ELENCO DELLE AREE DI INSEGNAMENTO PER LAUREATI DI MATERIE NON MILITARI INCLUSE NEI CORSI IN PROGRAMMAZIONE PRESSO LA SCUOLA TLC FFAA DI CHIAVARI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ELENCO DELLE AREE DI INSEGNAMENTO PER LAUREATI DI MATERIE NON MILITARI INCLUSE NEI CORSI IN PROGRAMMAZIONE PRESSO LA SCUOLA TLC FFAA DI CHIAVARI"

Transcript

1 ELENCO DELLE AREE DI INSEGNAMENTO PER LAUREATI DI MATERIE NON MILITARI INCLUSE NEI CORSI IN PROGRAMMAZIONE PRESSO LA SCUOLA TLC FFAA DI CHIAVARI TRA L'01/01/2016 E IL 31/12/2016 AREA FORMATIVA / TIPOLOGIA DI CORSO (*) DENOMINAZIONE DEL CORSO / MATERIE DI INSEGNAMENTO (*) (**) DURATA IN PERIODI DIDATTICI (per sessione) Numero di sessioni presunte (***) TOTALE PERIODI MACRO AREA TLC TRANSPORT& NETWORKING COMUNICAZIONI SATELLITARI E SISTEMA SICRAL COMUNICAZIONI A BANDA LARGA TRASMISSIONE DATI VOICE OVER IP RETI MANET E SISTEMI SDR MPS MT-301-F PONTI RADIO Pagina 1 di 25

2 TELEMATICI ARMA DEI CARABINIERI Elettronica e Radioelettronica; Elettronica Digitale; Comunicazioni a Banda Larga; Radioelettronica 2 Allegato "A-l" all'avviso di Selezione n. 01/ Richiami di Matematica MASTER & CORSI UNIVERSITARI La propagazione in atmosfera terrestre Esempio di tratta in ponte radio MACRO AREA INFORMATICA REFERENTE INFORMATICO IT ADMINISTRATOR Hardware LAN e servizi di rete Uso esperto della rete Sistemi Operativi Sicurezza Informatica LINGUAGGI MYSQL -LINGUAGGIO SQL E GESTIONE DATABASE OPEN-SOURCE on line MACRO AREA E-LEARNING SOFTWARE & APPLICATIVI E-LEARNING PIATTAFORMA E-LEARNING MOODLE on line (*) Tratto dal Catalogo Corsi Scuola TLC FF AA anno 2016 (in fase di approvazione) - (**) Vedere pagg. successive PROGRAMMI degli argomenti/materie oggetto di trattazione - (***) In funzione delle esigenze formative ICT dell'amministrazione Difesa e delle relative coperture finanziarie per l'anno Pagina 2 di 25

3 PROGRAMMI DEI CORSI / MATERIE /ARGOMENTI PER LAUREATI CORSO: COMUNICAZIONI SATELLITARE E SISTEMA SICRAL PROGRAMMA Concetti generali sulle comunicazioni via satellite Tipologie di orbite satellitari Configurazione di un sistema di comunicazione via satellite Regolamenti delle radiocomunicazioni Meccanica orbitale Meccanica dell'orbita satellitare; Parametri Kepleriani Moto della Terra Controllo dell' assetto dell' orbita satellitare Perturbazioni dell'orbita satellitare Effetti del moto del satellite sulle radiocomunicazioni Generalità sulla comunicazioni satellitari Sottosistemi satellitari Effetti delle anomalie di propagazione sui radiocollegamenti via satellite Prestazioni e disponibilità di collegamenti via satellite Dimensionamento di collegamenti Terra-Satellite-Terra Tipologie di accesso multiplo: Tecniche di multiplazione Tecniche di accesso multiplo o FDMA; o TDMA: Standard Mil /183; o CDMA o DVB-RCS Tecniche di modulazione numerica Richiami sulle modulazioni numeriche Prestazioni di un sistema di modulazione numerica Elementi di modulazioni numeriche in ambito SATCOM; Degradazioni delle prestazioni dovute a distorsioni e interferenze Codifica di canale nei sistemi satellitari Caratteristiche generali dei codici per i controllo degli errori Codici a blocchi e convoluzionali Interleaving Prestazioni Descrizione sistemi satellitari "rigenerativi" Analisi del Link Budget dei sistemi rigenerativi Descrizione dei sistemi satellitari non rigenerativi // Pagina 3 di 25

4 CORSO: COMUNICAZIONI A BANDA LARGA PROGRAMMA la sicurezza delle comunicazioni Introduzione l'architettura di sicurezza X.800 attacchi Servizi Meccanismi sicurezza computazionale tecniche di comunicazione a spettro espanso Banda e bitrate Il codice di dispersione Codici pseudo casuali La funzione di autocorrelazione bilanciamento. consecutività. Generatore di codice pseudo casuale Direct Sequence Spread Spectrum (DS-SS). Guadagno di processo di un sistema DS-SS. DS-SS: acquisizione del sincronismo DS-SS: caratteristiche LPI e AJ DS-SS e accesso multiplo Frequency Hopping Guadagno di processo di un sistema FH-SS FH-SS: acquisizione del sincronismo FH-SS: caratteristiche LPI e AJ FH-SS e accesso multiplo Jamming Margin DS-SS e FH-SS: aspetti operativi Altre tecniche Spread Spectrum: Time Hopping e Chirp Time hopping(th-ss) Chirp codifica del segnale vocale codifiche basate su forma d'onda e codifiche parametriche. codifiche basate su forma d'onda. Pulse Code Modulation (PCM) Codifiche differenziali e predittive - DPCM Modulazione Delta (DM) e sue varianti Codifiche parametriche o model-based: La generazione del segnale vocale La predizione lineare; Il vocoder LPC-n Codificatori Analysis by Sinthesys (ABS) La codifica LTP-RPE Blocco LPC; LTP; RPE Trasmissione dei parametri e bitrate. Decodifica. Multiplazione TDM; standard di multiplazione di 1 livello, 2 livello, 3 e 4 livello PDH standard di multiplazione di 1 livello, 2 livello, 3 e 4 livello SDH Rete di trasporto ATM ATM e comunicazioni a larga banda ; Il protocollo B-ISDN; Caratteristiche di ATM Confronto ATM- TDM Servizi a larga banda in ATM La rete di comunicazioni ATM La pila protocollare dello standard ATM; Livello fisico; Livello ATM; Livello servizi; Il livello ATM: la cella ATM Interfacce del livello ATM; PUBLIC USER NETWORK INTERFACES (UNI); PRIVATE USER NETWORK INTERFACES (UNI); NETWORK-TO-NETWORK INTERFACES (NNI); PRIVATE-NETWORK NODE INTERFACES (PNNI) Gestione del traffico ATM: cell multiplexing Instradamento per circuiti virtuali: Virtual Path e Virtual Channel Connessioni e segnalazione Tipologie di traffico; CBR; VBR;UBR; ABR Quality of service in ATM Manutenzione e gestione al livello ATM ATM Adaptation Layer (AAL) ATM Testing codifica di canale Generalità. codici a blocco. tipologie di codici a blocco codice a ripetizione codice a Parità checksum e CRC Codici di Hamming e matrice generatrice. peso e distanza minima di un codice binario lineare Pagina 4 di 25

5 Codice di Golay. codice di Reed-Solomon. I codici convoluzionali. Decodifica a massima verosimiglianza. Capacità di rivelazione e correzione di un codice Codici con interallacciamento (Interleaving). II bit scrambling Modulazioni numeriche; ASK; PSK; FSK; QAM; Modulazione multi portante DMT Sistemi xdsl ADSL; HDSL;SDSL;VDSL Struttura della trama ADSL Ridondanza della trama ADSL Il DSLAM ( DSL Access Multiplexer) ADSL e ISDN Sistemi WiFi Standard IEE Standard IEE b ( WiFi) Standard IEE a ( WiFi 5) Standard IEE g Standard IEE WI MAX 3G LTE il sistema GSM L'evoluzione della telefonia mobile in Italia. Il GSM: tecniche di codifica audio. GSM: tecniche di codifica di canale Accesso al canale. La protezione delle informazioni // Pagina 5 di 25

6 CORSO: TRASMISSIONE DATI PROGRAMMA Tecniche di codifica Codifica di Sorgente,( Codifiche parametriche e non parametriche) Codifica di Linea (C. Codirezionale, C. AMI 50 e AMI 100, C. Differenziale bifase, C. HDB3) Codifica di Canale a rivelazione di errore ; CRC4 Codifica di canale a correzione di errore ( Codifiche Sistematiche, codifiche Convoluzionali) Fondamenti di trasmissione Dati Spettro elettromagnetico Mezzi trasmissivi guidati Generalità sulle reti dedicate e commutate Generalità sui tipi di collegamento ( Punto-Punto/ Punto-Multipunto) Generalità sui tipi di trasmissione ( Seriale, Asincrona, Sincrona) Concetto di rete; Reti a commutazione di circuito, di messaggio e di pacchetto; Generalità sulle LAN, MAN e WAN; Cenni su Internet ed Intranet. Tecniche di multiplazione Multiplazione statistica e deterministica FDM ( cenni) TDM ( Standard ITU-T gerarchia PDH Europea, Standard EUROCOM, Gerarchia SDH) CDM ( cenni) Implementazione di flussi PDH su reti ATM Implementazione di flussi SDH su reti ATM Generalità sui concentratori Protocolli di Comunicazione Protocollo Ethernet Protocolli di rete ( X.25, X.75, X.32) Protocolli IP/TCP/UDP Tecniche di Modulazione e Demodulazione Numeriche ASK FSK PSK ( 2PSK, QPSK, SQPSK, DQPSK) QAM Modulazioni Codificate a Traliccio TCM Modulazione OFDM Classificazione e normalizzazione dei Modem Modem in Banda Fonica Modem a Larga Banda Modem in Banda Base Standard di comunicazione ( ITU-T V21, V23, V26, V29, V32, V32bis, V34, V90) // Pagina 6 di 25

7 CORSO : VOICE OVER IP PROGRAMMA Trasferimento e commutazione delle informazioni, cenni sulle tipologie di segnalazione e di multiplazione. Rete di telecomunicazioni; concetti di multiplazione Standard EUROCOM e ITU-T. Protocollo ISDN, Lo stack TCP/IP Pila ISO/OSI (Cenni) nozioni di indirizzamento IP Le Prestazioni di un modo di trasferimento Grado di integrità informativa Grado di trasparenza temporal Efficienza di utilizzazione delle risorse Grado di flessibilità di accesso Termini di QoS su rete IP. Delay, Jitter, Loss Protocolli di trasporto su rete IP User Datagram Protocol (UDP) Transmission Control Protocol (TCP) Real Time Protocol (RTP) Real Time Control Protocol (RTCP) Network Address Translator (NAT) NAT Traversal; Analisi comparativa delle soluzioni di NAT Traversal (STUN, UDP/TCP HOLE PUNCHING, MEDIAPROXY RTP PROXY) Codifica Audio e Pacchettizzazione: G.711, G.723.1, G.726, G.728, G.729, GSM 6.10, ilbc, Speex Standard H.323 RAS, Q931, H245; H225 Gateway; Gatekeeper, Multipoint Control Unit; terminali H323 Esempio di segnalazione completa La Telefonia in evoluzione: sviluppo delle tecniche di voip, introduzione al voice gateway, definizioni e parametri essenziali per la implementazione di servizi real time. Protocollo di segnalazione SIP Messaggi di una comunicazione SIP SIP Express Router (SER) : Supporto MySql ENUM SIP Express Media Server (SEMS) : Applicazioni, Videoconferenze Elementi di una struttura VOIP Analisi delle tecnologie più rilevanti per il Voice over IP Tecnologie proprietarie e non proprietarie // Pagina 7 di 25

8 CORSO: RETI MANET E SISTEMI SDR PROGRAMMA RETI MANET 1. Reti Wireless ad hoc 2. Protocolli di accesso multiplo 3. Routing multi-hop 4. Sistemi di trasporto intelligenti e reti interveicolari (VANET) 5. Reti di Sensori Wireless 6. Protocolli nelle Wireless Sensor Network 7. Lo standard IEEE Le reti Manet come base di sistemi di "Data Fusion" 9. Algoritmi di stima e detection distribuita 10. Simulazione seriale e parallela di sistemi Manet SDR 1. Concetti introduttivi sulle" Universal Radio" 2. Antenne riconfigurabili per applicazioni SDR 3. Problematiche relative agli "ADCS OF SDR" 4. Vantaggi e utilità delle architetture SDR rispetto ai sistemi radio tradizionali; evoluzione di architetture, piattaforme radio, Sezione RF e conversione D / A Filtering, algoritmi di decimazione e di interpolazione, Elaborazione in banda, modulazione-demodulazione Forme d'onda a banda larga: OFDM) 5. Da SDR a Radio Cognitive (architetture); Spectrum sensing 6. Dalla Cognitive Radio alle Cognitive Networks" 7. Applicazione "NI USRP" Software Defined Radio 8. Esigenza operativa per la Software Defined Radio Nazionale 9. Requisiti tecnici di riferimento delle Forme d'onda: // Pagina 8 di 25

9 CORSO: MPS PROGRAMMA Rete di trasporto ATM ATM e comunicazioni a larga banda ; Il protocollo B-ISDN; Caratteristiche di ATM Confronto ATM-TDM Servizi a larga banda in ATM La rete di comunicazioni ATM La pila protocollare dello standard ATM; Livello fisico; Livello ATM; Livello servizi; Il livello ATM: la cella ATM Interfacce del livello ATM; PUBLIC USER NETWORK INTERFACES (UNI); PRIVATE USER NETWORK INTERFACES (UNI); NETWORK-TO-NETWORK INTERFACES (NNI); PRIVATE-NETWORK NODE INTERFACES (PNNI) Gestione del traffico ATM: cell multiplexing Instradamento per circuiti virtuali: Virtual Path e Virtual Channel Connessioni e segnalazione Tipologie di traffico; CBR; VBR;UBR; ABR Quality of service in ATM Manutenzione e gestione al livello ATM ATM Adaptation Layer (AAL) ATM Testing IP su ATM CLIP: architettura e protocolli Evoluzione dei backbone per il trasporto di IP VC Multiplexing Backbone IP/ATM: architettura // Pagina 9 di 25

10 CORSOMT-301-F PROGRAMMA Struttura della trama Delta.. Cenno sulla codifica Delta e sul concetto di multiplazione struttura della trama PCM. Cenno sulla codifica PCM e sul concetto di multiplazione codici di linea(codirezionale,differenziale bifase, HDB3, AMI ), Standard di multiplazione plesiocrona EUROCOM 1 liv Cenni sull'isdn ( interfaccia base a 144 Kb /s e interfaccia primaria a 2048 Kb/s). Cenni protocollo TCP-IP. descrizione dei livelli della pila ISO/OSI; Cenno alla struttura del pacchetto ethernet per informazioni dati o multimediali; indirizzamento: esempi di indirizzamento IP e subnettizzazione. Cenni sulla commutazione a circuito Cenno alla Matrice di commutazione e Segnalazione modalità di trasferimento: circuito virtuale datagramma. Cenni sulle LAN, MAN,WAN. // Pagina 10 di 25

11 CORSO PONTI RADIO PROGRAMMA Generalità sulla struttura di un collegamento in Ponte Radio Modulazioni adottate nei Ponti radio numerici ( FSK, PSK TCM) commento schema a blocchi generico di un ponte radio (B.B.- F.I.- R.F.): multiplazione, scramble dei dati, interliving dei dati, filtro trasversale; modulazione e amplificazione selettiva; amplificatori di potenza e brancing. influenza dell'amplificatore di potenza sul parametro S/(N+I). Canale di propagazione Visibilità e zone di FRESNEL Esempi di tratte in visibilità con primo elissoide di FRESNEL libero o con ostacolo a coltello. calcolo del link-budget di una tratta in ponte radio. Esempi di tratte delle Rete Numerica Interforze. Modelli del canale a cammini multipli Contromisure ed equazione del collegamento Regioni di FUORI SERVIZIO per distorsione di un segnale. Cenno alla normativa G826. Codifica di linea Cenni sulle tecniche in diversità di spazio e di frequenza. Misure e verifiche funzionali con la strumentazione in dotazione sulla operatività dell'apparato. // Pagina 11 di 25

12 CORSO: TELEMATICI ARMA DEI CARABINIERI PROGRAMMA Elettronica e Radioelettronica a. Generatori di F.E.M. (1) concetto; (2) descrizione circuitale e funzionale. b. Onde acustiche ed elettromagnetiche (1) concetto; (2) descrizione e caratteristiche (3) utilizzo e sviluppo. c. Elettromagnetismo. (1) concetti generali; (2) descrizione dei fenomeni; (3) applicazioni utilizzo e sviluppo. d. La capacità elettrica. (1) concetti generali; (2) descrizione tecnologica e funzionale; (3) applicazioni e utilizzo e sviluppo. e. La legge di Ohm generalizzata. (1) richiami sulla legge di OHM e sue applicazioni; (2) concetti generali; (3) applicazioni circuitali. f. Principi di Kirchoff (1) concetti generali (2) applicazioni e sviluppi circuitali. g. Principio delle sovrapposizioni degli effetti (1) concetti generali (2) applicazioni e sviluppi circuitali. h. Generatori di corrente e di tensione (1) concetti generali (2) applicazioni e sviluppi circuitali. (3) differenze, comparazioni e uso tra i generatori. i. Teorema di Thevenin (1) concetti generali (2) applicazioni e sviluppi circuitali. j. Circuiti in corrente alternata: (1) grandezze sinusoidali; (2) rappresentazione vettoriale e simbolica; (3) i bipoli; (4) circuito elettrico con bipoli serie e parallelo; (5) cenni sulle curve di risonanza; (6) risoluzione delle reti; (7) potenza nei circuiti; (8) il trasformatore; Pagina 12 di 25

13 (9) gli accumulatori. k. I quadripoli (1) Quadripoli e modelli; (2) Definizione di base sui quadripoli e loro classificazione (parametri Z, Y,e trasmissione); (3) Impedenza d'ingresso e d'uscita di un quadripolo; (4) Guadagno in tensione e in corrente di un quadripolo; (5) I decibel (6) Guadagno di Potenza; (7) Approfondimento: Rumore nei quadripoli attivi l. I fenomeni transitori (risposta nel dominio del tempo): Analisi qualitativa di: carica e scarica di un condensatore; (1) carica e scarica di un induttore; (2) circuiti a resistenza e capacità di impiego comune(circuiti CR ed RC); (3) fenomeni transitori nei circuiti R -L; m.. I Filtri passivi (1) Risposta in frequenza di un quadripolo; (2) Circuiti R-C e C-R (filtro passa basso e filtro passa alto) filtri R -L ed L-R (3) Filtri C -L e L-C; (4) Filtri passa banda ed elimina banda (5) Caratteristiche dei filtri (6) Altre tipologie di filtro n. Teoria dei semiconduttori giunzione P-N: (1) Semiconduttori, caratteristiche chimico-fisiche; (2) Purificazione dei semiconduttori per uso elettronico; (3) Semiconduttori intrinseci; (4) Semiconduttori drogati di tipo P e di tipo N; (5) Tecniche di formazione della giunzione; (6) caratteristiche e descrizione del comportamento delle giunzioni; o. Diodi a semiconduttore. (1) Il diodo a giunzione; (2) Caratteristiche di un diodo a giunzione; (3) Il punto di lavoro del diodo: (4) la potenza dissipata dal diodo; (5) considerazioni pratiche sul diodo; (6) Il diodo zener; (7) Il diodo varicap; (8) Il diodo led; (9) Utilizzo di un diodo come limitatore, raddrizzatore di picco, fissatore (clamper) (10) Duplicatore di tensione; (11) Altre applicazioni del diodo. p. Alimentatori a diodi: (1) Raddrizzatore a doppia semionda; (2) Raddrizzatore a ponte di Greatz; (3) Generalità sugli alimentatori (alimentatori switching, convertitori DC/DC); (4) studio quantitativo dell'alimentatore a doppia semionda e ingresso capacitivo; (5) stabilizzatori a diodo zener; (6) studio dei parametri di un alimentatore (potenza, rendimento differenze tra le varie tipologie costruttive); (7) Criterio di progetto di un alimentatore. Pagina 13 di 25

14 q. Componenti a semiconduttore (1) diodi per usi speciali; (2) led; (3) SCR, TRIAC, DIAC. (4) Circuiti integrati ; (5) CCD (dispositivi a scorrimento di carica). r. Il transistor bipolare BJT: (1) Generalità di un transistor bipolare ; (2) Principio di funziona mento (le correnti nel BJT); (3) Equazioni fondamentali di un transistor; (4) Curve caratteristiche di trasferimento; (5) Circuito con transistor, studio grafico funzionamento in statica; (6) Transistor BJT come amplificatore ed interruttore (tempi di commutazione); (7) Potenza dissipata da un transistor nelle varie configurazioni di utilizzo; (8) Lettura di un data-sheet di un transistor. s. Amplificatori per piccoli segnali. Polarizzazione e stabilizzazione (1) Il transistor come amplificatore; (2) Principali caratteristiche dell'amplificatore e classi di amplificazione; (3) Usi ed applicazione degli amplificatori; (4) Amplificatore differenziale. t. Circuiti applicativi a transistors (1) Emitter follower; (2) Connessione darlington; (3) Invertitore di fase; u. Il transistor ad effetto di campo JFET e MOS (1) generalità di un transistor ad effetto di campo; (2) usi ed applicazione di transistor ad effetto di campo Elettronica Digitale Aritmetica binaria; Operazioni binarie; Porte Logiche; Algebra di Boole; Mappa di Karnaugh; Classificazione dei circuiti integrati Vari tipi di flip flop. Contatori e divisori. Registri a scorrimenti. Sommatori. Comparatori. ALU. Multiplexer. Decoder ed encoder. Memorie. Comunicazioni a banda larga; Tecniche di conversione dei segnali analogici; PCM-Delta-codifiche parametriche Multiplazione TDM; gerarchie PDH Tecnologia SDH: Architettura di multiplazione, struttura della trama, contenitori virtuali, mappatura overhead e payload Pagina 14 di 25

15 Analisi di maschere di segnali in Banda Base con velocità 2/8/34 Mbps (plesiocroni) utilizzando oscilloscopio digitale Agilent Esempi di apparati e reti SDH Modo di trasferimento asincrono ATM Il livello fisico in ATM, concetto di VP/VC, PVC, SVC Switch ATM e cross connect ATM I livelli di adattamento ATM: AAL Qualità del servizio in ATM Trasporto di flussi IP su ATM Trasporto di celle ATM su un VC-4 SDH Struttura dei sistemi di trasmissione su fibra ottica Struttura delle reti WDM cenni di MPLS Codifiche di sorgente, codifica di linea, codifica di canale (FEC) Decodifica Hard e Soft La modulazione OFDM, trasmissioni radio a banda larga, il multipath. Applicazioni:ADSL, WI FI, WI MAX, 3G, LTE. Radioelettronica 2 a. Risposta in frequenza degli amplificatori generalità; concetto di banda passante; concetto di guadagno; Frequenza di taglio e banda passante di un amplificatore; Gli amplificatori operazionali, applicazioni e generalità; Lettura dei data sheet degli amplificatori operazionali; Le classi di amplificazione degli amplificatori; Gli amplificatori operazionali e le principali applicazioni. b. Acquisizione e processo di segnali: Trasduttori conversione delle grandezze fisiche; Conversione Analogico Digitale /Digitale Analogica; c. Tecniche di Modulazione analogica: A) La modulazione di ampiezza Generalità sulla modulazione; Teoria della modulazione di ampiezza; Generazione della modulazione ed utilità; Trasmissione a portante soppressa e trasmessa; Trasmissione a banda laterale unica. B) La demodulazione di ampiezza Generalità sulla rivelazione; Teoria sulla rivelazione; rivelazione per onda modulata a portante soppressa e trasmessa. C) La modulazione di fase e frequenza Generalità sulla modulazione; Il legame tra la fase e frequenza; Metodo di realizzazione della modulazione di frequenza e Modulatore di frequenza; D) La demodulazione di fase e frequenza I discriminatori più utilizzati per la realizzazione della demodulazione di frequenza. d. Sistemi Di Trasmissione Analogici A) Radioricevitore e trasmettitore a modulazione di ampiezza a portante trasmessa e soppressa: Generalità e schema a blocchi di un ricevitore ed un trasmettitore; Concetto di eterodina e supereterodina; Descrizione dei blocchi che costituiscono un radioricevitore ed un trasmettitore. B) Radioricevitore e trasmettitore a modulazione di frequenza : Generalità e schema a blocchi di un ricevitore ed un trasmettitore; Descrizione dei blocchi che costituiscono un radioricevitore ed un trasmettitore. e. Rumore E Distorsione Nelle Modulazioni Analogiche Rumori di origine terrestre e di origine esterna; Rumore termico; Rumore prodotto dai circuiti elettrici; Comparazioni e considerazioni fra la ricezione in AM e in FM. f. Il PLL (anello ad aggancio di fase) circuiti collegati; Introduzione al PLL Il PLL in condizioni statiche; Il PLL in regime sinusoidale g. Tecniche di modulazione dei segnali digitali A) La modulazione digitale Generalità: cenni sulle codifiche in banda base; Cenni: Tipologie si codifiche di canale (per la compressione la correzione d'errore); Pagina 15 di 25

16 Cenni:Tipologie di codifica di linea in banda base e traslata Codici di linea: modulazione con portante sinusoidale: ASK; FSK ; PSK ; DPSK; QAM; Applicazioni e sviluppi //. Pagina 16 di 25

17 CORSO REFERENTE INFORMATICO PROGRAMMA HARDWARE DEL PC Introduzione al PC La scheda madre Il BIOS Il processore La memoria Bus di comunicazione Risorse di sistema Interfacce Memoria di massa Visualizzazione Stampanti Hardware di rete L'alimentazione del sistema Installazione di nuovo hardware Diagnosi e risoluzione dei problemi Tendenze del futuro SISTEMI OPERATIVI SO Fondamenti Installazione del SO Il processo di avvio Organizzazione del SO Usare, configurare, aggiornare il SO Gestione del disco Ottimizzare le prestazioni del disco Gestione della memoria Installazione e aggiornamento di nuovo hardware e software Comunicazione Verificare le prestazioni e monitorare gli eventi Diagnosi e risoluzione dei problemi LAN E SERVIZI DI RETE Reti: fondamenti Componenti e architetture di rete Software di rete: installazione e configurazione Installazione e configurazione della scheda di rete Protocolli di comunicazione Gestione account: utenti e gruppi Condivisione di risorse e gestione autorizzazioni Gestione stampanti di rete Sicurezza e protezione dati nella rete Utilità e strumenti di amministrazione di rete Servizi Internet Connettività con Internet Configurazione e aggiornamento della rete Diagnosi e risoluzione dei problemi Pagina 17 di 25

18 USO ESPERTO DELLE RETI Reti informatiche: introduzione storica Modello di riferimento OSI Livello fisico Livello di collegamento dati Livello di rete Livello di trasporto Livello di sessione Livello presentazione Applicazioni: o TELNET e FTP o Risorse sul Web o Posta Elettronica o Applicazioni di gruppo o Controllo di accesso e condivisione o Applicazioni innovative o Controllo di rete Configurazione di basso livello: o Connettere un computer ad una rete o Installazione di una scheda di rete o Driver di periferiche o Configurazione IP o Configurazione Netbios, NETBEUI,SMB e CIFS Utilizzo e configurazione dei servizi di rete: o Impostazione di un web browser o Impostazioni e utilizzo avanzato o Utilizzo FTP o Condivisione di risorse Risoluzione dei problemi & analisi del traffico di rete Aspetti legali e Cenni sulla sicurezza SICUREZZA INFORMATICA Introduzione alla sicurezza delle informazioni Crittografia Autenticazione e controllo degli accessi Disponibilità dei dati e delle risorse Codice maligno Infrastrutture a chiavi pubbliche (PKI) Network security: o Reti wireless o Servizi o Controllo degli accessi o Gestione dei log o Sicurezza dei servizi Web o Sicurezza dei servizi di posta elettronica o Firewalls o Intrusion detection Virtual private network Aspetti sociali, etici e legali della sicurezza informatica // Pagina 18 di 25

19 CORSO: MASTER UNIVERSITARIO DI FOTONICA PROGRAMMA TECNICHE MATEMATICHE Richiami di Analisi Reale Funzioni Trigonometriche; proprietà e formule fondamentali Derivate di funzioni trigonometriche Integrali indefiniti e definiti di funzioni trigonometriche Funzioni periodiche Funzioni pari e dispari Funzioni a due variabili: derivate parziali, differenziabilità Richiami di analisi complessa Rappresentazione dei numeri complessi Funzioni trigonometriche complesse Funzioni complesse Continuità, derivabilità, olomorfia Condizioni di Cauchy-Reimann, armonicità Singolarità Dominio e ordine di connessione Teorema e formule di Cauchy Concetto di residuo. Teorema dei Residui Calcolo pratico dei residui Distribuzioni ( cenni) Concetto generale Limite e derivata in senso distribuzionale La funzione a gradino U(t) La funzione Rect(t) La funzione di Dirac 6(t) Prodotto di convoluzione; significato e proprietà Segnali periodici a tempo continuo Analisi armonica dei segnali periodici Sviluppo in serie di Fourier in forma polare Sviluppo in serie di Fourier in forma complessa Sviluppo in serie di Fourier in forma rettangolare Il criterio di Dirichlet Spettri di ampiezza e di fase Proprietà dello spettro di un segnale reale periodico Sintesi di un segnale con un numero limitato di armoniche Segnali aperiodici a tempo continuo Dalla serie di Fourier all'integrale di Fourier Proprietà della trasformata di Fourier Teoremi sulla trasformata di Fourier Teorema di linearità Teorema di dualità Teorema del ritardo Teorema del cambiamento di scala teorema della modulazione Teorema di derivazione e integrazione Teorema del prodotto Teorema della convoluzione Trasformata di Fourier di funzioni pari e dispari Trasformata del prodotto di convoluzione Trasformata di Laplace ( unilatera e bilatera) Definizione, dominio di convergenza Proprietà della trasformata Trasformata del gradino u(t), della funzione rect(t) della delta di Dirac. Trasformata del prodotto di convoluzione Legame tra la trasformata di Fourier e la trasformata di Laplace Proprietà del valore finale e iniziale Modalità operative per il calcolo dell'antitrasformata di Laplace Trasformata Zeta Definizioni - segnali a tempo discreto- dominio di convergenza Proprietà della Trasformata Zeta Z-Trasformate fondamentali Metodi di antitrasformazione Pagina 19 di 25

20 Segnali discreti a tempo finito e infinito Poli della trasformata Zeta e durata nel tempo // CORSO: MASTER CORSI UNIVERSITARI PROGRAMMA PONTI RADIO TATTICI E CAMPALI La propagazione in atmosfera terrestre Effetti della SUPERFICIE TERRESTRE Effetti dell'atmosfera Effetti della IONOSFERA Esempio di tratta in ponte radio Assorbimento; Modello di previsione ITU-R Rifrazione atmosferica; cammini multipli Diffrazione // Pagina 20 di 25

21 Corso MYSQL - LINGUAGGIO SQL E GESTIONE DATABASE OPEN-SOURCE Introduzione ai RDBMS: o Il modello relazionale o La teoria o Introduzione a MYSQL e la famiglia dei prodotti Download e installazione di MYSQL: o Il sito di MYSQL o MYSQL per Windows o MYSQL per Linux Amministrazione di MYSQL su S.O. Linux o Avvio e arresto dei servizi o Configurazione di base o Modifica della configurazione o Troubleshooting Amministrazione di MYSQL su S.O. Windows: o Avvio e arresto dei servizi o Configurazione di base o Modifica della configurazione o Troubleshooting Il client MYSQL: o Configurazione e gestione dei processi client Gestione degli utenti e sicurezza: o Funzionamento dell'access Control System di MYSQL o La tabella degli utenti o La tabella dei database o La tabella degli host o Gestione dei privilegi degli utenti o Gestione della password dell'amministratore Tipi di Tabelle: o Comprendere la differenza tra i diversi Storage Engine: MYISAM INNODB Archive Federated Memory ecc Tipi di dati: o Tipi di dati numerici o Tipi di dati caratteri e stringhe o Tipi di dati text e binario o Tipi di dati date and time Creazione e gestione di database: o Creazione e gestione di database da linea di comando o Creazione e gestione di database con il tool PHPMYADMIN Creazione e gestione di tabelle: o Tabelle, campi e record o Concetti di chiave primaria e foreign key o Creazione, modifica ed eliminazione di tabelle Interrogazioni del database: o Le query o Il comando SELECT o Le clausole opzionali : DISTINCT e GROUP BY Ordinamenti: o Come ordinare il risultato delle query Operatori e funzioni: o Operatori di confronto o Operatori aritmetici o Operatori logici o Altri operatori Inserimento, modifica e cancellazione dei dati: o L'istruzioni INSERT o L'istruzioni UPDATE o L'istruzione DELETE Le operazioni di JOIN tra tabelle: o I diversi tipi di JOIN o CROSS JOIN o INNER JOIN o OUTER JOIN Le subquery: o La nidificazione delle subquery o Utilizzo delle subquery che restituiscono più valori o Utilizzo delle subquery che restituiscono più colonne Pagina 21 di 25

22 Le viste: o Creazione, modifica ed eliminazione delle viste o Opzioni di creazione delle viste: WITH CHECK OPTION e CASCADED Gli indici: o Indicizzare i dati o Le varie tipologie di indici o Utilizzo degli indici Gestione di function, procedure e trigger: o Utilizzo delle stored function o Utilizzo delle stored procedure o Utilizzo dei trigger Il concetto di transazioni e lock: o MYSQL e le transazioni o SAVEPOINT o Controllo delle transazioni e dei lock Backup e Recovery: o Backup dei database e delle tabelle o Restore dei database e delle tabelle Manutenzione del database: o Comandi per la manutenzione del database Pagina 22 di 25

PIANO DI LAVORO DEI DOCENTI

PIANO DI LAVORO DEI DOCENTI Pag. 1 di 6 Docente: Materia insegnamento: Telecomunicazioni Dipartimento: Elettronica Classe Anno scolastico: 1 Livello di partenza (test di ingresso, livelli rilevati) Verifica formativa attuata nel

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE 14 MAGGIO 2014

COORDINAMENTO PER MATERIE 14 MAGGIO 2014 Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE 14 MAGGIO 2014 AREA DISCIPLINARE MATERIA Telecomunicazioni COORDINATORE B. Favaro Sono presenti i proff. Favaro, Maisto I docenti appartenenti al gruppo disciplinare,

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE DI BARONISSI IND. TECNICO INDUSTRIALE INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI. Programmazione A. S. 2012-2013 ELETTRONICA

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE DI BARONISSI IND. TECNICO INDUSTRIALE INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI. Programmazione A. S. 2012-2013 ELETTRONICA Classi quarte 1. Reti elettriche in a. c. Periodo: settembre/ottobre novembre/dicembre ore 60 1. La funzione sinusoidale. 2. Rappresentazione vettoriale della grandezze sinusoidali. 3. I componenti passivi

Dettagli

Articolazione Elettronica. Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Elettronica. Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^

Articolazione Elettronica. Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Elettronica. Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^ Articolazione Elettronica Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Elettronica Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^ Elettrotecnica Tipologie di Segnali Unità di misura delle grandezze

Dettagli

Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Automazione. Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^

Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Automazione. Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^ Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Automazione Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^ Elettrotecnica Tipologie di segnali Unità di misura delle grandezze elettriche Simbologia

Dettagli

PASCAL PIANO DI LAVORO. Piano di Lavoro Annuale del Docente. Anno Scolastico 2012/2013. Classe TERZA sez A - Informatica. Disciplina TELECOMUNICAZIONI

PASCAL PIANO DI LAVORO. Piano di Lavoro Annuale del Docente. Anno Scolastico 2012/2013. Classe TERZA sez A - Informatica. Disciplina TELECOMUNICAZIONI Pag. 1 di 5 Piano di Lavoro Annuale del Docente Anno Scolastico 2012/2013 Classe TERZA sez A - Informatica Disciplina TELECOMUNICAZIONI Docente GIANNI MARINUCCI Data di presentazione 12 ottobre 2012 Pag.

Dettagli

Programmazione modulare a. s. 2014-2015

Programmazione modulare a. s. 2014-2015 Programmazione modulare a. s. 201-2015 Indirizzo:Informatica Disciplina : Telecomunicazioni Classe: A B Informatica Ore settimanali previste:3 (di cui 2 di laboratorio) Libro di testo: TELECOMUNICAZIONI-Ambrosini,

Dettagli

Conoscere la terminologia di base attraverso la presentazione delle principali componenti hardware di un computer.

Conoscere la terminologia di base attraverso la presentazione delle principali componenti hardware di un computer. Classe 3^ Istituto Istruzione Superiore di Baronissi ind. tecnico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI Sistemi e Reti Articolazione: Informatica Anno scolastico 2012-2013 MODULI CONTENUTI OBIETTIVI METODOLOGIE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI SISTEMI Indirizzo: Informatica Progetto Abacus Anno scolastico 2013-2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI SISTEMI Indirizzo: Informatica Progetto Abacus Anno scolastico 2013-2014 Classe 5^ PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI SISTEMI Indirizzo: Informatica Progetto Abacus Anno scolastico 2013-2014 MODULI CONTENUTI OBIETTIVI METODOLOGIE DI LAVORO I primi elementi sulle reti e i mezzi di

Dettagli

Ambiente di apprendimento

Ambiente di apprendimento ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA MAIO LINO, PALUMBO GAETANO 3EET Settembre novembre Saper risolvere un circuito elettrico in corrente continua, e saperne valutare i risultati. Saper applicare i teoremi dell

Dettagli

CORSO ELETTRONICA-TELECOMUNICAZIONI PIANO DI LAVORO PREVENTIVO MATERIA: TELECOMUNICAZIONI ANNO SCOLASTICO 2009/2010. (3 ore settimanali)

CORSO ELETTRONICA-TELECOMUNICAZIONI PIANO DI LAVORO PREVENTIVO MATERIA: TELECOMUNICAZIONI ANNO SCOLASTICO 2009/2010. (3 ore settimanali) Istituto Tecnico Industriale Statale G. Marconi Via Milano, 1-56025 Pontedera (Pisa) Tel. 0587 / 53566-55390 Fax 0587/57411 : iti@marconipontedera.it - WEB: www.marconipontedera.it cod. fisc. 81002020501

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI MODI DI TRASFERIMENTO SERVIZI DI TRASFERIMENTO DELL INFORMAZIONE L informazione da trasferire si ipotizza strutturata in IU Costituita da b bit Da consegnare in t secondi Se

Dettagli

Indice. Indice V INTRODUZIONE... XIII PARTE PRIMA... 1

Indice. Indice V INTRODUZIONE... XIII PARTE PRIMA... 1 Indice V Indice INTRODUZIONE................................................ XIII PARTE PRIMA...................................................... 1 1 Il business delle reti di computer.........................................

Dettagli

SOMMARIO PRESENTAZIONE DELL EDIZIONE ITALIANA CAPITOLO 1 INTRODUZIONE 1

SOMMARIO PRESENTAZIONE DELL EDIZIONE ITALIANA CAPITOLO 1 INTRODUZIONE 1 SOMMARIO PRESENTAZIONE DELL EDIZIONE ITALIANA PREFAZIONE xv xvii CAPITOLO 1 INTRODUZIONE 1 1-1 Cenni storici 3 1-2 Sorgenti d informazione; sistemi digitali e analogici 4 1-3 Segnali determinati e aleatori

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

NETWORKING: SEMINARIO DI STUDIO 1

NETWORKING: SEMINARIO DI STUDIO 1 NETWORKING: SEMINARIO DI STUDIO 1 Obiettivi: 1. Fornire una panoramica sulle reti di calcolatori, tecnologie, potenzialità, limiti, servizi, internet. 2. Fornire una panoramica sulle capacità di base per

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di Calcolatori Claudio Marrocco Componenti delle reti Una qualunque forma di comunicazione avviene: a livello hardware tramite un mezzo fisico che

Dettagli

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti Locali Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti di Calcolatori una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi

Dettagli

Introduzione alle reti di calcolatori

Introduzione alle reti di calcolatori Introduzione alle reti di calcolatori Definizioni base. Collegamenti diretti e indiretti Strategie di multiplazione Commutazione di circuito e di pacchetto Caratterizzazione delle reti in base alla dimensione

Dettagli

Prefazione all edizione italiana

Prefazione all edizione italiana Sommario Prefazione all edizione italiana XIII Capitolo 1 Introduzione 1.1 Applicazioni delle reti di calcolatori 2 1.1.1 Applicazioni aziendali 3 1.1.2 Applicazioni domestiche 5 1.1.3 Utenti mobili 8

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE PER L'INDUSTRIA E L ARTIGIANATO ALESSANDRO VOLTA GUSPINI. PROGRAMMA DIDATTICO con riferimento al programma ministeriale

ISTITUTO PROFESSIONALE PER L'INDUSTRIA E L ARTIGIANATO ALESSANDRO VOLTA GUSPINI. PROGRAMMA DIDATTICO con riferimento al programma ministeriale ISTITUTO PROFESSIONALE PER L'INDUSTRIA E L ARTIGIANATO ALESSANDRO VOLTA GUSPINI ANNO SCOLASTICO 2013-2014 PROGRAMMA DIDATTICO con riferimento al programma ministeriale MATERIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA

Dettagli

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 2 SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 2 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet Informatica Generale Andrea Corradini 10 - Le reti di calcolatori e Internet Cos è una rete di calcolatori? Rete : È un insieme di calcolatori e dispositivi collegati fra loro in modo tale da permettere

Dettagli

Sommario. Capitolo 1 Introduzione 1. Prefazione all edizione italiana XVII XVIII XXI XXV

Sommario. Capitolo 1 Introduzione 1. Prefazione all edizione italiana XVII XVIII XXI XXV Sommario Prefazione all edizione italiana Prefazione Basi teoriche Applicazioni pratiche Simboli Funzioni definite Notazione degli operatori Acronimi XV XVII XVII XVIII XXI XXIV XXIV XXV Capitolo 1 Introduzione

Dettagli

Perché Codificare i Dati? Codifica dei Dati. Tecniche di Codifica del Segnale. Cooperazione Trasmettitore- Ricevitore

Perché Codificare i Dati? Codifica dei Dati. Tecniche di Codifica del Segnale. Cooperazione Trasmettitore- Ricevitore Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Codifica dei Dati Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Perché Codificare i

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "G. MARCONI" Via Milano n. 51-56025 PONTEDERA (PI)

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. MARCONI Via Milano n. 51-56025 PONTEDERA (PI) ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE CLASSE: DISCIPLINA: Telecomunicazioni- pag. 1 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - CLASSE: DISCIPLINA: Monte ore annuo

Dettagli

Lezioni frontali. Riprendere i concetti basilari del processore utilizzato e la programmazione a basso livello

Lezioni frontali. Riprendere i concetti basilari del processore utilizzato e la programmazione a basso livello Istituto Istruzione Superiore di Baronissi ind. tecnico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI SISTEMI Indirizzo: Informatica Progetto Abacus Anno scolastico 2012-2013 Classe 4^ MODULI CONTENUTI OBIETTIVI METODOLOGIE

Dettagli

Il collegamento delle reti aziendali: DHCP, DSL, PPPoE

Il collegamento delle reti aziendali: DHCP, DSL, PPPoE Il collegamento delle reti aziendali: DHCP, DSL, PPPoE Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza

Dettagli

2) individui il numero "n" di bit necessari per ottenere un rapporto S/N di almeno 20 db per i livelli più bassi della dinamica;

2) individui il numero n di bit necessari per ottenere un rapporto S/N di almeno 20 db per i livelli più bassi della dinamica; ESAME DI STATO Istituto Tecnico Industriale Anno 2004 Indirizzo ELETTRONICI Tema di TELECOMUNICAZIONI TRACCIA N. 1 Si vuole realizzare un sistema che permetta di strutturare 20 canali informativi analogici

Dettagli

DL 2513. DL 2512A Ricevitore FM. Trasmettitore FM

DL 2513. DL 2512A Ricevitore FM. Trasmettitore FM DL 2513 Trasmettitore FM Il pannello consiste in un trasmettitore FM stereo a sintesi di frequenza e modulazione diretta, operante nella banda delle trasmissioni FM commerciali. L'apparecchio è completo

Dettagli

Programmazione modulare 2015-2016

Programmazione modulare 2015-2016 Programmazione modulare 05-06 Indirizzo: Informatica Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: 4 B Docente: Buscemi Letizia Ore settimanali previste: 4 ore ( teoria + ) Totale ore previste: 4 ore per 33 settimane

Dettagli

Le Reti Telematiche. Informatica. Tipi di comunicazione. Reti telematiche. Modulazione di frequenza. Analogico - digitale.

Le Reti Telematiche. Informatica. Tipi di comunicazione. Reti telematiche. Modulazione di frequenza. Analogico - digitale. Informatica Lezione 5a e World Wide Web Insieme di cavi, protocolli, apparati di rete che collegano tra loro distinti i cavi trasportano fisicamente le informazioni opportunamente codificate dedicati/condivisi

Dettagli

Modulo 1.3 Reti e servizi

Modulo 1.3 Reti e servizi Modulo 1.3 Reti e servizi 1. Introduzione al Networking Connettere il PC in rete; schede di rete e modem; Panoramica sulle reti ad alta velocita' e reti dial-up; Testare la connettivita' con ping; Introduzione

Dettagli

Introduzione al Corso di Reti di Telecomunicazioni pag. 1. Network Organization pag. 1 2. NETWORK ORGANIZATION pag. 2

Introduzione al Corso di Reti di Telecomunicazioni pag. 1. Network Organization pag. 1 2. NETWORK ORGANIZATION pag. 2 RETI DI TELECOMUNICAZIONI INDICE CAPIITOLO 1 Introduzione al Corso di Reti di Telecomunicazioni pag. 1 Presentazione del corso di Reti di Telecomunicazioni pag. 2 Argomenti trattati nel corso di Reti di

Dettagli

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042)

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Reti di elaboratori Rete di calcolatori: insieme di dispositivi interconnessi Modello distribuito INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Funzioni delle reti: comunicazione condivisione di

Dettagli

Principi fondamentali

Principi fondamentali Principi fondamentali Elementi di base Definizione di rete di calcolatori Tipologia di connessioni Architettura di rete Prestazioni di una rete di calcolatori Conclusioni 1 1 Bit e Byte BIT = BInary digit

Dettagli

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software.

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software. Reti locati e reti globali Tecnologie: Reti e Protocolli Reti locali (LAN, Local Area Networks) Nodi su aree limitate (ufficio, piano, dipartimento) Reti globali (reti metropolitane, reti geografiche,

Dettagli

Tecniche di Comunicazione Multimediale

Tecniche di Comunicazione Multimediale Tecniche di Comunicazione Multimediale Standard di Comunicazione Multimediale Le applicazioni multimediali richiedono l uso congiunto di diversi tipi di media che devono essere integrati per la rappresentazione.

Dettagli

Programmazione modulare

Programmazione modulare Programmazione modulare Indirizzo: ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA Disciplina: ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA Docenti: Erbaggio Maria Pia e Iannì Gaetano Classe: IV A e settimanali previste: 6 Prerequisiti

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015. Ripasso programmazione ad oggetti. Basi di dati: premesse introduttive

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015. Ripasso programmazione ad oggetti. Basi di dati: premesse introduttive SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015 ASSE DISCIPLINA DOCENTE MATEMATICO INFORMATICA Cattani Barbara monoennio CLASSE: quinta CORSO D SEZIONE LICEO SCIENZE APPLICATE

Dettagli

Reti di calcolatori: Introduzione

Reti di calcolatori: Introduzione Reti di calcolatori: Introduzione Vittorio Maniezzo Università di Bologna Reti di computer e Internet Rete: sistema di collegamento di più computer mediante una singola tecnologia di trasmissione Internet:

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "G. MARCONI" Via Milano n. 51-56025 PONTEDERA (PI)

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. MARCONI Via Milano n. 51-56025 PONTEDERA (PI) ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE CLASSE: DISCIPLINA: Telecomunicazioni- pag. 1 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2014/2015 - CLASSE: DISCIPLINA: Monte ore annuo

Dettagli

INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni

INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni ISTRUZIONE TECNICA INDIRIZZO Informatica e Telecomunicazioni L indirizzo Informatica e Telecomunicazioni ha lo scopo di far acquisire allo studente, al termine del percorso quinquennale, specifiche competenze

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Laurea in Scienze dell'amministrazione curriculum di base (Cl. 19)

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Laurea in Scienze dell'amministrazione curriculum di base (Cl. 19) Facoltà di Scienze Politiche Corso di Laurea in Scienze dell'amministrazione curriculum di base (Cl. 19) Programma di Informatica Codice 37902 Prof. Camillo Bella camillo@camillobella.it camillobella@gmail.com

Dettagli

Finalità delle Reti di calcolatori. Le Reti Informatiche. Una definizione di Rete di calcolatori. Schema di una Rete

Finalità delle Reti di calcolatori. Le Reti Informatiche. Una definizione di Rete di calcolatori. Schema di una Rete Finalità delle Reti di calcolatori Le Reti Informatiche Un calcolatore isolato, anche se multiutente ha a disposizione solo le risorse locali potrà elaborare unicamente i dati dei propri utenti 2 / 44

Dettagli

BOZZA DEL 06/09/2011

BOZZA DEL 06/09/2011 ARTICOLAZIONE: INFORMATICA Disciplina: COMPLEMENTI DI MATEMATICA (C4) Il docente di Complementi di matematica concorre a far conseguire allo studente, al termine del percorso quinquennale, i seguenti risultati

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II Lezione 1 Martedì 4-03-2014 1 TESTO DI RIFERIMENTO RETI DI CALCOLATORI

Dettagli

Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato. Traccia n 1

Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato. Traccia n 1 Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato Traccia n 1 La condivisione delle informazioni e lo sviluppo delle risorse informatiche tramite cui esse possono venire memorizzate e scambiate

Dettagli

Reti informatiche 08/03/2005

Reti informatiche 08/03/2005 Reti informatiche LAN, WAN Le reti per la trasmissione dei dati RETI LOCALI LAN - LOCAL AREA NETWORK RETI GEOGRAFICHE WAN - WIDE AREA NETWORK MAN (Metropolitan Area Network) Le reti per la trasmissione

Dettagli

Atlantis Land Technical Resources Product: A02-RAV211 Subject: TECNOLOGIA VoIP Language: Italiano

Atlantis Land Technical Resources Product: A02-RAV211 Subject: TECNOLOGIA VoIP Language: Italiano Atlantis Land Technical Resources Product: A02-RAV211 Subject: TECNOLOGIA VoIP Language: Italiano TECNOLOGIA VoIP INTRODUZIONE In questo documento verranno trattati i caratteri principali della tecnologia

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

DHCP e ISP. DHCP e ISP. DHCP e server. DHCP e server DSL. Soluzioni. Digital Subscriber Line. Regola di dimensionamento

DHCP e ISP. DHCP e ISP. DHCP e server. DHCP e server DSL. Soluzioni. Digital Subscriber Line. Regola di dimensionamento DHCP Dynamic Host Configuration Protocol 09CDUdc Reti di Calcolatori DHCP! RFC 2131, 2132! Protocollo client/server per configurare dinamicamente gli host di una rete! Permette l allocazione automatica

Dettagli

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA Obiettivo Richiamare quello che non si può non sapere Fare alcune precisazioni terminologiche IL COMPUTER La struttura, i componenti

Dettagli

Le Reti (gli approfondimenti a lezione)

Le Reti (gli approfondimenti a lezione) Le Reti (gli approfondimenti a lezione) Per migliorare la produttività gli utenti collegano i computer tra di loro formando delle reti al fine di condividere risorse hardware e software. 1 Una rete di

Dettagli

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011 Paola Zamperlin Internet. Parte prima 1 Definizioni-1 Una rete di calcolatori è costituita da computer e altri

Dettagli

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Reti standard Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Rete globale Internet è una rete globale di calcolatori Le connessioni fisiche (link) sono fatte in vari modi: Connessioni elettriche

Dettagli

Sistemi a larga banda (Broadband)

Sistemi a larga banda (Broadband) 61 Sistemi a larga banda (Broadband) Le applicazioni informatiche e i servizi multimediali (musica, film, manifestazioni sportive) offerti sulla grande rete Internet e attraverso la televisione digitale

Dettagli

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Classe V sez. E ITC Pacioli Catanzaro lido 1 Stack TCP/IP Modello TCP/IP e modello OSI Il livello internet corrisponde al livello rete del modello OSI, il suo

Dettagli

Lo scenario: la definizione di Internet

Lo scenario: la definizione di Internet 1 Lo scenario: la definizione di Internet INTERNET E UN INSIEME DI RETI DI COMPUTER INTERCONNESSE TRA LORO SIA FISICAMENTE (LINEE DI COMUNICAZIONE) SIA LOGICAMENTE (PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE SPECIALIZZATI)

Dettagli

LE RETI: LIVELLO FISICO

LE RETI: LIVELLO FISICO LE RETI: LIVELLO FISICO Prof. Enrico Terrone A. S: 2008/09 Definizioni La telematica è la disciplina che nasce dalla combinazione delle telecomunicazioni (telefono, radio, tv) con l informatica. L oggetto

Dettagli

Bit Rate = 8.000 * 8 = 64 kbit/s

Bit Rate = 8.000 * 8 = 64 kbit/s Voice over IP e Telephony over IP architetture, protocolli e quality of service B Codifica segnale nelle reti POTS Richiami sulle reti di TLC Convertitore A/D 10110000000000011111101001101101 Segnale analogico

Dettagli

Sommario. Prefazione all edizione italiana Prefazione

Sommario. Prefazione all edizione italiana Prefazione Kurose_0_Kurose_0 14/03/13 11:49 Pagina V Prefazione all edizione italiana Prefazione XIII XV Capitolo 1 Reti di calcolatori e Internet 1 1.1 Che cos è Internet? 2 1.1.1 Gli ingranaggi di Internet 2 1.1.2

Dettagli

ITIS G. Fauser. Classe 4^ BI. Materia: Sistemi. Anno Scolastico 2013-2014. Docenti: prof.ssa Manuela Cesa, prof. Pasquale Pietrangelo

ITIS G. Fauser. Classe 4^ BI. Materia: Sistemi. Anno Scolastico 2013-2014. Docenti: prof.ssa Manuela Cesa, prof. Pasquale Pietrangelo ITIS G. Fauser Classe 4^ BI Materia: Sistemi Anno Scolastico 2013-2014 Docenti: prof.ssa Manuela Cesa, prof. Pasquale Pietrangelo Numero ore di lezione settimanali: 4 Testi adottati: - Materiale didattico

Dettagli

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica L indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica propone una formazione polivalente che unisce i principi, le tecnologie e le pratiche

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso

Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso A.A. 2005/2006 Walter Cerroni Il corso Seguito di Reti di Telecomunicazioni LA Approfondimento sui protocolli di Internet TCP/IP, protocolli di routing,

Dettagli

RIF. MD03 MODULO PROGRAMMAZIONE ANNUALE INDIVIDUALE 17/06/09 REV 02

RIF. MD03 MODULO PROGRAMMAZIONE ANNUALE INDIVIDUALE 17/06/09 REV 02 Piano delle attività X Programma effettivamente svolto Sez.D COMPETENZE (da linee guida DPR 15/03/2010, art. 8 comma 3 e direttiva 4 del 16 gennaio 2012) K1 - utilizzare la strumentazione di laboratorio

Dettagli

Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore)

Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore) Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore) 1. L hardware del PC (3 Lezioni - 9 ore) 2. Troubleshooting (1 Lezione - 3 ore) 3. Ambiente Operativo (5 Lezioni - 15 ore) 4.

Dettagli

Sommario. iii. Prefazione... xi Introduzione...xvii Ringraziamenti... xxi. Parte I - Concetti... 1. Capitolo 1 - L hardware del PC...

Sommario. iii. Prefazione... xi Introduzione...xvii Ringraziamenti... xxi. Parte I - Concetti... 1. Capitolo 1 - L hardware del PC... iii Prefazione... xi Introduzione...xvii Ringraziamenti... xxi Parte I - Concetti... 1 Capitolo 1 - L hardware del PC... 5 1.1 Il processore, la scheda madre e la memoria... 7 1.1.1 Il processore...7 1.1.2

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 1 Giovedì 5-03-2015 TESTO DI RIFERIMENTO RETI DI CALCOLATORI E INTERNET un

Dettagli

Fondamenti di reti WAN

Fondamenti di reti WAN Indice generale Fondamenti di reti WAN...... Definizione:... Fondamenti di reti WAN Il termine Public Switched Telephone Network (PSTN) è riferito al servizio offerto dalla ditta telefonica per connettere

Dettagli

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria. Applicazioni Internet B. Paolo Salvaneschi A1_1 V1.6. Riassunto: reti IP

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria. Applicazioni Internet B. Paolo Salvaneschi A1_1 V1.6. Riassunto: reti IP Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Applicazioni Internet B Paolo Salvaneschi A1_1 V1.6 Riassunto: reti IP Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio personale

Dettagli

Reti di Calcolatori. una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi che possono interagire tra di loro una rete permette:

Reti di Calcolatori. una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi che possono interagire tra di loro una rete permette: Reti di Calcolatori una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi che possono interagire tra di loro una rete permette: condivisione di risorse (dati aziendali, stampanti, ) maggiore

Dettagli

Voice Over IP 1. TELEFONARE SU INTERNET

Voice Over IP 1. TELEFONARE SU INTERNET Voice Over IP In pochi anni la telefonia fissa è stata superata dal traffico di quella mobile. È lecito aspettarsi che nei prossimi anni la trasmissione dati supererà quella della voce raccogliendo una

Dettagli

Materiali per il Modulo 1 E.C.D.L.

Materiali per il Modulo 1 E.C.D.L. Materiali per il Modulo 1 E.C.D.L. Queste due sigle indicano LAN Local Area Network Si tratta di un certo numero di Computer (decine centinaia) o periferici connessi fra loro mediante cavi UTP, coassiali

Dettagli

RETE DI TRASPORTO OTTICA

RETE DI TRASPORTO OTTICA RETE DI TRASPORTO OTTICA I sistemi di trasmissione WDM furono introdotti inizialmente per aumentare la capacità dei collegamenti punto-punto; con l introduzione di altri dispositivi come l Optical Add

Dettagli

LAVORI D UFFICIO, GRAFICA E INFORMATICA TECNICO HARDWARE

LAVORI D UFFICIO, GRAFICA E INFORMATICA TECNICO HARDWARE MACROSETTORE LAVORI D UFFICIO, GRAFICA E INFORMATICA TECNICO HARDWARE 1 TECNICO HARDWARE TECNICO PROFESSIONALI prima annualità 2 UNITÀ FORMATIVA CAPITALIZZABILE 1 Assemblaggio Personal Computer Approfondimento

Dettagli

PROGRAMMA DI INFORMATICA CLASSE quinta ANNO SCOLASTICO 2012/2013

PROGRAMMA DI INFORMATICA CLASSE quinta ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PROGRAMMA DI INFORMATICA CLASSE quinta ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Modulo A: Basi di dati e linguaggio SQL La produzione del software; Il controllo do qualità; La metodologia; Modellazione dei dati; Il modello

Dettagli

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Indice Mezzi e tecniche di trasmissione dati Cavi in rame Fibre ottiche Onde radio e sistemi wireless Modulazione e demodulazione Reti di calcolatori

Dettagli

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL è una tecnica di trasmissione dati che permette l accesso a Internet fino a 8 Mbps in downstream ed 1 Mbps

Dettagli

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1 Introduzione Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete 2-1 Pila di protocolli Internet Software applicazione: di

Dettagli

Programmazione modulare 2014-2015

Programmazione modulare 2014-2015 Programmazione modulare 2014-2015 Indirizzo: Informatica Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: 5 A e 5 B Docente: Buscemi Letizia Ore settimanali previste: 4 ore (2 teoria + 2 laboratorio) Totale ore previste:

Dettagli

Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore)

Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore) Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore) 1. L hardware del PC (3 Lezioni - 9 ore) 2. Troubleshooting (1 Lezione - 3 ore) 3. Ambiente Operativo (5 Lezioni - 15 ore) 4.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016. Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA

PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016. Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016 Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA Docenti: Gualdi (teoria), Travaglioni (laboratorio) Ore settimanali previste: 2 TEORIA +

Dettagli

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete INFORMATICA e COMUNICAZIONE DIGITALE Anno Accademico 2013-2014 Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale Introduzione ( parte II) Prof. Sebastiano Pizzutilo Dipartimento di Informatica

Dettagli

Introduzione a Internet

Introduzione a Internet Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

SPECIALIZZAZIONE INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI Articolazione INFORMATICA

SPECIALIZZAZIONE INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI Articolazione INFORMATICA ALLEGATO N.8_e 1 Dipartimento Articolazioni degli insegnamenti anno @ Sistemi e Reti Dipartimento MATERIE TECNICHE dell indirizzo INFORMATICA @ Tecnologie e progettazione di sistemi informatici e di telecomunicazioni

Dettagli

Laboratorio di Informatica (Chimica)

Laboratorio di Informatica (Chimica) Laboratorio di Informatica (Chimica) Lezione 03: Le Reti. Walter Cazzola Dipartimento di Informatica e Comunicazione Università à degli Studi di Milano. e-mail: cazzola@dico.unimi.it Walter Cazzola Lezione

Dettagli

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 1 richiami SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 1 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 SECONDO BIENNIO Disciplina: INFORMATICA La disciplina Informatica concorre a far conseguire allo

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI ALBA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA CLASSE 5H Docenti: Raviola Giovanni Moreni Riccardo Disciplina: Sistemi elettronici automatici PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE COMPETENZE FINALI Al termine

Dettagli

RETI GEOGRAFICHE Introduzione alle reti geografiche Trasmissione dati su linea telefonica analogica. Lenee dedicate Reti a commutazione di pacchetto

RETI GEOGRAFICHE Introduzione alle reti geografiche Trasmissione dati su linea telefonica analogica. Lenee dedicate Reti a commutazione di pacchetto 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 RETI GEOGRAFICHE Introduzione alle reti geografiche Trasmissione dati su linea telefonica analogica ISDN ADSL RAS Lenee dedicate Reti a commutazione di pacchetto ATM Reti wireless

Dettagli

Concetti di base delle tecnologie ICT

Concetti di base delle tecnologie ICT Concetti di base delle tecnologie ICT Parte 2 Reti Informatiche Servono a collegare in modo remoto, i terminali ai sistemi di elaborazione e alle banche dati Per dialogare fra loro (terminali e sistemi)

Dettagli

Tecnologie di Sviluppo per il Web

Tecnologie di Sviluppo per il Web Tecnologie di Sviluppo per il Web Introduzione alle Reti di Calcolatori versione 1.0 del 11/03/2003 G. Mecca mecca@unibas.it Università della Basilicata Reti >> Sommario Sommario dei Concetti Elab. Client-Server

Dettagli

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI PARTE 1 INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI Parte 1 Modulo 1: Introduzione alle reti Perché le reti tra computer? Collegamenti remoti a mainframe (< anni 70) Informatica distribuita vs informatica monolitica

Dettagli

Topologia generica di rete a commutazione di circuito. Il livello fisico. Gerarchia della rete telefonica

Topologia generica di rete a commutazione di circuito. Il livello fisico. Gerarchia della rete telefonica Novembre 2003 Reti e Sistemi Telematici - 2 Topologia generica di rete a commutazione di circuito Il livello fisico Gruppo Reti TLC giancarlopirani@telecomitaliait http://wwwtelematicapolitoit/ A B X C

Dettagli

Strumenti per la produttività individuale Livello 1

Strumenti per la produttività individuale Livello 1 Strumenti per la produttività individuale Livello 1 Il corso mira a chiarire il ruolo sempre maggiore che l utilizzo, sia pure a livello elementare, di personal computer connessi in rete e del relativo

Dettagli

La telematica. Informatica per le discipline umanistiche Note sulla telematica. Segnale analogico / digitale

La telematica. Informatica per le discipline umanistiche Note sulla telematica. Segnale analogico / digitale Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Lettere e Filosofia La telematica Informatica per le discipline umanistiche Note sulla telematica Marco Lazzari A.A. 2005-2006 Telematica: telecomunicazioni

Dettagli

Evoluzione dei sistemi informatici

Evoluzione dei sistemi informatici Evoluzione dei sistemi informatici Cos è una rete? Insieme di calcolatori autonomi tra loro collegati mediante una rete di comunicazione Gli utenti sono in grado di interagire in modo esplicito con la

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli