Capitolo 15. Costruzioni

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 15. Costruzioni"

Transcript

1 Capitolo 15 Costruzioni

2

3 15. Costruzioni Per saperne di più... ISTAT. I.stat: il tuo accesso diretto alla statistica italiana. Roma. A partire dal 2012 l Istat ha ulteriormente ampliato l informazione congiunturale sul settore delle costruzioni. Si aggiungono, infatti, all indicatore di produzione delle costruzioni, già diffuso a cadenza mensile a partire da gennaio 2011, le stime trimestrali degli indicatori sui permessi di costruire, per lungo tempo monitorati al fine di valutarne l affidabilità. Le serie trimestrali del numero di abitazioni, delle relative superfici utili e della superficie dell edilizia non residenziale sono ora disponibili dal primo trimestre del 2000 al quarto trimestre del Completano il quadro informativo le statistiche strutturali sui permessi di costruire che offrono un ampio e articolato patrimonio informativo sulle caratteristiche dei fabbricati residenziali, su quelli non residenziali e sulle abitazioni. Indici di produzione per il settore delle costruzioni Per saperne di più... ISTAT. Produzione nelle costruzioni: maggio Roma: (Comunicato stampa, 18 luglio). L indicatore della produzione delle costruzioni, previsto dal regolamento del Consiglio europeo n. 1165/98 sulle statistiche congiunturali, è calcolato con una metodologia di tipo indiretto: l andamento dell output viene stimato a partire da misure dell evoluzione degli input produttivi (le ore lavorate, gli input intermedi e il capitale fisico), sulla base della funzione di produzione del settore. La stima della relazione che intercorre tra la dinamica dell output e quella degli input del processo produttivo è effettuata a partire dai dati elementari di impresa riferiti al La politica di diffusione prevede che con la pubblicazione del dato relativo al mese di riferimento venga operata la revisione di quello riguardante il mese precedente. In particolare i dati della Figura 15.1, riportati nella Tavola 15.1, sono stati diffusi con il comunicato stampa del 20 febbraio Figura 15.1 Indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni. Base 2005=100 - Anni G F M A M G L A S O N D G F M A M G L A S O N D Fonte: Indice di produzione delle costruzioni (E) 397

4 Annuario statistico italiano 2012 Nel 2011 l indice di produzione ha registrato ancora una variazione negativa rispetto all anno precedente. In particolare, l indice di produzione delle costruzioni, corretto per i giorni lavorativi, ha registrato una riduzione pari al -2,9 per cento. Tale variazione negativa tuttavia è più contenuta rispetto a quella riscontrata nel 2010 (-3,6 per cento). L indice di produzione destagionalizzato, dopo aver registrato una variazione negativa dell 1,9 per cento per il quarto trimestre 2010, ha segnato una variazione positiva per il primo trimestre dell anno 2011 (1,4 per cento). Le variazioni dei successivi trimestri del 2011 sono risultate sempre negative (rispettivamente -2,2 per cento, -1,3 per cento e -2,3 per cento). Indicatori trimestrali dei permessi di costruire La metodologia adottata per il rilascio dei dati trimestrali dei permessi di costruire rappresenta un classico esempio di applicazione di tecniche di benchmarking 1 attraverso le quali, per lo stesso fenomeno, si garantisce la coerenza tra due diverse fonti disponibili. In questo caso, le due fonti sono le stime trimestrali provenienti dalla rilevazione rapida dei permessi di costruire, che si avvale di un campione di Comuni e di uno stimatore per l espansione all universo dei dati congiunturali relativi al set di variabili e la rilevazione strutturale sui permessi di costruire che è totalitaria e coinvolge l universo dei Comuni a cui afferiscono tutti i titoli abilitativi a costruire relativi ai nuovi fabbricati e agli ampliamenti di quelli preesistenti. Il numero di abitazioni dei nuovi fabbricati residenziali cresce da unità, del primo trimestre 2000, fino ad un massimo di abitazioni che si raggiunge nel IV trimestre 2004 (Figura 15.2). Dal 2006 i valori decrescono accentuando questa tendenza dal I trimestre 2008, stabilizzandosi su livelli intorno alle abitazioni per trimestre a partire dal III trimestre 2009 fino al terzo trimestre 2011, mentre il quarto trimestre presenta un forte ridimensionamento del fenomeno scendendo a abitazioni. Figura 15.2 Numero di abitazioni dei nuovi fabbricati residenziali. I trimestre II trimestre 2011 (valori assoluti) I/2000 I/2001 I/2002 I/2003 I/2004 I/2005 I/2006 I/2007 I/2008 I/2009 I/2010 (a) I/2011 (a) Fonte: Rilevazione statistica rapida dei permessi di costruire (R) (a) Dati provvisori. La dinamica per la superficie utile abitabile delle abitazioni dei nuovi fabbricati residenziali (Figura 15.3) è simile a quella registrata per le relative abitazioni: cresce dal 2000 fino a tutto il 2005, il massimo si ha nel IV trimestre 2004 con metri quadri, dal 2006 inizia un inversione di tendenza che porta il fenomeno ai metri quadri del I trimestre In lieve ripresa il livello dei tre trimestri successivi che, nel quarto 2010, raggiunge i metri quadri. Nel 2011 i dati si stabilizzano intorno ai metri quadri per poi subire un forte ridimensionamento nel quarto trimestre che scende a metri quadri. 1 Cfr. Istat. Indicatori permessi per costruire. Nota metodologica ( 398

5 15. Costruzioni La superficie dei fabbricati non residenziali (Figura 15.4) presenta incrementi consistenti dal 2000 al 2002, toccando il picco massimo nel II trimestre 2002 con metri quadri. Dal 2003, con l eccezione di una lieve ripresa nel 2004, la serie decresce fino a tutto il Il valore minimo in assoluto viene raggiunto nel I trimestre 2011 con metri quadri che è seguito dal risultato del quarto trimestre 2011 con metri quadri. Figura 15.3 Superficie utile abitabile delle abitazioni dei nuovi fabbricati residenziali. I trimestre II trimestre 2011 (valori assoluti in metri quadri) I/2000 I/2001 I/2002 I/2003 I/2004 I/2005 I/2006 I/2007 I/2008 I/2009 I/2010 (a) I/2011 (a) Fonte: Rilevazione statistica rapida dei permessi di costruire (R) (a) Dati provvisori Figura 15.4 Superficie dei fabbricati non residenziali. I trimestre II trimestre 2011 (valori assoluti in metri quadri) I/2000 I/2001 I/2002 I/2003 I/2004 I/2005 I/2006 I/2007 I/2008 I/2009 I/2010 (a) I/2011 (a) Fonte: Rilevazione statistica rapida dei permessi di costruire (R) (a) Dati provvisori 399

6 Annuario statistico italiano 2012 Permessi di costruire Per saperne di più... ISTAT. Statistiche sui permessi di costruire: Roma: (Tavole di dati, 1 agosto). La rilevazione dei permessi di costruire ha cadenza mensile e copertura totale e raccoglie informazioni sui progetti di fabbricati nuovi, residenziali e non residenziali, o di ampliamenti di fabbricati preesistenti, per i quali sia stato ritirato regolare permesso di costruire presso gli uffici comunali di competenza. Le trasformazioni e le ristrutturazioni di fabbricati già esistenti, che non comportano variazioni di volumi degli stessi, non rientrano nel campo di rilevazione. L unità di analisi è costituita dalla singola opera, rappresentata da un intero fabbricato nuovo, anche se demolito e interamente ricostruito, o dall ampliamento di un fabbricato preesistente. Poiché non tutte le amministrazioni comunali collaborano alla rilevazione, le informazioni raccolte sono sottoposte a una procedura di integrazione delle mancate risposte che rende possibile la costruzione di stime riferite all universo teorico dei rispondenti. Nel 2009 il 18,8 per cento dei Comuni ha collaborato parzialmente alla rilevazione, il 50,6 per cento ha collaborato per tutti e 12 i mesi e il 30,6 per cento non ha mai risposto. Il fenomeno della mancata risposta si differenzia, oltre che per il numero di mesi di collaborazione, anche per la dimensione demografica e per la posizione geografica dei comuni non rispondenti. Riguardo alla dimensione demografica, i comuni italiani possono essere suddivisi in due sottoinsiemi: (a) comuni non capoluogo con meno di 50 mila abitanti che, in termini di popolazione, corrispondono a 36,7 milioni di abitanti, pari al 63,6 per cento del totale nazionale; nel 2009, i comuni appartenenti a tale tipologia che hanno collaborato per 12 mesi sono stati il 49,9 per cento, quelli che hanno risposto parzialmente il 18,9 per cento, mentre quelli che non hanno risposto mai, il 31,1 per cento. (b) 160 comuni capoluogo di provincia e non capoluogo con più di 50 mila abitanti, che comprendono una popolazione di circa 21 milioni di abitanti (36,4 per cento del totale Italia); nel 2009, l 85,0 per cento di essi ha collaborato per 12 mesi, il 9,4 per cento parzialmente e il 5,6 per cento mai. La metodologia di imputazione dei dati mancanti è distinta per i due sottoinsiemi di comuni sopra definiti. Il metodo utilizzato per i comuni del primo sottoinsieme tiene conto dell importanza che essi assumono in termini di peso nella rilevazione e della loro elevata collaborazione complessiva. L integrazione dei dati mensili si basa su un analisi puntuale delle informazioni elementari, che conduce a individuare l insieme di record da utilizzare per l imputazione delle mancate risposte. In sintesi, i dati mensili mancanti sono imputati sulla base di quelli forniti dal medesimo comune per i mesi contigui o, in caso di ulteriori mancate risposte, nel medesimo mese di anni contigui. Nel caso dei comuni non capoluogo con popolazione inferiore a 50 mila abitanti, il metodo di integrazione dei dati mancanti è quello di imputazione mediante donatore che consente di imputare i dati a livello di comune e, allo stesso tempo, non porta a distorsioni significative nella distribuzione del fenomeno. Edilizia residenziale Nel 2009 sono stati ritirati permessi di costruire per nuovi fabbricati destinati ad uso prevalentemente abitativo (Tavola 15.3), con una riduzione del 22,5 per cento rispetto all anno precedente ( unità). Il volume complessivo dei nuovi fabbricati e degli ampliamenti registra un calo a livello nazionale del 22,7 per cento rispetto all anno precedente che già presentava una contrazione del 20,6 per cento (Prospetto 15.1). Le diminuzioni sono forti in tutte le ripartizioni geografiche, con il Nord che presenta un -21,7 per cento, il Centro -23,3 per cento e il Mezzogiorno -24,1 per cento. Prospetto 15.1 Permessi di costruire. Volume dei fabbricati residenziali nuovi e degli ampliamenti - Anni (volume in migliaia di metri cubi vuoto per pieno) CIRCOSCRIZIONI TERRITORIALI Valori assoluti Variazioni percentuali / /2008 Nord ,4-21,7 Centro ,4-23,3 Mezzogiorno ,5-24,1 ITALIA ,6-22,7 400

7 15. Costruzioni Per saperne di più... ISTAT. Fiducia delle imprese manifatturiere e costruzioni: maggio Roma: (Comunicato stampa, 28 maggio 2012). Nel 2009 continua la riduzione della dimensione media dei nuovi fabbricati (Prospetto 15.2). Il numero medio di abitazioni per fabbricato che nel 2008 era 4,7 diviene 4,5 nel Il volume medio passa da metri cubi nel 2008 a metri cubi del La superficie media dei fabbricati scende da 640 metri quadri nel 2008 a 625 metri quadri del Prospetto 15.2 Permessi di costruire. Fabbricati residenziali nuovi - Anni (valori medi) Media abitazioni (numero) Volume medio (m 3 v/p) Superfi cie totale media (m 2 ) , , , Il numero di abitazioni, relativo ai fabbricati residenziali nuovi, fa registrare nel 2009 un forte calo del 26,2 per cento, in valore assoluto il numero passa da nel 2008 a nel 2009 (Prospetto 15.3). Prospetto 15.3 Permessi di costruire. Abitazioni in fabbricati residenziali nuovi e loro principali caratteristiche - Anni (superficie utile abitabile in metri quadri) Abitazioni Superfi cie utile abitabile Valori medi Superfi cie Stanze utile abitabile Numero Stanze Accessori (a) Accessori (a) ,5 3,4 2, ,4 3,4 2, ,6 3,4 2,9 (a) Interni all abitazione. La superficie utile per unità abitativa, invece, aumenta da 74,4 metri quadri del 2008 a 75,6 metri quadri del 2009, confermando l inversione di tendenza prevalsa per molti anni antecedenti il Restano invariati il numero medio di stanze e quello degli accessori interni all abitazione (corridoi, bagni, ingressi eccetera) pari, rispettivamente, a 3,4 e a 2,9. Edilizia non residenziale I permessi di costruire per nuovi fabbricati e per ampliamenti destinati ad un utilizzo prevalentemente non abitativo presentano nel 2009 una forte flessione del volume (-24,8 per cento) e della corrispondente superficie (-23,8 per cento) (Prospetto 15.4). Prospetto 15.4 Permessi di costruire. Fabbricati non residenziali in volume e superficie per tipo di costruzione - Anni (variazioni percentuali rispetto all anno precedente) TIPI DI COSTRUZIONE Volume Superfi cie totale 2008/ / / /2008 Nuovi fabbricati -4,1-24,6-7,5-22,9 Ampliamenti 8,5-25,5 4,6-26,8 Edilizia non residenziale -1,6-24,8-5,0-23,8 401

8 Annuario statistico italiano 2012 La diminuzione di volume dei fabbricati del 2009 interessa tutti i settori produttivi: l Agricoltura con -15,0 per cento (Prospetto 15.5); l Industria e artigianato con -25,8 per cento; il Commercio e attività turistiche con -20,6; l Altro che perde il 32,7 rispetto al precedente anno. Prospetto 15.5 Permessi di costruire. Fabbricati non residenziali nuovi in volume per destinazione economica - Anni (variazioni percentuali rispetto all anno precedente) Agricoltura Industria e artigianato Commercio e attività turistiche Altro Totale 2008/ ,0-5,7-8,3-7,7-4,1 2009/ ,0-25,8-20,6-32,7-24,6 La distribuzione del volume dei fabbricati non residenziali per destinazione economica (Prospetto 15.6) conferma ancora la prevalenza del settore dell industria e dell artigianato in tutte le ripartizioni geografiche. La relativa quota ha registrato nel 2009 una leggera flessione al Nord (passando dal 63,6 del 2008 al 61,6 per cento), una crescita al Centro (dal 55,1 per cento al 58,2 per cento del 2009) e nel Mezzogiorno una flessione, passando dal 51,5 per cento del 2008 a 50,5 per cento del Prospetto 15.6 Permessi di costruire. Fabbricati non residenziali nuovi in volume per destinazione economica e ripartizione geografica - Anni (composizioni percentuali per anno) Agricoltura Industria e artigianato Commercio e attività turistiche Altro Totale NORD ,2 64,2 16,0 12,6 100, ,7 63,6 15,6 11,1 100, ,8 61,6 15,6 12,0 100,0 CENTRO ,2 55,8 17,8 22,2 100, ,6 55,1 19,4 18,9 100, ,8 58,2 23,5 9,5 100,0 MEZZOGIORNO ,1 54,4 24,0 8,5 100, ,1 51,5 20,6 12,7 100, ,0 50,5 22,8 10,7 100,0 L incidenza del settore del commercio e delle attività turistiche rimane invariata al Nord con il 15,6 per cento, mentre registra un aumento sia al Centro (dal 19,4 al 23,5 per cento), nel Mezzogiorno (dal 20,6 al 22,8 per cento del 2009). 402

9 15. Costruzioni Tavola Indici generali della produzione nelle costruzioni: dati grezzi, corretti per i giorni lavorativi e destagionalizzati. Base 2005=100 - Anni PERIODI Produzione costruzioni Dati grezzi Dati corretti per giorni lavorativi Dati destagionalizzati Indici Variazioni % rispetto al corrispondente mese dell anno precedente Indici Variazioni % rispetto al corrispondente mese dell anno precedente Indici Variazioni % rispetto al mese precedente ,6-11,4 97,0-11, ,4-3,3 93,5-3, ,9-3,7 90,8-2,9 - - ANNO 2009 gennaio 78,2-23,3 80,0-17,7 95,8-0,2 febbraio 96,2-15,5 96,4-13,2 103,1 7,6 marzo 106,2-6,4 105,7-12,7 99,1-3,9 aprile 102,2-12,9 98,2-12,9 97,2-1,9 maggio 106,8-11,4 112,0-8,3 101,5 4,4 giugno 108,2-9,0 106,9-12,1 97,6-3,8 luglio 118,6-12,7 114,8-12,7 97,3-0,3 agosto 57,8-13,3 58,5-16,3 91,6-5,9 settembre 104,0-12,0 101,7-12,0 95,1 3,8 ottobre 106,8-14,3 107,1-11,2 95,2 0,1 novembre 102,8-3,7 101,5-7,0 96,2 1,1 dicembre 83,9-0,6 80,8-4,0 92,0-4,4 ANNO 2010 gennaio 73,2-6,4 77,5-3,1 93,4 1,5 febbraio 83,6-13,1 83,8-13,1 91,5-2,0 marzo 101,3-4,6 97,4-7,9 91,9 0,4 aprile 99,7-2,4 95,8-2,4 94,9 3,3 maggio 99,4-6,9 100,6-10,2 91,8-3,3 giugno 106,1-1,9 104,8-2,0 95,6 4,1 luglio 111,8-5,7 112,1-2,4 95,0-0,6 agosto 63,1 9,2 61,7 5,5 95,2 0,2 settembre 104,9 0,9 102,6 0,9 95,3 0,1 ottobre 103,2-3,4 107,1 0,0 95,0-0,3 novembre 98,9-3,8 97,7-3,7 92,0-3,2 dicembre 87,1 3,8 81,0 0,2 91,3-0,8 ANNO 2011 gennaio 75,8 3,6 77,5 0,0 93,5 2,4 febbraio 85,9 2,8 86,1 2,7 96,2 2,9 marzo 97,0-4,2 96,5-0,9 91,2-5,2 aprile 94,5-5,2 94,0-1,9 93,4 2,4 maggio 101,9 2,5 99,6-1,0 91,3-2,2 giugno 100,4-5,4 99,2-5,3 90,6-0,8 luglio 101,0-9,7 104,8-6,5 89,1-1,7 agosto 62,7-0,6 61,3-0,6 93,6 5,1 settembre 98,5-6,1 96,3-6,1 89,2-4,7 ottobre 94,6-8,3 98,2-8,3 87,0-2,5 novembre 96,6-2,3 95,4-2,4 89,2 2,5 dicembre 81,3-6,7 81,1 0,1 90,3 1,2 Fonte: Indice di produzione delle costruzioni (E) 403

10 Annuario statistico italiano 2012 Tavola Indicatori dei permessi di costruire - Anni PERIODI Nuovi fabbricati residenziali Fabbricati non residenziali Numero di abitazioni Superfi cie utile abitabile (m 2 ) Superfi cie totale (m 2 ) (a) ANNO 2000 I trim II trim III trim IV trim ANNO 2001 I trim II trim III trim IV trim ANNO 2002 I trim II trim III trim IV trim ANNO 2003 I trim II trim III trim IV trim ANNO 2004 I trim II trim III trim IV trim ANNO 2005 I trim II trim III trim IV trim ANNO 2006 I trim II trim III trim IV trim ANNO 2007 I trim II trim III trim IV trim Fonte: Rilevazione statistica rapida dei permessi di costruire (R) (a) Dati provvisori. 404

11 15. Costruzioni Tavola 15.2 segue - Indicatori dei permessi di costruire - Anni PERIODI Nuovi fabbricati residenziali Fabbricati non residenziali Numero di abitazioni Superfi cie utile abitabile (m 2 ) Superfi cie totale (m 2 ) ANNO 2008 I trim II trim III trim IV trim ANNO 2009 I trim II trim III trim IV trim ANNO 2010 I trim (a) II trim (a) III trim (a) IV trim (a) ANNO 2011 I trim (a) II trim (a) III trim (a) IV trim (a) Fonte: Rilevazione statistica rapida dei permessi di costruire (R) (a) Dati provvisori. 405

12 Annuario statistico italiano 2012 Tavola Permessi di costruire. Fabbricati residenziali e non residenziali per regione - Anno 2009 (volume in migliaia di metri cubi v/p) REGIONI Fabbricati residenziali Fabbricati non residenziali Nuova costruzione Ampliamenti Nuova costruzione Ampliamenti Numero Volume Volume medio Volume Numero Volume Volume medio Volume , , , , , , , , PER REGIONE Piemonte , , Valle d Aosta/Vallée d Aoste , , Liguria , , Lombardia , , Trentino-Alto Adige/Südtirol , , Bolzano/Bozen , , Trento , , Veneto , , Friuli-Venezia Giulia , , Emilia-Romagna , , Toscana , , Umbria , , Marche , , Lazio , , Abruzzo , , Molise , , Campania , , Puglia , , Basilicata , , Calabria , , Sicilia , , Sardegna , , Nord , , Centro , , Mezzogiorno , , ITALIA , , Fonte: Rilevazione statistica dei permessi di costruire (R) 406

13 15. Costruzioni Tavola Permessi di costruire. Abitazioni e vani di abitazione in fabbricati residenziali e non residenziali per regione - Anno 2009 REGIONI In fabbricati residenziali Abitazioni (a) In fabbricati non residenziali Vani di abitazioni (b) Totale Stanze Accessori (c) Totale Abitazioni per abitanti , , , , PER REGIONE Piemonte ,6 Valle d Aosta/Vallée d Aoste ,3 Liguria ,6 Lombardia ,3 Trentino-Alto Adige ,1 Bolzano/Bozen ,6 Trento ,6 Veneto ,2 Friuli-Venezia Giulia ,7 Emilia-Romagna ,8 Toscana ,0 Umbria ,7 Marche ,5 Lazio ,0 Abruzzo ,7 Molise ,0 Campania ,7 Puglia ,7 Basilicata ,4 Calabria ,4 Sicilia ,0 Sardegna ,4 Nord ,0 Centro ,7 Mezzogiorno ,7 ITALIA ,7 Fonte: Rilevazione statistica dei permessi di costruire (R) (a) Comprese quelle ricavate da ampliamenti di fabbricati preesistenti. (b) Relativi alla parte residenziale e compresi quelli ricavati da ampliamenti di fabbricati preesistenti. (c) Interni all abitazione. 407

14 Annuario statistico italiano 2012 Tavola Permessi di costruire. Fabbricati residenziali nuovi per struttura portante e regione - Anno 2009 (volume in migliaia di metri cubi v/p) REGIONI Cemento armato in sito Pietra e mattoni Altro Totale Fabbricati Volume Fabbricati Volume Fabbricati Volume Fabbricati Volume PER REGIONE Piemonte Valle d Aosta/Vallée d Aoste Liguria Lombardia Trentino-Alto Adige/Südtirol Bolzano/Bozen Trento Veneto Friuli-Venezia Giulia Emilia-Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Nord Centro Mezzogiorno ITALIA Fonte: Rilevazione statistica dei permessi di costruire (R) 408

15 15. Costruzioni Tavola Permessi di costruire. Fabbricati residenziali nuovi per richiedente il permesso di costruire e regione - Anno 2009 (volume in migliaia di metri cubi v/p) REGIONI Persona fi sica Imprese Cooperative Altro Totale Fabbricati Volume Fabbricati Volume Fabbricati Volume Fabbricati Volume Fabbricati Volume PER REGIONE Piemonte Valle d Aosta/Vallée d Aoste Liguria Lombardia Trentino-Alto Adige/Südtirol Bolzano/Bozen Trento Veneto Friuli-Venezia Giulia Emilia-Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Nord Centro Mezzogiorno ITALIA Fonte: Rilevazione statistica dei permessi di costruire (R) 409

16 Annuario statistico italiano 2012 Tavola Permessi di costruire. Fabbricati residenziali nuovi per numero di abitazioni e regione - Anno 2009 (volume in migliaia di metri cubi v/p) REGIONI 1 abitazione 2 abitazioni Da 3 a 15 abitazioni 16 abitazioni e oltre Totale Fabbricati Volume Fabbricati Volume Fabbricati Volume Fabbricati Volume Fabbricati Volume PER REGIONE Piemonte Valle d Aosta/Vallée d Aoste Liguria Lombardia Trentino-Alto Adige/Südtirol Bolzano/Bozen Trento Veneto Friuli-Venezia Giulia Emilia-Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Nord Centro Mezzogiorno ITALIA Fonte: Rilevazione statistica dei permessi di costruire (R) 410

17 15. Costruzioni Tavola Permessi di costruire. Abitazioni in fabbricati residenziali nuovi per numero di stanze e regione - Anno 2009 REGIONI Abitazioni per numero di stanze (a) Totale e oltre Abitazioni Stanze Accessori (b) PER REGIONE Piemonte Valle d Aosta/Vallée d Aoste Liguria Lombardia Trentino-Alto Adige/Südtirol Bolzano/Bozen Trento Veneto Friuli-Venezia Giulia Emilia-Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Nord Centro Mezzogiorno ITALIA Fonte: Rilevazione statistica dei permessi di costruire (R) (a) Tra le stanze vengono considerate le cucine quando hanno le caratteristiche di stanza. (b) Interni all abitazione. 411

18 Annuario statistico italiano 2012 Tavola Permessi di costruire. Abitazioni in fabbricati residenziali nuovi per classe di superficie utile abitabile e regione - Anno 2009 REGIONI Abitazioni per classe di superfi cie utile abitabile (m²) Fino a Oltre 130 Totale abitazioni PER REGIONE Piemonte Valle d Aosta/Vallée d Aoste Liguria Lombardia Trentino-Alto Adige/Südtirol Bolzano/Bozen Trento Veneto Friuli-Venezia Giulia Emilia-Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Nord Centro Mezzogiorno ITALIA Fonte: Rilevazione statistica dei permessi di costruire (R) 412

19 15. Costruzioni Tavola Permessi di costruire. Fabbricati non residenziali nuovi per destinazione economica e regione - Anno 2009 (volume in migliaia di metri cubi v/p) REGIONI Agricoltura Industria e artigianato Commercio e attività turistiche Altro Totale Fabbricati Volume Fabbricati Volume Fabbricati Volume Fabbricati Volume Fabbricati Volume PER REGIONE Piemonte Valle d Aosta/Vallée d Aoste Liguria Lombardia Trentino-Alto Adige/Südtirol Bolzano/Bozen Trento Veneto Friuli-Venezia Giulia Emilia-Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna Nord Centro Mezzogiorno ITALIA Fonte: Rilevazione statistica dei permessi di costruire (R) 413

20

Capitolo 15. Costruzioni

Capitolo 15. Costruzioni Capitolo 15 Costruzioni 15. Costruzioni Per saperne di più... Istat. I.stat: il tuo accesso diretto alla statistica italiana. Roma. http://dati.istat.it. L informazione congiunturale fornita in questo

Dettagli

Il 2015 è un nuovo anno critico per il settore delle

Il 2015 è un nuovo anno critico per il settore delle 18 COSTRUZIONI Il 2015 è un nuovo anno critico per il settore delle costruzioni: l indice di produzione registra, rispetto al 2014, una ulteriore variazione negativa (-1,8 per cento); anche gli indicatori

Dettagli

Dal censimento del 2011 si osserva che l insieme

Dal censimento del 2011 si osserva che l insieme 18 COSTRUZIONI Dal censimento del 2011 si osserva che l insieme degli edifici e dei complessi di edifici ammonta a circa 14,5 milioni di unità, il 13,1 per cento in più rispetto al censimento del 2001.

Dettagli

Dal censimento della popolazione e delle

Dal censimento della popolazione e delle 18 COSTRUZIONI Dal censimento della popolazione e delle abitazioni del 2011 si osserva che l insieme degli edifici e dei complessi di edifici ammonta a circa 14 milioni e 516 mila unità, ovvero il 13,1

Dettagli

I principali risultati

I principali risultati FINANZA LOCALE: ENTRATE E SPESE DEI BILANCI CONSUNTIVI (COMUNI, PROVINCE E REGIONI). ANNO 2014 1 I principali risultati 1 Comuni Nel prospetto 1 sono riportati i principali risultati finanziari di competenza

Dettagli

FIGURA 1 ESPORTAZIONI PER MACROAREA DATI TRIMESTRALI (variazioni percentuali rispetto all anno precedente)

FIGURA 1 ESPORTAZIONI PER MACROAREA DATI TRIMESTRALI (variazioni percentuali rispetto all anno precedente) Le esportazioni delle regioni italiane estre 3 13/6/3 CONGIUNTURA TERRITORIALE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE I Trimestre 3 Giugno 3 La dinamica delle esportazioni in valore nel estre 3 registra un

Dettagli

Le esportazioni delle regioni italiane

Le esportazioni delle regioni italiane 14 marzo 2003 Le esportazioni delle regioni italiane Anno 2002 Nel 2002 le esportazioni italiane hanno registrato una diminuzione in valore del 2,8 per cento rispetto al 2001. La contrazione, pur interessando

Dettagli

FOCUS Luglio Dinamica del mercato del lavoro dipendente e parasubordinato, sulla base delle comunicazioni obbligatorie.

FOCUS Luglio Dinamica del mercato del lavoro dipendente e parasubordinato, sulla base delle comunicazioni obbligatorie. trimestre, pertanto il dato a livello nazionale può non corrispondere alla somma dei lavoratori di ciascuna regione. Fonte dei dati. Ministero del Lavoro. SISCO (Sistema Informativo Statistico Comunicazioni

Dettagli

Persone che hanno subito incidenti in. Regioni

Persone che hanno subito incidenti in. Regioni Tabella 1 - Persone (valori assoluti in migliaia e Intervalli di Confidenza al 95%) che nei tre mesi precedenti l intervista hanno subito incidenti in ambiente domestico e tassi di incidenti domestici

Dettagli

L OCCUPAZIONE NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI

L OCCUPAZIONE NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI L OCCUPAZIONE NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI Estratto dall Osservatorio Congiunturale sull Industria delle Costruzioni Luglio a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi ESTRATTO DALL'OSSERVATORIO

Dettagli

Capitolo 2. Popolazione

Capitolo 2. Popolazione Capitolo 2 Popolazione 2. Popolazione Dinamica della popolazione residente Al 31 dicembre 2012 la popolazione residente in Italia è pari a 59.685.227 unità; rispetto al 1 gennaio 2012 - anno in cui la

Dettagli

3.1 La verifica dell'attualità del PTCP

3.1 La verifica dell'attualità del PTCP 3.1 La verifica dell'attualità del PTCP 3.1.1 Che cosa è successo La variante di salvaguardia del PTCP relativa alla fascia costiera trova una sua prima giustificazione nelle dinamiche in atto, che vedono

Dettagli

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato Tab. IS.9.1a - Incidenti per tipo di e - Anni 2001-2013 a) Valori assoluti Anno 2001 o a altri Piemonte 16.953 23.818 19 77 167 146 80 67 1.942 123 254 153 50 59 824 1.920 1.037 653 50 4 23 0 112 31.578

Dettagli

FIDUCIA DELLE IMPRESE MANIFATTURIERE E DI COSTRUZIONE

FIDUCIA DELLE IMPRESE MANIFATTURIERE E DI COSTRUZIONE 28 settembre 2011 Settembre 2011 Manifatturiero Agosto 2011 Costruzione FIDUCIA DELLE IMPRESE MANIFATTURIERE E DI COSTRUZIONE Nel mese di settembre 2011 l indice destagionalizzato del clima di fiducia

Dettagli

Prodotto interno lordo per ripartizione geografica, in Italia e in Sardegna: variazioni percentuali 2005 su 2004

Prodotto interno lordo per ripartizione geografica, in Italia e in Sardegna: variazioni percentuali 2005 su 2004 Prodotto interno lordo per ripartizione geografica, in Italia e in Sardegna: variazioni percentuali 2005 su 2004 NORD-ORIENTALE NORD-OCCIDENTALE ITALIA MEZZOGIORNO ITALIA CENTRALE -0,5 0,0 0,5 1,0 1,5

Dettagli

Statistiche dell attività edilizia

Statistiche dell attività edilizia SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Informazioni 2001 Settore Industria Statistiche dell attività edilizia Anno 2000 - Dati provvisori Anno 1999 - Dati definitivi A cura di Giuliano

Dettagli

9. I consumi delle famiglie

9. I consumi delle famiglie 9. I consumi delle famiglie Nelle principali province italiane, la percentuale del reddito disponibile destinata ai consumi, e quindi all acquisto di beni e servizi necessari a soddisfare i propri bisogni,

Dettagli

I PUBBLICI ESERCIZI IN ITALIA Distribuzione dei p.e. (valori assoluti - giugno 2006)

I PUBBLICI ESERCIZI IN ITALIA Distribuzione dei p.e. (valori assoluti - giugno 2006) I PUBBLICI ESERCIZI IN ITALIA Distribuzione dei p.e. (valori assoluti - giugno 2006) Regioni Ristoranti (U.L.) Bar (U.L.) Piemonte 7.544 12.708 Valle d'aosta 589 646 Lombardia 13.165 27.552 Trentino 2.635

Dettagli

CASA.IT : Nota Congiunturale Mercato immobiliare residenziale

CASA.IT : Nota Congiunturale Mercato immobiliare residenziale CASA.IT : Nota Congiunturale Mercato immobiliare residenziale A cura del Centro Studi di Casa.it Maggio 2013 OVERVIEW: Highlights Alla fine del 2012 gli scambi di abitazioni in Italia hanno fatto registrare

Dettagli

Occupazione in Toscana e in Italia nel periodo luglio-settembre 2016

Occupazione in Toscana e in Italia nel periodo luglio-settembre 2016 Statistiche flash Settore Sistema Informativo di supporto alle decisioni. Ufficio Regionale di Statistica Occupazione in Toscana e in Italia nel periodo luglio-settembre 2016 7 Dicembre 2016 Gli ultimi

Dettagli

6 RAPPORTO 2014 UIL (GIUGNO 2014) LA CASSA INTEGRAZIONE PER MACRO AREE, REGIONI E PROVINCE

6 RAPPORTO 2014 UIL (GIUGNO 2014) LA CASSA INTEGRAZIONE PER MACRO AREE, REGIONI E PROVINCE Servizio Politiche del Lavoro e della Formazione 6 RAPPORTO 2014 UIL (GIUGNO 2014) LA CASSA INTEGRAZIONE PER MACRO AREE, REGIONI E PROVINCE ORE AUTORIZZATE GIUGNO 2014 dati per regioni e province autonome

Dettagli

Le esportazioni delle regioni italiane

Le esportazioni delle regioni italiane Le esportazioni delle regioni italiane Gennaio settembre 2008 12 dicembre 2008 Nel periodo gennaio-settembre 2008 il valore delle esportazioni italiane ha registrato, rispetto al corrispondente periodo

Dettagli

LE COSTRUZIONI IN BREVE: EMILIA-ROMAGNA

LE COSTRUZIONI IN BREVE: EMILIA-ROMAGNA LE COSTRUZIONI IN BREVE: EMILIA-ROMAGNA n. 2/ A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Sommario SCHEDA EMILIA-ROMAGNA... 3 TAVOLE REGIONALI... 7 Occupazione... 9 Imprese... 12 Permessi di

Dettagli

FIDUCIA DEI CONSUMATORI

FIDUCIA DEI CONSUMATORI 29 dicembre 214 Dicembre 214 FIDUCIA DEI CONSUMATORI L indice del clima di fiducia dei consumatori in base 25=1 diminuisce a dicembre a 99,7 da 1,2 del mese di novembre. Il peggioramento riguarda sia la

Dettagli

LE COSTRUZIONI IN BREVE: CAMPANIA

LE COSTRUZIONI IN BREVE: CAMPANIA LE COSTRUZIONI IN BREVE: CAMPANIA Maggio 2017 A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Sommario SCHEDA CAMPANIA... 3 TAVOLE REGIONALI E PROVINCIALI... 7 Occupazione... 9 Imprese... 13 Permessi

Dettagli

LE COSTRUZIONI IN BREVE: CAMPANIA

LE COSTRUZIONI IN BREVE: CAMPANIA LE COSTRUZIONI IN BREVE: CAMPANIA Ottobre A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Sommario SCHEDA CAMPANIA... 3 TAVOLE REGIONALI E PROVINCIALI... 9 Occupazione... 11 Imprese... 15 Permessi

Dettagli

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI LO STOCK ABITATIVO IN ITALIA

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI LO STOCK ABITATIVO IN ITALIA DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI LO STOCK ABITATIVO IN ITALIA 5 Maggio 2015 INDICE SINTESI... 3 ABITAZIONI... 4 ABITAZIONI OCCUPATE DA PERSONE RESIDENTI... 6 POPOLAZIONE E FAMIGLIE... 9 ABITAZIONI

Dettagli

Dati statistici sull energia elettrica in Italia Nota di sintesi CRESCE LA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2015: +2,0%

Dati statistici sull energia elettrica in Italia Nota di sintesi CRESCE LA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2015: +2,0% Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2015 Nota di sintesi CRESCE LA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2015: +2,0% I dati definitivi sul bilancio elettrico del 2015 fanno registrare un aumento del

Dettagli

Il lavoro interinale nel primo trimestre 2010 attraverso i Dati INAIL

Il lavoro interinale nel primo trimestre 2010 attraverso i Dati INAIL [ 2010] Il lavoro interinale nel primo trimestre 2010 attraverso i Dati INAIL SINTESI Nel primo trimestre del 2010 il numero di lavoratori che hanno svolto almeno una missione di lavoro interinale (assicurati

Dettagli

In base alle ultime stime del sistema informativo CRESME sul mercato delle costruzioni, nel il valore della produzione del settore delle costruzioni

In base alle ultime stime del sistema informativo CRESME sul mercato delle costruzioni, nel il valore della produzione del settore delle costruzioni In base alle ultime stime del sistema informativo CRESME sul mercato delle costruzioni, nel il valore della produzione del settore delle costruzioni in Campania ammonta a miliardi di e ro, di cui relativ

Dettagli

Capitolo. Popolazione

Capitolo. Popolazione 2 Capitolo Popolazione 2. Popolazione Per saperne di più... f f f f Dinamica della popolazione residente ISTAT. Banche dati e sistemi informativi. Roma. http://www.istat.it. ISTAT. Elenco dei comuni al

Dettagli

LE COSTRUZIONI IN BREVE: CAMPANIA

LE COSTRUZIONI IN BREVE: CAMPANIA LE COSTRUZIONI IN BREVE: CAMPANIA Novembre 2017 A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Sommario SCHEDA CAMPANIA... 3 TAVOLE REGIONALI E PROVINCIALI... 7 Occupazione... 9 Imprese... 13 Permessi

Dettagli

Figura 1 - Territorio con copertura artificiale -Anno 2009 (incidenza percentuale sulla superficie totale)

Figura 1 - Territorio con copertura artificiale -Anno 2009 (incidenza percentuale sulla superficie totale) Allegato statistico Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Enrico Giovannini Commissione XIII Territorio, Ambiente e Beni ambientali del Senato della Repubblica Roma, 18 gennaio

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI SULLE RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE (36%) L ANDAMENTO NEL 2008 E UN BILANCIO DI DIECI ANNI DI APPLICAZIONE

LE AGEVOLAZIONI FISCALI SULLE RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE (36%) L ANDAMENTO NEL 2008 E UN BILANCIO DI DIECI ANNI DI APPLICAZIONE Direzione Affari Economici e Centro Studi LE AGEVOLAZIONI FISCALI SULLE RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE (36%) L ANDAMENTO NEL 2008 E UN BILANCIO DI DIECI ANNI DI APPLICAZIONE Aprile 2009 L'andamento delle richieste

Dettagli

Affitti Quota Latte - Periodo 2014/2015

Affitti Quota Latte - Periodo 2014/2015 Affitti Quota Latte - Periodo 2014/2015 PIEMONTE 603 1.127 87.148.771 13,0 144.525 VALLE D'AOSTA 80 88 1.490.121 0,2 18.627 LOMBARDIA 1.503 2.985 280.666.835 41,8 186.738 PROV. AUT. BOLZANO 1 1 31.970

Dettagli

I primati di Bologna nel mercato del lavoro nel 2007

I primati di Bologna nel mercato del lavoro nel 2007 I primati di nel mercato del lavoro nel 2007 Maggio 2008 Direttore: Gianluigi Bovini Coordinamento tecnico: Franco Chiarini Redazione: Paola Ventura Mappe tematiche: Fabrizio Dell Atti Le elaborazioni

Dettagli

BANDI DI GARA PER LAVORI PUBBLICI IN LIEVE AUMENTO A SETTEMBRE 2016 MA I PRIMI NOVE MESI RESTANO NEGATIVI

BANDI DI GARA PER LAVORI PUBBLICI IN LIEVE AUMENTO A SETTEMBRE 2016 MA I PRIMI NOVE MESI RESTANO NEGATIVI Direzione Affari Economici e Centro Studi BANDI DI GARA PER LAVORI PUBBLICI IN LIEVE AUMENTO A SETTEMBRE 216 MA I PRIMI NOVE MESI RESTANO NEGATIVI Nel mese di settembre 216, secondo il monitoraggio Ance-Infoplus

Dettagli

Tasso di occupazione

Tasso di occupazione MERCATO DEL LAVORO 2016: Liguria in controtendenza rispetto alla media italiana in calo gli occupati, cresce il tasso di disoccupazione La Liguria è sempre stata una regione atipica e meno dinamica, rispetto

Dettagli

Ufficio Studi. Il Valore Aggiunto: dati e analisi per ripartizioni geografiche e attività economiche

Ufficio Studi. Il Valore Aggiunto: dati e analisi per ripartizioni geografiche e attività economiche Ufficio Studi Il Valore Aggiunto: dati e analisi per ripartizioni geografiche e attività economiche Il Valore Aggiunto: dati e analisi per ripartizioni geografiche e attività economiche Il report è stato

Dettagli

La popolazione toscana al 1 gennaio marzo 2014

La popolazione toscana al 1 gennaio marzo 2014 La popolazione toscana al 1 gennaio 2013 marzo 2014 Il contesto nazionale La popolazione residente in Italia nell ultimo decennio è cresciuta sensibilmente. Complessivamente la variazione è stata pari

Dettagli

FIDUCIA DELLE IMPRESE MANIFATTURIERE E DI COSTRUZIONE

FIDUCIA DELLE IMPRESE MANIFATTURIERE E DI COSTRUZIONE 26 ottobre 2011 Ottobre 2011 Manifatturiero Settembre 2011 Costruzione FIDUCIA DELLE IMPRESE MANIFATTURIERE E DI COSTRUZIONE Nel mese di ottobre 2011 l indice destagionalizzato del clima di fiducia del

Dettagli

Consumi e povertà in Emilia-Romagna. Anno 2014

Consumi e povertà in Emilia-Romagna. Anno 2014 Direzione generale centrale Organizzazione, Personale, Sistemi Informativi e Telematica Servizio statistica e informazione geografica Consumi e povertà in Emilia-Romagna. Anno 2014 Bologna, 11 maggio 2015

Dettagli

Le esportazioni delle regioni italiane

Le esportazioni delle regioni italiane Le esportazioni delle regioni italiane Gennaio giugno 2008 17 settembre 2008 Nel periodo gennaio-giugno 2008 il valore delle esportazioni italiane ha registrato un incremento del 5,9 per cento rispetto

Dettagli

LE COSTRUZIONI IN BREVE: LOMBARDIA

LE COSTRUZIONI IN BREVE: LOMBARDIA LE COSTRUZIONI IN BREVE: LOMBARDIA Novembre A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Sommario SCHEDA LOMBARDIA... 3 TAVOLE REGIONALI E PROVINCIALI... 7 PIL... 9 Imprese... 14 Permessi di

Dettagli

Lavoro occasionale Di tipo accessorio

Lavoro occasionale Di tipo accessorio Lavoro occasionale Di tipo accessorio terzo TRIMESTRE/ 211 aprile 212 Il Report è stato realizzato da Giorgio Plazzi e Chiara Cristini, ricercatori dell Agenzia regionale del lavoro. Si ringrazia Mauro

Dettagli

FIDUCIA DELLE IMPRESE MANIFATTURIERE E DI COSTRUZIONE

FIDUCIA DELLE IMPRESE MANIFATTURIERE E DI COSTRUZIONE 26 aprile 2012 Aprile 2012 FIDUCIA DELLE IMPRESE MANIFATTURIERE E DI COSTRUZIONE Nel mese di aprile 2012 l indice destagionalizzato del clima di fiducia del settore manifatturiero scende a 89,5, contro

Dettagli

CARATTERISTICHE ED EVOLUZIONE DELLA POPOLAZIONE

CARATTERISTICHE ED EVOLUZIONE DELLA POPOLAZIONE CARATTERISTICHE ED EVOLUZIONE DELLA POPOLAZIONE Luca Romano Direttore di Local Area Network Martedi 8 Aprile 2014 Auditorium del Lavoro ROMA L INVECCHIAMENTO DEMOGRAFICO 1/6 65 ANNI E PIU' TOTALE ANDAMENTO

Dettagli

GLI EFFETTI DELLA CRISI SULLE IMPRESE DI COSTRUZIONI

GLI EFFETTI DELLA CRISI SULLE IMPRESE DI COSTRUZIONI GLI EFFETTI DELLA CRISI SULLE IMPRESE DI COSTRUZIONI Estratto dall Osservatorio Congiunturale sull Industria delle Costruzioni Luglio 2016 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi ESTRATTO

Dettagli

Dossier I dati regionali. Dossier Casa I dati regionali. A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi

Dossier I dati regionali. Dossier Casa I dati regionali. A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Dossier I dati regionali A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Dossier Casa I dati regionali A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Sommario... 3 Mercato immobiliare residenziale...

Dettagli

Nota di commento ai dati sulla spesa nella Ricerca e Sviluppo e sull innovazione nelle imprese

Nota di commento ai dati sulla spesa nella Ricerca e Sviluppo e sull innovazione nelle imprese Nota di commento ai dati sulla spesa nella Ricerca e Sviluppo e sull innovazione nelle imprese Fonte: Istat Ricerca e Sviluppo in Italia (anno 2014) Le rilevazioni sulla Ricerca e lo sviluppo sperimentale,

Dettagli

Osservatorio trimestrale sulla crisi di impresa

Osservatorio trimestrale sulla crisi di impresa Settembre 212 Osservatorio trimestrale sulla crisi di impresa Secondo Trimestre 212 Nei primi sei mesi del 212 il numero di fallimenti si attesta sui livelli elevati dell anno precedente Secondo gli archivi

Dettagli

LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO. Report statistico al 1 giugno 2010

LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO. Report statistico al 1 giugno 2010 LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO Report statistico al 1 giugno 21 Dati forniti dall INPS Dati relativi al mese di maggio 21 Voucher venduti nel mese di maggio 21 per provincia e settore Provincia

Dettagli

BANDI DI GARA PER LAVORI PUBBLICI: NEGATIVI I PRIMI UNDICI MESI DEL 2016

BANDI DI GARA PER LAVORI PUBBLICI: NEGATIVI I PRIMI UNDICI MESI DEL 2016 Direzione Affari Economici e Centro Studi BANDI DI GARA PER LAVORI PUBBLICI: NEGATIVI I PRIMI UNDICI MESI DEL 2016 Il mercato dei lavori pubblici in Italia, nel corso del 2016, è stato caratterizzato da

Dettagli

FIDUCIA DELLE IMPRESE MANIFATTURIERE E DI COSTRUZIONE

FIDUCIA DELLE IMPRESE MANIFATTURIERE E DI COSTRUZIONE 27 luglio 2011 Luglio 2011 Manifatturiero Giugno 2011 Costruzione FIDUCIA DELLE IMPRESE MANIFATTURIERE E DI COSTRUZIONE Nel mese di luglio 2011 l indice destagionalizzato del clima di fiducia del settore

Dettagli

LE IMPRESE LIGURI NEL 2014

LE IMPRESE LIGURI NEL 2014 LE IMPRESE LIGURI NEL 214 Ci lasciamo alle spalle un anno ancora difficile: perse altre 9 imprese, più della metà sono artigiane I dati di chiusura del 214 non sono confortanti: il saldo tra imprese iscritte

Dettagli

Alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento Rilevazioni integrative a.s

Alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento Rilevazioni integrative a.s Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale per gli Studi, la Statistica e i Sistemi Informativi Direzione Generale per lo Studente, l Integrazione, la Partecipazione

Dettagli

Interventi di Upgrading di Impianti di Depurazione Esistenti

Interventi di Upgrading di Impianti di Depurazione Esistenti Prof. G. d Antonio Comuni e popolazione residente secondo il grado di depurazione delle acque reflue convogliate nella rete fognaria per regione - Anno 2005 (valori assoluti) REGIONI Depurazione completa

Dettagli

Mercato immobili non residenziali: compravendite e leasing più 16%

Mercato immobili non residenziali: compravendite e leasing più 16% Pubblicata su FiscoOggi.it (http://www.fiscooggi.it) Dati e statistiche Mercato immobili non residenziali: compravendite e leasing più 16% Piazza in crescente fermento per negozi, uffici e capannoni industriali

Dettagli

L economia del Lazio nel 2009

L economia del Lazio nel 2009 L economia del Lazio nel 2009 Evidenza dai conti regionali Istat pubblicati il 28 settembre 2010 Servizio Analisi e Finanza Sviluppo Lazio L economia del Lazio nel 2009 1. Premessa Il 28 settembre, l Istat

Dettagli

I servizi di ricerca, selezione e fornitura di personale nell 8 Censimento 2001 dell industria e dei servizi.

I servizi di ricerca, selezione e fornitura di personale nell 8 Censimento 2001 dell industria e dei servizi. I servizi di ricerca, selezione e fornitura di personale nell 8 Censimento 2001 dell industria e dei servizi. L ISTAT ha pubblicato in queste settimane il volume Italia relativo all 8 Censimento dell industria

Dettagli

Anno 2014 I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI E PROVINCIALI

Anno 2014 I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI E PROVINCIALI 8 luglio 2016 Anno 2014 I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI E PROVINCIALI A partire da oggi l'istat diffonde un unico comunicato sui bilanci consuntivi delle amministrazioni comunali e

Dettagli

Rapporto mensile sul Sistema Elettrico

Rapporto mensile sul Sistema Elettrico Rapporto mensile sul Sistema Elettrico Luglio 2016 Indice 1 Considerazioni di sintesi 2 Congiuntura elettrica 3 Bilancio energetico 4 Fabbisogno 5 Fonti Energetiche Rinnovabili 6 Scambi Interni e con l

Dettagli

Le esportazioni delle regioni italiane

Le esportazioni delle regioni italiane Le esportazioni delle regioni italiane Gennaio dicembre 2007 13 marzo 2008 Nel 2007 il valore delle esportazioni italiane ha registrato un aumento dell 8 per cento rispetto al 2006 (più 6,1 per cento verso

Dettagli

Le esportazioni delle regioni italiane

Le esportazioni delle regioni italiane Le esportazioni delle regioni italiane Gennaio dicembre 2008 12 marzo 2009 Nel 2008 il valore delle esportazioni italiane ha registrato un leggero incremento (più 0,3 per cento) rispetto all anno precedente,

Dettagli

Statistiche in breve

Statistiche in breve Statistiche in breve A cura del Coordinamento Generale Statistico Attuariale Giugno 2016 Anno 2015 Lavoratori Domestici Nell anno 2015 i lavoratori domestici 1 contribuenti all Inps sono stati 886.125,

Dettagli

IL SETTORE TERMALE. Caratteristiche strutturali e performance. Federterme. Rimini, 12 maggio 2011 * * *

IL SETTORE TERMALE. Caratteristiche strutturali e performance. Federterme. Rimini, 12 maggio 2011 * * * IL SETTORE TERMALE Caratteristiche strutturali e performance * * * Federterme Rimini, 12 maggio 2011 Numero delle imprese termali per aree geografiche al 31/12/2010 378 Imprese 259 Società di capitali

Dettagli

Statistiche in breve

Statistiche in breve Statistiche in breve A cura del Coordinamento Generale Statistico Attuariale Giugno 2017 Anno 2016 Lavoratori Domestici Nell anno 2016 i lavoratori domestici 1 contribuenti all Inps sono stati 866.747,

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE: COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE III trimestre 2016

MERCATO IMMOBILIARE: COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE III trimestre 2016 8 Febbraio 2017 MERCATO IMMOBILIARE: COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE III trimestre 2016 Nel terzo trimestre 2016 le convenzioni notarili di compravendita per unità immobiliari (172.301) mostrano

Dettagli

Centro Studi Gianfranco Imperatori. Visitatori e introiti dei musei, monumenti ed aree archeologiche statali. Sintesi 2008

Centro Studi Gianfranco Imperatori. Visitatori e introiti dei musei, monumenti ed aree archeologiche statali. Sintesi 2008 Centro Studi Gianfranco Imperatori Visitatori e introiti dei musei, monumenti ed aree archeologiche statali Sintesi 2008 Luglio 2009 Le elaborazioni presentate nelle tavole e nei grafici che seguono descrivono

Dettagli

DIFFERENZE REGIONALI NELLA SPESA TERRITORIALE E NEL CONSUMO DEI FARMACI NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2012

DIFFERENZE REGIONALI NELLA SPESA TERRITORIALE E NEL CONSUMO DEI FARMACI NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2012 DIFFERENZE REGIONALI NELLA SPESA TERRITORIALE E NEL CONSUMO DEI FARMACI NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2012 In calo la spesa farmaceutica convenzionata in tutte le Regioni italiane, le maggiori riduzioni si registrano

Dettagli

I flussi turistici internazionali nelle strutture ricettive italiane

I flussi turistici internazionali nelle strutture ricettive italiane I flussi turistici internazionali nelle strutture ricettive italiane L andamento congiunturale e l attrattività delle regioni Mauro Politi Francesca Petrei ISTAT - Direzione Centrale delle Statistiche

Dettagli

FALLIMENTI, PROCEDURE E CHIUSURE DI IMPRESE

FALLIMENTI, PROCEDURE E CHIUSURE DI IMPRESE FALLIMENTI, PROCEDURE E CHIUSURE DI IMPRESE OSSERVATORIO 2 q SETTEMBRE 217 N 32 I FALLIMENTI TORNANO AI LIVELLI PRE-CRISI OSSERVATORIO SU FALLIMENTI, PROCEDURE E CHIUSURE DI IMPRESE - SETTEMBRE 217 / N

Dettagli

Rapporto mensile sul Sistema Elettrico

Rapporto mensile sul Sistema Elettrico Rapporto mensile sul Sistema Elettrico Agosto 2016 Indice 1 Considerazioni di sintesi 2 Congiuntura elettrica 3 Bilancio energetico 4 Fabbisogno 5 Fonti Energetiche Rinnovabili 6 Scambi Interni e con l

Dettagli

Le esportazioni delle regioni italiane

Le esportazioni delle regioni italiane Le esportazioni delle regioni italiane Gennaio dicembre 2006 14 marzo 2007 Nel periodo gennaio-dicembre 2006 il valore delle esportazioni italiane ha registrato un aumento del 9 per cento rispetto allo

Dettagli

CONTINUA IL TREND DI CRESCITA DEI BANDI DI GARA PER LAVORI PUBBLICI NEL CORSO DEL 2015

CONTINUA IL TREND DI CRESCITA DEI BANDI DI GARA PER LAVORI PUBBLICI NEL CORSO DEL 2015 Direzione Affari Economici e Centro Studi CONTINUA IL TREND DI CRESCITA DEI BANDI DI GARA PER LAVORI PUBBLICI NEL CORSO DEL 2015 Nei primi otto mesi dell anno sono stati pubblicati circa 1.300 bandi in

Dettagli

Le esportazioni delle regioni italiane

Le esportazioni delle regioni italiane Le esportazioni delle regioni italiane Gennaio settembre 2007 12 dicembre 2007 Nel periodo gennaio-settembre 2007 il valore delle esportazioni italiane ha registrato un aumento dell 11,5 per cento rispetto

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI

OCCUPATI E DISOCCUPATI 2 marzo 2015 OCCUPATI E DISOCCUPATI Nella media del 2014, dopo due anni di calo, l occupazione cresce (+0,4%, pari a 88.000 unità in confronto all anno precedente), a sintesi di un aumento nel Nord (+0,4%)

Dettagli

Bologna, Quartiere fieristico, Maggio 2014: manifestazione dedicata alla sanità e all assistenza.

Bologna, Quartiere fieristico, Maggio 2014: manifestazione dedicata alla sanità e all assistenza. Bologna, Quartiere fieristico, 21-24 Maggio 2014: manifestazione dedicata alla sanità e all assistenza. > 1) Documentazione (sito esterno) >>> Exposanità, 29 aprile 2014, > Comunicati stampa 1 / 33 In

Dettagli

UNA LETTURA DEL 15 CENSIMENTO GENERALE DELLA POPOLAZIONE E DELLE ABITAZIONI

UNA LETTURA DEL 15 CENSIMENTO GENERALE DELLA POPOLAZIONE E DELLE ABITAZIONI UNA LETTURA DEL 15 CENSIMENTO GENERALE DELLA POPOLAZIONE E DELLE ABITAZIONI a cura del Centro Studi sull Economia Immobiliare - CSEI Tecnoborsa Tecnoborsa torna ad affrontare i temi dell ultimo Censimento

Dettagli

Corrse e scommesse iippiiche nell mese dii Settttembrre 2011

Corrse e scommesse iippiiche nell mese dii Settttembrre 2011 Corrse e scommesse iippiiche nell mese dii Settttembrre 211 Gli ippodromi attivi in Italia nel mese di Settembre sono stati 3, di cui 11 hanno ospitato corse al e 19 corse al. Le giornate sono state in

Dettagli

... e i pagamenti delle imprese ... G i u g n o

... e i pagamenti delle imprese ... G i u g n o ... Osservatorio sui protesti......... G i u g n o 2 0 1 4 Osservatorio sui protesti Nuovo calo di mancati pagamenti e ritardi nel primo trimestre... Sintesi dei risultati Continua la positiva inversione

Dettagli

Redditi Irpef e Toscana nel 2014 (anno d imposta 2013)

Redditi Irpef e Toscana nel 2014 (anno d imposta 2013) Settore Sistema Informativo di Supporto alle Decisioni. Ufficio Regionale di Statistica Redditi Irpef e nel 2014 (anno d imposta 2013) SINTESI Redditi Irpef e nel 2014 La seguente presentazione offre una

Dettagli

L ATTUALE QUADRO ECONOMICO 1

L ATTUALE QUADRO ECONOMICO 1 + 0,3% PIL (Fonte Istat) L ATTUALE QUADRO ECONOMICO 1 L Istat non ha ancora diffuso i dati regionali sul PIL 2015. L incremento dello 0,3% del PIL abruzzese nel 2015 è un dato Prometeia diffuso dal Cresa.

Dettagli

Andamento debito commerciale della Pubblica Amministrazione.

Andamento debito commerciale della Pubblica Amministrazione. Andamento debito commerciale della Pubblica Amministrazione. Stima debiti commerciali della Pubblica Amministrazione Mld Componente fisiologica* Componente non fisiologica (pagamenti in ritardo) 70 52

Dettagli

Edifici e abitazioni

Edifici e abitazioni 11 agosto 2014 Edifici e abitazioni L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi sugli edifici. Il censimento degli edifici è avvenuto nel 2011 con modalità e tecnologie profondamente rinnovate rispetto

Dettagli

Struttura Ex asl impegni prestazioni costo prestazioni Ticket Regione H , ,76 Basilicata H

Struttura Ex asl impegni prestazioni costo prestazioni Ticket Regione H , ,76 Basilicata H Struttura Ex asl impegni prestazioni costo prestazioni Ticket Regione H02 102 4.663 6.145 159.302,40 51.697,76 Basilicata H03 102 9.222 12.473 252.025,98 136.892,31 Basilicata H04 102 3.373 3.373 230.650,00

Dettagli

Rapporto mensile sul Sistema Elettrico

Rapporto mensile sul Sistema Elettrico Rapporto mensile sul Sistema Elettrico Giugno 2016 Indice 1 Considerazioni di sintesi 2 Congiuntura elettrica 3 Bilancio energetico 4 Fabbisogno 5 Fonti Energetiche Rinnovabili 6 Scambi Interni e con l

Dettagli

DISOCCUPAZIONE, ASPI, MINIASPI E MOBILITÀ SINTESI FOCUS GENNAIO 2014

DISOCCUPAZIONE, ASPI, MINIASPI E MOBILITÀ SINTESI FOCUS GENNAIO 2014 SINTESI FOCUS GENNAIO 2014 CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI Nel mese di gennaio il numero di ore di cassa integrazione complessivamente autorizzate è stato pari a 81,4 milioni, in diminuzione del -10,4% rispetto

Dettagli

Nidi e servizi integrativi in Italia: l indagine sulla spesa sociale dei Comuni

Nidi e servizi integrativi in Italia: l indagine sulla spesa sociale dei Comuni NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA Conoscere per governare Nidi e servizi : l indagine sulla spesa sociale dei Comuni Giulia Milan - Istat Servizio Sanità e assistenza Unità Operativa Interventi e servizi sociali

Dettagli

Area Turismo. I dati relativi al turismo sono stati forniti dall Assessorato Regionale al Turismo e riguardano gli anni dal 2000 al 2009.

Area Turismo. I dati relativi al turismo sono stati forniti dall Assessorato Regionale al Turismo e riguardano gli anni dal 2000 al 2009. Area Turismo I dati relativi al turismo sono stati forniti dall Assessorato Regionale al Turismo e riguardano gli anni dal 2 al 29. Glossario: Arrivi: secondo la definizione dell ISTAT è il numero di clienti,

Dettagli

Direzione Generale del Personale e degli Affari Generali e Amministrativi SERVIZIO STATISTICO - UFFICIO SISTAN NOTIZIARIO STATISTICO

Direzione Generale del Personale e degli Affari Generali e Amministrativi SERVIZIO STATISTICO - UFFICIO SISTAN NOTIZIARIO STATISTICO Direzione Generale del Personale e degli Affari Generali e Amministrativi SERVIZIO STATISTICO - UFFICIO SISTAN NOTIZIARIO STATISTICO ANNO - NUMERO 1 AFFLUENZA ALLE URNE DEI GENITORI E DEGLI STUDENTI PER

Dettagli

OSSERVATORIO SU FALLIMENTI, PROCEDURE E CHIUSURE DI IMPRESE

OSSERVATORIO SU FALLIMENTI, PROCEDURE E CHIUSURE DI IMPRESE 1. 1/2 3,6k 1k 1,5k OSSERVATORIO SU FALLIMENTI, PROCEDURE E CHIUSURE DI IMPRESE GIUGNO 215 #23 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 1.41421356237 Giugno 215 / n 23 2 FALLIMENTI IN CALO NEI PRIMI TRE MESI DEL 215 SINTESI

Dettagli

Il censimento della popolazione straniera

Il censimento della popolazione straniera 19 dicembre 2012 Il censimento della popolazione straniera Nel corso dell ultimo decennio la popolazione straniera residente in Italia è triplicata: da poco più di 1 milione e 300 mila persone nel 2001

Dettagli

L AGRITURISMO IN FRIULI VENEZIA GIULIA AL

L AGRITURISMO IN FRIULI VENEZIA GIULIA AL Notiziario ERSA 3-4/2006 Statistica/Contabilità Gianluca Dominutti Servizio Statistica Regione Friuli Venezia Giulia L AGRITURISMO IN FRIULI VENEZIA GIULIA AL 31.12.2005 L Istat, di intesa con le Regioni

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO FEBBRAIO 2016

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO FEBBRAIO 2016 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO FEBBRAIO 2016 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo febbraio 2016 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Rapporto mensile sul Sistema Elettrico

Rapporto mensile sul Sistema Elettrico Rapporto mensile sul Sistema Elettrico Ottobre 2016 Indice 1 Considerazioni di sintesi 2 Congiuntura elettrica 3 Bilancio energetico 4 Fabbisogno 5 Fonti Energetiche Rinnovabili 6 Scambi Interni e con

Dettagli

Il turismo in Puglia e nelle regioni italiane: l analisi di benchmarking nel periodo 2007-2013

Il turismo in Puglia e nelle regioni italiane: l analisi di benchmarking nel periodo 2007-2013 Il turismo in Puglia e nelle regioni italiane: l analisi di benchmarking nel periodo 2007-2013 Competitività, internazionalizzazione e turismo: la Puglia nel contesto globale Laura Leoni Istat Direzione

Dettagli

LE COSTRUZIONI IN BREVE: EMILIA-ROMAGNA

LE COSTRUZIONI IN BREVE: EMILIA-ROMAGNA LE COSTRUZIONI IN BREVE: EMILIA-ROMAGNA n. 1/2014 A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Sommario SCHEDA EMILIA-ROMAGNA... 3 TAVOLE REGIONALI... 7 Pil... 9 Valore aggiunto... 10 Occupazione...

Dettagli