La L. 190 Anticorruzione e le implicazioni per la Pubblica Amministrazione Milano, 12 e 13 marzo 2013

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La L. 190 Anticorruzione e le implicazioni per la Pubblica Amministrazione Milano, 12 e 13 marzo 2013"

Transcript

1 La L. 190 Anticorruzione e le implicazioni per la Pubblica Amministrazione Milano, 12 e 13 marzo 2013 Relazione L organizzazione della prevenzione dei reati: l esempio dei Modelli ex D. Lgs. n. 231/01 delle imprese Avv. Massimo Mantovani General Counsel Eni Co-Lead Sherpa, B20 Transparency and Anti-corruption Working Group per il G20 del

2 Compliance Program Anti-Corruzione e Sistema di Controllo Interno Massimo Mantovani General Counsel eni Milano, 13 Marzo 2013

3 Leggi Anti-Corruzione applicabili a eni Il d.lgs. 8 giugno 2001, n. 231: disciplina la responsabilità amministrativa degli enti per reati, come la corruzione interna e internazionale, commessi dai loro amministratori, dipendenti o collaboratori, in Italia e all estero, nell interesse o a vantaggio dell ente. Legge Anticorruzione del 6 novembre 2012, n. 190; U.S. Foreign Corrupt Practices Act (o FCPA, che disciplina la condotta dei cittadini statunitensi, delle società statunitensi e delle società estere quotate su listini di Borsa Statunitensi) (nuove unità dedicate presso SEC/FBI); UK Bribery Act of 2010 (in vigore dal 1 luglio 2011) e che sostituisce le precedenti leggi in materia di corruzione. Leggi degli 85 Paesi in cui eni opera, incluse le leggi di ratifica delle seguenti convenzioni: Convenzione OCSE sulla lotta alla corruzione di pubblici ufficiali stranieri nelle operazioni economiche internazionali (ratified in Italia con la Legge n. 300 del settembre 2000) che si applica a 40 paesi. Convenzione delle Nazioni Unite contro la corruzione (ratificata in Italia con Legge n. 116 del 3 agosto, 2009) che è stata ratificata da 165 Paesi. 3

4 Indice di percezione della corruzione (CPI) Italy Rank: 72 score:42 4

5 I Rischi: sanzioni/ altre conseguenze negative Sanzioni da Record Siemens AG ($1,6 miliardi) Halliburton ($579 milioni) Snamprogetti ($365 milioni) Technip ($338 milioni) JCG ($ 218 milioni) Panalpina ($81,9 milioni) Pride ($56,1 milioni) Shell ($48,1 milioni) Baker Hughes ($44 milioni) Willbros Group ($32,3 milioni) Chevron ($30 milioni) Titan ($28,5 milioni) Vetco Int. Ltd.($26 milioni) Statoil ASA ($21 milioni) Transocean ($20,6 milioni) Fiat S.p.A. ($17,8 milioni) Tidewater ($15,6 milioni) Noble ($8,1 milioni) Global Santa Fe ($5,9 milioni) Altre Conseguenze Negative Perdita di avviamento, credibilità, reputazione Nomina di un Independent Compliance Monitor Nomina di un Commissario giudiziale Interdizione dall esercizio dell attività Sospensione o divieto di vendere titoli negli U.S.A. Impatto negativo sul prezzo delle azioni. Sia le società che le persone fisiche possono essere ritenute responsabili per alcuni reati. La responsabilità dell ente si aggiunge alla responsabilità della persona fisica. La misura esatta della responsabilità penale dipenderà dalla legge del Paese. 5

6 Il Codice Etico eni ha adottato il Codice di Condotta sin dal 1994 (in seguito denominato Codice Etico). Principi chiave: Osservanza del Codice Etico da parte degli amministratori, dei sindaci, del management e dei dipendenti eni, nonché di tutti coloro che operano in Italia e all estero per il conseguimento degli obiettivi di eni ( Persone di eni ). L osservanza della legge, dei regolamenti, delle disposizioni statutarie, dei codici di autodisciplina, l integrità etica e la correttezza sono impegno costante e dovere di tutte le Persone di Eni e caratterizzano i comportamenti di tutta la sua organizzazione È ripudiata ogni forma di corruzione. Pratiche di corruzione, favori illegittimi, comportamenti collusivi, sollecitazioni, dirette e/o attraverso terzi, di vantaggi personali e di carriera per sé o per altri, sono senza eccezione proibiti. Non è mai consentito corrispondere né offrire, direttamente o indirettamente, pagamenti, benefici materiali e altri vantaggi di qualsiasi entità a terzi, rappresentanti di governi, pubblici ufficiali e dipendenti pubblici o privati, per influenzare o compensare un atto del loro ufficio. eni promuove la conoscenza del Codice Etico da parte delle Persone di eni e degli altri stakeholders 6

7 La Management System Guideline Anti-Corruzione Evoluzione del compliance program anti-corruzione: il 15 dicembre 2011, la Management System Guideline Anti- Corruzione (MSG) è stata approvata dal Consiglio di Amministrazione di eni al fine di aggiornare la precedente normativa e di allinearne le disposizioni con le previsioni dell UK Bribery Act Le principali novità introdotte dalla MSG Anti-Corruzione rispetto alle Linee Guida Anti-Corruzione del 2009, riguardano: Ampliamento della condotta vietata ( corruzione fra parti private in aggiunta ai pubblici ufficiali ); Espresso divieto dei facilitation payments; Specifiche previsioni in relazione agli omaggi e vantaggi economici offerti a, o ricevuti da personale eni; Covered Business Partner. È in corso l aggiornamento/revisione delle vigenti normative interne e l emissione di una nuova normativa sulle aree a rischio di corruzione come identificate dalla MSG. 7

8 La condotta vietata La nuova normativa anti-corruzione aggiorna la precedente normativa interna in linea con l UK Bribery Act e proibisce senza alcuna eccezione ogni forma di corruzione attiva o passiva sia di pubblici ufficiali che di parti private. Corruzione non è solo un pagamento in contanti ma include: omaggi; Spese di attenzione verso terzi, pasti e trasporti; Contributi in natura; Attività commerciali, posti di lavoro o opportunità di investimento; Informazioni riservate che potrebbero essere usate per commerciare in titoli e prodotti regolati; Sconti o crediti personali; Assistenza o supporto ai Familiari, e Altri vantaggi o altre utilità. quando lo scopo è quello di ottenere vantaggi impropri. 8

9 L Anti-Corruption Legal Support Unit Il 1 gennaio 2010 è stata istituita all interno della Direzione Affari legali di eni l Anti-Corruption Legal Support Unit ( ACSLU ). La struttura fornisce assistenza legale specialistica in materia anticorruzione alle unità di business di eni e delle società controllate non quotate di eni. Detta attività è centralizzata ed è rivolta al mondo eni sia in Italia che all estero; Le Controllate Quotate/Unbundled hanno una propria Anti-Corruption Legal Support Unit. 9

10 L Anti-Corruption Legal Support Unit In generale, l eni Anti-Corruption Legal Support Unit: monitora l adozione della normativa eni in materia di anti-corruzione da parte delle Controllate; sovrintende la formazione del Personale eni in materia anti-corruzione; fornisce su richiesta accurata interpretazione delle leggi anti-corruzione, chiarendo dubbi e interrogativi che possano emergere durante l applicazione della normativa; esprime le proprie valutazioni in merito alle potenziali controparti sulla base dei risultati della due diligence condotta dalle unità di business; rileva i rischi in materia e indica le possibili azioni/soluzioni; elabora gli standard contrattuali rilevanti e valuta le eventuali richieste di modifica degli stessi; supporta i rappresentanti di eni negli incontri con i business partner in modo da agevolarli nel portare a termine i compiti loro assegnati dalla normativa; mantiene aggiornata la normativa in modo da assicurarne l efficacia, tenendo in considerazione le lacune segnalate dalle funzioni competenti e l evoluzione legislativa e delle best practice; riceve una relazione almeno annuale dai Rappresentanti eni delle JV riguardante le attività svolte; sottopone, con cadenza semestrale, una relazione sulla propria attività all Organismo di Vigilanza, al Chief Financial Officer, al Collegio Sindacale e al Comitato Controllo e Rischi di eni. 10

11 Direzione Affari Legali di eni Chief Executive Officer General Counsel Legal Affairs Department SEVP M. Mantovani General Counsel Italian Business EVP L. Franceschini General Counsel European Business, LNG/Gas Supply and Midstream Gas SVP B. Benzoni General Counsel Legal Compliance EVP V.M. Larocca General Counsel Extra-Europe Business, Midstream Oil and Reserves SVP M. Bollini General Counsel Corporate Activities & Legal Coordination SVP G. Dagnini Model 231, Code of Ethics, Privacy & eni management system Legal Assistance VP B. Carbone Topic Leader Antibribery Sustainability and Intern. Control System Legal Assistance VP M. De Rosa Topic Leader Criminal Law, Environment, HSE and Syndial Legal Assistance SVP M. Bianco Topic Leader Procurement Legal Assistance VP C. F. Giordano ACLSU Anti-corruption Legal Support Unit 11

12 Aree di attività di eni considerate a rischio Elenco degli Strumenti Normativi Anti-Corruzione di eni: Contratti di Joint Venture; Contratti di Intermediazione; Omaggi; Spese di attenzione verso terzi; Selezione dei Covered Business Partner; Disposizioni anti-corruzione contenute nelle normative interne eni che disciplinano acquisizioni e cessioni; Iniziative no-profit; Contratti di sponsorizzazione; Standard di clausole contrattuali in riferimento alla responsabilità amministrativa della società per illeciti amministrativi dipendenti da reato; Nomina di legali esterni; Acquisizioni da terzi di consulenze, prestazioni e servizi professionali; Disposizioni anti-corruzione contenute nelle normative interne eni che disciplinano la selezione del personale; Trasferte e servizi fuori sede; Disposizioni anti-corruzione contenute nelle normative interne contabili eni; Segnalazioni anche anonime 12

13 Joint Venture eni può essere ritenuta responsabile per il comportamento corruttivo posto in essere dai suoi partner di Joint Venture il personale eni non può stipulare un contratto di JV senza preventiva valutazione del potenziale partner definizione molto ampia di joint venture include ogni contratto finalizzato alla costituzione di: joint venture, consorzi, associazioni temporanee di imprese (ATI), associazioni, accordi di collaborazione; o altri enti, con o senza personalità giuridica, in cui eni o una propria Controllata non quotata detengano un interesse. 13

14 Ambito di applicazione: la MSG si applica a eni spa; a tutte le sue società Controllate e alle JV nelle quali eni detiene una partecipazione. In caso di Società Controllata/JV controllata da eni, il Rappresentante eni deve far adottare: Il Codice Etico eni; Il Modello 231; la Management System Guideline (MSG) anti-corruzione e Gli Strumenti Normativi Anti-Corruzione di eni. In caso di società/jv non controllata da eni, I rappresentanti eni devono fare tutto quanto possibile affinché siano adottati gli standard definiti nelle normative di eni. Le Società Quotate/Unbundled devono: Nominare la propria Anti-Corruption Legal Support Unit, che, ogni sei mesi deve inviare un report sulle attività svolte; adottare e attuare normative interne in linea con le normative anti-corruzione di eni; Adottare e attuare ulteriori strumenti normativi anticorruzione se necessari. 14

15 Quando eni non controlla la JV eni userà la propria influenza, in modo ragionevole secondo le circostanze (i.e. tenuto conto del grado di proprietà, delle leggi e dei regolamenti locali), affinché la JV adotti un sistema di controllo interno coerente con le MSG Anti-Corruzione. In ogni caso i rappresentanti di eni faranno tutto quanto possibile a tal fine e monitoreranno l attività della JV. In particolare, rappresentanti di eni dovranno: a) proporre al consiglio di amministrazione (o analogo organo gestionale) l adozione di procedure/standard di controllo il più possibile coerenti con il Compliance Program; b) qualora la proposta non venga accolta, presentare nuovamente la proposta alla successiva occasione utile; c) assicurare la tracciabilità delle comunicazioni (proposte e repliche) ivi incluse le motivazioni di un eventuale rigetto della proposta; d) nel caso di mancata adozione di procedure/standard di controllo in coerenza con i principi contenuti nel Compliance program, tenere comunque un atteggiamento prudente, riferire all Anti-Corruption Legal Support Unit ogni circostanza ritenuta rilevante in tema i lotta alla corruzione e attenersi, per quanto possibile, agli standard di controllo contenuti nel Compliance Program (ad esempio: eventuale proposta di approvazione del contratto di intermediazione al CdA della joint venture). 15

16 Due diligence sui potenziali Partners Due diligence sui potenziali partner: responsabilità del Manager in eni / responsabilità dell AD o MD nelle Controllate decisa caso per caso (in base ai precedenti rapporti e al livello di rischio percepito) può essere semplificata (es. il partner ha una riconosciuta affidabilità/ reputazione sotto il profilo etico o la JV non avrà contatti rilevanti con Pubblici Ufficiali) più approfondita sul partner che avrà il ruolo di operatore della JV; Può essere considerata circostanza attenuante in caso di condanna (i manager di eni devono conservare registri accurati e documenti originali relativi alla selezione/approvazione dei partner). Questionario: deve essere completato a cura del potenziale partner Fonti Pubbliche: internet, precedenti penali, Ambasciate/Consolati, camere di commercio, lista della Banca Mondiale di parti escluse/soggette a restrizioni (www.worldbank.org/html/opr/procure/debarr.html), rating finanziario, storia dell impresa, ricerche tramite i media, precedenti rapporti con eni Red Flags : non chiudere un occhio / campanello di allarme Nota sulla due diligence: proprietà (catena di controllo) ragioni per le quali la JV è essenziale/utile per eni come si è venuti a conoscenza del nome del partner descrizione delle Red Flags (se presenti) nomi dei Manager che svolgeranno la negoziazione informazioni relative a preesistenti rapporti tra il potenziale partner ed eni descrizione delle attività che saranno svolte dalla JV elenco delle fonti utilizzate per svolgere la due diligence e esito della stessa esiti delle indagini 16

17 Approfondimento - linee guida per la due diligence La due diligence sul potenziale partner dovrà includere: puntuale individuazione: individuare il nome completo del potenziale partner, proprietari, amministratori e dirigenti. pubblici registri: verificare l assetto proprietario della società, gli amministratori, i dirigenti e ogni documentazione ufficiale rilevante referenze e rating finanziari: richiedere al potenziale partner i bilanci (i.e. lo stato patrimoniale e la relazione semestrale, possibilmente certificati) relativi agli ultimi tre anni; controllare il rating finanziario pubblicato o affidati a organizzazioni esterne che offrono servizi di rating precedenti penali: verificare se il potenziale partner, i suoi amministratori e/o dirigenti siano stati condannati (o indagati) per corruzione precedenti rapporti con eni: contattare il personale eni che ha gestito precedenti contratti e chiedere informazioni circa la condotta passata del potenziale partner misure anti-corruzione: controllare se il potenziale partner si è dotato di una normativa anti-corruzione o almeno di un codice di condotta che proibisca atti corruttivi ricerche tramite i mezzi di informazione: studiare il sito-web del potenziale partner, esamina la storia della sua impresa, utilizzare database gratuiti o a pagamento per effettuare ricerche; nell utilizzo di Google o di altri motori di ricerca, ricercare termini come: reato, corrotto, tangente, frode, riciclaggio, ecc. qualifiche e appartenenza a ordini professionali: esaminare i curricula vitae forniti dal potenziale partner (manager, dirigenti, impiegati chiave) 17

18 Approfondimento Red Flags o campanelli di allarme Un esame più approfondito è richiesto in presenza di Red Flags, ad es. se il potenziale partner: opera in un paese noto per corruzione (per quantificare il rischio corruzione di un Paese, fare riferimento all Indice di Percezione della Corruzione pubblicato da Transparency International all indirizzo è stato costituito solo di recente o ha un insolita struttura societaria; ha una reputazione discutibile o è stato accusato, rinviato a giudizio, condannato, interdetto o inserito nelle liste di riferimento; chiede senza motivazione che circostanze e identità siano mantenute segrete; asserisce di poter stipulare accordi speciali in relazione ad eventuali processi decisionali relativi al contratto; rifiuta di impegnarsi al rispetto delle leggi anti-corruzione; richiede di essere pagato su un conto bancario in un Paese diverso da quello in cui il potenziale partner risiede o opera; richiede di impiegare un intermediario senza alcun motivo apparente; richiede che l operazione sia svolta in modo inusuale e include voci di costo scorrette o non necessarie; o è di proprietà di un Pubblico Ufficiale o di un familiare di un Pubblico Ufficiale. 18

19 Contenuti del contratto di Joint Venture I rappresentanti di eni faranno ogni ragionevole sforzo per far sì che le seguenti clausole siano inserite nei JVA/JBA/JOA : l impegno dell operatore della JV di adottare (e l impegno di ciascun partner affinché la JV adotti) un sistema di controllo interno e un compliance program in linea con le leggi anti-corruzione l impegno di ciascun partner a monitorare costantemente il funzionamento del sistema di controllo interno della JV l impegno di ciascun partner della JV a non pagare mai tangenti a Pubblici Ufficiali, parti private o loro familiari o ad amministratori o componenti degli organi sociali o ai dipendenti della controparte con cui la JV intenda operare. il diritto di veto di eni sulle decisioni della JV riguardanti l utilizzo di business partner che avranno contatti con Pubblici Ufficiali per conto della JV il diritto di eni di far eseguire un audit sulla JV o sull operatore della JV (in caso di sospetta violazione delle leggi anti-corruzione) il diritto di eni di risolvere il contratto di JV e di ottenere il risarcimento dei danni in caso di violazione da parte di uno dei partner della JV degli obblighi, dichiarazioni e garanzie o delle leggi anti-corruzione 19

20 Diagramma (6) ACLSU: Anti-Corruption Legal Support Unit BU: Business Unit DD: Due Diligence Allegato A: all.a MSG Anticorruzione Contratti di Joint Venture / Prevenzione di Attività Illegali JV: Joint Venture JVA: Contratto di Joint Venture DIALEG: Direzione Affari Legali RFS: Red Flags La BU svolge una DD standard Esiti DD raccolti in una nota firmata dal Manager e sottoposta ad ACLSU Il Manager della BU intende concludere una JV con uno o più partner Manager di BU sottopone nota motivata ad ACLSU richiedendo DD semplificata ACLSU accetta DD semplificata o richiede DD standard ACLSU esamina la nota di DD e valuta esiti di DD caso per caso ACLSU conferma che la DD è soddisfacente Se RFS o documenti incompleti ACLSU richiede supplemento di DD Manager inizia la negoziazione del JVA in conformità con All. A Se la DD supplementare rivela rischi ACLSU suggerisce a BU azioni/soluzioni DIALEG include clausole previste nell All. A nella bozza iniziale di JVA Manager consulta ACLSU per omettere o modificare alcune clausole contrattuali Bozza JVA concordata tra BU e ACLSU sottoposta per esame ad ACLSU

21 Contratti di Intermediazione eni potrebbe essere ritenuta responsabile delle condotte corruttive poste in essere dai suoi intermediari. il personale eni NON può stipulare un Contratto di Intermediazione senza la preventiva approvazione del CDA in linea con quanto previsto dallo Strumento Normativo Anticorruzione sui contratti di Intermediazione. La definizione di Intermediario include una persona fisica o società che eni si proponga di tenere al proprio servizio al fine di: promuovere gli interessi commerciali di eni in relazione a una singola operazione/progetto; agevolare l esecuzione di contratti con soggetti terzi; e/o presentare eni a una o più parti allo scopo di procurare o mantenere un affare. esclude: contratti di agenzia ai quali sia applicabile la legge italiana, regolati dagli articoli 1742 e ss. del Codice Civile italiano; e Altri servizi di brokeraggio ai quali non sia applicabile la legge italiana, ma che potrebbero essere considerati analoghi ai contratti di agenzia di diritto italiano (da sottoporre all Anti-Corruption Legal Support Unit). The Mystery Middleman 21

22 Due diligence sui potenziali Intermediari Due diligence sui potenziali Intermediari: responsabilità del Manager in eni / responsabilità dell AD o del MD nelle Controllate Questionario: deve essere completato e sottoscritto dal potenziale intermediario Lettera Anti-Corruzione: deve essere rilasciata dal potenziale intermediario e dovrà contenere il suo impegno a agire nel rispetto delle leggi anti-corruzione e inserire nei Contratti di Intermediazione le specifiche clausole anti-corruzione di eni. Red Flags : non chiudere un occhio / campanello di allarme Nota di Due diligence: proprietà (catena di controllo) ragioni per le quali il contratto di intermediazione è essenziale/utile per eni e descrizione dettagliata delle prestazioni richieste all intermediario come si è venuti a conoscenza del nome dell intermediario e come sono state verificate le competenze dell intermediario (es. con riguardo agli anni di esperienza, qualifiche professionali, reputazione) descrizione delle Red Flags (se presenti) nomi dei Manager eni che svolgeranno il negoziato sintesi delle trattative condotte con il potenziale intermediario ai fini della determinazione del compenso; ammontare/valuta del compenso e dettaglio delle condizioni di pagamento; ragioni per le quali il compenso può considerarsi congruo tenuto conto dei servizi resi; informazioni sui precedenti rapporti tra il potenziale intermediario ed eni Il Manager invierà per approvazione la Nota e il parere favorevole dell ACLSU al Consiglio di Amministrazione. 22

23 Contenuti del contratto di intermediazione Precisa indicazione dell affare in relazione al quale si intende utilizzare l intermediario e descrizione dettagliata della prestazione dovuta dall intermediario Impegno dell intermediario ad adottare un sistema di controllo interno e un compliance program in linea con le leggi anti-corruzione. Impegno dell intermediario a non pagare mai tangenti a pubblici ufficiali e a non utilizzare i compensi ricevuti da eni in violazione di norme anticorruzione. La valuta e l ammontare del corrispettivo (l adeguatezza del corrispettivo può essere determinata come una % rispetto agli incassi derivanti dall affare) e termini di pagamento; diritto di eni di svolgere un audit sull intermediario (in caso di sospetta violazione delle Leggi anti-corruzione). Il diritto di eni di risolvere il contratto, di sospendere il pagamento o di ricevere il risarcimento dei danni in caso di violazione delle leggi anticorruzione o degli impegni anti-corruzione previsti dal contratto di intermediazione. 23

24 Contratti di sponsorizzazione due diligence Sponsorizzazioni sono le iniziative di comunicazione promo - pubblicitaria attraverso le quali il soggetto sponsorizzato si obbliga, contro corrispettivo, ad associare alla propria attività il nome o il segno distintivo dello sponsor al fine di promuoverne positivamente l immagine, l identità, il marchio o i prodotti/servizi Il personale eni NON può stipulare un Contratto di Sponsorizzazione senza preventiva autorizzazione ai sensi dello strumento normativo anticorruzione sui Contratti di Sponsorizzazione; ammessi solo partner ben noti e affidabili in quanto a onestà e pratiche commerciali corrette; non è necessario effettuare verifiche preliminari se il potenziale partner è un ente o un istituzione di rinomata fama e importanza (sempre che il corrispettivo della sponsorizzazione venga versato esclusivamente a quell ente o a quella istituzione). L unità competente che: verifica l esistenza o meno di Red Flags e, qualora ne ravvisi la possibile esistenza, consulta l ACLSU la quale fornisce indicazioni per due diligence sul potenziale partner Svolge la due diligence sul potenziale partner; raccoglie in una nota l esito della due diligence e la trasmette all ACLSU; l ACLSU valuta l esito della due diligence e suggerisce possibili azioni/soluzioni. 24

25 Contenuti del contratto di sponsorizzazione il contratto di sponsorizzazione deve essere redatto in forma scritta e deve contenere puntuale indicazione: dell evento/iniziativa dei benefit che saranno destinati ad eni di valuta / ammontare del corrispettivo / modalità e condizioni di pagamento (ammessi esclusivamente pagamenti in favore del partner su conti correnti intestati al partner nel Paese di costituzione dello stesso, esplicitati nel contratto di sponsorizzazione) che l ammontare pagato costituisce esclusivamente il corrispettivo per la prestazione prevista nel contratto di sponsorizzazione che né il partner né i suoi proprietari, amministratori o dipendenti sono Pubblici Ufficiali dell impegno del partner a rispettare le leggi anti-corruzione e a registrare in modo puntuale e corretto nei propri libri e registri contabili l ammontare ricevuto della clausola di Responsabilità Amministrativa del diritto di eni di risolvere il contratto e ricevere il risarcimento del danno in caso di violazione da parte del partner dei propri obblighi contrattuali anti-corruzione del diritto di eni di svolgere controlli sul partner nel caso di ragionevoli sospetti che il partner abbia violato i propri obblighi contrattuali anticorruzione 25

26 Spese di Attenzione verso terzi Si definiscono spese di attenzione verso terzi le spese attinenti l ospitalità (ad es. colazioni e pranzi), effettuate da singoli dipendenti e finalizzate al mantenimento e allo sviluppo delle relazioni con terzi non appartenenti a eni, nell ambito dello svolgimento delle attività di competenza Qualunque spesa di attenzione verso terzi dovrà essere preventivamente autorizzata dal responsabile gerarchicamente superiore titolare di centro di costo (solo in casi di oggettiva impossibilità, la sottoscrizione del rendiconto varrà come autorizzazione) non consisterà in un pagamento in contanti sarà effettuata in buona fede e in relazione a legittime finalità di business non sarà motivata dal desiderio di esercitare un influenza sarà ragionevole tenuto conto delle circostanze sarà di buon gusto e conforme agli standard di cortesia rispetterà leggi e regolamenti applicabili In caso di dubbio circa il livello di rischio di una determinata spesa, il titolare del centro di costo dovrà consultare l ACLSU. 26

27 Contributi Politici eni non permette alcun contributo diretto o indiretto in qualunque forma ai partiti politici, movimenti, comitati, organizzazioni politiche e sindacali, né ai loro rappresentanti e candidati ( contributi politici ), ad eccezione di quelli specificamente considerati obbligatori dalle leggi e norme applicabili. In tale ultimo caso, eni prevede che i contributi rispettino alcuni standard minimi, fra i quali: Devono essere approvati dalla funzione Relazioni Istituzionali e Comunicazione di eni spa e dal Chief Corporate Operating Officer, Chief Executive Officer di Versalis o dal Chief Executive Officer di Syndial spa o dal Chief Operating Officer della Divisione cui la società riferisce a seconda dei casi; I contributi devono essere erogati solo in favore di beneficiari ben noti, affidabili e con un eccellente reputazione in quanto a onestà; Il beneficiario deve dimostrare di essere un ente ufficialmente riconosciuto in conformità alle leggi applicabili; Deve essere effettuata una adeguata due diligence sull ente beneficiario, da sottoporre alla valutazione dell ACLSU; Deve essere inoltrato all ACLSU un parere legale sulla legittimità e natura obbligatoria del contributo secondo le leggi applicabili; i pagamenti devono essere effettuati esclusivamente sul conto intestato all ente stesso; non è consentito effettuare pagamenti su conti cifrati o in contanti, o a un soggetto diverso dall ente beneficiario, né in un paese diverso da quello dell ente beneficiario; I contributi devono essere registrati in modo corretto e trasparente. 27

28 Omaggi Omaggi, vantaggi economici o altre utilità possono essere effettuati o ricevuti qualora rientrino nel contesto di atti di cortesia commerciale e siano tali da non compromettere l integrità e/o la reputazione di una delle parti e tali da non poter essere interpretati da un osservatore imparziale come finalizzati a creare un obbligo di gratitudine o ad acquisire vantaggi in modo improprio. Qualunque omaggio, vantaggio economico o altra utilità, offerto a, o ricevuto da, Personale eni e qualunque omaggio offerto da Personale eni a terzi in qualsiasi circostanza, deve: Non consistere in un pagamento in contanti essere effettuato in buona fede e in relazione a finalità di business e legittimo; non essere motivato dal desiderio di esercitare un influenza impropria o illecita o dall aspettativa di reciprocità; essere di buon gusto e conforme agli standard di cortesia professionale generalmente accettati; rispettare le leggi applicabili e I regolamenti locali, applicabili al Pubblico Ufficiale o al privato Le spese relative all omaggistica devono essere: conformi alle regole interne di eni registrate in maniera accurata e trasparente tra le scritture contabili della società con sufficiente dettaglio e supportate da appropriata documentazione specifica disciplina per Omaggistica promozionale, istituzionale e relativa a progetti specifici o eventi celebrativi offerta da Personale eni

29 Omaggi Il personale eni che riceva omaggi, vantaggi economici o altre utilità che: a) Non possono essere considerati atti di cortesia commerciali deve Rifiutarli e informare il superiore diretto o il referente in eni del Business Partner e/o l eni Anti- Corruption Legal Support Unit. b) Possono essere considerati atti di cortesia commerciali ma il cui valore effettivo o stimato ecceda (o probabilmente ecceda) singolarmente la soglia singola, ovvero cumulativamente, quando ricevuto da o offerto dallo stesso soggetto o ente in un anno, la soglia cumulata deve informare il superiore diretto, che ne valuta la coerenza con i principi stabiliti nel presente allegato; provvedere alla richiesta della loro registrazione, sia se accettati sia se rifiutati, che deve essere effettuata in maniera accurata e trasparente. 29

POLICY ANTICORRUZIONE DEL GRUPPO TELECOM ITALIA

POLICY ANTICORRUZIONE DEL GRUPPO TELECOM ITALIA POLICY ANTICORRUZIONE DEL GRUPPO TELECOM ITALIA Adottata in data 6 dicembre 2012 SOMMARIO Articolo 1 Premessa pag. 2 Articolo 2 - Scopo e campo di applicazione pag. 2 Articolo 3 - Destinatari pag. 2 Articolo

Dettagli

DATA EMISSIONE: 12 novembre 2009 DATA DECORRENZA: 12 novembre 2009 VERIFICATO DA: DIALEG

DATA EMISSIONE: 12 novembre 2009 DATA DECORRENZA: 12 novembre 2009 VERIFICATO DA: DIALEG Eni S.p.A. Circolare n. 377 del 12 novembre 2009 TIPOLOGIA DI STRUMENTO NORMATIVO: Linee Guida TITOLO: Linee Guida Anti-Corruzione NOTE: DATA EMISSIONE: 12 novembre 2009 DATA DECORRENZA: 12 novembre 2009

Dettagli

Management System Guideline. Anti-Corruzione. 30 giugno 2015 MSG-COR-ANC-001-I

Management System Guideline. Anti-Corruzione. 30 giugno 2015 MSG-COR-ANC-001-I Management System Guideline Anti-Corruzione 30 giugno 2015 MSG-COR-ANC-001-I Pag. 3 di 33 Sommario Revisioni Data Revisione Process Owner Controllato Approvato 30/06/2015 01 M. Colombo LEGAS Comitato

Dettagli

Anti-Corruzione. Management System Guideline. 5 novembre 2014. Approvata dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 29 ottobre 2014

Anti-Corruzione. Management System Guideline. 5 novembre 2014. Approvata dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 29 ottobre 2014 TITOLO PROCEDURA TITOLO PRPOCEDURA TITOLO PROCEDURA Management System Guideline Anti-Corruzione 5 novembre 2014 Approvata dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 29 ottobre 2014 1 Messaggio del

Dettagli

Management System Guideline Anti-Corruzione

Management System Guideline Anti-Corruzione Guideline SOMMARIO 1 DEFINIZIONI ABBREVIAZIONI E ACRONIMI...3 2 RUOLI E RESPONSABILITÀ...6 3 INTRODUZIONE...7 3.1 Obiettivo...7 3.2 Applicazione...8 3.3 Modalità di adozione da parte delle Società Controllate...8

Dettagli

PROTOCOLLO ANTI-CORRUZIONE GRUPPO DRAEGER (DRAEGER MEDICAL ITALIA

PROTOCOLLO ANTI-CORRUZIONE GRUPPO DRAEGER (DRAEGER MEDICAL ITALIA PROTOCOLLO ANTI-CORRUZIONE GRUPPO DRAEGER (DRAEGER MEDICAL ITALIA S.P.A. // DRAEGER SAFETY S.P.A.) 1. INTRODUZIONE 1.1. Obiettivo A seguito dell approvazione del c.d. DDL anti-corruzione, poi convertito

Dettagli

Ce.P.I.M. Centro Padano Interscambio Merci S.p.A.

Ce.P.I.M. Centro Padano Interscambio Merci S.p.A. Ce.P.I.M. Centro Padano Interscambio Merci S.p.A. Manuale Anti-Corruzione Anno 2014 Manuale Anti-Corruzione - Anno 2014 1 Indice degli argomenti: - Presentazione aziendale; - Finalità del presente manuale;

Dettagli

Responsabilità della societá

Responsabilità della societá Responsabilità della societá I.B.P., Slu è una societá legalmente costituita in Spagna, soggetta alla normativa legale e fiscale di questo paese. Si include anche quella referente alla protezione dei dati

Dettagli

Policy Anticorruzione di Goodyear 1 luglio 2011

Policy Anticorruzione di Goodyear 1 luglio 2011 Policy Anticorruzione di Goodyear 1 luglio 2011 Policy Anticorruzione Goodyear non intende ottenere vantaggi commerciali tramite l offerta o il ricevimento di indebiti benefici pecuniari o di qualsiasi

Dettagli

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION I. SCOPO POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION La corruzione è proibita dalle leggi di quasi tutte le giurisdizioni al mondo. Danaher Corporation ( Danaher ) si impegna a rispettare le leggi

Dettagli

Politica anticorruzione

Politica anticorruzione Politica anticorruzione Introduzione RPC Group Plc (l'"azienda") dispone di una politica a tolleranza zero nei confronti degli atti di corruzione nelle operazioni commerciali a livello globale, sia nel

Dettagli

Suppliers Day for Sustainability

Suppliers Day for Sustainability Suppliers Day for Sustainability - Lotta alla Corruzione in Snam Direzione Affari Legali e Societari snamretegas.it La Corruzione nel mondo Nella letteratura scientifica sul tema della corruzione, questo

Dettagli

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane Codice Etico del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione Indice 1. PREMESSA E OBIETTIVI............................. 2 2.

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO 1 01.00 PREMESSA Recordati è un gruppo farmaceutico europeo fondato nel 1926, quotato alla Borsa Italiana, che si dedica alla ricerca, allo sviluppo, alla produzione

Dettagli

PROCEDURA PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI ALLE SOCIETÀ DI REVISIONE NELL AMBITO DEL GRUPPO ENEL

PROCEDURA PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI ALLE SOCIETÀ DI REVISIONE NELL AMBITO DEL GRUPPO ENEL PROCEDURA PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI ALLE SOCIETÀ DI REVISIONE NELL AMBITO DEL GRUPPO ENEL Documento approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel S.p.A. nella riunione dell 11 settembre 2012.

Dettagli

CODICE ETICO DI AMBIENTE ITALIA SRL

CODICE ETICO DI AMBIENTE ITALIA SRL DI AMBIENTE ITALIA SRL Q-D-02-03 SISTEMA GESTIONE QUALITA Gennaio 2013 Sistema di gestione per la qualità certificato da DNV UNI EN ISO 9001:2008 CERT-12313-2003-AQ-MIL-SINCERT Sistema di gestione ambientale

Dettagli

APAM. esercizio spa CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO. APAM esercizio spa - Codice etico e di comportamento

APAM. esercizio spa CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO. APAM esercizio spa - Codice etico e di comportamento APAM esercizio spa 1 CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO Indice 1. PREMESSA BREVE PROFILO DELLA SOCIETÀ pag. 3 2. PRINCIPI GENERALI 2.1 Contenuto e finalità del codice etico pag. 4 2.2 Destinatari del codice

Dettagli

DICHIARAZIONE COMPLIANCE 1 (RIPORTARE SU CARTA INTESTATA DELLA SOCIETA /IMPRESA) DICHIARAZIONE

DICHIARAZIONE COMPLIANCE 1 (RIPORTARE SU CARTA INTESTATA DELLA SOCIETA /IMPRESA) DICHIARAZIONE DICHIARAZIONE COMPLIANCE 1 (COVERED BUSINESS PARTNER) (RIPORTARE SU CARTA INTESTATA DELLA SOCIETA /IMPRESA) Procedura: DICHIARAZIONE La Sottoscritta Impresa/Società con sede e domicilio fiscale in Iscrizione

Dettagli

DONAZIONI, LIBERALITÀ, SPONSORIZZAZIONI, OMAGGI ED OSPITALITÀ - Sintesi -

DONAZIONI, LIBERALITÀ, SPONSORIZZAZIONI, OMAGGI ED OSPITALITÀ - Sintesi - DONAZIONI, LIBERALITÀ, SPONSORIZZAZIONI, OMAGGI ED OSPITALITÀ - Sintesi - INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. PRINCIPI... 2 3. DONAZIONI, LIBERALITÀ E SPONSORIZZAZIONI... 4 4. OMAGGI... 4 5. OSPITALITÀ... 5

Dettagli

Direttive di Wolfsberg per Servizi Bancari Privati contro il Riciclaggio

Direttive di Wolfsberg per Servizi Bancari Privati contro il Riciclaggio Direttive di Wolfsberg per Servizi Bancari Privati contro il Riciclaggio Preambolo Le linee guida che seguono sono intese come applicabili alle relazioni di private banking. Altri settori del mercato possono

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

Procedura GESTIONE DENUNCE

Procedura GESTIONE DENUNCE Procedura GESTIONE DENUNCE Torino, 23 dicembre 2004 INDICE PARTE GENERALE 1 PREMESSA...3 2 NORMATIVA ESTERNA E INTERNA APPLICABILE...3 3 COMPITI E RESPONSABILITÀ...3 4 PROCESSO...4 5 CONTROLLO...4 6 COMITATO

Dettagli

Panoramica sul Sistema di Gestione della Conformità di Seves

Panoramica sul Sistema di Gestione della Conformità di Seves Panoramica sul Sistema di Gestione della Conformità di Seves 1. Responsabile della Conformità ( Chief Compliance Officer ) e Rappresentanti locali della Conformità ( Local Compliance Representatives )

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale 1111 CODICE DI COMPORTAMENTO Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale INDICE 1 INTRODUZIONE...4 La separazione funzionale nel settore energetico...

Dettagli

2014 Fiat Group Procedura gestione denunce

2014 Fiat Group Procedura gestione denunce 2014 Fiat Group 2 Fiat Group Indice 1. Premessa... 3 2. Normativa esterna e interna applicabile... 3 3. Compiti e responsabilità... 3 4. Processo... 4 5. Controllo... 4 6. Comitato denunce... 4 7. Registro

Dettagli

Telecom Italia S.p.A. Piazza degli Affari, 2 20123 - Milano www.telecomitalia.com

Telecom Italia S.p.A. Piazza degli Affari, 2 20123 - Milano www.telecomitalia.com CODICE ETICO E DI CONDOTTA DEL GRUPPO TELECOM ITALIA 3 Ottobre 2013 Telecom Italia S.p.A. Piazza degli Affari, 2 20123 - Milano www.telecomitalia.com SOMMARIO Principi Generali 6 I nostri Valori 7 I nostri

Dettagli

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S.

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Pagina 1 di 6 CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Sede Legale in Torino (TO), Corso Lombardia n. 115 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Allegato 1 Codice Etico ai sensi

Dettagli

QUESTIONARIO PER L ACCETTAZIONE DEL CLIENTE O DELL INCARICO

QUESTIONARIO PER L ACCETTAZIONE DEL CLIENTE O DELL INCARICO QUESTIONARIO PER L ACCETTAZIONE DEL CLIENTE O DELL INCARICO (adattato da: Guide to Quality Control for Small- and Medium-Sized Practices, Second Edition, IFAC, ottobre 2010) A. Premessa 1. Hai ottenuto

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA ANTI-CORRUZIONE DI TEAMSYSTEM S.P.A.

CODICE DI CONDOTTA ANTI-CORRUZIONE DI TEAMSYSTEM S.P.A. CODICE DI CONDOTTA ANTI-CORRUZIONE DI TEAMSYSTEM S.P.A. DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL Pagina 2 di 14 Indice 1. Premessa... 3 2. Ambito di applicazione... 3 3. Definizioni... 3 4. Riferimenti...

Dettagli

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma Il Risk Management Integrato in eni Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato 1 Ottobre 2014, Roma Indice - Sviluppo del Modello RMI - Governance e Policy - Processo e Strumenti

Dettagli

Norme in materia di corruzione

Norme in materia di corruzione Norme in materia di corruzione 1 Introduzione 1.1 Obiettivo L obiettivo delle presenti norme è quello di garantire che Ebiquity e i suoi dipendenti agiscano in conformità alle politiche e alla buona prassi

Dettagli

CODICE ETICO AZIENDALE

CODICE ETICO AZIENDALE Testo approvato dal Consiglio di Amministrazione di Orienta S.p.a del 15/12/2010 INDICE 1. INTRODUZIONE 3 2. VALORI ETICI 3 3. CRITERI DI CONDOTTA 3 4. COMPORTAMENTO SUL LUOGO DI LAVORO 6 5. CONFLITTTO

Dettagli

ALCOA INC. NORMATIVA ANTI CORRUZIONE

ALCOA INC. NORMATIVA ANTI CORRUZIONE ALCOA INC. NORMATIVA ANTI CORRUZIONE a PREMESSA: Alcoa Inc. ( Alcoa ) e la sua dirigenza si impegnano nella conduzione di operazioni eticamente corrette e conformi alle disposizioni di legge. I nostri

Dettagli

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A.

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. 1 Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 1 giugno

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI SRL

CODICE DI CONDOTTA DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI SRL CODICE DI CONDOTTA DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI SRL DE VELLIS TRASLOCHI E TRASPORTI SRL E NOTA PER GLI ELEVATI PRINCIPI ETICI CUI SI ATTIENE NELLA GESTIONE DELLA SUA ATTIVITA. E IMPORTANTE CHE TUTTI

Dettagli

MANITOWOC. Bollettino Norme di Condotta Aziendale. Relazioni Internazionali Pratiche e Operazioni Corrotte con Persone di Nazionalità Non Americana

MANITOWOC. Bollettino Norme di Condotta Aziendale. Relazioni Internazionali Pratiche e Operazioni Corrotte con Persone di Nazionalità Non Americana MANITOWOC Bollettino Norme di Condotta Aziendale Oggetto: Relazioni Internazionali Pratiche e Operazioni Corrotte con Persone di Nazionalità Non Americana Bollettino Originale 0 Sostituisce il bollettino

Dettagli

PROTOCOLO INTERNO PER LA GESTIONE E IL TRATTAMENTO DELLE INFORMAZIONI RISERVATE

PROTOCOLO INTERNO PER LA GESTIONE E IL TRATTAMENTO DELLE INFORMAZIONI RISERVATE . PROT 6 Pag 1/7 PROTOCOLO INTERNO PER LA GESTIONE E IL TRATTAMENTO DELLE INFORMAZIONI RISERVATE PALLOTTA S.P.A. EMESSO APPROVATO REVISIONE DATA FUNZIONE FIRMA FUNZIONE FIRMA CdA CdA . PROT 6 Pag 2/7 PARTE

Dettagli

VINTAGE S.p.A. Allegato 4: Codice Etico. Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01 VINTAGE SPA. ORGANISMO DI VIGILANZA E CONTROLLO O. d. V.

VINTAGE S.p.A. Allegato 4: Codice Etico. Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01 VINTAGE SPA. ORGANISMO DI VIGILANZA E CONTROLLO O. d. V. VINTAGE S.p.A. Allegato 4: Codice Etico ORGANISMO DI VIGILANZA E CONTROLLO O. d. V. Presidente Giovanni Catellani MOG-231 Pagina 1 di 8 INDICE Introduzione 3 Destinatari 3 Principi e regole di condotta

Dettagli

GESTIONE DELLE LIBERALITÀ

GESTIONE DELLE LIBERALITÀ GESTIONE DELLE LIBERALITÀ 1. OBIETTIVO, AMBITO DI APPLICAZIONE E RESPONSABILITÀ Il presente Regolamento ha l'obiettivo di definire ruoli, responsabilità e regole di condotta nella gestione di donazioni,

Dettagli

Revisione Legale dei conti

Revisione Legale dei conti Revisione Legale dei conti L attuale normativa in tema di revisione legale (e problemi non ancora risolti) D.Lgs. 39/2010 Studio Duodo & Associati 1 Agenda: L attuale normativa in tema di revisione legale

Dettagli

La prevenzione della corruzione internazionale nei grandi gruppi multinazionali. Milano, 19 giugno 2012 Massimo Mantovani General Counsel eni spa

La prevenzione della corruzione internazionale nei grandi gruppi multinazionali. Milano, 19 giugno 2012 Massimo Mantovani General Counsel eni spa La prevenzione della corruzione internazionale nei grandi gruppi multinazionali Milano, 19 giugno 2012 Massimo Mantovani General Counsel eni spa La Normativa Anti-Corruzione Al fine di assicurare il massimo

Dettagli

Modello Anti-corruzione

Modello Anti-corruzione Salini Impregilo S.p.A. Capitale Sociale euro 544.740.000,00 Sede Legale Via dei Missaglia, 97 Codice fiscale e numero d iscrizione: 00830660155 del Reg. Imprese di Milano Rep. Econ. Amm. N 525502 - P.IVA

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 1 Ultimo aggiornamento in data 3 marzo 2016. 2 Sommario

Dettagli

Piano triennale di avvio per la prevenzione della corruzione

Piano triennale di avvio per la prevenzione della corruzione AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI Piano triennale di avvio per la prevenzione della corruzione Anni 2014-2016 INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI PRELIMINARI Paragrafo

Dettagli

GRUPPO AUTOGRILL PROCEDURA DI GRUPPO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI ALLA SOCIETÀ INCARICATA DELLA REVISIONE LEGALE

GRUPPO AUTOGRILL PROCEDURA DI GRUPPO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI ALLA SOCIETÀ INCARICATA DELLA REVISIONE LEGALE AUTOGRILL SPA GRUPPO AUTOGRILL PROCEDURA DI GRUPPO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI ALLA SOCIETÀ INCARICATA DELLA REVISIONE LEGALE Novembre 2012 Indice 1. Oggetto della procedura... 3 2. Revisore principale

Dettagli

POLITICA GENERALE ANTICORRUZIONE DI PPG

POLITICA GENERALE ANTICORRUZIONE DI PPG In quanto dipendente PPG, la preghiamo di leggere e aderire alla Politica Globale Anticorruzione PPG. Per eventuali domande o problemi riguardo alla Normativa o agli obblighi di conformità, contattare

Dettagli

REGOLE DI COMPORTAMENTO

REGOLE DI COMPORTAMENTO REGOLE DI COMPORTAMENTO Missione e valori La Finprest Srl, agente in attività finanziaria con iscrizione BANCA D ITALIA nr. A7739, opera nel settore del credito al consumo mediante concessione di finanziamenti

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE. ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l.

CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE. ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l. CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l. Approvato dal CdA del 15 ottobre 2010 2 INDICE Preambolo...4

Dettagli

Codice di Comportamento dei dipendenti dell Università degli Studi di Milano

Codice di Comportamento dei dipendenti dell Università degli Studi di Milano Codice di Comportamento dei dipendenti dell Università degli Studi di Milano Relazione illustrativa Premessa Il presente documento intende brevemente illustrare i riferimenti normativi, il procedimento

Dettagli

Presidi Anticorruzione in una grande azienda privata

Presidi Anticorruzione in una grande azienda privata Presidi Anticorruzione in una grande azienda privata Dott. Gianluca Cimini AD, BT Italia S.p.a. Roma, 5 Dicembre 2013 Agenda 1. Overview del gruppo 2. I potenziali rischi di corruzione in BT 3. I presidi

Dettagli

Società LegalMedia - Organismo di mediazione - società a responsabilità limitata. CODICE ETICO DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE

Società LegalMedia - Organismo di mediazione - società a responsabilità limitata. CODICE ETICO DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE Allegato B al Regolamento Società LegalMedia - Organismo di mediazione - società a responsabilità limitata. CODICE ETICO DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE LegalMedia Organismo di mediazione Società a responsabilità

Dettagli

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi ERG S.p.A. Linee di indirizzo del Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi Approvate dal Consiglio di Amministrazione dell 11 marzo 2014 1 Sommario 1. Il Sistema di Controllo Interno e di

Dettagli

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili di Giorgio Gentili 1.1 Novità introdotte dal d.lgs. n. 39/2010 Il d.lgs. 27 gennaio 2010, n. 39, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 23 marzo 2010, n. 68, recepisce la direttiva n. 2006/43/Ce, relativa

Dettagli

Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001

Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001 Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001 Il presente documento ha lo scopo di illustrare il Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo adottato

Dettagli

CIR S.P.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

CIR S.P.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE CIR S.P.A. DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE INDICE 1. Premessa...3 2. Definizioni...3 3. Individuazione delle Operazioni di maggiore rilevanza...4 4. Operazioni esenti...5 4.1 Piani di compensi

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ex D.Lgs. 231/2001 CODICE ETICO. Revisione 11.12.2014 Pag. 1/8 Codice Etico

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ex D.Lgs. 231/2001 CODICE ETICO. Revisione 11.12.2014 Pag. 1/8 Codice Etico CODICE ETICO Revisione 11.12.2014 Pag. 1/8 Codice Etico Revisionato e approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 11.12.2014 INDICE PREMESSA pag. 04 1. Ambito di applicazione pag. 05 2. Valore contrattuale

Dettagli

CODICE ETICO Articolo 1 Soluzioni HR

CODICE ETICO Articolo 1 Soluzioni HR CODICE ETICO Articolo 1 Soluzioni HR Aut. Min. Lav. 1118/SG del 26/11/04 INDICE 1.INTRODUZIONE 3 2.VALORI ETICI 3 3.CRITERI DI CONDOTTA 4 4 Relazioni con gli azionisti 4 Relazioni con interlocutori esterni

Dettagli

Codice di Comportamento Aziendale

Codice di Comportamento Aziendale ALLEGATO 2 Codice di Comportamento Aziendale 1. DESTINATARI - COMUNICAZIONE ED INFORMAZIONE I principi e le disposizioni del presente Codice di Comportamento aziendale sono vincolanti per tutti gli amministratori,

Dettagli

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate - IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Adottata con delibera del CdA del 24 marzo 2006 e successivamente modificata in data

Dettagli

L Antiriciclaggio. 231 : IL NUMERO DEI RISCHI normativa antiriciclaggio. Convegno fiduciarie piemontesi Torino 31 maggio 2013

L Antiriciclaggio. 231 : IL NUMERO DEI RISCHI normativa antiriciclaggio. Convegno fiduciarie piemontesi Torino 31 maggio 2013 231 : IL NUMERO DEI RISCHI normativa antiriciclaggio Convegno fiduciarie piemontesi Torino 31 maggio 2013 L Antiriciclaggio a cura di Salvatore Ruotolo 1 provvedimenti di Banca Italia 10 marzo 2011 in

Dettagli

PARTE GENERALE 3. CODICE ETICO 3.1. PREMESSA

PARTE GENERALE 3. CODICE ETICO 3.1. PREMESSA 3. CODICE ETICO 3.1. PREMESSA Il CODICE ETICO costituisce parte integrante del MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO adottato ed implementato da I valori e i principi ivi dichiarati rispecchiano

Dettagli

Introduzione. Introduzione. 1. I contenuti del Codice di Autodisciplina promosso da Borsa Italiana 2. Le modifiche approvate nel marzo 2010

Introduzione. Introduzione. 1. I contenuti del Codice di Autodisciplina promosso da Borsa Italiana 2. Le modifiche approvate nel marzo 2010 Oggetto: Sintetica descrizione del contenuto del Codice di Autodisciplina, promosso da Borsa Italiana S.p.A., approvato dal Comitato per la corporate governance nel marzo 2006 e successivamente modificato

Dettagli

1. Ambito di applicazione. pag. 1. 2. Qualificazione delle informazioni privilegiate. pag. 1. 3. Soggetti tenuti al rispetto della procedura. pag.

1. Ambito di applicazione. pag. 1. 2. Qualificazione delle informazioni privilegiate. pag. 1. 3. Soggetti tenuti al rispetto della procedura. pag. PROCEDURA IN I MATERIA DII MONITORAGGIO,, CIRCOLAZIONE INTERNA I E COMUNICAZIONE AL PUBBLICO DELLE INFORMAZII IONII PRIVILEGI IATE PREVISTE DALL ART.. 181 DEL DECRETO LEGISLATIVO 24 FEBBRAIO 1998 N.. 58

Dettagli

Modello di organizzazione ex D.Lgs. n. 231/01. Codice etico e di comportamento

Modello di organizzazione ex D.Lgs. n. 231/01. Codice etico e di comportamento Modello di organizzazione ex D.Lgs. n. 231/01 Codice etico e di comportamento Sommario 1. Principi generali 3 1.1 1.2 1.3 Preambolo Destinatario Gli obblighi e doveri dei destinatari 3 3 3 2. Politiche

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA SULLE INTERAZIONI CON GLI OPERATORI MEDICO-SANITARI

CODICE DI CONDOTTA SULLE INTERAZIONI CON GLI OPERATORI MEDICO-SANITARI CODICE DI CONDOTTA SULLE INTERAZIONI CON GLI OPERATORI MEDICO-SANITARI Dichiarazione di tutte le società aderenti al COCIR COCIR si dedica al progresso della scienze medica e al miglioramento delle cure

Dettagli

CODICE ETICO. DI ANTHILIA CAPITAL PARTNERS SGR S.p.A.

CODICE ETICO. DI ANTHILIA CAPITAL PARTNERS SGR S.p.A. CODICE ETICO DI ANTHILIA CAPITAL PARTNERS SGR S.p.A. Versione valida dal 1 gennaio 2015 INDICE Parte I PREMESSA ED OBIETTIVI Art. 1 Destinatari Art. 2 Principi Generali Art. 3 Riservatezza Art. 4 Imparzialità

Dettagli

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare 1 Premessa e quadro normativo Il Contratto sottoscritto da Equitalia S.p.A. e ha ad oggetto l affidamento dei servizi di implementazione e manutenzione del nuovo Sistema Informativo Corporate - Sistema

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI. eseguibile.

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI. eseguibile. REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 4 del eseguibile. 06 marzo 2013, resa immediatamente ENTRATO IN VIGORE IL 06 MARZO 2013 1 REGOLAMENTO DEI CONTROLLI

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO Art. 1 Finalità Il presente Regolamento ha per oggetto le norme di funzionamento del Comitato Esecutivo di Slow Food Italia. Art. 2 Il Comitato Esecutivo.

Dettagli

PORTO TURISTICO DI CAPRI. Principi di Comportamento Anticorruzione

PORTO TURISTICO DI CAPRI. Principi di Comportamento Anticorruzione PORTO TURISTICO DI CAPRI Principi di Comportamento Anticorruzione AI SENSI DELLA LEGGE 190/2012 Responsabile della trasparenza Dott. Fabrizio De Maddi 10/12/15 Approvati nella seduta del CDA del 15 dicembre

Dettagli

PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA

PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA 1 PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y SLOVACCHIA CONTRATTI COMMERCIALI IN SLOVACCHIA di Avv. Francesco Misuraca Contratto di agenzia in Slovacchia La disciplina degli art. 577 e seguenti del Codice commerciale slovacco regola un contratto

Dettagli

Centro Servizi Metalli Group Codice etico e di condotta Approvato con delibera del CDA in data 23-04-2012

Centro Servizi Metalli Group Codice etico e di condotta Approvato con delibera del CDA in data 23-04-2012 Approvato con delibera del CDA in data 23-04-2012 File: CSM_Codice rev.00 del marzo 2012 IT - Pagina 1 di 9 Il nostro codice etico e di condotta Sommario 1. Presentazione... 3 2. Introduzione... 3 3. Obiettivi

Dettagli

POLIS FONDI IMMOBILIARI DI BANCHE POPOLARI SGR.p.A. CODICE ETICO E DI CONDOTTA. Novembre 2012

POLIS FONDI IMMOBILIARI DI BANCHE POPOLARI SGR.p.A. CODICE ETICO E DI CONDOTTA. Novembre 2012 POLIS FONDI IMMOBILIARI DI BANCHE POPOLARI SGR.p.A. CODICE ETICO E DI CONDOTTA Novembre 2012 Premessa 1. Il Codice etico aziendale contiene i principi di comportamento per la conduzione dell attività di

Dettagli

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015)

MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) MANDATO DELLA FUNZIONE AUDIT (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Enel Green Power il 12 marzo 2015) 1 INDICE DEI CONTENUTI 1. INTRODUZIONE E FINALITA DEL DOCUMENTO 2. MISSIONE 3. AMBITO 4. PROFESSIONALITA

Dettagli

AIFI. CODICE INTERNO DI COMPORTAMENTO per Investment Companies di private equity (contenuto minimo)

AIFI. CODICE INTERNO DI COMPORTAMENTO per Investment Companies di private equity (contenuto minimo) AIFI ASSOCIAZIONE ITALIANA DEL PRIVATE EQUITY E VENTURE CAPITAL CODICE INTERNO DI COMPORTAMENTO per Investment Companies di private equity (contenuto minimo) Indice LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DEL PRESENTE

Dettagli

The Babcock & Wilcox Company Manuale di Conformita Alle Leggi Anticorruzione Compliance Manual

The Babcock & Wilcox Company Manuale di Conformita Alle Leggi Anticorruzione Compliance Manual The Babcock & Wilcox Company Manuale di Conformita Alle Leggi Anticorruzione Compliance Manual Gli amministratori, i dirigenti e i dipendenti di The Babcock & Wilcox Company ( B&W o l Azienda ) si impegnano

Dettagli

Panoramica sulle misure contro la corruzione. Una guida didattica per società in rapporti con Abbott

Panoramica sulle misure contro la corruzione. Una guida didattica per società in rapporti con Abbott Panoramica sulle misure contro la corruzione Una guida didattica per società in rapporti con Abbott Obiettivo Abbott si impegna a condurre la propria attività in modo eticamente corretto e in conformità

Dettagli

VICINI S.p.A. CODICE ETICO

VICINI S.p.A. CODICE ETICO VICINI S.p.A. CODICE ETICO INDICE 1. PREMESSA 2. AMBITO DI APPLICAZIONE 3. PRINCIPI DI RIFERIMENTO E NORME DI COMPORTAMENTO 4. EFFICACIA DEL CODICE ETICO E SUE VIOLAZIONI 1. PREMESSA Il presente Codice

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO FORNITORI E PARTNER. del Gruppo Poste Italiane

CODICE DI COMPORTAMENTO FORNITORI E PARTNER. del Gruppo Poste Italiane CODICE DI COMPORTAMENTO FORNITORI E PARTNER del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione INDICE 1. PREMESSA 3 2. OBIETTIVI

Dettagli

Su carta intestata del soggetto che manifesta interesse

Su carta intestata del soggetto che manifesta interesse Su carta intestata del soggetto che manifesta interesse Spett. Acqua Marcia Spa in liquidazione in c.p. Lungotevere Aventino n. 5 00153 Roma raccomandata P.E.C.: acquamarcia@legalmail.it Egregio Dott.

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2016 2017 2018 EMISSIONE Dicembre 2015 DECORRENZA Gennaio 2016 Redazione a cura di: Responsabile Prevenzione della corruzione Approvato da: Consiglio di

Dettagli

BOTTO POALA S.p.A. BOTTO POALA S.P.A. CODICE ETICO AZIENDALE. approvato dal C.D.A. di Botto Poala S.p.A. il 29 Marzo 2012 rev 00 INDICE

BOTTO POALA S.p.A. BOTTO POALA S.P.A. CODICE ETICO AZIENDALE. approvato dal C.D.A. di Botto Poala S.p.A. il 29 Marzo 2012 rev 00 INDICE BOTTO POALA SpA Pagina 1 di 5 Rev 00 del BOTTO POALA SPA CODICE ETICO AZIENDALE approvato dal CDA di Botto Poala SpA il 29 Marzo 2012 rev 00 INDICE 1 Premessa - Definizioni Pag 1 2 Obiettivi e valori Pag

Dettagli

DIREZIONE. Dirigente: GIOVANNELLI STEFANO. Decreto N. 163 del 07-09-2015. Responsabile del procedimento:

DIREZIONE. Dirigente: GIOVANNELLI STEFANO. Decreto N. 163 del 07-09-2015. Responsabile del procedimento: DIREZIONE Dirigente: GIOVANNELLI STEFANO Decreto N. 163 del 07-09-2015 Responsabile del procedimento: Pubblicità/Pubblicazione: ATTO NON RISERVATO,PUBBLICAZIONE SUL SITO DELL'AGENZIA Ordinario [X ] Immediatamente

Dettagli

Il presente testo è la traduzione di un documento in lingua inglese e viene fornito esclusivamente per agevolare la consultazione. Diritti e obblighi

Il presente testo è la traduzione di un documento in lingua inglese e viene fornito esclusivamente per agevolare la consultazione. Diritti e obblighi Il presente testo è la traduzione di un documento in lingua inglese e viene fornito esclusivamente per agevolare la consultazione. Diritti e obblighi dovranno conformarsi sotto tutti gli aspetti al testo

Dettagli

L organismo di vigilanza e l audit del sistema di prevenzione

L organismo di vigilanza e l audit del sistema di prevenzione I modelli organizzativi di prevenzione nelle cooperative e i nuovi reati del D.Lgs. 231/01 L organismo di vigilanza e l audit del sistema di prevenzione Paolo Maestri Unilab Consulenze Aziendali 9 aprile

Dettagli

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione ALLEGATO 2 (SCHEMA TIPO) Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione Art. 1 Costituzione e Sede E costituita ai sensi dell art. 36 e seguenti del C.C., l Organizzazione di Volontariato denominata,

Dettagli

G. TONIOLO Impianti e Lavori Edili Soc. Coop. Via Siria n 57 58100 Grosseto

G. TONIOLO Impianti e Lavori Edili Soc. Coop. Via Siria n 57 58100 Grosseto G T O N I O L O I m p i a n t i e L a v o r i E d i l i S o c. C o o p C o d i c e E t i c o P a g i n a 1 G. TONIOLO Impianti e Lavori Edili Soc. Coop. Via Siria n 57 58100 Grosseto 00 02/04/2010 Prima

Dettagli

REGOLAMENTO ORGANISMO DI VIGILANZA di AiFOS (Associazione Italiana Formatori della Sicurezza sul Lavoro) Art. 1 Oggetto

REGOLAMENTO ORGANISMO DI VIGILANZA di AiFOS (Associazione Italiana Formatori della Sicurezza sul Lavoro) Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO ORGANISMO DI VIGILANZA di AiFOS (Associazione Italiana Formatori della Sicurezza sul Lavoro) Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina composizione, funzionamento e procedure dell

Dettagli

Hearst Corporation Regolamento Anti-corruzione

Hearst Corporation Regolamento Anti-corruzione Hearst Corporation Regolamento Anti-corruzione Scopo Hearst Corporation, unitamente alle sue consociate e affiliate controllate (la Hearst o la Società ), si impegna ad attenersi ai più rigorosi principi

Dettagli

Segnalazione di Comportamenti Illegittimi

Segnalazione di Comportamenti Illegittimi Segnalazione di Comportamenti Illegittimi (Whistleblowing) Global Policy Competence Line Responsabile: Legal & Compliance Data: agosto 2013 Unit: Global Compliance Policy Coordination Versione: 2 Global

Dettagli

Il Decreto Legislativo 231/01: Impatti sulla Governance aziendale

Il Decreto Legislativo 231/01: Impatti sulla Governance aziendale Il D.Lgs 231/01 : riflessi sul ruolo dell' OdV e del Collegio Sindacale ndacale Il Decreto Legislativo 231/01: Impatti sulla Governance aziendale 27 febbraio 2012 Prof. Daniele Gervasio Università degli

Dettagli

WM CAPITAL S.p.A. PROCEDURA IN MATERIA DI INTERNAL DEALING

WM CAPITAL S.p.A. PROCEDURA IN MATERIA DI INTERNAL DEALING WM CAPITAL S.p.A. PROCEDURA IN MATERIA DI INTERNAL DEALING 1. Premessa La presente procedura (la Procedura ) riguarda le operazioni sul capitale di WM Capital S.p.A. (la Società o l Emittente ) e/o del

Dettagli

CODICE ETICO DI BROTHER ITALIA S.P.A. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 20/03/2012)

CODICE ETICO DI BROTHER ITALIA S.P.A. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 20/03/2012) CODICE ETICO DI BROTHER ITALIA S.P.A. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 20/03/2012) INDICE - PREMESSA -... 2 CAPO I... 3 - DISPOSIZIONI GENERALI -... 3 1. I Destinatari... 3 CAPO II...

Dettagli

ORGANISMO DI VIGILANZA

ORGANISMO DI VIGILANZA ALLEGATO 3 ORGANISMO DI VIGILANZA 12 1. Il decreto 231/01 e l istituzione dell OdV Come noto il Decreto 231/01 ha introdotto una nuova forma di responsabilità delle persone giuridiche per alcuni tipi di

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione dell energia elettrica e del gas naturale Rev. 03 del 21/12/2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato

Dettagli

Codice di Corporate Governance

Codice di Corporate Governance Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 1 del 3 maggio 200 Indice 1 Introduzione 2 Organizzazione della Società 2.1 Assemblea dei Soci 2.2 Consiglio di Amministrazione 2.3 Presidente

Dettagli

L.R. 34/04 Cluster, Reti e aggregazioni d imprese. Domande frequenti

L.R. 34/04 Cluster, Reti e aggregazioni d imprese. Domande frequenti L.R. 34/04 Cluster, Reti e aggregazioni d imprese Domande frequenti 1. COME PRESENTARE DOMANDA 1.1. Come si presenta una domanda?.....3 1.2. E previsto un termine per la presentazione delle domande?...3

Dettagli

Programma anticorruzione

Programma anticorruzione Programma anticorruzione Questo Programma è nato e si è sviluppato anche grazie alla preziosa collaborazione di Pierluigi Vigna scomparso a Firenze nel settembre 2012 - che ha messo a disposizione la sua

Dettagli

Tivoli, 18.11.2009. Relatore dott. Enrico Crisci ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TIVOLI

Tivoli, 18.11.2009. Relatore dott. Enrico Crisci ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TIVOLI ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TIVOLI ASSOCIAZIONE DOTTORI E RAGIONIERI COMMERCIALISTI Tivoli, 18.11.2009 Relatore dott. Enrico Crisci Il nome "deontologia" deriva dal greco

Dettagli