Le Turbine IDRAULICHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le Turbine IDRAULICHE"

Transcript

1 Le Turbine IDRAULICHE Prof. Francesco Martelli Prof. David Chiaramonti Ing. A.Mattana Ultimo aggiornamento: 24 Maggio 2013 Versione: Pag. 1

2 Classificazione - Dipartimento di Ingegneria Industriale Firenze - Le turbine idrauliche sono macchine motrici che lavorano con acqua (fluido incomprimibile) La loro classificazione si basa sul numero di giri specifico n s e/o sul grado di reazione. n s n P H 1/ 2 5 / 4 Dove P è la potenza e H è il salto geodetico disponibile Come noto, n s è un gruppo adimensionale che viene definito in condizioni di massima efficienza della macchina. Si può infatti dimostrare che: per una stessa macchina che si trovi ad operare in condizioni di portata, salto disponibile e numero di giri differenti, essa opererà al massimo rendimento purchè i parametri d esercizio realizzino lo stesso numero di giri specifico per macchine in scala (stessa famiglia), queste opereranno al massimo rendimento purchè i parametri d esercizio realizzino lo stesso numero di giri specifico Pag. 2

3 Classificazione - Dipartimento di Ingegneria Industriale Firenze - Si può quindi affermare che un definito valore di n s caratterizza univocamente la specifica famiglia di macchine basandoci su una semplice analisi dimensionale si trova la seguente: P Q ns n n H H 1/ /4 3 4 in linea di principio, qualsiasi siano i valori di n, Q ed H, è possibile progettare il tipo di turbina desiderato. Il fatto è che in funzione del tipo scelto, possono risultare macchine di dimensioni e regimi di rotazione improbabili, operanti perciò a rendimenti molto bassi Nella pratica n s, visto che è definito nelle condizioni di massima efficienza, suggerisce il design di macchina ottimale per le condizioni richieste Asse macchina In base alla relazione trovata, macchine che devono elaborare alte portate con piccoli salti, in condizioni di massima efficienza, hanno una geometria di tipo assiale (alti n s ), mentre con piccole portate e salti elevati la geometria è più di tipo radiale (bassi n s ) Pag. 3

4 Considerazioni sul rendimento Si consideri adesso l espressione del rendimento - Dipartimento di Ingegneria Industriale Firenze - = rendimento della macchina idraulica H 0 = salto utile U = velocità di trascinamento V = velocità assoluta = angolo tra U e V 1,2 : sezioni d ingresso e uscita dalla girante L gh U V cos U V gh 0 0 cos aumenta al diminuire di U 2 V 2 cos 2 U 2 è vincolato alla velocità angolare della macchina e non è praticamente possibile ridurlo si deve intervenire su V 2 e cos 2 rendere 2 = /2, sagomando le pale in modo da rendere la velocità assoluta di scarico normale alla velocità periferica della girante» Soluzione efficace solo per turbine a reazione, dove la più o meno grande energia cinetica residua dell acqua allo scarico (V 2 ) non influisce sul rendimento in quanto integralmente recuperata nel tubo d aspirazione Pag. 4 agire su V 2, riducendola il più possibile tramite un opportuno profilo delle pale» Unica opzione per le turbine ad azione

5 Considerazioni sul rendimento - Dipartimento di Ingegneria Industriale Firenze - Nell ipotesi che la velocità di scarico non abbia componente tangenziale si ha: 2 2 UV cos gh 0 U 1 gh 0 V cos 1 1 a parità di caduta H 0 la velocità periferica della macchina è tanto più grande quanto più è piccolo il prodotto V 1 *cos 1, cioè quanto più piccola è la componente della velocità assoluta d ingresso V 1 al rotore nella direzione della velocità periferica della girante U 1 Assegnato il salto disponibile e fissati gli angoli di ingresso alla girante, la velocità assoluta d ingresso dipende dal grado di reazione della macchina Pag. 5

6 Velocità e grado di reazione si consideri infatti l espressione del grado di reazione - Dipartimento di Ingegneria Industriale Firenze - h h h V 2 V h h gh g 2 2 rot stage st out out 1 H0 H0 stage stage 0 2 Ripartizione salto di pressione tra distributore e girante V V 2gH 1 out 1 0 K V 1 V 1 1 2gH 0 Velocità assoluta specifica d ingresso U K 1 U 1 V gh 0 cos 1 1 U 1 2gH 2 cos K 2 cos V Velocità specifica periferica Pag. 6

7 Si può quindi dire che: K V Velocità e grado di reazione Dipartimento di Ingegneria Industriale Firenze - V1 U1 1 ; KU 2gH 2gH 2 cos 1 a parità di salto H 0 disponibile, all aumentare del grado di reazione le velocità specifiche di ingresso e periferica presentano trend opposti quanto più grande è il grado di reazione tanto più piccola diviene la velocità di ingresso alla macchina a tale variazione di corrisponde una maggiore velocità specifica periferica della girante macchine con grado di reazione alto macchine veloci o ultraveloci macchine con basso grado di reazione macchine lente Viceversa, a parità di grado di reazione e variando il salto disponibile si ha Alte cadute problema di ridurre la vel.periferica U 1 macchine lente turbine ad azione Basse cadute problema di non lasciar diminuire la vel. periferica a valori molto bassi turbine a reazione lente, normali, veloci, ultraveloci ed infine ruote ad elica Pag. 7

8 Macchine lente e veloci Le Francis coprono un campo molto ampio al variare di molto piccolo ( ) lente, bordo d ingresso delle pale immediatamente affacciato al distributore (l acqua passa dal distributore alla girante costantemente incanalata e guidata Flusso quasi ovunque centripeto, deviato in senso assiale solo nelle immediate vicinanze dello scarico. La macchina risulta molto schiacciata in senso assiale compreso tra 0.40 e 0.50 turbine normali sviluppo assiale più accentuato il flusso nella girante mostra una sensibile attenuazione dell andamento centripeto rispetto a quello assiale: la deviazione verso un percorso assiale si manifesta presto Pag. 8

9 Macchine lente e veloci - Dipartimento di Ingegneria Industriale Firenze - Le Francis coprono un campo molto ampio al variare di Pag. 9 compreso tra 0.50 e 0.65 turbine veloci e ultraveloci la macchina è ormai più sviluppata in senso assiale che in senso radiale il distributore è molto alto e l allargamento della girante è assai accentuato le pale sono molto brevi e larghe (il flusso che le attraversa è ormai quasi completamente assiale) il distributore è molto lontano dall ingresso della pala (l acqua compie un lungo percorso senza essere guidata) Il numero di pale diminuisce al crescere di, per cui i tipi veloci e ultraveloci hanno un numero di pale modesto (8-12 per potenze medie) rispetto alle macchine lente (18-20) Nel campo della Mini-idraulica, le turbine Francis sono impiegate per sfruttare salti che vanno da pochi metri (8-10) fino a più di 150, con portate variabili tra poche centinaia di l/s a m 3 /s, mentre per schemi di grande potenza vengono impiegate per salti di oltre 600 m

10 Numero di giri specifico e grado di Reazione Come si è potuto osservare, il grado di reazione della macchina spiega lo sviluppo geometrico del canale meridiano si può dimostrare che variazioni del grado di reazione in un senso corrispondono a variazioni del numero di giri specifico nello stesso senso n s 1/2 5/4 0 P QL AV sin H AV sin H U n n n 60 V1 cos1 V1 cos1 V1 cos1 s s P n H n D H L /4 D V cos D cos V D A sin cos1 1 AV sin H A H H sin H H 1/4 L espressione rivela la relazione (semplificata) tra il numero di giri specifico ed il grado di reazione in funzione dei principali parametri geometrici di macchina. Pag. 10

11 Classificazione: Turbina Pelton - Dipartimento di Ingegneria Industriale Firenze - Asse macchina La turbina Pelton: Copre il campo dei bassi valori di n s. È una turbina ad azione pura. È adatta a essere utilizzata con elevati salti H e basse portate Q. Pag. 11

12 Classificazione: Turbina Francis Asse macchina La turbina Francis: Copre il campo dei medi valori di n s. È una turbina con valori medi di grado di reazione. È adatta a essere utilizzata con medi salti H e medi valori per la portata Q. Pag. 12

13 Classificazione: Turbina Kaplan (ad elica) Asse macchina La turbina Kaplan: Copre il campo degli alti valori di n s. È una turbina con valori medio alti del grado di reazione. È adatta a essere utilizzata con bassi salti H e alti valori per la portata Q. Pag. 13

14 Classificazione: Turbina Pelton, Francis, Kaplan Le turbine Francis e Kaplan hanno una struttura che varia al variare di n s : Aumentando n s diminuisce la struttura centripeta della macchina. Ossia andando verso alte portate Q e bassi salti H la struttura della macchina tende all assiale. Le Francis coprono un ampio campo di utilizzo. Pag. 14

15 Turbine ad azione Sono macchine a grado di reazione nullo ( =0 ): p a il salto disponibile si converte in energia cinetica attraverso il distributore e la velocità di uscita, trascurando le perdite, si riduce al valore Torricelliano il rotore opera puramente ad azione, visto che è sottoposto ovunque alla pressione atmosferica solo una parte del rotore è investito dal flusso esiste una perdita dovuta alla quota parte di salto non sfruttata ( perdita secca ) H pa VA pa V0 Y ( ) ( ) 2g 2g g V 0, Y 0, V 2gH A V 2gH V out Torricelliana p a Pag. 15

16 Turbine Pelton Sono turbine ad azione costituite da un distributore (Spina Doble) e da una ruota (rotore). La ruota può essere montata sia in orizzontale che in verticale. Il numero dei distributori è variabile da uno a sei-otto. Il getto investe tangenzialmente la girante La macchina è in genere racchiusa in una cassa. Sono macchine adatte ad alte prevalenze e basse portate (bassi n s ). Distributore Ruota Pag. 16

17 Turbine Pelton Pag. 17

18 Turbine Pelton Pag. 18

19 La spina Doble è in grado di regolare la portata di acqua alla ruota con perdite minime. Turbine Pelton: Spina Double Variando la posizione assiale della spina, si varia la sezione anulare di passaggio e quindi la portata. Ne consegue una regolazione della potenza fornita dalla macchina. Per variazioni brusche di portata si fa ricorso al tegolo deviatore. Tale organo devia il getto di acqua ed impedisce che questa colpisca la ruota cedendo potenza. Pag. 19

20 Turbine Pelton: Distributore a spirale Pag. 20

21 Turbine Pelton: Distributore a spirale Pag. 21

22 Turbine Pelton: ruota Pag

23 Turbine Pelton: ruota Pag. 23

24 Turbine Cross-Flow (Banki-Mitchell) Sono macchine molto semplici e poco costose. Non necessitano di particolare manutenzione. Sono adatte ad impieghi per piccole potenze. Pag. 24

25 Ossberger Progettata nel 1903 dall Ing.MITCHELL Chiamata anche BANKI od A FLUSSO INCROCIATO Il campo di impiego si sovrappone a quello della Pelton, Francis e Kaplan: salti tra 1 e 500 m l acqua immessa dal distributore sulla periferia esterna della ruota agisce una prima volta sulle pale e prosegue poi attraversando la parte centrale, aperta, della ruota per esercitare una seconda azione di spinta sul lato opposto; dopo questa seconda fase l acqua finisce nel canale di scarico Pag. 25

26 Ossberger ruota caratterizzata da un notevole sviluppo longitudinale e divisa in due o più sezioni mediante particolari accorgimenti, il distributore a seconda della sua apertura interessa al funzionamento le sole sezioni della ruota che permettono di ottenere il massimo rendimento, che quindi risulta piuttosto alto a tutti i carichi in alcuni casi tubo diffusore conico per creare p < p atm nella camera dove si trova la turbina z tra asse ruota e livello dell acqua non risulta inutilizzabile come nelle classiche turbine ad azione Si sfruttano salti molto bassi (qualche m) Pag. 26

27 Turgo Per salti fra 50 e 250 metri Simile alle Pelton, ma la pala è molto diversa il getto d acqua colpisce la girante formando un angolo di circa 20 con il piano della girante stessa; il flusso d acqua entra nella girante da una parte e ne riesce dalla parte opposta fortemente deviato diametri molto piccoli, se confrontati con gli altri modelli, e di conseguenza da velocità di rotazione molto alte rendono possibile l accoppiamento diretto del generatore elettrico con l asse della turbina Difetti rendimenti minori rispetto alla Pelton necessario l utilizzo di cuscinetti reggispinta assiali Scarsamente impiegata Pag. 27

28 Turbine a Reazione Sono macchine a grado di reazione non nullo ( 0 ): il salto disponibile si converte parzialmente in energia cinetica attraverso il distributore la girante, a differenza delle macchine ad azione, è completamente immersa nel flusso ed a cavallo di essa esiste un preciso salto di pressione: questo fatto permette il recupero della perdita secca (figura B seguente) consente inoltre di far scaricare la turbina ad una pressione inferiore a quella atmosferica utilizzando un diffusore (figura C seguente). Così facendo aumenta la potenza specifica erogata Pag. 28

29 Diffusore di scarico Caso A: viene persa l energia cinetica allo scarico nonché il dislivello scarico pelo libero Caso B: viene persa l energia cinetica allo scarico Caso C: viene ridotta la perdita di energia cinetica con un diffusore Pag. 29

30 Diffusore di scarico Pag. 30

31 Turbine Francis Sono turbine molto diffuse per dislivelli fino a circa 500 m. Il grado di reazione e quindi il loro sviluppo asso-radiale varia con n s. Pag. 31

32 Turbine Francis Voluta Girante Palettature regolabili Pag. 32

33 Turbine Francis: Regolazione Pag. 33

34 Turbine Francis: Girante E una girante centripeta. Il numero di pale varia da 8 a 20. All aumentare del numero di giri specifico si nota; diminuzione numero di pale riduzione sviluppo radiale aumento distanza tra statore e rotore Pag. 34

35 Turbine Kaplan Il grado di reazione è piuttosto elevato (~0.7). Il numero di pale della girante è compreso tra 3 e 7. Le pale del distributore sono in genere orientabili. Le pale della girante possono essere dotate di meccanismi per la regolazione del calettamento (passo variabile, Kaplan) Pag. 35

36 Turbine Kaplan Girante Kaplan con palettature a calettamento variabile Pag. 36

37 Pag. 37

38 Turbine Kaplan: Regolazione Le turbine Kaplan sono costruite con palettature a calettamento variabile sia per le parti statoriche che per le parti rotoriche. Per piccoli impianti si utilizza il calettamento variabile o sul rotore o sullo statore. Per potenze impegnative si preferisce il calettamento variabile sia del distributore che delle pale della girante. Curva di funzionamento al variare del calettamento Pag. 38

39 Turbine Kaplan: Regolazione A partire dalle curve Q, e Q,H si ottiene il diagramma collinare di funzionamento. Dove; Q 11 = portata volumetrica macchina D=1m, H=1m n s11 = numero giri specifico macchina D=1m, H=1m Diagramma collinare ottenuto con distributore fisso ( D ) e variando il calettamento delle pale ruota ( R ) Pag. 39

40 Turbine Kaplan: Regolazione Per ogni calettamento del distributore si costruisce un diagramma collinare variando il calettamento delle pale girante. Ripetendo il procedimento per più angoli del distributore si ottengono diversi diagrammi collinari. Il loro inviluppo (coniugazione ruota) ci da il diagramma collinare completo della macchina con indicazione degli angoli di calettamento ottimali. Dove; Q 11 = portata volumetrica macchina D=1m, H=1m n s11 = numero giri specifico macchina D=1m, H=1m Diagramma collinare ottenuto variando il calettamento del distributore ( D ) e delle pale ruota ( R ) Pag. 40

41 Turbine a Bulbo Sono macchine molto diffuse per dislivelli inferiori ad i 10 m. L alternatore è contenuto in un bulbo completamente immerso in acqua. In questo tipo di macchina il tubo diffusore ha un ruolo di fondamentale importanza. Pag. 41

42 Turbine a Bulbo Distributore girante Pag. 42

43 Scelta Salto Netto Si deve stimare l andamento del salto lordo al variare della portata Per basse cadute diminuisce significativamente all aumentare della portata Si valutano le perdite e la quota di restituzione Salto Netto Tipo di Turbina Campo di variazione del salto (in metri) Kaplan e ad Elica 2-80 Francis Pelton Ossberger (Mitchell - Banki) Turgo Pag. 43

44 H [m] Scelta - Portata - Dipartimento di Ingegneria Industriale Firenze - Q [m 3 /s] Pag. 44

45 Pag. 45

46 Scelta Velocità di fuga Ogni girante è caratterizzata da un valore massimo della velocità di fuga velocità massima che la girante può sostenere nel caso che il carico elettrico al generatore sia nullo a seconda del tipo di turbina, questo valore può variare tra 2 e 3 volte la velocità di rotazione in condizioni nominali Tipo di Turbina velocità di rotazione n velocità di fuga n max /n Kaplan a singola regolazione Kaplan a doppia regolazione Francis Pelton Cross flow Turgo Pag. 46

47 Turbina Pelton 1 getto 2 getti 4 getti Spiral Francis otto modelli con (con voluta a spirale) differenti velocità specifiche Open-flume Francis (senza voluta a spirale) F92 F97 Sommario Salto (metri) - Dipartimento di Ingegneria Industriale Firenze - Portata (m 3 /s) Potenza (kw) fino a 10 MW fino a 10 MW max Cut-off (in %) fino a 2 MW Turbine assiali tubolari (TAT) doppia reg. semplice reg fino a 10 MW Turbine a Bulbo doppia reg. (PIT) semplice reg. (girante) semplice reg. (distributore) Turbine ad S doppia reg. semplice reg. (girante) semplice reg. (distributore) fino a 4 MW fino a 15 MW Pag. 47

48 Sito per Scaricare le Presentazioni del Corso Pag. 48

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO POLITECNICO DI TORINO II Facoltà di Ingegneria - Vercelli - LE CARATTERISTICHE FUNZIONALI E I PROBLEMI DI ESERCIZIO DELLE MACCHINE IDRAULICHE Corso di Infrastrutture Idrauliche I LE CARATTERISTICHE FUNZIONALI

Dettagli

LE CARATTERISTICHE FUNZIONALI DEGLI IMPIANTI IDROELETTRICI

LE CARATTERISTICHE FUNZIONALI DEGLI IMPIANTI IDROELETTRICI LE CARATTERISTICHE FUNZIONALI DEGLI IMPIANTI IDROELETTRICI Argomenti trattati: 1 - Generalità di un impianto idroelettrico. 2 - Descrizione delle turbine idrauliche. 3 - Il tubo aspiratore-diffusore Introduzione

Dettagli

MACCHINE Lezione 9 Turbine Idrauliche II Francis e Kaplan

MACCHINE Lezione 9 Turbine Idrauliche II Francis e Kaplan MACCHINE Lezione 9 Turbine Idrauliche II Francis e Kaplan Dr. Paradiso Berardo Laboratorio Fluidodinamicadelle delle Macchine Dipartimento di Energia Politecnico di Milano Turbine a reazione generalità

Dettagli

L IMPRESA. AC-TEC in breve

L IMPRESA. AC-TEC in breve L IMPRESA L impresa familiare AC-TEC è specializzata nella produzione di turbine ad acqua individualizzate e la specifica tecnica di controllo L azienda è localizzata in Caldaro/Alto Adige. La gran parte

Dettagli

Esercizi di Macchine a Fluido

Esercizi di Macchine a Fluido Università degli Studi di Udine Facoltà di Ingegneria Esercizi di Macchine a Fluido a cura di L. Casarsa Esercizi proposti nelle prove scritte dell esame di Macchine I e II modulo dai docenti G.L Arnulfi,

Dettagli

Kaplan? Perché no! Impianti su traversa in territori montani

Kaplan? Perché no! Impianti su traversa in territori montani Kaplan? Perché no! Impianti su traversa in territori montani Idroelettrico. Risorsa per il Territorio? Verbania 19 Settembre 2013 Montagna: regno di pelton e francis Impianti ad alta caduta Opera di presa

Dettagli

4. Esercitazione 4: Dimensionamento del primo stadio di un compressore assiale

4. Esercitazione 4: Dimensionamento del primo stadio di un compressore assiale 4. Esercitazione 4: Dimensionamento del primo stadio di un compressore assiale Lo scopo della presente esercitazione è il dimensionamento del primo stadio di un compressore assiale. Con riferimento alla

Dettagli

Componenti del gruppo:

Componenti del gruppo: Area progetto a.s. 2010/11: Progettazione di un impianto mini-idroelettrico; Studio della turbina. Componenti del gruppo: Spanevello Enrico Finozzi Andrea Locallo Luca Mioni Davide Relazione tecnica e

Dettagli

POMPE A PALETTE Introduzione

POMPE A PALETTE Introduzione POMPE A PALETTE Introduzione Architettura Caratteristiche di Funzionamento Calcolo della Cilindrata Bilanciamento Idraulico Pompe a Palette 1 SCHEMA BASE Il rotore è un tamburo circolare che ruota all

Dettagli

Pompe Centrifughe - 1

Pompe Centrifughe - 1 Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Meccanica A.A. 2009/2010 II Periodo di lezione Corso di: Macchine B Docente: Prof. Stefano Fontanesi Pompe Centrifughe

Dettagli

Corso di Macchine a Fluido

Corso di Macchine a Fluido Università degli Studi di Udine Facoltà di Ingegneria Corso di Macchine a Fluido a cura di P. Pinamonti, L. Casarsa 1 Nota introduttiva Il presente testo è stato redatto sulla base degli appunti delle

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE IMPIANTO IDROELETTRICO SALBERTRAND - CHIOMONTE

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE IMPIANTO IDROELETTRICO SALBERTRAND - CHIOMONTE PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE IMPIANTO IDROELETTRICO SALBERTRAND - CHIOMONTE a cura di: Titolo: RELAZIONE TECNICA E DI DIMENSIONAMENTO DELLE MACCHINE IDRAULICHE Revisioni: N Descrizione Data 0 EMISSIONE

Dettagli

Dispensa N. 11. Idroelettrico

Dispensa N. 11. Idroelettrico UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Dispensa N. 11 Idroelettrico Corso di Gestione delle Risorse Energetiche A.A. 2011/2012 D.E.TE.C - Dipartimento di Energetica, TErmofluidodinamica applicata

Dettagli

Esercitazione 3. Esercizio 1

Esercitazione 3. Esercizio 1 Esercitazione 3 Esercizio 1 Una pompa centrifuga opera con velocità di rotazione n d = 1450 rpm. Al punto di massimo rendimento la pompa elabora una portata volumetrica pari a V d = 0.153 m 3 /s di acqua,

Dettagli

Esercizi sulle Macchine Operatrici Idrauliche

Esercizi sulle Macchine Operatrici Idrauliche Esercizi sulle Macchine Operatrici Idrauliche 17 CAVITAZIONE POMPE (Appello del 06.12.02, esercizio N 1) Testo Una pompa invia una portata Q = 16 dm 3 /s di acqua ad un serbatoio sopraelevato di 8 m. In

Dettagli

Studio di massima di un sistema di sovralimentazione di un motore diesel turbocompound basato su turbina Allison 250-C18

Studio di massima di un sistema di sovralimentazione di un motore diesel turbocompound basato su turbina Allison 250-C18 ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA DI BOLOGNA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA MECCANICA Studio di massima di un sistema di sovralimentazione di un motore diesel turbocompound basato su

Dettagli

Acqua e vento. La generazione diretta di energia elettrica

Acqua e vento. La generazione diretta di energia elettrica Acqua e vento La generazione diretta di energia elettrica La conversione meccanico elettrica Principio induzione elettromagnetica: muovendo un filo elettrico all interno di un campo elettromagnetico si

Dettagli

Esercitazione 2 Ciclo a vapore a recupero

Esercitazione 2 Ciclo a vapore a recupero Esercitazione 2 Ciclo a vapore a recupero Lo scopo di questa esercitazione è la progettazione di un ciclo a recupero: l impianto è composto da un ciclo a vapore ad un livello di pressione che utilizza

Dettagli

Esercizi di base sulle turbine idrauliche

Esercizi di base sulle turbine idrauliche Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria - sede di Modena Corso di Turbomacchine e Oleodinamica prof. Giuseppe Cantore Esercizi di base sulle turbine idrauliche Water, water,

Dettagli

2.3.4 Le Pompe Volumetriche Alternative

2.3.4 Le Pompe Volumetriche Alternative proprio punto di flesso, anche brusco, che è causato dal fenomeno dello stallo. Al diminuire della portata sotto il punto di stallo la prevalenza tende ad aumentare poiché la corrente, separata dalle pale,

Dettagli

Energia Idroelettrica

Energia Idroelettrica Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corsi di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica Corso di Impatto ambientale Modulo Pianificazione Energetica prof. ing. Francesco Asdrubali

Dettagli

Micro Centrali Idroelettriche per il Recupero di Energia nelle Reti Idriche

Micro Centrali Idroelettriche per il Recupero di Energia nelle Reti Idriche Micro Centrali Idroelettriche per il Recupero di Energia nelle Reti Idriche Ing. Daniele Rosati PhD on Electrical Engineering MCM Energy Lab Srl Laboratorio di Elettronica di Potenza per l Efficienza Energetica

Dettagli

MACCHINE Lezione 8 Impianti idroelettrici e Turbine Idrauliche

MACCHINE Lezione 8 Impianti idroelettrici e Turbine Idrauliche MACCHINE Lezione 8 Impianti idroelettrici e Turbine Idrauliche Dr. Paradiso Berardo Laboratorio Fluidodinamicadelle delle Macchine Dipartimento di Energia Politecnico di Milano Generalità Impianti idroelettrici

Dettagli

Lecture 18. Text: Motori Aeronautici Mar. 26, Mauro Valorani Università La Sapienza. Analisi dimensionale delle turbomacchine

Lecture 18. Text: Motori Aeronautici Mar. 26, Mauro Valorani Università La Sapienza. Analisi dimensionale delle turbomacchine Lecture 18 Analisi Text: Motori Aeronautici Mar. 26, 2015 Analisi Mauro Valorani Università La Sapienza 18.331 Agenda Analisi 1 Numero di giri e 18.332 Analisi L analisi e il confronto tra le turbomacchine

Dettagli

Dimensionamento di massima di una Turbina Pelton

Dimensionamento di massima di una Turbina Pelton Facoltà di Ingegneria - sede di Modena Corso di Macchine C prof. Giuseppe Cantore Dimensionamento di massima di una Turbina Pelton Lunga è la strada dei precetti, breve ed efficace quella degli esempi.

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE. Macchine operatrici termiche

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE. Macchine operatrici termiche UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE Macchine operatrici termiche Compressori volumetrici alternativi Il compressore alternativo è costituito da un pistone che scorre all'interno

Dettagli

Applicazioni idroelettriche su salti bassi e variabili

Applicazioni idroelettriche su salti bassi e variabili Sfruttamenti idroelettrici su bassi salti Giovedì 8 Maggio 2014, Bolzano Applicazioni idroelettriche su salti bassi e variabili Ing. Alberto Santolin - Tamanini Hydro S.r.l. - Italy Applicazioni idroelettriche

Dettagli

Centrali di pompaggio

Centrali di pompaggio Centrali di pompaggio Alberto Berizzi, Dipartimento di Elettrotecnica Politecnico di Milano 1 Pompaggio Accumulo in serbatoio dell acqua prelevata da un bacino a quota inferiore Produzione di energia pregiata

Dettagli

Turbine idrauliche 1/8. Classificazione

Turbine idrauliche 1/8. Classificazione Classificazione Turbine idrauliche 1/8 Una turbina è una macchina che estrae energia da un fluido in possesso di un carico idraulico sufficientemente elevato. Tale carico (o caduta) è generato dal dislivello

Dettagli

Studio di massima del comportamento in regime di off- design di un compressore per motore aereonautico

Studio di massima del comportamento in regime di off- design di un compressore per motore aereonautico Università degli studi di Bologna FACOLTA DI INGEGNERIA Tesi in disegno tecnico industriale Studio di massima del comportamento in regime di off- design di un compressore per motore aereonautico Candidato

Dettagli

ABB SACE. Guida alla raccolta dati per applicazioni con pompe e ventilatori

ABB SACE. Guida alla raccolta dati per applicazioni con pompe e ventilatori ABB SACE Guida alla raccolta dati per applicazioni con pompe e ventilatori Le schede per la raccolta dei dati La compilazione dei campi standard SCHEDA PER POMPE Applicazione Codice identificativo app.

Dettagli

Studio di massima di un turbocompressore aeronautico ad alto rapporto di compressione

Studio di massima di un turbocompressore aeronautico ad alto rapporto di compressione Studio di massima di un turbocompressore aeronautico ad alto rapporto di compressione CANDIDATO Emidio Palestini RELATORE: Chiar.mo Prof. Luca Piancastelli Anno Accademico 2009-2010 Sessione III Obiettivi

Dettagli

La progettazione degli impianti di sollevamento acque con l utilizzo di azionamenti a velocità variabile

La progettazione degli impianti di sollevamento acque con l utilizzo di azionamenti a velocità variabile La progettazione degli impianti di sollevamento acque con l utilizzo di azionamenti a velocità variabile dott. ing. Salvatore Villani* * libero professionista, socio A.I.I. VARIAZIONE DELLA CURVA CARATTERISTICA

Dettagli

Soluzione Esame di Stato ITIS Termotecnica 2013 SVOLGIMENTO :

Soluzione Esame di Stato ITIS Termotecnica 2013 SVOLGIMENTO : Soluzione Esame di Stato ITIS Termotecnica 2013 SVOLGIMENTO : Come è noto, nella fase 3-4 del diagramma T-s di Rankine-Hirn sotto riportato, il fluido, dalla pressione vigente P2 e temperatura T3, si espande

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE DI UNA TURBINA RADIALE PER UN TURBOCOMPRESSORE AD ALTISSIMO RAPPORTO DI COMPRESSIONE. Tesi di Laurea di MATTEO ZACCARI

PROGETTO PRELIMINARE DI UNA TURBINA RADIALE PER UN TURBOCOMPRESSORE AD ALTISSIMO RAPPORTO DI COMPRESSIONE. Tesi di Laurea di MATTEO ZACCARI PROGETTO PRELIMINARE DI UNA TURBINA RADIALE PER UN TURBOCOMPRESSORE AD ALTISSIMO RAPPORTO DI COMPRESSIONE Tesi di Laurea di MATTEO ZACCARI Questo elaborato è parte integrante del progetto riguardante un

Dettagli

MACCHINE I DRAULICHE MANUALI TE~1'/ I C I MARZOCCO CASA EDITRICE MARZOCCO - FIRENZE. Con 188 illustrazioni ING. DANIELE ARI{S

MACCHINE I DRAULICHE MANUALI TE~1'/ I C I MARZOCCO CASA EDITRICE MARZOCCO - FIRENZE. Con 188 illustrazioni ING. DANIELE ARI{S MANUALI TE~1'/ I C I MARZOCCO COLLEZIONE DIRETTA DALL'ING-. MARIO PA TALEO ING. DANIELE ARI{S MACCHINE I DRAULICHE Con 188 illustrazioni CASA EDITRICE MARZOCCO - FIRENZE INDICE P refazione.....................

Dettagli

PRINCIPI BASE E TIPOLOGIE POMPE PRINCIPALI TIPOLOGIE DI GIRANTI

PRINCIPI BASE E TIPOLOGIE POMPE PRINCIPALI TIPOLOGIE DI GIRANTI PRINCIPI BASE E TIPOLOGIE POMPE PRINCIPALI TIPOLOGIE DI GIRANTI Che cos è una girante? La girante è il componente principale di una pompa centrifuga. Quando ruota una girante, genera la forza necessaria

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA ESAME DI STATO DI ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE (Lauree di primo livello D.M. 509/99 e D.M. 270/04 e Diploma Universitario) SEZIONE B - Seconda

Dettagli

PVE POMPE A PALETTE A CILINDRATA VARIABILE CON REGOLATORE DI PRESSIONE DIRETTO SERIE 10

PVE POMPE A PALETTE A CILINDRATA VARIABILE CON REGOLATORE DI PRESSIONE DIRETTO SERIE 10 14 110/104 ID PVE POMPE A PALETTE A CILINDRATA VARIABILE CON REGOLATORE DI PRESSIONE DIRETTO PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO Le pompe PVE sono pompe a palette a cilindrata variabile con regolatore di pressione

Dettagli

A) CRITERI UTILIZZATI PER LE SCELTE PROGETTUALI

A) CRITERI UTILIZZATI PER LE SCELTE PROGETTUALI RELAZIONE TECNICA DEL PROGETTO PER L'USO DELLE ACQUE DI RISULTA DAL DEPURATORE IN C/DA SILICA DI VIBO VALENTIA, AI FINI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA. A) CRITERI UTILIZZATI PER LE SCELTE PROGETTUALI

Dettagli

CAP.III.3 L'ENERGIA IDRAULICA.

CAP.III.3 L'ENERGIA IDRAULICA. CAP.III.3 L'ENERGIA IDRAULICA. III.3.1 ENERGIA IDRAULICA. La massa totale di acqua terrestre costituisce lo 0,025% di quella totale dell'intero pianeta con uno spessore medio degli oceani di circa 4 km.

Dettagli

1. Dimensionamento di massima di una pompa centrifuga

1. Dimensionamento di massima di una pompa centrifuga 1. Dimensionamento di massima di una pompa centrifuga In questa esercitazione ci si propone di effettuare il dimensionamento di massima di un pompa centrifuga per piombo fuso (alla temperatura di 400 C)

Dettagli

Camere di Combustione per Turbine a Gas

Camere di Combustione per Turbine a Gas Camere di Combustione per Turbine a Gas 1. Combustione: Concetti base 2. Descrizione Generale delle Camere di Combustione per Turbine a Gas 2. Formazione e Tecniche di Abbattimento degli Inquinanti 3.

Dettagli

Facoltà di Farmacia - Anno Accademico A 18 febbraio 2010 primo esonero

Facoltà di Farmacia - Anno Accademico A 18 febbraio 2010 primo esonero Facoltà di Farmacia - Anno Accademico 2009-2010 A 18 febbraio 2010 primo esonero Corso di Laurea: Laurea Specialistica in FARMACIA Nome: Cognome: Matricola Aula: Canale: Docente: Riportare sul presente

Dettagli

TECNOLOGIA e DISEGNO. Modulo E Unità 2. I flussi di energia H O E P L I HOEPLI. TeknoGraph. Caligaris Fava Tomasello

TECNOLOGIA e DISEGNO. Modulo E Unità 2. I flussi di energia H O E P L I HOEPLI. TeknoGraph. Caligaris Fava Tomasello TCNGA e DSGN Modulo Unità 2 flussi di energia 1 Modulo Unità 2 CNCTT D NRGA 2 energia esprime l attitudine di un corpo (o sistema fisico) a compiere lavoro. l lavoro è espresso dal prodotto della forza

Dettagli

Corso di Idraulica Agraria ed Impianti Irrigui

Corso di Idraulica Agraria ed Impianti Irrigui Corso di Idraulica Agraria ed Impianti Irrigui Docente: Ing. Demetrio Antonio Zema Lezione n. 6: Idrodinamica (parte seconda) Anno Accademico 0-0 0 Perdite di carico concentrate (o localizzate) Perdite

Dettagli

ALLEGATO C1 Classificazione degli impianti idroelettrici in base alla potenza

ALLEGATO C1 Classificazione degli impianti idroelettrici in base alla potenza ALLEGATO C1 Classificazione degli impianti idroelettrici in base alla potenza Classificazione Portata d acqua Salto lordo Potenza netta Piccola taglia < 10 m 3 /s < 50 m < 5 kw (pico centrali) < 100 kw

Dettagli

Diffusori ad effetto elicoidale termoregolabili KDA-DW-Q-T

Diffusori ad effetto elicoidale termoregolabili KDA-DW-Q-T Diffusori ad effetto elicoidale termoregolabili KDA-DW-Q-T I diffusori ad effetto elicoidale della serie KDA-DW-Q-T rappresentano una delle migliori soluzioni tecniche ed architettoniche per diffondere

Dettagli

Design di schiere nel piano interpalare

Design di schiere nel piano interpalare Lecture 15 nel Text: Motori Aeronautici Mar. 6, 015 nel Triangoli di Disegno di di Mauro Valorani Univeristà La Sapienza 15.79 Agenda nel 1 Triangoli di Triangoli di 3 Disegno di di Disegno di di 15.80

Dettagli

I D R O S T A T I C A

I D R O S T A T I C A I D R O S T A T I C A Caratteristiche stato liquido (descr.) FLUIDI Massa volumica (def. + formula) Volume massico (def. + formula) Peso volumico (def. + formula) Legame massa volumica - peso volumico

Dettagli

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INGEGNERIA INDUSTRIALE PROGRAMMA DEL CORSO DI MACCHINE (BOZZA 22/9/2014) DOCENTE Diego Micheli a.a.

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INGEGNERIA INDUSTRIALE PROGRAMMA DEL CORSO DI MACCHINE (BOZZA 22/9/2014) DOCENTE Diego Micheli a.a. CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INGEGNERIA INDUSTRIALE PROGRAMMA DEL CORSO DI MACCHINE (BOZZA 22/9/2014) 3 anno DOCENTE Diego Micheli a.a. 2014/15 0. INTRODUZIONE AL CORSO, CLASSIFICAZIONE DELLE MACCHINE

Dettagli

DLA Diffusori ad alette curve singolarmente orientabili

DLA Diffusori ad alette curve singolarmente orientabili Diffusori ad alette curve singolarmente orientabili Versioni -... (in alluminio estruso anodizzato naturale) - /1-O (con 1 direzione di mandata e con alette parallele al lato lungo) - /1-V (con 1 direzione

Dettagli

IL TAGLIO ORBITALE DELLE VITI SENZA FINE UNA TECNOLOGIA ECOSOSTENIBILE

IL TAGLIO ORBITALE DELLE VITI SENZA FINE UNA TECNOLOGIA ECOSOSTENIBILE IL TAGLIO ORBITALE DELLE VITI SENZA FINE UNA TECNOLOGIA ECOSOSTENIBILE Marco Benincasa (Benincasa Meccanica) Giampaolo Giacomozzi (Varvel SpA) Massimiliano Turci (Studio Tecnico Turci) Riduttori a vite

Dettagli

MACCHINE Lezione 6 Pompe idrauliche

MACCHINE Lezione 6 Pompe idrauliche MACCHINE Lezione 6 Pompe idrauliche Dr. Paradiso Berardo Laboratorio Fluidodinamicadelle delle Macchine Dipartimento di Energia Politecnico di Milano Generalità Unliquido accumulaenergia secondo tre forme

Dettagli

UGR Diffusore ad ugello orientabile per lunghe gittate

UGR Diffusore ad ugello orientabile per lunghe gittate Diffusore ad ugello orientabile per lunghe gittate Versioni - (standard) - -M (motorizzabile) I diffusori ad ugello orientabile sono stati studiati per ottenere lunghe gittate d aria con un livello di

Dettagli

Energia dal vento. Gli impianti eolici. Stefano DUGLIO Dipartimento di Management, Sezione di Scienze merceologiche

Energia dal vento. Gli impianti eolici. Stefano DUGLIO Dipartimento di Management, Sezione di Scienze merceologiche Energia dal vento Gli impianti eolici Il principio di funzionamento Le particelle del vento, muovendosi, posseggono una determinata energia cinetica. Tale energia può essere ceduta ad un mezzo interposto

Dettagli

GRANDEZZA POMPA Portata (a 1500 giri/min con p = 3.5 bar ) l/min 10 16, ,3. Velocità di rotazione giri/min min max 1800

GRANDEZZA POMPA Portata (a 1500 giri/min con p = 3.5 bar ) l/min 10 16, ,3. Velocità di rotazione giri/min min max 1800 14 110/211 ID PVE POMPE A PALETTE A CILINDRATA VARIABILE CON REGOLATORE DI PRESSIONE DIRETTO PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO Le pompe PVE sono pompe a palette a cilindrata variabile con regolatore di pressione

Dettagli

Progettazione e realizzazione di un albero per un gruppo di sovralimentazione per uso aeronautico

Progettazione e realizzazione di un albero per un gruppo di sovralimentazione per uso aeronautico Progettazione e realizzazione di un albero per un gruppo di sovralimentazione per uso aeronautico Questo lavoro si inserisce nel progetto di un sistema di sovralimentazione ad altissimo rapporto di compressione

Dettagli

PIANIFICAZIONE ENERGETICA DI UN COMUNE DI PICCOLE DIMENSIONI

PIANIFICAZIONE ENERGETICA DI UN COMUNE DI PICCOLE DIMENSIONI Tesi di laurea in INGEGNERIA ENERGETICA PIANIFICAZIONE ENERGETICA DI UN COMUNE DI PICCOLE DIMENSIONI RELATORE : PROF. PAOLO COPPA A. A. 2014-2015 CORRELATORE: ING. ANTONIO MORETTI CANDIDATO: ANDREA BENIGNI

Dettagli

Impianti in Sardegna impianto consortile di Villacidro (R.S.U. fanghi di depurazione) NATURA & AMBIENTE Modulo: Energie Rinnovabili

Impianti in Sardegna impianto consortile di Villacidro (R.S.U. fanghi di depurazione) NATURA & AMBIENTE Modulo: Energie Rinnovabili Impianti in Sardegna impianto consortile di Villacidro (R.S.U. fanghi di depurazione) Impianti in Sardegna bilancio L energia idroelettrica Molti esperti hanno convenuto nell affermare che il territorio

Dettagli

Sez 3c DETTAGLI COSTRUTTIVI E FUNZIONALI. 25 febbraio 2016 dalle ore alle ore 19.00

Sez 3c DETTAGLI COSTRUTTIVI E FUNZIONALI. 25 febbraio 2016 dalle ore alle ore 19.00 Sez 3c DETTAGLI COSTRUTTIVI E FUNZIONALI 25 febbraio 2016 dalle ore 14.00 alle ore 19.00 c/o Sala Consiglio del Dipartimento di Energia Politecnico di Milano Unità cinetica o PGM L unità cinetica è un

Dettagli

CENTRALE DI MONFALCONE PORTO

CENTRALE DI MONFALCONE PORTO CENTRALE DI MONFALCONE PORTO Rifacimento Centrale Giugno 2011 Indice L Azienda Il Canale Dottori La Centrale di Monfalcone Porto Caratteristiche peculiari della centrale Coniugazione pale - giri Il Generatore

Dettagli

Corso di Energetica A.A. 2013/2014

Corso di Energetica A.A. 2013/2014 Corso di Energetica A.A. 2013/2014 Energia Eolica Parte Quinta Prof. Ing. Renato Ricci Dipartimento di Ingegneria Industriale e Scienze Matematiche Università Politecnica delle Marche 1 Prestazioni delle

Dettagli

Copyleft elettrix01. Relazione sui Riduttori

Copyleft elettrix01. Relazione sui Riduttori Relazione sui Riduttori Svolgimento Prova La prova consiste nel ricavare il rendimento di due tipi di riduttori: Un riduttore a rotismo ordinario Un riduttore a ruota elicoidale e vite senza fine Il riduttore

Dettagli

Corso di Idraulica Agraria ed Impianti Irrigui

Corso di Idraulica Agraria ed Impianti Irrigui Corso di Idraulica graria ed Impianti Irrigui Docente: Ing. Demetrio ntonio Zema Lezione n. 8: Foronomia nno ccademico 2011-2012 2012 1 Generalità La foronomia studia l'efflusso di una corrente liquida

Dettagli

Esercitazione Dimensionamento di una micro turbina eolica

Esercitazione Dimensionamento di una micro turbina eolica DTI / ICIMSI / RODURRE ENERGIA CON IL VENTO - ESERCITAZIONE 1 Esercitazione Dimensionamento di una micro turbina eolica Corso: rodurre energia con il vento - DACD SUSI Maurizio Barbato ; Davide Montorfano

Dettagli

diffusione Diffusori a soffitto ad alta induzione INDUDRALL

diffusione Diffusori a soffitto ad alta induzione INDUDRALL Diffusori a soffitto ad alta induzione wwwsagicofimcom info@sagicofimcom Piastra frontale quadrata serie SQ Piastra frontale circolare serie S modello dimensioni mm modello dimensioni mm portata d aria

Dettagli

DLIB Diffusori lineari a feritoie ad alta induzione con deflettore regolabile

DLIB Diffusori lineari a feritoie ad alta induzione con deflettore regolabile ad alta induzione con deflettore regolabile senza cornice ad alta induzione con deflettore regolabile con cornice Versioni - 0 (larghezza deflettore 0 mm senza cornice) - 0...n... (n =,,..., = n di feritoie)

Dettagli

UGELLO A GETTO A LAMA tipo L / LB

UGELLO A GETTO A LAMA tipo L / LB UGELLO A GETTO A LAMA tipo L / LB Gli ugelli a lama d'acqua creano un getto orizzontale o verticale come un muro tagliafuoco. Utilizzati anche come effetto di raffreddamento. Disegnano sulle superficie

Dettagli

CAPITOLO 2 CICLO BRAYTON TURBINE A GAS

CAPITOLO 2 CICLO BRAYTON TURBINE A GAS CAPITOLO 2 CICLO BRAYTON TURBINE A GAS 1 CICLO BRAYTON IL CICLO TERMODINAMICO BRAYTON E COMPOSTO DA QUATTRO TRASFORMAZIONI PRINCIPALI (COMPRESSIONE, RISCALDAMENTO, ESPANSIONE E RAFFREDDAMENTO), PIÙ ALTRE

Dettagli

Energia Elettrica da Fonte Eolica

Energia Elettrica da Fonte Eolica Energia Elettrica da Fonte Eolica La potenza eolica installata nel mondo alla fine del 01 è pari a 8.6 GW (+44.8 GW nel 01 (+18.8 %)) La potenza eolica installata in Italia alla fine del 01 è pari a 8.1

Dettagli

LA REGOLAZIONE DEGLI ATOMIZZATORI: PARAMETRI SUI QUALI INTERVENIRE E CRITERI DA SEGUIRE

LA REGOLAZIONE DEGLI ATOMIZZATORI: PARAMETRI SUI QUALI INTERVENIRE E CRITERI DA SEGUIRE LA REGOLAZIONE DEGLI ATOMIZZATORI: PARAMETRI SUI QUALI INTERVENIRE E CRITERI DA SEGUIRE REGOLAZIONE NON CORRETTA NO SI CONSEGUENZE Sovra o sottodosaggi Zone non trattate Spreco di prodotto Inquinamento

Dettagli

Sede operativa. Sede legale. Via F.lli Ceirano, 9 12100 Cuneo (Cn) - Italia. Corso Dante, 10 12100 Cuneo (Cn) - Italia. info@eplusplus.

Sede operativa. Sede legale. Via F.lli Ceirano, 9 12100 Cuneo (Cn) - Italia. Corso Dante, 10 12100 Cuneo (Cn) - Italia. info@eplusplus. Foto - archivio E++ Sede operativa Via F.lli Ceirano, 9 12100 Cuneo (Cn) - Italia Sede legale Corso Dante, 10 12100 Cuneo (Cn) - Italia info@eplusplus.net Tel +39 0171 413963 Fax +39 0171 414981 1 Hydro

Dettagli

Corso di Idraulica ed Idrologia Forestale

Corso di Idraulica ed Idrologia Forestale Corso di Idraulica ed Idrologia Forestale Docente: Prof. Santo Marcello Zimbone Collaboratori: Dott. Giuseppe ombino - Ing. Demetrio Zema Lezione n. 6: Teorema di ernoulli moto in condotta dei liquidi

Dettagli

il bello del minieolico E-15kW

il bello del minieolico E-15kW il bello del minieolico E-15kW Specifiche tecniche: Curva di Potenza: Potenza nominale 15 kw Diametro rotore 9 m Altezza 15-18-20 m Cut-in speed 3 m/s E-15kW: prestazioni elevate nel tempo Rated speed

Dettagli

M12 - Motori passo-passo.

M12 - Motori passo-passo. M12 - Motori passo-passo. I motori passo-passo convertono direttamente un'informazione numerica, costituita da impulsi elettrici di comando, in uno spostamento incrementale, costituito da un numero equivalente

Dettagli

Figura 1. Figura 2. B 170 m s.l.m.

Figura 1. Figura 2. B 170 m s.l.m. ESERIZIO 1 In un canale a sezione rettangolare, largo 4m, è inserito uno stramazzo azin. La portata massima nel canale è di 4.8 m 3 /s e a monte dello stramazzo l altezza complessiva della corrente non

Dettagli

Turbine parzialmente statiche Un breve riassunto

Turbine parzialmente statiche Un breve riassunto Turbine parzialmente statiche Un breve riassunto Hans Grassmann, Univ.di Udine, Dipartimento di Fisica La tecnica della turbine parzialmente statiche permette di aumentare la potenza di una turbina d acqua

Dettagli

COMPITO DI MECCANICA DEI FLUIDI del 12 gennaio 2007

COMPITO DI MECCANICA DEI FLUIDI del 12 gennaio 2007 OMPITO DI MENI DEI FLUIDI del 12 gennaio 2007 Docente TEM 1 0.5 m 1.0 m Δh ESERIZIO 1. Il serbatoio di figura, di profondità unitaria, contiene. La paratoia, incernierata in, è composta da due superfici

Dettagli

Corso di cooperazione Ingegneria Senza Frontiere Bari Politecnico di Bari, 6 lez. 07/06/2014. Energia eolica

Corso di cooperazione Ingegneria Senza Frontiere Bari Politecnico di Bari, 6 lez. 07/06/2014. Energia eolica Corso di cooperazione Ingegneria Senza Frontiere Bari Politecnico di Bari, 6 lez. 07/06/2014 Energia eolica Energia dal vento Velocità del vento (misurazione, distribuzione) Funzionamento: potenza e velocità;

Dettagli

ENERGIA IDROELETTRICA

ENERGIA IDROELETTRICA ENERGIA IDROELETTRICA Francesco Martelli -David Chiaramonti Ultimo aiornamento: 3 Maio 13 Versione: 1..6 Pa. 1 Indice - 1 Aromenti: Impianti Idraulici Equazione eneria per macchine idrauliche Potenza e

Dettagli

Capitolo IV: Valvole di Regolazione (Attuatori)

Capitolo IV: Valvole di Regolazione (Attuatori) SCPC Cap. I: alvole di Regolazione Capitolo I: alvole di Regolazione (Attuatori) I-1: Introduzione L attuatore ha il compito di realizzare sul processo l azione correttiva stabilita dal regolatore; nello

Dettagli

PRA - Unità di misurazione e regolazione. Halton PRA. Unità di misurazione e regolazione

PRA - Unità di misurazione e regolazione. Halton PRA. Unità di misurazione e regolazione Halton PRA Unità di misurazione e regolazione Unità per il bilanciamento, regolazione e misurazione portata La regolazione è manuale, senza bisogno di attrezzi La misurazione precisa della portata si basa

Dettagli

Modello dinamico non lineare monodimensionale per la simulazione del pompaggio in un compressore assial-centrifugo INTRODUZIONE

Modello dinamico non lineare monodimensionale per la simulazione del pompaggio in un compressore assial-centrifugo INTRODUZIONE INTRODUZIONE L'impiego di programmi per la simulazione delle macchine è sempre più diffuso. Infatti, essi sono utilizzati sia in fase di progettazione di nuove macchine, sia per l'analisi dello stato di

Dettagli

Gruppo di distribuzione per colture arboree: ELI VOLPE

Gruppo di distribuzione per colture arboree: ELI VOLPE SERVIZIO DI ACCERTAMENTO DELLE CARATTERISTICHE FUNZIONALI E DELLA SICUREZZA DELLE MACCHINE AGRICOLE Gruppo di distribuzione per colture arboree: ELI VOLPE Centro prova: Ditta costruttrice: ELIVENT Srl

Dettagli

MC Bocchette di mandata per canali circolari con alette singolarmente orientabili

MC Bocchette di mandata per canali circolari con alette singolarmente orientabili Bocchette di mandata per canali circolari con alette singolarmente orientabili Versioni - D/V (a doppio filare di alette anteriore verticale, posteriore orizzontale, in alluminio anodizzato) - D/O (a doppio

Dettagli

Fresatura. LIUC - Ingegneria Gestionale 1

Fresatura. LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Fresatura LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Fresatura È un operazione che consente di realizzare in generale: Superfici piane Scanalature e cave di forma semplice e complessa Denti di ruote dentate Per fresare

Dettagli

Fondamenti di idraulica stramazzi e idrometria

Fondamenti di idraulica stramazzi e idrometria Corso di Laurea in Tecnologie Forestali e Ambientali Idrologia e Sistemazioni Idraulico-Forestali Fondamenti di idraulica stramazzi e idrometria Giancarlo Dalla Fontana Università di Padova A.A. 2013/2014

Dettagli

Produzione di energia elettrica

Produzione di energia elettrica Produzione di energia elettrica LE CENTRALI IDROELETTRICHE Classe 3 Ael a.s. 2011-2012 la dispensa si trova sul sito www.webalice.it/s.pollini nella sezione scuola www.webalice.it/s.pollini 1 L energia

Dettagli

Problemi di Fisica per l ammissione alla Scuola Galileiana Problema 1

Problemi di Fisica per l ammissione alla Scuola Galileiana Problema 1 Problemi di Fisica per l ammissione alla Scuola Galileiana 2015-2016 Problema 1 Un secchio cilindrico di raggio R contiene un fluido di densità uniforme ρ, entrambi ruotanti intorno al loro comune asse

Dettagli

Meccanica dei Fluidi: statica e dinamica

Meccanica dei Fluidi: statica e dinamica Meccanica dei Fluidi: statica e dinamica Stati della materia (classificazione assai approssimativa!) Solido: ha una forma propria, poco compressibile, alta densità Liquido: non ha una forma propria, poco

Dettagli

POWER QUALITY ED IMMISSIONE IN RETE DI ENERGIA DA FONTE RINNOVABILE. RELATORE: GIORDANO TORRI v.le Sarca 336 Milano www. asiansaldo.

POWER QUALITY ED IMMISSIONE IN RETE DI ENERGIA DA FONTE RINNOVABILE. RELATORE: GIORDANO TORRI v.le Sarca 336 Milano www. asiansaldo. POWER QUALITY ED IMMISSIONE IN RETE DI ENERGIA DA FONTE RINNOVABILE RELATORE: GIORDANO TORRI v.le Sarca 336 Milano www. asiansaldo.com Indice degli argomenti 1) La Compatibilità EMC, disturbi condotti

Dettagli

Hydroalp è un idea, un desiderio di mettere al tuo servizio la nostra competenza e professionalità per realizzare i tuoi progetti. Quello che Hydroalp ti offre è un azienda solida, in grado di seguirti

Dettagli

Diffusore circolare vorticoso a geometria variabile LD / LD-Q pag. A-19

Diffusore circolare vorticoso a geometria variabile LD / LD-Q pag. A-19 pag. A-9 Descrizione Diffusore circolare vorticoso a geometria variabile per installazione a soffitto. Il meccanismo integrato nel mozzo consente di regolare simultaneamente l inclinazione delle alette

Dettagli

REGOLATORI DI PORTATA

REGOLATORI DI PORTATA Regolatori a Portata Costante Circolare Regolatori a Portata Costante Rettangolare Regolatore a Portata Variabile Circolare Regolatore a Portata Variabile Rettangolare condizionamento - riscaldamento -

Dettagli

PROIEZIONI ORTOGONALI: SEZIONI CONICHE

PROIEZIONI ORTOGONALI: SEZIONI CONICHE www.aliceappunti.altervista.org PROIEZIONI ORTOGONALI: SEZIONI CONICHE 1) PREMESSA: Il cono è una superficie generata da una retta con un estremo fisso e l altro che ruota. La retta prende il nome di GENERATRICE.

Dettagli

Fondamenti di Meccanica Esame del

Fondamenti di Meccanica Esame del Politecnico di Milano Fondamenti di Meccanica Esame del 0.02.2009. In un piano verticale un asta omogenea AB, di lunghezza l e massa m, ha l estremo A vincolato a scorrere senza attrito su una guida verticale.

Dettagli

MISURE DI RUMORE ALL INTERNO DI ABITAZIONI PRODOTTO DAL FUNZIONAMENTO DI TURBINE EOLICHE

MISURE DI RUMORE ALL INTERNO DI ABITAZIONI PRODOTTO DAL FUNZIONAMENTO DI TURBINE EOLICHE Associazione Italiana di Acustica 41 Convegno Nazionale Pisa, 17-19 giugno 2014 MISURE DI RUMORE ALL INTERNO DI ABITAZIONI PRODOTTO DAL FUNZIONAMENTO DI TURBINE EOLICHE Gino Iannace, Amelia Trematerra

Dettagli

il bello del minieolico

il bello del minieolico il bello del minieolico E15kW E20kW E25kW il bello del minieolico Affidabilità, innovazione e design a servizio del vento Eolicar è un azienda specializzata nella produzione di aerogeneratori minieolici.

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì ELEMENTI DI IDRAULICA AGGIORNAMENTO 26/11/2013

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì ELEMENTI DI IDRAULICA AGGIORNAMENTO 26/11/2013 Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì ELEMENTI DI IDRAULICA AGGIORNAMENTO 26/11/2013 L'idraulica è la scienza che studia l'utilizzazione dei

Dettagli