UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA MASTER DI I LIVELLO EDUCATORE ESPERTO PER LA DISABILITÀ SENSORIALI TESI DI MASTER

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA MASTER DI I LIVELLO EDUCATORE ESPERTO PER LA DISABILITÀ SENSORIALI TESI DI MASTER"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA MASTER DI I LIVELLO EDUCATORE ESPERTO PER LA DISABILITÀ SENSORIALI TESI DI MASTER BARRIERE ARCHITETTONICHE VIRTUALI E ACCESSIBILITÀ Relatore Dott. W.J. Bertozzo Specializzanda Dott.sa Viviana Mannoia Anno Accademico

2 2 Sommario Introduzione... 4 Capitolo I Definizione di ipovedente e non vedente storia dell educazione del non vedente l antichità all età dei lumi Valentin HAÜY louis braille il metodo braille capitolo II la normativa italiana la legge stanca e l accessibilità capitolo III i prodotti d ausilio gli strumenti hardware display o barra braille l optacon stampanti braille videoingranditori (cctv) i software... 46

3 screen readers i browser testuali:lynx i browser vocali conclusioni sitografia... 63

4 4 INTRODUZIONE "L'uomo è un animale sociale. Le persone non sono fatte per vivere da sole". Seneca L uomo, in quanto animale sociale, ha bisogno di comunicare e, in questi ultimi velocissimi 20 anni, la comunicazione è stata strettamente legata alla rete, a internet, alla rapita trasmissione di saperi e informazioni. La comunicazione da esigenza è diventata necessità: in un mondo in cui l azione del comunicare è inclusione, intesa come sopravvivenza e acculturazione, chi non ha accesso alle ICT è tagliato fuori dai circuiti dello scambio globale. Grazie alle nuove tecnologie, e a tutto ciò che esse celano, è possibile, infatti, annullare le distanze geografiche, concludere transazioni e diffondere informazioni senza lo spostamento fisico di uomini e/o cose. Tanto più sorprende, e fa riflettere, l indispensabilità del computer nel nostro quotidiano. Considerando la sua recentissima invenzione sembra quasi assurdo immaginare oggi la società moderna senza un PC collegato a internet. La rete è una risorsa incommensurabile, che allarga gli orizzonti e intesse una rete che abbraccia e stringe tutto il globo, offrendo possibilità infinite e impensabili fino a qualche decennio fa. Oggi è possibile comunicare in video-conferenza pur essendo a migliaia di chilometri di distanza, di effettuare scambi commerciali

5 5 d ogni tipo, inviare messaggi scritti e ricevere istantaneamente una risposta, parlare in chat con persone sconosciute o amici troppo distanti. Come scrive McLuhan 1 con l avvento del telegrafo i messaggi poterono viaggiare più in fretta del messaggero. con il telegrafo l informazione si era staccata da materie solide come la pietra e il papiro. il termine comunicazione è stato ampiamente usato con riferimento alle strade, ai ponti, alle rotte navali, ai fiumi e canali, prima di trasformarsi con l era elettronica in movimento di informazione successivamente all invenzione del telefono. Se in passato si sosteneva che, con l invenzione del telefono, l umanità fosse attaccata ad un filo, ora i fili si sono moltiplicati e intrecciati diventando una rete. È come se il mondo si fosse ristretto, le distanze annullate e il reale avesse proiettato la sua immagine in un mondo che è, contemporaneamente, parallelo e integrato. Ma cosa accade a chi è escluso dall accesso alle nuove tecnologie? E chi per motivi fisici, congeniti o acquisiti, non riesca ad accedere alla nuova comunicazione, è condannato a vivere fuori dalla società? Da anni si è cercato di rispondere a questi quesiti proponendo sempre la questione dell accessibilità. 1 M. McLuhan, La galassia Gutenberg. Nascita dell uomo tipografico, Roma, 1962.

6 6 Se già dagli anni Settanta del Novecento si è iniziato a studiare il concetto di barriera architettonica, inteso alla creazione di percorsi accessibili a tutti e senza ostacoli per le case, scuole, uffici e città (pur avendo ancora molta strada da fare) anche nelle nuove tecnologie esistono barriere architettoniche non meno difficili da superare e la parola che appare in ogni testo è sempre la stessa: accessibilità. Ma cos è l accessibilità e come si è cercato negli ultimi vent anni di rispondere a questo quesito? Il dizionario di DE MAURO, consultabile in rete, incorre però in un incoerenza particolarmente curiosa: da un lato offre una definizione di accessibilità assolutamente generica, quale quella sopra riportata, dall altro mostra ben visibile, sulla prima pagina del proprio sito internet, la seguente avvertenza: Accessibilità. coloro che per la navigazione utilizzano strumenti diversi da monitor, mouse o tastiera, che utilizzano un browser testuale o che hanno difficoltà visive possono inviare le proprie impressioni d uso al webmaster. Insomma, la parola accessibilità, almeno per i curatori del sito del DE MAURO PARAVIA online, ha un evidente significato specialistico, del quale però non si trova riscontro nella corrispondente definizione del dizionario. Occorre allora che ci si rivolga ad un altra parola, seguendo l implicito consiglio dei vocabolari: se, cioè, l accessibilità è la proprietà

7 7 dell essere accessibile, forse possiamo saperne di più capendo cosa vuol dire accessibile. Riguardo a questa parola, la situazione è per fortuna molto più chiara. Accanto ad alcuni significati figurati ( persona accessibile nel senso di affabile, cordiale, disponibile, e prezzo accessibile nel senso di modico), tutte le fonti concordano nel riportare due significati, uno proprio e uno figurato. Per il VOCABOLARIO TRECCANI DELLA LINGUA ITALIANA, il significato proprio di accessibile è: a cui è possibile accedere, che è di facile accesso: una località poco accessibile; rocca accessibile da due lati. In modo simile, il DE MAURO riporta: a cui si può accedere, raggiungibile: spiaggia accessibile solo dal mare E così anche il DIZIONARIO GARZANTI: cui si può accedere; raggiungibile: un luogo accessibile; una città non accessibile dal mare. Tutte e tre le fonti sono d accordo anche sul significato figurato della parola: di nozione che s intende facilmente: sono concetti accessibili anche ai fanciulli (TRECCANI). di qualcosa comprensibile: libri accessibili anche ai bambini (DE MAURO). comprensibile: concetto accessibile (GARZANTI). Si sono ottenute così abbastanza informazioni per arrivare a una prima importante certezza: accessibile significa raggiungibile ma non raggiungibile con difficoltà, come sarebbe la vetta di un alta montagna

8 8 innevata ma raggiungibile con facilità, senza troppi sforzi, come per esempio un citofono montato alla nostra altezza. Inoltre accessibile può significare sia raggiungibile fisicamente, per mezzo del corpo, sia raggiungibile mentalmente, con la comprensione, come un libro scritto con semplicità. L accessibilità non è però soltanto il risultato del rispetto di un insieme di norme tecniche ma anche e soprattutto di un modo diverso di pensare e progettare i contenuti e la struttura dei siti rendendoli effettivamente utilizzabili da tutti. Un sito accessibile è certamente fruibile dai disabili, che hanno particolari esigenze e usano tecnologie assistive, ma è anche navigabile, ad esempio, utilizzando connessioni lente, o media di accesso tecnologicamente avanzati, come PDA, Palm, SmartPhone ed è facilmente comprensibile senza avere bisogno di particolari competenze specialistiche. E quindi, in una parola, di semplice uso. Presupponendo che la tecnologia debba migliorare e facilitare la vita e non innalzare nuove barriere, nasce l esigenza di progettare e realizzare un sito accessibile e per farlo bisogna abbracciare una cultura di internet differente da quella affermatasi finora. Rendere i siti web accessibili vuol dire, infatti, offrire un contributo in termini di democratizzazione della Rete, garantendo pari opportunità a tutti coloro che desiderano comunicare attraverso internet ed allo stesso tempo allargando la base di utenti che possono essere raggiunti da informazioni e servizi. Un sito

9 9 accessibile deve essere utilizzato pienamente da tutti: sia da chi ha una disabilità fisica e/o sensoriale che rende necessario l uso di tecnologie assistive, sia da coloro che hanno difficoltà ad accedere al web a causa di limitazioni tecniche (un computer meno recente, l uso di strumenti diversi dal PC, una connessione lenta...) o di scarsa dimestichezza con internet. Per realizzare un sito accessibile occorre seguire le precise norme di progettazione stabilite dal WAI (Web Accessibility Initiative); egualmente importante, però, è anche cambiare la mentalità con la quale il sito stesso viene costruito. Un impegno che deve accomunare tutti coloro che contribuiscono a realizzare un sito, dall information architect al designer fino allo sviluppatore, per trovare soluzioni alternative che siano accessibili, e davvero usabili, per tutti. Un sito realizzato secondo questi criteri sarà facilmente accessibile con i più diffusi sistemi impiegati dai disabili (sintetizzatori vocali, ingranditori, strumenti braille, dispositivi diversi da tastiera e mouse), mentre la struttura dei contenuti e i servizi offerti risulta flessibile e adeguata anche agli utenti del web meno esperti, nel rispetto dei principi di usabilità. Un sito accessibile, quindi, è senza barriere digitali e idealmente va incontro alle esigenze di tutti: a quelle dei disabili e a quelle dei disabili tecnologici, ovvero tutte quelle persone che in un dato momento della vita, per diversi fattori sociali, economici, fisici, di età, non riescono a utilizzare internet con facilità.

10 10 Nel 1994 Tim Berners-Lee, l inventore del web, fonda il World Wide Web Consortium (W3C), l organismo che si occuperà di elaborare tutte le specifiche che sono alla base del web, per incentivare uno sviluppo ottimale della Rete. Con il passare degli anni, l impatto del web sulla vita delle persone appare sempre più evidente: su internet si trova l informazione quotidiana, si possono seguire delle lezioni, si può cercare lavoro, si può lavorare a distanza, si possono ottenere certificati e documenti. Grazie alla Rete si può entrare in possesso di libri, relazioni, discorsi. Un opportunità per tutti, ma ancora di più per le persone disabili. Per rispondere alle esigenze di quanti si vedevano tagliati fuori da questo insieme di opportunità, nel 1997 il W3C dà vita alla Web Accessibility Initiative (WAI), riunendo in gruppi di lavoro intorno al tema dell accessibilità i maggiori esperti mondiali di internet. Poiché l accessibilità è un problema complesso, il WAI ha deciso di affrontarlo su cinque diversi livelli di studio con altrettanti gruppi di lavoro: il primo si occupa di studiare come le tecnologie web possano supportare l accessibilità; il secondo sviluppa le linee guida per l accessibilità; il terzo si occupa di migliorare gli strumenti per valutare l accessibilità dei siti e quelli per modificarli in modo da renderli accessibili; il quarto realizza materiale didattico per diffondere la cultura dell accessibilità; e il quinto coordina le attività degli altri e li mette in contatto con i laboratori di ricerca e sviluppo.

11 11 Nel 1999 il WAI ha pubblicato le linee guida sull accessibilità (WCAG 1.0 Web Content Accessibility Guidelines): un insieme di quattordici regole destinate agli ideatori ed ai programmatori di siti internet che vogliano realizzare un sito web accessibile. Le linee guida analizzano i problemi legati all accessibilità e forniscono soluzioni per la progettazione, così da abbattere le barriere digitali senza dover rinunciare alle componenti multimediali. Le raccomandazioni prendono in considerazione tutti quegli aspetti che possono rendere la navigazione di un sito un impresa impossibile per un utente. Durante la progettazione gli sviluppatori devono infatti considerare le possibili diverse condizioni in cui si trova ad operare l internauta. E se è vero che ci sono diverse situazioni da considerare, ogni scelta di design accessibile porta però, contemporaneamente, dei benefici a molti gruppi di disabili e all'intera comunità del web. Le linee guida si basano sui due principi generali: assicurare una trasformazione elegante e rendere il contenuto comprensibile e navigabile: infatti, l utilizzo di ausili non devono interferire con l eleganza della struttura della pagina web che si deve trasformare senza stravolgersi, rimanendo accessibile e usabile nonostante le limitazioni che possono derivare dal dover essere utilizzabili per persone con disabilità fisiche, sensoriali e dell'apprendimento, piuttosto che da barriere tecnologiche. Rendere il contenuto comprensibile e navigabile, oltre all'adozione di un linguaggio chiaro e semplice, significa anche

12 12 fornire meccanismi facilmente comprensibili per la navigazione all'interno della stessa pagina e tra pagine diverse. Dotare sempre le pagine di strumenti di navigazione e informazioni di orientamento ne massimizza l'accessibilità e l'utilizzabilità. Non tutti gli utenti sono in grado di utilizzare indicazioni visive come immagini sensibili, frame affiancati, o comunque elementi grafici che guidano nella navigazione gli utenti normodotati; gli utenti, inoltre, possono perdere informazioni relative al contesto qualora riescano a vedere solo una parte della pagina, ad esempio perché accedono alla pagina stessa leggendo una parola (oppure una sezione) per volta. E evidente quindi che senza l aggiunta di informazioni di contesto che favoriscano l'orientamento nel contenuto possono non essere affatto comprensibili per alcune categorie di utenti. Le norme stabilite dal WAI si articolano su tre livelli di priorità, di importanza crescente, che identificano tre livelli di gravità nei problemi relativi all'accessibilità dei siti, e di conseguenza tre diversi livelli di adesione alle norme. Priorità 1. Norme che devono essere rispettate da tutti, pena l'impossibilità per alcuni gruppi di utenti di accedere alle informazioni. I siti conformi a tutti i punti di controllo della priorità 1 ottengono il livello di conformità A. Priorità 2. Norme che dovrebbero essere soddisfatte, pena una difficoltà di accesso ad alcune informazioni da parte di uno o più

13 13 gruppi di utenti. I siti conformi a tutti i punti di controllo delle priorità 1 e 2 ottengono il livello di conformità AA. Priorità 3. Norme che potrebbero essere soddisfatte, con l'obiettivo di rendere ancora migliore l'accesso a uno o più gruppi di utenti. I siti conformi a tutti i punti di controllo delle priorità 1, 2 e 3 ottengono il livello di conformità AAA. Il termine che indica la buona organizzazione dei contenuti e della navigazione di un sito è usabilità. Tale concetto si basa sull'osservazione diretta del comportamento dell utente alle prese con un sito e su alcune norme fondamentali. Gli elementi di base per la definizione di usabilità sono la possibilità di rendere e comprensibili tutti quegli strumenti che consentono all'utente di capire immediatamente dove si trova; qual è stato il percorso che lo ha portato in quella pagina e come è possibile ritornare alle pagine precedenti; la presentazione chiara del nome del sito, delle sezioni e dei percorsi; la coerenza cromatica delle sezioni senza cambi di grafica improvvisi. 2 Un codice sporco (una scrittura confusa, una struttura ripetitiva e percorsi di navigazione poco chiari) rende prima di tutto un sito poco 2 La linea guida 12, ad esempio, invita a fornire informazioni per la contestualizzazione e l'orientamento, così da aiutare gli utenti a comprendere pagine o elementi complessi. Allo stesso modo, ai fini dell accessibilità è considerato fondamentale fornire all utente dei meccanismi di navigazione chiari e coerenti (barre di navigazione, una mappa del sito ecc.) così da aumentare le probabilità che una persona trovi quello che sta cercando (linea guida 13).

14 14 usabile e, in secondo luogo, inaccessibile. 3 Anche l'uso di un linguaggio chiaro e semplice è imposto dalla linea guida 14, che recita proprio: Assicurarsi che i documenti siano chiari e semplici. L'accesso all'informazione scritta può essere, infatti, difficile per persone con disabilità cognitive o dell'apprendimento e, in genere, un testo confuso non aiuta nessuno. L'uso di un linguaggio chiaro e semplice giova anche alle persone la cui madrelingua è diversa da quella in cui è scritto il sito, comprese le persone che comunicano essenzialmente con il linguaggio dei segni. In Italia a portare all attenzione della Pubblica Amministrazione il problema dell accessibilità è stata la Circolare Bassanini n. 3/2001 del 13 marzo, "Linee guida per l'organizzazione, l'usabilità e l'accessibilità dei siti web delle pubbliche amministrazioni"; essa invitava ufficialmente tutti gli enti di Pubblica Amministrazione e Pubblica Utilità a integrare e conformare i propri siti internet e servizi on-line allo standard sancito dalle linee guida WAI. Il 6 Settembre 2001 viene quindi resa pubblica la circolare Cr/32dell AIPA (l Autorità per l Informatica nella Pubblica Amministrazione) che descrive nei dettagli gli strumenti e i metodi per migliorare l accessibilità dei siti web. 3 P. Bertini, M. Trevisan, E-banking: quando il servizio non è accessibile. Milano, 2002.

15 15 L adesione a questo documento ed al precedente è però volontaria. Il 16 dicembre 2002 è stata presentata la proposta di legge Campa-Palmieri secondo cui i siti web della pubblica amministrazione italiana devono essere accessibili. In altre parole devono essere disegnati in modo da assicurare una buona consultazione anche a cittadini diversamente abili seguendo le linee guida definite a livello internazionale dal Consorzio mondiale del Web (W3C). Inoltre, secondo il testo, un sito accessibile per definirsi tale deve poter essere visitato da qualsiasi utente indipendentemente dal computer, dalla velocità del collegamento, dal browser, dall interfaccia utente, dalle periferiche alternative utilizzati. Ma sembra che oramai i tempi siano in qualche modo maturi per arrivare a breve alla definizione di un adeguato apparato legislativo che dia impulso allo sviluppo di una effettiva cultura dell accessibilità infatti il 4 aprile 2003 il Consiglio dei Ministri vara il disegno di legge presentato dal Ministro per l Innovazione e le Tecnologie, Lucio Stanca, per abbattere le barriere virtuali che i disabili incontrano nell accesso agli strumenti informatici. 4 Nel testo si afferma che il Dipartimento per l Innovazione e le Tecnologie del Ministero del Consiglio valuta, su richiesta dei privati, l accessibilità dei loro siti internet o del materiale informatico da loro prodotto o distribuito. 4 Diodati, Accessibilità. Guida completa, Milano 2007.

16 16

17 17 CAPITOLO I 1.1 DEFINIZIONE DI IPOVEDENTE E NON VEDENTE Prima di iniziare a trattare il percorso che condurrà all analisi dell accessibilità del web per i disabili della vista è opportuno fare un approfondimento su cosa siano queste disabilità e cosa comporti essere un ipovedente o un non vedente. Le persone con deficit visivo sono generalmente affette da una menomazione agli organi e alle strutture anatomiche riguardanti la vista, o interessate da un alterazione delle funzioni collegate a questo senso. Le menomazioni delle funzioni e delle strutture corporee, le limitazioni delle attività e le restrizioni alla partecipazione sono gli elementi descrittivi della Classificazione ICF (Classificazione del funzionamento della Disabilità e della Salute), che è lo strumento ufficiale dell Organizzazione Mondiale della Sanità (da qui O.M.S.) per descrivere e misurare la salute e la disabilità delle popolazioni. L ICF è il risultato di 7 anni di un lavoro svoltosi in 65 Paesi, pubblicato nella sua prima versione nel 2001 in seguito alla revisione della vecchia classificazione ICIDH del Recentemente l OMS ha pubblicato la prima classificazione del funzionamento della disabilità e della Salute

18 18 (ICF-CY ICF version for Children and Youth) applicabile a bambini e adolescenti. 5 Come punto di partenza, è importante tenere presenti almeno tre diversi aspetti della situazione di minorazione visiva, affinché sia possibile iniziare ad orientarsi. Dimensione percettiva: Indica la quantità e, specialmente, la qualità delle informazioni visive disponibili per la persona. Saranno, quindi, presi in considerazione fattori riguardanti la cecità rispetto all ipovisione. Dimensione temporale: Indica la storia clinica della minorazione visiva, il periodo in cui è insorta e si è modificata, la prognosi eventualmente possibile sull evoluzione futura. La variabile concerne la natura primaria della minorazione rispetto a quella acquisita. Dimensione del funzionamento globale: indica la correlazione con altri fattori di salute e sviluppo, che possono condizionare le capacità di una persona, specialmente se altri deficit vanno ad intaccare proprio le risorse utili all organismo per compensare la minorazione visiva. La legge n.138/2001 classifica le persone con problemi visivi in: Ipovedenti: lievi, medi, medio-gravi e gravi; 5 M.L. Gargiullo, V. Dadone, Crescere Toccando. Aiutare il bambino con deficit visivo attraverso il gioco sonoro. Uno strumento per educatori e terapisti, Milano 2009, p.17

19 19 Ciechi: parziali o totali, a seconda del campo visivo e dell acuità della vista. Esistono tuttavia molti altri fattori, che concorrono a determinare le numerose situazioni di ipovisione. 6 Le persone ipovedenti, sebbene siano in grado di utilizzare alcune informazioni visive, possono avere differenti carenze nelle loro funzione visiva: ciò determina sia una qualità delle immagini visive sia una capacità di utilizzare la vista che varia da persona a persona. Ci possono essere problemi nel riconoscere i colori, le sfumature intermedie tra chiaro e scuro, le forme, le distanze, problemi a vedere immagini poste in una determinata area del campo visivo o più di una di queste limitazioni messe insieme e con differenti livelli di gravità. Si intuisce quindi che, mentre è abbastanza comprensibile sul piano percettivo che cosa si intenda per cieco, non è possibile a priori stabilire quale sia la condizione visiva di una singola persona ipovedente. Secondo l OMS un soggetto è cieco quando l'acuità visiva corretta nell'occhio migliore è inferiore a 1/20, mentre è considerato ipovedente quando essa è compresa tra 3/10 e 1/20. Sono state definite cinque categorie (International Classification of 6 Lo strumento che descrive specificamente la qualità e quantità delle informazioni visive a disposizione di una persona si chiama diagnosi funzionale visiva. Questa non deve essere confusa con la diagnosi clinica, che è la descrizione delle patologie che sono causa della minorazione.

20 20 Diseases - 9 th revision). La prima e la seconda riguardano l ipovedente: 1 cat. = visus 3/10-1/10; 2 cat. = visus 1/10-1/20. Le altre tre categorie riguardano, invece, il soggetto cieco: 3 cat. = visus 1/20-1/100 ; 4 cat. = visus 1/100-P.L. ; 5 cat. = visus spento. In Italia il concetto legale di cecità-ipovisione è stato ridefinito con la legge 3 aprile 2001, n. 138: Classificazione e quantificazione delle minorazioni visive e norme in materia di accertamenti oculistici. Le innovazioni introdotte da questa legge, promossa e ottenuta dall Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-sezione italiana e dall Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, sono state a lungo auspicate da tutti gli addetti ai lavori e da tutti i portatori di deficit visivo. Suo merito principale è quello di prendere in esame, per la valutazione del danno, non solo lo stato della visione centrale ma anche lo stato della visione periferica (il campo visivo). La precedente legge (n. 382/70) quantificava la menomazione visiva sulla base di un solo parametro (il visus); succedeva così che un paziente, affetto da retinite pigmentosa 7 o 7 Si tratta di una patologia oculare che appartiene a un gruppo di malattie ereditarie caratterizzate da una degenerazione progressiva della retina, che provoca nel tempo la perdita della visione notturna e

21 21 da glaucoma 8 in fase avanzata (con un campo visivo ridotto a meno di 5-10 gradi), non fosse nemmeno riconosciuto ipovedente. I dati o, meglio, le stime parlano chiaro: secondo le valutazioni dell'oms i ciechi nel mondo erano, nel 1972, poco di più di 10 milioni; nel 1990, 38 milioni e nel Attualmente 9 si stima che siano circa 40 milioni, mentre gli ipovedenti sono 245 milioni. Tra i fattori che causano cecità e ipovisione ci sono il forte incremento demografico e le scarse risorse sanitarie nei Paesi in via di sviluppo (dove si stima che vivano 9 ciechi o ipovedenti su 10) e l allungamento della vita media nei Paesi industrializzati con il conseguente aumento delle patologie, che causano un abbassamento della vista, legate all età. In Italia i dati non sono meno preoccupanti. Secondo le stime Istat 10 sono 362mila le persone prive della vista; inoltre, si calcola che gli ipovedenti siano circa un milione e mezzo. 11 del campo visivo periferico. In molti casi vi è una perdita dellʹacutezza visiva, che può condurre allʹipovisione e progredire fino alla cecità. Può insorgere dopo lʹadolescenza e si manifesta con un progressivo restringimento del campo visivo. 8 Il glaucoma è causato da un progressivo danneggiamento del nervo ottico, di solito derivante da unʹanormale pressione allʹinterno dellʹocchio. Progredisce lentamente e non presenta sintomi evidenti nei primi stadi. È frequente una diminuzione del campo visivo che allʹinizio non è in genere avvertita dai pazienti. Esami oculistici di routine e test specifici del campo visivo sono la chiave per diagnosticare sin dallʹinizio un glaucoma. In fase avanzata, il danno al nervo ottico causa unʹirreparabile perdita di visione periferica con pesante riduzione del campo visivo (visione tubolare, o a cannocchiale) e in casi estremi può portare alla cecità. 9 Dati OMS S. Minchiotti, L importanza della prevenzione visiva nei bambini: la prospettiva dell OMS, atti della Giornata Mondiale della vista 14 ottobre 2010, Roma 2010

22 22 Secondo le leggi del 27 maggio 1970 n 382 e 138/2001 sono considerati Ciechi Civili, ai fini del diritto alle provvidenze economiche previste dalla legge, coloro che in sede di visita medica presso la competente commissione sanitaria siano stati riconosciuti: Ciechi Assoluti - LEGGE 382/70: coloro che hanno un residuo visivo 00 in entrambi gli occhi, con eventuale correzione, ovvero coloro che hanno la totale mancanza della vista o la mera percezione dell'ombra o della luce. Ciechi Totali - LEGGE 138/2001: a) coloro che sono colpiti da totale mancanza della vista in entrambi gli occhi; b) coloro che hanno la mera percezione dell'ombra e della luce o del moto della mano in entrambi gli o nell'occhio migliore; c) coloro il cui residuo perimetrico binoculare è inferiore al 3%. Ciechi Parziali (o ventesimisti) - LEGGE 382/70: coloro che hanno un residuo visivo non superiore ad 1/20 in entrambi gli occhi con eventuale correzione. Ciechi Parziali - LEGGE 138/2001: a) coloro che hanno un residuo visivo non superiore a 1/20 in entrambi gli occhi o nell'occhio migliore, anche con eventuale correzione; b) coloro il cui residuo perimetrico binoculare è inferiore al 10 %. Ciechi Decimisti

23 23 coloro che hanno un residuo visivo non superiore ad 1/10 in entrambi gli occhi, sempre con eventuale correzione ottica. La definizione data dalla legge, soprattutto nell ottica della previdenza sociale ha compiuto degli enormi progressi nella comprensione e individuazione dei molteplici aspetti legati ai deficit visivi. 1.2 STORIA DELL EDUCAZIONE DEL NON VEDENTE L ANTICHITÀ ALL ETÀ DEI LUMI La cecità ha esercitato, fin dall antichità, un fascino misto a pietà e terrore; i ciechi erano isolati dalla società o ascoltati come oracoli ma sempre al di fuori dalla comunità. L esempio più eclatante fu il grande poeta cieco Omero con le sue grandi opere l Iliade e l Odissea, ed è in quest ultima che Ulisse incontra Tiresia il grande indovino cieco che gli consente il tramite con l Aldilà. Esistono molte versioni del mito di Tiresia e dell origine della sua cecità: punito da Era, perché aveva sostenuto Giove in una controversia, o da Pallade poiché l aveva vista nuda durante un bagno; comunque costante nei miti è la concezione della cecità come punizione, magari ricompensata con la profezia ma pur sempre condanna. Nel Vangelo di Giovanni 12 è narrato l episodio del miracolo della guarigione del cieco, che rivoluziona l antica visione del non vedente come punito per peccati suoi o dei suoi avi. 12 Gv 9,1-41

24 24 Passando vide un uomo cieco dalla nascita e i suoi discepoli lo interrogarono: "Rabbì, chi ha peccato, lui o i suoi genitori, perché egli nascesse cieco?". Rispose Gesù: "Né lui ha peccato né i suoi genitori, ma è così perché si manifestassero in lui le opere di Dio. Dobbiamo compiere le opere di colui che mi ha mandato finché è giorno; poi viene la notte, quando nessuno può più operare. Finché sono nel mondo, sono la luce del mondo". Detto questo sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò il fango sugli occhi del cieco e gli disse: "Và a lavarti nella piscina di Sìloe (che significa Inviato)". Quegli andò, si lavò e tornò che ci vedeva. Il miracolo di Cristo stravolge la tradizione rabbinica che collegava la malattia e la sofferenza alla punizione per il peccato. Tuttavia per secoli ancora, nonostante le parole di Gesù, il cieco rimase il simbolo della diversità; la cecità rappresenta una prova terribile a cui Dio sottopone l'uomo per fare espiare i peccati e si propone agli altri come specchio e monito M. Gecchele, Per una storia dell educazione dei ciechi, dispense Master E.E.D.S. Verona 2011.

25 25 Il cieco diventa, per i cristiani, il fratello da aiutare con pie opere ed elemosine e già dal secolo decimo quarto si hanno importanti testimonianze di opere d asilo e assistenza ai non vedenti. Nel 1377 si ha la fondazione della Fraglia di Santa Maria dei ciechi a Padova, nel cui statuto si legge come l elemosina fosse considerata una pratica decorosa, ricompensata dalle preghiere per la salvezza dell anima dei benefattori. L assistenza ai disabili era a carico o delle famiglie o dei monasteri, per lo più legati alla regola benedettina. Sull assistenza ai cavalieri tornati ciechi dalle battaglie, si ha testimonianza con la fondazione del Quinte-Vingt nel 1265 per volontà di sua maestà re di Francia Luigi IX. È importante, comunque, sottolineare come la principale missione fosse quella di asilo non di fondazione di luoghi d educazione. L opinione comune era infatti che l apprendimento, così fortemente legato al mondo visuale, fosse del tutto preclusa ai non vedenti e che quindi l unica forma di sussistenza fosse quella di mendicare. L'egemonia della vista, nell'attività pratica e percettiva, ha fatto ritenere la cecità una delle più grandi sventure; e ogni manifestazione di capacità dei ciechi desta sorpresa, suscitando l'ipotesi di eccezionali compensi. In verità i compensi, che in ogni caso sono scarsi, si conseguono solo con

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata 1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata di Michele Diodati michele@diodati.org http://www.diodati.org Cosa significa accessibile 2 di 19 Content is accessible when it may be used by someone with

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione

CONCETTI GENERALI. Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Tecnologie per l autonomia e la partecipazione delle persone con disabilità corso di alta formazione Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS-IRCCS Centro S. Maria Nascente Milano 5 febbraio 2014 Organizzazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv di Blindsight Project (Onlus per Disabili Sensoriali www.blindsight.eu) INTRODUZIONE Le Linee Guida per l audiodescrizione filmica di Blindsight Project,

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

TECNOLOGIA LCD e CRT:

TECNOLOGIA LCD e CRT: TECNOLOGIA LCD e CRT: Domande più Frequenti FAQ_Screen Technology_ita.doc Page 1 / 6 MARPOSS, il logo Marposs ed i nomi dei prodotti Marposs indicati o rappresentati in questa pubblicazione sono marchi

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2011 Progetto Istanze On Line 21 febbraio 2011 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 PROGETTO ISTANZE ON LINE... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

Attività 9. La città fangosa Minimal Spanning Trees

Attività 9. La città fangosa Minimal Spanning Trees Attività 9 La città fangosa Minimal Spanning Trees Sommario la nostra società ha molti collegamenti in rete: la rete telefonica, la rete energetica, la rete stradale. Per una rete in particolare, ci sono

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano AMICO CI SENTO Manuale di istruzioni - Italiano 1. Per iniziare 1.1 Batteria 1.1.1 Installare la batteria Rimuovere il coperchio della batteria. Allineare i contatti dorati della batteria con i relativi

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Le interfacce aptiche per i beni culturali

Le interfacce aptiche per i beni culturali Le interfacce aptiche per i beni culturali Massimo Bergamasco 1, Carlo Alberto Avizzano 1, Fiammetta Ghedini 1, Marcello Carrozzino 1,2 1PERCRO Scuola Superiore Sant Anna, Pisa 2IMT Institude for Advanced

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW

Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW Hugo Hansen L'autore L'autore Hugo Hansen vive appena fuori dalla splendida città di Copenhagen. Esperto professionista nell'ambito del design grafico,

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Indice. Introduzione...4. Capitolo 1...8. Capitolo 2... 19

Indice. Introduzione...4. Capitolo 1...8. Capitolo 2... 19 Indice Introduzione...4 Capitolo 1...8 La rivoluzione digitale può essere davvero per tutti?...8 Tecnologia e disabilità: le opportunità...9 Tecnologie diverse per soluzioni diverse...10 Tecnologia e disabilità:

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

Come difendersi dai VIRUS

Come difendersi dai VIRUS Come difendersi dai VIRUS DEFINIZIONE Un virus è un programma, cioè una serie di istruzioni, scritte in un linguaggio di programmazione, in passato era di solito di basso livello*, mentre con l'avvento

Dettagli

DALLA TEORIA ALLA PRATICA

DALLA TEORIA ALLA PRATICA DALLA TEORIA ALLA PRATICA Comunicare a distanza: il telefono a filo La prima esperienza di telecomunicazione (dal greco tele = distante) si realizza con due piccoli contenitori di plastica, cartone o metallo,

Dettagli

La Valutazione Euristica

La Valutazione Euristica 1/38 E un metodo ispettivo di tipo discount effettuato da esperti di usabilità. Consiste nel valutare se una serie di principi di buona progettazione sono stati applicati correttamente. Si basa sull uso

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

REGEL - Registro Docenti

REGEL - Registro Docenti REGEL - Registro Docenti INFORMAZIONI GENERALI Con il Registro Docenti online vengono compiute dai Docenti tutte le operazioni di registrazione delle attività quotidiane, le medesime che si eseguono sul

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Telefono Sirio lassico

Telefono Sirio lassico GUIDA USO Telefono Sirio lassico 46755H Aprile 2013 3 Indice INTRODUZIONE...1 CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI...1 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE...1 INSTALLAZIONE...2 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO...3

Dettagli

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1 Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5 9356197 Edizione 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA CORPORATION, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto SU-5 è conforme alle

Dettagli

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Introduzione: In questo documento troverete tutte le informazioni utili per mappare correttamente con il software ECM Titanium, partendo dalla lettura del

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Giocare é comunicare.

Giocare é comunicare. Giocare é comunicare. Presentazione del progetto ADIO, AdioScan (realizzazione e copyright CID, Centro Informatica Disabilità cp 61 CH 6903 Lugano (Svizzera)). Gabriele Scascighini, direttore del Centro

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC Barra di Formattazione Barra Standard Barra del Menu Intestazione di colonna Barra di Calcolo Contenuto della cella attiva Indirizzo della cella attiva Cella attiva Intestazione

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

Gli anziani e Internet

Gli anziani e Internet Hans Rudolf Schelling Alexander Seifert Gli anziani e Internet Motivi del (mancato) utilizzo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) da parte delle persone sopra i 65 anni in Svizzera

Dettagli

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL Inserire una funzione dalla barra dei menu Clicca sulla scheda "Formule" e clicca su "Fx" (Inserisci Funzione). Dalla finestra di dialogo "Inserisci Funzione" clicca sulla categoria

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 Dal Vangelo secondo Giovanni 9, 1.6-9.13-17.34-38 In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita. Sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili

Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili 2012 NETGEAR, Inc. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte della presente pubblicazione può essere riprodotta, trasmessa, trascritta,

Dettagli

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1 Manuale dell'utente Registrazione del prodotto Se si registra il prodotto SMART, si verrà informati delle nuove funzionalità e aggiornamenti software disponibili. Registrazione

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli