Paghe. Previdenza complementare con Artifond Flavia Martinelli e Gloria Baldoni - Consulenti Cna Interpreta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Paghe. Previdenza complementare con Artifond Flavia Martinelli e Gloria Baldoni - Consulenti Cna Interpreta"

Transcript

1 Paghe Dentro il Ccnl - Artigianato Previdenza complementare con Artifond Flavia Martinelli e Gloria Baldoni - Consulenti Cna Interpreta Natura Fonte istitutiva Parti istitutive Attività di promozione e sviluppo Autorizzazione Artifond è il «Fondo pensione intercategoriale nazionale per i lavoratori dipendenti del settore artigiano», con esclusione del solo settore edilizia. Artifond è costituito in forma di associazione riconosciuta ed è un fondo pensione negoziale in regime di contribuzione definita, ossia con ammontare predeterminato dei contributi da versare, finalizzato all erogazione dei trattamenti pensionistici complementari del sistema obbligatorio, ai sensi del D.Lgs. n. 252/2005. Percorso d avvio Il Fondo è stato costituito in attuazione dei seguenti accordi: intesa interconfederale 8 settembre 1998; accordo istitutivo intercategoriale interconfederale 11 febbraio 1999; accordi categoriali 11 febbraio Le parti istitutive del Fondo sono le organizzazioni nazionali di categoria della Confartigianato, la Confartigianato, le associazioni di mestiere della Cna, la Cna, la Casartigiani, la Claai, le federazioni di categoria della Cgil, la Cgil, le federazioni di categoria della Cisl, la Cisl, le federazioni di categoria della Uil, la Uil. Gli accordi 25 ottobre 2006 e 15 febbraio 2007 hanno successivamente previsto azioni finalizzate ad accelerare il percorso di sviluppo della previdenza complementare nel comparto artigiano e, a seguito delle previsioni del D.Lgs. n. 252/2005, Artifond ha provveduto all adeguamento dello Statuto, alla redazione della Nota informativa (che ha sostituito la precedente Scheda informativa) e alla predisposizione del nuovo modulo di adesione. In data 21 marzo 2007, la Covip ne ha approvato lo Statuto e ha autorizzato il Fondo all esercizio dell attività. Artifond è stato, quindi, iscritto all Albo dei Fondi pensione, nella sezione dei Fondi pensione negoziali, con il numero di iscrizione 156. A seguito dell autorizzazione da parte della Covip, il Fondo è abilitato a ricevere le adesioni dei lavoratori che manifestino tale volontà. Adesione ad Artifond: requisiti soggettivi e modalità Definizione fondo negoziale Artigianato Destinatari I fondi pensione negoziali nascono da contratti o accordi collettivi o regolamenti aziendali che individuano i soggetti ai quali il fondo si rivolge sulla base dell appartenenza ad un determinato comparto, impresa o gruppo di imprese o ad un determinato territorio (es. regione o provincia autonoma). L adesione ad Artifond è riservata ai dipendenti delle aziende del settore artigiano appartenenti a tutte le categorie contrattuali, esclusa l edilizia che ha in Prevedi il proprio Fondo pensione negoziale di riferimento. 9/

2 Dentro il Ccnl - Artigianato Paghe Di seguito si fornisce tabella riepilogativa dei contratti collettivi nazionali di lavoro sottoscritti dalle organizzazioni sindacali dei lavoratori e dei datori di lavoro dell artigianato, per i quali Artifond è fondo negoziale di riferimento. Ccnl acconciatura Ccnl tessile abbigliamento Pmi Ccnl calzature Pmi Ccnl metalmeccanica Ccnl orafi argentieri Ccnl lapidei Ccnl occhialerie Ccnl grafici Ccnl chimici e affini Ccnl autotrasporto Ccnl tessile abbigliamento calzaturiero Ccnl pelli e cuoio Pmi Ccnl legno arredamento Ccnl odontotecnici Ccnl ceramica Ccnl lavanderie Ccnl alimentazione Ccnl pulizia Ccnl ceramica terzo fuoco Associazioni firmatarie Tipologie contrattuali Esclusioni soggettive Volontarietà Meccanismo Modulo Informativa Presentazione domanda Invio domanda È prevista, inoltre, l adesione dei dipendenti dei soggetti sottoscrittori della fonte istitutiva del Fondo e delle società ed enti costituiti, partecipati ovvero promossi dai soggetti medesimi (accordo interconfederale 15 febbraio 2007). Non sono previste limitazioni all adesione per i lavoratori con qualifica di operaio, impiegato o quadro. Gli stessi, pertanto, possono aderire ad Artifond indipendentemente dalla tipologia contrattuale, essendo ammessa l adesione anche per i contratti a tempo determinato, a tempo parziale, di apprendistato, ecc. Non possono, invece, aderire ad Artifond i lavoratori con qualifica di dirigente. Modalità di adesione L adesione ad Artifond è libera e volontaria. La stessa può avvenire con modalità: esplicita, attraverso la compilazione del modulo di adesione al fondo, nonché del modello ministeriale TFR1 o TFR2 per la scelta in ordine al conferimento del proprio Tfr; tacita, a seguito del perfezionamento del meccanismo del silenzio-assenso (di cui all art. 8, c. 7, lett. b), D.Lgs. n. 252/2005). Per aderire in modo esplicito ad Artifond, il lavoratore deve presentare l apposito modulo di adesione, sottoscritto e compilato in ogni sua parte. A tale fine, il lavoratore può rivolgersi all azienda, ai sindacati, agli enti bilaterali territoriali, ai patronati delle associazioni delle imprese artigiane e dei sindacati, alle sezioni regionali o interregionali del fondo, ai consulenti del lavoro, oppure accedere al sito internet (www.artifond.it). Dal 2007, deve essere inderogabilmente utilizzata la nuova documentazione per l adesione al Fondo, non essendo più possibile accettare adesioni sui vecchi moduli, non più in vigore. In ogni caso, l adesione dei lavoratori che hanno manifestato la volontà di associarsi al Fondo deve essere preceduta dalla presa visione dello Statuto e della Nota informativa. La domanda di adesione può essere presentata dal lavoratore direttamente oppure per il tramite del proprio datore di lavoro, che la sottoscrive. La domanda, infatti, impegna nei confronti del Fondo sia il lavoratore che il datore di lavoro. La domanda contiene, inoltre, la delega al datore di lavoro per la trattenuta della contribuzione a carico del lavoratore. In caso di invio della domanda di adesione direttamente da parte del lavoratore, lo stesso deve consegnare tempestivamente al datore di lavoro il modulo di adesione inviato al Fondo, al fine di garantire il rispetto delle tempistiche di versamento. A tale fine, si ritiene operativamente preferibile che l invio venga effettuato da parte del datore di lavoro. L originale della domanda di adesione deve essere inviata ad Artifond, mentre all aderente deve essere consegnata la copia di sua competenza. In particolare, la domanda di adesione 642 9/2007

3 Paghe Dentro il Ccnl - Artigianato Comunicazione Adesione tacita Informativa dei 30 giorni prima Iscrizione automatica deve essere inoltrata ad Artifond al seguente indirizzo: Via di Santa Croce in Gerusalemme, Roma (tel , fax ). L adesione del lavoratore decorre dalla data di sottoscrizione del modulo di adesione. In ogni caso, la decorrenza dell adesione non può essere anteriore al 21 marzo 2007, data di rilascio dell autorizzazione da parte della Covip. Entro 30 giorni dalla ricezione del modulo di adesione, Artifond provvede ad inviare al lavoratore una lettera di conferma dell avvenuta iscrizione, nella quale lo stesso può altresì verificare la data di decorrenza della partecipazione. La sottoscrizione del modulo di adesione non è richiesta ai lavoratori che non abbiano effettuato una scelta esplicita in ordine al conferimento del proprio Tfr e abbiano aderito tacitamente a tale forma di previdenza complementare con l integrale conferimento del Tfr (cosiddetti «lavoratori silenti»). Si ricorda che trenta giorni prima della scadenza dei sei mesi utili ai fini della scelta, i lavoratori che non hanno ancora manifestato alcuna volontà, devono ricevere dal datore di lavoro l informativa (di cui all art. 8, c. 8, D.Lgs. n. 252/2005) che identifica Artifond quale forma pensionistica destinataria del Tfr maturando successivamente alla scadenza del semestre. Il Fondo procede automaticamente all iscrizione del lavoratore silente sulla base dei dati forniti dal datore di lavoro e, successivamente, comunica all aderente l avvenuta iscrizione e le informazioni necessarie al fine di consentire allo stesso l esercizio delle scelte di sua competenza. Versamenti Contributo lavoratore Aliquote artigianato Contribuzione Per i lavoratori che scelgano di aderire ad Artifond, l obbligo di contribuzione decorre dal mese successivo alla comunicazione di adesione (si veda accordo interconf. 4 aprile 2007). Il lavoratore che aderisce esplicitamente al Fondo può destinare in aggiunta alla quota di Tfr dovuta, un contributo aggiuntivo. Se tale contributo è rispettoso dei limiti e delle modalità stabilite dagli accordi e contratti collettivi aziendali applicati, il lavoratore matura il diritto ad un contributo aggiuntivo a carico del proprio datore di lavoro, il cui ammontare è previsto dagli accordi medesimi. In particolare, per i lavoratori a cui si applica uno dei Ccnl dell artigianato, il diritto al contributo aggiuntivo da parte del datore di lavoro, fissato nella misura dell 1%, spetta a fronte di una contribuzione a carico del lavoratore che abbia almeno la stessa entità (1%). Si fornisce di seguito tabella estratta da «Nota informativa per i potenziali aderenti» depositata presso la Covip il 19 aprile Quota minima Contributi Tfr Lavoratore Datore di lavoro Occupati dopo il % 1% 1% Già occupati al % (*) 1% 1% (*) Il lavoratore può scegliere di versare in alternativa l intero Tfr. Indicazioni Nota informativa Previsioni dei Ccnl Circolare Artifond In merito alla retribuzione imponibile da prendere a base per il calcolo della contribuzione dovuta a carico del lavoratore e a carico del datore di lavoro, la Nota informativa fa riferimento alla retribuzione utile ai fini del calcolo del Tfr. In realtà, tale previsione non risulta in armonia con le previsioni dei diversi contratti collettivi nazionali di lavoro che prendono a riferimento una retribuzione convenzionale inferiore. Artifond, con circolare n. 1/2007, ha rettificato la precedente indicazione, chiarendo che la retribuzione da prendere a base per la quantificazione della quota di contribuzione deve essere composta da: paga base; Edr; indennità di contingenza. 9/

4 Dentro il Ccnl - Artigianato Paghe Esclusioni Incrementi di contribuzione e periodicità Periodo transitorio Ammontare Esonerati Premessa normativa Per i lavoratori retribuiti con tariffa oraria, i suddetti elementi di paga, ai fini del calcolo della contribuzione, devono essere assunti considerando una retribuzione mensile parametrata su 173 ore. Sono utili al calcolo della retribuzione convenzionale tutte le ore ordinariamente retribuite e/o indennizzate, ivi comprese quelle relative alla «banca ore», con esclusione dei soli elementi previsti dalla circolare. Nella costruzione dell imponibile, Artifond prevede l esclusione dei seguenti compensi: ore di lavoro straordinario; festività retribuite cadenti in giornate non lavorative; ex festività 4 novembre; indennità sostitutiva di ferie, permessi per riduzione di orario ed ex festività non godute; indennità di mancato preavviso; assenze a qualsiasi titolo per le quali l azienda non corrisponde né retribuzione né anticipazioni di trattamenti economici per conto di Enti terzi (ad es. Inps). Rientrano in questa fattispecie i permessi e le aspettative non retribuite, gli scioperi, il servizio di leva, ecc.; assenze per malattia e infortunio cadenti fuori dalle fasce di trattamento economico contrattualmente previste; assenze per maternità facoltativa. Resta ferma la possibilità per il lavoratore di fissare liberamente una misura maggiore di contribuzione a proprio carico, senza che tale scelta comporti maggiori oneri contributivi a carico del datore di lavoro. Tale incremento può essere disposto anche successivamente all iscrizione. Sulla base delle indicazioni contenute nella Nota informativa, i contributi sono versati con «periodicità trimestrale a decorrere dal primo mese successivo all adesione». Al riguardo, occorre sottolineare che la decorrenza del versamento, in ogni caso, non potrà essere anteriore al 21 marzo 2007, data in cui la Covip ha autorizzato Artifond all esercizio dell attività. È importante ricordare che, comunque, il versamento del Tfr e dell eventuale contribuzione ad Artifond, non poteva essere effettuato prima del 1º luglio 2007, anche con riferimento alle quote maturate dalla data di adesione del lavoratore fino al 30 giugno Spese di iscrizione Le spese da sostenere all atto dell iscrizione rappresentano un costo una tantum in cifra fissa così determinata: E 5,16 a carico dell aderente, da trattenere dalla prima retribuzione utile; E 5,16 a carico dell impresa. Ne consegue che il versamento da sostenere all atto dell iscrizione ammonta complessivamente a E 10,32, che il datore di lavoro deve corrispondere in occasione del primo versamento contributivo. Risultano esonerati dal versamento della quota iniziale di iscrizione: il lavoratore che abbia già provveduto al versamento della quota a proprio carico; l impresa che, ai sensi degli accordi interconfederali del 30 giugno 2004 e 5 ottobre 2004, abbia già versato l una tantum finalizzata alla copertura delle spese di costituzione e gestione dei fondi di previdenza complementare. Le imprese che abbiano già versato la quota una tantum a proprio carico, di cui ai citati accordi, hanno assolto al loro obbligo anche se i lavoratori, al momento in forza, non sono gli stessi che erano presenti alla data di tale versamento. Destinazione del Tfr I lavoratori dipendenti del settore privato, con esclusione dei domestici, a decorrere dal 1º gennaio 2007 (data di entrata in vigore del D.Lgs. n. 252/2005), sono stati chiamati ad esprimere la propria volontà circa la destinazione del Tfr maturando entro: 1) il 30 giugno 2007, se in forza al 31 dicembre 2006; 2) sei mesi dall assunzione, se assunti dal 1º gennaio 2007 e qualora non abbiano già conferito, in maniera tacita o esplicita, il proprio Tfr ad una forma di previdenza complementare, in relazione a precedenti rapporti di lavoro /2007

5 Paghe Dentro il Ccnl - Artigianato TFR1 e TFR2 Quote Tfr Problemi di coordinamento Deducibilità contributi Trattamento contributivo Contributo di solidarietà Evidenza su DM 10/2 La scelta esplicita deve avvenire coi modelli ministeriali TFR1 (nell ipotesi di cui al punto 1) o TFR2 (nell ipotesi di cui al punto 2) da firmare e consegnare all azienda, insieme al modulo di adesione ad Artifond. In base a quanto previsto dal D.Lgs. n. 252/2005, per la quantificazione della quota di Tfr da destinare, occorre distinguere tra: lavoratori occupati dopo il 28 aprile 1993, che sono comunque tenuti a versare l intero Tfr (100%); lavoratori già occupati al 28 aprile 1993, che possono scegliere se: conferire l intero Tfr (100%); conferire un aliquota minima di Tfr prevista dagli accordi o contratti collettivi di qualsiasi livello (pari al 16% per i Ccnl dell artigianato). Resta inteso che il lavoratore può decidere in qualsiasi momento di versare una quota superiore pari all intero Tfr. Gli effetti della scelta esplicita di destinare il Tfr decorrono dal periodo di paga in corso al momento dell effettuazione della scelta che, su indicazione della Covip (delibera 21 marzo 2007), è da far risalire alla compilazione del modulo TFR1 o TFR2. La decorrenza della destinazione del Tfr maturando, disciplinata dalla normativa di riferimento (D.Lgs. n. 252/2005, D.M. 30 gennaio 2007 e relativa prassi collegata) «prescinde dalla decorrenza delle adesioni e dei contributi statutariamente previsti» (Covip, risposta a quesiti di gennaio 2007) e crea problemi di coordinamento, in quanto la contribuzione decorre, invece, dal mese successivo a quello di adesione. Assoggettamenti I contributi versati a forme di previdenza complementare sono oneri deducibili dal reddito fino all importo massimo di E 5.164,57 annui. Nel calcolo del limite si deve considerare il contributo destinato dal lavoratore e il contributo eventualmente versato dal datore di lavoro, mentre il flusso di Tfr conferito, in fase di accantonamento, non assume rilevanza fiscale. In presenza di particolari condizioni, è possibile dedurre un contributo annuo superiore a E 5.164,57 se il lavoratore ha iniziato la propria carriera lavorativa dopo il 1º gennaio Le quote di contribuzione a carico del lavoratore, destinate ad Artifond, non determinano una riduzione della retribuzione imponibile ai fini della contribuzione obbligatoria. Anche tali quote di contribuzione, pertanto, in quanto parte dell imponibile previdenziale, restano soggette a trattenuta contributiva secondo le regole generali. Diversamente, le quote di contribuzione a carico del datore di lavoro, destinate al Fondo, devono essere assoggettate al contributo di solidarietà nella misura del 10%. Il versamento del contributo di solidarietà avviene a favore della gestione pensionistica di riferimento per il lavoratore (Inps per la generalità dei dipendenti). Il contributo di solidarietà è dovuto con la denuncia contributiva di competenza del mese nel corso del quale viene effettuato il versamento della contribuzione ad Artifond. Per l esposizione su modello DM 10/2 del contributo di solidarietà, i datori di lavoro utilizzano, nel Quadro B/C, il codice M900. In corrispondenza di tale codice, occorre indicare il numero dei dipendenti, le retribuzioni imponibili e il contributo dovuto, omettendo le giornate. Misure compensative La Legge finanziaria per l anno 2007 (legge n. 296/2006) ha previsto una serie di agevolazioni in favore delle imprese che conferiscono o smobilizzano il Tfr a forme di previdenza complementare ovvero al Fondo per l erogazione del Tfr ai lavoratori dipendenti del settore privato, che di seguito si rappresentano. 9/

6 Dentro il Ccnl - Artigianato Paghe Agevolazione fiscale Agevolazioni contributive Esempio Dal reddito d impresa è deducibile, in aggiunta alla ordinaria quota di Tfr, un ulteriore importo pari al 4% (elevato al 6% per le imprese con meno di 50 addetti), del Tfr annualmente destinato a forme pensionistiche complementari e al Fondo per l erogazione del Tfr ai lavoratori dipendenti del settore privato. È previsto un esonero dal versamento del contributo al Fondo di garanzia Tfr (dello 0,20% in linea generale, 0,40% per i dirigenti) nella stessa percentuale di Tfr maturando conferito alle forme di previdenza complementare o smobilizzato al Fondo per l erogazione del Tfr. Dal 2008, si aggiungerà un ulteriore riduzione dei contributi sociali nei limiti e secondo quanto stabilito dalla Legge finanziaria per il 2006 (legge n. 248/2005). Si rappresenta la busta paga di maggio 2007 di una operaia parrucchiera che ha aderito ad Artifond in data 9 aprile 2007, destinando, in aggiunta al 100% del Tfr, un contributo a proprio carico pari all 1% della retribuzione convenzionale. Nel quadro D del DM 10/2, tra le somme a credito, deve comparire lo sgravio contributivo (codice TF01), calcolato sul contributo al fondo di garanzia Tfr e in relazione all ammontare di Tfr destinato alla previdenza complementare. Nell ipotesi che sia l unica dipendente in forza, trattandosi di integrale destinazione del Tfr maturando lo sgravio risulta il seguente: 1.077,00 (imponibile contributivo) * 0,20% = 2,154 TF01 = 2 Nel quadro B/C del DM 10/2, tra le somme a debito, non trova esposizione il contributo di solidarietà (codice M900) calcolato sulla quota contributiva a carico del datore di lavoro in quanto tale onere è da assolvere successivamente al versamento, quindi a decorrere dal DM 10/2 di competenza luglio Busta paga 646 9/2007

CASSA EDILE DELLA PROVINCIA DI GROSSETO

CASSA EDILE DELLA PROVINCIA DI GROSSETO CASSA EDILE DELLA PROVINCIA DI GROSSETO ENTE DI MUTUALITA ED ASSISTENZA 58100 GROSSETO VIA MONTEROSA N. 196 TEL..0564 454535 FAX 0564 454922 C.P. N.80 Prot. n 13186 Grosseto, 14 novembre 2003 A TUTTE LE

Dettagli

FAC-SIMILE PER AZIENDA CON PIU DI 49 ADDETTI

FAC-SIMILE PER AZIENDA CON PIU DI 49 ADDETTI FAC-SIMILE PER AZIENDA CON PIU DI 49 ADDETTI RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E DEL TFR COMUNICAZIONE La manovra finanziaria per il 2007 ha anticipato l entrata in vigore della riforma sulla previdenza

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR 1 SISTEMA PENSIONISTICO ATTUALE 1^ PILASTRO: previdenza obbligatoria (Inps,Inpdap,Casse professionali ecc ) ASSICURA LA PENSIONE BASE 2^ PILASTRO

Dettagli

Sintesi degli accordi. (*) Esclusi i comparti Autotrasporto merci e logistica, Edilizia e Servizi di pulizia, che non hanno rinnovato.

Sintesi degli accordi. (*) Esclusi i comparti Autotrasporto merci e logistica, Edilizia e Servizi di pulizia, che non hanno rinnovato. Settore Artigiano Accordo interconfederale - 15 dicembre 2009 Accordi - 15 dicembre 2009 Retribuzioni contrattuali dal 1º gennaio 2010 e bilateralità â Parti stipulanti: Confartigianato Imprese, Cna, Casartigiani

Dettagli

Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007

Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 12 17 MARZO 2008 Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007 Copyright

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005 che, secondo quanto previsto dalla legge finanziaria per l anno 2007, entrerà in vigore dal 1

Dettagli

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE E il momento di scegliere A cura della Struttura di Comparto Scuola non statale DESTINARE IL TFR COS E IL TFR? Il trattamento di fine rapporto (anche conosciuto come liquidazione

Dettagli

Riforma della Previdenza Complementare e nuove regole Fondo COMETA

Riforma della Previdenza Complementare e nuove regole Fondo COMETA Riforma della Previdenza Complementare e nuove regole Fondo COMETA * " &$ #+ ( " ', & $ - "$. /$!& /$!& /$!& /$!& + $$!&$ #,!& '!! " #$ %& $ ' ( )( & &$ )($$&! " )( $ )( gennaio 2007 2 Normativa di riferimento:

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli

Articoli estratti d.lgs. 252/2005 Disciplina delle forme pensionistiche complementari

Articoli estratti d.lgs. 252/2005 Disciplina delle forme pensionistiche complementari Articoli estratti d.lgs. 252/2005 Disciplina delle forme pensionistiche complementari Art.8 Finanziamento 1. Il finanziamento delle forme pensionistiche complementari può essere attuato mediante il versamento

Dettagli

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE DESTINAZIONE DEL TFR MATURANDO A PARTIRE DALL 01.01.2007 IN APPLICAZIONE DELL ART. 8 COMMA 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 DICEMBRE 2005 N. 252 Ogni lavoratore del settore

Dettagli

Lavoratore di prima occupazione (*) successiva al 29 aprile 1993

Lavoratore di prima occupazione (*) successiva al 29 aprile 1993 CONFERIMENTO TFR ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE - VERSAMENTO ALL INPS DELLE QUOTE DI TFR RESIDUE PER LE AZIENDE CON ALMENO 50 DIPENDENTI DECRETI MINISTERIALI DI ATTUAZIONE 1 FEBBRAIO 2007 Sulla Gazzetta

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, ed, in particolare, gli articoli 8, concernente l espressione della volontà del lavoratore circa la destinazione

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, ed, in particolare, gli articoli 8, concernente l espressione della volontà del lavoratore circa la destinazione

Dettagli

Servizi Previdenziali

Servizi Previdenziali Servizi Previdenziali Fondo Nazionale di Previdenza Complementare per i lavoratori addetti ai servizi di trasporto pubblico e per i lavoratori dei settori affini Loro Sedi Alle Associazioni Asstra Anav

Dettagli

LA NUOVA PENSIONE INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DEL SETTORE ARTIGIANO

LA NUOVA PENSIONE INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DEL SETTORE ARTIGIANO LA NUOVA PENSIONE INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DEL SETTORE ARTIGIANO Fondo pensione ARTIFOND iscritto all'albo dei Fondi Pensione n. 156 Via di Santa Croce in Gerusalemme, 63-00185 Roma Tel. 06 77205055

Dettagli

Analizziamo quali possibilità di scelta, in concreto, hanno ciascuna delle citate tipologie di medici dipendenti.

Analizziamo quali possibilità di scelta, in concreto, hanno ciascuna delle citate tipologie di medici dipendenti. Fondo Pensione CAIMOP Via C.Pavese 360 00144 Roma Tel.065022185 Fax 065022190 www.caimop.it A seguito dell entrata in vigore del Dlgs. 5 dicembre 2005 n.252, dal 1 gennaio 2007 ciascun lavoratore dipendente

Dettagli

ARTIGIANATO - PREVIDENZA - FONDI - Folder Informativo su ARTIFOND

ARTIGIANATO - PREVIDENZA - FONDI - Folder Informativo su ARTIFOND ARTIGIANATO - PREVIDENZA - FONDI - Folder Informativo su ARTIFOND La riforma del sistema pensionistico determinata dalla legge 335/1995 e successive modificazioni ha modificato il sistema di rogazione

Dettagli

IL NUOVO TFR, GUIDA ALL USO A cura di Tommaso Roberto De Maria

IL NUOVO TFR, GUIDA ALL USO A cura di Tommaso Roberto De Maria LIBERA Confederazione Sindacale Li.Co.S. Sede nazionale Via Garibaldi, 45-20092 Cinisello Balsamo (MI) Tel.: 02 / 39.43.76.31. Fax: 02 / 39.43.75.26. e-mail: sindacatolicos@libero.it IL NUOVO TFR, GUIDA

Dettagli

PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL FONDO PERSEO

PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL FONDO PERSEO PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL FONDO PERSEO PERSEO, il Fondo pensione complementare dei dipendenti delle Regioni, Autonomie locali e della Sanità Chi può aderire PERSEO può contare su una platea di potenziali

Dettagli

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare Stampa Aspetti fiscali sulla previdenza complementare admin in LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: ASPETTI FISCALI Come è noto, la riforma, attuata con il Decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, in vigore

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Federazione Lavoratori della Conoscenza LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE NORME SUL TFR Schede informative A partire dal 1 gennaio 2007, per 16 milioni di lavoratori dipendenti del settore

Dettagli

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare Le riforme del sistema previdenziale attuate negli anni 90 hanno apportato una serie di interventi restrittivi alle pensioni erogate dal sistema pubblico,

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE REGOLE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 252/05

LA NUOVA DISCIPLINA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE REGOLE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 252/05 POSTE ITALIANE LA NUOVA DISCIPLINA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE REGOLE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 252/05 La presente informativa è stata redatta da Poste

Dettagli

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione)

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione) La previdenza complementare La previdenza complementare ha lo scopo di pagare pensioni che si aggiungono a quelle del sistema obbligatorio, in modo da assicurare migliori condizioni di vita ai pensionati.

Dettagli

Il Calcolo dei contributi:

Il Calcolo dei contributi: Il Calcolo dei contributi: Tabella di calcolo dei contributi La La utile al calcolo del TFR La quota di TFR da versare al Fondo Cometa La tredicesima e la quattordicesima mensilità Il caso di cassa integrazione

Dettagli

La destinazione del Tfr alla previdenza complementare: le ricadute sul datore di lavoro

La destinazione del Tfr alla previdenza complementare: le ricadute sul datore di lavoro La destinazione del Tfr alla previdenza complementare: le ricadute sul datore di lavoro di Luca Avallone Dal 1 gennaio 2007, con l entrata in vigore del decreto legislativo 252/2005 si ampliano le possibilità

Dettagli

ACCORDO PLURIMO SU BASE

ACCORDO PLURIMO SU BASE [VZ/ACC] ACCORDO PLURIMO SU BASE INDIVIDUALE A LIVELLO AZIENDALE PER L ATTIVAZIONE DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE EX ART-3, c.1, lett.a), E PER GLI EFFETTI DELL ART.12, c.2 E 13 DEL D.LGS. 05.12.2005,

Dettagli

a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali

a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali Udine, 13 agosto 2014 CCNL Area Tessile-Moda, il 25 luglio 2014 sottoscritto il rinnovo del contratto (per i settori TAC, pulitintolavanderia e occhialeria)

Dettagli

LA NUOVA PENSIONE INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DEL SETTORE ARTIGIANO

LA NUOVA PENSIONE INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DEL SETTORE ARTIGIANO LA NUOVA PENSIONE INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DEL SETTORE ARTIGIANO Fondo pensione ARTIFOND iscritto all'albo dei Fondi Pensione n. 156 Via di Santa Croce in Gerusalemme, 63-00185 Roma Tel. 06 77205055

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE INTRODUZIONE IL TFR LA PREVVIDENZA COMPLEMENTARE IL FINANZIAMENTO DELLE FORME PENSIONISTICHE FORME DI ADESIONE AGEVOLAZIONI FISCALI TASSAZIONE DELLE PRESTAZIONI TRASFERIMENTO

Dettagli

I Fondi pensione nel pubblico impiego

I Fondi pensione nel pubblico impiego 38 I Fondi pensione destinati ai lavoratori dipendenti delle pubbliche amministrazioni dello Stato, il cui rapporto di lavoro è disciplinato tramite contrattazione collettiva, possono essere istituiti

Dettagli

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749

Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 Legge n. 296/2006 art. 1, comma 749 A decorrere dal 1 gennaio 2007 il lavoratore dipendente è tenuto ad operare una scelta circa la destinazione del proprio tfr maturando: se destinarlo a una previdenza

Dettagli

Previcooper, il fondo pensione della distribuzione cooperativa

Previcooper, il fondo pensione della distribuzione cooperativa Fondo Pensione per i lavoratori dipendenti dalle imprese della distribuzione cooperativa Iscritto all Albo dei Fondi Pensione con il numero d ordine 102 Previcooper, il fondo pensione della distribuzione

Dettagli

FONDO PENSIONE ARTIFOND DOMANDE E RISPOSTE

FONDO PENSIONE ARTIFOND DOMANDE E RISPOSTE Via di S. Croce in Gerusalemme, 63 00185 Roma Tel. +039 06 77205055 Fax 06 77591946 www.artifond.it FONDO PENSIONE ARTIFOND DOMANDE E RISPOSTE a) GENERALITÀ SUL FONDO CHE COS È UN FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE?

Dettagli

Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.

Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli. Centro Studi Cafasso Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Circolare informativa n 5/2007 Napoli, lì 9 marzo

Dettagli

CIRCOLARE N.6 2006 (Lavoro)

CIRCOLARE N.6 2006 (Lavoro) CIRCOLARE N.6 2006 (Lavoro) Vigevano, 20/12/2006 RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E DESTINAZIONE TFR Ai Sig.ri Clienti Loro Sedi In data 19/10/2006 le parti sociali hanno raggiunto un accordo che

Dettagli

SCHEDA SINTETICA CARATTERISTICHE DELLA FORMA PENSIONISTICA COMPLEMENTARE

SCHEDA SINTETICA CARATTERISTICHE DELLA FORMA PENSIONISTICA COMPLEMENTARE CARATTERISTICHE DELLA FORMA PENSIONISTICA COMPLEMENTARE Informazioni generali Lo scopo La costruzione della pensione complementare Il modello di governance La contribuzione Il TFR La quota a carico dell

Dettagli

Gli Organismi di Previdenza Complementare

Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli organismi di previdenza complementare, o fondi pensione, sono stati introdotti nell ordinamento italiano attraverso le disposizioni del Decreto legislativo

Dettagli

VADEMECUM T.F.R. E PENSIONE COMPLEMENTARE

VADEMECUM T.F.R. E PENSIONE COMPLEMENTARE UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE C.S.P. U.I.L. BRESCIA SEGRETERIA PROVINCIALE BRESCIA 26126 BRESCIA VIA VANTINI 20 TELEFONO 030/3753032-294111 TELEFAX 030/2404889 E-MAIL cspbrescia@uil.it VADEMECUM T.F.R.

Dettagli

PERCHÉ CONVIENE ADERIRE A TELEMACO

PERCHÉ CONVIENE ADERIRE A TELEMACO PERCHÉ CONVIENE ADERIRE A TELEMACO CHI È TELEMACO TELEMACO è il Fondo Pensione Complementare del settore delle Telecomunicazioni costituito nel 1998, in forma di associazione riconosciuta senza fine di

Dettagli

SPAZIO AZIENDE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE

SPAZIO AZIENDE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE Commercialisti Associati Bellttramii Pellllegriinii Ciimarollllii Veronesii Zorzii - Basiille 25124 Brescia 38100 Trento 38080 Darzo 20144 Milano 5, Via Aldo Moro 5, Via S. Vigilio 1, Zona Artigianale

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

L EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE per Confcooperative L EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE Novembre 2006 1 Legge Finanziaria art. 84 Fondo per l erogazione ai lavoratori dipendenti del TFR DM sul Fondo Tesoreria

Dettagli

La riforma della previdenza complementare (D. Lgs. 252 del 5 dicembre 2005)

La riforma della previdenza complementare (D. Lgs. 252 del 5 dicembre 2005) INDICAZIONI OPERATIVE PER I DATORI DI LAVORO CHE APPLICANO IL CCNL EDILI INDUSTRIA O IL CCNL EDILI ARTIGIANATO PREMESSA Le presenti indicazioni operative rispondono alle disposizioni dei seguenti Decreti

Dettagli

La destinazione del tfr. Mauro Porcelli - Airu - Università Cattolica del Sacro Cuore

La destinazione del tfr. Mauro Porcelli - Airu - Università Cattolica del Sacro Cuore La destinazione del tfr 1 Premessa: date rilevanti 29 aprile 1993: data di entrata in vigore del D.Lgs 124/1993 sulla disciplina delle forme pensionistiche complementari. L'art. 8, comma 3, prevede che

Dettagli

VERSAMENTI 2016 EBAS Sardegna- FSBA

VERSAMENTI 2016 EBAS Sardegna- FSBA VERSAMENTI 2016 EBAS Sardegna- FSBA In relazione a quanto stabilito dalle intese fra le Parti in materia di bilateralità e contrattualizzazione del diritto dei lavoratori alle relative prestazioni, tutte

Dettagli

PATRONATO INCA CGIL. Sede Centrale Area delle Politiche dei diritti e del benessere. Roma, li 01-03-2007 Prot. 46

PATRONATO INCA CGIL. Sede Centrale Area delle Politiche dei diritti e del benessere. Roma, li 01-03-2007 Prot. 46 PATRONATO INCA CGIL Sede Centrale Area delle Politiche dei diritti e del benessere 00198 Roma - Via Giovanni Paisiello 43 Telefono 06-855631 - Fax 06-85563268 Internet : http: //www.inca.it E-mail : politiche-previdenziali@inca.it

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE DELIBERAZIONE 21 marzo 2007 Direttive recanti chiarimenti operativi circa l applicazione del decreto ministeriale del 30 gennaio 2007, adottato ai sensi dell

Dettagli

I Fondi pensione nel pubblico impiego

I Fondi pensione nel pubblico impiego I Fondi pensione nel pubblico impiego I scheda Fondi pensione destinati ai lavoratori dipendenti delle pubbliche amministrazioni dello Stato, il cui rapporto di lavoro è disciplinato tramite contrattazione

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

LE NUOVE REGOLE DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE 1 LE NUOVE REGOLE DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE 2 TFR: : quali scelte per il lavoratore Dal 1 gennaio 2007,, se già assunto, o dalla data di assunzione, il lavoratore ha 6 mesi di tempo per: 1. Scegliere

Dettagli

Il quadro d insieme del sistema di previdenza complementare

Il quadro d insieme del sistema di previdenza complementare Il quadro d insieme del sistema di previdenza complementare Agenda La funzione della previdenza complementare Caratteristiche e modalità di funzionamento Tipologia di forme pensionistiche complementari

Dettagli

La nuova previdenza complementare

La nuova previdenza complementare Concreto Fondo Pensione Complementare Nazionale La nuova previdenza complementare La nuova previdenza complementare 1 Agenda Adesione esplicita e tacita Fonti di finanziamento e regole per la deducibilità

Dettagli

perché conviene aderire a telemaco

perché conviene aderire a telemaco perché conviene aderire a telemaco Chi è Telemaco TELEMACO è il Fondo Pensione Complementare del settore delle Telecomunicazioni costituito nel 1998, in forma di associazione riconosciuta senza fine di

Dettagli

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale IL METODO DEL COSTO STANDARD di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale Il datore di lavoro ha necessità di conoscere in via preventiva quale sarà il costo del personale che occupa

Dettagli

Sesso: Stato Civile: Nato il : / / A: Prov. Cap

Sesso: Stato Civile: Nato il : / / A: Prov. Cap Io sottoscritto\a Mod. 1 - Adesione Ed. Gennaio 2013 copia per Lavoratore (Il presente modulo, va spedito a CONCRETO dall Azienda) C.F. Sesso: Stato Civile: Nato il : / / A: Prov. Cap Residenza (città

Dettagli

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA LE PENSIONI NEL 2006 Gli aggiornamenti sugli aspetti di maggior interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Secondo l art., comma 1, della legge 29/5/82,

Dettagli

SANITA INTEGRATIVA VENETO SANI.IN.VENETO

SANITA INTEGRATIVA VENETO SANI.IN.VENETO SANITA INTEGRATIVA VENETO SANI.IN.VENETO REGOLAMENTO ART. 1) OGGETTO Il presente regolamento disciplina il funzionamento tecnico ed amministrativo del Fondo nonché le modalità di adesione/iscrizione, i

Dettagli

COMETA - FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELL'INDUSTRIA METALMECCANICA, DELLA INSTALLAZIONE DI IMPIANTI E DEI SETTORI AFFINI

COMETA - FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELL'INDUSTRIA METALMECCANICA, DELLA INSTALLAZIONE DI IMPIANTI E DEI SETTORI AFFINI 11 ddi i 66 SSCHEDA SSIINTETIICA COMETA - FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELL'INDUSTRIA METALMECCANICA, DELLA INSTALLAZIONE DI IMPIANTI E DEI SETTORI AFFINI SCHEDA SINTETICA (dati

Dettagli

I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI

I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI Sostenibilità finanziaria del sistema pensionistico obbligatorio Prolungare l attività lavorativa o ritardare il momento della pensione:

Dettagli

DIPARTIMENTO WELFARE Politiche Previdenziali

DIPARTIMENTO WELFARE Politiche Previdenziali DIPARTIMENTO WELFARE Politiche Previdenziali SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO DEL MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE DI CONCERTO CON IL MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR A cura di Maria Rosa Gheido 1 LEGGE DELEGA n. 243/2004 (luglio 2004) AVVISO COMUNE DELLE PARTI SOCIALI (febbraio e luglio 2005) DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA Il decreto legislativo n. 252 del 5 dicembre 2005 ha rinviato al 1 gennaio 2007 esclusivamente l obbligo della destinazione del TFR maturando alla previdenza

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Marzo 2015. Federico Strada, Senior Counsel, dipartimento Employment, Carlotta Benigni, Associate, dipartimento Tax, DLA Piper

Marzo 2015. Federico Strada, Senior Counsel, dipartimento Employment, Carlotta Benigni, Associate, dipartimento Tax, DLA Piper Marzo 2015 DDL Concorrenza e novità in tema di fondi pensione Federico Strada, Senior Counsel, dipartimento Employment, Carlotta Benigni, Associate, dipartimento Tax, DLA Piper Il cosiddetto Disegno Di

Dettagli

PERCHÉ CONVIENE ADERIRE A TELEMACO

PERCHÉ CONVIENE ADERIRE A TELEMACO PERCHÉ CONVIENE ADERIRE A TELEMACO CHI È TELEMACO TELEMACO è il Fondo Pensione Complementare del settore delle Telecomunicazioni costituito nel 1998, in forma di associazione riconosciuta senza fine di

Dettagli

Forme pensionistiche complementari Introduzione Le forme pensionistiche complementari sono forme di previdenza finalizzate alla costituzione di una

Forme pensionistiche complementari Introduzione Le forme pensionistiche complementari sono forme di previdenza finalizzate alla costituzione di una Forme pensionistiche complementari Introduzione Le forme pensionistiche complementari sono forme di previdenza finalizzate alla costituzione di una prestazione pensionistica integrativa, autorizzate e

Dettagli

INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi

INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi n 43 del 16 novembre 2012 circolare n 695 del 15 novembre 2012 referente GRANDI/af INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi L INPS, con circolare n.128 del 2 novembre 2012 (allegata alla

Dettagli

La contribuzione e la costruzione del montante previdenziale individuale

La contribuzione e la costruzione del montante previdenziale individuale La contribuzione e la costruzione del montante previdenziale individuale Finanziamento fondo pensione negoziale Rappresenta uno degli incentivi all adesione ai fondi negoziali rispetto ai fondi aperti

Dettagli

RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE

RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE Come viene alimentata la posizione previdenziale? Il finanziamento è attuato mediante contribuzione a carico del lavoratore, del datore di lavoro e tramite

Dettagli

aggiornato al 31 luglio 2014

aggiornato al 31 luglio 2014 aggiornato al 31 luglio 2014 Regime fiscale applicabile ai lavoratori iscritti a una forma pensionistica complementare dopo il 31 dicembre 2006 e ai contributi versati, a partire dal 1 gennaio 2007, dai

Dettagli

I Fondi di Previdenza Complementare contrattuali Novità introdotte dal 1 gennaio 2007 e destinazione del TFR

I Fondi di Previdenza Complementare contrattuali Novità introdotte dal 1 gennaio 2007 e destinazione del TFR I Fondi di Previdenza Complementare contrattuali Novità introdotte dal 1 gennaio 2007 e destinazione del TFR Slide n.1 La pensione in rapporto all ultima retribuzione Ipotesi: Lavoratore con 35 anni di

Dettagli

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue:

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue: Le pensioni nel 2007 Gli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps, con particolare riferimento al fondo pensioni lavoratori dipendenti Tetto di retribuzione pensionabile Il tetto

Dettagli

I Fondi pensione negoziali

I Fondi pensione negoziali I Fondi pensione negoziali 45 I Fondi pensione negoziali sono forme pensionistiche complementari la cui origine, come suggerisce il termine negoziali, è di natura contrattuale. Essi sono destinati a specifiche

Dettagli

Questo documento vuole essere una guida alla compilazione del modulo di adesione a Fon.Te. e del modulo TFR2.

Questo documento vuole essere una guida alla compilazione del modulo di adesione a Fon.Te. e del modulo TFR2. Moduli commentati (Adesione Fonte & TFR2) new.doc Questo documento vuole essere una guida alla compilazione del modulo di adesione a Fon.Te. e del modulo TFR2. Introduzione (tratta da www.tfr.gov.it) Dal

Dettagli

Fondo Pensione per il personale della Deutsche Bank S.p.A. Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1056 MODULO DI ADESIONE

Fondo Pensione per il personale della Deutsche Bank S.p.A. Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1056 MODULO DI ADESIONE Fondo Pensione per il personale della Deutsche Bank S.p.A. Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1056 MODULO DI ADESIONE Il sottoscritto conferma di aver preso visione dello Statuto e della Nota

Dettagli

I Fondi pensione aperti

I Fondi pensione aperti 50 I Fondi pensione aperti sono forme pensionistiche complementari alle quali, come suggerisce il termine aperti, possono iscriversi tutti coloro che, indipendentemente dalla situazione lavorativa (lavoratore

Dettagli

Elementi di orientamento per la destinazione del TFR nella Previdenza complementare

Elementi di orientamento per la destinazione del TFR nella Previdenza complementare Elementi di orientamento per la destinazione del TFR nella Previdenza complementare Terzo settore e Sanità Privata Roma - Giugno 2007 Le scadenze e le condizioni di riferimento Con la Legge Finanziaria

Dettagli

Fondo Pensione ESPERO. La pensione pubblica. Il secondo pilastro e la pensione pubblica. Fondo Pensione: schema di funzionamento CCNL INPDAP

Fondo Pensione ESPERO. La pensione pubblica. Il secondo pilastro e la pensione pubblica. Fondo Pensione: schema di funzionamento CCNL INPDAP Fondo Pensione ESPERO La pensione pubblica 1 - Perché i Fondi Pensione 2 - Come funzionano i Fondi Pensione 3 - Il Fondo Pensione ESPERO 4 - I destinatari 5 - Gli organi 6 - Adesione ad Espero ed effetti

Dettagli

TASSAZIONE DEI RENDIMENTI

TASSAZIONE DEI RENDIMENTI GLI ASPETTI FISCALI Deducibilità dei contributi A tutti i lavoratori è riconosciuta la deducibilità dei contributi a proprio carico versati alle forme pensionistiche complementari fino ad un massimo di

Dettagli

PrevAer Fondo Pensione

PrevAer Fondo Pensione Pagina 1 di 5 Documento sul Regime Fiscale aggiornato al 27 marzo 2015 Regime fiscale applicabile ai lavoratori iscritti a una forma pensionistica complementare dopo il 31 dicembre 2006 e ai contributi

Dettagli

Ccnl Metalmeccanici e Orafi e argentieri (Confindustria): il fondo Cometa Barbara Massara Consulente del lavoro in Roma

Ccnl Metalmeccanici e Orafi e argentieri (Confindustria): il fondo Cometa Barbara Massara Consulente del lavoro in Roma Ccnl Metalmeccanici e Orafi e argentieri (Confindustria): il fondo Cometa Barbara Massara Consulente del lavoro in Roma Cometa è il fondo pensione per i lavoratori dell industria metalmeccanica e delle

Dettagli

Il Modulo di adesione è parte integrante e necessaria della Nota informativa.

Il Modulo di adesione è parte integrante e necessaria della Nota informativa. Fondo Pensione per il Personale della Deutsche Bank S.p.A. Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1056 MODULO DI ADESIONE (inviare una copia a DB Consortium HRS - P.za del Calendario 5 Milano e

Dettagli

Regolamento per i versamenti contributivi aggiuntivi SOMMARIO ARTICOLO 1 OGGETTO... 3 ARTICOLO 2 VERSAMENTI CONTRIBUTIVI AGGIUNTIVI...

Regolamento per i versamenti contributivi aggiuntivi SOMMARIO ARTICOLO 1 OGGETTO... 3 ARTICOLO 2 VERSAMENTI CONTRIBUTIVI AGGIUNTIVI... SOMMARIO ARTICOLO 1 OGGETTO... 3 ARTICOLO 2 VERSAMENTI CONTRIBUTIVI AGGIUNTIVI... 3 PARTE PRIMA: CONTRIBUZIONE AGGIUNTIVA PER IL TRAMITE DEL DATORE DI LAVORO CON PRELIEVI DALLA RETRIBUZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE CONTRIBUTIVE DIREZIONE CENTRALE SISTEMI INFORMATIVI E TELECOMUNICAZIONI

DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE CONTRIBUTIVE DIREZIONE CENTRALE SISTEMI INFORMATIVI E TELECOMUNICAZIONI Direzione Centrale delle Entrate Contributive Roma, 26-04-2007 Messaggio n. 10577 OGGETTO: Circolare n.70/2007. Obblighi contributivi nei riguardi del Fondo di Tesoreria. Ulteriori precisazioni. Flusso

Dettagli

NOTA INFORMATIVA AI LAVORATORI

NOTA INFORMATIVA AI LAVORATORI NOTA INFORMATIVA AI LAVORATORI LA RIFORMA DEL TFR informativa ai sensi e per gli effetti dell articolo 8, comma 8 del D.Lgs. 252/2005 Egregio dipendente, con la presente vogliamo informarla che a partire

Dettagli

FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione

FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione 1 L ADESIONE L adesione alle forme pensionistiche complementari è libera e volontaria 2 L ADESIONE SI PUO ADERIRE A FONTEMP: IN MANIERA

Dettagli

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Complementare

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Complementare Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Complementare www.logicaprevidenziale.it A Albo (delle forme pensionistiche complementari): Elenco ufficiale tenuto dalla COVIP cui le forme pensionistiche

Dettagli

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE SCELTA PER LA DESTINAZIONE DEL TFR - MODULISTICA

RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE SCELTA PER LA DESTINAZIONE DEL TFR - MODULISTICA Circolare n. 35 del 23 febbraio 2007 Decorrenza: immediata Serie: PERSONALE Argomento: Normativa e contrattualistica Oggetto: RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE SCELTA PER LA DESTINAZIONE DEL TFR -

Dettagli

REGOLAMENTO PER I VERSAMENTI CONTRIBUTIVI AGGIUNTIVI

REGOLAMENTO PER I VERSAMENTI CONTRIBUTIVI AGGIUNTIVI PREVICOOPER Fondo Pensione Complementare Nazionale a capitalizzazione dei dipendenti delle imprese della distribuzione cooperativa VIA C. B. PIAZZA, 8 00161 ROMA Associazione r iconosciuta con D. M. lavoro

Dettagli

INDICE. Sezione Prima ASPETTI CIVILISTICI

INDICE. Sezione Prima ASPETTI CIVILISTICI INDICE Sezione Prima ASPETTI CIVILISTICI Definizione di TFR... pag. 10 Fonti normative...» 10 Soggetti beneficiari... pag. 12 Decesso del dipendente...» 12 Cessione e pignoramento del TFR...» 13 Calcolo

Dettagli

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa al fondo pensione aperto a contribuzione definita

Dettagli

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE Chiarimenti sulla disciplina fiscale del d. lgs. n. 252/2005 (c.d. Testo Unico della previdenza complementare) Circolare dell

Dettagli

I Fondi pensione aperti

I Fondi pensione aperti I Fondi pensione aperti I scheda Fondi pensione aperti sono forme pensionistiche complementari alle quali, come suggerisce il termine aperti, possono iscriversi tutti coloro che, indipendentemente dalla

Dettagli

Ai Consulenti del Lavoro

Ai Consulenti del Lavoro Foggia, 12 luglio 2012 Ai Titolari di imprese di PANIFICAZIONE Ai Consulenti del Lavoro Oggetto: Ente bilaterale (EBIPAN) e assistenza sanitaria settore panificazione (FON.SAP.) Caro collega, al fine di

Dettagli

CIRCOLARE N 13 DEL 23 SET. 2013

CIRCOLARE N 13 DEL 23 SET. 2013 AREA RISORSE E SISTEMI Settore Personale e Sviluppo Organizzativo Unità Organizzativa Sitpendi e altri Compensi Unità Organizzativa Personale Tecnico ed Amministrativo e Dirigenti A tutto il Personale

Dettagli

Le pensioni nel 2006

Le pensioni nel 2006 Le pensioni nel 2006 Proponiamo il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE

Dettagli

È operativo il nuovo Fondo complementare «Perseo» Giuseppe Argentino Caposervizio Studi del Patronato Acli

È operativo il nuovo Fondo complementare «Perseo» Giuseppe Argentino Caposervizio Studi del Patronato Acli PREVIDENZA COMPLEMENTARE Guida alle Pensioni È operativo il nuovo Fondo complementare «Perseo» Giuseppe Argentino Caposervizio Studi del Patronato Acli Dallo scorso 15 settembre è operativo «Perseo», il

Dettagli

ABC DELLA PREVIDENZA CO C MPLE L M E EN E TA T R A E R

ABC DELLA PREVIDENZA CO C MPLE L M E EN E TA T R A E R ABC DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE Art 1. Ambito di applicazione e definizioni LE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI EROGANO TRATTAMENTI PENSIONISTICI AGGIUNTIVI DEL SISTEMA OBBLIGATORIO PUBBLICO ALLO

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli