Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - prima parte -

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - prima parte -"

Transcript

1 Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - prima parte - Pubblicato il: 11/07/2004 Aggiornato al: 11/07/2004 di Gianluigi Saveri La qualità dell alimentazione elettrica può essere fonte di disturbi e perturbazioni per gli utilizzatori ed in particolare per i componenti elettronici che sono molto sensibili alle variazioni di tensione e frequenza e alla qualità della forma d onda. 1. Generalità La qualità dell alimentazione elettrica può essere fonte di disturbi e perturbazioni per gli utilizzatori ed in particolare per i componenti elettronici che sono molto sensibili alle variazioni di tensione e frequenza e alla qualità della forma d onda. Nelle installazioni informatiche ad esempio, si potrebbe avere la perdita parziale o totale dei dati a causa di un black-out o di una semplice micro-interruzione mentre nel settore medico si potrebbero creare situazioni molto pericolose se non fossero sempre pronte all intervento le strumentazioni e le stesse sale operatorie. Le anomalie dell alimentazione elettrica possono quindi provocare l arresto delle apparecchiature in ogni tipo di attività con conseguenze imprevedibili su tutta l organizzazione del lavoro. La tensione alternata, in genere perfetta come forma d onda alla partenza dalla centrale elettrica, all utenza è generalmente alterata da fenomeni che si manifestano lungo il trasporto ma anche da come gli utilizzatori stessi fruiscono dell energia ricevuta. La rete può essere, infatti, perturbata lungo il tragitto da fenomeni atmosferici o da guasti accidentali di brevissima durata ma anche da certe apparecchiature come forni ad arco, saldatrici e motori elettrici di potenza elevata (anche una semplice lampada a scarica può determinare una distorsione). Per questi motivi si parla sempre più spesso di microinterruzioni e macrointerruzioni, di variazioni di tensione, di variazioni di frequenza e di presenza di correnti parassite che si sovrappongono alla corrente di base. Nelle installazioni industriali e nel terziario non informatizzato ci si limita a proteggersi solo dalle macrointerruzioni, utilizzando batterie di accumulatori, gruppi elettrogeni o con la possibilità di commutare su linee diverse, mentre nelle installazioni elettroniche ed in particolare negli ambienti informatizzati questi inconvenienti sono inaccettabili e quindi bisogna porvi rimedio. Sostanzialmente si possono ottenere tre diversi livelli di protezione: gli stabilizzatori di rete, i soccorritori di rete e i gruppi di continuità statici o rotanti. Le principali Norme che si occupano direttamente o indirettamente di UPS sono: 1. Norma CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua 2. CEI EN (CEI 22-26) Prescrizioni generali e di sicurezza per UPS utilizzati in aree accessibili all operatore 3. CEI EN (CEI 22-27) Sistemi statici di continuità (UPS) Parte 1-2: Prescrizioni generali e di sicurezza per UPS utilizzati in ambienti ad accesso limitato 4. CEI EN (CEI 22-9) Sistemi statici di continuità (UPS) - Prescrizioni di compatibilità elettromagnetica (EMC) 5. CEI EN (CEI 22-24) Sistemi statici di continuità (UPS) -Prescrizioni di prestazione e metodi di prova 6. CEI Impianti di produzione di energia elettrica e gruppi di continuità collegati a reti di I e II categoria 7. CEI 74-2 Apparecchiature per la tecnologia dell informazione comprese le apparecchiature elettriche per ufficio. Sicurezza 1

2 2. Alimentazione di riserva e di sicurezza I gruppi di continuità sono apparecchiature la cui funzione primaria è quella di fornire energia elettrica con un grado di stabilità ed affidabilità compatibile con le esigenze dell utenza. Vengono impiegati nelle alimentazioni di sicurezza (sistemi elettrici che garantiscono l alimentazione di utilizzatori o di parti dell impianto indispensabili per la sicurezza delle persone) e di riserva di quelle attività in cui viene richiesta, oltre all alimentazione fornita dall ente distributore, anche un'alimentazione integrativa (sistemi elettrici che garantiscono l alimentazione di apparecchi utilizzatori o di parti dell impianto per motivi diversi dalla sicurezza delle persone). Fondamentalmente l impiego di questi gruppi può essere richiesto da: prescrizioni di sicurezza (ospedali, teatri e luoghi accessibili al pubblico in generale); esigenze operative e di funzionamento dell impianto (impianti industriali, impianti di telecomunicazioni ecc..). L alimentazione dei servizi di sicurezza può avvenire manualmente o automaticamente. Nel primo caso per la messa in servizio dell alimentazione alternativa sarà necessario l intervento di un operatore mentre nel secondo caso ogni operazione di commutazione dell alimentazione avverrà in modo automatico nei modi che verranno di seguito descritti. In relazione ai tempi in cui l alimentazione automatica dei servizi di sicurezza si rende disponibile le norme CEI 64-8/3 così la classificano : di continuità - quando l alimentazione si rende disponibile entro 0,15s ; ad interruzione breve - quando l alimentazione si rende disponibile in un tempo compreso tra 0,15s e 0,5s ; ad interruzione media - quando l alimentazione si rende disponibile in un tempo compreso tra 0,5s e 15s ; ad interruzione lunga - quando l alimentazione si rende disponibile in un tempo superiore a 15s. Nei casi in cui la continuità dell alimentazione sia indispensabile oppure siano accettabili interruzioni brevissime, si ricorre normalmente ai gruppi statici, ai convertitori rotanti o ai generatori a volano. Se, invece, sono accettabili tempi di interruzione medio lunghi, si possono impiegare sia per l alimentazione di sicurezza che di riserva i gruppi elettrogeni. 2

3 3. Elementi costitutivi di un UPS Un UPS è sostanzialmente costituito dai seguenti componenti (fig.3.1): Convertitore ca/cc - É un raddrizzatore che converte la tensione alternata monofase o trifase fornita dalla rete, in una tensione continua per l alimentazione dell inverter, della batteria di accumulatori per il servizio di emergenza e dell eventuale convertitore cc/cc per l alimentazione degli utilizzatori a corrente continua alla tensione richiesta. É costituito essenzialmente da un trasformatore Fig.3-1: Elementi costitutivi di un gruppo di continuità (UPS - Uninterrutible Power Supply) d ingresso per garantire l isolamento galvanico fra entrata ed uscita, un ponte di Graetz a diodi controllati stabilizzato in tensione, un filtro in uscita costituito da un induttanza e da una capacità e per finire un gruppo di schede elettroniche di controllo. Un dispositivo elettronico in particolare permette la ricarica, ad intervalli regolari (ad esempio ogni 30 gg), delle batterie. Questo accorgimento si rivela particolarmente importante per le batterie al Ni-Cd che tendono a perdere progressivamente la capacità di carica se vengono mantenute collegate in tampone per lunghi periodi. Batteria - Costituisce la fonte di energia per l alimentazione dell inverter al mancare dell alimentazione principale in modo che sia garantita la continuità di erogazione dell energia agli utilizzatori. Le batterie maggiormente impiegate per questi scopi sono quelle al piombo e quelle al nichel-cadmio. Alle batterie utilizzate nei gruppi di continuità statica sono richieste intense erogazioni di corrente ma di breve durata (inferiore ad un ora). L attitudine a sopportare scariche rapide è da considerare quindi una caratteristica fondamentale nella scelta e nel dimensionamento delle stesse. Un criterio da seguire è quello di scegliere elementi dotati di resistenza interna la minore possibile essendo la prestazione di un accumulatore legata strettamente alla sua resistenza interna; quanto più è basso il valore della resistenza interna tanto più è elevato il valore della tensione di scarica, specialmente nei casi di scarica rapida. Convertitore cc/cc - É costituito da un oscillatore che trasforma la corrente continua, ricevuta dal ponte raddrizzatore, in una corrente variabile e da un raddrizzatore che la riconverte in corrente continua con la tensione adatta per l alimentazione dei carichi. Inverter - Converte la tensione continua al suo ingresso, fornita dal raddrizzatore o dalle batterie, in una tensione alternata sinusoidale stabilizzata in ampiezza e frequenza. Commutatore statico - Provvede a trasferire l alimentazione del carico senza soluzione di continuità dall inverter alla rete di emergenza in un tempo inferiore ai 3ms quando l inverter si guasta o quando le caratteristiche elettriche di uscita dall inverter non corrispondono più a quelle accettate dal carico (normalmente quando si ha uno scostamento della tensione superiore al 10% o al limite di tolleranza opportunamente tarato o quando la frequenza supera i limiti di più o meno il 5%). Per la commutazione si impiegano comunemente SCR o nei gruppi di potenza elevata una combinazione di SCR e teleruttori. 3

4 4. Criteri di scelta di un UPS I criteri da seguire nella scelta di un UPS sono molteplici; innanzitutto occorre considerare il tipo e la potenza del carico, il suo fattore di potenza, le caratteristiche di distorsione massima ammesse (si ricordi che i sistemi di elaborazione dati richiedono forme d onda sinusoidali con distorsioni trascurabili, tempi massimi di funzionamento fuori dai parametri non superiori ai 10 ms e sovratensioni inferiori al 10%), l autonomia minima richiesta e il tempo di ricarica. L utenza può essere, infatti, costituita da servizi di sicurezza, che hanno lo scopo di garantire l alimentazione di utilizzatori necessari alla sicurezza delle persone, oppure da servizi di riserva, che garantiscono l alimentazione di carichi utilizzati per scopi diversi. A tal proposito le Norme CEI 64-8 specifica, a seconda che si tratti di sicurezza o di riserva, che le alimentazioni devono avere adeguata potenza, affidabilità, caratteristiche nominali e un tempo entro cui essere disponibili adatto al funzionamento specificato. Sempre la stessa Norma poi fornisce alcune prescrizioni sull alimentazione relative ai circuiti di sicurezza: la sorgente deve mantenere l alimentazione per una durata adeguata; i componenti del sistema devono essere facilmente raggiungibili per le verifiche e le manutenzioni; le sorgenti di alimentazione devono essere raggiungibili solo dal personale addestrato; i luoghi dove sono ubicate le sorgenti di alimentazione devono essere adeguatamente ventilati, per impedire che eventuali fumi e gas prodotti si propaghino in luoghi occupati da persone; le sorgenti destinate all alimentazione dei servizi di sicurezza non devono essere destinati ad altri scopi (però quando sono presenti più sorgenti in parallelo queste possono essere utilizzate come alimentazioni di riserva, purché, in caso di guasto ad un UPS, la potenza disponibile residua sia sufficiente, ovviamente dopo il distacco di tutti gli utilizzatori che non svolgono un servizio di sicurezza, per assicurare il funzionamento di tutti i servizi di sicurezza); per la protezione dai contatti diretti sono da preferire quelle soluzioni che non comportano l interruzione automatica del circuito al primo guasto a terra. Per quanto riguarda la potenza viene normalmente dimensionato con una potenza dal 10 al 20% maggiore rispetto a quella del carico stesso e tale da permettere un autonomia superiore a quella di targa sfruttando in tal modo tempi di durata e margini di sicurezza superiori (normalmente il tempo di autonomia richiesto dalla maggior parte delle utenze è di circa 10/30 minuti). Per ottenere un autonomia superiore alla norma spesso si aggiunge allo UPS un gruppo di continuità rotante o gruppo elettrogeno (illuminazione d emergenza di locali pubblici o industriali, attività commerciali, ecc.). In base al modo di alimentazione del carico i gruppi di continuità statici si distinguono in tre tipi: VFI (Voltage and Frequency Independent) Questo tipo di UPS, il più diffuso, è comunemente chiamato On Line (fig. 4.1) con l uscita indipendente dalle variazioni della tensione di alimentazione della rete. L alimentazione del carico, totalmente depurata da tutte le perturbazioni presenti in linea, viene effettuata direttamente tramite l UPS. Possono essere considerati gli apparecchi più affidabili, più sicuri e che garantiscono la migliore protezione. Gli UPS di piccola potenza (da 1 a 5 kva) sono in Fig.4-1: UPS con funzionamento on-line - VFI (Voltage and Frequency Dependent) 4

5 genere monofasi sia in ingresso che in uscita e sono normalmente privi di commutatore statico. Quelli di media potenza sono invece dotati di commutatore statico e di By-Pass manuale per manutenzione. Possono avere ingresso trifase ed uscita monofase e sia ingresso che uscita trifase. VFD (Voltage and Frequency Dependent) - Questo tipo di UPS è comunemente chiamato Off Line (fig. 4.2) con l uscita che dipendente dalle variazioni della tensione di alimentazione della rete. Il carico viene normalmente alimentato dalla rete e solo in caso di interruzione l UPS commuta l alimentazione. I tempi necessari ad effettuare la commutazione variano generalmente dai 5 ai 15 millisecondi anche se esistono in commercio apparecchi in grado di commutare in tempi inferiori quasi paragonabili al tipo On Line. Questo tipo di UPS è impiegato per lo più per alimentare singole stazioni di lavoro. Essendo una tecnologia piuttosto economica non sono molto affidabili e duraturi nel tempo. Fig.4-2: UPS con funzionamento off-line - VFD (Voltage and Frequency Dependent) VI (Voltage Independent) - Questo tipo di UPS è comunemente chiamato Line Interactive (fig. 4.3). Le variazioni della tensione di alimentazione sono stabilizzate da dispositivi di regolazione elettronici/passivi. Fig.4-3: UPS line interactive - VI (Voltage Independent) Gli UPS sono classificati in funzione delle prestazioni che sono in grado di fornire per avere una base comune di valutazione delle caratteristiche e facilitare quindi l utente finale. I dati costruttivi richiesti sono basati su prove eseguite su carichi normalizzati di tipo industriale che simulano carichi tipici previsti e quindi le prestazioni effettive, in condizioni transitorie, possono essere soggette a variazioni. Per questi motivi le prestazioni effettive di una data apparecchiatura dovrebbero essere fornite dal costruttore/fornitore. La Norma CEI EN classifica gli UPS secondo la seguente codifica (tab.4.1) I primi tre caratteri indicano la qualità dell alimentazione del carico che per oltre il 90% del servizio si presume funzioni in condizioni di normale funzionamento. La scelta è condizionata dal tipo di carico e dai margini di variazione di tensione e frequenza ammissibili. 5

6 Codice di classificazione V F I S S Caratteristiche dell'uscita Forma d'onda in uscita Prestazione dinamica in uscita Solo in modo di funzionamento normale Primo carattere - modo normale o da bypass Secondo carattere - modo da batteria Primo carattere - prestazioni in condizioni di cambiamento del modo di funzionamento Secondo carattere - prestazioni in condizioni di variazione del carico lineare, in modo di funzionamento normale/da batteria (caso più sfavorevole) Terzo carattere - prestazioni in condizioni di variazione del carico non lineare di riferimento, in modo di funzionamento normale/ da batteria (caso più sfavorevole) Opzioni di classificazione Opzioni di classificazione Opzioni di classificazione VFI - Quando l uscita dell UPS é indipendente dalle variazioni della tensione e dalla frequenza di alimentazione (rete). La tensione di alimentazione é supposta essere compresa nei limiti forniti dalla IEC Questo avviene in quanto la tensione di alimentazione non é controllata e, secondo la Nota al fondo della tabella, la IEC definisce solo i livelli normali di armoniche e di distorsione e non fornisce informazioni sulle variazioni di frequenza VFD - Quando l uscita dell UPS dipende dalle variazioni della tensione di alimentazione (di rete) e della frequenza VI Quando l uscita dell UPS dipende dalle variazioni della frequenza dell alimentazione (rete), ma le variazioni della tensione sono condizionate da dispositivi attivi/passivi di regolazione della tensione nei limiti di funzionamento normale S - La forma d onda generata é sinusoidale, con tasso di distorsione armonica totale D < 0,08 e armoniche nei limiti indicati nella IEC in tutte le condizioni di carico lineare/non lineare di riferimento. X - La forma d onda generata é sinusoidale, in condizioni di carico lineare come per la classe S. Con carico non lineare di riferimento, il fattore di distorsione totale D supererà il valore 0,08 se applicato oltre i limiti indicati dal costruttore Y La forma d onda generata é nonsinusoidale e supera i limiti indicati nella IEC Fare riferimento al costruttore per il tipo di forma d onda) 1 - nessuna interruzione o tensione zero 2 - zero in uscita per una durata di 1 ms 3 - zero in uscita per una durata di 10 ms) 4 - fare riferimento al costruttore Nota: La IEC definisce i livelli normali di armoniche e di distorsione previsti per la rete di alimentazione pubblica a bassa tensione sui morsetti dell utilizzatore prima del collegamento di una data installazione. I secondi due caratteri individuano le caratteristiche della forma d onda in tutti i modi di funzionamento (funzionamento normale, compreso qualsiasi funzionamento temporaneo del bypass statico, e funzionamento da batteria). L UPS sarà classificato con la lettera X quando su carichi non lineari crescenti si possono avere effetti di distorsione della forma d onda mentre sarà classificato con la lettera Y quando l UPS genera intenzionalmente una forma d onda non sinusoidale in uscita, ad esempio quadra, semiquadra, etc. Gli ultimi tre caratteri identificano le caratteristiche della tensione transitoria dell UPS in diverse condizioni di funzionamento e definiscono le misure più sfavorevoli. 6

7 5. Dati nominali Il costruttore deve fornire almeno i seguenti dati: Circuito in ingresso tensione nominale (o le tensioni nominali); frequenza nominale (o gamma di frequenze); corrente nominale; numero delle fasi. Circuito in uscita (i dati nominali in uscita si riferiscono al carico lineare massimo) tensione nominale; frequenza nominale; corrente nominale; numero delle fasi; potenza attiva nominale in uscita (in W o in kw); potenza apparente nominale in uscita (in VA o in kva); autonomia (in minuti o in ore); valore efficace della corrente di guasto ai morsetti di uscita nelle condizioni più sfavorevoli tra i conduttori attivi (I a ) e verso terra I F (per consentire il corretto dimensionamento dei dispositivi di protezione); corrente nominale condizionata di corto circuito se il circuito di ingresso comprende dispositivi di protezione contro le sovracorrenti incorporato nell UPS oppure, per permettere il corretto dimensionamento dei dispositivi di protezione, la coppia di valori I cw (corrente nominale di breve durata) e I pk (corrente nominale di picco); il minimo fattore di potenza ammissibile ; la massima distorsione in corrente e in tensione ammessa ; il massimo tempo di funzionamento fuori parametri ammissibile (è possibile, intervenendo mediante circuiti di controllo che agiscono sull inverter, ottenere diversi tipi di risposta sia ai guasti che ai sovraccarichi). Dati di identificazione nome del costruttore ; numero del modello o riferimento di tipo. 7

8 6. Condizioni di funzionamento Inserito nell impianto un UPS con funzionamento on-line può presentare diverse modalità di funzionamento: a. Funzionamento normale (fig. 6.1) - Con la rete di alimentazione primaria presente il raddrizzatore provvede al mantenimento in carica delle batterie, all alimentazione di eventuali carichi in corrente continua e a quella dell inverter che a sua volta fornisce l energia elettrica agli utilizzatori. b. Funzionamento in emergenza (fig. 6.2) - Nel caso in cui venga a mancare l alimentazione primaria o le tolleranze ammissibili dagli utilizzatori siano state superate, il raddrizzatore smette di lavorare e l energia è fornita all inverter dalle batterie. Da questo momento le batterie iniziano a scaricarsi e l utente viene avvisato della relativa autonomia disponibile. Per aumentare l autonomia è bene alimentare con il gruppo di continuità solo le utenze effettivamente indispensabili (circuiti privilegiati). Il funzionamento in emergenza può avvenire per i seguenti motivi: Fig.6-1: Funzionamento normale o per mancanza di alimentazione sul primario del trasformatore di proprietà dell ente distributore, ma con neutro ininterrotto sul secondario dello stesso; o per intervento delle protezioni poste a monte o per apertura manuale dell interruttore generale con interruzione dei Fig.6-2: Funzionamento in emergenza conduttori di fase ma non del neutro; o per intervento delle protezioni poste a monte o per apertura manuale dell interruttore generale con interruzione dei conduttori di fase e del neutro (funzionamento in isola). o perché sono state superate le tolleranze ammissibili dagli utilizzatori (sovraccarico o cortocircuito). Il carico è alimentato per pochi secondi dall energia fornita dalle batterie all inverter fino Fig.6-3: Alimentazione da rete di riserva a quando non intervengono le protezioni a monte e/o a valle dell UPS oppure i fusibili di protezione interni. 8

9 c. Alimentazione da rete di riserva (fig. 6.3) - Se a causa di un sovraccarico, sovratemperatura, guasto all inverter o quando le tolleranze accettabili superano quelle ammissibili dal carico, l alimentazione delle utenze è trasferita sulla linea di riserva dal commutatore statico senza soluzione di continuità in un tempo inferiore ai 3ms. Anche nella fase di accensione, a causa delle forti correnti di spunto (ad esempio nei centri di calcolo), per evitare un eccessivo sovradimenionamento dell inverter il commutatore statico può commutare sulla linea di riserva. Pochi secondi dopo l avviamento, con la corrente che è ritornata normale, il carico è nuovamente ricommutato sull inverter. Per limitare tali correnti di spunto si potrebbero inserire i carichi gradualmente soprattutto i motori e i trasformatori che hanno elevate correnti di spunto. d. Alimentazione da by pass manuale per manutenzione (fig. 6.4) - Nel caso di interventi di manutenzione o di prove di funzionamento un interruttore manuale di by pass permette di isolare completamente il gruppo statico di continuità alimentando i carichi direttamente dalla rete primaria (ovviamente, in questi casi, i carichi ricevono energia non stabilizzata) senza creare interruzioni nel servizio. e. Funzionamento senza linea di alimentazione per estrazione della spina di collegamento dalla rete - In alcuni modelli Fig.6-4: Alimentazione da by pass manuale per manutenzione l alimentazione avviene tramite presa a spina e in caso di estrazione della spina si ha l interruzione di tutti i conduttori attivi, fase e neutro, e conduttore di protezione. Per motivi di sicurezza che verranno descritti in seguito, è sconsigliabile l utilizzo di questo tipo di UPS. 9

Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - terza parte -

Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - terza parte - Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - terza parte - Pubblicato il: 26/07/2004 Aggiornato al: 26/07/2004 di Gianluigi Saveri Protezione dalle sovracorrenti, sezionamento per esecuzione

Dettagli

(Uninterruptible Power Supply, UPS hanno bisogno di una continuità di alimentazione con un certo ritardo

(Uninterruptible Power Supply, UPS hanno bisogno di una continuità di alimentazione con un certo ritardo I gruppi di continuità (Uninterruptible Power Supply, UPS) vengono utilizzati per alimentare utenze che hanno bisogno di una continuità di alimentazione, cioè quelle utenze che devono essere alimentate

Dettagli

SISTEMI DI ALIMENTAZIONE DI EMERGENZA

SISTEMI DI ALIMENTAZIONE DI EMERGENZA SSM D LMNZON D MGNZ Un sistema di alimentazione di emergenza è un sistema elettrico in grado di alimentare, per un periodo di tempo più o meno lungo, un certo numero di utenze in caso venga a mancare l

Dettagli

Integrazione degli impianti fotovoltaici nella rete elettrica

Integrazione degli impianti fotovoltaici nella rete elettrica Integrazione degli impianti fotovoltaici nella rete elettrica G. Simioli Torna al programma Indice degli argomenti Considerazioni introduttive Quadro normativo - Norma CEI 11-20 Isola indesiderata - Prove

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Q U A D E R N I P E R L A P R O G E T T A Z I O N E LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Guida alla progettazione ed all installazione secondo le norme tecniche CEI e UNI di MARCO

Dettagli

UPS. online. 10-100 kva Trifase / Monofase 10-800 kva Trifase / Trifase INTERNET CENTER (ISP/ASP/POP) DISPOSITIVI ELETTROMEDICALI SERVER

UPS. online. 10-100 kva Trifase / Monofase 10-800 kva Trifase / Trifase INTERNET CENTER (ISP/ASP/POP) DISPOSITIVI ELETTROMEDICALI SERVER LIBRA pro UPS online 10-100 kva Trifase / Monofase 10-800 kva Trifase / Trifase LOCAL AREA NETWORKS (LAN) INTERNET CENTER (ISP/ASP/POP) DISPOSITIVI ELETTROMEDICALI SERVER PLC INDUSTRIALI DISPOSITIVI PER

Dettagli

Stefano Bifaretti. Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica

Stefano Bifaretti. Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) ed Elettronica Industriale (6CFU) a.a. 20I2/2013 Stefano Bifaretti 2/31 3/31 4/31 In questa fase vengono effettuate le

Dettagli

Stabilizzazione della frequenza e della tensione. nelle reti elettriche isolate

Stabilizzazione della frequenza e della tensione. nelle reti elettriche isolate Stabilizzazione della frequenza e della tensione nelle reti elettriche isolate SOMMARIO 1 Introduzione... 3 2 I requisiti fondamentali di una rete stabile isolata... 3 3 I requisiti dei sistemi di stabilizzazione

Dettagli

Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected

Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected Per quanto attiene gli impianti connessi alla rete elettrica, vengono qui presentati i criteri di progettazione elettrica dei principali componenti,

Dettagli

Alimentazione elettrica Tensione di rete

Alimentazione elettrica Tensione di rete Alimentazione elettrica Tensione di rete In conseguenza dei principi fisici con i quali funzionano le macchine per la produzione, il trasferimento e l impiego dell energia elettrica, nelle nostre case

Dettagli

Gruppi di continuità. Linea di by-pass. Rete di soccorso. 6/a 12. 6/b

Gruppi di continuità. Linea di by-pass. Rete di soccorso. 6/a 12. 6/b DESCRIZIONE GENERALE UPS SELTEC ST3 Il gruppo di continuità è un sistema di continuità a doppia conversione (con o senza trasformatore d uscita) che lavora eseguendo in modo continuativo la doppia conversione

Dettagli

Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica

Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica Il sistema di carica dei veicoli elettrici è attualmente oggetto di acceso dibattito internazionale per la definizione o meglio

Dettagli

In una piccola industria di floricoltura, l impianto elettrico per l alimentazione degli uffici

In una piccola industria di floricoltura, l impianto elettrico per l alimentazione degli uffici Esame di Stato di Istituto Professionale Indirizzo: Tecnico delle industrie elettriche Tema di: Elettrotecnica, Elettronica e Applicazioni Luigi Manzo - Giuseppe Gallo In una piccola industria di floricoltura,

Dettagli

SEE. Applicazioni industriali: Caratteristiche generali. Ramo batteria (tecnologia SCR) Raddrizzatori doppio ramo

SEE. Applicazioni industriali: Caratteristiche generali. Ramo batteria (tecnologia SCR) Raddrizzatori doppio ramo Raddrizzatori doppio ramo SEE RADDRIZZATORE A DOPPIO RAMO, USCITA +/-1% Soluzione dedicata con batterie a vaso aperto o NiCd con tensione di uscita 110 o 220 V CC sino a 500 A Applicazioni industriali:

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO WHAD. UPS monofase, on line a doppia conversione 1.000 VA, 700 W. 1 di 12

CAPITOLATO TECNICO WHAD. UPS monofase, on line a doppia conversione 1.000 VA, 700 W. 1 di 12 WHAD UPS monofase, on line a doppia conversione 1.000 VA, 700 W 1 di 12 Sommario 1 PRESCRIZIONI GENERALI... 4 1.1 OGGETTO E TIPO DI CONTRATTO.... 4 1.2 CONDIZIONI... 4 2 CARATTERISTICHE GENERALI.... 4

Dettagli

da 3 a 200 kva un'alimentazione centralizzata per i vostri sistemi di emergenza CPSS: principali vantaggi

da 3 a 200 kva un'alimentazione centralizzata per i vostri sistemi di emergenza CPSS: principali vantaggi * un'alimentazione centralizzata per i vostri sistemi di emergenza La soluzione per Sistemi di alimentazione centralizzata > Terziario > Industria > Piccole imprese > Musei, ospedali GREEN 025 A GREEN

Dettagli

SOLUZIONI PER I PROBLEMI DI ALIMENTAZIONE

SOLUZIONI PER I PROBLEMI DI ALIMENTAZIONE .1 PROTEZIONE INTEGRATA Le soluzioni realizzabili sono numerose; pertanto la scelta dell utente deve tenere conto di vari parametri (costo, tipo di disturbo, caratteristiche delle apparecchiature da proteggere,

Dettagli

Sistemi di protezione e coordinamento negli impianti elettrici di BT

Sistemi di protezione e coordinamento negli impianti elettrici di BT VENETO Sistemi di protezione e coordinamento negli impianti elettrici di BT Relatore: Ing. Raoul Bedin Interruttore automatico Le funzioni fondamentali sono quelle di sezionamento e protezione di una rete

Dettagli

Il fusibile nella protezione contro le sovracorrenti in bassa tensione

Il fusibile nella protezione contro le sovracorrenti in bassa tensione Il fusibile nella protezione contro le sovracorrenti in bassa tensione di Saveri Gianluigi 1. Generalità Un apparecchiatura elettrica in condizioni di normale funzionamento (condizioni specificate dai

Dettagli

SPD: che cosa sono e quando devono essere usati

SPD: che cosa sono e quando devono essere usati Antonello Greco Gli SPD, o limitatori di sovratensione, costituiscono la principale misura di protezione contro le sovratensioni. La loro installazione può essere necessaria per ridurre i rischi di perdita

Dettagli

Rete esterna dell ente distributore

Rete esterna dell ente distributore Rete esterna dell ente distributore Power Quality La crescente diffusione dell elettronica ha determinato la necessità della continuità di funzionamento di molti processi e della qualità della tensione

Dettagli

Le novità della Norma CEI 64-8

Le novità della Norma CEI 64-8 Le novità della Norma CEI 64-8 Giuseppe Bosisio Comitato Elettrotecnico Italiano 1 Le novità della Norma CEI 64-8 -COME CAMBIA - Parte 1- Oggetto, scopo e principi - fondamentali - Parte 2 Definizioni

Dettagli

Norma CEI EN 50160 Caratteristiche della tensione fornita dalle reti pubbliche di distribuzione dell energia elettrica

Norma CEI EN 50160 Caratteristiche della tensione fornita dalle reti pubbliche di distribuzione dell energia elettrica Norma CEI EN 50160 Caratteristiche della tensione fornita dalle reti pubbliche di distribuzione dell energia elettrica Armoniche Variazione di frequenza Sovratensioni lente Sovratensioni impulsive Buco

Dettagli

L INTERRUTTORE DIFFERENZIALE: QUESTO SCONOSCIUTO

L INTERRUTTORE DIFFERENZIALE: QUESTO SCONOSCIUTO PREMESSA: Gli interruttori differenziali sono apparsi sul mercato negli anni 50; furono utilizzati per evitare i furti di energia, dovuti all utilizzo di correnti verso terra e solo in un secondo tempo

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO IPIA C.A. DALLA CHIESA OMEGNA PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO classi 4 e 5 MANUTENTORI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO prof. Massimo M. Bonini ALIMENTAZIONE ELETTRICA

Dettagli

INVERTER AD ONDA SINUSOIDALE PURA. SISTEMA DI ACCUMULO ENERGIA CON QUADRO INTERFACCIA E GESTIONE.

INVERTER AD ONDA SINUSOIDALE PURA. SISTEMA DI ACCUMULO ENERGIA CON QUADRO INTERFACCIA E GESTIONE. INVERTER AD ONDA SINUSOIDALE PURA. SISTEMA DI ACCUMULO ENERGIA CON QUADRO INTERFACCIA E GESTIONE. Inverter DC-AC ad onda sinusoidale pura Da una sorgente in tensione continua (batteria) 12Vdc, 24Vdc o

Dettagli

Dott. Ing. Cesare Orsini Libero Professionista

Dott. Ing. Cesare Orsini Libero Professionista In genere si ricorre a forniture monofase nei cantieri di limitata potenza e gli scaglioni sono 1,5; 3; 4,5; 6 KW, mentre per cantieri più grandi si usano delle forniture trifase con potenze pari a 6;

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

ALIMENTATORE serie ALS/1 DCS per LAMPADA SCIALITICA

ALIMENTATORE serie ALS/1 DCS per LAMPADA SCIALITICA Lampade scialitiche Impianti luce di sicurezza Apparecchiature elettromedicali Impianti elettrici riparazione manutenzione installazione ALIMENTATORE serie ALS/1 DCS per LAMPADA SCIALITICA ALS/1 D DESCRIZIONE

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

Il ruolo dei gruppi di continuità per la sicurezza dei sistemi Giugno 2001 I diritti di riproduzione, di memorizzazione elettronica e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo, compresi i microfilm

Dettagli

Nei sistemi elettrici di protezione, la

Nei sistemi elettrici di protezione, la 2 ELETTRIFICAZIONE 10 LA SELETTIVITÀ NELLA PROTEZIONE MEDIANTE FUSIBILI Massimo Salmoiraghi (*) L articolo passa in rassegna i criteri progettuali da porre in atto per garantire la selettività orizzontale

Dettagli

L equipaggiamento elettrico delle macchine

L equipaggiamento elettrico delle macchine L equipaggiamento elettrico delle macchine Convegno La normativa macchine: obblighi e responsabilità 4 giugno 05 Ing. Emilio Giovannini Per. Ind. Franco Ricci U.F. Prevenzione e Sicurezza Verifiche Periodiche

Dettagli

Norma CEI 11 20 : impianti di produzione di energia elettrica e gruppi di continuità collegati a reti di I e II categoria

Norma CEI 11 20 : impianti di produzione di energia elettrica e gruppi di continuità collegati a reti di I e II categoria Norma CEI 11 20 : impianti di produzione di energia elettrica e gruppi di continuità collegati a reti di I e II categoria 2 Ottobre 2008, Catania, Marco Ravaioli Norma CEI 11-20 La norma CEI ha per oggetto

Dettagli

/HJJLSULQFLSDOLLQWHPDGL VLFXUH]]DGHJOLLPSLDQWLHOHWWULFL

/HJJLSULQFLSDOLLQWHPDGL VLFXUH]]DGHJOLLPSLDQWLHOHWWULFL /HJJLSULQFLSDOLLQWHPDGL VLFXUH]]DGHJOLLPSLDQWLHOHWWULFL DPR n 547/55 1RUPHSHUODSUHYHQ]LRQHGHJOLLQIRUWXQLVXO ODYRUR Legge n 186/68 'LVSRVL]LRQLFRQFHUQHQWLODSURGX]LRQHGL PDWHULDOLDSSDUHFFKLDWXUHPDFFKLQDULLQVWDOOD]LRQLHLPSLDQWL

Dettagli

Relazione Tecnica Progetto dell Impianto Elettrico

Relazione Tecnica Progetto dell Impianto Elettrico Relazione Tecnica Progetto dell Impianto Elettrico Rotatoria ingresso cittadella universitaria Premessa: La presente relazione tecnica è finalizzata ad indicare la caratteristiche dei principali componenti

Dettagli

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il sistema nervoso dell impianto elettrico Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il compito principale di un cavo è quello di trasportare l energia all interno di un

Dettagli

INTRODUZIONE. Articolo qe001: versione 4

INTRODUZIONE. Articolo qe001: versione 4 INTRODUZIONE L obiettivo principale del progetto è dimostrare come ridefinire le strategie di gestione dei quadri elettrici disponendo di un network telematico in grado di monitorare e storicizzare tutti

Dettagli

Corso Umberto I, 232 Corso Umberto I, 203 84013 - CAVA DE TIRRENI (SA) 84013 CAVA DE TIRRENI (SA) R I F A S A R E

Corso Umberto I, 232 Corso Umberto I, 203 84013 - CAVA DE TIRRENI (SA) 84013 CAVA DE TIRRENI (SA) R I F A S A R E Ing. ARMANDO FERRAIOLI Ing. BIAGIO AURIEMMA Corso Umberto I, 232 Corso Umberto I, 203 84013 - CAVA DE TIRRENI (SA) 84013 CAVA DE TIRRENI (SA) R I F A S A R E Rifasare un impianto elettrico significa risparmiare

Dettagli

LOCALI ADIBITI AD USO MEDICO: ESAMI A VISTA, PROVE, VERIFICHE DA ESEGUIRE PRIMA DELLA MESSA IN FUNZIONE E VERIFICHE PERIODICHE

LOCALI ADIBITI AD USO MEDICO: ESAMI A VISTA, PROVE, VERIFICHE DA ESEGUIRE PRIMA DELLA MESSA IN FUNZIONE E VERIFICHE PERIODICHE LOCALI ADIBITI AD USO MEDICO: ESAMI A VISTA, PROVE, VERIFICHE DA ESEGUIRE PRIMA DELLA MESSA IN FUNZIONE E VERIFICHE PERIODICHE La norma CEI 64 8 per impianti elettrici utilizzatori prevede che prima di

Dettagli

INSTALLAZIONE DI UPS DI MEDIO-GRANDE POTENZA

INSTALLAZIONE DI UPS DI MEDIO-GRANDE POTENZA Il presente capitolo contiene informazioni generali per il personale addetto all installazione del tipo a connessione permanente. In caso di difformità con le seguenti informazioni, avranno priorità le

Dettagli

PROTEZIONI. SEZIONE 5 (Rev.G) Scaricabile dal sito www.urmetdomus.com nell area Manuali Tecnici. sez.5. INSTALLAZIONE...6 Avvertenze...

PROTEZIONI. SEZIONE 5 (Rev.G) Scaricabile dal sito www.urmetdomus.com nell area Manuali Tecnici. sez.5. INSTALLAZIONE...6 Avvertenze... SEZIONE 5 (Rev.G) Scaricabile dal sito www.urmetdomus.com nell area Manuali Tecnici. Le sovratensioni di rete RIMEDI CONTRO LE SOVRATENSIONI... INDICE DI SEZIONE...6 Avvertenze...6 Schema di collegamento...6

Dettagli

Gruppi Statici di Continuità DSP, FLESSIBILITÀ E POTENZA

Gruppi Statici di Continuità DSP, FLESSIBILITÀ E POTENZA Gruppi Statici di Continuità DSP, FLESSIBILITÀ E POTENZA Minipower UPX. Dedicati ad utenze professionali I gruppi di continuità a doppia conversione della serie Minipower UPX sono apparecchi professionali

Dettagli

Produzione e distribuzione di en. Elettrica

Produzione e distribuzione di en. Elettrica (persona fisica) (persona giuridica) Produzione e distribuzione di en. Elettrica SCHEMA DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ DELL IMPIANTO ALLE REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE

Dettagli

25 26 giugno 2014. Dott Ing Anna Bruno. Dott. Ing. Anna Bruno Amministratore Delegato ATME spa

25 26 giugno 2014. Dott Ing Anna Bruno. Dott. Ing. Anna Bruno Amministratore Delegato ATME spa SISTEMI UPS DINAMICI E LORO INTEGRAZIONE NELLA CONTINUITÀ Dott Ing Anna Bruno Amministratore Delegato ATME spa CAMPI DI APPLICAZIONE dove serve continuità e qualità dell alimentazione elettrica Finanza

Dettagli

Sistemi di Protezione e Coordinamento. Impianti Elettrici in BT. Qualunque linea elettrica è caratterizzata da tre caratteristiche principali:

Sistemi di Protezione e Coordinamento. Impianti Elettrici in BT. Qualunque linea elettrica è caratterizzata da tre caratteristiche principali: Sistemi di Protezione e Coordinamento Impianti Elettrici in BT Qualunque linea elettrica è caratterizzata da tre caratteristiche principali: 1. carico elettrico da alimentare; 2. protezione (interruttore

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI CONNESSI ALLA RETE DI POTENZA NOMINALE COMPRESA TRA 1 E 20 kwp

SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI CONNESSI ALLA RETE DI POTENZA NOMINALE COMPRESA TRA 1 E 20 kwp SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI CONNESSI ALLA RETE DI POTENZA NOMINALE COMPRESA TRA 1 E 20 kwp SCOPO Lo scopo della presente specifica è quello di fornire le

Dettagli

SPS. 10 kva - 200 kva

SPS. 10 kva - 200 kva SPS 10 kva - 200 kva HIGHLIGHTS Compatibile con sistemi On-grid e Off-grid Alimentazione di qualità ai carichi con integrazione di energia fotovoltaica Integrazione in impianti con inverter Aros Il Power

Dettagli

Manuale Utente Leonardo Inverter 1500. Western Co. Leonardo Inverter

Manuale Utente Leonardo Inverter 1500. Western Co. Leonardo Inverter Western Co. Leonardo Inverter 1 Leonardo Inverter 1500 Inverter ad onda sinusoidale pura Potenza continua 1500W Potenza di picco 2250W per 10sec. Tensione di Output: 230V 50Hz Distorsione Armonica

Dettagli

SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA. PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI DI POTENZA NOMINALE NON SUPERIORE A 20 kw CONNESSI ALLA RETE

SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA. PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI DI POTENZA NOMINALE NON SUPERIORE A 20 kw CONNESSI ALLA RETE SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI DI POTENZA NOMINALE NON SUPERIORE A 20 kw CONNESSI ALLA RETE SCOPO Lo scopo della presente specifica è quello di fornire le

Dettagli

Scheda tecnica n. 36E - Installazione di gruppi di continuità statici ad alta efficienza (UPS)

Scheda tecnica n. 36E - Installazione di gruppi di continuità statici ad alta efficienza (UPS) Scheda tecnica n. 36E - Installazione di gruppi di continuità statici ad alta efficienza (UPS) 1. ELEMENTI PRINCIPALI 1.1 Descrizione dell intervento Categoria di intervento 1 : Vita Utile 2 : Vita Tecnica

Dettagli

Il neutro, un conduttore molto "attivo" (3)

Il neutro, un conduttore molto attivo (3) 1 Il neutro, un conduttore molto "attivo" (3) 3. I sistemi elettrici in relazione al modo di collegamento a terra del neutro e delle masse In funzione della messa a terra del neutro e delle masse, un sistema

Dettagli

Rifasare per un uso efficiente dell impianto utilizzatore

Rifasare per un uso efficiente dell impianto utilizzatore Antonello Greco Rifasare vuol dire ridurre lo sfasamento fra la tensione e la corrente introdotto da un carico induttivo (figura 1); significa aumentare il valore del fattore di potenza (cosϕ) del carico

Dettagli

UPS: GRUPPO DI CONTINUITÀ STATICO

UPS: GRUPPO DI CONTINUITÀ STATICO UN COMPONENTE ESSENZIALE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI UPS: GRUPPO DI CONTINUITÀ STATICO DEVE ESSERE CORRETTAMENTE SCELTO E INSERITO NELL IMPIANTO Gruppo statico. Questo articolo è tratto dalla relazione che

Dettagli

Gli impianti elettrici. nei cantieri edili

Gli impianti elettrici. nei cantieri edili Gli impianti elettrici nei cantieri edili Agli impianti elettrici nei cantieri si applicano la Sezione 704 della norma CEI 64-8 (VI Ediz.) (cantieri di costruzione e di demolizione) e la guida CEI 64-17

Dettagli

Norma 17-13. Generalità

Norma 17-13. Generalità QUADRI ELETTRICI Generalità Norma 17-13 I quadri elettrici, sono da considerare componenti dell impianto. Essi devono rispondere alla Norma CEI 17-13, che riporta le prescrizioni generali e distingue:

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT

Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT Finalità del corso Il corretto allestimento delle cabine di trasformazione MT/BT di utente, anche per

Dettagli

Photo. Soluzioni tecnologiche per garantire carichi privilegiati dalle discontinuità del servizio. Ing. Antonio Ardito - CESI S.p.A.

Photo. Soluzioni tecnologiche per garantire carichi privilegiati dalle discontinuità del servizio. Ing. Antonio Ardito - CESI S.p.A. Workshop PRESENTAZIONE DELL'INDAGINE SULLA QUALITÀ DELLA DISTRIBUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA 17 Dicembre 2004 - Auditorium Assolombarda Milano Photo Soluzioni tecnologiche per garantire carichi privilegiati

Dettagli

2.3.1 Condizioni ambientali

2.3.1 Condizioni ambientali 2.3 impianti elettrici delle macchine CEI EN 60204-1 /06 L impianto elettrico delle macchine riveste, ai fini della sicurezza, un importanza rilevante. Al momento dell acquisto della macchina o in caso

Dettagli

I.T.I.S. Magistri Cumacini. Ricavare il valore di K del conduttore con la relativa unità di misura

I.T.I.S. Magistri Cumacini. Ricavare il valore di K del conduttore con la relativa unità di misura Classe Nome I.T.I.S. Magistri Cumacini Cognome Data ESERCIZIO 1 Un conduttore di un circuito trifase di sezione 4 mm 2 è interessato da una corrente di corto circuito di valore efficace 10 ka per un tempo

Dettagli

Quadri elettrici. Quadri per uso Industriale

Quadri elettrici. Quadri per uso Industriale Quadri elettrici Quadri per uso Industriale I quadri elettrici, erano soggetti alla Norma CEI 17-13, che riporta le prescrizioni generali e distingue: AS Apparecchiatura costruita in serie: ovvero apparecchiatura

Dettagli

ASPETTI NORMATIVI E DI PROGETTAZIONE

ASPETTI NORMATIVI E DI PROGETTAZIONE Seminario Tecnico GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Novità legislative (nuovo conto energia), problematiche tecniche, problematiche di installazione, rapporti con gli Enti ASPETTI NORMATIVI E DI PROGETTAZIONE

Dettagli

ITI A. Malignani Udine - Elettrotecnica & automazione - Impianti elettrici e TDP

ITI A. Malignani Udine - Elettrotecnica & automazione - Impianti elettrici e TDP 9. INTERRUTTORI BT In media tensione generalmente non si chiede all interruttore di intervenire istantaneamente mentre ciò è usuale nella BT. Deve aspettare ad aprire Questo interruttore deve aprire per

Dettagli

Sìstema UPS trifase indipendente. PowerWave 33 60 500 kw Prestazioni imbattibili

Sìstema UPS trifase indipendente. PowerWave 33 60 500 kw Prestazioni imbattibili Sìstema UPS trifase indipendente PowerWave 33 60 500 kw Prestazioni imbattibili PowerWave 33: un concentrato di potenza Da sempre ABB rappresenta lo standard globale per le soluzioni di continuità di alimentazione.

Dettagli

Antonino Condipodero Giuliano Guido Consulenti progettazione elettrica

Antonino Condipodero Giuliano Guido Consulenti progettazione elettrica Antonino Condipodero Giuliano Guido Consulenti progettazione elettrica Il rifasamento degli impianti elettrici viene realizzato quando il fattore di potenza raggiunge un valore tale da introdurre svantaggi

Dettagli

Locali ad uso medico

Locali ad uso medico 1 Locali ad uso medico 1.1 Generalità 1. Locali di gruppo 0 e gruppo 1 (ex tipo B e A) Fra i locali considerati a maggior rischio elettrico, e quindi soggetti a specifiche prescrizioni (nuova sezione 710

Dettagli

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT).

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT). ndividuazione degli impianti Gli impianti oggetto del progetto sono previsti all interno di una struttura scolastica. Gli impianti esistenti sono sprovvisti di Dichiarazione di Conformità, pertanto saranno

Dettagli

Gruppi di continuità assoluta. Gruppi di soccorso. Luoghi di utilizzo - continuità del servizio -

Gruppi di continuità assoluta. Gruppi di soccorso. Luoghi di utilizzo - continuità del servizio - DIPLOMA A DISTANZA IN INGEGNERIA ELETTRICA CORSO DI ELETTRONICA INDUSTRIALE DI POTENZA II Lezione 30 Gruppi di continuità assoluta (UPS) Docente: Leopoldo Rossetto Dipartimento di Ingegneria Elettrica

Dettagli

I sistemi elettrici: lezione introduttiva. Prof.ssa Maria Dicorato

I sistemi elettrici: lezione introduttiva. Prof.ssa Maria Dicorato I sistemi elettrici: lezione introduttiva Prof.ssa Maria Dicorato La produzione di energia elettrica L insieme dei mezzi di produzione, denominato centrali elettriche, nei quali avviene la trasformazione

Dettagli

CABINE ELETTRICHE DI TRASFORMAZIONE

CABINE ELETTRICHE DI TRASFORMAZIONE Cabtrasf_parte_prima 1 di 8 CABINE ELETTRICHE DI TRASFORMAZIONE parte prima Una cabina elettrica è il complesso di conduttori, apparecchiature e macchine atto a eseguire almeno una delle seguenti funzioni:

Dettagli

Interventi di manutenzione ordinaria dello stabile di proprietà comunale sito in piazzale Zaccari. PROGETTO ESECUTIVO IMPIANTO ELETTRICO

Interventi di manutenzione ordinaria dello stabile di proprietà comunale sito in piazzale Zaccari. PROGETTO ESECUTIVO IMPIANTO ELETTRICO Ing. Fabio Gramagna Via V. Emanuele, 131-18012 Bordighera (IM) - Tel./Fax. 0184/26.32.01 fgramagna@gmail.com - fabio.gramagna@ingpec.eu Comune di Bordighera Provincia di Imperia Interventi di manutenzione

Dettagli

Nuova normativa EN 61439-1 per i quadri elettrici di bassa tensione

Nuova normativa EN 61439-1 per i quadri elettrici di bassa tensione per i quadri elettrici di bassa tensione Pubblicato il: 28/02/2005 Aggiornato al: 28/02/2005 di Gianfranco Ceresini Sta per terminare la stagione dei quadri AS e ANS che ha caratterizzato l'ultimo decennio.

Dettagli

INCONTRO TECNICO CON: ---VITRIUM --- Riqualificazione impianti elettrici, di edifici esistenti, senza opere murarie.

INCONTRO TECNICO CON: ---VITRIUM --- Riqualificazione impianti elettrici, di edifici esistenti, senza opere murarie. INCONTRO TECNICO CON: ---VITRIUM --- Riqualificazione impianti elettrici, di edifici esistenti, senza opere murarie. VITRIUM Riqualificazione impianti elettrici, di edifici esistenti, senza opere murarie.

Dettagli

L installazione delle insegne luminose e delle lampade a scarica con tensione superiore a 1 kv

L installazione delle insegne luminose e delle lampade a scarica con tensione superiore a 1 kv 1 L installazione delle insegne luminose e delle lampade a scarica con tensione superiore a 1 kv La Norma CEI EN 50107 ( entrata in vigore nel settembre del 1999 e classificata come 34-86) fornisce i criteri

Dettagli

La Tecnologia in Sala Operatoria: dalla fase di progettazione agli aspetti gestionali

La Tecnologia in Sala Operatoria: dalla fase di progettazione agli aspetti gestionali Seminario di Ingegneria Clinica 2013 La Tecnologia in Sala Operatoria: dalla fase di progettazione agli aspetti gestionali Con il Patrocinio di Cagliari, Facoltà di Ingegneria Aula V 14 Giugno 2013 ore

Dettagli

Capitolo 5 Quadri elettrici

Capitolo 5 Quadri elettrici Capitolo 5 Quadri elettrici (5.1) Quadri, Leggi e Norme La legge 46/90, obbliga l installatore a redigere la dichiarazione di conformità relativamente ai lavori svolti. Allegati a tale dichiarazione devono

Dettagli

Norma CEI 11-1 Campo di applicazione e definizioni

Norma CEI 11-1 Campo di applicazione e definizioni Norma CEI 11-1 Campo di applicazione e definizioni di Gianluigi Saveri 1. Campo di applicazione La nona edizione della Norma CEI 11-1, derivata dal documento di armonizzazione europeo HD 637, è entrata

Dettagli

I moduli fotovoltaici saranno prodotti con celle in silicio policristallino ad alta efficenza, tolleranza di resa ± 4,5%, collegamento delle celle

I moduli fotovoltaici saranno prodotti con celle in silicio policristallino ad alta efficenza, tolleranza di resa ± 4,5%, collegamento delle celle RELAZIONE TECNICA La presente relazione tecnica ha per oggetto gli impianti solari fotovoltaici da realizzare presso i seguenti edifici di proprietà comunale: Scuola media P.D. Frattini potenza 20 kwp;

Dettagli

UPS Rotanti e gruppi elettrogeni. Configurazioni UPS totalmente flessibili ad alta efficienza

UPS Rotanti e gruppi elettrogeni. Configurazioni UPS totalmente flessibili ad alta efficienza UPS Rotanti e gruppi elettrogeni Configurazioni UPS totalmente flessibili ad alta efficienza Content 1 Introduzione... 3 2 Caratteristiche dei moderni UPS rotanti... 3 3 Tempo di autonomia... 6 4 Combinazioni

Dettagli

LA SICUREZZA DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE

LA SICUREZZA DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE LA SICUREZZA DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE Torino 21-23 marzo 2006 ABAG SRL http:// www.abag.it 1 CONSIDERAZIONI GENERALI E DEFINIZIONI cos'è la marcatura ce chi ne va soggetto e quali direttive occorre

Dettagli

8. Protezione dai contatti indiretti senza interruzione automatica

8. Protezione dai contatti indiretti senza interruzione automatica 8.1 Generalità 8. Protezione dai contatti indiretti senza interruzione automatica Sono questi dei metodi di protezione che, a differenza dei sistemi di protezione attiva trattati fino ad ora (protezione

Dettagli

INDICE Manuale Volume 2

INDICE Manuale Volume 2 INDICE Manuale Volume 2 Pag. NOTA DEGLI EDITORI PREFAZIONE 1. INTRODUZIONE 1 2. DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E RIFERIMENTI NORMATIVI 3 2.1 Principali disposizioni legislative 3 2.2 Principali norme tecniche

Dettagli

ASSESSORATO ALLE ATTIVITA PRODUTTIVE SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA

ASSESSORATO ALLE ATTIVITA PRODUTTIVE SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA ALLEAGATO A1 SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI DI POTENZA NOMINALE NON SUPERIORE A 20 kw CONNESSI ALLA RETE SCOPO Lo scopo della presente specifica è quello di

Dettagli

STABILIZZATORI DI TENSIONE QUALITY MADE IN ITALY

STABILIZZATORI DI TENSIONE QUALITY MADE IN ITALY STABILIZZATORI DI TENSIONE MONOmatic e TRImatic QUALITY MADE IN ITALY Tensione costante per il tuo Power Quality garantito Le apparecchiature elettriche sono progettate per funzionare alimentate con una

Dettagli

INVERTERS SERIE F4000

INVERTERS SERIE F4000 INVERTERS SERIE F4000 La serie F4000 è una linea di inverters statici con tensione di uscita sinusoidale, realizzati per coprire le più svariate esigenze di alimentazione in c.a. partendo da sorgenti in

Dettagli

Gruppo di continuità UPS. Kin Star 850 MANUALE D USO

Gruppo di continuità UPS. Kin Star 850 MANUALE D USO Gruppo di continuità UPS Kin Star 850 MANUALE D USO 2 SOMMARIO 1. NOTE SULLA SICUREZZA... 4 Smaltimento del prodotto e del suo imballo... 4 2. CARATTERISTICHE PRINCIPALI... 5 2.1 Funzionamento automatico...

Dettagli

UPS MONOFASE DOPPIA CONVERSIONE RACK 19 Rev. 7 SR 5kVA 10kVA

UPS MONOFASE DOPPIA CONVERSIONE RACK 19 Rev. 7 SR 5kVA 10kVA il carico viene trasferito automaticamente, senza soluzione di continuità, sulla rete di soccorso. Quando vengono ripristinate le normali condizioni di funzionamento, il carico è ritrasferito automaticamente

Dettagli

SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA

SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA Allegato 6 SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA PER LA REALIZZAZIONE DI SISTEMI FOTOVOLTAICI DI POTENZA NOMINALE NON SUPERIORE A 20 kw CONNESSI ALLA RETE PREMESA Ai fini della corretta interpretazione della

Dettagli

Premessa 1. CARATTERISTICHE GENERALI DI PROGETTO. - Sistema di fornitura: corrente alternata trifase frequenza nominale pari a 50 Hz

Premessa 1. CARATTERISTICHE GENERALI DI PROGETTO. - Sistema di fornitura: corrente alternata trifase frequenza nominale pari a 50 Hz Premessa L impianto in questione è relativo ad un progetto per la realizzazione di un campo polivalente coperto e di un immobile adibito a spogliatoio presso la zona PIP. La documentazione di progetto

Dettagli

Classe 35 A Anno Accademico 2005-06

Classe 35 A Anno Accademico 2005-06 Classe 35 A Anno Accademico 2005-06 1) In un bipolo C, in regime sinusoidale, la tensione ai suoi capi e la corrente che l attraversa sono: A) in fase; B) in opposizione di fase; C) il fasore della corrente

Dettagli

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com 1 INTRODUZIONE La Norma CEI 64-8/6 tratta delle verifiche per gli impianti elettrici in BT. Le prove eseguibili sono in ordine sequenziale dirette a verificare e/o misurare: continuità dei conduttori di

Dettagli

Norma CEI 0-21: Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT

Norma CEI 0-21: Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT Norma CEI 0-21: Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici di energia elettrica Regola tecnica di connessione BT Norma CEI 0-21:

Dettagli

REGISTRATORI DI CASSA

REGISTRATORI DI CASSA Local Area Networks (LAN) ServerS Data Centers REGISTRATORI DI CASSA DISPOSITIVI PER TELECO- MUNICAZIONI e-business (Servers Farms, ISP/ASP/POP) PLC IndustriaLI DISPOSITIVI ELETTRO- MEDICALI DISPOSITIVI

Dettagli

Alimentatori & Trasformatori 1

Alimentatori & Trasformatori 1 & Trasformatori Universali Prestazioni e servizi per i vostri automatismi mono/trifase 0-00 V W-0 W Schneider Electric presenta la nuova offerta di alimentatori stabilizzati a tecnologia switching per

Dettagli

I.T.I.S. M. FARADAY - Programmazione modulare

I.T.I.S. M. FARADAY - Programmazione modulare I.T.I.S. M. FARADAY - Programmazione modulare A.S. 2015/2016 Indirizzo: ELETTROTECNICA Disciplina: ELETTROTECNICA E ELETTRONICA Classe: 5Aes Ore settimanali previste: 5 (2) INSEGNANTI: SCIARRA MAURIZIO

Dettagli

Sistemi Elettrici }BT }AT

Sistemi Elettrici }BT }AT Sistemi Elettrici DEFINIZIONE (CEI 11-1) Si definisce SISTEMA ELETTRICO la parte di impianto elettrico costituita dai componenti elettrici aventi una determinata TENSIONE NOMINALE (d esercizio). Un sistema

Dettagli

LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE DI BASSA

LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE DI BASSA ELETTRICA DI.T. (< 1KV) DELLA G.I.E. S.R.L. E MODALITÀ DI RICHIESTA DELLA SCHEMA DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ DELL IMPIANTO ALLE REGOLE TECNICHE PER LA DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE DI DISTRIUZIONE

Dettagli