L efficienza energetica e le ESCO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L efficienza energetica e le ESCO"

Transcript

1 L efficienza energetica e le ESCO Claudio G. Ferrari Efficientamento energetico: nuova sfida per l impresa profit e non profit Brescia, 25 febbraio 2014

2 i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2/87

3 SOMMARIO Sezione 1 I vantaggi dell efficienza energetica I nuovi obblighi per la Pubblica Amministrazione Il monitoraggio: strumento strategico per l efficienza energetica I Titoli di Efficienza Energetica Sistemi di Gestione dell Energia ISO Il finanziamento tramite terzi Cosa è una ESCO 3/87

4 L ATTUALE SISTEMA ENERGETICO - PERDITE ENERGETICHE L attuale sistema energetico comporta: spreco di risorse energetiche e quindi economiche. Fonte: Amory B. Lovins, More Profit with Less Carbon ; Scientific American Magazine, 09/2005 4/87

5 LE PRINCIPALI AZIONI DI RIDUZIONE DELLA CO 2 A livello globale, l obiettivo di riduzione delle emissioni di CO2 viene perseguito attraverso tre azioni principali: Cattura e sequestro del carbonio Sviluppo di energia da fonti rinnovabili Efficienza energetica, a sua volta attuata attraverso : riduzione dei consumi generazione distribuita SVILUPPO SOSTENIBILE Cattura e sequestro del carbonio L obiettivo ultimo è la riduzione delle emissioni di CO2 in atmosfera Sviluppo dell efficienza energetica: Interventi di riduzione del fabbisogno Generazione Distribuita Solo attraverso l efficienza energetica, rispettando gli obiettivi ad oggi definiti (-20% al 2020 rispetto al 2005), la Commissione Europea stima a livello europeo un risparmio ottenibile di circa 100 miliardi di euro all anno. Passaggio dalle fonti convenzionali alle fonti rinnovabili 5/87

6 COSTO DEL KWH ELETTRICO DA VARIE FONTI L ATTUALE SISTEMA ENERGETICO - COSTI ENERGETICI Fonte: Lazard 2008 for NARUC (Associazione USA per lo studio dei servizi pubblici fondamentali) 6/87

7 Italia Europa Mondo 20 ANNI DI EVOLUZIONE NORMATIVA I Rapporto Valutazione IPCC (1989) Convenzione Quadro Cambiamenti Climatici (1992) II Rapporto Valutazione IPCC (1995) Protocollo di Kyoto (1997) Direttiva 93/76/CEE (1993) III Rapporto Valutazione IPCC (2001) Fonti energetiche rinnovabili (2001) Direttiva 2002/91/CE Rendimento energetico edilizia Biocarburanti (2003) Emission Trading System (2003) Cogenerazione (2004) Entrata in vigore del Protocollo di Kyoto (2005) Rapporto Stern (2006) Progettazione ecocompatibile prodotti (2005) Fare di più con meno (2005) Direttiva 2006/32/CE Efficienza usi finali energia Libro Verde Efficienza Energetica (2006) IV Rapporto Valutazione IPCC (2007) Direttiva 2008/28/CE Definizione Politica Energetica Europea (2008) Direttiva 2012/27/UE Direttiva 2010/31/UE Direttiva 2009/28/CE Direttiva 2009/29/CE Piano energetico nazionale (1991) Impianti termici (1993) D.Lgs. 79/1999 Recepimento 96/92/CE Titoli Efficienza Energetica (2001) D.Lgs. 387/2003 DM 20/07/2004 Titoli Efficienza Energetica Riordino settore energetico (2004) D.Lgs. 192/2005 Recepimento 2002/91/CE Regolamentazione Certificati Verdi (2005) Incentivi al fotovoltaico (2005) D.Lgs. 216/2006 (ETS) Legge finanziaria 2007 D.Lgs. 20/2007 (cogenerazione) Incentivi al fotovoltaico ( ) DM 21/12/2007 Titoli Efficienza Energetica Liberalizzazione mercati energia (2007) Finanziaria 2008 Piano Azione Italiano Efficienza Energetica 2007 DM MATTM 07/03/2012 D.Lgs. 115/2008 Valori limite fabbisogni energia (2008) Incentivazione fonti rinnovabili (2008) Finanziaria 2009 Linee Guida certificazione energetica (2009) DPR 59/2009 Regolamento ex D.Lgs. 192/2005 Legge 99/2009 Disposizioni materia di energia 7/87

8 NORMATIVE E ATTI RILEVANTI SULL EFFICIENZA ENERGETICA D.Lgs. 192/2005 (Obblighi attuali per la PA in materia di rendimento energetico in edilizia) D.Lgs. 115/2008 (Obblighi attuali per la PA in materia di efficienza energetica negli usi finali) D.Lgs. 99/2009 (Supporto del GSE alle Pubbliche Amministrazioni) Direttiva 2010/31/UE (Obblighi futuri per la PA in materia di rendimento energetico in edilizia) D.Lgs. 28/2011 (Recepimento Direttiva EU su fonti rinnovabili) D.L. 98/2011, convertito con modificazioni dalla Legge 111/2011 (Nuove competenza dell Agenzia del Demanio in materia di patrimonio immobiliare) Piano d Azione Italiano per l Efficienza Energetica 2011 DM Ministero Ambiente 7 marzo 2012 (Criteri ambientali minimi da inserire nei bandi di gara della PA) Legge 94/2012, di conversione del D.L. 52/2012 (Disposizioni urgenti per la razionalizzazione della spesa pubblica - Spending Review), Art. 14 Direttiva 2012/27/UE (Obblighi futuri per la PA in materia di efficienza energetica negli usi finali) DM MSE 28/12/2012 Conto Termico DM MSE 28/12/2012 Titoli di Efficienza energetica DM Ministero Ambiente 8 marzo 2013 (Strategia Energetica Nazionale - SEN 2012) D.L. 63/2013 (Disposizioni urgenti per il recepimento della Direttiva 2010/31/UE, sulla prestazione energetica nell'edilizia) DPR 74/2013 (Regolamento recante definizione dei criteri generali in materia di esercizio, conduzione, controllo, manutenzione e ispezione degli impianti termici per la climatizzazione invernale ed estiva degli edifici e per la preparazione dell'acqua calda per usi igienici sanitari) DPR 75/2013 (Regolamento recante disciplina dei criteri di accreditamento per assicurare la qualificazione e l'indipendenza degli esperti e degli organismi a cui affidare la certificazione energetica degli edifici) 8/87

9 Il PAEE e la Proposta di Direttiva Europea 2012/27/UE pongono l efficienza energetica e la generazione distribuita tra le priorità della strategia politica ed economica per i prossimi anni. «Il risparmio non è 107 miliardi di euro l anno, come stimato dall UE, ma circa 200 miliardi di euro l anno, perché la riduzione del 20% dei consumi comporterà anche una riduzione del prezzo dell energia.» (Stime di Ecofys per Friends of the Earth Europe e Climate Action Network Europe, pubblicate in Saving Energy: bringing down Europe s energy prices ) Il PAEE stima che, per raggiungere gli obiettivi al 2020, sono necessari in Italia tra i 50 e i 100 mld di nuovi investimenti. Confindustria stima che gli investimenti nel settore energetico comporteranno un incremento occupazionale di circa 1,6 milioni di unità di lavoro e che l impatto economico complessivo per il sistema Paese sarà pari a +15,3 mld. Sono necessarie risorse finanziarie prontamente disponibili: il Finanziamento Tramite Terzi costituisce lo strumento che meglio soddisfa queste esigenze. La Commissione Europea vede le Esco come catalizzatori del rinnovamento. 9/87

10 L ATTUALE SISTEMA ENERGETICO POTENZIALITÀ E OBIETTIVI L E F F I C I E N Z A E N E R G E T I C A Realizzare interventi che consentano, grazie all utilizzo di nuove tecnologie, di recuperare efficienza dagli impianti esistenti. potenziale di miglioramento: 25% - 40% potenziale tecnico di riduzione dei consumi: 40% obiettivo di riduzione dei consumi del 20% entro il 2020 Può essere realizzato grazie alla normativa già in vigore Direttiva 2006/32/CE impone -9% tra 2008 e 2016 sulla media annua della quantità di energia distribuita o venduta ai clienti finali tra il 2003 e il 2007 D.Lgs. 115/2008: -9,6% al 2016 = -10,8 Mtep/anno 10/87

11 Stabilisce Definisce Crea Obbliga la Pubblica Amministrazione IL DECRETO LEGISLATIVO 115/2008 Attuazione della Direttiva 2006/32/CE relativa all'efficienza degli usi finali dell'energia e i servizi energetici FINALITÀ contribuire al miglioramento della sicurezza dell'approvvigionamento energetico e alla tutela dell'ambiente attraverso la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra ad applicare tutte le disposizioni previste a ricorrere agli strumenti finanziari per il risparmio energetico un quadro di misure volte al miglioramento dell'efficienza degli usi finali dell'energia gli obiettivi indicativi, i meccanismi, gli incentivi e il quadro istituzionale, finanziario e giuridico. [-9,6% entro il 2016] le condizioni per lo sviluppo e la promozione di un mercato dei servizi energetici a fare le diagnosi energetiche e la certificazione energetica degli edifici pubblici ad acquistare apparecchi, impianti, autoveicoli e attrezzature con ridotto consumo energetico per l'affidamento della gestione dei servizi energetici, in regime di FTT, ad applicare il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa 11/87

12 Disciplina Stabilisce Obbliga IL DECRETO LEGISLATIVO 192/2005 Attuazione della Direttiva 2002/91/CE sul rendimento energetico in edilizia FINALITA stabilire i criteri, le condizioni e le modalità per migliorare le prestazioni energetiche degli edifici al fine di favorire lo sviluppo, la valorizzazione e l integrazione delle fonti rinnovabili e la diversificazione energetica, contribuire a conseguire gli obiettivi nazionali di limitazione delle emissioni di gas a effetto serra posti dal Protocollo di Kyoto, promuovere la competitività dei comparti più avanzati attraverso lo sviluppo tecnologico. la metodologia per il calcolo delle prestazioni energetiche integrate degli edifici l'applicazione di requisiti minimi in materia di prestazioni energetiche degli edifici i criteri generali per la certificazione energetica degli edifici il rispetto di specifici parametri, livelli prestazionali e prescrizioni (via via più stringenti col passare degli anni) in caso di costruzione di nuovi edifici, ristrutturazioni integrali, ampliamenti di volume e installazioni di impianti di condizionamento invernale ed estivo alla predisposizione della certificazione energetica in caso di nuova costruzione, ristrutturazione e per la richiesta di incentivi 12/87

13 I VANTAGGI DELL EFFICIENZA ENERGETICA P R O D U C E L AV O R O / O C C U PA Z I O N E il più importante dei vantaggi dell efficienza energetica Produrre energia da fonti rinnovabili serve a poco se poi la si spreca. è n e c e s s a r i a : IMPIANTI DI GRANDI DIMENSIONI CAPITAL INTENSIVE una politica di stretta sinergia tra fonti rinnovabili, generazione distribuita ed efficienza energetica EFFICIENZA E GENERAZIONE DISTRIBUITA LABOUR INTENSIVE una politica comune pubblico/privato in grado di rendere partecipi i territori dei vantaggi derivanti dalla rendita elettrica, prima tradizionale, ora rinnovabile 13/87

14 I VANTAGGI DELL EFFICIENZA ENERGETICA I vantaggi nelle realtà industriali sono molteplici Riduzione dei consumi elettrici, termici e idrici Riduzione delle emissioni climalteranti in atmosfera Notevole impatto sia dal punto di vista ambientale che politico e sociale Riduzione dei costi energetici Ottenimento di un plus finanziario derivante dai TEE generati dai risparmi (permettendo un più veloce rientro dell investimento complessivo) Miglioramento dell immagine aziendale, in qualità di impresa virtuosa sotto il profilo della tutela al clima e all ambiente (gli interventi, per i quali verranno richiesti i TEE, saranno certificati dall AEEG) Ruolo cruciale per le attività di comunicazione e di marketing rivolte al mercato di riferimento, istituzionale e del cliente finale Nuovo posizionamento nell ambito energetico e ambientale 14/87

15 I VANTAGGI DELL EFFICIENZA ENERGETICA RIDUZIONE DEL 20% DEI CONSUMI ENERGETICI VANTAGGI DIRETTI VANTAGGI INDIRETTI Vantaggi ambientali Riduzione dipendenza da importazioni di combustibili fossili Aumento del risparmio economico Riduzione della spesa per acquisto energia Aumento dell occupazione Il risparmio non è 107 miliardi di euro l anno, come stimato dall UE, ma circa 200 miliardi di euro l anno, perché la riduzione del 20% dei consumi comporterà anche una riduzione del prezzo dell energia*. * Stime di Ecofys per Freinds of the Earth Europe e Climate Action Network Europe, pubblicate in Saving Energy: bringing down Europe s energy prices 15/87

16 Fonte: Confindustria 16/87

17 * Calcolato considerando il valore di 75 dollari al barile di petrolio e un cambio Dollaro-Euro pari a 1,25 ** Calcolata considerando il valore di 25 /tonnellata di CO2 Fonte: Confindustria 17/87

18 VALENZA INFRASTRUTTURALE E STRATEGICA E NECESSARIO SVILUPPARE LA GENERAZIONE DISTRIBUITA E LE RETI INTERNE DI UTENZA È UN ATTIVITÀ INFRASTRUTTURA LE ALTAMENTE STRATEGICA. CREA POSTI DI LAVORO E NECESSARIO CREARE CULTURA È NECESSARIO SVILUPPARE FILIERA DI RICERCA TECNOLOGICA NAZIONALE EFFICIENZA ENERGETIC A È AUTOLIQUIDANTE, MA SERVE LA FINANZA INIZIALE È NECESSARIO SVILUPPARE SISTEMI DI GESTIONE DELL ENERGIA È NECESSARIO UN UNICO INTERLOCUTO RE A LIVELLO GOVERNATIVO 18/87

19 SOMMARIO Sezione 1 I vantaggi dell efficienza energetica I nuovi obblighi per la Pubblica Amministrazione Il monitoraggio: strumento strategico per l efficienza energetica I Titoli di Efficienza Energetica Sistemi di Gestione dell Energia ISO Il finanziamento tramite terzi Cosa è una ESCO 19/87

20 DECRETO 7 MARZO 2012 DEL MINISTERO DELL AMBIENTE Il 7 marzo 2012 è stato emanato dal Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare il Decreto denominato Piano d azione per la sostenibilità ambientale dei consumi nel settore della Pubblica Amministrazione OGGETTO E STRUTTURA DEL DECRETO Il decreto contiene i criteri ambientali minimi che le stazioni appaltanti pubbliche devono utilizzare nell affidamento di: servizi di illuminazione e forza motrice, servizi di riscaldamento/raffrescamento (comprensivi dell eventuale trattamento dell aria e della fornitura di acqua calda sanitaria) affinché i relativi contratti d appalto possano essere definiti verdi. 20/87

21 DECRETO 7 MARZO 2012 DEL MINISTERO DELL AMBIENTE Tale decreto disciplina i criteri di selezione per le società che partecipino alle gare d appalto per la fornitura dei servizi energetici: Oltre a quanto previsto dalle leggi vigenti, i candidati per essere ammessi alla gara d appalto debbono avere capacità organizzativa, diagnostica, progettuale, gestionale, economica e finanziaria almeno pari a quelle previste dalla norma UNI CEI sulle società che forniscono servizi energetici. 21/87

22 In particolare i candidati debbono: DECRETO 7 MARZO 2012 DEL MINISTERO DELL AMBIENTE 1) disporre di personale con le competenze tecniche necessarie a realizzare correttamente il servizio, riducendone gli impatti ambientali. L offerente deve presentare l elenco del personale dedicato alla realizzazione del servizio. Per il nuovo personale che dovesse essere dedicato alla realizzazione del servizio durante l esecuzione del contratto deve essere presentata analoga documentazione prima che prenda servizio, a dimostrazione del fatto che si tratta di personale già adeguatamente formato, 2) avere la capacità di eseguire il contratto con il minore impatto possibile sull ambiente attuando misure di gestione ambientale conformi ad uno schema riconosciuto in sede internazionale (come il Regolamento CE 1221/2009-EMAS, la norma ISO o equivalente). Tutta la documentazione necessaria a testimoniare le competenze e le qualifiche non è richiesta all offerente che dimostri di essere in possesso di certificazione di parte terza che attesti il rispetto dei requisiti di cui alla norma UNI CEI o il rispetto dei requisiti di cui alla norma UNI CEI /87

23 NORMATIVE DI RIFERIMENTO PER IMMOBILI PUBBLICI Direttiva 2012/27/UE stabilisce che a partire dal 1 gennaio 2014 ogni anno debba essere ristrutturata il 3% della superficie totale degli immobili di proprietà del Governo centrale per rispettare almeno i requisiti minimi di prestazione energetica stabiliti dallo Stato membro. Gli Stati membri incoraggiano gli enti pubblici a: a) adottare un piano di efficienza energetica b) instaurare un sistema di gestione dell'energia, compresi audit energetici c) ricorrere, se del caso, alle Esco e ai contratti di rendimento energetico per finanziare le ristrutturazioni e attuare piani volti a mantenere o migliorare l'efficienza energetica a lungo termine Legge 94/2012 Le amministrazioni pubbliche di cui all articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, entro 24 mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto (9 maggio 2014), sulla base delle indicazioni fornite dall Agenzia del demanio, adottano misure finalizzate al contenimento dei consumi di energia e all efficientamento degli usi finali della stessa. 23/87

24 NORMATIVE DI RIFERIMENTO PER IMMOBILI PUBBLICI D.Lgs. 192/2005 (coordinato con Legge 90 del 3 agosto 2013) Per edifici utilizzati da P.A. e aperti al pubblico con superficie utile totale > 500 m² (dal 9 luglio 2015 per superfici > 250 m²) è obbligatorio: redigere l Attestato di Prestazione Energetica (APE) entro il 31 gennaio 2014; affiggere APE all ingresso dell edificio. Il fondo di garanzia (art.22, comma 4, d.lgs. 3 marzo 2011, n.28) è utilizzabile per la copertura delle spese relative alla redazione dell APE. Per contratti relativi alla gestione di impianti termici o di climatizzazione degli edifici pubblici è obbligatorio redigere l APE. In caso di vendita, locazione, nuova costruzione o ristrutturazione importante degli edifici, è obbligatorio redigere l APE. In questi casi, per gli edifici aperti al pubblico con superficie utile totale > 500 m², è anche obbligatorio affiggere APE all ingresso dell edificio. 24/87

25 DIRETTIVA 2012/27/UE Direttiva 2012/27/UE - Direttiva del Parlamento Europeo e del Consiglio sull'efficienza energetica che abroga le direttive 2004/8/CE e 2006/32/CE DA RECEPIRE ENTRO IL 5 GIUGNO 2014 Articolo 1 - Oggetto e ambito di applicazione 1. La presente direttiva stabilisce un quadro comune di misure per le promozione dell'efficienza energetica nell'unione al fine di garantire il conseguimento dell'obiettivo principale dell'unione relativo all'efficienza energetica del 20% entro il 2020 e di gettare le basi per ulteriori miglioramenti del l'efficienza energetica al di là di tale data. Essa stabilisce norme atte a rimuovere gli ostacoli sul mercato dell'energia e a superare le carenze del mercato che frenano l'efficienza nella fornitura e nell'uso dell'energia e prevede la fissazione di obiettivi nazionali indicativi in materia di efficienza energetica per il I requisiti stabiliti dalla presente direttiva sono requisiti minimi e non impediscono ai singoli Stati membri di mantenere o introdurre misure più rigorose. Tali misure sono compatibili con il diritto dell'unione. Qualora la normativa nazionale preveda misure più rigorose, gli Stati membri notificano tale normativa alla Commissione. Articolo 3 - Obiettivi di efficienza energetica 2. Entro il 30 giugno 2014 la Commissione valuta i progressi compiuti se l'unione sia in grado di raggiungere un consumo energetico non superiore a 1474 Mtoe di energia primaria e/o non superiore a 1078 Mtoe di energia finale entro il /87

26 DIRETTIVA 2012/27/UE Articolo 5 Ruolo esemplare degli edifici degli enti pubblici 1. Fatto salvo l'articolo 7 della direttiva 2010/31/UE, ciascuno Stato membro garantisce che dal 1 gennaio 2014 il 3% della superficie coperta utile totale degli edifici riscaldati e/o raffreddati di proprietà del proprio governo centrale e da esso occupati sia ristrutturata ogni anno per rispettare almeno i requisiti minimi di prestazione energetica che esso ha stabilito in applicazione dell'articolo 4 della direttiva 2010/31/UE. La quota del 3% è calcolata sulla superficie coperta totale degli edifici con una superficie coperta utile totale superiore a 500 m 2 di proprietà del governo centrale dello Stato membro interessato e da esso occupati che, al 1 gennaio di ogni anno, non soddisfano i requisiti minimi di prestazione energetica stabiliti in applicazione dell'articolo 4 della direttiva 2010/31/UE. Tale soglia è portata a 250 m 2 a partire dal 9 luglio Tenendo in debito conto le rispettive competenze e l'assetto amministrativo, gli Stati membri incoraggiano gli enti pubblici, anche a livello regionale e locale, e gli organismi di diritto pubblico competenti per l'edilizia sociale, a: a) adottare un piano di efficienza energetica, autonomo o nel quadro di un piano ambientale più ampio, che contenga obiettivi e azioni specifici di risparmio energetico e di efficienza energetica, nell'intento di conformarsi al ruolo esemplare degli edifici delle amministrazioni centrali di cui ai paragrafi 1, 5 e 6; b) instaurare un sistema di gestione dell'energia, compresi audit energetici, nel quadro dell'attuazione di detto piano; c) ricorrere, se del caso, alle società di servizi energetici e ai contratti di rendimento energetico per finanziare le ristrutturazioni e attuare piani volti a mantenere o migliorare l'efficienza energetica a lungo termine. 26/87

27 DIRETTIVA 2012/27/UE Articolo 8 - Audit energetici e sistemi di gestione dell'energia 1. Gli Stati membri promuovono la disponibilità, per tutti i clienti finali, di audit energetici di elevata qualità, efficaci in rapporto ai costi e: a) svolti in maniera indipendente da esperti qualificati e/o accreditati secondo criteri di qualificazione; o b) eseguiti e sorvegliati da autorità indipendenti conformemente alla legislazione nazionale. 2. Gli Stati membri elaborano programmi intesi ad incoraggiare le PMI a sottoporsi a audit energetici e favorire la successiva attuazione delle raccomandazioni risultanti da tali audit. Gli Stati membri richiamano l'attenzione delle PMI, anche attraverso le rispettive organizzazioni intermedie rappresentative, su esempi concreti di come i sistemi di gestione dell'energia possono aiutarle nelle loro attività. 4. Gli Stati membri garantiscono che le imprese che non sono PMI siano soggette a un audit energetico svolto in maniera indipendente ed efficiente in termini di costi da esperti qualificati e/o accreditati o eseguito e sorvegliato da autorità indipendenti conformemente alla legislazione nazionale entro il 5 dicembre 2015 e almeno ogni quattro anni dalla data del precedente audit energetico. 6. Le imprese che non sono PMI e che attuano un sistema di gestione dell'energia o ambientale sono esentate dai requisiti di cui al paragrafo 4. 27/87

28 SPENDING REVIEW LEGGE N. 94/2012 Conversione in legge del decreto-legge 7 maggio 2012, n. 52, recante disposizioni urgenti per la razionalizzazione della spesa pubblica Articolo 14. (Misure in tema di riduzione dei consumi di energia e di efficientamento degli usi finali dell energia) 1. Le amministrazioni pubbliche di cui all articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, entro 24 mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto, sulla base delle indicazioni fornite dall Agenzia del demanio, adottano misure finalizzate al contenimento dei consumi di energia e all efficientamento degli usi finali della stessa, anche attraverso il ricorso ai contratti di servizio energia di cui al decreto del Presidente della Repubblica 26 agosto 1993, n. 412, e al decreto legislativo 30 maggio 2008, n. 115, e anche nelle forme dei contratti di partenariato pubblico privato di cui all articolo 3, comma 15-ter, del codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture, di cui al decreto legislativo 12 aprile 2006, n L'affidamento della gestione dei servizi energetici di cui al presente comma deve avvenire con gara a evidenza pubblica, con le modalità di cui all'articolo 15 del decreto legislativo 30 maggio 2008, n /87

29 SOMMARIO Sezione 1 I vantaggi dell efficienza energetica I nuovi obblighi per la Pubblica Amministrazione Il monitoraggio: strumento strategico per l efficienza energetica I Titoli di Efficienza Energetica Sistemi di Gestione dell Energia ISO Il finanziamento tramite terzi Cosa è una ESCO 29/87

30 IL CONTESTO NORMATIVO - CE Comunicazione CE 241/2008 Comunicazione CE 111/2009 e Raccomandazione CE 7604/ Sull uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione per agevolare la transizione verso un economia efficiente sotto il profilo energetico e a basse emissioni di carbonio «Controllando e gestendo direttamente il consumo energetico, le TIC (tecnologie dell informazione e della comunicazione) possono consentire incrementi di efficienza nei settori a maggiore consumo energetico. Recenti studi indicano che questa capacità può essere sfruttata per ridurre fino al 17% il consumo energetico degli edifici nell UE e per ridurre fino al 27% le emissioni di carbonio nella logistica dei trasporti.» «Prove con contatori intelligenti effettuate nell UE dimostrano che fornendo informazioni ai clienti sui loro reali consumi energetici è possibile arrivare fino a riduzioni del 10%.» «Si stima che i miglioramenti resi possibili dalle TIC in altri settori potrebbero far risparmiare circa il 15% delle emissioni totali di carbonio entro il 2020.» 30/87

31 EFFICIENZA ENERGETICA E MONITORAGGIO Il sistema di monitoraggio riveste un ruolo fondamentale per l ottimizzazione energetica degli immobili e degli impianti Attraverso la misurazione continua di tutti i parametri rilevanti (fabbisogni energetici, potenze, dati microclimatici e macroclimatici, presenze del personale, ore di funzionamento, ecc) e le informazioni normalizzate dei consumi che ne conseguono permette di: Assumere le migliori decisioni (in termini di efficacia ed efficienza tecnica ed economica) nella pianificazione degli interventi di riqualificazione applicando con oggettività criteri di efficacia / necessità / priorità degli stessi (tenendo conto delle varie tipologie di intervento). Assumere le migliori decisioni derivanti dalla misurazione a posteriori del reale grado di miglioramento in termini di efficienza energetica consentendo una oggettiva applicazione di modelli finanziari (project financing). 31/87

32 I VANTAGGI DEL MONITORAGGIO 1. Risparmio energetico ed economico derivante da: Sensibilizzazione del personale Ottimizzazione energetica Realizzazione di interventi 2. Supporto nella progettazione degli interventi 3. Supporto nella identificazione e ottimizzazione della documentazione tecnica di gara 4. Ottimizzazione della gestione post-intervento 5. Presupposto per le verifiche di conformità dei contratti 32/87

33 AMBITI DI APPLICAZIONE La Missione è quella di offrire servizi standardizzati e/o soluzioni mirate volte al monitoraggio di tutti i parametri rilevanti del settore energetico e ambientale. Controllo e gestione Diagnosi e certificazione energetica Controllo e gestione consumo energetico (ISO 50001) Misure per settore TEE Progettazione degli interventi Energy e building management Smart energy Verifiche conformità Verifiche di conformità contratti di forniture e servizi (DPR 207/ Regolamento di esecuzione del D.Lgs. 163/2006.) Ottimizzazione Individuazione e realizzazione interventi di ottimizzazione 33/87

34 IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI MONITORAGGIO Analisi strumenti e standard analisi della sensoristica per il caso specifico; analisi degli standard di riferimento; analisi delle architetture applicative conformi agli standard; Definizione obiettivi definizione degli obiettivi della Committenza; analisi presso la Committenza della situazione esistente; definizione dei requisiti funzionali e non funzionali del sistema; Progettazione e realizzazione scelta della sensoristica, delle modalità e tecnologie di acquisizione dati; disegno del modello dei dati; disegno dell architettura di sistema; approfondimento sulla rappresentazione spaziale degli oggetti e sui metodi di analisi spaziale; predisposizione della documentazione sui risultati della ricerca. 34/87

35 PreLex in IIa in IIa Inizio processo Ricezione RdP Assegnazione Ricezione RdP Assegnazione Assegnazione fascicolo ad un faldone Assegnazione Ricezione RdP Presa in carico? Ricezione RdP Presa in carico? Acquisizione e fascicolazione Assegnazione No Sì Assegnazione Ufficio Responsabile e Competenti in IIa Ricezione RdP Presa in carico? Sì Assegnazione Ufficio Competente in II Presa in carico? No Presa in carico? No No Sì No Sì Presa in carico? Sì No Uscita dal processo Uscita dal processo Uscita dal processo Si Sì Si Elaborazione ed invio Ricezione e consultazione P finale Riesame? Consultazione SP in II e SP Produzione e inserimento P finale Sigla P finale Produzione e inserimento SP Ricezione e consultazione SP in IIa Riesame? Modifica? Produzione SP in IIa Si Modifica? Elaborazione sottoparere No No Sì No Sì No Invio parere finale per richiesta visti Modifica P e sigla Invio SP in IIa Modifica SP in IIa Invio SP alla Segreteria Isp. in IIa Sì Sì Firma? Riesame? Si Approvazione Verifica sigle Riesame? Ricezione visti e validazione P finale Riesame? Ricezione P finale Smistamento uffici responsabili e competenti visti Sigla P finale Ricezione P finale Visto Ricezione P finale Visto No Si No Modifica P finale No Fine processo Modifica P finale PROGETTO DI MONITORAGGIO Fasi del progetto di Monitoraggio Raccolta dati relativi alle misure elettriche Analisi dei dati di consumo Ricezione bollette e archiviazione Cruscotti Reporting e Analisi Supporto alle direttive per l ottimizzazione Uff. Competente Uff. Responsabile Ispettorato Segreteria Ispettorato in Iia Ufficio Competente Ufficio Responsabile Ispettorato Segreteria Ispettorato Ufficio di Coordinamento Ragioniere Capofila Capofila Generale Raccolta dei dati di consumo energetico relativi ai contatori elettrici dei siti/enti/reparti distribuiti per aree geografiche. Monitoraggio cabine MT attraverso l installazione di sensori e rilevatori nelle rispettive sottocabine Raccolta e visualizzazione dei dati di consumo attraverso la creazione di una base dati storica Ricezione File relativi ai contratti, bollette, ecc. Lettura e interpretazione dei dati (OCR) Archiviazione dei dati con i relativi metadati Visualizzazione, navigazione e alert sui dati di consumo e di spesa Scenari di simulazione piani tariffari, costo unitario Analisi e report predittivi Ottimizzazion e in caso di anomalie tra consumo misurato e consumo calcolato 35/87

36 ESEMPIO PRATICO Razionalizzare i consumi energetici del sistema edificio impianto Punto di partenza: analisi delle criticità Il costo energetico è spesso una voce marginale nei bilanci delle aziende Le bollette energetiche sono di difficile comprensione Il fenomeno energetico è complesso, dinamico e dipendente da fattori esterni La valorizzazione economica dell energia consumata non è di dominio pubblico nelle aziende Esiste una dicotomia di obiettivi tra chi progetta edifici/impianti, chi li utilizza e chi le manutiene La destinazione d uso di un edificio può cambiare durante la sua vita utile Passo successivo: conoscere L installazione di smart meter a cui sono collegati vari tipi di sensori permette di rilevare, in tempo reale, l andamento di tutti i vettori energetici. I dati rilevati confluiscono automaticamente nel Data Base centralizzato e la loro analisi permette la comprensione delle dinamiche delle varie grandezze, le loro correlazioni con il funzionamento dell azienda, ma anche la loro interdipendenza da fattori esogeni come quelli climatici. 36/87

37 IL SISTEMA LUM&N Il sistema di telecontrollo su onde radio per una smart city Illuminazione Pubblica Servizio pubblico che consiste nell illuminazione di spazi di libera circolazione. Generalmente è offerto dal Comune che ha il compito di: Acquistare l impianto Installarlo Provvedere al mantenimento Telecontrollo Possibilità di pilotare, controllare e gestire da remoto installazioni tecnologiche: Aumenta l efficienza e la sicurezza Riduce i costi Servizi al Cittadino Possibili servizi da erogare: Wi-Fi Impianto di Video-Sorveglianza Informazioni Pubbliche (Traffico, Parcheggi) Informazioni Ambiente (Meteo, Inquinamento) Stazioni Ricarica Mezzi Elettrici Chiamata Pronto Intervento e Teleassistenza 37/87

38 IL SISTEMA LUM&N Illuminazione Pubblica = simbolo di progresso: - Migliora la vivibilità - Aumenta la sicurezza globale - Rete Urbana presente sul 100% del territorio - Utilizzo dei lampioni come punti di Invio/Ricezione Un adeguato controllo permette - Ottimizzare le prestazioni del servizio - Evitare inutili sprechi - Organizzare le opere di manutenzione - Preservare l ambiente dall inquinamento E in corso una GRANDE RIVOLUZIONE TECNOLOGICA del sistema della Pubblica Illuminazione Geosystems Group S.r.l precede tale rivoluzione sviluppando Obiettivi: - Risparmio energetico - Tutela ambientale - Offerta di nuovi servizi innovativi ai cittadini 38/87

39 SISTEMA DI BUSINESS Mercato Partner tecnologici Green Consulting ICT & Energy Service Center PA Trasporti Servizi Partner scientifici Energy Consultant Company Banche Industria Finanziamenti

40 VERIFICHE DI CONFORMITÀ D.P.R. 5 ottobre 2010, n Regolamento di esecuzione ed attuazione del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, recante «Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE» Artt Art Oggetto delle attività di verifica di conformità 1. I contratti pubblici di forniture e di servizi sono soggetti a verifica di conformità al fine di accertarne la regolare esecuzione, rispetto alle condizioni ed ai termini stabiliti nel contratto,. 2. Le attività di verifica di conformità sono dirette a certificare che le prestazioni contrattuali siano state eseguite a regola d'arte sotto il profilo tecnico e funzionale, in conformità e nel rispetto delle condizioni, modalità, termini e prescrizioni del contratto, nonché nel rispetto delle eventuali leggi di settore. Le attività di verifica hanno, altresì, lo scopo di accertare che i dati risultanti dalla contabilità e dai documenti giustificativi corrispondano fra loro e con le risultanze di fatto, fermi restando gli eventuali accertamenti tecnici previsti dalle leggi di settore. Art. 313.Termini delle attività di verifica di conformità 1. La verifica di conformità è avviata entro venti giorni dall ultimazione della prestazione ovvero entro il diverso termine previsto dal contratto. 2. E obbligatoria la verifica di conformità in corso di esecuzione, sempre che non sussistano le condizioni per il rilascio dell attestazione di regolare esecuzione: a) nei casi in cui per la natura dei prodotti da fornire o dei servizi da prestare sia possibile soltanto l effettuazione di una verifica di conformità in corso di esecuzione contrattuale; b) nei casi di appalti di forniture e di servizi con prestazioni continuative, secondo i criteri di periodicità stabiliti nel contratto. 40/87

41 VERIFICHE DI CONFORMITÀ 3. In tutti gli altri casi, tenuto conto della natura delle prestazioni, del contenuto del contratto e di ogni altra circostanza resta ferma la facoltà delle stazioni appaltanti di procedere a verifica di conformità in corso di esecuzione al fine di accertare la piena e corretta esecuzione delle prestazioni contrattuali, con la cadenza adeguata per un accertamento progressivo della regolare esecuzione delle prestazioni. Art Incarico di verifica della conformità 1. La verifica di conformità è effettuata direttamente dal direttore dell esecuzione del contratto. 2. Ove il responsabile del procedimento accerti che le prestazioni rientrino tra quelle di cui all articolo 300, comma 2, lettera b) [prestazioni particolarmente complesse sotto il profilo tecnologico ovvero che richiedono l'apporto di una pluralità di competenze ovvero caratterizzate dall'utilizzo di componenti o di processi produttivi innovativi o dalla necessità di elevate prestazioni per quanto riguarda la loro funzionalità], la stazione appaltante attribuisce l'incarico della verifica di conformità ad un soggetto o ad una commissione composta da due o tre soggetti che siano in possesso della competenza tecnica eventualmente necessaria in relazione all oggetto del contratto. 6. Ai fini del compenso spettante al soggetto esterno incaricato della verifica di conformità possono essere utilizzate come criterio o base di riferimento, ove motivatamente ritenute adeguate, le tariffe della categoria dell ordine professionale di appartenenza. ( ) 41/87

42 SOMMARIO Sezione 1 I vantaggi dell efficienza energetica I nuovi obblighi per la Pubblica Amministrazione Il monitoraggio: strumento strategico per l efficienza energetica I Titoli di Efficienza Energetica Sistemi di Gestione dell Energia ISO Il finanziamento tramite terzi Cosa è una ESCO 42/87

43 I TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA (TEE) I DM 20 luglio 2004 definiscono le modalità con cui i distributori di energia elettrica e gas sono obbligati a conseguire crescenti livelli annuali di risparmio energetico, attraverso l acquisto di titoli commerciabili (TEE) che attestano l'avvenuto risparmio energetico. 1 TEE = 1 TEP (Tonnellata Equivalente di Petrolio) = kwhe o ,9 kwht 1 TEE, attualmente, ha un valore di circa 95/100 euro Una Esco, in qualità di Energy Service Company accreditata, è abilitata a presentare all Autorità per l Energia Elettrica e il Gas (A.E.E.G.) la richiesta di ottenimento dei TEE, in seguito ai risparmi energetici conseguiti grazie alla realizzazione degli interventi di efficienza energetica. 43/87

44 TEE - DEFINIZIONE I TEE sono titoli commerciabili che attestano l'avvenuto risparmio energetico, quantificato in TEP risparmiate, grazie all attuazione di specifici interventi presso gli utenti finali. I TEE, una volta ottenuti, possono essere venduti dalla Esco ai Soggetti obbligati, direttamente o attraverso il Gestore del Mercato Elettrico (GME). I TEE sono incompatibili con altre forme di incentivo pubblico. I TEE, nella maggioranza dei casi, vengono erogati per 5 anni («vita utile») I risparmi di energia primaria contestuali sono moltiplicati per un «coefficiente di durabilità» (tau) che relazione la «vita tecnica» alla «vita utile» 44/87

45 Obblighi (Mtep/anno) Elettrico Gas Totale ,1 0,1 0, ,2 0,2 0, ,4 0,4 0, ,2 1,0 2, ,8 1,4 3, ,4 1,9 4, ,1 2,2 5, ,5 2,5 6,0 Obblighi (MTEE/anno) ,03 2,48 5, ,71 3,04 6, ,26 3,49 7, ,23 4,28 9,51 TEE - OBBLIGHI E MERCATO 45/87

46 TEE - I SOGGETTI COINVOLTI AEEG/GSE - Certificazione risparmi - Rilascio TEE - Contributo tariffario - Verifiche e sanzioni DISTRIBUTORI ENERGIA (SOGGETTI OBBLIGATI) - Commercio TEE - Progetti FINANZA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REGIONI Programmazione sul territorio ESCO - Commercio TEE - Progetti (diretti o raccolta) CLIENTI FINALI Elaborazione Esco Italia. Fonte MAP 46/87

47 TEE - REGOLE I TEE sono normati e definiti dai DM 20/07/2004 che individuano l universo degli interventi di risparmio incentivabili (negli usi finali di energia) Non sono ammissibili i progetti orientati al miglioramento dell'efficienza energetica relativi agli impianti di generazione di energia elettrica Il meccanismo dei TEE è regolato dalle Linee Guida emanate dall AEEG con Delibera 103/2003, profondamente modificata dalla Delibera EEN 9/2011, in vigore dal 1 novembre 2011 Le Linee Guida individuano, per una serie di interventi di risparmio basati su tecnologie diffuse, Schede Tecniche di quantificazione dei risparmi tecnologie semplici: valutazioni risparmi standardizzate tecnologie complesse: valutazione risparmi analitiche Per le tecnologie meno diffuse (sempre nell ambito dei DM 20/07/2004): valutazione risparmi a consuntivo 47/87

48 TEE - METODI DI VALUTAZIONE DEI RISPARMI Valutazione standardizzata I metodi di valutazione standardizzata consentono di quantificare il risparmio specifico lordo annuo dell intervento attraverso la determinazione dei risparmi relativi ad una singola unità fisica di riferimento (UFR), senza procedere a misurazioni dirette. La procedura di richiesta dei TEE è semplice e veloce, attraverso invio di una Richiesta di Verifica e Certificazione dei risparmi (RVC). Dimensione minima RVC: 20 TEE Valutazione analitica I metodi di valutazione analitica consentono di quantificare il risparmio lordo conseguibile sulla base di un algoritmo di valutazione predefinito e della misura diretta di alcuni parametri di funzionamento del sistema dopo che è stato realizzato l intervento. La procedura di richiesta dei TEE è relativamente complessa e abbastanza veloce, attraverso invio di una Richiesta di Verifica e Certificazione dei risparmi (RVC). Dimensione minima RVC: 40 TEE 48/87

49 TEE - METODI DI VALUTAZIONE DEI RISPARMI Valutazione a consuntivo I metodi di valutazione a consuntivo consentono di quantificare il risparmio netto conseguibile attraverso uno o più interventi in conformità ad un programma di misura proposto e approvato dal GSE. La procedura di richiesta dei TEE è complessa e lenta, attraverso l invio di una Proposta di progetto e di programma di misura - PPPM e, poi, di RVC almeno una volta all anno. Il GSE emette eventuale parere negativo entro 60 giorni, altrimenti la PPPM è approvata. I tempi di presentazione delle RVC sono stabiliti nella PPPM. I TEE decorrono dalla data in cui viene avviato il programma di misura o comunque, al più tardi, dopo 24 mesi dalla data di prima attivazione dell intervento. Dimensione minima RVC: 60 TEE 49/87

50 TEE - ATTIVITÀ La richiesta dei TEE si delinea attraverso due attività principali: 1. Attività preliminari individuazione ambiti e interventi di risparmio energetico identificazione sistema di misura dell energia definizione iter procedurale e tempistiche di ottenimento dei TEE 2. Procedura di richiesta dei TEE misurazione dell energia risparmiata inoltro all AEEG/GSE di richieste di verifica e certificazione dei risparmi per 5 anni gestione commerciale dei TEE verificati e certificati dall AEEG/GSE 50/87

51 TEE - L IMPORTANZA DEL SISTEMA DI MISURA Permette di quantificare il risparmio energetico effettivamente conseguito con gli interventi realizzati, attraverso: misura ante-intervento (una tantum) misura post-intervento continuativa per 5 anni 51/87

52 SOMMARIO Sezione 1 I vantaggi dell efficienza energetica I nuovi obblighi per la Pubblica Amministrazione Il monitoraggio: strumento strategico per l efficienza energetica I Titoli di Efficienza Energetica Sistemi di Gestione dell Energia ISO Il finanziamento tramite terzi Cosa è una ESCO 52/87

53 IL SISTEMA DI GESTIONE DELL ENERGIA CONTESTO NORMATIVO Decreto legislativo 115/2008: Articolo 6 Qualificazione dei fornitori e dei servizi energetici 1. Allo scopo di promuovere un processo di incremento del livello di qualità e competenza tecnica per i fornitori di servizi energetici, con uno o più decreti del Ministro dello sviluppo economico e' approvata, a seguito dell'adozione di apposita norma tecnica UNI-CEI, una procedura di certificazione volontaria per le ESCO di cui all'articolo 2, comma 1, lettera i), e per gli esperti in gestione dell'energia di cui all'articolo 2, comma 1, lettera z). 2. Allo scopo di promuovere un processo di incremento del livello di obiettività e di attendibilità per le misure e i sistemi finalizzati al miglioramento dell'efficienza energetica, con uno o più decreti del Ministro dello sviluppo economico e' approvata, a seguito dell'adozione di apposita norma tecnica da parte dell'uni-cei, una procedura di certificazione per il sistema di gestione energia così come definito dall'articolo 2, comma 1, lettera v), e per le diagnosi energetiche così come definite dall'articolo 2, comma 1, lettera n). 3. Il Ministro dello sviluppo economico aggiorna i decreti di cui ai commi 1 e 2 all'eventuale normativa tecnica europea emanata in riferimento ai medesimi commi. 4. Fra i contratti che possono essere proposti nell'ambito della fornitura di un servizio energetico rientra il contratto di servizio energia di cui all'articolo 1, comma 1, lettera p), del decreto del Presidente della Repubblica 26 agosto 1993, n. 412, rispondente a quanto stabilito dall'allegato II al presente decreto. 53/87

54 SISTEMA DIGESTIONE DELL ENERGIA ISO La norma ISO specifica i requisiti per stabilire, attuare, mantenere attivo e migliorare un Sistema di Gestione dell Energia. L obiettivo generale è di supportare le organizzazioni a predisporre processi e sistemi necessari per migliorare l efficienza energetica. 54/87

55 SISTEMA DIGESTIONE DELL ENERGIA ISO Ad oggi, la voce dei consumi energetici industriali viene considerata dai Produttori un costo inevitabile dell impresa che può essere gestito solo attraverso un minore utilizzo. I Produttori più all avanguardia, invece, sono alla ricerca di risposte al problema della gestione energetica, attraverso tre leve: Ridurre Spendere meno Ottimizzare Un sistema di gestione dell energia, dopo un analisi dettagliata delle perdite e degli sprechi, consente di ottimizzare l utilizzo energetico e permette di trasformare le spese energetiche da costi strutturali in input aziendali. Ciò da la possibilità di ridurre al minimo tale spesa e di controllare quindi il costo del prodotto finale. 55/87

56 SISTEMA DIGESTIONE DELL ENERGIA ISO Monitoraggio dell impianto 7 Valutazione 2 Monitoraggio della produzione 6 Reazione Valutazioni e verifiche della gestione energetica possono aiutare le aziende ad identificare un ampia gamma di cambiamenti che possono essere introdotti per contribuire alla riduzione dei consumi. 3 Registrazione dell energia nella distinta di produzione 5 Controllo 4 Modellazione Non è necessario attuare tutte le fasi in modo sequenziale, ma la stabilità e i vantaggi aumentano all aumentare del numero di fasi realizzate. 56/87

57 COSA MANCA SENZA UNSISTEMA DIGESTIONE DELL ENERGIA Definizione della politica energetica Elaborazione di un Energy Planning Identificazione degli aspetti energetici significativi Verifica delle prestazioni 57/87

58 VANTAGGI DI UNSISTEMA DIGESTIONE DELL ENERGIA In futuro potrebbe essere avviata la certificazione dei bilanci energetici aziendali di imprese aderenti al Sistema di Gestione dell Energia (vedasi PAEE 2011) La certificazione è una prova che il Management è impegnato a rendere sostenibile il sistema di gestione dell energia e ne trae beneficio anche l immagine dell Azienda L ottenimento dei Certificati Bianchi (TEE) potrebbe essere più semplice per le aziende certificate 58/87

59 CICLO DI REALIZZAZIONE DI UNSISTEMA DIGESTIONE DELL ENERGIA Plan Do Sistema, attività, obiettivo Action Check 59/87

60 DIAGRAMMA DI PIANIFICAZIONE ENERGETICA INPUT Bollette, produzione illuminazione, umidità, grado giorno, requisiti legali Pianificare cosa considerare come input e chi e quando deve monitorare Pianificare la frequenza delle analisi, le procedure e il team, pianificare come le opportunità debbano essere registrate e riesaminate Analisi energetica Analisi degli usi e delle variabili connesse Usi energetici significativi e personale Opportunità di miglioramento OUTPUT ANALISI ENERGETICA Indici di prestazione Baseline Obiettivi Target Action Plans OPERATIVITA Formazione Comunicazione Controllo operativo Approvvigionamento Progettazione STRUMENTI E TECNICHE Grafici, tabelle, ecc. Pianificare quali strumenti devono essere usati; come e chi li utilizza Pianificare risorse, processi e procedure 60/87

61 SOMMARIO Sezione 1 I vantaggi dell efficienza energetica I nuovi obblighi per la Pubblica Amministrazione Il monitoraggio: strumento strategico per l efficienza energetica I Titoli di Efficienza Energetica Sistemi di Gestione dell Energia ISO Il finanziamento tramite terzi Cosa è una ESCO 61/87

62 FINANZIAMENTO TRAMITE TERZI ( FTT ) - DEFINIZIONE Direttiva 93/76/CEE - art. 4 Fornitura globale dei servizi di diagnosi, installazione, gestione, manutenzione e finanziamento di un investimento finalizzato al miglioramento dell'efficienza energetica secondo modalità per le quali il recupero del costo di questi servizi è in funzione, in tutto o in parte, del livello di risparmio energetico. Istituito il fondo di rotazione per il Finanziamento Tramite Terzi (D.Lgs. 115/2008 Art. 9) ABROGATO Destinata quota di 25 milioni di euro per gli interventi realizzati tramite lo strumento del finanziamento tramite terzi in cui il terzo risulta essere una ESCO. 62/87

63 FTT SCHEMA DI FUNZIONAMENTO un committente, pubblico o privato, vuole effettuare un intervento per ridurre i propri consumi energetici SENZA FTT TRAMITE FTT individua i fornitori e destina le proprie risorse finanziarie per realizzare l opera individua una ESCO che provvede a ricercare sia i fornitori che le risorse finanziarie il costo iniziale dell opera è tutto a CARICO DEL COMMITTENTE il costo iniziale dell opera è tutto a CARICO DELLA ESCO * * in funzione della disponibilità bancaria 63/87

64 STRUMENTI OPERATIVI - FINANZIAMENTO TRAMITE TERZI ( FTT ) bolletta energetica investimenti per il risparmio energetico risparmio atteso % annuo RECUPERO INVESTIMENTO DA PARTE DI ESCO IPOTESI A ammortamento a 5 anni IPOTESI B ammortamento a 15 anni 100% risparmio AD ESCO 50% risparmio AL CLIENTE 50% risparmio AD ESCO 64/87

65 L i v e l l o d e l l a s p e s a e n e r g e t i c a FTT RIPARTIZIONE DEI RISPARMI ESEMPIO DI SUDDIVISIONE FINANZIARIA CON IL FTT 100% 95% 70% Bolletta energetic a prima degli intervent i + manuten zione RISPARMIO PER L'UTENTE Recupero investimento da parte della Esco RISPARMIO PER L'UTENTE Bolletta energetica dopo gli interventi + manutenzione 0% anni /87

66 FTT E PATTO DISTABILITÀ Come previsto dalla Circolare n.5 del Ministero dell Economia e delle Finanze del 14/02/2012, il Finanziamento Tramite Terzi non è escluso dai saldi del Patto di Stabilità I Comuni vincolati dal patto di stabilità possono ricorrere al Finanziamento Tramite Terzi per la realizzazione di interventi di efficienza energetica sul territorio di propria competenza 66/87

67 Medio Credito Centrale - Circolare 617 del 25 maggio 2012 GARANZIE PUBBLICHE SU PROGETTI A COMMESSA Criteri di valutazione economico-finanziaria per le imprese caratterizzate da cicli produttivi ultrannuali e operanti su commessa o a progetto. "Nell ambito delle Disposizioni Operative è emersa la lacuna normativa data dall assenza di modalità per la selezione delle imprese non caratterizzate da continuità operativa, contraddistinte da un alta volatilità del fatturato, operanti su commessa o a progetto, le quali, per realizzare una determinata iniziativa, sono chiamate a dotarsi, talvolta anche ricorrendo a forme di outsourcing, di un adeguata struttura produttiva. Questa tipologia di imprese si distingue per un marcato disallineamento temporale dei flussi finanziari, con una concentrazione dei costi nella fase iniziale e un rientro dei flussi attesi più o meno graduale, collegato al ciclo economico dell iniziativa. A seguito della modifica normativa approvata, la valutazione economico-finanziaria dei dati storici degli ultimi due bilanci effettuata sui modelli di scoring applicabili è integrata da un ulteriore modello di analisi basato su business plan, con l obiettivo di acquisire le informazioni necessarie per rilevare la capacità dell impresa di: realizzare lacommessa o il progetto; di remunerare l iniziativa. 67/87

68 GARANZIE PUBBLICHE SU PROGETTI A COMMESSA Di seguito si riportano gli elementi caratteristici per valutare la capacità di realizzazione e di remunerazione dell iniziativa alla base del modello di analisi fondato su business plan. Capacità di realizzazione descrizione della struttura organizzativa dell impresa (compreso outsourcing) descrizione della commessa o del progetto relazione sull esperienza dell impresa nella realizzazione di iniziative similari descrizione delle componenti di spesa definizione dei tempi di realizzazione dell iniziativa Capacità di remunerazione piano dei costi individuazione delle fonti finanziarie interne ed esterne per la copertura dell iniziativa analisi del mercato di sbocco importi, qualificazione e orizzonte temporale dei rientri attesi Ai fini dell ammissibilità al Fondo di operazioni di finanziamento a favore di tali tipologie di imprese sono state introdotte due specifiche condizioni vincolanti: mezzi propri, pari almeno al 10% del budget dell iniziativa; durata del finanziamento collegata ciclo economico dell iniziativa, comprensivo del periodo di realizzazione della commessa o del progetto e dell orizzonte temporale necessario per ilconseguimento dei rientri attesi. 68/87

69 SOMMARIO Sezione 1 I vantaggi dell efficienza energetica I nuovi obblighi per la Pubblica Amministrazione Il monitoraggio: strumento strategico per l efficienza energetica I Titoli di Efficienza Energetica Sistemi di Gestione dell Energia ISO Il finanziamento tramite terzi Cosa è una ESCO 69/87

70 COSA È UNA ESCO D.Lgs. 115/2008 definisce una Energy Service Company Persona fisica o giuridica che fornisce servizi energetici ovvero altre misure di miglioramento dell'efficienza energetica nelle installazioni o nei locali dell'utente e ciò facendo, accetta un certo margine di rischio finanziario. Il pagamento dei servizi forniti si basa, totalmente o parzialmente, sul miglioramento dell'efficienza energetica conseguito e sul raggiungimento di altri criteri di rendimento stabiliti. Norma UNI CEI 11352:2010 definisce i requisiti generali delle Esco a) offrire un servizio di efficienza energetica b) possedere le capacità organizzativa, diagnostica, progettuale, gestionale, economica e finanziaria c) offrire garanzia contrattuale di miglioramento dell'efficienza energetica attraverso i servizi e le attività fornite, con assunzione in proprio dei rischi tecnici e finanziari connessi con l'eventuale mancato raggiungimento degli obiettivi concordati d) collegare la remunerazione dei servizi e delle attività fornite al miglioramento dell'efficienza energetica e ai risparmi conseguiti 70/87

71 COSA È UNA ESCO: SETTORI DI MERCATO E ATTIVITÀ Le Esco sono l operatore di riferimento per tutte le tematiche energetiche Le Esco sono soggetti specializzati nei settori: efficienza energetica (EE) energie rinnovabili (FER) generazione distribuita (GD) Attività principali: Audit energetici Progettazione, realizzazione e manutenzione interventi Monitoraggio energetico e ambientale Sistema Gestione Energia - ISO Gestione titoli energetici: Titoli di Efficienza Energetica (TEE), Certificati Verdi (CV), Quote Emissione di CO 2 Reperimento risorse finanziarie Formazione, Informazione, Comunicazione EE - FER - GD Gestione titoli energetici Formazione Informazione Comunicazione 71/87

72 COSA È UNA ESCO: SETTORI DI INTERVENTO E CLIENTI settori di intervento Edilizia civile ed industriale Interventi sui processi produttivi clienti privato: civile e industriale pubblica amministrazione centrale e periferica (ospedali, ministeri, scuole, aziende partecipate, ) Nel DM MATTM 07/03/2012 Adozione dei criteri ambientali minimi da inserire nei bandi di gara della Pubblica Amministrazione per l acquisto di servizi energetici per gli edifici è espressa la necessità per le società che forniranno tali servizi di disporre dei requisiti almeno pari a quelli previsti dalla norma UNI CEI sulle Esco 72/87

73 COSA È UNA ESCO: OPERATIVITÀ 1. Approccio strategico e operativo su tutta la filiera di riqualificazione energetica: finalizzato al raggiungimento del massimo risparmio energetico. 2. Remunerazione in base al risparmio energetico conseguito 3. Finanziamento diretto o indiretto dell'intervento: Finanziamento Tramite Terzi (FTT) 4. Garanzia al cliente del risparmio ottenuto 73/87

74 COSA È UNA ESCO: VANTAGGI 1. Realizzazione di interventi con ridotte immobilizzazioni finanziarie 2. Affidamento della progettazione, degli interventi e della manutenzione a qualificate competenze tecniche specifiche 3. Riduzione dei consumi e dei costi di gestione 4. «Certificazione» degli interventi di risparmio energetico con i Titoli di Efficienza Energetica, ove ottenibili 5. Sviluppo di un Sistema di Gestione dell Energia (ISO 50001) 74/87

75 Le fasi per la realizzazione di un progetto di efficienza energetica sono tutte coordinate da una Esco. In tale percorso la fase del monitoraggio riveste un ruolo fondamentale. Il finanziamento dei progetti prevede principalmente una metodologia definita Finanziamento Tramite Terzi ( FTT ) (D.Lgs. 115/08). Fase iniziale Analisi criticità Rilevamento dati primari Rilevamento di tutti i dati e gli effettivi consumi ad integrazione della fase di audit per una rappresentazione dello stato reale RILEVAMENTO DATI PROGETTAZIONE Definizione progetto Individuazione fornitori Piano Economico-Finanziario Analisi impatti ambientali, ANALISI economici, finanziari, patrimoniali Audit energeticoambientale Coordinamento Sistema di Gestione dell Energia Studio di fattibilità Certificazione energetica iniziale IL PROCESSO DELLE ATTIVITÀ DI UNA ESCO REALIZZAZIONE Individuazione e reperimento finanza Direzione lavori Interventi: efficienza energetica, generazione distribuita, fonti rinnovabili, cogenerazione, trigenerazione; teleriscaldamento Verifica della rispondenza tra il progetto e la sua realizzazione GESTIONE Collaudo, start up Certificazione energetica finale e certificazione ambientale Impronta ecologica e bilancio ambientale Gestione post consegna e manutenzione Dismissione impianti a fine vita Fase finale Analisi performance ANALISI PERFORMANCE Monitoraggio performance raggiunte e consumi effettivi a seguito degli interventi realizzati 75/87

76 SOMMARIO Sezione 1 I vantaggi dell efficienza energetica I nuovi obblighi per la Pubblica Amministrazione Il monitoraggio: strumento strategico per l efficienza energetica I Titoli di Efficienza Energetica Sistemi di Gestione dell Energia ISO Il finanziamento tramite terzi Cosa è una ESCO Sezione 2 Federesco 76/87

77 Nel 2006, è stata costituita Federesco (Federazione nazionale delle Esco) che permette di aggregare gli interessi dei differenti stakeholder del settore. FEDERESCO Federesco è un'associazione che persegue lo scopo di diffondere fra gli operatori pubblici e privati e la cittadinanza: Esco Italia è socia fondatrice di Federesco BEST PRACTICE piu' appropriate al fine del raggiungimento degli obiettivi previsti dal Protocollo di Kyoto e dalla Politica Energetica Europea. diffusione sul territorio di impianti di GENERAZIONE DISTRIBUITA di energia basati sullo sfruttamento delle FONTI RINNOVABILI in COGENERAZIONE e TRIGENERAZIONE; cultura e utilizzo del meccanismo FTT al fine di ottenere la compressione della domanda energetica e la riduzione delle emissioni inquinanti con investimenti nulli per i clienti; cultura dell'efficienza ENERGETICA e del risparmio energetico; conoscenza delle ENERGY SERVICE COMPANY quali operatori di riferimento per il settore energetico; 77/87

78 FEDERESCO 2P Engineering S.r.l Adige Energy Company S.r.l. Aura Energy S.r.l. Avvenia S.r.l. Bi Esse Energy S.r.l. Centoraggi Soc. Coop. Consul System S.p.A Coppermann S.r.l. EcoEnergy Solutions EdS Infrastrutture S.p.A. Energeco S.r.l. Energetic-Sei S.r.l. Energie S.r.l. Energy Life S.r.l. Energy Solve S.r.l. EnergyCoop S.r.l. Enerset S.r.l. Enfinity Italia S.r.l. Esco Campania S.r.l. Esco Cilento Sele e Diano S.r.l. Esco Italia S.r.l. Esco Marche S.r.l. Esco Puglia S.r.l. Esco Sardinia S.r.l. Esco Sicilia Occidentale S.r.l. Esco Sicilia S.r.l. Esco Veneto S.r.l. Ferrari Green Energy S.r.l. Genea Consorzio Stabile S.r.l. Hakaklima S.r.l. Hi Technology S.r.l. Impiantistica Lamedica S.r.l. JPE 2010 SCARL Kairos società di ingegneria Magico Service S.r.l. Musumeci Costruzioni Generali S.r.l. Pavesi E.S.Co S.r.l. R.T.S. S.r.l. RES S.r.l. S.I.Co.S. S.r.l. Sartec S.p.A Selav S.p.A. Sita Sud S.r.l. Smepa S.r.l. Studio Bartucci S.r.l. Tea Servizi S.r.l. Tesi S.r.l. Time Led S.r.l. 78/87

79 I PARTNER Esco Italia dispone di una fitta rete di rapporti e relazioni con i principali operatori italiani attivi nel suo settore e altamente complementari per la tipologia di prodotto e servizio offerto. Attraverso Federesco, sta sviluppando una serie di importanti rapporti di collaborazione con primari enti e associazioni italiane. PARTNER SCIENTIFICI PARTNER COMMERCIALI 79/87

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Federesco Le Energy Service Company La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Seminario Strumenti, opportunità e potenzialità dell efficienza energetica a supporto del sistema locale

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO In collaborazione con Sistema FAR ECHO 1 Sistema FAR ECHO Gestione intelligente delle informazioni energetiche di un edificio Tecnologie innovative e metodi di misura, contabilizzazione, monitoraggio e

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

PIANO ENERGETICO della

PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO 2 Documento di aggiornamento - 2011 Nuove politiche energetiche Offerta e Domanda di energia al 2010 Fonti di Energie Rinnovabili al 2010 Bilancio

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Roma, aprile 2013 INDICE Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Esempi di interventi incentivabili -2- Il Conto Termico: DM 28 12 12 Il Conto Termico

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo

Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo Enrico Biele, FIRE Green shipping summit 2014 26 giugno 2014, Napoli Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell

Dettagli

AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager. Novembre 2014

AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager. Novembre 2014 AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager Novembre 2014 AZZEROCO 2 AzzeroCO 2 è una società di consulenza energetico-ambientale creata da Legambiente, Kyoto

Dettagli

Efficienza Capitale 1

Efficienza Capitale 1 Efficienza Capitale 1 Efficienza energetica, abbattimento Co2, risparmio e investimenti, controllo social PREMESSA Gli edifici pubblici devono essere i luoghi dove curare il nostro presente. Le scuole

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

Prot. n. 5140. L'Assemblea legislativa

Prot. n. 5140. L'Assemblea legislativa Progr. n. 156 Oggetto n. 3124: Approvazione atto di indirizzo e coordinamento sui requisiti di rendimento energetico e sulle procedure di certificazione energetica degli edifici. (Proposta della Giunta

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

L 114/64 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 27.4.2006

L 114/64 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 27.4.2006 L 114/64 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 27.4.2006 DIRETTIVA 2006/32/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2006 concernente l'efficienza degli usi finali dell'energia e i servizi

Dettagli

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

Scaglioni di potenza (kw) 1

1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1

Scaglioni di potenza (kw) 1<P 3 3<P 6 6<P 20 20<P 200 200<P 1.000 P>1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1 Tariffe per la copertura degli oneri sostenuti dal GSE per lo svolgimento delle attività di gestione, di verifica e di controllo, inerenti i meccanismi di incentivazione e di sostegno, a carico dei beneficiari

Dettagli

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del del : /12/2012. Il documento

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo:

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: AMICI DELLA TERRA ITALIA www.amicidellaterra.it La ricetta italiana Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: Verso Parigi 2015. Gli Stati generali dei cambiamenti climatici

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

INTERVENTI A SUPPORTO DELLE POLITICHE EUROPEE

INTERVENTI A SUPPORTO DELLE POLITICHE EUROPEE Programma Operativo Nazionale Governance e Assistenza Tecnica (FESR 2007 2013) - Asse II Obiettivo Operativo II.4 INTERVENTI A SUPPORTO DELLE POLITICHE EUROPEE Ricognizione preliminare delle principali

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: "Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia"

DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: "Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia" coordinato con il D.Lgs. 311/2006, con il D.M. 26/6/09, con la L. 99/2009

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

Art.5 Piani regionali.

Art.5 Piani regionali. Norme per l attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia (legge 9/1/1991 n 10) TITOLO I Norme

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata Cosa può fare l Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC? E quando? Il team di EURAC è in grado di: gestire

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CHIARIMENTI IN MATERIA DI DIAGNOSI ENERGETICA NELLE IMPRESE AI SENSI

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

L esperienza del Green Energy Audit

L esperienza del Green Energy Audit L esperienza del Green Energy Audit Arch. Ph.D. Annalisa Galante Adjunct Professor Research Associate - Dipartimento ABC - Politecnico di Milano Coordinamento corsi di formazione - Comunicazione e Marketing

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER 15 giugno 2015 Il Decreto di incentivazione delle FER non fotovoltaiche in via di emanazione dal Ministero dello Sviluppo Economico dovrebbe

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE D.M.

MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE D.M. MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE D.M. 20 luglio 2004 Nuova individuazione degli obiettivi quantitativi per l'incremento dell'efficienza energetica negli usi finali di energia, ai sensi dell'art. 9,

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa ALTHESYS Presentazione IREX Annual Report 2013 GSE Roma, 18 aprile 2013 Non solo energia elettrica INDICE

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. DM 13/12/93 APPROVAZIONE DEI MODELLI TIPO PER LA COMPILAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991 N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

POWERED BY SUN LEAF ROOF

POWERED BY SUN LEAF ROOF POWERED BY SUN LEAF ROOF DALLA COPERTURA COME PROTEZIONE... [...] essendo sorto dopo la scoperta del fuoco un principio di comunità fra uomini [...] cominciarono in tale assembramento alcuni a far tetti

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

ENERGIA EOLICA E FOTOVOLTAICA. Documento di consultazione. Il ruolo degli enti locali: problematiche connesse alle operazioni poste in essere.

ENERGIA EOLICA E FOTOVOLTAICA. Documento di consultazione. Il ruolo degli enti locali: problematiche connesse alle operazioni poste in essere. ENERGIA EOLICA E FOTOVOLTAICA Documento di consultazione Il ruolo degli enti locali: problematiche connesse alle operazioni poste in essere. Sommario 1. L ente locale come soggetto autorizzatore o concedente

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities 1-32 28 giugno 2013 IL QUADRO DI RIFERIMENTO Cambiano gli scenari europei Regolamento

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

ACCENDIAMO IL RISPARMIO

ACCENDIAMO IL RISPARMIO ACCENDIAMO IL RISPARMIO PUBBLICA ILLUMINAZIONE PER LA SMART CITY Ing. Paolo Di Lecce Tesoriere AIDI Amministratore Delegato Reverberi Enetec srl LA MISSION DI REVERBERI Reverberi Enetec è una trentennale

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA (DALL ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ALL ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA)

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA (DALL ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ALL ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA) Studio Civilistico n. 657-2013/C LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA (DALL ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ALL ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA) Approvato dall Area Scientifica Studi Pubblicistici il 19 settembre

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale tavolo energia/pmi - 19 marzo 2007 Sala Consigliare A cura di: Andrea

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli