Ilaria Fadda Area Relazione Industriali Confindustria Genova OGGETTO: PENSIONI Relazione Club Previdenza 10 marzo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ilaria Fadda Area Relazione Industriali Confindustria Genova OGGETTO: PENSIONI 2015. Relazione Club Previdenza 10 marzo 2015 -"

Transcript

1 Ilaria Fadda Area Relazione Industriali Confindustria Genova OGGETTO: PENSIONI 2015 Relazione Club Previdenza 10 marzo Il 2015 si apre confermando i requisiti pensionistici già previsti per il E questo vale per tutte le tipologie di pensione, vecchiaia, anticipata, di invalidità e ai superstiti. Niente quindi della tanto auspicata reintroduzione di un principio di flessibilità, vale a dire delle possibilità di libero accesso a pensione in un range anagrafico definito, con incentivi o penalizzazioni a seconda dell età prescelta. Soluzione che, invero, era quella che era già stata provvidamente individuate dalla riforma Dini, di cui alle legge 335/95, e che peraltro permetterebbe in un solo colpo di dare un importante soluzione al fenomeno di salvaguardia offrendo una possibilità di uscita allo stato attuale inibita dalla eccessiva rigidità delle regole di accesso al sistema pensionistico. Nel 2016 scatteranno i nuovi incrementi pensionistici per adeguamento alla variazione delle aspettative di vita rilevate dall Istat (4 mesi di aumento, confermati dal decreto direttoriale Economia Lavoro del 16 dicembre 2014). Una singolarità del nostro ordinamento previdenziale che crea un diabolico meccanismo di innalzamento progressivo dei limiti sia anagrafici che contributivi per poter accedere a pensione. Infatti, sebbene le aspettative di vita abbiano a che vedere con la percezione dell assegno pensionistico, e quindi dovrebbero a rigor di logica incidere solo sul momento di accesso a pensione e quindi sul requisito anagrafico, gli incrementi sono stati estesi anche al requisito contributivo necessario per maturare il diritto a pensione anticipata. Veniamo ora ai requisiti che troveranno applicazione nel corso dell anno ) Pensione di vecchiaia: La nuova pensione di vecchiaia, confermando il requisito contributivo minimo di 20 anni (salvo deroghe di cui si parlerà in specifico paragrafo), ha decisamente elevato il requisito anagrafico. Per le lavoratrici dipendenti del settore privato si è infatti passati dai 60 anni del 2011 ai 62 anni del A partire dal 2013, come dinanzi accennato, ha trovato applicazione il meccanismo di adeguamento dei requisiti pensionistici alle speranze di vita, il quale ha portato a 62 anni e 3 mesi l età minima per l accesso a pensione di vecchiaia. Il requisito anagrafico è aumentato di 18 mesi a partire dal , portandosi a 63 anni e 9 mesi (valore valido anche per il 2015), ed il requisito anagrafico minimo salirà, quindi a 65 anni e 7 mesi. Nel 2018 l età arriverà a 66 anni e 7 mesi. Dal 2019 in poi ci saranno ulteriori aumenti biennali per adeguamento delle aspettative di vita. Stessa sorte per le lavoratrici autonome (artigiane, commercianti, coltivatrici dirette, collaboratrice iscritte alla gestione separata Inps). I 60 anni del 2011 sono diventati 63 anni e 6 mesi nel 2012, 63 anni e 9 mesi nel 2013 e 64 anni e 9 mesi nel 2014/2015. Diventeranno quindi 66 anni e 1 mese nel 2016, 66 anni e 7 mesi nel 2018, per poi agganciarsi dal 2019 in poi agli ulteriori aumenti biennali per adeguamento delle aspettative di vita. Per gli uomini (dipendenti privati e pubblici, lavoratori autonomi) e le donne dipendenti pubbliche si è passati dal 65 anni del 2011 (61 per le dipendenti pubbliche) ai 66 anni del 2012, 66 anni e 3 mesi del 2013 ( valore valido anche per gli anni 2014 e 2015) e ai 66 anni e 7 mesi del 2016/2018. Dal 2019 in poi ci saranno anche in questo caso i periodici costanti aumenti biennali per adeguamento alle aspettative di vita. Dal 2018 tutte le categorie di lavoratori avranno la medesima età pensionabile. Anche per il requisito anagrafico, come quello contributivo, sono previste specifiche deroghe: possono ancora accedere a pensione di vecchiaia con limiti di età inferiori a quelle precedentemente indicati per il settore privato (Inps):

2 - I dipendenti privati (Fpld) riconosciuti invalidi in misura pari o superiore all 80%: 55 anni donne -60 anni uomini; - I lavoratori non vedenti da data anteriore all inizio dell assicurazione o con almeno 10 anni di contribuzione dopo l insorgenza della cecità: 50 anni donne e 55 uomini (Fpld), 55 anni donne e 60 anni uomini; - I lavoratori non vedenti che non rientrano nelle condizioni richiamate al punto precedente: 55 anni donne, 60 anni uomini. A tali più favorevoli limiti di età si applicano comunque dal 2013 gli incrementi legali alla speranza di vita (aumento di 3 mesi nel triennio 2013/2015 e successivi incrementi), e l accesso anticipato alla pensione di vecchiaia è soggetto al previgente regime di decorrenze secondo la disciplina della c.d. finestra mobile (12 mesi di differimenti per le pensioni da liquidare nel Fondo per lavoratori dipendenti Inps, 18 mesi per le pensioni a carico delle gestioni. Relativamente al pubblico impiego (ex Inpdap): - La deroga per invalidità pari o superiore all 80% non trova applicazione; - La deroga per non vedenti è operativa per i soli dipendenti di enti locali e non per gli statali: solo per i primi rimangono infatti in vigore i tassativi liniti di età stabiliti: solo per i primi rimangono in vigore i tassativi limiti di età stabiliti alla data del per il collocamento a riposo dell ufficio dalla fonte normativa interna che disciplina il rapporto di lavoro (regolamenti organici del personale). I requisiti anagrafici e contributivi sin qui esaminati, eccezion fatta per le deroghe, trovano applicazione anche nei confronti dei lavoratori e lavoratrici che possono far valere contribuzione che si colloca solo a partire dal (lavoratori con riferimento ai quali il primo accredito contributivo decorre successivamente al ) appartenenti al sistema previdenziale contributivo. In questo caso, tuttavia, la possibilità di accesso alla pensione di vecchiaia prima del compimento del 70 anno di età, è subordinata alla condizione che, il relativo primo importo non risulti inferiore a 1,5 volte l assegno sociale Inps. Al compimento del 70 anno di età (requisiti assoggettato ad adeguamento alle speranze di vita a partire dal 2013, quindi giunto a 70 anni e 3 mesi nel 2015), il diritto alla pensione di vecchiaia per i lavoratori con primo accredito successivo al si ottiene invece con il possesso di un minimo di anzianità di 5 anni di contribuzione effettiva (con esclusione quindi della contribuzione figurativa), e a prescindere da qualsiasi condizione di importo soglia da dover raggiungere. Questa disciplina speciale di pensionamento (importo soglia da dover rispettare prima del compimento del 70 anno di età, ulteriore canale di pensionamento al 70 anno di età) è indirizzata esclusivamente ai lavoratori privi di contribuzione alla data del , e non trova quindi applicazione nei confronti dei soggetti che, in possesso di contribuzione antecedente a quella data, esercitano l opzione al sistema contributivo (lavoratori con meno di 18 anni di contribuzione al , e con almeno 15 anni di contribuzione complessiva dei quali almeno 5 successivi al ). Eccezion fatta per le situazioni a pensione con deroga rispetto al requisito anagrafico generale, la nuova pensione di vecchiaia non prevede un regime di accesso differito al pagamento della prestazione (la previgente finestra mobile collocata rispettivamente a 12 mesi a 18 mesi dalla data di maturazione dei requisiti a seconda della gestione di liquidazione). Previa cessazione del rapporto di lavoro dipendente, la pensione di vecchiaia decorre pertanto dal primo giorno del mese successivo a quello di maturazione dei requisiti con facoltà, comunque sempre in capo al lavoratore di poter richiedere e ottenere una decorrenza dal mese successivo a quello di presentazione della

3 domanda. Per quanto riguarda, invece, le presentazioni del pubblico impiego (regime ex Inpdap) è possibile ancora oggi ottenere una decorrenza intermedia nel corso del mese: primo giorno successivo alla data di cessazione dal servizio con avvenuta contestuale maturazione dei requisiti pensionistici. Laddove tuttavia il requisito anagrafico non venga maturato in costanza di iscrizione contributiva (c.d. pensione differita) anche Inpdap applica la decorrenza del primo giorno del mese successivo a quello del raggiungimento del requisito stesso. Un cenno infine allo speciale canale di accesso a pensione di vecchiaia previsto per le lavoratrici dipendenti del settore privato ago Inps e forme sostitutive, che, hanno maturato i requisiti pensionistici nel corso dell anno 2012 (art. 24, comma 15 bis, D.L. 201/2011, conv. Il legge 214/2011). Tali lavoratrici in possesso entro il 31 dicembre 2012 di un anzianità contributiva minima di 20 anni e di età anagrafica di almeno 60 anni, possono accedere in via eccezionale al pensionamento di vecchiaia all età di 64 anni laddove più favorevole rispetto ai requisiti anagrafici ordinari previsti dalla nuova normativa. La norma eccezionale si applica alle sole lavoratrici del settore privato appartenenti al regime generale Inps o alle forme sostitutive ( escluse le lavoratici del settore pubblico, le lavoratici autonome o parasubordinate) che alla data del 28 dicembre 2011 svolgevano attività di lavoro dipendente nel settore privato. Non è richiesto che la pensione sia liquidata a carico del fondo pensioni dei lavoratori dipendenti: l accesso agevolato è riconosciuto infatti anche alle lavoratrici dipendenti che, avendo una posizione contributiva mista, ottengono la liquidazione delle pensioni a carico di una delle gestioni dei lavoratori autonomi, semprechè bene inteso alla data del facciano valere lo status di lavoratore dipendente del settore privato. Lo speciale accesso alla pensione di vecchiaia trova applicazione anche nei confronti della lavoratrici dipendenti di Gruppo Poste Italiane e Gruppo Ferrovie dello Stato rispettivamente all ex Ipost ed al Fondo Speciale FS gestito dall Inps, considerata la natura giuridica privata del rispettivo rapporto di lavoro (Msg. Inps 13399/2012). Secondo l interpretazione adottata dall Inps restano esclusi dall applicazione della norma eccezionale le lavoratrici non occupate alla data del ancorchè l ultima precedente attività lavorativa sia stata svolta come lavoratrice dipendente del settore privato. Vi rientrano, invece, le situazione di sospensione del rapporto di lavoro, come per esempio il collocamento in Cigo. Il trattamento pensionistico ottenuto secondo questa speciale disposizione non è soggetto al regime delle finestre. Secondo l Inps (circ. 35/2012), il requisito anagrafico dei 64 anni è soggetto al meccanismo di adeguamento alla speranza di vita, ed è pertanto incrementato di 3 mesi per il triennio 2013/2015 e di ulteriori 4 mesi negli anni 2016/ ) Le deroghe ai requisiti contributivi per la pensione di vecchiaia. a) Lavoratori dipendenti e autonomi che hanno maturato, al 1992, i requisiti contributivi a quella data richiesti: la deroga riguarda i lavoratori, dipendenti ed autonomi, che possano far valere una posizione contributiva e assicurativa all Ago Fondo pensioni lavoratori dipendenti, o all Ago gestione speciali dei lavoratori autonomi o in ambedue e che maturano il diritto alla pensione di vecchiaia con soli 15 anni di contribuzione, purchè l intera anzianità contributiva (15 anni) risulti perfezionata entro il 31 dicembre La deroga si applica anche agli iscritti ex Inpdap ex Enpals e Ex Ipost. L applicazione della deroga, a decorrere dal 1 gennaio 2012 segue le regole comuni vigenti nel regime generale, per tutti i regimi. Ai fini del perfezionamento del requisito 15 anni (780 contributi settimanali) è utile tutta la contribuzione accreditata.

4 Obbligatoria, anche trasferita dopo ricongiunzione, volontaria e figurativa. Valgono anche i contributi a qualsiasi titolo riscattati (studio, lavoro all estero in paesi non convenzionati con l Italia etc.), anche quando la domanda di riscatto sia stata presentata e definita in epoca successiva al 92, a condizione che, il riscatto abbia ad oggetto periodi collocati temporalmente ante 31 dicembre Valgono anche i periodi contributivi maturati all estero, in Paesi dell Unione europea o comunque legati all Italia da convenzioni o accordi in materia di sicurezza sociale. b) Lavoratori ammessi alla prosecuzione volontaria in data anteriore al 31 dicembre 1992: requisito contributivo di 15 anni di contribuzione. La deroga vale sia per i lavoratori dipendenti che per i lavoratori autonomi. Vale, oltre che per gli iscritti all Ago, anche per gli iscritti all ex Enpals (per i regimi Inpdap e Ipost l istituto della prosecuzione volontaria è stato introdotto solo a partire dal 12 luglio 1997 quindi per essi non trova applicazione la deroga in esame). Se autorizzati alla prosecuzione volontaria con effetto da data anteriore al 31 dicembre 1992 gli assicurati Ago maturano il diritto alla pensione di vecchiaia con soli 15 anni di contributi anche se maturati dopo il E sufficiente che sia stata rilasciata a tempo debito l autorizzazione, mentre non è richiesto che siano stati materialmente versati i contributi volontari, oppure semplicemente obbligatoria o figurativa. Può essere perfezionato sommando gli eventuali periodi di assicurazione maturati nei Paesi UE o nei Paesi legati all Italia da accordi o convenzioni in materia di sicurezza sociale. Può essere perfezionato mediante riscatto di periodi di studio per cui sia stata conseguita la laurea, i periodi di lavoro all estero in Paesi non legati all Italia da convenzioni sulla sicurezza sociale e altri periodi riscattabili ai sensi delle norme vigenti. L autorizzazione ottenuta nell ago non si trasferisce, in seguito, a ricongiunzione, verso forme sostitutive o esclusive della stessa Ago. Si tratta di un principio ormai coerentemente ribadito sia dall Inps che dall Inpdap con il sostegno del Ministero competente. c) Lavoratori dipendenti che possono far valere un'anzianità assicurativa di almeno 25 anni e risultano occupati per almeno 10 anni per periodi di durata inferiore a 52 anni nell'anno solare. La deroga molto importante e poco conosciuta riguarda solo i lavoratori dipendenti iscritti all'assicurazione generale obbligatoria e a fondi sostitutivi (ex Inpdap ne ha escluso l'applicabilità all'interno del proprio ambito). Il contenuto della deroga è il seguente: chi può far valere almeno 25 anni di anzianità assicurativa e 10 anni in cui abbia lavorato per periodi inferiore all'intero anno, può accedere alla pensione di vecchiaia col requisito di soli 15 anni di contribuzione. Si ricorda che l'anzianità assicurativa corrisponde al tempo, misurato in anni, mesi e giorni, trascorso dal primo accreditato e la data in cui, sulla base della domanda, si matura il diritto alla pensione. L'inizio dell'assicurazione può essere fissato in corrispondenza di un contributo obbligatorio da lavoro dipendente, ma anche da lavoro autonomo, benchè quest'ultimo non possa poi essere considerato utile ai fini della maturazione del requisito contributivo (cioè 15 anni), in quanto per quest'ultima è ammessa solo la contribuzione da lavoro dipendente. L'inizio dell'assicurazione può essere costituito anche dal primo giorno di assicurazione perfezionata nell'ue oppure in un Paese legato all'italia da una convezione sulla sicurezza sociale. Una volta certificato il requisito dei 25 anni di assicurazione, occorrerà accertare la presenza di 10 anni in cui si è svolto un lavoro dipendente per una durata inferiore a 52 settimane, cioè all'intero anno. Sul punto è importante una precisazione: non può considerarsi

5 anno parzialmente lavorato quello del lavoratore con contratto part-time per l'intero anno e che risulti nell'estratto coperto da meno di 52 settimane. d) Lavoratori dipendenti che possono far valere al 31 dicembre 1992 un periodo di assicurazione e contribuzione inferiore a 15 anni previsti dalla previgente normativa. La deroga consiste nella possibilità di maturare il diritto alla pensione con meno di 20 anni in base ad un criterio specifico per ogni situazione, riguardante solo i lavoratori dipendenti iscritti sia all'assicurazione generale obbligatoria che alle forme sostitutive ed esclusive di essa. Si applica cioè anche agli iscritti ex enpals, ex Inpdap e ex Ipost. Per i lavoratori iscritti all'ago, l'applicazione di questa deroga è racchiusa in questa semplice regola: "chi abbia al 31 dicembre 1992 almeno un contributo accreditato potrà accedere alla pensione di vecchiaia, quando avrà maturato un'anzianità contributiva determinata dalla somma dei contributi accreditati al 1992 con le settimane di calendario comprese tra il 1 gennaio 1993 e la fine del mese in cui il lavoratore compie l'età pensionabile. Con un minimo di 15 anni di contribuzione. Il risultato di questa somma corrisponde al requisito "personale" che il lavoratore dovrà maturare per acquisire il diritto alla pensione di vecchiaia. Naturalmente quando la predetta somma fra anzianità maturata al 1992 e numero di settimane comprese tra il 1993 e l'età pensionabile superi i 20 anni, il requisito contributivo sarà pari a 20 anni come per la generalità dei lavoratori. Come innanzi riferito, secondo Inpdap, il possesso di una qualunque anzianità contributiva dalla data del 31 dicembre 1992, di qualsiasi consistenza, cristallizzava il requisito contributivo a 15 anni. Tale posizione risulta ora abbandonata con la circolare 16/2013, in favore, di un'armonizzazione. fra le diverse gestioni dell'istituto, delle regole applicabili alla materia. E' dunque a partire dal 1 gennaio 2012, anche per i dipendenti pubblici iscritti all'ex Inpdap l'individuazione del cosiddetto "requisito personale" per il diritto alla pensione di vecchiaia segue i criteri nel regime generale. Questa specifica deroga, di fatto, è stata superata dal tempo trascorso atteso che una minima contribuzione anteriore al 1992 sommata al tempo intercorso per accedere al pensionamento porta in ogni caso a superare i 20 anni minimi richiesti dalla normativa vigente. e) Deroghe al requisiti contributivo ed età anagrafica per il diritto a pensione. A questo punto giova rammentare che, non solo con i requisiti contributivi ordinari, a anche con quelli in deroga sopra illustrati, nel 2015, la riforma "Fornero" prevede il diritto al pensionamento di vecchiaia per le donne del settore lavoro dipendente privato con 63 anni e 9 mesi. Ciò significa che le donne nate nei primi tre mesi del 1952 potranno accedere al pensionamento, nella gestione dei lavoratori dipendente, negli ultimi tre mesi del Inoltre la norma eccezionale prevista dalla riforma "Fornero" (comma 15- bis, art. 24 D.L n 201/2011) per le lavoratrici dipendenti del settore privato prevede il pensionamento con 64 anni di età. Ciò significa che le donne del 1952, nel 2016 potranno accedere a pensione con i requisiti contributivi in deroga sopra richiamati. In questo casa lo forte limitazione a questo diritto deriva dall'interpretazione dell'inps che considera lavoratrici dipendenti nel settore privato coloro che alla data di entrata in vigore della riforma (28 dicembre 2011 svolgevano materialmente un 'attività di lavoro dipendente. Inoltre è utile ricordare che, qualora la deroga dell'anzianità contributiva fosse fruibile da soggetti che rientrano tra i "salvaguardati" della riforma Monti- Fornero, si avrebbe contemporaneamente il beneficio del minore requisito contributivo e il mantenimento del diritto con i precedenti requisiti di età. Ricordiamo che in base alla norma di cui alla sesta salvaguardia prevista dalla legge 147 del ed alle disposizioni attuative andava presentata istanza entro il 5 gennaio all'inps o in DTL entro il 5 gennaio 2015.

6 La casistica degna di particolare attenzione riguarda i prosecutori volontari. Per essi è richiesta l'autorizzazione anteriore al Le altre condizioni per il diritto sono variate e son diverse in base ai contingenti di salvaguardia. Ma se facciamo riferimento alle ultime disposizioni più favorevoli, atteso che chi non rientra in un contingente può rientrare nel contingente successivo, le disposizioni vigenti sono le seguenti: - si siano avvalsi dell'autorizzazione stessa versando un contributo accreditato o accreditabile alla data del 6 dicembre 2011; - maturino i requisiti che consentono di fissare la decorrenza della pensione entro il 6 gennaio 2016; -non aver lavorato dopo il 4 dicembre 2011 come lavoratore dipendente a tempo indeterminato; ovvero: -autorizzazione alla prosecuzione volontaria senza aver versato alcun contributo volontario dopo l'autorizzazione; -nel periodo dal 1 gennaio 2007 e il 30 novembre 2013 deve risultare accreditato un contributo derivante da effettiva attività lavorativa non riconducibile ad attività lavorativa a tempo indeterminato; -essere in possesso dei requisiti anagrafici e contributivi in base alla precedente normativa consenta di ottenere la pensione con decorrenza entro il 6 gennaio ) La pensione anticipata La nuova pensione anticipata, sostitutiva della vecchiaia di anzianità, non prevede più un doppio canale di pensionamento costituito da un requisito contributivo minimo di 35 anni congiunto a età e quota (quale sommatoria tra età e contribuzione), ed un alternativo requisito contributivo minimo di 40 anni che prescinde da quello anagrafico. Essa prevede, infatti, il solo raggiungimento di un requisito contributivo slegato da ulteriori condizioni anagrafiche o quote. Il requisito contributivo minimo, decisamente più elevato rispetto a quello precedentemente previsto per la pensione di anzianità varia a seconda del sesso: nel 2012 sono stati richiesti 42 anni e 1 mese per gli uomini e 41 anni e 1 mese per le donne. Tali requisiti sono stati incrementati di un mese nel 2013 e di un ulteriore mese a partire dal Dal 2013 ha trovato applicazione il meccanismo di adeguamento alle aspettative di vita, che, congiunto agli aumenti più sopra indicati, ha portato rispettivamente a 42 anni e 5 mesi (uomini) e 41 anni e 6 mesi per le donne per il 2014/2015, il minimo contributivo da dover raggiungere per l accesso a pensione anticipata. I nuovi requisiti riguardano sia le pensioni anticipate da liquidare nel sistema misto (lavoratori in possesso di anzianità contributiva alla data del ), che quelle conseguibili nel sistema contributivo, e si applicano indistintamente a tutte le categoria di lavoratori (dipendenti e autonomi o parasubordinati) appartenenti a tutti i regimi previdenziali (Inps ex Inpdap etc.) Per coloro che accedono a pensione anticipata con età inferiore a 62 anni è prevista l applicazione di una penalizzazione in percentuale pari all 1% per i primi due anni mancanti ai 62 anni di età (60 e 61) e sale al 2% per ogni ulteriore anno di anticipo qualora si scelga di andare in pensione con età inferiore a 60 anni. Nel caso in cui, al momento del pensionamento, gli anni mancanti all età di 62 anni non siano interi, la percentuale di riduzione deve essere calcolata a mese. La penalizzazione si applica solo sulla quota retributiva del trattamento di pensione relativa alle anzianità contributive maturate al Occorre tuttavia evidenziare che l art. 6, comma 2-quartrer, del D.L. 216/2011 convertito con legge 14/2012 ha disposto una sospensione della normativa sulla penalizzazione nei confronti dei lavoratori che maturino il

7 requisito contributivo per il diritto alla pensione anticipata entro il Per effetto delle modifiche introdotte dalla legge di stabilità 2015 (art. 1, comma 113, legge , n. 190), la predetta sospensione opera nei seguenti termini: - Per le prestazioni anticipate liquidate con decorrenza ricompresa entro il l esclusione della penalizzazione opera soltanto a condizione che, l anzianità contributiva richiesta sia stata maturata considerando solo contribuzione derivante da prestazione effettiva di lavoro, includendo i periodi di astensione obbligatoria per maternità, i periodi di servizio militare, malattia, infortunio e cassa integrazione guadagni ordinaria, i permessi per donazione sangue, i congedi parentali di cui al D.Lgs. 151%2011, la contribuzione di riscatto di cui all art. 13 L. 1338/1962, i periodi di effettiva prestazione lavorativa derivanti da totalizzazione estera, ferie, i congedi e i permessi per handicap concessi ai sensi dell art. 33 L. 104/92. La disciplina specifica è contenuta nel messaggio Inps n del ; - Per le prestazioni anticipate da liquidarsi con decorrenza al (e limitatamente a requisiti maturati entro il ), l esclusione dalla penalizzazione opera in ogni caso e a prescindere dalla tipologia di contribuzione attraverso la quale viene maturato il diritto. In altri termini, per effetto delle norme di maggior favore introdotte dalle legge di stabilità 2015 nei confronti dei soggetti che maturano il previsto requisito di anzianità contributiva entro il 31 dicembre 2017 le disposizioni sulla riduzione percentuale delle pensioni anticipate trovano ora una generalizzata sospensione applicabile a partire dal Anche in relazione alla pensione anticipata sono state dettate disposizioni particolari indirizzate ai lavoratori e lavoratrici che possono far valere contribuzione che si colloca solo a partire dal Ferma restando la possibilità di conseguire il diritto a pensione con i requisiti ordinari sopra indicati, per questi lavoratori è stata altresì prevista un ulteriore possibilità di pensionamento anticipato subordinata al possesso dei seguenti requisiti minimi e condizioni: a) 63 anni di età (requisito assoggettato, a partire dal 2013, ad incremento per aspettative di vita, e quindi giunto a 63 anni e 3 mesi nel 2015); b) 20 anni di contribuzione effettiva (con esclusione quindi della contribuzione figurativa); c) Importo minimo della prima rata di pensione non inferiore a 2,8 volte l ammontare mensile dell assegno sociale Inps (importo fissato a 1255,86 euro per il 2015). Questa speciale possibilità di pensionamento anticipato è riservata esclusivamente ai lavoratori privi di anzianità contributiva alla data del , e non trova quindi applicazione nei confronti dei soggetti che, in possesso di contribuzione antecedente a quella data, esercitano l opzione per il sistema contributivo (lavoratori con meno di 18 anni di contribuzione al e con almeno 15 anni di contribuzione complessiva dei quali almeno 5 successivi al ). Analogamente alla nuova pensione di vecchiaia, anche la pensione anticipata non prevede più un regime di accesso differito al pagamento della prestazione (la previgente finestra mobile collocata, a 12 e 18 mesi dalla data di maturazione dei requisiti a seconda della gestione di liquidazione. Previa maturazione del prescritto requisito contributivo e cessazione del rapporto di lavoro dipendente, la pensione anticipata decorre pertanto dal primo giorno del mese successivo a quello della presentazione della domanda (una presentazione tardiva determina quindi lo slittamento del pagamento della prestazione). Per quanto riguarda invece le prestazioni del pubblico impiego (ex Inpdap9, la data di presentazione della domanda, non influisce sulla decorrenza ed è possibile ancora oggi ottenere una decorrenza intermedia nel corso del mese.

8 Per quanto riguarda lo speciale canale di accesso a pensione anticipata previsto per i lavoratori dipendenti nel settore privato- Ago Inps e forme sostitutiva che hanno maturato i previgenti requisiti per il diritto a pensione nel corso dell anno 2012 (art. 24, comma 15-bis D.L. 201/2011 conv. In L. 214/2011). Così come stabilito per le lavoratrici dipendenti in relazione alla pensione di vecchiaia, anche per i lavoratori del settore privato è prevista, in via eccezionale, la possibilità di accedere al pensionamento anticipato all età di 64 anni subordinatamente all avvenuto conseguimento, entro la data del dei seguenti requisiti: a) Anzianità contributiva di almeno 35 anni; b) Ulteriori requisiti richiesti nel 2012 dalla vecchia normativa per il diritto della pensione di anzianità (quota 96, con un età minima di 60 anni, se dipendenti, quota 97 con età minima di 61 anni, se autonomi). Anche in questo caso la norma eccezionale si applica ai soli lavoratori dipendenti del settore privato appartenenti al regime generale o alle forme sostitutive (sono esclusi quindi i lavoratori del settore pubblico e i lavoratori parasubordinati) che alla data del svolgevano appunto attività di lavoro dipendente nel settore privato. Il trattamento pensionistico ottenuto secondo questa speciale disposizione non è soggetto al regime delle finestre e, secondo l interpretazione dell Inps il limite di età dei 64 anni è soggetto al meccanismo di adeguamento delle speranze di vita. Pertanto negli anni 2013/2015 è stato incrementato di 3 mesi e nei successivi anni 2016/2017 di ulteriori 4 mesi. 3) L opzione donna. L art. 1, comma 9, Legge 243/2004 riconosce alle sole lavoratrici, in via sperimentale fino al 31 dicembre 2015, il diritto di accedere alla pensione di anzianità con requisiti più favorevoli in vigore al 31 dicembre 2007, subordinata all adesione del calcolo interamente contributivo del trattamento di pensione. L art. 24, comma 14, legge n. 214/2011 ha mantenuto in vigore questo istituto anche per gli anni dal 2012 in avanti. Per accedere alla pensione occorre essere in possesso di un anzianità contributiva pari a 35 anni e di un età anagrafica di 57 anni e 3 mesi per le lavoratrici dipendenti e di 58 anni e 3 mesi per le autonome. Inps, infatti, ha ritenuto che, dal 2013 l incremento dei 3 mesi della speranza di vita si dovesse applicare anche al requisito dei 57/58 anni di età. Inoltre, nei confronti delle lavoratrici che optano per il regime sperimentale continua a trovare applicazione anche il regime di decorrenza secondo la finestra mobile dei 12 o 18 mesi. L interpretazione che ha sollevato i maggiori dubbi è quella che la riguarda la data di scadenza del regime sperimentale. Inps ha precisato che la data di scadenza è il è da intendersi come termine ultimo entro cui deve collocarsi la decorrenza del trattamento pensionistico e non la maturazione dei requisiti di età e contribuzione a prescindere dal momento di apertura della finestra pensionistica. L applicazione pratica di tale interpretazione ha comportato che, per effetto dell applicazione della decorrenze differita secondo il regime della finestra mobile, il requisito di età e contribuzione richiesti per l opzione donna devono essere: - Per una lavoratrice dipendente del comparto privato (35 anni di contributi e 57 anni e 3 mesi entro il 30 novembre 2014); - - per le lavoratrici autonome (35 anni e 58 anni 3 mesi entro il 31 maggio 2014);

B. Pensione anticipata

B. Pensione anticipata 286 LAV. DIP.: PENSIONI Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre Il lavoratore può scegliere tra due possibilità: aumentare l importo della pensione, che viene calcolata sulla base del coefficiente di trasformazione

Dettagli

Circolare N. 26 del 18 Febbraio 2015

Circolare N. 26 del 18 Febbraio 2015 Circolare N. 26 del 18 Febbraio 2015 Lavori usuranti e prepensionamento - le domande dei lavoratori entro il prossimo 01.03.2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con il messaggio

Dettagli

PARTE PRIMA Disposizioni normative

PARTE PRIMA Disposizioni normative Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Direzione Centrale Previdenza Ufficio I Pensioni Roma, 12 agosto 2011 NOTA OPERATIVA N. 29 Ai Direttori delle Sedi Provinciali

Dettagli

ALLEGATO A. ( Omissis).

ALLEGATO A. ( Omissis). ALLEGATO A Decreto 19 maggio 1999 Criteri per l'individuazione delle mansioni usuranti (G.U. 4 settembre 1999, n. 208) IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE di concerto con i Ministri del tesoro,

Dettagli

(57 anni), ed, inoltre, non cambia neanche il valore della quota, fissata a 94. Regole particolari sono previste, infine, per i lavoratori a turni.

(57 anni), ed, inoltre, non cambia neanche il valore della quota, fissata a 94. Regole particolari sono previste, infine, per i lavoratori a turni. (57 anni), ed, inoltre, non cambia neanche il valore della quota, fissata a 94. Regole particolari sono Lavori usuranti e pensione anticipata previste, infine, per i lavoratori a turni. Premessa E stato

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 04-01-2013. Messaggio n. 219

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 04-01-2013. Messaggio n. 219 Direzione Centrale Pensioni Roma, 04-01-2013 Messaggio n. 219 OGGETTO: Articolo 24, del d.l. n. 201 convertito dalla legge n. 214 del 2011: nuove disposizioni in materia di trattamenti pensionistici riguardanti

Dettagli

Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it

Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it L' INPS pubblica un articolato messaggio per fornire chiarimenti in ordine alla applicazione dei principi contenuti nella riforma delle pensioni,

Dettagli

1. SOGGETTI CHE ACCEDONO A PENSIONE CON IL SISTEMA CONTRIBUTIVO

1. SOGGETTI CHE ACCEDONO A PENSIONE CON IL SISTEMA CONTRIBUTIVO ISTITUTO TUTELA ASSISTENZA COMMERCIO TURISMO E SERVIZI CONFESERCENTI 1. SOGGETTI CHE ACCEDONO A PENSIONE CON IL SISTEMA CONTRIBUTIVO (art. 1, comma 40, della legge n. 335 del 1995) Nei confronti dei soggetti

Dettagli

Riforma delle pensioni 2012 per lavoratori dipendenti

Riforma delle pensioni 2012 per lavoratori dipendenti R.S.U. Siae Microelettronica Riforma delle pensioni 2012 per lavoratori dipendenti A partire dal 1 gennaio 2012, le anzianità contrib utive maturate dopo il 31 dicembre 2011 verranno calcolate per tutti

Dettagli

1. Il meccanismo di adeguamento alla speranza di vita

1. Il meccanismo di adeguamento alla speranza di vita 379 Contributi obbligatori Contributi da riscatto Contributi figurativi Contributi volontari Schema della contribuzione sono imposti dalla legge ai fini del diritto e della misura dei trattamenti pensionistici

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO AI SENSI DELL ARTICOLO 1, COMMI 1 e 2, DELLA LEGGE 4 NOVEMBRE 2010, N. 183, IN TEMA DI ACCESSO ANTICIPATO AL PENSIONAMENTO PER GLI ADDETTI ALLE LAVORAZIONI PARTICOLARMENTE

Dettagli

Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011)

Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011) Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011) Interventi in materia previdenziale Napoli, 18 gennaio 2012 Legge n. 214 del 22.12.2011 La quota di pensione maturata

Dettagli

Roma, marzo 2012 GUIDA PRATICA AI REQUISITI DI

Roma, marzo 2012 GUIDA PRATICA AI REQUISITI DI Roma, marzo 2012 GUIDA PRATICA AI REQUISITI DI PENSIONABILITÁ Indice Inquadramento previdenziale dipendenti Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane Nuovi riferimenti normativi Pensione di vecchiaia: requisiti

Dettagli

Cenni sulle pensioni.

Cenni sulle pensioni. Cenni sulle pensioni. Di seguito una sintesi della normativa in vigore dal 1 gennaio 2012 e dei requisiti dal 1 gennaio 2014. assistenza.previdenza@fisac.it 1 Pensioni dal 1 gennaio 2012 A partire dal

Dettagli

Speciale PENSIONI 1 PREMESSA 2 IL SISTEMA PREVIDENZIALE

Speciale PENSIONI 1 PREMESSA 2 IL SISTEMA PREVIDENZIALE Speciale PENSIONI 1 PREMESSA In ITALIA, il sistema pensionistico pubblico, è fondato sul principio della ripartizione e della solidarietà intergenerazionale: i contributi che i lavoratori e le aziende

Dettagli

U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M. LA RIFORMA PREVIDENZIALE FORNERO APPLICAZIONE ai LAVORATORI MARITTIMI

U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M. LA RIFORMA PREVIDENZIALE FORNERO APPLICAZIONE ai LAVORATORI MARITTIMI F E D E R M A N A G E R Via Ravenna 14-00161 ROMA U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M. UNIONE SINDACALE CAPITANI UNIONE NAZIONALE CAPITANI LUNGO CORSO AL COMANDO DIRETTORI di MACCHINA Segreteria Nazionale 16121

Dettagli

Art. 1. Lavoratori addetti a lavorazioni particolarmente faticose e pesanti

Art. 1. Lavoratori addetti a lavorazioni particolarmente faticose e pesanti Accesso anticipato al pensionamento per gli addetti alle lavorazioni particolarmente faticose e pesanti, a norma dell'articolo 1 della legge 4 novembre 2010, n. 183. Art. 1 Lavoratori addetti a lavorazioni

Dettagli

B) Legge n. 243 del 2004 come integrata e modificata dall articolo 1, commi 1 e 2, della legge n. 247 del 2007

B) Legge n. 243 del 2004 come integrata e modificata dall articolo 1, commi 1 e 2, della legge n. 247 del 2007 Allegato 4 Riepilogo disposizioni vigenti in materia di requisiti e di acceso ai trattamenti pensionistici anteriormente alla data di entrata in vigore del decreto legge n. 201 del 2011, convertito dalla

Dettagli

Roma, 08/01/2008. e, p.c.

Roma, 08/01/2008. e, p.c. istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativa Tel. 0651017626 Fax. 0651017625 e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it Roma, 08/01/2008

Dettagli

INPS Direzione Centrale Pensioni. a cura dell Area Normativa e Contenzioso Amministrativo Pensioni in Regime Generale

INPS Direzione Centrale Pensioni. a cura dell Area Normativa e Contenzioso Amministrativo Pensioni in Regime Generale INPS Direzione Centrale Pensioni a cura dell Area Normativa e Contenzioso Amministrativo Pensioni in Regime Generale 1 Riforma Pensioni 2012 DL 6 dicembre 2011, n. 201 Articolo 24 convertito dalla legge

Dettagli

Legge n. 214 del 22.12.2011, come modificata dalla L. n. 14/2012

Legge n. 214 del 22.12.2011, come modificata dalla L. n. 14/2012 Legge n. 214 del 22.12.2011, come modificata dalla L. n. 14/2012 Interventi in materia previdenziale Roma, 14 marzo 2012 Legge n. 214 del 22.12.2011 Dal 2012 nuovi requisiti anagrafici e contributivi per

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO Negli ultimi anni nel nostro Paese si sono susseguite varie riforme che già soddisfacevano le richieste dell'unione Europea di avere

Dettagli

Prende il via la stretta sulle pensioni

Prende il via la stretta sulle pensioni a cura di Pino Pignatta testi di Paolo Ferri In collaborazione col Patronato Adi si allontana Dal 1 * gennaio la riforma che porta il nome del ministro del Welfare Elsa Fornero inizia a far sentire i suoi

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Come si va in pensione nel 2014...?

Come si va in pensione nel 2014...? Gennaio 2014 Come si va in pensione nel 2014...? A cura di G. Marcante Trattamenti di pensione di vecchiaia e di pensione anticipata Per i soggetti che matureranno i requisiti per il diritto a pensione

Dettagli

SCUOLA: è ora di pensare ai pensionamenti 2014!

SCUOLA: è ora di pensare ai pensionamenti 2014! settembre 2013 SCUOLA: è ora di pensare ai pensionamenti 2014! In attesa dell emanazione del previsto Decreto Ministeriale recante disposizioni per le cessazioni dal servizio, che tra l altro fissa il

Dettagli

Ai Coordinatori regionali ITAL - Uil Agli Uffici di Patronato delle CSP Uil e delle UR Uil

Ai Coordinatori regionali ITAL - Uil Agli Uffici di Patronato delle CSP Uil e delle UR Uil Messaggio ITAL-Uil n. 20110420-178/TEC del 20 aprile 2011 Area Assistenza e Tutela Ai Coordinatori regionali ITAL - Uil Agli Uffici di Patronato delle CSP Uil e delle UR Uil Oggetto: Schema Decreto Legislativo

Dettagli

Pensione di Vecchiaia. Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995

Pensione di Vecchiaia. Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995 Circ INPS 35-2012 Pensione di Vecchiaia (art. 24, commi 6 e 7) P.1 circ 35 Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995 ETA :Si confermano i requisiti di età indicati nelle

Dettagli

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014.

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. Prot. SN-06 del 04/02/2014 Alla Cortese attenzione del Segretari provinciali Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. La riforma Fornero (legge n. 204 del 22.12.2011)

Dettagli

U.I.C.I. DELEGAZIONE DI SAN MARCO ARGENTANO

U.I.C.I. DELEGAZIONE DI SAN MARCO ARGENTANO News del : 04/05/2015 U.I.C.I. DELEGAZIONE DI SAN MARCO ARGENTANO OGGETTO: Pensionistica trattamento anticipato di anzianita sospensione delle penalizzazioni fino al 2017 Si fa seguito ai comunicati UICI

Dettagli

LA MANOVRA MONTI FORNERO

LA MANOVRA MONTI FORNERO LA MANOVRA MONTI FORNERO DL n. 201 del 6/12/2011, conversione in legge n. 214 del 22/12/2011 1 Legge 214/11 art. 24 c. 6,7,9 requisiti richiesti dal 1.1.2012 Pensione di vecchiaia Innalzamento dell età

Dettagli

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO IL SISTEMA CONTRIBUTIVO M I L A N O, 1 8 M A G G I O 2 0 1 3 D O T T. F I L I P P O B O N A N N I I N P S - D I R E Z I O N E C E N T R A L E P E N S I O N I 1 SISTEMA CONTRIBUTIVO Nell Ordinamento previdenziale

Dettagli

LE PENSIONI OBBLIGATORIE DEI DIPENDENTI PUBBLICI

LE PENSIONI OBBLIGATORIE DEI DIPENDENTI PUBBLICI I SEZIONE 1 LE PENSIONI OBBLIGATORIE DEI DIPENDENTI PUBBLICI La disciplina pensionistica: le principali norme 2 Dpr 1092/1973 - testo unico in materia di previdenza del personale civile e militare dello

Dettagli

NUOVA RIFORMA PENSIONISTICA Istruzioni INPS

NUOVA RIFORMA PENSIONISTICA Istruzioni INPS NUOVA RIFORMA PENSIONISTICA Istruzioni INPS L' INPS ha fornito chiarimenti in merito alla nuova riforma pensionistica, introdotta con il cosiddetto decreto-legge salva Italia e modificata dal Milleproroghe,

Dettagli

MEMORIA AIVITER. Aggiornamento al 30 maggio 2015

MEMORIA AIVITER. Aggiornamento al 30 maggio 2015 MEMORIA AIVITER. Aggiornamento al 30 maggio 2015 PENSIONAMENTI ANTICIPATI (ex pensioni anzianità) per il triennio 2015-2017 senza penalizzazione. Computo più favorevole della anzianità contributiva minima

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 30-12-2014. Messaggio n. 9963

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 30-12-2014. Messaggio n. 9963 Direzione Centrale Pensioni Roma, 30-12-2014 Messaggio n. 9963 OGGETTO: Presentazione domande di riconoscimento dello svolgimento di lavori particolarmente faticosi e pesanti entro il 1 marzo 2015 per

Dettagli

Direzione centrale delle Prestazioni. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e

Direzione centrale delle Prestazioni. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e Direzione centrale delle Prestazioni Roma, 15 Maggio 2008 Circolare n. 60 Allegati n. 4 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei

Dettagli

COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI

COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI Gli ultimi eventi ai quali si sta assistendo, soprattutto a seguito della crisi economica e finanziaria

Dettagli

www.unicolavoro.ilsole24ore.com

www.unicolavoro.ilsole24ore.com Sistema Frizzera Pensione di anzianità lavoratori dipendenti www.unicolavoro.ilsole24ore.com DEFINIZIONI: la pensione di anzianità è una prestazione economica, a domanda, erogata ai lavoratori dipendenti;

Dettagli

Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li FNP-CISL - Loro Sedi -

Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li FNP-CISL - Loro Sedi - Dipartimento Politiche Previdenziali, Fisco, Prezzi e Tariffe, Rapporti con gli Enti e i CIV Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li

Dettagli

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti:

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti: Totalizzazione dei contributi È stata prevista da recenti disposizioni legislative per consentire l acquisizione del diritto ad un unica pensione di vecchiaia, di anzianità o ai superstiti a quei lavoratori

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO LAVORI USURANTI Scheda riassuntiva Tabella requisiti pensionamento anticipato

DECRETO LEGISLATIVO LAVORI USURANTI Scheda riassuntiva Tabella requisiti pensionamento anticipato DECRETO LEGISLATIVO LAVORI USURANTI Scheda riassuntiva Tabella requisiti pensionamento anticipato I soggetti interessati e le attività di lavoro usuranti (lavoratori dipendenti) Lavoratori che hanno prestato

Dettagli

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it di Aldo Forte Pubblicista Esperto in materia previdenziale L'Inps, con la circolare n. 16/2013, chiarisce che per i soggetti con un'anzianita'

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 08/05/2013

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 08/05/2013 Direzione Centrale Pensioni Roma, 08/05/2013 Circolare n. 76 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA

PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA La Gestione separata (G.S.) è una gestione pensionistica separata di nome e di fatto. Infatti la contribuzione ivi versata viene accreditata

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 09/09/2011

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 09/09/2011 Direzione Centrale Pensioni Roma, 09/09/2011 Circolare n. 116 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato Previdenza LE Pensioni Gli ultimi aggiornamenti sugli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato il tetto di retribuzione

Dettagli

LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO

LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO D.L. 201/2011 Il D.L. 201/2011, convertito nella L. 214/2011 (nota come Riforma delle pensioni), ha modificato in modo radicale il sistema previdenziale

Dettagli

www.unicolavoro.ilsole24ore.com Istituto Nazionale Previdenza Sociale Messaggio 4 gennaio 2013, n.219

www.unicolavoro.ilsole24ore.com Istituto Nazionale Previdenza Sociale Messaggio 4 gennaio 2013, n.219 www.unicolavoro.ilsole24ore.com Istituto Nazionale Previdenza Sociale Messaggio 4 gennaio 2013, n.219 Articolo 24, del d.l. n. 201 convertito dalla legge n. 214 del 2011: nuove disposizioni in materia

Dettagli

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti.

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti. Direzione Centrale Pensioni Roma, 18/11/2015 Circolare n. 184 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

I lavoratori salvaguardati

I lavoratori salvaguardati Lavoratrici e lavoratori che possono accedere a pensione sulla base dei requisiti vigenti prima dell entrata in vigore del d.l. n. 201/2011 del 6.12.2011 anche se maturati dopo il 31.12.2011 1 Conservano

Dettagli

Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale

Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale Con circolare 15 maggio 2008, n. 60, l Inps detta le istruzioni per l accesso al pensionamento

Dettagli

LE PENSIONI DAL 1 GENNAIO 2014. La pensione di vecchiaia

LE PENSIONI DAL 1 GENNAIO 2014. La pensione di vecchiaia LE PENSIONI DAL 1 GENNAIO 2014 La pensione di vecchiaia Entrano in gioco per l'ottenimento della pensione di vecchiaia i due requisiti anagrafico e contributivo. È richiesta inoltre la cessazione di qualsiasi

Dettagli

Come sono cambiate le regole sulle pensioni

Come sono cambiate le regole sulle pensioni Foglio Informativo Anno 2012 - Numero 1 9 febbraio 2012 Newsletter per i soci Associazione Nazionale Seniores Enel Viale Regina Margherita, 125 00198 Roma - Tel. 0683057422 Fax 0683057440 http://www.anse-enel.it

Dettagli

Ricongiunzione, totalizzazione, cumulo, computo ed altro

Ricongiunzione, totalizzazione, cumulo, computo ed altro Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Numero 77 Gennaio 2014 Ricongiunzione, totalizzazione, cumulo, computo ed altro Una cassa lì, una cassa là: come si mettono insieme i contributi frammentati

Dettagli

Presente e futuro del sistema previdenziale italiano nel tempo dell incertezza

Presente e futuro del sistema previdenziale italiano nel tempo dell incertezza Presente e futuro del sistema previdenziale italiano nel tempo dell incertezza Pollenzo 20 Aprile 2012 Luca Valdameri Riferimenti normativi Riforma Amato (decreto legislativo 503/1992 e decreto legislativo

Dettagli

Le nuove pensioni. Le novità della manovra Monti

Le nuove pensioni. Le novità della manovra Monti Le nuove pensioni Le novità della manovra Monti Premessa La riforma della previdenza è il primo tassello di una riforma più completa che riguarderà anche il mercato del lavoro e gli ammortizzatori sociali.

Dettagli

LA NUOVA PENSIONE ANTICIPATA (GIA PENSIONE DI ANZIANITA )

LA NUOVA PENSIONE ANTICIPATA (GIA PENSIONE DI ANZIANITA ) LA NUOVA PENSIONE ANTICIPATA (GIA PENSIONE DI ANZIANITA ) L attuale Governo Monti ha iniziato il suo operato indicando tre parole d ordine: rigore, crescita ed equità. Ad oggi però è stato applicato ampiamente

Dettagli

LA TOTALIZZAZIONE DEI PERIODI ASSICURATIVI

LA TOTALIZZAZIONE DEI PERIODI ASSICURATIVI 1 LA TOTALIZZAZIONE DEI PERIODI ASSICURATIVI DECRETO LEGISLATIVO N 42/2006 LEGGE N 247/2007 DECRETO LEGGE N 201/2011 CONVERTITO IN LEGGE N 214/2011 2 1 Totalizzazione La nuova disposizione esordisce con

Dettagli

Or.S.A. Organizzazione Sindacati Autonomi e di Base. a cura di Giustino Di Nallo. Guida Pratica. versione 1.1 del 03.01.2012

Or.S.A. Organizzazione Sindacati Autonomi e di Base. a cura di Giustino Di Nallo. Guida Pratica. versione 1.1 del 03.01.2012 Or.S.A. Organizzazione Sindacati Autonomi e di Base LE PENSIONI DOPO LA RIFORMA FORNERO (D.L.201 DEL 6/12/2011, CONVERTITO IN LEGGE 214 DEL 22/12/2011) a cura di Giustino Di Nallo Guida Pratica versione

Dettagli

Ricongiunzione, totalizzazione, cumulo, computo ed altro

Ricongiunzione, totalizzazione, cumulo, computo ed altro Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Numero 77 - rettificato - Gennaio 2014 Ricongiunzione, totalizzazione, cumulo, computo ed altro Una cassa lì, una cassa là: come si mettono insieme i contributi

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 21 aprile 2011, n. 67

DECRETO LEGISLATIVO 21 aprile 2011, n. 67 Page 1 of 8 DECRETO LEGISLATIVO 21 aprile 2011, n. 67 Accesso anticipato al pensionamento per gli addetti alle lavorazioni particolarmente faticose e pesanti, a norma dell'articolo 1 della legge 4 novembre

Dettagli

ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E DI ASSISTENZA PER I LAVORATORI DELLO SPETTACOLO DIREZIONE GENERALE

ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E DI ASSISTENZA PER I LAVORATORI DELLO SPETTACOLO DIREZIONE GENERALE Enpals: le pensioni di anzianità e vecchiaia dal 2008 (Enpals, Circolare 15.2.2008 n. 1) Modifiche alla legge 23.8.2004 n. 243 introdotte dalla legge 24.12.2007 n.247 recante Norme di attuazione del protocollo

Dettagli

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS.

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. Roma, 12 febbraio 2009 Le pensioni nel 2009 Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE

Dettagli

Pensione lavoratori autonomi

Pensione lavoratori autonomi Pensione lavoratori autonomi SOGGETTI INTERESSATI: le speciali regole riguardanti i requisiti per il diritto alla pensione di vecchiaia e di anzianità dei lavoratori «autonomi» interessano le seguenti

Dettagli

Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI

Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI PRO-RATA CONTRIBUTIVO A decorrere dal 1 gennaio 2012,

Dettagli

Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE LORO SEDI. e, p.c.

Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE LORO SEDI. e, p.c. Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE Area Prestazioni e Contributi Direzione Prestazioni Previdenziali MESSAGGIO N. 1 DEL 15/02/2008

Dettagli

Prefettura RIMINI 10/03/2015. L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo

Prefettura RIMINI 10/03/2015. L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo Prefettura RIMINI 10/03/2015 L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo 1919 Nascita della tutela obbligatoria per i lavoratori dipendenti L Istituto

Dettagli

1. PREMESSA. Roma, 13/05/2008. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Alle Organizzazioni Sindacali Nazionali dei Pensionati

1. PREMESSA. Roma, 13/05/2008. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Alle Organizzazioni Sindacali Nazionali dei Pensionati istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica Roma, 13/05/2008 Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativa Tel. 0651017626 Fax. 0651017625 e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it

Dettagli

BREVI CENNI SULLE NORME PREVIGENTI DEL SISTEMA PENSIONISTICO.

BREVI CENNI SULLE NORME PREVIGENTI DEL SISTEMA PENSIONISTICO. Circolare n.1/2008 Prot. n.1008/cm0447 del 23.1.2008 Posiz. UFFICIO RISCATTI E PENSIONI Allegati n. - Al personale di ruolo e non di ruolo dell Università degli Studi del Sannio L O RO S E D I OGGETTO:

Dettagli

Sono un medico anestesista che presta servizio presso l unità operativa rianimazione di un presidio ospedaliero a gestione diretta.

Sono un medico anestesista che presta servizio presso l unità operativa rianimazione di un presidio ospedaliero a gestione diretta. 1 OGGETTO PENSIONAMENTO ANTICIPATO QUESITO (quesito posto in data 13 gennaio 2012) Sono un medico anestesista che presta servizio presso l unità operativa rianimazione di un presidio ospedaliero a gestione

Dettagli

IL SISTEMA PENSIONISTICO

IL SISTEMA PENSIONISTICO IL SISTEMA PENSIONISTICO LA CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE : CONTRIBUZIONE, FONDO PENSIONE LAVORATORI DIPENDENTI IL SISTEMA PENSIONISTICO ITALIANO Il cardine della tutela previdenziale riguarda la soddisfazione

Dettagli

Le pensioni dei dipendenti pubblici: novità e prospettive

Le pensioni dei dipendenti pubblici: novità e prospettive Le pensioni dei dipendenti pubblici: novità e prospettive Le linee guida delle riforme Il sistema pensionistico pubblico, a ripartizione, subisce l influenza dei seguenti fenomeni: - variazione nel rapporto

Dettagli

Il Miur sta approntando la circolare con cui annualmente disciplina l accesso alla pensione per il personale della scuola.

Il Miur sta approntando la circolare con cui annualmente disciplina l accesso alla pensione per il personale della scuola. PREG.MI COLLEGHI DELLA SCUOLA, Il Miur sta approntando la circolare con cui annualmente disciplina l accesso alla pensione per il personale della scuola. Questa segreteria provinciale, ritenendo di fare

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

Giornata Nazionale della Previdenza. Speed date previdenziale Milano, 15 maggio 2014. La pensione anticipata e le penalizzazioni

Giornata Nazionale della Previdenza. Speed date previdenziale Milano, 15 maggio 2014. La pensione anticipata e le penalizzazioni Giornata Nazionale della Previdenza Speed date previdenziale Milano, 15 maggio 2014 La pensione anticipata e le penalizzazioni Com era la pensione di anzianità Il diritto alla pensione di anzianità, fino

Dettagli

Il traguardo della pensione si sposta in avanti per effetto di due interventi

Il traguardo della pensione si sposta in avanti per effetto di due interventi LE PENSIONI Nella manovra sui conti pubblici il pacchetto di misure introdotte dalla Legge n. 122/2010 in materia di pensioni si può considerare una vera e propria riforma, destinata ad imprimere una svolta

Dettagli

Le novità del Decreto Salva Italia in materia previdenziale

Le novità del Decreto Salva Italia in materia previdenziale DIPARTIMENTO POLITICHE SOCIALI Le novità del Decreto Salva Italia in materia previdenziale In attesa che sia definitivamente approvato dal Parlamento il Decreto salva Italia, forniamo una sintesi dei contenuti

Dettagli

La pensione IVS STAMPA

La pensione IVS STAMPA La pensione IVS La pensione di vecchiaia La pensione anticipata La pensione anticipata per i lavoratori che hanno svolto attività usuranti Le pensioni in Europa Trattamenti di invalidità di natura previdenziale

Dettagli

www.unicolavoro.ilsole24ore.com

www.unicolavoro.ilsole24ore.com Sistema Frizzera Pensioni di vecchiaia lavoratori dipendenti www.unicolavoro.ilsole24ore.com TIPOLOGIE: nel nostro ordinamento sono previste due forme di pensioni legate all'età pensionabile: - pensione

Dettagli

Legge n. 214/2011, come modificata dalla legge n. 14/2012 Circolari INPS n. 35, 36 e 37 del 14.03.2012 Circolare Dip. Funz. Pubbl. n. 2 del 08.03.

Legge n. 214/2011, come modificata dalla legge n. 14/2012 Circolari INPS n. 35, 36 e 37 del 14.03.2012 Circolare Dip. Funz. Pubbl. n. 2 del 08.03. Legge n. 214/2011, come modificata dalla legge n. 14/2012 Circolari INPS n. 35, 36 e 37 del 14.03.2012 Circolare Dip. Funz. Pubbl. n. 2 del 08.03.2012 Nota congiunta CGIL e INCA a cura del Dipartimento

Dettagli

inserto speciale la PENSIONE può ATTENDERE I Dossier di Famiglia Cristiana da staccare e conservare

inserto speciale la PENSIONE può ATTENDERE I Dossier di Famiglia Cristiana da staccare e conservare I Dossier di Famiglia Cristiana da staccare e conservare Finestre che si chiudono e altre che si aprono, ma con una differenza sostanziale: la via di uscita dal mondo del lavoro è una sola volta all anno.

Dettagli

La manovra Monti e Fornero Schede sulle pensioni aggiornamento al 27 dicembre 2011

La manovra Monti e Fornero Schede sulle pensioni aggiornamento al 27 dicembre 2011 La manovra Monti e Fornero Schede sulle pensioni aggiornamento al 27 dicembre 2011 INCA ER 1 Decreto Legge n 201/2011 art. 24 c. 2 Si prevede l introduzione del prorata contributivo per tutti per le anzianità

Dettagli

PENSIONI PERIODI UTILI ALLA PENSIONE LA CONTRIBUZIONE OBBLIGATORIA

PENSIONI PERIODI UTILI ALLA PENSIONE LA CONTRIBUZIONE OBBLIGATORIA PENSIONI PERIODI UTILI ALLA PENSIONE I periodi utili alla pensione sono quelli durante i quali sono stati versati i contributi obbligatori a cui si aggiungono altri tipi di contribuzione che possono essere

Dettagli

LE PENSIONI Il sistema pensionistico italiano è quotidianamente oggetto di dibattito perché se da un lato la c.d. "Riforma Fornero" pone l'italia fra

LE PENSIONI Il sistema pensionistico italiano è quotidianamente oggetto di dibattito perché se da un lato la c.d. Riforma Fornero pone l'italia fra LE PENSIONI Il sistema pensionistico italiano è quotidianamente oggetto di dibattito perché se da un lato la c.d. "Riforma Fornero" pone l'italia fra i Paesi più avanzati sotto il profilo della sostenibilità

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA Prot. n VII 8 n 12643 del 16.05.2012 Circolare n 12 del 16.05.2012 Allegati n A A Tutti i Professori e ricercatori Tutto il personale tecnico amministrativo LORO SEDI OGGETTO: Circolare informativa in

Dettagli

Circolare N.86 del 8 Giugno 2011. Contributi volontari 2011. La prima scadenza è al 30 giugno

Circolare N.86 del 8 Giugno 2011. Contributi volontari 2011. La prima scadenza è al 30 giugno Circolare N.86 del 8 Giugno 2011 Contributi volontari 2011. La prima scadenza è al 30 giugno Contributi volontari 2011: la prima scadenza è al 30 giugno Gentile cliente, con la presente desideriamo ricordarle

Dettagli

intergenerazionale, con abbattimento dei privilegi e clausole derogative soltanto per le categorie più deboli;

intergenerazionale, con abbattimento dei privilegi e clausole derogative soltanto per le categorie più deboli; EDIZIONE 2012-2013 Presentazione La riforma della previdenza è uno dei più importanti interventi del Governo Monti per garantire il rispetto, degli impegni con l'unione Europea, in modo da accelerare il

Dettagli

OGGETTO: Dlgs 30 aprile 1997, n. 184 Chiarimenti in materia di prosecuzione volontaria.

OGGETTO: Dlgs 30 aprile 1997, n. 184 Chiarimenti in materia di prosecuzione volontaria. ISTITUTO Roma, 17 maggio 2006 NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA Direzione Generale Direzione Centrale Pensioni Ufficio I - Normativa e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it

Dettagli

Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di

Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di Le pensioni Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia,

Dettagli

Circolare N.116 del 07 Settembre 2011. Lavori usuranti: presentazione della comunicazione per il lavoro notturno e altre novità

Circolare N.116 del 07 Settembre 2011. Lavori usuranti: presentazione della comunicazione per il lavoro notturno e altre novità Circolare N.116 del 07 Settembre 2011 Lavori usuranti: presentazione della comunicazione per il lavoro notturno e altre novità Lavori usuranti: presentazione della comunicazione per il lavoro notturno

Dettagli

LEGGE 214/2011 NUOVE DISPOSIZIONI IN TEMA PREVIDENZIALE

LEGGE 214/2011 NUOVE DISPOSIZIONI IN TEMA PREVIDENZIALE LEGGE 214/2011 NUOVE DISPOSIZIONI IN TEMA PREVIDENZIALE MODIFICHE PRINCIPALI PENSIONI DI VECCHIAIA Nuovi requisiti amministrativi, di età per l accesso al pensionamento e nuovi sistemi di calcolo PENSIONE

Dettagli

SCUOLA: pensionamenti 2015!

SCUOLA: pensionamenti 2015! dicembre2014 SCUOLA: pensionamenti 2015! a cura di G. Marcante Il MIUR. Con D.M. nr.886 del 1 dicembre 2014 ha stabilito giovedì 15 gennaio 2015 come termine ultimo per la presentazione delle domande di

Dettagli

CISL - Roma, 9-2-2012. Valeria Picchio Dipartimento Democrazia Economica Cisl

CISL - Roma, 9-2-2012. Valeria Picchio Dipartimento Democrazia Economica Cisl Valeria Picchio Dipartimento Democrazia Economica Cisl 1 Obiettivi Rispetto vincoli di bilancio Stabilità economicofinanziaria Rafforzamento sostenibilità sistema pensionistico Principi Equità e convergenza

Dettagli

Legge 228/2012 Disposizioni in materia di cumulo

Legge 228/2012 Disposizioni in materia di cumulo Legge 228/2012 Disposizioni in materia di cumulo Abrogazione legge 322/58 in particolari situazioni Cumulo periodi contributivi per pensione Vecchiaia Reversibilità Inabilità Corso agenti sociali FNP CISL

Dettagli

Nuove decorrenze dei trattamenti pensionistici previsti dal 2011

Nuove decorrenze dei trattamenti pensionistici previsti dal 2011 Dossier Rassegna.it Pensioni, cosa cambia La nostra guida Decorrenze di anzianità e vecchiaia, finestre, pensioni anticipate, aumento dell'età pensionabile per le donne del pubblico impiego, ricongiunzioni.

Dettagli

VADEMECUM SERVIZIO PUNTO PREVIDENZA

VADEMECUM SERVIZIO PUNTO PREVIDENZA Indice generale IL SISTEMA PENSIONI DAL 1 GENNAIO 2012...2 I requisiti per la pensione di vecchiaia/anzianità nel sistema previgente...2 Le nuove regole...2 Età di pensionamento per vecchiaia...2 Incentivi...3

Dettagli

Premessa. Direzione Centrale delle Entrate Contributive

Premessa. Direzione Centrale delle Entrate Contributive Direzione Centrale delle Entrate Contributive Roma, 27 Gennaio 2005 Circolare n. 6 Allegati 5 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici

Dettagli