LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

Advertisement
Documenti analoghi
Il teatro è uno strumento educativo e formativo che i bambini praticano. da sempre nella forma spontanea e divertente del gioco.

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro

IL COACHING delle Ambasciatrici

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente).

Processi di comunicazione scuola-famiglia

Perché un libro di domande?

METTI IN MOTO IL TALENTO

COMUNITÀ DI PRATICA. i loro membri condividono modalità di AZIONE E INTERPRETAZIONE della realtà

A.S. 2015/2016. RAPPRESENTANZA, RESPONSABILITA, PARTECIPAZIONE (punti di forza e

Le Donne: il motore della vita

YouLove Educazione sessuale 2.0

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action Youth Initiatives

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

The Leader. Scopri la tua tecnica nella vita. Solleverai qualsiasi peso. Emanuele Radice. Sviluppo personale - self Help

Donna Ì : un milione di no

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO

QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

Da Manager a Consulente

RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero)

Classe 3 B sc. Padre Gemelli PROGETTO COMPRARE E VENDERE: OPPORTUNITĂ DIVERSE PER IMPARARE AD ARRICCHIRE INTERIORMENTE

CHE FORTE! L EMOZIONE DI CRESCERE UN FIGLIO MILANO, APRILE 2013

Gestione del conflitto o della negoziazione

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore

TRE ANNI TRAGUARDI per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI di apprendimento CONTENUTI

EDUCARE ALLA SESSUALITA E ALL AFFETTIVITA

SVILUPPO TALENTI PROGETTO CONSEGUIRE OBIETTIVI RICERCARE ECCELLENZA

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA. Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale.

Confi ndustria Modena. Gruppo Giovani Imprenditori

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

CADERE SETTE VOLTE...RIALZARSI OTTO

FORMAZIONE DEI FORMATORI Disagio e bullismo. Dr Fabio Muscionico U.O. Gestione Consultori Familiari

FORMAZIONE RESIDENZIALE ESTATE 2016

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

servizio civile volontario

ASSOCIAZIONE ARTEMENTE

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO

Papà Missione Possibile

Scuola dell Infanzia M.Montessori. Progetto Educativo-Didattico A.S

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana

Educare alla cittadinanza il senso dell esperienza

PROGETTO - IO MANAGER!-

Assemblea coordinamento donne Cesena

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15

JOB RECRUITMENT.

Verona Innovazione 19/06/2015. Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi. Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO

I PROPRI COLLABORATORI. Bozen Bolzano Franco Cesaro

IL VALORE DELLA COMUNICAZIONE ALL INTERNO DI UN TEAM

LA FIDUCIA IN AZIENDA

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

ESSERE FELICI E MEGLIO!

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

La famiglia davanti all autismo

Tip #2: Come siriconosceun leader?

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI

CURRICULO VERTICALE SCIENZE MOTORIE

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA.

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

Le competenze chiave per la scuola del 21 secolo Report attività Studenti - dibattito competenze chiave - esperienze e proposte

Team Building: la sfida outdoor

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA

La Sagrada Famiglia 2015

PERCORSO DI FORMAZIONE SUI METODI DI APPRENDIMENTO COOPERATIVO. LABORATORIO PERMANENTE di FORMAZIONE E RICERCA

CIRCOLO DIDATTICO DI SAN MARINO Anno Scolastico 2013/2014

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità

Architettura Pianificazione Design

LA COMUNICAZIONE EFFICACE. (TECNICHE PER LA VITA) G. Colli «Punto com» vol. B

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Progetto di plesso Scuola primaria di Lama Anno scolastico 2014/2015

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati

UN VIAGGIO TRA LA SCOPERTA DEL PROPRIO CORPO E LA RICERCA DELLA BELLEZZA: IL LABORATORIO "MA COME TI TRUCCHI?!" PER PERSONE CON DISABILITÀ.

Attività didattica per le scuole primarie GUIDA PER LA FAMIGLIA

Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro)

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto

Gestire e valorizzare le risorse umane. Ennio Ripamonti

Corso di Marketing per piccole imprese 48^ edizione. 21 gennaio 16 febbraio 2010 martedì e giovedì

COACHING. Scopri il tuo potenziale e diventa protagonista della tua vita. Socia ICF Italia (Federazione Italiana Coach)

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting

La Scuola di Formazione del Gruppo Galgano è attiva dal 1962 con formatori di notevole esperienza

IL NOSTRO PROGETTO D ISTITUTO MEMORIA. storia e storie. riflessione critica e interazione tra passato presente e futuro CITTADINANZA CONSAPEVOLE

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Economic and Social Council ECOSOC. United Nations

CEREF - Centro Ricerca e Formazione Via Aspetti Padova - Italy - sito:

Come gestire i Social Network

AZIENDA SPECIALE CONSORTILE. Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino territoriale per i servizi alla persona ADULTA AUTONOMA ESPERIENZE DI

Make it work! Guida rapida per integrare la mobilità virtuale nei tirocini internazionali

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco

Advertisement
Transcript:

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1

LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI DELLE PARTECIPANTI al Laboratorio LAVORO 2

Le attese Da questo Laboratorio mi aspetto di Competere con i «grandi», riuscire a motivare, organizzare e formare il personale; avere una visione a 360 gradi di quello che è oggi la donna, di quello che desidera e come si muove per raggiungerlo, essendo il mio un prodotto che vuol regalare alla cliente emozioni e autostima 1) Capire perché l Italia non è un paese per donne; 2) acquisire strumenti e capacità per poter affrontare il mondo del lavoro; 3) Sviluppare il tema del diverso approccio al mondo del lavoro da parte di donne e uomini 1) Apprendere e confrontarsi sulle aspettative che le altre persone hanno su se stesse. La condivisione di esperienze deve generare grinta e consapevolezza che talvolta siamo noi a sbagliare e dobbiamo credere di più in noi stesse; 2) capire se davvero è la persona che fa la differenza non il sesso Capire meglio quali sono i miei punti di forza e di debolezza sul lavoro per valorizzare i primi e superare i secondi. Migliorare la mia capacità di gestione dei conflitti nei gruppi Confrontarmi con le altre donne, ascoltare, imparare da altre esperienze creando un gruppo; Capire che cosa le aziende cercano in termini di competenze alte in un/una leader; capire come una leader, new entry, si possa inserire in un Azienda (specialmente se la persona non è più giovane) 1) Poter sperimentare le esperienze che ho fatto accettandone i limiti e i fallimenti; 2) trovare nuove motivazioni/strumenti per continuare sulla strada intrapresa o cambiare direzione Strumenti per utilizzare al meglio le mie risorse e competenze 3

Le attese Da questo Laboratorio mi aspetto di (segue) Mettere a fuoco un percorso di sviluppo personale a partire da una sintesi tra: Autovalutazione, aspirazioni, caratteristiche caratteriali, competenze e debolezze; Situazione ed evoluzione del mercato; Concreta fattibilità Ottenere strumenti di conoscenza e valutazione sul tema della gestione del potere dal punto di vista delle donne. Questo per imparare a far funzionare i gruppi di lavoro costituiti quasi prevalentemente da donne, spesso diretti a loro volta da Responsabili donna. Come risolvere i problemi di autorità/autorevolezza, gestione di conflitti, relazione/comunicazione, negoziazioni e condivisione di obiettivi comuni. Mi aspetto di uscire maggiormente consapevole delle nostre capacità di guida, anche nell ottica che questo ruolo possa trovare uno spazio nei nostri ambienti di lavoro, così come in politica o nei vari ambienti sociali, per offrire dei modelli di vita e di economia alternativi a quelli fallimentari propinati in questi ultimi anni. Per contare dove conta, per autocelebrarsi, per essere visibili, per servire a se stesse e agli altri Acquisire competenze e strumenti per esprimere al meglio i propri talenti per saperli incanalare nella direzione di costruirmi la posizione che desidero e mi rende felice e utile agli altri Fare ordine dentro di me, mettere a fuoco tutto quello che ho imparato e riuscire a trasmetterlo agli altri Autocritica da cercare nel confronto, fermarsi a riflettere, partire con una proposta, fare ordine Migliorare la mia posizione lavorativa 4

Le attese Da questo Laboratorio mi aspetto di (segue) Riuscire a crescere e a costruire lo scheletro del mio organigramma lavorativo; imparare a impostare meglio la mia dialettica Riuscire ad imparare a comunicare e a farmi rispettare dai miei collaboratori (uomini e donne di diverse età e tutti più grandi di me); creare per me e per i miei collaboratori nuovi stimoli e motivazioni dopo un lungo periodo di fermo Un confronto con donne che provengono da realtà differenti e che mi possono aiutare a vedere la fiammella di un inizio di leadership in una realtà ancora troppo buia e maschilista. Mi aspetto idee ed esperienze Riflessione collettiva, condivisa; condivisione di esperienze concrete; confronto con ambiti professionali diversi dal mio; condividere idee e riflessioni, di scoprire nuove prospettive e individuare nuovi modelli Conoscenze «teorico-concettuali», ma anche una crescita personale, per affrontare alcune situazioni e valorizzare, scoprire talenti sia per la gestione che per la collaborazione nei gruppi di lavoro Uscire arricchita anche grazie al lavoro del gruppo e alle esperienze delle altre donne. Mi aspetto di trovare la forza e la voglia per superare alcune insicurezze Che mi venga data una «linea guida» su come essere una brava leader per il mio lavoro Prima di tutto nuovi spunti di riflessione per crescere ed infine, e soprattutto, una «nuova ricetta» per affrontare sia la realtà lavorativa che la vita di tutti i giorni 5

Le motivazioni Mi sono iscritta a questo Laboratorio perché Voglio continuare a formarmi e a crescere sia umanamente che professionalmente Tra tanti corsi proposti in questi anni il mio istinto mi ha suggerito che questo non sarà una perdita di tempo Voglio capire le dinamiche sia psicologiche che culturali per cui le donne non occupano posizioni apicali nel lavoro o in politica. Quali sono le resistenze che bloccano la possibilità di prendere decisioni o gestire risorse per gruppi allargati di persone Curiosità; voglia di conoscere e fare buone e nuove esperienze e conoscenze; il trampolino è stato il Corso 2012 «Donne politica e istituzioni» dell Unifi; Scattigno; conoscere altre esperienze; il mio inizio Sono da molti anni interessata alla questione di genere e quindi cerco di tenermi aggiornata nei vari modi possibili (articoli, corsi, ecc.) per monitorare l evoluzione che le donne stanno e/o provano a fare Ero curiosa di capire secondo quali modalità si esprime oggi la leadership femminile argomento poco «divulgativo», forse più di nicchia dal momento che non mi sembra si ponga particolare attenzione alla leadership intesa al femminile Per curiosità e per crescere nel mio lavoro e un po per rinnovarmi Voglio essere più incisiva e leader nel mio ambito lavorativo percorrendo strade nuove o in maniera nuova Vorrei appropriarmi di un modello di leadership che sia consono alla mia personalità 6

Le motivazioni Mi sono iscritta a questo Laboratorio perché (segue) Dopo anni di leadership maschile, mi incuriosisce conoscere da vicino un modello di leadership femminile. Sono stanca di toccare ogni giorno con mano dinamiche lavorative con donne nemiche delle donne e vedere che appena entra in gioco un uomo gli equilibri cambiano Vorrei capire meglio come esercitare il ruolo di leadership nel quale mi trovo da alcuni mesi (senza aver fatto un percorso di professione) Sono rimasta molto entusiasta del precedente Corso ed ero molto interessata e curiosa ad approfondire la tematica leadership, visto che lavoro in un ufficio con 8 donne e faccio parte anche del CUG Vorrei migliorare alcune competenze, alcuni aspetti del mio carattere che frenano la mia crescita personale: giudizio degli altri; parlare davanti alle persone; sicurezza e fiducia Voglio migliorare il mio sistema di gestione per la mia Azienda e per relazionarmi, «farmi valere» con gli uomini Ho bisogno di uno scambio con donne provenienti da altre esperienze, per arricchirmi e per trovare nuove strategie, oltre che per conoscere realtà e persone nuove Per riuscire possibilmente a scoprire come svegliare e coinvolgere coscienze incoscienti di donne e uomini Si ponga attenzione alle diverse collocazioni delle donne nel mondo del lavoro, dall alto al basso e viceversa, arricchendosi reciprocamente con le diverse esperienze 7