! " # " " & # " % & " ' ) '( &( " " "" ( # " & ' ) +&" # &" % " #" % # "" % #" "(% " ## &

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "! " # " " & # " % & " ' ) '( &( " " "" ( # " & ' ) +&" # &" % " #" % # "" % #" "(% " ## &"

Transcript

1 1

2 2

3 3

4 ! " # " "$#"""% " & # " % & " ' %"( """" '( &( " " "" ##*"" ( # " & ' +&" # &" % " #" % # "" % #" "(% " ## & %# #",& & ' #" " -. / % # # " " ( &( #"% " & " ' "3 -.% -.%!# -!.% -.% "" " ##"%("%" &# "" #"""( / "" 4/#"/% # & & 4

5 & " % "# # 3 ""%56#""" # /% # # /#% "#/"" #( / " "% # -78#.!" #"3 #"9 9 "9 #" ## " % #: " "3 7.##""% ## " #" % / ( " - 3 $ 0112 ".9 2." -0118$011;.9 8. #" % ""-011;$011<.9 ;."-011;$1<$1=.9 <. / % "% % " # -011=. 5

6 #(#/% #%" """" 4 / " % /("( " " # " % " % 3 % #" ""% ""-=>. ' " # """%#"""-70=. *#"3 -"%"%.9 " #"% 5#"""6% /"#"9 "#"/"9 ""%* 9 " "- ' " " # "9 4 " " A & 0112"#82 ""- #".% 6

7 #" # 0 "8" #" 0112% ""( B % " " C'D% "% " " % " /"' -% #%.% ##* " " % ## ""( " & ' ' " ## " &#"-"% &%% "%E.! "## " " & & #" % #"%"/#"" ""### #"%" %#"%" 3 & & "" #% 9 &" # * " % " 9 " & &+ %% %"& """"% 9 #&+( "% # 7

8 & ( "( " ##( ## "" F=1< "" F<;< #" ""F;02 F7>2 #""" F<;<!""" ""%"%(##""9 % " "% #" " # " % '% "#%"% ##%&#" # # $ " ' #" "" % "" /"! % 3 & % "%#"" ##(%"% % "((% % % & "% " / & &"" #" "% "#"#% 8

9 " '( $ %" # "" " 9 '""#"% " " % " #"%"% #" &% / " %B " " /% " # " '%."'BB' " 9 "% ' "% " ' & % " ' & "% ##! ' " * # " # % "" " &##"' %% "%##.!"("%"% ""9"# % % " &"" % ##""&%"#' ". 4 # % ""%" " ' "#%"""( 4:""&( " ""% " & " % " # ""'" "% # 9

10 $"%$"&""! % ( #" ""(% '"3 &##"#"" %&%#"% 9 & " # % " % ## ""9 " ' " %"" " ## #" "* ( """"%"%" (%"&( ' " & % 3 & - "" #.% # " % " % " " "" #9 & ""% ## #" ""(% /( " 3 #"% 9 -.'%&," /( % " "% ( " % " & " % ( " " "" ' &% # &%"#"%,"9 10

11 /% #" % ""/(%#" ""9#"! #""" "'!!-!.%!%"" "% " "" 3 % % / % % " %"-.%#9 " %( " " # % # & "" " "" "% % ""%( %#& " " ##( #"#"%# ""9 "" % & ' (" #%" "%" "" " " ##% "" "%#3 +% 9 + % " " / +% 9 11

12 +(%""/ +%" 9 +"#%"/ +% "9 "%' "" (9 H"""% " " "" / + /#"""" %" ( % %#:"(/( %"#%#" "I%##" % ' % " 0118 / + %%/" "% "" "? ## " " / " % /% (% $ " #"""% #" % % ' % / +B%B" #" (% " " (%'%" "" % # #"% " / " " " - #"% % # 12

13 .% /" $ *+",++*"-./01 21!" 5"## (%"E5 27I 5!"%E" ""%"/"% % % % " #"E6 =>!#""" 5! " " % % #" / "EE6 5""("#% /#" => >7% #" ( ("%B #"#E6 >7 6! " % E4 "# / % "! * "% C /% / # /" % # " ##B/#"/E6 13

14 14

15 15

16 16

17 # J $ 17

18 #! 5 "6 % " " " '( /## % ", " / % % "! " #"% /( "%%%% % %"" % "%"%"' /, >22%'""% "%/ "" % ""(* "% #" (% "" " "#"" %'# / %%" //"" % / %#""/ / # $ /"% % " ( 18

19 " " * #% /% / (,""%% " % " - % %! % % I%.% % %! %, " # % " # " % #" % " % "3 - "9 - """9 - % # / ## ""-%(%.9 - % # " %/% / +%*"( "' I 4 # " ' % ##C ' ""% %#" ## B / ' * ##""%% " #" "*! ## % " % ## ( % 19

20 "/%/ % " ' #" "! " * " % '!"#"B" "/=1/"%"% "(#/#% %$/"!!' * #" " % %' "% ' "-"% % % % #".% " # % ##" " / /## " %' <>; " % % " # " % /## % ##" ' % """"/% "" / " #!"%"# % ' # # % * #% '' ## " # #% " "##%( '% #" " 20

21 "/('("/%"% /## " % " * " #( "##%/"%" "(/% " % 4 # %" 4%" H"%* -. /%/"## /"% " " " / 3 4#/9 %#/%4 9 " "" "' ( " / % " " B #" " 9'##"%"%" "%"/"% "###: #"/"( %# #"""#" % "' " "! ##! % "( "%" # 21G "!%82G(!! 0$2 #/# 21

22 ;1G #"# H-0112.%5"6##" (%"("(% 21G% 78G% # ## " 5"6% / / % % 87%=G /% 0;G%8G%2G%#"2GA8G # "32G#%1%;G%;G 9 32G#%;G%77G % "% <8%8G % % ;=G "( #" #" *"#' *"%/## """ 0112% / + 7>2 % / " $'$(""$$ " B"% % / /" % # /'#""#"% #"%*"""?"%# # 22

23 "% " #"" *' " #" % / - " A.%/"-!?. " " / ##"" #! " " " % " "%" (!%" "% " "% " " " " "% /%##'( "" ( " # "%*%% #" %##" %"# +" " #% " % "" * 'H%"%3 "9 "9 "" "$("$""! ' (%1 23

24 % %"3 / ""$"" 9 '"%" /'#"" "! " "% "" " "% """ % % " "( #! " ( "" " %% % " % /"! "% % % ' %" / ' % " /"" "B#'"##-%. ( 5" 6-"* " '.% #% "#%%"% #"-"* "#"". K" " ' (%%#,/ ' "" ##"% "!"'% #3 "/%"9 "9 (#(" 24

25 '"!/"%%"%/ / % %#"(!"% " /## " " /" / / % '% "' %/"9 "%" "! ' / / % 4 #"56 "% / " %("/ " " % ( " %'( /%#"(!"% " $ "K4"" "/"!'3 - % "# 9 - "%"9 - / %!'"(/ " "( " "#! ' % 4 # " "% " " % % " ""/ '""%" "" %' B ("B# 25

26 # " " $ # % :"//%'"%%%* #! % " " " 3 %%", 7 "" "% # % " "%"$""9 0 "" $"% " "" ## ' %" ' ## /" %% '"(9 2 "" # " "%%" %" " ' "'"( ""'" ' #"% ##?"" "!" "% % " " - ".% "%%(#"(" %$# "% # #( / " " "5(6 % " 563 % %( 26

27 #!/%"%# -%%.%## ""% %" /## /## /%# %#/ " " # "%'*B4#"% " " ## /*""%"( %(".2" /'" -%.% " J"9 J"9 J""9 /#"/( * " / -" %. /'" " /%",2""( % # $ # "% % % #% % # #'"(/ # # #" # % (" -. -".%'/" (""# 7; 27

28 *2""("!"%"' " -.!"// 8> "-% % I / +%. "#% %" 32$! "" /( " "3 9 #! %#%# #" % " / %" ( " /"" 0=?!/+I! " % # #"% 4 % " 0=?!"/(! $?$I / +/"-?%%.!? 42 "("$"" """%" 3% % 28

29 ""# /3 B'"9 #(#"!"## (' "" ' * " " ' " ""% ' ' % #/%" -. - " ".%* # % -% %.%"" % " % "-56. B " - #"% %%""%. "%#B/ "! ( # % " /'"/## ""% #""% %#" " "% # " "% "%#" ('#" "( #"% (# #" " 02#("'$&'$$"",/"#%# (%"(" 29

30 %"%#% % "" "" # ( -. % # " %%#" ( 52" "" "67"$"(7 "(! % " "%"" % ' ( " "% "%" % ##"! " - "".% L% % 829 (" #" /" # #" '# /## #" " " % "", -,.%/#" /2 /"08%"' "" # /## ( " / /7$=$

31 DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE AUSL DI MODENA SCHEDA A Servizio: Distretto: RICHIESTA DI CONSULENZA AL SERVIZIO SIG. DATA DI NASCITA STATO CIVILE PROFESSIONE COMUNE DI RESIDENZA VIA N TEL. MEDICO DI BASE Valutazione multiassiale (DSM IV/ ICD10 o ICD9 [] effettuata in data [] non effettuata Richiesta della Consulenza: Consulenza psichiatrica Consulenza psichiatrica urgente Valutazione disturbi da uso di sostanze Valutazione per interventi socio-assistenziali integrativi Programmi/interventi in atto: 1. Terapia farmacologica 2. Interventi psicologici/psicoterapeutici 3. Interventi socio-educativi 4. Altro Il paziente è informato della richiesta di consulenza Data Operatore richiedente Tel. ESITO DELLA CONSULENZA: Data Operatore Tel. 31

32 SCHEDA B Dipartimento di Salute Mentale AUSL di Modena SCHEDA DI VALUTAZIONE MULTIASSIALE (DSM IV-TR/ ICD 10 o 9 UTENTE COMUNE DI RESIDENZA MMG ASSE I: Disturbi clinici e/o altre condizioni che possono essere oggetto di analisi ASSE II: Disturbi di personalità e ritardo mentale ASSE III: Condizioni mediche generali ASSE IV: Problemi psicosociali e ambientali ASSE V: Valutazione globale del funzionamento Servizio Distretto Data Compilazione Operatore/i Tel. Tel. 32

33 SCHEDA C Dipartimento di Salute Mentale Progetto Doppia Diagnosi SCHEDA PROGETTO INTEGRATO Utente: Nato a il Residente tel. stato civile professione titolo di studio Servizi coinvolti Medico di MG Sottoprogetti Titolo-Obiettivi Risultati attesi Azioni previste Tempi di realizzazione Operatori coinvolti Costi previsti Verifiche previste (tempi e modalità Note: Luogo e data: Operatori tel. tel. 33

34 SCHEDA D Dipartimento di Salute Mentale Progetto Doppia Diagnosi SCHEDA VERIFICA PROGETTO INTEGRATO ":::::::::::::::::::::::::::::::::::::$:::::::::::::::::::::::::::::: Sottoprogetti Risultati attesi Azioni svolte Risultati ottenuti Operatori coinvolti Punti di criticità Costi sostenuti Proposte di modifica o integrazione: Tempi di attuazione ed indicatori di risultato: Prossime verifiche previste Luogo e data verifica effettuata Operatori presenti tel. tel 34

35 $ J?" H " + 35

36 !%""% % " '( %" *#*" %"" B/ +%"( //0112%;02"" '% % " / + ## ' #$"' ##- ".% "'""% " %" # #("! / '( " "%" K""""% "%""-#""(. ##%#% 56" %C##(-.4#%'## ##% "% #"% # " B ### /B "% / " B #! %#*"" " " ( " /##" % ' B /"("#"% 36

37 ! " 56 B # B * # ' % #%#"%%*" * " / #" 6 /0 5/ #" / ' E6! " % ""565#!I"6 %,"% / " %#" % I% ( "! / ' * ' " # "%"""%" ' % #!""#%# -.% # % "! # " " B % " ( I ( ## ( -.%"## #/( "#%' " "%' ## " 3 3 " % # A M ""'% %" ' '(! A M I " # ' *,/ ( "! % 37

38 II - I " I.% #3#"%#" "%! " '%% "" "" "%'' "% " ##"3" " " % # / # 4 "!'# ##%*/"% " # B "!' #%$ /" 3"""' %"*"/ #M!?3'""!# "% " " " % " % '" $ # ' " " " # ## / ; #% " " " " 4 " / " "% % / /M!?% # 3 #3%#%% % % 3 ' "' #" % ' " ' "' 3 " " % " % " ##( " 38

39 ' #" ""4'#" "(" "" 3! - # B " " #". "' #" "% ' # / #" " " " " #"% % % # -.* *#"#""' 4"/ '!"#"%%I% #" ' % '! " "$$ / " ## ( K " ##( " 0##(3 -. " * %""9 ##( " ( % %"9 % ##( 56 3' " (%:% "$" " " /% # 39

40 7 % "" #" " #% " % #( # / " K ( #% #% / " #" '"B 0 56 " 5 ""6 % % I% #" -"" #/.%" " 2 I % ( " '%"""" " % " # " #"B I"% "" " "" "3 7 "'"9 0 % "% " 56% " " 9 2 "56%" ""(%4$$$ "9 8 "(""-+?.( " "( % " # % " " # ' % ( #"% ' ( % %-(.%% -. ' " ( "(,/44 (4 '%#" $ 40

41 1 ""! $ < # " 1::::::::::::::::::::::::: 1:::::::::::::::::::::::::::: 1::::::::::::::::: :::7:::7::::: "1::::::::::::::::: #1:::::::::::::::::::::::::::: "-::::::::::: 1::::::::::::::::: $1:::::::::::::::::::::::: '"1:::::::::::::::::::::::: 1::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::!7! 1:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::: NNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNN NNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNN $$""7!$1::::::::::::::::::::::::: 1::::::::::::::::::::::::::::::::: 1:::::::::::::::::::::::::: ("$$".2::::::::::::::::::::::::::::::::: '"1::::::::::::::::::: 1:::::::::::::::::::::::: 1::::::::::::::::::::::::::,2::::::::::::::::::::::::::::::::: '"1::::::::::::::::::: 1:::::::::::::::::::::::: 1:::::::::::::::::::::::::: *2::::::::::::::::::::::::::::::::: '"1::::::::::::::::::: 1:::::::::::::::::::::::: 1:::::::::::::::::::::::::: "6(" ""1::::::::::::::::::::::::::::::::: NNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNN NNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNN :::7:::7::::: 9 1::::::::::::::::::::::::::::::::::: 9 1::::::::::::::::::::::::::::::::::: 41

42 ;, SCHEDA PROGETTO INTEGRATO CASI MULTIPROBLEMATICI UTENTE (cognome e nome : Residente a tel. Servizi coinvolti Operatori coinvolti Operatore case manager tel e.mail Problemi evidenziati Risultati attesi/indicatori Azioni/Interventi previsti Tempi di realizzazione Servizi/Operatori coinvolti Costi e impegni previsti (indicare per singolo servizio Verifiche previste (tempi e modalità data: Operatori Servizi 42

43 9# $ HJ, H HH H O # P 43

44 9#! * ' % "% " " % " (" "%' * " #! " "9 "9 =#"9 #";9 ( #" 9 (#"#"9 9 "% "' # " "%"' ;1G"9 7>%"" %! "'"("$$ " " 5 ""6% /" '""%*/ #"/"#" ( " " % ( "* # "K(""(%' 44

45 #"#" %" #("$" "% ' "% * #" " # # " C'"3"% " " " ""%/ #(% % % "%" " B!?!% " " "" %"%"# "!'%"""" """ K "-# A A"" # ".B""%717;G "3 " " "'""" '""#" "%"%5"6 '#""%""% ##(%" %##(# #" " " % " ##( ##'#""" /"%* # * % * 0F "," #( * / #" " # #" 45

46 +""" ""% % ( ""%##(" # "$ 6 ( ' " " ( # " %#"/( " K"%#" #" K "% ( ## (% # 5 6 "* ##""!""%#(""%* B % " #%(#"/ # " " B % " # #"!' %* "#" / % " ' " " # " B + " "% #"%4% ""# $" $ "'$'##"4" " B # % " # " (""3 " 3 ( #"* % " #" 0118% " % " " " " 46

47 70 " % " " 3'""#"3 (2;11I>21"%" 3" """'(* <; / ' " "% /" ( " #' ' " "3 * # B " /5"64 %'" "#"?!% 3 " ;1G " '"""7;11## '"" 3 ' "#' ""/ '%/ / # % " " 00 "09"9##( -QR.!/ ##(%"4##*% "%*""" K " #* #' /%/ $"'" %5"6 /%'L-". / "# # /" -S<;.%" '" -T>1.%#" 47

48 #%"K" "-5"6.% "#(-5"6. / - 5 #6.% % : " /# " ( % /( %%""%" ##%""56,/%# '%# B % " "-"#. % # #" B "-". :3 T<;%%" "(9 $#9 "$#" + " 0811 <8 " % " 0118 =;1!' %%%"% " K " : ( (""%"" "#%%##(% $6 " "##'3 (# #"% " B " """9 ( # % '*9 " " " /-%%%.9 48

49 ( #" " " % 9 ( ( " " "% " """ ""$! $ /#%3.3 - //9 - (""%' 9 - #9 - "9 - " " / %' "."3! " % " % / "%"(/+?/+? $ % /+?% ( "" " % " / % # % ' "! % /+? * ( '" ' %* "'" %%(3 7.""3-3 /% % % % /$ 49

50 -!#" % " I "(/$", " $ ( "# " % 4 " "?"#"" $ % % # "% " "(# -! $ " 4 "# " % " - /""""3'*/,$ "" / %"B, % % "" 0.%(/3-3 % " ""% /!$ " ( %# -"3! $$".% /I"( /$ ", " $ ( "# " % 4 " "? " # " " $ #"%""(#! " #" - /""""3'*/,$ "" / %"B 50

51 , % % "" #""( " K" % / +% -,.% #," / 3 $ $ $,/ " 4"""%" " /( #% " # /" : # "%" ' " "" ( ##-C.%"' /% " # B % '"%" 51

52 # # ( " ## "% % #"% % " ## % " /"! # 0F % " % " B ( %B " #" 5" ""5% % " "" #% ' "% ' # " "% " %"%&" #" #"% " #"!'/"" %#" ('"*% "% "$$ #"/3 7./%"""9 0.%"(?"B3 7./%"""*3. % # ## " "3!-". #"%" " %#"-".9,9? # ##-! * # % B"".9 52

53 ,"%70%#(.#"# "(%#"9,9 -.#.3 "%#%9 9 "% 9 """ "% "(9!#"" %(3 #"9 9 9 #"-.9 "%!" "%5""6 " #U * " #" % # #" # %"%#L9 %"# / % " ##%9 ( "!#"% "9 "B%! ( ( % "" ###" " % % "% (%' 53

54 7.%"(3 * ( % " % "( "% (# -.%"" %""!"""" % ""3 "(9,9,""7%(#9?## 9,"9 #"9,'#!'""(3 #"B9 " B " " #%"" ""9 ##9?""%" '" % " %#"9! " # " #"! ( "$%"""%"#' # "=$"' "$$"! #" % ( 4 " "? ( #% #"% ""#"'""#,"3 54

55 "" $ - " / ".% % "/"9 #"%%#"% % % 9 (9 "9 9 #" ("#"%" #"%#"!"3? ( # % ""!"3?%#"9 %#<70"9,(% """'>$"$ ("! # " "% " # "3,9 "## #"% - # " '.% ##"9! 9 9 H"9 55

56 +9!4?3 '"9 #" % % -##"$% "( "%(.9 ""9 /9 " 9 #"!#"% %#"%"(" #" 56

57 # 7 ( " ## "% % #"% % " ##% % " /" 0 " % % ( % "% /( % # #" 2! ""% % " ""%##"4#! # #(% " % % 6 "##(3 - ( ( " " "% " """9 - """ /-%%.9 - //9 - #"% "' "%* ' % # " "%"9 - (""% 9 - #%B9 - "9 57

58 - " " / %' % " 9 - (#% #"%"B" """9 - ( #" " " 5"6 $"$"" "! " " " ""%# ##"* + " * " /" % 5 6% " ' % ' "! ( " %"" '"3! " " ""% # "% ( """ *5"6"% * #""! * # #" "% ' # "##(! " # #"% % "#" $"" " ""% % * #B%(" " 58

59 ,/(%" %"##"( ' " " 4 "%" "B #"'"#"" "% " " "B3' K%% " "% #% " K3 -"$.% % -" $(.% ( "9 %/""8>%"" B% *9 "" % B "/B,% ""4#"""#3 7.""#3 / "-I.% "9 9 9!#" 0.""

60 ' # % ( #%" '!*!5"6%* -".? # " #"% % " "" % 4 "" " "' '#""% "" 60

61 1 ""! $ < # " 1::::::::::::::::::::::::: 1:::::::::::::::::::::::::::: 1::::::::::::::::: :::7:::7::::: "1::::::::::::::::: #1:::::::::::::::::::::::::::: "-::::::::::: 1::::::::::::::::: $1:::::::::::::::::::::::: '"1:::::::::::::::::::::::: 1::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::!7! 1:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::: NNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNN NNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNN $$""7!$1::::::::::::::::::::::::: 1::::::::::::::::::::::::::::::::: 1:::::::::::::::::::::::::: ("$$".2::::::::::::::::::::::::::::::::: '"1::::::::::::::::::: 1:::::::::::::::::::::::: 1::::::::::::::::::::::::::,2::::::::::::::::::::::::::::::::: '"1::::::::::::::::::: 1:::::::::::::::::::::::: 1:::::::::::::::::::::::::: *2::::::::::::::::::::::::::::::::: '"1::::::::::::::::::: 1:::::::::::::::::::::::: 1:::::::::::::::::::::::::: "6(" ""1::::::::::::::::::::::::::::::::: NNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNN NNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNN :::7:::7::::: 9 1::::::::::::::::::::::::::::::::::: 9 1::::::::::::::::::::::::::::::::::: 61

62 SCHEDA PROGETTO INTEGRATO CASI MULTIPROBLEMATICI UTENTE (cognome e nome : Residente a tel. Servizi coinvolti Operatori coinvolti Operatore case manager tel e.mail Problemi evidenziati Risultati attesi/indicatori Azioni/Interventi previsti Tempi di realizzazione Servizi/Operatori coinvolti Costi e impegni previsti (indicare per singolo servizio Verifiche previste (tempi e modalità data: Operatori Servizi 62

63 # & $ "J H 63

64 # &!"""((" ""#(! (% #% " " #" " / /I!H-! # # H%AM. ##/!71# "/!H"#" "% "-"%"%%""%". ' 56 - " "(% %".!H%'% ( " # # % " " ' V"(' % ""% "/(! % % " % " "#%#"B "##'*B"/I #""% /"" " /"# " " " * ( / " # #""%'""" " "/## B%4* " " ->.% "-01.%C("#" "" *"#! % / " " 64

65 '#%'-/."""" +/"#"*#"" % " """""" (%'%3 7 $" 9 0 ""$9 2 " *'% "" "*"'##('#" ## " ""( / ##% % %" ""(#""" ' #" ' #"!' * /( " " ' 56"""% "! % /( "" #" / / # 56% ""! '( % '"*#( B " #% " "#"( " " / " ( ' ""( # / " / " % % /## " #"% " ( "" % 65

66 I '"""(* #'"( "" ""3 7 " ( % "$""9-""% ".9 0 # """9 2 " / ("$9 8 (-' ". #" " $ " #" ""9!' #" # "##" %" "B' ( "!((#%"7>(% "#" #"## +""!' " % " #% " ""#:"(/ K 5"6 %" " /" " 7>F (* " ''*' "" #" " " ' "!! K " ' " "" 56 "#" 66

67 -.B' ##(B"" V " ' " " ( " " # % C " B % C ' " ' " 56""" "('"" " "" 56 % /! $ " ( ""%# ( # "" % % $ ""( "!#" "I"( /$" '"""% ""( / "# 4"( (""# /" /("%"4 %#" " ' / - # (% " % " # ". 67

68 ' % #" " 5""6% " % % """'"" "(%%#%" #"% % ' % % " # " "% B # " " 569' "#"""%# % % ""% "#?* # * " " ## ""( " ( 4 % " ' % " " "" " 56 ' #"%" 68

69 1 ""! $ < # " 1::::::::::::::::::::::::: 1:::::::::::::::::::::::::::: 1::::::::::::::::: :::7:::7::::: "1::::::::::::::::: #1:::::::::::::::::::::::::::: "-::::::::::: 1::::::::::::::::: $1:::::::::::::::::::::::: '"1:::::::::::::::::::::::: 1::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::!7! 1:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::: NNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNN NNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNN $$""7!$1::::::::::::::::::::::::: 1::::::::::::::::::::::::::::::::: 1:::::::::::::::::::::::::: ("$$".2::::::::::::::::::::::::::::::::: '"1::::::::::::::::::: 1:::::::::::::::::::::::: 1::::::::::::::::::::::::::,2::::::::::::::::::::::::::::::::: '"1::::::::::::::::::: 1:::::::::::::::::::::::: 1:::::::::::::::::::::::::: *2::::::::::::::::::::::::::::::::: '"1::::::::::::::::::: 1:::::::::::::::::::::::: 1:::::::::::::::::::::::::: "6(" ""1::::::::::::::::::::::::::::::::: NNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNN NNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNN :::7:::7::::: 9 1::::::::::::::::::::::::::::::::::: 9 1::::::::::::::::::::::::::::::::::: 69

70 SCHEDA PROGETTO INTEGRATO CASI MULTIPROBLEMATICI UTENTE (cognome e nome : Residente a tel. Servizi coinvolti Operatori coinvolti Operatore case manager tel e.mail Problemi evidenziati Risultati attesi/indicatori Azioni/Interventi previsti Tempi di realizzazione Servizi/Operatori coinvolti Costi e impegni previsti (indicare per singolo servizio Verifiche previste (tempi e modalità data: Operatori Servizi 70

71 #? = # J H " $ 71

72 #? =# #/(# "" " ( " WW " ##% / "(%%# "%/ + " * ' % #%%/* ' # / " / % #/" % ""% # % / % % 5"X 6%*(""% """ "%" * " B*"'C56 " # # ( # # % #"((" ""#,X%"%#%"%B" /(% C # ( # ' ( " ( %" " % ' / ' /( "%(% % C' "" "" / #"" "## % " "% ' # % % # # # " # 72

73 " / #" # "$# ""!' /( B / ( % ""# " "( *"('#"%"# "#"#%#"- 4 "" # % : "% ""# " % ""( " / % % K # % ( # " "% ( " ' #%"## "(!'##"### %##(%% '%#" / $$#" " I """ "#""/",/ / ' # % " #( "( ""( "/%# "56#""" ##* I # ##% " 73

74 #-. % "% " %"#' " ( * # / % ( / % : " ""### 4 " ' # %C "" $"" $""= $" " ' K / "( / "" ##% ( ( "%* '"! ( ( % % % % # # " "% " #" % %4%C#( #"(""%% """#"(% #!B" ' """ B ##3 4 " ''B#"% "(%( ("% ("%"# "9'# #" % C " % & " % "#(' " 74

75 % '""" / "" "" ' """ K ' ' ' * ' ## " % #"% # " " # " ( % "% % /!'"/ %" " "% " / B "#"%"%" "$'"(""(! $"$"( /,"?" ###" #" ( " "# "" "?-%". //( #" ""$"!"$$"$7"" " " / ' %'*""%#" ' 9' : /* * ( " "#%C 75

76 #% %#"/5"(65!?64" ""$"$A$A " " "( 4 # "% " C " ##("'( "*"" " ( # "' "" ## (% % '%"%"( B%% "#' 4 " " ## " 4 B / ""%"% " * ## " " " " "" " ## "" %%4 ## # # " " ' #" " " % ' #"" /% 4 " / " %"" ( "( " " '3 % ## #% "" 76

77 (!"'' " 4 " #'"""" #!#%"%%"#' (4"( "(#' ##"B "" """#",/""" ""#" "# """"$"" $"! # 5 " 6% 9 " "(% ' "/"## "#"%4" ###- % #%.% # ""/"4% "% ##( # " / % " "" ' B /*'#-. "' " " " # $"%" $ '"#W "( "%" # ( (!' 4 " ( # %!?"%" 77

78 # #" "% #" "(""'$'&"" '""" " " (% ( #'% " B % #" ' (% # " """%(% (9 "* "# "% "/! (% # % "(% "#"" #"#%""%( "( " " ""/ "' " " # " #"(""-.!"'#"(%C "(3 7. #/ 9 0.!?!? ;. %"((#"!"""( #%! " % 5 6 *#"#'(' "" ""#"W " 9 % / / # "( WW%#"" " 78

79 ,/ ' # "" #" ""9 " % " " / / 4 " #" 79

80 9.2"" $"" ""( $.B""! #,2"" $"" ""( $.B"" *2 """ $" '$AB$A$AB $$"! # $ "6 %H%% " H%, H9!% -, *. H-.% %! % / % %% + ## "( %%H% I -.% H%, H-.% %! % / % I% % % %% + %H%% I% #% 9 +% ( H%, % " H-.% %! % / % %% + B %% I -I % " #%. % I9 +%% % "(, - "".% - ". H-.% %! % / % I -%.% + "6 "6 '"( "" %%! % H%I -!#%.% "( " "( 9 % /#% "( -".% %, H-.% %! % / % %% + H%% H%% H%% H%% H%%%! 80

81 32"" $" '$A! # 42"" $" $A$A! # 02"" ""$" " $"! # 52$" % " $ 9$B$A$! # % "% M %H % "% M %H% % "% M %H % "% M %H% I -%.% + % "% M %H% " $H H%% H%%% I -.% %? H%%% I -I.% H%%%! %I -I.% +% H%%! % +% H% %! H%% H%%% I -.%? H%%% I -I.% H%%%! %I -I.% +% H%%%! %+% %? H% H% H% H% H% %H H%% +% %? 81

82 # "(" *"""/% ("" / /*' "("''"# #(! 4' "/ % %%%% "% %!# 4 % %%%/ #"# /# "# '",/ " ' /' * % "* #! # #" " 4 # C " "% " / " # ' /",!% /'" / #(" "" ""(" -,!. C # % ",! ( " ( / # #' " ## " " % /" " # " +'' ## / " " # 82

83 /' # "% ""%% %#"/""% #"! ( # /,! ""( / '"##" % ( # "" /' K''#% / % "" " +#("" # " ""% #"%"# %C/"" "##"""(%% (""9"(( "" /(" #% 4 " #" /"!H"%"%""4 ' ""* #% " " -8; ". : " " 4 " "% /'% # "" C*#%/ /" # /% ( "9 ( * / #" " " / /,!-/'"" /. 83

84 $A "(" (" $ "( "6"$"! $6 Data segnalazione. Servizio che segnala: Consultorio Familiare Ginecologia Ospedaliera CSM Medico Medicina Generale DP Servizio Psicologia Cognome Nome Nato a il Residente a. Via n. Tel.. Domiciliato a Via n. Stato civile.. professione... Titolo di studio. Disturbi/Problemi... Medico di Medicina Generale. Familiari o altre persone di riferimento... Epoca di gestazione Data presunta del parto.. La gravidanza è stata ricercata si no La gravidanza è rilevata tempestivamente si no La gravidanza è monitorizzata regolarmente si no Nome e Data di nascita del minore già nato.. Condizioni di assistenza La donna è regolarmente in cura presso CSM si no Presso il SERT si no Presso la Psicologia Clinica si no Altro Specialista si no Altro si no specificare. 84

85 La donna è in carico al Servizio Sociale si no La donna ha un marito/compagno si no Lui è a conoscenza della gravidanza si no La coppia presenta caratteristiche di problematicità si no specificare La donna ha il sostegno della famiglia d origine si no La famiglia presenta caratteristiche di problematicità si no specificare... Servizi sanitari e sociali coinvolti in questa fase:. Tipo di richiesta Consulenza si no Presa in carico congiunta si no Assistenza alla gravidanza si no Assistenza alla genitorialità si no La donna è informata si no Convocazione E.M.I.R. data / / Proposta da.. Convocazioni successive. Esito Unità di valutazione multidimensionale (E.M.I.R Case manager. professionista Tel Data Firma operatori /.. Firma operatori /.. Firma operatori /.. 85

86 $A(";;;; L E.M.I.R costituita in data Presenti Valutata la richiesta di consulenza e supporto avanzata da propone: 1 L avvio o il proseguimento della fase di consulenza e di valutazione multidimensionale delle condizioni del soggetto finalizzata all eventuale definizione e gestione di un programma di cure e di assistenza diretta al soggetto stesso che coinvolgerà i seguenti servizi: 2 Che il servizio capofila del programma integrato provvederà ad indicare l operatore/dirigente case manager e tramite questa figura e i referenti degli altri servizi sanitari e sociali coinvolti, provvederà ad elaborare ed attuare il progetto d intervento integrato (P.IN con il concorso del sistema dei servizi reclutati 3 L attuazione di altro programma: (indicare le possibili proposte e le motivazioni della decisione 4 La non presa in carico della donna o del genitore nel programma speciale previsto i soggetti multiproblematici per i seguenti motivi: 86

87 9 < #H " H? $ 87

88 9 < #"% % " """(%# " % B "" " # " /" % ##(" #"""% % " " "" % ##( / # "#"! "#"""% " "" #% # "" ' #" #$"""#" 4 # " #" " " "% # ' " B " " #% " =1%/"# #"""' # #" -#" " % #" #"%#"%#""#. " ## " #" ""% # / " % %%# # #""" "%##"""B3 " " " " #"""# #" ##( % " # "" " " (%#"'(""/ #"% " " 88

89 '" " " #" % " "# ' ""(%#"" ""4 / #""" % " # %# # " "#" # "3 #" % # % % #" %# #," % /( % #" "" 3 $9 (##9 #(9 ""9 "!" ## #""" 4 " "( & ' "#% " "" #""" #"""* " " 0112% / % # ## " ' "#"""B% "/ +,!""" 0112( H" " * 3 #" " ""&+$%" 89

90 &"" #" <;<% 7=2> " <;<#"3 9 4 # 5#"""6!3 7==#"-0=G."%" $ $/, <;<#" %;20 " B 3 '% <<G-* 2;0#". 0""% " # " 5 6! % #" "" =;G /"#" #""% ##%"""( /#""""" #"/%! "% ;20 #" " """3 2;0#" <<%7G "09 0<%7G "29 27#" /7%=G ";9 7#" 1%0G "< + [#"[%* #"'" **""#" " ##* " #" '* " #" ' "#" "!"#"""%* B-7==.%"' 3 81G *""#$9 21G -;2. *#$9 90

91 7;G -0=. *"#"#$9 <G -77. *""%##9 2G -<. *"#9 2G -<. *"%#9 2G -<. *"" "" " " #% #" *' #" />8G ".! % "% # " *! 9 " 9 " ""9 # * % "% " #" "" *' B #"* "% B % / % " #" " %' " % % # % "%.! % #""" ##% 3! #" -" "% " ""%".,81G #"9! " # 9 ' #"" % % /" # *###"'B" % " #" % #"* " #" ## $"( 569, #"%##%## 91

92 " % ##( #" "" 9 # / " #/""/(9 /"/""" # + " " % "% ##( /" 9 *"# %"%#" "##9%%#/ ",/ /## " C / " ## "% """(,/## "##"#""" #%"## " % / /' #" "" $ " " #""" ""(""! " " #"' # " # #" #""'( % % 4 4 "# # "#"!"""% ' #" ( #" %#"""%"'" % " # " # #""" '3 " # " % "%"9 *" 9 92

93 " " # "" 9 " # # #" # " 9 " ##" "# / $ "" 3 % #% % """% #" " $ ' "( # % "#" """"" ""/## / "% ' % " " " " ' / #"/#"""/ # % " ' % ""/ "%4 ""4#""" "###"!'#""/( '# -% % "% % % % #"%.% ( / # % "" ## ""' "" %#:/#"(' " % #"% " "#" B " #""" #"""#/" " (##"#" 93

94 $! / " " ##% ##"("%# " B # " "" #"""#"9'/## "//## % " " " ""#" % " ' / " " ""# '(*' " #" -!?.% / - "A./"-!?./" " #! " -!71". $ '! $A / #" # #" %" ' "" ##/( % " / " / #"/ " "% #" /( '( " %##% % " " % "#"#" " "("! / #" "" % #" ' 4 "" # % B " #" ## % /## """"(#" 94

95 (" ""! /+?H -+(? H" ".% "" ""#"!"/+?H('% #" /% /( " % " /( "" /#"""/"" " " """ ""#"/+?H/## (/#" ("3 / #" /( #" / #" /%"" """ / "/+?H% ## #"" 9"("("! " " % # " "" #" ""%" % % " #" * "#"#" "" # ( " % ( " # # ""#/"/# 3/+?H%/%# 95

96 % ( # " "" #" " $ " #""" "" -!.% % /#%"## " ( "/#"" #"#%/"""!"(#"""' 9"(""""(9!'#"%% % % %# #" " " "/"#"""% # # 3 ""%#""!#"/"" #"""%##"3 # "" #" " 9 #"9 3 "" #"9 #" # "(/#$ / #" "4"""#"% "#"" #""" 96

97 B "% % #% C "" % " " "%" (%"#" " /'/"U"#"" %:#%" "B(% #" " #"" ' #"$"(%" ""#"" " "$ %(#" "#"#" "!""/( #%""" #"% #" % " % " #% #" ""$"" #" # " #""" "!#" "# "" # ##% ## B " /" " #" """"%"(%%" %"#* " " % ( " % / " 3 % % 97

98 " %"( /9' # " / " "" -!?!71."*# " #"% ( "#% /!"" "(#3 " "" #"% ' "9 "9 ""!"#" ""% "'!!-!.! " " "% " ""%3 9 9 """9 "/9 /9 "9 " -.9 # V / % /% ## " "% # "% " " % " ('#" "( "! /#"-% " %.% % +?H#( 98

99 #("'$A "" + "" '# / " ""( ' #" " % " "("##! " #""" % % " #" ' "# '%%( ## "-##A. "" "J ## -##.% " '"/(! /## "% ""( " % ## ( # "% / % /" " / ""(#""//" "( # "" ## " /#%#"% #""#" '% % ( "#""""% #/(#" K " "" #% "%%""/#"!"/#" ## / " " #" "% ( % ( % % " ""%"( "#" / #" ' / % C ( % %"%"""%"/ ""%B#/ "%" 99

100 (#"#"" " %! %'"#"# %/ ""#" +""" / ' " " # % " ## # % % % /#" ""(! #" " % % ( " #" ""(" 4 # %!%%""" #"#"# %#"% ( # " ( 4 "# #%#"%%/% '( " % " % # ( % /( % ( ### " ## #""" ' " -%'%%.%4C " "" % "%#"%"" 100

101 "1'"("! * ## "* #'"#" "",/ # &" "("##"" # #",/ " % '# - % % #".% ##"""""##3 ##( # 9 #"#"9 ###9 9 (""9 """// #"""9 "#!#"" /! " ( #""""%( " "% #( /" %""/"( " / (' " #"""%" "" % " '#( $! % " " ##% " #" " " % #""%## ##"(% " 011<$1=%# #""""" 101

102 $'! $A! #""" "# " "" " ##% ' " I3 #"9 "-"%" '(#"%""%.9 +""#"9?/##9 /9 "#""/ 3 011<$1= % " 717; /! " " /-,#$ $!#".% #/"""% # - /. #""" "" # " # "#" " %#//#"-.% ## " #" ""% " $ " ( '"" " / "" / %" /(%" ' * " #""%#" #" #" '"#" 102

103 #"% ' "" " % /""#"+?H " #" """#70"% " / # ""-"%%#" "" "" " #"% #""#". ""3 #""" ""9!!-.9 "-. " ## - " #"% ". 3 ""7,# "-.! "# " 9 (" " #" " " "" #""" -%%%(##. " % "#"% 103

104 & ' &!!"# $ % % % & 104! # ''# % '' "# ' # % %"( *+

105 1 L UVFM richiede ai servizi interessati un supplemento d indagine e un approfondimento diagnostico inerente alle condizioni della famiglia e/o dei singoli membri del nucleo del nucleo &&! ' predisponendo un progetto Composta dai referenti PIN, per la servizi, sanitari e famiglia multiproblematica Valutata la sociali che per presa in carico dal sistema dei congruità della competenza e servizi sanitari e sociali richiesta funzione possono convoca intervenire sulle l UVFM problematiche che il nucleo familiare + * 2 l UVFM richiede ai servizi socio sanitari, che nell istruttoria risultano coinvolgibili di svolgere consulenze e/o interventi presenta 3 l UVFM valutata la condizione della famiglia non reputa necessario attivare un progetto integrato speciale per quel nucleo Unità di consulenza e di terapia famigliare Servizio/ sanitario del DSM Servizi Sociali del Comune di residenza della famiglia Altro servizio sanitario Progetto integrato (PIN con operatore counsellor Progetto integrato (PIN senza counsellor Rinvio all inviante con le motivazioni e/o con le indicazionio operative dell UVFM Invio ad un servizio sanitario per consulenza e/o per una eventuale presa in carico 105

106 H"" +(?"-+?H. Data Codice famiglia Dati Anagrafici del nucleo familiare Cognome Capofamiglia Nome Cognome Coniuge Nome Residenza (Comune Via n Tel cell Domicilio (da indicare solo se diverso dalla residenza Composizione nucleo familiare Nome Cognome Nato il Rapporto di parentela Titolo di studio Professione 106

107 < 9 Nome Cognome Rapporti di parentela MMG (Nome e Cognome In carico a quali servizi Socio-sanitari Per quali disturbi Trattamenti in corso Famiglia presentata da Motivi dell invio e della richiesta d intervento Problematiche del nucleo segnalate Servizi sanitari e sociali coinvolti negli interventi di consulenza e trattamento diretti al nucleo familiare Con quali interventi 107

108 L UVFM costituita in data Presenti Valutata la richiesta di consulenza e supporto avanzata da propone: 5 L avvio o il proseguimento della fase di consulenza e di valutazione multidimensionale delle condizioni della famiglia finalizzata all eventuale definizione e gestione di un programma di cure e di assistenza diretta al nucleo stesso che coinvolgerà i seguenti servizi: 6 Che il servizio capofila del programma integrato provvederà ad indicare l operatore/dirigente case manager e tramite questa figura e i referenti degli altri servizi sanitari e sociali coinvolti, provvederà ad elaborare ed attuare il progetto d intervento integrato (P.IN con il concorso del sistema dei servizi reclutati. 7 L attuazione di altro programma: (indicare le possibili proposte e le motivazioni della decisione 8 La non presa in carico del nucleo nel programma speciale previsto per le famiglie multiproblematiche, per i seguenti motivi: 108

109 SCHEDA PROGETTO INTEGRATO FAMIGLIE MULTIPROBLEMATICHE FAMIGLIA (cognomi : Residente a tel. Servizi coinvolti Operatori coinvolti Operatore case manager tel Operatore counsellor tel Problemi evidenziati Risultati attesi/indicatori Azioni/Interventi previsti Tempi di realizzazione Servizi/Operatori coinvolti Costi e impegni previsti (indicare per singolo servizio Verifiche previste (tempi e modalità data: Operatori Servizi 109

PCO INSERIMENTO IN CENTRO DIURNO

PCO INSERIMENTO IN CENTRO DIURNO PCO INSERIMENTO IN CENTRO DIURNO Edizione 2009 INSERIMENTI IN CENTRO DIURNO Il Centro Diurno è una struttura semiresidenziale con funzioni terapeutico riabilitative, collocata nel contesto territoriale.

Dettagli

software CONSULTORI.net Scheda Prodotto Gestione Consultori Scheda Prodotto Release 1.0

software CONSULTORI.net Scheda Prodotto Gestione Consultori Scheda Prodotto Release 1.0 software 70053 CANOSA DI PUGLIA (BA) - Via G. Marconi, 14 Tel. 0883.614600 Fax 0883.665872 sepi@sepispa.it www.sepispa.it CONSULTORI.net Scheda Prodotto 1 INDICE 1. PRESENTAZIONE... 3 1.1 INFORMAZIONI

Dettagli

CONSORZIO PER L INTEGRAZIONE E L INCLUSIONE SOCIALE DELL AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI MAGLIE <<<<>>>>

CONSORZIO PER L INTEGRAZIONE E L INCLUSIONE SOCIALE DELL AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI MAGLIE <<<<>>>> Comune Comune di Comune di Comune di Comune di Comune di Comune di Comune di Comune di Comune di Comune di Comune di Maglie Bagnolo del Cannole Castrignano Corigliano Cursi Giurdignano Melpignano Muro

Dettagli

Il trattamento dei disturbi psichiatrici comuni nella medicina generale: Il Programma Giuseppe Leggieri della Regione Emilia-Romagna

Il trattamento dei disturbi psichiatrici comuni nella medicina generale: Il Programma Giuseppe Leggieri della Regione Emilia-Romagna Il trattamento dei disturbi psichiatrici comuni nella medicina generale: Il Programma Giuseppe Leggieri della Regione Emilia-Romagna Clara Curcetti Milano, 17 ottobre 2008 XII CONFERENZA NAZIONALE HPH

Dettagli

Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia. Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS

Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia. Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia Num. Scheda 1 TITOLO AZIONE o o Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS OBIETTIVI Scopo dell intervento è promuovere un processo di cambiamento

Dettagli

La continuità assistenziale: il modello PAI. Divisione Oncologia Medica

La continuità assistenziale: il modello PAI. Divisione Oncologia Medica La continuità assistenziale: il modello PAI LIVIA DE SIO Divisione Oncologia Medica ACO A.C.O. SanFilippoNeriRoma RETE SANITARIA IN ONCOLOGIA: obiettivi Presa in carico del paziente in modo globale Riconoscimentoi

Dettagli

guida ai servizi di psichiatria adulti

guida ai servizi di psichiatria adulti Dipartimento di Salute Mentale guida ai servizi di psichiatria adulti del Dipartimento di Salute Mentale Copia Prodotta Internamente dal Servizio Informazione e Comunicazione Ausl Imola Luglio 2005 Suggerimenti,

Dettagli

Per ognuna di queste funzioni è presente nella S.C. SMRIA un modulo funzionale in staff con il responsabile.

Per ognuna di queste funzioni è presente nella S.C. SMRIA un modulo funzionale in staff con il responsabile. PROCEDURA UNIFICATA E CONDIVISA DEI RAPPORTI TRA SERVIZI SOCIALI DELLA PROVINCIA E LA S.C. SMRIA (DSM) AUSL DI FERRARA PER L ATTIVITA SOCIO SANITARIA INTEGRATA PER MINORI. La mancanza di una procedura

Dettagli

Legnago (VR) Concorso Aziendale Qualità 2008

Legnago (VR) Concorso Aziendale Qualità 2008 REGIONE VENETO Legnago (VR) Concorso Aziendale Qualità 2008 TITOLO DEL PROGETTO Il percorso riabilitativo del paziente ortopedico operato agli arti inferiori: utilizzo di una nuova scheda di valutazione.

Dettagli

Sistema Informativo Territoriale

Sistema Informativo Territoriale Sistema Informativo Territoriale Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari di Trento Convegno Nazionale Ospedale, Città e Territorio Verona, 13 15 Settembre 2007 Responsabile Sistemi Informativi leonardo.sartori@apss.tn.it

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE ASSISTENZA RIABILITATIVA PSICHIATRICA DOMICILIARE E TERRITORIALE ASSICURATA DAL PRIVATO ISTITUZIONALMENTE ACCREDITATO

REGOLAMENTO REGIONALE ASSISTENZA RIABILITATIVA PSICHIATRICA DOMICILIARE E TERRITORIALE ASSICURATA DAL PRIVATO ISTITUZIONALMENTE ACCREDITATO REGOLAMENTO REGIONALE ASSISTENZA RIABILITATIVA PSICHIATRICA DOMICILIARE E TERRITORIALE ASSICURATA DAL PRIVATO ISTITUZIONALMENTE ACCREDITATO Il presente regolamento si compone di n. 6 pagine, compresa la

Dettagli

QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE SULL ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA A FAVORE DI DISABILI

QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE SULL ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA A FAVORE DI DISABILI QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE SULL ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA A FAVORE DI DISABILI Il gruppo di lavoro sull assistenza domiciliare educativa per disabili necessita, per poter meglio svolgere il proprio

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L INSERIMENTO DEI PAZIENTI PSICHIATRICI NELLE RSA e NEI CDI

PROTOCOLLO D INTESA PER L INSERIMENTO DEI PAZIENTI PSICHIATRICI NELLE RSA e NEI CDI PROTOCOLLO D INTESA PER L INSERIMENTO DEI PAZIENTI PSICHIATRICI NELLE RSA e NEI CDI Indice : 1. Scopo del protocollo 2. Invio 3. Verifiche 2.1 tipologia dell utenza 2.2 procedura segnalazione 2.3 procedura

Dettagli

Regolamento Servizio Assistenza Domiciliare Minori Premessa

Regolamento Servizio Assistenza Domiciliare Minori Premessa Regolamento Servizio Assistenza Domiciliare Minori Premessa A seguito della stesura del protocollo operativo, approvato dal Direttivo della Comunità Montana Valle Seriana Superiore con Delibera n. 27 del

Dettagli

17 MARZO 2014/ 15 APRILE 2014 CRITERI PER L EROGAZIONE DI BUONI SOCIALI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITA GRAVE E PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI

17 MARZO 2014/ 15 APRILE 2014 CRITERI PER L EROGAZIONE DI BUONI SOCIALI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITA GRAVE E PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI 17 MARZO 2014/ 15 APRILE 2014 CRITERI PER L EROGAZIONE DI BUONI SOCIALI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITA GRAVE E PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ART. 1 OGGETTO e FINALITA Il presente documento disciplina

Dettagli

ALZHEIMER ED ANZIANI CON DETERIORAMENTO COGNITIVO ASSISTENZA DOMICILIARE E CENTRO

ALZHEIMER ED ANZIANI CON DETERIORAMENTO COGNITIVO ASSISTENZA DOMICILIARE E CENTRO ALZHEIMER ED ANZIANI CON DETERIORAMENTO COGNITIVO ASSISTENZA DOMICILIARE E CENTRO 1. Continuità dell intervento X Nuovo ( Centro diurno) X In continuità con servizio già attivato ( Assistenza Domiciliare)

Dettagli

Daniela Riccò Direttore Sanitario AUSL RE

Daniela Riccò Direttore Sanitario AUSL RE Daniela Riccò Direttore Sanitario AUSL RE ESPANDERE PROGRESSIVAMENTE LE LOGICHE DI INTEGRAZIONE SISTEMICA UTILIZZANDO I PERCORSI ASSISTENZIALI COME METODO PER PROMUOVERE PRASSI INTEGRATA E PER RENDERE

Dettagli

SCHEDA ANAGRAFICA INFORMATIVA

SCHEDA ANAGRAFICA INFORMATIVA ALLEGATO D) Schede di valutazione multidimensionale per la determinazione delle fasce di intensità assistenziale di minori con disabilità non autosufficienti per la predisposizione di Progetti Individuali

Dettagli

LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci

LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci LE AREE SOCIO-SANITARIE DI COMPETENZA DELLA A.S.L. Ass. Sociale Dottoressa Anna Maria Paladino Ass. Sociale Dottoressa Dorotea Verducci AREA MATERNO INFANTILE ED ETÀ EVOLUTIVA (1) Assistenza di tipo consultoriale

Dettagli

Programmazione territoriale per il benessere e la salute: quale ruolo per il consultorio

Programmazione territoriale per il benessere e la salute: quale ruolo per il consultorio Programmazione territoriale per il benessere e la salute: quale ruolo per il consultorio Dott.ssa Simona Arletti Assessore alla Salute e Pari Opportunità Comune di Modena Funzione dei consultori familiari

Dettagli

Le professioni sanitarie e sociali nell ASL di Bergamo. L Educatore Professionale. Mologni Dr.ssa Graziella Bergamo 14/04/2014

Le professioni sanitarie e sociali nell ASL di Bergamo. L Educatore Professionale. Mologni Dr.ssa Graziella Bergamo 14/04/2014 Le professioni sanitarie e sociali nell ASL di Bergamo L Educatore Professionale Mologni Dr.ssa Graziella Bergamo 14/04/2014 Cercasi Educatore Professionale (EP) hi é osa fa ome si forma Il profilo professionale

Dettagli

QUANTO È UTILE AVERE DELLE MANI DI SCORTA

QUANTO È UTILE AVERE DELLE MANI DI SCORTA QUANTO È UTILE AVERE DELLE MANI DI SCORTA Azioni a sostegno di persone, famiglie, comunità locali e promozione della domiciliarità degli anziani Biennio 2012-2013 PREMESSA Mani di Scorta è un Consultorio

Dettagli

Area Persone Anziane. Servizio di assistenza domiciliare sociale per anziani LIVEAS

Area Persone Anziane. Servizio di assistenza domiciliare sociale per anziani LIVEAS Area Persone Anziane Num. Scheda 1 TITOLO AZIONE o o Servizio di assistenza domiciliare sociale per anziani LIVEAS OBIETTIVI Scopo del servizio è permettere agli anziani, parzialmente o totalmente non

Dettagli

Punto Unico di Accesso. Violetta Ferrari Emanuela Malagoli 17 Maggio 2012 Bologna

Punto Unico di Accesso. Violetta Ferrari Emanuela Malagoli 17 Maggio 2012 Bologna Punto Unico di Accesso Socio-SanitaroSanitaro nella provincia di Modena Violetta Ferrari Emanuela Malagoli 17 Maggio 2012 Bologna Il Punto Unico d'accesso Socio Sanitario (PUASS) è una modalità organizzativa

Dettagli

LE CURE DOMICILIARI ASL 9 COeSO

LE CURE DOMICILIARI ASL 9 COeSO LE CURE DOMICILIARI ASL 9 COeSO La sperimentazione delle cure domiciliari promossa dai Comuni dell area grossetana d intesa con la ASL 9, trova l avvio in un analisi approfondita dei bisogni del territorio,

Dettagli

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Lezione 8 Interventi socio assistenziali nell anziano Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri L invecchiamento

Dettagli

Piano Sociale di Zona

Piano Sociale di Zona Piano Sociale di Zona 2010-12 Molfetta-Giovinazzo Protocollo Operativo Istituzione dell équipe integrata, multidisciplinare e multiprofessionale, per l affido familiare e l adozione Organizzazione, Funzioni,

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE PER LA SALUTE: UN LAVORO DI RETE

CONSULTA PROVINCIALE PER LA SALUTE: UN LAVORO DI RETE CONSULTA PROVINCIALE PER LA SALUTE: UN LAVORO DI RETE CONSULTA PROVINCIALE PER LA SALUTE ORGANISMO DI RAPPRESENTANZA DELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO SANITARIO ISTITUITO DALL ART. 5 della LEGGE PROVINCIALE

Dettagli

SER.T SERVIZIO PUBBLICO PER LE TOSSICODIPENDENZE

SER.T SERVIZIO PUBBLICO PER LE TOSSICODIPENDENZE SER.T SERVIZIO PUBBLICO PER LE T.U. 309/90 e L.n.49/06 Prov.to30/10/07 (Conferenza stato/regioni) D.M.S. 444/90 e LR n.22/02 con relativi decreti Testo unico delle leggi in materia di disciplina degli

Dettagli

Dott. Marcello Mazzo Direttore SOC Tossicodipendenze Azienda U.L.S.S. 18 Rovigo

Dott. Marcello Mazzo Direttore SOC Tossicodipendenze Azienda U.L.S.S. 18 Rovigo Dott. Marcello Mazzo Direttore SOC Tossicodipendenze Azienda U.L.S.S. 18 Rovigo Piano di Zona 2011/2015- Area Dipendenze Priorità Politica Azione Difficoltà delle persone con problematiche di gioco d azzardo

Dettagli

Percorsi di integrazione tra salute mentale e medicina generale nell Azienda USL di Reggio Emilia

Percorsi di integrazione tra salute mentale e medicina generale nell Azienda USL di Reggio Emilia Percorsi di integrazione tra salute mentale e medicina generale nell Azienda USL di Reggio Emilia Maria Bologna Dipartimento Salute Mentale-DP AUSL Reggio Emilia Corso di Formazione Gestione della depressione

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DISTRETTUALE SOSTEGNO DELLA GENITORIALITA DISTRETTO CARBONIA PREMESSA

REGOLAMENTO SERVIZIO DISTRETTUALE SOSTEGNO DELLA GENITORIALITA DISTRETTO CARBONIA PREMESSA Allegato B II annualità Progetto Sostegno alla genitorialità - Distretto di Carbonia REGOLAMENTO SERVIZIO DISTRETTUALE SOSTEGNO DELLA GENITORIALITA DISTRETTO CARBONIA PREMESSA - Con D.G.R. n. 40/09 del

Dettagli

Comune di Gradara Provincia di Pesaro e Urbino. Linee guida per il funzionamento del servizio di assistenza educativa domiciliare e scolastica

Comune di Gradara Provincia di Pesaro e Urbino. Linee guida per il funzionamento del servizio di assistenza educativa domiciliare e scolastica Comune di Gradara Provincia di Pesaro e Urbino Linee guida per il funzionamento del servizio di assistenza educativa domiciliare e scolastica A cura di Settore Servizi al Cittadino Assistente Sociale Dott.ssa

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE ANZIANI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE ANZIANI SETTEMBRE 2008 REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE ANZIANI Relazione tecnica Il presente regolamento è lo strumento di cui si sono dotati i Comuni del Distretto 5, secondo quanto previsto dalla

Dettagli

Consultorio Familiare

Consultorio Familiare Distretto Sanitario di Trebisacce Consultorio Familiare Botero: Famiglia Il Consultorio Familiare Il Consultorio Familiare è un presidio socio-sanitario pubblico che offre interventi di tutela e di prevenzione

Dettagli

PROVINCIA DI FROSINONE L. 328/2000. Comuni di:

PROVINCIA DI FROSINONE L. 328/2000. Comuni di: Comune Capofila Aalatri PROVINCIA DI FROSINONE L. 328/2000 Comuni di: Acuto, Alatri, Anagni, Collepardo, Filettino, Fiuggi, Guarcino, Paliano, Piglio, Serrone, Sgurgola, Torre Cajetani,Trevi nel Lazio,

Dettagli

INTERVENTI SERVIZI OPERATORI

INTERVENTI SERVIZI OPERATORI INTERVENTI SERVIZI OPERATORI Individuazione del disagio nelle neo mamme Manifestazione del disagio disturbo da parte della donna o individuazione dello stesso da parte degli operatori Ginecologo Ostetrica

Dettagli

BUONO VOUCHER SOCIO-ASSISTENZIALE

BUONO VOUCHER SOCIO-ASSISTENZIALE UFFICIO DI PIANO AMBITO TERRITORIALE DISTRETTO 7 Ente Capofila: Comune di Rozzano AL COMUNE DI. SERVIZIO SOCIALE DOMANDA DI ASSEGNAZIONE BUONO VOUCHER SOCIO-ASSISTENZIALE RICHIEDENTE (beneficiario o parente)

Dettagli

Regolamento. Funzionamento del Servizio Sociale Professionale. Ambito S9

Regolamento. Funzionamento del Servizio Sociale Professionale. Ambito S9 Regolamento Funzionamento del Servizio Sociale Professionale Ambito S9 1 Art.1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO In conformità del quadro normativo definito dalla legge 328/2000, della legge regionale 11/2007 (art.

Dettagli

IL LAVORO NEL CARCERE DI TRIESTE

IL LAVORO NEL CARCERE DI TRIESTE IL LAVORO NEL CARCERE DI TRIESTE Ruolo del Dipartimento di Salute Mentale nella prevenzione all invio in OPG a cura di Renata Bracco Bolzano, 30 novembre 2013 Il territorio del DSM di ASS1 Provincia di

Dettagli

PLUS Ambito Territoriale Sassari, Porto Torres, Sorso e Stintino

PLUS Ambito Territoriale Sassari, Porto Torres, Sorso e Stintino Allegato 1 PLUS Ambito Territoriale Sassari, Porto Torres, Sorso e Stintino Domanda per l attivazione del Servizio di Assistenza Scolastica Specialistica a favore degli alunni diversamente abili ai sensi

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO 1 REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Partenariato del Programma Operativo FESR Basilicata 2014-2020 (art. 5 Regolamento UE n. 1303/2/13; Regolamento Delegato (UE) n. 240/2014; D.G.R. n. 906 del 21 luglio 2014)

Dettagli

TRIBUNALE PER I MINORENNI DEL PIEMONTE E VALLE D AOSTA 10135 TORINO- Corso Unione Sovietica, 325 Tel. 011.619.57.01

TRIBUNALE PER I MINORENNI DEL PIEMONTE E VALLE D AOSTA 10135 TORINO- Corso Unione Sovietica, 325 Tel. 011.619.57.01 TRIBUNALE PER I MINORENNI DEL PIEMONTE E VALLE D AOSTA 10135 TORINO- Corso Unione Sovietica, 325 Tel. 011.619.57.01 N. Reg. Adozioni I sottoscritti coniugi: cognome e nome (marito) nato cognome e nome

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA

ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA AI MINORI E ALLE LORO FAMIGLIE 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi Essenziali Altro 4. Area tematica Minori e Famiglia 5. Macrotipologia

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI GALLIPOLI

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI GALLIPOLI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI GALLIPOLI COMUNI DI: GALLIPOLI ALEZIO ALLISTE MELISSANO RACALE - SANNICOLA TAVIANO - TUGLIE AVVISO PUBBLICO PER L AMMISSIONE AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

Dettagli

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE DEL BUONO SOCIALE MIRATO AL SOSTEGNO DEL LAVORO DI CURA PRESTATO DA ASSISTENTI FAMILIARI

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE DEL BUONO SOCIALE MIRATO AL SOSTEGNO DEL LAVORO DI CURA PRESTATO DA ASSISTENTI FAMILIARI UFFICIO DI PIANO Piano di Zona per i Servizi Sociali Distretti di Casalpusterlengo Lodi Sant Angelo Lodigiano Tel.: 0371 409332 Fax: 0371 409453 E-mail:ufficiodipiano@comune.lodi.it DOMANDA DI ASSEGNAZIONE

Dettagli

SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE

SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE 1/6 Premessa Il Dipartimento salute mentale e dipendenze patologiche è la struttura aziendale che ha come finalità

Dettagli

SCHEDA DI SINTESI INTERVENTI PER L EROGAZIONE DI TITOLI SOCIALI ALLE FAMIGLIE. n. 5 - SEBINO ASL ISEO

SCHEDA DI SINTESI INTERVENTI PER L EROGAZIONE DI TITOLI SOCIALI ALLE FAMIGLIE. n. 5 - SEBINO ASL ISEO SCHEDA DI SINTESI INTERVENTI PER L EROGAZIONE DI TITOLI SOCIALI ALLE FAMIGLIE DISTRETTO n. 5 - SEBINO ASL ISEO ENTE CAPOFILA ISEO FINALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI: 1. integrare il reddito per prolungare

Dettagli

5. AZIONI DI SISTEMA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO

5. AZIONI DI SISTEMA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO 5. AZIONI DI SISTEMA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO TABELLA 2.C ACCESSO AL SISTEMA DEGLI INTERVENTI E SERVIZI 2. C. 1. ATTIVAZIONE SPORTELLO SOCIALE ZONA SOCIALE RIMINI SUD Per l accesso ai servizi ed alle

Dettagli

Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO

Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO Roma, 31 maggio 2012 Le Richieste Sempre più pazienti sono affetti da malattie croniche con un aumento della sopravvivenza in ogni fascia di età I cittadini

Dettagli

costruisci oggi la salute del domani

costruisci oggi la salute del domani COMUNE DI RAVENNA "CONSULTORIO GIOVANI" costruisci oggi la salute del domani Murales nella nostra città: espressioni di arte contemporanea nel contesto urbano progetto: "Consultorio Giovani" - CONSULTORIO

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013 DISTRETTO SOCIO SANITARIO - U.O.S.D. RETE ASSISTENZIALE OSPEDALE DI COMUNITA - RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013 1.1 UNO SGUARDO D INSIEME 1.1.1 Il contesto di riferimento L UOSD Rete Assistenziale comprende

Dettagli

UOC PSICOLOGIA. Attività psicologica per il Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze (DSMD)

UOC PSICOLOGIA. Attività psicologica per il Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze (DSMD) UOC PSICOLOGIA Attività psicologica per il Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze (DSMD) Dr.ssa Annalisa Antichi (Conferenza Dipartimento DSMD, 25/6/15) L intervento psicologico mira al potenziamento

Dettagli

PUNTO INSIEME QUARTIERE. Centro Sociale via n. (cap ) FIRENZE

PUNTO INSIEME QUARTIERE. Centro Sociale via n. (cap ) FIRENZE Azienda Sanitaria di Firenze A 3 PUNTO INSIEME QUARTIERE Centro Sociale via n. (cap ) FIRENZE QUADRO A DATI ANAGRAFICI DELL INTERESSATO/SEGNALATO Il/la sottoscritto/a, in nome e per conto proprio o nell

Dettagli

c. valore dell ISEE del nucleo familiare superiore ad 30.000 - quota di compartecipazione: /h 18,89;

c. valore dell ISEE del nucleo familiare superiore ad 30.000 - quota di compartecipazione: /h 18,89; ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DELL AMBITO TERRITORIALE SOCIALE MAGLIE AVVISO PUBBLICO PER L AMMISSIONE AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) INTEGRAZIONE GRADUATORIA Con deliberazione del Coordinamento

Dettagli

DIMISSIONI E AMMISSIONI PROTETTE PER DONNE CON GRAVIDANZE PROBLEMATICHE

DIMISSIONI E AMMISSIONI PROTETTE PER DONNE CON GRAVIDANZE PROBLEMATICHE ACCORDO DI COLLABORAZIONE/INTEGRAZIONE ASL DI BRESCIA / STRUTTURE DI RICOVERO E CURA DIMISSIONI E AMMISSIONI PROTETTE PER DONNE CON GRAVIDANZE PROBLEMATICHE A.O. Spedali Civili di Brescia A.O. Desenzano

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER INTERVENTI DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

AVVISO PUBBLICO PER INTERVENTI DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI AVVISO PUBBLICO PER INTERVENTI DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI IL CAPO DELL AREA AMMINISTRATIVA DEL COMUNE DI MUSSOMELI CAPOFILA DEL DISTRETTO SOCIO SANITARIO In attuazione del Piano di Azione e Coesione

Dettagli

ACCORDI OPERATIVI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE. Dipartimento Dipendenze Patologiche Ser.T. Carceri S.s.

ACCORDI OPERATIVI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE. Dipartimento Dipendenze Patologiche Ser.T. Carceri S.s. MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE ISTITUTO PENALE PER MINORENNI Cesare Beccaria Dipartimento Dipendenze Patologiche Ser.T. Carceri S.s. Minori ACCORDI OPERATIVI IN MERITO AGLI INTERVENTI

Dettagli

RESIDENZA SANITARIA PSICHIATRICA E CENTRO DIURNO PSICHIATRICO STELLA CARPI

RESIDENZA SANITARIA PSICHIATRICA E CENTRO DIURNO PSICHIATRICO STELLA CARPI RESIDENZA SANITARIA PSICHIATRICA E CENTRO DIURNO PSICHIATRICO STELLA CARPI CARPI (MO) Via 3 Febbraio 1831, N 9 Tel. 059/682774 e Fax. 059/684575 e-mail: residenza.stella@stellacarpi.it CARTA DEI SERVIZI

Dettagli

Regione Liguria Collaborazione dei Consultori Familiari con i Centri di PMA Genova 9 febbraio 2010 Angela Lidia Grondona Legge 29 Luglio 1975, n. 405 Istituzione dei consultori familiari Art. 1, il servizio

Dettagli

L ESPERIENZA DELLE DIMISSIONI PROTETTE A MONZA

L ESPERIENZA DELLE DIMISSIONI PROTETTE A MONZA L ESPERIENZA DELLE DIMISSIONI PROTETTE A MONZA Milano 14 giugno 2012 Giornata di studio Re.SSPO Ordine AA.SS. Lombardia Comune di Monza Settore Servizi Sociali - Ufficio Anziani Cosa abbiamoevidenziato

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DI UN PROGETTO. Fondo Regionale di Intervento per la Lotta alla Droga Piano Triennale di Intervento Area Dipendenze 2006/2008

SCHEMA PER LA STESURA DI UN PROGETTO. Fondo Regionale di Intervento per la Lotta alla Droga Piano Triennale di Intervento Area Dipendenze 2006/2008 SCHEMA PER LA STESURA DI UN PROGETTO Fondo Regionale di Intervento per la Lotta alla Droga Piano Triennale di Intervento Area Dipendenze 2006/2008 1. TITOLO PROGETTO PIT STOP 2. AREA DI INTERVENTO DEL

Dettagli

Francesco MORABITO Direttore Sanitario ASL CN2.

Francesco MORABITO Direttore Sanitario ASL CN2. Francesco MORABITO Direttore Sanitario ASL CN2. Alcuni dati di contesto 2 La S.O.C. Psicologia dell A.S.L. CN2 ha valenza territoriale ed ospedaliera; articola gli interventi sanitari su due Presidi Ospedalieri

Dettagli

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 AFFIDO FAMILIARE

DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 AFFIDO FAMILIARE DISTRETTO SOCIO - SANITARIO N. 45 1. NUMERO AZIONE 16 2. TITOLO AZIONE AFFIDO FAMILIARE 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Descrivere sinteticamente le attività che si intendono realizzare all interno dell

Dettagli

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di FORUMPA SANITA' 2001 A.S.L. della Provincia di Milano n 1 Dipartimento ASSI Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di Corsico e

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE FAMIGLIE

AVVISO PUBBLICO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE FAMIGLIE Allegato 1 AVVISO PUBBLICO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE FAMIGLIE Ai sensi dell'accordo Quadro tra il Comune di Todi e l'ipab La Consolazione ETAB per la realizzazione di attività nell'ambito del

Dettagli

Il sistema di comunità e di cura in Emilia-Romagna: le modalità di integrazione tra cure primarie e salute mentale

Il sistema di comunità e di cura in Emilia-Romagna: le modalità di integrazione tra cure primarie e salute mentale Il sistema di comunità e di cura in Emilia-Romagna: le modalità di integrazione tra cure primarie e salute mentale VII Congresso Nazionale Card Padova 17 settembre 2010 Autori Mara Morini Direttore dipartimento

Dettagli

LA CONTINUITA ASSISTENZIALE

LA CONTINUITA ASSISTENZIALE e-oncology II edizione: L informatizzazione in Oncologia Trento, 22 ottobre 2010 LA CONTINUITA ASSISTENZIALE Prof. Oscar Alabiso Oncologia AOU Novara Continuità Assistenziale : organizzazione centrata

Dettagli

Il flusso Informativo: Dati 2005 1 semestre 2006

Il flusso Informativo: Dati 2005 1 semestre 2006 Il flusso Informativo: Dati 2005 1 semestre 2006 Bologna 24 ottobre 2006 Sistema Informativo Salute Mentale Servizio Salute Mentale, Dipendenze Patologiche e Assistenza Sanitaria nelle Carceri Servizio

Dettagli

CONSULTORIO FAMILIARE LUISA RIVA

CONSULTORIO FAMILIARE LUISA RIVA CONSULTORIO FAMILIARE LUISA RIVA Privato Accreditato Autorizzazione ASL Milano con delibera n 92 del 31 Gennaio 2012 Accreditamento Reg. Lombardia con delibera 3286 del 18 Aprile 2012 C.F. 01401200157

Dettagli

INTESA TRA COMUNE DI MILANO E AZIENDA SANITARIA LOCALE CITTA DI MILANO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI NEI SERVIZI ALL INFANZIA (0-6 ANNI)

INTESA TRA COMUNE DI MILANO E AZIENDA SANITARIA LOCALE CITTA DI MILANO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI NEI SERVIZI ALL INFANZIA (0-6 ANNI) INTESA TRA COMUNE DI MILANO E AZIENDA SANITARIA LOCALE CITTA DI MILANO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI NEI SERVIZI ALL INFANZIA (0-6 ANNI) Al fine di garantire un approccio coordinato alla gestione

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE Direzione

DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE Direzione DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE Direzione Da diversi anni in campo nazionale e in particolare nella nostra Regione il tema della collaborazione fra Medici di Medicina Generale e Pediatri di Libera Scelta

Dettagli

Carta Dei Servizi. Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.

Carta Dei Servizi. Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2. Carta Dei Servizi Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.0 Pagina 1 Premessa Il presente documento, denominato Carta dei

Dettagli

ALLEGATO. Fase operativa area socio-sanitaria (ASL)

ALLEGATO. Fase operativa area socio-sanitaria (ASL) ALLEGATO PROGETTO DI IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIZZATO PER LA DEFINIZIONE DI UN PAI INTEGRATO A FAVORE DI CITTADINI IN CONDIZIONI DI NON AUTOSUFFICIENZA Ne La DGR n. 8243 del 22.10.2008, allegato

Dettagli

AREA RESPONSABILITA FAMILIARI

AREA RESPONSABILITA FAMILIARI RESPONSABILITA FAMILIARI Componente dell U. d. P. referente e responsabile d Area Nome e cognome Enrichetta La Ragione - Annamaria Neri - Giovanna Canfora - Raffaella Scotto Di Ciccariello Franco Napolitano

Dettagli

CITTA DI PALAGONIA Provincia di Catania

CITTA DI PALAGONIA Provincia di Catania CITTA DI PALAGONIA Provincia di Catania DISTRETTO SOCIO SANITARIO D20 (PALAGONIA, SCORDIA, MILITELLO V.C., RADDUSA, RAMACCA, CASTEL DI IUDICA) Prot. n. 21087 del 20.12.2013 P.A.C - PIANO DI AZIONE COESIONE

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI DSA VALIDA AI FINI SCOLASTICI

CERTIFICAZIONE DI DSA VALIDA AI FINI SCOLASTICI CERTIFICAZIONE DI DSA VALIDA AI FINI SCOLASTICI Requisiti necessari per l inserimento negli elenchi dei soggetti autorizzati a effettuare la prima certificazione diagnostica dei Disturbi Specifici dell

Dettagli

Processi di continuità e contiguità nella presa in carico globale e multifattoriale della persona con autismo

Processi di continuità e contiguità nella presa in carico globale e multifattoriale della persona con autismo Processi di continuità e contiguità nella presa in carico globale e multifattoriale della persona con autismo Prof. Lucio Moderato Psicologo Psicoterapeuta - Direttore Servizi Diurni e Territoriali Fondazione

Dettagli

Continuità Ospedale-territorio in Pronto Soccorso: una esperienza nella Azienda USL 3 Pistoia. Dott.ssa Turco Lucia Direttore Sanitario Azienda USL 3

Continuità Ospedale-territorio in Pronto Soccorso: una esperienza nella Azienda USL 3 Pistoia. Dott.ssa Turco Lucia Direttore Sanitario Azienda USL 3 Continuità Ospedale-territorio in Pronto Soccorso: una esperienza nella Azienda USL 3 Pistoia Dott.ssa Turco Lucia Direttore Sanitario Azienda USL 3 Continuità Ospedale -Territorio in Pronto Soccorso Obiettivo

Dettagli

La valutazione dello stress lavoro-correlato nell ASS N. 1 Triestina

La valutazione dello stress lavoro-correlato nell ASS N. 1 Triestina La valutazione dello stress lavoro-correlato nell ASS N. 1 Triestina ANALISI DELLO STRESS LAVORO-CORRELATO E IMPLEMENTAZIONE DEGLI STANDARD HPH 1 e 4 Maria Peresson Medico del lavoro Marco Rizzo Tecnico

Dettagli

1.OGGETTO 2.FINALITA 3. DESTINATARI

1.OGGETTO 2.FINALITA 3. DESTINATARI PROTOCOLLO OPERATIVO TRA I SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE DEI COMUNI DELL AMBITO DISTRETTUALE DI SEREGNO E IL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA DELL ASLMI3 DISTRETTO DI SEREGNO PER L EROGAZIONE

Dettagli

L Area Disabili Adulti: un percorso in costruzione.

L Area Disabili Adulti: un percorso in costruzione. L Area Disabili Adulti: un percorso in costruzione. Dr.ssa Stefania Ascari Area Fragili Az. USL, Distretto di Sassuolo Sassuolo 04.12.14 NEUROPSICHIATRIA (Neuropsichiatra, fisioterapista psicologo, logopedista

Dettagli

DICHIARANO DI ESSERE DISPONIBILI ALL ADOZIONE DI UN MINORE STRANIERO (adozione internazionale)

DICHIARANO DI ESSERE DISPONIBILI ALL ADOZIONE DI UN MINORE STRANIERO (adozione internazionale) Al Tribunale per i minorenni di Trento I sottoscritti coniugi: cognome e nome (marito) nato a il cognome e nome (moglie) nato a il residenti in prov. via Cap. tel. ASL n. di coniugati (data) luogo prov.

Dettagli

La centralità del paziente tra MMG Distretto e Ospedale: il Fascicolo Sanitario Elettronico. Daniele Donato Azienda ULSS 16 - Padova

La centralità del paziente tra MMG Distretto e Ospedale: il Fascicolo Sanitario Elettronico. Daniele Donato Azienda ULSS 16 - Padova La centralità del paziente tra MMG Distretto e Ospedale: il Fascicolo Sanitario Elettronico Daniele Donato Azienda ULSS 16 - Padova Premesse 2010 Centralità del paziente Continuità delle cure Appropriatezza

Dettagli

Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi

Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi Dott. Fortunato Rao, Direttore Generale Azienda ULSS 16, Regione del Veneto DECRETO LEGISLATIVO 6

Dettagli

PROPOSTA RICOVERO CURE PALLIATIVE HOSPICE UNITA' OPERATIVE CURE PALLIATIVE HOSPICE TEL 06/900.17.236-267 FAX: 06/900.17.314 06/905.905.

PROPOSTA RICOVERO CURE PALLIATIVE HOSPICE UNITA' OPERATIVE CURE PALLIATIVE HOSPICE TEL 06/900.17.236-267 FAX: 06/900.17.314 06/905.905. Pagina 1 di 5 UNITA' OPERATIVE CURE PALLIATIVE TEL 06/900.17.236-267 FAX: 06/900.17.314 06/905.905.5 RICOVERO ASSISTENZA DOMICILIARE DATI ANAGRAFICI DEL PAZIENTE Cognome Nome M F Nato il / / a età Residente

Dettagli

PIANO DISTRETTUALE DI INTERVENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE ANNO 2011

PIANO DISTRETTUALE DI INTERVENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE ANNO 2011 ASL RMH Comune di Anzio Comune di Nettuno PIANO DISTRETTUALE DI INTERVENTO PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE ANNO 2011 Distretto: RM H6 ANZIO - NETTUNO Comune capofila: ANZIO Per la ASL RMH Il Direttore Generale

Dettagli

PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE E PROMOZIONE DELLA SALUTE (D.D.

PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE E PROMOZIONE DELLA SALUTE (D.D. PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE E PROMOZIONE DELLA SALUTE (D.D. 308/2006) MA PA PERCHE NON PARLIAMO DI SESSO? ASL/ASO Responsabile di progetto Cognome e nome Struttura di appartenenza Indirizzo postale per

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO D3 COMUNE DI RAVANUSA (Provincia di Agrigento) Assistenza domiciliare anziani e disabili

DISTRETTO SOCIO SANITARIO D3 COMUNE DI RAVANUSA (Provincia di Agrigento) Assistenza domiciliare anziani e disabili DISTRETTO SOCIO SANITARIO D3 COMUNE DI RAVANUSA (Provincia di Agrigento) ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E ALLA PERSONA Uffici Servizi Sociali Si avvisa la cittadinanza che sarà avviato il Progetto

Dettagli

Progetto per la definizione di linee guida per l utilizzo dell ICD-10 nell ambito dei servizi per le dipendenze

Progetto per la definizione di linee guida per l utilizzo dell ICD-10 nell ambito dei servizi per le dipendenze Servizio Salute Mentale, Dipendenze Patologiche, Salute nelle Carceri Area Dipendenze Servizio Sistema Informativo Sanità e Politiche Sociali Progetto per la definizione di linee guida per l utilizzo dell

Dettagli

Trattamento integrato dei disturbi mentali nelle Cure Primarie: il Programma Regionale G. Leggieri

Trattamento integrato dei disturbi mentali nelle Cure Primarie: il Programma Regionale G. Leggieri SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Reggio Emilia Trattamento integrato dei disturbi mentali nelle Cure Primarie: il Programma Regionale G. Leggieri Dr.ssa Marina

Dettagli

Excursus legislativo sulla palliazione. Francesca Nardi Assistenti Sociali e Psicologi a confronto sui temi di fine vita e palliazione 19 Aprile 2011

Excursus legislativo sulla palliazione. Francesca Nardi Assistenti Sociali e Psicologi a confronto sui temi di fine vita e palliazione 19 Aprile 2011 Excursus legislativo sulla palliazione Francesca Nardi Assistenti Sociali e Psicologi a confronto sui temi di fine vita e palliazione 19 Aprile 2011 1 Legge 39/99 Stabilisce l adozione di un programma

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 69/ 23 DEL 10.12.2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 69/ 23 DEL 10.12.2008 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 69/ 23 Oggetto: LR 20/ 97, art. 3. Finanziamento di progetti d intervento a favore di persone con disturbo mentale e di persone con disabilità intellettive.

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ASSISTENZA SANITARIA OSTETRICA: L ESPERIENZA DI INDAGINI DI SODDISFAZIONE DELLA PERSONA ASSISTITA

VALUTAZIONE DELL ASSISTENZA SANITARIA OSTETRICA: L ESPERIENZA DI INDAGINI DI SODDISFAZIONE DELLA PERSONA ASSISTITA VALUTAZIONE DELL ASSISTENZA SANITARIA OSTETRICA: L ESPERIENZA DI INDAGINI DI SODDISFAZIONE DELLA PERSONA ASSISTITA Torino 22 febbraio 2011 Grace Rabacchi Direttore Sanitario P.O. S. ANNA 1 Direttiva del

Dettagli

AUSL 7 di Siena - Casa Famiglia Cetona. Le Cure Intermedie. Siena 10 6-2008

AUSL 7 di Siena - Casa Famiglia Cetona. Le Cure Intermedie. Siena 10 6-2008 AUSL 7 di Siena - Casa Famiglia Cetona Le Cure Intermedie Siena 10 6-2008 1 LA SPERIMENTAZIONE DELLE CURE INTERMEDIE Zona Val di Chiana Senese - Alla fine degli anni 70 i posti letto ospedalieri erano

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE SULLA CONOSCENZA DEI DETERMINANTI DEI DANNI ACUTI ASSOCIATI ALL USO DELLE NUOVE DROGHE

CORSO DI FORMAZIONE SULLA CONOSCENZA DEI DETERMINANTI DEI DANNI ACUTI ASSOCIATI ALL USO DELLE NUOVE DROGHE CORSO DI FORMAZIONE SULLA CONOSCENZA DEI DETERMINANTI DEI DANNI ACUTI ASSOCIATI ALL USO DELLE NUOVE DROGHE Premessa Negli ultimi anni si è assistito all interno dei differenti contesti di loisir giovanili

Dettagli

Regolamento reclami presso il C.S.A.

Regolamento reclami presso il C.S.A. Pagina di 1/6 ORIGINALE N CONSEGNATO A 1. Scopo... 2 2. Campo di applicazione... 2 4. Diagrammi di flusso... 2 4.1. Diagramma di flusso Reclamo semplice... 2 4.2. Diagramma di flusso Reclamo complesso...

Dettagli

Requisiti e scheda controllo

Requisiti e scheda controllo MODIFICHE AL D.P.G.R. 3 MARZO 2010 N. 29//R REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 28 DICEMBRE 2009, N. 82 (ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE E DEI SERVIZI ALLA PERSONA DEL SISTEMA SOCIALE INTEGRATO)

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO SPESA FACILE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO SPESA FACILE UNIONE COMUNI DEL BASSO VICENTINO Alonte, Asigliano Veneto, Orgiano, Pojana Maggiore REGOLAMENTO DEL SERVIZIO SPESA FACILE Approvato con deliberazione C. U. n. 13 del 30/09/2008 Art. 1 Oggetto del servizio

Dettagli

INTERVENTI INTEGRATI SOCIO SANITARI 0 18 nell Area Bolognese

INTERVENTI INTEGRATI SOCIO SANITARI 0 18 nell Area Bolognese INTERVENTI INTEGRATI SOCIO SANITARI 0 18 nell Area Bolognese Un volontario competente: percorso formativo Il minore tra i Servizi Sociali e Sanitari ed il Territorio Bologna, 18 giugno 2013 Carlo Passarelli

Dettagli