Guida per una redazione rispettosa della parità di genere

Advertisement


Advertisement
Documenti analoghi
STRATEGIA DELLE LINGUE PER IL SETTORE DEL SECONDARIO II

Direttive concernenti gli stage previsti nell ambito del ciclo di studio Master of Science in formazione professionale

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA

Decisioni del Consiglio degli Stati dell Legge federale sugli stranieri

UNITÀ DI APPRENDIMENTO ABILITA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

Relplus: relazioni interpersonali positive II Edizione

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria

FRANCESE. Ricezione orale (ascolto) Comprendere istruzioni, espressioni e frasi di uso quotidiano. Comprendere il senso generale di un una storia.

Validazione degli apprendimenti acquisiti. Guida per la formazione professionale di base

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione)

IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati

ISTITUTO COMPRENSIVO FOGLIO NOTIZIE DELL'ALUNNO DATI GENERALI

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s INGLESE. - competenze sociali e civiche - imparare ad imparare - comunicazione nelle lingue straniere

Programmazione di Francese Classe I B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016

ISTITUTO COMPRENSIVO n BOLOGNA *** *** *** PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE Anno Scolastico 2015/16

Scuola Primaria - LINGUA INGLESE

IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO

Ausbildungsdelegation I+D Délégation à la formation I+D Delegazione alla formazione I+D

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009

Direttive per la redazione del lavoro di Master e di altri lavori scritti concernenti i moduli

SCHEDA DI PROGETTAZIONE SCUOLA ON THE ROAD

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI SPAGNOLO

Profilo della formazione in linguistica applicata nel quadro delle scuole universitarie professionali

Formazione storica ed educazione linguistica: Diverse chiavi per conoscere i pensieri ei bambini Luciana Coltri e Ornella Mandelli

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007)

Profilo delle scuole universitarie d arti visive e di arti applicate (SUAAV)

Istruzioni della Cancelleria federale sulle prestazioni linguistiche

LINGUA COMUNITARIA INGLESE SCUOLA SECONDARIA CLASSE PRIMA

persona in formazione è stipulato dall azienda o organizzazione di riferimento. Art. 9 Ubicazione della formazione di base ad impostazione aziendale

AVVISO DI POSTO VACANTE ECA/2015/JUR. 2 posti di giurista Gradi AD 8 - AD 9 Servizio giuridico Presidenza

Progetto Storie di un altro genere. Dire, fare, creare le pari opportunità

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento

LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

Biografia linguistica

PIANO DI STUDIO PERSONALIZZATO CLASSI SECONDE E TERZE PRIMO BIENNIO

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base

PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI VICENZA

Piano di formazione per l insegnamento in Inglese nella scuola primaria

Olimpiadi della Lingua Italiana (Grammatica)

Ordinanza della SEFRI sulla formazione professionale di base

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO

Commenti alle Direttive concernenti la tesi di Master of Science in formazione professionale

Criteri di qualità per la scelta e valutazione di media di pedagogia sessuale

PERCORSO DIDATTICO SPECIFICO PER ALUNNI CON DSA. DATI RELATIVI ALL ALUNNO Cognome e nome: Data e luogo di nascita: Istituto: Classe:

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI INGLESE

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base

LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA

LINGUA INGLESE INDICATORE (CATEGORIA) ASCOLTO-COMPRENSIONE ORALE

Traguardi per lo sviluppo delle competenze

PROTOCOLLO D'INTESA. tra L UNIONE TERRE D ARGINE, I COMUNI DI CAMPOGALLIANO, CARPI, NOVI DI MODENA E SOLIERA

REGOLAMENTO DI ISTITUTO CONCERNENTE LA TENUTA DEGLI STRUMENTI DI DOCUMENTAZIONE DEGLI INTERVENTI DIDATTICI E DEI PROCESSI VALUTATIVI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA SETTORE ORIENTAMENTO - Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio

SCUOLA PRIMARIA SCIENZE NATURALI E SPERIMENTALI. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

PROGETTO PRIMA ALFABETIZZAZIONE

QUADRO COMPETENZE OBBLIGO: PERITI AZ.LI CORR.TI LINGUE ESTERE/TURISTICO

Definizione delle conoscenze richieste per l accesso p. 4. Quadro generale delle attività formative p. 5. Struttura didattica e sistemi di valutazione

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base

Ordinanza della SEFRI sulla formazione professionale di base

Sezione 2: Obiettivi ed esigenze

Ordinanza della SEFRI 1 sulla formazione professionale di base Specialista in fotografia con attestato federale di capacità (AFC)

Con il contributo di

Ordinanza sulla formazione professionale di base

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

PROGETTO CONSOLIDAMENTO E POTENZIAMENTO

PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PER GLI ANNI PONTE. Titolo: LOGICAMENTE

L Istituto mantiene infine contatti costanti con genitori e studenti

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI

Legge federale sulle lingue nazionali e la comprensione tra le comunità linguistiche

CURRICOLO VERTICALE INGLESE Scuola primaria

RUBRICHE DI VALUTAZIONE

1. Comitato consultivo del CSDU

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE. Anno scolastico:

ITALIANO L2 PER BAMBINI STRANIERI CORSO DI SECONDO LIVELLO

CIRCOLO DIDATTICO PARINI - AURORA

PROGETTO DI FORMAZIONE CONTRO LA VIOLENZA MASCHILE SULLE DONNE

Scheda di Progettazione di un Curricolo verticale

PIANO ANNUALE DI LAVORO

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in

Ordinanza sulla formazione professionale di base

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S SEDE: CASTELNOVO NE MONTI INDIRIZZO: B 2 ALBERGHIERO

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base

Provincia Autonoma TRENTO

Studio dei casi Scuole medie superiori

Piano di studio Animazione di corsi per adulti

Con il contributo di

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Q SCUOLE PRIMARIE CLASSI QUINTE

Ordinanza sulla formazione professionale di base

INGLESE COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE. b. Utilizza la lingua inglese nell uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione

TFA - una guida per orientarsi le domande più frequenti e la normativa di riferimento

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Regolamento didattico del Corso di Laurea in Mediazione linguistica e culturale (MLC)

Comunicazioni e informazioni

Advertisement
Transcript:

Guida per una redazione rispettosa della parità di genere Introduzione Nel corso degli anni la problematica del riconoscimento dei generi e della femminilizzazione della lingua ha assunto notevole importanza. Nel quadro dello IUFFP, il rapporto gender pubblicato nell aprile 2008 definisce, sulla base di una ricerca interna, piste di riflessione e campi operativi affinché il gender «venga considerato una categoria sociale» 1 e diventi «un aspetto centrale in tutti i settori e a tutti i livelli» 2. In quest ottica, l elaborazione di direttive per un uso non discriminatorio della lingua si inserisce tra gli obiettivi definiti dai campi operativi 2 e 7 del suddetto rapporto. Nell ambito del campo operativo 2, un quotidiano uso linguistico rispettoso della parità di genere, sia negli scritti destinati al pubblico dello IUFFP sia nell interazione orale, dovrebbe consentire ai collaboratori e alle collaboratrici di colmare una parte delle lacune relative alle conoscenze e alle competenze in materia di gender. Inoltre, da un punto di vista strutturale, lo IUFFP deve poter conferire alla parità tra i generi un ordinamento istituzionale. A tal proposito, lo IUFFP ha potuto contare sulle competenze interne dei collaboratori e delle collaboratrici nonché sulle loro conoscenze per elaborare e applicare le presenti direttive. Lo IUFFP riconosce l importanza della parità e le conferisce un nuovo impulso, proponendo strategie e incoraggiando il maggior numero possibile di persone a impiegarle quotidianamente. La presente guida costituisce una traduzione delle direttive valide per la lingua francese, le quali sono una semplificazione delle direttive di formulazione non sessista dei testi amministrativi e legislativi della Confederazione «Guide de formulation non sexiste des textes administratifs et législatifs de la Confédération») di cui il Consiglio federale ha preso ufficialmente atto e che, a tale titolo, funge da documento ufficiale nell ambito della parità di trattamento linguistico. Le presenti direttive applicano le stesse disposizioni del documento summenzionato, nel quale la Confederazione fornisce istruzioni dettagliate. Qualora le indicazioni contenute in questa guida non siano sufficienti a chiarire determinate questioni concernenti l uso non sessista della lingua, è possibile consultare il link http://www.bk.admin.ch/dokumentation/sprachen/04850/05005/index.html?lang=it per trovare risposte o cercare formulazioni appropriate. Si raccomanda ai collaboratori e alle collaboratrici dello IUFFP di salvare questo link e di abituarsi all utilizzo del relativo documento «Guida 1 Primo rapporto gender IUFFP. Competenze di gender: fattori di qualità nelle strutture e nei contenuti IUFFP, p. 8, Zollikofen, aprile 2008. 2 Ibid. Proposte per un linguaggio rispettoso della parità di genere/ava/v1

al pari trattamento linguistico di donna e uomo nei testi ufficiali della Confederazione» pubblicato dalla Cancelleria federale. Occorre notare che la riformulazione e altre soluzioni creative spesso rappresentano le uniche possibilità di garantire un linguaggio non sessista appropriato e diversificato; il documento «Guide de formulation non sexiste» della Cancelleria federale offre un sostegno esplicito e fornisce numerosi esempi in merito. A questo proposito è opportuno menzionare le riflessioni di Müller (2007) 3 concernenti l uso non sessista della lingua: 1. Il linguaggio non sessista tiene conto della presenza sociale sempre più marcata delle donne Nel corso degli ultimi decenni, i rapporti tra i due generi sono profondamente cambiati. Oggi le donne sono giuridicamente uguali agli uomini e operano in tutti i settori. La femminilizzazione delle professioni, alcune delle quali considerate, fino a poco tempo fa, tipicamente maschili, ne è un esempio. La lingua, in quanto non statica, deve rispecchiare queste mutazioni. Sempre più persone si sforzano di parlare e scrivere in modo cosciente e coerente a nome dei due generi e si preoccupano dunque di parificare donne e uomini. Queste persone cercano nuove formulazioni che possano corrispondere alla parità tra i generi e che quindi abbiano un eco meno antiquata rispetto al maschile generico finora impiegato. 2. Il linguaggio non sessista è parte integrante dell onestà scientifica La formazione del corpo insegnante delle scuole professionali deriva dal livello delle scuole universitarie. Infatti numerosi testi elaborati dallo IUFFP riguardano il settore scientifico e quello della ricerca, due campi d attività di cui rispettano norme e regole. In tale contesto, questo tipo di testi dimostra la ferma volontà di contribuire allo sviluppo delle conoscenze, definendo le tematiche in modo adeguato e preciso. I testi scientifici possono tuttavia essere differenziati e veritieri unicamente se mettono in evidenza le donne e gli uomini in funzione della loro presenza nei contesti storici e sociali. Questi testi saranno chiariti e resi comprensibili solo se si rinuncerà all impiego inappropriato o illogico di modelli linguistici antiquati (quale la forma maschile impiegata per entrambi i generi). L uso di un linguaggio non sessista esprime dunque la precisione scientifica. 3. Il linguaggio non sessista combatte le discriminazioni nei confronti delle donne Il compito della lingua non è soltanto quello di rappresentare la realtà; a livello culturale e simbolico, essa può anche contribuire a concretizzare una certa realtà: infatti, essa influenza le nostre percezioni e le nostre rappresentazioni del mondo, ovvero i nostri punti vista. Questo fatto è stato provato da diverse esperienze. Se nel linguaggio le donne non sono visibili, nella mente del o della parlante viene a crearsi una predominanza maschile che induce a una sottorappresentazione dei riferimenti femminili nel sistema di pensiero. L uso di un linguaggio non sessista abolisce questa discriminazione nei confronti delle donne. 3 http://www.phbern.ch/fileadmin/bilder_und_dokumente/01_phbern/00_gleichstellung 2

Occorre inoltre sottolineare il fatto che l uso, finora corrente, della sola forma maschile per descrivere le persone di entrambi i sessi richiede, da parte femminile, una costante decifrazione delle situazioni descritte. Infatti, l ambiguità inerente al maschile generico, che può essere interpretato sia come specifico a un genere preciso sia come valido per qualsiasi genere, obbliga le donne a valutare costantemente se le affermazioni fatte si riferiscano anche a loro o meno. L uso di un linguaggio non sessista abolisce questa confusione. Regole di base Scrivere un testo ambigenere significa innanzitutto pensarlo come tale. Ricorrendo da subito all uso di una strategia, il testo risulterà più elegante e risponderà all obiettivo prefissato: un uguale riconoscimento del femminile e del maschile. In particolare, sarà il tipo di testo a determinare le strategie più appropriate ai fini della redazione. All atto pratico si possono distinguere tre tipi di testo: a. testi informativi: lettere, promemoria, rapporti, resoconti e verbali, lavori di convalida, pubblicazioni, articoli, opuscoli, bollettini, corsi ; b. testi normativi e giuridici; c. moduli. A questi tipi di testo e all espressione scritta si può aggiungere una quarta categoria: il discorso orale. A seconda del tipo di testo, la scelta si può dunque orientare verso l una o l altra alternativa. Anche la varietà delle soluzioni (v. lista delle strategie) riveste la sua importanza poiché, grazie ad essa, si evita di prendere in considerazione una sola e unica alternativa, fatto che permette di redigere un testo in uno stile più dinamico. In breve, si applicano tre regole: 1. pensare il testo in base ai due generi riferendosi sistematicamente a entrambi i sessi; 2. definire le strategie adeguate in funzione del tipo di testo da redigere; 3. variare il tipo di strategia utilizzato. Le diverse strategie per una redazione rispettosa della parità di genere non devono essere applicate in modo indifferente. La strategia appropriata va selezionata in base alla tipologia del documento in questione (testo amministrativo o documento informativo / testo normativo o giuridico / pubblicazione esterna / modulo / discorso orale): per questo rimandiamo alla tabella (Quadro di sintesi) riportata di seguito. 3

Lista delle strategie La lista delle strategie sottostante presenta i procedimenti linguistici e grafici che permettono di riferirsi a donne e uomini. Termini ambigeneri Esempi: docente, essere umano, membro, responsabile, titolare, persona, partner, quadro Osservazione: se si impiega un termine ambigenere (identico nelle due forme), questo non va ripetuto. In tal caso i generi si possono indicare mediante l articolo o l aggettivo. Sdoppiamento integrale Tipi di testo: tutti salvo testi normativi e giuridici, moduli e discorso orale. Esempi: lo studente o la studentessa, l attore o l attrice della formazione professionale. Osservazione: evitare la ripetizione dello sdoppiamento nella stessa frase nonché la ripetizione dell aggettivo (un collaboratore o una collaboratrice amministrativa). Articolo Tipi di testo: tutti salvo testi normativi e giuridici, pubblicazioni esterne, in particolare RU, e discorso orale. Esempi: sdoppiamento e utilizzo dell articolo femminile (il o la giurista), omissione dell articolo (responsabile di formazione, persona abilitata alla valutazione ). Singolare collettivo Esempi: gruppo (incaricato del dossier della redazione), responsabile del progetto, gruppo (d assistenza, d accompagnamento), servizio (del personale, delle risorse umane), personale (amministrativo, di sostegno), corpo (insegnante, professorale, professionale). Forma plurale Tipi di testo: tutti salvo testi normativi e giuridici. Esempi: le studentesse e gli studenti, gli attori e le attrici. Le/i candidate-i sono invitate-i a presentarsi allo sportello (solo per testi rivolti ad un pubblico interno). Forme non personalizzate 4

Esempi: azione anziché attore (formazione in mediazione anziché formazione di mediatore o mediatrice), funzione anziché persona (Direzione dell Istituto anziché Direttore o Direttrice dell Istituto). Osservazione: non eccedere in questo tipo di sostituzioni onde evitare un esuberanza della forma passiva. Forma passiva Esempi: il corso viene impartito due mattinate alla settimana anziché il formatore o la formatrice impartisce il corso due mattinate alla settimana. Osservazione: non eccedere in questo tipo di sostituzioni onde evitare un esuberanza della forma passiva. Trattini all interno delle parole Tipi di testo: in particolare moduli, testi amministrativi e documenti informativi. Eccezione: nel corpo del testo, nei bandi di concorso e nelle illustrazioni di pubblicazioni esterne. Il trattino può essere impiegato unicamente quando la forma femminile e la forma maschile sono identiche (un-a consulente). Quando le forme sono diverse (un traduttore, una traduttrice) è consigliabile impiegare un termine ambigenere (il gruppo di traduzione), una forma non personalizzata (la traduzione) oppure lo sdoppiamento integrale (il traduttore o la traduttrice). Esempi: le/i candidate-i sono invitate-i a presentarsi allo sportello. Maschile generico Tipi di testo: ammesso solo nei testi normativi e giuridici. Da applicare in particolare ai testi pubblicati nella raccolta sistematica della Confederazione. Applicazione Tre regole di applicazione fondamentali per una redazione ambigenere sintatticamente corretta. 1. Ordine alfabetico Quando vi è un elenco o uno sdoppiamento integrale, va rispettato l ordine alfabetico dei termini. Ciò impedisce di collocare il femminile o il maschile sempre in prima posizione. Esempi: i traduttori e le traduttrici sono invitate a una seduta...; le studentesse e gli studenti devono rivolgersi 2. Concordanza dell aggettivo o del participio a. Concordanza dell aggettivo attributivo L aggettivo o il participio concorda in genere e numero con il nome più vicino Esempi: lo studente o la studentessa iscritta; le studentesse e gli studenti iscritti. 5

b. Concordanza dell aggettivo predicativo L aggettivo o il participio predicativo si declina al maschile singolare quando lo sdoppiamento è unito da «o» e al maschile plurale quando lo sdoppiamento è unito da «e». Esempi: il direttore o la direttrice sarà chiamato a...; le incaricate e gli incaricati dei corsi postuleranno 3. Titoli, funzioni e posizioni La designazione di donne e uomini va effettuata rispettivamente mediante termini femminili e maschili. Pertanto è necessario fare riferimento al titolo, alla funzione e alla posizione degli individui utilizzando i termini specifici al genere. Esempi: un autore, un autrice; una deputata, un deputato. 6

Quadro di sintesi Strategie Tipi di testo Testi amministrativi, documenti informativi Testi normativi e giuridici Pubblicazioni esterne Moduli Discorso orale Osservazioni Termini ambigeneri SÌ SÌ SÌ SÌ SÌ Sdoppiamento integrale SÌ NO* SÌ NO * NO* (se identici) * Impiegare preferibilmente i termini ambigenere Articolo SÌ NO NO SÌ NO Singolare collettivo SÌ SÌ SÌ SÌ SÌ Forma plurale SÌ NO SÌ SÌ SÌ Forma non personalizzata SÌ SÌ* SÌ SÌ SÌ * Non eccedere Forma passiva SÌ SÌ* SÌ SÌ SÌ * Non eccedere Trattino Non impiegare la barra. SÌ NO NO* SÌ NO Maschile generico NO SÌ* NO NO NO * Principalmente nel corpo del testo, nei bandi di concorso e nelle illustrazioni. Negli altri casi impiegare lo sdoppiamento integrale. * Da applicare in particolare ai testi pubblicati nella raccolta sistematica della Confederazione. Fonti «Guide de formulation non-sexiste» pubblicata dalla Cancelleria federale, dicembre 2000 «Guide romand d aide à la rédaction administrative et législative épicène», giugno 2001 «Guide de féminisation ou la représentation des femmes dans les textes», UQÀM, http://www.instances.uqam.ca/guide/guide_feminisation.html#stratpr%c3%a9s Proposte per un linguaggio rispettoso della parità di genere/ava/v1