremo di:: Cosa sia una caldaia Dove si verifichino le dispersioni Come si possano evitare le perdite ed incrementare l efficienza Definizione Una caldaia è un macchinario che utilizza calore per produrre acqua calda o vapore. Di norma si utilizza un combustibile fossile come fonte di energia. Se la caldaia è molto piccola si può utilizzare anche l elettricità. Come avete appreso in precedenza nello svolgimento di un esercizio, il vapore contiene calore latente che fa evaporare l acqua ed è un vettore di calore più concentrato di un liquido caldo. Il vapore può venire utilizzato anche per il riscaldamento (incluse evaporazione e distillazione) ed anche per far funzionare attrezzature meccaniche, quali compressori a centrifuga e turbine a vapore che possono far funzionare macchinari o venire utilizzate per generare elettricità. Dopo che il vapore si è condensato, di solito viene riportato nella caldaia per evitare di disperdere l acqua ed il calore residuo nel liquido stesso. 26

31 Fig. 1 Vista in sezione di una caldaia a gas (1) Le categorie principali nell incremento dell efficienza energetica sono le seguenti: In Fig. 1 si può osservare il flusso dell energia in una caldaia. Le perdite più significative si hanno nei gas di combustione. Radiazione, convezione e calore disperso nella fase di scarico dei gas sono tra il 3 ed il 4% Fig. 2: Tipico bilancio energetico di una caldaia (eseguito con Sankey Editor da STENUM) (2)] 27

32 Programma di incremento dell efficienza di una caldaia Definire i bisogni di riscaldamento presenti e a breve termine e le relative necessità in termini di relativo impianto caldaia Definire il divario: ricercare e classificare le opzioni di miglioramento INIZIO Definire lo stato attuale ed eseguire la verifica del sistema caldaia Definire obiettivi di miglioramento e traguardi (ad esempio aggiornamento dell impianto e delle attrezzature, efficienza, controlli, misurazione della performance, emissioni, eccetera) Rivedere i risultati e cercare un continuo miglioramento Definire il piano di implementazione ed iniziare ad implementare Fig. 3 Programma di miglioramento dell efficienza della caldaia (2) Un approccio sistematico per migliorare l efficienza delle caldaie, piuttosto che miglioramenti non sistematici comprende alcuni semplici passi come mostrato in Fig. 3. Per quanto importante possa essere il funzionamento economico ed efficiente del sistema caldaia, questo non va esaminato in maniera isolata. Quanto segue va controllato per ulteriori opportunità di risparmio e di recupero energetico: I bisogni di riscaldamento e gli aspetti legati all efficienza energetica di processi, prodotti ed attrezzature che utilizzano calore; I sistemi di distribuzione del calore (ad esempio il vapore e la condensazione). Le perdite di calore e di energia in un sistema caldaia si possono ridurre in molti modi diversi. Alcuni, come la cogenerazione di calore ed elettricità sono sofisticati e complessi; altri si possono facilmente realizzare ed offrono un buon ritorno. Le priorità per migliorare l efficienza energetica sono le seguenti: Diminuire la pressione del vapore del sistema o la temperatura dell acqua Evitare le perdite Mantenere la caldaia pulita. Eccetto il gas naturale, praticamente ogni tipo di combustibile lascia una certa quantità di deposito nel sistema. Nota: Ricordate, un millimetro di incrostazione può far aumentare il consumo di combustibile del 2% Tenere fuori l aria indesiderata Eliminare l acqua equivale a gettare denaro Perfino l acqua trattata (demineralizzata) introdotta nella caldaia contiene piccole quantità di sali minerali disciolti Massimizzare il ritorno di condensato caldo. Fig. 4 Fuga di vapore Un sistema a vapore e condensato deve essere appropriatamente progettato per eliminare il colpo di ariete e ridurre le perdite e la manutenzione Gas di scarico 28

33 Nota: Una riduzione della temperatura dei gas di scarico di 20 C comporta un miglioramento nell efficienza della caldaia dell 1% circa Domande: Dove si trovano le perdite principali di un sistema caldaia? Quali possibilità possono migliorare l efficienza ed evitare le perdite? Esempi recenti: Un impianto chimico risparmia dollari l anno monitorando e sostituendo quando necessario tutte parti delle tubazioni che perdono. Un impianto per la produzione del compensato ha ridotto il carico di vapore di kg/ ora ammodernando l isolamento delle tubazioni. Esecizio: 1. Molto probabilmente la vostra scuola ha una caldaia per riscaldare l acqua e per il riscaldamento dei locali in inverno. Controllate con i responsabili se è possibile organizzare una visita al locale caldaia, magari in estate quando la caldaia viene pulita o viene eseguita la manutenzione. Controllate i comandi della caldaia, le spie, il bruciatore, le tubazioni e la canna fumaria. 2. Pianificate una visita ad un azienda. Cercate di individuare risposte alle seguenti domande: Qual è la temperatura dei gas di scarico? Qual è la pressione del vapore (in bar)? Chi utilizza il vapore? Qual è la distanza tra caldaia ed utilizzatore del vapore? Le tubazioni sono isolate? Ci sono perdite evidenti? Quanta energia viene inserita nella caldaia? Sulla base della Fig. 2, Tipico bilancio energetico di una caldaia, sarete in grado di calcolare le perdite. Ventole e compressori Obiettivi didattici: In questa sezione parleremo di I tre semplici criteri per verificare se un motore è efficiente Una procedura che aiuta le aziende a migliorare i consumi dei motori Importanti consigli per il risparmio energetico relativi ad un sistema di tubazioni, illustrati con un esempio. Motori efficienti dal punto di vista energetico La pertinenza delle misure viene controllata con una semplice analisi. Come riferimento vengono utilizzati i cosiddetti costi del ciclo di vita, vale a dire il totale dei costi di investimento e manutenzione e dei costi legati all energia per l intero ciclo di vita utile del motore, di norma della durata di 10 o 20 anni. Nel cosiddetto test 1-2-3, tre criteri sono rilevanti: l età del motore, le ore annue di funzionamento, l efficienza media. 29

34 Criterio 1: Età del motore. L anno di fabbricazione si può ricavare dalla targhetta di identificazione oppure può essere richiesto al produttore, per cui è necessario il codice del modello. Criterio 2: Potenza nominale. Si può trovare anche questa sulla targhetta di identificazione. Criterio 3: Ore di funzionamento. Il consumo energetico si può calcolare ricorrendo a supporto tecnico o leggendo il contatore del tempo di funzionamento. Procedura: Dovrete assegnare un valore compreso tra 1 e 5 a ciascuno dei seguenti fattori: età, potenza nominale ed ore di funzionamento. La rilevanza delle misurazioni per il motore preso in esame vengono stabilite calcolando la somma dei tre valori. Tabella 2 Test (efficienza del motore) (4) Risultati secondo la tabella 2 Area rossa: se il punteggio è superiore a 10, è consigliabile procedere velocemente alla sostituzione del motore Area gialla: se il punteggio è tra 6 e 10, controllare il motore Area verde: se il punteggio è inferiore a 6, nessuna misura è necessaria Le tabelle seguenti vi daranno una scala di valutazione per i tre criteri: Il risparmio energetico sui consumi elettrici non si ottiene semplicemente sostituendo i motori con modelli nuovi e maggiormente efficienti. Con questa misura si può riuscire a realizzare solo una piccola parte del potenziale. La seguente procedura è consigliata per ottimizzare il consumo di energia. Fase 1: Analisi dei consumi Questa fase è la più importante per il massimo risparmio energetico. Analizzate attentamente le necessità legate al processo, discutete ed individuate i parametri rilevanti con le persone responsabili di esso. Quindi individuate la variazione dei consumi richiesta dal processo attraverso una discussione o effettuando delle misurazioni. Le misurazioni si devono eseguire prima che il processo venga ottimizzato, poiché la variazione relativa dovrà essere la stessa anche dopo l ottimizzazione a meno che l analisi non mostri che il processo stesso non è il migliore possibile e che l idea di base va cambiata. Fase 2: Analisi del macchinario che fornisce il vettore Il vettore utilizzato per il processo può essere: vapore, aria compressa, aria, acqua, eccetera. Le domande da porre sono: Le dimensioni del macchinario sono adeguate al consumo o è troppo grande? Nel secondo caso, il macchinario (pompa, ventilatore, compressore, eccetera) funziona a 30

35 carico parziale, con efficienza ridotta. Fase 3: Controllo appropriato del macchinario I parametri dei mezzi variano a seconda delle effettive condizioni in cui si svolge il processo. Quindi il funzionamento del macchinario deve essere adattato in maniera ottimale alle reali necessità. Di regola, si tratta di funzionamento regolato dalla frequenza per pompe e compressori. Fase 4: Ottimizzazione del motore elettrico Esistono tre importanti regole per questa fase: a) adattamento ottimale delle dimensioni del motore alla potenza effettiva rilevata; b) l efficienza del motore deve essere al suo massimo e c) il controllo deve essere adattato alle caratteristiche del consumo. Descrizione di base di un sistema di tubazioni La descrizione di base di un sistema può essere fatta utilizzando i seguenti dati da apposite targhette, schede tecniche o con semplici misurazioni. Nella maggioranza delle aziende, la gran parte di questi dati si possono ottenere chiedendoli ai dipendenti: 1. Lista delle 50 pompe più grandi (per potenza nominale) 2. Funzione di questi sistemi 3. Consumo di energia di ciascuna delle pompe 4. Gamma di operazioni (in una giornata/settimana) 5. Ore di funzionamento annuali e relativo consumo energetico annuo 6. Problematiche specifiche e necessità di manutenzione Esempio di sistema di tubazione: Un sistema di pompaggio ha la necessità che 50 m 3 /ora di acqua vengano pompati attraverso un tubazione delle lunghezza di 100 m. Considerando un diametro di 2 pollici, la necessità di energia è di 24 kw. Se il diametro viene aumentato a 4 pollici, la necessità viene ridotta a 5 kw. Il decremento nella velocità all interno del sistema ha come effetto una riduzione significativa nel consumo energetico e di acqua. La manutenzione ed i costi legati al ciclo di vita del sistema di pompaggio, i- noltre, vengono ridotti. Esperimento Considerate una visita ad un azienda in cui troverete molti motori elettrici (non dimenticate le pompe per l acqua e la pompa dell impianto di riscaldamento). Ecco un esperimento interessante per voi: Fate una lista dei motori e delle pompe equivalenti Fate una lista della capacità di ciascun motore o pompa (individuare le caratteristiche del macchinario per kw) Fate una lista delle ore di funzionamento (moltiplicate i giorni di funzionamento per le ore di funzionamento al giorno) per ciascun motore o pompa Componente Ponte di sollevamento auto Tabella 3: prendiamo ad esempio I dati di un concessionario di auto: Numero di Capacità per Capacità Ore di funzionamento kwh pezzi pezzo (kw) totale (kw) Compressore

36 Aria compressa Domande: vero o falso: Se il punteggio del test è tra i 6 e i 10 punti, tutto è in regola e non dovete far nulla E essenziale completare una lista dei consumi (kwh) per ciascun utilizzatore E essenziale comparare la capacità del componente in questione con la capacità effettivamente necessaria. Comprare un motore nuovo ogni anno è assolutamente necessario Un importante criterio da considerare è l etichetta del componente. Solo i motori più grandi e costosi sono davvero i migliori. Obiettivi didattici: In questo paragrafo parleremo di: Cosa sia l aria compressa e dove venga utilizzata Dove si riscontrino le perdite principali Come si possa migliorare il sistema ad aria compressa Definizione: L aria compressa si usa per fornire energia a macchinari pneumatici e per azionare alcune attrezzature specifiche. Di norma, i compressori vengono azionati da motori elettrici, ma i compressori molto grandi possono anche funzionare a vapore o con turbine a gas ed i piccoli macchinari portatili a benzina o diesel. I compressori sono macchinari inefficienti e fino al 90% dell energia utilizzata può venire dispersa sotto forma di calore. L aria compressa è conservata in un serbatoio che funziona da riserva e fornisce la rete preposta alla distribuzione e mantenuta in condizioni di pressione superiore a quella atmosferica ed a cui sono collegati gli strumenti. Nella Fig. 5 si possono osservare le fonti delle perdite. Solo il 5% dell energia totale viene immagazzinata nell aria compressa. Il 95% dell energia viene convertito in calore (anche le perdite meccaniche si trasformano in calore). Fig. 5 Bilancio energetico di un compressore (eseguito con SankeyEditor by STENUM) (3) Il risparmio potenziale realizzato ottimizzando un compressore sono illustrate in Fig

37 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% savings consumption 30% 20% 10% 0% current state leaks reduced superordinated control whole machine optimised Fig. 6 Risparmio energetico sistema ad aria compressa (3) La seguente procedura permette di minimizzare le perdite nei sistemi ad aria compressa. Si tratta di 4 fasi: 1 Evitare le dispersioni Una delle modalità fondamentali per migliorare l efficienza di qualunque installazione ad aria compressa è la riduzione delle perdite. Per quanto ogni sforzo andrebbe profuso per mantenere un sistema ad aria compressa a prova di perdite, tutti i sistemi ne hanno qualcuna. Esistono però diverse strategie per ridurre l insorgenza di perdite: Dove cercare le perdite Pozzetti per il condensato, raccordi, condutture, flange, collettori, filtri, cilindri, tubazioni flessibili, strumentazioni, attrezzature e punti di drenaggio. 2. Non generare una pressione più alta del necessario quanto più alta la pressione, tanto più aria fuoriuscirà da un foro di un certo diametro. 3. Non tenere il sistema in pressione nelle ore in cui non viene utilizzato soltanto perché alcuni macchinari necessitano di fornitura costante di aria compressa. Isolare le parti del sistema che richiedono aria compressa in momenti differenti. Le valvole di isolamento si possono far funzionare manualmente o in modalità automatica con l utilizzo di un semplice sistema di controllo, ad esempio con l impiego di interruttori a tempo e dispositivi di bloccaggio, oppure possono essere controllate tramite il sistema di gestione dell energia installato nell edificio, se esistente. Recupero del calore Dall 80 al 93% dell energia elettrica utilizzata da un compressore industriale viene convertita in calore. In molti casi, un sistema di recupero del calore appropriatamente realizzato può arrivare a recuperare dal 50 al 90% dell energia termica disponibile e riutilizzarla per il riscaldamento o la produzione di acqua calda. Tabella 4: Dispersioni di energia dovute a perdite 33

38 Esercizio Considerate una visita ad un azienda dei dintorni dotata di un sistema ad aria compressa (ad esempio un laboratorio di verniciatura, una falegnameria). Compilate una lista degli attrezzi che utilizzano aria compressa: Riuscite ad identificare perdite? Utilizzate la tabella (tabella 3) per stimare i consumi di elettricità dovuti alle perdite. L azienda recupera il calore prodotto? Riuscite a stimare il potenziale di calore che può essere recuperato? Fate riferimento alla Fig. 5 _ Bilancio energetico. Punti chiave I punti chiave di questa sezione sono: Gli impianti di produzione di energia che generano soltanto elettricità sono relativamente inefficienti (hanno un efficienza inferiore al 50%). Gli impianti che producono calore utilizzabile oltre all elettricità sono molto più efficienti. Le energie rinnovabili vengono utilizzate ancora per una proporzione modesta, ma in crescita, della produzione totale di elettricità. Il consumo energetico dell industria è una parte importante del consumo energetico di un paese. L energia viene utilizzata nell industria in molti modi differenti e per scopi diversi. Liquidi di raffreddamento e riscaldamento L acqua fredda e calda è il fluido termico utilizzato con maggiore frequenza per raffreddamento e riscaldamento. Altri fluidi termici sono, ad esempio, il glicole (una miscela di acqua ed alcol utilizzata per il raffreddamento) e l olio (minerale o silicone per riscaldamento e raffreddamento). Il vantaggio dei fluidi termici diversi dall acqua è che questi offrono una gamma di temperature di utilizzo Fig. 1 Sistema chiuso di raffreddamento molto maggiore. Si possono raffreddare al di sotto degli 0 Celsius senza che congelino e riscaldare al di sopra dei 100 senza che inizino a bollire (o ad aumentare la pressione in un sistema chiuso). Queste proprietà rappresentano un vantaggio nelle industrie che utilizzano temperature di lavorazione inferiori agli 0 o superiori ai 100 C. Miglioramenti dell efficienza Il processo di raffreddamento e riscaldamento può essere reso maggiormente efficiente adottando le seguenti azioni: - Pulizia regolare e disincrostazione riducono le perdite nel pompaggio. - L energia recuperata dai fluidi termici può venire utilizzata altrove nel processo. - La coibentazione delle tubazioni riduce le dispersioni di calore. 34

39 Riferimenti: [1] Meilner Mechanical Sales, Inc. [2] Dockrill P., Friedrich F., Federal Industrail Boiler Program, Natural Resource Canada, CAN- MET Energy Technology Centre, 1 Haanel Drive, Nepean ON K1A 1M1, Boilers and Heaters: Improving Energy Efficiency, Catalogue No: M92-299/2001E, 2001 [3] Initiativ Energieeffizienz in Industrie und Gewerbe [4] Top Motors [5] Heat Recovery with Compressed Air Systems factsheets/factsheet10.pdf Web links: 35

40 Chapter 4: Gestione dell energia Obiettivo didattico: In questa sezione parleremo di: Cosa sia un sistema di gestione dell energia, per quali motivi venga utilizzato e come funzioni. Aziende di tutti i tipi sono ultimamente sempre più preoccupate di raggiungere e dimostrare un buon livello di cura e rispetto per l ambiente attraverso l adozione di politiche volte a controllare l impatto che le loro attività, i loro prodotti e servizi hanno sull ambiente. Per essere efficaci, tali politiche devono essere condotte nel contesto di un sistema strutturato di gestione dell energia, ben integrato all interno dell organizzazione aziendale. I relativi standard internazionali hanno l obiettivo di fornire alle organizzazioni tutti gli elementi necessari a creare un efficace sistema di gestione che le assista nel raggiungere i propri obiettivi ambientali ed economici. Un sistema di questo tipo permette ad un organizzazione di sviluppare politiche, stabilire obiettivi e procedure per raggiungere gli impegni prefissati, attivarsi secondo le necessità del caso con l obiettivo di migliorare la propria performance. Le aziende, inoltre, devono attenersi agli standard, altrimenti non ottengono una certificazione. L obiettivo generale di un sistema di gestione è sostenere la qualità, favorire la protezione dell - ambiente e rispondere alle necessità socio-economiche. Definizione: ISO 9001: Gestione della qualità ISO 14001: Gestione ambientale ISO 16001: Gestione dell energia 1.ISO 9001: Si tratta di uno standard internazionale che fissa i parametri che garantiscono ai clienti la qualità che questi si aspettano di trovare 2.ISO 14001: Un sistema di gestione ambientale è una gamma di procedure e pratiche che permettono ad un organizzazione di ridurre il suo impatto sull ambiente ed aumentare l efficienza operativa. ISO 16001: L obiettivo generale di questo standard è assistere le organizzazioni a stabilire sistemi e procedure necessari per migliorare l efficienza energetica. Questo dovrebbe portare a riduzioni nei costi e nelle emissioni di gas serra attraverso la gestione sistematica dell energia. Ma per quale motivo un azienda dovrebbe implementare un sistema di gestione? Nelle Fig. 1 si può trovare la risposta esistono, infatti, diversi motivi a sostenere l implementazione di un sistema di gestione (EMS). Nota: In generale tutti i sistemi di gestione consistono di pochi elementi importanti che sono pressoché identici. Ci occuperemo di questi elementi nel prosieguo del presente manuale. Volgiamo adesso la nostra attenzione alla gestione dell energia 36

41 Competitività Miglioramento di immagine e pubblicità Vantaggio competitivo sul lungo periodo Trasparenza nel processo decisionale Minimizzazione dei costi Identificazione di materiali e del potenziale di risparmio energetico EMS Minimizzazione dei rischi Osservanza delle leggi Riduzione del rischio di incidenti Identificazione dei punti deboli Miglioramento organizzativo Protezione ambientale sistematica Controllo ambientale Consapevolezza ambientale Motivazione del personale Fig. 1 I vantaggi di un sistema di gestione per le aziende[1] Obiettivi di un sistema di gestione dell energia L obiettivo primario di un sistema di gestione dell energia è ottenere una performance energetica di maggior livello. L organizzazione identificherà periodicamente opportunità di miglioramento e controllo dell implementazione. Il grado, l estensione e la scala temporale del processo di miglioramento continuo vengono determinati dall organizzazione alla luce delle circostanze economiche e di altri fattori pratici, quali ad esempio le dimensioni dell organizzazione, l intensità energetica delle sue attività, i cambiamenti nella produzione. Nota: Ecco alcune domande importanti per l azienda: Quali vettori energetici vengono utilizzati? (energia elettrica, gas naturale, carbone, eccetera) Quale vettore è predominante? Una parte dei consumi energetici sono sostenuti da energie alternative? (energia elettrica, energia solare o eolica, biomasse, geotermia, eccetera) Quali sono le dimensioni della domanda energetica su base annuale o giornaliera? Come arriva sul posto l energia? (rete pubblica di distribuzione, tubazioni proprie - ad esempio: gas naturale - trasporto su ruote o via nave - ad esempio: carbone o kerosene) Quali sono le dimensioni dei costi energetici su base annua o giornaliera? Quali aree consumano l energia? Quale area ha più bisogno di energia? Quali sono stati i cambiamenti nei costi dell energia nel corso degli ultimi anni? Quali piani ha l azienda per le future forniture di energia? Quali sono le dimensioni della produzione? Parallelamente, quali sono i centri di ulteriore consumo energetico (ad esempio illuminazione, riscaldamento, mensa aziendale, eccetera) 37

42 Esercizio Provate a rispondere a queste domande con riferimento alla vostra scuola! Parlate ai responsabili ed intervistate il dirigente scolastico, utilizzando queste domande. Elementi di un sistema di gestione dell energia In Fig. 2 vengono illustrate le fasi principali di un sistema di gestione dell energia: L obiettivo di un sistema per la gestione dell energia è migliorare l efficienza energetica e non ricadere nei vecchi livelli di inefficienza per il futuro. Questo dovrebbe portare a riduzioni nei costi e nelle emissioni di gas serra attraverso una gestione sistematica dell energia. I parametri per un sistema di gestione dell energia sono descritti dettagliatamente negli standard internazionali (ISO , ISO 16001). Le sezioni seguenti forniscono un descrizione dei singoli passi per la gestione del sistema in dettaglio. Fig. 2 Ciclo della gestione dell energia. Esercizio: Cercate in internet documenti relative agli standrd ISO o EMAS. Domande: Avete mai considerato quanta carta utilizzate in un solo giorno a scuola o a casa? Come si può evitare il consumo di carta? Come si possono organizzare le relative idee per creare un programma valido per tutta la scuola? Quali centri di consumo elettrico sono presenti nella vostra scuola? Quali sistemi di gestione conoscete? Quali sono i loro contenuti? POLITICA ENERGETICA Energy policy La politica energetica è una dichiarazione scritta che l azienda intende risparmiare energia ed impegnarsi per il continuo miglioramento dell azienda e l osservanza delle leggi vigenti. Questa politica energetica aziendale dovrebbe avere la forma di una dichiarazione ufficiale e disponibile per la consultazione da parte del pubblico relativa agli impegni che l organizzazione prende per raggiungere gli obiettivi di gestione energetica e per ridurre le emissioni legate all energia. Nota: La politica energetica deve: Essere disponibile in forma scritta; Essere firmata ed approvata dalla direzione; Fornire una quadro di riferimento per la definizione degli obiettivi ambientali; Essere aggiornata; Essere comunicata a tutto il personale; Essere accessibile al pubblico. 38

43 Domande Come andrebbe strutturata una politica energetica? Cercate aziende produttrici di carta (nella vostra zona) in internet. Queste aziende sono certificate secondo gli standard ISO o ISO 16001? L azienda presenta la propria politica ambientale/energetica sul sito aziendale? Cercate di individuare la politica ambientale/energetica dell azienda. La vostra scuola ha una politica (ad esempio in relazione alla minimizzazione dei rifiuti, al risparmio idrico o alla riduzione dei consumi energetici? Case Study: Fig. 3 Politica energetica (Star Paper Mills Ltd) (2) Traduzione: POLITICA ENERGETICA La Star Paper Mills Ltd di Saharanpur si impegna ufficialmente ad intraprendere un sistema di gestione dell energia ed a ridurre il consumo energetico attraverso l adozione delle seguenti misure: Migliorare le procedure, il funzionamento e la manutenzione con l obiettivo di ridurre i consumi di energia. Ridurre gli sprechi e migliorare la produttività per minimizzare il consumo energetico per unità. Ridurre il consumo di carbone cercando alternative per generare vapore, utilizzando scarti delle lavorazioni in agricoltura ed altri rifiuti solidi generati all interno dell impianto. Creare consapevolezza attraverso corsi e seminari per diffondere il risparmio energetico. 39

44 Pianificazione PIANIFICAZIONE Nota: La pianificazione riguarda i seguenti aspetti: Aspetti ambientali Aspetti legali ed altri parametri (leggi, decreti, singoli atti giuridici, accordi volontari ed obblighi, richieste da parte dei clienti o di altre terze parti e considerazione di esse); Obiettivi e traguardi: fissare obiettivi e traguardi fornisce i mezzi per trasformare la politica in azioni concrete. I traguardi energetici assicurano che l azienda abbia parametri di successo ben definiti in maniera che possano essere misurati i progressi fatti verso un miglioramento dell efficienza energetica. La gestione dell energia per avere successo deve essere basata su di una buona pianificazione: Fig. 4 Fasi importanti per la pianificazione Le analisi di input ed output (analisi dei flussi dei materiali e dell energia) porta agli obiettivi e gli obiettivi alle misure. La trasparenza in materia di flussi dei materiali fornisce una base per la sensibilizzazione e la creazione di consapevolezza. Strumenti come le analisi di input ed output, dei flussi di materiali e dei flussi di energia costituiscono la base per un sistema informativo che permette di determinare l efficienza dei flussi di materiali ed energia e l efficacia delle misure adottate. Ciò le rende strumenti validi per la misurazione dei veri miglioramenti della performance ambientale. Input - Output Fig. 5 Principi di analisi di input e output 40

45 Il primo passo nell analisi iniziale è l identificazione delle aree di significativo consumo energetico. In Fig. 5 si può vedere una descrizione generale dell input e dell output nell industria. Prima di tutto l azienda deve avere un idea della quantità e della natura del consumo energetico. La revisione energetica includerà i consumi energetici passati e futuri. Il grado di dettaglio dipende dalle dimensioni dell organizzazione e dal consumo energetico, ma l analisi deve includere come minimo gli input di energia (elettricità, petroli, gas naturale o altro) e le stime degli utilizzi finali (asciugatura, pompaggio, condizionamento dell aria, illuminazione o altro). Le tendenze nell utilizzo dell energia negli anni precedenti andrebbero riviste e costituire la base per stabilire degli obiettivi. Le informazioni già disponibili andrebbero utilizzate nella revisione, ad esempio si dovrebbero considerare i conti per la fornitura di energia, le letture dei contatori, le relazioni sulla gestione energetica degli edifici, o altre informazioni esistenti. Spesso le opportunità maggiormente significative per migliorare la performance energetica derivano da misure di gestione interna prive di costi, ad esempio insistere perché il personale spenga Caso studio: Un esempio di revisione annuale di una cartiera (M-real Stockstadt GmbH) Fig. 6 Revisione di input ed output(3) 41

46 i macchinari che non vengono utilizzati, promuovere la consapevolezza dell efficienza energetica nelle pratiche di lavoro, eccetera. L azienda dovrebbe aggiornare la revisione su base annua. Le revisioni dovrebbero per quanto possibile essere basate su misurazioni reali e prendere in considerazione i cambiamenti all interno dell azienda, quali l espansione della produzione, le modifiche degli impianti, i cambiamenti organizzativi, eventuali qualifiche del personale. Andrebbero inoltre analizzate le tendenze nel consumo energetico degli anni precedenti. Esercizio: Provate a portare a termine un analisi di input ed output nella vostra scuola Fate una lista del numero di componenti simili (luci, computer, eccetera) Fate una lista della capacità di ciascun componente (individuate le caratteristiche del componente per kw) Fate una lista delle ore di funzionamento (moltiplicate i giorni di funzionamento per le ore di funzionamento quotidiano) di ciascun componente Quindi chiedete al dirigente scolastico di dirvi quale sia il consumo energetico della vostra scuola (ad esempio su base annua). Comparate i dati calcolati con i dati forniti dal preside. Sono quasi coincidenti oppure esiste un divario sostanziale? Anche se non avete compilato una lista completa di tutti i componenti che consumano energia nella vostra scuola, potete comunicare al dirigente scolastico quanta energia viene consumata da quei componenti di cui avete calcolato i consumi. Obiettivi Prima di tutto l azienda deve fissare degli obiettivi. Questo obiettivi dovrebbero essere: Specifici, Misurabili, Ambiziosi, Realistici, con un Termine di scadenza L obiettivo dell implementazione di un sistema di gestione dell energia è ottenere un miglioramento della performance energetica. L organizzazione dovrà identificare periodicamente le opportunità esistenti per ottenere un miglioramento e monitorare la loro implementazione. La quota, l estensione e la scala temporale del processo di miglioramento continuo viene determinata dall organizzazione alla luce delle circostanze economiche e di altri aspetti pratici, quali le dimensioni dell organizzazione, l intensità energetica delle sue attività, i cambiamenti nella produzione. Esempi di obiettivi concreti possono essere: Reali risparmi energetici nelle aree definite, ovvero ridurre le dispersioni di aria compressa del 10%; L introduzione di nuove tecnologie per la conservazione dell energia (ad esempio riduttori 42

47 del flusso di acqua per ridurre i consumi di acqua calda, scambiatori di calore in un sistema di condizionamento per recuperare calore dall aria esausta, eccetera) per riutilizzare il 20% del calore precedentemente disperso; Informare, creare consapevolezza e motivare il personale per ridurre il consumo di acqua calda per le pulizie del 20%; Migliorare ed espandere le attività di monitoraggio per ridurre il consumo totale di energia del 5%; Stabilire ed implementare nuove procedure, istruzioni di lavoro, eccetera per ridurre le perdite di aria del 10%. Misure Una volta stabiliti gli obiettivi, potrete prendere delle decisioni su come volete raggiungerli. La tabelle riportata sotto mostra un esempio di misure prese da un azienda: Vettore di energia Obiettivo Misura adottata Elettricità Risparmi nel sistema ad aria compressa ( kwh/ anno) Elettricità Risparmio energetico ( kwh/anno) Gas naturale Ottimizzazione del sistema caldaia ( kwh/anno) Gas naturale Riduzione del consumo di gas naturale per i sistemi di riscaldamento ( kwh/anno) Riduzione delle perdite nel sistema ad aria compressa Ottimizzazione delle luci Isolamento e adattamento della caldaia Recupero del calore - compressore Tabella 4: Esempio di obiettivi e misure Esercizio: Per quanto riguarda le imprese identificate negli esercizi precedenti: Riuscite ad individuare una lista degli input di materiali ed energia? Comparate i consumi energetici di imprese diverse. La lista degli aspetti energetici viene aggiornata regolarmente? Compilate una tabella come nell esempio Tabella 4: Esempio di obiettivi e misure che includa obiettivi e misure per il risparmio energetico. Utilizzate i componenti presenti nel vostro istituto. Implementazione e funzionamento IMPLEMENTAZIONE E FUNZIONAMENTO La direzione dovrebbe nominare una persona responsabile con l autorità necessaria ad implementare il programma di gestione dell energia. Il rappresentante della direzione dovrebbe riferire alla direzione stessa sulla performance ed i risultati ottenuti dal sistema. MANAGEMENT CAPO DIPARTIMENTO DIPENDENTI Fig. 7 Struttura organizzativa 43

48 Team Un elemento centrale dell efficienza organizzativa è il team: Lavorare durante l implementazione e poi analizzare gli effetti ambientali, ottenere la consapevolezza del personale, generare opportunità di miglioramento ed implementazione ha un peso su tutte le operazioni condotte all interno dell azienda. E questo il motivo per cui è preferibile nominare singoli membri del team con la funzione di coprire le operazioni principali. Quando si selezionano i membri del team, bisogna fare in modo di coprire le seguenti aree: Esperto di diritto Esperto di economia e commercio Esperto in tecnologie Esperto in manutenzione Tecnico della sicurezza Esercizio: Stai naufragando su un isola deserta. Devi decidere cinque oggetti da portare con te (fiammiferi, bussola, scialuppa di salvataggio, razzi di segnalazione, fornello, generi di pronto soccorso, acqua, razioni di ferro, arma da fuoco, ) Prima individualmente (documentate il risultato ottenuto) In seguito come risultato di una discussione di gruppo (15 minuti massimo per la discussione) Domande: Discutete le seguenti domande: Chi è responsabile dell amministrazione del vostro istituto scolastico? Chi è responsabile delle strutture? Chi raccoglie i dati sul consumo energetico e li riferisce al dirigente scolastico? Comunicazione, istruzione ed informazione Una comunicazione efficace è essenziale per garantire il successo del sistema di gestione dell energia. Informazioni regolari ed adeguate migliorano la motivazione e Comunicazione interna La comunicazione interna aiuta i dipendenti a comprendere la visione, i valori e la cultura dei responsabili dell organizzazione,. La comunicazione può essere orale oppure scritta, faccia a faccia o virtuale, coinvolgere due persone o gruppi. Una comunicazione interna chiara e concisa aiuta a stabilire ruoli formali e responsabilità per i dipendenti ed a mantenere organizzazione e chiarezza all interno dell azienda. La procedura dovrebbe comprendere quanto segue: 1. Chi è responsabile per la comunicazione interna sul programma di risparmio energetico; 2. Informazioni utili sull azienda, l implementazione ed il funzionamento del sistema di gestione dell energia; 3. I mezzi per veicolare le informazioni (riunioni interne, seminari, riviste dedicate al personale, rete aziendale, posta elettronica, tabelloni informativi, eccetera); 4. Il modo in cui le proposte provenienti dai dipendenti vengono analizzate e quali siano le procedure di risposta. Comunicazione esterna La comunicazione con soggetti esterni è importante per un sistema di gestione ambientale efficace. 44

49 Documentazione La documentazione è necessaria per descrivere e supportare il sistema di gestione. La documentazione dovrebbe comprenderne tutte le attività ed i processi connessi. E un punto di riferimento centrale per l implementazione ed il mantenimento del sistema in generale. Per monitorare e controllare gli impatti che certi processi o materiali possono avere sul ambiente, le procedure andrebbero definite e rese disponibili in qualunque momento perché vi si possa facilmente accedere per un riferimento. Queste procedure documentate, che dovrebbero essere facilmente comprensibili ed aggiornate quando necessario, garantiranno un funzionamento ottimale del sistema di gestione dell energia. Verifica / audit Esercizio: In relazione all impresa che avete individuato: Esiste una lista del know-how specifico e dell esperienza dei singoli dipendenti? Esistono presentazioni delle attività per ottenere maggiore consapevolezza del risparmio energetico? VERIFICA Non confondete una verifica con una revisione della gestione. Mentre la revisione iniziale fa partire il sistema di gestione, le verifiche interne lo mantengono in condizioni ottimali di funzionamento. Fig.8: Processo ciclico della verifica [4] Le verifiche interne comprendono una sistematica ispezione e comparazione di metodi operativi reali paragonati alle procedure specificate nel manuale EMS (sistema di gestione ambientale/ energetica). L obiettivo è quello di stabilire se il sistema EMS funzioni correttamente. Per iniziare, la verifica dovrebbe identificare e sottolineare le aree in cui i criteri richiesti dal sistema EMS sono stati soddisfatti; quindi dovrebbe individuare i criteri non soddisfatti e suggerire possibili opportunità di miglioramento. Una verifica si può concentrare su di una procedura (ad esempio la reazione in caso di emergenza) o su di un area operativa o una linea di produzione. La chiave per ottenere un sistema EMS che funzioni è che tutti i dipendenti vengano coinvolti e collaborino 45

50 al programma. Se i dipendenti non sono coinvolti e impegnati, il sistema sarà di difficile implementazione e mantenimento. Le verifiche costituiscono uno strumento essenziale per misurare il coinvolgimento nei diversi dipartimenti dell azienda. Nota: L obiettivo delle verifiche interne è portare a termine una revisione sistematica del sistema di gestione e stabilire se il sistema funzioni soddisfacendo le necessità dell - organizzazione. Frequenza La frequenza delle verifiche dipende dall importanza degli aspetti ambientali, tuttavia tutte le procedure e le aree operative andrebbero verificate almeno una volta l anno. Il responsabile della gestione energetica ha il dovere di stabilire il programma della verifica e di comunicare i risultati del sistema di gestione alla direzione a scadenze fisse. Le aree che richiedono particolare attenzione sono le seguenti: aree ad alto rischio, aree in cui l azienda non è riuscita a soddisfare i parametri stabiliti per legge in passato. Sulla base di queste informazioni (aree ad alto rischio, aree in cui l azienda non è riuscita a soddisfare i criteri stabiliti per legge in passato) un programma della verifica viene stilato con l indicazione di quali aree o procedure vadano verificate e con quale ordine di tempo. Revisione della direzione REVISIONE DELLA DIREZIONE La fase finale dell implementazione del sistema è la revisione di gestione. Vanno considerati i seguenti quesiti: Il sistema di gestione è pratico, operativo ed efficace? Quali risultati ha ottenuto l azienda? Quali sono le ragioni di peggioramenti o miglioramenti? L organizzazione soddisfa i criteri stabiliti dalla legge? La revisione dovrebbe essere basata sulla relativa documentazione, come la relazione della verifica sulla gestione. A seconda dei risultati della revisione, la politica o le specifiche del sistema di gestione potrebbero evidenziar la necessità di cambiamento. Con quale frequenza queste revisioni vengono effettuate dipende da voi. Esercizio:Presentazione: Congratulazioni: adesso sapete quali siano le fasi e gli elementi principali di un sistema EMS. Utilizzate gli esercizi e le domande precedentemente proposti e sulla base di questi provate a realizzare una presentazione che comprenda obiettivi e misure che aiutino a risparmiare energia nel vostro istituto. 46

51 Punti chiave: La creazione di un sistema di gestione consiste di 5 fasi principali: 1. Politica energetica 2. Pianificazione; analisi di input e output, obiettivi, misure 3. Implementazione e funzionamento: team, comunicazione, documentazione 4. Verifica 5. Revisione della gestione Riferimenti: [1] ISO [2] Energy policy (Star Paper Mills Ltd.) EMP2005_pdf/Star_Paper_Mills_EMP.pdf [3] M-real s Environmental Declaration E_ENDI_ pdf [4] Web links:

52 Capitolo 5: Usi efficiente dell energia nell industria Introduzione E difficile immaginare un mondo senza carta: è uno dei materiali più versatili e comunemente utilizzati nella vita di tutti i giorni. Perfino in tempi di comunicazione e conservazione delle informazioni effettuate con mezzi elettronici, la carta è ancora insostituibile e non soltanto nel campo dell istruzione e del trasferimento di sapere, ma anche per migliaia di altri prodotti di uso quotidiano. Fig. 9 Prodotti cartacei L idea della fabbricazione della carta ha avuto origine circa anni fa in Cina ed è diventata popolare in Europa alla metà del 13 secolo (5). A quei tempi si utilizzavano come materie prime per la fabbricazione della carta fibre vegetali ricavate da corteccia di gelso, papiro, paglia o cotone. L industrializzazione dei processi produttivi è iniziata soltanto alla metà del 19 secolo, con l estrazione di fibre di legno per il loro utilizzo come materie prime (1). L energia ha sempre avuto un ruolo di primaria importanza nella produzione della carta. La fabbricazione, infatti, inizialmente avveniva sempre nei pressi di grandi corsi d acqua, per garantire l approvvigionamento delle quantità di acqua necessarie alla produzione e l utilizzo di energia idroelettrica per il funzionamento dei macchinari. L energia solare e l energia eolica, invece, venivano utilizzate nei processi di essiccatura e sbiancatura della carta, mentre l utilizzo significativo di combustibili fossili è iniziato soltanto con l industrializzazione dei processi produttivi. Oggi circa il 48% dell energia primaria utilizzata nell industria europea della carta e della polpa di cellulosa viene prodotta utilizzando combustibili fossili (22). Dati sull industria cartaria in Europa (22) Il consumo di carta in Europa cresce in media del 2,6% l anno. La capacità produttiva dei paesi europei è di poco superiore ai 100 milioni di tonnellate. Le carte grafiche rappresentano il 48% della produzione, le carte da imballaggio il 40% e le carte per usi igienici e speciali il 12%. La Germania è il paese più importante per la produzione di carta, seguito da Finlandia, Svezia, Italia e Francia. L industria fornisce impiego direttamente ed indirettamente a più di 2 milioni di persone e comprende 200 impianti di produzione di polpa di cellulosa e di carta ed 800 altre aziende in Europa. L industria europea della carta e della polpa di cellulosa ha un fatturato annuo di 79 miliar- 1 I dati riportati si riferiscono ai paesi CEPI (Confederazione Europea Industrie Cartarie) - Membri del 2007: Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Finlandia, Francia, Germania, Ungheria, Italia, Norvegia, Polonia, Portogallo, Slovacchia, Spagna, Svezia, Svizzera, Olanda, Regno Unito. 2 La carta è costituita da fibre ricavate da legno o carta riciclata. Le fibre vengono separate chimicamente o meccanicamente dal legno e da altre materie prime e chiamate polpa di cellulosa. 48

53 di di euro, vale a dire l 1,4% del fatturato globale dell industria manifatturiera europea. Il consumo di legno dei paesi CEPI nel 2007 ha superato i 119 milioni di tonnellate. La manifattura della carta e della polpa di cellulosa è la quarta industria nel mondo per utilizzo di energia primaria (17). Più di metà dell energia termica ed elettrica è generato attraverso combustibili basati sulle biomasse. La Fig. 10 mostra come siano ripartite le percentuali di utilizzo di fonti di energia primaria per l industria europea della carta e della polpa di cellulosa. Fig. 10 Le percentuali relative all utilizzo di fonti di energia primaria L elettricità che non viene auto-prodotta ma prelevata dalla rete di distribuzione viene generata utilizzando una gamma di combustibili. La Fig. 11 mostra le percentuali di combustibili utilizzati a livello europeo per la produzione di elettricità. Fig. 11 Produzione annua di elettricità da combustibili in UE (28). Le rinnovabili in Fig. 11 includono l elettricità prodotta da energia idroelettrica, combustione di biomasse e biogas, combustione di rifiuti cittadini, energia eolica, geotermia ed energia solare fotovoltaica (28) La produzione di carta e di polpa di cellulosa contribuisce ad impatti molto significativi sull ambiente, dal momento che i processi produttivi fanno un uso intensivo di legno, prodotti chimici ed acqua e presentano un altissima domanda energetica. 3 L energia primaria è l energia incorporate nelle risorse naturali prima di venire sottoposta a qualunque conversione o trasformazione. Esempi di forti di energia primaria sono: carbone, greggio, gas naturale, luce solare, vento, biomasse, energia idroelettrica ed uranio [33]. 49

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Prof. Paolo Redi Solar Energy Italia S.p.A. Prato Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni- Facolt dingegneria Universit di Firenze Dopo la crisi

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

Per confronto, un 1kg di un combustibile rinnovabile come una biomassa legnosa può in genere contenere 4.2kWh.

Per confronto, un 1kg di un combustibile rinnovabile come una biomassa legnosa può in genere contenere 4.2kWh. Guida del principiante sull Energia e la Potenza L'articolo presentato da N Packer, Staffordshire University, UK, febbraio 2011. Energia L'energia è la capacità di fare lavoro. Come spesso accade, le unità

Dettagli

Nuove risorse energetiche. 30 Settembre Donne e società civile

Nuove risorse energetiche. 30 Settembre Donne e società civile Nuove risorse energetiche 30 Settembre Donne e società civile Tema di enorme importanza e attualità, con implicazioni politiche e ambientali Esempi: Germania nella II guerra mondiale Iran, Iraq, Afganistan

Dettagli

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno.

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno. FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno (Giuseppe Tomassetti) Settembre 2009 Sintesi Esistono rilevanti differenze

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

PROGETTO ENERGIA Dispense Biennio a.s. 2012-2013. ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Guglielmo Marconi Forlì

PROGETTO ENERGIA Dispense Biennio a.s. 2012-2013. ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Guglielmo Marconi Forlì ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Guglielmo Marconi Forlì Viale Della Libertà, 14 -Tel. 0543 28620, Fax 0543 26363 Email: itisfo@itisforli.it Sito: www.itisforli.it ENERGIA E AMBIENTE PROGETTO ENERGIA

Dettagli

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA PROGETTO COMENIUS FONTI ENERGETICHE IN SICILIA Energia Solare Energia da gas Energia Eolica Energia da biomassa Energia Termica Energia da carbone Energia Idrica Energia Geotermica Centrale idroelettrica

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

si modificavano radicalmente, anche se si delineava un problema nuovo: il possibile esaurimento delle fonti ed il deterioramento dell'ambiente.

si modificavano radicalmente, anche se si delineava un problema nuovo: il possibile esaurimento delle fonti ed il deterioramento dell'ambiente. L'ENERGIA NEL FUTURO Le risorse energetiche della Terra sono tante, ciò nonostante il consumo avvenuto negli ultimi anni da parte delle società industriali è diventato altissimo. La radio che trasmette

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

In Olanda serricoltori come broker di borsa

In Olanda serricoltori come broker di borsa ORTICOLTURA In Olanda serricoltori come broker di borsa Le importazioni a basso prezzo di energia dalla Germania hanno reso poco redditizia la vendita alla rete, i coltivatori monitorano le quotazioni

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

ENERGIA PER NOI. Percorso didattico per gli alunni delle istituzioni scolastiche

ENERGIA PER NOI. Percorso didattico per gli alunni delle istituzioni scolastiche ENERGIA PER NOI Percorso didattico per gli alunni delle istituzioni scolastiche ENERGIA per NOI Capire l Energia p. 4 le Forme p. 8 un po di Storia p. 12 le Fonti p. 16 Nord - Sud p. 20 Misurare l Energia

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II TESI DI LAUREA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II TESI DI LAUREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA TESI DI LAUREA FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI, GENERAZIONE DISTRIBUITA E CELLE AD IDROGENO: STATO

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

COMUNE DI PICCO I L E G S I T PER U O D I N O M G I R L O E N M

COMUNE DI PICCO I L E G S I T PER U O D I N O M G I R L O E N M COMUNE DI PICCOLI GESTI PER UN MONDO MIGLIORE La Città di Udine aderisce, con altri 14 enti pubblici europei, al progetto Cyber Display. Lo scopo è aumentare e migliorare la conoscenza nell uso delle risorse

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità

Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità Corso di Fisica Tecnica Ambientale - Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità Laboratorio Integrato 1 anno CLASARCH indirizzo sostenibilità Architettura-energia-ambiente: introduzione

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Idrogeno da fonti energetiche rinnovabili Le potenzialità dell Italia

Idrogeno da fonti energetiche rinnovabili Le potenzialità dell Italia Idrogeno da fonti energetiche rinnovabili Le potenzialità dell Italia di Fabio Orecchini L adozione diffusa dell idrogeno come vettore energetico di larghissimo utilizzo mostra tutto il suo interesse nel

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

IL PROBLEMA ENERGETICO 1

IL PROBLEMA ENERGETICO 1 Bologna, 17/02/09 IL PROBLEMA ENERGETICO 1 Giorgio Giacomelli Dipartimento di Fisica dell Università di Bologna e Sezione INFN di Bologna Riassunto Viene presentato un breve quadro generale della situazione

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta?

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta? Pagina 1 di 7 FAQ passaggio dalla misurazione lorda a quella netta Con la revisione dell Ordinanza sull energia (OEn) e la sua entrata in vigore con effetto al 1 gennaio 2010 è stata introdotta, nell ambito

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Società Italiana di Fisica Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Uno studio a cura della Società Italiana di Fisica - SIF aprile 2008 Indice PREMESSA p. 6 1. L ITALIA E LE SFIDE ENERGETICHE

Dettagli

La geotermia è la disciplina che si

La geotermia è la disciplina che si L energia geotermica e i rischi connessi al suo sfruttamento Paolo Capuano La geotermia è la disciplina che si occupa dello studio, della ricerca e dello sfruttamento dell energia termica della Terra (Figura

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria

Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria A cura di NE Nomisma Energia Srl Responsabile di Ricerca: Davide Tabarelli (Presidente), Carlo Bevilacqua Ariosti

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

.3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause

.3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause .3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 3Le cause e le origini del cambiamento climatico Il cambiamento climatico

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

Idrogeno - Applicazioni

Idrogeno - Applicazioni Idrogeno - Applicazioni L idrogeno non è una fonte di energia, bensì un mezzo per accumularla, un portatore di energia che potrà cambiare in futuro molti settori della nostra vita e, con la cella a combustibile,

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive.

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. Un testo della redazione di Electro Online, il tuo esperto online. Data: 19/03/2013 Nuove regole per i condizionatori

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI ENERGIA PER L ITALIA A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI 2014 Bompiani / RCS Libri S.p.A. Via Angelo Rizzoli, 8 20132 Milano ISBN 978-88-452-7688-0 Prima edizione Bompiani ottobre 2014 Introduzione

Dettagli

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA 1 PRESENTAZIONE GENERALE 1. GENERALITÀ La presente relazione è relativa alla realizzazione di un nuovo impianto di produzione di energia elettrica.

Dettagli

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Università di Torino - Italia RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE Stefano Bechis Francesco Marangon

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani relazione del professor Alberto Mirandola direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica all Università degli

Dettagli

QUALI RISORSE ENERGETICHE? *

QUALI RISORSE ENERGETICHE? * FORZA, VELOCITÀ E ACCELERAZIONE: UNO SGUARDO CONTEMPORANEO AI PRINCIPI DELLA DINAMICA 331 QUALI RISORSE ENERGETICHE? * ROBERTO VACCA 1. Fonti e consumo d energia Le fonti primarie (legno, carbone, petrolio,

Dettagli

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche tradizionali. Il principo dell uso è di deviare energie

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO Cagliari 8 maggio 2014 Prof. Ing. Carlo Bernardini SEER e SCOP Metodi di prova, valutazione a carico parziale e calcolo del rendimento stagionale

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità

RISORSE ENERGETICHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità 25 Gennaio 2012, Roncegno Terme Workshop: la micro-cogenerazione con celle a combustibile SOF e i progetti in corso in Italia RISORSE ENERGETIHE DISTRIBUITE e SMART GRID problematiche e opportunità Omar

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA La Direttiva 2008/98/CE introduce una importante distinzione

Dettagli