IL CORPO E LA RETE Strumenti di apprendimento interculturale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL CORPO E LA RETE Strumenti di apprendimento interculturale"

Transcript

1 Atti del convegno IL CORPO E LA RETE Strumenti di apprendimento interculturale Biblioteca della Fondazione

2

3 Atti del convegno IL CORPO E LA RETE Strumenti di apprendimento interculturale Biblioteca della Fondazione

4 IL CORPO E LA RETE Strumenti di apprendimento interculturale Proprietà letteraria della Fondazione Intercultura I testi di questo volume possono essere riprodotti gratuitamente citando la fonte e purchè per scopi non commerciali. Non se ne possono trarre opere derivate. Visitate il sito: Finito di stampare nel mese di agosto 2013

5 Sommario / Table of contents Il convegno 7 The conference 9 Programma/Programme 11 Un tema controverso Introduzione di Roberto Ruffino 15 Beyond the binaries: learning, identity and the Digital Generation Prolusione di David Buckingham / key note speaker 19 Apprendimento virtuale ed esperienza vissuta Dialogo tra Susanna Mantovani e Paolo Ferri, con Roberto Toscano 41 Relazioni sociali e culture digitali Antonio Casilli 61 Filosofia, Web e Società Giuliano Torrengo 73 Educazione morale e neuroscienze. La coscienza dell empatia Milena Santerini 93 Lo spazio del corpo e il potere dell azione Corrado Sinigaglia 99

6 Intercultural Education in the Digital Era Fernando Naiditch 123 Building online collaboration between people and cultures Elaine Hoter 149 L incorporamento dell esperienza interculturale Ida Castiglioni 159 Identità sarda ed esperienze all estero Bachisio Bandinu 169 Dietro lo schermo. Adoloscenti e comunicazione ai tempi di Facebook Alberto Fornasari 179 Chi e cosa perde o guadagna nell era digitale. Uno sguardo alle pratiche sociali e scolastiche delle nuove generazioni Gianni Marconato 207 Nuovi media e apprendimento tra divari e opportunità Maria Ranieri 221 Geographies of Online Spaces and Intercultural Citizenship Mark Baildon and Li-Ching Ho 233 Digital communities and intercultural dimensions in early childhood education Kostas Magos and Katerina Spanopoulou 257

7 The role of computer-mediate communication in enhancing linguistic and intercultural competence Aleksandra Wach 275 Strumenti interculturali nella rete - due esempi: il dizionario dei gesti degli italiani e il progetto paroleinviaggio Paolo Ernesto Balboni e Fabio Caon 287 Come l identità culturale in internet si va modificando Sara De Angelis ed Elio Vera 297 Scuola, schermo e corpo. L insegnamento visto da una nuova prospettiva Derrick de Kerckhove 313 Learning about culture: the web as an obstacle (with opportunities) Carla Chamberlin-Quinlisk 319 Teaching Intercultural Communication Skills Using Digital Media Paige Ware 335 Building Investment in Intercultural On-line Language Learning Environments Geoff Lawrence 349 Coping with intercultural adaptation, functional and dysfunctional strategies Nicolas Geeraert 361 Conclusioni Roberto Toscano 369

8

9 Il convegno IL CORPO E LA RETE STRUMENTI DI APPRENDIMENTO INTERCULTURALE Firenze, 28 febbraio - 2 marzo 2013 Dal 1955 l Associazione Intercultura propone un modello di educazione al cosmopolitismo attraverso esperienze adolescenziali di vita vissuta individualmente per lunghi periodi in famiglie e scuole di altri Paesi. Infatti invia ogni anno oltre 1500 ragazzi delle scuole secondarie a vivere e studiare all estero ed accoglie nel nostro paese altrettanti giovani di ogni nazione che scelgono di arricchirsi culturalmente trascorrendo un periodo di vita nelle nostre famiglie e nelle nostre scuole Attraverso queste esperienze si forma la consapevolezza della molteplicità dei valori storici, sociali e culturali e si può innescare un processo di conoscenza, confronto e rispetto: una formazione interculturale alla cittadinanza mondiale secondo il suggerimento dell Unesco che consiglia l immersione guidata in un altra cultura come uno dei percorsi possibili per l educazione interculturale e per il superamento dell eurocentrismo. La Fondazione Intercultura ha già dedicato nel 2011 a questi argomenti un convegno internazionale dal titolo Ricomporre Babele - Educare al Cosmopolitismo, che si è concluso con il riconoscimento che Il cosmopolitismo è una necessità, non un utopia e che occorre trovare strumenti di apprendimento interculturale che favoriscano la ricerca dell armonia tra i cittadini del mondo. Oggi l informatica e i social network hanno creato una rete virtuale 9

10 di interazioni planetarie, che potrebbe essere uno di questi strumenti. Ma il suo uso è contraddittorio. Da un lato sembra rendere irrilevanti le distanze (anche culturali) e superflua o marginale la presenza fisica per conoscere altre realtà. Dall altro invece sembra rendere più difficile il distacco dal proprio ambiente, anche nel caso di un immersione totale in un Paese diverso. È una contraddizione che genera molte domande. Come vengono utilizzati questi strumenti, soprattutto dai giovani? Come creano un tessuto di connessioni plurime continue? Come si affiancano o si contrappongono agli scambi reali tra persone di cultura diversa? Come facilitano o ostacolano l apprendimento interculturale? Come si integrano o si differenziano apprendimento virtuale ed esperienza vissuta? Studiosi ed esperti del settore hanno dato ai partecipanti la possibilità di riflettere su questi argomenti. 10

11 The conference THE BODY AND THE WEB TOOLS FOR INTERCULTURAL LEARNING Florence, 28th February - 2nd March 2013 Since 1955 Intercultura (a Partner of AFS Intercultural Programs) has developed in Italy a model of education to cosmopolitanism through the exposure of individual adolescents to life in a family and a school of another country for an extended period of time. Every year Intercultura sends over 1,500 secondary school pupils to live this experience abroad and it hosts over 1,000 foreign pupils in Italian families and schools. In the course of these experiences young people become aware of a great variety of cultural, historical and social perspectives and may gain respect for others through knowledge and confrontation. It is a concrete translation into practice of UNESCO s suggestion: A guided immersion into another culture is one possible itinerary towards intercultural education and overcoming eurocentrism. On this topic the Intercultura Foundation has already organised an international conference in 2011: Reconciling Babel Education for Cosmopolitanism. It ended with the recognition that Cosmopolitanism is a necessity, not a utopia, and that we should search for tools that help human beings to learn from one another and grow in harmony. Today digital tools and social networks have created a web of worldwide connections, that might be one of such tools. But their use is ambivalent. On one hand they generate the feeling that physical 11

12 interaction may no longer be necessary in order to get to know another reality and that distance may be an irrelevant or marginal factor when approaching another culture. On the other hand they make it more difficult to detach oneself from one s own environment and to benefit from a full immersion in another country. This ambivalence rises many questions. How are these tools used, especially by young people? How do they create a texture of continuous multiple communication? How do they favour or impede physical interaction between people from different cultures, and intercultural learning? How do digital learning and real life experiences integrate or diverge? The Intercultura Foundation has invited scholars and practitioners to an international conference on these topics. 12

13 Programma/Programme GIOVEDÌ 28 FEBBRAIO, GIORNATA INAUGURALE THURSDAY 28TH FEBRUARY, OPENING DAY 15:00-16:30, Salone dei Cinquecento, Palazzo Vecchio Apertura del convegno in sessione plenaria - Opening session: Video: SHERRY TURKLE - Alone Together Saluto degli organizzatori - Welcome words: ROBERTO RUFFINO Prolusione - Key note speaker: DAVID BUCKINGHAM - Beyond Binaries: Learning, Identity and the Digital Generation 16:30-17:30, Salone dei Cinquecento, Palazzo Vecchio Prima sessione di lavoro in plenaria - First plenary session: Dialogo tra SUSANNA MANTOVANI e PAOLO FERRI su apprendimento virtuale ed esperienza vissuta A dialogue between SUSANNA MANTOVANI and PAOLO FERRI on digital learning versus real life experiences 18:30-20:00, Grand Hotel Mediterraneo (centro congressi - congress centre) Gruppi di riflessione - Discussion groups VENERDÌ 1 MARZO, SECONDA GIORNATA FRIDAY 1ST MARCH, SECOND DAY 09:00-11:00, Grand Hotel Mediterraneo (centro congressi - congress centre) Gruppi seminariali su Apprendimento virtuale ed esperienza vissuta : Seminar groups on Digital learning and real life experiences : ANTONIO CASILLI - Relazioni sociali e culture digitali GIULIANO TORRENGO - Filosofia e Web DONATELLA NUCCI - etwinning: lavorare e studiare insieme in rete MILENA SANTERINI - Educazione morale e neuroscienze. La coscienza dell empatia CORRADO SINIGAGLIA - Lo spazio del corpo e il potere dell azione FERNANDO NAIDITCH - Intercultural Education in the Digital Era ELAINE HOTER - Building online collaboration between people and cultures 13

14 11:30-13:00 Plenaria con le osservazioni emerse dai seminari Plenary session with reports from the seminar groups Presiede PAOLO INGHILLERI, chair of the session 14:30-16:30 Gruppi seminariali su Giovani, incontri interculturali e rete : Seminar groups on Youth, intercultural encounters and the web : IDA CASTIGLIONI - L incorporamento dell esperienza interculturale BACHISIO BANDINU - Identità sarda ed esperienze all estero ALBERTO FORNASARI - Dietro lo schermo. Adoloscenti e comunicazione ai tempi di Facebook GIANNI MARCONATO - Chi e cosa perde o guadagna nell era digitale. Uno sguardo alle pratiche sociali e scolastiche delle nuove generazioni MARIA RANIERI - Nuovi media e apprendimento tra divari e opportunità LI-CHING HO & MARK BAILDON - Geographies of On-line Spaces and Intercultural Citizenship KOSTAS MAGOS & KATERINA SPANOPOULOU - Digital communities and intercultural dimensions in early childhood education ALEKSANDRA WACH - The role of computer-mediate communication in enhancing linguistic and intercultural competence 17:00-18:30 Plenaria con le osservazioni emerse dai seminari Plenary session with reports from the seminar groups Presiede SUSANNA MANTOVANI, chair of the session SABATO 2 MARZO, TERZA GIORNATA SATURDAY 2ND MARCH, THIRD DAY 09:00-11:00, Grand Hotel Mediterraneo (centro congressi - congress centre) Gruppi seminariali su La Rete: aiuto o ostacolo all apprendimento interculturale? : Seminar groups on The web: an aid or an obstacle for intercultural learning? : PAOLO BALBONI & FABIO CAON - Strumenti interculturali nella rete - due esempi: il dizionario dei gesti degli italiani e il progetto paroleinviaggio SARA DE ANGELIS & ELIO VERA - Mobilità reale e virtuale; identità culturale e Internet DERRICK DE KERCKHOVE - Scuola, schermo e corpo. L insegnamento visto da una nuova prospettiva 14

15 CARLA CHAMBERLIN-QUINLISK - Learning about culture: the web as an obstacle (with opportunities) PAIGE WARE - Teaching Comments: Intercultural Communication Skills in the digital Age GEOFF LAWRENCE - Building Investment in Intercultural On-line Language Learning Environments NICOLAS GEERAERT - Coping with intercultural adaptation, functional and dysfunctional strategies 11:30-13:00 Plenaria con le osservazioni emerse dai seminari Plenary session with reports from the seminar groups Presiede l Ambasciatore ROBERTO TOSCANO, chair of the session 13: Conclusioni - Conclusions: Ambasciatore ROBERTO TOSCANO 15

16 16

17 Un tema controverso Introduzione di Roberto Ruffino 1 Benvenuti al convegno Il corpo e la rete: strumenti di apprendimento interculturale! Abbiamo aperto i lavori con un intervento di Sherry Turkle, la cosiddetta antropologa del cyberspazio, che avrebbe voluto essere qui adesso, se glielo avessero consentito i suoi impegni universitari, a testimonianza dell interesse suscitato in tutto il mondo da questo convegno. Molti altri studiosi fortunatamente hanno potuto venire e li ringraziamo per il contributo che daranno alle nostre discussioni. Qualche mese fa Stephen Marche 2 ha dedicato un articolo molto documentato agli effetti di Internet e dei social media sui comportamenti umani sul mensile THE ATLANTIC. Il titolo era: Facebook ci rende solitari?. In buona sostanza l autore sosteneva che la terra promessa dalla tecnologia quella cioè di creare un villaggio globale si sarebbe invece realizzata sotto forma di un groviglio infinito di autostrade periferiche, su cui si soffre di alienazione e solitudine. E si domandava se Facebook contribuisca a separare o a riunire: ad ammassarsi in cerca di calore o a scivolar via nella sofferenza. Le ricerche di Moira Burke della Carnegie Mellon University 3 sembrano escludere che Facebook porti alla solitudine, in quanto Facebook proporrebbe piuttosto un modello stereotipato di auto-presentazione frizzante e spensierata. Jaron Lanier 4 accentua questo aspetto e sottolinea che Facebook ci imprigiona nel business di doverci rappresentare. E c è uno studio australiano recente 5 che trova col- 1 Segretario Generale della Fondazione Intercultura 2 Stephen Marche, Is Facebook Making Us Lonely?, The Atlantic, May Burke, M., Kraut, R., and Marlow, C. (2011). Social Capital On Facebook: Differentiating Uses And Users. ACM CHI 2011: Conference on Human Factors in Computing Systems. 4 John Lanier, You Are Not A Gadget, Knopf Tracii Ryan & Sophia Xenos, Who uses Facebook?, Computers in Human Behaviour, Melbourne

18 legamenti tra chi usa Facebook e chi possiede in misura superiore caratteristiche di narcisismo, di esibizionismo e di leadership. Ma il narcisismo ricordava Stephen Marche nell articolo citato prima può essere l altro lato della medaglia della solitudine: una connessione non è sinonimo di un legame e non è neppure la porta verso un mondo più felice e un umanità più libera. In una recensione di questo articolo l antropologo italiano Marino Niola sottolinea soprattutto l affermazione che la rete isola le persone perché crea comunità virtuali che della comunità in carne ed ossa sono solo il guscio vuoto. Atrofizza le capacità di relazione vis-à-vis, che è fatta di argomentazioni, emozioni, concessioni, mediazioni e immedesimazioni, mentre davanti a uno schermo ciascuno si immedesima narcisisticamente con se stesso 6 Altri studiosi invece sdrammatizzano. Cito per tutti John Cacioppo 7 (del Centro per le Neuroscienze cognitive e sociali dell Università di Chicago) che afferma tassativo: Facebook è solo uno strumento e i suoi effetti dipendono da chi lo usa! Questo dibattito ne ricorda molti altri nella storia delle scoperte che hanno dilatato ed esternato le nostre capacità comunicative. Duemilacinquecento anni fa Socrate faceva inveire il faraone Thamus contro il dio egiziano Thoth, protettore degli scribi, inventore dei numeri, della geometria, ma soprattutto inventore della scrittura. Socrate lo accusava di avere alterato la memoria umana in modo immutabile, poiché la scrittura e i simboli numerici portano dimenticanza alle anime che li apprendono. Queste anime non sanno più esercitare la memoria perché si fidano di segni esterni; richiamano cose alla mente non dal di dentro ma dal di fuori. La scrittura non diventa un modo per passare la conoscenza e creare relazioni, ma un modo per computerizzarla e togliere agli uomini quel dialogo continuo con altri uomini che è la vera filosofia. 6 Marino Niola, E la società comunicante dicente scomunicante, La Repubblica, aprile John Cacioppo, Loneliness: Human Nature And The Need For Social Connection, Norton & Co.,

19 Questo il pensiero di Socrate. Mutatis mutandis, dopo venticinque secoli, troviamo reazioni analoghe tra le centinaia di lettori che reagirono all articolo di Marche sull ATLANTIC e poi sul quotidiano inglese THE GUARDIAN che ne aveva riassunto gli argomenti. Tra i commenti particolarmente attinenti al tema del nostro convegno ricordo quello di una studentessa americana, Saba Hamedy, la quale scriveva: L anno scorso ho passato 26 giorni su una nave scuola in viaggio nell America Centrale. A bordo c erano molti altri studenti miei coetanei, ma non c erano i miei amici, né un telefono, né Facebook. All imbarco mi sono sentita molto sola. Ma poi in quel mese ho fatto alcune delle amicizie più profonde della mia vita. Ore e ore di conversazione. Alla fine del viaggio siamo rimasti in contatto tramite Facebook. Oggi ho un rapporto di amore e odio con Facebook: perché mi permette di condividere le foto e i commenti con gli amici, ma mi distrae dalla vita reale... Il commento di Saba ci porta al contesto cui vogliamo dedicare questo convegno: il mondo dei giovani e della loro formazione, in particolare di quella interculturale, che è un sapere importante per vivere in questo secolo. Intercultura si occupa di formazione interculturale dei giovani da 58 anni e lo fa attraverso un metodo inventato in un tempo senza computer: lo fa attraverso una immersione totale della loro mente e del loro corpo adolescenti vista, udito, tatto, olfatto e gusto in una realtà culturale diversa da cui apprendono costruzioni diverse del reale. Bachisio Bandinu 8 ha descritto bene questa esperienza: Vivendo in un altra realtà culturale c è l esperienza sensoriale della parola nella sua espressione corporea, di parola incarnata nella fonetica, nell espressione mimica e gestuale del corpo. E da questo contatto che nascono bisogni e interessi che si collegano in vario modo con la realtà per cui il nuovo ambiente si fa teatro di esperienza, modo di essere diversamente nel mondo.. 8 Bachisio Bandinu, Identità Sarda ed esperienze all estero, Intercultura, n. 64,

20 Oggi a questa esperienza sensoriale totale si affianca quella virtuale di Internet e dei social media; essi hanno creato una rete di interazioni planetarie, che per utilizzare le parole di Saba possono aiutare a condividere oppure ad allontanare da un interscambio profondo. Il loro uso è ambivalente. Da un lato sembrano ridurre le distanze (anche culturali) e rendere quasi superflua o addirittura marginale la presenza fisica per conoscere altre realtà. Dall altro rendono più tenue l immersione corporea tra persone di una cultura diversa e il distacco da quelle di casa, che invece rimangono interlocutori onnipresenti con cui mediare la propria esperienza. La generazione sempre più numerosa che oggi aderisce a progetti educativi in altri Paesi è quella dei nativi digitali, e perciò ci auguriamo che questo convegno ci aiuti a capire come questi nomadi della scuola e dell università vivano un tessuto di connessioni plurime continue; come si raccontino e si influenzino attraverso un diario aperto agli amici e famigliari lontani; come lo utilizzino in un processo di apprendimento interculturale. Il tema generale è quello ampio dell apprendere e del formarsi nell era di Internet. Ma il nostro interesse specifico è per la formazione interculturale nell era di Internet. Lo affrontiamo con ottimismo e senza nostalgie del passato: cercheremo di valutare se i social media facilitano o ostacolano; di capire come si possono integrare apprendimento virtuale ed esperienza vissuta; di trovare sinergie che permettano di condividere e socializzare esperienze interculturali importanti, senza renderle banali, frizzanti e spensierate (per usare le parole di Moira Burke) o, peggio ancora, teleguidate dalle aspettative e dalla visione del mondo delle famiglie e degli amici rimasti a casa. Ringraziamo vecchi amici e colleghi arrivati da tutto il mondo, quelli nuovi che ci incontrano per la prima volta, gli esperti venuti in nostro aiuto a suggerire e guidare le nostre riflessioni. Un grazie particolare alla città di Firenze per averci accolto in questa sala, memoria sontuosa delle vicende cittadine e luogo alto ed insigne della storia e della cultura italiana. Buon lavoro! 20

21 Beyond the binaries: learning, identity and the Digital Generation Prolusione di David Buckingham / key note speaker Professor of Media and Communications in the School of Social Sciences at Loughborough University. Prior to joining Loughborough in 2012, he was Professor of Education at the Institute of Education, London University, where he directed the Centre for the Study of Children, Youth and Media. His research focuses on children s and young people s interactions with electronic media, and on media education. He is currently directing a project on learning progression in media education; and has recently completed projects on childhood, sexualisation and consumer culture, and on young people, the internet and civic participation. He recently led an independent assessment for the UK government on the impact of the commercial world on children s wellbeing. David is the author, co-author or editor of 25 books, including most recently Beyond Technology (2007), Youth, Identity and Digital Media (2008), Video Cultures: Media Technology and Amateur Creativity (2009) and The Material Child: Growing Up in Consumer Culture (2011). Abstract: Young people today are frequently characterized as a digital generation a generation that is learning and forming identity in new ways as a result of the impact of new media technologies. For some, this is cause for a gloomy pessimism about the superficiality and lack of authenticity of modern life; while for others, it prompts a celebration of the apparently empowering possibilities of new media. This presentation will challenge the technological determinism of these kinds of assertions, and argue for a more socially, historically and culturally grounded analysis of learning and identity formation in late modern societies. Following a broad overview of current debates and research about young people s relationships with digital media, the presentation will briefly draw on two empirical research projects that have addressed the changing nature of learning with new media. The first of these was concerned with the creative uses of visual media by migrant children; the second with the potential role of the internet in promoting civic participation among young people. It will be argued that understanding the nature of learning in these new digital environments requires us to move beyond 21

22 a simple dichotomy between online and offline experiences; and that a pedagogy for the digital age will positively require a more critical approach to the use of media in education. Young people today are often characterized as a digital generation a group whose identities are being formed in new ways as a result of the impact of new media technologies. For some, this is cause for a gloomy pessimism about the superficiality and lack of authenticity of modern life; while for others, it prompts a celebration of the apparently empowering possibilities of new media. In this article, I challenge the technological determinism of these kinds of assertions, and argue for a more socially, historically and culturally grounded analysis. I discuss some of the broader issues at stake in understanding young people s relationships with digital media, and then present an overview of current debates, organized around ten key themes. I do not seek either to celebrate or to lament: rather, I hope to provide a more cautious and balanced approach, which recognizes the complexity and difficulty but also the potential opportunities of growing up in a digital world. Talking bout those generations It is frequently claimed that there is a generation gap in people s uses of digital technology, and their attitudes towards it. Young people are defined as a digital generation, an internet generation or a Playstation generation. In Japan, they are popularly referred to as the thumb generation (oya yubi sedai), in recognition of their skill in manipulating game consoles and mobile phones. Young people, we are told, are digital natives, who have grown up with technology and have a natural fluency in using it as compared with their parents, the digital immigrants, who will always be somewhat incompetent and uncomfortable. In some instances, these claims take on the air of science fiction, in fantasies about bionic children or even cyborg babies. The shared idea here is that generations are somehow defined 22

23 by technology: that just as today s adults are apparently a television generation, so young people today are growing up digital. In these formulations, technology is seen to possess an overwhelming power: it effectively defines what it means to be a person. These kinds of claims form part of a wider public debate about children and digital media that is often simplistic and highly polarised. In the case of the internet, for example, the discussion seems to oscillate between moral panic and wild euphoria. On the one hand, the internet is portrayed as a repository for paedophiles and pornography (along with the occasional terrorist). On the other, it is seen to be all about creativity, liberation and empowerment. Similarly, computer games are either a provocation to violence and a form of mindless dumbing down ; or they are a wonderful new tool for learning. The public debate about these issues often shifts awkwardly between these two registers, with both sides making alarmist and over-inflated claims that have little basis in evidence. In my view, there are two significant problems with these kinds of arguments. Firstly, they tend to essentialise, or over-generalise about, childhood: children are seen either as innocent and vulnerable, or as spontaneously competent and wise. These views are a further reflection of the chronic sentimentality that typifies popular views of childhood. Secondly, these arguments tend to see technology as all-powerful: they frequently entail grand claims about how technology is fundamentally transforming the way we think, feel, live, communicate, relate to each other, and so on. In the process, both technology enthusiasts and nay-sayers typically espouse a form of technological determinism the idea that technology has powerful effects, irrespective of why, how and by whom it is used. Combining these two sets of ideas about childhood and technology makes for a powerful emotional rhetoric, which in turn reflects much broader hopes and fears about social change. However, if we look beyond these popular debates, there is now a body of academic work that offers more a socially situated, 23

24 contextualised analysis of technology. This work challenges technodeterminism; but it also challenges social determinism the idea that technology just confirms existing social trends. This new approach is sometimes called the social shaping of technology approach. For example, there is a strand of research looking at the domestication of technology at how technology is used and appropriated in people s everyday lives, for example in households and families. There are detailed ethnographic studies of the ways in which young people use technology in forming and maintaining relationships, in organising their everyday lives, and in constructing and playing with identities. The key idea here is that technology has affordances it makes some things possible, but it prevents other things. However, what happens with technology also depends on people s intentions and on the social context and sometimes technology is used and adapted in unexpected ways. In other words, there is a dynamic relationship between people s uses of technology and their social needs and purposes: technology shapes people, but people also shape technology. One significant aspect that is often missing from the popular discussion is the history of technology. Indeed, much of the research also seems to be preoccupied with chasing the latest innovation. The danger here is that we ignore continuity at the expense of focusing on change. Studies of the impact and use of older technologies not just television, but also radio and the telephone help to put the scale and nature of contemporary developments in perspective. In my own research, I have used approaches from Cultural Studies that take account, not just of people s everyday uses of technology but also of the wider economic, social and political forces that shape it. Technology does not appear from nowhere: what it means, how it is used, and the effects that it may have, all depend upon much wider processes of historical and social change. These perspectives help us to move beyond simplistic assertions about the power of technology and especially the familiar claim that technology fundamentally 24

25 transforms all of social life. So is there a technological generation gap? Perhaps predictably, my answer would be: yes and no. We know from the history of technology that change is gradual, even if it might appear revolutionary at the time. New technologies rarely replace old technologies, although they may change the ways in which they are used. Young people today are still reading and listening to the radio, even if they are doing so online; and many new media use the forms and devices and language of old media. For most people (young and old), technology is not spectacularly creative or empowering, but fairly mundane, and even banal. While older people may in some cases be late adopters, this is far from always the case: for example, mobile phones and microblogging (services such as Twitter) were taken up by adults - or at least some groups of adults - well before they became popular with young people. And despite the rhetoric about digital immigrants, older people are often quick to catch up: the average age of computer gamers is apparently now around 40, while the largest expansion in using social networking sites is among the elderly. The digital generation argument may also lead to an oversimplification of how young people actually use technology. It can result in a neglect of the diversity of what is happening, and of other differences that may be much more significant than generational ones. As I shall argue below, digital divides - inequalities in uses of technology based on social class - remain very significant. There is also a danger here in assuming that all young people are cyberkids, who are spontaneously competent in dealing with technology whereas a good deal of research suggests that many of them find it just as frustrating and sometimes as boring as many adults do. It would also be false to assume that all young people are fascinated by technology in its own right. This may apply to a minority, but research suggests that most young people (like most adults) are primarily interested in what they can do with technology for instance in relation to interests and hobbies, socialising, and so on 25

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

TAL LIVELLO A2. Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo. PARTE II: Cloze test

TAL LIVELLO A2. Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo. PARTE II: Cloze test TAL LIVELLO A2 Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo PARTE II: Cloze test PARTE III: Grammatica PARTE IV: Scrittura guidata PARTE V: Scrittura

Dettagli

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE copertina univ. 21 11-04-2005 16:30 Pagina 1 A State and its history in the volumes 1-20 (1993-1999) of the San Marino Center for Historical Studies The San Marino Centre for Historical Studies came into

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not?

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not? Il passato Grammar File 12 Past simple Il past simple inglese corrisponde al passato prossimo, al passato remoto e, in alcuni casi, all imperfetto italiano. Con l eccezione del verbo be, la forma del past

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004 ! VERBI CHE TERMINANO IN... COME COSTRUIRE IL SIMPLE PAST ESEMPIO e aggiungere -d live - lived date - dated consonante + y 1 vocale + 1 consonante (ma non w o y) cambiare y in i, poi aggiungere -ed raddoppiare

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo Prova di verifica classi quarte 1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo lo studente prende 20. Qual è la media dopo il quarto esame? A 26 24

Dettagli

ITALIAN: SECOND LANGUAGE GENERAL COURSE

ITALIAN: SECOND LANGUAGE GENERAL COURSE ITALIAN: SECOND LANGUAGE GENERAL COURSE Externally set task Sample 2016 Note: This Externally set task sample is based on the following content from Unit 3 of the General Year 12 syllabus. Learning contexts

Dettagli

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA?

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? OSSERVATORIO IT GOVERNANCE L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? A cura del Professor Marcello La Rosa, Direttore Accademico (corporate programs

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS

LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS TEMPO PRESENTE In italiano non vi sono differenze particolari tra le due frasi: MANGIO UNA MELA e STO MANGIANDO UNA MELA Entrambe le frasi si possono riferire

Dettagli

40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine

40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine 40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine Le puttane sanno condividere le parti più private e delicate del corpo con perfetti sconosciuti. Le puttane hanno accesso a luoghi inaccessibili. Le puttane

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

Process automation Grazie a oltre trent anni di presenza nel settore e all esperienza maturata in ambito nazionale e internazionale, Elsag Datamat ha acquisito un profondo know-how dei processi industriali,

Dettagli

CALDO SGUARDO GRECO PDF

CALDO SGUARDO GRECO PDF CALDO SGUARDO GRECO PDF ==> Download: CALDO SGUARDO GRECO PDF CALDO SGUARDO GRECO PDF - Are you searching for Caldo Sguardo Greco Books? Now, you will be happy that at this time Caldo Sguardo Greco PDF

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS La domanda di partecipazione deve essere compilata e

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of study and research according the Information System for

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 2 BUFALO MEDITERRANEO ITALIANO Mediterranean Italian Buffalo RICONOSCIUTO

Dettagli

DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID. Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM

DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID. Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM List of contents 1. Introduction 2. Decoder 3. Switch-off process 4. CNID Introduction 1. Introduction

Dettagli

MANUALE GRANDE PUNTO. A number of this manual are strongly recommends you read and download manuale grande punto information in this manual.

MANUALE GRANDE PUNTO. A number of this manual are strongly recommends you read and download manuale grande punto information in this manual. MANUALE GRANDE PUNTO A number of this manual are strongly recommends you read and download information in this manual. Although not all products are identical, even those that range from same brand name

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015

INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015 INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015 Data: 23/04/2015 Ora: 17:45 Mittente: UniCredit S.p.A. Oggetto: Pioneer Investments e Santander Asset Management: unite per creare un leader globale nell asset management

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente.

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. 1. SIMPLE PRESENT 1. Quando si usa? Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. Quanto abitualmente? Questo ci viene spesso detto dalla presenza

Dettagli

Uomo al centro del progetto Design per un nuovo umanesimo Man at the Centre of the Project Design for a New Humanism

Uomo al centro del progetto Design per un nuovo umanesimo Man at the Centre of the Project Design for a New Humanism Uomo al centro del progetto Design per un nuovo umanesimo Man at the Centre of the Project Design for a New Humanism A CURA DI / EDITED BY CLAUDIO GERMAK SAGGI DI / ESSAYS BY LUIGI BISTAGNINO FLAVIANO

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI Edizione

UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI Edizione Convegno Scientifico Internazionale di Neuroetica e I Congresso della Società Italiana di Neuroetica - SINe UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI

Dettagli

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Il problema: metalli pesanti nelle acque reflue In numerosi settori ed applicazioni

Dettagli

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Istruzioni per gli Autori Informazioni generali Aggiornamenti CIO è la rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi e pubblica articoli

Dettagli

PRESENT PERFECT CONTINUOS

PRESENT PERFECT CONTINUOS PRESENT PERFECT CONTINUOS 1. Si usa il Present Perfect Continuous per esprimere un'azione che è appena terminata, che si è prolungata per un certo tempo e la cui conseguenza è evidente in questo momento.

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality.

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality. Privacy INFORMATIVE ON PRIVACY (Art.13 D.lgs 30 giugno 2003, Law n.196) Dear Guest, we wish to inform, in accordance to the our Law # 196/Comma 13 June 30th 1996, Article related to the protection of all

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Per i primi tempi era davvero stridente la differenza tra una grande città affollata come Milano, e la

Per i primi tempi era davvero stridente la differenza tra una grande città affollata come Milano, e la Ci sono molti ricordi che rimangono impressi nella memoria, quegli eventi che rappresentano una parte importante della propria vita e di cui non ci si dimentica mai. Tra i miei c è questo viaggio, che

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

trovando in loro, veramente ma non pomposamente, le leggi principali della nostra natura:

trovando in loro, veramente ma non pomposamente, le leggi principali della nostra natura: From : The principal object - To : notions in simple and unelaborated expressions. The principal object, then, proposed in these Poems was to choose incidents L oggetto principale, poi, proposto in queste

Dettagli

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 pag. 16 di 49 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 Identificare la zona dove sono poste le piazzole dove andremo a saldare il connettore. Le piazzole sono situate in tutte le centraline Bosch

Dettagli

MANAGEMENT MISSION, far crescere i collaboratori

MANAGEMENT MISSION, far crescere i collaboratori Trasformare le persone da esecutori a deleg-abili rappresenta uno dei compiti più complessi per un responsabile aziendale, ma è anche un opportunità unica per valorizzare il patrimonio di competenze aziendali

Dettagli

NUOVE PROSPETTIVE SULL AUTISMO: IL PROGRAMMA SON - RISE E LA RICERCA BIOMEDICA

NUOVE PROSPETTIVE SULL AUTISMO: IL PROGRAMMA SON - RISE E LA RICERCA BIOMEDICA Genitori che applicano il Programma Son-Rise Associazione Gocce di Solidarietà di Manerbio Associazione Autismando di Brescia Con il Patrocinio Ass. Servizi Sociali del Comune di Manerbio Ass. Servizi

Dettagli

UN BUON VIAGGIO INIZIA PRIMA DI PARTIRE 3 SERVIZI ALITALIA. SEMPRE DI PIÙ, PER TE.

UN BUON VIAGGIO INIZIA PRIMA DI PARTIRE 3 SERVIZI ALITALIA. SEMPRE DI PIÙ, PER TE. UN BUON VIAGGIO INIZIA PRIMA DI PARTIR 3 RVIZI ALITALIA. MPR DI PIÙ, PR T. FAT TRACK. DDICATO A CHI NON AMA PRDR TMPO. La pazienza è una grande virtù. Ma è anche vero che ogni minuto è prezioso. Per questo

Dettagli

Convegno Prospettive e Impatto dell Automatica nello Sviluppo del Paese e nelle Relazioni Internazionali Accademia delle Scienze dell Istituto di

Convegno Prospettive e Impatto dell Automatica nello Sviluppo del Paese e nelle Relazioni Internazionali Accademia delle Scienze dell Istituto di Cent anni di scienza del controllo Sergio Bittanti Politecnico di Milano Convegno Prospettive e Impatto dell Automatica nello Sviluppo del Paese e nelle Relazioni Internazionali Accademia delle Scienze

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice Maccarone Maccarone Maccarone integra 10 LED POWER TOP alta efficienza, in tecnologia FULL COLOR che permette di raggiungere colori e sfumature ad alta definizione. Ogni singolo led full color di Maccarone

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOASCIUTT 16 SeccoAsciutto EL & SeccoAsciutto Thermo Piccolo e potente, deumidifica e asciuga Small and powerful, dehumidifies and dries Deumidificare

Dettagli

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi Microsoft licensing in ambienti virtualizzati Luca De Angelis Product marketing manager Luca.deangelis@microsoft.com Acronimi E Operating System Environment ML Management License CAL Client Access License

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

MANUALE CASALINI M10. A number of this manual are strongly recommends you read and download manuale casalini m10 information in this manual.

MANUALE CASALINI M10. A number of this manual are strongly recommends you read and download manuale casalini m10 information in this manual. MANUALE CASALINI M10 A number of this manual are strongly recommends you read and download information in this manual. Although not all products are identical, even people who come from the same brand

Dettagli

app, API e opportunità Integrazione delle piattaforme e il futuro di Internet

app, API e opportunità Integrazione delle piattaforme e il futuro di Internet app, API e opportunità Integrazione delle piattaforme e il futuro di Internet 2 app, API e opportunità Integrazione delle piattaforme e il futuro di Internet L integrazione delle piattaforme è il concetto

Dettagli

E INNOVAZIONE EFFICIENZA AND INNOVATION EFFICIENCY PER CRESCERE IN EDEFFICACIA TO GROW IN AND EFFECTIVENESS

E INNOVAZIONE EFFICIENZA AND INNOVATION EFFICIENCY PER CRESCERE IN EDEFFICACIA TO GROW IN AND EFFECTIVENESS Una società certificata di qualità UNI EN ISO 9001-2000 per: Progettazione ed erogazione di servizi di consulenza per l accesso ai programmi di finanziamento europei, nazionali e regionali. FIT Consulting

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

USO DEL PRESENT PERFECT TENSE

USO DEL PRESENT PERFECT TENSE USO DEL PRESENT PERFECT TENSE 1: Azioni che sono cominciate nel passato e che continuano ancora Il Present Perfect viene spesso usato per un'azione che è cominciata in qualche momento nel passato e che

Dettagli

LA DIFFERENZA È NECTA

LA DIFFERENZA È NECTA LA DIFFERENZA È NECTA SOLUZIONI BREVETTATE PER UNA BEVANDA PERFETTA Gruppo Caffè Z4000 in versione singolo o doppio espresso Tecnologia Sigma per bevande fresh brew Dispositivo Dual Cup per scegliere il

Dettagli

Ragazzi vietnamiti: (VIET L ANIMA HCM USSH) CLASSE 5 C: (21 TORTELLINI) 1. Trần Yến Ngọc 2. Nguyễn Ngọc Bách Châu AUTORI PROGETTO:

Ragazzi vietnamiti: (VIET L ANIMA HCM USSH) CLASSE 5 C: (21 TORTELLINI) 1. Trần Yến Ngọc 2. Nguyễn Ngọc Bách Châu AUTORI PROGETTO: Due mondi, due culture, due storie che si incontrano per dare vita a qualcosa di unico: la scoperta di ciò che ci rende unici ma fratelli. Per andare insieme verso EXPO 2015 Tutt altra storia Il viaggio

Dettagli

VERBI MODALI: ASPETTI GRAMMATICALI E PRAGMATICI

VERBI MODALI: ASPETTI GRAMMATICALI E PRAGMATICI MODAL VERBS PROF. COLOMBA LA RAGIONE Indice 1 VERBI MODALI: ASPETTI GRAMMATICALI E PRAGMATICI ----------------------------------------------- 3 2 di 15 1 Verbi modali: aspetti grammaticali e pragmatici

Dettagli

JUMP INTO THE PSS WORLD AND ENJOY THE DIVE EVOLUTION

JUMP INTO THE PSS WORLD AND ENJOY THE DIVE EVOLUTION JUMP INTO THE PSS WORLD AND ENJOY THE DIVE EVOLUTION PSS Worldwide is one of the most important diver training agencies in the world. It was created thanks to the passion of a few dedicated diving instructors

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé.

il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé. il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé. COLLECTION luna material and shapes evoke the celestial

Dettagli

DEFT Zero Guida Rapida

DEFT Zero Guida Rapida DEFT Zero Guida Rapida Indice Indice... 1 Premessa... 1 Modalità di avvio... 1 1) GUI mode, RAM preload... 2 2) GUI mode... 2 3) Text mode... 2 Modalità di mount dei dispositivi... 3 Mount di dispositivi

Dettagli

Politecnico di Milano Scuola Master Fratelli Pesenti CONSTRUCTION INNOVATION SUSTAINABILITY ENGINEERING

Politecnico di Milano Scuola Master Fratelli Pesenti CONSTRUCTION INNOVATION SUSTAINABILITY ENGINEERING Innovazione nei contenuti e nelle modalità della formazione: il BIM per l integrazione dei diversi aspetti progettuali e oltre gli aspetti manageriali, gestionali, progettuali e costruttivi con strumento

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

ALLA RICERCA DI UNA DIDATTICA ALTERNATIVA THE SQUARE VISUAL LEARNING PROGETTO VINCITORE LABEL EUROPEO 2009 SETTORE FORMAZIONE

ALLA RICERCA DI UNA DIDATTICA ALTERNATIVA THE SQUARE VISUAL LEARNING PROGETTO VINCITORE LABEL EUROPEO 2009 SETTORE FORMAZIONE LL RICERC DI UN DIDTTIC LTERNTIV THE SQURE VISUL LERNING PROGETTO VINCITORE LBEL EUROPEO 2009 SETTORE FORMZIONE L utilizzo di: mappe concettuali intelligenti evita la frammentazione, gli incastri illogici

Dettagli

Come si prepara una presentazione

Come si prepara una presentazione Analisi Critica della Letteratura Scientifica 1 Come si prepara una presentazione Perché? 2 Esperienza: Si vedono spesso presentazioni di scarsa qualità Evidenza: Un lavoro ottimo, presentato in modo pessimo,

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

È un progetto di Project by Comune di Numana Ideazione

È un progetto di Project by Comune di Numana Ideazione LA CALETTA È proprio nell ambito del progetto NetCet che si è deciso di realizzare qui, in uno dei tratti di costa più belli della Riviera del Conero, un area di riabilitazione o pre-rilascio denominata

Dettagli

Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy. da noi ogni sapone è unico. Authentically Made in Italy Florence

Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy. da noi ogni sapone è unico. Authentically Made in Italy Florence Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy da noi ogni sapone è unico alveare soap gori 1919 soap factory lavorazione artigianale italiana Handmade in Italy I nostri saponi sono il frutto di un

Dettagli

Lezione 20: Strutture di controllo di robot. avanzati

Lezione 20: Strutture di controllo di robot. avanzati Robotica Mobile Lezione 20: Strutture di controllo di robot Come costruire un architettura BARCS L architettura BARCS Behavioural Architecture Robot Control System Strategie Strategie Obiettivi Obiettivi

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

Conjugate: prendere ammirare camminare entrare visitare sedersi divertirsi

Conjugate: prendere ammirare camminare entrare visitare sedersi divertirsi The IMPERFECT is used to express an action that took place in the past but whose duration cannot be specified. Its endings are identical in all three conjugations. io tu lui/lei noi voi loro -vo -vi -va

Dettagli

Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue

Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue Italian Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue The Italian translation of The right of the deaf child to grow up bilingual by François Grosjean University of Neuchâtel, Switzerland Translated

Dettagli

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti 1 Web conferencing software Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti Arpa Piemonte 2 Che cosa è Big Blue Button? Free, open source, web conferencing software Semplice ed immediato ( Just push

Dettagli

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min elettropiloti 0 mm 0 mm solenoids Elettropilota Solenoid valve 0 mm 00.44.0 ACCESSORI - ACCESSORIES 07.049.0 Connettore per elettropilota 0 mm con cavetto rosso/nero, lunghezza 400 mm - connector for 0

Dettagli

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti

L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non. conoscono. Marco Marchetti L Health Technology Assessment: tutti ne parlano, non tutti lo conoscono Marco Marchetti L Health Technology Assessment La valutazione delle tecnologie sanitarie, è la complessiva e sistematica valutazione

Dettagli