Ilaria Fadda Area Relazione Industriali Confindustria Genova OGGETTO: PENSIONI Relazione Club Previdenza 10 marzo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ilaria Fadda Area Relazione Industriali Confindustria Genova OGGETTO: PENSIONI 2015. Relazione Club Previdenza 10 marzo 2015 -"

Transcript

1 Ilaria Fadda Area Relazione Industriali Confindustria Genova OGGETTO: PENSIONI 2015 Relazione Club Previdenza 10 marzo Il 2015 si apre confermando i requisiti pensionistici già previsti per il E questo vale per tutte le tipologie di pensione, vecchiaia, anticipata, di invalidità e ai superstiti. Niente quindi della tanto auspicata reintroduzione di un principio di flessibilità, vale a dire delle possibilità di libero accesso a pensione in un range anagrafico definito, con incentivi o penalizzazioni a seconda dell età prescelta. Soluzione che, invero, era quella che era già stata provvidamente individuate dalla riforma Dini, di cui alle legge 335/95, e che peraltro permetterebbe in un solo colpo di dare un importante soluzione al fenomeno di salvaguardia offrendo una possibilità di uscita allo stato attuale inibita dalla eccessiva rigidità delle regole di accesso al sistema pensionistico. Nel 2016 scatteranno i nuovi incrementi pensionistici per adeguamento alla variazione delle aspettative di vita rilevate dall Istat (4 mesi di aumento, confermati dal decreto direttoriale Economia Lavoro del 16 dicembre 2014). Una singolarità del nostro ordinamento previdenziale che crea un diabolico meccanismo di innalzamento progressivo dei limiti sia anagrafici che contributivi per poter accedere a pensione. Infatti, sebbene le aspettative di vita abbiano a che vedere con la percezione dell assegno pensionistico, e quindi dovrebbero a rigor di logica incidere solo sul momento di accesso a pensione e quindi sul requisito anagrafico, gli incrementi sono stati estesi anche al requisito contributivo necessario per maturare il diritto a pensione anticipata. Veniamo ora ai requisiti che troveranno applicazione nel corso dell anno ) Pensione di vecchiaia: La nuova pensione di vecchiaia, confermando il requisito contributivo minimo di 20 anni (salvo deroghe di cui si parlerà in specifico paragrafo), ha decisamente elevato il requisito anagrafico. Per le lavoratrici dipendenti del settore privato si è infatti passati dai 60 anni del 2011 ai 62 anni del A partire dal 2013, come dinanzi accennato, ha trovato applicazione il meccanismo di adeguamento dei requisiti pensionistici alle speranze di vita, il quale ha portato a 62 anni e 3 mesi l età minima per l accesso a pensione di vecchiaia. Il requisito anagrafico è aumentato di 18 mesi a partire dal , portandosi a 63 anni e 9 mesi (valore valido anche per il 2015), ed il requisito anagrafico minimo salirà, quindi a 65 anni e 7 mesi. Nel 2018 l età arriverà a 66 anni e 7 mesi. Dal 2019 in poi ci saranno ulteriori aumenti biennali per adeguamento delle aspettative di vita. Stessa sorte per le lavoratrici autonome (artigiane, commercianti, coltivatrici dirette, collaboratrice iscritte alla gestione separata Inps). I 60 anni del 2011 sono diventati 63 anni e 6 mesi nel 2012, 63 anni e 9 mesi nel 2013 e 64 anni e 9 mesi nel 2014/2015. Diventeranno quindi 66 anni e 1 mese nel 2016, 66 anni e 7 mesi nel 2018, per poi agganciarsi dal 2019 in poi agli ulteriori aumenti biennali per adeguamento delle aspettative di vita. Per gli uomini (dipendenti privati e pubblici, lavoratori autonomi) e le donne dipendenti pubbliche si è passati dal 65 anni del 2011 (61 per le dipendenti pubbliche) ai 66 anni del 2012, 66 anni e 3 mesi del 2013 ( valore valido anche per gli anni 2014 e 2015) e ai 66 anni e 7 mesi del 2016/2018. Dal 2019 in poi ci saranno anche in questo caso i periodici costanti aumenti biennali per adeguamento alle aspettative di vita. Dal 2018 tutte le categorie di lavoratori avranno la medesima età pensionabile. Anche per il requisito anagrafico, come quello contributivo, sono previste specifiche deroghe: possono ancora accedere a pensione di vecchiaia con limiti di età inferiori a quelle precedentemente indicati per il settore privato (Inps):

2 - I dipendenti privati (Fpld) riconosciuti invalidi in misura pari o superiore all 80%: 55 anni donne -60 anni uomini; - I lavoratori non vedenti da data anteriore all inizio dell assicurazione o con almeno 10 anni di contribuzione dopo l insorgenza della cecità: 50 anni donne e 55 uomini (Fpld), 55 anni donne e 60 anni uomini; - I lavoratori non vedenti che non rientrano nelle condizioni richiamate al punto precedente: 55 anni donne, 60 anni uomini. A tali più favorevoli limiti di età si applicano comunque dal 2013 gli incrementi legali alla speranza di vita (aumento di 3 mesi nel triennio 2013/2015 e successivi incrementi), e l accesso anticipato alla pensione di vecchiaia è soggetto al previgente regime di decorrenze secondo la disciplina della c.d. finestra mobile (12 mesi di differimenti per le pensioni da liquidare nel Fondo per lavoratori dipendenti Inps, 18 mesi per le pensioni a carico delle gestioni. Relativamente al pubblico impiego (ex Inpdap): - La deroga per invalidità pari o superiore all 80% non trova applicazione; - La deroga per non vedenti è operativa per i soli dipendenti di enti locali e non per gli statali: solo per i primi rimangono infatti in vigore i tassativi liniti di età stabiliti: solo per i primi rimangono in vigore i tassativi limiti di età stabiliti alla data del per il collocamento a riposo dell ufficio dalla fonte normativa interna che disciplina il rapporto di lavoro (regolamenti organici del personale). I requisiti anagrafici e contributivi sin qui esaminati, eccezion fatta per le deroghe, trovano applicazione anche nei confronti dei lavoratori e lavoratrici che possono far valere contribuzione che si colloca solo a partire dal (lavoratori con riferimento ai quali il primo accredito contributivo decorre successivamente al ) appartenenti al sistema previdenziale contributivo. In questo caso, tuttavia, la possibilità di accesso alla pensione di vecchiaia prima del compimento del 70 anno di età, è subordinata alla condizione che, il relativo primo importo non risulti inferiore a 1,5 volte l assegno sociale Inps. Al compimento del 70 anno di età (requisiti assoggettato ad adeguamento alle speranze di vita a partire dal 2013, quindi giunto a 70 anni e 3 mesi nel 2015), il diritto alla pensione di vecchiaia per i lavoratori con primo accredito successivo al si ottiene invece con il possesso di un minimo di anzianità di 5 anni di contribuzione effettiva (con esclusione quindi della contribuzione figurativa), e a prescindere da qualsiasi condizione di importo soglia da dover raggiungere. Questa disciplina speciale di pensionamento (importo soglia da dover rispettare prima del compimento del 70 anno di età, ulteriore canale di pensionamento al 70 anno di età) è indirizzata esclusivamente ai lavoratori privi di contribuzione alla data del , e non trova quindi applicazione nei confronti dei soggetti che, in possesso di contribuzione antecedente a quella data, esercitano l opzione al sistema contributivo (lavoratori con meno di 18 anni di contribuzione al , e con almeno 15 anni di contribuzione complessiva dei quali almeno 5 successivi al ). Eccezion fatta per le situazioni a pensione con deroga rispetto al requisito anagrafico generale, la nuova pensione di vecchiaia non prevede un regime di accesso differito al pagamento della prestazione (la previgente finestra mobile collocata rispettivamente a 12 mesi a 18 mesi dalla data di maturazione dei requisiti a seconda della gestione di liquidazione). Previa cessazione del rapporto di lavoro dipendente, la pensione di vecchiaia decorre pertanto dal primo giorno del mese successivo a quello di maturazione dei requisiti con facoltà, comunque sempre in capo al lavoratore di poter richiedere e ottenere una decorrenza dal mese successivo a quello di presentazione della

3 domanda. Per quanto riguarda, invece, le presentazioni del pubblico impiego (regime ex Inpdap) è possibile ancora oggi ottenere una decorrenza intermedia nel corso del mese: primo giorno successivo alla data di cessazione dal servizio con avvenuta contestuale maturazione dei requisiti pensionistici. Laddove tuttavia il requisito anagrafico non venga maturato in costanza di iscrizione contributiva (c.d. pensione differita) anche Inpdap applica la decorrenza del primo giorno del mese successivo a quello del raggiungimento del requisito stesso. Un cenno infine allo speciale canale di accesso a pensione di vecchiaia previsto per le lavoratrici dipendenti del settore privato ago Inps e forme sostitutive, che, hanno maturato i requisiti pensionistici nel corso dell anno 2012 (art. 24, comma 15 bis, D.L. 201/2011, conv. Il legge 214/2011). Tali lavoratrici in possesso entro il 31 dicembre 2012 di un anzianità contributiva minima di 20 anni e di età anagrafica di almeno 60 anni, possono accedere in via eccezionale al pensionamento di vecchiaia all età di 64 anni laddove più favorevole rispetto ai requisiti anagrafici ordinari previsti dalla nuova normativa. La norma eccezionale si applica alle sole lavoratrici del settore privato appartenenti al regime generale Inps o alle forme sostitutive ( escluse le lavoratici del settore pubblico, le lavoratici autonome o parasubordinate) che alla data del 28 dicembre 2011 svolgevano attività di lavoro dipendente nel settore privato. Non è richiesto che la pensione sia liquidata a carico del fondo pensioni dei lavoratori dipendenti: l accesso agevolato è riconosciuto infatti anche alle lavoratrici dipendenti che, avendo una posizione contributiva mista, ottengono la liquidazione delle pensioni a carico di una delle gestioni dei lavoratori autonomi, semprechè bene inteso alla data del facciano valere lo status di lavoratore dipendente del settore privato. Lo speciale accesso alla pensione di vecchiaia trova applicazione anche nei confronti della lavoratrici dipendenti di Gruppo Poste Italiane e Gruppo Ferrovie dello Stato rispettivamente all ex Ipost ed al Fondo Speciale FS gestito dall Inps, considerata la natura giuridica privata del rispettivo rapporto di lavoro (Msg. Inps 13399/2012). Secondo l interpretazione adottata dall Inps restano esclusi dall applicazione della norma eccezionale le lavoratrici non occupate alla data del ancorchè l ultima precedente attività lavorativa sia stata svolta come lavoratrice dipendente del settore privato. Vi rientrano, invece, le situazione di sospensione del rapporto di lavoro, come per esempio il collocamento in Cigo. Il trattamento pensionistico ottenuto secondo questa speciale disposizione non è soggetto al regime delle finestre. Secondo l Inps (circ. 35/2012), il requisito anagrafico dei 64 anni è soggetto al meccanismo di adeguamento alla speranza di vita, ed è pertanto incrementato di 3 mesi per il triennio 2013/2015 e di ulteriori 4 mesi negli anni 2016/ ) Le deroghe ai requisiti contributivi per la pensione di vecchiaia. a) Lavoratori dipendenti e autonomi che hanno maturato, al 1992, i requisiti contributivi a quella data richiesti: la deroga riguarda i lavoratori, dipendenti ed autonomi, che possano far valere una posizione contributiva e assicurativa all Ago Fondo pensioni lavoratori dipendenti, o all Ago gestione speciali dei lavoratori autonomi o in ambedue e che maturano il diritto alla pensione di vecchiaia con soli 15 anni di contribuzione, purchè l intera anzianità contributiva (15 anni) risulti perfezionata entro il 31 dicembre La deroga si applica anche agli iscritti ex Inpdap ex Enpals e Ex Ipost. L applicazione della deroga, a decorrere dal 1 gennaio 2012 segue le regole comuni vigenti nel regime generale, per tutti i regimi. Ai fini del perfezionamento del requisito 15 anni (780 contributi settimanali) è utile tutta la contribuzione accreditata.

4 Obbligatoria, anche trasferita dopo ricongiunzione, volontaria e figurativa. Valgono anche i contributi a qualsiasi titolo riscattati (studio, lavoro all estero in paesi non convenzionati con l Italia etc.), anche quando la domanda di riscatto sia stata presentata e definita in epoca successiva al 92, a condizione che, il riscatto abbia ad oggetto periodi collocati temporalmente ante 31 dicembre Valgono anche i periodi contributivi maturati all estero, in Paesi dell Unione europea o comunque legati all Italia da convenzioni o accordi in materia di sicurezza sociale. b) Lavoratori ammessi alla prosecuzione volontaria in data anteriore al 31 dicembre 1992: requisito contributivo di 15 anni di contribuzione. La deroga vale sia per i lavoratori dipendenti che per i lavoratori autonomi. Vale, oltre che per gli iscritti all Ago, anche per gli iscritti all ex Enpals (per i regimi Inpdap e Ipost l istituto della prosecuzione volontaria è stato introdotto solo a partire dal 12 luglio 1997 quindi per essi non trova applicazione la deroga in esame). Se autorizzati alla prosecuzione volontaria con effetto da data anteriore al 31 dicembre 1992 gli assicurati Ago maturano il diritto alla pensione di vecchiaia con soli 15 anni di contributi anche se maturati dopo il E sufficiente che sia stata rilasciata a tempo debito l autorizzazione, mentre non è richiesto che siano stati materialmente versati i contributi volontari, oppure semplicemente obbligatoria o figurativa. Può essere perfezionato sommando gli eventuali periodi di assicurazione maturati nei Paesi UE o nei Paesi legati all Italia da accordi o convenzioni in materia di sicurezza sociale. Può essere perfezionato mediante riscatto di periodi di studio per cui sia stata conseguita la laurea, i periodi di lavoro all estero in Paesi non legati all Italia da convenzioni sulla sicurezza sociale e altri periodi riscattabili ai sensi delle norme vigenti. L autorizzazione ottenuta nell ago non si trasferisce, in seguito, a ricongiunzione, verso forme sostitutive o esclusive della stessa Ago. Si tratta di un principio ormai coerentemente ribadito sia dall Inps che dall Inpdap con il sostegno del Ministero competente. c) Lavoratori dipendenti che possono far valere un'anzianità assicurativa di almeno 25 anni e risultano occupati per almeno 10 anni per periodi di durata inferiore a 52 anni nell'anno solare. La deroga molto importante e poco conosciuta riguarda solo i lavoratori dipendenti iscritti all'assicurazione generale obbligatoria e a fondi sostitutivi (ex Inpdap ne ha escluso l'applicabilità all'interno del proprio ambito). Il contenuto della deroga è il seguente: chi può far valere almeno 25 anni di anzianità assicurativa e 10 anni in cui abbia lavorato per periodi inferiore all'intero anno, può accedere alla pensione di vecchiaia col requisito di soli 15 anni di contribuzione. Si ricorda che l'anzianità assicurativa corrisponde al tempo, misurato in anni, mesi e giorni, trascorso dal primo accreditato e la data in cui, sulla base della domanda, si matura il diritto alla pensione. L'inizio dell'assicurazione può essere fissato in corrispondenza di un contributo obbligatorio da lavoro dipendente, ma anche da lavoro autonomo, benchè quest'ultimo non possa poi essere considerato utile ai fini della maturazione del requisito contributivo (cioè 15 anni), in quanto per quest'ultima è ammessa solo la contribuzione da lavoro dipendente. L'inizio dell'assicurazione può essere costituito anche dal primo giorno di assicurazione perfezionata nell'ue oppure in un Paese legato all'italia da una convezione sulla sicurezza sociale. Una volta certificato il requisito dei 25 anni di assicurazione, occorrerà accertare la presenza di 10 anni in cui si è svolto un lavoro dipendente per una durata inferiore a 52 settimane, cioè all'intero anno. Sul punto è importante una precisazione: non può considerarsi

5 anno parzialmente lavorato quello del lavoratore con contratto part-time per l'intero anno e che risulti nell'estratto coperto da meno di 52 settimane. d) Lavoratori dipendenti che possono far valere al 31 dicembre 1992 un periodo di assicurazione e contribuzione inferiore a 15 anni previsti dalla previgente normativa. La deroga consiste nella possibilità di maturare il diritto alla pensione con meno di 20 anni in base ad un criterio specifico per ogni situazione, riguardante solo i lavoratori dipendenti iscritti sia all'assicurazione generale obbligatoria che alle forme sostitutive ed esclusive di essa. Si applica cioè anche agli iscritti ex enpals, ex Inpdap e ex Ipost. Per i lavoratori iscritti all'ago, l'applicazione di questa deroga è racchiusa in questa semplice regola: "chi abbia al 31 dicembre 1992 almeno un contributo accreditato potrà accedere alla pensione di vecchiaia, quando avrà maturato un'anzianità contributiva determinata dalla somma dei contributi accreditati al 1992 con le settimane di calendario comprese tra il 1 gennaio 1993 e la fine del mese in cui il lavoratore compie l'età pensionabile. Con un minimo di 15 anni di contribuzione. Il risultato di questa somma corrisponde al requisito "personale" che il lavoratore dovrà maturare per acquisire il diritto alla pensione di vecchiaia. Naturalmente quando la predetta somma fra anzianità maturata al 1992 e numero di settimane comprese tra il 1993 e l'età pensionabile superi i 20 anni, il requisito contributivo sarà pari a 20 anni come per la generalità dei lavoratori. Come innanzi riferito, secondo Inpdap, il possesso di una qualunque anzianità contributiva dalla data del 31 dicembre 1992, di qualsiasi consistenza, cristallizzava il requisito contributivo a 15 anni. Tale posizione risulta ora abbandonata con la circolare 16/2013, in favore, di un'armonizzazione. fra le diverse gestioni dell'istituto, delle regole applicabili alla materia. E' dunque a partire dal 1 gennaio 2012, anche per i dipendenti pubblici iscritti all'ex Inpdap l'individuazione del cosiddetto "requisito personale" per il diritto alla pensione di vecchiaia segue i criteri nel regime generale. Questa specifica deroga, di fatto, è stata superata dal tempo trascorso atteso che una minima contribuzione anteriore al 1992 sommata al tempo intercorso per accedere al pensionamento porta in ogni caso a superare i 20 anni minimi richiesti dalla normativa vigente. e) Deroghe al requisiti contributivo ed età anagrafica per il diritto a pensione. A questo punto giova rammentare che, non solo con i requisiti contributivi ordinari, a anche con quelli in deroga sopra illustrati, nel 2015, la riforma "Fornero" prevede il diritto al pensionamento di vecchiaia per le donne del settore lavoro dipendente privato con 63 anni e 9 mesi. Ciò significa che le donne nate nei primi tre mesi del 1952 potranno accedere al pensionamento, nella gestione dei lavoratori dipendente, negli ultimi tre mesi del Inoltre la norma eccezionale prevista dalla riforma "Fornero" (comma 15- bis, art. 24 D.L n 201/2011) per le lavoratrici dipendenti del settore privato prevede il pensionamento con 64 anni di età. Ciò significa che le donne del 1952, nel 2016 potranno accedere a pensione con i requisiti contributivi in deroga sopra richiamati. In questo casa lo forte limitazione a questo diritto deriva dall'interpretazione dell'inps che considera lavoratrici dipendenti nel settore privato coloro che alla data di entrata in vigore della riforma (28 dicembre 2011 svolgevano materialmente un 'attività di lavoro dipendente. Inoltre è utile ricordare che, qualora la deroga dell'anzianità contributiva fosse fruibile da soggetti che rientrano tra i "salvaguardati" della riforma Monti- Fornero, si avrebbe contemporaneamente il beneficio del minore requisito contributivo e il mantenimento del diritto con i precedenti requisiti di età. Ricordiamo che in base alla norma di cui alla sesta salvaguardia prevista dalla legge 147 del ed alle disposizioni attuative andava presentata istanza entro il 5 gennaio all'inps o in DTL entro il 5 gennaio 2015.

6 La casistica degna di particolare attenzione riguarda i prosecutori volontari. Per essi è richiesta l'autorizzazione anteriore al Le altre condizioni per il diritto sono variate e son diverse in base ai contingenti di salvaguardia. Ma se facciamo riferimento alle ultime disposizioni più favorevoli, atteso che chi non rientra in un contingente può rientrare nel contingente successivo, le disposizioni vigenti sono le seguenti: - si siano avvalsi dell'autorizzazione stessa versando un contributo accreditato o accreditabile alla data del 6 dicembre 2011; - maturino i requisiti che consentono di fissare la decorrenza della pensione entro il 6 gennaio 2016; -non aver lavorato dopo il 4 dicembre 2011 come lavoratore dipendente a tempo indeterminato; ovvero: -autorizzazione alla prosecuzione volontaria senza aver versato alcun contributo volontario dopo l'autorizzazione; -nel periodo dal 1 gennaio 2007 e il 30 novembre 2013 deve risultare accreditato un contributo derivante da effettiva attività lavorativa non riconducibile ad attività lavorativa a tempo indeterminato; -essere in possesso dei requisiti anagrafici e contributivi in base alla precedente normativa consenta di ottenere la pensione con decorrenza entro il 6 gennaio ) La pensione anticipata La nuova pensione anticipata, sostitutiva della vecchiaia di anzianità, non prevede più un doppio canale di pensionamento costituito da un requisito contributivo minimo di 35 anni congiunto a età e quota (quale sommatoria tra età e contribuzione), ed un alternativo requisito contributivo minimo di 40 anni che prescinde da quello anagrafico. Essa prevede, infatti, il solo raggiungimento di un requisito contributivo slegato da ulteriori condizioni anagrafiche o quote. Il requisito contributivo minimo, decisamente più elevato rispetto a quello precedentemente previsto per la pensione di anzianità varia a seconda del sesso: nel 2012 sono stati richiesti 42 anni e 1 mese per gli uomini e 41 anni e 1 mese per le donne. Tali requisiti sono stati incrementati di un mese nel 2013 e di un ulteriore mese a partire dal Dal 2013 ha trovato applicazione il meccanismo di adeguamento alle aspettative di vita, che, congiunto agli aumenti più sopra indicati, ha portato rispettivamente a 42 anni e 5 mesi (uomini) e 41 anni e 6 mesi per le donne per il 2014/2015, il minimo contributivo da dover raggiungere per l accesso a pensione anticipata. I nuovi requisiti riguardano sia le pensioni anticipate da liquidare nel sistema misto (lavoratori in possesso di anzianità contributiva alla data del ), che quelle conseguibili nel sistema contributivo, e si applicano indistintamente a tutte le categoria di lavoratori (dipendenti e autonomi o parasubordinati) appartenenti a tutti i regimi previdenziali (Inps ex Inpdap etc.) Per coloro che accedono a pensione anticipata con età inferiore a 62 anni è prevista l applicazione di una penalizzazione in percentuale pari all 1% per i primi due anni mancanti ai 62 anni di età (60 e 61) e sale al 2% per ogni ulteriore anno di anticipo qualora si scelga di andare in pensione con età inferiore a 60 anni. Nel caso in cui, al momento del pensionamento, gli anni mancanti all età di 62 anni non siano interi, la percentuale di riduzione deve essere calcolata a mese. La penalizzazione si applica solo sulla quota retributiva del trattamento di pensione relativa alle anzianità contributive maturate al Occorre tuttavia evidenziare che l art. 6, comma 2-quartrer, del D.L. 216/2011 convertito con legge 14/2012 ha disposto una sospensione della normativa sulla penalizzazione nei confronti dei lavoratori che maturino il

7 requisito contributivo per il diritto alla pensione anticipata entro il Per effetto delle modifiche introdotte dalla legge di stabilità 2015 (art. 1, comma 113, legge , n. 190), la predetta sospensione opera nei seguenti termini: - Per le prestazioni anticipate liquidate con decorrenza ricompresa entro il l esclusione della penalizzazione opera soltanto a condizione che, l anzianità contributiva richiesta sia stata maturata considerando solo contribuzione derivante da prestazione effettiva di lavoro, includendo i periodi di astensione obbligatoria per maternità, i periodi di servizio militare, malattia, infortunio e cassa integrazione guadagni ordinaria, i permessi per donazione sangue, i congedi parentali di cui al D.Lgs. 151%2011, la contribuzione di riscatto di cui all art. 13 L. 1338/1962, i periodi di effettiva prestazione lavorativa derivanti da totalizzazione estera, ferie, i congedi e i permessi per handicap concessi ai sensi dell art. 33 L. 104/92. La disciplina specifica è contenuta nel messaggio Inps n del ; - Per le prestazioni anticipate da liquidarsi con decorrenza al (e limitatamente a requisiti maturati entro il ), l esclusione dalla penalizzazione opera in ogni caso e a prescindere dalla tipologia di contribuzione attraverso la quale viene maturato il diritto. In altri termini, per effetto delle norme di maggior favore introdotte dalle legge di stabilità 2015 nei confronti dei soggetti che maturano il previsto requisito di anzianità contributiva entro il 31 dicembre 2017 le disposizioni sulla riduzione percentuale delle pensioni anticipate trovano ora una generalizzata sospensione applicabile a partire dal Anche in relazione alla pensione anticipata sono state dettate disposizioni particolari indirizzate ai lavoratori e lavoratrici che possono far valere contribuzione che si colloca solo a partire dal Ferma restando la possibilità di conseguire il diritto a pensione con i requisiti ordinari sopra indicati, per questi lavoratori è stata altresì prevista un ulteriore possibilità di pensionamento anticipato subordinata al possesso dei seguenti requisiti minimi e condizioni: a) 63 anni di età (requisito assoggettato, a partire dal 2013, ad incremento per aspettative di vita, e quindi giunto a 63 anni e 3 mesi nel 2015); b) 20 anni di contribuzione effettiva (con esclusione quindi della contribuzione figurativa); c) Importo minimo della prima rata di pensione non inferiore a 2,8 volte l ammontare mensile dell assegno sociale Inps (importo fissato a 1255,86 euro per il 2015). Questa speciale possibilità di pensionamento anticipato è riservata esclusivamente ai lavoratori privi di anzianità contributiva alla data del , e non trova quindi applicazione nei confronti dei soggetti che, in possesso di contribuzione antecedente a quella data, esercitano l opzione per il sistema contributivo (lavoratori con meno di 18 anni di contribuzione al e con almeno 15 anni di contribuzione complessiva dei quali almeno 5 successivi al ). Analogamente alla nuova pensione di vecchiaia, anche la pensione anticipata non prevede più un regime di accesso differito al pagamento della prestazione (la previgente finestra mobile collocata, a 12 e 18 mesi dalla data di maturazione dei requisiti a seconda della gestione di liquidazione. Previa maturazione del prescritto requisito contributivo e cessazione del rapporto di lavoro dipendente, la pensione anticipata decorre pertanto dal primo giorno del mese successivo a quello della presentazione della domanda (una presentazione tardiva determina quindi lo slittamento del pagamento della prestazione). Per quanto riguarda invece le prestazioni del pubblico impiego (ex Inpdap9, la data di presentazione della domanda, non influisce sulla decorrenza ed è possibile ancora oggi ottenere una decorrenza intermedia nel corso del mese.

8 Per quanto riguarda lo speciale canale di accesso a pensione anticipata previsto per i lavoratori dipendenti nel settore privato- Ago Inps e forme sostitutiva che hanno maturato i previgenti requisiti per il diritto a pensione nel corso dell anno 2012 (art. 24, comma 15-bis D.L. 201/2011 conv. In L. 214/2011). Così come stabilito per le lavoratrici dipendenti in relazione alla pensione di vecchiaia, anche per i lavoratori del settore privato è prevista, in via eccezionale, la possibilità di accedere al pensionamento anticipato all età di 64 anni subordinatamente all avvenuto conseguimento, entro la data del dei seguenti requisiti: a) Anzianità contributiva di almeno 35 anni; b) Ulteriori requisiti richiesti nel 2012 dalla vecchia normativa per il diritto della pensione di anzianità (quota 96, con un età minima di 60 anni, se dipendenti, quota 97 con età minima di 61 anni, se autonomi). Anche in questo caso la norma eccezionale si applica ai soli lavoratori dipendenti del settore privato appartenenti al regime generale o alle forme sostitutive (sono esclusi quindi i lavoratori del settore pubblico e i lavoratori parasubordinati) che alla data del svolgevano appunto attività di lavoro dipendente nel settore privato. Il trattamento pensionistico ottenuto secondo questa speciale disposizione non è soggetto al regime delle finestre e, secondo l interpretazione dell Inps il limite di età dei 64 anni è soggetto al meccanismo di adeguamento delle speranze di vita. Pertanto negli anni 2013/2015 è stato incrementato di 3 mesi e nei successivi anni 2016/2017 di ulteriori 4 mesi. 3) L opzione donna. L art. 1, comma 9, Legge 243/2004 riconosce alle sole lavoratrici, in via sperimentale fino al 31 dicembre 2015, il diritto di accedere alla pensione di anzianità con requisiti più favorevoli in vigore al 31 dicembre 2007, subordinata all adesione del calcolo interamente contributivo del trattamento di pensione. L art. 24, comma 14, legge n. 214/2011 ha mantenuto in vigore questo istituto anche per gli anni dal 2012 in avanti. Per accedere alla pensione occorre essere in possesso di un anzianità contributiva pari a 35 anni e di un età anagrafica di 57 anni e 3 mesi per le lavoratrici dipendenti e di 58 anni e 3 mesi per le autonome. Inps, infatti, ha ritenuto che, dal 2013 l incremento dei 3 mesi della speranza di vita si dovesse applicare anche al requisito dei 57/58 anni di età. Inoltre, nei confronti delle lavoratrici che optano per il regime sperimentale continua a trovare applicazione anche il regime di decorrenza secondo la finestra mobile dei 12 o 18 mesi. L interpretazione che ha sollevato i maggiori dubbi è quella che la riguarda la data di scadenza del regime sperimentale. Inps ha precisato che la data di scadenza è il è da intendersi come termine ultimo entro cui deve collocarsi la decorrenza del trattamento pensionistico e non la maturazione dei requisiti di età e contribuzione a prescindere dal momento di apertura della finestra pensionistica. L applicazione pratica di tale interpretazione ha comportato che, per effetto dell applicazione della decorrenze differita secondo il regime della finestra mobile, il requisito di età e contribuzione richiesti per l opzione donna devono essere: - Per una lavoratrice dipendente del comparto privato (35 anni di contributi e 57 anni e 3 mesi entro il 30 novembre 2014); - - per le lavoratrici autonome (35 anni e 58 anni 3 mesi entro il 31 maggio 2014);

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it di Aldo Forte Pubblicista Esperto in materia previdenziale L'Inps, con la circolare n. 16/2013, chiarisce che per i soggetti con un'anzianita'

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

GUIDA LE NUOVE PENSIONI DAL 2012

GUIDA LE NUOVE PENSIONI DAL 2012 GUIDA LE NUOVE PENSIONI DAL 2012 (Aggiornata con le novità contenute nella Legge 24 febbraio 2012, n. 14 recante Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 29 dicembre 2011, n. 216, recante

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Le schede di approfondimento della Federazione Confsal-Unsa A cura dell Avv. Pasquale Lattari n. 2 Il sistema previdenziale per i pubblici dipendenti. Le competenze.

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA Fino al 31/12/97 l arrotondamento veniva fatto ai sensi del comma 2 dell art. 40 del DPR 1092/73 (vedi allegato 1). L anzianità complessiva era arrotondata in

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

GUIDA ALLE PENSIONI Per le lavoratrici agricole e del settore agroalimentare

GUIDA ALLE PENSIONI Per le lavoratrici agricole e del settore agroalimentare GUIDA ALLE PENSIONI Per le lavoratrici agricole e del settore agroalimentare Cara lavoratrice, negli ultimi due anni il sistema pensionistico italiano ha subìto pesanti interventi che hanno modificato,

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008)

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008) REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008) Art. 1 Percentuale generale dei rapporti a tempo parziale 1. Le trasformazioni

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

CONTRIBUTI FIGURATIVI

CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI COSA SONO: I contributi determinano il diritto e l'importo della pensione. SI SUDDIVIDONO IN: - mensili - settimanali - giornalieri Un anno, composto di 12 mesi, comporterà 12 contributi mensili

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0 DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA MODELLO PA04 EDIZIONE AGGIORNATA AL TRIENNIO 2010 2012 SEMPLIFICATO PER LE SCUOLE EDIZIONE Novembre 2010 1.0 1 COMPILAZIONE MOD. PA04 SEMPLIFICATO INDICAZIONI

Dettagli

Manuale Utente. Programma Pensioni S7. Amministrazioni Statali

Manuale Utente. Programma Pensioni S7. Amministrazioni Statali DIREZIONE CENTRALE SISTEMA INFORMATIVO E TELECOMUNICAZIONI DIREZIONE CENTRALE TRATTAMENTI PENSIONISTICI INPDAP PENSIONI S7 Manuale Utente Programma Pensioni S7 Amministrazioni Statali Versione database

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Le pensioni: quali novità?

Le pensioni: quali novità? Le pensioni: quali novità? di Giovanni Muttillo, Francesco Fanari e Laura Aletto Riportiamo di seguito una selezione di informazioni dalla pubblicazione di Domenico Comegna Come cambiano le pensioni guida

Dettagli

Il Part-Time in Poste Italiane

Il Part-Time in Poste Italiane Il Part-Time in Poste Italiane Vademecum Che cos è? Il contratto a tempo parziale è un contratto di lavoro subordinato che prevede una prestazione di lavoro di durata inferiore rispetto alle 36 ore settimanali

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 Decreto n. 85708 del 24 ottobre 2014 del Ministro del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze per il prolungamento

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

Premessa. Sede Centrale Dipartimento Pubblico Impiego. Roma lì, 23 ottobre 2008. Prot. n 186

Premessa. Sede Centrale Dipartimento Pubblico Impiego. Roma lì, 23 ottobre 2008. Prot. n 186 Sede Centrale Dipartimento Pubblico Impiego 00198 Roma - Via Giovanni Paisiello 43 Telefono 06-855631 - Fax 06-85352749 Internet : http: //www.inca.it Roma lì, 23 ottobre 2008 Prot. n 186 Ai Coordinatori

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI L anticipazione del congedo di maternità si applica anche alle LAVORATRICI A DO- MICILIO E ALLE LAVORATRICI ADDETTE AI SERVIZI DOMESTICI E FAMILIARI (COLF). Prolungamento del congedo di maternità Il congedo

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

I CONTRIBUTI FIGURATIVI

I CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI FIGURATIVI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Olindo Daliana Giuseppe Manzi Simone Parola Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo Rizzuti

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps Numero 75 Gennaio 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps L'INPS ha pubblicato, con propria circolare n^7 del 17/01/2014, le tabelle per

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Riscatto degli anni di laurea

Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea scuola Chi è giovane e fresco di laurea, di regola, non vede l ora di mettersi a lavorare e, certamente, per prima cosa non pensa alla pensione.

Dettagli

CAPO I Aspettative, congedi, ferie

CAPO I Aspettative, congedi, ferie CAPO I Aspettative, congedi, ferie ART. 1 ASPETTATIVA PER DOTTORATO DI RICERCA O BORSA DI STUDIO 1) ASPETTATIVA SENZA ASSEGNI I dipendenti con rapporto a tempo indeterminato ammessi ai corsi di dottorato

Dettagli

Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro

Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro RAPPORTO DELLA MALATTIA CON GLI ALTRI ISTITUTI L insorgere dell evento maternità influenza anche le modalità di gestione collegate ad altri istituti

Dettagli

Roma, 12/05/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 94

Roma, 12/05/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 94 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE.

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE. COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Monza e della Brianza. Corso Italia n. 22 20040 USMATE VELATE Cod.Fisc.01482570155 REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Approvato con atto deliberativo n. 105 del 29.3.2011 REGOLAMENTO AZIENDALE per la DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE per il Personale Dipendente dell Area del COMPARTO FINALITA : Il presente

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 5 LEGGE 10 ottobre 2014, n. 147 Modifiche alla disciplina dei requisiti per la fruizione delle deroghe riguardanti l'accesso al trattamento pensionistico. (14G00161) (GU n.246 del 22-10-2014)

Dettagli

Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola

Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola Il punto di pratica professionale Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola a cura di Eufranio Massi Direttore della Direzione provinciale del Lavoro di Modena Per una disamina, sia pur breve,

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO - Aspetti civilistici dell istituto introdotto, per i dipendenti del comparto privato, nel 1982; - Le circostanze

Dettagli

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l.

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Con l'ipotesi di accordo 14 gennaio 2014 le Parti stipulanti (Anfida, Anigas, Assogas, Confindustria Energia, Federestrattiva, Federutility con Filctem-Cgil, Femca-Cisl,

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

Per il Fondo Mario Negri, dopo

Per il Fondo Mario Negri, dopo FONDO MARIO NEGRI/1 Cambia il sistem delfondo M Alessandro Baldi 6 Per il Fondo Mario Negri, dopo un lungo e ponderato studio avviato dal proprio Consiglio di gestione con il concorso di esperti qualificati,

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 COME ACQUISIRE LO STATO DI DISOCCUPAZIONE Lo stato di disoccupazione si compone di un elemento oggettivo (lo stato di privo di lavoro),

Dettagli

La ricostruzione della carriera del personale della scuola

La ricostruzione della carriera del personale della scuola La ricostruzione della carriera del personale della scuola Se guardiamo gli ultimi 50 anni, l evoluzione della progressione di carriera aveva subito parecchie variazioni, ma sostanzialmente un principio

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli