UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA MASTER DI I LIVELLO EDUCATORE ESPERTO PER LA DISABILITÀ SENSORIALI TESI DI MASTER

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA MASTER DI I LIVELLO EDUCATORE ESPERTO PER LA DISABILITÀ SENSORIALI TESI DI MASTER"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA MASTER DI I LIVELLO EDUCATORE ESPERTO PER LA DISABILITÀ SENSORIALI TESI DI MASTER BARRIERE ARCHITETTONICHE VIRTUALI E ACCESSIBILITÀ Relatore Dott. W.J. Bertozzo Specializzanda Dott.sa Viviana Mannoia Anno Accademico

2 2 Sommario Introduzione... 4 Capitolo I Definizione di ipovedente e non vedente storia dell educazione del non vedente l antichità all età dei lumi Valentin HAÜY louis braille il metodo braille capitolo II la normativa italiana la legge stanca e l accessibilità capitolo III i prodotti d ausilio gli strumenti hardware display o barra braille l optacon stampanti braille videoingranditori (cctv) i software... 46

3 screen readers i browser testuali:lynx i browser vocali conclusioni sitografia... 63

4 4 INTRODUZIONE "L'uomo è un animale sociale. Le persone non sono fatte per vivere da sole". Seneca L uomo, in quanto animale sociale, ha bisogno di comunicare e, in questi ultimi velocissimi 20 anni, la comunicazione è stata strettamente legata alla rete, a internet, alla rapita trasmissione di saperi e informazioni. La comunicazione da esigenza è diventata necessità: in un mondo in cui l azione del comunicare è inclusione, intesa come sopravvivenza e acculturazione, chi non ha accesso alle ICT è tagliato fuori dai circuiti dello scambio globale. Grazie alle nuove tecnologie, e a tutto ciò che esse celano, è possibile, infatti, annullare le distanze geografiche, concludere transazioni e diffondere informazioni senza lo spostamento fisico di uomini e/o cose. Tanto più sorprende, e fa riflettere, l indispensabilità del computer nel nostro quotidiano. Considerando la sua recentissima invenzione sembra quasi assurdo immaginare oggi la società moderna senza un PC collegato a internet. La rete è una risorsa incommensurabile, che allarga gli orizzonti e intesse una rete che abbraccia e stringe tutto il globo, offrendo possibilità infinite e impensabili fino a qualche decennio fa. Oggi è possibile comunicare in video-conferenza pur essendo a migliaia di chilometri di distanza, di effettuare scambi commerciali

5 5 d ogni tipo, inviare messaggi scritti e ricevere istantaneamente una risposta, parlare in chat con persone sconosciute o amici troppo distanti. Come scrive McLuhan 1 con l avvento del telegrafo i messaggi poterono viaggiare più in fretta del messaggero. con il telegrafo l informazione si era staccata da materie solide come la pietra e il papiro. il termine comunicazione è stato ampiamente usato con riferimento alle strade, ai ponti, alle rotte navali, ai fiumi e canali, prima di trasformarsi con l era elettronica in movimento di informazione successivamente all invenzione del telefono. Se in passato si sosteneva che, con l invenzione del telefono, l umanità fosse attaccata ad un filo, ora i fili si sono moltiplicati e intrecciati diventando una rete. È come se il mondo si fosse ristretto, le distanze annullate e il reale avesse proiettato la sua immagine in un mondo che è, contemporaneamente, parallelo e integrato. Ma cosa accade a chi è escluso dall accesso alle nuove tecnologie? E chi per motivi fisici, congeniti o acquisiti, non riesca ad accedere alla nuova comunicazione, è condannato a vivere fuori dalla società? Da anni si è cercato di rispondere a questi quesiti proponendo sempre la questione dell accessibilità. 1 M. McLuhan, La galassia Gutenberg. Nascita dell uomo tipografico, Roma, 1962.

6 6 Se già dagli anni Settanta del Novecento si è iniziato a studiare il concetto di barriera architettonica, inteso alla creazione di percorsi accessibili a tutti e senza ostacoli per le case, scuole, uffici e città (pur avendo ancora molta strada da fare) anche nelle nuove tecnologie esistono barriere architettoniche non meno difficili da superare e la parola che appare in ogni testo è sempre la stessa: accessibilità. Ma cos è l accessibilità e come si è cercato negli ultimi vent anni di rispondere a questo quesito? Il dizionario di DE MAURO, consultabile in rete, incorre però in un incoerenza particolarmente curiosa: da un lato offre una definizione di accessibilità assolutamente generica, quale quella sopra riportata, dall altro mostra ben visibile, sulla prima pagina del proprio sito internet, la seguente avvertenza: Accessibilità. coloro che per la navigazione utilizzano strumenti diversi da monitor, mouse o tastiera, che utilizzano un browser testuale o che hanno difficoltà visive possono inviare le proprie impressioni d uso al webmaster. Insomma, la parola accessibilità, almeno per i curatori del sito del DE MAURO PARAVIA online, ha un evidente significato specialistico, del quale però non si trova riscontro nella corrispondente definizione del dizionario. Occorre allora che ci si rivolga ad un altra parola, seguendo l implicito consiglio dei vocabolari: se, cioè, l accessibilità è la proprietà

7 7 dell essere accessibile, forse possiamo saperne di più capendo cosa vuol dire accessibile. Riguardo a questa parola, la situazione è per fortuna molto più chiara. Accanto ad alcuni significati figurati ( persona accessibile nel senso di affabile, cordiale, disponibile, e prezzo accessibile nel senso di modico), tutte le fonti concordano nel riportare due significati, uno proprio e uno figurato. Per il VOCABOLARIO TRECCANI DELLA LINGUA ITALIANA, il significato proprio di accessibile è: a cui è possibile accedere, che è di facile accesso: una località poco accessibile; rocca accessibile da due lati. In modo simile, il DE MAURO riporta: a cui si può accedere, raggiungibile: spiaggia accessibile solo dal mare E così anche il DIZIONARIO GARZANTI: cui si può accedere; raggiungibile: un luogo accessibile; una città non accessibile dal mare. Tutte e tre le fonti sono d accordo anche sul significato figurato della parola: di nozione che s intende facilmente: sono concetti accessibili anche ai fanciulli (TRECCANI). di qualcosa comprensibile: libri accessibili anche ai bambini (DE MAURO). comprensibile: concetto accessibile (GARZANTI). Si sono ottenute così abbastanza informazioni per arrivare a una prima importante certezza: accessibile significa raggiungibile ma non raggiungibile con difficoltà, come sarebbe la vetta di un alta montagna

8 8 innevata ma raggiungibile con facilità, senza troppi sforzi, come per esempio un citofono montato alla nostra altezza. Inoltre accessibile può significare sia raggiungibile fisicamente, per mezzo del corpo, sia raggiungibile mentalmente, con la comprensione, come un libro scritto con semplicità. L accessibilità non è però soltanto il risultato del rispetto di un insieme di norme tecniche ma anche e soprattutto di un modo diverso di pensare e progettare i contenuti e la struttura dei siti rendendoli effettivamente utilizzabili da tutti. Un sito accessibile è certamente fruibile dai disabili, che hanno particolari esigenze e usano tecnologie assistive, ma è anche navigabile, ad esempio, utilizzando connessioni lente, o media di accesso tecnologicamente avanzati, come PDA, Palm, SmartPhone ed è facilmente comprensibile senza avere bisogno di particolari competenze specialistiche. E quindi, in una parola, di semplice uso. Presupponendo che la tecnologia debba migliorare e facilitare la vita e non innalzare nuove barriere, nasce l esigenza di progettare e realizzare un sito accessibile e per farlo bisogna abbracciare una cultura di internet differente da quella affermatasi finora. Rendere i siti web accessibili vuol dire, infatti, offrire un contributo in termini di democratizzazione della Rete, garantendo pari opportunità a tutti coloro che desiderano comunicare attraverso internet ed allo stesso tempo allargando la base di utenti che possono essere raggiunti da informazioni e servizi. Un sito

9 9 accessibile deve essere utilizzato pienamente da tutti: sia da chi ha una disabilità fisica e/o sensoriale che rende necessario l uso di tecnologie assistive, sia da coloro che hanno difficoltà ad accedere al web a causa di limitazioni tecniche (un computer meno recente, l uso di strumenti diversi dal PC, una connessione lenta...) o di scarsa dimestichezza con internet. Per realizzare un sito accessibile occorre seguire le precise norme di progettazione stabilite dal WAI (Web Accessibility Initiative); egualmente importante, però, è anche cambiare la mentalità con la quale il sito stesso viene costruito. Un impegno che deve accomunare tutti coloro che contribuiscono a realizzare un sito, dall information architect al designer fino allo sviluppatore, per trovare soluzioni alternative che siano accessibili, e davvero usabili, per tutti. Un sito realizzato secondo questi criteri sarà facilmente accessibile con i più diffusi sistemi impiegati dai disabili (sintetizzatori vocali, ingranditori, strumenti braille, dispositivi diversi da tastiera e mouse), mentre la struttura dei contenuti e i servizi offerti risulta flessibile e adeguata anche agli utenti del web meno esperti, nel rispetto dei principi di usabilità. Un sito accessibile, quindi, è senza barriere digitali e idealmente va incontro alle esigenze di tutti: a quelle dei disabili e a quelle dei disabili tecnologici, ovvero tutte quelle persone che in un dato momento della vita, per diversi fattori sociali, economici, fisici, di età, non riescono a utilizzare internet con facilità.

10 10 Nel 1994 Tim Berners-Lee, l inventore del web, fonda il World Wide Web Consortium (W3C), l organismo che si occuperà di elaborare tutte le specifiche che sono alla base del web, per incentivare uno sviluppo ottimale della Rete. Con il passare degli anni, l impatto del web sulla vita delle persone appare sempre più evidente: su internet si trova l informazione quotidiana, si possono seguire delle lezioni, si può cercare lavoro, si può lavorare a distanza, si possono ottenere certificati e documenti. Grazie alla Rete si può entrare in possesso di libri, relazioni, discorsi. Un opportunità per tutti, ma ancora di più per le persone disabili. Per rispondere alle esigenze di quanti si vedevano tagliati fuori da questo insieme di opportunità, nel 1997 il W3C dà vita alla Web Accessibility Initiative (WAI), riunendo in gruppi di lavoro intorno al tema dell accessibilità i maggiori esperti mondiali di internet. Poiché l accessibilità è un problema complesso, il WAI ha deciso di affrontarlo su cinque diversi livelli di studio con altrettanti gruppi di lavoro: il primo si occupa di studiare come le tecnologie web possano supportare l accessibilità; il secondo sviluppa le linee guida per l accessibilità; il terzo si occupa di migliorare gli strumenti per valutare l accessibilità dei siti e quelli per modificarli in modo da renderli accessibili; il quarto realizza materiale didattico per diffondere la cultura dell accessibilità; e il quinto coordina le attività degli altri e li mette in contatto con i laboratori di ricerca e sviluppo.

11 11 Nel 1999 il WAI ha pubblicato le linee guida sull accessibilità (WCAG 1.0 Web Content Accessibility Guidelines): un insieme di quattordici regole destinate agli ideatori ed ai programmatori di siti internet che vogliano realizzare un sito web accessibile. Le linee guida analizzano i problemi legati all accessibilità e forniscono soluzioni per la progettazione, così da abbattere le barriere digitali senza dover rinunciare alle componenti multimediali. Le raccomandazioni prendono in considerazione tutti quegli aspetti che possono rendere la navigazione di un sito un impresa impossibile per un utente. Durante la progettazione gli sviluppatori devono infatti considerare le possibili diverse condizioni in cui si trova ad operare l internauta. E se è vero che ci sono diverse situazioni da considerare, ogni scelta di design accessibile porta però, contemporaneamente, dei benefici a molti gruppi di disabili e all'intera comunità del web. Le linee guida si basano sui due principi generali: assicurare una trasformazione elegante e rendere il contenuto comprensibile e navigabile: infatti, l utilizzo di ausili non devono interferire con l eleganza della struttura della pagina web che si deve trasformare senza stravolgersi, rimanendo accessibile e usabile nonostante le limitazioni che possono derivare dal dover essere utilizzabili per persone con disabilità fisiche, sensoriali e dell'apprendimento, piuttosto che da barriere tecnologiche. Rendere il contenuto comprensibile e navigabile, oltre all'adozione di un linguaggio chiaro e semplice, significa anche

12 12 fornire meccanismi facilmente comprensibili per la navigazione all'interno della stessa pagina e tra pagine diverse. Dotare sempre le pagine di strumenti di navigazione e informazioni di orientamento ne massimizza l'accessibilità e l'utilizzabilità. Non tutti gli utenti sono in grado di utilizzare indicazioni visive come immagini sensibili, frame affiancati, o comunque elementi grafici che guidano nella navigazione gli utenti normodotati; gli utenti, inoltre, possono perdere informazioni relative al contesto qualora riescano a vedere solo una parte della pagina, ad esempio perché accedono alla pagina stessa leggendo una parola (oppure una sezione) per volta. E evidente quindi che senza l aggiunta di informazioni di contesto che favoriscano l'orientamento nel contenuto possono non essere affatto comprensibili per alcune categorie di utenti. Le norme stabilite dal WAI si articolano su tre livelli di priorità, di importanza crescente, che identificano tre livelli di gravità nei problemi relativi all'accessibilità dei siti, e di conseguenza tre diversi livelli di adesione alle norme. Priorità 1. Norme che devono essere rispettate da tutti, pena l'impossibilità per alcuni gruppi di utenti di accedere alle informazioni. I siti conformi a tutti i punti di controllo della priorità 1 ottengono il livello di conformità A. Priorità 2. Norme che dovrebbero essere soddisfatte, pena una difficoltà di accesso ad alcune informazioni da parte di uno o più

13 13 gruppi di utenti. I siti conformi a tutti i punti di controllo delle priorità 1 e 2 ottengono il livello di conformità AA. Priorità 3. Norme che potrebbero essere soddisfatte, con l'obiettivo di rendere ancora migliore l'accesso a uno o più gruppi di utenti. I siti conformi a tutti i punti di controllo delle priorità 1, 2 e 3 ottengono il livello di conformità AAA. Il termine che indica la buona organizzazione dei contenuti e della navigazione di un sito è usabilità. Tale concetto si basa sull'osservazione diretta del comportamento dell utente alle prese con un sito e su alcune norme fondamentali. Gli elementi di base per la definizione di usabilità sono la possibilità di rendere e comprensibili tutti quegli strumenti che consentono all'utente di capire immediatamente dove si trova; qual è stato il percorso che lo ha portato in quella pagina e come è possibile ritornare alle pagine precedenti; la presentazione chiara del nome del sito, delle sezioni e dei percorsi; la coerenza cromatica delle sezioni senza cambi di grafica improvvisi. 2 Un codice sporco (una scrittura confusa, una struttura ripetitiva e percorsi di navigazione poco chiari) rende prima di tutto un sito poco 2 La linea guida 12, ad esempio, invita a fornire informazioni per la contestualizzazione e l'orientamento, così da aiutare gli utenti a comprendere pagine o elementi complessi. Allo stesso modo, ai fini dell accessibilità è considerato fondamentale fornire all utente dei meccanismi di navigazione chiari e coerenti (barre di navigazione, una mappa del sito ecc.) così da aumentare le probabilità che una persona trovi quello che sta cercando (linea guida 13).

14 14 usabile e, in secondo luogo, inaccessibile. 3 Anche l'uso di un linguaggio chiaro e semplice è imposto dalla linea guida 14, che recita proprio: Assicurarsi che i documenti siano chiari e semplici. L'accesso all'informazione scritta può essere, infatti, difficile per persone con disabilità cognitive o dell'apprendimento e, in genere, un testo confuso non aiuta nessuno. L'uso di un linguaggio chiaro e semplice giova anche alle persone la cui madrelingua è diversa da quella in cui è scritto il sito, comprese le persone che comunicano essenzialmente con il linguaggio dei segni. In Italia a portare all attenzione della Pubblica Amministrazione il problema dell accessibilità è stata la Circolare Bassanini n. 3/2001 del 13 marzo, "Linee guida per l'organizzazione, l'usabilità e l'accessibilità dei siti web delle pubbliche amministrazioni"; essa invitava ufficialmente tutti gli enti di Pubblica Amministrazione e Pubblica Utilità a integrare e conformare i propri siti internet e servizi on-line allo standard sancito dalle linee guida WAI. Il 6 Settembre 2001 viene quindi resa pubblica la circolare Cr/32dell AIPA (l Autorità per l Informatica nella Pubblica Amministrazione) che descrive nei dettagli gli strumenti e i metodi per migliorare l accessibilità dei siti web. 3 P. Bertini, M. Trevisan, E-banking: quando il servizio non è accessibile. Milano, 2002.

15 15 L adesione a questo documento ed al precedente è però volontaria. Il 16 dicembre 2002 è stata presentata la proposta di legge Campa-Palmieri secondo cui i siti web della pubblica amministrazione italiana devono essere accessibili. In altre parole devono essere disegnati in modo da assicurare una buona consultazione anche a cittadini diversamente abili seguendo le linee guida definite a livello internazionale dal Consorzio mondiale del Web (W3C). Inoltre, secondo il testo, un sito accessibile per definirsi tale deve poter essere visitato da qualsiasi utente indipendentemente dal computer, dalla velocità del collegamento, dal browser, dall interfaccia utente, dalle periferiche alternative utilizzati. Ma sembra che oramai i tempi siano in qualche modo maturi per arrivare a breve alla definizione di un adeguato apparato legislativo che dia impulso allo sviluppo di una effettiva cultura dell accessibilità infatti il 4 aprile 2003 il Consiglio dei Ministri vara il disegno di legge presentato dal Ministro per l Innovazione e le Tecnologie, Lucio Stanca, per abbattere le barriere virtuali che i disabili incontrano nell accesso agli strumenti informatici. 4 Nel testo si afferma che il Dipartimento per l Innovazione e le Tecnologie del Ministero del Consiglio valuta, su richiesta dei privati, l accessibilità dei loro siti internet o del materiale informatico da loro prodotto o distribuito. 4 Diodati, Accessibilità. Guida completa, Milano 2007.

16 16

17 17 CAPITOLO I 1.1 DEFINIZIONE DI IPOVEDENTE E NON VEDENTE Prima di iniziare a trattare il percorso che condurrà all analisi dell accessibilità del web per i disabili della vista è opportuno fare un approfondimento su cosa siano queste disabilità e cosa comporti essere un ipovedente o un non vedente. Le persone con deficit visivo sono generalmente affette da una menomazione agli organi e alle strutture anatomiche riguardanti la vista, o interessate da un alterazione delle funzioni collegate a questo senso. Le menomazioni delle funzioni e delle strutture corporee, le limitazioni delle attività e le restrizioni alla partecipazione sono gli elementi descrittivi della Classificazione ICF (Classificazione del funzionamento della Disabilità e della Salute), che è lo strumento ufficiale dell Organizzazione Mondiale della Sanità (da qui O.M.S.) per descrivere e misurare la salute e la disabilità delle popolazioni. L ICF è il risultato di 7 anni di un lavoro svoltosi in 65 Paesi, pubblicato nella sua prima versione nel 2001 in seguito alla revisione della vecchia classificazione ICIDH del Recentemente l OMS ha pubblicato la prima classificazione del funzionamento della disabilità e della Salute

18 18 (ICF-CY ICF version for Children and Youth) applicabile a bambini e adolescenti. 5 Come punto di partenza, è importante tenere presenti almeno tre diversi aspetti della situazione di minorazione visiva, affinché sia possibile iniziare ad orientarsi. Dimensione percettiva: Indica la quantità e, specialmente, la qualità delle informazioni visive disponibili per la persona. Saranno, quindi, presi in considerazione fattori riguardanti la cecità rispetto all ipovisione. Dimensione temporale: Indica la storia clinica della minorazione visiva, il periodo in cui è insorta e si è modificata, la prognosi eventualmente possibile sull evoluzione futura. La variabile concerne la natura primaria della minorazione rispetto a quella acquisita. Dimensione del funzionamento globale: indica la correlazione con altri fattori di salute e sviluppo, che possono condizionare le capacità di una persona, specialmente se altri deficit vanno ad intaccare proprio le risorse utili all organismo per compensare la minorazione visiva. La legge n.138/2001 classifica le persone con problemi visivi in: Ipovedenti: lievi, medi, medio-gravi e gravi; 5 M.L. Gargiullo, V. Dadone, Crescere Toccando. Aiutare il bambino con deficit visivo attraverso il gioco sonoro. Uno strumento per educatori e terapisti, Milano 2009, p.17

19 19 Ciechi: parziali o totali, a seconda del campo visivo e dell acuità della vista. Esistono tuttavia molti altri fattori, che concorrono a determinare le numerose situazioni di ipovisione. 6 Le persone ipovedenti, sebbene siano in grado di utilizzare alcune informazioni visive, possono avere differenti carenze nelle loro funzione visiva: ciò determina sia una qualità delle immagini visive sia una capacità di utilizzare la vista che varia da persona a persona. Ci possono essere problemi nel riconoscere i colori, le sfumature intermedie tra chiaro e scuro, le forme, le distanze, problemi a vedere immagini poste in una determinata area del campo visivo o più di una di queste limitazioni messe insieme e con differenti livelli di gravità. Si intuisce quindi che, mentre è abbastanza comprensibile sul piano percettivo che cosa si intenda per cieco, non è possibile a priori stabilire quale sia la condizione visiva di una singola persona ipovedente. Secondo l OMS un soggetto è cieco quando l'acuità visiva corretta nell'occhio migliore è inferiore a 1/20, mentre è considerato ipovedente quando essa è compresa tra 3/10 e 1/20. Sono state definite cinque categorie (International Classification of 6 Lo strumento che descrive specificamente la qualità e quantità delle informazioni visive a disposizione di una persona si chiama diagnosi funzionale visiva. Questa non deve essere confusa con la diagnosi clinica, che è la descrizione delle patologie che sono causa della minorazione.

20 20 Diseases - 9 th revision). La prima e la seconda riguardano l ipovedente: 1 cat. = visus 3/10-1/10; 2 cat. = visus 1/10-1/20. Le altre tre categorie riguardano, invece, il soggetto cieco: 3 cat. = visus 1/20-1/100 ; 4 cat. = visus 1/100-P.L. ; 5 cat. = visus spento. In Italia il concetto legale di cecità-ipovisione è stato ridefinito con la legge 3 aprile 2001, n. 138: Classificazione e quantificazione delle minorazioni visive e norme in materia di accertamenti oculistici. Le innovazioni introdotte da questa legge, promossa e ottenuta dall Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-sezione italiana e dall Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, sono state a lungo auspicate da tutti gli addetti ai lavori e da tutti i portatori di deficit visivo. Suo merito principale è quello di prendere in esame, per la valutazione del danno, non solo lo stato della visione centrale ma anche lo stato della visione periferica (il campo visivo). La precedente legge (n. 382/70) quantificava la menomazione visiva sulla base di un solo parametro (il visus); succedeva così che un paziente, affetto da retinite pigmentosa 7 o 7 Si tratta di una patologia oculare che appartiene a un gruppo di malattie ereditarie caratterizzate da una degenerazione progressiva della retina, che provoca nel tempo la perdita della visione notturna e

21 21 da glaucoma 8 in fase avanzata (con un campo visivo ridotto a meno di 5-10 gradi), non fosse nemmeno riconosciuto ipovedente. I dati o, meglio, le stime parlano chiaro: secondo le valutazioni dell'oms i ciechi nel mondo erano, nel 1972, poco di più di 10 milioni; nel 1990, 38 milioni e nel Attualmente 9 si stima che siano circa 40 milioni, mentre gli ipovedenti sono 245 milioni. Tra i fattori che causano cecità e ipovisione ci sono il forte incremento demografico e le scarse risorse sanitarie nei Paesi in via di sviluppo (dove si stima che vivano 9 ciechi o ipovedenti su 10) e l allungamento della vita media nei Paesi industrializzati con il conseguente aumento delle patologie, che causano un abbassamento della vista, legate all età. In Italia i dati non sono meno preoccupanti. Secondo le stime Istat 10 sono 362mila le persone prive della vista; inoltre, si calcola che gli ipovedenti siano circa un milione e mezzo. 11 del campo visivo periferico. In molti casi vi è una perdita dellʹacutezza visiva, che può condurre allʹipovisione e progredire fino alla cecità. Può insorgere dopo lʹadolescenza e si manifesta con un progressivo restringimento del campo visivo. 8 Il glaucoma è causato da un progressivo danneggiamento del nervo ottico, di solito derivante da unʹanormale pressione allʹinterno dellʹocchio. Progredisce lentamente e non presenta sintomi evidenti nei primi stadi. È frequente una diminuzione del campo visivo che allʹinizio non è in genere avvertita dai pazienti. Esami oculistici di routine e test specifici del campo visivo sono la chiave per diagnosticare sin dallʹinizio un glaucoma. In fase avanzata, il danno al nervo ottico causa unʹirreparabile perdita di visione periferica con pesante riduzione del campo visivo (visione tubolare, o a cannocchiale) e in casi estremi può portare alla cecità. 9 Dati OMS S. Minchiotti, L importanza della prevenzione visiva nei bambini: la prospettiva dell OMS, atti della Giornata Mondiale della vista 14 ottobre 2010, Roma 2010

22 22 Secondo le leggi del 27 maggio 1970 n 382 e 138/2001 sono considerati Ciechi Civili, ai fini del diritto alle provvidenze economiche previste dalla legge, coloro che in sede di visita medica presso la competente commissione sanitaria siano stati riconosciuti: Ciechi Assoluti - LEGGE 382/70: coloro che hanno un residuo visivo 00 in entrambi gli occhi, con eventuale correzione, ovvero coloro che hanno la totale mancanza della vista o la mera percezione dell'ombra o della luce. Ciechi Totali - LEGGE 138/2001: a) coloro che sono colpiti da totale mancanza della vista in entrambi gli occhi; b) coloro che hanno la mera percezione dell'ombra e della luce o del moto della mano in entrambi gli o nell'occhio migliore; c) coloro il cui residuo perimetrico binoculare è inferiore al 3%. Ciechi Parziali (o ventesimisti) - LEGGE 382/70: coloro che hanno un residuo visivo non superiore ad 1/20 in entrambi gli occhi con eventuale correzione. Ciechi Parziali - LEGGE 138/2001: a) coloro che hanno un residuo visivo non superiore a 1/20 in entrambi gli occhi o nell'occhio migliore, anche con eventuale correzione; b) coloro il cui residuo perimetrico binoculare è inferiore al 10 %. Ciechi Decimisti

23 23 coloro che hanno un residuo visivo non superiore ad 1/10 in entrambi gli occhi, sempre con eventuale correzione ottica. La definizione data dalla legge, soprattutto nell ottica della previdenza sociale ha compiuto degli enormi progressi nella comprensione e individuazione dei molteplici aspetti legati ai deficit visivi. 1.2 STORIA DELL EDUCAZIONE DEL NON VEDENTE L ANTICHITÀ ALL ETÀ DEI LUMI La cecità ha esercitato, fin dall antichità, un fascino misto a pietà e terrore; i ciechi erano isolati dalla società o ascoltati come oracoli ma sempre al di fuori dalla comunità. L esempio più eclatante fu il grande poeta cieco Omero con le sue grandi opere l Iliade e l Odissea, ed è in quest ultima che Ulisse incontra Tiresia il grande indovino cieco che gli consente il tramite con l Aldilà. Esistono molte versioni del mito di Tiresia e dell origine della sua cecità: punito da Era, perché aveva sostenuto Giove in una controversia, o da Pallade poiché l aveva vista nuda durante un bagno; comunque costante nei miti è la concezione della cecità come punizione, magari ricompensata con la profezia ma pur sempre condanna. Nel Vangelo di Giovanni 12 è narrato l episodio del miracolo della guarigione del cieco, che rivoluziona l antica visione del non vedente come punito per peccati suoi o dei suoi avi. 12 Gv 9,1-41

24 24 Passando vide un uomo cieco dalla nascita e i suoi discepoli lo interrogarono: "Rabbì, chi ha peccato, lui o i suoi genitori, perché egli nascesse cieco?". Rispose Gesù: "Né lui ha peccato né i suoi genitori, ma è così perché si manifestassero in lui le opere di Dio. Dobbiamo compiere le opere di colui che mi ha mandato finché è giorno; poi viene la notte, quando nessuno può più operare. Finché sono nel mondo, sono la luce del mondo". Detto questo sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò il fango sugli occhi del cieco e gli disse: "Và a lavarti nella piscina di Sìloe (che significa Inviato)". Quegli andò, si lavò e tornò che ci vedeva. Il miracolo di Cristo stravolge la tradizione rabbinica che collegava la malattia e la sofferenza alla punizione per il peccato. Tuttavia per secoli ancora, nonostante le parole di Gesù, il cieco rimase il simbolo della diversità; la cecità rappresenta una prova terribile a cui Dio sottopone l'uomo per fare espiare i peccati e si propone agli altri come specchio e monito M. Gecchele, Per una storia dell educazione dei ciechi, dispense Master E.E.D.S. Verona 2011.

25 25 Il cieco diventa, per i cristiani, il fratello da aiutare con pie opere ed elemosine e già dal secolo decimo quarto si hanno importanti testimonianze di opere d asilo e assistenza ai non vedenti. Nel 1377 si ha la fondazione della Fraglia di Santa Maria dei ciechi a Padova, nel cui statuto si legge come l elemosina fosse considerata una pratica decorosa, ricompensata dalle preghiere per la salvezza dell anima dei benefattori. L assistenza ai disabili era a carico o delle famiglie o dei monasteri, per lo più legati alla regola benedettina. Sull assistenza ai cavalieri tornati ciechi dalle battaglie, si ha testimonianza con la fondazione del Quinte-Vingt nel 1265 per volontà di sua maestà re di Francia Luigi IX. È importante, comunque, sottolineare come la principale missione fosse quella di asilo non di fondazione di luoghi d educazione. L opinione comune era infatti che l apprendimento, così fortemente legato al mondo visuale, fosse del tutto preclusa ai non vedenti e che quindi l unica forma di sussistenza fosse quella di mendicare. L'egemonia della vista, nell'attività pratica e percettiva, ha fatto ritenere la cecità una delle più grandi sventure; e ogni manifestazione di capacità dei ciechi desta sorpresa, suscitando l'ipotesi di eccezionali compensi. In verità i compensi, che in ogni caso sono scarsi, si conseguono solo con

Internet senza barriere

Internet senza barriere Internet senza barriere Convegno Abi Internet e la Banca 2003 1-2 dicembre 2003 Roberto Fonso Direttore Information Technology We@service S.p.a. Agenda La banca di tutti Capire l accessibilità Il contesto

Dettagli

I soggetti disabili visivi: tra realtà e bisogni

I soggetti disabili visivi: tra realtà e bisogni I soggetti disabili visivi: tra realtà e bisogni Dr. Michele Corcio Vicepresidente Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità Cecità legale: definizioni e classificazione cecità legale fino

Dettagli

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata 1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata di Michele Diodati michele@diodati.org http://www.diodati.org Cosa significa accessibile 2 di 19 Content is accessible when it may be used by someone with

Dettagli

Accessibilità digitale

Accessibilità digitale Accessibilità digitale Guido Gelatti guido.gelatti@itiscastelli.it Brixia Generazione Digitale - 6 Dicembre 2013 The power of the Web is in its universality Tim Berners-Lee afferma che il web "deve consentire

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA anno scolastico 2013 2014 1 CLASSE PRIMA ITALIANO - Ascoltare, comprendere

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Scienze della Formazione Milano a.a 2005-2006

Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Scienze della Formazione Milano a.a 2005-2006 Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Scienze della Formazione Milano a.a 2005-2006 Laurea Specialistica in Scienze e tecniche delle attività motorie preventive e adattative Insegnamento Metodi

Dettagli

INDICE PROGRAMMA CORSO

INDICE PROGRAMMA CORSO INDICE PROGRAMMA CORSO PRIMA LEZIONE: Componenti di un computer: Hardware, Software e caratteristiche delle periferiche. SECONDA LEZIONE: Elementi principali dello schermo di Windows: Desktop, Icone, Mouse,

Dettagli

CONOSCIAMO GLI ACROMATI

CONOSCIAMO GLI ACROMATI CONOSCIAMO GLI ACROMATI vedono pochissimo non vedono affatto quando c è tanta luce non vedono i colori Associazione Acromati Italiani Onlus Se aiutiamo loro, scopriremo cosa significa vedere, e guarderemo

Dettagli

Handicap visivo e cecità: 10 domande e risposte

Handicap visivo e cecità: 10 domande e risposte Handicap visivo e cecità: 10 domande e risposte 1. Quando si è considerati portatori di un handicap visivo?... 2 2. Quante persone cieche, ipovedenti e con doppio handicap uditivo e visivo vivono in Svizzera?...

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2014

Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori di Milano HTTP://WWW.ISTITUTOTUMORI.MI.IT Documento redatto ai sensi dell articolo 9, comma 7, del Decreto Legge

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO

COMUNE DI ROSSANO VENETO COMUNE DI ROSSANO VENETO Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 Redatto ai sensi dell articolo 9, comma 7 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179. Redatto il 25.03.2014 1 SOMMARIO Obiettivi di accessibilità

Dettagli

COMPETENZA DIGITALE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE

COMPETENZA DIGITALE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE COMPETENZA DIGITALE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE Dalla raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio del 18 dicembre 2006 La competenza digitale consiste nel saper utilizzare con dimestichezza

Dettagli

Istituto San Tomaso d Aquino

Istituto San Tomaso d Aquino Istituto San Tomaso d Aquino alba pratalia aràba Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella didattica a.s. 2013 2014 a.s. 2014 2015 0 Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella

Dettagli

Università degli Studi di Messina. Studenti diversamente abili e DSA

Università degli Studi di Messina. Studenti diversamente abili e DSA Università degli Studi di Messina Studenti diversamente abili e DSA Università degli Studi di Messina Servizio Disabilità e DSA Centro Supporto Ausili Tecnologici (CSAT) Delegato Rettorale Prof.ssa Alice

Dettagli

PREMESSA AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE. Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE

PREMESSA AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE. Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE A tutte le pubbliche amministrazioni di cui all articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 Oggetto:

Dettagli

La domotica per i diversamente abili: Una guida pratica per capire quali sono le agevolazioni usufruibili dalle persone diversamente abili

La domotica per i diversamente abili: Una guida pratica per capire quali sono le agevolazioni usufruibili dalle persone diversamente abili La domotica per i diversamente abili: Una guida pratica per capire quali sono le agevolazioni usufruibili dalle persone diversamente abili La domotica è una delle tecnologie che hanno come fine il miglioramento

Dettagli

ORIZZONTI SCUOLA PERCHE DOCUMENTARE?

ORIZZONTI SCUOLA PERCHE DOCUMENTARE? P.A.I.S. La scuola elementare Manzoni Bolzano Mirella Tronca, assistente agli alunni in situazione di handicap PERCHE DOCUMENTARE? La documentazione è una scienza per conoscere e una tecnica per far conoscere.

Dettagli

PANORAMICA DELLE FAMIGLIE DI STRUMENTI ELETTRONICI INFORMATICI

PANORAMICA DELLE FAMIGLIE DI STRUMENTI ELETTRONICI INFORMATICI DISABILINET Nuove tecnologie per l'educazione e l'inclusione sociale di adulti con disabilità mentale o relazionale Milano 22 novembre 2011 Formazione come elemento chiave Massimo Guerreschi Ass. la Nostra

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA CIRCOLARE 13 marzo 2001, n.3/2001 Linee guida per l'organizzazione, l'usabilita' e l'accessibilita' dei siti Web delle pubbliche

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2015

Obiettivi di accessibilità per l anno 2015 Repubblica Italiana - Regione Siciliana Istituto Comprensivo Statale Federico II di Svevia Via Del Sole Massannunziata - 95030 Mascalucia (CT) Tel. 095-910718 C. F. 93105190875 - C.M. CTIC83400C - Codice

Dettagli

5. Fondamenti di navigazione e ricerca di informazioni sul Web

5. Fondamenti di navigazione e ricerca di informazioni sul Web 5. Fondamenti di navigazione e ricerca di informazioni sul Web EIPASS Junior SCUOLA PRIMARIA Pagina 43 di 47 In questo modulo sono trattati gli argomenti principali dell universo di Internet, con particolare

Dettagli

E SE? DOMANDE E RISPOSTE PER

E SE? DOMANDE E RISPOSTE PER Sommario E SE? DOMANDE E RISPOSTE PER L ACCESSIBILITÀ 1. all improvviso non vedessi più? 2. all improvviso non sentissi più? 3. all improvviso non parlassi più? 4. all improvviso non mi muovessi più? 5.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 La programmazione educativa, redatta dal Presidente del Gruppo H e stilata dalla Docente F/S per le attività a sostegno

Dettagli

Ausili per disabilità sensoriali

Ausili per disabilità sensoriali Ausili per disabilità sensoriali Sommario 1. Introduzione 2. Ausili informatici 3. Ausili per disabilità visive 4. Ausili per disabilità uditive Studio di Consulenza Stefano Persichino Consulenza, valutazione,

Dettagli

riflessioni dopo una conversazione tra me e Daniela in preparazione

riflessioni dopo una conversazione tra me e Daniela in preparazione Giornata Aperta 2009 Atomi e gomitoli: riflessioni dopo una conversazione tra me e Daniela in preparazione dell'incontro dell'11 maggio 2009. Mario Ciao Daniela, il che dici, dii parlo del dl sito www.odorisuonicolori.it

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Art. 15, comma 3, lett. a) e b) Legge 6 agosto 2008, n. 133 Caratteristiche tecniche e tecnologiche libri di testo PREMESSA Il libro di testo, nella sua versione a stampa, on line e mista, costituisce

Dettagli

OBIETTIVI DI ACCESSIBILITÀ PER L ANNO 2014

OBIETTIVI DI ACCESSIBILITÀ PER L ANNO 2014 Alma Mater Studiorum Università di Bologna OBIETTIVI DI ACCESSIBILITÀ PER L ANNO 2014 Redatto ai sensi dell articolo 9, comma 7 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179. Versione 1.1 - Redatta il 20/5/2014

Dettagli

La circolare AgID 2/2015

La circolare AgID 2/2015 La circolare AgID 2/2015 Specifiche tecniche sull hardware, il software e le tecnologie assistive delle postazioni di lavoro a disposizione del dipendente con disabilità. Domenico Natale AgID 10 marzo

Dettagli

Classificazione del software

Classificazione del software Classificazione del software Classificazione dei software Sulla base del loro utilizzo, i programmi si distinguono in: SOFTWARE Sistema operativo Software applicativo Sistema operativo: una definizione

Dettagli

Allegato A. indice: 1. Normativa di riferimento; 2. Servizio di Assistenza Educativa Scolastica A.E.S.; a. Definizione; b.

Allegato A. indice: 1. Normativa di riferimento; 2. Servizio di Assistenza Educativa Scolastica A.E.S.; a. Definizione; b. Allegato A LINEE GUIDA PER L ATTIVAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA EDUCATIVA SCOLASTICA (AES), ASSISTENZA ALLA COMUNICAZIONE (DS), TIFLOLOGICO E TRASPORTO (STAD) IN FAVORE DI ALUNNI CON DISABILITÁ A.S.

Dettagli

Università della Svizzera italiana

Università della Svizzera italiana Università della Svizzera italiana Il sito dell Università della Svizzera italiana e l accessibilità Vs.1.0 11 / 12 / 2007 TEC-LAB WEB-SERVICE 1. INTRODUZIONE Avere accesso al web, per un utente disabile,

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

quanto il problema principale la comprensione delle lezione tenuta dal docente in aula può venire risolto collocando lo studente in una posizione

quanto il problema principale la comprensione delle lezione tenuta dal docente in aula può venire risolto collocando lo studente in una posizione L'esperienza del Politecnico di Torino nella gestione dell'integrazione nell'università e dell'accessibilità alle risorse didattiche da parte di studenti audiolesi I sordi in università Negli ultimi anni

Dettagli

PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA

PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA Scuola primaria di Ponchiera Istituto Comprensivo Paesi Retici Sondrio PREMESSA : CORPO - CUORE contemporanea MENTE PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA Lo sviluppo delle

Dettagli

Sviluppo Accessibile con

Sviluppo Accessibile con Sviluppo Accessibile con L accesso alla tecnologia rappresenta un diritto primario per tutti i cittadini in una società realmente democratica. 1 2 I Disabili in Italia In Italia vivono attualmente circa

Dettagli

Siscotel 2002 A.C. Vigevano e Lomellina. Vigevano - 19/02/2007. Siscotel 2002 A.C. Vigevano e Lomellina

Siscotel 2002 A.C. Vigevano e Lomellina. Vigevano - 19/02/2007. Siscotel 2002 A.C. Vigevano e Lomellina Vigevano - 19/02/2007 1 Cos è un CMS I CMS sono sistemi software che consentono di creare e gestire un sito web direttamente dal Browser, in modo semplice ed immediato. Caratteristica dei CMS è quella

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI ARCEVIA CON SEZIONI ASSOCIATE DI MONTECAROTTO E SERRA DE CONTI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI ARCEVIA CON SEZIONI ASSOCIATE DI MONTECAROTTO E SERRA DE CONTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI ARCEVIA CON SEZIONI ASSOCIATE DI MONTECAROTTO E SERRA DE CONTI OBIETTIVI DI ACCESSIBILITA PER L ANNO 2014 Documento redatto ai sensi dell art. 9, comma 7, del Decreto Legge 18 ottobre

Dettagli

DEFINIZIONE DI MENOMAZIONE, DISABILITÀ E HANDICAP

DEFINIZIONE DI MENOMAZIONE, DISABILITÀ E HANDICAP DEFINIZIONE DI MENOMAZIONE, DISABILITÀ E HANDICAP E enorme la confusione nella terminologia relativa all handicap. Per questo negli ultimi 20 anni l OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) ha diffuso

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno

Obiettivi di accessibilità per l anno Obiettivi di accessibilità per l anno Redatto ai sensi dell articolo 9, comma 7 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179. 1 Premessa L articolo 9, comma 7, del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179 stabilisce

Dettagli

PIANO BIENNALE PER I DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITÀ

PIANO BIENNALE PER I DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITÀ PIANO BIENNALE PER I DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITÀ 15 novembre 2014 Daniela Sangiovanni Comunicazione e Ufficio stampa Policlinico S,Orsola ACCESSIBILITÀ Gli Stati dovrebbero riconoscere l importanza

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2014

Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 COMUNE DI MONTEVARCHI Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 Redatto ai sensi dell articolo 9, comma 7 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179. Redatto il 27/03/2014 1 SOMMARIO Obiettivi di accessibilità

Dettagli

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ALLEGATO n.4 DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE La certificazione delle competenze chiave, delineate dal documento tecnico (http://www.pubblica.istruzione.it/normativa/2007/dm139_07.shtml)

Dettagli

Hardware, software e dati

Hardware, software e dati Hardware, software e dati. Hardware il corpo del computer. Software i programmi del computer. Dati la memoria del computer ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale Diapositiva

Dettagli

Un corso (accessibile) sull accessibilità dei siti web. di Gianluca Affinito gianluca.affinito@gmail.com

Un corso (accessibile) sull accessibilità dei siti web. di Gianluca Affinito gianluca.affinito@gmail.com Un corso (accessibile) sull accessibilità dei siti web di Gianluca Affinito gianluca.affinito@gmail.com La conoscenza della Legge 4/2004 nella scuola italiana Un recente questionario, proposto dall'istituto

Dettagli

Il foglio elettronico

Il foglio elettronico Il foglio elettronico Foglio di calcolo, Spreadsheet in inglese, Permette di elaborare DATI NUMERICI. E una TABELLA che contiene numeri che possono essere elaborati con FUNZIONI matematiche e statistiche.

Dettagli

Accessibilità dei siti Web delle biblioteche

Accessibilità dei siti Web delle biblioteche Le biblioteche offrono dei servizi pubblici Accessibilità dei siti Web delle biblioteche 1 Il loro patrimonio: informazioni conoscenza Requisito essenziale del servizio: Maurizio Vittoria - Biblioteca

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno Scolastico 2014-2015

PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno Scolastico 2014-2015 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

Rifocalizzare il lavoro educativo con la disabilità l attenzione alla sociomorfogenesi

Rifocalizzare il lavoro educativo con la disabilità l attenzione alla sociomorfogenesi Rifocalizzare il lavoro educativo con la disabilità (abstract) Da LA FORMAZIONE COME STRATEGIA PER L EVOLUZIONE DEI SERVIZI PER I DISABILI Provincia di Milano 2004 A cura dello Studio Dedalo Rifocalizzare

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2015

Obiettivi di accessibilità per l anno 2015 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI SALGAREDA(TV) Scuola secondaria primo grado A.Martini Salgareda, Scuole primarie G.Collarin di Salgareda e F.Pascon di Campodipietra, Scuola infanzia A.Frank Campodipietra

Dettagli

REFERENTE DSA SPORTELLO DSA

REFERENTE DSA SPORTELLO DSA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA I S T I T U TO C O M P R E N S I V O S TATA L E Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria - Via Broli, 4-24060 CASAZZA (BG) Tel 035/810016 Fax

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare?

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? Rosamaria Maggio Il contesto europeo Da un esame dei documenti dell Unione Europea in materia di istruzione - sia per quanto

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PIAZZONI, NICCHI, AIELLO, MIGLIORE, GIULIANI. Riconoscimento della lingua dei segni italiana

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PIAZZONI, NICCHI, AIELLO, MIGLIORE, GIULIANI. Riconoscimento della lingua dei segni italiana Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1500 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PIAZZONI, NICCHI, AIELLO, MIGLIORE, GIULIANI Riconoscimento della lingua dei segni italiana

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2014

Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 COMUNE DI BRUSAPORTO PROV. DI BG Obiettivi di accessibilità per l anno 2014 Redatto ai sensi dell articolo 9, comma 7 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179. Redatto A MARZO 2014 Sommario Obiettivi

Dettagli

Informatica. Classe Prima

Informatica. Classe Prima Informatica Classe Prima Obiettivo formativo Conoscenze Abilità Conoscere e utilizzare il computer per semplici attività didattiche Conoscere i componenti principali del computer. o Distinguere le parti

Dettagli

DISABILITA VISIVA. INNOVABILIA 2012 17-18-19 MAGGIO Il festival delle innovazioni per le diverse abilità e la qualità della vita

DISABILITA VISIVA. INNOVABILIA 2012 17-18-19 MAGGIO Il festival delle innovazioni per le diverse abilità e la qualità della vita Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Ufficio IX Ambito Territoriale Foggia INNOVABILIA 2012 17-18-19 MAGGIO Il festival delle innovazioni

Dettagli

L e-book a scuola. 1 Al tema sono peraltro dedicati alcuni lavori specifici, fra i quali in italiano si segnala per

L e-book a scuola. 1 Al tema sono peraltro dedicati alcuni lavori specifici, fra i quali in italiano si segnala per L e-book a scuola Arriviamo così a un ultimo tema su cui vorrei spendere qualche parola. Un tema che richiederebbe peraltro, per essere trattato con l attenzione e il rigore che sarebbero necessari, ben

Dettagli

PROGETTO INFORMATICA

PROGETTO INFORMATICA PROGETTO INFORMATICA DIVERTIAMOCI CON UN CLIK! Il computer non è una macchina intelligente che aiuta le persone stupide, anzi è una macchina stupida che funziona solo nelle mani delle persone intelligenti.

Dettagli

PROGETTO CLASSI in RETE. curato dalla Prof.ssa SERRA CONCETTA S.M.S. G.B. NICOLOSI PATERNO

PROGETTO CLASSI in RETE. curato dalla Prof.ssa SERRA CONCETTA S.M.S. G.B. NICOLOSI PATERNO PROGETTO CLASSI in RETE curato dalla Prof.ssa SERRA CONCETTA S.M.S. G.B. NICOLOSI PATERNO PREMESSA Da sempre la conoscenza ha rappresentato l elemento fondamentale di discriminazione sociale, politica

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2013

Obiettivi di accessibilità per l anno 2013 Comune di Brunate Obiettivi di accessibilità per l anno 2013 Redatto ai sensi dell articolo 9, comma 7 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179. Redatto il 31/03/2014 1 SOMMARIO Obiettivi di accessibilità

Dettagli

Capitolo 14 - Sostegno Scolastico

Capitolo 14 - Sostegno Scolastico Capitolo 14 - Sostegno Scolastico 14.1 Il diritto all istruzione Il diritto allo studio degli alunni con disabilità si realizza, secondo la normativa nazionale vigente, attraverso l integrazione scolastica,

Dettagli

Dr. Antonio Capoduro

Dr. Antonio Capoduro Dr. Antonio Capoduro CONI: 29 ottobre 2011 Le nuove frontiere dell'applicazione della ricerca del benessere dell'atleta, psicologia clinica dello sport ed interfaccia informatica Buongiorno a tutti, come

Dettagli

COMPETENZA DIGITALE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE

COMPETENZA DIGITALE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE COMPETENZA DIGITALE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE Dalla raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio del 18 dicembre 2006 La competenza digitale consiste nel saper utilizzare con dimestichezza

Dettagli

PROGETTO IRIFOR: LA FIRMA DIGITALE PER I DISABILI VISIVI

PROGETTO IRIFOR: LA FIRMA DIGITALE PER I DISABILI VISIVI PROGETTO IRIFOR: LA FIRMA DIGITALE PER I DISABILI VISIVI Avv. Giorgio Rognetta www.giorgiorognetta.it studio@giorgiorognetta.it Progetto per l accessibilità della firma digitale Istituita una commissione

Dettagli

Le tecnologie assistive: superare le difficoltà causate dalla disabilità grazie agli ausili

Le tecnologie assistive: superare le difficoltà causate dalla disabilità grazie agli ausili 1 Erika Firpo Le tecnologie assistive: superare le difficoltà causate dalla disabilità grazie agli ausili INTRODUZIONE Le tecnologie assistive si inseriscono a pieno diritto tra le innovazioni che, recentemente,

Dettagli

Indagine su: L approccio delle aziende e delle associazioni nei confronti dell accessibilità dei siti web

Indagine su: L approccio delle aziende e delle associazioni nei confronti dell accessibilità dei siti web Indagine su: L approccio delle aziende e delle associazioni nei confronti dell accessibilità dei siti web Gennaio 2005 Indice Introduzione Obiettivo e metodologia dell indagine Composizione e rappresentatività

Dettagli

TASTIERA COLORI&PAROLE (PER UNA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA)

TASTIERA COLORI&PAROLE (PER UNA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA) Modena, dicembre 2007 Presenta TASTIERA COLORI&PAROLE (PER UNA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA) INTRODUZIONE...2 COME UTILIZZARE LA TASTIERA...5 DETTAGLI TASTIERE...7 1 INTRODUZIONE Assieme ad altre tastiere

Dettagli

Istituto per la Ricerca la Formazione e la Riabilitazione. SM/sm Prot.n.4770/2013 del 04/10/2013 Alle Sezioni Provinciali I.Ri.Fo.R.

Istituto per la Ricerca la Formazione e la Riabilitazione. SM/sm Prot.n.4770/2013 del 04/10/2013 Alle Sezioni Provinciali I.Ri.Fo.R. SM/sm Prot.n.4770/2013 del 04/10/2013 Alle Sezioni Provinciali I.Ri.Fo.R. Ai Consigli Regionali I.Ri.Fo.R. Ai Componenti il Comitato Tecnico Scientifico I.Ri.Fo.R. Ai Presidenti delle Sezioni Provinciali

Dettagli

ABSTRACT. Gli obbiettivi di questo elaborato sono:

ABSTRACT. Gli obbiettivi di questo elaborato sono: ABSTRACT Dal titolo del presente elaborato, già si può intuire che l argomento di cui si andrà a trattare è l analisi degli aspetti che ruotano intorno alla maternità multiculturale. Viene presa in considerazione

Dettagli

Associazione Nazionale Docenti

Associazione Nazionale Docenti www.associazionedocenti.it and@associazionedocenti.it Didattica digitale Le nuove tecnologie nella didattica Presentazione del Percorso Formativo Il percorso formativo intende garantire ai Docenti il raggiungimento

Dettagli

TASTIERA COLORI&PAROLE (PER UNA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA)

TASTIERA COLORI&PAROLE (PER UNA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA) Modena, Maggio 2011 Presenta TASTIERA COLORI&PAROLE (PER UNA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA) INTRODUZIONE... 2 COME UTILIZZARE LA TASTIERA... 6 DETTAGLI TASTIERE... 8 1 INTRODUZIONE Assieme ad altre tastiere

Dettagli

HANDICAP FISICI. Sotto argomento 2.1

HANDICAP FISICI. Sotto argomento 2.1 HANDICAP FISICI Sotto argomento 2.1 Le principali disabilità fisiche riguardano: A. Il movimento delle persone B. Gli occhi devono avere occhiali o usare il Braille C. Orecchie A. Handicap motorio Le persone

Dettagli

Perché il Libro Parlato nell era del e-book

Perché il Libro Parlato nell era del e-book HANDIMATICA 2012 Seminario Tecnologie e approcci innovativi con anziani ospiti di strutture Centro Internazionale del Libro Parlato Adriano Sernagiotto - ONLUS Perché il Libro Parlato nell era del e-book

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Dispensare o educare? I Bisogni Educativi Speciali a Scuola Di Roberto Franchini Nel passato la disabilità era compresa a partire da modelli

Dispensare o educare? I Bisogni Educativi Speciali a Scuola Di Roberto Franchini Nel passato la disabilità era compresa a partire da modelli Dispensare o educare? I Bisogni Educativi Speciali a Scuola Di Roberto Franchini Nel passato la disabilità era compresa a partire da modelli concettuali di natura medica o di natura sociale, secondo visioni

Dettagli

ALLEGATO 4. Scuola Primaria. Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI

ALLEGATO 4. Scuola Primaria. Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI ALLEGATO 4 Scuola Primaria Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI VOTO Eccellenti competenze e pieno controllo degli aspetti tecnici e formali. Rivela creatività, logica

Dettagli

Installare un nuovo programma

Installare un nuovo programma Installare un nuovo programma ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale Diapositiva Introduzione Installare un nuovo programma sul computer installazione Quando acquistiamo

Dettagli

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA Scuola Primaria G. Sordini Istituto Comprensivo Spoleto 2 Indicatori per la scheda di valutazione della classe I ITALIANO: Narrare brevi esperienze

Dettagli

IRIFOR BRINDISI LA SCUOLA NELLA TIFLOLOGIA

IRIFOR BRINDISI LA SCUOLA NELLA TIFLOLOGIA IRIFOR BRINDISI LA SCUOLA NELLA TIFLOLOGIA Data pubblicazione bando: 16 ottobre 2015 Attivazione del corso L Istituto per la Ricerca, la Formazione e la Riabilitazione (IRIFOR), sezione provinciale di

Dettagli

Laboratorio: Tecnologie assistive per disabili motori

Laboratorio: Tecnologie assistive per disabili motori Laboratorio: Tecnologie assistive per disabili motori Andrea Mangiatordi - 29 marzo 2008 Tecnologia Funzionalità Vantaggi Svantaggi Può essere utile anche a Combinata con un chi ha problemi di qualunque

Dettagli

PROGETTAZIONE DI UN SITO WEB

PROGETTAZIONE DI UN SITO WEB PROGETTAZIONE DI UN SITO WEB UN BUON SITO DEVE AVERE DUE CARATTERISTICHE: USABILITA ACCESSIBILITA Navigazione fluida con contenuti facilmente reperibili. Organizzazione dei contenuti e predisposizione

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2011-2012

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2011-2012 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

RE Registro Elettronico SISSIWEB

RE Registro Elettronico SISSIWEB RE Registro Elettronico e SISSIWEB Guida per le Famiglie Copyright 2013, Axios Italia 1 SOMMARIO SOMMARIO... 2 Novità di questa versione... 3 Piattaforma Web di Axios... 4 Premessa... 4 Avvertenze... 5

Dettagli

Come l aspetto ludico possa essere utile all apprendimento: il software didattico Sorpasso!

Come l aspetto ludico possa essere utile all apprendimento: il software didattico Sorpasso! 1 Erika Firpo Come l aspetto ludico possa essere utile all apprendimento: il software didattico Sorpasso! INTRODUZIONE Sempre più spesso i bambini e i ragazzi passano parte del loro tempo a giocare coi

Dettagli

Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali. Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva

Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali. Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva 1 Indice dei materiali Quadro normativo di riferimento Didattica tradizionale

Dettagli

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Genova, 16 marzo 2006 Via Balbi, 1a - 16126 GENOVA Tel. 010/2095962 Fax 010/2095961 e-mail: cared@unige.it Master

Dettagli

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago ECCELLENZE: Lorenzo Zago dal 2007 - Kryptos LA PERSONA Nel corso della storia, la libertà di scelta è stata una grande conquista da parte dell uomo. Oggi, la maggior parte di noi vive in Paesi dove è possibile

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA

ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA PROGETTO INFORMATICA: UNPLUGGED ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA Come è noto, l insegnamento della tecnologia/informatica è entrata a far parte del normale curricolo

Dettagli

Obiettivi di accessibilità per l anno 2015

Obiettivi di accessibilità per l anno 2015 Obiettivi di accessibilità per l anno 2015 Redatto ai sensi dell articolo 9, comma 7 del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179. Redatto il 30/03/2015 SOMMARIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI REGGELLO (FI)

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO FRANCAVILLA FONTANA (Br) Scuola Secondaria di I grado P. Virgilio Marone

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO FRANCAVILLA FONTANA (Br) Scuola Secondaria di I grado P. Virgilio Marone PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO FRANCAVILLA FONTANA (Br) Scuola Secondaria di I grado P. Virgilio Marone PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI EDUCAZIONE ECNICA Centro Territoriale Permanente per l Istruzione e la Formazione

Dettagli

In Italia, nuove disposizioni normative sull accessibilità

In Italia, nuove disposizioni normative sull accessibilità MERCATI E TENDENZE In Italia, nuove disposizioni normative sull accessibilità Saverio Rubini 1 ESTRATTO: Tra il 2009 e il 2010 in Italia sono state emanate nuove disposizioni sulla trasparenza nelle Pubbliche

Dettagli

Premessa. A cura dell ing. Carmelo Tomaselli.

Premessa. A cura dell ing. Carmelo Tomaselli. Report sugli adempimenti normativi riguardanti l abbattimento delle barriere architettoniche con particolare attenzione a quelle che impediscono l orientamento, la riconoscibilità dei luoghi e delle fonti

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

Università di Trieste

Università di Trieste Università di Trieste Dipartimento di Scienze Umane Sussidi e Ausili Laboratorio gestione problematiche legate ai disturbi visivi a.a. 2012-2013 Fabio Corsi, Ph.D. Due sinonimi? Ora inizieremo a trattare

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO giuseppe dal ferro ELABORAZIONE DI UN PROGETTO Gli anni dal 2002 al 2015 della Federazione tra le Università della terza età (Federuni) hanno elaborato, con il contributo di studio di docenti universitari,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Pag. 1 di 8 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Disciplina Tecnologie informatiche a.s. 2015/2016 Classe: 1 a Sez. Q,R,S Docente : Prof. Emanuele Ghironi / Prof.Davide Colella Pag. 2 di 8 PERCORSI MULTIDISCIPLINARI/INTERDISCIPLINARI

Dettagli

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15 Neoassunti 2015/16 BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale Versione del 09/12/15 Sommario Sommario Sommario... 1 Introduzione... 2 La guida per la compilazione del Bilancio di Competenze... 2 A cosa

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli