Manuale di Stand up Paddle

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manuale di Stand up Paddle"

Transcript

1 Manuale di Stand up Paddle By Franco Russo Istruttore ISA

2 Premessa Lo Stand up Paddle (detto anche SUP) è uno sport accessibile a tutti e di facile apprendimento, capace di regalare grandi emozioni. Un grande vantaggio di questa disciplina è certamente quello di spostarsi con un attrezzatura leggera e poco ingombrante, un altra prerogativa e che è utilizzabile praticamente su qualsiasi specchio d acqua. Lo Stand up Paddle è un attività semplice e divertente, chiunque può apprenderla facilmente senza limiti di età e forma fisica. È un allenamento completo per il nostro corpo che migliora le capacità atletiche e l equilibrio facendo lavorare efficacemente tutti i distretti muscolari. SUP, ovvero il punto d incontro tra il Surf e la Canoa, dal surf prende la caratteristica di scorrere sull acqua in piedi su una tavola e di potere cavalcare le onde e dalla canoa eredita la pagaia, con cui si rema in piedi. Quanto imparerai da questo manuale non può sostituire completamente l insegnamento e l apprendimento della tecnica che si ottengono in una scuola federale ISA ma potrai consultarlo per integrare quanto spiegato dall Istruttore durante il corso. Buona lettura Franco Russo Istruttore ISA Facebook: Stand up Paddle Catania 1

3 Un po di storia Nato nelle lontane isole Hawaii, se ne ha testimonianza addirittura nel lontano 1778 quando, James Cook, primo esploratore europeo ad approdare nelle isole del Pacifico, osservò alcuni nativi del posto pagaiare in posizione eretta su tavole molto grosse, riuscendo anche a cavalcare le onde. I primi a praticarlo furono i Beach Boys di Waikiki (è un quartiere di Honolulu, nello stato delle Hawaii U.S.A.) che negli anni 50/60 iniziarono ad adottare questa tecnica per controllare meglio i gruppi di allievi surfisti e fare foto ai turisti durante le lezioni di surf. Successivamente famosi surfisti come: Dave Kalama, Laird Hamilton, Roby Naish ed altri lo rivalutarono sfruttando la naturale predisposizione di essere usato tra le onde, nonché di utilizzare la pagaia per manovrarlo. È diffusissimo alle Hawaii, anche in Italia attualmente, si contano centinaia di praticanti, essendo questo uno sport semplice e alla portata di tutti. Perfetto per i Surfisti, Windsurfisti e Kiters che non si rassegnano ad aspettare in spiaggia le condizioni ideali per il proprio sport. L attrezzatura Le parti che compongono la tavola da SUP Le parti sono: Deck, Bottom, Rail, Nose, Tail. La parte superiore della tavola da SUP si chiama deck, ed è quella parte della tavola dove il Supper stando in piedi pagaia. La parte sotto della tavola da SUP, si chiama bottom, li si trovano le pinne. La parte intorno alla tavola da SUP è il bordo o rail. La parte davanti si chiama nose o prua, la parte posteriore si chiama tail o poppa. Sotto la tavola da SUP, ci sono le pinne, le pinne sono come le ruote della macchina, aiutano il Supper a manovrare la tavola e a mantenere la direzione scelta. 2

4 La tavola Vi sono varie tipologie di tavole da Stand Up Paddling: SUP Race, SUP Surfboard, SUP Allround ecc. Ogni praticante, dopo un primo periodo di apprendistato messo in atto con una tavola scuola dalle generose dimensioni, sceglie quale specialità di questo sport vuole praticare, dal Race al Wave passando per i semplice Cruising in acque calme e tranquille a da li decidere quale tipo di tavola acquistare. Quattro sono le categorie di tavole da SUP: Surf, Allround, Touring e Windsurf: 1) Surf: Le tavole destinate specificamente al surf sono spesso corte, mostrano un nose (punta) e un tail (coda) più stretti e un rocker (curva) più accentuato. Queste caratteristiche le rendono più maneggevoli nelle onde, ma anche più lente, meno stabili e direzionali su acqua piatta. 2) Allround: Questi modelli sono versatili sono concepiti per navigare in tutte le condizioni. Sono particolarmente adatti ai principianti poiché permettono di scoprire tutte le attività del SUP su una sola tavola. Sono abbastanza larghi per assicurare una buona stabilità e scorrevolezza e sono ben direzionali su acqua piatta o in mare. Il loro rocker (curva longitudinale) permette in generale buone prestazioni in surf. 3) Touring: Le tavole da touring sono concepite per le lunghe escursioni su specchio d acqua piatta e sul mare in downwind (sottovento). Sono in generale abbastanza larghe (per la stabilità) e anche più lunghe per una maggiore velocità e direzionalità. La loro prua è spesso appuntita e presenta una carena a V per scivolare dritto e non battere sull onda frontalmente se c è maretta. Piuttosto stabili, queste tavole possono essere utilizzate anche da principianti. 4) Windsurfing: È un opzione che si trova su alcune tavole allround: una scassa per il piede d albero installata al momento della fabbricazione permette di montare un rig da windsurf. Le caratteristiche delle tavole 1- Lunghezza, larghezza e spessore: Le dimensioni della tavola sono espresse in piedi e pollici per quanto riguarda la lunghezza ed in pollici relativamente alla larghezza ed allo spessore. Lunghezza, larghezza e spessore vengono amalgamate dagli shaper in modo diverso a seconda del programma di impiego e/o delle caratteristiche fisiche del paddler. Tavole più piccole risultano in più agili e meno stabili, mentre quelle più grosse sono tendenzialmente più stabili e meno sciolte in surfata/andatura. 3

5 Una considerazione molto importante è che la lunghezza contribuisce ad assicurare la stabilità longitudinale di uno shape, mentre la larghezza quella laterale, estremamente importante nella fase di pagaiata. Lo spessore va invece ad inficiare la galleggiabilità della tavola ed è in funzione della distribuzione del volume. Ricordiamo che un pollice equivale a 2,54 cm e una feet a 0,30 mt o, se preferite, a 30 cm (30,48 per l esattezza). 2- Il volume: Per volume o litraggio si intendono i chili di peso (del Supper) che può reggere una tavola senza affondare e si esprime in Litri L. Dunque l informazione sul suo volume tende a meglio qualificare le doti della tavola, qualsiasi sia il suo programma di impiego, soprattutto per quanto riguarda la galleggiabilità. Tavole più voluminose avranno ovviamente doti di galleggiamento migliori rispetto a tavole meno voluminose. Le tavole da SUP hanno applicato sulla la coperta un Pad antisdrucciolo per migliorare la presa con i piedi nonché una feritoia che funge da maniglia per un trasporto agevole viste le generose dimensioni rispetto ad un surf convenzionale. Il Leash 4

6 Un accessorio indispensabile è il leash, ovvero un laccetto in lattice che mantiene la tavola ancorata alla caviglia del Supper, impedendo che la tavola stessa venga trascinata verso riva dalle onde in seguito ad una caduta. Vi sono diversi tipi di leash, di varia la lunghezza e di spessore. Il Leash deve essere lungo almeno quanto la tavola (è meglio se la supera di 30/40 cm) per mettere, nelle situazioni più complicate, tra il paddler e la tavola una distanza pari a quella, appunto, della tavola. A poppa un inserto (Plug) consente di collegare il leash alla tavola e da questa alla caviglia. Descrizione Il leash è composto da tre parti: - Un estremità si legherà sul tail della tavola. - La parte centrale del leash è in gomma elastica (importante che sia di gomma elastica). - L altra estremità e composta dalla cavigliera ed è la parte del leash che si legherà alla caviglia/ginocchio del piede posteriore, verso il tail della tavola. Posizione Il leash va allacciato o alla caviglia o al ginocchio, i Supper Regular lo legano sulla caviglia destra, i Goofy su quella sinistra. È irrilevante se usato su una o altra caviglia/ginocchio, per chiarezza va posto sulla gamba che rimane sul tail della tavola. La parte imbottita del leash deve essere a contatto con la pelle, il cavetto e il velcro devono restare fuori. 5

7 La Pagaia La pagaia è l attrezzo per mezzo del quale il Supper riesce a trasmettere alla tavola le forze che la fanno avanzare. Non essendo la pagaia vincolata alla tavola, è il Supper che la deve manovrare opportunamente, per trasmettere l energia che permette l avanzamento della tavola. In tutte le pagaie sono presenti una serie di elementi (dal basso verso l alto): La pala Che trasmette effettivamente la forza del Supper sull acqua; Il collo cioè la zona di passaggio dalla pala al manico. In una buona pagaia il peso è perfettamente bilanciato in corrispondenza del collo. Appoggiando la pagaia su di un dito, dovrebbe rimanere perfettamente bilanciata ed orizzontale (peso della pala equivale perfettamente a quello del manico e del pomello). Il manico Il pomello od oliva La pagaia non è dritta, ma l angolo della pala da è inclinato tra i 10 e i 13 gradi. L angolo della pala consente al supper di inserirla in acqua con massima efficacia e quindi produrre energia d avanzamento utile dal tratto d entrata al tratto d uscita. I materiali impiegati per la fabbricazione sono in genere Carbonio, Kevlar o Alluminio, ma si possono anche trovare in Fibra di vetro o pagaie costruite interamente o in parte in Legno. Consigli per la regolazione della lunghezza pagaia: La lunghezza della pagaia deve essere necessariamente adattata all altezza del Supper. I remi in alluminio possono essere in genere regolati mediante un sistema di clips che riproduce quello dei boma delle tavole da Windsurf. Per le pagaie senza questo sistema, la regolazione viene fatta tagliando una porzione di manico tale da modificare l altezza della pagaia secondo le proprie esigenze. La lunghezza 6

8 della pagaia va regolata in base alla tua altezza, nel disegno il sistema pratico ed immediato di regolazione. Allunga un braccio alla tua massima estensione, quella sarà la lunghezza ideale della pagaia. Considerazioni: Se fosse troppo corta ti troverai a pagaiare arcuando la schiena in avanti. Se fosse troppo lunga ti troverai a pagaiare arcuando la schiena indietro. Inoltre la lunghezza della pagaia può differire anche in base al tipo di utilizzo e la seguente semplice regola ti aiuterà a trovare la lunghezza ideale: ALLROUND: altezza del supper + 15 cm RACE CRUISING: altezza del supper + 20 cm WAVE: altezza del supper + 10 cm Cruising Le Specialità Una delle cose più piacevoli da fare con il SUP è pagaiare in acqua piatta. Per questo motivo sono indicate tavole stabili e voluminose in grado di offrire confort durante le escursioni. Racing Il racing si divide essenzialmente in varie discipline, sia long che short-distance, per mettere a confronto gli atleti su percorsi pre-stabiliti. Le tavole indicate per il racing sono tavole di 12,6 piedi e di 14 piedi (con forme e linee filanti, quindi maggior stabilità) per raider più pesanti. Wave Una delle discipline più emozionanti e coinvolgenti del SUP è il waveriding. Date le dimensioni della tavola si possono surfare facilmente anche onde di piccole dimensioni, Questo consente di poter in un certo senso fare surf anche in una tipica giornata mediterranea, anche se il SUP è ancora più divertente con belle onde che superano il metro! Nel Wave le tavole usate hanno una lunghezza massima 9 piedi. 7

9 Down Wind Qui il SUP ricorda fortemente le sue antiche origini, quando i polinesiani usavano lunghe tavole con il remo per spostarsi da un isola ad un altra spinti dalle onde e dal vento a favore. Il down wind, adeguatamente affrontato, può rivelarsi un esperienza davvero significativa! SUP e Fitness Il SUP è considerata ormai a tutti gli effetti una disciplina fisica, paragonabile ad altre pratiche di puro fitness. Lo sforzo fisico che si compie attiva ogni parte del corpo e di conseguenza consente un allenamento completo. Se si esegue una pagaiata corretta il SUP potenzia tutte le fasce muscolari e lavorando sotto la soglia anaerobica è un ottimo brucia grassi! Il SUP Sailing Alcune tavole da SUP sono dotate di scassa d albero o di un foro filettato ed è quindi possibile montare una vela da Windsurfing. Si tratta di una forma di Windsurfing classica. I vantaggi offerti dal SUP: possibilità di planare, opportunamente invelati, in condizioni davvero marginali. Le tavole SUP (non tutti i modelli!!) ne fanno il mezzo ideale per il Wave Riding con vento leggero, tipicamente in presenza di scadute. Sebbene il volume di una classica SUB sia tale da consentire l uso di rig anche piuttosto grandi, suggeriamo di non superare i 6/6.5 mq di superficie. L idea è quella di navigare a dislocamento, di fare qualche breve planata, eseguire o imparare qualche Sail Trick e, se le condizioni lo permettono, di surfare con stile e tranquillità onde di scaduta. I produttori sconsigliano di utilizzare i SUP con la vela sopra i 12 nodi. Sicurezza - Saper nuotare anche in acqua mossa. - Non pagaiare dopo pasti abbondanti. - Non navigare mai da soli. - Nel caso di session in solitario avvertire sempre qualcuno dell orario di rientro. - Non entrare in acqua al calare della sera. - Stare sempre sotto costa, 500/600 metri dalla riva. - Indossare sempre il salvagente. - Avere un attrezzatura e un abbigliamento idoneo e confacente alle condimeteo. - Raccogliere informazioni sul percorso/spot prima della pratica. 8

10 - Non affrontare session in condizioni fisiche precarie. - Fare un pausa, durante la session, se si è troppo stanchi, magari reintegrano i liquidi persi con la sudorazione/fatica. - Assumere del cibo almeno tre ore prima della performance. - Informarsi sulle ordinanze della Capitaneria di Porto. - Rispettare sempre i Local. - Rispettare sempre i bagnanti. Nel mare o nei laghi la costa o la riva può essere lontana di conseguenza in caso di problemi non conviene mai abbandonare il SUP. A mare o nei laghi le condizioni meteorologiche possono rendere difficoltosa o impraticabile la rotta programmata. - È auspicabile avere un SUP di un colore vistoso in quanto i colori vivaci sono più visibili nelle varie condizioni meteorologiche. Anche il bianco è visibile ma si confonde quando le onde hanno la cresta spumeggiante, cioè quando bisogna farsi scorgere. Se il vostro SUP è poco visibile, è necessario indossare indumenti appariscenti. Contrassegnate le pale della vostra pagaia con colore visibile, possibilmente fluorescente. - Il vostro SUP (Tavola - Leash - Pagaia) e l equipaggiamento devono sempre essere in perfetto stato. - Gli indumenti indossati devono essere adatti alla stagione o alle condizioni meteo previste. Meglio soffrire un po di caldo piuttosto che patire il freddo specie se bagnati. - La muta e la sottomuta si rivelano indumenti necessari. - Come per il nuoto anche per il SUP esistono tempi di rispetto per la digestione. Sicurezza Leash Al fine di utilizzare questo accessorio in massima sicurezza applicare i seguenti consigli: Non tenere o arrotolare il cavo del leash attorno alle dita per recuperare la tavola: la forza esercitata da un onda può causare gravi traumi alla mano o, nel peggiore dei casi, addirittura l amputazione delle dita. Il leash può agganciarsi a degli oggetti sott acqua, in special modo quando surfate su un reef o barriere rocciose. Per evitare il rischio di annegamento, il Supper deve allenarsi, prima di andare a surfare, a sganciare rapidamente il velcro dalla caviglia o dal ginocchio. Procediamo Ed eccoci pronti ad entrare in acqua, si mette il leash alla caviglia, ci sdraia sulla tavola con la pagaia sotto di noi e nuotando con le braccia lateralmente ad essa ci si porta verso il largo, diciamo a 10/20 metri dalla riva, lontano dai bagnati e a distanza di sicurezza. Giunti nel posto adatto per il training, ci si mette in ginocchio e si inizia a prendere confidenza con la pagaia e la tavola, a questo punto, siamo pronti a metterci in piedi. Le prime volte avremo un po di difficoltà a stare in piedi ma con i sapienti consigli dell istruttore e con un po di pratica ed allenamento potremo tranquillamente fare le nostre prime pagaiate. Attenzione alle cadute, l istruttore avrà fatto vedere e spiegato come si cade in sicurezza, del resto anche questa parte di capitomboli fa parte del gioco, anche i campioni cadono. 9

11 Posizione del corpo I piedi devono essere posizionati al centro tavola, distanti tra loro all incirca quanto la larghezza delle spalle o poco più, equidistanti dalla maniglia trasporto tavola, con le dita rivolte verso il nose della tavola. Le gambe devono essere flesse per abbassare il baricentro. Il busto deve essere dritto. La giusta posizione sulla tavola (in gergo chiamata Stance ) prevede: Posizionarsi nel baricentro della tavola. Se ti posizioni troppo avanti, la punta della tavola (Nose) affonda e la tavola si pianta. Se ti posizioni troppo indietro, la tua tavola si ferma, frena. Schiena dritta. Testa alta, rivolta in avanti. Gambe allargate (alla stessa distanza delle spalle). Ginocchia leggermente piegate (per ammortizzare gli sbalzi). Uso della pagaia Il concetto di riferimento è quello di usare la pagaia in acqua come mezzo per avanzare, retrocedere, cambiare direzione e mantenersi in equilibrio. La Pagaiata di propulsione Il braccio inferiore si estende portando la pala vicina alla tavola con il cucchiaio rivolto verso l acqua, il braccio superiore è semi flesso. Spinta in avanti della mano superiore verso la prua della tavola, il tronco ruota mantenendo le spalle parallele alla pagaia. Il braccio inferiore si flette leggermente fino ad arrivare all altezza della coscia. Estraiamo la pagaia senza sollevare acqua allontanandola dalla tavola. Nella fase aerea la pala compie un percorso raso acqua trovandosi nuovamente in posizione di attacco. 10

12 Glossarietto Bottom: Opera viva o carena della tavola. Deck : Coperta della tavola. Epoxy Resin: Resina usata per creare tavole molto resistenti e leggere; più resistente della resina poliestere, è anche molto più costosa. Fin: Pinna applicata alla carena di una tavola per darle stabilità e direzionabilità. Le tavole possono avere una (single fin), due (twin fin), tre (thruster), quattro (quad) o anche cinque pinne. Nose: Prua della tavola. Outline: Il perimetro della tavola. Rails : Bordi Laterali della tavola. Rocker: Curva graduale lungo l asse longitudinale (poppa-prua) della tavola. Shape: Termine usato riferendosi alla forma della tavola. Shaper: Colui che realizza la tavola. SUB: Stand Up Board. Single Fin: Tavola ad una pinna. Tail: Coda della tavola. Tail: Gli ultimi 30 cm a poppa della tavola. Thickness: Spessore, riferito alla tavola. Thruster o Tri Fin: Tavola a tre pinne. Twin Fin: Tavola a due pinne. Twinzer: Tavola caratterizzata da quattro pinnette laterali (nessuna pinna centrale). Le pinne laterali sono molto ravvicinate. WAX: Paraffina, cera antiscivolo da applicare sulla tavola. Franco Russo Istruttore ISA Facebook: Stand up Paddle Catania 11

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

FIBS I MANUALI DEL CNT ALLENARE IL BRACCIO DEL LANCIATORE

FIBS I MANUALI DEL CNT ALLENARE IL BRACCIO DEL LANCIATORE FIBS I MANUALI DEL CNT Tratto da The Pitching Edge di Tom House Tom House BASEBALL FIBS-CNT 1 L Allenamento con i Pesi per i Lanciatori non è Body Building L obiettivo è ottenere una forza bilanciata e

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Myrtaven ti propone un programma completo di esercizi e automassaggi, per aiutarti a mantenere le tue gambe attive e in forma 7 giorni su 7.

Myrtaven ti propone un programma completo di esercizi e automassaggi, per aiutarti a mantenere le tue gambe attive e in forma 7 giorni su 7. Myrtaven ti propone un programma completo di esercizi e automassaggi, per aiutarti a mantenere le tue gambe attive e in forma 7 giorni su 7. lunedì datti lo sprint martedì RINVIGORISCITI mercoledì tonificati

Dettagli

Disegnare il basket. di Andrea Capobianco

Disegnare il basket. di Andrea Capobianco Disegnare il basket di Andrea Capobianco L efficacia della comunicazione è legata ad una buona conoscenza del linguaggio utilizzato. L uso della rappresentazione icnica presuppone necessariamente la condivisione

Dettagli

Ginnastica preparatoria

Ginnastica preparatoria Ginnastica preparatoria Le attività di una ginnastica per attività sportiva sono essenzialmente 4: Riscaldamento muscolare allungamento dei muscoli tonificazione (potenziamento ) muscolare minimo allenamento

Dettagli

ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi

ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi ESERCIZI DOPO ARTROSCOPIA DEL GINOCCHIO Prof. Valerio Sansone Clinica Ortopedica dell Università di Milano Istituto Ortopedico Galeazzi Esercizi iniziali Contrazioni dei muscoli flessori del ginocchio

Dettagli

Test per gli arti superiori

Test per gli arti superiori Test per gli arti superiori TF 1 Lancio della palla medica È uno dei più classici e semplici test per la forza, che si fa lanciando palle di vario peso. Chi è più alto è favorito perché ha leve più lunghe

Dettagli

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro Introduzione Che si lavori seduti o in piedi, la mancanza di movimento legata a una postura statica prolungata può a lungo andare

Dettagli

servizio di Emidia Melideo, con la consulenza di Matteo Maniero, personal trainer

servizio di Emidia Melideo, con la consulenza di Matteo Maniero, personal trainer Più tonica e soda Hai sempre guardato con sospetto i classici pesini, pensando che non facessero per te? Dai un occhiata a queste foto e scoprirai tanti esercizi semplici in grado di scolpirti dalla testa

Dettagli

prof.ri Domenico Di Molfetta, 1

prof.ri Domenico Di Molfetta, 1 La tecnica del lancio del disco prof.ri Domenico Di Molfetta, 1 prof.ri Domenico Di Molfetta, 2 prof.ri Domenico Di Molfetta, 3 prof.ri Domenico Di Molfetta, 4 prof.ri Domenico Di Molfetta, 5 prof.ri Domenico

Dettagli

LOJER MTT - Attrezzature per Fisioterapia

LOJER MTT - Attrezzature per Fisioterapia LOJER MTT - Attrezzature per Fisioterapia Lojer è uno dei più grandi produttori per fisioterapia e rieducazione Sollevamento carichi a partire da un peso di solo 0,5 kg LOJER PULLEY (Pulley) I pulley e

Dettagli

Test di nuoto 1 8. Distintivi d incoraggiamento. I test svizzeri negli sport acquatici

Test di nuoto 1 8. Distintivi d incoraggiamento. I test svizzeri negli sport acquatici Test di nuoto 1 8 Distintivi d incoraggiamento I test svizzeri negli sport acquatici Test 1 Balena Crawl con movimento delle anche Bracciata crawl. Nel momento dell immersione della mano le anche si sollevano.

Dettagli

Attrezzature per Fisioterapia

Attrezzature per Fisioterapia Attrezzature per Fisioterapia Sollevamento carichi a partire da un peso di solo 0,5 kg PULLEY (Pulley) I pulley e i loro accessori sono considerati come l attrezzatura per riabilitazione più versatile

Dettagli

AGGIORNAMENTO DI PALLANUOTO LATISANA 12 OTTOBRE 20014

AGGIORNAMENTO DI PALLANUOTO LATISANA 12 OTTOBRE 20014 AGGIORNAMENTO DI PALLANUOTO LATISANA 12 OTTOBRE 20014 Programma del corso INTRODUZIONE ALLA PALLANUOTO (nella scuola nuoto, regolamenti generali, le categorie giovanili) I FONDAMENTALI NELLA PALLANUOTO

Dettagli

4.1 TECNICA DI BASE DELLA PAGAIATA IN KAYAK DI ACQUA PIATTA

4.1 TECNICA DI BASE DELLA PAGAIATA IN KAYAK DI ACQUA PIATTA 4.1 TECNICA DI BASE DELLA PAGAIATA IN KAYAK DI ACQUA PIATTA A questo punto è necessario analizzare la tecnica di base del kayak da velocità. Per tecnica di base infatti si intende la tecnica da insegnare

Dettagli

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali ESERCIZI FISICI Sono utili da eseguire prima o dopo la pratica sul pianoforte, per sciogliere, allungare e rinforzare le parti coinvolte nell azione pianistica. Devono essere affrontati con ritmo cadenzato

Dettagli

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni Associazione Italiana Arbitri - AIA Settore Tecnico: Modulo Preparazione Atletica Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni AIA CAN-D Stagione Agonistica 2010-2011 Prevenzione Infortuni Introduzione

Dettagli

I salti a scuola. Corso di aggiornamento tenuto dal prof. Balsamo Giuseppe

I salti a scuola. Corso di aggiornamento tenuto dal prof. Balsamo Giuseppe I salti a scuola Corso di aggiornamento tenuto dal prof. Balsamo Giuseppe A scuola noi vogliamo Educare con il salto, cioè arricchire la motricità di base dei nostri alunni con una ampia gamma di attività

Dettagli

PROGRAMMA CORSO LND PER ALLENATORI DI PRIMA, SECONDA, TERZA CATEGORIA E JUNIORES REGIONALI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE

PROGRAMMA CORSO LND PER ALLENATORI DI PRIMA, SECONDA, TERZA CATEGORIA E JUNIORES REGIONALI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE PROGRAMMA CORSO LND PER ALLENATORI DI PRIMA, SECONDA, TERZA CATEGORIA E JUNIORES REGIONALI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE Recupero della palla ( anticipo, intercettamento, contrasto) Marcamento ( principi

Dettagli

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti In questa unità didattica si impara come si può aiutare una persona a muoversi, quando questa persona non può farlo in modo autonomo. Quindi, è necessario

Dettagli

Le principali cause del mal di schiena: 1. Postura scorretta quando si è seduti, al lavoro, in casa o in automobile.

Le principali cause del mal di schiena: 1. Postura scorretta quando si è seduti, al lavoro, in casa o in automobile. ESERCIZI PER LA SCHIENA La maggior parte delle persone che viene nel nostro centro soffre di dolori alla schiena. Vi consigliamo di leggere attentamente questo opuscolo e di attenervi il più possibile

Dettagli

Descrizione del prodotto

Descrizione del prodotto Imbragatura Liko HygieneVest, mod. 50, 55 Imbragatura per la Toilette Orsetto HygieneVest, mod. 50, 55 Istruzioni per l uso Italiano 7IT160167-03 Mod. 50 Mod. 55 Descrizione del prodotto Le presenti istruzioni

Dettagli

TIPI DI IMBARCAZIONI ED ARMAMENTO

TIPI DI IMBARCAZIONI ED ARMAMENTO Codice delle Regate - ALLEGATO B CARATTERISTICHE DEL MATERIALE NAUTICO Capitolato di omologazione e controllo TIPI DI IMBARCAZIONI ED ARMAMENTO Le imbarcazioni da regata possono essere armate di punta

Dettagli

Level 1. 1 Autonomia: entrata in acqua e uscita dall acqua in sicurezza Gli allievi sanno entrare e uscire autonomamente dalla vasca.

Level 1. 1 Autonomia: entrata in acqua e uscita dall acqua in sicurezza Gli allievi sanno entrare e uscire autonomamente dalla vasca. Level 1 1 Autonomia: entrata in acqua e uscita dall acqua in sicurezza Gli allievi sanno entrare e uscire autonomamente dalla vasca. 2 Respirazione e orientamento: espirazione visibile sott acqua per tre

Dettagli

INDICE DEGLI ARGOMENTI

INDICE DEGLI ARGOMENTI INDICE DEGLI ARGOMENTI Importanti istruzioni di sicurezza Uso corretto 3 Assemblaggio 4 KRANKcycle: specificazioni, strumenti e assemblaggio Specificazioni modello 4 Strumenti per l assemblaggio 5 Assemblaggio

Dettagli

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO (Modulo) 10' Corsa (Borg 2-3) Inserendo anche corsa laterale 5' Stretching Dinamico 5' Andature (Skip, Corsa, Calciata, Scivolamenti laterali ecc. 3x10m) 3x Allungo

Dettagli

A voi la scelta! Complimenti, siete sulla linea di partenza.

A voi la scelta! Complimenti, siete sulla linea di partenza. Complimenti, siete sulla linea di partenza. Qui inizia il vostro Zurich percorsovita «...» che avrete a vostra disposizione ogniqualvolta lo vorrete. Resistenza A voi la scelta! Troverete 15 stazioni con

Dettagli

Canoa Fluviale Martesana Via Buonarroti, 59 Cernusco sul Naviglio www.canoamartesana.it

Canoa Fluviale Martesana Via Buonarroti, 59 Cernusco sul Naviglio www.canoamartesana.it I LEZIONE Sabato 16 / Gennaio Presentazione corso eskimo e regolazioni di base Visione dei materiali: canoa, pagaia, paraspruzzi, tappanaso, casco, in particolare spalle, busto e gambe Ribaltamento con

Dettagli

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ARTICOLAZIONI DELLA CAVIGLIA Flessioni del piede da stazione eretta con la punta su un rialzo o contro una parete

Dettagli

Esercizi per il potenziamento e la stabilizzazione della muscolatura

Esercizi per il potenziamento e la stabilizzazione della muscolatura Esercizi per il potenziamento e la stabilizzazione della muscolatura Specifico per il tiro con la pistola ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce 4. Esercizi raccomandati La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce una indicazione ed un invito ad adottare un vero e proprio stile di vita sano, per tutelare l integrità e conservare

Dettagli

RUNNING. il re degli allenamenti

RUNNING. il re degli allenamenti Naturale, dimagrante, ottima per tonificare il cuore e il sistema circolatorio. E soprattutto a costo zero. La corsa è un training senza eguali e le giornate di questo periodo, tiepide e gradevoli, invitano

Dettagli

h) Elementi di aerodinamica delle vele

h) Elementi di aerodinamica delle vele h) Elementi di aerodinamica delle vele L effetto del vento su un piano Poniamo un piano all azione del vento come indicato nella figura 1. Esso si sposterà sottovento muovendosi parallelamente a se stesso.

Dettagli

RIABILITAZIONE DIMENSIONI DIMENSIONI

RIABILITAZIONE DIMENSIONI DIMENSIONI RIABILITAZIONE SPALLIERE E CORRIMANO Le spalliere sono attrezzi classici in una palestra. Oltre che per esercizi tradizionali, offrono appoggi a diverse altezze per l arto superiore. Sono in legno, disponibili

Dettagli

VADEMECUM PER L ATTIVITA FISICA A CASA ( tra faccende domestiche e attrezzi di fortuna)

VADEMECUM PER L ATTIVITA FISICA A CASA ( tra faccende domestiche e attrezzi di fortuna) NON SOLO PALESTRA... VADEMECUM PER L ATTIVITA FISICA A CASA ( tra faccende domestiche e attrezzi di fortuna) L attività vuole rendere consapevoli i ragazzi che l attività motoria può essere svolta anche

Dettagli

PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE

PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE 1 DIREZIONE SANITARIA A.S.L. BRESCIA SERVIZIO MEDICINA PREVENTIVA PROCEDURE PER CONTENERE IL RISCHIO LEGATO ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI PAZIENTI E ALL ASSUNZIONE DI POSTURE INCONGRUE PREMESSA Nella

Dettagli

VOGLIAMO AIUTARTI A CREARE UN HARLEY SU MISURA PER TE

VOGLIAMO AIUTARTI A CREARE UN HARLEY SU MISURA PER TE VOGLIAMO AIUTARTI A CREARE UN HARLEY SU MISURA PER TE In Harley-Davidson non crediamo che sia tu a doverti adattare alla moto, o a dover trovare la moto adatta a te, perché siamo certi di poter modificare

Dettagli

R282H834 Maniglia (incluso per Pulley e Speed Pulley) 402020 Fascia imbottita caviglie/polsi 25 x 8 cm

R282H834 Maniglia (incluso per Pulley e Speed Pulley) 402020 Fascia imbottita caviglie/polsi 25 x 8 cm PULLEY ACCESSORI R282H834 Maniglia (incluso per Pulley e Speed Pulley) 402020 Fascia imbottita caviglie/polsi 25 x 8 cm 402021 Fascia imbottita coscia/spalla/ testa 55 x 8 cm 402022 Fascia imbottita da

Dettagli

Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009. Relatore: Prof. Nicola Piccinini

Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009. Relatore: Prof. Nicola Piccinini Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009 Relatore: Prof. Nicola Piccinini Introduzione Fondamentale da punto con alta valenza tecnico - tattica sia a livello individuale che di squadra. Collegato

Dettagli

RECORD GETTO PESO. Migliore prestazione Italiana aggiornato al 31.12.07. Tecnica. Getto del Peso

RECORD GETTO PESO. Migliore prestazione Italiana aggiornato al 31.12.07. Tecnica. Getto del Peso Getto del Peso RECORD GETTO PESO Outdoor: Randy Barnes 23.12 m Westwood, California USA 20 May 1990 Natalya Lisovskaya 22.63 m Mosca, 1987 Indoor Randy Barnes 22.66 m 1989 Helena Fibingerová 22.50m 1977

Dettagli

PEDANA PROVVISTA DI DISPOSITIVI PER IL BLOCCAGGIO DI SEDIE A ROTELLE

PEDANA PROVVISTA DI DISPOSITIVI PER IL BLOCCAGGIO DI SEDIE A ROTELLE Sezione II PEDANA PROVVISTA DI DISPOSITIVI PER IL BLOCCAGGIO DI SEDIE A ROTELLE (RM 2008 A 000111: 20/02/2008 Italia) Tiziano Averna, Marco Traballesi Fondazione Santa Lucia Ettore Pennestrì, Pier Paolo

Dettagli

Tutte le misure ed i consigli di comportamento servono per tutelare la salute e prevenire danni fisici.

Tutte le misure ed i consigli di comportamento servono per tutelare la salute e prevenire danni fisici. Riassunto delle misure di prevenzione dell opuscolo sulla movimentazione manuale dei carichi della AUVA ( Heben und tragen ) Le immagini di questo documento provengono dall opuscolo in lingua tedesca Tutte

Dettagli

STERZATA SENZA SPOSTAMENTO MANI MANI IN POSIZIONE BASE. POSIZIONE SUL SEDILE: TROPPO LONTANA (prospetto) POSIZIONE DI GUIDA: LONTANA (pianta)

STERZATA SENZA SPOSTAMENTO MANI MANI IN POSIZIONE BASE. POSIZIONE SUL SEDILE: TROPPO LONTANA (prospetto) POSIZIONE DI GUIDA: LONTANA (pianta) MANI IN POSIZIONE BASE Posizione base, fondamentale per guidare con qualità e sicurezza: mani sul volante come sul quadrante di un orologio, per indicare le ore 9:15, con i pollici bene ancorati alle razze.

Dettagli

- 1^ Pattino RACE città di Fano (Per Bagnini di Salvataggio Brevettati) da Società Nazionale di Salvamento

- 1^ Pattino RACE città di Fano (Per Bagnini di Salvataggio Brevettati) da Società Nazionale di Salvamento Allegato alla richiesta di patrocinio Comune di Fano (PU) prot. n. 12 del 12.05.2016 Redattore: Lorenzo Tricarico FANO BEACH FESTIVAL Diffusione dello sport cultura dell emergenza- sicurezza del cittadino

Dettagli

DURATA: 30 torsioni in totale.

DURATA: 30 torsioni in totale. Il warm up è la fase di riscaldamento generale a secco indispensabile prima di entrare in acqua. La funzione è quella di preparare il corpo allo sforzo, prevenire gli infortuni e migliorare la performance

Dettagli

I...Imbragature ABC Guldmann

I...Imbragature ABC Guldmann I..........Imbragature ABC Guldmann I.........Imbragature ABC Guldmann Codice Articolo xxxxx-xxx ACTIVE Micro Plus Poliestere Dimensione: XS-XXL ACTIVE Trainer Poliestere Dimensione: Kid (bambino) -XXL

Dettagli

I giochi tradizionali adatti alla pallavolo. Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley

I giochi tradizionali adatti alla pallavolo. Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley I giochi tradizionali adatti alla pallavolo e Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley ricerca e composizione di: Rosario Ravalli docente regionale allenatori FIPAV Foggia Questo piccolo

Dettagli

Riscaldamento/Rilassamento

Riscaldamento/Rilassamento Riscaldamento/Rilassamento Eseguite ciascuno dei movimenti almeno quattro volte da ogni lato in maniera lenta e controllata. Non trattenete il respiro. 1) Testa Sollevate e abbassate la testa. Fissate

Dettagli

PROGRAMMA BASE PER ALLENAMENTO SALA ISOTONICA

PROGRAMMA BASE PER ALLENAMENTO SALA ISOTONICA FIPCF FEDERAZIONE ITALIANA PESISTICA E CULTURA FISICA PROGRAMMA BASE PER ALLENAMENTO SALA ISOTONICA PETTORALI PANCA PIANA APERTURE PANCA 30 SPALLE LENTO AVANTI ALZATE LATERALI ALZATE 90 GAMBE SQUAT AFFONDI

Dettagli

PROVA MOTORIO-ATTITUDINALE

PROVA MOTORIO-ATTITUDINALE PROVA MOTORIO-ATTITUDINALE La prova motorio-attitudinale è suddivisa in quattro moduli il cui ordine verrà stabilito dalla commissione esaminatrice, in relazione alle esigenze organizzative. Per ciascuno

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi

Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi 2012 Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi Una raccolta di esercizi specifici per chi pratica ciclismo a tutti i livelli dall'agonista al semplice cicloturista De Servi Giuseppe STUDIO BIOMEC

Dettagli

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico La al ESERCIZI PRATICI ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico L attività fisica è fondamentale per sentirsi bene e per mantenersi in forma. Eseguire degli esercizi di ginnastica dolce, nel postintervento,

Dettagli

LA CORSA CORSO ISTRUTTORI FIDAL PIEMONTE 2012

LA CORSA CORSO ISTRUTTORI FIDAL PIEMONTE 2012 LA CORSA CORSO ISTRUTTORI FIDAL PIEMONTE 2012 LA CORSA Lo scopo: la velocità media avvio accelerazione lanciato Aspetti biomeccanici: lunghezza e frequenza del passo Struttura del movimento: fase di appoggio

Dettagli

CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE

CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE Esercizio nr. 1) Piegate il busto in avanti in modo che sia parallelo al pavimento ed appoggiatevi con il braccio sano ad uno sgabello o ad un tavolino.

Dettagli

34 Posizioni del Pugilato che protegge il corpo 1

34 Posizioni del Pugilato che protegge il corpo 1 34 Posizioni del Pugilato che protegge il corpo 1 Posizione preparatoria 2 : con entrambi i piedi ravvicinati parallelamente, ergersi con naturalezza mantenendo ferma la {posizione di} attenti; ambedue

Dettagli

Da: Viversani & belli. Settimanale di salute e benessere. Servizio di Rita Bugliosi con la consulenza del Prof. Birri Mauro.

Da: Viversani & belli. Settimanale di salute e benessere. Servizio di Rita Bugliosi con la consulenza del Prof. Birri Mauro. Da: Viversani & belli Settimanale di salute e benessere Servizio di Rita Bugliosi con la consulenza del Prof. Birri Mauro 20 dicembre 1996 Sfruttare l attrito dell acqua è un modo efficace e divertente

Dettagli

ANALISI DI UN SALTO DI LORENZO STRATTA Nella colonna a sinistra le sequenze di un salto di Lorenzo Stratta a 3.80 (record personale Asti, 24 ottobre

ANALISI DI UN SALTO DI LORENZO STRATTA Nella colonna a sinistra le sequenze di un salto di Lorenzo Stratta a 3.80 (record personale Asti, 24 ottobre 1 2 3 ANALISI DI UN SALTO DI LORENZO STRATTA Nella colonna a sinistra le sequenze di un salto di Lorenzo Stratta a 3.80 (record personale Asti, 24 ottobre 2010). Per meglio valutare e commentare l esecuzione

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA La RACHIALGIA, nome scientifico del mal di schiena, si colloca tra le patologie più diffuse, colpendo in modo democratico persone di tutte le età, di tutte le categorie professionali e di tutte le tipologie.

Dettagli

Il corretto posizionamento in sella (oltre alle misure.) di Giuseppe De Servi

Il corretto posizionamento in sella (oltre alle misure.) di Giuseppe De Servi Il corretto posizionamento in sella (oltre alle misure.) di Come già accennato in precedenza per avere un buon rendimento a livello di prestazione atletica e di comodità in sella è necessario assumere

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO NORME E REGOLE DI SICUREZZA PER LA PRATICA DEL COASTAL ROWING IN MARE E SUI GRANDI LAGHI

FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO NORME E REGOLE DI SICUREZZA PER LA PRATICA DEL COASTAL ROWING IN MARE E SUI GRANDI LAGHI FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO O.d.G. 4.5 NORME E REGOLE DI SICUREZZA PER LA PRATICA DEL COASTAL ROWING IN MARE E SUI GRANDI LAGHI Premessa. In tutte le Società ed Associazioni sportive affiliate alla

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

ESERCIZI PER I GLUTEI

ESERCIZI PER I GLUTEI ESERCIZI PER I GLUTEI BREVE ANATOMIA DEI GLUTEI La regione glutea è rappresentata dal grande gluteo, dal medio gluteo e dal piccolo gluteo, con funzione di abdurre il femore. Il grande gluteo, assieme

Dettagli

LA POSTAZIONE AL VIDEOTERMINALE

LA POSTAZIONE AL VIDEOTERMINALE Ergonomia / Videoterminali / Utilizzo sicuro dei VDT LA POSTAZIONE AL VIDEOTERMINALE Introduzione Gli aspetti posturali connessi al lavoro al VDT sulla salute dei lavoratori sono stati studiati da molti

Dettagli

Il linguaggio dell insegnante. Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo

Il linguaggio dell insegnante. Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo Il linguaggio dell insegnante Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo A Assi e piani Asse longitudinale: è la linea immaginaria che ti attraversa dall alto (vertice della testa) in basso (in mezzo ai talloni).

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE Struttura Semplice Dipartimentale Rieducazione Funzionale Ospedale Albenga/Territorio Albenganese Responsabile Dssa. Anna Maria Amato 2

Dettagli

Scienze Motorie e Sportive

Scienze Motorie e Sportive Scienze Motorie e Sportive GLOSSARIO DEI MOVIMENTI GINNASTICI E SPORTIVI (Testo e disegni di Stelvio Beraldo) DOCENTE: prof Pieraldo Carta CLASSI: 1^A, 1^B, 2^B A.S. 2013-2014 1 Atteggiamenti POSIZIONI

Dettagli

Linee Guida per una Ginnastica utile per le Mani.

Linee Guida per una Ginnastica utile per le Mani. Dottor Giuseppe Internullo Specialista in Ortopedia e Traumatologia Specialista in Chirurgia della Mano e Microchirurgia Ortopedica Università di Modena. Linee Guida per una Ginnastica utile per le Mani.

Dettagli

Congratulazioni per la scelta del vostro stepper Horizon fitness. Avete compiuto un passo molto

Congratulazioni per la scelta del vostro stepper Horizon fitness. Avete compiuto un passo molto Congratulazioni per la scelta del vostro stepper Horizon fitness. Avete compiuto un passo molto importante per sviluppare un programma fitness. Il vostro stepper è uno strumento molto efficace per ottenere

Dettagli

Esito del sit test Maschi Femmine

Esito del sit test Maschi Femmine TC 1 Test dell accovacciamento (sit test) È una prova estremamente semplice da eseguire, ma che richiede buona coordinazione e un perfetto equilibrio muscolare tra estensori e flessori del ginocchio. Dove

Dettagli

Antropometria e posture. Nicola Magnavita

Antropometria e posture. Nicola Magnavita Antropometria e posture Nicola Magnavita Antropometria E la scienza che misura le dimensioni del corpo dall arte all industria Le misurazioni antropometriche consentono di progettare macchine e arredi

Dettagli

6.3 Organizzare l ambiente

6.3 Organizzare l ambiente 6.3 Organizzare l ambiente 6.3.1. Introduzione Il normale ambiente domestico può creare alla persona di cui ci si prende cura problemi di accesso, come le scale, e può anche essere pericoloso, come varie

Dettagli

MOVIMENTO E BENESSERE

MOVIMENTO E BENESSERE Corso di aggiornamento 2011-2012 MOVIMENTO E BENESSERE I fisioterapisti della S.O.C. Medicina Fisica e Riabilitazione Direttore ff Dott. Franzè Franco In collaborazione con Servizio di Prevenzione e Protezione

Dettagli

Settore Giovanile Giochi ed esercizi nel MiniVolley

Settore Giovanile Giochi ed esercizi nel MiniVolley Giochi tradizionali adatti alla pallavolo ASINO Si può giocare in un numero imprecisato di bambini che si mettono in cerchio; si tira la palla a colui che lo precede e così via. Quando si sbaglia (la palla

Dettagli

DISPENSA DIDATTICA Testo e immagini a cura di Xkite a.s.d. Lago di Garda

DISPENSA DIDATTICA Testo e immagini a cura di Xkite a.s.d. Lago di Garda DISPENSA DIDATTICA Testo e immagini a cura di Xkite a.s.d. Lago di Garda LA TEORIA DEL KITEBOARD Dispensa didattica PREMESSA Per una pratica sicura del kiteboard sono necessarie alcune informazioni teoriche

Dettagli

Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof.

Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Unità Operativa di Medicina Riabilitativa DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE/RIABILITAZIONE - San Giorgio - Direttore: Prof. Nino Basaglia MODULO DIPARTIMENTALE ATTIVITÀ AMBULATORIALE Responsabile: Dott. Efisio

Dettagli

10 Modulo. Attività motoria II

10 Modulo. Attività motoria II 10 Modulo Attività motoria II Argomenti MET specifici Programmi di attività motoria MET e Prevenzione dei TUMORI Cancro del seno: 9 MET settimana Cancro colon retto: 18 MET settimana Cancro prostata: 30

Dettagli

VOGA 2015. Università Veneziane

VOGA 2015. Università Veneziane VOGA 2015 Università Veneziane Ti piace vogare? Vorresti imparare? Sei un atleta o vuoi iniziare a praticare la voga e condividere in gruppo divertimento ed emozioni? Voga con Ca Foscari!!! Iniziative

Dettagli

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate APPENDICE ESERCIZI POST-OPERATORI CONSIGLIATI 1 Scendere dal letto Da supino a letto sollevare il tronco sostenendosi sui gomiti, portare il dorso del piede sano sotto la caviglia dell arto operato, per

Dettagli

Scrivanie regolabili in altezza

Scrivanie regolabili in altezza Scrivanie regolabili in altezza - aggiungi benessere, attività fisica e comfort alla tua giornata lavorativa LINEAR ACTUATOR TECHNOLOGY Negli ambienti di lavoro moderni l ufficio è diventato molto più

Dettagli

I PRINCIPI DELLO STEP SICURO

I PRINCIPI DELLO STEP SICURO LO STEP L allenamento con lo step è una delle attività cardiovascolari che offre maggiori benefici muscolari. Questo grazie ad un azione ciclica caratterizzata dal continuo salire e scendere dal gradino

Dettagli

CONI FIPCF LO STRAPPO CORSO DI AGGIORNAMENTO PER TECNICI DI PESISTICA E CULTURA FISICA

CONI FIPCF LO STRAPPO CORSO DI AGGIORNAMENTO PER TECNICI DI PESISTICA E CULTURA FISICA CONI FIPCF LO STRAPPO CORSO DI AGGIORNAMENTO PER TECNICI DI PESISTICA E CULTURA FISICA Fig. 1 Fig. 2 Fig.3 Fig. 4 Fig. 5 Fig. 6 SEQUENZA FOTOGRAFICA DELLO STRAPPO RECORD DI 180 KG. EFFETTUATO DA ASEN ZLATEV,

Dettagli

Prof. Alessandro Stranieri Lezione n. 5 LE MACCHINE SEMPLICI LEVE CARRUCOLE E CAMME

Prof. Alessandro Stranieri Lezione n. 5 LE MACCHINE SEMPLICI LEVE CARRUCOLE E CAMME Prof. Alessandro Stranieri Lezione n. 5 LE MACCHINE SEMPLICI LEVE CARRUCOLE E CAMME Le macchine Dal punto di vista statico, una macchina è un dispositivo che consente di equilibrare una forza (resistente)

Dettagli

8) Coscia e anca: a) flessione; b) estensione; c) abduzione; d) adduzione; e) rotazione interna; f) rotazione esterna.

8) Coscia e anca: a) flessione; b) estensione; c) abduzione; d) adduzione; e) rotazione interna; f) rotazione esterna. Glossario dei movimenti ginnastici e sportivi Terminologia riferita alle posizioni e ai movimenti del corpo 1) Capo: a) flessione in avanti; b) inclinazione indietro con iperestensione del rachide cervicale;

Dettagli

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate Vedi l'articolo completo sui consigli per la protesi d'anca su www.chirurgiarticolare.it Link diretto cliccando qui... APPENDICE ESERCIZI POST-OPERATORI CONSIGLIATI 1 Scendere dal letto Da supino a letto

Dettagli

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA DESCRIZIONE DEL MOVIMENTO, CORRELAZIONE TRA I DUE ARTI I fotogrammi utilizzati sono stati digitalizzati su computer, da immagini filmate con video camera 8 mm e con sincronia

Dettagli

15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA

15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA International Pbi S.p.A. Milano Copyright Pbi SETTEMBRE 1996 15 MINUTI AL GIORNO PER EVITARE IL MAL DI SCHIENA Introduzione I muscoli e le articolazioni che danno sostegno alla nostra schiena spesso mancano

Dettagli

La Prevenzione del Rischio da MMC. Introduzione. Newsletter 08/2014

La Prevenzione del Rischio da MMC. Introduzione. Newsletter 08/2014 Codroipo, lì 15 settembre 2014 Prot. 4714LM La Prevenzione del Rischio da Movimentazione Manuale dei Carichi MMC Introduzione Newsletter 08/2014 ECONSULTING del dott. Luciano Martinelli Via Roma, 15 int.

Dettagli

L innovativo ed ergonomico sistema portascale per qualsiasi possibile impiego.

L innovativo ed ergonomico sistema portascale per qualsiasi possibile impiego. L innovativo ed ergonomico sistema portascale per qualsiasi possibile impiego. 2 1 2 3 Chiedete ai vostri specialisti Prime Design Europe in tutta Europa ulteriori informazioni sui nostri prodotti vincenti!

Dettagli

VETRATA PIEGHEVOLE S.40 Cerniere a scomparsa (Brevetto europeo N 401.180)

VETRATA PIEGHEVOLE S.40 Cerniere a scomparsa (Brevetto europeo N 401.180) I VETRATA PIEGHEVOLE S.40 Cerniere a scomparsa (Brevetto europeo N 401.180) DESCRIZIONE TECNICA Le vetrate pieghevoli SUNROOM Mod. S.40 sono sempre costruite su misura e sono composte da elementi modulari

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO

FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO IL MURO: DALL APPLICAZIONE APPLICAZIONE TECNICA ALL APPLICAZIONE APPLICAZIONE TATTICA PARTENDO DAL SETTORE GIOVANILE VERSO L ECCELLENZA Settore tecnico giovanile Squadre

Dettagli

VETRATA PIEGHEVOLE S.62 Alluminio + legno (Brevetto europeo N 401.180)

VETRATA PIEGHEVOLE S.62 Alluminio + legno (Brevetto europeo N 401.180) I VETRATA PIEGHEVOLE S.62 Alluminio + legno (Brevetto europeo N 401.180) DESCRIZIONE TECNICA Le vetrate pieghevoli SUNROOM Mod. S.62-TONDA alluminio-legno sono una novità nel campo delle vetrate mobili.

Dettagli

Corso Istruttori Attività Natatorie

Corso Istruttori Attività Natatorie Corso Istruttori Attività Natatorie Preganziol (Treviso), 02-10 Febbraio 2013 Tecnica e didattica del Nuoto Pinnato 2^ parte La Didattica Fabio Paon Staff Tecnico Nazionale La storia del Nuoto Pinnato

Dettagli

Trasformazione Sevylor Hudson a Vela con parte del kit di Blumarino. Visione d'insieme della canoa attrezzata

Trasformazione Sevylor Hudson a Vela con parte del kit di Blumarino. Visione d'insieme della canoa attrezzata Visione d'insieme della canoa attrezzata 1 Fissaggio della scassa dell'albero In ogni punto in cui i tubi di alluminio sono stati forati per il passaggio delle viti di fissaggio, all'interno sono presenti

Dettagli

Eolico: teoria ed economicità degli impianti eolici

Eolico: teoria ed economicità degli impianti eolici Eolico: teoria ed economicità degli impianti eolici La teoria ingegneristica legata all eolico, oltre a fornire strumenti per la progettazione del generatore eolico, individua alcuni criteri per scegliere

Dettagli

Esercizi per la fatigue

Esercizi per la fatigue Esercizi per la fatigue È stato dimostrato che, praticando una costante e adeguata attività fisica, la sensazione di fatigue provata dal paziente si riduce notevolmente e che di conseguenza si ottiene

Dettagli

Cap. 3 METODI E MEZZI DI CARICAMENTO

Cap. 3 METODI E MEZZI DI CARICAMENTO Cap. 3 METODI E MEZZI DI CARICAMENTO Rev. 1.02 22/07/2014 Numerosi sono i metodi ed i mezzi con cui si possono trasportare pazienti ed infortunati. Quelli maggiormente usati sono: 1. La sedia portantina

Dettagli

SPECIFICHE dello SPORT di INTERESSE (Triathlon): N ALLENAMENTI SETTIMANALI: 5(Lunedì, martedì, mercoledì,giovedì,sabato)

SPECIFICHE dello SPORT di INTERESSE (Triathlon): N ALLENAMENTI SETTIMANALI: 5(Lunedì, martedì, mercoledì,giovedì,sabato) ATLETA: SPORT di INTERESSE: Paolo Rossi Triathlon Riccardo Monzoni Dottore in Scienze Motorie rm1989@hotmail.it 3406479850 DATI SOCIO richiedente: NOME: Paolo COGNOME: Rossi ETA : 34 PESO (Kg): 78 ALTEZZA

Dettagli

MISURIAMO LA BICI. La vita è come la bicicletta; se vuoi stare in equilibrio devi muoverti Albert Einstein

MISURIAMO LA BICI. La vita è come la bicicletta; se vuoi stare in equilibrio devi muoverti Albert Einstein MISURIAMO LA BICI La vita è come la bicicletta; se vuoi stare in equilibrio devi muoverti Albert Einstein Fareste mai una lunga passeggiata con un paio di scarpe strette??? QUALSIASI SIA L UTILIZZO CHE

Dettagli