di Francesco Arecco Produzione e logistica >> Normativa ambientale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "di Francesco Arecco Produzione e logistica >> Normativa ambientale www.intesasanpaoloimprese.com"

Transcript

1 RIDUZIONE DEI CONSUMI ENERGETICI, FINANZIAMENTO DEGLI INTERVENTI: LE AZIENDE SCOPRONO LE ENERGY SERVICE COMPANIES di Francesco Arecco Produzione e logistica >> Normativa ambientale

2 Sommario Le ESCo, un fenomeno in continua crescita...3 La recente storia delle ESCo...3 Le ESCo in Italia...4 La disciplina europea e italiana in materia di risparmio energetico...6 I due D.M. 20 luglio 2004 e il sistema dei TEE...6 Il ruolo delle ESCo nel sistema dei TEE Progetti realizzati e prospettive Glossario Pagina 2 di 17

3 LE ESCO, UN FENOMENO IN CONTINUA CRESCITA ESCo è acronimo di Energy Service Company, ovvero Società di Servizi Energetici. Si tratta di un organismo che fornisce ai propri clienti servizi finalizzati a ottenere la massima efficienza nell utilizzo dell energia. Gli interventi sono diretti alla razionalizzazione del sistema di uso e di generazione locale dell energia, con lo scopo di ridurre i consumi e rendere più efficiente l uso dell'energia. La ESCo scommette sul conseguimento dei risultati di riduzione dei consumi previsti e ottiene il proprio guadagno sulla base degli obiettivi raggiunti. Inoltre si occupa anche dell eventuale finanziamento degli interventi e del recupero dell investimento effettuato per mezzo dei risparmi conseguiti. I tipici clienti delle ESCo sono aziende con presenza di sprechi o comunque elevati consumi energetici, spesso dovuti ad impianti obsoleti o a scarsa capacità gestionale. Spesso è necessario che la ESCo intervenga finanziariamente onde supportare l utente che non possieda i capitali per gli interventi necessari alla riqualificazione energetica, oltre che le capacità tecniche per portarli a compimento. Altro caso tipico è quello dell impresa di dimensioni troppo piccole, in cui le risorse umane sono interamente occupate nella mission aziendale. Le ESCo riuniscono un panorama eterogeneo di realtà: società impiantistiche, società di gestione e manutenzione di impianti, utilities e fornitori di combustibili o energia elettrica, fornitori di apparecchiature, agenzie energetiche pubbliche o a capitale misto pubblico/privato (spesso società costituite ad hoc da loro consorzi per realizzare l impresa proposta da un promotore o dallo stesso cliente). Esiste però un minimo comune denominatore costituito dal: possesso di capacità di analisi energetica, abilità alla progettazione meccanica ed elettrica, capacità di organizzazione e conduzione di un progetto, capacità finanziaria. LA RECENTE STORIA DELLE ESCO Le ESCo nascono negli Stati Uniti a cavallo fra gli anni settanta e ottanta per rispondere alla crescente richiesta di risparmio, in termini energetici e di risorse, sul fronte pubblico e privato, in un periodo fortemente inflattivo e di crisi energetica connessa all indisponibilità di petrolio. Le condizioni per questo nuovo business furono poste dalla crisi petrolifera del 1973 dovuta alla guerra del Kippur (e al conseguente blocco delle esportazioni petrolifere arabe verso l occidente) e dalla rivoluzione iraniana del 1979, che causarono l impennata dei prezzi dell energia sino ai massimi storici (34 dollari al barile nel 1979). In tale contesto la ricerca di azioni volte al risparmio energetico divenne prioritaria, tanto da giustificare il sorgere di strutture dedicate a contenere i consumi dei propri utenti. In un primo momento le ESCo sorsero come: divisioni specializzate di società produttrici di sistemi di controllo e regolazione energetica; divisioni specializzate appartenenti alle grandi società produttrici e fornitrici di energia; società di consulenza energetica desiderose di implementare direttamente le soluzioni tecnologiche ed operative da loro stesse sviluppate. Pagina 3 di 17

4 Con l aumentare delle prospettive di mercato, hanno iniziato a costituirsi come vere e proprie società indipendenti. Recentemente, gli Stati Uniti hanno dato nuovo impulso alle ESCo, grazie alla liberalizzazione dei mercati energetici e al sostenuto tasso di crescita dei consumi. Infatti, a seguito della liberalizzazione molte utilities hanno drasticamente ridotto i propri investimenti, causando un crescente deficit infrastrutturale. Inoltre l offerta di energia, diminuita in alcune zone a bassa intensità produttiva, anche in connessione allo scandalo Enron è diventata strutturale sino a causare i preoccupanti blackout californiani. In tale situazione è facile comprendere come le ESCo abbiano avuto ampie possibilità di estendere i propri mercati. Dopo 30 anni di crescente attività negli Stati Uniti, il mercato dei servizi energetici sta prendendo forma anche in Europa, grazie al sostegno dell Unione Europea che, attraverso i vari programmi di supporto (Thermie, SAVE, ALTENER, Energie etc.), sta svolgendo un ruolo determinante per la promozione di questo strumento di risparmio energetico. LE ESCO IN ITALIA Per quanto riguarda l Italia, dove attualmente non esiste una definizione legislativa di ESCo, la nascita delle prime realtà si registra attorno agli anni 80, ad opera soprattutto dei fornitori di combustibili liquidi, che cominciarono a offrire il c.d. Servizio Calore. Si trattava di un contratto modellato sulle esigenze del particolare settore della Pubblica Amministrazione costituito dalle strutture ospedaliere. Lo schema base comprendeva interventi di miglioramento tecnologico, Finanziamento Tramite Terzi (FTT) dei costi di intervento, gestione operativa pluriennale e pagamento in contratti con canoni forfetari omnicomprensivi 1. Alcuni esempi sono i contratti di Servizio Calore degli ospedali di Sesto San Giovanni, Suzzara, Sestri Levante. Inoltre, con il Finanziamento Tramite Terzi, si consentiva alla Pubblica Amministrazione di evitare di attivare procedure spesso troppo complesse per reperire i fondi necessari alla realizzazione delle opere di adeguamento e miglioramento tecnologico. Le società che fornivano il Servizio Calore nel 1984 si sono associate in Assocalor, allo scopo di migliorare i servizi offerti e predisporre forme contrattuali appropriate per l applicazione del FTT. L evoluzione del Servizio Calore è giunta negli anni 90, con l istituzione del Servizio Energia. Questa tipologia contrattuale è sorta in relazione alla nascita di una disciplina italiana sul risparmio energetico (Legge n. 10/1991, D.P.R. n. 412/1993) ed ha avuto il beneficio di godere della riduzione dell aliquota IVA (D.P.R. n. 551/1999, Circolari del Ministero delle Finanze per l applicazione dell IVA ridotta). Nel 1999 l Assocalor cambia nome in Agesi ( Associazione dei Gestori di Servizi Integrati ), e volgendo la propria attenzione soprattutto ai contratti di Global Service (GS). Tale forma contrattuale si basa sul meccanismo del recupero degli investimenti del fornitore tramite interventi di risparmio energetico e razionalizzazione del sistema (mediante anche il meccanismo del Finanziamento Tramite Terzi). Il panorama delle società di gestione è cambiato in seguito all affermarsi dei contratti GS, caratterizzati da alto valore economico, durata pluriennale e offerta di diversi servizi tecnologici. Le imprese hanno cambiato il loro assetto societario e in Italia si sono introdotte sul mercato diverse multinazionali operanti nel settore. 1 Il FTT è già stato oggetto della Direttiva 93/76/CEE, poi della Direttiva 2006/32/CE, e dell Azione Prioritaria n. 5 dell Action Plan for Energy Efficiency predisposto dalla Commissione Europea in data 19 ottobre Pagina 4 di 17

5 Ulteriore slancio alla sensibilizzazione in materia di risparmio energetico è giunto dal programma europeo GreenLight, per la promozione dell efficienza nei sistemi di illuminazione pubblica e degli edifici, avviato tra il 1999 ed il I servizi offerti I servizi che le ESCo italiane offrono si possono a grandi linee sintetizzare nei seguenti: diagnosi dei consumi e individuazione dei possibili interventi; analisi dei contratti di fornitura di energia e eventuale aiuto nella rinegoziazione; messa a norma degli impianti; progettazione di nuovi impianti o parti di impianto; messa in opera degli interventi necessari: acquisto, installazione, avviamento e collaudo; reperimento delle risorse finanziarie; recupero dell investimento tramite i risparmi energetici conseguiti; controllo sulla vita dell impianto: reperimento di combustibili e energia elettrica, manutenzione ordinaria e straordinaria. Gli impianti su cui generalmente l attività delle ESCo viene espletata sono quelli di: generazione e distribuzione di calore, cogenerazione di elettricità e di calore, condizionamento, illuminazione stradale e di edifici, sistemi di razionalizzazione dei consumi nell industria (principalmente aria compressa e vapore), sistemi di regolazione, automazione e telegestione. Le ESPC: differenze dalle ESCo Esiste una tipologia di società avvicinabile alle ESCo, ma da esse lievemente differenziata, le Energy Service Provider Companies (ESPC), imprese operanti nella fornitura di servizi energetici avanzati per gli utilizzatori finali. I loro servizi riguardano la fornitura e l installazione di impianti ed apparecchiature energeticamente efficienti, il rinnovo e il miglioramento di edifici o strutture industriali, la gestione e la manutenzione degli impianti, la gestione delle strutture, la fornitura di energia. La differenza con le ESCo consiste nella capacità finanziaria: l ESPC non si assume alcun rischio in merito al risultato degli interventi realizzati e non garantisce in caso di prestazioni energetiche inferiori alla stima. Le ESCo, di contro, pur offrendo i medesimi servizi, assumono oneri molto più impegnativi, occupandosi del finanziamento (diretto o indiretto), seguendo il progetto in tutte le sue fasi di vita, garantendo il risparmio energetico o gli obiettivi di approvvigionamento a minor costo e accettando una remunerazione direttamente proporzionale al risparmio di energia ottenuto. Pagina 5 di 17

6 LA DISCIPLINA EUROPEA E ITALIANA IN MATERIA DI RISPARMIO ENERGETICO La crescente attenzione riservata alle tematiche ambientali e la sempre più forte dipendenza energetica dai Paesi esportatori di petrolio e gas dall altro, hanno portato in primo piano il miglioramento dell efficienza energetica negli usi finali, il c.d. risparmio energetico. In tale quadro si inseriscono gli interventi previsti dall articolo 9, comma 1, del D.Lgs. n. 79/1999 (c.d. decreto Bersani) e dall articolo 16, comma 4, del D.Lgs. n. 164/2000, che prevedono, rispettivamente: che gli obblighi connessi al servizio di distribuzione dell energia elettrica includano quello di perseguire l incremento dell efficienza energetica negli usi finali; che gli obblighi connessi al servizio di distribuzione del gas naturale includano quello di perseguire l efficienza energetica e lo sviluppo delle fonti rinnovabili, secondo obiettivi quantitativi e modalità da definirsi in successivi Decreti Ministeriali. Una prima attuazione è stata fornita con i D.M. 24 aprile 2001 del Ministero dell Industria, del Commercio e dell Agricoltura e del Ministero dell Ambiente (decreti ministeriali elettrico e gas 24 aprile ). I D.M. 24 aprile 2001: individuavano gli obiettivi quantitativi di cui ai D.Lgs. n. 79/1999 e n. 164/2000 per il quinquennio ; definivano le modalità mediante le quali i distributori soggetti agli obblighi di risparmio energetico potessero adempiere a tali obblighi; introducevano il mercato di titoli di efficienza energetica, affidando all Autorità per l Energia Elettrica e il Gas (AEEG) il compito di definire la regolazione e di gestirne il meccanismo 3. Successivamente, è stato attivato il processo per la loro revisione, che ha coinvolto: la Conferenza Unificata Stato, Regioni; le Province; le Autonomie Locali I DUE D.M. 20 LUGLIO 2004 E IL SISTEMA DEI TEE Tale processo di revisione si è concluso con la pubblicazione dei nuovi Decreti ministeriali 20 luglio 2004 recanti, Nuova individuazione degli obiettivi quantitativi per l incremento dell efficienza energetica negli usi finali di energia, ai sensi dell art. 9, comma 1, del decreto legislativo 16 marzo 1999, n e Nuova individuazione degli obiettivi quantitativi nazionali per il risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili, di cui all art. 16, comma 4, del decreto legislativo 23 maggio 2000, n che prevedono: 2 Recanti Individuazione degli obiettivi quantitativi per l incremento dell efficienza energetica negli usi finali ai sensi dell articolo 9, comma 1, del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79 e Individuazione degli obiettivi quantitativi nazionali di risparmio energetico e sviluppo delle fonti rinnovabili di cui all articolo 16, comma 4, del decreto legislativo 23 maggio 2000, n Gli scopi di tale meccanismo sono la riduzione delle emissioni di gas serra (anche al fine del rispetto dei limiti imposti dal protocollo di Kyoto) e dell inquinamento derivanti dalla produzione e dal consumo di energia, la riduzione della spesa energetica per gli utenti finali, la riduzione della dipendenza energetica dall'estero, un maggior controllo dei picchi di domanda elettrica (con la possibilità di ridurre il rischio di blackout). 4 Decreto ministeriale per il settore elettrico. 5 Decreto ministeriale per il settore gas naturale. Pagina 6 di 17

7 l abrogazione e sostituzione dei D.M. 24 aprile 2001, confermandone ampliamente l impostazione e facendo salvi i procedimenti avviati dall AEEG, quelli in corso e quelli emanati in attuazione dei decreti 24 aprile 2001; il posticipo della data di avvio del meccanismo e degli obblighi in esso contenuti al 1 gennaio 2005; la rimodulazione degli obiettivi di risparmio energetico da ottenersi nel quinquennio di applicazione; la previsione di un programma di iniziative di accompagnamento (campagne informative e diagnosi energetiche) gestito dal Ministero delle attività produttive e dal Ministero dell ambiente e della tutela del territorio; la revisione del meccanismo sanzionatorio previsto in caso di inadempienza agli obblighi; l introduzione di alcune specifiche relative agli interventi di risparmio energetico ammissibili ai fini del conseguimento degli obiettivi e alla possibilità di erogare un contributo tariffario per la copertura dei costi sostenuti dai distributori per il conseguimento degli obiettivi 6 ; l introduzione di specifiche relative al ruolo delle Regioni e delle Province autonome in materia di determinazione di obiettivi di risparmi energetico e relative modalità di raggiungimento. I D.M. 20 luglio 2004 determinano obiettivi quantitativi nazionali di miglioramento dell efficienza energetica per il quinquennio , espressi in unità di energia primaria (tonnellate equivalenti di petrolio, tep) e definiti su base annuale (tab.1). Tabella 1 - Obiettivi quantitativi nazionali Anno Decreto elettrico 0,1 0,2 0,4 0,8 1,6 Decreto gas 0,1 0,2 0,4 0,7 1,3 Per una rappresentazione grafica degli ambiziosi obiettivi, per il settore elettrico, si veda la figura 1. I soggetti obbligati a tali obiettivi nazionali annuali di risparmio di energia primaria sono i distributori di energia elettrica e di gas che, al 31 dicembre 2001, servivano almeno clienti finali (almeno fino all emanazione di successivi decreti ministeriali (che dovevano essere predisposti entro la fine del 2005), che stabiliranno le modalità di applicazione degli obblighi ai distributori sotto tale soglia. Si tratta di 30 operatori, che coprono circa l 80% del mercato italiano. 6 Infatti, ai sensi dell art. 9 dei due decreti 20 luglio 2004, il distributore può parzialmente recuperare i costi sostenuti per la realizzazione di progetti di efficienza energetica, limitatamente a quei costi che non siano già coperti con altre risorse, attraverso un aumento delle tariffe di distribuzione e trasporto. Tale contributo tariffario è stabilito dall AEEG e da essa corrisposto per ogni TEE restituito (delibera AEEG n. 219/2004). È importante notare che il contributo tariffario viene erogato solamente a fronte della restituzione di titoli di tipologia I e II. Pagina 7 di 17

8 Figura 1- Gli obiettivi di riduzione dei consumi nel settore elettrico. La ripartizione dell obbligo avviene sulla base del rapporto tra la quantità di energia elettrica/gas naturale distribuita dal singolo distributore e quella complessivamente distribuita sull intero territorio nazionale, entrambe riferite all anno precedente ultimo trascorso (per il riparto fra i vari operatori, si vedano le figg. 2 e 3). Figura 2 - Riparto dell obbligo di riduzione dei consumi fra gli operatori del settore elettrico Pagina 8 di 17

9 Figura 3 - Riparto dell obbligo di riduzione dei consumi fra gli operatori del settore gas naturale Le azioni che i distributori possono mettere in atto per perseguire i propri obiettivi sono esemplificate nella casistica indicata nell Allegato I ai decreti 20 luglio 2004 (elencazione che i Ministeri competenti considerano come esemplificativa e non esaustiva). La realizzazione di tali progetti può essere effettuata: dagli stessi distributori, mediante azioni dirette; tramite società controllate; attraverso società terze operanti nel settore dei servizi energetici (le ESCo). In alternativa alla realizzazione di progetti, i soggetti obbligati possono scegliere di soddisfare gli obblighi a loro carico acquistando da terzi, in tutto o in parte, certificati denominati Titoli di Efficienza Energetica (o TEE, detti anche certificati bianchi ) attestanti il conseguimento di risparmi energetici da parte di altri soggetti: altri distributori, società controllate o società terze operanti nel settore dei servizi energetici. I risparmi energetici conseguiti con misure realizzate tra il 1 gennaio 2001 e il 31 dicembre 2004 possono essere utilizzati per conseguire gli obiettivi fissati per il periodo , previo parere dell AEEG (c.d. bancabilità dei titoli). Ogni progetto concorre al conseguimento degli obiettivi complessivi per un periodo di cinque anni, elevati a otto per interventi di l isolamento termico degli edifici, controllo della radiazione entrante attraverso superfici vetrate durante i mesi estivi, architettura bioclimatica, solare passivo, raffrescamento passivo. Pagina 9 di 17

10 La valutazione dei risparmi conseguiti dai diversi interventi è stata affidata all AEEG che, a questo fine, ha emanato Linee guida per la preparazione, esecuzione e valutazione consuntiva dei progetti e i criteri e le modalità di rilascio dei titoli di efficienza energetica, compresa la documentazione comprovante i risultati ottenuti, che deve essere prodotta dai distributori (Delibera n. 103/2003, Linee guida per la preparazione, esecuzione e valutazione dei progetti di cui all art. 5, comma 1, dei decreti ministeriali 24 aprile 2001 e per la definizione dei criteri e delle modalità per il rilascio dei titoli di efficienza energetica di seguito: Delibera n. 103/2003 o Linee guida, adeguate al disposto dei nuovi decreti ministeriali 20 luglio 2004 con Delibera n. 200/2004). Dopo la valutazione e la verifica dei risparmi energetici realizzati dai singoli interventi, l AEEG autorizza il Gestore del Mercato Elettrico (GME) ad emettere Titoli di Efficienza Energetica (TEE) corrispondenti ai risparmi certificati. I titoli possono essere scambiati tramite contratti bilaterali o in un mercato apposito istituito dal GME e disciplinato in base a regole di funzionamento stabilite dal GME stesso d intesa con l AEEG. La possibilità di compravendita di TEE consente di ridurre il costo complessivo di raggiungimento degli obiettivi fissati dal legislatore. Entro il 31 maggio di ogni anno a partire dall anno 2006, i distributori obbligati devono dimostrare di aver conseguito il loro obiettivo specifico annuale riferito all anno precedente, consegnando all AEEG un numero di TEE equivalente (in termini di tep) a tale obiettivo. In caso di inadempimento sono previste sanzioni, la cui definizione è affidata all Autorità sulla base di alcuni criteri di riferimento. È fatta salva la possibilità di compensare l inadempienza nel biennio successivo in caso, ad es., di estrema scarsità di titoli sul mercato nell anno di riferimento. Infatti, il distributore inadempiente può compensare l inadempienza nel biennio successivo senza incorrere in alcuna sanzione se ha conseguito una quota del proprio obiettivo almeno pari al valore del rapporto tra il quantitativo di titoli emessi e l obiettivo complessivo in capo ai distributori nell anno oggetto di verifica. I costi sostenuti dai distributori per la realizzazione dei progetti di risparmio energetico possono trovare copertura, qualora comportino una riduzione dei consumi di energia elettrica e di gas naturale, rispettivamente sulle componenti delle tariffe per il trasporto e la distribuzione dell energia elettrica e del gas naturale, secondo criteri stabiliti dall Autorità (Delibera n. 219/2004: 100 /tep risparmiata). Figura 4 - Schema del sistema dei TEE *Oggi l ENEA opera sulla base della Delibera n. 4/2006 (art. 3, comma 2 e art. 4) come modificata dalla Delibera n. 13/2007 Pagina 10 di 17

11 IL RUOLO DELLE ESCO NEL SISTEMA DEI TEE Come sopra detto, non esiste alcuna definizione di ESCo nel nostro Paese. Il primo riferimento ufficiale a questa denominazione è contenuto nei decreti ministeriali 24 aprile 2001 sull'efficienza energetica, ma è solo con la Delibera n. 103/2003 che l'autorità per l'energia Elettrica ed il Gas definito le società di servizi energetici abilitate a accedere al meccanismo dei D.M. 24 aprile 2001 (e ora a quello dei D.M. 20 luglio 2004) come le società, comprese le imprese artigiane e le loro forme consortili, che alla data di avvio del progetto hanno come oggetto sociale, anche non esclusivo, l offerta di servizi integrati per la realizzazione e l eventuale successiva gestione di interventi di risparmio energetico. Tali requisiti sono stati stabiliti dopo ampia consultazione fra i soggetti interessati, al dichiarato scopo di consentire l accesso al meccanismo di un ampio numero di soggetti e promuovere quindi lo sviluppo di un offerta di TEE adeguata al soddisfacimento della domanda determinata dagli obiettivi di risparmio energetico definiti dai decreti ministeriali. Nel suo operare sul mercato dei TEE, i soggetti con cui una ESCo deve confrontarsi, sono quelli che, per obbligo o per scelta, hanno un ruolo nel meccanismo delineato dai D.M. 20 luglio 2004: le circa 30 aziende che al 31 dicembre 2001 servivano almeno clienti finali, direttamente obbligate alla riduzione dei consumi energetici (10 nel settore dell energia elettrica e 20 nel settore del gas naturale); le aziende di distribuzione dell energia elettrica e/o di gas naturale che, pur non soggette ad alcun obbligo di risparmio energetico nel corso del 2005, sono ammesse ad operare dal lato dell offerta di TEE; le altre ESCo, o meglio, le ESCo che si sono accreditate presso l AEEG come Società di Servizi Energetici (ottanta, secondo l AEEG, nel momento in cui si scrive). L accreditamento presso l Autorità è funzionale a consentire l utilizzo del sistema informativo on-line per la presentazione dei progetti e viene oggi rilasciato in base ad una dichiarazione resa dal soggetto interessato all Autorità, di rispondenza ai requisiti previsti dalle Linee guida. L AEEG però ha sempre tenuto a puntualizzare che l accreditamento non configura l iscrizione a un albo e non certifica la qualità delle attività svolte nell ambito dei decreti ministeriali, la loro rispondenza al dettato dei decreti e della relativa regolazione attuativa emanata dall Autorità, che sono invece oggetto di specifica valutazione solo a valle della presentazione dei progetti da parte dei soggetti accreditati. La ripartizione geografica dei soggetti accreditati come società di servizi energetici evidenzia come più del 50% sia localizzato nelle regioni del Nord Italia, circa il 30% nelle regioni del Centro e poco meno del 20% nelle regioni del Sud (si veda la fig. 5). Figura 5 - Suddivisione territoriale delle ESCo italiane Pagina 11 di 17

12 I dati riferiti al 2006 mostrano come tra il gennaio 2005 e la fine di maggio 2006 l AEEG abbia certificato il conseguimento di un risparmio energetico complessivo pari a tep, richiedendo al GME l emissione di TEE così ripartiti: di tipo I (attestanti la riduzione dei consumi di energia elettrica); di tipo II (attestanti la riduzione dei consumi di gas naturale); di tipo III (attestanti la riduzione dei consumi di combustibili solidi, liquidi e di altri combustibili gassosi). Il numero di TEE di cui è stata richiesta l emissione al GME è dunque risultato ampiamente superiore (+184%) rispetto alla somma degli obiettivi assegnati dai due D.M. del 20 luglio I TEE di tipo I risultano il 75% del totale emesso, quelli di tipo II il 22% e quelli di tipo III il 3%. Emerge, dunque, una struttura dell offerta di TEE più favorevole per i distributori elettrici: l ammontare di TEE di tipo I è risultato, infatti, pari a più di quattro volte la quantità minima richiesta per il 2005 ai distributori elettrici obbligati mentre, sul fronte dei distributori gas obbligati, l ammontare di TEE di tipo II emessi è risultato pari a circa il doppio della quantità minima richiesta per lo stesso anno. Si tratta di un mercato ancora lungo, ma che rischia a breve di diventare estremamente carente di TEE, in quanto: gli obiettivi di riduzione crescono in maniera più che proporzionale; gli interventi più energivori e meno costosi sono stati realizzati per primi: con l avanzare del tempo si dovrà andare ad operare con sforzi sempre maggiori; sono ancora presenti sul mercato i TEE relativi agli interventi realizzati fra il 2001 e il Si tratta di una riserva importante ma soggetta a breve esaurimento e non rinnovabile. È importante infine rilevare che i distributori (obbligati e non) hanno complessivamente ottenuto l emissione di meno di un terzo dell ammontare complessivo di TEE, mentre i restanti due terzi sono stati ottenuti quasi esclusivamente dalle ESCo (si veda la fig. 6). Figura 6 - Tipologia dei soggetti che hanno ottenuto l emissione dei TEE relativi all anno 2006 Pagina 12 di 17

13 PROGETTI REALIZZATI E PROSPETTIVE Se di esamina la casistica dei progetti realizzati da distributori ed ESCo si rileva che quelli realizzati per primi sono quelli che, con una spesa relativamente contenuta, hanno permesso di incidere su settori particolarmente energivori (quali l illuminazione con lampade a incandescenza o i consumi di acqua calda. Infatti, interventi anche di lieve entità come la distribuzione di lampadine a basso consumo o di rompigetto per doccia ha permesso di far attestare risparmi energetici rilevanti. Come è agevole constatare in fig. 7, mano a mano che vengono conseguiti risparmi energetici, si esauriscono gli interventi che, con costi bassi, permettono alti risultati. Naturalmente, la casistica degli interventi da realizzare non è infinita e il livello della sanzione può costituire il limite al di sopra del quale la realizzazione dell intervento non è più conveniente. Figura 7- Sintesi dell economicità degli interventi volti al risparmio energetico Fonte: ENEL S.p.A. Gli interventi sinora privilegiati sono quelli legati ai sistemi di illuminazione, sia pubblica che privata, mentre appaiono per ora solo residuali quelli nel settore industriale (si vedano le. figg. 8 e 9). Il 60% dei risparmi è stato dunque ottenuto sfruttando i significativi potenziali di risparmio specifico caratteristici di tante piccole applicazioni elettriche ed elettroniche. Si tratta evidentemente di tecnologie ormai largamente disponibili sul mercato e di facile installazione, la cui scarsa diffusione presso l utenza è giustificata più dalla scarsità d informazione che non dall entità delle differenze di costo rispetto alle tecnologie tradizionali. La quantificazione dei risparmi conseguiti è condotta tramite l applicazione delle schede tecniche di valutazione predisposte dall AEEG (fig. 10). Quasi il 20% dei risparmi è legato alla realizzazione di reti di teleriscaldamento. Rilevante è infine la quota di risparmi conseguiti con l impiego di pannelli solari termici (8%). Pagina 13 di 17

14 Si noti infine che i risparmi energetici certificati (fig. 11) sono riconducibili soprattutto a interventi effettuati nel nord Italia. Questo dato è riconducibile alla maggiore industrializzazione di questa parte di Italia e alla più alta concentrazione di ESCo (fig. 5). La possibilità, prevista dai D.M., di riconoscere TEE anche a risparmi energetici ottenuti con misure realizzate sin dall anno 2001 ha consentito la valorizzazione di interventi sviluppati anche in assenza dell incentivazione derivante dai decreti stessi, in quanto di per sé economicamente convenienti. Circa il 60% dei TEE sinora emessi deriva da iniziative di risparmio energetico avviate prima del Figura 8 - Tipologia di interventi Figura 9 - Tipologia di interventi Fonte: Enel S.p.A. Pagina 14 di 17

15 Figura 10 - Schede tecniche di valutazione dei risparmi energetici conseguiti Numero e titolo della scheda tecnica AEEG Sostituzione di lampade a incandescenza con lampade fluorescenti compatte con 1 alimentatore incorporato 2 Sostituzione di scalda-acqua elettrici con scalda-acqua a gas 3 Nuova installazione di caldaia a 4 stelle a gas 4 Sostituzione di scalda-acqua a gas con scalda-acqua a gas più efficienti 5 Sostituzione di vetri semplici con doppi vetri 6 Isolamento termico degli edifici (isolamento pareti) 7 Impiego di impianti fotovoltaici di potenza <20kW 8 Impiego di collettori solari per la produzione di acqua calda sanitaria Installazione di sistemi elettronici di regolazione di frequenza (inverter) in motori 9 elettrici operanti su sistemi di pompaggio con potenza inferiore a 22kW 10 Recupero di energia elettrica dalla decompressione del gas naturale 11 Installazione di motori a più alta efficienza Sostituzione di frigoriferi, frigocongelatori, congelatori, lavabiancheria, 12 lavastoviglie con prodotti analoghi a più alta efficienza 13a Installazione di erogatori per doccia a basso flusso (EBF) in ambito residenziale 13c Installazione di erogatori per doccia a basso flusso (EBF) in impianti sportivi 14 Installazione di rompigetto aerati per rubinetti (RA) in ambito residenziale Installazione di sistemi elettronici di regolazione di frequenza (inverter) in motori 16 elettrici operanti su sistemi di pompaggio con potenza superiore o uguale a 22kW Installazione di regolatori di flusso luminoso per lampade a vapori di mercurio e 17 lampade a vapori di sodio ad alta pressione negli impianti adibiti ad illuminazione esterna Sostituzione di lampade a vapori di mercurio con lampade a vapori di sodio ad alta 18 pressione negli impianti di Pubblica Illuminazione Installazione di condizionatori ad aria esterna ad alta efficienza con potenza 19 frigorifera inferiore a 12kWf Applicazione nel settore civile di piccoli sistemi di cogenerazione per la 21 climatizzazione invernale ed estiva degli ambienti e la produzione di acqua calda sanitaria Applicazione nel settore civile di sistemi di teleriscaldamento per la climatizzazione 22 ambienti e la produzione di acqua calda sanitaria Pagina 15 di 17

16 Figura 11- Distribuzione sul territorio italiano dei risparmi energetici certificati Pagina 16 di 17

17 GLOSSARIO Certificati bianchi Per dimostrare il conseguimento dei loro obblighi di risparmio energetico e non incorrere nelle sanzioni, i distributori di energia elettrica e di gas naturale di maggiori dimensioni devono consegnare annualmente all Autorità un numero di titoli di efficienza energetica equivalente al loro obiettivo obbligatorio di risparmio: ogni certificato bianco equivale a una tonnellata di petrolio equivalente (Tep) risparmiata. Reti di teleriscaldamento Il teleriscaldamento é un impianto centralizzato che distribuisce acqua calda, per riscaldamento e per impieghi domestici-sanitari, agli edifici della città allacciati. E' ottimale quando l'energia termica è recuperata dai fluidi di fine ciclo delle centrali termoelettriche, preferibilmente alimentate a metano ( turbogas a ciclo combinato) o a biomasse o da combustibili da esse derivati (es. biogas), in questi casi si parla di cogenerazione di energia elettrica ed energia termica, sono soluzioni ad alto rendimento energetico, limitato nei casi peggiori dalla dispersione di calore in tratti di rete troppo lunghi o per cattivo isolamento della rete di trasmissione del calore.. Documento reperibile, assieme ad altre monografie, nella sezione Dossier del sito Documento pubblicato su licenza di WKI - Ipsoa Editore Fonte: Ambiente & Sviluppo Consulenza e pratica per l'impresa e gli enti locali Copyright: WKI - Ipsoa Editore Pagina 17 di 17

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE D.M.

MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE D.M. MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE D.M. 20 luglio 2004 Nuova individuazione degli obiettivi quantitativi per l'incremento dell'efficienza energetica negli usi finali di energia, ai sensi dell'art. 9,

Dettagli

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Federesco Le Energy Service Company La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Seminario Strumenti, opportunità e potenzialità dell efficienza energetica a supporto del sistema locale

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Art.5 Piani regionali.

Art.5 Piani regionali. Norme per l attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia (legge 9/1/1991 n 10) TITOLO I Norme

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo

Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo Enrico Biele, FIRE Green shipping summit 2014 26 giugno 2014, Napoli Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

4. L ENERGIA. Informazioni ricavate dai dati di bilancio energetico nazionale. 60

4. L ENERGIA. Informazioni ricavate dai dati di bilancio energetico nazionale. 60 4. L ENERGIA 4.1. Premessa L 80% circa dell energia consumata nell UE deriva dai combustibili fossili: petrolio, gas naturale e carbone. Di questa percentuale, una parte considerevole, in costante aumento,

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO In collaborazione con Sistema FAR ECHO 1 Sistema FAR ECHO Gestione intelligente delle informazioni energetiche di un edificio Tecnologie innovative e metodi di misura, contabilizzazione, monitoraggio e

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA

TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA TARIFFE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA A CLIENTI NON DOMESTICI IN REGIME DI MAGGIOR TUTELA Nell ambito del processo di completa liberalizzazione del mercato dell energia elettrica

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Prot. Generale n. 19033 del 23.10.2012 Primo livello di help desk HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Qui di seguito si riportano alcune delle più frequenti domande con le relative risposte.

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Roma, aprile 2013 INDICE Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Esempi di interventi incentivabili -2- Il Conto Termico: DM 28 12 12 Il Conto Termico

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

ESPERIENZE D IMPRESA 1/2012 ORNELLA MALANDRINO DANIELA SICA ASSEGNISTA DI RICERCA IN SCIENZE MERCEOLOGICHE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO

ESPERIENZE D IMPRESA 1/2012 ORNELLA MALANDRINO DANIELA SICA ASSEGNISTA DI RICERCA IN SCIENZE MERCEOLOGICHE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO ESPERIENZE D IMPRESA 1/2012 93 IL CONTRIBUTO DEI CERTIFICATI BIANCHI AL MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA IN ITALIA STEFANIA SUPINO PROFESSORE ASSOCIATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO ORNELLA

Dettagli

Scaglioni di potenza (kw) 1

1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1

Scaglioni di potenza (kw) 1<P 3 3<P 6 6<P 20 20<P 200 200<P 1.000 P>1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1 Tariffe per la copertura degli oneri sostenuti dal GSE per lo svolgimento delle attività di gestione, di verifica e di controllo, inerenti i meccanismi di incentivazione e di sostegno, a carico dei beneficiari

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Gli aggiornamenti più recenti proroga detrazione del 65% estensione dell agevolazione ad altri interventi aumento della ritenuta d acconto sui bonifici

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Prot. n. 5140. L'Assemblea legislativa

Prot. n. 5140. L'Assemblea legislativa Progr. n. 156 Oggetto n. 3124: Approvazione atto di indirizzo e coordinamento sui requisiti di rendimento energetico e sulle procedure di certificazione energetica degli edifici. (Proposta della Giunta

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: "Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia"

DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: "Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia" coordinato con il D.Lgs. 311/2006, con il D.M. 26/6/09, con la L. 99/2009

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA Per tutelare i clienti che subiscono interruzioni o disservizi nella fornitura di energia elettrica e gas e per incentivare le società

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale tavolo energia/pmi - 19 marzo 2007 Sala Consigliare A cura di: Andrea

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA

LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA LE IMPOSTE SULL ENERGIA ELETTRICA Guida pratica agli adempimenti fiscali degli impianti di produzione A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Premessa Questo documento si occupa delle normative fiscali

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo:

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: AMICI DELLA TERRA ITALIA www.amicidellaterra.it La ricetta italiana Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: Verso Parigi 2015. Gli Stati generali dei cambiamenti climatici

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

EVOLUZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI: DALLA CASA A BASSO CONSUMO AL TARGET PASSIVHAUS

EVOLUZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI: DALLA CASA A BASSO CONSUMO AL TARGET PASSIVHAUS EVOLUZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI: DALLA CASA A BASSO CONSUMO AL TARGET PASSIVHAUS arch. Fabio Sciurpi, Dipartimento TAeD, Università di Firenze Via San Niccolò 93, tel. 055 2491538, e-mail: fabio.sciurpi@taed.unifi.it

Dettagli

EMANA la seguente. (Circolare pubblicata sul Supplemento Straordinario n. 3 alla G.U. n. 51 del 1 marzo 2012)

EMANA la seguente. (Circolare pubblicata sul Supplemento Straordinario n. 3 alla G.U. n. 51 del 1 marzo 2012) Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare di concerto con il Ministero dello Sviluppo Economico e d intesa con la Cassa Depositi e Prestiti EMANA la seguente Circolare del 16

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE

IL MINISTRO DELLA SALUTE Testo aggiornato al 20 settembre 2013 Decreto ministeriale 26 marzo 2013 Gazzetta Ufficiale 8 agosto 2013, n. 185 Contributo alle spese dovuto dai soggetti pubblici e privati e dalle società scientifiche

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

PIANO ENERGETICO della

PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO 2 Documento di aggiornamento - 2011 Nuove politiche energetiche Offerta e Domanda di energia al 2010 Fonti di Energie Rinnovabili al 2010 Bilancio

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO. Assessorato Ecologia e Ambiente

I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO. Assessorato Ecologia e Ambiente punt energia I NUOVI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI: LINEE GUIDA PER I COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO PROVINCIA DI COMO Assessorato Ecologia e Ambiente I nuovi regolamenti edilizi comunali Progetto a cura

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Documento per la consultazione. (invio osservazioni entro: 6 marzo 2015)

Documento per la consultazione. (invio osservazioni entro: 6 marzo 2015) CRITERI GENERALI PER LA DEFINIZIONE DI REGOLE PER IL MANTENIMENTO DEGLI INCENTIVI IN CONTO ENERGIA Documento tecnico di riferimento Documento per la consultazione (invio osservazioni entro: 6 marzo 2015)

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

I certificati bianchi: Uno strumento di competitività per le imprese

I certificati bianchi: Uno strumento di competitività per le imprese Una pubblicazione realizzata da FIRE per l efficienza energetica nelle imprese e negli enti I certificati bianchi: Uno strumento di competitività per le imprese Realizzazione e disclaimer La presente guida

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER 15 giugno 2015 Il Decreto di incentivazione delle FER non fotovoltaiche in via di emanazione dal Ministero dello Sviluppo Economico dovrebbe

Dettagli

GUIDA ALL USO DELLE RISORSE PER INCENTIVARE RINNOVABILI ED EFFICIENZA ENERGETICA

GUIDA ALL USO DELLE RISORSE PER INCENTIVARE RINNOVABILI ED EFFICIENZA ENERGETICA Una pubblicazione realizzata da FIRE su incarico dell ENEA a favore dei decisori della P.A. regionale e locale GUIDA ALL USO DELLE RISORSE PER INCENTIVARE RINNOVABILI ED EFFICIENZA ENERGETICA pagina 2

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Innovazione e investimenti in campo energetico Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Sommario Considerazioni sulle peculiarità del sistema energetico Italiano e Piemontese

Dettagli

AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager. Novembre 2014

AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager. Novembre 2014 AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager Novembre 2014 AZZEROCO 2 AzzeroCO 2 è una società di consulenza energetico-ambientale creata da Legambiente, Kyoto

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3988 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE Sviluppo dell efficienza energetica e delle fonti rinnovabili per la salvaguardia del clima Presentata

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

Stampare in modalità fronte-retro

Stampare in modalità fronte-retro CODICE DI RETE TIPO PER LA DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE ALLEGATO 2 DELIBERAZIONE 6 GIUGNO 2006, N. 108/06 COME MODIFICATO DALLE DELIBERAZIONI 2 OTTOBRE 2007, N. 247/07, 14 DI- CEMBRE 2007, N. 324/07,

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di seguito:

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO COMUNALE

IL PIANO ENERGETICO COMUNALE UNIVERSITA MEDITERRANEA DEGLI STUDI DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI ARCHITETTURA CORSO DI LAUREA IN PIANIFICAZIONE TERRITORIALE URBANISTICA ED AMBIENTALE CORSO DI FONDAMENTI DI PIANIFICAZIONE SETTORIALE

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 12 DICEMBRE 2013 578/2013/R/EEL REGOLAZIONE DEI SERVIZI DI CONNESSIONE, MISURA, TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE, DISPACCIAMENTO E VENDITA NEL CASO DI SISTEMI SEMPLICI DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

ELETTRO ICA-TELECOMU ICAZIO I PROGETTO ELIOS

ELETTRO ICA-TELECOMU ICAZIO I PROGETTO ELIOS Istituto d Istruzione Superiore Statale Enrico Mattei Via Martiri di Cefalonia 46-20097 San Donato Milanese Tel. 0255691411 - Fax 025276676 itisando@tin.it www.itismattei.it ELETTRO ICA-TELECOMU ICAZIO

Dettagli