MODULI DI ANATOMIA a.s

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MODULI DI ANATOMIA a.s. 2010-11"

Transcript

1 MODULI DI ANATOMIA a.s Classe 1 odontotecnico 1 quadrimestre MODULO 1: Concetti base- definizioni 1. Le si per lo studio dell anatomia e della fisiologia 2. Il concetto di salute e malattia. 3. Igiene e prevenzione delle malattie Sapersi orientare nella descrizione anatomica: Sviluppare una visione di insieme delle strutture e delle funzioni del corpo umano Saper definire lo stato di malattia. Conoscere le cause di malattia. Conoscere le finalità della prevenzione. Comprendere l importanza della profilassi. Assumere comportamenti adeguati alla prevenzione delle malttie. Capacità di leggere ed esporre i contenuti: Individuare e acquisire i concetti di base. I piani di riferimento. I termini anatomici. I livelli di organizzazione. Le cavità del corpo. Composizione di sistemi ed apparati. Generalità su: Cause di malattia: fisiche, chimiche, genetiche, microbiche. Caratteristiche dei microrganismi patogeni Concetto di epidemiologia e profilassi. La profilassi delle malattie infettive. Modalità della trasmissione delle malattie infettive. Misure di prevenzione: vaccini, sieri,antibiotici. Tavole di anatomia. Modelli anatomici. 1

2 MODULO 2: Citologia (contenuti da concordare con il Docente di Biologia della classe interessata al fine di evitare sovrapposizioni di programma) 1. Struttura della Individuare le strutture Concetti di chimica di base Componenti chimici della cellula principali della cellula e le cellula. 2. Fisiologia della cellula loro funzioni Correlare le funzioni di organi e tessuti con la fisiologia cellulare Struttura della cellula Fisiologia cellulare. La divisione cellulare: mitosi e meiosi. Il codice genetico. Diapositive. Tavole e diapositive di microscopia ottica ed elettronica. Osservazione di vetrini. 3. La cellula tumorale Riconoscere le differenze morfologiche e funzionali tra cellula normale e tumorale U.D. precedenti Differenza tra cellula tumorale benigna e maligna. 2

3 MODULO 3: Istologia 1. I tessuti epiteliali Conoscere le caratteristiche e la classificazione del tessuto epiteliale Conoscenza dei contenuti del modulo 2 Caratteristiche generali. Le funzioni degli epiteli. Classificazione generali degli epiteli. 2. I tessuti connettivi Conoscere le caratteristiche e la classificazione dei tessuti connettivi 3. Cartilagine e tessuto osseo Conoscere le caratteristiche e la classificazione dei tessuti cartilagineo e osseo. Saper descrivere la fisiologia di questi tessuti 4. Il tessuto muscolare Conoscere le caratteristiche e la classificazione dei tessuti muscolari. Riassumere le fasi della contrazione. Differenziare tra contrazione volontaria e involontaria. Caratteristiche generali. Componenti dei connettivi. Classificazione e fisiologia dei connettivi. Caratteristiche generali. Componenti, classificazione, fisiologia dei tessuti cartilagineo e osseo. Tessuto muscolare liscio. Tessuto muscolare striato. Tessuto muscolare cardiaco. Diapositive. Diapositive di microscopia ottica. Osservazione di vetrini. Modelli anatomici. 3

4 MODULO 4: L apparato tegumentario 1. L apparato Epiteli di rivestimento, tegumentario tessuto connettivale. Saper riconoscere i componenti della cute e degli annessi. Comprendere le funzioni della cute. La cute. Cli annessi cutanei. Funzione della cutye. Osservazione di vetrini. 2. patologie Riconoscere le lesioni cutanee. U.D. 2,3 e U.D. precedente Acne. Ustioni. Melanoma. 4

5 2 quadrimestre MODULO 5: L apparato locomotore 1. Il sistema Saper riconoscere i tipi di scheletrico ossa 2. Le articolazioni Conoscere i componenti delle articolazioni 3. Il sistema muscolare 4. Le lesioni muscoloscheletriche e traumi sportivi Conoscere i componenti dei muscoli. Identificare i movimenti muscolari fisiologia di questi tessuti Conoscere le principali lesioni osteoarticolari e muscolari. Indicare le possibili conseguenze traumatiche derivanti da attività sportive Conoscenza dei contenuti dei moduli 1 e 3 (organizzazione del corpo umano, tessuto osseo) Conoscenza dei contenuti dei moduli 1 e 3 (organizzazione del corpo umano, tessuto connettivale e cartilagineo) Conoscenza dei contenuti dei moduli 1 e 3 (organizzazione del corpo umano, tessuto muscolare striato) Conoscenza delle U:D: precedenti Classificazione delle ossa. Scheletro assile e appendicolare. Descrizioni delle ossa principali Componenti delle articolazioni. Classificazione. I movimenti articolari. Localizzazione dei principali muscoli Fratture ossee e riparazione delle fratture. Danni articolari e muscolari. I traumi sportivi. Primo soccorso dei traumatizzati ossei e muscolari. Osteoporosi. Modelli anatomici. Scheletro. 5

6 MODULO 5: L apparato digerente 1. Organizzazione generale e funzioni digerente. Acquisire una visione globale dell organizzazione e delle funzioni. Cavità del corpo. Localizzazione degli organi digerente. Generalità delle funzioni e di ogni 2. Anatomia degli organi digerenti 3. Le ghiandole annesse all apparato digerente. 4. Fisiologia digerente. Saper descrivere la struttura macro e microscopica degli organi digerente. Ghiandole salivari. Conoscere posizione, forma e architettura del fegato e del pancreas. Elencare le funzioni di queste ghiandole. Collegare l anatomia e le funzioni digerente. Saper distinguere tra digestione e assorbimento. Indicare il ruolo delle ghiandole annesse nella digestione. 5. Patologie Conoscere le principali patologie dello stomaco Organizzazione generale del corpo umano. Concetto di tessuto Conoscenza di tessuto. Definizione di ghiandola. Concetto di enzima. U.D. precedenti, modulo 2 singolo organo. Cavo orale. Faringe. Esofago. Stomaco. Intestino. Il fegato, il pancreas Fisiologia di ciascun organo digerente e delle ghiandole annesse. Gastrite, ulcera,cause Modelli anatomici. 6

7 MODULO 6: educazione alimentare 1. La nutrizione e la corretta alimentazione 2. Malattie veicolate degli alimenti e loro prevenzione. Conoscere come sono digeriti e utilizzati i nutrienti. Comprendere l importanza delle regole di una corretta alimentazione. Conoscere le principali malattie veicolate dagli alimenti. Assumere comportamenti idonei alla loro prevenzione. Apprendere i principi di base dei metodi di conservazione degli alimenti. 3. L etilismo Conoscere i danni provocati dall abuso di alcol. Prendere coscienza dei problemi sociali correlati all etilismo. Assumere comportamenti idonei nella prevenzione dell etilismo. 4. Fisiologia digerente. Collegare l anatomia e le funzioni digerente. Saper distinguere tra digestione e assorbimento. Fisiologia degli organi digerenti. Generalità sulla struttura delle macromolecole Saper distinguere tra batteri, virus, protozoi. Linee guida per la prevenzione delle malattie infettive. Funzioni del fegato. Concetto di enzima. Digestione di glicidi, lipidi e proteine. Funzione delle vitamine, acqua, Sali minerali. Comportamenti alimentare e prevenzione. Eccessi e carenze nella dieta. Selezione delle più diffuse malattie da batteri, virus e protozoi veicolati dagli alimenti. Tossinfezioni alimentari. Infestazioni. Intossicazioni alimentari e avvelenamenti. Conservazione degli alimenti.. Effetti dell alcol. La prevenzioni dell etilismo. Fisiologia di ciascun organo digerente e delle ghiandole annesse. 7

8 Classe 2 odontotecnico 1 quadrimestre MODULO 1: L apparato respiratorio 1. Organizzazione generale e funzioni respiratorio. Acquisire una visione globale dell organizzazione e delle funzioni respiratorie Descrivere in generale l anatomia e la fisiologia Cavità del corpo. Localizzazione degli organi respiratorio. Generalità delle funzioni e di ogni singolo organo. respiratorio. 2. Le vie respiratorie. Saper indicare gli organi delle vie respiratorie e la rispettiva struttura macro e microscopica. 3. I polmoni Conoscere l anatomia dei polmoni e comprendere la respirazione esterna. 4. La respirazione Comprendere lo scopo del meccanismo respiratorio. Spiegare lo scambio dei gas nella respirazione esterna e interna. 5. Patologie e igiene respiratorio Conoscere le principali malattie respiratorie, le modalità di prevenzione, i danni provocati dal fumo di tabacco e dagli inquinanti atmosferici. Localizzazione delle ossa del cranio, in particolare quelle paranasali. Cavità toracica. Cavità toracica Conoscenza dei tessuti. Elementi di fisica e di chimica. U.D. precedenti Il naso. La faringe. La laringe. La trachea. L albero bronchiale. Forma e posizione dei polmoni. Struttura microscopica del lobulo polmonare, in particolare dell alveolo. La pleure. Composizione dell aria. Meccanismi di regolazione della respirazione Tumori respiratorio. I danni da fumo. 8

9 MODULO 2: L apparato cardiovascolare 1. Organizzazione generale e funzioni cardiovascolare. Acquisire una visione globale dell organizzazione e delle funzioni cardiovascolari. Cavità del corpo. Localizzazione degli organi cardiovascolare. Generalità delle funzioni e di ogni singolo organo. 2. Il sangue Conoscere la composizione del sangue. 3. Il cuore. Conoscere struttura e funzioni del cuore. Saper collegare le variazioni delle funzioni cardiache con le attività giornaliere. 4. I vasi sanguigni Saper distinguere tra arterie, vene e capillari. 5. Emodinamica Saper correlare tra funzioni cardiache, attività dei vasi sanguigni e circolazione del sangue. Comprendere i meccanismi che regolano la circolazione del sangue Struttura del muscolo cardiaco. Conoscenza degli endoteli e dei muscoli lisci. Semplici concetti di fisica dei fluidi. Plasma e parte corpuscolata. Patologie: emofilia e leucemia Forma e posizione del cuore. Cavità cardiache. Struttura del cuore. Attività cardiache. Struttura e funzioni di arterie, vene e capillari. Pressione sanguigna. Resistenza la flusso. Velocità dal sangue. Il flusso del sangue nell albero circolatorio. I serbatoi di sangue. I sistemi di controllo del flusso del sangue. Lezione frontale ed Articoli da riviste 6. Patologie e igiene cardiovascolare. Stabilire le cause delle principali malattie cardiovascolari. Conoscere le possibili modalità di prevenzione delle malattie cardiovascolari. U.D. precedenti Le malattie del cuore. Il trapianto cardiaco. Le malattie cardiovascolari. Prevenzione delle malattie cardiovascolari 9

10 MODULO 3: Il sistema linfatico e le difese immunitarie 1. I componenti del Cavità del corpo. sistema linfatico 2. Le difese aspecifiche 3. Le difese immunitarie specifiche Riconoscere gli orgnai del sistema linfatico. Indicare le funzioni di ciascun organo linfatico. Conoscere i responsabili delle difese specifiche. Comprendere il ruolo dei mezzi di difesa aspecifici. Indicare il ruolo delle cellule immunitarie Struttura del muscolo cardiaco. Elementi figurati del sangue. Struttura e funzioni degli organi linfatici. I vasi linfatici. Composizione della linfa. Forma e posizione del cuore. Cavità cardiache. Struttura del cuore. Attività cardiache. Le difese naturali specifiche. Caratteristiche degli antigeni. Articoli da riviste 4. Le difese immunitarie specifiche. 5. Regolazione della risposta immunitaria Conoscere il ruolo degli anticorpi. Valutare l importanza dell immunità umorale. Conoscere i sistemi dell attività immunitaria. U.D. 3 U.D. precedenti Anticorpi. Come avviene la risposta immunitaria 10

11 2 quadrimestre MODULO 4: la risposta immunitaria 1. I vaccini Conoscere la funzione dei vaccini. Vie di somministrazione. Conoscere le vaccinazioni obbligatorie. Modulo 3 Tipi di vaccini. Vaccinoprofilassi. 2. I sieri. Conoscere la funzione dei sieri. Distinguere tra vaccinoprofilassi e sieroprofilassi. 3. Patologia e igiene del sistema immunitario Prendere coscienza del problema del rigetto dei trapianti d organo. Sieroprofilassi. Rigetto dei trapianti d organo. Malattie autoimmuni. Le allergie. Le immunodeficienze Articoli da riviste 4. HIV e AIDS Conoscere il virus che causa l AIDS e prendere coscienza del problema Struttura del virus e infezione della cellula. Sieropositività. Le vie di trasmissione del virus. La propagazione. I farmaci utilizzati. 11

12 MODULO 5: L apparato urinario 1. Organizzazione generale e funzioni urinario. Acquisire una visione globale dell organizzazione e delle funzioni escretrici. Cavità del corpo. Localizzazione degli organi urinario. Generalità delle funzioni e di ogni 2. I reni Saper indicare la posizione del rene. Riconoscere le strutture del rene, in particolare del nefrone. 3. Le vie urinarie. Seguire il percorso dell urina verso l esterno. 4. La formazione e l eliminazione dell urina Saper indicare i meccanismi della formazione e dell eliminazione dell urina. Organizzazione generale del corpo umano. Concetto di tessuto. singolo organo. Forma e posizione dei reni. Struttura interna. Composizione del nefrone. Percorso e struttura degli ureteri. La vescica. Uretra maschile e femminile. Filtrazione glomerulare. Riassorbimento tubulare. La minzione. Regolazione dei livelli di acqua nei compartimenti idrici. Modelli anatomici. 5. Patologie e igiene urinario Stabilire le cause delle principale malattie urinarie. Conoscere le possibili modalità di prevenzione delle malattie urinarie. U.D. precedenti Calcolosi urinarie. L emodialisi. Il trapianto di rene. 12

13 MODULO 6: L apparato riproduttore e la riproduzione 1. I componenti riproduttore maschile e femminile. Conoscere l organizzazione riproduttore. Saper distinguere gli organi appartenenti ai deu Morfologia generale del corpo umano. Elenco e posizione degli organi riproduttori maschili e femminili. 2. Apparato riproduttore maschile 3. Fisiologia riproduttore maschile. 4. Apparato riproduttore femminile. 5. Fisiologia riproduttore femminile. sessi. Conoscere la forma e la struttura degli organi riproduttori maschili. Scandire le fasi della maturazione degli spermatozoi. Conoscere le funzioni dei singoli organi riproduttori. Conoscere la forma e la struttura degli organi riproduttori femminili. Scandire le fasi della maturazione delle cellula uovo. Conoscere le funzioni dei singoli organi riproduttori. Indicare i meccanismi delle funzioni riproduttive. Morfologia generale del corpo umano. Meiosi, mitosi, organuli cellulari. Morfologia generale del corpo umano. Meiosi, mitosi, organuli cellulari. Anatomia macro e microscopica degli organi riproduttori maschili. Spermatogenesi e struttura dello spermatozoo maturo. Eiaculazione. Anatomia macro e microscopica degli organi riproduttori emminili. Ovogenesi e struttura dell ovulo maturo. Ciclo ovarico e ciclo uterino. Ciclo mestruale. Controllo ormonale e nervoso delle funzioni riproduttive. 6. Fecondazione Conoscere i meccanismi della fecondazione U.D. precedenti La fecondazione dell ovulo Lucidi, 13

14 MODULO 7: Patologie e igiene riproduttore 1. I problemi della Contenuti del modulo La sterilità. riproduzione. precedente. La fecondazione assistita. Conoscere li problemi connessi con la sterilità. Indicare le principali tecniche di fecondazione assistita. Prendere coscienza della discussione sulla bioetica. 2. La contraccezione. Analizzare i metodi contraccettivi disponibili. Giudicare pregi e difetti di ciascun metodo. 3. Le malattie infettive trasmesse per via sessuale. 4. I tumori riproduttore. 5. Fisiologia riproduttore femminile. Conoscere le malattie infettive a trasmissione sessuale. Riassumere le caratteristiche fondamentali dei tumori riproduttore. Scandire le fasi della maturazione delle cellula uovo. Conoscere le funzioni dei singoli organi riproduttori. Indicare i meccanismi delle funzioni riproduttive. Contenuti del modulo precedente. Cause delle malattie infettive. Lotta ai microrganismi patogeni. Contenuti del modulo precedente. La cellula tumorale. Meiosi, mitosi, organuli cellulari. Metodi di contraccezione naturali, artificiali, chirurgici. Malattie batteriche, virali, candidosi, tricomonas Carcinoma del collo dell utero. Pap test. Vaccino. Ovogenesi e struttura dell ovulo maturo. Ciclo ovarico e ciclo uterino. Ciclo mestruale. Controllo ormonale e nervoso delle funzioni riproduttive. Lezione frontale ed 6. Fecondazione Conoscere i meccanismi della fecondazione U.D. precedenti La fecondazione dell ovulo Lucidi, 14

15 Classe 3 odontotecnico 1 quadrimestre MODULO 1: Citologia 1. Struttura della cellula Individuare le strutture principali della cellula e le Concetti di chimica di base Componenti chimici della cellula. 2. Fisiologia della cellula loro funzioni Correlare le funzioni di organi e tessuti con la fisiologia cellulare Struttura della cellula Fisiologia cellulare. La divisione cellulare: mitosi e meiosi. Il codice genetico. Diapositive. Tavole e diapositive di microscopia ottica ed elettronica. Osservazione di vetrini. 15

16 MODULO 2: Istologia 5. I tessuti epiteliali Conoscere le caratteristiche e la classificazione del tessuto epiteliale Conoscenza dei contenuti del modulo 2 Caratteristiche generali. Le funzioni degli epiteli. Classificazione generali 6. I tessuti connettivi Conoscere le caratteristiche e la classificazione dei tessuti connettivi 7. Cartilagine e tessuto osseo Conoscere le caratteristiche e la classificazione dei tessuti cartilagineo e osseo. Saper descrivere la fisiologia di questi tessuti 8. Il tessuto muscolare Conoscere le caratteristiche e la classificazione dei tessuti muscolari. Riassumere le fasi della contrazione. Differenziare tra contrazione volontaria e involontaria. 9. Il tessuto nervoso Conoscere i componenti del tessuto nervoso. Saper descrivere come si propaga l impulso nervoso. degli epiteli. Caratteristiche generali. Componenti dei connettivi. Classificazione e fisiologia dei connettivi. Caratteristiche generali. Componenti, classificazione, fisiologia dei tessuti cartilagineo e osseo. Tessuto muscolare liscio. Tessuto muscolare striato. Tessuto muscolare cardiaco. Morfologia e classificazione dei neuroni. La sinapsi. L impulso nervoso. La glia. Diapositive. Diapositive di microscopia ottica. Osservazione di vetrini. Modelli anatomici. 16

17 MODULO 3: Il sistema nervoso 1. I componenti del sistema nervoso. 2. Il sistema nervoso centrale 3. Il sistema nervoso periferico 4. Il sistema nervoso autonomo Conoscere l organizzazione del sistema nervoso centrale e del sistema nervoso periferico. Saper indicare la posizione di ciascun componente. Saper indicare i costituenti dell encefalo. Saper indicare i componenti del SNP. Conoscere le funzioni dei nervi cranici e spinali. Conoscere quali funzioni controllano il simpatico e il parasimpatico. Morfologia generale del corpo umano. Tessuto nervoso. Componenti del tessuto nervoso. Concetto di enzima. Componenti del sistema nervoso. Sistema nervoso centrale. Sistema nervoso periferico. L encefalo e le sue strutture di protezione. Gli emisferi cerebrali. Il cervelletto. Il midollo spinale. Generalità sui nervi cranici e spinali. Generalità sul sistema nervoso simpatico e parasimpatico. Modelli anatomici. 17

18 2 quadrimestre MODULO 4: Il sistema endocrino 1. I componenti e le funzioni del sistema endocrino. Nozioni fondamentali della fisiologia umana. 2. Le ghiandole del sistema endocrino Conoscere la struttura base delle ghiandole endocrine. Indicare i meccanismi di controllo sulle produzioni endocrine. Indicare posizione e struttura delle ghiandole endocrine. Sintetizzare le funzione degli ormoni secreti. 3. I disordini ormonali. Definire le conseguenze dei disordini ormonali sulla fisiologia. Ruolo del calcio, glicidi, Sali minerali nell organismo. U.D. precedenti Meccanismo di azione degli ormoni. Architetture delle ghiadnole endocrine. Posizione e struttura delle ghiandole endocrine, secrezione e azione degli ormoni. Ipofisi, epifisi, tiroide, paratiroidi, surreni, gonadi, pancreas endocrino Definizione di ipofunzione e ipofunzione delle ghiandole endocrine. Alterazione delle ghiandole endocrine e relative conseguenze. Modelli anatomici. 18

19 MODULO 5: l apparato stomatognatico 1. Il cranio Saper descrivere il cranio in generale e in particolare le ossa di particolare interesse stomatognatico. tessuto osseo, conoscenza della classificazione delle ossa in base alla forma e alla struttura. L osso temporale, il mascellare, la mandibola. 2. Le articolazioni Conoscere i componenti delle articolazioni 3. Il cavo orale Saper descrivere l anatomia del cavo orale con particolare riferimento all anatomia dentale. Saper descrivere l istologia dentale. 4. Muscoli della testa Identificare la differenza tra muscoli mimici e masticatori. Indicare inserzioni ed azione dei muscoli 5. L articolazione temporomandibolare masticatori. Descrivere le strutture anatomiche partecipanti all ATM. organizzazione del corpo umano, tessuto connettivale e cartilagineo istologia Tessuto muscolare, meccanismo di contrazione Struttura delle diartrosi Articolazioni fisse e mobili. Denti e dentizione. Anatomia e istologia dentale. Definizione muscoli mimici, muscoli masticatori: temporale, massetere, abbassatori. A.T.M Libro di testo (tavole di disegno). Modelli anatomici. Scheletro. 19

COMPITI ESTIVI ASSEGNATI: - preparare una mappa concettuale per ogni unità didattica svolta - ripasso di tutti gli argomenti

COMPITI ESTIVI ASSEGNATI: - preparare una mappa concettuale per ogni unità didattica svolta - ripasso di tutti gli argomenti UD.1: le basi per lo studio dell anatomia e fisiologia I livelli di organizzazione I processi della vita I piani di riferimento I termini anatomici Le cavità del corpo UD.2: l apparato tegumentario La

Dettagli

SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO:

SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometri Liceo Linguistico/Linguistico

Dettagli

CURRICOLO IN VERTICALE di SCIENZE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CLASSE SECONDA

CURRICOLO IN VERTICALE di SCIENZE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CLASSE SECONDA CURRICOLO IN VERTICALE di SCIENZE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CLASSE SECONDA SAPERI CONTENUTI Fisica: - La Luce - Le onde e i suoni - Meccanica (forze, leve, moti) Chimica: - Principi di chimica generale

Dettagli

MagnaGræcia di Catanzaro. Corso di Anatomia Umana a.a. 2007/2008 Prof.ssa G.Vescio

MagnaGræcia di Catanzaro. Corso di Anatomia Umana a.a. 2007/2008 Prof.ssa G.Vescio Università degli Studi MagnaGr MagnaGræcia di Catanzaro Corso di Anatomia Umana a.a. 2007/2008 Prof.ssa G.Vescio Organizzazione e struttura generale del corpo Livelli di organizzazione, terminologia e

Dettagli

prefazione Milano, settembre 2015 Gli Autori FRONTE.indd 3 05/10/2015 12:21:55

prefazione Milano, settembre 2015 Gli Autori FRONTE.indd 3 05/10/2015 12:21:55 prefazione Questo Atlante vuole essere un ausilio allo studente di Medicina e di altri corsi di laurea scientifica, che abbia già acquisito nozioni di base di Istologia e di Anatomia umana, ma dovendo

Dettagli

Cellule: morfologia ed organizzazione funzionale NEUROFISIOLOGIA capitolo 1 Cellule nervose capitolo 2 Recettori cellulari

Cellule: morfologia ed organizzazione funzionale NEUROFISIOLOGIA capitolo 1 Cellule nervose capitolo 2 Recettori cellulari Cellule: morfologia ed organizzazione funzionale Membrana plasmatica: struttura e funzione Reticolo endoplasmatico Citoscheletro Proteine di membrana Proteine di membrana e segnali Strutture di contatto

Dettagli

Classe 3 A od. a.s. 2009-10 Prof. Rosalia Spallina

Classe 3 A od. a.s. 2009-10 Prof. Rosalia Spallina Classe 3 A od. Apparato riproduttore maschile e femminile. citologia 2. membrana cellulare: struttura e funzione 3. passaggio delle sostanze idrosolubili e liposolubili attraverso la membrana, diffusione

Dettagli

ITI ENRICO MEDI. Programmazione. Materia:Igiene - Anatomia - Fisiologia - Patologia Classe Terza

ITI ENRICO MEDI. Programmazione. Materia:Igiene - Anatomia - Fisiologia - Patologia Classe Terza ITI ENRICO MEDI Programmazione Materia:Igiene - Anatomia - Fisiologia - Patologia Classe Terza L insegnamento di Igiene, Anatomia, Fisiologia e Patologia, in particolare, vuol far acquisire agli alunni:

Dettagli

Prefazione Presentazione dell edizione italiana

Prefazione Presentazione dell edizione italiana INDICE V Capitolo 28 Indice Autori Prefazione Presentazione dell edizione italiana XI XIII 1 LA CELLULA 1 La cellula 1 Nucleo 7 Citoplasma 17 Complesso di Golgi 21 Mitocondri 24 Lisosomi 28 Perossisomi

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE. Roberto Valturio RELAZIONE FINALE E PROGRAMMA SVOLTO. a.s.

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE. Roberto Valturio RELAZIONE FINALE E PROGRAMMA SVOLTO. a.s. ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE Roberto Valturio RELAZIONE FINALE E PROGRAMMA SVOLTO a.s. 2O13-2014 Materia : Chimica e Biologia Classe : II sez. B Rimini,05/06/2014

Dettagli

PROGRAMMA A.S. 20013-14 CLASSE 1 B OD. PROF. ROSALIA SPALLINA

PROGRAMMA A.S. 20013-14 CLASSE 1 B OD. PROF. ROSALIA SPALLINA PROGRAMMA A.S. 20013-14 CLASSE 1 B OD. PROF. ROSALIA SPALLINA L organizzazione del corpo umano, i termini dell anatomia, le cavità corporee, i composti organici nei processi della vita Istologia 1. Tessuti:

Dettagli

Le ossa e i muscoli. Per saperne di più. Nella terra e nello spazio. Immagini del corpo umano

Le ossa e i muscoli. Per saperne di più. Nella terra e nello spazio. Immagini del corpo umano Le ossa e i muscoli Le ossa Le ossa sono formate da tessuto osseo compatto e spugnoso. All interno delle ossa c è il midollo irrorato dai vasi sanguigni. I muscoli I muscoli dello scheletro sono collegati

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI ANATOMIA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI ANATOMIA G. CIGNA G. BARUFFI F. GARELLI Via di Curazza 15 12084 MONDOVÍ tel. 0174/42601 fax 0174/551401 A.S. 2014/15 Classe 1 ODO A Docente: Prof. Angelo Lotrecchiano LIBRI DI TESTO ADOTTATI Anatomia, fisiologia

Dettagli

ANATOMIA E FISIO-PATOLOGIA L APPARATO URINARIO

ANATOMIA E FISIO-PATOLOGIA L APPARATO URINARIO ANATOMIA E FISIO-PATOLOGIA L APPARATO URINARIO CORSO CORSO OSS DISCIPLINA: OSS DISCIPLINA: ANATOMIA PRIMO E FISIO-PATOLOGIA SOCCORSO MASSIMO MASSIMO FRANZIN FRANZIN COSTITUITO DA: DUE RENI DUE URETERI

Dettagli

PROGRAMMA DI SCIENZE DELLA TERRA

PROGRAMMA DI SCIENZE DELLA TERRA PROGRAMMI DELLE DISCIPLINE PER LA PREPARAZIONE DELL ESAME INTEGRATIVO AI FINI DELL AMMISSIONE AI PERCORSI DIDATTICI CURRICOLARI DELLA SCUOLA SUPERIORE EMPEDOCLE PROGRAMMA DI SCIENZE DELLA TERRA 1. La terra

Dettagli

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO MOSSOTTI

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO MOSSOTTI SECONDE AFM - TUR UdA n. 1 Titolo: biosfera/evoluzione dei viventi/tassonomia Acquisire e decodificare concetto di complessità e di interdipendenza all'interno di un sistema biologico Generalità sulla

Dettagli

Programmazione didattico- educativa di Scienze Naturali A.S. 2015 / 16 Docente: Prof.ssa Pucci Giuseppina

Programmazione didattico- educativa di Scienze Naturali A.S. 2015 / 16 Docente: Prof.ssa Pucci Giuseppina CLASSI IV Modulo 1 Periodo: I TRIMESTRE CHIMICA: SOLUZIONI E LE PROPRIETA COLLIGATIVE Convertire una soluzione da una unità di concentrazione ad un altra Utilizzare le proprietà colligative per determinare

Dettagli

Scienze. Classe 2^ Scuola Secondaria

Scienze. Classe 2^ Scuola Secondaria Classe 2^ Scuola Secondaria Scienze COMPETENZA DI RIFERIMENTO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE Osservare, analizzare e descrivere fenomeni appartenenti alla realtà naturale e agli aspetti della vita

Dettagli

Ti sei mai soffermato a pensare: che cosa succede sotto il collare?

Ti sei mai soffermato a pensare: che cosa succede sotto il collare? Ti sei mai soffermato a pensare: che cosa succede sotto il collare? Per le persone, sappiamo che solo 1 incidente con colpo di frusta può provocare sofferenza e dolore a lungo termine. L anatomia del cane

Dettagli

UNIVERSITÀ DI FOGGIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE IN INFERMIERISTICA SEDI DI FOGGIA - SAN SEVERO A.

UNIVERSITÀ DI FOGGIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE IN INFERMIERISTICA SEDI DI FOGGIA - SAN SEVERO A. UNIVERSITÀ DI FOGGIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE IN INFERMIERISTICA SEDI DI FOGGIA - SAN SEVERO A.A. 2004-2005 CORSO INTEGRATO DI ANATOMIA ED ELEMENTI DI

Dettagli

Indice generale. Introduzione 2. Apparato cardio-circolatorio (H. Fritsch) 5. Organi interni: visione d'insieme 2 Organizzazione funzionale 2

Indice generale. Introduzione 2. Apparato cardio-circolatorio (H. Fritsch) 5. Organi interni: visione d'insieme 2 Organizzazione funzionale 2 Introduzione 2 Organi interni: visione d'insieme 2 Organizzazione funzionale 2 Organizzazione regionale 2 Apparato cardio-circolatorio (H. Fritsch) 5 Visione d'insieme 6 Circolazione sanguigna e vasi linfatici

Dettagli

DISCIPLINA: IGIENE, ANATOMIA, FISIOLOGIA_

DISCIPLINA: IGIENE, ANATOMIA, FISIOLOGIA_ I.P.S.I.A E. DE AMICIS di ROMA PIANO DI LAVORO CLASSE : _II_ DISCIPLINA: IGIENE, ANATOMIA, FISIOLOGIA_ LIVELLI DI PARTENZA A TEST UTILIZZATI PER LA DIAGNOSI DELLA CLASSE Testo libero, in forma discorsiva,

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO E QUELLO ENDOCRINO SVOLGONO QUESTE FUNZIONI.

IL SISTEMA NERVOSO E QUELLO ENDOCRINO SVOLGONO QUESTE FUNZIONI. IL CORPO UMANO FUNZIONA CORRETTAMENTE SOLO SE TIENE CONTO DELLE CARATTERISTICHE DELL AMBIENTE SIA INTERNO CHE ESTERNO E SE GLI ORGANI DEI SUOI DIVERSI APPARATI SONO COORDINATI TRA LORO. IL SISTEMA NERVOSO

Dettagli

L architettura. del corpo umano. 1 L organizzazione gerarchica. del corpo umano

L architettura. del corpo umano. 1 L organizzazione gerarchica. del corpo umano C Il corpo umano C1 L architettura del corpo umano C2 La circolazione sanguigna gerarchica del corpo umano 2 Organi, tessuti, sistemi e apparati 3 L omeostasi: la regolazione dell ambiente interno La febbre,

Dettagli

CLASSI II CLASSICO A e B

CLASSI II CLASSICO A e B LICEO SCIENTIFICO "A. APROSIO" VENTIMIGLIA PROGRAMMA CONCORDATO DI SCIENZE NATURALI CLASSI II CLASSICO A e B PROF. A.COTTA ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Testo in uso: C.Starr BIOLOGIA Volume III-IV Garzanti

Dettagli

INDICE. 1 Anatomia e fisiologia: 4 Metabolismo cellulare 107. 5 Tessuti 133. Cellule 71. Introduzione 134. Le basi chimiche della vita 49

INDICE. 1 Anatomia e fisiologia: 4 Metabolismo cellulare 107. 5 Tessuti 133. Cellule 71. Introduzione 134. Le basi chimiche della vita 49 INDICE Autori xiii Curatori dell edizione italiana xvii Prefazione xix Presentazione xx Impara, metti in pratica, verifica xxii Risorse digitali xxv LIVELLI DI ORGANIZZAZIONE 1 I 1 Anatomia e fisiologia:

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore L. da Vinci Civitanova Marche. Anno scolastico 2014-2015. Programma svolto. Docente: Silvana Venditti

Istituto di Istruzione Superiore L. da Vinci Civitanova Marche. Anno scolastico 2014-2015. Programma svolto. Docente: Silvana Venditti Anno scolastico 2014-2015 Programma svolto Docente: Silvana Venditti Disciplina: Scienze Naturali Classe : IV sez. E - Indirizzo Linguistico ARTICOLAZIONE DEI CONTENUTI E DEGLI OBIETTIVI SECONDO UNITA

Dettagli

CENNI DI ANATOMIA E FISIOLOGIA DEI PRINCIPALI ORGANI E APPARATI DEL CORPO UMANO

CENNI DI ANATOMIA E FISIOLOGIA DEI PRINCIPALI ORGANI E APPARATI DEL CORPO UMANO CENNI DI ANATOMIA E FISIOLOGIA DEI PRINCIPALI ORGANI E APPARATI DEL CORPO UMANO 7.1. Cenni di Anatomia e Fisiologia L anatomia umana studia e definisce la morfologia del corpo umano nei suoi aspetti macroscopici

Dettagli

AREA PROFESSIONALE - COMPETENZE FINALI GENERALI

AREA PROFESSIONALE - COMPETENZE FINALI GENERALI Acconciatore/trice AREA PROFESSIONALE - COMPETENZE FINALI GENERALI PER MACROSETTORE, FAMIGLIA E QUALIFICA Scienze 1 MACROSETTORE: SERVIZI AllA PERSONA FAMIGLIA PROFESSIONALE: SERVIZI ALLA PERSONA QUALIFICA

Dettagli

Biologia della Leadership un neurone fa l azienda? Oscar Pepino, Riccardo Conturbia, Michela Pepino

Biologia della Leadership un neurone fa l azienda? Oscar Pepino, Riccardo Conturbia, Michela Pepino Biologia della Leadership un neurone fa l azienda? Oscar Pepino, Riccardo Conturbia, Michela Pepino Indice Introduzione Conclusioni 2 Introduzione Intendiamo sfruttare il paradigma del corpo umano e delle

Dettagli

Convenzione sulle diagnosi e i codici di diagnosi

Convenzione sulle diagnosi e i codici di diagnosi Versione 27.03.02 Allegato 4 Convenzione sulle diagnosi e i codici di diagnosi Sulla base dell'art. 9, cpv. 7, lett. g del contratto base TARMED del 27.03.02, dell'art. 42 LAMal e dell'art. 59 OAMal, le

Dettagli

Scoprire il corpo umano tra esperimenti e giochi

Scoprire il corpo umano tra esperimenti e giochi Scoprire il corpo umano tra esperimenti e giochi Istituto Comprensivo di Majano e Forgaria (UD) Katia Iacuzzo STRUMENTO DIDATTICO Verifica degli apprendimenti La verifica scritta è stata assegnata alla

Dettagli

Tessuto epiteliale Tessuto connettivo Tessuto muscolare Tessuto nervoso TESSUTO

Tessuto epiteliale Tessuto connettivo Tessuto muscolare Tessuto nervoso TESSUTO Tessuto epiteliale TESSUTO Ogni cellula del nostro organismo ha lo stesso patrimonio genetico ma, allora, perché ogni cellula è diversa da un altra? Del messaggio genetico ricevuto ogni cellula legge un

Dettagli

Questi atleti possono scattare e correre grazie allo scheletro e ai muscoli.

Questi atleti possono scattare e correre grazie allo scheletro e ai muscoli. Questi atleti possono scattare e correre grazie allo scheletro e ai muscoli. LE FUNZIONI DEL CORPO UMANO Questo nuotatore ha la bocca aperta. Perché? Perché deve coordinare i movimenti del corpo con una

Dettagli

Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi

Programma d'esame. Temi d'esame proposti in precedenti concorsi CLASSE 40/A - IGIENE, ANATOMIA, FISIOLOGIA, PATOLOGIA GENERALE E DELL' APPARATO MASTICATORIO Programma d'esame CLASSE 40/A - IGIENE, ANATOMIA, FISIOLOGIA, PATOLOGIA GENERALE E DELL' APPARATO MASTICATORIO

Dettagli

ITIS M.FARADAY PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE

ITIS M.FARADAY PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE ITIS M.FARADAY PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE Materia: BIOLOGIA Classe: 2E Docente: Toccoli Simona Livelli di partenza Per verificare i livelli di partenza è stato svolto un colloquio

Dettagli

La circolazione sanguigna

La circolazione sanguigna C1 C2 C3 L architettura del corpo umano La circolazione sanguigna respiratorio gerarchica del corpo umano 2 Organi, tessuti, sistemi e apparati 3 L omeostasi: la regolazione dell ambiente interno La febbre,

Dettagli

La vita e le sue molecole. Il mondo della cellula. Sommario. Nelle risorse digitali. Nelle risorse digitali

La vita e le sue molecole. Il mondo della cellula. Sommario. Nelle risorse digitali. Nelle risorse digitali 1 La vita e le sue molecole 1. La biologia studia le caratteristiche della vita 2 2. L acqua e le sue proprietà 6 3. I composti del carbonio 11 Competenze in azione 14 4. I carboidrati e i lipidi 15 Competenze

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA. INDICATORI COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA. INDICATORI COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA INDICATORI 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali 2. Osservare e sperimentare sul campo Sviluppa atteggiamenti di curiosità verso il mondo circostante

Dettagli

Programmazione di Scienze naturali Classe IV C a.s. 2015-2016 prof. Orsola Neri

Programmazione di Scienze naturali Classe IV C a.s. 2015-2016 prof. Orsola Neri Programmazione di Scienze naturali Classe IV C a.s. 2015-2016 prof. Orsola Neri Unità 1- Il genoma in azione BIOLOGIA Conoscenze: i geni guidano la costruzione delle proteine,in che modo l informazione

Dettagli

ROMA Hotel NH Vittorio Veneto Corso d Italia, 1

ROMA Hotel NH Vittorio Veneto Corso d Italia, 1 RONCO MEDICAL CENTER srl Centro Polispecialistico di Medicina Integrata P. IVA 05834240961 I anno corso 2013 IMMUNOLOGIA ED ENDOCRINOLOGIA PER LA MODULAZIONE BIOLOGICA DELL ATTIVITA METABOLICA CELLULARE

Dettagli

I contenuti minimi riguardano l essenziale delle conoscenze di anatomia, fisiologia, igiene e patologia dei singola apparati.

I contenuti minimi riguardano l essenziale delle conoscenze di anatomia, fisiologia, igiene e patologia dei singola apparati. 1 ANATOMIA CLASSE PRIMA Obiettivi didattici di anatomia A fine anno lo studente dovrà: conoscere gli aspetti fondamentali della struttura e delle funzioni dell organismo umano e dei meccanismi che alterano

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. CIGNA-GARELLI- BARUFFI

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. CIGNA-GARELLI- BARUFFI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. CIGNA-GARELLI- BARUFFI PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE INSEGNANTE : Virzì Domenico MATERIA: BIOLOGIA CLASSE IV C LSA 1) contesto della classe: La classe è composta da 21

Dettagli

PROGRAMMA DI ANATOMIA Classe 1 Sez. A Indirizzo odontotecnico Anno scolastico

PROGRAMMA DI ANATOMIA Classe 1 Sez. A Indirizzo odontotecnico Anno scolastico PROGRAMMA DI ANATOMIA Classe 1 Sez. A Indirizzo odontotecnico Anno scolastico 2013-2014 1 modulo: Organizzazione del corpo umano I livelli di organizzazione dei viventi Le cavità corporee e i piani di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 ANATOMIA, FISIOLOGIA E PATOLOGIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 ANATOMIA, FISIOLOGIA E PATOLOGIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 ANATOMIA, FISIOLOGIA E PATOLOGIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 99 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

Gli animali sono dotati di un organizzazione strutturale di tipo gerarchico

Gli animali sono dotati di un organizzazione strutturale di tipo gerarchico tessuti Gli animali sono dotati di un organizzazione strutturale di tipo gerarchico L organizzazione strutturale del mondo vivente è impostata secondo diversi livelli gerarchici. A Livello di cellula Cellula

Dettagli

(0,1.37] (1.37,2.84] (2.84,4.7] (4.7,5.43] (5.43,9.75]

(0,1.37] (1.37,2.84] (2.84,4.7] (4.7,5.43] (5.43,9.75] Donne, Malattie infettivo e parassitarie, eta' : Tutte le età (0,1.37] (1.37,2.84] (2.84,4.7] (4.7,5.43] (5.43,9.75] Donne, Tubercolosi, eta' : Tutte le età ( 0 ) ( 0.15 ) Donne, Tubercolosi polmonare,

Dettagli

DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007)

DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007) DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007) Capitolo 1 Funzioni mentali FUNZIONI CORPOREE Funzioni mentali globali (b110-b139) b110 Funzioni della coscienza b114 Funzioni dell orientamento

Dettagli

Monitore Primo Soccorso Chiara Parola CRI Casciana Terme

Monitore Primo Soccorso Chiara Parola CRI Casciana Terme Monitore Primo Soccorso Chiara Parola CRI Casciana Terme OBIETTIVI: Anatomia del cuore Fisiologia del cuore Patologie dell apparato cardiaco Sangue e vasi sanguigni Come funziona la circolazione del sangue

Dettagli

PATOLOGIA MEDICA VETERINARIA

PATOLOGIA MEDICA VETERINARIA PATOLOGIA MEDICA VETERINARIA Presentazione del corso Prof. Carlo Guglielmini Patologia Medica e Legislazione Veterinaria Calendario delle lezioni 6 CFU 60 ore per l intero Corso integrato Patologia Medica

Dettagli

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE)

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE) ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE) ORMONI FEMMINILI Altri effetti Gli estrogeni hanno inoltre importanti effetti metabolici: ad alte concentrazioni riducono

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J.C. MAXWELL Data: 08 /09 /2015 Pag. di. PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2015 / 2016 MANUTENZIONE e ASSISTENZA TECNICA

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J.C. MAXWELL Data: 08 /09 /2015 Pag. di. PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2015 / 2016 MANUTENZIONE e ASSISTENZA TECNICA INDIRIZZO SCOLASTICO DISCIPLINA DOCENTE / I CLASSE / I RISULTATI DI APPRENDIMENTO - al termine del percorso quinquennale - al cui raggiungimento contribuisce la disciplina MECCANICA e MECCATRONICA ELETTRONICA

Dettagli

2 classificare, formulare ipotesi in base ai dati forniti, trarre conclusioni basate sui risultati ottenuti e sulle ipotesi verificate

2 classificare, formulare ipotesi in base ai dati forniti, trarre conclusioni basate sui risultati ottenuti e sulle ipotesi verificate PIANO DI LAVORO DOCENTE MATERIA DESTINATARI ANNO SCOLASTICO 2013-14 Olga Pecorari SCIENZE NATURALI CLASSE QUARTA B LICEO LINGUISTICO COMPETENZE CONCORDATE CON CONSIGLIO DI CLASSE OBIETTIVI/COMPETENZE CONCORDATE

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Indice. Fisiologia cellulare 1 Bruce M. Koeppen e Bruce A. Stanton. Il sistema nervoso 53 Kalman Rubinson e Eric J. Lang

Indice. Fisiologia cellulare 1 Bruce M. Koeppen e Bruce A. Stanton. Il sistema nervoso 53 Kalman Rubinson e Eric J. Lang Indice Autori dei contributi Prefazione vii ix Il sistema nervoso centrale 60 Reazioni del tessuto nervoso alle lesioni 65 Concetti chiave 67 PARTE I Fisiologia cellulare 1 Bruce M. Koeppen e Bruce A.

Dettagli

Il corpo umano. Istituto Comprensivo n 1 Classe Quinta B Anno Scolastico 2015-2016

Il corpo umano. Istituto Comprensivo n 1 Classe Quinta B Anno Scolastico 2015-2016 Il corpo umano Istituto Comprensivo n 1 Classe Quinta B Anno Scolastico 2015-2016 MAPPE Il sistema nervoso svolge diverse funzioni: percepisce gli stimoli, li memorizza e formula risposte adeguate. Il

Dettagli

Apparato Riproduttore

Apparato Riproduttore Apparato Riproduttore LA RIPRODUZIONE. Ogni essere vivente può creare un altro essere vivente, ed è possibile grazie alla RIPRODUZIONE. La riproduzione è possibile grazie all APPARATO RIPRODUTTORE. A differenza

Dettagli

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA:

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: HPV-test Pap-test 71% CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: FALSI MITI & REALTÀ DA CONOSCERE 1 Il carcinoma della cervice uterina colpisce solo donne in età avanzata 1 Studi recenti hanno evidenziato che il

Dettagli

Coordinatore: Prof. Giovanni Tredici Crediti Formativi (CFU) totali 20

Coordinatore: Prof. Giovanni Tredici Crediti Formativi (CFU) totali 20 ANATOMIA E ISTOLOGIA UMANA Coordinatore: Prof. Giovanni Tredici Crediti Formativi (CFU) totali 20 Settori scientifico-disciplinari: BIO/16 Anatomia Umana (13 CFU), BIO/17 Istologia (7 CFU) Docenti di Riferimento:

Dettagli

Sostegno e locomozione

Sostegno e locomozione Sostegno e locomozione Uno scheletro è un apparato che deve svolgere almeno le seguenti funzioni: sostenere il corpo permettere il movimento proteggere organi interni Uno scheletro può essere: Idroscheletro

Dettagli

Tumori e Cause di Morte, Aspetti Problematici: I Tumori Maligni Multipli

Tumori e Cause di Morte, Aspetti Problematici: I Tumori Maligni Multipli Modena 21 maggio 2015 Giornata di Studio Registri Tumori / Registri di Mortalità) Tumori e Cause di Morte, Aspetti Problematici: I Tumori Maligni Multipli A cura di Pier Carlo Vercellino S.O.S. Epidemiologia

Dettagli

Insegnamento: ANATOMIA UMANA e ISTOLOGIA Crediti Formativi (CFU) 4 Moduli Anatomia umana Istologia

Insegnamento: ANATOMIA UMANA e ISTOLOGIA Crediti Formativi (CFU) 4 Moduli Anatomia umana Istologia Insegnamento: ANATOMIA UMANA e ISTOLOGIA Crediti Formativi (CFU) 4 Moduli Anatomia umana Istologia Sigla:515004 Tipo esame: scritto Tipo valutazione: voto finale Coordinatore: Prof. Giorgio Bovo gbovo@hotmail.com

Dettagli

Cause di malattia Genetiche:

Cause di malattia Genetiche: omeostasi Cause di malattia Genetiche: relativamente poche e derivano da alterazioni a carico di uno o più geni. Esempio: sindrome di Down (dovuta a trisomia del cromosoma 21); sindrome di Turner (dovuta

Dettagli

PROGRAMMA DI FISIOLOGIA I

PROGRAMMA DI FISIOLOGIA I Programma di Fisiologia CDL Medicina e Chirurgia Versione 2011 PROGRAMMA DI FISIOLOGIA I 1. Fisiologia cellulare 1.1.La cellula ed i compartimenti liquidi dell'organismo 1.1.1. Volume e composizione dei

Dettagli

Registro tumori della Basilicata

Registro tumori della Basilicata Registro tumori della Basilicata I dati dell incidenza tumorale del triennio 2005-2007 4 dicembre 2012 Tassi specifici per età da 0 a 84 anni Nota: dati triennio 2005-2007. Rappresentazione grafica basata

Dettagli

VERIFICA La struttura generale e il rivestimento

VERIFICA La struttura generale e il rivestimento ERIICA La struttura generale e il rivestimento Cognome Nome Classe Data I/1 ero o also? Gli organismi unicellulari sono costituiti da tessuti In un organo ci sono tessuti di tipo diverso Un sistema è costituito

Dettagli

2 biennio CLASSE : 4 CORSO: D

2 biennio CLASSE : 4 CORSO: D SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2015-2016 ASSE DISCIPLINA SCIENTIFICO TECNOLOGICO SCIENZE NATURALI DOCENTE MARIO FERRARI biennio CLASSE : 4 CORSO: D SEZIONE LICEO SCIENTIFICO

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2015-2016 ASSE DISCIPLINA DOCENTE SCIENTIFICO-TECNOLOGICO SCIENZE NATURALI ERIKA MARZI 2 biennio CLASSE IV CORSO F SEZIONE LICEO SCIENTIFICO

Dettagli

(0,1.8] (1.8,2.41] (2.41,5.94] (5.94,10.2] (10.2,10.9]

(0,1.8] (1.8,2.41] (2.41,5.94] (5.94,10.2] (10.2,10.9] Uomini, Malattie infettivo e parassitarie, eta' : Tutte le età (0,1.8] (1.8,2.41] (2.41,5.94] (5.94,10.2] (10.2,10.9] Uomini, Tubercolosi, eta' : Tutte le età ( 0 ) ( 1.37 ) Uomini, Tubercolosi polmonare,

Dettagli

Il sistema nervoso. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara

Il sistema nervoso. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara Il sistema nervoso Il neurone È costituito da: Corpo cellulare (o soma) Neurite o Assone (è la fibra nervosa) Dendriti (sono brevi prolungamenti) Le fibre nervose Le fibre nervose, riunite in fasci, formano

Dettagli

L apparato circolatorio. Classe 5 A - Arezio Federico 1

L apparato circolatorio. Classe 5 A - Arezio Federico 1 L apparato circolatorio Classe 5 A - Arezio Federico 1 Introduzione Per vivere ed esercitare le loro funzioni, i tessuti e gli organi del corpo abbisognano di un apporto costante di materiale nutritivo

Dettagli

APPARATO SESSUALE MASCHILE E FEMMINILE

APPARATO SESSUALE MASCHILE E FEMMINILE APPARATO SESSUALE MASCHILE E FEMMINILE ANATOMIA 2 Il corpo umano è costituito da organi ed apparati uguali tra maschi e femmine ad esclusione dell apparato riproduttivo. L apparato riproduttivo è composto

Dettagli

Programmazione annuale di anatomia

Programmazione annuale di anatomia ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE G. CIGNA G. BARUFFI F. GARELLI Via di Curazza, 15 12084 MONDOVÍ tel. 0174/42601 fax 0174/551401 E-mail: itismond@itismondo.it cnis02900p@pec.istruzione.it Sito

Dettagli

Prof.ssa: R. M. Dierna. Materia: Scienze naturali. Classe: IV Corso: Liceo Scientifico a.s.: 2015/2016

Prof.ssa: R. M. Dierna. Materia: Scienze naturali. Classe: IV Corso: Liceo Scientifico a.s.: 2015/2016 Prof.ssa: R. M. Dierna Materia: Scienze naturali Classe: IV Corso: Liceo Scientifico a.s.: 2015/2016 All inizio dell anno scolastico si è verificato lo stato delle conoscenze e l accertamento dei prerequisiti,

Dettagli

FASCIA E DISFUNZIONE MIOFASCIALE

FASCIA E DISFUNZIONE MIOFASCIALE FASCIA E DISFUNZIONE MIOFASCIALE Bologna 20 novembre 2011 Dr. Luca Franzon - Osteopata D.O.M.R.O.I. Non conosco nessuna parte del corpo che somigli ad un terreno di caccia come le fasce. Credo che proseguendo

Dettagli

Il sistema endocrino

Il sistema endocrino Il sistema endocrino 0 I messaggeri chimici 0 I messaggeri chimici coordinano le diverse funzioni dell organismo Gli animali regolano le proprie attività per mezzo di messaggeri chimici. Un ormone è una

Dettagli

LICEO STATALE G. MAZZINI - LA SPEZIA

LICEO STATALE G. MAZZINI - LA SPEZIA LICEO STATALE G. MAZZINI - LA SPEZIA LICEO LINGUISTICO LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Programma Finale ANNO SCOLASTICO 2013 / 2014 Prof. Materia Classe V:BELLONI

Dettagli

LA CODIFICA DEI TUMORI

LA CODIFICA DEI TUMORI LA CODIFICA DEI TUMORI San Severino Marche, 22 novembre 2007 Stefano Brocco Obiettivo Evidenziare le peculiarità ed i principi nella codifica dei tumori nella schede di morte con ICD10 - Classificazione

Dettagli

Introduzione all'anatomia Umana. Andreas van Wesel (1514 1564), anatomista e medico fiammingo.

Introduzione all'anatomia Umana. Andreas van Wesel (1514 1564), anatomista e medico fiammingo. Introduzione all'anatomia Umana Andreas van Wesel (1514 1564), anatomista e medico fiammingo. Anatomia Dal greco anatom ḗ : dissezione Studio della struttura (come sono fatti) e della funzione degli organi

Dettagli

Corso Integrato di Istologia e Anatomia Umana Coordinatore del Corso Integrato: Michela Ferrucci

Corso Integrato di Istologia e Anatomia Umana Coordinatore del Corso Integrato: Michela Ferrucci Corso Integrato di Istologia e Anatomia Umana Coordinatore del Corso Integrato: Michela Ferrucci Corso di Laurea: Biotecnologie Nome del corso: ISTOLOGIA E ANATOMIA UMANA Responsabile del corso Altri docenti

Dettagli

Programmazione annuale a.s. 2012/2013

Programmazione annuale a.s. 2012/2013 Programmazione annuale a.s. 2012/2013 Docente: Mendo Daniela Materia: biologia Classe: 4 B sociale Nel singolo consiglio di classe sono stati definiti i seguenti obiettivi educativo-cognitivi generali:

Dettagli

APPUNTI DI ANATOMIA UMANA

APPUNTI DI ANATOMIA UMANA APPUNTI DI ANATOMIA UMANA L ORGANIZZAZIONE DEL CORPO UMANO ANATOMIA E FISIOLOGIA Anatomia e fisiologia sono due scienze che studiano il corpo umano, in particolare: Anatomia: L anatomia studia la forma

Dettagli

INTRODUZIONE. Capitolo 2 Anatomia della pelvi femminile Genitali esterni Genitali interni Test di autovalutazione

INTRODUZIONE. Capitolo 2 Anatomia della pelvi femminile Genitali esterni Genitali interni Test di autovalutazione INTRODUZIONE Capitolo 1 Anamnesi e visita ginecologica Anamnesi ostetrico-ginecologica Visita ginecologica Visita ostetrica Esami diagnostici strumentali Capitolo 2 Anatomia della pelvi femminile Genitali

Dettagli

passaggio unidirezionale del liquido interstiziale dai tessuti alla circolazione sistemica estremità a fondo cieco (capillari linfatici)

passaggio unidirezionale del liquido interstiziale dai tessuti alla circolazione sistemica estremità a fondo cieco (capillari linfatici) sistema linfatico passaggio unidirezionale del liquido interstiziale dai tessuti alla circolazione sistemica estremità a fondo cieco (capillari linfatici) 51 pareti formate da un singolo strato di endotelio

Dettagli

Adattamenti. -Rigonfiamento o danno reversibile -Accumuli di sostanze intra- ed extra-cellulari. Degenerazioni. Stress. -Necrosi -Apoptosi.

Adattamenti. -Rigonfiamento o danno reversibile -Accumuli di sostanze intra- ed extra-cellulari. Degenerazioni. Stress. -Necrosi -Apoptosi. Adattamenti Stress Degenerazioni -Rigonfiamento o danno reversibile -Accumuli di sostanze intra- ed extra-cellulari Morte -Necrosi -Apoptosi ADATTAMENTI CELLULARI CON MODIFICAZIONI A LIVELLO BIOCHIMICO,

Dettagli

Differenziamento Cellule Staminali

Differenziamento Cellule Staminali Differenziamento Cellule Staminali Differenziamento Tutte le cellule hanno funzioni di base Respirazione, crescita, divisione, sintesi La maggior parte ha inoltre delle capacità particolari 200 differenti

Dettagli

a.a. 2005/2006 Laurea Specialistica in Fisica Corso di Fisica Medica 1 Il cervello 20/4/2006

a.a. 2005/2006 Laurea Specialistica in Fisica Corso di Fisica Medica 1 Il cervello 20/4/2006 a.a. 2005/2006 Laurea Specialistica in Fisica Corso di Fisica Medica 1 Il cervello 20/4/2006 Sistema nervoso Il sistema nervoso è suddiviso in "sistemi", che sono connessi fra loro e lavorano insieme il

Dettagli

Indice generale. Struttura e sviluppo embrionale degli organi organizzati in sistemi e apparati. Indice generale

Indice generale. Struttura e sviluppo embrionale degli organi organizzati in sistemi e apparati. Indice generale Indice generale Struttura e sviluppo embrionale degli organi organizzati in sistemi e apparati 1 Sistemi e apparati e sviluppo delle cavità corporee 1.1 Definizione, quadro riassuntivo ed evoluzione delle

Dettagli

Lo shock. Insieme di sintomi che sopravvengono quando l organismo subisce un aggressione acuta, come meccanismo di reazione e difesa.

Lo shock. Insieme di sintomi che sopravvengono quando l organismo subisce un aggressione acuta, come meccanismo di reazione e difesa. Lo shock Insieme di sintomi che sopravvengono quando l organismo subisce un aggressione acuta, come meccanismo di reazione e difesa. Emorragia Ustioni Ferite gravi Fratture imponenti Contrazione Card.

Dettagli

IL CORPO UMANO. è formato da

IL CORPO UMANO. è formato da IL CORPO UMANO è formato da CAPO TRONCO ARTI COM È FATTO IL CORPO UMANO? Tante CELLULE che sono piccolissime e ce ne sono tantissime formano TESSUTI: sono formati da cellule con la stessa FUNZIONE formano

Dettagli

sintesi dei risultati

sintesi dei risultati sintesi dei risultati In questo primo rapporto collaborativo tra i registri tumori delle province emiliane di Parma, Reggio Emilia e Modena vengono presentati i dati di incidenza, mortalità e sopravvivenza

Dettagli

APPARATO GENITALE INSIEME DI ORGANI DEPUTATI ALLA : FORMAZIONE DEI GAMETI FECONDAZIONE SVILUPPO DELL EMBRIONE E DEL FETO

APPARATO GENITALE INSIEME DI ORGANI DEPUTATI ALLA : FORMAZIONE DEI GAMETI FECONDAZIONE SVILUPPO DELL EMBRIONE E DEL FETO APPARATO GENITALE INSIEME DI ORGANI DEPUTATI ALLA : FORMAZIONE DEI GAMETI FECONDAZIONE SVILUPPO DELL EMBRIONE E DEL FETO APPARATO RIPRODUTTORE MASCHILE GONADI VIE SPERMATICHE convogliano i gameti all uretra

Dettagli

Registro tumori TARANTO

Registro tumori TARANTO Registro tumori TARANTO Asl Taranto S.C. Statistica Epidemiologia RTP Puglia REGISTRI TUMORI ACCREDITATI IN ITALIA 1 13 1 MARZO AIRTUM associazione italiana registri tumori Maschi triennio Registro Tumori

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

Struttura e funzionamento dell apparato digerente

Struttura e funzionamento dell apparato digerente Struttura e funzionamento dell apparato digerente la dentizione inizia (cioè i denti iniziano a spuntare) attorno al 6-8 mese di vita e porta alla comparsa dei 20 denti decidui (denti da latte). Questi

Dettagli

Registro tumori TARANTO

Registro tumori TARANTO Registro tumori TARANTO Asl Taranto RTP Puglia S.C. Statistica Epidemiologia REGISTRI TUMORI ACCREDITATI IN ITALIA 2010 2013 21 MARZO AIRTUM associazione italiana registri tumori Maschi triennio Registro

Dettagli

Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-12. Programma di SCIENZE DELLA TERRA E BIOLOGIA - Classi prime

Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-12. Programma di SCIENZE DELLA TERRA E BIOLOGIA - Classi prime Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-12 Programma di SCIENZE DELLA TERRA E BIOLOGIA - Classi prime Testo in adozione: di: M. Di Stefano - S. Pederzoli - A. Pizzirani UNA INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEL

Dettagli

EPITELI GHIANDOLARI. NON confondere con escrezione: espulsione dalla cellula di sostanze non più utilizzabili

EPITELI GHIANDOLARI. NON confondere con escrezione: espulsione dalla cellula di sostanze non più utilizzabili EPITELI GHIANDOLARI Sono costituiti da cellule specializzate nella secrezione: sintesi di molecole che vengono riversate all esterno della cellula PROTEINE, LIPIDI, MUCOPOLISACCARIDI, ORMONI NON confondere

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE Opera TRAUMI LO SCHELETRO FUNZIONE: DI SOSTEGNO DI MOVIMENTO DI PROTEZIONE ORGANI INTERNI (es: cranio/cervello) EMOPOIETICA (midollo osseo, produzione cellule sangue) DI DEPOSITO (riserva di Sali, Calcio)

Dettagli

SCIENZE FACILI PER LA CLASSE QUINTA

SCIENZE FACILI PER LA CLASSE QUINTA Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Carlo Scataglini SCIENZE FACILI PER LA CLASSE QUINTA Il corpo umano, il Sistema Solare

Dettagli