Società per la Cremazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Società per la Cremazione"

Transcript

1 NOTIZIARIO INFORMATIVO PER I SOCI DELLA Società per la Cremazione Anno 7 - Numero 10 - Marzo 2012 Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in A.P. - L. n. 46/ art. 1 comma 2 (TAB ONLUS), Numero progressivo - Periodicità - AUT.DR./CBPA/CENTRO 1 valida dal 19/04/07

2 EDITORIA SO.CREM. Periodico Semestrale a cura della Società per la Cremazione di Livorno Direttore Responsabile Giampaolo Berti Progetto Grafico e Stampa: Tipoffset Marengo Via G. Ferraris, 4/F - Livorno Editore Società per la Cremazione di Livorno Comitato di Redazione Giampaolo Berti - Laura Bandini Catia Sonetti - Mauro Nocchi Autorizzazione Tribunale Livorno n 4/07 del 29/03/2007 Pubblicazione non in vendita destinata ai Soci della Società per la Cremazione di Livorno Finito di stampare nel mese di Febbraio 2012 SOMMARIO Editoriale Pag. 3 Grosseto: Ma Livorno non chiude le porte Pag. 6 L impegno decisivo dei nostri operatori Pag. 7 Come la tecnologia cambia il costume Pag. 8 Momenti della nostra storia Pag. 10 Ricordi Pag. 14 Fondata il 2 Marzo 1902 ed eretta in Ente Morale con R.D. del 26 Dicembre 1909 Premiata all Esposizione d Igiene di Torino e Roma nel 1911 Via S. Francesco, 71 - Livorno Tel Fax Web:www.socrem.org Tempio Cinerario: Via Don Aldo Mei Livorno Telefax CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Presidente Giampaolo Berti Vice Presidente Massimo Nenci Segretario Laura Bandini Economo Giovanni Pazzagli Consiglieri Alfredo Gamucci Giovanni Laterra Don Carlo Leoni Adriana Lonzi Ernesto Mariani Cristina Turini Monica Vannucchi Collegio Sindaci Revisori Membri Roberto Petronici Francesco Casalini Giacomo Romboli In copertina: Il bellissimo mare di fronte alla costa livornese, viene sempre più scelto da chi decide, in vita, di farvi disperdere le proprie ceneri. Questo numero di Charis è stato spedito a soci ed istituzioni pubbliche

3 Editoriale Oltre il possibile La costruzione del terzo forno è stata voluta per dotare il crematorio di Livorno di un impianto in grado di poter gestire l emergenza fatta più che altro da arresti dei forni nn. 1 e 2 che, fin dalla loro messa in marcia, hanno lavorato oltre i limiti dichiarati dal costruttore. Alla fine del 2012 gli impianti 1 e 2 e, fino al giugno del 2010, il vecchio forno, avevano effettuato circa cremazioni, circa 4000 cremazioni cadauno in tre anni con una media di 1500 l uno all anno. Il crematorio di Livorno con un bacino d utenza di circa abitanti, in convenzione con i Comuni di tutta la provincia, offre la cremazione in regime di prezzi minori alla tariffa ministeriale sia per i soci della Socrem sia per i residenti non soci. Con tutti i comuni della provincia di Livorno abbiamo entrate privilegiate ed esclusive in convenzione. A giugno 2011 il crematorio di Pisa ha cessato di lavorare per problemi inerenti l emissione in atmosfera di fumi inquinanti. A tutt oggi non è dato sapere i tempi del suo ripristino. Le salme dei cittadini Pisani sono state avviate al crematorio di Livorno senza neppure un incontro tra il comune di Pisa (proprietario del forno) e la SOCREM di Livorno, incontro che sarebbe stato quantomeno doveroso da parte di un amministrazione comunale che si dichiara propensa alla cremazione, dal quale sarebbe emerso ogni nostro problema all accoglimento dei crematisti pisani. Oggi il crematorio di Livorno dovrebbe sobbarcarsi anche i decessi di un bacino d utenza che raggruppa circa abitanti con un incidenza alla cremazione del 9% con una cifra stimabile in circa 1000 eventi crematori l anno. A questa realtà pisana vanno aggiunti anche Viareggio e provincia con circa altre 300 cremazioni l anno. Di fatto, ora, stiamo servendo un bacino d utenza che conta circa cittadini. Ed il conto è presto fatto dato che le cremazioni si attestano, come da dati istat in 4000, appunto nella percentuale del 10% annue. Ecco che le cifre dichiarate sono suffragate da numeri veri raggiungendo circa 4000 cremazioni in un anno tra Livorno, Pisa e Lucca. (cifra raggiunta nel 2011 e con due forni soli!) Questo dato da giugno Non osiamo pensare le proiezioni del Oggi la situazione in Toscana è tragica. Sono operanti soltanto tre forni crematori, Firenze Livorno e Massa. I forni di Pisa, Pistoia, Arezzo e Siena sono fermi, Firenze opera per la sola Firenze con tempi d attesa fino a quindici giorni, Massa crema i soli cittadini massesi, e Livorno dovrebbe sostenere il carico di tutta la restante Toscana. Tale mole di lavoro, per il nostro crematorio, non possiamo sostenerla! Gli impianti sono sotto stress per la mole di cremazioni giornaliere che portano l impianto a necessitare di più frequenti manutenzioni, ben oltre le quattro annuali. Sopratutto bisogna tenere presente che la dislocazione delle apparecchiature per il funzionamento dei forni, allocate nel soppalco, sono tali e tante che risulterebbe improbabile una manutenzione straordinaria senza fermare tutto il crematorio, compreso il terzo forno. Questo è dovuto alla ristrettezza dei locali che non possono essere aumentati di volume annche, ma sopratutto, per i noti vincoli architettonici riguardanti tutta la struttura cimiteriale. Sarebbe una tragedia dover intervenire sulle apparecchiature in maniera straordinaria. Ecco che si rende necessaria una decisione forte per il mantenimento in efficienza degli impianti, ma sopratutto per la salvaguardia di un investimento di oltre due milioni di euro. Mi spigo. Non ci viene assicurata una lunga vita degli impiantia con questi ritmi! Le continue fermate degli impianti ci rendono fortemente dubbiosi sulla tenuta degli stessi. Una soluzione a questo stato di cose sarebbe il rientrare nei numeri ante fermata dal forno di Pisa e cioè entro e non oltre la soglia i tremila eventi / anno. Si moltiplicano gli interventi per la pulizia dei filtri, arresti di marcia dovuti allo stress delle apparecchiature che lavorano dalle sette della mattina fino alle 22 ed anche fino alle 24. A questa situazione va aggiunto il costo aumentato del personale che quotidianamente lavora ben oltre le otto ore contrattuali. Come ho sempre sostenuto ed è sempre stato verifcato a fronte di un costante numero di decessi cittadini la richiesta di cremazioni ha subito un impennata notevole. A questi nume- 3

4 ri vanno tolti circa mille unità che riguardano, negli anni fino al 2011, interventi effettuati per altri comuni fuori dalla nostra provincia. Dall anno 2011 abbiamo subito un inversione, per noi molto gravosa, di aumento esponenziale di eventi. I ben noti problemi strutturali del crematorio di Pisa, del quale al momento non abbiamo alcuna notizia circa l inizio della costruzione del nuovo impianto, ci inducono a considerare che tale maggior aggravio di lavoro dovrà essere sostenuto, da Livorno, anche per il Applichiamo la maggior tariffa in considerazione del fatto che il nostro supporto sarà un intervento limitato nel tempo ed irripetibile in quanto che, al momento in cui Pisa avrà riaperto il forno, giocoforza Livorno perderà tutto il movimento che attualmente da li proviene e dalla sua provincia, senza considerare che i nostri impianti stanno subendo uno stress meccanico molto importante, e di questo noi siamo consapevoli sia per i costi che subiremo negli anni per mantenere efficienti le apparecchiature. Riteniamo doveroso, a questo punto, prendere una decisione di cosa vogliamo fare per il futuro. La Società Pisana di Cremazione in un incontro, ci ha avanzato la richiesta di trattamento economico preferenziale per gli iscritti alla Socrem pisana. Abbiamo ritenuto possibile applicare una tariffa minore rispetto a quella ministeriale (oggi circa 570,00 ) per coloro che saranno certificatisoci di quella associazione. Questa prospettiva si è resa necessaria per quel senso di collaborazione che, in campo nazionale, ci viene richiesto dalla Federazione, collaborazione dettata anche dalla necessità di favorire gli scritti alla Socrem che devono poter esercitare le loro scelte senza essere ostacolati da problemi tecnici come stanno accadendo a Pisa. L eventuale accordo con i nostri cugini si attesterà su un numero alquanto esiguo di eventi comunque non oltre le cinquanta unità l anno. Non siamo in grado di sostenere la mole di lavoro che ci viene richiesta aumentato in maniera esponenziale, non cercato dalla Socrem di Livorno. Anche perchè questo super lavoro ci impedisce gestire la ritualità della cremazione. Ogni giorno infatti siamo costretti ad offrire alle persone che scelgono la cremazione un non servizio. Spiegandomi, posso affermare che non possiamo permetterci di avere giornalmente in sala commiato quattro / sei bare esposte in attesa di essere cremate, con familiari che non possono raccogliersi nella propria intimità per salutare con la dovuta ritualità il proprio defunto. È una continua rincorsa, da parte dei nostri dipendenti, a far convivere con armonia il triste momento del distacco dal proprio caro. Da qui anche l impossibilità di nostri dipendenti a mantenere puliti ed efficienti i reparti dove giornalmente accedono moltissime persone in visita ai familiari defunti e gestire le ovvie lamentele e disservizi che preferiremmo non riscontrare per poter continuare ad offrire un servizio che ci ha sempre contraddistinto sin dalla nostra nascita Giampaolo Berti Cremazioni di soci e non soci - numero per anno nel periodo dal 1/1 al 31/12 4

5 Sala A. Simonini della Circoscrizione 2 Scali Finocchietti 4 - Livorno Venerdì 20 Aprile ore In prima convocazione ASSEMBLEA ORDINARIA DEI SOCI Sabato 21 Aprile - ore 9,00 In seconda convocazione ORDINE DEL GIORNO: 1. PREMIAZIONE DEI SOCI DA ALMENO 30 ANNI; 2. RELAZIONE MORALE DEL PRESIDENTE; 3. BILANCIO CONSUNTIVO 2011; 4. PROPOSTA DI BILANCIO PREVENTIVO 2012; 5. VARIE ED EVENTUALI VENERDì 20 APRILE ORE 14,00 In prima convocazione ASSEMBLEA STRAORDINARIA DEI SOCI Sabato 21 Aprile - ore 10,30 In seconda convocazione ORDINE DEL GIORNO: 1. RINNOVO DELLE CARICHE SOCIALI Tutti i soci da almeno 6 mesi, in base al comma d) dell art. 10 dello Statuto, oltre ad esercitare il diritto di voto, possono essere eletti nel consiglio direttivo e nel collegio dei sindaci revisori e, quindi, possono presentare la propria candidatura alla comm.ne elettorale, entro il 10 aprile 5

6 Grosseto: Ma Livorno non chiude le porte Grosseto. Il forno crematorio di Livorno dice stop alle cremazioni di salme che arrivano da fuori provincia, ma fa un eccezione per i grossetani. A tranquillizzare i maremmani che hanno scelto di accomiatarsi così nell ultimo viaggio è la stessa Socrem, la società proprietaria dell impianto di cremazione nel cimitero dei Lupi a Livorno, per bocca del presidente, Giampaolo Berti. La sospensione in vigore dal 1 gennaio per le salme che arrivano da fuori riguarda solo Pisa; per la zona sud non cambia niente, spiega Berti. Il timore di un blocco della cremazione dal Grossetano si era diffuso tra cittadini e operatori delle onoranze funebri che organizzano i trasporti fino a Livorno. Lo stop è stato deciso dopo che la chiusura del forno crematorio di Pisa ha dirottato negli ultimi quattro mesi tutte le richieste sulla struttura labronica raddoppiando il carico di lavoro e gravando fino all inverosimile su personale e impianto. Che al posto delle normali cremazioni al giorno si è ritrovato a dover soddisfare30-35 richieste. Da lì è partita la circolare a tutti gli operatori fiduciari o che hanno una convenzione per mettere a disposizione della clientela il servizio di trasporto fino a Livorno. Non cambia niente - spiegano dalla San Lorenzo Servizi - ma solo, eventualmente, che dobbiamo avvertire un pò prima. Nessun problema per la nostra clientela e per tutti i soci Socrem della provincia, spiegano dalla Gabbrielli di Grosseto, fiduciario per la provincia insieme a Martellini di Bagno di Gavorrano, Zazzeri di Castiglione della Pescaia, Vanni-Terramoccia- Tosi e Cutolo di Follonica e Babbanini di Orbetello (dato aggiornato a marzo 2011). Ma anche per chi socio non è, ma vuole lo stesso esser cremato. Continuiamo ad accettare anche chi, dalla provincia di Grosseto, non è socio - spiega Berti - naturalmente applicando l intera tariffa ministeriale, senza gli sgravi previsti per chi, invece, si è iscritto per tempo e ha pagato annualmente la sua quota. Per essere cremati, infatti, occorre l autorizzazione dall ufficiale di stato civile del Comune dove è avvenuto il decesso. Per ottenerla bisogna che, in vita, si sia espressa chiaramente la volontà di essere cremati e per farlo ci sono tre strade: fare testamento dal notaio, comunicarlo anche solo verbalmente al coniuge o ai familiari più prossimi - sperando che poi eseguono la volontà - oppure iscriversi a un associazione che abbia tra i propri fini statuari la cremazione dei propri associati. Come la Socrem, ad esempio, che raccoglie in provincia centinaia di iscritti (450 solo a Grosseto), o la Socremar (100 iscritti). Per rispettare la volontà di quei grossetani che scelgono la cremazione, ma non hanno a disposizione una struttura vicino casa, Livorno, dunque, rimane a disposizione. Francesca Ferri Da Il Tirreno del 7 Gennaio

7 L impegno decisivo dei nostri operatori Abbiamo deciso di dedicare questa pagina di CHARIS agli operatori sul campo che vivono, tutti i giorni per tutto l anno, sulla loro pelle, la vita non facile della SO.CREM Livornese. In questo modo intendiamo sottolineare il loro lavoro e la loro professionalità, con le quali svolgono un servizio delicato ai cittadini che si trovano a vivere momenti tristi, a seguito dalla scomparsa di persone care. È importante l incarico di Segreteria di Barbara, Maria Luisa e Stefania, che tengono un contatto giornaliero con i cittadini che chiedono informazioni per decidere di iscriversi alla SO.CREM e scegliere in vita, quale destinazione dare al proprio corpo dopo la dipartita. È preziosa la loro prefossionalità nelle attività economica, assai complessa, di una Società senza fini di lucro, che ha migliaia di soci ed offre un servizio non usuale ad un utenza che va ben oltre il territorio livornese. È decisivo l impegno, spesso ben oltre il normale orario di lavoro, di Marco e Matteo che coordinano il lavoro degli addetti ai forni, Umberto, Luca, Rossano e Caterina che, con loro, operano su due turni giornalieri a contatto diretto con i parenti delle persone scomparse, non di raro ringraziati per la loro alta professionalità. Il tutto, coordinato dal Direttore Giuseppe che tiene bene le fila, a disposizione di una popolazione di circa abitanti, aggiungendo a questo il controllo attento sulle operazioni amministrative, le manutenzioni ed il lavoro di Segreteria, a diretto contatto con il Consiglio d Amministrazione, composto da volontari, che deve essere sempre all altezza del prestigio che la SO.CREM ha conquistato nei suoi centoventi anni di vita. Senza questa loro dedizione, non avremo potuto rispondere alla situazione d emergenza che ci ha impegnato negli ultimi mesi del Il Presidente e tutto il Consiglio, colgono l occasione per ringraziargli tutti perchè contribuiscono, in modo decisivo, a fare della SO.CREM di Livorno una realtà importante alla quale, anche la Fed. Nazionale di Cremazione guarda con orgoglio, additandola come modello da prendere ad esempio per tutto il terriotorio nazionale. 7

8 Come la tecnologia cambia il costume Con internet, l amico scomparso è sempre vivo Qualche tempo fa è morto Emond Berselli, fine giornalista di Repubblica e scrittore che frequentava molto Facebook. I suoi amici (nel senso di Facebook) hanno continuato a postare commenti sulla sua bacheca come, in altri tempi, avrebbero pubblicato un necrologio sui giornali. La gente continuava a scrivergli come se fosse vivo. I social network di internet cambiano il rapporto tra il pubblico e privato, ma anche alcune cose che riguardano la vita e la morte. C è chi vuole lasciare mesaggi postumi e chi si preoccupa di digitare un testamento digitale con scritte le password dei conti bancari online. Il Pin del bancomat ed altri documenti privati. Nascono le pagine commemorative che servono sia a ricordare le persone scomparse, sia a inviare messaggi e saluti. Può sembrare macabro ma alcuni lo trovavano utile. Guardate ad esempio oppure Il servizio, ovviamente, si paga...ogni anno affinchè il cliente è in vita (il dopo è gratis)... le pagine sono personalizzate dal cliente, o dai suoi familiari, con musiche, foto, testimonianze di chi l ha conosciuto. Qualcuna mi è apparsa commovente. Naturalemente a noi può apparire strano, o forse dark, che qualcuno organizzi una serie di da inviare ad amici e nemici dopo il proprio trapasso (ma quanti romanzi e racconti sono basati su questo?). Non credo che in molti intaseremo le caselle di posta di questi siti, nati in ambito anglosassone dove il business finerario è particolarmente fiorente e interamente privatizzato. Tuttavia anche questo è un segno che un numero crescente di attività sociali umane si trasferisce nel mondo di nternet e immediati dintorni. Del resto anch io ho inviato un messaggio a Berselli, appena avevo saputo della sua scomparsa, utilizzando Facebook e richiamando il messaggio sulla mia bacheca, come tanti altri amici - lettori. Con la stessa immediatezza con cui, qualche anno fa, avrei prenotato un necrologio sul suo giornale. Lo stesso Mark Zuckerberg, fondatore di Facebook, ha scritto sul Washington Post che i concetti di privacy sono drasticamente cambiati, al punto che Facebook dovrà rivedere molte sue impostazioni. E di privacy Zuckerberg se ne intende, anche se non sempre applica quello che sa. Enrico Menduni Scienza delle Comunicaioni Università Roma 3 Dal quotidiano Il Tirreno 2010 N.B. Il fenomeno del quale parlava il Prof. Menduni fin dal 2010, è andato via via diffondendosi anche da noi per ora senza scopo di lucro. Il più diffuso è stato dedicato ad un giovane giornalista, nostro amico, scomparso poco più di un anno fa. 8

9 Il Libro I bambini fanno domane. A volte imbarazzanti, stravaganti, definitive. Vogliono sapere perchè nasciamo, dove andiamo dopo la morte, perchè esiste il dolore, cos è la felicità. E gli adulti sono costretti a trovare delle risposte. È un esercizio tra la filosofia e il candore, che ci obbliga a rivedere ogni volta il nostro rassicurante sistema di valori. Perchè non possiamo deluderli. Nè ingannarli. Siamo stati come loro non troppo tempo fa. Dell invecchiare, dell essere fragili, inadeguati, perfino del morire parliamo ormai di nascosto. Ai bambini è negata l esperienza della fine. La caducità, la sofferenza, la sconfitta sono fonte di frustrazione e di vergogna. L estetica dell eterna giovinezza costringe molte donne nella prigione del corpo perfetto e le inchioda dentro un presente mortifero, incapace di darci consolazione, perfino felicità. In questa intensa, sorprendentemente gioiosa inchiesta narrativa, Concita De Gregorio ci chiede di seguirla proprio in questi luoghi rimossi dal discorso contemporaneo. Funerali e malattie, insuccessi e sconfitte, se osservati e vissuti con dignità e condivisione, diventano occasioni imperdibili di crescita, di allegria, di pienezza. Perchè se non c è peggior angoscia della solitudine e del silienzio, non c è miglior sollievo che attraversare il dolore e trasformarlo in forza. La crisi ha bloccato il biotestamento Nell ultimo numero di Charis, parlando del Testamento Biologico e riportando il parere di politici, sociologi, medici e giuristi, annunciammo (forse con troppo ottimismo) che la legge aveva la possibilità di venire approvata entro il Ma, come i nostri lettori ben sanno, il precipitore della situazione economica, ha portato alle dimissioni del Governo Berlusconi ed alla formazione di un nuovo Esecutivo, sostenuto da una larghissima maggioranza parlamentare, che ha assegnato ad esso il difficile compito di affrontare, in fretta, le questioni dell economia e porre le basi per una difficile ripresa. Così, il Calendario Parlamentare è stato modificato accantonando, ancora una volta, la legge auspicata e rendendo quasi impossibile la sua approvazione prima della fine naturale della legislatura. Per quello che ci riguarda, faremo il possibile affinchè la questione non finisca nel dimenticatoio. 9

10 Momenti della nostra storia Il Ventennio fascista Dopo il defenestramento della giunta socialista della città (agosto 1922), è l inizio del governo del Mussolini nel paese, la vita della Società continuava a svolgersi sui binari consueti. Augusto Neri, presidente, chiede che sia installato un telefono al cimitero per facilitare le comunicazioni con la società, a spese del Comune. Due mesi dopo, nel dicembre 1922, sollecita con una lettera il sussidio di lire annue elargito dall amministrazione per i servigi e l economia che rende la cremazione contando da 140 a 150 ( sarebbe stato più corretto parlare di , N.d.a.) cremazione l anno. Tutte le richieste verranno esaudite. Ma con il consolidamento del regime e la sua tattica di avvicinamento alle gerarchie cattoliche, la situazione cambia. Le manifestazioni pubbliche spesso orgnizzate dall associazione, come l organizzazione di conferenze di propaganda, i cortei commemorativi per la celebrazione dell anniversario della fondazione, i banchetti e quant altro, s interromperanno. Le uniche occasioni di visibilità, utili per farsi conoscere, anche se con difficoltà sempre più marcata, saranno costituite dai cortei funebri, pensati e diretti come vere e proprie sfilate. In una simile situazione di stretta sorveglianza su qualsiasi forma associativa, o su sollecitazione dello stesso Galeazzo Ciano, del prefetto o del questore, o per semplice dovere d ufficio, i resoconti del Commissario di San Marco sulla attività, le riunioni, i soci, la vita interna e quant altro fosse possibile furono diligentemente raccolti e trasmessi al centro. È grazie a queste carte che ho potuto constatare che tutto il periodo, perlomeno dal 1923 al 1941, trascorse sotto la dirigenza dello stesso presidente Augusto Neri. Nella segnalazione si aggiunge che era stato affiliato alla massoneria, di mestiere fa lo spedizioniere, ed è di federe repubblicana. La nota più esaustiva è quella che riguarda i Consiglio del La segnalazione poliziesca ci aiuta a conoscere il quadro dirigente della Società nel suo complesso, e ad anticipare alcune riflessioni sulla sua attività. Su venti elementi, tredici sono indicati come repubblicani e massoni, tre come socialisti. Di tutti gli altri la polizia non trascrive alcuna nota sulle inclinazioni politiche. Soltanto a proposito di uno si legge che da ex repubblicano e massone, adesso simpatizza per il regime. E fino a qui, niente di nuovo, anzi. Siamo pienamente dentro la vecchia tradizione; perlomeno apparentemente. Ma svariate segnalazioni presenti anche in altre carte dello stesso fascicolo rinviano a probabili ulteriori appartenenze massoniche. Anche da questo appare abbastanza chiaro che non solo ci troviamo di fronte ad espressioni militanti plurime, ma pure che, per quanto concerne la massoneria, si tratta di adesioni di vecchia data, nè rinnovate, nè abbandonate. Se a Livorno le logge erano scese da 59 a 3, anche i relativi membri dovevano essersi in qualche modo ricollocati in altre organizzazioni. Solitamente poi dalla massoneria non ritornando su qeusto Consiglio, la segnalazione si fa interessante. Su venti componenti, ben diciannove abitano nella zona popolare tra il centro e le vie adiacenti, da Via delle Galere a Via Vittorio Emanuele. Uno solo abita in una strada più elegante, Viale Regina Elena, oggi Viale Italia, l arteria che costeggia il mare. Ma l appartenenza ai ceti popolari viene ribadita dalla loro occupazione. Abbiamo la segnalazione di quattordici occupazioni, così ripartite: due pensionati, due commessi, due facchini, un operaio, un esercente, un cappellaio, un assistente officina Gas, un pensionato ferroviere, un carpentiere, un falegname, un parrucchiere. Scorren- 10

11 do ancora le carte di questo fondo della Questura si rintracciano altri Consigli di Amministrazione: quello del 1933, quello del 1934, quello del Poi si salta a quello del 1941, uguale però nella sua composizione al Consiglio di amministrazione del Si nota una certa continuità e di conseguenza anche un invecchiamento dei consiglieri. Non solo resta alla presidenza Augusto Neri, ma rimangono in carica anche Armando Guarducci, Ruggero Antonacci, Odoacre Vivaldi, Armando Tofani. Non sempre ci sono osservazioni sulla loro collocazione politica. Scompaiono quasi del tutto i riferimenti al loro lavoro e ai loro domicili. Va considerato però che erano le stesse associazioni a dover comunicare, su richiesta della questura, l elenco dei soci, le attività svolte e tutto quanto riguardava la vita della società stessa. Le osservazioni da fare quindi sono due. Da una parte la Socrem cercava di procurare al Commissariato le notizie più scarne possibile per sviare questa vigilanza occhiuta. Dall altra, nei fatti, l attività era comunque ridotta ai minimi termini, essendo impedita quella della propaganda. C erano soltanto assemblee dei soci, di solito una volta all anno per approvare il bilancio, come quella del 1926 nella cui riunione si deliberarono anche i lavori di ampliamento al tempio cinerario. Dal punto di vista del Commissariato, sotto il regime la situazione si era semplificata rispetto all epoca liberale, quando dietro a un corteo della Socrem venivano inviati fino a quattro carabinieri e sei guardie di Pubblica Sicurezza. Comunque si trovano alcune informazioni, come quella che riguarda il distintivo, che nel 1904 era bianco e blu, e diventa poi amaranto, il colore del Comune di Livorno. Altre, più importanti sono quelle inviate direttamente dal Commissariato di San Marco al questore, sulla Socrem sulla sua attività. Si legge nella relazione del 3 maggio 1929: Fin dall inizio della sua nascita, il predetto sodalizio, non incontrò qui l approvazione della massa religiosa e civile, in quanto che ha carattere laico non solo, ma in quanto fin dal primo momento, la cremazione dei cadaveri, malgrado che dal lato igienico ebbe dei consensi, fu intesa e vista, sotto forma incivile e antireligiosa. Infatti ciò è la verità, se si pensa, che i fondatori, e soci che ne curarono la divulgazione di tali propositi, furono persone d idee avanzate, e per lo più massoni e repubblicani, i quali appunto maggiormente sono sempre stati i nemici più acerrimi della chiesa e della religione. Molte volte la stampa cittadina, si occupò aspramente di questo sodalizio, che in seguito poi fu una vera e propria società sovversiva-anticlericale, intervenendo solo ai trasporti funebri di sovversivi, od a manifestazioni di carattere sovversivo. Attualmente conta circa soci, compreso un certo numero di donne, e senza tema di smentite, si può dire che il 90% sono sovversivi in genere, ed ex massoni. Da indagini esperite, non è risultato però, che in seno alla Socrem si faccia ora, aperta propaganda contraria al Regime, non così invece nei riguardi della chiesa e della religione, a danno della quale si continuano a fare delle insinuazioni, e viene esercitata ancora segretamente una certa propaganda anticlericale e specialmente fra le I loculi dei fratelli Gigli uccisi dai fascisti sulla soglia di casa il 4 agosto 1922 donne. Non è mai regnato nel sodalizio stesso, alcun sentimento d ordine e di affetto per la Patria, o per il Re, e sotto la parvenza di una associazione laica per la cremazione dei cadaveri, si nascondono elementi nemici della Patria e di ogni sentimento di umanità capaci all occasione di insorgere contro i poteri dello Stato. Si capisce che la polizia non ha elementi precisi sui quali agire contro questa associazione, ma che nel complesso la giudica pericolosa, anticlericale e quindi sovversiva. Probabilmente il Questore aveva chiesto alcuni approfondimenti a causa della polemica che c era stata con il domenicano, padre Giuseppe della chiesa di Santa Caterina, che sul bollettino parrocchiale del gennaio 1929 aveva pubblicato una lettera contro le corbellerie scritte sul Telegrafo a proposito della cremazione, e appellandosi al diritto canonico aveva sostenuto contro la Società: La cremazione dei cadaveri deve riprovarsi; non siamo tenuti a rispettare la volontà del defunto se questi per testamento o con qualsiasi contratto abbia 11

12 disposto per la sua cremazione; chi ha ordinato di essere cremato deve privarsi della sepoltura ecclesiastica e infine infligge la scomunica ai trasgressori di questa legge. Più avanti incontriamo la segnalzione che nel 1935 la Società ha soci, i quali pagano fino a 50 anni una quota di 50 lire. E da 50 in avanti una di 90 lire. Due anni dopo, nel 1937, la Pubblica Sicurezza scrive: Allo stato attuale...con minor numero di soci ridottasi a dai circa, quanti erano nel appartengono nella maggior parte alla Svs, di cui è presidente il noto colonnello in pensione Ottanelli Domenico(e)... si fa presente che l uso della cremazione... è più diffuso che in altre città d Italia, anche più popolose... vi figurano, oltre ad una discreta quantità di apolitici, massoni e repubblicani in preponderanza; anarchici e comunisti in minor proporzione. Giova, far presente che l usanza della cremazione in Livorno è più diffusa che in altre città d Italia in quanto moltissimi sono qui gli areligiosi, molti sono quelli che si fanno cremare per tradizioni di famiglia e non pochi quelli che la seguono per ragioni di economia. Ciò spiega il come non di rado si vedono portare al forno crematorio anche cadaveri di donne e di bambini, appartenenti a famiglie insospettabili dal lato politico e non escluse fra queste anche quelle dei fascisti. Quest ultima affermazione è la spia indiretta, e non troppo, del profondo radicamento della cremazione nella città. Numerosi sono i fascisti che vi fanno ricorso e non pochissimi gli iscritti alla stessa Socrem, stando anche alle carte del Commissariato. Poi la relazione prosegue:... la cifra così elevata di cremazioni non può essere pressa come indice della vera consistenza massina in Livorno, ma, considerata l importanza che un giorno qui ebbero le distrutte logge, si può soltanto arguire che buona parte delle cremazioni stesse riguardano persone della massoneria... Quanto precede non esclude che la cosa debba essere riguardata sotto il suo aspetto reale ed effettivo e questo ci dice che la Socrem è costituita essenzialmente da elementi sovversivi ed impone quindi a quest ufficio il dovere di insistere perchè sia sciolta, non potendosi tollerare che sotto il regime fascista i sovversivi in genere si ritrovino associati sotto qualsiasi forma. Ancora nella stessa data, viene inviata una relazione a Galeazzo Ciano, che ripercorre la storia. Dove si afferma, fra l altro: mancanza di contatto fra i soci, tra i quali non disertano del tutto anche fascisti, pone gli associati nella impossibilità di stabilire fra loro intese per una qualsiasi mena politica sovversiva e questo induce a ritenere che in seno alla società non si svolga attività politica alcuna: che se poi i singoli, fuori dall ambiente societario, riescono ad avvicinarsi e ad intendersi, ciò dipende dalla comunanza dei loro ideali politici e non dal fatto di appartenere al predetto sodalizio. La presunzione quindi che massoneria e comunismo a Livorno vivono ancora organizzati sotto il titolo di Società Crematoria non trova riscontro nella realtà. Un ultimo rilievo da farsi è che da tempo non si verificano nuove iscrizioni e ciò farebbe supporre che, per l influsso dell educazione religiosa tanto incrementata dal fascismo, l uso della cremazione sia detestata da giovani....detta Società...si dichiara apolitica e areligiosa e non consta che si prefigga altri fini...non si reputa opportuno provocarne lo scioglimento in quanto provocherebbe...un senso di malumore tra gli iscritti al sodalizio che in realtà non mostrano occuparsi di politica anche perchè a capo del ripetuto sodalizio trovasi in qualità di presidente il signor Neri Augusto persona seria e corretta il quale per quanto in passato sia stato iscritto alla Massoneria non consentirebbe che in seno a detta società si svolano comuque attività politiche contrarie al regime. Allegato come foglietto dattiloscritto, c è l elenco delle persone più in vista iscritte alla Socrem: l avvocato Arnaldo Maccario, iscritto al PNF, al dottor Alfonso Casella, il ragionier Goffredo Butelli, il commendator Ezio Foraboschi, l avvocato Aristide Dello Strologo, il commendatore e avvocato Teodoro Attila. Improvvisamente l atteggiamento del maresciallo del Commissariato sembra cambiare e in una relazione al questore del 1937, oltre ad informarlo che la società ha una consistenza patrimoniale pari a lire costituita dal valori degli immobili dei loculi, del forno e del tempio crematorio, mobilio, etc.. L atteggiamento però cambierà di nuovo di fronte alle direttive del Ministero degli Interni, Direzione Generale di Pubblica Sicurezza, tese ad impedire la diffusione del foglio a stampa per procurare proseliti, 12

STATUTO DELLA SOCIETA' PER LA CREMAZIONE Con sede in Siena, via G. Mazzini 95

STATUTO DELLA SOCIETA' PER LA CREMAZIONE Con sede in Siena, via G. Mazzini 95 STATUTO DELLA SOCIETA' PER LA CREMAZIONE Con sede in Siena, via G. Mazzini 95 Art. 1) E costituita in Siena un Associazione denominata SO.CREM. Società per la Cremazione Art. 2) L Associazione ha come

Dettagli

SOCREM SOCIETÀ PROVINCIALE DI CREMAZIONE VICENZA STATUTO

SOCREM SOCIETÀ PROVINCIALE DI CREMAZIONE VICENZA STATUTO SOCREM SOCIETÀ PROVINCIALE DI CREMAZIONE VICENZA STATUTO VICENZA 2015 S O C R E M Società Provinciale di Cremazione VICENZA Ente morale R.D. 5.2.1914 n. 128 VICENZA 2015 SOCIETÀ PROVINCIALE DI CREMAZIONE

Dettagli

Funerali senza dio - capitolo 6. Richard Brown & Jane Wynne Willson

Funerali senza dio - capitolo 6. Richard Brown & Jane Wynne Willson Funerali senza dio - capitolo 6 Richard Brown & Jane Wynne Willson Edizioni Omnilog 2010 6. Stesura della cerimonia Questo capitolo presenta un modello per preparare il testo di un funerale laico, e spiega

Dettagli

Newsletter N. 6/2014

Newsletter N. 6/2014 Consiglio Regionale Lazio Newsletter N. 6/2014 Cari amici, siamo giunti alla fine del primo semestre, arrivano le vacanze e con esse la stagione ideale per rilassarci: al mare, in montagna, in campagna

Dettagli

IL SISTEMA CIMITERIALE DI CREMONA Informazioni sui servizi offerti

IL SISTEMA CIMITERIALE DI CREMONA Informazioni sui servizi offerti IL SISTEMA CIMITERIALE DI CREMONA Informazioni sui servizi offerti I CIMITERI Il Comune di Cremona gestisce i seguenti cimiteri: il Civico Cimitero di Cremona (foto 1) via Cimitero 1 - Cremona 1 il Cimitero

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

SO.CREM - VARESE Società Varesina per la Cremazione c/o Palazzo Comunale Via Sacco 5 - Varese via Marcobi 10 Varese tel 0332 234216

SO.CREM - VARESE Società Varesina per la Cremazione c/o Palazzo Comunale Via Sacco 5 - Varese via Marcobi 10 Varese tel 0332 234216 SO.CREM - VARESE Società Varesina per la Cremazione c/o Palazzo Comunale Via Sacco 5 - Varese via Marcobi 10 Varese tel 0332 234216 VADEMECUM PER IL SOCIO SOMMARIO SO. CREM Associazione senza scopo di

Dettagli

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE Gli Italiani vogliono essere indipendenti. Gli Italiani cercano di liberarsi dagli austriaci e dagli amici degli austriaci. Questo periodo si chiama RISORGIMENTO. Gli

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Norme in materia di cremazione dei defunti N. 6055. d iniziativa del deputato ALTEA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Norme in materia di cremazione dei defunti N. 6055. d iniziativa del deputato ALTEA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 6055 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato ALTEA Norme in materia di cremazione dei defunti Presentata il 20 maggio 1999 ONOREVOLI COLLEGHI!

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE UN ALTRA TRIESTE Opinione ed impegno per Trieste. TITOLO I Costituzione e sede

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE UN ALTRA TRIESTE Opinione ed impegno per Trieste. TITOLO I Costituzione e sede STATUTO DELL ASSOCIAZIONE UN ALTRA TRIESTE Opinione ed impegno per Trieste TITOLO I Costituzione e sede Articolo 1 Costituzione È costituita, ai sensi degli artt. 14 e ss. c.c., l associazione UN ALTRA

Dettagli

ASSOCIAZIONE MOLISANA PER LA CREMAZIONE

ASSOCIAZIONE MOLISANA PER LA CREMAZIONE ASSOCIAZIONE MOLISANA PER LA CREMAZIONE Associazione di Promozione Sociale STATUTO 1 Associazione Molisana per la Cremazione Associazione di promozione Sociale Statuto Art. 1: Ai sensi della L. 7/12/2000,

Dettagli

VERBALE DI ASSEMBLEA DI ASSOCIAZIONE. Repubblica Italiana

VERBALE DI ASSEMBLEA DI ASSOCIAZIONE. Repubblica Italiana N.137007/20332.- di repertorio VERBALE DI ASSEMBLEA DI ASSOCIAZIONE Repubblica Italiana L anno duemilasette (2007) il giorno ventisette (27) del mese di novembre alle ore 18,45 (diciotto e quarantacinque).

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Biblioteca Nazionale Braidense presenta: DOMANI AVVENNE 2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Sala Microfilm 30 maggio - 30 giugno 2009 1 Rassegna DOMANI AVVENNE : ciclo di mostre documentarie di

Dettagli

2070 DISTRETTO INTERNAZIONALE. Numero 4-10 9 Gennaio 2009. Pagina 1 di 10

2070 DISTRETTO INTERNAZIONALE. Numero 4-10 9 Gennaio 2009. Pagina 1 di 10 NOTIZIARIO Pagina 1 di 10 Gennaio :: Mese della Sensibilizzazione al Rotary Servire al di sopra degli interessi personali LE PAROLE E LA SAGGEZZA DI PAUL HARRIS Il Rotary è la porta della amicizia. Lasciamola

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CACCAVARI, BRANCATI, GIACCO, GIANNOTTI, OLIVIERI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CACCAVARI, BRANCATI, GIACCO, GIANNOTTI, OLIVIERI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 6156 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI CACCAVARI, BRANCATI, GIACCO, GIANNOTTI, OLIVIERI Disposizioni in materia di cremazione e

Dettagli

CASACLIMA NETWORK - SEZIONE FERMO Art. 1: Denominazione Sede - Durata - Scopo 1.1 Nome 1.2 Sede 1.3 Durata

CASACLIMA NETWORK - SEZIONE FERMO Art. 1: Denominazione Sede - Durata - Scopo 1.1 Nome 1.2 Sede 1.3 Durata CASACLIMA NETWORK - SEZIONE FERMO Art. 1: Denominazione Sede - Durata - Scopo 1.1 Nome 1.2 Sede 1.3 Durata Art. 2: Scopo dell associazione Comunicazioni esterne Utilizzo del logo 2.1 Scopo dell associazione

Dettagli

LA FAMIGLIA CHE EDUCA

LA FAMIGLIA CHE EDUCA LA FAMIGLIA CHE EDUCA Messaggio alle famiglie - Pasqua 2009 Diocesi di Fano Fossombrone Cagli Pergola L educazione delle virtù umane è alla base dell educazione cristiana Il senso dell autorità La famiglia

Dettagli

l emendamento, l art.21 del Regolamento di Polizia mortuaria: il Comune fornisce gratuitamente la cassa di cui l art.20.1.1 e 1.5.1.

l emendamento, l art.21 del Regolamento di Polizia mortuaria: il Comune fornisce gratuitamente la cassa di cui l art.20.1.1 e 1.5.1. CONSIGLIO COMUNALE DEL 29.11.2012 Interventi dei Sigg. consiglieri Regolamento di polizia mortuaria. Modifiche ed integrazioni. Approvazione nuovo testo coordinato con le modifiche. Passiamo al sesto punto:

Dettagli

SOCREM FAQ: LE DOMANDE CHE CI FATE DI FREQUENTE

SOCREM FAQ: LE DOMANDE CHE CI FATE DI FREQUENTE FAQ: LE DOMANDE CHE CI FATE DI FREQUENTE Perché farsi cremare? LA CREMAZIONE La pratica della cremazione è molto antica anche se da noi è stata per molto tempo avversata dalla chiesa cattolica ufficiale.

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

COMUNE CANICATTINI BAGNI (Provincia di Siracusa)

COMUNE CANICATTINI BAGNI (Provincia di Siracusa) COMUNE CANICATTINI BAGNI (Provincia di Siracusa) REGIONE SICILIA (Legge Regionale 17 agosto 2010, n. 18) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E/O DISPERSIONE DELLE CENERI

Dettagli

RELAZIONE SOCIALE ANNO 2012

RELAZIONE SOCIALE ANNO 2012 RELAZIONE SOCIALE ANNO 2012 Cari Soci, Siamo qui a presentare il bilancio consuntivo del terzo anno, sembrano pochi tre anni ma se volgiamo lo sguardo all indietro sembra passata una eternità. INTRODUZIONE

Dettagli

associazione per il bambino in ospedale Amico ABIO

associazione per il bambino in ospedale Amico ABIO associazione per il bambino in ospedale numero 34 maggio 2015 Amico ABIO UDINE Periodico quadrimestrale di informazione di ABIO Udine Onlus Direttore Responsabile: Paola Del Degan Redazione: Paola Caselli,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE NEGRI, BECCHETTI, DIVELLA, COLLAVINI, FRAU, BAIAMONTE, FRATTA PASINI, AMATO, CONTE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE NEGRI, BECCHETTI, DIVELLA, COLLAVINI, FRAU, BAIAMONTE, FRATTA PASINI, AMATO, CONTE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1666 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI NEGRI, BECCHETTI, DIVELLA, COLLAVINI, FRAU, BAIAMONTE, FRATTA PASINI, AMATO, CONTE Nuove

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di GRINZANE CAVOUR Provincia di CUNEO REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI S O

Dettagli

Federazione Italiana per la Cremazione. Fac-simile di Statuto per la costituzione di una Società per la Cremazione

Federazione Italiana per la Cremazione. Fac-simile di Statuto per la costituzione di una Società per la Cremazione Federazione Italiana per la Cremazione Fac-simile di Statuto per la costituzione di una Società per la Cremazione COSTITUZIONE E SCOPO Art. 1 Costituzione e Denominazione E costituita la Associazione per

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO Amici del Mare

STATUTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO Amici del Mare STATUTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO Amici del Mare TITOLO I COSTITUZIONE - SCOPO - DURATA Art. 1 1. E costituita l organizzazione di volontariato denominata Amici del Mare., qui di seguito detta Associazione.

Dettagli

ASSOCIAZIONE SENIOR SANPAOLO. - Mantenere legami affettivi e collaborativi e favorire ed. intensificare i vincoli di amicizia e solidarietà fra gli ex

ASSOCIAZIONE SENIOR SANPAOLO. - Mantenere legami affettivi e collaborativi e favorire ed. intensificare i vincoli di amicizia e solidarietà fra gli ex ASSOCIAZIONE SENIOR SANPAOLO STATUTO Art. 1 Denominazione, sede e durata Ai sensi e per gli effetti dell art. 18 della Costituzione italiana e degli articoli 36, 37 e 38 del Codice Civile è costituita

Dettagli

LA STORIA DELL ANPAS

LA STORIA DELL ANPAS LA STORIA DELL ANPAS Le Pubbliche Assistenze nascono alla metà dell 800 sulla spinta degli ideali risorgimentali SCHEDA 2 Le radici storiche SOCIETÀ OPERAIE DI MUTUO SOCCORSO Sodalizi attivi negli stati

Dettagli

Statuto Comitato Permanente Festeggiamenti Patronali Assergi

Statuto Comitato Permanente Festeggiamenti Patronali Assergi Statuto Comitato Permanente Festeggiamenti Patronali Assergi Inviato da assergi il Mar, 07/05/2011-14:43 STATUTO COMITATO PERMANENTE FESTEGGIAMENTI PATRONALI ASSERGI Anche questo anno 2011 si è costituito

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CEDRIF CENTRO DESIGN E RICERCA FLOREALE CEDRIF - CENTRO DESIGN E RICERCA FLOREALE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CEDRIF CENTRO DESIGN E RICERCA FLOREALE CEDRIF - CENTRO DESIGN E RICERCA FLOREALE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CEDRIF CENTRO DESIGN E RICERCA FLOREALE Art. 1. E' costituita l'associazione denominata: CEDRIF - CENTRO DESIGN E RICERCA FLOREALE che si qualifica come una Associazione, di fatto,

Dettagli

rassegna stampa RASSEGNA STAMPA 12 Maggio 2015 IL CITTADINO Lodi Lettere & opinioni Un trattamento del paziente attento e dignitoso

rassegna stampa RASSEGNA STAMPA 12 Maggio 2015 IL CITTADINO Lodi Lettere & opinioni Un trattamento del paziente attento e dignitoso Pagina 1 di 6 rassegna stampa 12 Maggio 2015 IL CITTADINO Lodi Un trattamento del paziente attento e dignitoso Tre reparti formati da persone di qualità Codogno Medici di talento, premio ganelli a laura

Dettagli

I SERVIZI CIMITERIALI

I SERVIZI CIMITERIALI I SERVIZI CIMITERIALI Agec cura i servizi Cimiteriali dal 1999, impegnandosi a garantire un servizio di qualità, nel rispetto del decoro e della riservatezza. Tutti i servizi cimiteriali Agec sono certifi

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE C O M U N E DI G E N O L A Provincia di Cuneo REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI S O

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIA N. 39 del 3 settembre 2010 SUPPLEMENTO ORDINARIO

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIA N. 39 del 3 settembre 2010 SUPPLEMENTO ORDINARIO LEGGE REGIONALE N. 18 DEL 17 AGOSTO 2010 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CREMAZIONE DELLE SALME E DI CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E/O DISPERSIONE DELLE CENERI Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIA

Dettagli

Statuto CasaClima Network Sezione ABRUZZO

Statuto CasaClima Network Sezione ABRUZZO Statuto CasaClima Network Sezione ABRUZZO Art. 1: Denominazione Sede - Durata - Scopo 1.1 Nome 1.2 Sede 1.3 Durata Art. 2: Scopo dell associazione Comunicazioni esterne Utilizzo del logo 2.1 Scopo dell

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE LEGGI E REGOLAMENTI LEGGE REGIONALE N.20 del 9 ottobre 2006 Regolamentazione per la cremazione dei defunti e di loro resti, affidamento, conservazione e dispersione delle

Dettagli

CULTURA ITALIANA. (5 minuti di proiezione del film)

CULTURA ITALIANA. (5 minuti di proiezione del film) CULTURA ITALIANA Introduzione Bologna è una città medievale, dove la bellezza è nascosta, bisogna scoprirla. Ma ha anche dei segreti, per esempio la qualità della cucina. Il tortellino è il principe della

Dettagli

STATUTO. Costituzione sede scopi

STATUTO. Costituzione sede scopi STATUTO Costituzione sede scopi Art. 1 È costituita un Associazione denominata LO SCOIATTOLO. È un associazione internazionale di aiuti umanitari e cooperazione. L Associazione non ha fini di lucro. L

Dettagli

STATUTO INTERNO. UILDM - UNIONE ITALIANA LOTTA ALLA DISTROFIA MUSCOLARE - SEZIONE DI Modena onlus - Associazione di Volontariato L.

STATUTO INTERNO. UILDM - UNIONE ITALIANA LOTTA ALLA DISTROFIA MUSCOLARE - SEZIONE DI Modena onlus - Associazione di Volontariato L. STATUTO INTERNO UILDM - UNIONE ITALIANA LOTTA ALLA DISTROFIA MUSCOLARE - SEZIONE DI Modena onlus - Associazione di Volontariato L. 266/1991 ART. 1. COSTITUZIONE. E' costituita l'associazione denominata

Dettagli

Allegato A) ai nn. 66457/20896 di rep. e racc. notaio Pezzi Maria STATUTO DI ASSOCIAZIONE RICONOSCIUTA TITOLO I COSTITUZIONE E SCOPO ART.

Allegato A) ai nn. 66457/20896 di rep. e racc. notaio Pezzi Maria STATUTO DI ASSOCIAZIONE RICONOSCIUTA TITOLO I COSTITUZIONE E SCOPO ART. Allegato A) ai nn. 66457/20896 di rep. e racc. notaio Pezzi Maria STATUTO DI ASSOCIAZIONE RICONOSCIUTA TITOLO I COSTITUZIONE E SCOPO ART. 1 COSTITUZIONE E' costituita, per iniziativa di un gruppo di amici

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE AMICI DELLA SANTA CATERINA ONLUS. Art. 1 DENOMINAZIONE E costituita l Associazione AMICI DELLA SANTA CATERINA O.N.L.U.S.

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE AMICI DELLA SANTA CATERINA ONLUS. Art. 1 DENOMINAZIONE E costituita l Associazione AMICI DELLA SANTA CATERINA O.N.L.U.S. STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE AMICI DELLA SANTA CATERINA ONLUS Art. 1 DENOMINAZIONE E costituita l Associazione AMICI DELLA SANTA CATERINA O.N.L.U.S. Art. 2 DURATA L Associazione è un organizzazione non lucrativa

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI DEL SOCCORSO CASTELNUOVO DI PORTO CAPO 1 - COSTITUZIONE E SCOPI

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI DEL SOCCORSO CASTELNUOVO DI PORTO CAPO 1 - COSTITUZIONE E SCOPI STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI DEL SOCCORSO CASTELNUOVO DI PORTO CAPO 1 - COSTITUZIONE E SCOPI Articolo 1 Nel comune di Castelnuovo di Porto è costituita l Associazione che prende il nome: ASSOCIAZIONE

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Regolamento recante disciplina sulla conservazione, l affidamento e la dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti. Art. 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI RAGUSA. REGIONE SICILIA (Legge Regionale 17 agosto 2010, n. 18)

COMUNE DI RAGUSA. REGIONE SICILIA (Legge Regionale 17 agosto 2010, n. 18) COMUNE DI RAGUSA REGIONE SICILIA (Legge Regionale 17 agosto 2010, n. 18) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E/O DISPERSIONE DELLE CENERI Approvato con deliberazione di C.C.

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE BORGO A QUATTRO ZAMPE. ART. 1 (La denominazione, la sede e la durata dell Associazione)

STATUTO ASSOCIAZIONE BORGO A QUATTRO ZAMPE. ART. 1 (La denominazione, la sede e la durata dell Associazione) STATUTO ASSOCIAZIONE BORGO A QUATTRO ZAMPE ART. 1 (La denominazione, la sede e la durata dell Associazione) 1. L Associazione di Volontariato denominata Borgo a quattro zampe la sua attività e i rapporti

Dettagli

Fondazione Studi Universitari di Vicenza FSU Vicenza. STATUTO (Composto da 16 articoli)

Fondazione Studi Universitari di Vicenza FSU Vicenza. STATUTO (Composto da 16 articoli) Fondazione Studi Universitari di Vicenza FSU Vicenza Codice Fiscale 95070400247 Iscritta nel Registro delle Persone Giuridiche della Prefettura di Vicenza al n.79 Costituita in data 25 luglio 2002 con

Dettagli

Prefettura di Grosseto Ufficio Territoriale del Governo Area II Raccordo Enti Locali ed Ufficio Elettorale

Prefettura di Grosseto Ufficio Territoriale del Governo Area II Raccordo Enti Locali ed Ufficio Elettorale Prot. U. 14054 del 10.1.2014 Prefettura di, data del protocollo Presidente dell Ufficio Elettorale Circoscrizionale presso la Corte d Appello di Roma Presidente dell Amministrazione Provinciale di Sindaci

Dettagli

Health Care Proxy (delega per assistenza sanitaria) Nomina del proprio fiduciario per la salute nel New York State

Health Care Proxy (delega per assistenza sanitaria) Nomina del proprio fiduciario per la salute nel New York State 1 Health Care Proxy (delega per assistenza sanitaria) Nomina del proprio fiduciario per la salute nel New York State La New York Health Care Proxy Law vi permette di nominare una persona di fiducia, ad

Dettagli

Un funerale all italiana curato dalla Seasons. Un servizio unico uguali.

Un funerale all italiana curato dalla Seasons. Un servizio unico uguali. Un funerale all italiana curato dalla Seasons. Un servizio unico uguali. I nostri organizzatori e direttori tecnici di funerali italiani sono fieri dell allestimento di funerali per famiglie cattoliche

Dettagli

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA CONVERSAZIONE CLINICA Classe VA 1) Che cosa ti fa venire in mente la parola ''volontariato''? -Una persona che aiuta qualcuno in difficoltà. (Vittoria) -Una persona che si offre per aiutare e stare con

Dettagli

LEGALITA e concretezza

LEGALITA e concretezza 20 Notiziario della Segreteria Generale del Sindacato Autonomo di Polizia Direttore Politico: NICOLA TANZI Direttore Responsabile: MASSIMO MONTEBOVE Registrazione Tribunale Roma n. 98 del 21 febbraio 2000

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Benvenuti In Italia. Genova - Roma - Torino - Terme di Valdieri. Fotografia di Ross Thompson

Benvenuti In Italia. Genova - Roma - Torino - Terme di Valdieri. Fotografia di Ross Thompson Benvenuti In Italia Genova - Roma - Torino - Terme di Valdieri Fotografia di Ross Thompson La Piazza Raffaele De Ferrari e` la piazza centrale della citta` di Genova. Tutte le feste della citta` avvengono

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI BUSCA REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI S O M M A R I O Art. DESCRIZIONE

Dettagli

Statuto della Fondazione Conservatorio Santa Chiara. Premessa

Statuto della Fondazione Conservatorio Santa Chiara. Premessa Statuto della Fondazione Conservatorio Santa Chiara Premessa Il Conservatorio di Santa Chiara di San Miniato nasce per riduzione del Monastero omonimo, risalente al XIII secolo, in Conservatorio per l

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI COMUNE DI OSASCO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI I N D I C E Art. DESCRIZIONE Art. DESCRIZIONE 1 CAPO I - NORME GENERALI

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI COMUNE DI PECETTO TORINESE CAP 10020 - PROVINCIA DI TORINO Sede Municipale di via Umberto I n.3 Tel. 0118609218/9- Fax 0118609073 e mail:info@comune.pecetto.to.it Partita IVA 02085860019 - C.F. 90002610013

Dettagli

Il processo di unificazione (1849-1861)

Il processo di unificazione (1849-1861) Il processo di unificazione (1849-1861) Il Piemonte dopo il 48 Il Regno di Sardegna è l unico stato italiano che mantiene lo Statuto. Crisi tra il re Vittorio Emanuele II e il suo ministro D Azeglio e

Dettagli

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Quali strade per il futuro? Il ruolo della regione nell ottica della devolution (*) Guido Della Frera Assessore

Dettagli

LO STATUTO. Fondazione Banca San Paolo di Brescia. Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE

LO STATUTO. Fondazione Banca San Paolo di Brescia. Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE È istituita la Fondazione denominata "Fondazione Banca San Paolo di Brescia" al fine di assicurare, con un nuovo strumento adeguato alla vigente legislazione, la prosecuzione

Dettagli

Statuto Gruppo di Volontariato Pang onopang ono (ONLUS) Modifiche approvate in data 18 giugno 2010

Statuto Gruppo di Volontariato Pang onopang ono (ONLUS) Modifiche approvate in data 18 giugno 2010 Gruppo di Volontariato Pang onopang ono O.N.L.U.S. Via Guerrazzi, 93 57016 Rosignano Solvay (LI) C.F. 92074950491 Statuto Gruppo di Volontariato Pang onopang ono (ONLUS) Modifiche approvate in data 18

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO VOLONTARI SOCCORSO IN MARE

STATUTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO VOLONTARI SOCCORSO IN MARE STATUTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO VOLONTARI SOCCORSO IN MARE Art. 1 Costituzione denominazione e sede È costituita con sede in Rimini (RN) Via Ortigara n.78/80 L Associazione di volontariato denominata

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA CLASSE LASER 4000

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA CLASSE LASER 4000 1 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA CLASSE LASER 4000 ART. 1 - COSTITUZIONE E costituita una Associazione sportiva denominata: ASSOCIAZIONE ITALIANA CLASSE LASER 4000 o più semplicemente ASSO 4000. ART.

Dettagli

VERIFICA PARROCCHIALE DEL 9 GIUGNO GRUPPO 1

VERIFICA PARROCCHIALE DEL 9 GIUGNO GRUPPO 1 VERIFICA PARROCCHIALE DEL 9 GIUGNO GRUPPO 1 Presenti: Lucia, Emma, Gabriella, Nadia, Fabrizia, Anna, Gabriele, Vittorio, Mauro, Alberto, Massimo, Anna, Valeria, Elisa. 1. Si ritiene necessaria e importante

Dettagli

Aldo Palumbo Direzione Generale Sanità Regione Lombardia. Firenze 20 maggio 2011

Aldo Palumbo Direzione Generale Sanità Regione Lombardia. Firenze 20 maggio 2011 PIANIFICAZIONE CIMITERIALE: FRA NUOVE REGOLE E ANTICHI DOVERI Normativa della Regione Lombardia in materia di attività e servizi necroscopici funebri e cimiteriali Firenze 20 maggio 2011 Aldo Palumbo Direzione

Dettagli

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 Relazione Incontro del 30 Settembre 2008 BAMBINI ADOTTIVI E BIOLOGICI INSIEME IN FAMIGLIA Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 La genitorialità

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

N. 14/2013 Seduta del 29.04.2013

N. 14/2013 Seduta del 29.04.2013 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 14/2013 Seduta del 29.04.2013 OGGETTO APPROVAZIONE CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI CREMAZIONE DI SALME E DI RESTI MORTALI/OSSEI PRESSO L IMPIANTO CREMATORIO DEL COMUNE

Dettagli

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Poi venne l aurora Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Ernesto Riggi Tutti i diritti riservati A tutti i giovani coraggiosi, capaci di lottare pur di realizzare

Dettagli

Statuto della Società Dante Alighieri

Statuto della Società Dante Alighieri Eretta Ente Morale con R.Decreto 18 luglio 1893, N.347 Onlus per legge ex Decreto Legge n. 136 del 28 maggio 2004 così come modificato dall allegato alla Legge di conversione del 27 luglio 2004, n.186.

Dettagli

Prot. 9540/6.11 Firenze, 2 Novembre 2015

Prot. 9540/6.11 Firenze, 2 Novembre 2015 Prot. 90/6.11 Firenze, 2 Novembre 201 Ai Dirigenti Scolastici degli Istituti di Istruzione Secondaria di II grado della Regione Toscana LORO SEDI Oggetto: Elezioni di secondo livello dei rappresentanti

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI COMUNE DI VILLAR FOCCHIARDO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n.20) Art. DESCRIZIONE Art.

Dettagli

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO Provincia di FIRENZE

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO Provincia di FIRENZE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI (APPROVATO CON DELIBERA CONSILIARE N. 33 DEL 4 AGOSTO 2005) Art. 1 Oggetto

Dettagli

VIA GIOVANNI AMENDOLA

VIA GIOVANNI AMENDOLA VIA GIOVANNI AMENDOLA Via Giovanni Amendola unisce Via Indipendenza a Via F.lli Cervi. Si tratta di una via situata nel centro del paese.costeggia Piazza dei Quartieri e dopo una curva a destra si immette

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE NAZIONALE FAMIGLIE CADUTI E MUTILATI DELL AERONAUTICA Costituzioni - Sedi - Scopi Art. 1 L Associazione Nazionale Famiglie

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE NAZIONALE FAMIGLIE CADUTI E MUTILATI DELL AERONAUTICA Costituzioni - Sedi - Scopi Art. 1 L Associazione Nazionale Famiglie STATUTO DELL ASSOCIAZIONE NAZIONALE FAMIGLIE CADUTI E MUTILATI DELL AERONAUTICA Costituzioni - Sedi - Scopi Art. 1 L Associazione Nazionale Famiglie dei Caduti e Mutilati dell Aeronautica (ANFCMA) costituita

Dettagli

riportare quindi il centro del nostro mondo tra le mura della nostra città.

riportare quindi il centro del nostro mondo tra le mura della nostra città. magazine free press Firenze Urban Lifestyle è un magazine freepress che nasce dalla volontà di dare energia alla forza intrinseca della città di Firenze. La nostra redazione vuole dar voce a realtà e situazioni

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ART. 1 ART. 2

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ART. 1 ART. 2 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO A.V.G. FANCONI ART. 1 1. È costituita ai sensi della legge n. 266 del 1991 l organizzazione di volontariato, denominata: «A.V.G. Fanconi» 2. L organizzazione ha

Dettagli

Comune di Arezzo. Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti

Comune di Arezzo. Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti Comune di Arezzo Regolamento relativo alla cremazione, affidamento, conservazione e dispersione delle ceneri derivanti dalla cremazione dei defunti (deliberazione CC n. del in vigore dal) NORME GENERALI

Dettagli

Elaborazione dati: Simone Becciolini Si ringraziano per la collaborazione Coordinamento: Donata Marangio Claudia Martelli e Maurizio Ferrini

Elaborazione dati: Simone Becciolini Si ringraziano per la collaborazione Coordinamento: Donata Marangio Claudia Martelli e Maurizio Ferrini QUESTIONARIO VALUTAZIONE SODDISFAZIONE Elaborazione dati: Simone Becciolini Si ringraziano per la collaborazione Coordinamento: Donata Marangio Claudia Martelli e Maurizio Ferrini MAM 03 - Maggio 2007

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI LIMONE PIEMONTE Provincia di Cuneo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Allegato alla deliberazione del Consiglio Comunale n. 33 del 08.04.2008

Dettagli

SEDUTA DEL 15.02.2011: ti racconto la mia esperienza al CCR.

SEDUTA DEL 15.02.2011: ti racconto la mia esperienza al CCR. Se ascolto dimentico, se vedo ricordo, se faccio capisco. (Confucio) Numero 3 SEDUTA DEL 15.02.2011: ti racconto la mia esperienza al CCR. Nell ultima seduta del Consiglio sono state graditissime ospiti

Dettagli

apre lavora parti parla chiude prende torno vive

apre lavora parti parla chiude prende torno vive 1. Completa con la desinenza della 1 a (io) e della 2 a (tu) persona singolare dei verbi. 1. - Cosa guard...? - Guardo un film di Fellini. 2. - Dove abiti? - Abit... a Milano. 3. - Cosa ascolt...? - Ascolto

Dettagli

ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE

ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE Le festività civili, militari e religiose scandiscono, come le stagioni, la vita scolastica e i componimenti degli alunni, in particolare nella scuola

Dettagli

i servizi Cimiteriali IL FUnERARE E LA SEPOLTURA

i servizi Cimiteriali IL FUnERARE E LA SEPOLTURA i servizi Cimiteriali IL FUnERARE E LA SEPOLTURA AGEC gestisce i servizi Cimiteriali dal 1999, impegnandosi a garantire un servizio di qualità, nel rispetto del decoro e della riservatezza. Tutti i servizi

Dettagli

Oleggio 01/11/2005 Festa di Tutti i Santi Ap 7,2-4.9-14 Sal 23, 1-6 1 Gv 3, 1-3 Dal vangelo secondo Matteo 5, 1-12 a

Oleggio 01/11/2005 Festa di Tutti i Santi Ap 7,2-4.9-14 Sal 23, 1-6 1 Gv 3, 1-3 Dal vangelo secondo Matteo 5, 1-12 a Oleggio 01/11/2005 Festa di Tutti i Santi Ap 7,2-4.9-14 Sal 23, 1-6 1 Gv 3, 1-3 Dal vangelo secondo Matteo 5, 1-12 a Preghiera iniziale Ci mettiamo alla presenza del Signore e apriamo il nostro cuore alla

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE

STATUTO ASSOCIAZIONE STATUTO ASSOCIAZIONE L anno duemilasei, il giorno ventisei, del mese di gennaio, presso la sala consigliare del Comune di San Maurizio d Opaglio si è riunita l Assemblea generale dei soci della ASSOCIAZIONE

Dettagli

Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società Modena Calcio - rappresentanze di tifosi UISP Modena Progetto Ultrà

Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società Modena Calcio - rappresentanze di tifosi UISP Modena Progetto Ultrà Progetto/azione Il tifoso protagonista della sicurezza Responsabilità Gabinetto del Sindaco Politiche per la Sicurezza Urbana Soggetti coinvolti Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Dicembre 2009 ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Sabato 28 novembre si è svolta la tredicesima edizione della Giornata Nazionale della Colletta Alimentare. Anche nella nostra provincia la mobilitazione è stata

Dettagli

Tappe della trasformazione fascista dello Stato. Gli eventi

Tappe della trasformazione fascista dello Stato. Gli eventi Tappe della trasformazione fascista dello Stato Gli eventi DESTRA CENTRO SINISTRA GRUPPI POLITICI SEGGI Partito Comunista d'italia 19 Partito Socialista Italiano 22 Partito Socialista Unificato 24 Partito

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE UFFICIALI DI GARA

STATUTO ASSOCIAZIONE UFFICIALI DI GARA UFFICIALI DI GARA a.s.d. Tel. 328 6386550/ 348 5343538 CF. e PI.03860650237 STATUTO ASSOCIAZIONE UFFICIALI DI GARA Articolo 1 Denominazione, sede e durata Ai sensi e per gli effetti dell art. 18 della

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

SEDUTA DI MARTEDÌ 15 LUGLIO 2014

SEDUTA DI MARTEDÌ 15 LUGLIO 2014 Atti Parlamentari 1 Camera Deputati Senato Repubblica COMMISSIONE PARLAMENTARE DI CONTROLLO SULLE ATTIVITÀ DEGLI ENTI GESTORI DI FORME OBBLIGATORIE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA SOCIALE RESOCONTO STENOGRAFICO

Dettagli