Osservatorio trimestrale sulla crisi di impresa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Osservatorio trimestrale sulla crisi di impresa"

Transcript

1 Settembre 212 Osservatorio trimestrale sulla crisi di impresa Secondo Trimestre 212

2 Nei primi sei mesi del 212 il numero di fallimenti si attesta sui livelli elevati dell anno precedente Secondo gli archivi di Cerved, nel terzo trimestre del I concordati preventivi rialzano la testa I fallimenti Secondo gli archivi di Cerved Group, tra marzo e giugno del 212 sono state aperte circa 3.3 procedure fallimentari, il 3,2% in meno rispetto allo stesso periodo del 211. Il dato del secondo trimestre, pur interrompendo la lunga corsa dei default (sedici trimestri consecutivi di incrementi su base annua), rimane elevato in termini assoluti (+1% rispetto al dato del 21 e +37% rispetto a quello del 29) e porta a 6.5 il totale dei fallimenti dei primi sei mesi dell anno, in leggero aumento rispetto al primo semestre 211 (+,8%). Quasi tre quarti di questi fallimenti riguardano società di capitali, la forma giuridica d impresa che ha maggiormente risentito della crisi. Nei primi sei mesi del 212 i default sono diminuiti del 7,3% tra le società di persone, del 9,8% tra le imprese individuali e nelle altre forme, mentre hanno continuato ad aumentare proprio tra le società di capitali (+4,6%). I dati di bilancio delle società fallite indicano che i default sono aumentati soprattutto tra le aziende non in grado di depositare un bilancio valido tre anni prima della procedura (+17,2%) e tra le grandi imprese (+17% per quelle con un attivo di bilancio superiore a 5 milioni di euro). Stabili le procedure tra le micro imprese (+,8% per quelle con attivo inferiore a 2 milioni), mentre risultano in calo quelle tra le piccole (2,6% per la fascia 21 milioni) e tra le medie aziende (17,8% per la fascia 15 milioni) % 4% 2% % 2% 4% 6% dati grezzi destagionalizzati e corretti per i giorni lavorativi Il numero di fallimenti ( q2, dati trimestrali) L'andamento dei fallimenti tassi di variazione sul trimestre dell'anno precedente +4,6% +13,2% Fallimenti per forma giuridica numero di procedure e tassi di variazioni sullo sull'anno precedente 211 7,1% 3,9% 5,3% ,2% 1H 21 +4,5% +7,1% 7,3% 9,8% Società di Capitali Società di Persone altre forme +17,2% Fallimenti per dimensione dell'impresa fallimenti e tassi di variazione sullo stesso periodo dell'anno precedente solo società di capitale per classe dell'attivo* +,8% 2,6% 5 17,8% +16,7% senza bilancio 2 milioni 21 milioni 15 milioni >5 milioni (*) valori di bilancio di tre anni prima rispetto all'apertura della procedura; escluso le società finanziarie Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata

3 Sull aumento dei fallimenti registrato nel primo semestre del 212 pesano i dati negativi delle costruzioni (+4,8%), dei servizi (+1,2%) e degli altri settori (+9,5%), mentre continua il calo delle procedure nell industria (8,6%). Nonostante il miglioramento, la manifattura rimane il comparto caratterizzato dalla maggiore diffusione dei fallimenti: l insolvency ratio (IR), il numero di procedure aperte su 1 mila imprese registrate, è pari a 19,8 punti, contro i 16,5 delle costruzioni e i 9,9 dei servizi. In ambito industriale, le procedure sono frequenti soprattutto tra le imprese che producono beni intermedi (IR pari a 41,1), tra quelle che operano nel sistema casa (IR a 3,2 ma in miglioramento rispetto allo stesso periodo del 211) e della meccanica (28,9). La riduzione dei fallimenti nel primo semestre è un fenomeno comune a tutte l industria, ad eccezione della produzione dei beni intermedi. Nel terziario, i fallimenti risultano più diffusi nella logistica e nei trasporti (18,6, in calo rispetto al 19,4 dell anno precedente) e nella filiera informazionecomunicazioneintrattenimento (in aumento da 13,4 a 16,8). Dal punto di vista territoriale, nei primi sei mesi del 212 i fallimenti hanno seguito dinamiche diverse: è continuato a ritmi intensi l aumento dei default nel Nord Ovest e nel Centro Italia (rispettivamente, +5,5% e +7,1%), mentre si registra una lieve riduzione nel Sud e nelle Isole (1,7%) e un calo più consistente nel Nord Est (9,8%). Sull elevata diffusione dei fallimenti nel Nord Ovest che è ,2 21,7 I fallimenti per macrosettore valori assoluti e tasso di crescita sull'anno precedente 1H 21 2% 8,6% +6,3% +4,8% +15,7% +1,2% +34,4% +9,5% industria costruzioni servizi altri settori 19,8 Insolvency ratio per macrosettore fallimenti su 1 mila imprese operative nel macrosettore 15,3 16, 16,5 8,8 1, 1H 21 industria costruzioni servizi altri settori 41,1 37, 32,4 33,9 35,2 3,2 28,9 26,2 27,5 24,9 23,923,7 21,8 19, 17,9 14,3 12, 1,8 7, 6,4 prodotti intermedi 19,4 18,6 logistica e trasporti sistema casa 13,4 meccanica 16,8 informazione, comunicazione e intrattenimento chimica e farmaceutica mezzi di trasporto sistema moda metalli 9,9 Industria: insolvency ratio per settore fallimenti su 1 mila imprese operative nel settore 11, 1,8 1,1 1,8 hi tech Servizi e altri settori: insolvency ratio fallimenti su 1 mila imprese operative nel settore distribuzione immobiliari 9,2 9,4 carburanti, energia e utility 7,3 4,3 altri beni di consumo 6,9 servizi non finanziari 5,8 6, 6,4 largo consumo 4,6 servizi finanziari e assicurativi Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata

4 l area geografica con l IR maggiore, pari a 13,8 pesa molto il dato della Lombardia (la regione con l IR più alto, 16,3). In tutta l area i fallimenti risultano in aumento rispetto allo stesso periodo del 211: +7,9% in Liguria, +6,2% in Lombardia e +2,3% in Piemonte. Nel Centro (IR pari a 12,9), i fallimenti sono particolarmente diffusi in Umbria (IR pari a 15,3) e nelle Marche (14,3), con una tendenza in peggioramento in tutte le regioni dell area (+59,3% in Umbria, +8,2% nel Lazio, +7,7% nelle Marche) ad eccezione della Toscana (4,3%). Il Nord Est, in cui la diffusione dei fallimenti è scesa sotto i livelli di due anni fa (IR a 1,4 contro l 11,7 registrato nei primi sei mesi del 211 e il 1,8 del 21), beneficia dei cali con tassi a due cifre registrati in Veneto (13,2%) e in Emilia Romagna (1,2%), e della diminuzione meno marcata del Friuli (2,1%); in controtendenza il Trentino, che pur facendo registrare un aumento delle procedure (+6,1%), rimane una delle regioni con la minore diffusione dei fallimenti (IR pari a 6,5). Il miglioramento osservato nel Mezzogiorno è attribuibile al calo dei default osservato in solo due regioni: in Basilicata (21%) e in Campania (9,3%). Nel resto dell area i fallimenti sono continuati ad aumentare, con tassi più elevati in Abruzzo, in Sardegna e in Calabria. La presenza di un elevato numero di imprese operative nel territorio, in molti casi microaziende che non raggiungono i requisiti dimensionali minimi di fallibilità, rende gli insolvency ratio delle regioni dell area minori rispetto a quelli osservati nel CentroNord ,8 11,7 1,4 Insolvency ratio per area geografica fallimenti su 1 mila imprese operative nell'area 12,2 13,3 13,8 11,2 1H ,2 12,9 Nord Est Nord Ovest Centro Sud e Isole Basilicata Trentino Alto Adige Valle d'aosta Calabria Molise Sicilia Liguria Sardegna Puglia Campania Emilia Romagna Abruzzo Veneto Piemonte Toscana Lazio Friuli Marche Umbria Lombardia Umbria Valle d'aosta Abruzzo Lazio Liguria Marche Lombardia Trentino Alto Adige Sardegna Calabria Molise Piemonte Sicilia Puglia Friuli Toscana Campania Emilia Romagna Veneto Basilicata I fallimenti per area geografica numero di fallimenti e tasso di crescita sullo stesso periodo dell'anno precedente +8,8% 9,8% Insolvency ratio per regione fallimenti su 1 mila imprese operative nella regione, 3,8 2,1% 4,3% 9,3% 1,2% 13,2% 21,4% +5,5% +1,4% 6,5 7,5 8, 8,2 8,3 8,8 8,9 8,9 1, 1,3 1,4 1,7 1,9 11,5 L'andamento dei fallimenti nelle regioni tassi di crescita, / 1H 21 1,3% 8,2% 7,9% 7,7% 6,2% 6,1% 5,1% 4,5% 3,7% 2,3%,3%,% 1H 21 +7,1% +11,2% 8,3 9,2 8,9 13, 13,8 14,3 15,3 16,3 42,9% +13,2% 1,7% Nord Est Nord Ovest Centro Sud e Isole 59,3% Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata

5 I concordati preventivi Nella prima metà del 212 i concordati preventivi sono tornati a crescere a ritmi preoccupanti. Tra 35 3 Domande di concordato preventivo (25212 q2, dati trimestrali) marzo e giugno si contano infatti 312 domande di concordato (+17% rispetto allo stesso periodo del 211) che portano a 578 il totale delle procedure aperte nei primi sei mesi del 212, contro le 518 dell anno precedente (+11,6%) Il ricorso al concordato preventivo aumenta a ritmi elevati soprattutto nell edilizia (+49% rispetto ai primi sei mesi del 211). Benchè a ritmi inferiori, risultano in crescita anche le domande presentate dalle imprese manifatturiere (+6%), con un inversione di tendenza rispetto alle dinamiche osservate nell industria da quando la prima recessione del 29 era stata superata. In controtendenza il terziario, che pur rimanendo il comparto in cui si concentra il maggior numero di domande fa registrare nel primo semestre 212 un calo dell 1,4% rispetto allo stesso periodo del 211. In ambito manifatturiero, l aumento dei concordati preventivi è attribuibile principalmente alle dinamiche osservate nel sistema moda, settore in cui le domande sono aumentate del 15,8%. In crescita anche i concordati nella meccanica e nella siderurgia, mentre risultano in calo nel sistema casa, nella filiera dei mezzi di trasporto, nel largo consumo e nei prodotti intermedi. La distribuzione è il settore in cui si conta il maggior numero di casi nel primo semestre 212 (più di ), con un aumento del 4% rispetto allo stesso periodo del Concordati preventivi per macrosettore 2,3% 1,4% +6% 18% 1H 21 +1,9% +49,5% 66,7% % servizi industria costruzioni altri settori I settori con più domande di concordato preventivo nei primi sei mesi del % +8,9% +15,8% +3,2% +4% distribuzione immobiliari sistema moda meccanica servizi non finanziari +5% metalli Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata

6 211. Seguono le società immobiliari, che fanno registrare un incremento pari al 9,9%. L aumento dei concordati preventivi osservato nei primi sei mesi del 212 a livello nazionale è un fenomeno che riguarda tutta la Penisola. L incremento è particolarmente consistente nel Centro Italia (+17,6%) soprattutto per le tendenze osservate nel Lazio (in cui le domande sono più che raddoppiate rispetto ai primi sei mesi del 211) e in Toscana (+9,4%) e nel Nord Ovest (+16,7%), che sconta gli incrementi di Lombardia (+16%) e Liguria (+16%), mentre il Piemonte risulta in controtendenza (17,5%). Più lento l aumento dei concordati nel Mezzogiorno e nelle Isole (+5,7%) e nel Nord Est (+2,8%), nonostante gli andamenti non così positivi osservati in Veneto (+8%) e in Emilia Romagna (+1,6%). I dati per dimensione di impresa indicano che il ricorso al concordato preventivo è aumentato in tutte le fasce dimensionali considerate, ad eccezione delle microimprese con attivo di bilancio inferiore a 2 milioni di euro (14,1% tra primo semestre 212 e 211). Gli incrementi sono con tassi a due cifre tra le medie aziende con un attivo compreso tra 1 e 5 milioni di euro (+26,9%), tra le grandi società che superano i 5 milioni (+19,2%), tra quelle che non avevano presentato un bilancio tre anni prima della domanda (+21,9%). Cresce a un tasso del 6,5% il ricorso al concordato preventivo da parte delle imprese con un attivo di bilancio compreso tra 2 e 1 milioni di euro % Concordati preventivi per area geografica 8,2% +2,8% +16,7% 17,6% +1,1% +17,6% 1H 21 7,7% +5,7% Nord Est Nord Ovest Centro Sud e Isole +9,4% I concordati preventivi per regione regioni in cui sono stati aperti più concordati, numero di domande e tassi di crescita +8% +1,6% Lombardia Toscana Veneto Emilia romagna 15% 17,5% +113% +16% Marche Piemonte Lazio Liguria Concordati preventivi per dimensione di impresa in base al totale dell'attivo* +21,8% 14,1% +6,5% +26,9% +19,2% no bilancio minore di 2 mil tra 2 e 1 mil tra 1 e 5 mil maggiore di 5 mil Nota: valori di bilancio di tre anni prima rispetto all'apertura della procedura; escluso le società finanziarie Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata

Osservatorio trimestrale sulla crisi di impresa

Osservatorio trimestrale sulla crisi di impresa Maggio 2011 Osservatorio trimestrale sulla crisi di impresa Primo Trimestre 2011 I dati destagionalizzati indicano un calo nel primo trimestre; segnali di miglioramento dall industria Secondo gli archivi

Dettagli

Osservatorio trimestrale sulla crisi di impresa

Osservatorio trimestrale sulla crisi di impresa Gennaio 212 Osservatorio trimestrale sulla crisi di impresa Quarto Trimestre Soglia superata solo nel 5, quando potevano accedere alle procedure fallimentari anche le mircoimprese Secondo gli archivi di

Dettagli

FALLIMENTI, PROCEDURE E CHIUSURE DI IMPRESE

FALLIMENTI, PROCEDURE E CHIUSURE DI IMPRESE FALLIMENTI, PROCEDURE E CHIUSURE DI IMPRESE OSSERVATORIO 1 q MAGGIO 217 N 31 OSSERVATORIO SUI FALLIMENTI, PROCEDURE E CHIUSURE DI IMPRESE - MAGGIO 217 / N 31 CHIUSURE D IMPRESA ANCORA IN CALO, TORNATE

Dettagli

OSSERVATORIO SU FALLIMENTI, PROCEDURE E CHIUSURE DI IMPRESE

OSSERVATORIO SU FALLIMENTI, PROCEDURE E CHIUSURE DI IMPRESE 1. 1/2 3,6k 1k 1,5k OSSERVATORIO SU FALLIMENTI, PROCEDURE E CHIUSURE DI IMPRESE FEBBRAIO 215 #22 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 1.41421356237 Febbraio 215 / n 22 2 FALLIMENTI RECORD NEL OLTRE QUOTA 15 MILA SINTESI

Dettagli

... e i pagamenti delle imprese ... M a r z o 2 0 1 414

... e i pagamenti delle imprese ... M a r z o 2 0 1 414 ...... Osservatorio sui protesti...... M a r z o 2 0 1 4 Osservatorio sui protesti In calo protesti, mancati pagamenti e ritardi... Sintesi dei risultati Gli ultimi tre mesi del confermano la positiva

Dettagli

Osservatorio su fallimenti,

Osservatorio su fallimenti, ...... Osservatorio su fallimenti,...... Marzo Il triplo record negativo... Sintesi dei risultati I dati di Cerved Group relativi alle procedure concorsuali e alle liquidazioni indicano che la lunga recessione

Dettagli

Osservatorio trimestrale sulla crisi di impresa

Osservatorio trimestrale sulla crisi di impresa Dicembre 2009 Osservatorio trimestrale sulla crisi di impresa Terzo trimestre 2009 I concordati aperti nei primi nove mesi del 2009 hanno già superato quelli aperti in tutto il 2008 Secondo gli archivi

Dettagli

OSSERVATORIO SU FALLIMENTI, PROCEDURE E CHIUSURE DI IMPRESE

OSSERVATORIO SU FALLIMENTI, PROCEDURE E CHIUSURE DI IMPRESE 1. 1/2 3,6k 1k 1,5k OSSERVATORIO SU FALLIMENTI, PROCEDURE E CHIUSURE DI IMPRESE SETTEMBRE 216 #28 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 1.41421356237 Settembre 216 / n 28 2 TORNANO AD AUMENTARE LE CHIUSURE VOLONTARIE SINTESI

Dettagli

Febbraio 2012 numero 6. Osservatorio sui protesti e i pagamenti delle imprese

Febbraio 2012 numero 6. Osservatorio sui protesti e i pagamenti delle imprese Febbraio 2012 numero 6 Osservatorio sui protesti e i pagamenti delle imprese Il lento ritorno verso la normalità si è interrotto: soffrono soprattutto costruzioni e terziario Ritardi nei pagamenti e protesti:

Dettagli

Dicembre 2011 numero 5. Osservatorio sui protesti e i pagamenti delle imprese

Dicembre 2011 numero 5. Osservatorio sui protesti e i pagamenti delle imprese Dicembre 2011 numero 5 Osservatorio sui protesti e i pagamenti delle imprese Non confermati i segnali positivi emersi nei primi sei mesi del 2011: soffre soprattutto il terziario Aumentano ritardi e protesti

Dettagli

OSSERVATORIO SU FALLIMENTI, PROCEDURE E CHIUSURE DI IMPRESE

OSSERVATORIO SU FALLIMENTI, PROCEDURE E CHIUSURE DI IMPRESE 1. 1/2 3,6k 1k 1,5k OSSERVATORIO SU FALLIMENTI, PROCEDURE E CHIUSURE DI IMPRESE FEBBRAIO 217 #3 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 1.41421356237 Febbraio 217 / n 3 2 SI RAFFORZA IL CALO DEI FALLIMENTI, MA TORNANO A

Dettagli

... Osservatorio su fallimenti, ... Febbraio

... Osservatorio su fallimenti, ... Febbraio ...... Osservatorio su fallimenti,...... 4. 3.5 3. 2.5 2. 1.5 1. 29-: TUTT FALLMENT DELLA CRS CHUSO CHUSO La riforma della legge fallimentare esclude dall ambito di applicazione le imprese più piccole

Dettagli

Osservatorio su fallimenti,

Osservatorio su fallimenti, ...... Osservatorio su fallimenti,...... Maggio 214 214 Chiusure aziendali in calo nei primi mesi del 214... Sintesi dei risultati Idati dei primi tre mesi del 214 relativi alle procedure concorsuali e

Dettagli

Osservatorio su fallimenti,

Osservatorio su fallimenti, ...... Osservatorio su fallimenti,...... IL PESO ECONOMICO DI PROCEDURE E LIQUIDAZIONI Procedure e liquidazioni (1H ) 16% 7.38 FALLIMENTI Società 25,6% di capitale Senza bilancio valido 26,2% Altre forme

Dettagli

Ottobre 2011 numero 4. Osservatorio sui protesti e i pagamenti delle imprese

Ottobre 2011 numero 4. Osservatorio sui protesti e i pagamenti delle imprese Ottobre 2011 numero 4 Osservatorio sui protesti e i pagamenti delle imprese Migliora soprattutto l industria ed è in crescita anche la puntualità nei pagamenti tra imprese Protesti delle imprese vicini

Dettagli

Osservatorio su fallimenti,

Osservatorio su fallimenti, ...... Osservatorio su fallimenti,...... Nuova impennata dei fallimenti nel secondo trimestre... Sintesi dei risultati Idati Cerved relativi alle chiusure aziendali indicano che nel secondo trimestre del

Dettagli

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 309

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 309 ......, e i pagamenti delle imprese...... numero G e n n a i o 2 0 1 309 LA MAPPA DI CHI NON PAGA 20.000 Livelli record per i mancati pagamenti Società protestate 1q2007-2012 La recessione del 2009 porta

Dettagli

... e i pagamenti delle imprese ... M a r z o 2 0 1 3 10

... e i pagamenti delle imprese ... M a r z o 2 0 1 3 10 ...... Osservatorio sui protesti, e i pagamenti delle imprese...... M a r z o 2 0 1 3 10 MANCATI PAGAMENTI E RITARDI l anno nero delle costruzioni 32.549 47MILA 45.425 45.348 Roma 1/3/2013 43.464 1.000

Dettagli

FIGURA 1 ESPORTAZIONI PER MACROAREA DATI TRIMESTRALI (variazioni percentuali rispetto all anno precedente)

FIGURA 1 ESPORTAZIONI PER MACROAREA DATI TRIMESTRALI (variazioni percentuali rispetto all anno precedente) Le esportazioni delle regioni italiane estre 3 13/6/3 CONGIUNTURA TERRITORIALE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE I Trimestre 3 Giugno 3 La dinamica delle esportazioni in valore nel estre 3 registra un

Dettagli

... Osservatorio su fallimenti, ... NOV. Trimestre

... Osservatorio su fallimenti, ... NOV. Trimestre ...... Osservatorio su fallimenti,...... 212 NOV. Trimestre 2 1 2 55 MILA IMPRESE FUORI DAL MERCATO NEI PRIMI 9 MESI DEL 212 Imprese in procedura concorsuale o liquidate 54MILA 47MILA CHIUSO CHIUSO 55MILA

Dettagli

Pagamenti e protesti: chiude male il 2011

Pagamenti e protesti: chiude male il 2011 Pagamenti e protesti: chiude male il 2011 L Osservatorio sui protesti e i pagamenti delle imprese realizzato da Cerved Group a febbraio registra come il lento ritorno verso la normalità si sia interrotto:

Dettagli

Giugno 2011 numero 3. Osservatorio sui protesti e i pagamenti delle imprese

Giugno 2011 numero 3. Osservatorio sui protesti e i pagamenti delle imprese Giugno 2011 numero 3 Osservatorio sui protesti e i pagamenti delle imprese I miglioramenti sono diffusi a tutta la Penisola e a quasi tutti i settori Calano i protesti tra le PMI, migliora la puntualità

Dettagli

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato Tab. IS.9.1a - Incidenti per tipo di e - Anni 2001-2013 a) Valori assoluti Anno 2001 o a altri Piemonte 16.953 23.818 19 77 167 146 80 67 1.942 123 254 153 50 59 824 1.920 1.037 653 50 4 23 0 112 31.578

Dettagli

Le esportazioni delle regioni italiane

Le esportazioni delle regioni italiane 14 marzo 2003 Le esportazioni delle regioni italiane Anno 2002 Nel 2002 le esportazioni italiane hanno registrato una diminuzione in valore del 2,8 per cento rispetto al 2001. La contrazione, pur interessando

Dettagli

GLI EFFETTI DELLA CRISI SULLE IMPRESE DI COSTRUZIONI

GLI EFFETTI DELLA CRISI SULLE IMPRESE DI COSTRUZIONI GLI EFFETTI DELLA CRISI SULLE IMPRESE DI COSTRUZIONI Estratto dall Osservatorio Congiunturale sull Industria delle Costruzioni Luglio 2016 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi ESTRATTO

Dettagli

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 413

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 413 ...... Osservatorio sui protesti...... G e n n a i o 2 0 1 4 Osservatorio sui protesti In calo i mancati pagamenti e i gravi ritardi delle imprese... Sintesi dei risultati Nel terzo trimestre del i dati

Dettagli

Approfondimento 1 - Rsu per comparto e per ripartizione geografica

Approfondimento 1 - Rsu per comparto e per ripartizione geografica 1 Approfondimento 1 - Rsu per comparto e per ripartizione geografica ripartizione geografica votanti partec. voti validi CGIL CISL UIL ALTRE LISTE AGENZIE FISCALI Nord Ovest 85 12.904 11.248 87,17 10.922

Dettagli

Comunicato stampa. Ufficio stampa Consiglio nazionale dei commercialisti Mauro Parracino

Comunicato stampa. Ufficio stampa Consiglio nazionale dei commercialisti Mauro Parracino Comunicato stampa PROFESSIONI, COMMERCIALISTI: IN DIECI ANNI REDDITI GIU DEL 14% SECONDO IL RAPPORTO 2017 SULLA CATEGORIA QUELLO MEDIO DEL 2016 È PARI A 58MILA EURO (+2,2 SULL ANNO PRECEDENTE). MA QUASI

Dettagli

Statistiche in breve

Statistiche in breve Statistiche in breve A cura del Coordinamento Generale Statistico Attuariale Giugno 2016 Anno 2015 Lavoratori Domestici Nell anno 2015 i lavoratori domestici 1 contribuenti all Inps sono stati 886.125,

Dettagli

La popolazione toscana al 1 gennaio marzo 2014

La popolazione toscana al 1 gennaio marzo 2014 La popolazione toscana al 1 gennaio 2013 marzo 2014 Il contesto nazionale La popolazione residente in Italia nell ultimo decennio è cresciuta sensibilmente. Complessivamente la variazione è stata pari

Dettagli

Il saldo della bilancia commerciale risulta positivo ed è pari a 18 miliardi e 454 milioni di euro.

Il saldo della bilancia commerciale risulta positivo ed è pari a 18 miliardi e 454 milioni di euro. I SEMESTRE 2015: CRESCITA DELL EXPORT IN LIGURIA DEL 7% Nel primo semestre 2015, rispetto allo stesso periodo del 2014, in Italia le vendite di beni sui mercati esteri risultano in sensibile espansione

Dettagli

Osservatorio su fallimenti,

Osservatorio su fallimenti, ...... Osservatorio su fallimenti,...... Maggio Come funziona il concordato con riserva Nel settembre del sono entrate in vigore alcune modifiche al concordato preventivo, la procedura attraverso la quale

Dettagli

Le consistenze e la natimortalità

Le consistenze e la natimortalità Rete carburanti, contrazione di imprese,consumi in rosso per la rete, perdita secca in autostrada. 2014 da dimenticare. Le consistenze e la natimortalità Nei primi dieci mesi del 2014 le imprese che operano

Dettagli

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1k 1,5k OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE DICEMBRE #17 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 1.41421356237 2 RITARDI AI MINIMI E PROTESTI IN FORTE CALO NEL TERZO TRIMESTRE SINTESI DEI RISULTATI

Dettagli

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE ( * ) IN LIGURIA NEL 2016

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE ( * ) IN LIGURIA NEL 2016 LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE ( * ) IN LIGURIA NEL 216 Saldi positivi per giovani e stranieri, in calo le donne Nel 216 il saldo tra iscrizioni e cessazioni di imprese giovanili

Dettagli

BANDI DI GARA PER LAVORI PUBBLICI IN LIEVE AUMENTO A SETTEMBRE 2016 MA I PRIMI NOVE MESI RESTANO NEGATIVI

BANDI DI GARA PER LAVORI PUBBLICI IN LIEVE AUMENTO A SETTEMBRE 2016 MA I PRIMI NOVE MESI RESTANO NEGATIVI Direzione Affari Economici e Centro Studi BANDI DI GARA PER LAVORI PUBBLICI IN LIEVE AUMENTO A SETTEMBRE 216 MA I PRIMI NOVE MESI RESTANO NEGATIVI Nel mese di settembre 216, secondo il monitoraggio Ance-Infoplus

Dettagli

Affitti Quota Latte - Periodo 2014/2015

Affitti Quota Latte - Periodo 2014/2015 Affitti Quota Latte - Periodo 2014/2015 PIEMONTE 603 1.127 87.148.771 13,0 144.525 VALLE D'AOSTA 80 88 1.490.121 0,2 18.627 LOMBARDIA 1.503 2.985 280.666.835 41,8 186.738 PROV. AUT. BOLZANO 1 1 31.970

Dettagli

Un confronto tra il primo semestre 2008 ed il primo semestre 2011

Un confronto tra il primo semestre 2008 ed il primo semestre 2011 IL PART-TIME IN ITALIA Un confronto tra il primo semestre 2008 ed il primo semestre 2011 PANEL DATA P.tta Gasparotto, 8-35131 Padova Tel. 049 8046411 Fax 049 8046444 www.datagiovani.it info@datagiovani.it

Dettagli

Osservatorio Nazionale. Fondo Per la Formazione dei lavoratori temporanei

Osservatorio Nazionale. Fondo Per la Formazione dei lavoratori temporanei Osservatorio Nazionale Fondo Per la Formazione dei lavoratori temporanei Rapporto sintetico FORMA. TEMP. 2008 L attività di FORMATEMP nel 2008: I progetti, gli allievi coinvolti, le risorse impiegate Nel

Dettagli

IL COMMERCIO ESTERO DELL ITALIA NEL I TRIMESTRE 2012

IL COMMERCIO ESTERO DELL ITALIA NEL I TRIMESTRE 2012 IL COMMERCIO ESTERO DELL ITALIA NEL I TRIMESTRE 212 Nei primi tre mesi del 212 il valore delle esportazioni italiane di merci è aumentato del 5,5 per cento rispetto allo stesso periodo del 211 per un totale

Dettagli

BANDI DI GARA PER LAVORI PUBBLICI IN CALO NEL PRIMO TRIMESTRE 2016: -13,5% IN NUMERO E -35,4% IN VALORE

BANDI DI GARA PER LAVORI PUBBLICI IN CALO NEL PRIMO TRIMESTRE 2016: -13,5% IN NUMERO E -35,4% IN VALORE Direzione Affari Economici e Centro Studi BANDI DI GARA PER LAVORI PUBBLICI IN CALO NEL PRIMO TRIMESTRE 2016: -13,5% IN NUMERO E -35,4% IN VALORE Dopo la crescita registrata nel biennio 2014-2015, nei

Dettagli

Osservatorio Nazionale Nota trimestrale novembre 2008

Osservatorio Nazionale Nota trimestrale novembre 2008 Nota trimestrale novembre 2008 Il lavoro in somministrazione nel terzo trimestre 2008: analisi dei dati degli archivi INAIL e INPS. Occupati, giornate retribuite e missioni avviate nel terzo trimestre

Dettagli

UP & DOWN - COME CAMBIA IL RISCHIO DELLE IMPRESE

UP & DOWN - COME CAMBIA IL RISCHIO DELLE IMPRESE 1.000 1/2 3,6k 1k 1,5k UP & DOWN - COME CAMBIA IL RISCHIO DELLE IMPRESE LUGLIO 2016 #2 (2 a+2b) 12, 75, 1.41421356237 2 CINQUE ANNI DOPO GLI UPGRADE TORNANO A SUPERARE I DOWNGRADE SINTESI DEI RISULTATI

Dettagli

L ATTUALE QUADRO ECONOMICO 1

L ATTUALE QUADRO ECONOMICO 1 + 0,3% PIL (Fonte Istat) L ATTUALE QUADRO ECONOMICO 1 L Istat non ha ancora diffuso i dati regionali sul PIL 2015. L incremento dello 0,3% del PIL abruzzese nel 2015 è un dato Prometeia diffuso dal Cresa.

Dettagli

Occupati - Disoccupati 2010 Confronto su Forza Lavoro Tra 2 Trimestre 2010 e Trimestri anni precedenti. Incidenza della CIG sugli occupati

Occupati - Disoccupati 2010 Confronto su Forza Lavoro Tra 2 Trimestre 2010 e Trimestri anni precedenti. Incidenza della CIG sugli occupati Occupati - Disoccupati 2010 Confronto su Forza Lavoro Tra 2 Trimestre 2010 e Trimestri anni precedenti. Incidenza della CIG sugli occupati A Cura dell Dipartimento Settori Produttivi, Industria -Agricoltura

Dettagli

Struttura Ex asl impegni prestazioni costo Ticket Regione

Struttura Ex asl impegni prestazioni costo Ticket Regione Struttura Ex asl impegni prestazioni costo Ticket Regione H02 102 3.244 4.234 prestazioni 106.541,38 39.721,59 Basilicata H03 102 6.820 9.139 183.359,67 103.341,43 Basilicata H04 102 2.243 2.243 150.815,00

Dettagli

2 TRIMESTRE 2015: saldi positivi per imprese giovanili, femminili e straniere

2 TRIMESTRE 2015: saldi positivi per imprese giovanili, femminili e straniere 2 TRIMESTRE 215: saldi positivi per imprese giovanili, femminili e straniere Nel secondo trimestre 215 i saldi tra iscrizioni e cessazioni di imprese liguri giovanili, femminili e straniere ( * ) risultano

Dettagli

Struttura Ex asl impegni prestazioni costo prestazioni Ticket Regione H , ,76 Basilicata H

Struttura Ex asl impegni prestazioni costo prestazioni Ticket Regione H , ,76 Basilicata H Struttura Ex asl impegni prestazioni costo prestazioni Ticket Regione H02 102 4.663 6.145 159.302,40 51.697,76 Basilicata H03 102 9.222 12.473 252.025,98 136.892,31 Basilicata H04 102 3.373 3.373 230.650,00

Dettagli

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE STIMA E PREVISIONE DEI TASSI DI INGRESSO IN SOFFERENZA DELLE SOCIETÀ NON FINANZIARIE PER FASCIA DIMENSIONALE N. 5 MAGGIO 2017 IN CALO LE NUOVE SOFFERENZE

Dettagli

Le dichiarazioni Ires e Irap in FVG

Le dichiarazioni Ires e Irap in FVG 14 marzo #economia Rassegna stampa Messaggero Veneto 13mar2016 Le dichiarazioni Ires e Irap in FVG Il Ministero dell Economia e delle Finanze ha recentemente pubblicato le statistiche sulle dichiarazioni

Dettagli

I numeri della pratica sportiva in Italia Giovedì 23 Febbraio 2017 Salone d Onore del CONI - Foro Italico - Roma

I numeri della pratica sportiva in Italia Giovedì 23 Febbraio 2017 Salone d Onore del CONI - Foro Italico - Roma I numeri della pratica sportiva in Italia Giovedì 23 Febbraio 2017 Salone d Onore del CONI - Foro Italico - Roma I numeri della pratica sportiva I dati dell'istat descrivono come, dal 2013 ad oggi, la

Dettagli

Analisi Semestrale: le Spese degli Italiani con Carta di Credito

Analisi Semestrale: le Spese degli Italiani con Carta di Credito Analisi Semestrale: le Spese degli Italiani con Carta di Credito Gennaio-giugno 2012 Marketing CartaSi 1 Un semestre impulsivo Sei mesi in altalena con lo sguardo all Europa Nel primo semestre 2012 gli

Dettagli

Le esportazioni delle regioni italiane

Le esportazioni delle regioni italiane Le esportazioni delle regioni italiane Gennaio giugno 2008 17 settembre 2008 Nel periodo gennaio-giugno 2008 il valore delle esportazioni italiane ha registrato un incremento del 5,9 per cento rispetto

Dettagli

La Lombardia è la regione con il numero maggiore di imprese attive (circa 803.000): la metà sono imprese individuali, ¼ sono società di capitale e ¼

La Lombardia è la regione con il numero maggiore di imprese attive (circa 803.000): la metà sono imprese individuali, ¼ sono società di capitale e ¼ Analisi di settore Questo documento è un analisi sintetica sulle caratteristiche delle imprese italiane suddivise nei principali settori merceologici. L analisi è realizzata da CRIBIS.it con l ausilio

Dettagli

delle Partecipate e dei fornitori

delle Partecipate e dei fornitori ...... I pagamenti della Pubblica Amministrazione,...... F e b b r a i o 2 0 1 4 I pagamenti della PA, Sblocco debiti PA: anche i fornitori pagano le fatture arretrate... Sintesi dei risultati I provvedimenti

Dettagli

IMPRESE: IN CALO GLI IMPIEGHI BANCARI, AUMENTA IL RISCHIO USURA

IMPRESE: IN CALO GLI IMPIEGHI BANCARI, AUMENTA IL RISCHIO USURA IMPRESE: IN CALO GLI IMPIEGHI BANCARI, AUMENTA IL RISCHIO USURA A seguito delle difficoltà in cui versano molte banche italiane, nell ultimo anno (maggio 2016 sullo stesso mese del 2015) gli impieghi bancari

Dettagli

IL SETTORE TERMALE. Caratteristiche strutturali e performance. Federterme. Rimini, 12 maggio 2011 * * *

IL SETTORE TERMALE. Caratteristiche strutturali e performance. Federterme. Rimini, 12 maggio 2011 * * * IL SETTORE TERMALE Caratteristiche strutturali e performance * * * Federterme Rimini, 12 maggio 2011 Numero delle imprese termali per aree geografiche al 31/12/2010 378 Imprese 259 Società di capitali

Dettagli

Dipartimento Mercato del Lavoro Osservatorio Cassa Integrazione Agosto

Dipartimento Mercato del Lavoro Osservatorio Cassa Integrazione Agosto Dipartimento Mercato del Lavoro Osservatorio Cassa Integrazione Agosto 2009 1 L INPS ha reso noto i dati di luglio e agosto sulle ore di cassa integrazione. Rispetto all ultimo aggiornamento dell osservatorio

Dettagli

I primati di Bologna nel mercato del lavoro nel 2007

I primati di Bologna nel mercato del lavoro nel 2007 I primati di nel mercato del lavoro nel 2007 Maggio 2008 Direttore: Gianluigi Bovini Coordinamento tecnico: Franco Chiarini Redazione: Paola Ventura Mappe tematiche: Fabrizio Dell Atti Le elaborazioni

Dettagli

Il ricorso alla Cassa Integrazione Ordinaria, Straordinaria ed in Deroga Anno 2013

Il ricorso alla Cassa Integrazione Ordinaria, Straordinaria ed in Deroga Anno 2013 Il ricorso alla Cassa Integrazione Ordinaria, Straordinaria ed in Deroga Anno CIGO e CIGS e CIG in Deroga CIGO CIGS Il numero di ore di cassa integrazione ordinaria, straordinaria ed in deroga complessivamente

Dettagli

Nota di commento ai dati sulla spesa nella Ricerca e Sviluppo e sull innovazione nelle imprese

Nota di commento ai dati sulla spesa nella Ricerca e Sviluppo e sull innovazione nelle imprese Nota di commento ai dati sulla spesa nella Ricerca e Sviluppo e sull innovazione nelle imprese Fonte: Istat Ricerca e Sviluppo in Italia (anno 2014) Le rilevazioni sulla Ricerca e lo sviluppo sperimentale,

Dettagli

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI LO STOCK ABITATIVO IN ITALIA

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI LO STOCK ABITATIVO IN ITALIA DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI LO STOCK ABITATIVO IN ITALIA 5 Maggio 2015 INDICE SINTESI... 3 ABITAZIONI... 4 ABITAZIONI OCCUPATE DA PERSONE RESIDENTI... 6 POPOLAZIONE E FAMIGLIE... 9 ABITAZIONI

Dettagli

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE 11 dicembre 2013 III Trimestre 2013 LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE Nel terzo trimestre del 2013, rispetto ai tre mesi precedenti, le regioni dell Italia nord-occidentale conseguono una rilevante

Dettagli

CASA.IT : Nota Congiunturale Mercato immobiliare residenziale

CASA.IT : Nota Congiunturale Mercato immobiliare residenziale CASA.IT : Nota Congiunturale Mercato immobiliare residenziale A cura del Centro Studi di Casa.it Maggio 2013 OVERVIEW: Highlights Alla fine del 2012 gli scambi di abitazioni in Italia hanno fatto registrare

Dettagli

I consumi alimentari in Italia in periodo di crisi

I consumi alimentari in Italia in periodo di crisi I consumi alimentari in Italia in periodo di crisi Alberto Franco Pozzolo (Università degli Studi del Molise e Gruppo 213) Le domande La Grande recessione, iniziata nel 28, è stata la peggiore crisi economica

Dettagli

OCCUPAZIONE ITALIANA E STRANIERA A CONFRONTO

OCCUPAZIONE ITALIANA E STRANIERA A CONFRONTO OCCUPAZIONE ITALIANA E STRANIERA A CONFRONTO QUALI LE DINAMICHE DAL 2008 AL 2009 STUDIO DELLE DIFFERENZE ASSOLUTE DEGLI OCCUPATI Distinzioni per Posizione nella professione Classi di età Genere Macroarea

Dettagli

Capitolo 9 La mortalità per incidenti stradali

Capitolo 9 La mortalità per incidenti stradali Capitolo 9 La mortalità per incidenti stradali Introduzione Gli incidenti stradali costituiscono un problema prioritario di sanità pubblica per la loro numerosità e per le conseguenze in termini di mortalità,

Dettagli

Ufficio Studi. Il Valore Aggiunto: dati e analisi per ripartizioni geografiche e attività economiche

Ufficio Studi. Il Valore Aggiunto: dati e analisi per ripartizioni geografiche e attività economiche Ufficio Studi Il Valore Aggiunto: dati e analisi per ripartizioni geografiche e attività economiche Il Valore Aggiunto: dati e analisi per ripartizioni geografiche e attività economiche Il report è stato

Dettagli

REGIME QUOTE LATTE AFFITTI DI QUOTA

REGIME QUOTE LATTE AFFITTI DI QUOTA AZIENDE RILEVATARIE PER CLASSIFICAZIONE C-Montana Aziende 6.000 B-Svantaggiata A-Non svantaggiata 5.000 4.000 3.000 524 450 499 336 597 305 803 394 629 358 532 413 572 454 609 441 697 592 818 609 627 481

Dettagli

Crediti in sofferenza e aste immobiliari

Crediti in sofferenza e aste immobiliari Crediti in sofferenza e aste immobiliari Italia, Aprile 2015 SOFFERENZE BANCARIE E ASTE IMMOBILIARI Settembre www.osservatorioimmobiliaredigitale.it Copyright - Tutti i diritti sono riservati Sommario

Dettagli

Direzione Generale del Personale e degli Affari Generali e Amministrativi SERVIZIO STATISTICO - UFFICIO SISTAN NOTIZIARIO STATISTICO

Direzione Generale del Personale e degli Affari Generali e Amministrativi SERVIZIO STATISTICO - UFFICIO SISTAN NOTIZIARIO STATISTICO Direzione Generale del Personale e degli Affari Generali e Amministrativi SERVIZIO STATISTICO - UFFICIO SISTAN NOTIZIARIO STATISTICO ANNO - NUMERO 1 AFFLUENZA ALLE URNE DEI GENITORI E DEGLI STUDENTI PER

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL II TRIMESTRE 2010

IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL II TRIMESTRE 2010 IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL II TRIMESTRE 21 Il volume di erogazioni per l acquisto di abitazioni da parte delle famiglie italiane nel secondo trimestre del 21 è pari a 16.181 milioni di euro, in

Dettagli

L avvocatura italiana: Alcuni dati statistici al 2013

L avvocatura italiana: Alcuni dati statistici al 2013 L avvocatura italiana: Alcuni dati statistici al 2013 1 La dinamica evolutiva del numero degli avvocati e confronto con popolazione italiana Distribuzione territoriale degli avvocati I nuovi ingressi alla

Dettagli

Valutazione sull andamento congiunturale delle imprese cooperative biellesi I semestre 2012

Valutazione sull andamento congiunturale delle imprese cooperative biellesi I semestre 2012 Valutazione sull andamento congiunturale delle imprese cooperative biellesi I semestre 2012 Roberto Strocco Coordinatore Area Studi e Sviluppo del Territorio Unioncamere Piemonte Lo scenario internazionale

Dettagli

Le imprese giovanili 1 in Piemonte

Le imprese giovanili 1 in Piemonte Le imprese giovanili 1 in Piemonte A fine 2015, le imprese giovanili registrate in Italia hanno raggiunto quota 623.755 unità, il 10,3% delle imprese complessivamente censite presso i Registri delle Camere

Dettagli

STUDIO COMPLETO OSSERVATORIO SUICIDI PER CRISI ECONOMICA, LINK LAB ANALISI DEL 1 TRIMESTRE 2014

STUDIO COMPLETO OSSERVATORIO SUICIDI PER CRISI ECONOMICA, LINK LAB ANALISI DEL 1 TRIMESTRE 2014 STUDIO COMPLETO OSSERVATORIO SUICIDI PER CRISI ECONOMICA, LINK LAB ANALISI DEL TRIMESTRE 0 Nei primi tre mesi del 0 sono già le persone che si sono tolte la vita per motivazioni economiche, rispetto ai

Dettagli

Analisi Filiali Banca Estesa: Confronto I Trim vs periodi precedenti

Analisi Filiali Banca Estesa: Confronto I Trim vs periodi precedenti Analisi Filiali Banca Estesa: Confronto I Trim. 2014 vs periodi precedenti Direzione Pianificazione e Controllo di Gestione Incontro con le OO.SS. Milano, 29 maggio 2014 Divisione Banca dei Territori Numerosità

Dettagli

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE 13 giugno 2011 I Trimestre 2011 LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE Nel primo trimestre 2011 si rileva una crescita congiunturale delle esportazioni per tutte le ripartizioni territoriali, più marcata

Dettagli

GLI STRANIERI A LISSONE: DA STUDENTI A IMPRENDITORI?

GLI STRANIERI A LISSONE: DA STUDENTI A IMPRENDITORI? Città di Lissone Provincia di Monza e della Brianza GLI STRANIERI A LISSONE: DA STUDENTI A IMPRENDITORI? Indagine statistica su un fenomeno emergente IMMIGRAZIONE IN ITALIA Al 1 gennaio 2010 sono presenti

Dettagli

Edifici e abitazioni

Edifici e abitazioni 11 agosto 2014 Edifici e abitazioni L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi sugli edifici. Il censimento degli edifici è avvenuto nel 2011 con modalità e tecnologie profondamente rinnovate rispetto

Dettagli

Infortuni sul lavoro Anni

Infortuni sul lavoro Anni Statistica e Osservatori NOTIZIESTATISTICHE STATISTICA E OSSERVATORI N. 2 - Luglio 2008 L INAIL produce annualmente un rapporto sulle denunce di infortuni sul lavoro. I dati sono derivati da archivi gestionali

Dettagli

CONTINUA IL TREND DI CRESCITA DEI BANDI DI GARA PER LAVORI PUBBLICI NEL CORSO DEL 2015

CONTINUA IL TREND DI CRESCITA DEI BANDI DI GARA PER LAVORI PUBBLICI NEL CORSO DEL 2015 Direzione Affari Economici e Centro Studi CONTINUA IL TREND DI CRESCITA DEI BANDI DI GARA PER LAVORI PUBBLICI NEL CORSO DEL 2015 Nei primi otto mesi dell anno sono stati pubblicati circa 1.300 bandi in

Dettagli

1 Elaborazione a cura di CAIRE

1 Elaborazione a cura di CAIRE 1 Elaborazione a cura di Previsione 2020 SCENARIO A Lo scenario A è quello più ottimistico : i saldi migratori si mantengono costanti sui livelli degli ultimi 5 anni, vale a dire uno dei periodi con le

Dettagli

Statistiche in breve

Statistiche in breve Statistiche in breve A cura del Coordinamento Generale Statistico Attuariale Novembre 2015 Osservatorio sui lavoratori dipendenti 1 privato del settore 1. NUMERO LAVORATORI, RETRIBUZIONI E GIORNATE RETRIBUITE

Dettagli

Gli occupati stranieri pag. 2. I disoccupati stranieri pag. 4. La tipologia di impiego pag. 6

Gli occupati stranieri pag. 2. I disoccupati stranieri pag. 4. La tipologia di impiego pag. 6 Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Il mercato del lavoro straniero in Italia Anno 2011 Gli occupati stranieri pag. 2 I disoccupati stranieri pag. 4 La tipologia di impiego pag. 6 1 Gli occupati

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

CASSA INTEGRAZIONE METALMECCANICI GENNAIO 2010 E CONFRONTO TRA VOLUMI TOTALI 2009 E 2008

CASSA INTEGRAZIONE METALMECCANICI GENNAIO 2010 E CONFRONTO TRA VOLUMI TOTALI 2009 E 2008 Federazione Impiegati Operai Metallurgici nazionale corso Trieste, 36-00198 Roma - tel. +39 06 852621 - fax +39 06 85303079 www.fiom.cgil.it - e-mail: protocollo@fiom.cgil.it UFFICIO SINDACALE CASSA INTEGRAZIONE

Dettagli

Le esportazioni delle regioni italiane

Le esportazioni delle regioni italiane Le esportazioni delle regioni italiane Gennaio settembre 2007 12 dicembre 2007 Nel periodo gennaio-settembre 2007 il valore delle esportazioni italiane ha registrato un aumento dell 11,5 per cento rispetto

Dettagli

MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010

MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010 MEDIAZIONE CIVILE EX D.L. 28/2010 STATISTICHE RELATIVE AL PERIODO 1 GENNAIO 30 GIUGNO 2014 Ministero della Giustizia Dipartimento della organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi Direzione

Dettagli

DIFFERENZE REGIONALI NELLA SPESA TERRITORIALE E NEL CONSUMO DEI FARMACI NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2012

DIFFERENZE REGIONALI NELLA SPESA TERRITORIALE E NEL CONSUMO DEI FARMACI NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2012 DIFFERENZE REGIONALI NELLA SPESA TERRITORIALE E NEL CONSUMO DEI FARMACI NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2012 In calo la spesa farmaceutica convenzionata in tutte le Regioni italiane, le maggiori riduzioni si registrano

Dettagli

CIG - Cassa Integrazione Guadagni REPORT MENSILE AGOSTO 2013

CIG - Cassa Integrazione Guadagni REPORT MENSILE AGOSTO 2013 Coordinamento Generale Statistico attuariale CIG - Cassa Integrazione Guadagni Ore autorizzate per trattamenti di integrazione salariale REPORT MENSILE AGOSTO 2013 APPENDICE: Aggiornamento del tasso di

Dettagli

Contiene un Focus sulle Comunicazioni Obbligatorie 2015 e 1 T (fonte: MLPS)

Contiene un Focus sulle Comunicazioni Obbligatorie 2015 e 1 T (fonte: MLPS) Contiene un Focus sulle Comunicazioni Obbligatorie 2015 e 1 T. 2016 (fonte: MLPS) Commercio estero e prezzi all import Maggio: export -0,2% import -1,2%, prezzi all import prodotti industriali +1,0% su

Dettagli

Dati statistici sull energia elettrica in Italia Nota di sintesi CRESCE LA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2015: +2,0%

Dati statistici sull energia elettrica in Italia Nota di sintesi CRESCE LA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2015: +2,0% Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2015 Nota di sintesi CRESCE LA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2015: +2,0% I dati definitivi sul bilancio elettrico del 2015 fanno registrare un aumento del

Dettagli

Le esportazioni delle regioni italiane

Le esportazioni delle regioni italiane Le esportazioni delle regioni italiane Gennaio dicembre 2007 13 marzo 2008 Nel 2007 il valore delle esportazioni italiane ha registrato un aumento dell 8 per cento rispetto al 2006 (più 6,1 per cento verso

Dettagli

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE NUOVE SOFFERENZE DELLE IMPRESE

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE NUOVE SOFFERENZE DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1.000 1k 1,5k OUTLOOK ABI-CERVED SULLE NUOVE SOFFERENZE DELLE IMPRESE Stima e previsione dei tassi di ingresso in sofferenza delle società non finanziarie per fascia dimensionale GENNAIO 2017

Dettagli

AUMENTA L IMPRENDITORIA STRANIERA: BOOM DI QUELLA CINESE

AUMENTA L IMPRENDITORIA STRANIERA: BOOM DI QUELLA CINESE AUMENTA L IMPRENDITORIA STRANIERA: BOOM DI QUELLA CINESE In forte calo, però, le rimesse verso la Cina. In Lombardia, in Toscana, nel Veneto e in Emilia Romagna si concentra il 60 per cento circa degli

Dettagli

ASSENZE DAL LAVORO: STATALI PIU MALATICCI DEI DIPENDENTI PRIVATI

ASSENZE DAL LAVORO: STATALI PIU MALATICCI DEI DIPENDENTI PRIVATI ASSENZE DAL LAVORO: STATALI PIU MALATICCI DEI DIPENDENTI PRIVATI Nel 2014 un dipendente pubblico su 2 è rimasto a casa per malattia, uno su 3 nel privato ============== Secondo una stima dell Ufficio studi

Dettagli

LE IMPRESE LIGURI NEL 2014

LE IMPRESE LIGURI NEL 2014 LE IMPRESE LIGURI NEL 214 Ci lasciamo alle spalle un anno ancora difficile: perse altre 9 imprese, più della metà sono artigiane I dati di chiusura del 214 non sono confortanti: il saldo tra imprese iscritte

Dettagli

Punto 5 dell ordine del giorno: A - Analisi della risposta all Invito per la presentazione di progetti di ricerca industriale

Punto 5 dell ordine del giorno: A - Analisi della risposta all Invito per la presentazione di progetti di ricerca industriale Punto 5 dell ordine del giorno: Informativa sulle azioni attivate A - Analisi della risposta all Invito per la presentazione di progetti di ricerca industriale Comitato di Sorveglianza 16 giugno 2010 Roma

Dettagli

FONDAZIONE NAZIONALE DEI COMMERCIALISTI

FONDAZIONE NAZIONALE DEI COMMERCIALISTI RAPPORTO 2016. Nel 2015 gli Iscritti all Albo sono in crescita (+1%), mentre i redditi medi (dichiarazioni 2015, anno d imposta 2014) sono in calo dell 1,9% a fronte di una crescita del Pil nominale nel

Dettagli