Esempio di Business Plan

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esempio di Business Plan"

Transcript

1 Esempio di Business Plan Produzione e vendita di pasta fresca, cibi precotti e pasticceria, fornitura a terzi. a cura di: Cannello Gemma

2 DATI ANAGRAFICI Dati anagrafici (duplicare le righe in caso di compilazione da parte di più proponenti) Nome GEMMA Cognome CANNELLO Data nascita (gg/mm/aaaa) Comune nascita Provincia nascita 23/09/1979 ROSSANO COSENZA Nazionalità ITALIANA Stato civile NUBILE Comune di residenza Cap Provincia ROSSANO CS Dati di sintesi sull'iniziativa proposta Oggetto iniziativa o denominazione prescelta PRODUZ. E VENDITA DI PASTA FRESCA, CIBI PRECOTTI E PASTICCERIA, FORNITURA A TERZI Settore di attività ALIMENTARE Localizzazione prevista Cap Provincia localizzazione ROSSANO COSENZA Via di localizzazione (ove già nota)

3 Presentazione dell iniziativa Oggetto dell'iniziativa Oggetto dell'iniziativa è la gestione di un'attività di produzione e vendita di pasta fresca, cibi precotti e prodotti tipici di pasticceria, abbinata al servizio di catering che prevede l'approvvigionamento per famiglie (cerimonie, feste, cene), per imprese (convegni, congressi, fiere, ecc.) e per enti ed associazioni (manifestazioni, eventi, ecc.). Luogo in cui si vorrebbe realizzare/attivare La zona in cui intende attuarsi l'iniziativa è Rossano (CS) Motivazioni alla base della localizzazione prescelta Il Paese è un attivo centro commerciale e negli anni più recenti la zona interessata ha registrato un notevole incremento della popolazione residente, pertanto il risultato è che migliaia di persone che abitano nella zona saranno dei potenziali clienti dell attività in questione, oltre, ovviamente, agli utenti provenienti frequentemente dai paesi limitrofi e che identificano Rossano come il principale punto di riferimento per i loro acquisti. La crescita ha determinato anche un aumento di uffici e, in generale, di strutture adibite ad attività pubbliche e private e l incremento dei posti di lavoro ha, di conseguenza, provocato un maggior afflusso di individui provenienti anche da zone piuttosto distanti dalla presente considerata. Il minor tempo che caratterizza l'attività lavorativa determina sempre più l'esigenza di rivolgersi all'industria dei piatti pronti ( venduti nei supermercati), a rosticcerie o pizzerie e ciò conduce il più delle volte ad un' alimentazione disordinata ed incompleta, proprio per la mancanza di strutture in grado si sopperire con pasti diversi rispetto ai soliti cibi veloci e poco nutritivi, o comunque non preparati artigianalmente. Rossano, inoltre, è un importante bacino di utenza costituito da turisti italiani e soprattutto da stranieri, per lo più interessati alle peculiarità del luogo ed al patrimonio artistico culturale di cui gode la più che millenaria cittadina. Numerose sono le produzioni tipiche e rinomate del Paese ma allo stato attuale manca un punto di riferimento per la degustazione di tali specialità.

4 A chi si rivolge (clienti di riferimento) e perché L'attivazione di un laboratorio per la produzione e commercializzazione di pasta fresca e pasticceria si rivolge soprattutto ai lavoratori/trici che, per mancanza di tempo, spesso sono costretti a consumare pasti frugali e poco nutritivi oltre che ripetitivi. Ad essi l'offerta intende proporre cibi freschi e genuini e piatti elaborati già pronti che non richiedano particolari lavorazioni, ideali pertanto per il consumo immediato. Inoltre l'offerta aggiuntiva di organizzazione di cene, pranzi, ecc. per famiglie, associazioni, gruppi organizzati, ecc. costituisce un servizio relativamente nuovo per la zona di riferimento e potrà consentire un maggior grado di comodità che sarà arricchita dalla preparazione di piatti speciali, tipici e non, sempre caratterizzati dall'originalità delle ricette e dalla qualità dell'allestimento. La tipicità e la genuinità dei prodotti li renderanno, inoltre, apprezzati anche presso i turisti, sia italiani che esteri, che vogliano degustare le nostre speciliatà calabresi. Presso il mio esrcizio sarà prevista esclusivamente la vendita al banco a maggiore garanzia di una costante disponibilità di prodotti freschi e di recente produzione. Prima suddivisione della clientela in segmenti e loro specifici bisogni che si vogliono soddisfare I segmenti di clientela a cui ci si rivolge sono in partcolare quelli relativi a: - Lavoratori-trici: l'offerta per loro consiste principalmente in piatti pronti al consumo o da preparare senza particolari lavorazioni (pasta fresca da condire) in grado di garantire un minor dispendio di tempo e la garanzia di una eccellente qualità e freschezza dei cibi; - Famiglie ed enti/associazioni/ gruppi organizzati: per loro si intende venire incontro alla necessità di festeggiare con cibi tradizionali e ricette "particolari" determinati eventi, anche attraverso l'organizzazione di avvenimenti in modo esclusivo e riservato in un clima di massima comodità e discrezione; - Turisti: nei loro confronti l'offerta del mio laboratorio consentirà la degustazione e l'asporto di specialità tipiche del Paese e non solo. Elementi di innovazione e/o di differenziazione previsti Gli elementi innovativi consistono essenzialmente nella volontà di abbinare la produzione e lavendita di pasta fresca, attività che attualmente vede attivo un solo diretto concorrente (negozio di pasta fresca scarsamente sconosciuto), alla commercializzazione di piatti pronti (primi, secondi, ecc.) e di prodotti di pasticceria. Tale combinanzione può garantire ai consumatori la disponibilità di prodotti freschi, preparati secondo ricette originali e tradizionali, secondo un metodo genuinamente artigianale e mediante l'utilizzo di macchine semplici e moderne. Sarà previsto, inoltre, un servizio a domicilio soprattutto a supporto dell'organizzazione di pranzi e cene in modo di assicurare efficientemente l'evasione degli ordini.

5 Obiettivi e risultati che si pensa di poter raggiungere Si ritiene auspicabile una crescita progressiva determinata da un numero crescente di clienti sia in termini numerici che per tipologia. In particolare nel tempo potrebbe essere colta l'opportunità di rivolgersi anche a mense scolastiche per la fornitura dei pasti, così come a pizzerie, trattorie e a strutture di ristorazione in genere per il rifornimento di specialità in occasione di eventi particolari, sopperendo, in tal modo, a determinate carenze degli stessi. L'avvio dell'iniziativa sarà accompagnato da un piano pubblicitario e promozionale mirato ad evidenziare l'unicità del servizio offerto nella zona considerata, e che ritengo sia in grado di determinare una notevole notorietà e, quindi, un maggior afflusso di clientela. In prima battuta la politica di ingresso nel mercato sarà accompagnata dalla pratica di prezzo assolutamente competitivi senza alcun discapito della qualità dei cibi e della copertura dei costi. Una volta acquisita una fetta considerevole di clienti, saranno messi in atto opportuni piani promozionali volti ad incentivare la clientela potenziale e determinando in tal modo una maggiore diffusione sul terrritorio anche circostante. Motivi di possibile successo L'iniziativa mira all'introduzione di alcuni elementi di differenziazione nel mercato di riferimento. Innanzitutto l'offerta sarà costituita da prodotti diversi (pasta fresca, piatti pronti di diversa portata e dolci) e si caratterizzerà per la produzione artigianale tipica ma anche per la preparazione di specialità di attuale tendenza al fine di assurarsi una maggiore fetta di mercato per la varietà dei piatti trattati. Rispetto ad altre iniziative particolare attenzione sarà riservata alla freschezza e genuinità degli ingredienti utilizzati e sarà attivato un servizio a domicilio, rivolto in particolare alla fornitura presso terzi per l'organizzazione di cene, eventi, ecc. Sulla base di tali elementi si desume, inoltre, una elevata differnziazione rispetto alla concorrenza attualmente attiva ed in grado di raccogliere quel sicuro gradimento già emerso nel corso di un'indagine da me personalmente condotta presso alcuni conoscenti.

6 IL PROPONENTE (duplicare il foglio in caso di compilazione da parte di più proponenti) Curriculum vitae Formazione anno attestati diplomi o qualifiche scuola o ente di formazione motivo di importanza per l'iniziativa 1998 Diploma "Ragioniere e perito tecnico commerciale" Istitituto tecnico commerciale medio-alto 2004 Laurea "Economia Aziendale" Unical alto formazione-tipo per il mestiere Aspetti amministrativo-contabili Conoscenza di una lingua straniera Non è richiesta qualifica professionale mia formazione effettiva buona conoscenza di tali aspetti buona conoscenza lingua inglese, conoscenza scolastica francese e spagnolo carenze formative che dovrei colmare Enogastronomia, normativa e regolamentazione del settore degli alimenti, merceologia e igiene del lavoro, di cui attualmente mi sto documentando e che mi impegno ad approfondire.

7 Esperienze lavorative durata qualifica azienda motivo di importanza per l'iniziativa 09/ /2002 collaboratrice part-time UNICAL settore "Risorse Umane" Medio in corso Tirocinante Studio commerciale e tributario Alto 05/09/ /05/2005 collaborazione Studio di consulenza aziendale Alto carenze professionali che dovrei colmare Aspetti organizzativi e di marketing, tecnica di gestione e di approvvigionamento. Tali elementi potrebbero essere inizialmente colmati rivolgendomi a consulenti esterni esperti al riguardo. Lingue straniere Lingue straniere Livello di conoscenza parlato scritto INGLESE DISCRETO BUONO ALTO FRANCESE DISCRETO DISCRETO MEDIO SPAGNOLO SUFFICIENTE DISCRETO MEDIO livello di importanza per l'iniziativa

8 Conoscenze informatiche Sistemi, programmi ed applicazioni Livello di conoscenza livello di importanza per l'iniziativa WINDOWS XP BUONO MEDIO WORD OTTIMO MEDIO EXCEL BUONO MEDIO INTERNET OTTIMO ALTO POSTA ELETTRONICA OTTIMO ALTO Hobby e interessi con elementi di attinenza rispetto all'iniziativa Hobby e interessi Livello di conoscenza/pratica livello di importanza per l'iniziativa LETTURA (QUOTIDIANI, RIVISTE SALUTE, MEDICINA E ALIMENTAZIONE) BUONO ALTO CUCINA BUONO ALTO Mie aspettative e motivazioni Le motivazioni che mi hanno indotta ad intraprendere l iniziativa descritta nel presente Business Plan sono da ricondursi essenzialmente alla volontà di realizzare una struttura di piccole dimensioni volta alla produzione di un prodotto considerato ormai un capo saldo della nostra tradizione gastronomica, quale appunto la pasta fresca, da realizzare in differenti formati e composizioni e abbinando alla presente attività che costituirà la principale, anche la produzione di cibi pronti e di dolci tipici e non. Gli articoli trattati sono particolarmente richiesti in un mercato, quale appunto quello di Rossano, da diversi anni ormai in forte crescita dimensionale, caratterizzato dalla presenza di turisti per tutta la durata dell anno e da un notevole potenziale di consumatori rappresentato dalla fascia dei lavoratori sia residenti del luogo, sia provenienti da paesi limitrofi. Sarà pertanto prevista la vendita al dettaglio dei prodotti ma anche la fornitura presso terzi mediante accordi commerciali che, come titolare dell'iniziativa, intraprenderò in un ottica di ulteriore sviluppo al fine di rendere un servizio efficiente e differenziato rispetto alla concorrenza pressoché inesistente.

9 Contenuti necessari per l'avvio dell'iniziativa Tipologia requisito Contenuto rispetto all'attività Scolastici/formativi - Albi Attestazioni - Altro - Possesso dei requisiti Si No Data rilascio Avviato Tempi previsti per il rilascio Breve descrizione del mestiere che intendo svolgere (es. la mia giornata tipo...) La mia attività all'interno del punto vendita sarà inizialmente volta alla messa in funzione dei macchinari per la produzione dei diversi formati di pasta e alla preparazione dei piatti. E' presumibile che per tale attività sia necessario il supporto di ulteriore personale: in proposito potenziali e naturali collaboratori saranno costituiti da mia madre a cui potrà essere affidata la responsabilità di gran parte del ciclo produttivo e da mia sorella che potrebbe occuparsi del confezionamento e della vendita al banco. Laddove il successo dovesse garantire volumi consistenti maturati presso segmenti di clientela eterogenei le mie iniziali funzioni operative tenderebbero a modificarsi in attività di supervisione e controllo e di responsabilità diretta relativamente agli aspetti burocratici, gestionali, e promozionali del punto vendita nonchè di rappresentanza nel contatto con i fornitori e con le fasce di clientela "extra banco" (clienti esterni). Sintesi ragionata delle informazioni prodotte e correlazione con l'iniziativa Con la presente iniziativa intendo mettere a frutto, per ciò che concerne gli aspetti amministartivi, le competenze basilari acquisite con gli studi universitari di "Economia aziendale" e, successivamente, apprese dal tirocinio di formazione e dalla collaborazione svolti rispettivamente in uno studio commerciale ed in uno studio di consulenza aziendale, che mi hanno consentito di apprendere gli strumenti necessari per la costituzione e la gestione di imprese, curando aspetti relativi alla finanza agevolata, gestendo i rapporti con la clientela e maturando competenze nel campo della contabilità, e, in misura minore, nel campo dell'organizzazione aziendale e del marketing. Tutto ciò va ad unirsi alla predilizione per la cucina e soprattutto alla necessità di voler intraprendere un' attività connaturata da un certo grado di differenziazione se si considera il mercato di riferimento, grazie all'offerta di prodotti mirati ed orientati a specifiche esigenze, a supporto della presente attività sarà inoltre garantito un servizio celere ed efficiente. A maggiore garanzia di efficienza sarà attivata un'apposita casella di posta elettronica attraverso la quale far pervenire le richieste ed evadere gli ordini e l'utilizzo di internet consentirà un con

10 IL MERCATO DI RIFERIMENTO Territorio di riferimento Area Caratteristiche N Abitanti ROSSANO (CS) Luogo di grandi attrazioni e di indubbia valenza storica e culturale, centro commerciale in fase di espansione e sviluppo. Motivi per la scelta del territorio Rossano, per la strategica posizione geografica accoglie ogni anno un notevole afflusso di turisti,la presenza del mare e della montagna favoriscono un clima mite e si sono inoltre create tutte le condizioni naturali per un fiorente sviluppo economico e sociale soprattutto nell'ultimo decennio. Significativo è stato l'incremento demografico e la proliferazione di diverse attività commerciali impiegate in svariati settori e di uffici pubblici e privati con maggiori opportunità di lavoro sia per gli uomini che per le donne. Sebbene siano presenti diverse attività di ristoro (pizzerie, rosticcerie, ristoranti), allo stato attuale manca un servizio dedito alla produzione di piatti pronti, appositamente confezionati per l'asporto, e di pasta fresca (1 solo diretto concorrente), la cui preparazione prettamente artigianale e il servizio a domicilio costituiscono elementi di sicuro apprezzamento per i potenziali fruitori. I clienti Tipologia di Cliente Elementi caratteristici della tipologia Bisogni Numero di clienti nella tipologia Quota di mercato (%) che si pensa di raggiungere LAVORATORI/TRICI mancanza di tempo piatti già pronti da consumare o che non richiedano particolari elaborazioni e quindi minor dispendio di tempo % FAMIGLIE ENTI/ASSOCIAZIONI/ GRUPPI ORGANIZZATI necessità di festeggiare determinare occasioni in un ambito familiare e più intimo necessità di disporre di un servizio che abbini le caratteristiche della tradizionalità a quelle della genuinità ed innovazione Organizzazione di cerimonie, cene e feste. Servizio offerto a domicilio. Fornitura per la preparazione di cene, pranzi per eventi, manifestazioni, ecc.,o di spuntini al sacco destinati ai gruppi organizzati.servizio a domicilio % % TURISTI ITALIANI/ESTERI Interesse o curiosità per i prodotti tipici calabresi Degustazione immediata di prodotti elaborati e caratteristici %

11 Motivi per rivolgersi proprio a tali segmenti di clientela Il mercato di riferimento è costituito prevalentemente da coloro che, conducendo una vita frenetica ed assolti dai loro impegni quotidiani di lavoro e/o di famiglia, sono "costretti" il più delle volte a preparare e/o a consumare dei pasti veloci e ripetitivi che non sono in grado di fornire il giusto apporto nutrizionale, con notevoli danni anche dal punto di vista salutare. Lo scopo è quello di rendere semplice ed economica la preparazione delle ricette più buone e tipiche della cucina tradizionale italiana. Per quanto riguarda la preparazione di cene e pranzi per privati, associazioni, ecc., viene considerato un servizio relativamente nuovo, rivolto soprattutto a chi intende offrire ai propri invitati un ricevimento eslusivo in un'atmosfera familiare o a chi preferisce garantire un clima di riservatezza e comodità, evitando spostamenti, interruzioni, ecc. Per i turisti, inoltre, costituirà un punto di riferimento in grado di saper unire la qualità e la tipicità dei prodotti offerti ad una facile e veloce consumazione. Il prodotto che si intende offrire sarà caratterizzato da un buon rapporto prezzo-qualità. Variazioni previste nella clientela nei primi 3 anni di attività Il piano previsionale di cui trattasi prevede nei primi 3 anni di attività un ulteriore arricchimento delle categorie su indicate ed un incremento delle stesse sulla base dell'esperienza acquisita in campo, delle attività promozionali svolte e dell'immagine pubblicitaria ormai consolidata. Ciò determinerà un maggior numero di contatti e consentirà all'attività di rivolgersi anche alle imprese locali e/o limitrofe per l'organizzazione di convegni, congressi, fiere, ecc., ma anche a pizzerie e trattorie per il rifornimento di piatti particolari, in una prospettiva, pertanto, di continua espansione del mercato. Sintesi ragionata delle informazioni prodotte e correlazione con l'iniziativa L'intensa vita frenetica che conduciamo quotidianamente, sopraffatti sempre più dagli innumerevoli impegni di lavoro, studio, famiglia,ecc. ha contribuito a ridurre drasticamente lo spazio a nostra disposizione da dedicare al tempo libero, il fattore "stress" è ovunque imperante e di sicuro non beneficio per le nostre condizioni di salute. L'aspetto nutrizionale, come tutti sappiamo, è estremamante fondamentale ma il più delle volte la trascuratezza e la non poca curanza dei cibi consumati, non in grado di apportare il giusto equilibrio, possono influire negativamente sul nostro organismo ed apportare notevoli danni. Fra l'altro è sempre più difficile deliziare la classica pasta fatta in casa con la passione e la dedizione delle nostre nonne, e a sopperire sono sempre più cibi industriali confezionati e pronti all'uso ma privi di ogni nesso con il gusto naturale e prelibato delle specialità preparate artigianalmente. A ciò si vuole sopperire con l'offerta di prodotti quali pasta fresca, pronta per la cottura ed il condimento, ma anche cibi precotti in grado di soddisfare il maggior numero di clientela per la vasta gamma di ricette adoperate e, ovviamente, dolci della migliore tradizione calabrese e non. Si realizzerà, pertanto, il perfetto connubbio tipicità-innovati prezzo-qualità che, soprattutto nella fase iniziale, sarà orientato alla penetrazione del mercato.

12 Fattori Critici di Successo per l iniziativa Fattori Critici di Successo (FCS) Tipologia di clienti - grado di importanza (alto-medio-basso) Lavoratori/trici Famiglie/Associaz ioni e gruppi Freschezza e genuinità dei prodotti alto alto alto Aspetti tradizionalistici e innovativi dei prodotti medio alto alto Turisti Prezzo-qualità alto alto medio-alto Tempestività delle richieste alto alto medio SWOT ANALYSIS Punti di forza e Punti di debolezza Punti di forza La proponente sarà coadiuvata dai familiari per l'espletamento delle attività connesse alla propria mansione. In particolare la madre coltiva con grande passione l'arte della cucina, attenta alle nuove tendenze pur non abbandonando il culto della tipicità e tradizionalità calabrese e sapendo mescolare sapientemente l'esperienza acquisita con l'innovatività da tenere sempre presente, anche nella preparazione dei piatti, dando luogo così a ricette originali e "coreografiche". L'utilizzo di macchine complete e semplici da utilizzare consentirà la produzione di svariati tipi di pasta, in grado di soddisfare i gusti anche dei clienti più sofisticati. Punti di debolezza Costi di avviamento concernenti principalmente i costi relativi al fitto del locale da adibire all'attività, l'acquisto dei macchinari e delle attrezzature, l'attivazione dei canali di approvvigionamento delle materie prime e di rifornimento delle merci. Costi derivanti dalla "costruzione" di un'adeguata visibilità.

13 Minacce ed Opportunità Minacce Apertura di esercizi in grado di contemplare la stessa tipologia di offerta Concorrenza preesistente Possibili pericoli introdotti Attivazione di piani promozionali mirati, introduzione di ulteriori elementi innovativi. Meccanismo di imitazione (produzioni diverse), prezzi più bassi, offerta di ulteriori servizi, ecc. Opportunità Apertura di mense scolastiche Richiesta di fornitura da parte di strutture di ristoro Richiesta di piatti pronti da parte di lavoratori Possibili benefici derivanti Richiesta di approvvigionamenti Rifornimento di specialità, servizio rapido. Richieste provenienti da uffici pubblici e privati (specialmente nei casi di lavoro ad orario continuo) Concorrenti Concorrenti Fatturato Caratteristiche e punti di forza dei prodotti/servizi offerti ristoranti e pizzerie medio-alto servizio classico servizio al tavolo negozio di pasta fresca basso produzione e vendita rosticcerie e bar medio-alto produzione e vendita altre caratteristiche rilevanti Fattori Critici di Successo Principali concorrenti negozio di pasta Ristoranti/pizzerie fresca rosticceria Prezzo-qualità medio medio medio Freschezza e genuinità dei prodotti medio medio-alto medio-basso Aspetti tradizionalistici e innovativi dei prodotti medio medio medio-basso Tempestività delle richieste medio-alto medio medio-alto

14 Sintesi ragionata delle informazioni prodotte e correlazione con l'iniziativa L'idea imprenditoriale considerata si caratterizza per alcuni elementi di innovatività introdotti nel mercato di riferimento e che le consentono di differenziarsi rispetto ai concorrenti diretti e indiretti presenti creando, in tal modo, un pacchetto d'offerta unico nel suo genere. Tra i fattori critici di successo saranno predominanti le caratteristiche di freschezza e genuinità dei prodotti offerti, ma anche gli aspetti tradizionali saranno una costante di riferimento e non solo poichè sarà creata una vasta gamma di offerta per cui sarà dato spazio anche e soprattutto a ricette nuove e originali in grado di accattivare determinate tipologie di clientela. Ovviamente si terrà conto dei fattori prezzo-qualità al fine di poter assicurarsi il giusto grado di competitività in un mercato in continua evoluzione. Attualmente non esistono diretti concorrenti, quelli indiretti sono costituiti da un negozio di produzione e vendita di pasta fresca, tra l'altro poco conosciuto per la scarsa attività pubblicitaria esercitata e non in grado di offrire altri servizi e le rosticcerie ed i bar per l'offerta di spuntini semplici e poco equilibrati. Altri concorrenti possono essere identificati nei ristoranti che offrono il classico servizio al tavolo con menù preimpostati e, nelle pizzerie, che rispetto ai primi si caratterizzano per i minori costi di organizzazione in occasione di eventi particolari ma non sono in grado di soddisfare i clienti più esigenti. Da un'indagine svolta personalmente è emerso che un'offerta del genere ben si concilia con le esigenza di determinate categorie di lavoratori/trici che, spesso a causa dei tempi di lavoro (soprattutto nei casi di orario continuo) sono costretti al digiuno o al consumo, come più volte detto, di semplici snack che a lungo andare causano non poche difficoltà per ciò che concerne la salute. La struttura proposta ad iniziativa sarebbe dunque essenziale in un mercato in piena fase evolutiva e che dovrebbe mirare a soddisfare esigenze del genere.

15 LE SCELTE STRATEGICHE Principali linee di Prodotti/Servizi che saranno offerti Prodotto/Servizio PASTA FRESCA CIBI PRECOTTI descrizione produzione di pasta fresca di diversi formati e composizioni piatti di diversa portata pronti al consumo Lavoratori/trici Principali Gruppi di clienti* Famiglie/Enti/ Associazioni e gruppi TURISTI ITALIANI / ESTERI A A A PICCOLA PASTICCERIA produzione di dolci tipici e non M M A A M A * indicare in corrispondenza di ciascun incrocio prodotto-gruppo clienti l'importanza del segmento attraverso la seguente codifica: A = Alta importanza M = Media importanza B = Bassa importanza Specificare sulla base di quali deduzioni si è ritenuto che i prodotti/servizi offerti siano in grado di soddisfare le esigenze dei principali gruppi di clienti individuati Per quanto concerne la categoria dei lavoratori/trici è particolarmente rilevante l'offerta di cibi già pronti al consumo immediato,e di pasta fresca da preparare comunque in modo piuttosto celere, in linea con l'esigenza di consumare cibi genuini ed elaborati senza un notevole dispendio di tempo, consentendo in tal modo un maggior grado di comodità.ovviamente sarà gradita anche, seppur in misura minore, l'offerta di prodotti di piccola pasticceria caratterizzata soprattutto dalla tipicità del luogo. La fornitura dei prodotti su indicati presso famiglie, Enti, Associazioni, consente di poter organizzare avvenimenti in modo esclusivo garantendo la qualità dei dei prodotti offerti e soprattutto l'originalità delle ricette abbinata ad un "allestimento" gradevole e ad hoc delle portate. Ai gruppi organizzati ci si intende rivolgere soprattutto pe la preparazione di spuntini, pranzi e cene a sacco. I turisti saranno sicuramente interessati alla degustazione immediata dei piatti tipici del paese (cibi precotti) e gradiranno, pertanto, anche l'offerta dei dolci tipici dello stesso.

16 Elementi di innovazione/differenziazione specifici dei Prodotti/Servizi Prodotto/Servizio elementi di innovazione/differenziazione PASTA FRESCA Scelta di materie prime di qualità e produzione (tipicamente artigianale) di formati e composizioni diverse CIBI PRECOTTI PICCOLA PASTICCERIA Ricette originali e tradizionali preparate utilizzando prodotti freschi e di qualità Aspetti tradizionali e tipici del Paese ma anche innovatività e creatività utilizzate nella preparazione dei dolci. Prezzi di vendita dei prodotti/servizi Prodotto/Servizio unità di misura prezzo unitario di vendita - IVA esclusa - (euro) prezzo medio unitario dei concorrenti - IVA esclusa - (euro) PASTA FRESCA KG 6,50 7,00 CIBI PRECOTTI PORZIONE (100 g) 5,50 6,50 PICCOLA PASTICCERIA KG 12,00 13,00 Criteri guida utilizzati nella determinazione del prezzo di vendita dei prodotti/servizi Inizialmente, per quanto riguarda soprattutto il 1 anno di attività, si implemeterà una strategia di penetrazione del mercato, volta al'applicazione di un prezzo inferiore rispetto alla media dei prezzi praticati dai concorrenti sul mercato e che rappresenterà un incentivo volta all'acquisizione di una certa quota di mercato.tale minor prezzo scaturisce da un'attenta analisi valutativa volta ad assicurare la qualità delle materie prime e dei semilavorati utilizzati e che sia comunque volta al contenimento dei costi. Successivamente, e in seguito al raggiungimento di un maggiore grado di notorietà e diffusione sul territorio locale, soprattutto grazie all'attuazione di opportune strategie promozionali, sarà possibile praticare prezzi leggermente superiori rispetto a quelli inizialmente attuati, ma comunque inferiori rispetto alla media di mercato, in un'ottica, pertanto, di mantenimento della clientela acquisita. La categoria "pasta fresca" contempla un vasto assortimento di specialità ripiene e non e ciò comporta una differenza di prezzi, per cui è stata indicata una media. Per quanto riguarda i cibi precotti, il prezzo unitario indicato scaturisce da una media dei prezzi previsti per le divers decisamente più bassi rispetto ai primi e ai secondi) e che possono pertanto presentare variazioni differenti. La piccola pasticceria comprenderà invece prodotti con prezzi relativamente omogenei.

17 I canali di distribuzione dei prodotti/servizi Indicare in corrispondenza di ciascuna opzione la quota percentuale distribuita attraverso il canale (attenzione: in ciascuna riga la somma delle % deve risultare pari a 100%) Diretta Indiretta Prodotto/Servizio Agenti Distributori Web Altro (specificare) % % % % Canale % PASTA FRESCA CIBI PRECOTTI PICCOLA PASTICCERIA Le iniziative promozionali Iniziative promozionali/pubblicitarie Costo a regime IVA esclusa (euro) Volantini 250,00 Manifesti/Affissioni Promozione su canale Radiofonico Promozione su canale Carta Stampata 100,00 Brochure 350,00 Sito Internet 1.200,00 Fiere o mostre Presentazioni specifiche Altro Costo a regime Totale 1.900,00 Criteri guida adottati nella selezione delle iniziative promozionali (evidenziare in particolare la coerenza rispetto alle specificità di prodotti/servizi e mercati di riferimento) In merito alle attività promozionali che si intendono attuare, particolare attenzione sarà riservata alla costruzione di un sito internet ricco di contenuti, tale da costituire il principale veicolo di diffusione. Il sito sarà arricchito di tutte le informazioni necessarie inerenti i prodotti trattati, ponendo cura anche ad un'opportuna rappresentazione grafica degli stessi. Sarà previsto, inoltre, all'interno dello stesso, la compilazione di un form sufficiente valido alla raccolta di informazioni utili inerenti l'evasione di eventuali richieste formulate dai consumatori. In tal modo potrebbe costituire anche un canale distributivo alternativo alla semplice vendita diretta, supportato dal servizio a domicilio che prevederà l'applicazione di una piccola percentuale di ricarico sui prezzi praticati. Sarà poi distribuito un sufficiente numero di volantini, indicativi del luogo, delle modalità di apertura e di eventuali offerte promozionali e saranno consegnate dei depliants illustrativi dei principali articoli trattati e delle caratteristiche essenziali. Sarà prevista l'inserzione sui alcuni dei principali quotidiani locali e con riferimento al punto di vendita, al fine di conferire una maggiore visibilità dello stesso, sarà realizzata un'insegna sulla

18 Obiettivi e commerciali A regime prodotto/servizio unità di misura Prezzo medio unitario Quantità vendute Fatturato realizzato PASTA FRESCA KG 6, ,00 CIBI PRECOTTI PORZIONE (da 100 g) 5, ,00 PICCOLA PASTICCERIA KG 12, ,00 Totale Fatturato a regime ,00 Criteri guida adottati nella formulazione delle stime Per la formulazione delle stime, alquanto prudenziali, si è ipotizzato di produrre un quantitativo giornaliero di prodotti, raffrontato al mercato di riferimento e prevedendo, soprattutto nel 1 anno di attività, una vendita prevalentemente rivolta ai privati ed un minor valore proveniente dalla fonitura di pranzi e cene. Per il calcolo del fatturato annuale è stato necessario moltiplicare il valore giornaliero stimato per i giorni di apertura, considerando in media 6 giorni di apertura a settimana per 11 mesi l'anno. Dal 2 anno, invece, si stima un aumento di fatturato pari a circa il 25% derivante dall'azione dei piani promozionali e dall' acquisizione di una maggiore visibilità, che consentirà anche una maggiore specializzazione e la realizzazione di opportuni accordi commerciali per le forniture suddette. Nel 1 anno, inoltre, si avrà uno spiccato orientamento alla vendita di pasta fresca nelle sue molteplici specialità, e si punterà molto sull'aspetto artigianale della stessa, ma rilevante sarà anche la vendita dei piatti pronti distribuiti in porzioni monodose opportunamente confezionati e di facile consumo. Minor enfasi sarà posta sulla vendita dei dolci, che costituirà un'attiv Tempi di pagamento prodotto/servizio Dilazione media (gg) PASTA FRESCA 30 CIBI PRECOTTI 30 PICCOLA PASTICCERIA 30

19 PIANO DI PRODUZIONE/EROGAZIONE Il processo di produzione/erogazione (Descriverne sinteticamente la complessità evidenziandone le principali fasi di produzione/erogazione limitatamente a quelle direttamente effettuate all'interno dell'impresa) Con riferimento alla produzione di pasta fresca le fasi sono le seguenti: dosare e preparare l'impasto miscelando farina, uova (da omettere per alcuni tipi di pasta quali ad es.le orecchiette), acqua e sale, olio se necessario, e lavorarlo tramite sfogliatrice elettrica per ricavarne delle sfoglie da congelare (per utilizzi successivi) o da lavorare ulteriormente a mano o con le apposite macchine per ottenere i diversi formati (lasagne, fettuccine, pappardelle, farfalle, ecc.) alcuni dei quali richiedono appositamente la cottura in acqua (lavorazione artigianale) possono inoltre presentare anche composizioni diverse (pasta colorata con spinaci, pomodori, funghi, ecc) ottenute unendo gli ingredienti necessari agli impasti. Altri formati, invece, richiedono apposita farcitura (ravioli, agnolotti,tortellini,ecc.) preparata preventivamente e che potrà richiedere l'utilizzo di ingredienti diversi (spinaci, ricotta, salumi, carne, ecc). Le paste verranno così riposte in appositi essicatoi a ventola e si procederà infine allo stoccaggio nei frigoriferi. La produzione dei piatti pronti richiede l'utilizzo di materie prime diverse per preparare le differenti portate, i condimenti necessari, e verranno distribuiti in confezioni monodosi, che consentiranno anche il congelamento per alcuni prodotti che saranno venduti successivamente. Si abbinerà, poi, la produzione di piccola pasticceria, che richiederà soprattutto l'utilizzo di farina, uova, zucchero e lievito. Le materie prime e i servizi Descrizione materie prime/servizi unità di misura quantità per l'anno di regime (a) costo unitario IVA esclusa (euro) (b) costo annuo (axb) FARINA UOVA FRESCHE KG UNITA' ,40 0, , ,00 ORTOFRUTTICOLI KG , ,00 CARNI (bovine, ovine, avicole) KG 600 7, ,00 ZUCCHERO KG 500 0,90 450,00 LATTE LT ,00 500,00 DERIVATI DEL LATTE KG 500 5, ,00 OLIO LT , ,00 SALUMI VARI KG 500 7, ,00 PESCE KG , ,00

20 Evidenziare potenziali problematiche associate all acquisto delle materie prime e dei servizi ed all'approvvigionamento Gli acquisti di materie prime saranno rappresentati essenzialmente dagli ingredienti principali per la produzione di pasta fresca, che nella fase di introduzione costituirà l'attività principale, ma anche di tutto quanto necessario per la preparazione dei ripieni, dei dolci e dei piatti pronti. Con riferimento a quest'ultima categoria, è prevista l'erogazione di diverse portate (antipasti, primi, secondi, contorni,ecc.), per cui si renderà necessario, durante l'anno, l'acquisto di altre tipologie merceologiche e di semilavorati, necessari per la preparazione di particolari ricette, e di cui si stima un'incidenza pari al 2% circa dei ricavi, che va ad aggiungersi ai costi relativi alle materie prime su evidenziate e di cui è stata indicata una media dei prezzi applicati per classi merceologiche simili e che tiene conto anche del fattore stagionalità. Specificare la localizzazione dei potenziali fornitori evidenziandone la coerenza rispetto alle politiche di approvvigionamento Ci si rivolgerà esclusivamente a fornitori locali e la scelta degli stessi varierà in funzione della migliore qualità presente sul mercato, rivolgendosi, quando possibile, al mercato all'ingrosso che consente un maggior risparmio di costi soprattutto se rapportato a un maggior volume di merce acquistata. Il rifornimento di determinate materie prime dovrà avvenire giornalmente o anche più volte al giorno al fine di assicurarne la freschezza,e a tal fine, la disponibilità di un apposito automezzo che sarà utilizzato anche per il servizio a domicilio, agevolerà l'immediato acquisto della merce riducendo notevolmente i tempi intercorrenti tra gli ordini e le consegne. G.3 Le condizioni di fornitura Indicare le dilazioni medie di pagamento che concedono i fornitori delle materie prime e dei servizi. materie prime/servizi Dilazione media (gg) FARINA 60 UOVA 60 ORTOFRUTTICOLI CARNI ZUCCHERO 60 LATTE E DERIVATI 60 OLIO 60 SALUMI 60 PESCE 60

FAC-SIMILE. MICROCREDITO FSE Domanda di finanziamento. Dati anagrafici del proponente. N domanda. Nome. Sesso. Cognome

FAC-SIMILE. MICROCREDITO FSE Domanda di finanziamento. Dati anagrafici del proponente. N domanda. Nome. Sesso. Cognome N domanda Dati anagrafici del proponente MICROCREDITO FSE Domanda di finanziamento Nome Titolare / Legale rappresentante Stato di nascita Provincia di nascita Comune di nascita Data di nascita Documento

Dettagli

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA:

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: Business plan (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: 1 Dati progettuali di sintesi Nome impresa Indirizzo (sede legale) Forma giuridica Data di costituzione Numero soci Capitale sociale Attività

Dettagli

Modulo presentazione domanda Smart REV. 3 JANNELLO FRANCESCO

Modulo presentazione domanda Smart REV. 3 JANNELLO FRANCESCO 2013 Modulo presentazione domanda Smart REV. 3 JANNELLO FRANCESCO Cognome Nome Sesso Codice fiscale Nato in provincia Comune di Data nascita Doc. riconoscimento Numero INFORMATIVA Con la presente si comunica

Dettagli

BUSINESS PLAN. PER IMPRESE START UP (incluse imprese nate da meno di 12 mesi)

BUSINESS PLAN. PER IMPRESE START UP (incluse imprese nate da meno di 12 mesi) BUSINESS PLAN PER IMPRESE START UP (incluse imprese nate da meno di 12 mesi) Sezione da compilare esclusivamente nel caso in cui il business plan sia stato redatto con la collaborazione di un Associazione

Dettagli

POR Obiettivo 3 Misura D3

POR Obiettivo 3 Misura D3 SCHEMA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE Sintetica presentazione del progetto imprenditoriale, excutive summary, di poche pagine (2 o 3) da cui emergono gli elementi

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE AL MICROCREDITO FSE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE AL MICROCREDITO FSE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE AL MICROCREDITO FSE La guida è stata realizzata con l obiettivo di facilitare la compilazione della domanda di ammissione alle agevolazioni previste

Dettagli

DIPARTIMENTO TECNICO-PROFESSIONALE INDIRIZZO SERVIZI PER L'ENOGASTRONOMIA SETTORE CUCINA. Programmazione disciplinare condivisa secondo biennio

DIPARTIMENTO TECNICO-PROFESSIONALE INDIRIZZO SERVIZI PER L'ENOGASTRONOMIA SETTORE CUCINA. Programmazione disciplinare condivisa secondo biennio Istituto Professionale di Stato per i Servizi per l Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera Aurelio Saffi Firenze DIPARTIMENTO TECNICO-PROFESSIONALE INDIRIZZO SERVIZI PER L'ENOGASTRONOMIA SETTORE CUCINA

Dettagli

Schema di riferimento per il business plan

Schema di riferimento per il business plan Schema di riferimento per il business plan 1 1. IDEA IMPRENDITORIALE 1.1 Descrizione dell idea imprenditoriale 1.2 Elementi di innovatività dell idea imprenditoriale 1.3 Relazione tra il contenuto tecnologico

Dettagli

Costruiamo insieme. un Business plan. CD Rom. Guarda nel. C l a s s e 5 ª

Costruiamo insieme. un Business plan. CD Rom. Guarda nel. C l a s s e 5 ª C l a s s e 5 ª Costruiamo insieme un Business plan di Stefano Fontana Seconda e ultima tappa del nostro viaggio alla scoperta di come è fatto un Business plan. Dopo aver illustrato le competenze necessarie

Dettagli

Guida all elaborazione del Business Plan

Guida all elaborazione del Business Plan Guida all elaborazione del Business Plan GUIDA ALL ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN Titolo progetto Dare un titolo al progetto che si intende sviluppare (di norma contraddistingue il prodotto/servizio che

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014.

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014. GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014. PREMESSA Per partecipare al concorso è necessario compilare il modulo Progetto d impresa

Dettagli

Struttura laboratorio e punto vendita

Struttura laboratorio e punto vendita Struttura laboratorio e punto vendita Cosa facciamo Progetto ristorazione Laboratorio centrale per carne pesce verdure e contorni Laboratorio in grado di preparare e conservare semilavorati che possono

Dettagli

FORMULARIO PER LE SOCIETA E COOPERATIVE

FORMULARIO PER LE SOCIETA E COOPERATIVE FORMULARIO PER LE SOCIETA E COOPERATIVE P.O.R. ABRUZZO Ob. 3 2000-2006 ALLEGATO PER LL.RR. 143/95 E 96/97 136/96-55/98 ANNUALITA MISURA / AZIONE (*) L.R. ART. (*) - Azione D3.1 per le LL.RR. 136/96 e 55/98

Dettagli

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN II: PROSPETTI ECONOMICO/FINANZIARI. Dott. Roberto Matterazzo

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN II: PROSPETTI ECONOMICO/FINANZIARI. Dott. Roberto Matterazzo LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN II: PROSPETTI ECONOMICO/FINANZIARI Dott. Roberto Matterazzo L incontro si propone di: Esaminare i prospetti economico/finanziari che compongono un Business Plan. Per rendere

Dettagli

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan STARTCUP Guida alla Compilazione del Business Plan 2 INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 3 2.L'IMPRESA : SETTORE DI ATTIVITÀ E FORMA GIURIDICA 3 3. IL GRUPPO IMPRENDITORIALE

Dettagli

Tecnico di cucina. Standard della Figura nazionale

Tecnico di cucina. Standard della Figura nazionale Tecnico di cucina Standard della Figura nazionale Denominazione della figura TECNICO DI CUCINA Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate Attività economiche di riferimento: ATECO 2007/ISTAT

Dettagli

BUSINESS PLAN RICHIESTA FINANZIAMENTO JEREMIE CALABRIA DESCRIZIONE DEL PROGETTO E DEGLI INVESTIMENTI PROPOSTI

BUSINESS PLAN RICHIESTA FINANZIAMENTO JEREMIE CALABRIA DESCRIZIONE DEL PROGETTO E DEGLI INVESTIMENTI PROPOSTI BUSINESS PLAN RICHIESTA FINANZIAMENTO JEREMIE CALABRIA DESCRIZIONE DEL PROGETTO E DEGLI INVESTIMENTI PROPOSTI INDICE 1. Sintesi del progetto imprenditoriale. In che cosa consiste il progetto proposto;

Dettagli

Bilanci previsionali 20.. 20. 20. Stato Patrimoniale

Bilanci previsionali 20.. 20. 20. Stato Patrimoniale MODULO PER LA VALUTAZIONE DELLE IMPRESE DI RECENTE COSTITUZIONE PER FINANZIAMENTI DI IMPORTO SUPERIORE A 50.000,00 EURO (importi in migliaia di Euro) Immobilizzazioni Rimanenze Disponibilità Bilanci previsionali

Dettagli

Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN

Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN Nota bene: qui di seguito troverete delle indicazioni per la compilazione del business plan. Per avere una idea più completa possibile della vostra

Dettagli

linee guida per la compilazione del Business Plan 1/11 Linee Guida per la compilazione del Business Plan

linee guida per la compilazione del Business Plan 1/11 Linee Guida per la compilazione del Business Plan linee guida per la compilazione del Business Plan / Linee Guida per la compilazione del Business Plan Business Plan / La presente guida illustra le modalità di compilazione del Business Plan da parte dell

Dettagli

AL LAVORO! HO UN IDEA E AVVIO UN IMPRESA: COMPETENZE E STRUMENTI PER AVVIARE UN IMPRESA. - Pietro Petrecca -

AL LAVORO! HO UN IDEA E AVVIO UN IMPRESA: COMPETENZE E STRUMENTI PER AVVIARE UN IMPRESA. - Pietro Petrecca - AL LAVORO HO UN IDEA E AVVIO UN IMPRESA: COMPETENZE E STRUMENTI PER AVVIARE UN IMPRESA. - Pietro Petrecca - 1 Azienda E il complesso dei beni organizzati dall imprenditore per l esercizio dell impresa.

Dettagli

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA aggiornato al 24/10/2011 L.P. 13 dicembre 1999, n. 6, articolo 5 RICERCA APPLICATA PROCEDURA VALUTATIVA RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA per domande di agevolazione di importo fino a 1,5 milioni di euro

Dettagli

Incentivo Start Up Polaris

Incentivo Start Up Polaris Incentivo Start Up Polaris Per l avvio di nuove iniziative d impresa negli ambiti tecnologici di specializzazione del parco Allegato A GUIDA FORMULARIO BUSINESS PLAN VRT 04/08-2010 INDICE 1. SINTESI DEL

Dettagli

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature)

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Modello A (traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Ragione sociale dell impresa o Titolo del progetto imprenditoriale BUSINESS PLAN per l accesso

Dettagli

Cuoco/Cuoca. Ordinamento formativo per la professione oggetto d apprendisto. Delibera n. 748 del 24.06.2014

Cuoco/Cuoca. Ordinamento formativo per la professione oggetto d apprendisto. Delibera n. 748 del 24.06.2014 Delibera n. 748 del 24.06.2014 Ordinamento formativo per la professione oggetto d apprendisto Cuoco/Cuoca 1. Il profilo professionale 2. Durata ed esame di fine apprendistato 3. Referenziazioni del profilo

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

,00 3 Altre attività soggette a studi. Numero giornate retribuite Personale

,00 3 Altre attività soggette a studi. Numero giornate retribuite Personale 04 47.9.0 - Commercio al dettaglio in esercizi non specializzati di computer, periferiche, attrezzature per le telecomunicazioni, elettronica di consumo audio e video, elettrodomestici 47.4.00 - Commercio

Dettagli

Business plan: prima parte descrittiva; indice ragionato degli argomenti

Business plan: prima parte descrittiva; indice ragionato degli argomenti Allegato 2 Business plan: prima parte descrittiva; indice ragionato degli argomenti A. L impresa e i suoi protagonisti * Presentazione dell impresa (forma e composizione societaria, oggetto sociale, breve

Dettagli

BUSINESS PLAN. PER IMPRESE AGRICOLE START UP (incluse imprese nate da meno di 12 mesi)

BUSINESS PLAN. PER IMPRESE AGRICOLE START UP (incluse imprese nate da meno di 12 mesi) BUSINESS PLAN PER IMPRESE AGRICOLE START UP (incluse imprese nate da meno di 12 mesi) Sezione da compilare esclusivamente nel caso in cui il business plan sia stato redatto con la collaborazione di un

Dettagli

ELETTRICISTA INSTALLATORE D IMPIANTI

ELETTRICISTA INSTALLATORE D IMPIANTI ELETTRICISTA INSTALLATORE D IMPIANTI PREMESSA L'elettricista/installatore d impianti, è una figura professionale che dispone di conoscenze generali di elettrotecnica, disegno di schemi elettrici, impiantistica

Dettagli

IL PROGETTO D IMPRESA

IL PROGETTO D IMPRESA Allegato E IL PROGETTO D IMPRESA (Il presente formulario deve essere compilato dettagliatamente in formato elettronico e successivamente stampato) L IDEA D IMPRESA Denominazione dell impresa. Nuova attività

Dettagli

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo Genesis s.r.l. - Via Galliera, 26-40121 Bologna - www.genesis.it Copyright Genesis, 2004. - 1 - CHECK LIST 1. Hai messo a fuoco il mercato a cui rivolgerti?

Dettagli

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo Genesis s.r.l. - Via Galliera, 26-40121 Bologna - www.genesis.it Copyright Genesis, 2004. - 1 - CHECK LIST 1. Hai messo a fuoco il mercato a cui rivolgerti?

Dettagli

LL.RR. n. 55/98 (Art. 8) 143/95 e 96/97 C-17 FORMULARIO 2 - SOGGETTI INDIVIDUALI

LL.RR. n. 55/98 (Art. 8) 143/95 e 96/97 C-17 FORMULARIO 2 - SOGGETTI INDIVIDUALI FORMULARIO PER SOGGETTI INDIVIDUALI (*) (*) Il presente formulario non va presentato in presenza di acquisizione di partecipazioni societarie di cui all art. 8, comma 2, della L.R. 55/98 P.O.R. ABRUZZO

Dettagli

3 format: 45mq, 85 mq, 125 mq.

3 format: 45mq, 85 mq, 125 mq. SCHEDA PROGETTO E PROFILO RICHIESTO PER L AVVIO DELL INIZIATIVA Le informazioni riportate in questo documento sono fornite dal franchisor e costruite sull analisi storica dell andamento dei punti vendita.

Dettagli

CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO. 4.1 Introduzione. 4.2. Struttura del business plan

CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO. 4.1 Introduzione. 4.2. Struttura del business plan CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO DELL ATTIVITA ESTRATTIVA 4.1 Introduzione Il business plan è lo strumento alla base di ogni processo di pianificazione sistematico ed efficace.

Dettagli

SEZIONE A - INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO

SEZIONE A - INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO ALLEGATO 5 - Pag. 1 di 9 Per le imprese di nuova costituzione (ovvero quelle costituite o che hanno avviato la propria attività non oltre tre anni prima della richiesta di ammissione al Fondo di Garanzia

Dettagli

CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE

CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE Business Plan (PIANO DI IMPRESA) DELL IMPRESA CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE PAGE \*Arabic 1 PARTE DESCRITTIVA Parte generale a a descrizione dell impresa: - denominazione - forma giuridica

Dettagli

ALLEGATO C3. PIANO DI INVESTIMENTO PROGETTI DI COMPLETAMENTO DELLA FILIERA Art. 13 comma 12 lett. a SCHEDA 1

ALLEGATO C3. PIANO DI INVESTIMENTO PROGETTI DI COMPLETAMENTO DELLA FILIERA Art. 13 comma 12 lett. a SCHEDA 1 2 ALLEGATO C3 PIANO DI INVESTIMENTO PROGETTI DI COMPLETAMENTO DELLA FILIERA Art. 13 comma 12 lett. a SCHEDA 1 1. DATI IMPRESA RICHIEDENTE Denominazione o Ragione Sociale Sede Legale Partita Iva Regime

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO (Convenzione stipulata in data )

PROGETTO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO (Convenzione stipulata in data ) PROGETTO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO (Convenzione stipulata in data ) NOMINATIVO DEL TIROCINANTE DATA E LUOGO DI NASCITA RESIDENZA TELEFONO CODICE FISCALE ATTUALE CONDIZIONE ( segnare con una x la casella

Dettagli

IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE

IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE Autoimpiego: le misure agevolative e i territori

Dettagli

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013)

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013) BANDO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE DI PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA COLTIVAZIONE DEL CILIEGIO DOLCE E DEL MELO NELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA ALLEGATO A - PIANO DI SVILUPPO

Dettagli

SCHEDA PROGETTO E PROFILO RICHIESTO PER L AVVIO DELL INIZIATIVA 1. DESCRIZIONE ATTIVITÀ 2. INFORMAZIONI SUL PUNTO DI VENDITA

SCHEDA PROGETTO E PROFILO RICHIESTO PER L AVVIO DELL INIZIATIVA 1. DESCRIZIONE ATTIVITÀ 2. INFORMAZIONI SUL PUNTO DI VENDITA SCHEDA PROGETTO E PROFILO RICHIESTO PER L AVVIO DELL INIZIATIVA Le informazioni riportate in questo documento so fornite dal franchisor e costruite sull analisi storica dell andamento dei punti vendita.

Dettagli

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 6 Una cooperativa, come ogni impresa, per stare sul mercato deve remunerare i fattori produttivi in modo da avere un saldo positivo e dunque redigere un bilancio in utile.

Dettagli

10 TIMBRO E FIRMA DEL TITOLARE O DEL /DEI LEGALI RAPPRESENTANTE/I

10 TIMBRO E FIRMA DEL TITOLARE O DEL /DEI LEGALI RAPPRESENTANTE/I I.6 Descrizione del profilo imprenditoriale e commerciale La titolare, Anna Frasca, dell' impresa individuale "A tutto ruota" nata a settembre del 2014 ha lo scopo di far conoscere la storia della città

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG36U ATTIVITÀ 56.10.11 RISTORAZIONE CON SOMMINISTRAZIONE ATTIVITÀ 56.10.20 RISTORAZIONE SENZA SOMMINISTRAZIONE CON

STUDIO DI SETTORE UG36U ATTIVITÀ 56.10.11 RISTORAZIONE CON SOMMINISTRAZIONE ATTIVITÀ 56.10.20 RISTORAZIONE SENZA SOMMINISTRAZIONE CON STUDIO DI SETTORE UG36U ATTIVITÀ 56.10.11 RISTORAZIONE CON SOMMINISTRAZIONE ATTIVITÀ 56.10.20 RISTORAZIONE SENZA SOMMINISTRAZIONE CON PREPARAZIONE DI CIBI DA ASPORTO ATTIVITÀ 56.10.42 RISTORAZIONE AMBULANTE

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SERVIZI TURISTICI Processo Servizi di ristorazione Sequenza di processo Definizione dell'offerta e

Dettagli

Presentazione del progetto di Impresa Formativa Simulata. La Business Idea

Presentazione del progetto di Impresa Formativa Simulata. La Business Idea Presentazione del progetto di Impresa Formativa Simulata La Business Idea Premessa L obiettivo primo del progetto è conferire allo studente tutti gli strumenti necessari allo sviluppo dell idea imprenditoriale.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTALE SETTORE: SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITA ALBERGHIERA

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTALE SETTORE: SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITA ALBERGHIERA PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTALE SETTORE: SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITA ALBERGHIERA Fonti di legittimazione: D.P.R. 15 marzo 2010, n.87, art. 8, comma 6 L indirizzo Servizi per l enogastronomia

Dettagli

Intraprendendo. www.intraprendendo.com

Intraprendendo. www.intraprendendo.com Business Plan la guida Intraprendendo 2012 Noi di Intraprendendo crediamo che lo sviluppo dell economia non sia altro che la somma della crescita nostra e delle nostre aziende e che fare impresa e farla

Dettagli

FRANCHISING DI: commercializzazione prodotti erogazione di servizi produzione

FRANCHISING DI: commercializzazione prodotti erogazione di servizi produzione SCHEDA PROGETTO E PROFILO RICHIESTO PER L AVVIO DELL INIZIATIVA Le informazioni riportate in questo documento sono fornite dal franchisor e costruite sull analisi storica dell andamento dei punti vendita.

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE AL. microcredito

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE AL. microcredito GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE AL microcredito P.O.R. Campania FSE 2007-2013 La presente guida è stata redatta al fine di facilitare la compilazione e l invio della domanda di finanziamento

Dettagli

Attività: Intermediazione per l acquisto, la vendita, la locazione e la stima di beni immobili

Attività: Intermediazione per l acquisto, la vendita, la locazione e la stima di beni immobili SCHEDA PROGETTO E PROFILO RICHIESTO PER L AVVIO DELL INIZIATIVA Le informazioni riportate in questo documento sono fornite dal franchisor e costruite sull analisi storica dell andamento dei punti vendita.

Dettagli

SCHEDA PROGETTO E PROFILO RICHIESTO PER L AVVIO DELL INIZIATIVA 1. DESCRIZIONE ATTIVITÀ 2. INFORMAZIONI SUL PUNTO DI VENDITA

SCHEDA PROGETTO E PROFILO RICHIESTO PER L AVVIO DELL INIZIATIVA 1. DESCRIZIONE ATTIVITÀ 2. INFORMAZIONI SUL PUNTO DI VENDITA SCHEDA PROGETTO E PROFILO RICHIESTO PER L AVVIO DELL INIZIATIVA Le informazioni riportate in questo documento sono fornite dal franchisor e costruite sull analisi storica dell andamento dei punti vendita.

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEI CAPITOLATI D APPALTO PER LA RISTORAZIONE COLLETTIVA A SOSTEGNO DI MENÙ CORRETTI

INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEI CAPITOLATI D APPALTO PER LA RISTORAZIONE COLLETTIVA A SOSTEGNO DI MENÙ CORRETTI INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEI CAPITOLATI D APPALTO PER LA RISTORAZIONE COLLETTIVA A SOSTEGNO DI MENÙ CORRETTI OTTOBRE 2011 1 PREMESSA Un alimentazione equilibrata e corretta, gradevole ed accettabile,

Dettagli

BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN

BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN Cos è il BUSINESS PLAN? E un documento volto a rappresentare in ottica prospettica il progetto di sviluppo imprenditoriale

Dettagli

PRESENTAZIONE HOTELLERIE Aprile 2013

PRESENTAZIONE HOTELLERIE Aprile 2013 PRESENTAZIONE HOTELLERIE Aprile 2013 Opportunità per la ristorazione alberghiera Non più la Cenerentola di un tempo... Il Ristorante, anziché essere un peso, può essere un fattore trainante per l'hotel,

Dettagli

Domanda di Associazione Impresa / Associazione NUOVA

Domanda di Associazione Impresa / Associazione NUOVA ALLEGATO N.9A Domanda di Associazione Impresa / Associazione NUOVA Spett.le INCONTRA c/o ATI ISSEL Via Mons. Bologna, 15 86100 Campobasso (CB) Oggetto: INCUBATORE DI IMPRESE OPERANTI NEL CAMPO DELL ECONOMIA

Dettagli

FORMULARIO DI PRESENTAZIONE PROGETTO

FORMULARIO DI PRESENTAZIONE PROGETTO ALLEGATO C COMUNE DI ROMA 9. DIPARTIMENTO POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE U.O. Autopromozione Sociale Art. 14 Legge 266/97 CONTRIBUTI PER PROGETTI IMPRENDITORIALI IN AREE DI DEGRADO URBANO

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE -OPERATORE SALA BAR - L

Dettagli

Apprendistato professionalizzante

Apprendistato professionalizzante ALLEGATO 3 - CATALOGO MODULI MAPPA DEI MODULI FORMATIVI DELL'AREA TURISMO (in codice TUR) I moduli di questo settore economico sono stati progettati per le Figure professionali indicate nelle colonne ma

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2014/2015. I.P.S.A.0.R. di SASSARI

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2014/2015. I.P.S.A.0.R. di SASSARI PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA A.S. 2014/2015 DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE DELLA STRUTTURA RICETTIVA I.P.S.A.0.R. di SASSARI Il docente di Diritto e Tecniche amministrative della struttura ricettiva

Dettagli

DIPARTIMENTO TECNICO-PROFESSIONALE. INDIRIZZO SERVIZI PER L'ENOGASTRONOMIA Programmazione disciplinare condivisa SETTORE SALA E VENDITA

DIPARTIMENTO TECNICO-PROFESSIONALE. INDIRIZZO SERVIZI PER L'ENOGASTRONOMIA Programmazione disciplinare condivisa SETTORE SALA E VENDITA DIPARTIMENTO TECNICO-PROFESSIONALE INDIRIZZO SERVIZI PER L'ENOGASTRONOMIA Programmazione disciplinare condivisa Allegati DPR 89/2010 e d.m. 211/2010 SETTORE SALA E VENDITA PROFILO D'USCITA PRIMO BIENNIO

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

CONTRIBUTI PER PROGETTI IMPRENDITORIALI IN AREE DI DEGRADO URBANO PROGETTO FINANZIAMENTI ALLE PICCOLE IMPRESE IN PERIFERIA 2012

CONTRIBUTI PER PROGETTI IMPRENDITORIALI IN AREE DI DEGRADO URBANO PROGETTO FINANZIAMENTI ALLE PICCOLE IMPRESE IN PERIFERIA 2012 ALLEGATO C DIPARTIMENTO POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE U.O. Autopromozione Sociale CONTRIBUTI PER PROGETTI IMPRENDITORIALI IN AREE DI DEGRADO URBANO PROGETTO FINANZIAMENTI ALLE PICCOLE

Dettagli

pugliasviluppo Azionista Unico Regione Puglia

pugliasviluppo Azionista Unico Regione Puglia 38599 pugliasviluppo Azionista Unico Regione Puglia PO PUGLIA FSE 2007-2013 Asse II - Occupabilità Fondo Microcredito d Impresa della Regione Puglia Allegato 2 Spett.le Puglia Sviluppo S.p.A. Via delle

Dettagli

Programma dei corsi Professionali Corsi professionali di Primo livello Obiettivi del corso

Programma dei corsi Professionali Corsi professionali di Primo livello Obiettivi del corso Programma dei corsi Professionali I corsi professionali sono organizzati per il Primo livello, per chi non ha ancora sviluppato competenze professionali e per il Secondo livello, per chi ha già una solida

Dettagli

,00 3 Altre attività soggette a studi. giornate retribuite Personale

,00 3 Altre attività soggette a studi. giornate retribuite Personale 05 Modello WM9U QUADRO B Unità locali destinate all attività di vendita A B00 47.59.0 - Commercio al dettaglio di mobili per la casa 47.59.9 - Commercio al dettaglio di articoli in legno, sughero, vimini

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE AL. MICROCREDITO FSE (III Bando 2013)

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE AL. MICROCREDITO FSE (III Bando 2013) GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE AL MICROCREDITO FSE (III Bando 2013) La guida è stata realizzata con l obiettivo di facilitare la compilazione della domanda di ammissione alle agevolazioni

Dettagli

SERGIO ALABISO TEMPORARY MANAGER

SERGIO ALABISO TEMPORARY MANAGER TEMPORARY MANAGER Il Business Plan Temporary Manager La difficoltà non sta nel credere nelle nuove idee, ma nel fuggire dalle vecchie. John Maynard Keynes Che cosa e e a cosa serve E un documento volto

Dettagli

- Business Plan DENOMINAZIONE IMPRESA ALLEGATO N. 1 SCHEMA DI RIFERIMENTO BUSINESS PLAN

- Business Plan DENOMINAZIONE IMPRESA ALLEGATO N. 1 SCHEMA DI RIFERIMENTO BUSINESS PLAN ALLEGATO N. 1 SCHEMA DI RIFERIMENTO BUSINESS PLAN Avviso Pubblico 2 BANDO Invito a presentare proposte per progetti finalizzati alla creazione e sviluppo di imprese innovative attraverso l inserimento

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - CUOCO/A - DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE Il cuoco è

Dettagli

* Piazza Unità Trieste - Italy. MASÉ Franchising V.2.1

* Piazza Unità Trieste - Italy. MASÉ Franchising V.2.1 * Piazza Unità Trieste - Italy 1 STORIA 1870 I fratelli Masé lasciano il Trentino e approdano a Trieste per mettere su bottega. A Trieste il punto di partenza dell attività commerciale. 1920 1950 Con il

Dettagli

22 mq e 42 mq. Autorizzazione sanitaria e iscrizione agli artigiani

22 mq e 42 mq. Autorizzazione sanitaria e iscrizione agli artigiani SCHEDA PROGETTO E PROFILO RICHIESTO PER L AVVIO DELL INIZIATIVA Le informazioni riportate in questo documento sono fornite dal franchisor e costruite sull analisi storica dell andamento dei punti vendita.

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SERVIZI DI DISTRIBUZIONE COMMERCIALE Processo Sequenza di processo Area di Attività Qualificazione

Dettagli

2013-2014 PROMOZIONE A.D.G. MENTA SRL

2013-2014 PROMOZIONE A.D.G. MENTA SRL 2013-2014 PROMOZIONE A.D.G. MENTA SRL APRO IL FRIGO E... CUCINO! CUCINA FACILE & VELOCE Grafica accattivante Ricette e ingredienti sempre semplici e di facile reperibilità Grande successo in libreria,

Dettagli

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI. Dott. Roberto Matterazzo

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI. Dott. Roberto Matterazzo LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI Dott. Roberto Matterazzo L incontro si propone di rispondere a queste tre domande: Cosa devo concretamente scrivere in un business plan?

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

47.78.40 - Commercio al dettaglio di combustibile per uso domestico e per riscaldamento

47.78.40 - Commercio al dettaglio di combustibile per uso domestico e per riscaldamento 04 47.78.40 - Commercio al dettaglio di combustibile per uso domestico e per riscaldamento = inizio di attività entro sei mesi dalla data di cessazione nel corso dello stesso periodo d imposta; = cessazione

Dettagli

PROGETTO DI FRANCHISING BOTTEGA DEL MEZZODI Distribuzione Italia s.a.s

PROGETTO DI FRANCHISING BOTTEGA DEL MEZZODI Distribuzione Italia s.a.s PROGETTO DI FRANCHISING BOTTEGA DEL MEZZODI Distribuzione Italia s.a.s : ti propone il suo progetto di franchising CHI SIAMO La nasce dall esperienza e dalla professionalità del Consorzio per il Mezzogiorno

Dettagli

Business Plan. Piano Aziendale, studio di fattibilità Progetto strategico

Business Plan. Piano Aziendale, studio di fattibilità Progetto strategico IL BUSINESS PLAN Business Plan Piano Aziendale, studio di fattibilità Progetto strategico E uno strumento operativo che descrive l idea imprenditoriale, ne esamina i punti di forza e di debolezza al fine

Dettagli

Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II)

Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II) 1 Autoimpiego (D.Lgs 185/2000 Tit. II) L'Agenzia sostiene la realizzazione e l'avvio di piccole attività imprenditoriali da parte di disoccupati o persone in cerca di prima occupazione attraverso le seguenti

Dettagli

Tecniche di approvvigionamento

Tecniche di approvvigionamento Tecniche di approvvigionamento Scelta del fornitore È certamente opportuno non avere un unica fonte di approvvigionamento, ma più aziende fornitrici (due o tre al massimo) a cui rivolgersi in base all

Dettagli

Benvenuti. il Cuoppo

Benvenuti. il Cuoppo Franchising Benvenuti il Cuoppo Diet ro ogni impresa di successo c è qualcuno che ha preso una decisione coraggiosa. La nostra mission : Diventare una delle principali realtà di franchising nel settore

Dettagli

servizi ristorazione e ricevimento

servizi ristorazione e ricevimento Summertrade nasce a Rimini nel 1979 dall idea di un gruppo di professionisti nel campo dell ospitalità e della ristorazione, che intuisce le potenzialità di un settore allora ai primi passi: il catering.

Dettagli

AFFITTACAMERE. A cura della dott.ssa Elisa Bottari DESCRIZIONE

AFFITTACAMERE. A cura della dott.ssa Elisa Bottari DESCRIZIONE AFFITTACAMERE A cura della dott.ssa Elisa Bottari DESCRIZIONE Il turismo per il Veneto rappresenta la risorsa economica più importante. Per gli imprenditori e gli aspiranti tali questo significa una potenziale

Dettagli

COME ELABORARE IL TUO PIANO ECONOMICO FINANZIARIO

COME ELABORARE IL TUO PIANO ECONOMICO FINANZIARIO COME ELABORARE IL TUO PIANO ECONOMICO FINANZIARIO Guida alla stesura del Piano Economico Finanziario per verificare la fattibilità e la sostenibilità del progetto Millionaire Digital Edition A cura del

Dettagli

ISTRUZIONE PROFESSIONALE SETTORE SERVIZI

ISTRUZIONE PROFESSIONALE SETTORE SERVIZI ISTRUZIONE PROFESSIONALE SETTORE SERVIZI Indirizzo Servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera L indirizzo Servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera ha lo scopo di far acquisire

Dettagli

Il progetto di creazione di spin-off accademici: i principi del business plan

Il progetto di creazione di spin-off accademici: i principi del business plan Il progetto di creazione di spin-off accademici: i principi del business plan Copyright 2008 Antonello Garzoni - Tutti i diritti riservati. Prof. Antonello Garzoni ARTI, 20-21-22 Maggio 2008 Agenda Gli

Dettagli

44541 - GESTIONE DELLA RISTORAZIONE CDL: Scienze dei consumi alimentari e della ristorazione- A.A. 2009/2010 Prof. D. Viaggi

44541 - GESTIONE DELLA RISTORAZIONE CDL: Scienze dei consumi alimentari e della ristorazione- A.A. 2009/2010 Prof. D. Viaggi 44541 - GESTIONE DELLA RISTORAZIONE CDL: Scienze dei consumi alimentari e della ristorazione- A.A. 2009/2010 Prof. D. Viaggi N.B. Da compilare su file e restituire al docente via e-mail entro venerdì 23

Dettagli

Dipendenti a tempo pieno Dipendenti a tempo parziale, assunti con contratto di lavoro intermittente, di lavoro ripartito Apprendisti

Dipendenti a tempo pieno Dipendenti a tempo parziale, assunti con contratto di lavoro intermittente, di lavoro ripartito Apprendisti 04 79..00 - Attività delle agenzie di viaggio 79..00 - Attività dei tour operator 79.90.9 - Altri servizi di prenotazione e altre attività di assistenza turistica non svolte dalle agenzie di viaggio nca

Dettagli

Logo LegaCoop Imola. EXPERIMENT A.S. 2011-2012 Come sviluppare un progetto d impresa

Logo LegaCoop Imola. EXPERIMENT A.S. 2011-2012 Come sviluppare un progetto d impresa Logo LegaCoop Imola 1 EXPERIMENT A.S. 2011-2012 Come sviluppare un progetto d impresa Rivolto alle allieve e agli allievi del 4 anno di Istituti Secondari Superiori Presentato da: Patrizia Andreani 2 DALL

Dettagli

Cos è il franchising. La proposta di franchising On Delivery

Cos è il franchising. La proposta di franchising On Delivery Cos è il franchising Il franchising è un sistema di collaborazione commerciale tra due imprese indipendenti: da una parte c è il produttore o un offerente di servizi, detto affiliante o Franchisor, e dall

Dettagli

GAL SAVUTO SCHEMA DI BUSINESS PLAN. accesso alle misure a investimento PER LE DOMANDE D AIUTO INERENTI ATTIVITÀ AZIENDALI

GAL SAVUTO SCHEMA DI BUSINESS PLAN. accesso alle misure a investimento PER LE DOMANDE D AIUTO INERENTI ATTIVITÀ AZIENDALI GAL SAVUTO SCHEMA DI BUSINESS PLAN PER LE DOMANDE D AIUTO INERENTI ATTIVITÀ AZIENDALI accesso alle misure a investimento 1 Indice IDEA PROGETTUALE 4 A. DATI ANAGRAFICI E DI SINTESI 5 A.1. CARATTERISTICHE

Dettagli

,00 3 Altre attività soggette a studi

,00 3 Altre attività soggette a studi 0 Modello VM0U BOZZA INTERNET del 7/0/0 45..0 - Commercio all'ingrosso di parti e accessori di autoveicoli 45..0 - Intermediari del commercio di parti ed accessori di autoveicoli 45..00 - Commercio al

Dettagli

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni:

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni: Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 13 Esame di Stato 2015 Istituto Tecnico - Settore economico Indirizzi: Amministrazione, Finanza e Marketing e Articolazione Sistemi informativi aziendali Svolgimento

Dettagli

Le castagne della Valle del Lujo

Le castagne della Valle del Lujo Le castagne della Valle del Lujo Istituto Tecnico Agrario Statale di Bergamo Classe 5 C a.s. 2007/2008 Banca Tutor Banca Popolare di Bergamo Credito Varesino Le castagne della Valle del Lujo EXECUTIVE

Dettagli

ALLEGATO 9 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013

ALLEGATO 9 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013 ALLEGATO 9 CIRCOLANTE - Pag. 1 di 16 ALLEGATO 9 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013 DGR Basilicata n. 2124 del 15.12.2009 DGR Basilicata n. 353 del 04.04.2013 DGR Basilicata n. 1399

Dettagli