IL PARMIGIANO-REGGIANO ED IL MARKETING TERRITORRIALE. Intervento di Kees De Roest Centro Ricerche Produzioni Animali

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL PARMIGIANO-REGGIANO ED IL MARKETING TERRITORRIALE. Intervento di Kees De Roest Centro Ricerche Produzioni Animali"

Transcript

1 Consorzio del Formaggio Parmigiano-Reggiano Convegno IL PARMIGIANO-REGGIANO ED IL MARKETING TERRITORRIALE Intervento di Kees De Roest Centro Ricerche Produzioni Animali La vendita del Parmigiano-Reggiano nello spaccio del caseificio Reggio Emilia, 6 Dicembre

2 La vendita del Parmigiano-Reggiano nello spaccio del caseificio Premessa La vendita diretta del Parmigiano-Reggiano negli spacci annessi ai caseifici e nei loro negozi può rappresentare una fonte rilevante di reddito. I volumi che transitano in questi punti di vendita sono pertanto di interesse per gli operatori e costituiscono l argomento della presente ricerca. L indagine ha avuto come obiettivo di conoscere l entità di Parmigiano-Reggiano venduto negli spacci, distinta per zona altimetrica e provincia e per tipologia di formaggio e di analizzare i fattori che incidono sulla quota commercializzata attraverso questo canale. La ricerca è stata condotta dal CRPA nell ambito del Sistema Informativo Parmigiano-Reggiano (SIPR) finanziato dalla Regione Emilia- Romagna, dalle Camere di Commercio di Parma, Reggio Emilia e Modena e dal Consorzio Formaggio Parmigiano-Reggiano. Metodo utilizzato nella ricerca Per conoscere la quantità di prodotto che viene commercializzato negli spacci sono stati intervistati i presidenti e i titolari di 172 caseifici utilizzando un apposito questionario. Si sottolinea che il questionario della ricerca va oltre il mero scopo di conoscere le quantità vendute, ma rileva una serie di informazioni aggiuntive utili per conoscere i fattori che incidono sulla vendita diretta negli spacci. Si fa riferimento per esempio all ubicazione dello spaccio, alla sua dimensione e all offerta di altri prodotti. Per ottenere la massima attendibilità dei dati raccolti tutti i presidenti e i titolari sono stati visitati direttamente in caseificio e intervistati sugli argomenti posti nel questionario. Campione di caseifici La tabella seguente riporta la distribuzione dei caseifici del campione per provincia con a fianco il numero totale di caseifici che dispone di uno spaccio per la vendita diretta al consumatore. Innanzitutto risulta che la rilevazione dei dati ha interessato due terzi del totale dei caseifici con uno spaccio. La distribuzione percentuale del campione per provincia rispecchia bene la distribuzione del numero totale di tale tipologia di caseificio. Tabella 1 Distribuzione del campione per provincia e confronto con il totale di caseifici aventi uno spaccio Provincia Caseifici del campione Numero totale di caseifici con uno spaccio n. caseifici % n. caseifici % Bologna 5 2,9 6 2,3 Mantova 11 6,4 16 6,2 Modena 44 25, ,1 Parma 50 29, ,6 Reggio Emilia 62 36, ,7 Totale , ,0 Interessante è sapere qual è l incidenza dei caseifici che hanno uno spaccio sul numero complessivo di caseifici presenti nel comprensorio. Dall indagine emerge che su un totale di 488 caseifici attivi nel 2005 oltre la metà (53%) è dotato di uno spazio per la vendita diretta al consumatore, con un incidenza sulla di 55%. Questo peso relativo non è però uguale in tutte le province del comprensorio. In termini percentuali sulla, il peso specifico dei caseifici con uno spaccio è pari al 73% in provincia di Reggio Emilia e al 43% in quella di Parma. A Modena l incidenza è vicina al peso medio del comprensorio (57%), mentre Bologna e Mantova si collocano, con rispettivamente il 45 e il 48%, al di sotto della media. La provincia di Reggio Emilia primeggia pertanto sia in termini assoluti che in termini relativi, mentre a Parma e Mantova il fenomeno dello spaccio aziendale è meno diffuso. 2

3 Tabella 2 Incidenza provinciale dei caseifici con un punto di vendita sul numero di caseifici totale Provincia Caseifici con uno spaccio Caseifici del comprensorio n. forme prodotte % n. forme prodotte % (n.) (n.) Bologna , ,9 Mantova , ,1 Modena , ,6 Parma , ,6 Reggio Emilia , ,9 Totale , ,0 Risultati della ricerca La prima domanda posta ha portato a quantificare le forme di formaggio vendute nello spaccio dei caseifici e la loro incidenza sulla. Dai dati elaborati si evince che i caseifici del campione sono riusciti a vendere nello spaccio mediamente il 10% della proprio. Questa percentuale varia dal 4,4% in provincia di Mantova fino all 11,1% dei caseifici modenesi. Tabella 3 - Vendita negli spacci dei caseifici del campione Provincia Numero di caseifici Vendita nello spaccio (n. forme) Incidenza sulla Bologna ,1 Mantova ,4 Modena ,1 Parma ,1 Reggio Emilia ,8 Totale ,0 Con queste informazioni è possibile conoscere la percentuale di Parmigiano-Reggiano venduta negli spacci di tutti i caseifici del comprensorio. Per fare ciò, al dato del campione vanno aggiunte le forme vendute dai caseifici che non hanno risposto al questionario, ma che hanno un proprio punto vendita (85 caseifici). Si presuppone che questi abbiano la medesima incidenza (10%) di vendita diretta sulla dei caseifici che hanno risposto al questionario. Questo nuovo dato va rapportato alla di tutto il comprensorio. La tabella seguente riporta il risultato di questa elaborazione. Tabella 4 - Vendite negli spacci e incidenza sul totale della del comprensorio Vendite Forme (n.) Incidenza sul totale Nello spaccio ,6 Altri canali ,4 Totale marchiato ,0 Emerge che nel comprensorio del Parmigiano-Reggiano quasi 170 mila forme vengono vendute direttamente al consumatore negli spacci e nei negozi dei caseifici e che l incidenza sul totale della è pari al 5,6%. Interessante è che in montagna tale incidenza si eleva al 6,7%, mentre in pianura è pari al 5,2%. Pertanto, in termini relativi i caseifici della montagna sono in grado di catturare l interesse di un maggior numero di consumatori rispetto a quelli di pianura. 3

4 Vendite Tabella 5 - Vendite totali negli spacci in base alla zona altimetrica Pianura Montagna Totale comprensorio forme % sul forme % sulla forme % sulla Nello spaccio , , ,6 Altri canali , , ,4 Totale , , ,0 Analizzando il dato per provincia si nota che in termini assoluti Reggio Emilia registra la maggiore quantità di forme vendute direttamente, pari al 41% delle vendite totali negli spacci del comprensorio. Seguono in ordine di importanza Parma, Modena, Mantova e Bologna. Nei caseifici mantovani la vendita diretta negli spacci non va oltre il 2,2% della. Tabella 6 - Vendite totali negli spacci suddivise per provincia Provincia Forme Incidenza sulla Bologna ,5 Mantova ,2 Modena ,6 Parma ,5 Reggio Emilia ,4 Totale ,6 Per quanto riguarda il tipo di Parmigiano-Reggiano venduto nello spaccio, risulta che la stragrande maggioranza è rappresentata dal formaggio con 24 mesi di stagionatura (75%) seguito dallo stravecchio (11,8%). Anche il formaggio fresco Prima Stagionatura è presente in questi negozi con una percentuale leggermente più elevata rispetto alla sua incidenza totale sul mercato. Decisamente poco venduto negli spacci è il Parmigiano-Reggiano di 18 mesi (3,2%), il quale sul mercato complessivo ha invece un incidenza pari al 29%. Tabella 7 Tipologia di Parmigiano-Reggiano venduta negli spacci Tipologia di formaggio P-R prima stagionatura ( < 15 mesi) Montagna Pianura Totale 12,5 8,6 10,0 P-R 18 mesi 6,6 1,4 3,2 P-R 24 mesi 72,2 76,6 75,0 P-R Stravecchio 8,8 13,4 11,8 Totale forme ,0 100,0 100,0 Il formaggio stagionato per conto dei caseifici e pronto per il consumo non viene venduto solo nello spaccio. Questa ulteriore vendita, sovente in forme intere, interessa acquirenti come i dettaglianti, la grande distribuzione organizzata, i venditori ambulanti, i ristoranti e l export. Fatto cento il totale della vendita del formaggio stagionato si nota che in particolare in montagna queste altre categorie di acquirenti hanno un peso rilevante (43%). Fra queste spicca la presenza dei ristoranti (20,9%), ma anche dell export (9,4%). Rispetto ai caseifici di pianura quelli di montagna sono pertanto più 4

5 attivi nel vendere il prodotto stagionato direttamente alla distribuzione, saltando l anello delle imprese specializzate nel commercio all ingrosso. Canale di vendita Tabella 8 Peso percentuale dei canali di vendita diretta per il Parmigiano-Reggiano stagionato Montagna Pianura Totale Nello spaccio 57,0 76,9 70,0 Ai dettaglianti 8,9 10,3 9,8 Alla distribuzione organizzata 3,2 1,1 1,8 Ad ambulanti 0,5 1,7 1,3 Esportato direttamente o tramite 9,4 6,6 7,6 agenti Ristoranti 20,9 3,4 9,5 Totale 100,0 100,0 100,0 Ma qual è il rapporto tra la dimensione dei caseificio è la vendita nello spaccio? La risposta a tale domanda è riportata nelle tabelle seguenti. L incidenza dei 57 piccoli caseifici sulla del Parmigiano-Reggiano del campione è pari al 12,4%, ma il loro peso sulla quantità venduta negli spacci dei caseifici del campione raggiunge il 22,5%. Significa che i piccoli caseifici hanno una percentuale relativa maggiore nello spaccio rispetto ai caseifici grandi. Tabella 9 Dimensione del caseificio e incidenza sulla e sulla vendita negli spacci Classi di dimensione dei caseifici Caseifici del campione Incidenza sulla Incidenza sulla vendita nello spaccio Da 700 a forme 57 12,4 22,5 Da 3701 a forme 57 24,9 31,6 Oltre forme 58 62,6 45,9 Totale ,0 100,0 Suddividendo il campione in classi di percentuale della venduta nello spaccio si nota che i caseifici che commercializzano direttamente oltre il 15% della nello spaccio producono forme all anno, mentre quelli che vendono meno del 5% producono mediamente forme. Questa elaborazione conferma la conclusione precedente, cioè che i caseifici piccoli vendono relativamente di più nello spaccio rispetto ai grandi. Questo risultato è comprensibile, perché per un grande caseificio è molto più impegnativo piazzare una quota rilevante della propria nel canale della vendita diretta. Tabella 10 Classe di percentuale delle vendite dirette e dimensione del caseificio Quota di venduta nello spaccio Caseifici del campione Dimensione media caseificio (n. di forme) Da 0,1 a 4,9% Da 5 a 15% Oltre 15% Totale Una domanda posta nel questionario è stata quella relativa al tipo di clientela che visita lo spaccio, suddivisa in residenti e non residenti. Dalla tabella seguente si evince che circa due terzi dei clienti risiedono nel comprensorio del Parmigiano-Reggiano. Sono consumatori che abitualmente si recano al caseificio per l acquisto del formaggio invece di rivolgersi ai dettaglianti o ai supermercati. L altro terzo dei consumatori sono persone di passaggio, turisti oppure persone che 5

6 si trovano in zona per motivi di lavoro. Per questa categoria di consumatori l acquisto del formaggio in caseificio rappresenta un ricordo da portare a casa. I dati riportati in tabella evidenziano che i caseifici riescono ad aumentare la quota venduta nello spaccio catturando in particolare l interesse di questa seconda categoria di consumatori. Sempre dalla tabella sotto emerge che la percentuale di residenti e non residenti non è molto diversa se si divide il campione fra caseifici di montagna e di pianura. Tabella 11 Tipo di clientela degli spacci Quota di venduta nello spaccio Clienti residenti nel comprensorio Clienti residenti fuori comprensorio Da 0,1 al 5 % 77,1 22,9 Da 5 a 15% 63,2 36,8 Oltre 15% 59,6 40,4 Totale 66,8 33,2 Zona altimetrica Montagna 66,4 33,6 Pianura 67,0 33,0 Oltre al Parmigiano-Reggiano la maggioranza dei caseifici con uno spaccio vende anche altri prodotti alimentari. I più diffusi sono prodotti come il burro e la ricotta, che sono strettamente legati alla trasformazione del latte, ma è interessante notare che in quasi il 60% dei punti vendita l offerta comprende una gamma di alimenti ancora più ampia. Si tratta in genere di prodotti locali come vino, salumi, marmellate e formaggi di latte di pecora. Tabella 12 Vendite di altri prodotti alimentari negli spacci Prodotti Numero di caseifici Incidenza Solo Parmigiano-Reggiano 8 4,7 P-R, burro e/o ricotta 62 36,0 P-R, burro, ricotta e altri prodotti alimentari ,3 Totale ,0 L incidenza di questi altri prodotti sul fatturato complessivo degli spacci è pari al 14%, ma si rileva che tale percentuale aumenta man mano che cresce la vendita del Parmigiano-Reggiano nello spaccio. Sono due tendenze che si rafforzano l una con l altra. In alcuni casi i negozi annessi ai caseifici sono delle vere boutiques alimentari. Da notare che la superficie complessiva dello spaccio cresce con la quota di vendita, passando da 27 m 2 dove la quota è inferiore al 5% della fino a 45 m 2 nei negozi in cui transita più del 15% della. Tabella 13 Incidenza degli altri prodotti sul fatturato e superficie dello spaccio Quota di venduta nello spaccio Incidenza di altri prodotti sul totale del fatturato dello spaccio Superficie spaccio (m 2 ) Da 0,1 al 5 % 8,8 27 Da 5 a 15% 13,1 30 Oltre 15% 20,2 45 Totale 14,0 34 Infine, è stato ritenuto utile sapere in che misura l ubicazione dello spaccio possa essere importante per la vendita. Per questo è stata rilevata la distanza dello spaccio dal capoluogo di provincia oppure da un centro con almeno abitanti. Ne è risultato che la distanza in 6

7 chilometri da un centro abitato importante non incide in modo rilevante sulla quota di Parmigiano- Reggiano venduta nello spaccio. Tabella 14 Distanza dal capoluogo di provincia o da un centro con almeno abitanti e quota di vendita Quota della venduta nello spaccio Distanza dal capoluogo (km) Distanza da un centro con abitanti (km) Da 0,1 a 5% 23 5 Da 5 a 15% 29 8 Oltre 15% 25 6 Totale 25 6 Molto più importante per la vendita è la collocazione dello spaccio lungo una strade di grande scorrimento (via Emilia e altre strade statali), oppure vicino ad un casello autostradale. I caseifici con uno spaccio in una tale posizione riescono a vendere quote maggiori di Parmigiano-Reggiano, con punte fino al 60% della. La tabella sottostante riporta informazioni al riguardo. Degli spacci che non vendono più del 5% della, la maggioranza (72,9%) non si trova lungo una strada importante, ma degli spacci che riescono a vendere oltre il 15% della oltre la metà (52,6%) è collocata proprio lungo una strada statale oppure nelle vicinanze di un casello autostradale. Ubicazione vicino a strade statali o caselli autostradali Tabella 15 Ubicazione lungo una strada statale o vicino a un casello autostradale e quota di vendita Quota di venduta nello spaccio da 0,1 a 5% da 5 a 15% oltre 15% n. caseifici % n. caseifici % n. caseifici % No 43 72, , ,4 Sì 16 27, , ,6 Totale , , ,0 Per i caseifici che decidono di investire in uno spaccio per cercare di captare una parte del valore aggiunto legato alla commercializzazione è pertanto opportuno valutare la possibilità di aprirlo lungo una strada importante. Questo risulta essere uno dei fattori discriminanti per il successo di un punto di vendita. 7

La vendita del Parmigiano-Reggiano nello spaccio del caseificio

La vendita del Parmigiano-Reggiano nello spaccio del caseificio La vendita del Parmigiano-Reggiano nello spaccio del caseificio Testi a cura di Kees De Roest CRPA S.p.A. Reggio Emilia Premessa La vendita diretta del Parmigiano-Reggiano negli spacci annessi ai caseifici

Dettagli

Vendita diretta sul mercato nazionale: potenzialità, barriere, strategie

Vendita diretta sul mercato nazionale: potenzialità, barriere, strategie Studio di nuove modalità di commercializzazione del Parmigiano-Reggiano Vendita diretta sul mercato nazionale: potenzialità, barriere, strategie Valeria Musi, Luciano Rinaldi, Franco Torelli CRPA S.p.A.

Dettagli

Alimentazione naturale

Alimentazione naturale B Alimentazione naturale Secondo i dati dell ISMEA (Osservatorio del mercato dei prodotti biologici), in un anno di crisi come il 2010 i consumi di prodotti ortofrutticoli biologici hanno avuto un andamento

Dettagli

Capitolo 5 MARCHIATURA E VIGILANZA

Capitolo 5 MARCHIATURA E VIGILANZA Capitolo 5 MARCHIATURA E VIGILANZA 1 5.1 VIGILANZA Per modalità di svolgimento distinguiamo questa attività in vigilanza e monitoraggio. Vigilanza in Italia Questa funzione è svolta da nostro personale

Dettagli

DI CONSUMO DEL TURISTA IN PUGLIA.

DI CONSUMO DEL TURISTA IN PUGLIA. FOODING ACTION 5.5.1 Development of a CRM (Customer relationship management P5 Chamber of commerce of Bari: ESPERIENZA DI CONSUMO DEL TURISTA IN PUGLIA. La Camera di Commercio di Bari, nell ambito del

Dettagli

2 L ANALISI DEI COMMERCIANTI E DEI PRODUTTORI OPERANTI NEI MERCATI AGROALIMENTARI (Luca Lanini, Simona Barbieri, Simona Bertozzi, Renzo Rossetto)

2 L ANALISI DEI COMMERCIANTI E DEI PRODUTTORI OPERANTI NEI MERCATI AGROALIMENTARI (Luca Lanini, Simona Barbieri, Simona Bertozzi, Renzo Rossetto) 2 L ANALISI DEI COMMERCIANTI E DEI PRODUTTORI OPERANTI NEI MERCATI AGROALIMENTARI (Luca Lanini, Simona Barbieri, Simona Bertozzi, Renzo Rossetto) 2.1 GLI OPERATORI COINVOLTI NELL INDAGINE Sono stati intervistati

Dettagli

Parchi di divertimento Indagine sull andamento della stagione 2013

Parchi di divertimento Indagine sull andamento della stagione 2013 Parchi di divertimento Indagine sull andamento della stagione 2013 1 La stagione 2013 Al termine della stagione 2013 l indagine analizza l andamento del settore dei parchi di divertimento italiani intendendosi

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UM01U ATTIVITÀ 52.11.4 ATTIVITÀ 52.25.0 ATTIVITÀ 52.27.4 SUPERMERCATI DISCOUNT DI ALIMENTARI

STUDIO DI SETTORE UM01U ATTIVITÀ 52.11.4 ATTIVITÀ 52.25.0 ATTIVITÀ 52.27.4 SUPERMERCATI DISCOUNT DI ALIMENTARI STUDIO DI SETTORE UM01U ATTIVITÀ 52.11.2 SUPERMERCATI ATTIVITÀ 52.11.3 DISCOUNT DI ALIMENTARI ATTIVITÀ 52.11.4 MINIMERCATI ED ALTRI ESERCIZI NON SPECIALIZZATI DI ALIMENTI VARI ATTIVITÀ 52.25.0 COMMERCIO

Dettagli

il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E

il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E 1 B r a s i l e G i a p p o n e A u s t r a l i a S t a t i U n i t i S v i z z e r a F r a n c i a

Dettagli

La misurazione e la previsione della domanda

La misurazione e la previsione della domanda La misurazione e la previsione della domanda Le domande fondamentali Quali sono i principi che sottendono alla misurazione e alla previsione della domanda? Come si può stimare la domanda attuale? Come

Dettagli

NOTA STUDIO CONFESERCENTI

NOTA STUDIO CONFESERCENTI Ufficio Stampa NOTA STUDIO CONFESERCENTI IMPRESE, STUDIO CONFESERCENTI: GLI IMMIGRATI RESISTONO MEGLIO ALLA CRISI: NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2012 LE IMPRESE INDIVIDUALI CON TITOLARI EXTRA UE CRESCONO DI

Dettagli

Osservatorio SANA 2012

Osservatorio SANA 2012 Osservatorio SANA 2012 A cura di: Evento organizzato da: In collaborazione con: I CONSUMI ALIMENTARI BIOLOGICI DI FRONTE ALLA CRISI ECONOMICA I risultati dell indagine di Nomisma Fabio Lunati - Silvia

Dettagli

Le esportazioni di Parmigiano-Reggiano nel 2011

Le esportazioni di Parmigiano-Reggiano nel 2011 Le esportazioni di Parmigiano-Reggiano nel 2011 (Elaborazione Si P-R, aggiornamento 17 ottobre 2012) I dati raccolti dai produttori e dalle aziende di confezionamento e commercializzazione inserite nell'elenco

Dettagli

TRADIZIONE & CULTURA

TRADIZIONE & CULTURA PALATIPICO MODENA TRADIZIONE & CULTURA Le Produzioni Agroalimentari Modenesi D.O.P. e I.G.P. Corso 30560 MARKETING STRATEGICO Laurea in Economia e marketing nel sistema agro-industriale Facoltà di Agraria

Dettagli

CONGIUNTURA FLASH Inizio anno scolastico 2012 ASCOM del Emilia - Romagna

CONGIUNTURA FLASH Inizio anno scolastico 2012 ASCOM del Emilia - Romagna CONGIUNTURA FLASH Inizio anno scolastico 2012 Report documento per ASCOM dell Emilia - Romagna ottobre 2012 SOMMARIO 1. PREMESSA... 1 1.1 La descrizione del campione... 1 2. L INDAGINE SULLE VENDITE PER

Dettagli

UD14. La ripartizione dei costi comuni. obiettivi

UD14. La ripartizione dei costi comuni. obiettivi _ MODULO 5 la gestione economica _ I UD14 La ripartizione dei costi comuni obiettivi Vedremo come si forma il costo e con quale metodologia i costi indiretti possono essere ripartiti tra i settori aziendali

Dettagli

1. PREMESSA. Politecnico Innovazione 1

1. PREMESSA. Politecnico Innovazione 1 E-BUSINESS IN CIFRE 1. PREMESSA Valutare il grado di penetrazione dell e-business nelle Pmi significa analizzare qual è il ruolo che le tecnologie sono chiamate a svolgere all interno delle aziende: nelle

Dettagli

Analisi economica del settore agricolo

Analisi economica del settore agricolo LE FILIERE BIOLOGICHE IN LOMBARDIA Analisi economica del settore agricolo Alessandro Banterle Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano

Dettagli

Analisi Inner Web per settore Alimentare online

Analisi Inner Web per settore Alimentare online vendita alimentari online 260 170 50 70 90 70 50 90 70 0,84 0,60 vendita prodotti alimentari 170 140 170 260 260 170 170 140 210 0,41 0,71 vendita alimentari on line 70 50 110 70 110 90 70 50 70 0,89 0,58

Dettagli

COMMERCIO ALL INGROSSO DI FRUTTA E ORTAGGI CONSERVATI COMMERCIO ALL INGROSSO DI PRODOTTI DI SALUMERIA

COMMERCIO ALL INGROSSO DI FRUTTA E ORTAGGI CONSERVATI COMMERCIO ALL INGROSSO DI PRODOTTI DI SALUMERIA STUDIO DI SETTORE WM21E ATTIVITÀ 46.31.20 COMMERCIO ALL INGROSSO DI FRUTTA E ORTAGGI CONSERVATI ATTIVITÀ 46.32.20 COMMERCIO ALL INGROSSO DI PRODOTTI DI SALUMERIA ATTIVITÀ 46.33.10 COMMERCIO ALL INGROSSO

Dettagli

Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007

Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007 Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007 Ismea Direzione Mercati e Risk management e.deruvo@ismea.it (06 85568460) 1 Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007 1. I riconoscimenti Alla fine di

Dettagli

Problematiche di approvvigionamento e commercializzazione delle aziende di prima trasformazione del comparto oleario

Problematiche di approvvigionamento e commercializzazione delle aziende di prima trasformazione del comparto oleario Panel agroalimentare Indagini monografiche Panel Agroalimentare Ismea Problematiche di approvvigionamento e commercializzazione delle aziende di prima trasformazione del comparto oleario Novembre 2006

Dettagli

Indica con una crocetta la corretta collocazione delle seguenti affermazioni:

Indica con una crocetta la corretta collocazione delle seguenti affermazioni: Esercizio n. 1 Indica con una crocetta la corretta collocazione delle seguenti affermazioni: INFORMAZIONI STRATEGICHE NON STRATEGICHE La responsabile dell ufficio acquisti segnala la necessità di sostituire

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO - la competitività della provincia di Bologna Indice 1. Esportazioni e competitività:

Dettagli

E ELLE - INDICATORI STATISTICI DELL'ECONOMIA e DEL LAVORO COMMERCIO E SERVIZI

E ELLE - INDICATORI STATISTICI DELL'ECONOMIA e DEL LAVORO COMMERCIO E SERVIZI Sono 37.086 le imprese della provincia di Modena che svolgono un attività nel settore terziario, che si occupano quindi di commercio o di servizi rivolti alle imprese e alle famiglie; tale numero è in

Dettagli

Analisi della domanda di pubblicità tramite oggetto e regalistica aziendale

Analisi della domanda di pubblicità tramite oggetto e regalistica aziendale Università degli Studi di Udine Laboratorio di Ricerca Economica e Manageriale Analisi della domanda di pubblicità tramite oggetto e regalistica aziendale Milano, 10 marzo 2011 Considerazioni di metodo

Dettagli

il mercato dei prodotti agroalimentari in G I A P P O N E

il mercato dei prodotti agroalimentari in G I A P P O N E (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) il mercato dei prodotti agroalimentari in G I A P P O N E 1 B r a s i l e G i a p p o n e A u s t r a l i a S t a t i U n i t i C a n a d a F r a n c i a m

Dettagli

La Supply Chain nel settore dell ortofrutta.

La Supply Chain nel settore dell ortofrutta. La Supply Chain nel settore dell ortofrutta. Andrea Payaro Le regole della supply chain devono essere applicate anche al settore dell ortofrutta. Frammentazione degli operatori e dimensioni aziendali ridotte

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Osservatorio turistico della provincia di Pavia INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Settembre 2009 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: CCIAA

Dettagli

CONGIUNTURA FLASH - Consumi natalizi 2013

CONGIUNTURA FLASH - Consumi natalizi 2013 CONGIUNTURA FLASH - Consumi natalizi 2013 Report documento per ASCOM dell Emilia - Romagna dicembre 2013 1 SOMMARIO 1 LA DESCRIZIONE DEL PANEL... 3 2 L INDAGINE SULLE VENDITE NEL PERIODO NATALIZIO... 6

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TG93U ATTIVITÀ 74.87.5 DESIGN E STYLING RELATIVO A TESSUTI,

STUDIO DI SETTORE TG93U ATTIVITÀ 74.87.5 DESIGN E STYLING RELATIVO A TESSUTI, STUDIO DI SETTORE TG93U ATTIVITÀ 74.87.5 DESIGN E STYLING RELATIVO A TESSUTI, ABBIGLIAMENTO, CALZATURE, GIOIELLERIA, MOBILI E ALTRI BENI PERSONALI O PER LA CASA Luglio 2007 PREMESSA L evoluzione dello

Dettagli

L idea dei latticini ci è venuta dai cugini di nostro padre, andati a lavorare a Roma, anche loro nel settore lattiero-caseario.

L idea dei latticini ci è venuta dai cugini di nostro padre, andati a lavorare a Roma, anche loro nel settore lattiero-caseario. zienda La storia della Latteria Mortaretta si fonde con l esperienza diretta dei fratelli Ballesini Nedo e Alessandro, che nei primi anni 60 avviano una piccola impresa artigiana. l azienda La storia della

Dettagli

Chiara Catellani, Raffaele Di Tolve, Giacomo Boni

Chiara Catellani, Raffaele Di Tolve, Giacomo Boni Chiara Catellani, Raffaele Di Tolve, Giacomo Boni CHE COSA SONO? Parte di mercato che la concorrenza non ha ancora raggiunto. Le nicchie sono in genere degli spazi piccoli, spesso ricercati da piccole

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE WM21B ATTIVITÀ 46.34.10 COMMERCIO ALL INGROSSO DI BEVANDE ALCOLICHE ATTIVITÀ 46.34.20 COMMERCIO ALL INGROSSO DI BEVANDE NON ALCOLICHE Marzo 2014 Documento non definitivo PREMESSA L evoluzione

Dettagli

I Giovani Imprenditori in cifre

I Giovani Imprenditori in cifre II Semestre 2014 I Giovani Imprenditori in cifre CNA GIOVANI IMPRENDITORI DELL EMILIA ROMAGNA 1 I giovani imprenditori associati alla CNA dell Emilia Romagna considerando titolari, soci e legali rappresentanti

Dettagli

IL BIO ITALIANO NELLE FIERE INTERNAZIONALI

IL BIO ITALIANO NELLE FIERE INTERNAZIONALI Evento IL BIO ITALIANO NELLE FIERE INTERNAZIONALI Roberta Callieris Roma, 16 Dicembre 2010 1 : 85 Campione : 17 Summer Fancy Food: 16 Aree di provenienza degli espositori (%) Summer Fancy Food I fatturati

Dettagli

IL PROGETTO DI RILEVAMENTO, STUDIO E REALIZZAZIONE DEL SITO WEB DEI MUSEI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

IL PROGETTO DI RILEVAMENTO, STUDIO E REALIZZAZIONE DEL SITO WEB DEI MUSEI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA IL PROGETTO DI RILEVAMENTO, STUDIO E REALIZZAZIONE DEL SITO WEB DEI MUSEI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Il progetto è stato promosso e finanziato dal Ministero per i beni e le attività culturali - Direzione

Dettagli

Annuario Statistico della Sardegna

Annuario Statistico della Sardegna Annuario Statistico della Sardegna PREZZI Indici dei prezzi al consumo Gli indici dei prezzi al consumo misurano le variazioni nel tempo dei prezzi che si formano nelle transazioni relative a beni e servizi

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UD15U ATTIVITÀ 10.51.10 TRATTAMENTO IGIENICO DEL LATTE ATTIVITÀ 10.51.20 PRODUZIONE DEI DERIVATI DEL LATTE

STUDIO DI SETTORE UD15U ATTIVITÀ 10.51.10 TRATTAMENTO IGIENICO DEL LATTE ATTIVITÀ 10.51.20 PRODUZIONE DEI DERIVATI DEL LATTE STUDIO DI SETTORE UD15U ATTIVITÀ 10.51.10 TRATTAMENTO IGIENICO DEL LATTE ATTIVITÀ 10.51.20 PRODUZIONE DEI DERIVATI DEL LATTE Febbraio 2009 PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore TD15U Produzione

Dettagli

ACQUISIZIONE DI NUOVI CLIENTI E CANALE DIGITALE: LA SFIDA DEL MARKETING B2B E' IL CUSTOMER ENGAGEMENT

ACQUISIZIONE DI NUOVI CLIENTI E CANALE DIGITALE: LA SFIDA DEL MARKETING B2B E' IL CUSTOMER ENGAGEMENT I risultati dell'osservatorio sul Marketing B2B realizzato da CRIBIS D&B con la collaborazione di AISM. ACQUISIZIONE DI NUOVI CLIENTI E CANALE DIGITALE: LA SFIDA DEL MARKETING B2B E' IL CUSTOMER ENGAGEMENT

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE VM01U ATTIVITÀ 47.11.20 SUPERMERCATI ATTIVITÀ 47.11.30 DISCOUNT DI ALIMENTARI ATTIVITÀ 47.11.40 MINIMERCATI ED ALTRI ESERCIZI NON SPECIALIZZATI DI ALIMENTI VARI ATTIVITÀ 47.21.02 COMMERCIO

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UM21B ATTIVITÀ 46.34.20 COMMERCIO ALL INGROSSO DI BEVANDE ALCOLICHE NON ALCOLICHE

STUDIO DI SETTORE UM21B ATTIVITÀ 46.34.20 COMMERCIO ALL INGROSSO DI BEVANDE ALCOLICHE NON ALCOLICHE STUDIO DI SETTORE UM21B ATTIVITÀ 46.34.10 COMMERCIO ALL INGROSSO DI BEVANDE ALCOLICHE ATTIVITÀ 46.34.20 COMMERCIO ALL INGROSSO DI BEVANDE NON ALCOLICHE Settembre 2008 PREMESSA L evoluzione dello Studio

Dettagli

locale MANOR FOOD (Mercati Manor Food e Ristoranti Manora) Linee guida per il marchio proprio di MANOR La presente versione è valida per l anno 2015

locale MANOR FOOD (Mercati Manor Food e Ristoranti Manora) Linee guida per il marchio proprio di MANOR La presente versione è valida per l anno 2015 Linee guida per il marchio proprio di MANOR locale MANOR FOOD (Mercati Manor Food e Ristoranti Manora) La presente versione è valida per l anno 2015 Situazione al 31 dicembre 2014 Autore: Commissione del

Dettagli

Benchmarking della società dell informazione in Emilia-Romagna

Benchmarking della società dell informazione in Emilia-Romagna Benchmarking della società dell informazione in Emilia-Romagna Diffusione e modalità di utilizzo dello Sportello Unico per le Attività Produttive online (SUAP) Settembre 2015 Il presente documento è stato

Dettagli

CONSUMI E DIMENSIONI DEL

CONSUMI E DIMENSIONI DEL CONSUMI E DIMENSIONI DEL BIOLOGICO IN ITALIA FABIO DEL BRAVO ISMEA 12 settembre 2015 www.ismea.it www.ismeaservizi.it AGENDA Il contesto Le dinamiche recenti Il valore del mercato bio Il ruolo della GDO

Dettagli

I NUMERI DEL SISTEMA FOOD MILANO

I NUMERI DEL SISTEMA FOOD MILANO I NUMERI DEL SISTEMA FOOD MILANO Produzione Superficie agricola nel Comune di Milano: 49,2% (8.948 ettari) nel 1955 21,9% ( 3.988 ettari) nel 1999 19% (3.448 ettari) nel 2012 Distretti agricoli: 1 distretto

Dettagli

Studio elaborato per LA FILIERA AGROALIMENTARE ITALIANA FORMAZIONE DEL VALORE E DEI PREZZI ALIMENTARI LUNGO LA FILIERA

Studio elaborato per LA FILIERA AGROALIMENTARE ITALIANA FORMAZIONE DEL VALORE E DEI PREZZI ALIMENTARI LUNGO LA FILIERA Studio elaborato per LA FILIERA AGROALIMENTARE ITALIANA FORMAZIONE DEL VALORE E DEI PREZZI ALIMENTARI LUNGO LA FILIERA Roma, 3 Aprile, 2014 1 PARTE PRIMA La filiera agroalimentare italiana: operatori,

Dettagli

CERTE NOTTI Indagine sugli automobilisti fermati dalla Polizia Stradale per uso di alcol e sostanze stupefacenti nella provincia di Rimini

CERTE NOTTI Indagine sugli automobilisti fermati dalla Polizia Stradale per uso di alcol e sostanze stupefacenti nella provincia di Rimini Partecipa alla ricerca on line sull'alcolismo, potrai usare i dati immediatamente.seleziona l'immagine per entrare. CERTE NOTTI Indagine sugli automobilisti fermati dalla Polizia Stradale per uso di alcol

Dettagli

La scelta della strategia di marketing

La scelta della strategia di marketing LA SCELTA DELLA STRATEGIA DI L obiettivo che l impresa deve perseguire in questa fase è quello di individuare la strategia di marketing che sia in grado di offrire all impresa il mezzo per realizzare i

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UM15A ATTIVITÀ 52.48.3 ATTIVITÀ 52.73.0 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI OROLOGI, ARTICOLI DI GIOIELLERIA E ARGENTERIA

STUDIO DI SETTORE UM15A ATTIVITÀ 52.48.3 ATTIVITÀ 52.73.0 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI OROLOGI, ARTICOLI DI GIOIELLERIA E ARGENTERIA STUDIO DI SETTORE UM15A ATTIVITÀ 52.48.3 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI OROLOGI, ARTICOLI DI GIOIELLERIA E ARGENTERIA ATTIVITÀ 52.73.0 RIPARAZIONE DI OROLOGI E GIOIELLI Settembre 2007 PREMESSA L evoluzione

Dettagli

Riepilogo quotazioni lattiero casearie 24 luglio 2012

Riepilogo quotazioni lattiero casearie 24 luglio 2012 Riepilogo quotazioni lattiero casearie 24 luglio 2012 Quotazioni mercati nazionali; Quotazioni mercati europei; PARMIGIANO REGGIANO: CONTRIBUTO STRAORDINARIO PER 9 MILIONI A FAVORE DEI CASEIFICI TERREMOTATI

Dettagli

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI M o d e n a, n o v e m b re 2 0 1 4 1 INDICE Pagina INFORMAZIONI

Dettagli

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4 L INDUSTRIA ALIMENTARE E IL COMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI ALIMENTARI 1. L Industria alimentare (Indagine sui bilanci delle imprese) Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da un aumentato interesse

Dettagli

Il Gruppo Unieco sta realizzando, in prossimità dell uscita di Fidenza-Salsomaggiore Terme sull Autostrada A1, il Fidenza Shopping Park.

Il Gruppo Unieco sta realizzando, in prossimità dell uscita di Fidenza-Salsomaggiore Terme sull Autostrada A1, il Fidenza Shopping Park. Note Informative 1 - Premessa La città di Fidenza rappresenta una delle più vivaci realtà artistico-culturali, turistiche e produttive a cavallo della via Emilia fra le città di Parma e Piacenza. Città

Dettagli

Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza. con il coordinamento scientifico di:

Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza. con il coordinamento scientifico di: Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza con il coordinamento scientifico di: La rilevazione 2 LA RILEVAZIONE DEI PREZZI Oggetto della rilevazione: Beni di largo consumo: prodotti alimentari

Dettagli

Quello che vogliamo esportare è ciò che siamo da sempre, ciò che vogliamo continuare ad essere.

Quello che vogliamo esportare è ciò che siamo da sempre, ciò che vogliamo continuare ad essere. Quello che vogliamo esportare è ciò che siamo da sempre, ciò che vogliamo continuare ad essere. L idea Il Consorzio Il Made in Italy, conosciuto ovunque nel mondo, ha nei PRODOTTI AGROALIMENTARI una delle

Dettagli

2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese

2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese Osservatorio economico,coesione sociale, legalità 3 Rapporto sulla coesione sociale nella provincia di Reggio Emilia 2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese COMUNE DI REGGIO EMILIA La crisi economica

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SG82U ATTIVITÀ 74.40.1 - STUDI DI PROMOZIONE PUBBLICITARIA ATTIVITÀ 74.14.5 - PUBBLICHE RELAZIONI

STUDIO DI SETTORE SG82U ATTIVITÀ 74.40.1 - STUDI DI PROMOZIONE PUBBLICITARIA ATTIVITÀ 74.14.5 - PUBBLICHE RELAZIONI STUDIO DI SETTORE SG82U ATTIVITÀ 74.40.1 - STUDI DI PROMOZIONE PUBBLICITARIA ATTIVITÀ 74.14.5 - PUBBLICHE RELAZIONI Aprile 2002 1 STUDIO DI SETTORE SG82U Numero % sugli invii Invii 8.416 Ritorni 4.988

Dettagli

Coinvolte quasi 1200 micro, piccole e media imprese sul territorio toscano

Coinvolte quasi 1200 micro, piccole e media imprese sul territorio toscano PMI toscane: i costi della fornitura di energia elettrica Il presente Rapporto si prefigge una pluralità di obiettivi: analizzare il fabbisogno energetico delle piccole e medie imprese, monitorare il grado

Dettagli

Annuario Statistico della Sardegna

Annuario Statistico della Sardegna Annuario Statistico della Sardegna TURISMO Turismo L Indagine sulla capacità degli esercizi ricettivi è una rilevazione censuaria condotta annualmente con l obiettivo di fotografare, al 31 dicembre di

Dettagli

Il mercato immobiliare a Bologna nel 2012. Luglio 2013

Il mercato immobiliare a Bologna nel 2012. Luglio 2013 Il mercato immobiliare a Bologna nel 2012 Luglio 2013 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Marisa Corazza Mappe a cura di:

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG52U ATTIVITÀ 89.92.10 IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO DI ATTIVITÀ 89.92.20 CONFEZIONAMENTO DI GENERI NON GENERI ALIMENTARI

STUDIO DI SETTORE UG52U ATTIVITÀ 89.92.10 IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO DI ATTIVITÀ 89.92.20 CONFEZIONAMENTO DI GENERI NON GENERI ALIMENTARI STUDIO DI SETTORE UG52U ATTIVITÀ 89.92.10 IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO DI GENERI ALIMENTARI ATTIVITÀ 89.92.20 CONFEZIONAMENTO DI GENERI NON ALIMENTARI Gennaio 2009 PREMESSA L evoluzione dello Studio di

Dettagli

NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta

NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta Silvia ZUCCONI Coordinatore Area Agroalimentare NOMISMA > SUPERFICI BIO SUPERFICI BIOLOGICHE (milioni di

Dettagli

RAPPORTO SULL AGRICOLTURA BIOLOGICA IN EMILIA ROMAGNA ANNO 2013

RAPPORTO SULL AGRICOLTURA BIOLOGICA IN EMILIA ROMAGNA ANNO 2013 DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA, ECONOMIA ITTICA, ATTIVITÀ FAUNISTICO-VENATORIE Servizio Percorsi di qualità, relazioni di mercato e integrazioni di filiera U.O. RAPPORTO SULL AGRICOLTURA BIOLOGICA IN EMILIA

Dettagli

Mercato del biologico. La Filiera. Relazione dott. G.Tecilla

Mercato del biologico. La Filiera. Relazione dott. G.Tecilla Mercato del biologico La Filiera Relazione dott. G.Tecilla Il mercato BIO in Italia Il BIO in Italia vale 3 miliardi di euro e continua a crescere: la spesa domestica di prodotti biologici è salita nel

Dettagli

Andamento vendite per l inizio della scuola CONGIUNTURA FLASH

Andamento vendite per l inizio della scuola CONGIUNTURA FLASH Andamento vendite per l inizio della scuola CNGIUNTURA FLASH Panel e note metodologiche abbigliamento e calzature 55% cartolibreria/gioca ttoli/informatica/li bri 45% Gli intervistati sono per il 95% titolari

Dettagli

OSSERVATORIO PERMANENTE

OSSERVATORIO PERMANENTE DIPARTIMENTO DI SCIENZE STATISTICHE PAOLO FORTUNATI UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM OSSERVATORIO PERMANENTE SUL TRASPORTO CAMIONISTICO IL TRASPORTO CAMIONISTICO DI MERCI IN INTERPORTO BOLOGNA

Dettagli

Linee Guida Progetti Export 2015

Linee Guida Progetti Export 2015 Linee Guida Progetti Export 2015 Al fine di accrescere la valorizzazione e la conoscenza del prodotto attraverso l incremento dei volumi di vendita del formaggio Parmigiano Reggiano DOP nei MERCATI ESTERI,

Dettagli

Panel Famiglie. La spesa domestica per i prodotti biologici confezionati nel 2002

Panel Famiglie. La spesa domestica per i prodotti biologici confezionati nel 2002 OSSERVATORIO CONSUMI Panel Famiglie La spesa domestica per i prodotti biologici confezionati nel 2002 Gli acquisti nazionali Si stima in 301 milioni di euro il valore degli acquisti domestici di prodotti

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

GLI ORTAGGI DI IV GAMMA NEL RAPPORTO COMPETITIVO CON IL FRESCO TRADIZIONALE

GLI ORTAGGI DI IV GAMMA NEL RAPPORTO COMPETITIVO CON IL FRESCO TRADIZIONALE GLI ORTAGGI DI IV GAMMA NEL RAPPORTO COMPETITIVO CON IL FRESCO TRADIZIONALE Mario Schiano lo Moriello Cesena, 7 ottobre 2011 Report Economico Finanziario Gli obiettivi dell analisi ISMEA IPSOA Il REF è

Dettagli

AGENTI E RAPPRESENTANTI DI PRODOTTI ORTOFRUTTICOLI FRESCHI, CONGELATI E SURGELATI

AGENTI E RAPPRESENTANTI DI PRODOTTI ORTOFRUTTICOLI FRESCHI, CONGELATI E SURGELATI STUDIO DI SETTORE VG61A ATTIVITÀ 46.17.01 AGENTI E RAPPRESENTANTI DI PRODOTTI ORTOFRUTTICOLI FRESCHI, CONGELATI E SURGELATI ATTIVITÀ 46.17.02 AGENTI E RAPPRESENTANTI DI CARNI FRESCHE, CONGELATE, SURGELATE,

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE UG93U ATTIVITÀ 74.10.10 ATTIVITÀ DI DESIGN DI MODA E DESIGN INDUSTRIALE ATTIVITÀ 74.10.90 ALTRE ATTIVITÀ DI DESIGN Aprile 2010 Documento non definitivo PREMESSA L evoluzione dello Studio

Dettagli

Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo

Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo CASE STUDY Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo Emilio Chiodo Il settore vitivinicolo in Abruzzo Il settore vitivinicolo riveste un importanza rilevante nell economia Abruzzese, così

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE WD05U ATTIVITÀ 10.11.00 PRODUZIONE DI CARNE NON DI VOLATILI E DI PRODOTTI DELLA MACELLAZIONE (ATTIVITÀ DEI MATTATOI) ATTIVITÀ 10.12.00 PRODUZIONE DI CARNE DI VOLATILI E PRODOTTI DELLA

Dettagli

I MERCATI E LE SFIDE DELLA COMPETIZIONE Ricerca sul commercio su aree pubbliche in Emilia Romagna. Presentazione principali risultati

I MERCATI E LE SFIDE DELLA COMPETIZIONE Ricerca sul commercio su aree pubbliche in Emilia Romagna. Presentazione principali risultati I MERCATI E LE SFIDE DELLA COMPETIZIONE Ricerca sul commercio su aree pubbliche in Emilia Romagna Presentazione principali risultati Modena 12 Febbraio 2015 Metodo di analisi e obiettivi Utilizzare dati

Dettagli

il mercato dei prodotti agroalimentari in F R A N C I A

il mercato dei prodotti agroalimentari in F R A N C I A (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) il mercato dei prodotti agroalimentari in F R A N C I A 1 R e g n o U n i t o G i a p p o n e G e r m a n i a S t a t i U n i t i S v i z z e r a F r a n c

Dettagli

Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti DOP e IGP

Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti DOP e IGP Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti e IGP Fra gli obiettivi del Governo a sostegno dell economia e dell occupazione, c è l incremento, entro il 2020, dell export agroalimentare

Dettagli

Le imprese a Bologna nel 2013

Le imprese a Bologna nel 2013 Le imprese a Bologna nel 2013 Aprile 2014 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Stefano Venuti e Paola Ventura Le elaborazioni sono

Dettagli

Studio di fattibilità del circolo rurale dell Appennino Bolognese. Principali risultati

Studio di fattibilità del circolo rurale dell Appennino Bolognese. Principali risultati Studio di fattibilità del circolo rurale dell Appennino Bolognese Principali risultati OBIETTIVI VERIFICARE LA FATTIBILITA DI UNA STRUTTURA DI COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI DELL APPENNINO BOLOGNESE

Dettagli

Estensione territoriale: nazionale Numerosità campionaria: 1000

Estensione territoriale: nazionale Numerosità campionaria: 1000 Public Affairs S.r.l. Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO SONDAGGIO IPSOS La spesa alimentare tra sicurezza, qualità e convenienza Risultati Pubblicati sul Messaggero del 24 novembre 2009 e presentati in

Dettagli

La categoria di lavoro più richiesta in Emilia Romagna: Operai produzione qualità

La categoria di lavoro più richiesta in Emilia Romagna: Operai produzione qualità La categoria di lavoro più richiesta in Emilia Romagna: Operai produzione qualità InfoJobs.it fornisce in anteprima uno spaccato della ricerca di personale in Emilia Romagna, confrontando i dati relativi

Dettagli

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA 2015 Cooperazione agroalimentare La cooperativa è un associazione autonoma di persone unite volontariamente per soddisfare le loro aspirazioni e bisogni economici,

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Osservatorio turistico della regione Sardegna LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Ottobre 2012 A cura di La performance di vendita delle imprese del ricettivo Periodo di riferimento:

Dettagli

Note per la lettura dei report

Note per la lettura dei report Note per la lettura dei report Report strutturali 0. IMPRESE REGISTRATE PER STATO DI ATTIVITÀ. ANNO 2012 E TASSO DI CRESCITA 2012 Contiene la distribuzione dell insieme delle imprese registrate, ovvero

Dettagli

3.4.3. Analisi dell efficacia esterna

3.4.3. Analisi dell efficacia esterna 3.4.3. Analisi dell efficacia esterna Il marketing strategico In relazione alla dimensione analitica del marketing strategico, la ricerca ha rilevato come Gamma ponga in essere indagini di mercato ad hoc

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UM31U ATTIVITÀ 46.48.00 COMMERCIO ALL INGROSSO DI OROLOGI E DI GIOIELLERIA

STUDIO DI SETTORE UM31U ATTIVITÀ 46.48.00 COMMERCIO ALL INGROSSO DI OROLOGI E DI GIOIELLERIA STUDIO DI SETTORE UM31U ATTIVITÀ 46.48.00 COMMERCIO ALL INGROSSO DI OROLOGI E DI GIOIELLERIA Aprile 2009 PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore TM31U Commercio all ingrosso di orologi e di gioielleria

Dettagli

Linee Guida Contributi e Progetti Export 2016

Linee Guida Contributi e Progetti Export 2016 Linee Guida Contributi e Progetti Export 2016 Al fine di accrescere la valorizzazione e la conoscenza del prodotto attraverso l incremento dei volumi di vendita del formaggio Parmigiano Reggiano DOP nei

Dettagli

VINI PIEMONTESI. PROPOSTA DI ORGANIZZAZIONE COMUNE DI MERCATO.

VINI PIEMONTESI. PROPOSTA DI ORGANIZZAZIONE COMUNE DI MERCATO. VINI PIEMONTESI. PROPOSTA DI ORGANIZZAZIONE COMUNE DI MERCATO. VINI PIEMONTESI. UN OFFERTA UNICA DA CONTINUARE A VALORIZZARE. Il Piemonte ha circa 48.000 ettari di superficie coltivata a vite, l 88% della

Dettagli

VI Rapporto sulla Sicurezza Stradale 1 in Puglia 1 semestre 2012

VI Rapporto sulla Sicurezza Stradale 1 in Puglia 1 semestre 2012 VI Rapporto sulla Sicurezza Stradale 1 in Puglia semestre 2012 I primi dati del 2012 Nel primo semestre 2012 sono stati rilevati 5.919 incidenti stradali che hanno provocato 121 vittime e lesioni a 9.553

Dettagli

Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma

Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma Progetto promosso da: Con il patrocinio di: OSSERVATORIO SANA 2015 OSSERVATORIO SANA 2015 a cura di OBIETTIVI

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE WM01U ATTIVITÀ 47.11.20 SUPERMERCATI ATTIVITÀ 47.11.30 DISCOUNT DI ALIMENTARI ATTIVITÀ 47.11.40 MINIMERCATI ED ALTRI ESERCIZI NON SPECIALIZZATI DI ALIMENTARI VARI ATTIVITÀ 47.21.02 COMMERCIO

Dettagli

Indagine sul futuro dei Giovani Albergatori Trentini

Indagine sul futuro dei Giovani Albergatori Trentini Indagine sul futuro dei Giovani Albergatori Trentini Risultati dell indagine 2014 Ricerca commissionata dalla Presidente Giovani Albergatori Trentini dott. Francesca Maffei a cura dell Ufficio Marketing

Dettagli

M-Payment, il futuro nei sistemi di pagamento

M-Payment, il futuro nei sistemi di pagamento ITALIA, il futuro nei sistemi di pagamento All alba di una nuova tecnologia nei sistemi di pagamento, indagine sulla propensione all utilizzo del telefonino come strumento d acquisto. 90 Nuove frontiere

Dettagli

della ditta CI PREME FAR NOTARE CHE I PREZZI PER I NOSTRI SOCI SONO RIMASTI INVARIATI RISPETTO ALLE PRECEDENTTI OFFERTE DEL 2013 E DEL 2014

della ditta CI PREME FAR NOTARE CHE I PREZZI PER I NOSTRI SOCI SONO RIMASTI INVARIATI RISPETTO ALLE PRECEDENTTI OFFERTE DEL 2013 E DEL 2014 ATTIVITA ENO-GASTRONOMICHE OFFERTA NATALIZIA da Agricoltura BIOLOGICA Varia Stagionatura della ditta AZIENDA AGRICOLA BIOLOGICA CIAOLATTE SANGUINARO NOCETO PARMA La nostra Sezione Eno-Gastronomia ha raggiunto

Dettagli

Data warehouse e strumenti di tipo cartografico per la descrizione della struttura produttiva e dei fenomeni economici e sociali

Data warehouse e strumenti di tipo cartografico per la descrizione della struttura produttiva e dei fenomeni economici e sociali Evoluzione della struttura produttiva e del sistema lattiero-caseario del Parmigiano-Reggiano dopo il 2013 descrizione della struttura produttiva e dei fenomeni Venerdì Tiziano Bettati e Paola Vecchia

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE VM21B ATTIVITÀ 46.34.10 COMMERCIO ALL INGROSSO DI BEVANDE ALCOLICHE ATTIVITÀ 46.34.20 COMMERCIO ALL INGROSSO DI BEVANDE NON ALCOLICHE Giugno 2011 PREMESSA L evoluzione dello Studio di

Dettagli

La scelta dei canali di entrata. Michela Floris micfloris@unica.it

La scelta dei canali di entrata. Michela Floris micfloris@unica.it La scelta dei canali di entrata Michela Floris micfloris@unica.it Una premessa Individuare il canale che, meglio degli altri può essere efficace per la propria attività nei mercati esteri non è semplice

Dettagli

In forte crescita gli esercizi specializzati in articoli di lusso e regalo I cartolai nelle province di Belluno,

In forte crescita gli esercizi specializzati in articoli di lusso e regalo I cartolai nelle province di Belluno, INCHIESTA di Giorgio G. Mongiello - Rilevamento dati a cura di Centro Marketing, Milano Le province di Belluno, Treviso e Vicenza In forte crescita gli esercizi specializzati in articoli di lusso e regalo

Dettagli

L inflazione, gli indici dei prezzi ed il costo della vita

L inflazione, gli indici dei prezzi ed il costo della vita L inflazione, gli indici dei prezzi ed il costo della vita 1 L inflazione durante il 2002 ed il divario -Italia. Il tasso di variazione medio dell indice dei prezzi al consumo rilevato dall Istat per l

Dettagli