Pensioni. ENPAM INPS- Ex-INPDAP

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pensioni. ENPAM INPS- Ex-INPDAP"

Transcript

1 Pensioni ENPAM INPS- Ex-INPDAP

2 I medici e gli odontoiatri non hanno una sola pensione ma almeno due La pensione di base dell ENPAM ( Fondo di Previdenza Generale Quota A) spetta a tutti i medici e odontoiatri al raggiungimento dell età della vecchiaia Tutti i medici ed odontoiatri iscritti all Ordine sono tenuti al versamento contributivo obbligatorio presso il Fondo di Previdenza Generale dell ENPAM -Quota A. Ciò consente a tutti i medici di conseguire all età convenuta, in base al regolamento ENPAM, la pensione riferita ai contributi versati presso la quota A del Fondo previdenza Generale di ENPAM,indipendentemente dal conseguimento di altre pensioni derivanti dall INPS (INPS ex- INPDAP)o dall ENPAM stessa. La seconda, più consistente, è la pensione che: per i medici e odontoiatri dipendenti privati e pubblici è erogata da INPS ( EX-INPDAP) ; per i medici di medicina generale ( assistenza primaria, continuità assistenziale, emergenza territoriale, pediatria di libera scelta), per gli specialisti ambulatoriali, per gli specialisti esterni e per i medici ex convenzionati passati alla dipendenza ( transitati) che hanno scelto di mantenere l ENPAM invece di passare a INPS è pagata dai cosiddetti Fondi Speciali ENPAM; C è poi una terza pensione per tutti i medici e odontoiatri suddetti che svolgono attività liberoprofessionale ( compresa attività intramoenia degli ospedali) e che versano i relativi contributi nel Fondo Generale Quota B Mentre per Liberi professionisti medici e odontoiatri la seconda pensione, più consistente, è erogata dal Fondo Generale Quota B dell ENPAM

3 REGOLE Le regole della Fondazione ENPAM e quelle dell INPS ( Ex-INPDAP) per il conseguimento della pensione sono differenti

4 Pensione ENPAM

5 ENPAM PENSIONI Pensione di vecchiaia e pensione di anzianità A partire dal 2013 l'età per la pensione di vecchiaia subirà un progressivo spostamento di sei mesi in sei mesi, in modo che si passi dagli attuali 65 anni a 68 nel (Es. Nell anno 2013 a 65 anni e 6 mesi; nell anno 2014 a 66 anni) Con almeno 5 anni di contribuzione nella quota A per quanto riguarda il Fondo Generale Quota A e Fondo Generale Quota B, mentre nessun requisito contributivo minimo è richiesto per i Fondi Speciali( Per chi si è cancellato dall albo prima dell età pensionabile l anzianità contributiva richiesta è di almeno 15 anni) Per la pensione pensione anticipata a partire dal 2013 subirà un progressivo spostamento di sei mesi in sei mesi, in modo che si passi dagli attuali 58 anni a 62 nel 2018.( Es. Nel 2013 età minima 59 anni e 6 mesi, nel 2014 a 60 anni ) In aggiunta all'età minima sarà necessario maturare un'anzianità contributiva di 35 anni effettiva, riscattata e/o ricongiunta e un'anzianità di laurea di 30 anni, oppure - a prescindere dall'età minima - basterà un'anzianità contributiva effettiva, riscattata e/o ricongiunta di 42 anni e un'anzianità di laurea di 30 anni. E prevista inoltre per la pensione di anzianità una penalizzazione al ribasso sulla base della maggiore aspettativa di vita. Mentre per coloro resteranno a lavoro più a lungo i contributi versati dopo il compimento dell età per la pensione di vecchiaia varranno il 20% in più. N.B. Prima di far domanda sia per la pensione di vecchiaia che per quella anticipata è necessario cessare l attività professionale con il SSN e/o con gli enti non convenzionati con il SSN, come per esempio INPS,INAIL,Ferrovie dello Stato, Le Casse marittime, le Casse aziendali

6 Dal 1 gennaio 2013 i medici e gli specialisti che sono passati dalla convenzione alla dipendenza e hanno mantenuto la contribuzione all ENPAM potranno andare in pensione con gli stessi requisiti che sono validi per gli iscritti convenzionati. La possibilità di andare in pensione anticipata è prevista anche per gli iscritti che esercitano la libera professione e versano i contributi alla Quota B del Fondo di Previdenza Generale. Per loro non è necessario smettere di lavorare Per il Fondo generale quota A (obbligatoria per tutti i medici iscritti all'ordine) continua a essere esclusa la pensione anticipata ma scatta la possibilità di andare in pensione a 65 anni per chi sceglierà il contributivo retroattivamente su tutta l'anzianità maturata, essendo ancora iscritto e con un anzianità contributiva di almeno 20 anni ( Dal 2013 inoltre ci sarà il passaggio al sistema contributivo con diminuzione dell'aliquota di rendimento della quota obbligatoria (A); la parte di pensione maturata fino al 31 dicembre 2012 continuerà ad essere calcolata con il contributivo indiretto Il passaggio al contributivo riguarda dal 2013 anche il Fondo degli Specialisti esterni e di essi per i convenzionati in forma individuale la parte di pensione maturata fino al 31 dicembre 2012 verrà calcolata con il contributivo indiretto

7 I Fondi che rimangono con l attuale sistema previdenziale ENPAM, detto contributivo indiretto sono : Fondo MMG- Fondo Specialisti ambulatoriali- Fondo Generale Quota B Per gli iscritti a questi Fondi la pensione verrà calcolata con il metodo contributivo indiretto a valorizzazione immediata ( metodo ENPAM). La rivalutazione è agganciata all inflazione, che notoriamente è sempre in crescita, invece che al PIL che può avere un andamento prossimo allo zero o addirittura negativo Tasso di rivalutazione Dal 1 gennaio 2013 gli iscritti con età inferiore ai 50 anni, che fanno parte dei Fondi che rimangono al contributivo indiretto, avranno un tasso di rivalutazione dei contributi versati al 100%dell inflazione, mentre per tutti gli altri invece il tasso sarà pari al 75%. compresi gli iscritti al Fondo generale Quota A, per i quali le quote da versare restano sostanzialmente invariate cambia quindi solo il meccanismo d indicizzazione: dal 1 gennaio 2013 i contributi saranno indicizzati nella misura del 75% del tasso di inflazione (previsto pari al 2%) maggiorato di un punto e mezzo percentuale. Sulla base dell avanzo economico risultante dai prossimi bilanci tecnici l aliquota di prestazione (o aliquota di rendimento) potrà subire un aumento che conseguentemente comporterà un aumento della rendita della pensione. Ciò è valido per tutti gli iscritti ai Fondi che rimangono al contributivo indiretto

8 Correttivi in sintesi Aliquote contributive ed aliquote di prestazione (rendimento) L aliquota contributiva per i Fondi che rimangono al contributivo indiretto (MMG-SA -FG QuotaB) resta la stessa fino al 2014 e subirà un aumento graduale dal Aumento dell'aliquota contributiva per i Medici di Medicina Generale e i Pediatri di libera scelta Passerà dall'attuale 16,5% dei MMG e 15% dei Pediatri al 26% nel 2025 per entrambi (L'aliquota contributiva resta fino al 2014 al 16,5%, per i MMG e al 15% per i Pediatri, fino al 31 dicembre Dall'anno successivo si salirà gradualmente dell'1% all'anno fino a raggiungere il 26%, nel 2024 per i medici di Mg e nel 2025 per i pediatri) Dal 1 gennaio 2013 per i MMG I contributi versati avranno un aliquota di prestazione (o di rendimento) dell 1,4% Per i pediatri quest aliquota verrà calcolata in proporzione all aliquota di contribuzione fino a raggiungere l 1,4% dal 2025 in poi. Aumento dell'aliquota contributiva per gli Specialisti Ambulatoriali delle Asl dal 24% al 32,65%a partire dal 2015 fino al 2023, aumentando di un punto all anno Per gli addetti alla medicina dei servizi l aumento dal 24,50 al 32,65 a partire dal 2015, aumentando di un punto all anno. A partire dal 2013 l aliquota di prestazione (o rendimento) sarà sia per gli specialisti ambulatoriali che per gli addetti alla medicina dei servizi di 2,10 anziché 2,25% all anno. Per i transitati a rapporto d impiego l aliquota contributiva resta del 32,65%, mentre l aliquota di rendimento sarà di 2,90% dalla data di passaggio al rapporto d impiego fino al 2015, poi subirà annualmente una riduzione graduale fino a 2,30% dal 2022 Aumento dell'aliquota contributiva per i liberi professionisti dall'attuale 12,5%,che rimane fino al 2014, al 19,5% nel 2021, aumentando di un punto all anno Sale anche la soglia oltre la quale scatta l'obbligo della contribuzione ordinaria, dai 70mila euro del 2013 agli 80mila del 2014 fino al massimale Inps nel 2015 I contributi versati dal 1 gennaio 2013 avranno un aliquota di prestazione (o rendimento) dell 1,25%

9 Sistema previdenziale ENPAM Il sistema previdenziale ENPAM è sistema previdenziale sui generis in quanto,pur essendo un sistema previdenziale a ripartizione e di tipo retributivo reddituale, presenta caratteristiche diverse, costituendo un vero e proprio particolare sistema previdenziale che può essere anche definito di tipo contributivo indiretto a valorizzazione immediata Il sistema previdenziale ENPAM adotta il Meccanismo pro rata che significa rispetto delle anzianità contributive già maturate

10 Il sistema previdenziale ripartizione ed a capitalizzazione classico Il sistema a ripartizione classico prevede che l importo dei contributi versati dai contribuenti ad un dato momento viene immediatamente utilizzato per finanziare le prestazioni dei pensionati allo stesso momento; trasforma quindi direttamente i contributi incassati in prestazioni, cioè in pensioni. Accanto ai vantaggi rappresentati dalla solidarietà intergenerazionale, dall immunità a inflazione e dal rischio investimenti zero esistono però gli svantaggi dovuti alla vulnerabilità a trend demografici e periodi di bassa crescita economica. Il sistema a ripartizione va in crisi quando una generazione è meno numerosa e/o vive una crisi economica. Oltre al sistema a ripartizione nella gestione finanziaria dei sistemi pensionistici esiste il sistema a capitalizzazione classico Quest ultimo prevede invece l impiego dei contributi versati ad investimenti; le prestazioni sono rapportate a quello effettivamente conseguito dagli investimenti dei contributi con gli svantaggi rappresentati dalla vulnerabilità ad inflazione, dal rischio investimenti e dall assenza di solidarietà intergenerazionale.

11 Sistema previdenziale ENPAM a ripartizione sui generis Il sistema a ripartizione di ENPAM è un sistema misto tra sistema a ripartizione classico e sistema a capitalizzazione classico Dei contributi che la Fondazione incassa, una parte di essi serve a pagare le pensioni ed una parte va ad integrare il patrimonio. La rendita del patrimonio immobiliare e mobiliare viene utilizzata in parte per reinvestire, in parte serve a pagare le tasse e le spese di gestione ed in parte va alle prestazioni. Questo sistema previdenziale a ripartizione sui generis di ENPAM è stato introdotto nel 1995 al momento della riforma delle Casse previdenziali Nei sistemi a ripartizione su un periodo pluriennale il contributo annuo consente la copertura delle prestazioni per una pluralità di anni e nel contempo comporta la formazione di un patrimonio derivante sia dagli avanzi di gestione che dal rendimento del patrimonio stesso. Nei periodi in cui i contributi risultano inferiori alle prestazioni può essere utilizzato tale patrimonio

12 Il sistema previdenziale ENPAM è poi un sistema previdenziale di tipo retributivo reddituale sui generis Al reddito medio di tutta la vita professionale viene applicata la percentuale risultante dalla somma aritmetica delle aliquote di rendimento annuali assegnate ai contributi incassati mese dopo mese, anno dopo anno. Di fatto una costruzione dinamica dell importo della pensione e le prestazioni sono correlate ad un rendimento già predeterminato all atto del versamento dei contributi A differenza del sistema retributivo pubblico che calcola la pensione in proporzione agli ultimi stipendi,la Fondazione ha un sistema reddituale che tiene conto dei redditi percepiti durante tutto l arco della vita lavorativa. Il retributivo delle Casse Pubbliche calcola la pensione non su quanto era stato versato, ma sul miglior periodo di retribuzione avuto sull intera carriera. Il Sistema retributivo, tuttora in uso all ENPAM, calcola le prestazioni sui redditi dell intera vita lavorativa

13 Sistema previdenziale ENPAM di tipo contributivo sui generis L ENPAM finora aveva definito il suo sistema come retributivo reddituale, nella realtà si tratta di un vero e proprio metodo contributivo perché le pensioni sono legate ai contributi versati lungo l arco dell intera vita lavorativa, con l uso di un aliquota di rendimento che la Fondazione stabilisce sulla base di tecniche attuariali. E ' una sorta di contributivo corretto. E un contributivo indiretto a valorizzazione immediata C.I.V.I. Contributivo indiretto perché, ai fini del calcolo, la prestazione viene determinata in base ai compensi rivalutati (comunque sempre ricostruiti a partire dalla contribuzione versata) A valorizzazione immediata perché consente di assegnare subito ai contributi versati un valore certo, che sarà riscosso al momento del pensionamento. Si differenzia però dal contributivo pubblico Il sistema contributivo pubblico si differenzia dal sistema previdenziale ENPAM essenzialmente per questi motivi: la percentuale da applicare al reddito viene definita solo quando ci si pensiona, mentre in ENPAM l aliquota di rendimento, sulla base di calcoli attuariali, viene determinata da subito, al momento di ogni incasso; la rivalutazione dei contributi sulla base della media quinquennale del PIL comporta una riduzione della pensione se non cresce o peggio se l economia del paese diminuisce; mentre in ENPAM il valore dei soldi versati negli anni viene rivalutato sulla base dell inflazione ( l indice dei prezzi al consumo ISTAT) che, diversamente dal PIL è costantemente in crescita Il sistema previdenziale ENPAM rispetto a contributivo pubblico è più equo in quanto il contributivo pubblico comporta una copertura previdenziale meno adeguata

14 Pensioni INPS Ex-INPDAP

15 La Manovra economica messa a punto alla fine del 2011 ha dato luogo per le Casse Previdenziali Pubbliche ad un altra riforma del sistema previdenziale, che in sintesi ha comportato a partire dal 1 gennaio 2012 queste principali novità: Accorpamento INPS-INPDAP per soppressione di INPDAP; Affermazione del metodo contributivo come criterio di calcolo delle pensioni: contributivo per tutti a partire dal 1 gennaio 2012; Innalzamento dei requisiti per la pensione di vecchiaia e parificazione dell età pensionabile tra uomini e donne anche nel privato e nel settore autonomo; Sostanziale eliminazione delle pensioni di anzianità con abolizione delle quote e delle finestre e sostituzione con pensioni anticipate Decreto legge 201/2011( decreto salva Italia) convertito in Legge 214/2011

16 Accorpamento INPDAP INPS per soppressione INPS Dal 31/12/2011, l'inpdap (Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica) e l'enpals (Ente Nazionale di Previdenza e di Assistenza per i Lavoratori dello Spettacolo e dello Sport Professionistico) sono soppressi e l'inps subentra nelle loro funzioni e succede in tutti i rapporti attivi e passivi. Le disposizioni per il passaggio delle competenze e delle funzioni, dagli enti soppressi all INPS, sono contenute nel D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, all articolo 21, commi da 1 a 9, che regolano soprattutto il trasferimento dei dipendenti e degli organi di amministrazione e controllo dell INPDAP e dell ENPALS. Comma 1 In considerazione del processo di convergenza ed armonizzazione del sistema pensionistico attraverso l'applicazione del metodo contributivo, nonche' al fine di migliorare l'efficienza e l'efficacia dell'azione amministrativa nel settore previdenziale e assistenziale, l'inpdap e l'enpals sono soppressi dal 1 gennaio 2012 e le relative funzioni sono attribuite all' INPS, che succede in tutti i rapporti attivi e passivi degli Enti soppressi. Dalla data di entrata in vigore del presente decreto e fino al 31 dicembre 2011, l'inpdap e l'enpals possono svolgere solo atti di ordinaria amministrazione. Comma 9 Per assicurare il conseguimento degli obiettivi di efficienza e di efficacia di cui al comma 1, di razionalizzazione dell'organizzazione amministrativa ai sensi del comma 7, nonche' la riduzione dei costi di cui al comma 8, il Presidente dell'inps, la cui durata in carica, a tal fine, e' differita al 31 dicembre 2014, promuove le piu' adeguate iniziative, ne verifica l'attuazione, predispone rapporti, con cadenza quadrimestrale, al Ministero del lavoro e delle politiche sociali, e al Ministero dell'economia e delle finanze in ordine allo stato di avanzamento del processo di riordino conseguente alle disposizioni di cui al comma 1 e redige alla fine del mandato una relazione conclusiva, che attesti i risultati conseguiti.

17 Sistema contributivo Dal 1 gennaio 2012 si attua il calcolo contributivo per tutti i contribuenti INPS-(Ex-INPADP) Il metodo contributivo si applicava già ai contribuenti INPS- INPDAP privi di anzianità contributiva al 1 gennaio 1996 Il metodo contributivo essenzialmente basa il calcolo del trattamento pensionistico sull insieme dei contributi versati in tutta la vita lavorativa anziché sull importo degli stipendi come avviene con il metodo retributivo, condizione quest ultima più vantaggiosa Il sistema di calcolo contributivo si basa sul: 1. montante individuale che si ottiene sommando i contributi di ciascun anno ( rivalutati sulla base del tasso annuo di capitalizzazione derivante dalla variazione media quinquennale del PIL determinata dall'istat ) 2. coefficiente di trasformazione, che varia in funzione dell'età del lavoratore al momento della pensione ( Es. a 57 anni il coefficiente è 4,3040% ; a 65 anni il coefficiente 5,4350%) ( N.B. Il coefficiente di trasformazione cambia ogni tre anni e dal 2007 ogni due anni) L importo annuo della pensione si ottiene moltiplicando il montante per il coefficiente di trasformazione

18 Coefficienti di trasformazione applicati a decorrere dal 1 gennaio 2013 (Decreto del ministero del lavoro 15 maggio 2012 sulla revisione triennale dei coefficienti di trasformazione del montante contributivo). A decorrere dal 1 gennaio 2013 i divisori e i coefficienti di trasformazione, di cui alla tabella A dell Allegato 2 della legge 24 dicembre 2007 n. 247, sono stati rideterminati nella misura riportata nella tabella sottostante: Età Divisori Valori 57 23,236 4,304% 58 22,647 4,416% 59 22,053 4,535% 60 21,457 4,661% 61 20,852 4,796% 62 20,242 4,940% 63 19,629 5,094% 64 19,014 5,259% 65 18,398 5,435% 66 17,782 5,624% 67 17,163 5,826% 68 16,541 6,046% 69 15,917 6,283% 70 15,288 6,541% tasso di sconto = 1,5%

19 Il coefficiente di trasformazione decorre a partire dall età di 57 anni Il coefficiente di trasformazione è stabilito in relazione all età dell'assicurato alla data di decorrenza della pensione Per i trattamenti di pensione liquidati a soggetti di età inferiore a 57 anni (assegno di invalidità, pensione ai superstiti di assicurato) deve essere applicato il coefficiente di trasformazione previsto per i soggetti che abbiano compiuto i 57 anni. Le frazioni di anno rispetto all età dell' assicurato alla decorrenza della pensione, o alla data di morte, vengono calcolate tramite l incremento del coefficiente di trasformazione di tanti dodicesimi della differenza tra il coefficiente previsto per l età immediatamente superiore a quella dell'assicurato e il coefficiente previsto per l età inferiore Ai fini di cui sopra non si tiene conto delle frazioni di mese.

20 Sistema retributivo Per coloro che al 31 dicembre del 1995 avevano 18 anni di contributi accreditati sul suo conto assicurativo, siano essi obbligatori, volontari, figurativi, riscattati o ricongiunti ( compresi per esempio i riscatti degli anni di studio e militare, ricongiunzioni ) Il metodo retributivo si applica fino al 31/12/2011 ( compresi, maternità) si applica Sistema misto retributivo contributivo Per coloro che hanno iniziato l attività lavorativa prima del 1 gennaio 1996 ma non hanno 18 anni al 31 dicembre del 1995 si applica il sistema misto retributivo contributivo e cioè retributivo per il periodo antecedente al 1 gennaio 1996 e contributivo per quello a partire dal 1 gennaio 1996

21 Sistema retributivo L'importo della pensione con il sistema retributivo si compone di due quote: Quota A e Quota B che si basano su tre elementi: la retribuzione/reddito pensionabile; l'aliquota di rendimento l'anzianità contributiva; Quota A( periodo fino al 31/12/1992) La quota A è determinata per i dipendenti pubblici dal prodotto fra l ultima retribuzione annua base pensionabile in godimento alla cessazione ( mentre per i dipendenti privati la media degli ultimi 5 anni) e il coefficiente della tabella "A ( = aliquota di rendimento) allegata alla legge 965 del 1965 relativo agli anni e mesi di anzianità al 31/12/1992. Tale coefficiente ( Aliquota)varia da 0,23865 per 0 anni e 0 mesi, ad 1,00000 per 40 anni e 0 mesi Anni > 40 Aliquota 0, ,375 0,45 0,55 0,67 0,70 0,73 0,76 0,79 0,82 0,85 0,89 0,92 0,96 1,00 Esempio Medico con una retribuzione base al momento del pensionamento di e con 15 anni e 2mesi di anzianità al 31/12/1992. Si moltiplica x 0,37710 ( che corrisponde al coefficiente rapportato ai 15 anni e 2 mesi di anzianità conseguiti entro il 31/12/1992) e si ottiene che rappresenta la Quota A della pensione Aliquota di rendimento fino al 31/12/94 in base alla legge 965/1965

22 Quota B ( periodo dal 1/1/1993) La quota B è determinata sulla base della media delle retribuzioni degli ultimi 10 anni (debitamente rivalutate, comprensive di tutte le voci ), dell anzianità contributiva al 31 /12/2011 a partire dal 01/01/93 e dell aliquota di rendimento del 2% Dal 1/1/1995 l Aliquota di rendimento è del 2% costante per ogni anno di servizio, ( per i dipendenti pubblici così come già era già in precedenza per i dipendenti privati )con variazione in decremento in relazione alla fascia di reddito Retribuzione Aliquota annua Sino a ,00 2 % da ,00 a ,86 1,60 % da ,86 a ,72 1,35 % da ,72 a ,80 1,10 % Oltre ,80 0,90 % La riduzione delle aliquote per le pensioni Inps vanno in base alle Retribuzioni su esposte da 2 % a 1,50 % a 1,25 % a 1 % a 1 % N.B Dal 01/01/2012 contributivo per tutti, creando così una Quota C che va avanti oltre il 40 anni di servizio

23 LEGGE 965/ ALLEGATO "A" anni\mesi , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,46646

24 LEGGA 965/ ALLEGATO "A" anni\mesi , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,00000

25 Sistema misto Si applica a coloro che alla data del avevano maturato un anzianità contributiva inferiore ai 18 anni. Il sistema misto differisce da quello retributivo unicamente per le modalità di calcolo del trattamento di pensione La prestazione è determinata dalla somma: - della quota di pensione corrispondente alle anzianità acquisite anteriormente alla data del , calcolata secondo il preesistente sistema retributivo; - della quota di pensione corrispondente alle anzianità acquisite successivamente alla data del calcolata secondo il sistema contributivo.

26 Tasso di sostituzione Il tasso di sostituzione rappresenta la modalità in base alla quale si riesce a conoscere l ammontare della pensione rapportata al potere d acquisto e quindi all erosione dovuta all inflazione Si tratta di una proporzione tra la prima rendita pensionistica e l ultimo stipendio. Maggiore sarà il rapporto tra il primo fattore e il secondo e migliore sarà la pensione Se la prima rendita pensionistica è l 80% dell ultimo stipendio, essa sarà ovviamente migliore rispetto alla prima rendita pensionistica del 40% dell ultimo stipendio A livello di stima, possiamo ipotizzare che con il metodo retributivo il tasso di sostituzione poteva corrispondere all 80% dell ultima retribuzione in quanto permetteva di maturare un tasso di sostituzione del 2% annuo ( ad esempio dopo 35 anni di lavoro la pensione poteva corrispondere al 70% dell ultima retribuzione, mentre dopo 40 anni la pensione poteva corrispondere all 80% dell ultima retribuzione) Nel caso del contributivo l ipotesi è che ogni anno di lavoro corrisponda all 1% anziché il 2% e quindi con un anzianità di 40 anni si avrebbe una pensione corrispondente al 40% dell ultima retribuzione. Con l introduzione del contributivo per tutti dal 1 gennaio 2012 per coloro che rimangono al lavoro oltre il 40 esimo anno di contribuzione matura un tasso di sostituzione dell 1%, mentre prima per coloro che rimanevano in pensione oltre l anzianità massima non maturava alcun incremento pensionistico

27 Pensioni di vecchiaia Dipendenti Private DONNE dal 1 gennaio 2012 al 31 dicembre anni dal 1 gennaio 2013 al 31 dicembre anni e 3 mesi* dal 1 gennaio 2014 al 31 dicembre anni e 9 mesi* dal 1 gennaio 2016 al 31 dicembre anni e 3 mesi** dal 1 gennaio 2018 al 31 dicembre anni e 3 mesi** Dipendenti pubbliche DONNE Dipendenti pubblici e privati UOMINI dal 1 gennaio 2012 al 31 dicembre anni dal 1 gennaio 2013 al 31 dicembre anni e 3 mesi* dal 1 gennaio 2016 al 31 dicembre anni e 3 mesi** Requisito contributivo Il diritto alla pensione di vecchiaia si consegue esclusivamente in presenza di un anzianità contributiva minima pari a 20 anni.ai fini del raggiungimento di tale requisito è valutabile la contribuzione a qualsiasi titolo versata o accreditata in favore dell assicurato. N.B. Per i dipendenti pubblici ( Ex-INPDAP) ai quali il primo accredito contributivo decorre successivamente al 1 gennaio 1996, fermi restanti il limite anagrafico minimo pari a 66 anni e quello contributivo pari a 20, l accesso al pensionamento è condizionato altresì all importo della pensione che deve risultare non inferiore a 1,5 volte l importo dell assegno sociale, Quest ultimo requisito non è richiesto se il dipendente ha un età anagrafica di 70 anni ed un anzianità contributiva di 5 anni. N.B. Dal 2021 l età della pensione di vecchiaia per gli uomini e per le donne non potrà essere inferiore a 67 anni * Requisito adeguato alla speranza di vita per effetto del D.M. 6 dicembre2011, in attuazione dell art. 12 del decreto legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n **Requisito da adeguare alla speranza di vita ai sensi dell art. 12 del decreto legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122.

Pensioni. ENPAM INPS- Ex-INPDAP

Pensioni. ENPAM INPS- Ex-INPDAP Pensioni ENPAM INPS- Ex-INPDAP Pensione ENPAM ENPAM PENSIONI Pensione di vecchiaia e pensione di anzianità A partire dal 2013 l'età per la pensione di vecchiaia subirà un progressivo spostamento di sei

Dettagli

Le Pensioni dei medici e degli odontoiatri ENPAM INPS

Le Pensioni dei medici e degli odontoiatri ENPAM INPS Le Pensioni dei medici e degli odontoiatri ENPAM INPS INDICE Le Pensioni dei medici e degli odontoiatri Slide 3-4 ENPAM -Pensione di vecchiaia e pensione anticipata Slide 6-8 INPS -Pensione di vecchiaia

Dettagli

Le pensioni dei medici e degli odontoiatri. ENPAM INPS ( Ex- INPDAP)

Le pensioni dei medici e degli odontoiatri. ENPAM INPS ( Ex- INPDAP) Le pensioni dei medici e degli odontoiatri ENPAM INPS ( Ex- INPDAP) INDICE Le Pensioni dei medici e degli odontoiatri Slide 3-4 ENPAM -Pensione di vecchiaia e pensione anticipata Slide 6 ENPAM Rivalutazione

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

FONDI DI PREVIDENZA LE TABELLE PER IL CALCOLO DEI TRATTAMENTI CON DECORRENZA 2013

FONDI DI PREVIDENZA LE TABELLE PER IL CALCOLO DEI TRATTAMENTI CON DECORRENZA 2013 FONDI DI PREVIDENZA LE TABELLE PER IL CALCOLO DEI TRATTAMENTI CON DECORRENZA 2013 Alla fine del mese di gennaio arrivano come sempre i dati Istat sull inflazione registrata nell anno precedente e si può

Dettagli

FONDI DI PREVIDENZA LE TABELLE PER IL CALCOLO DEI TRATTAMENTI CON DECORRENZA 2014

FONDI DI PREVIDENZA LE TABELLE PER IL CALCOLO DEI TRATTAMENTI CON DECORRENZA 2014 FONDI DI PREVIDENZA LE TABELLE PER IL CALCOLO DEI TRATTAMENTI CON DECORRENZA 2014 Si rinnova anche per il 2014 il tradizionale appuntamento con le nuove tabelle per il calcolo dei trattamenti previdenziali

Dettagli

Il sistema previdenziale di categoria. Fondi di Previdenza ENPAM

Il sistema previdenziale di categoria. Fondi di Previdenza ENPAM Il sistema previdenziale di categoria Fondi di Previdenza ENPAM Obbligatorietà dei Fondi I Fondi di Previdenza ENPAM sono tutti ad iscrizione obbligatoria ed automatica: 1) FONDO DI PREVIDENZA GENERALE

Dettagli

" Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa "

 Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Monza Brianza " Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa " I redditi

Dettagli

COME SI CALCOLANO LE PENSIONI DEI LAVORATORI DIPENDENTI ISCRITTI ALL INPS

COME SI CALCOLANO LE PENSIONI DEI LAVORATORI DIPENDENTI ISCRITTI ALL INPS Numero 16 - corretto - Marzo 2011 COME SI CALCOLANO LE PENSIONI DEI LAVORATORI DIPENDENTI ISCRITTI ALL INPS Salvatore Martorelli 1 Sommario Premessa... 3 I sistemi di calcolo... 3 Calcolo della pensione

Dettagli

I sistemi previdenziali INPDAP ed ENPAM dopo le riforme

I sistemi previdenziali INPDAP ed ENPAM dopo le riforme I sistemi previdenziali INPDAP ed ENPAM dopo le riforme - quando si può andare in pensione - come si calcola la pensione 1 Tutele previdenziali per i medici attività libero professionale attività lavoro

Dettagli

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO IL SISTEMA CONTRIBUTIVO M I L A N O, 1 8 M A G G I O 2 0 1 3 D O T T. F I L I P P O B O N A N N I I N P S - D I R E Z I O N E C E N T R A L E P E N S I O N I 1 SISTEMA CONTRIBUTIVO Nell Ordinamento previdenziale

Dettagli

Speciale PENSIONI 1 PREMESSA 2 IL SISTEMA PREVIDENZIALE

Speciale PENSIONI 1 PREMESSA 2 IL SISTEMA PREVIDENZIALE Speciale PENSIONI 1 PREMESSA In ITALIA, il sistema pensionistico pubblico, è fondato sul principio della ripartizione e della solidarietà intergenerazionale: i contributi che i lavoratori e le aziende

Dettagli

Requisiti Ammontare del contributo

Requisiti Ammontare del contributo 1 Requisiti Rapporto professionale con il Servizio Sanitario Nazionale (o altri Istituti) in qualità di Medici di Medicina Generale, Pediatri di libera scelta ed addetti ai servizi di continuità assistenziale

Dettagli

Comitato dei Delegati

Comitato dei Delegati Comitato dei Delegati 9 settembre 2013 La necessità di una riforma del sistema previdenziale I provvedimenti adottati 1. Aumento dell'aliquota del soggettivo e del massimale sul reddito; 2. Aumento del

Dettagli

LE PENSIONI OBBLIGATORIE DEI DIPENDENTI PUBBLICI

LE PENSIONI OBBLIGATORIE DEI DIPENDENTI PUBBLICI I SEZIONE 1 LE PENSIONI OBBLIGATORIE DEI DIPENDENTI PUBBLICI La disciplina pensionistica: le principali norme 2 Dpr 1092/1973 - testo unico in materia di previdenza del personale civile e militare dello

Dettagli

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria www.logicaprevidenziale.it A Adeguamento della pensione: Rivalutazione annuale delle pensioni in essere in base all aumento del costo della

Dettagli

Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011. Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione

Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011. Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011 Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione Decreto Salva Italia: le novità in materia di pensione Gentile cliente, con la presente, desideriamo informarla

Dettagli

LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO

LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO D.L. 201/2011 Il D.L. 201/2011, convertito nella L. 214/2011 (nota come Riforma delle pensioni), ha modificato in modo radicale il sistema previdenziale

Dettagli

LE PENSIONI DOPO LA MANOVRA CORRETTIVA

LE PENSIONI DOPO LA MANOVRA CORRETTIVA dott. Marco Ansaldi e rag. Antonella Bolla CONSULENZA FISCALE E DEL LAVORO 08.08.2011 LE PENSIONI DOPO LA MANOVRA CORRETTIVA La Manovra Correttiva pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n.164 del 16 luglio

Dettagli

Comitato dei Delegati

Comitato dei Delegati Comitato dei Delegati 9 settembre 2013 La necessità di una riforma del sistema previdenziale I provvedimenti adottati 1. Aumento dell'aliquota del soggettivo e del massimale sul reddito; 2. Aumento del

Dettagli

Assicurazioni sociali - pensione i.v.s. - calcolo delle pensioni secondo il sistema contributivo

Assicurazioni sociali - pensione i.v.s. - calcolo delle pensioni secondo il sistema contributivo Circolare 14 settembre 1996 n. 180 INPS Assicurazioni sociali - pensione i.v.s. - calcolo delle pensioni secondo il sistema contributivo OGGETTO: Legge 8 agosto 1995, n.335. Calcolo delle pensioni secondo

Dettagli

Previdenza obbligatoria: conoscere per comprendere, comprendere per scegliere

Previdenza obbligatoria: conoscere per comprendere, comprendere per scegliere Previdenza obbligatoria: conoscere per comprendere, comprendere per scegliere Premessa La previdenza obbligatoria 2 Nel tempo numerosi sono stati i traguardi raggiunti nella direzione del miglioramento

Dettagli

RIFORMA DINI. Legge 08 agosto 1995 n. 335

RIFORMA DINI. Legge 08 agosto 1995 n. 335 RIFORMA DINI Legge 08 agosto 1995 n. 335 La legge 335/95 ha previsto tre distinti sistemi per la determinazione delle pensioni: Sistema contributivo per neoassunti dall 1 gennaio 1996 e per coloro che

Dettagli

Le nuove pensioni. Le novità della manovra Monti

Le nuove pensioni. Le novità della manovra Monti Le nuove pensioni Le novità della manovra Monti Premessa La riforma della previdenza è il primo tassello di una riforma più completa che riguarderà anche il mercato del lavoro e gli ammortizzatori sociali.

Dettagli

8. Il Fondo Speciale dei Medici di Medicina Generale

8. Il Fondo Speciale dei Medici di Medicina Generale 8. Il Fondo Speciale dei Medici di Medicina Generale 8.1. La composizione del Fondo Gli iscritti attivi al Fondo sono coloro che hanno un rapporto professionale con il Servizio Sanitario Nazionale (o altri

Dettagli

La riforma della previdenza della CNPR

La riforma della previdenza della CNPR La riforma della previdenza della CNPR La riforma del sistema previdenziale: le cause Il decreto c.d. "Salva Italia", convertito con legge n. 214 del 2011, ha imposto nuovi obiettivi di stabilità economico-finanziaria,

Dettagli

Totalizzazione-Ricongiunzione Totalizzazione retributiva

Totalizzazione-Ricongiunzione Totalizzazione retributiva Totalizzazione-Ricongiunzione Totalizzazione retributiva INPS- ex INPDAP ENPAM Vantaggi e svantaggi di una scelta difficile L attività lavorativa dei medici e degli odontoiatri dà luogo a rapporti giuridici

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS.

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. Roma, 12 febbraio 2009 Le pensioni nel 2009 Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE

Dettagli

LE PENSIONI IL SISTEMA PRIVIDENZIALE PRIMA E DOPO LA LEGGE 214/2011. Mologni Enzo

LE PENSIONI IL SISTEMA PRIVIDENZIALE PRIMA E DOPO LA LEGGE 214/2011. Mologni Enzo LE PENSIONI IL SISTEMA PRIVIDENZIALE PRIMA E DOPO LA LEGGE 214/2011 Il presente lavoro mette a confronto i requisiti di accesso alla pensione di Vecchiaia e alla pensione di Anzianità/Anticipata con le

Dettagli

Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011)

Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011) Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011) Interventi in materia previdenziale Napoli, 18 gennaio 2012 Legge n. 214 del 22.12.2011 La quota di pensione maturata

Dettagli

La Previdenza del Pediatra di libera scelta

La Previdenza del Pediatra di libera scelta ENTE NAZIONALE PREVIDENZA ED ASSISTENZA ENTE NAZIONALE MEDICI PREVIDENZA ED ODONTOIATRI ED ASSISTENZA DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI La Previdenza del Pediatra di libera scelta Pietro Fusilli Responsabile

Dettagli

LA PREVIDENZA PUBBLICA. Docente: Andrea Milesio

LA PREVIDENZA PUBBLICA. Docente: Andrea Milesio LA PREVIDENZA PUBBLICA Docente: Andrea Milesio Il contesto Il contesto Il contesto Per quanto tempo ancora sarà sostenibile questa situazione? La Previdenza Pubblica ante riforma Fornero 6 Il sistema

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Fondo di Previdenza Generale Requisiti Età inferiore a quella di

Dettagli

Cenni sulle pensioni.

Cenni sulle pensioni. Cenni sulle pensioni. Di seguito una sintesi della normativa in vigore dal 1 gennaio 2012 e dei requisiti dal 1 gennaio 2014. assistenza.previdenza@fisac.it 1 Pensioni dal 1 gennaio 2012 A partire dal

Dettagli

NUOVA RIFORMA PENSIONISTICA Istruzioni INPS

NUOVA RIFORMA PENSIONISTICA Istruzioni INPS NUOVA RIFORMA PENSIONISTICA Istruzioni INPS L' INPS ha fornito chiarimenti in merito alla nuova riforma pensionistica, introdotta con il cosiddetto decreto-legge salva Italia e modificata dal Milleproroghe,

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO Negli ultimi anni nel nostro Paese si sono susseguite varie riforme che già soddisfacevano le richieste dell'unione Europea di avere

Dettagli

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti Analisi degli Enti del decreto 509/1994 LA PENSIONE DELL AVVOCATO CASSA FORENSE Indice Considerazioni di carattere generale La contribuzione

Dettagli

Vademecum sulle pensioni

Vademecum sulle pensioni Vademecum sulle pensioni Dalla riforma Amato a quella Berlusconi A cura dei Cobas Comitati di base della scuola Sede Nazionale: V.le Manzoni 55, 00185 Roma tel.: 0670452452; fax: 0677206060. e-mail: mail@cobas-scuola.org

Dettagli

Come si va in pensione nel 2014...?

Come si va in pensione nel 2014...? Gennaio 2014 Come si va in pensione nel 2014...? A cura di G. Marcante Trattamenti di pensione di vecchiaia e di pensione anticipata Per i soggetti che matureranno i requisiti per il diritto a pensione

Dettagli

Salviamo la pensione: riscatti, aliquota modulare

Salviamo la pensione: riscatti, aliquota modulare Salviamo la pensione ENPAM: istruzioni per l'uso Salviamo la pensione: riscatti, aliquota modulare Salviamo la pensione ENPAM: istruzioni per l'uso Vi racconterò una storia... Salviamo la pensione ENPAM:

Dettagli

Fondo Generale ENPAM Quota A e Quota B pensione di vecchiaia (compiuta l età pensionabile) maturazione del diritto

Fondo Generale ENPAM Quota A e Quota B pensione di vecchiaia (compiuta l età pensionabile) maturazione del diritto Anche questo anno ho cercato, come per gli scorsi anni, di esporre ai Colleghi una sintesi delle possibili uscite nel 2015, in modo schematico e il più chiaro possibile. Spero di esservi riuscito. Ringrazio

Dettagli

Interventi di riordino Fondo di Previdenza Generale Quota A

Interventi di riordino Fondo di Previdenza Generale Quota A Interventi di riordino Fondo di Previdenza Generale Quota A 1. Innalzamento graduale dell età di vecchiaia: Fino al 31.12.2012 65 anni 65 anni e 2013 2014 2015 2016 2017 66 anni 66 anni e 67 anni 67 anni

Dettagli

LA MANOVRA SALVA ITALIA. Sintesi delle norme di riordino del sistema pensionistico

LA MANOVRA SALVA ITALIA. Sintesi delle norme di riordino del sistema pensionistico LA MANOVRA SALVA ITALIA Legge 214 del 22 dicembre 2011 (G.U. n. 300 del 27-12-2011 supplemento ordinario n. 276) Sintesi delle norme di riordino del sistema pensionistico Gennaio 2012 A cura di Vanna Giantin

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato Previdenza LE Pensioni Gli ultimi aggiornamenti sugli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato il tetto di retribuzione

Dettagli

Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it

Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it L' INPS pubblica un articolato messaggio per fornire chiarimenti in ordine alla applicazione dei principi contenuti nella riforma delle pensioni,

Dettagli

Le pensioni dei dipendenti pubblici: novità e prospettive

Le pensioni dei dipendenti pubblici: novità e prospettive Le pensioni dei dipendenti pubblici: novità e prospettive Le linee guida delle riforme Il sistema pensionistico pubblico, a ripartizione, subisce l influenza dei seguenti fenomeni: - variazione nel rapporto

Dettagli

Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di

Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di Le pensioni Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia,

Dettagli

COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI

COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI Gli ultimi eventi ai quali si sta assistendo, soprattutto a seguito della crisi economica e finanziaria

Dettagli

MEDICI - LE LORO PENSIONI

MEDICI - LE LORO PENSIONI MEDICI - LE LORO PENSIONI a cura di di Marco Perelli Ercolini Terminati gli esami del corso di laurea lo studente per diventare dottore in medicina e chirurgia deve conseguire la laurea discutendo la tesi,

Dettagli

by Salvatore Martorelli per Previdenza Flash Riscattare la laurea: conviene o non conviene? Salvatore Martorelli

by Salvatore Martorelli per Previdenza Flash Riscattare la laurea: conviene o non conviene? Salvatore Martorelli 1 Riscattare la laurea: conviene o non conviene Riscattare la laurea: conviene o non conviene? Salvatore Martorelli 2 Riscattare la laurea: conviene o non conviene RISCATTARE LA LAUREA:CONVIENE O NON CONVIENE?

Dettagli

MINIGUIDA PER UNA RAPIDA CONSULTAZIONE ALLA PENSIONE DEL FONDO GENERALE ENPAM. a cura di Marco Perelli Ercolini

MINIGUIDA PER UNA RAPIDA CONSULTAZIONE ALLA PENSIONE DEL FONDO GENERALE ENPAM. a cura di Marco Perelli Ercolini MINIGUIDA PER UNA RAPIDA CONSULTAZIONE ALLA PENSIONE DEL FONDO GENERALE ENPAM a cura di Marco Perelli Ercolini 2005 LA PREVIDENZA DEI MEDICI CON ATTIVITA PROFESSIONALE A RAPPORTO DI LAVORO IN DIPENDENZA

Dettagli

VADEMECUM SULLE PENSIONI

VADEMECUM SULLE PENSIONI VADEMECUM SULLE PENSIONI Si è cercato, con questo vademecum, di fornire alcune fondamentali informazioni ai lavoratori in merito alla materia pensionistica. Ovviamente non si sono potute affrontare tecnicamente

Dettagli

IL SISTEMA PENSIONISTICO

IL SISTEMA PENSIONISTICO IL SISTEMA PENSIONISTICO LA CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE : CONTRIBUZIONE, FONDO PENSIONE LAVORATORI DIPENDENTI IL SISTEMA PENSIONISTICO ITALIANO Il cardine della tutela previdenziale riguarda la soddisfazione

Dettagli

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue:

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue: Le pensioni nel 2007 Gli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps, con particolare riferimento al fondo pensioni lavoratori dipendenti Tetto di retribuzione pensionabile Il tetto

Dettagli

ENPAPI ENPAPI ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA

ENPAPI ENPAPI ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA LA PREVIDENZA OBBLIGATORIA TRE PILASTRI: PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO PREVIDENZA COMPLEMENTARE PREVIDENZA OBBLIGATORIA LA

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE

REGOLAMENTO DEL FONDO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE REGOLAMENTO DEL FONDO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE ALLEGATO B Testo in vigore Art. 1 Testo emendato Art. 1 Il Fondo di Previdenza a favore dei Medici di Medicina Generale, Pediatri di libera scelta,

Dettagli

intergenerazionale, con abbattimento dei privilegi e clausole derogative soltanto per le categorie più deboli;

intergenerazionale, con abbattimento dei privilegi e clausole derogative soltanto per le categorie più deboli; EDIZIONE 2012-2013 Presentazione La riforma della previdenza è uno dei più importanti interventi del Governo Monti per garantire il rispetto, degli impegni con l'unione Europea, in modo da accelerare il

Dettagli

Pensione lavoratori autonomi

Pensione lavoratori autonomi Pensione lavoratori autonomi SOGGETTI INTERESSATI: le speciali regole riguardanti i requisiti per il diritto alla pensione di vecchiaia e di anzianità dei lavoratori «autonomi» interessano le seguenti

Dettagli

La riforma delle pensioni

La riforma delle pensioni La riforma delle pensioni A partire dal 1 gennaio 2012, le anzianità contributive maturate dopo il 31 dicembre 2011 verranno calcolate per tutti i lavoratori con il sistema di calcolo contributivo. Il

Dettagli

Federazione Nazionale delle Associazioni di Quadri ed Alte Professionalità PENSIONI LE NOVITÀ

Federazione Nazionale delle Associazioni di Quadri ed Alte Professionalità PENSIONI LE NOVITÀ Federazione Nazionale delle Associazioni di Quadri ed Alte Professionalità PENSIONI LE NOVITÀ PENSIONI LE NOVITA Non è una novità, ma l obiettivo del governo è incassare più soldi con tutti i mezzi possibili.

Dettagli

La previdenza obbligatoria dei lavoratori dipendenti. Dott. Massimo Brisciani

La previdenza obbligatoria dei lavoratori dipendenti. Dott. Massimo Brisciani La previdenza obbligatoria dei lavoratori dipendenti Dott. Massimo Brisciani Requisiti di accesso alla pensione di vecchiaia art. 2 D.Lgs. 503/1992 Si acquisisce il diritto alla pensione al compimento

Dettagli

Il sistema pensionistico italiano e le sue caratteristiche

Il sistema pensionistico italiano e le sue caratteristiche 2 modulo Il sistema pensionistico italiano e le sue caratteristiche Riferimento bibliografico: capitolo 1 A cura di Luca Santamaria 1 I principali riferimenti della lezione I diversi sistemi pensionistici

Dettagli

INARCASSA: REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA IN PILLOLE

INARCASSA: REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA IN PILLOLE INARCASSA: REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA IN PILLOLE a cura di Massimiliano Piras Delegato Ingegneri per il Medio Campidano Premessa Nel dicembre 2011, il Governo Monti emanava il Decreto Salva Italia

Dettagli

Direzione Regionale Inpdap Sicilia Sede Inpdap di Catania. Le pensioni obbligatorie dei dipendenti pubblici

Direzione Regionale Inpdap Sicilia Sede Inpdap di Catania. Le pensioni obbligatorie dei dipendenti pubblici Direzione Regionale Inpdap Sicilia Sede Inpdap di Catania Giornata per il Futuro Seminario sulla previdenza obbligatoria e complementare: conoscere per comprendere, comprendere per decidere Le pensioni

Dettagli

Manovra Finanziaria 2010:

Manovra Finanziaria 2010: Manovra Finanziaria 2010: Confermati i tagli agli enti locali. Blocco degli stipendi per gli statali. Dal 2015 si alza l età per la pensione. Pensioni Dal 2015 i requisiti di età e la somma tra età e contributi

Dettagli

1. Il meccanismo di adeguamento alla speranza di vita

1. Il meccanismo di adeguamento alla speranza di vita 379 Contributi obbligatori Contributi da riscatto Contributi figurativi Contributi volontari Schema della contribuzione sono imposti dalla legge ai fini del diritto e della misura dei trattamenti pensionistici

Dettagli

MINIGUIDA PER UNA RAPIDA CONSULTAZIONE ALLA PENSIONE DEL FONDO GENERALE ENPAM. a cura di Marco Perelli Ercolini

MINIGUIDA PER UNA RAPIDA CONSULTAZIONE ALLA PENSIONE DEL FONDO GENERALE ENPAM. a cura di Marco Perelli Ercolini MINIGUIDA PER UNA RAPIDA CONSULTAZIONE ALLA PENSIONE DEL FONDO GENERALE ENPAM a cura di Marco Perelli Ercolini 2009 LA PREVIDENZA DEI MEDICI e DEGLI ODONTOIATRI CON ATTIVITA PROFESSIONALE A RAPPORTO DI

Dettagli

Il calcolo della pensione

Il calcolo della pensione Il calcolo della pensione Il criterio di calcolo della pensione varia a seconda dell'anzianità contributiva maturata dal lavoratore al 31 dicembre 1995. Viene adottato: Il sistema contributivo per i lavoratori

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA Prot. n VII 8 n 12643 del 16.05.2012 Circolare n 12 del 16.05.2012 Allegati n A A Tutti i Professori e ricercatori Tutto il personale tecnico amministrativo LORO SEDI OGGETTO: Circolare informativa in

Dettagli

Perchè la pensione? Dicembre 2012. Il Vicepresidente Arch. Giuseppe Santoro

Perchè la pensione? Dicembre 2012. Il Vicepresidente Arch. Giuseppe Santoro Perchè la pensione? Dicembre 2012 Il Vicepresidente Arch. Giuseppe Santoro Perché la pensione: Forse sarebbe sufficiente dire che il diritto alla pensione viene garantito dall'art. 38 della Costituzione

Dettagli

La Riforma Previdenziale Cosa cambia. Cosa cambia in breve R O M A, D I C E M B R E 2 0 1 2

La Riforma Previdenziale Cosa cambia. Cosa cambia in breve R O M A, D I C E M B R E 2 0 1 2 La Riforma Previdenziale Cosa cambia Cosa cambia in breve R O M A, D I C E M B R E 2 0 1 2 Indice I contributi soggettivo integrativo di solidarietà per i pensionati Le pensioni di Vecchiaia Unificata

Dettagli

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014.

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. Prot. SN-06 del 04/02/2014 Alla Cortese attenzione del Segretari provinciali Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. La riforma Fornero (legge n. 204 del 22.12.2011)

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

Prefettura RIMINI 10/03/2015. L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo

Prefettura RIMINI 10/03/2015. L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo Prefettura RIMINI 10/03/2015 L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo 1919 Nascita della tutela obbligatoria per i lavoratori dipendenti L Istituto

Dettagli

SALA CONVEGNI VEGGIOLETTA Banca di Piacenza via 1 maggio 37 - Piacenza. La previdenza del Medico e dell Odontoiatra

SALA CONVEGNI VEGGIOLETTA Banca di Piacenza via 1 maggio 37 - Piacenza. La previdenza del Medico e dell Odontoiatra SALA CONVEGNI VEGGIOLETTA Banca di Piacenza via 1 maggio 37 - Piacenza sabato 14 settembre 2013 La previdenza del Medico e dell Odontoiatra ieri, oggi, domani Un collegiale saluto a tutti i Colleghi presenti

Dettagli

Come sono cambiate le regole sulle pensioni

Come sono cambiate le regole sulle pensioni Foglio Informativo Anno 2012 - Numero 1 9 febbraio 2012 Newsletter per i soci Associazione Nazionale Seniores Enel Viale Regina Margherita, 125 00198 Roma - Tel. 0683057422 Fax 0683057440 http://www.anse-enel.it

Dettagli

I trattamenti pensionistici nel sistema previdenziale pubblico. ex INPDAP

I trattamenti pensionistici nel sistema previdenziale pubblico. ex INPDAP I trattamenti pensionistici nel sistema previdenziale pubblico ex INPDAP dicembre 2012 I SISTEMI PREVIDENZIALI Definizione Per Sistema Previdenziale intendiamo l'insieme delle regole che disciplinano il

Dettagli

RISCATTARE LA LAUREA:CONVIENE O NON CONVIENE?

RISCATTARE LA LAUREA:CONVIENE O NON CONVIENE? RISCATTARE LA LAUREA:CONVIENE O NON CONVIENE? La possibilità, per i lavoratori dipendenti ed autonomi, di riscattare, ai fini pensionistici, il periodo di studi universitari necessario al conseguimento

Dettagli

Il sistema di previdenza sociale: luci e ombre tra sostenibilità ed adeguatezza

Il sistema di previdenza sociale: luci e ombre tra sostenibilità ed adeguatezza X Congresso Nazionale Attuari L Attuario: una professione in evoluzione al servizio della società Il sistema di previdenza sociale: luci e ombre tra sostenibilità ed adeguatezza 5-7 giugno 2013 Roma -

Dettagli

U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M. LA RIFORMA PREVIDENZIALE FORNERO APPLICAZIONE ai LAVORATORI MARITTIMI

U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M. LA RIFORMA PREVIDENZIALE FORNERO APPLICAZIONE ai LAVORATORI MARITTIMI F E D E R M A N A G E R Via Ravenna 14-00161 ROMA U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M. UNIONE SINDACALE CAPITANI UNIONE NAZIONALE CAPITANI LUNGO CORSO AL COMANDO DIRETTORI di MACCHINA Segreteria Nazionale 16121

Dettagli

MODIFICHE AI REGOLAMENTI DEI FONDI DI PREVIDENZA ENPAM NOTA ILLUSTRATIVA

MODIFICHE AI REGOLAMENTI DEI FONDI DI PREVIDENZA ENPAM NOTA ILLUSTRATIVA DIPARTIMENTO DELLA PREVIDENZA Il Direttore MODIFICHE AI REGOLAMENTI DEI FONDI DI PREVIDENZA ENPAM NOTA ILLUSTRATIVA Come è noto, l art. 1, comma 763, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria

Dettagli

DIREZIONE PRESTAZIONI

DIREZIONE PRESTAZIONI DIREZIONE PRESTAZIONI Regolamento di disciplina del Regime Previdenziale (Deliberazione dell AdD del 27-28/11/2003) (D.I. 14 luglio 2004) La svolta del sistema previdenziale: come cambiano le prestazioni

Dettagli

Legge n. 214/2011, come modificata dalla legge n. 14/2012 Circolari INPS n. 35, 36 e 37 del 14.03.2012 Circolare Dip. Funz. Pubbl. n. 2 del 08.03.

Legge n. 214/2011, come modificata dalla legge n. 14/2012 Circolari INPS n. 35, 36 e 37 del 14.03.2012 Circolare Dip. Funz. Pubbl. n. 2 del 08.03. Legge n. 214/2011, come modificata dalla legge n. 14/2012 Circolari INPS n. 35, 36 e 37 del 14.03.2012 Circolare Dip. Funz. Pubbl. n. 2 del 08.03.2012 Nota congiunta CGIL e INCA a cura del Dipartimento

Dettagli

1. SOGGETTI CHE ACCEDONO A PENSIONE CON IL SISTEMA CONTRIBUTIVO

1. SOGGETTI CHE ACCEDONO A PENSIONE CON IL SISTEMA CONTRIBUTIVO ISTITUTO TUTELA ASSISTENZA COMMERCIO TURISMO E SERVIZI CONFESERCENTI 1. SOGGETTI CHE ACCEDONO A PENSIONE CON IL SISTEMA CONTRIBUTIVO (art. 1, comma 40, della legge n. 335 del 1995) Nei confronti dei soggetti

Dettagli

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Le schede di approfondimento della Federazione Confsal-Unsa A cura dell Avv. Pasquale Lattari n. 3 Introduzione Come noto, la c.d. Manovra Salva Italia ha modificato

Dettagli

Fondo Generale ENPAM Quota A e Quota B pensione di vecchiaia (compiuta l età pensionabile)

Fondo Generale ENPAM Quota A e Quota B pensione di vecchiaia (compiuta l età pensionabile) Anche questo anno grandi frecciate sulle pensioni con cambiamenti rilevanti per l accesso. Ho quindi cercato, come per gli scorsi anni, di esporre ai Colleghi una sintesi delle possibili uscite nel 2013,

Dettagli

La struttura del sistema previdenziale

La struttura del sistema previdenziale QUANDO ANDRÒ IN PENSIONE? QUANTI SOLDI PRENDERÒ? E IL MIO TFR? Il sistema previdenziale pubblico e complementare 1 La struttura del sistema previdenziale I pilastro: la previdenza pubblica II pilastro:

Dettagli

LE PREMESSE DELLA RIFORMA

LE PREMESSE DELLA RIFORMA LE PREMESSE DELLA RIFORMA Non sono state aumentate le aliquote contributive della Riforma 2008, sono stati tutelati i diritti maturati dagli iscritti ed è stata, al contempo, rivolta un attenzione particolare

Dettagli

Presente e futuro del sistema previdenziale italiano nel tempo dell incertezza

Presente e futuro del sistema previdenziale italiano nel tempo dell incertezza Presente e futuro del sistema previdenziale italiano nel tempo dell incertezza Pollenzo 20 Aprile 2012 Luca Valdameri Riferimenti normativi Riforma Amato (decreto legislativo 503/1992 e decreto legislativo

Dettagli

PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE ENPAM. Marzo 2003

PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE ENPAM. Marzo 2003 LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE Marzo 2003 ENPAM LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE ENPAM A cura della Direzione dei Servizi del Dipartimento della Previdenza Marzo 2003 I INDICE Contributi FONDO DI PREVIDENZA

Dettagli

BREVE VADEMECUM IN MATERIA DI - PREVIDENZA FORENSE -

BREVE VADEMECUM IN MATERIA DI - PREVIDENZA FORENSE - BREVE VADEMECUM IN MATERIA DI - PREVIDENZA FORENSE - Premessa La Previdenza Forense è materia complessa, che riguarda tutti gli Avvocati. Oggi è argomento di dibattito, spesso anche acceso, date le novità

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO DEGLI SPECIALISTI AMBULATORIALI

REGOLAMENTO DEL FONDO DEGLI SPECIALISTI AMBULATORIALI REGOLAMENTO DEL FONDO DEGLI SPECIALISTI AMBULATORIALI Testo in vigore Art. 1 Testo emendato Art. 1 Il Fondo di Previdenza a favore degli iscritti aventi rapporto professionale con gli Istituti del Servizio

Dettagli

Il traguardo della pensione si sposta in avanti per effetto di due interventi

Il traguardo della pensione si sposta in avanti per effetto di due interventi LE PENSIONI Nella manovra sui conti pubblici il pacchetto di misure introdotte dalla Legge n. 122/2010 in materia di pensioni si può considerare una vera e propria riforma, destinata ad imprimere una svolta

Dettagli

Le pensioni nel 2005

Le pensioni nel 2005 marzo 2005 Le pensioni nel 2005 TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Il tetto di retribuzione pensionabile per il calcolo delle pensioni con il sistema retributivo con decorrenza nell anno 2005 è stato definitivamente

Dettagli

SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE

SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE DIPARTIMENTO WELFARE Politiche Previdenziali SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE a cura di Maria Rita Gilardi Roma, 23 gennaio 2006 1 Articolo 1 Totalizzazione

Dettagli

Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti. Dott. Matteo Robustelli

Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti. Dott. Matteo Robustelli Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti SISTEMI PENSIONISTICI A RIPARTIZIONE I contributi lavoratore versati servono oggidal pagare oggile pensioni a essere

Dettagli