"Education is the most powerful weapon which you can use to change the world" L Educazione è l arma più potente che può cambiare il mondo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""Education is the most powerful weapon which you can use to change the world" L Educazione è l arma più potente che può cambiare il mondo"

Transcript

1 "Education is the most powerful weapon which you can use to change the world" L Educazione è l arma più potente che può cambiare il mondo (Nelson Mandela)

2 Indice Scheda di Identità Storia Mission Sedi Organigramma Attività Accreditamenti Febbraio

3 Scheda di Identità DENIMINAZIONE CESES ONG Centro Europa per la Scuola, Educazione e Società SEDE LEGALE C.so di Porta Vittoria n Milano, Italia Tel sito P.E.C: SEDE OPERATIVA Via Mauro Gavazzeni n Bergamo (Bg) CODICE FISCALE PARTITA IVA DECRETO DI Decreto N 2002/337/002236/0 del 3/06/2002 IDONEITÀ ONG ONLUS DI DIRTTO Legge 125 del 11 agosto del 2014 art.32 comma 7 MISSION Formazione e sviluppo ATTIVITA Nei Paesi in Via di Sviluppo realizza progetti di cooperazione internazionale In Europa promuove l educazione e la formazione in dimensione Europea Febbraio

4 1. Storia La storia dell organizzazione inizia nel giugno 1989: un gruppo di insegnanti, dirigenti scolastici, docenti universitari pedagogisti hanno dato vita all associazione, per portare nel mondo della scuola la formazione in dimensione europea. CESES in oltre 20 anni di attività ha formato centinaia di docenti e dirigenti della scuola italiana, formando esperti di livello europeo e contribuendo alla modernizzazione del nostro sistema scolastico. E stato presente in centinaia di scuole della regione Lombardia lanciando ed organizzando per 10 anni la giornata del 9 maggio, festa dell Europa, con pubbliche manifestazioni europee che hanno visto fino studenti al Palalido. Tra i Soci Fondatori di CESES, che hanno dato un contributo fondamentale all elaborazione scientifica dei programmi in atto, vogliamo ricordare qui il compianto pedagogista Professor CESARE SCURATI, cui CESES ha avuto l onore di consegnare la medaglia d oro nel 2010 per l impegno profuso a sostegno della Organizzazione. Ricordiamo inoltre tra i luminari più importanti che hanno dato lustro al CESES, il Prof. TITO BALLARINO, docente di diritto delle Comunità europee che ha dato sempre il Suo contributo per una cultura europea fondata sul concetto di cittadinanza attiva dei giovani e dei cittadini. Le molteplici attività di Ceses, che negli anni hanno coinvolto anche migliaia di giovani europei, hanno contribuito a costruire un Europa aperta al mondo, democratica, impegnata per la pace, e la solidarietà con gli altri popoli. Dal 2006 CESES ha promosso un network di 60 scuole europee, affinché studenti e docenti di tutta Europa potessero lavorare insieme per crescere come cittadini europei attivi. Nel 2002, per la sua attività internazionale nell area balcanica, CESES è stata riconosciuta come ORGANIZZAZIONE NON GOVERNATIVA da parte del Ministero degli Affari Esteri Italiano per la formazione in loco dei cittadini e per la realizzazione di programmi a medio e breve termine nei Paesi in via di Sviluppo. Febbraio

5 La sua mission è FORMAZIONE E SVILUPPO : per noi L EDUCAZIONE e la FORMAZIONE rappresentano l elemento chiave che permette ad ogni popolo di crescere, raggiungere indipendenza e libertà, conservando le proprie radici. In Europa e nei Paesi in via di Sviluppo CESES opera con un obbiettivo che persegue da 25 anni : portare la Scuola in Europa e l Europa nella Scuola per promuovere la pace, la crescita e la solidarietà. In oltre 25 anni di attività, centinaia di docenti hanno collaborato con CESES in Europa, in Albania, Kosovo, Brasile e Senegal. In questi Paesi, i nostri interventi hanno portato una formazione di qualità, che ha raggiunto non solo centinaia di insegnanti, ma anche migliaia di giovani ed adulti, delle fasce più deboli delle popolazioni con cui siamo venuti a contatto. Febbraio

6 2. Mission I progetti di CESES hanno come primario obbiettivo la FORMAZIONE E SVILUPPO Ceses è impegnato ogni giorno a tutelare i bambini e i giovani dall ignoranza, dalla violenza e dallo sfruttamento promuovendo il loro inserimento nella scuola, nei canali di educazione formale e informale, cercando di assicurare loro le cure mediche ed il cibo indispensabili per una crescita fisica e culturale equilibrata. I principi cui Ceses si ispira nel proprio operare sono quelli dettati dalla Carta dell Onu, dalla Carta Internazionale dei diritti del fanciullo del 1989 e dai diritti della Carta Europea del Cittadino. Credere nell'europa significa per noi credere nell Europa solidale, aperta al mondo, convinti che solo investendo sui giovani e sulla loro educazione e formazione, fina da piccoli ( la realizzazione del Ceses della scuola Materna a Joal Fadiuth, in Senegal ne è specifico esempio) ci sarà reale futuro di crescita e sviluppo civile, economico, sociale nel mondo. I nostri progetti di cooperazione internazionale, in Brasile, in Senegal e in Albania, mirano al miglioramento dei sistemi educativi dei Paesi in Via di Sviluppo come chiave di uscita dalla povertà economica e sociale tenendo conto degli standard europei e mirando inoltre a migliorare l accesso alle strutture di tutela dell infanzia, scuole primarie, secondarie e professionali. Tra i nostri principali obbiettivi c è quello di dotare i territori di strutture e percorsi formativi di qualità, promuovendo l inserimento professionale dei più deboli. La nostra vision è un mondo in cui bambini, ragazzi e giovani possano crescere nel riconoscimento dei loro diritti e possano beneficiare in primis del diritto fondamentale all'istruzione, senza discriminazioni religiose, etniche o politiche. L'educazione per noi deve mirare ad esaltare il talento personale e a facilitare lo sviluppo delle capacità individuali che metta in condizione chiunque di migliorare la propria esistenza e la società in cui vive in termini di costruttivo apporto tipo. personale nel quadro della convivenza pacifica tra le diversità di ogni Febbraio

7 3. Sedi Sede legale: C.so di Porta Vittoria n Milano, Italia Tel sito P.E.C: Sede operativa in Italia : Via Mauro Gavazzeni n Bergamo (BG) Sedi territoriali in Italia Sede di Bergamo Sede di Como Sede di Delebio (SO) Sede di Milano Sedi internazionali all estero CESES Albania - Tirana CESES Kosovo - Pristina CESES Senegal Dakar CESES Tunisia Tunisi CESES Brasile Porto Allegre Febbraio

8 4. Organigramma ASSEMBLEA DEI SOCI CESES CONSIGLIO DIRETTIVO Polliani Giovanni (Presidente e Legale Rappresentante) Filippo Vanoncini (vice-presidente) Alessandro Messi Efrem Barcella Salomoni Maria Paola Francesco Grassotti Stefano Peltrini PRESIDENZA Presidente : dott. Giovanni Polliani Vice-presidente: dott. Filippo Vanoncini COMITATO SCIENTIFICO DIRETTORE GENERALE Dott. Alessandro Messi DESK OFFICE Dott. Gabriele Di Marco AMMINISTRAZIONE Responsabile relazioni internazionali: dott. Stefano Peltrini Responsabile Formazione Dott.ssa Paola Salomoni Febbraio

9 5. Attività PROGETTI E ATTIVITÀ IN ITALIA E SUL TERRITORIO DELL UNIONE EUROPEA Progetto EAC Nel 2007 con uno specifico del programma EAC - Cittadinanza europea attiva della Commissione Europea, Ceses è diventato coordinatore di una rete europea di 60 scuole. (vedi sito web ww.eac-ceses.it) Il 9 maggio 2008, durante la celebrazione della Giornata dell'europa, le scuole della rete EAC si sono riunite e hanno deciso di costituire una rete permanente di scuole europee, al fine di: - favorire scambio di esperienze e know-how - cooperare in progetti europei - promuovere la crescita di una cittadinanza attiva e consapevole nella società europea e tra i giovani. Le scuole si sono incontrate e hanno lavorato insieme al fine di favorire una Cittadinanza europea attiva. Nel 2008, in conformità con gli obiettivi della Commissione europea, CESES ha incentrato le sue attività sull allargamento e consolidamento della rete delle scuole EAC, coinvolgendo in essa anche le amministrazioni pubbliche a livello locale e le organizzazioni della società civile. Nel 2009, CESES si concentra sulla rete EAC, più che sulla celebrazione della festa dell Europa del 9 maggio a Milano, al fine di rendere EAC una piattaforma permanente di comunicazione tra scuole e centri di istruzione da tutta Europa: il suo compito sarà non solo sostenere i gemellaggi tra scuole ma anche l'organizzazione di conferenze, seminari ed eventi. L'obiettivo finale sarà quello di estendere la festa tradizionale fatta da CESES per il 9 maggio a livello europeo, al fine di organizzare una festa in ogni Stato membro. La rete EAC è formata da: a) scuole della regione Lombardia, disposte a realizzare progetti europei e a sviluppare nella scuola una cultura europea della cittadinanza, anche con la promozione di scambi a livello europeo b) le scuole europee gemellate con le scuole italiane c) I governi locali d) Associazioni e organizzazioni della società sul territorio Il progetto Scuole Rete EAC, grazie al patrocinio della Commissione europea, mira a migliorare i risultati del passato, capitalizzando l'esperienza EAC e offrendo uno strumento pratico per le scuole e le organizzazioni Febbraio

10 locali che hanno intenzione di portare la cittadinanza attiva ad una dimensione europea. Il momento di visibilità pubblica per la rete EAC è l'evento finale, "9 maggio Festa dell'europa" di Milano. Lo scopo della rete è quello di promuovere in modo permanente la cittadinanza europea attiva tra gli studenti, con una significativa diffusione sul territorio. Ogni anno si è svolto nelle scuole un concorso sul tela annuale della commissione Europea ed il 9 maggio son state premiate le scuole che hanno prodotto il lavoro migliore. I progetti realizzati da CESES nel quadro della rete EAC: "Creatività e Innovazione nella Promozione della Cittadinanza europea attiva - CIPEAC" (2009) o finanziatore principale: la Commissione europea o Gli obiettivi di questo progetto erano: promuovere riflessioni e dibattiti sul nuovo Trattato di Lisbona e l'elezione del Parlamento europeo, promuovere l'anno europeo della Creatività e dell'innovazione, organizzare una o più iniziative per la celebrazione del 9 maggio, incoraggiare la cooperazione tra le scuole e le amministrazioni locali, organizzare la seconda conferenza annuale di EAC. Il progetto si è chiuso con i massimi risultati. "Discutiamo di esclusione sociale - LASEP" (2010) o finanziatore principale: la Commissione europea o Il progetto ha promosso riflessioni e dibattiti sul tema dell'anno europeo 2010 "Lotta alla povertà e all'esclusione sociale", ha promosso il volontariato, favorito la cooperazione tra scuole, amministrazioni locali e associazioni di volontariato, ed ha organizzato a Milano la terza conferenza delle scuole EAC. "VIAS - Il volontariato in azione nella scuola" progetto (2011) o finanziatore principale: la Commissione europea o Considerando che il 2011 era l'anno europeo del volontariato, il progetto ha mirato ad organizzare una grande conferenza per discutere su come la scuola può interagire e cooperare con le organizzazioni di volontariato. Questo evento è stato il punto di partenza per aprire la rete EAC ad altre organizzazioni della società civile, associazioni, ONG, ecc.. e per impostare le basi per una collaborazione attiva con le organizzazioni di volontariato presenti a livello locale di ciascuna scuola. Febbraio

11 Altri progetti e iniziative in ambito UE Hurricane: Human Rights Reflections in Cultural and Networking Exchange (2010), cofinanziato dalla European Youth Foundation, è stato realizzato da organizzazioni di paesi europei partners di CESES e da alcune scuole della rete EAC. Ha realizzato, come obbiettivo finale, un partecipatissimo seminario sull educazione ai diritti umani tra 40 giovani di 14 Paesi Europei allo scopo di favorire il dialogo interculturale e il networking. Take Action - Make Your World Young: T.A. M.Y.W.Y. (2010), cofinanziato dalla European Youth Foundation per la realizzazione di un sito web funzionale alla rete EAC, finalizzato a promuovere le attività del network, dare visibilità ai lavori prodotti nell ambito dei concorsi delle scuole EAC ed essere uno strumento di visibilità ed espansione della rete stessa. Il sito è stato realizzato e può essere ancora consultato al seguente indirizzo : Developing Successful Projects in Education and Vocational Training (2010), programma Grundtvig, cofinanziato dalla Commissione Europea e dedicato alla formazione di insegnanti relativamente ai programmi e fondi dell UE destinati al settore gioventù ed educazione (Erasmus Mundus, Youth in Action Europe for Citizens, ecc...). In particolare il training ha formato i partecipanti in merito al ciclo di progetto e ha fornito loro le competenze necessarie a promuovere la crescita culturale degli studenti attraverso i programmi UE Progetto Networking in Vocational Education and Training - NETVET ( ). Finanziatore principale: Commissione europea. Progetto di partenariato multilaterale Leonardo da Vinci che p ha lavorato per la creazione di un network e lo sviluppo di attività di cooperazione fra organismi che, a diverso titolo, operano nel campo dell istruzione e della formazione professionale in Europa. Ambasciatori europei a scuola: La riunificazione del nostro Continente, progetto della Commissione europea, sede di Milano,in collaborazione con CESES ( ). Incontri di approfondimento sulla riunificazione del nostro continente rivolti agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado. 9 Maggio, Festa dell Europa (dal 2002). La festa del 9 maggio, giornata dell Europa, è stata una delle più importanti attività svolte dal Ceses in dieci anni consecutivi di lavoro. Febbraio

12 Enti promotori e finanziatori: Regione Lombardia, Provincia di Milano, Direzione Regionale Scolastica della Lombardia, Rappresentanza a Milano dell Ufficio della Commissione Europea e del Parlamento Europeo. Obiettivo: avvicinare gli studenti alle tematiche europee, coinvolgendoli attraverso un concorso tematico ed una grande manifestazione conclusiva proprio il 9 Maggio di ciascun anno. L inocntro annuale ha raggiunto nel 2010 la presenza al Palalido di Milano di oltre studenti della scuola Italiane ed Europee della rete EAC. Nel 2011 l iniziativa è stata interrotta in quanto gli Uffici della sede del Parlamento in Milano, hanno avocato a sé la gestione della festa del 9 maggio sostenendo la tesi che tale festa doveva essere promosso e gestita direttamente dagli uffici Istituzionali. Da tale anno Ceses ha interrotto la collaborazione e l impegno per organizzare e sostenere l evento che si ripeteva da 10 an Progetto Intercultural and Democracy in an European Milan - I.D.E.M. (2009). Finanziatore principale: Commissione europea. Si è tenuto un partecipato seminario di 2 giorni con giovani italiani e migranti, insegnanti, educatori e responsabili delle politiche della gioventù per favorire l integrazione giovanile a livello europeo, sviluppare la solidarietà e PROMUOVERE LA TOLLERANZA per la creazione di una società interculturale a Milano, promuovere processi di ascolto attivo e gestione dei conflitti. Progetto EUROREG ( ). Finanziatore principale: Regione Lombardia. Obiettivo: creazione di una rete di scambio tra formatori, docenti, Istituzioni in Lombardia; formazione di docenti, specialisti dell educazione in dimensione europea. II Simposio Europeo Da qui a realtà, strumenti, prospettive, 22 Giugno 2006, Milano. Eurorientamento: orientare i giovani in dimensione europea ( ). Finanziatore principale: Regione Lombardia. Obiettivo: promuovere interventi per la mobilità di lavoro, studio e formazione degli studenti all interno dei Paesi dell Unione Europea. Conversazioni sull Europa: verso una cittadinanza europea sempre più convinta e consapevole (2004 e 2015) Un ciclo di conferenze aperte alla cittadinanza, di approfondimento sull Europa: le istituzioni, le prospettive e i programmi per la cultura, lo studio e il lavoro. Febbraio

13 Simposio Europeo La cittadinanza europea nel III millennio: popoli, culture, educazione, 4 Maggio 2002, Milano. Visite di istruzione e stage di studio alle Istituzioni europee per gruppi di studenti, docenti, dirigenti scolastici (dal 1989 al 1994 ) Conosci l Europa attraverso l arte, un percorso di viaggi ed itinerari tematici, alla scoperta degli aspetti culturali, storici ed artistici più significativi dell Europa, in uno studio dal vivo del Vecchio Continente (dal 1989 al 1999) Attivazione di corsi - Corsi 2009: Corso di I e II livello di portoghese; - Corso 2001: per esperti di fotovoltaico. - Corsi : Improve your English. Corsi finalizzati ad insegnanti di scuola elementare per poter insegnare inglese ad ottenere una certificazione con OXFORD INSTITUTE di Milano - Progettare e gestirei progetti europei; Comunicazione efficace sul web (Net-semiology); Comunicare efficacemente su internet; Il bilancio economico e sociale nelle Ong/Onlus; Gestire i conflitti in ambito educativo. Finanziatore: FSE. - Corsi 2005 e 2006: Investire nel capitale umano della scuola. Una serie di corsi rivolti agli operatori scolastici - dirigenti, alte professionalità, docenti, ATA - per l aggiornamento delle competenze rispetto al nuovo scenario della scuola che cambia: dimensione europea, ICT e didattica, riforma della scuola. Finanziatore: FSE. - Corsi : 17 corsi attivati editoria digitale e nuove tecnologie per i servizi integrati; gestione e valorizzazione del patrimonio ambientale e culturale; marketing territoriale e sviluppo locale; qualità dei servizi; internazionalizzazione di impresa - rivolti a giovani ed adulti in crisi occupazionale, con particolare attenzione alle donne. Finanziatore: FSE. - Corsi ( ) di lingua inglese e didattica dell insegnamento per docenti e dirigenti scolastici Febbraio

14 PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Progetti e Attività in Albania Progetto "Takim (Incontro)" (1993 e il 1997) Il primo progetto internazionale del Ceses è stato realizzato su richiesta del Consiglio d Europa. Aveva come titolo i bambini del paese delle aquile e si tratta di bambini dell Albania. Il Ceses lo chiamò progetto Takim che vuole dire INCONTRO Appena caduto il dittatore Enver Hoxha, il Consiglio d Europa si assunse il compito di avviare il processo di democratizzazione a partire dalle scuole albanesi. In questo contesto il Ceses venne incaricato di partenariare 200 scuole albanesi della regione di Valona e Saranda con 200 scuole Italiane.Ceses assunse il compito ed operò per ben due anni con risorse proprie per attivare tali gemellaggi, raggiungendo in pieno l obbiettivo che gli era stato assegnato. Per questo motivo il Consiglio d Europa definì il Ceses LEADER DI PROGETTO Da questo importante progetto, Ceses segnò la sua qualificata presenza sul territorio ed ha continuato con i progetti che vengono riportati qui sotto. Progetto Insegnare l'ict in dimensione europea ( ) Finanziatore principale: Ministero Affari Esteri. Obiettivo generale l avvicinamento di docenti e studenti agli standard europei e alle competenze del Trattato di Lisbona, prevede la formazione di specialisti in ECDL, che siano in grado a loro volta di formare docenti e studenti. Progetto «Formare e creare una rete istituzionale per l identificazione, l accoglienza e l integrazione durevole dei migranti di ritorno ( ) Finanziatore principale: Unione Europea. Implementato in 8 distretti, con l obiettivo del reinserimento sociale.il progetto ha raggiunto più di 250 albanesi rientrati fornendo loro formazione e collocamento al lavoro. Il progetto ha prodotto la pubblicazione di un volume indicante tutti i centri di formazione professionale esistenti in Albania per permettere ai successivi rientrati di accedere al metodi indicato dal progetto ed arrivare alla ricollocazione attiva nel territorio. Progetto "Quartiere dei bambini responsabili" ( ) Obiettivo: richiamare l attenzione dei ragazzi dei quartieri suburbani di Tirana sui diritti e doveri dei cittadini in occasione della festa dei bambini il 1 giugno. Progetto "Rafforzare le conoscenze sul processo di integrazione europea nella società civile in Albania" ( ) Febbraio

15 Finanziatore principale: Unione Europea. Obiettivo: formazione post-universitaria per insegnati "European trainers", svoltosi in collaborazione con l Università di Tirana e con la delegazione della Commissione Europea di Tirana, con organizzazione conclusiva della Festa d'europa. IL progetto ha formato più di 200 insegnati European trainers che hanno portato nelle rispettive scuole le conoscenze e gli obbiettivi dell UE, promuovendo un cosciente accostamento dei giovani al processo di entrata dell Albania nell UE. Progetto "Sole d'estate per i bambini di strada" (2005 e 2007) Obiettivo: istituire scuole estive per i bambini di strada di Tirana nelle località di vacanza di Palase (Dhermi) e a Pogradec. Compito del soggiorno estivo è stato quello di sottrarre i bambini dalla strada per educarli alla successiva successiva integrazione nell ambiente scolastico. Festa d Europa (dal ) In questi anni è stato indetto nelle scuole un concorso (letterario, grafico, musicale), su tematiche decise dall UE, con la festa conclusiva il 9 maggio mediante ubblica manifestazione come già avveniva a Milano. Progetto Ali scuola" ( ) Obiettivo: Formazione del personale docente delle 200 scuole gemellate di Valona e Saranda riguardo a tematiche quali pedagogia dell intercultura, pedagogia linguistica, democrazia in linea con le proposte europee del Paese. Progetti e attività in Brasile Progetto Cultura e lavoro con il popolo Kaingang - Comunità di Inhancorà- Brasile ( ) Finanziatore principale: Fondazione San Zeno e Tavola Valdese. Obiettivo: sostegno alla cultura indigena Kaingang attraverso la valorizzazione dell artigianato tradizionale con percorsi di riqualificazione mirati e con la costituzione di 3 cooperative. Il progetto ha raggiunto in ieno gli obbiettivi proposti con soddisfazione della comunità Kaiganghe. Durante il progetto il Kassiki ( capo villaggio) è venuto a Milano in visita alle scuola di Milano e interland. Progetto Recupero e valorizzazione della cultura Kaingang - Comunità di Inhancorà ( ) Finanziatore principale: Regione Lombardia. Obiettivo: sostegno e al recupero della cultura dei Kaingang di Inhacorà, riserva indigena localizzata nella parte nord dello stato di Rio Grande do Sul. Il progetto ha avuto lo scopo di recuperare storia e tradizioni della Comunità Kaiganghe. E stato ricostituito il gruppo di canti e danze tradizionali della comunità, sono state varate cooperative lavoro per la produzione di artigianato locale, sono state recuperate tradizioni scritte depositate nella libreria della scuola della Comunità. Febbraio

16 Progetti e attività in Kosovo Progetto Per una scuola moderna ed inclusive: creazione e l avviamento dell Istituto Pedagogico del Kosovo (IPK) ( ) Finanziatore principale: Ministero Affari Esteri. Obiettivo: Dar vita ad un Istituto Pedagogico specializzato nell innovazione scolastica e nella formazione professionale conseguente del corpo docente in Kosovo. Il progetto è stato pienamente realizzato. Attualmente funziona a Pristina l ISTITUTO PEDAGOGICO del KOSSOVO ( IPK ) come Ente di Diritto Pubblico, che sta svolgendo esattamente le funzioni per cui è stato istituito : Innovazione e formazione nella scuola nazionale per TUTTO il personale dirigente, docente ed amministrativo della scuola. Si tratta di una realizzazione di altissimo livello qualitativo di cui il MAE ( Ente finanziatore ) ed il CESES devono andare orgogliosi. Progetto Formazione in scambio Italia/Kosovo per uno sviluppo in partnership (InfoEaS) ( ) Finanziatore principale: Ministero Affari Esteri (ONG capofila: PRO.DO.C.S., partners: Ai.Bi., CESES, CeLIM, Intersos, IPSIA, R.T.M.). Obiettivo: contribuire all apertura del dialogo fra Balcani ed Europa e per promuovere il network e la peer education tra ONG (italiane e kosovare) e istituzioni pubbliche. Diritti e doveri dei Bambini (2009) Incontri con gli studenti delle classi di 5 e 6 nelle scuole delle municipalità di Pristina e Podujeva. Progetto Formare per lo Sviluppo, ( ) Creazione di 10 laboratori per attività artistica dei bambini nei distretti di Pristina e di Peja, con supporto materiale e assistenza tecnica Nelle 10 scuole in cui Ceses ha operto sono state svolte attività parallele come Formazione dei docenti e dei dirigenti, workshop, mostre e seminari su tematiche pedagogico/didattiche. Progetto Infolab Kosovo ( ) Finanziatore principale: Protezione Civile-sezione fondi privati. Creazione di 10 laboratori informatici in 10 scuole di Pristina e di Klina e Peja. Il Ceses ha fornito in ciascuna scuola comupter, softwer e formazione informatica dei docenti impegnati ad insegnare agli alunni le nuove tecnologie. I laboratori delle scuole sono stai aperti anche ai giovani ed adulti del territorio con corsi serali, operando così la saldatura tra scuola istituzionale e formazione professionale. Febbraio

17 Progetto Scuole Kosovo ( ) Obiettivo: supportare 18 scuole fornendo materiale didattico e organizzando dei corsi di formazione sia in Italia che in Kosovo, per docenti e dirigenti scolastici. In questo contesto sono stati attivati gemellaggi fra le scuole kossovare coinvolte e scuole lombarde. i Progetti e attività in Senegal Progetto Energia solare al servizio dell educazione. Una centrale fotovoltaica al liceo Limamoulaye ( ) Finanziatore principale: Ministero degli Affari Esteri. Obiettivo: installare presso il liceo di Limamoulaye una centrale fotovoltaica in grado di garantire costantemente il diritto all educazione degli studenti del Liceo e in parallelo sensibilizzare e formare i giovani senegalesi alle energie rinnovabili con una serie di attività interculturali sul tema dell educazione ambientale. Il progetto è stato concluso nel 2013 con piena soddisfazione del Liceo di Limamoulaye, del Ceses e del Ministero degli Esteri Italiano che ha seguito con grande interesse e supportato egregiamente il progetto. Ora è attiva la centrale fotovoltaica che dà luce continua all Istituto di studenti che possono svolgere con certezza i programmi didattici spesso bloccati dalla mancanza di corrente elettrica fornita nel passato dalla rete pubblica. La Centrale permette altresì di immettere corrente nella rete pubblica con ricavati che vanno a sostenere la manutenzione dell opera realizzata. Progetto Donne di Joal e scuola materna ( ) Finanziatore principale: Donazioni e Fondazioni private. Obiettivo: creare un centro per l infanzia a Joal Fadiouth per togliere i bambinie dalle spalle fisiche delle donne lavoratrici e dalla strada. Obbiettivo collaterale, ma importantissimo è anche quello di arginare il lavoro minorile. La scuola è stata realizzata con successo ed è stata consegnata all amministrazione Comunale per la messa in funzione. Progetto Infolab Limamoulaye Guediawave ( ) Finanziatore principale: Regione Lombardia. Obiettivo: creazione di 2 laboratori informatici nel liceo Limamoulaye di Guediawave per la sperimentazione e la diffusione delle nuove tecnologie informatiche e per la formazione del personale docente e degli studenti del liceo. Nel quadro di questo progetto il CESS ha formato a Milano 5 insegnanti nel campo informatico facendo loro conseguire la certificazione ECDL. Era stata attivato anche il Gemellaggio con il Liceo di Cinisello Balsamo con scambi di visite tra i dirigenti scolatici. Febbraio

18 6. Accreditamenti CESES è: Ente accreditato dal Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca per la formazione del personale della scuola D.M Protocollo n. 1937/C/3 del 21 gennaio 2002 Organizzazione non Governativa (ONG) riconosciuta dal Ministero Affari Esteri per la formazione in loco dei cittadini di Paesi in via di Sviluppo e per la realizzazione di programmi a medio e breve termine nei Paesi in via di Sviluppo. Decreto n. 2002/337/002236/0 del 3/06/2002. ONLUS DI DIRITTO : legge n.125 del 11 agosto 2014 art.32 comma 7 Ente iscritto nella Directory of European Associations in the field of education della Commissione Europea Membro di CONCORD The European NGO confederation for relief and development Membro di AOI Associazione delle ONG Italiane Membro di CoLomba, associazione delle organizzazioni di cooperazione e solidarietà internazionale della Lombardia Ente iscritto al Registro Regionale dell Associazionismo Sezione B) Culturale. Decreto n 310 del 19/01/2010 Febbraio

CESES ONG, Formazione e Sviluppo

CESES ONG, Formazione e Sviluppo CESES ONG, Formazione e Sviluppo LA MISSION CESES nasce nel 1989, da un gruppo di insegnanti, dirigenti scolastici e professori universitari. Da 22 anni, le persone di CESES credono nella formazione come

Dettagli

Il Programma per la formazione permanente.

Il Programma per la formazione permanente. Anno VII 15 dicembre 2008 Numero speciale a cura di Giuseppe Anzaldi NUMERO SPECIALE: IL PROGRAMMA PER LA FORMAZIONE PERMANENTE Introduzione Obiettivi e struttura I quattro pilastri Comenius Erasmus Leonardo

Dettagli

STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA

STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA Quali sono gli obiettivi dell Unione nel realizzare i programmi per la mobilità? Questi programmi rientrano all interno della politica di istruzione, formazione

Dettagli

Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? giordano golinelli

Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? giordano golinelli Che cos è e a cosa serve l educazione allo sviluppo? EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO alla pace, alla mondialità, all intercultura, all ambiente, allo sviluppo sostenibile, ai diritti umani Un po di storia...

Dettagli

L'educazione èl'arma piùpotente che può cambiare il mondo. (Nelson Mandela)

L'educazione èl'arma piùpotente che può cambiare il mondo. (Nelson Mandela) L'educazione èl'arma piùpotente che può cambiare il mondo. (Nelson Mandela) LA MISSION CESES Onlus nasce nel 1989, da un gruppo di insegnanti, dirigenti scolastici e professori universitari. Da oltre 20

Dettagli

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa Promozione dei percorsi inerenti l educazione alla legalità, alla democrazia, alla cittadinanza responsabile, al contrasto della criminalità organizzata per il triennio 2013-2015 PREMESSO CHE: La Regione

Dettagli

Le opportunità comunitarie nella futura Programmazione 2014-2020: i fondi a gestione diretta per la cultura ERASMUS+

Le opportunità comunitarie nella futura Programmazione 2014-2020: i fondi a gestione diretta per la cultura ERASMUS+ Al servizio di gente unica Le opportunità comunitarie nella futura Programmazione 2014-2020: i fondi a gestione diretta per la cultura ERASMUS+ Erasmus+: obiettivi generali Il programma Erasmus+ contribuisce

Dettagli

Mediterraneo, lo specchio dell Altro III edizione

Mediterraneo, lo specchio dell Altro III edizione Progetto Mediterraneo, lo specchio dell Altro III edizione Denominazione dell iniziativa: Mediterraneo. Lo specchio dell Altro III anno Ente promotore: CIPMO - Centro Italiano per la Pace in Medio Oriente

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE. FRANCESCO SAVERIO NITTI di NAPOLI

PROTOCOLLO D INTESA. tra ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE. FRANCESCO SAVERIO NITTI di NAPOLI Prot. 5594/D1l PROTOCOLLO D INTESA tra ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE di NAPOLI e L ASSEMPLEA PARLAMENTARE DEL MEDITERRANEO con sede a MALTA 1 PROTOCOLLO D INTESA tra ISTITUTO DI ISTRUZIONE

Dettagli

Consiglio Regionale della Puglia Ufficio del Garante dei diritti dell Infanzia e dell adolescenza TRA

Consiglio Regionale della Puglia Ufficio del Garante dei diritti dell Infanzia e dell adolescenza TRA Consiglio Regionale della Puglia Ufficio del Garante dei diritti dell Infanzia e dell adolescenza MIUR PROTOCOLLO D INTESA TRA L UFFICIO DEL GARANTE DEI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA DELLA REGIONE

Dettagli

Che cos è AIESEC? Cambiare il mondo tramite l educazione

Che cos è AIESEC? Cambiare il mondo tramite l educazione AIESEC Italia Che cos è AIESEC? Nata nel 1948, AIESEC è una piattaforma che mira allo sviluppo della leadership nei giovani, offrendo loro l opportunità di partecipare a stage internazionali con l obiettivo

Dettagli

Il programma ERASMUS PLUS

Il programma ERASMUS PLUS Il programma ERASMUS PLUS Nel Gennaio 2014 avrà inizio Erasmus +, il nuovo programma europeo per l'educazione, la formazione, i giovani e lo sport per gli anni 2014-2020. Il programma è stato adottato

Dettagli

#CosaVuoiFareDaGiovane? ERASMU

#CosaVuoiFareDaGiovane? ERASMU #CosaVuoiFareDaGiovane? Il nuovo Programma SCEGLI europeo. per l Istruzione, la Formazione, la Gioventù e lo Sport 2014-2020 Urbino, 16 aprile 2014 ERASMU a cura dell Ufficio comunicazione, informazione

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

Il contributo del Programma Leonardo da Vinci al Lifelong Learning e le prospettive per la nuova fase di programmazione

Il contributo del Programma Leonardo da Vinci al Lifelong Learning e le prospettive per la nuova fase di programmazione From the Lifelong Learnig Programme to Erasmus for All Investing in high quality education and training Istituto di Istruzione Superiore Crescenzi Pacinotti di Bologna 24 maggio 2013 Il contributo del

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE

PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione consiliare

Dettagli

PROGRAMMA ERASMUS + INFORMAZIONI GENERALI SUL PROGRAMMA ERASMUS + Key Action 1 - Mobilità del personale scolastico

PROGRAMMA ERASMUS + INFORMAZIONI GENERALI SUL PROGRAMMA ERASMUS + Key Action 1 - Mobilità del personale scolastico PROGRAMMA ERASMUS + INFORMAZIONI GENERALI SUL PROGRAMMA ERASMUS + Key Action 1 - Mobilità del personale scolastico Erasmus plus è il nuovo programma varato dall'unione europea per il periodo 2014-2020

Dettagli

Il sistema scolastico ed educativo

Il sistema scolastico ed educativo Il sistema scolastico ed educativo La scuola, in provincia di Siena, in questi ultimi anni, è cresciuta in quantità e qualità. La popolazione scolastica, che ammonta nel 2008-2009 a 32.861 studenti, dalla

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR)

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) PROTOCOLLO D INTESA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) Associazione Volontari Italiani del Sangue (di seguito denominato AVIS) VISTI gli articoli 2-3-13-19-32

Dettagli

Le tipologie di finanziamento UE dal 2014

Le tipologie di finanziamento UE dal 2014 LA NUOVA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014-2020 2020 Le opportunità di mobilità e cooperazione per l istruzione scolastica e per la mobilità dei giovani Fiorenzuola 07 maggio 2014 Programmi a gestione diretta

Dettagli

5^ edizione del progetto Acqua Bene Comune (a.s. 2012/2013) WATER CITIZEN. acqua e cittadinanza attiva

5^ edizione del progetto Acqua Bene Comune (a.s. 2012/2013) WATER CITIZEN. acqua e cittadinanza attiva 5^ edizione del progetto Acqua Bene Comune (a.s. 2012/2013) WATER CITIZEN acqua e cittadinanza attiva Progetto gratuito per le scuole secondarie di 2 grado e i centri di formazione professionale della

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità 3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità Obiettivo globale 6 - Promuovere politiche di mobilità transnazionale e di cooperazione

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005 CONVEGNO NAZIONALE SCUOLA E VOLONTARIATO Palermo, 16-18 gennaio 2005 "Non so quale sarà il vostro destino, ma una cosa la so: gli unici tra voi che saranno felici davvero saranno coloro che avranno cercato

Dettagli

COOPERATIVA SOCIALE EDI ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA PORTFOLIO

COOPERATIVA SOCIALE EDI ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA PORTFOLIO COOPERATIVA SOCIALE EDI ONLUS EDUCAZIONE AI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA PORTFOLIO PERCHÉ UN PORTFOLIO DELLE COMPETENZE La Cooperativa Sociale E.D.I. Onlus, al secondo anno di attività e raggiunto

Dettagli

2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica

2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica 2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica L educazione alla cittadinanza democratica (EDC) è il risultato di un dibattito che nasce da diverse problematiche: il basso livello di partecipazione alle

Dettagli

newsletter N.4 Dicembre 2013 Erasmus+ il nuovo programma integrato per l istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport.

newsletter N.4 Dicembre 2013 Erasmus+ il nuovo programma integrato per l istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport. newsletter N.4 Dicembre 2013 Questo numero è stato realizzato da: Franca Fiacco ISFOL Agenzia Nazionale LLP Programma settoriale Leonardo da Vinci Erasmus+ il nuovo programma integrato per l istruzione,

Dettagli

Programma di apprendimento permanente 2007-2013

Programma di apprendimento permanente 2007-2013 Programma di apprendimento permanente 2007-2013 Invito a presentare candidature in vista della predisposizione di un elenco di esperti per le attività di valutazione nel contesto del Programma di apprendimento

Dettagli

ALFABETO DEL CITTADINO. Libera Lombardia

ALFABETO DEL CITTADINO. Libera Lombardia ALFABETO DEL CITTADINO Libera Lombardia PREMESSA Il tema della legalità e quello dell impegno che la scuola deve assumere per la costruzione di relazioni consapevoli tra cittadini e tra questi e le istituzioni

Dettagli

Progetto: COMUNICA CoLOMBA

Progetto: COMUNICA CoLOMBA Progetto: COMUNICA CoLOMBA 1. Chi siamo CoLOMBA Cooperazione Lombardia, è l Associazione delle Organizzazioni Non Governative lombarde e raccoglie 105 ONG, dalle più grandi alle più minuscole. Il minimo

Dettagli

Le Olimpiadi entrano nelle scuole Firmato il protocollo tra TOROC e MIUR

Le Olimpiadi entrano nelle scuole Firmato il protocollo tra TOROC e MIUR COMUNICATO STAMPA 26/2003 Le Olimpiadi entrano nelle scuole Firmato il protocollo tra e MIUR (TORINO, 17 MARZO 2003) Valentino Castellani, presidente del e la senatrice Maria Grazia Siliquini, sottosegretario

Dettagli

Carta dei servizi Onda Società Cooperativa Sociale

Carta dei servizi Onda Società Cooperativa Sociale Carta dei servizi 1 INDICE Presentazione...p. 3 Principi fondamentali...p. 3 A chi ci rivolgiamo...p. 4 Il nostro assetto istituzionale: ruoli e funzioni...p. 4 Progetti e Servizi...p. 6 Standard di qualità...

Dettagli

CAMBIARE VITA, APRIRE LA MENTE VOLONTARIATO E CSV IN MOVIMENTO CON L EUROPA

CAMBIARE VITA, APRIRE LA MENTE VOLONTARIATO E CSV IN MOVIMENTO CON L EUROPA CAMBIARE VITA, APRIRE LA MENTE VOLONTARIATO E CSV IN MOVIMENTO CON L EUROPA Bologna, 30 gennaio 2014 Relatore: Laura Borlone ERASMUS! UN NUOVO PROGRAMMA EUROPEO NEL CAMPO DELL ISTRUZIONE DELLA FORMAZIONE

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti!

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! I programmi comunitari 2014-2020 Modalità Strumenti Programmi UE Gestione diretta a finanziamento diretto 4 Strumenti geografici IPA ENI PI DCI Assistenza

Dettagli

I Regolamenti - Le Indicazioni Nazionali

I Regolamenti - Le Indicazioni Nazionali Ministero della Pubblica Istruzione Direzione Generale Regionale per la Sicilia Via Fattori, 60 90146 Palermo Prot. n. 184 out del 22.9.2008 Segr. Ispettiva USR Sicilia I Regolamenti - Le Indicazioni Nazionali

Dettagli

Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) Il CONSIGLIO DI ISTITUTO ADOTTA

Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) Il CONSIGLIO DI ISTITUTO ADOTTA Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) VISTO il DPR 8 marzo 1999, n. 275 art. 3, c.3: Il Piano dell'offerta formativa è elaborato

Dettagli

Le persone con disabilità

Le persone con disabilità Mina Lomuscio Ministero Affari Esteri Direzione Generale Cooperazione allo Sviluppo Unità Tecnica Centrale Cooperazione internazionale e inclusione Rimini 9 novembre 2013 Le persone con disabilità Le persone

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R.

PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R. PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R. E L ONG ASSOCIAZIONE ITALIANA PER IL WORLD WIDE FUND FOR NATURE - ONLUS WWF ITALIA PROTOCOLLO D'INTESA TRA

Dettagli

Azioni di sensibilizzazione ed educazione alla mondialità

Azioni di sensibilizzazione ed educazione alla mondialità Azioni di sensibilizzazione ed educazione alla mondialità I annualità Obiettivi. costruire capacità di comunicazione e dialogo interculturale tra gli studenti delle scuole secondarie superiori italiane;.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia C.P.I.A. RAGUSA

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia C.P.I.A. RAGUSA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia C.P.I.A. RAGUSA Centro Provinciale per l Istruzione degli Adulti Via Giordano Bruno sn 97100 RAGUSA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLA SOLIDARIETA INTERNAZIONALE E DEI DIRITTI UMANI. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLA SOLIDARIETA INTERNAZIONALE E DEI DIRITTI UMANI. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLA SOLIDARIETA INTERNAZIONALE E DEI DIRITTI UMANI Art. 1 Finalità La Provincia di Genova, in attuazione di quanto previsto dal proprio Statuto, promuove la cultura della

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I VOLONTARI DELLA SARDEGNA

PIANO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I VOLONTARI DELLA SARDEGNA 2016 PIANO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I VOLONTARI DELLA SARDEGNA LA FORMAZIONE...Una formazione che accolga la persona nella sua unicità ed unitarietà, formazione di uomini e donne solidali, una

Dettagli

Comune di Padova REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA DELLA PACE, DEI DIRITTI UMANI E DELLA SOLIDARIETA'

Comune di Padova REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA DELLA PACE, DEI DIRITTI UMANI E DELLA SOLIDARIETA' Comune di Padova REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA DELLA PACE, DEI DIRITTI UMANI E DELLA SOLIDARIETA' Approvato con deliberazione consiliare n. 51 del 20 maggio 1996 Modificato con deliberazione

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA UNA LIM PER TUTTI PREMESSA Nelle scuole dei Comuni di Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d Elsa si è venuta rafforzando negli ultimi anni la collaborazione tra scuola e famiglie. La nascita del Comitato

Dettagli

ATTIVITÀ CHIAVE 1: MOBILITÀ INDIVIDUALE A FINI DI APPRENDIMENTO - CAPITOLO GIOVENTÙ. Erasmus+

ATTIVITÀ CHIAVE 1: MOBILITÀ INDIVIDUALE A FINI DI APPRENDIMENTO - CAPITOLO GIOVENTÙ. Erasmus+ ATTIVITÀ CHIAVE 1: MOBILITÀ INDIVIDUALE A FINI DI APPRENDIMENTO - CAPITOLO GIOVENTÙ Erasmus+ KA1 Obiettivi Generali Migliorare le competenze chiave e le capacità dei giovani, inclusi quelli con minori

Dettagli

PROGRAMMA PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE 2007-2013

PROGRAMMA PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE 2007-2013 PROGRAMMA PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE 2007-2013 Il Background del Programma LLP Dichiarazione di Bologna (1999): costruzione di uno spazio europeo dell istruzione superiore Consiglio di Lisbona (2000):

Dettagli

Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education. Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte

Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education. Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte La Agenda Seoul, obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte è uno dei maggiori

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca d intesa con Il Forum delle Associazioni Nazionali dei Genitori VISTO l articolo 3 della Costituzione della Repubblica Italiana, al cui primo

Dettagli

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena SCHEDA-PROGETTO PER LE ATTIVITÀ DI SPESA CORRENTE PROMOSSE DA EE.LL. (PUNTO 2.2, LETTERE A. E B. DELL ALLEGATO A) FINALIZZATE AD INTERVENTI RIVOLTI AD ADOLESCENTI E GIOVANI. (L.R. 14/08 "NORME IN MATERIA

Dettagli

Il Programma LLP - Leonardo da vinci e il nuovo Programma Erasmus for All (2014 2020) Relatore: Franca Fiacco

Il Programma LLP - Leonardo da vinci e il nuovo Programma Erasmus for All (2014 2020) Relatore: Franca Fiacco Il Programma LLP - Leonardo da vinci e il nuovo Programma Erasmus for All (2014 2020) Relatore: Franca Fiacco Fonte: Comunicazione Commissione europea al Parlamento, al Consiglio, al Comitato economico

Dettagli

MOVIMENTO CULTURALE IDEELIBERE

MOVIMENTO CULTURALE IDEELIBERE All attenzione del Dirigente Scolastico del Liceo Classico Adolfo Pansini, prof. Salvatore Pace Oggetto: Progetto Scriviamo... CAMBIAMO Introduzione Il sottoscritto, Salvatore Salzano, Presidente Nazionale

Dettagli

Presentazione associazione ITAL WATINOMA

Presentazione associazione ITAL WATINOMA Associazione ITAL WATINOMA ONLUS Piazza Europa 5-20058 Villasanta (MB) C.F. 94595990154 Presentazione associazione ITAL WATINOMA L Associazione ITAL WATINOMA Accoglienza è un organizzazione di volontariato

Dettagli

Relazione di presentazione del Piano ISS al Collegio Docenti e al Consiglio d Istituto

Relazione di presentazione del Piano ISS al Collegio Docenti e al Consiglio d Istituto PIANO ISS Presidio MILANO Istituto Tecnico Industriale Statale Liceo Scientifico Tecnologico Ettore Molinari Via Crescenzago, 110-20132 Milano - tel.: (02) 28.20.786 / 28.20.868 fax: (02) 28.20.903 / 26.11.69.47

Dettagli

VISTO l art. 3, DPR 275/99, così come novellato dai commi 14-16, articolo unico L. 107/2015;

VISTO l art. 3, DPR 275/99, così come novellato dai commi 14-16, articolo unico L. 107/2015; Prot. N. 5438/A07 del 28/10/2015 Roma 28 ottobre 2015 Al Collegio dei Docenti Alla Commissione POF Al Consiglio d Istituto Oggetto: Indirizzi del DS per le attività e le scelte di gestione e di amministrazione

Dettagli

Lifelong Learning Programme - Programma di apprendimento permanente

Lifelong Learning Programme - Programma di apprendimento permanente Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il trattato UE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Articolo 149 Contribuire allo sviluppo della qualità dell istruzione

Dettagli

Allegato B Dgr n. 1382 del 12/05/2009 pag. 1/7

Allegato B Dgr n. 1382 del 12/05/2009 pag. 1/7 Allegato B Dgr n. 382 del 2/05/2009 pag. /7 Sezione A - ADEMPIMENTI DI LEGGE Gestione Archivio Pace e Gestione attività dell archivio ai sensi articolo 2 lett. c) Diritti Umani presso della L.R. n. 55/999

Dettagli

Istituti Comprensivi di Vicenza e Comune di Vicenza P.O.F.T. a.s. 2010/2011. Piano dell Offerta Formativa Territoriale

Istituti Comprensivi di Vicenza e Comune di Vicenza P.O.F.T. a.s. 2010/2011. Piano dell Offerta Formativa Territoriale P.O.F.T. a.s. 2010/2011 Piano dell Offerta Formativa Territoriale Istituti Comprensivi di Vicenza e Comune di Vicenza Gli Istituti Comprensivi, il Comune di Vicenza e l ULSS n. 6 sono impegnati a promuovere

Dettagli

PROGETTI DI INTERESSE REGIONALE 2014. di cui al punto 4.3.4 lett. a) e b) Obiettivo generale 5 Asse 3 Educazione alla cittadinanza globale

PROGETTI DI INTERESSE REGIONALE 2014. di cui al punto 4.3.4 lett. a) e b) Obiettivo generale 5 Asse 3 Educazione alla cittadinanza globale ALLEGATO B Regione Toscana Direzione generale della Presidenza - Settore Attività Internazionali D.C.R. n. 26 del 04/04/2012 Piano Integrato delle attività internazionali PROGETTI DI INTERESSE REGIONALE

Dettagli

SCHEDA 1 L ASSOCIAZIONE

SCHEDA 1 L ASSOCIAZIONE SCHEDA 1 L ASSOCIAZIONE L associazione Fabbrica dei Sogni si può definire come il punto di arrivo di un percorso iniziato nell anno 2000 all interno della Comunità del Centro giovanile S. Giorgio di Bergamo,

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE E MUSICALE S. Rosa da Viterbo Viterbo, 4 Marzo 2014

LICEO DELLE SCIENZE UMANE E MUSICALE S. Rosa da Viterbo Viterbo, 4 Marzo 2014 SEMINARIO DI FORMAZIONE LICEO DELLE SCIENZE UMANE E MUSICALE S. Rosa da Viterbo Viterbo, 4 Marzo 2014 Presentazione delle ambasciatrici e-twinning Francoise Altamura, Roberta. M. Delle Monache, Grazia

Dettagli

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S.

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. NUOVO PONTE DI NONA - VIA GASTINELLI N. 58-00132 ROMA TEL. 06/22180417- fax: 06/22188121 C.M.RMIC8CR006

Dettagli

- Corso introduttivo alla comunicazione interculturale, all associazionismo e politiche giovanili dell Unione Europea

- Corso introduttivo alla comunicazione interculturale, all associazionismo e politiche giovanili dell Unione Europea Percorsi di educazione non formale all Europa: - Corso introduttivo alla comunicazione interculturale, all associazionismo e politiche giovanili dell Unione Europea - Progettazione e realizzazione di uno

Dettagli

2.6. Organizzazioni non governative

2.6. Organizzazioni non governative 2.6. Organizzazioni non governative L espressione ONG è stata introdotta per la prima volta in un trattato internazionale dall articolo 71 della Carta delle Nazioni Unite, che prevede la possibilità del

Dettagli

Tel. 0372/463 800 Fax 0372/534 562 Tel. 0375/201802

Tel. 0372/463 800 Fax 0372/534 562 Tel. 0375/201802 Nonsolonoi C.so Matteotti, 40-26100 Cremona Via Cavour, 89/bis Casalmaggiore Tel. 0372/463 800 Fax 0372/534 562 Tel. 0375/201802 e-mail: nonsolonoi@e-cremona.it e-mail: equocasal@tiscali.it Web www.nonsolonoi.e-cremona.it

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R.

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e ItaliaNostra onlus Associazione nazionale per la tutela del patrimonio storico, artistico e naturale VISTO

Dettagli

Progetti finanziati dall UE: opportunità per le Organizzazioni Sindacali

Progetti finanziati dall UE: opportunità per le Organizzazioni Sindacali Progetti finanziati dall UE: opportunità per le Organizzazioni Sindacali Info Day Etui / CISL Fiesole, 31/03 01/04/2014 Il contesto di riferimento: Europa 2020 crescita intelligente investimenti efficaci

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AGENZIA NAZIONALE PER I GIOVANI PROTOCOLLO D INTESA Tra la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e l Agenzia Nazionale per i Giovani in relazione alle attività e

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE DI EDUCAZIONE ALLA PACE - ANNO 2008 Facciamo la PACE con i Diritti Umani

PROGRAMMA PROVINCIALE DI EDUCAZIONE ALLA PACE - ANNO 2008 Facciamo la PACE con i Diritti Umani AZIONI ALL'INTERNO DEL PROGRAMMA PROGRAMMA PROVINCIALE DI EDUCAZIONE ALLA PACE - ANNO 2008 Facciamo la PACE con i Diritti Umani - Monitoraggio delle attività legate ai progetti sulla pace e sulla cooperazione

Dettagli

PROGRAMMI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI NEL SETTORE DELL ISTRUZIONE

PROGRAMMI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI NEL SETTORE DELL ISTRUZIONE PROGRAMMI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI NEL SETTORE DELL ISTRUZIONE Pubblicato il Bando per la presentazione di proposte relativo al Programma Socrates a sostegno del settore dell'istruzione Obiettivi

Dettagli

Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA

Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE LA CONFERENZA DEI PRESIDI

Dettagli

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Vederci Chiaro!

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Vederci Chiaro! ADM Associazione Didattica Museale Progetto Vederci Chiaro! Chi siamo? Dal 1994 l'adm, Associazione Didattica Museale, è responsabile del Dipartimento dei Servizi Educativi del Museo Civico di Storia Naturale

Dettagli

EXPÒNI le tue IDEE! Competizione educativa nazionale sui temi di Expo Milano 2015. Marzo 2014-Ottobre 2015. Dipartimento Advocacy Area ECM

EXPÒNI le tue IDEE! Competizione educativa nazionale sui temi di Expo Milano 2015. Marzo 2014-Ottobre 2015. Dipartimento Advocacy Area ECM EXPÒNI le tue IDEE! Competizione educativa nazionale sui temi di Expo Milano 2015 Marzo 2014-Ottobre 2015 Con il patrocinio di: In collaborazione con: Cittadini di domani The world faces global challenges,

Dettagli

LIFELONG LEARNING PROGRAMME. Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento

LIFELONG LEARNING PROGRAMME. Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento LIFELONG LEARNING PROGRAMME Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento permanente, o Lifelong Learning Programme (LLP), è stato istituito con decisione del Parlamento europeo e del

Dettagli

Confi ndustria Modena. Gruppo Giovani Imprenditori

Confi ndustria Modena. Gruppo Giovani Imprenditori Confi ndustria Modena Gruppo Giovani Imprenditori Il Gruppo Giovani Imprenditori Modena CHI SIAMO Il Gruppo Giovani Imprenditori di Modena è elemento integrante della vita associativa di Confi ndustria

Dettagli

EXPO VILLAGE EXPO 2015. Progetto di coinvolgimento degli studenti degli Istituti della Provincia di Milano Fondazione PIME Onlus

EXPO VILLAGE EXPO 2015. Progetto di coinvolgimento degli studenti degli Istituti della Provincia di Milano Fondazione PIME Onlus EXPO VILLAGE EXPO 2015 Progetto di coinvolgimento degli studenti degli Istituti della Provincia di Milano Fondazione PIME Onlus Ente proponente Fondazione PIME Onlus è un ente senza scopo di lucro, legato

Dettagli

giovani l opportunità di un sereno e armonioso sviluppo;

giovani l opportunità di un sereno e armonioso sviluppo; Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Protocollo d Intesa tra MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIREZIONE GENERALE PER LO STUDENTE e CSI CENTRO SPORTIVO ITALIANO

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA E IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA PROGRAMMA SPECIALE PER L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE NEGLI ISTITUTI PENITENZIARI 1 VISTO

Dettagli

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO LINEE DI INDIRIZZO DEL CICS PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO DA PARTE DELLE REGIONI, DELLE

Dettagli

IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA MIUR

IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA MIUR Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA MIUR E LA SOCIETA DANTE ALIGHIERI Protocollo d'intesa Tra

Dettagli

un percorso culturale, pedagogico e progettuale che condurrà alla riqualificazione di due scuole torinesi

un percorso culturale, pedagogico e progettuale che condurrà alla riqualificazione di due scuole torinesi conferenza stampa TORINO fa SCUOLA Urban Center Metropolitano, 27 maggio 2015 un percorso culturale, pedagogico e progettuale che condurrà alla riqualificazione di due scuole torinesi Il rinnovamento della

Dettagli

Roma 18 19 settembre 2014 Open Day Lab: avvio Laboratori di Co-progettazione

Roma 18 19 settembre 2014 Open Day Lab: avvio Laboratori di Co-progettazione Roma 18 19 settembre 2014 Open Day Lab: avvio Laboratori di Co-progettazione 2 ERASMUS + Programma dell UE per l istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport (2014-2020) Come nasce? Erasmus+ è il

Dettagli

Pietro Michelacci Agenzia nazionale Lifelong Learning Programme Italia Faenza, 20 marzo 2012

Pietro Michelacci Agenzia nazionale Lifelong Learning Programme Italia Faenza, 20 marzo 2012 Il programma Lifelong Learning: un ventaglio di opportunità per una scuola in dimensione europea Pietro Michelacci Agenzia nazionale Lifelong Learning Programme Italia Faenza, 20 marzo 2012 1 Gli obiettivi

Dettagli

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Preambolo aggiornato al 2008 Crescere figli è un segno di speranza. Ciò dimostra che si ha speranza per il futuro e fede nei valori che si

Dettagli

L Assemblea Generale,

L Assemblea Generale, Dichiarazione delle Nazioni Unite sull educazione e la formazione ai diritti umani. Adottata il 23 marzo 2011 dal Consiglio diritti umani, con Risoluzione 16/1 L Assemblea Generale, 165 Riaffermando gli

Dettagli

SCHOOL LAB. Azione 3. Progetto cofinanziato dal Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi -Annualità2013

SCHOOL LAB. Azione 3. Progetto cofinanziato dal Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi -Annualità2013 SCHOOL LAB Progetto cofinanziato dal Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi -Annualità2013 Azione 3 FEI Fondo Europeo per l Integrazione Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini

Dettagli

Click toeditmaster titlestyle

Click toeditmaster titlestyle LifelongLearningProgramme: opportunità per vivere l Europa Servizio istruzione, università e ricerca Centro risorse per l istruzione e l orientamento Punto di diffusione per il FVG delle rete Euroguidance

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. a) l accettazione e il rispetto della personalità dello studente,quali che ne siano le condizioni personali, sociali e culturali;

CARTA DEI SERVIZI. a) l accettazione e il rispetto della personalità dello studente,quali che ne siano le condizioni personali, sociali e culturali; CARTA DEI SERVIZI Premessa 1. LA carta dei servizi si ispira agli articoli 3, 21, 30, 33 e 34 della Costituzione della Repubblica Italiana e all art.149 del Trattato dell Unione Europea. 2. Alla luce di

Dettagli

Bando per dieci borse di studio: 6 per un anno di studio negli U.S.A 2 per un anno di studio in Cina e 2 per un anno di studio in India

Bando per dieci borse di studio: 6 per un anno di studio negli U.S.A 2 per un anno di studio in Cina e 2 per un anno di studio in India Sito: www.fondazionevarrone.it Bando per dieci borse di studio: 6 per un anno di studio negli U.S.A 2 per un anno di studio in Cina e 2 per un anno di studio in India In collaborazione con 1 DIECI BORSE

Dettagli

Erasmus + 2014-2020 Azioni: tre tipi di azioni La mobilità individuale ai fini di apprendimento

Erasmus + 2014-2020 Azioni: tre tipi di azioni La mobilità individuale ai fini di apprendimento Erasmus + 2014-2020 Azioni: Prevede tre tipi di azioni fondamentali: La mobilità individuale ai fini di apprendimento: la mobilità rappresenta una quota significativa del bilancio complessivo. Tale incremento,

Dettagli

Bando per sette borse di studio: 5 per un anno di studio negli U.S.A 1 per un anno di studio in Cina 1 per un anno di studio in India

Bando per sette borse di studio: 5 per un anno di studio negli U.S.A 1 per un anno di studio in Cina 1 per un anno di studio in India Sito: www.fondazionevarrone.it Bando per sette borse di studio: 5 per un anno di studio negli U.S.A 1 per un anno di studio in Cina 1 per un anno di studio in India In collaborazione con 1 SETTE BORSE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Ministero dell Istruzione, dell'università e della Ricerca. (di seguito denominato MIUR) e

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Ministero dell Istruzione, dell'università e della Ricerca. (di seguito denominato MIUR) e PROTOCOLLO D INTESA tra Ministero dell Istruzione, dell'università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) e Libera. Associazioni Nomi e Numeri contro le Mafie (di seguito denominata Libera) attivare

Dettagli

PROGETTAZIONE DIPARTIMENTALE 2013-2014

PROGETTAZIONE DIPARTIMENTALE 2013-2014 PROGETTAZIONE DIPARTIMENTALE 2013-2014 La nostra scuola è dotata di Dipartimenti Disciplinari intesi come articolazioni funzionali del Collegio dei Docenti per il sostegno alla didattica e alla progettazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

CARTA DI LECCE. Direttive della Rete Reforme 2012-2016

CARTA DI LECCE. Direttive della Rete Reforme 2012-2016 RETE PER L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE PROFESSIONALE NEL SETTORE DELL EDILIZIA IN EUROPA Il FORMEDIL fa parte della rete europea REFORME costituita nel 1986 per promuovere rapporti più stretti tra giovani,

Dettagli

PERCORSI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE 2013-2014

PERCORSI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE 2013-2014 PERCORSI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE 2013-2014 Archivio Antico 21 Gennaio 2014 Erasmus+ (2014-2020): Azioni di supporto alla collaborazione internazionale (Key Action 2); progetti di sostegno alla riforma

Dettagli