(Mi par d'esser con la testa) in un'orrida fucina

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "(Mi par d'esser con la testa) in un'orrida fucina"

Transcript

1 (Mi par d'esser con la testa) in un'orrida fucina Scuola di Scenografia + Video e motion design Urbino, Rossini è un ottimo pittore di decorazioni, ma toglietegli la luce artificiale e la seduttrice lontananza teatrale e vedrete che cosa resta (R. Schumann) Pare un assurdo, eppure è esattamente vero, che, tutto il reale essendo un nulla, non v'è altro di reale né altro di sostanza al mondo che le illusioni (G. Leopardi) La folgorante carriera di Gioachino Rossini dura diciannove anni, dal 1810 al Sono gli stessi anni della fine delle guerre napoleoniche e della Restaurazione. È una fortuna che coincide con il contesto storico determinato dal Congresso di Vienna del 1815 e con la pace, faticosamente raggiunta dalle potenze vittoriose a Waterloo. Inghilterra, Austria, Prussia, Russia e Francia si proposero e attuarono, in quell'occasione, un compito impossibile; ovvero cancellare gli anni che intercorsero tra il 1789 e il 1814 (anni in cui era successo veramente di tutto) e ricostruire un passato che non esisteva più. «La realtà sociale in quasi tutti i paesi europei era enormemente cambiata, e quindi il ritorno al passato e la difesa a oltranza della stabilità si fondarono sulla repressione, e in particolare su un doloroso divorzio fra politica da un lato e forze produttive, società civile, cultura dall'altro. Tutti i fermenti di novità vennero sistematicamente repressi, o per lo meno guardati con sospetto 1». Sono anni in cui si creò un vuoto tra le conquiste dei valori illuministici di libertà, uguaglianza e fratellanza, ormai consolidate nelle coscienze degli individui e, dall'altra parte, di un potere politico che semplicemente negava che il mondo fosse cambiato radicalmente. Sotto questa luce è più facile comprendere il giudizio negativo di Schumann, dato che i successi di Rossini si andarono a sovrapporre interamente con gli anni del tardo stile di Beethoven; anni in cui il compositore pesarese cercò «di far rivivere l innocenza del mondo pre-rivoluzionario. Rossini non odiò né combatté veramente il nuovo mondo egli compose come se gli anni non fossero mai esistiti 2». Slavoj Zizek pone l'accento proprio sul tradimento che il libretto de Il barbiere di Siviglia di Cesare Sterbini attua nei confronti dell'opera teatrale di Pierre Beaumarchais 3. Infatti nel teatro di Beaumarchais non solo la critica verso la nobiltà è feroce, ma sono presenti forti allusioni negative anche nei confronti della sovranità del re di Francia 4. «Lo strabiliante successo del Barbiere di Rossini scrive Zizek - dovrebbe essere valutato secondo questo 1 P. Viola, Storia moderna e contemporanea. Volume III L'Ottocento, Einaudi, Torino 2000, p S. Zizek, L'eccezione e la regola, in Lettera Internazionale, n. 117, III trimestre 2013, p. 3 P.A. Beaumarchais ( ) scrisse la cosiddetta Trilogia di Figaro, di cui fanno parte Il barbiere di Siviglia, scritto nel 1772 e rappresentato nel 1775; Il Matrimonio di Figaro, scritto nel 1778 e messo in scena nel 1784, e infine La madre colpevole del Leggiamo nel IV atto de Il Matrimonio di Figaro che È la nascita una sorte:/ l un fa re e l altro pastore;/ li discrimina fortuna/ ma l ingegno cambia tutto. Si consideri che un'asserzione simile era assolutamente impossibile da affermare durante il regno di Luigi XIV.

2 criterio: Rossini prese una pièce teatrale, uno dei simboli dello spirito rivoluzionario della borghesia francese e la spoliticizzò trasformandola in un opera buffa allo stato puro. Non c'è da meravigliarsi che gli anni d oro di Rossini siano stati quelli fra il 1815 e il 1830, gli anni della reazione, gli anni in cui le potenze europee intrapresero il compito impossibile di Ungeschehen machen, di negare gli eventi dei precedenti anni rivoluzionari 5». Se è vero che i librettisti che collaborarono con Paisiello (autore di un precedente Barbiere del 1782), con Mozart e con Rossini ebbero un gran daffare per levigare o cancellare gli slanci rivoluzionari delle opere originali di Beaumarchais, sarà proprio nell'opera di Gioachino Rossini che la cornice storica perderà di rilevanza fino ad assurgere verso una dimensione che non è fuori dal tempo, ma al di là del tempo. Lo sguardo di Rossini non nega la storia, semplicemente non è interessato a starci dentro. Già nel 1830 Carlo Ritorni si chiedeva, a proposito della sortita di Figaro: «Ma cos'è quest'aria? È una canzone che si finge dal barbiere composta sulla propria vita, e ch'egli canta per via, andando a casa». Il suo apparire in scena è però tanto clamoroso e travolgente da andare ben al di là della semplice canzonetta che si finge cantata a solo con accompagnamento di chitarra: «mercé d'un movimento sonoramente armonioso, si direbbe che arrivasse invece, con la sua banda, il reggimento del conte ( ) E laddove ancora il barbiere parla della sua bottega, e dice cose colà si vede, chi badi all'insorgere strepitosamente dell'orchestra, crederà certamente che entro di quella tenga suonatori, ballerini, od altri che per allegria facciano fracasso grandissimo». La musica di Rossini andava dunque ben oltre il semplice compito d'imitare la natura e d'illustrare il testo poetico: vi introduceva un'ebbrezza che ne scompaginava la razionalità e ne saltava a piè pari le limitazioni per imporgli la propria signoria 6». C'è un altrove nella musica di Rossini che è inutile cercare di afferrare 7, perché sarebbe un po' come raccontare un sogno utilizzando le parole. L'obiettivo prefissato da Pierre Beaumarchais consisteva nello sciogliere l'opposizione della dialettica nobiltà e borghesia 8, a favore di un'immagine di un borghese intraprendente e abile che, a dispetto delle sue origini, riesce a raggiungere una diversa e migliore posizione sociale. Per questo Figaro non è più il servo intrigante del teatro classico, egli ci appare molto vicino al conte di Almaviva, e ci lascia intendere molto bene il fermento della Francia pre-rivoluzionaria, il subbuglio delle classi sociali. Per questo quando Mozart mette in scena Le nozze di Figaro, nonostante l'opera di Beaumarchais fosse stata proibita dall'imperatore Giuseppe II a causa del tono anti-nobiliare che conteneva, le limature del libretto non ne trasformarono il contenuto profondamente avverso alla nobiltà. Mozart aveva in odio la pomposa accidia della nobiltà, anche se suo «padre avrebbe desiderato che egli salisse le scale della società, diventando un principe di questo mondo. Mozart, invece, fin da ragazzo scherniva i nobili che il padre 5 Zizek, Op. cit. 6 Libretti d'opera italiani, a cura di G. Gronda e P. Fabbri, Mondadori, Milano 1997, p Si rifletta a tal proposito sulla vicenda del Congresso di Verona (1822), allorquando Metternich invitò Rossini a presenziare e a comporre, per quell'occasione, cinque diverse cantate, tra cui Santa Alleanza, con cui si celebravano le forze della restaurazione. Rossini «non si convertì ad una vera e propria convinzione di legittimista entusiastico, ma fu raffermato in una disposizione d'animo in favore della conservazione sociale e della stabilità politica» (in E. Mancinelli, Musica e politica in G. Rossini, Pubbliscoop edizioni, Sessa Aurunca 1996) 8 Il Marriage de Figaro di Beaumarchais venne rappresentato nel 1784 e provocò vaste reazioni per i toni espliciti di critica generale della società dominata dalla nobiltà e dal clero.

3 proponeva alla sua ammirazione: «C'era un sacco di Noblesse, - scrive Mozart in una lettera al padre - la duchessa Culettini, la contessa Pisciabene e poi la principessa Puzzadimerda con le sue due figliole». Non aveva che insofferenza verso il mostruoso corteo di abati, conti, consiglieri del Parlamento, luogotenenti generali della Polizia, marchesi, duchi, principi, luogotenenti generali degli eserciti, intendenti dei Piaceri del Re, che avrebbe dovuto frequentare a Parigi; e derideva perfino l'imperatore. Sebbene nessuno fosse più lontano di lui di un sanculotto, aveva capito che un artista deve abitare nel basso, tra i servi e gli gnomi, sugli infimi scalini dell'esistenza 9». Quando la nobiltà si riaffaccerà sulla scena, dopo la Restaurazione del 1815, sembrerà più simile ad un fantasma che ad una vera e propria classe sociale. Infatti agli inizi dell'ottocento era naufragata definitivamente anche la volontà di Maria Teresa d'austria di riformare la nobiltà 10, affinché assumesse un ruolo attivo nella società, mentre Giuseppe Parini criticò senza tregua, negli aspri e ironici endecasillabi de Il Giorno, colui "che da tutti servito a nullo serve". È chiaro che re e nobili sono facce della medesima medaglia; si avvalorano a vicenda e nel loro rapporto speculare traggono legittimità e consenso. In questa direzione appare evidente che non ci fu più una dialettica storica e sociale sostenibile, nel fragile ordine imposto dal Congresso di Vienna, bensì solo una apparenza artificiosa e illusoria. Tanto che, quando esploderanno i moti del 1821 e del 1831 fino alle rivoluzioni del 1848, l'europa si ritroverà ancora una volta devastata da guerre e rivoluzioni. La musica del Barbiere, composta come se non fosse accaduto niente nel frattempo, sembra riprodurre l'impossibilità di giungere ad una sintesi storica; e questo accade proprio durante le sue iperboli musicali che nascono spesso dalle esasperazioni protratte fino alle estreme conseguenze. Nel Barbiere di Siviglia «il disorientamento dei personaggi alla fine del I atto, di per sé una situazione frequente nell'opera buffa, si trasforma ( ) in una sorta di disintegrazione mentale, perché tutti sono travolti in un frenetico meccanismo contrappuntistico ( ), per non dire di estraniazione, tra la musica e il testo, che può portare ad esilaranti contraddizioni (verso la fine del Barbiere la circolare ripetizione di Zitti zitti, piano piano fa sì che i personaggi restino fermi mentre continuano a dire di volersene andare) 11». Quel disorientamento ed estraniazione rappresentate da Rossini non sono tanto delle contraddizioni, quanto piuttosto esempi di una dialettica negativa: non c'è sintesi tra Ancien Régime e rivoluzione, né tanto meno tra nobiltà e borghesia, che sono solamente due classi sociali che, non potendo conciliarsi, possono solo stare una accanto all'altra, condividendo narrazioni e opere buffe. Da questa prospettiva il conte di Almaviva e don Bartolo sono speculari agli intrighi i Figaro che, nel suo travolgente vitalismo, assume su di sé «una significativa incarnazione dell'affarismo dell'uomo nuovo nell'italia uscita dagli sconvolgimenti napoleonici 12». Non c'è un'analisi storica nel Barbiere, semplicemente perché la storia si vede riflessa nei personaggi che Rossini ha messo in scena, come una lucida rappresentazione, uno scatto nitido di fotografia. 9 P. Citati, Le lettere di Mozart in La civiltà letteraria europea, Mondadori, Milano 2005, p Si consideri che nonostante la distruzione della Bastiglia (4 luglio 1789) e la devastazione di Versailles del 6 ottobre successivo, Robespierre continuò a votare per una monarchia costituzionale, anziché per una repubblica, fino alla fuga del re a Varennes nel Fu solo nel settembre dell'anno successivo che la monarchia fu dichiarata decaduta e il re decapitato il 21 gennaio del M. Baroni, E. Fubini, P. Petazzi, P. Santi, G. Vinay, Storia della musica, Einaudi, Torino 1988, pp Ibidem, p. 309.

4 Per comprendere questa tensione vitalistica che si affaccia senza mai esplodere, che compie infinite acrobazie pur rimanendo sempre nello stesso posto, è opportuno indagare e approfondire lo spirito della seconda metà del Settecento, la cui sensibilità può essere bene riassunta nel libro Il bello nell'arte di Johann J. Winckelmann 13, pubblicato a Dresda nel Se consideriamo che, quando Mozart scrisse al padre per spiegare la sua poetica, il compositore austriaco affermò che «le passioni non devono mai essere espresse in modo tale da suscitare disgusto e la musica anche nelle situazioni più terribili non deve mai offendere l'orecchio, non deve mai cessare di essere musica»; dunque affermava di avere come ideale estetico quello di una sorta di olimpico equilibrio espressivo 14», allora potremo affermare che quel desiderio di non offendere l'orecchio, di non suscitare disgusto e di tendere verso un olimpico equilibrio espressivo nascondeva, in realtà, i tumulti e le sedizioni che di lì a poco esploderanno con tutta la forza e la violenza durante la rivoluzione francese del Non a caso il saggio di Winckelmann è stato pubblicato un anno prima della nascita di Mozart, libro coevo in cui possiamo leggere che: «la generale e principale caratteristica dei capolavori greci è una nobile semplicità e una quieta grandezza, sia nella posizione che nell'espressione. Come la profondità del mare che resta sempre immobile per quanto agitata ne sia la superficie, l'espressione delle figure greche, per quanto agitate da passioni, mostra sempre un'anima grande e posata. Quest'anima, nonostante le più atroci sofferenze, si palesa nel volto del Laocoonte, e non nel volto solo. Il dolore che si mostra in ogni muscolo e in ogni tendine del corpo e che al solo guardare il ventre convulsamente contratto, senza badare né al viso, né ad altre parti, quasi crediamo di sentire noi stessi, questo dolore, dico, non si esprime affatto con segni di rabbia nel volto o nell'atteggiamento. Il Laocoonte non grida orribilmente come nel canto di Virgilio: il modo con cui la bocca è aperta non lo permette; piuttosto ne può uscire un sospiro angoscioso e oppresso ( ). Laocoonte soffre; ma soffre come il Filottete di Sofocle: il suo patire ci tocca il cuore, ma noi desidereremmo poter sopportare il dolore come quest'uomo sublime lo sopporta 15». Winckelmann descrive la bellezza dell'arte greca, ponendo nel contempo il significato profondo dei suoi tempi, ovvero un'età nella quale l'arte è «un valore che sta fuori della storia, e supera la storia 16». Per questo l'arte neoclassica si rivolge ad un'ideale di bellezza che mira all'unione di forma e idea; «per gli artisti neoclassici l'imitazione dell'antico non era un fine in sé, ma un mezzo per creare opere ideali di valore universale ed eterno. Volendo riuscire ineguagliabili come gli antichi, essi si consideravano non come semplici imitatori delle opere greche o romane, ma come i restauratori del vero stile. Per mettere a nudo la verità ce si trova al di sotto della superficie della natura, essi si concentrano, come i precedenti idealisti, sulla forma più che sul modo di trattare la superficie della materia, sulla linea più che sul colore. Il loro accostarsi all'ideale era cerebrale, senza nessuno di quegli accenti mistici che erano stati propri dei neoplatonici rinascimentali, e derivava dalla convinzione che l'arte dovesse rivolgersi all'intelletto come alle percezioni dei sensi e che i problemi artistici potessero risolversi 13 J. J. Winckelmann, Il bello nell'arte. La natura, gli antichi, la modernità, Einaudi, Torino M. Baroni, E. Fubini, P. Petazzi, P. Santi, G. Vinay, Storia della musica, Einaudi, Torino 1988, p J. J. Winckelmann, Op. Cit., p C. Franzoni, Il cielo e il marmo, in Op. Cit., p. XIII.

5 attraverso un processo razionale 17». In questa misura illuminismo e neoclassicismo sono perfettamente sovrapponibili, come tensioni gemelle che aspirano ad un ideale che l'intelletto percepisce e rielabora in perfezione formale, energia che si risolve in un equilibrio armonico, fluido. L'arte e le sculture di Canova sono le immagini che meglio sintetizzano questa sorte di movimento immobile, questa compresenza degli opposti che si scioglie al silenzioso punto in cui il mondo sembra girare. E forse è per questa ragione che il neoclassicismo ha tessuto un rapporto privilegiato con la morte 18, ovvero con quell'algida visione di perfezione e di tempo assoluto che ogni decesso comporta e che sembra, in definitiva, essere l'ultima sintesi del movimento infinito di eros/thanatos, proprio perché «l'evocazione classica nella sua immobilità, è tragica 19». Là dove più forte è l'affermazione vitale dell'esistenza, più facilmente è possibile intravedere e riconoscere la serena impassibilità della morte 20. In questa prospettiva va collocata la tesi di Alessandro Baricco sull'opera buffa intesa come intermezzo, come altro rispetto all'opera seria, ovvero come una sospensione temporale che diventa vera e propria epoché. Se è vero che con l'opera buffa di Mozart «la materia comica, per quanto sempre ai limiti della stereotipia e della caricatura investe una nuova dimensione della realtà, non rifugge da una lettura innovativa dei ruoli sociali 21», in Rossini troviamo il superamento e il dissolvimento del concetto stesso di soggetto, messo a punto dal Settecento come idolo, totem indiscutibile del secolo dei Lumi. Infatti il progetto illuminista si basava principalmente sulla costruzione e definizione del soggetto, declinato nei valori di libertà, uguaglianza e fratellanza, mentre la ragione e il codice della natura venivano ad essere le coordinate per l'interpretazione e la decodificazione del mondo. Il meccanicismo illuminista non considerò affatto che il conseguente «ipertrofico sviluppo di un'individualità genera la sua disgregazione». Scrive Baricco che «nel linguaggio musicale di Rossini è leggibile un'abbondanza di colorature che ha pochi precedenti nella tradizione dell'opera buffa settecentesca. Ad un simile eccesso si accompagna, non casualmente, una contrazione solo apparentemente marginale della prassi compositiva: Rossini scrive per esteso, minuziosamente, tutte le colorature. ( ) Più si arricchisce il complesso delle colorature, più si stenta a riconoscere una vera e propria struttura melodica, ben delineata e autonoma. Nella misura in cui si concede all'eccesso, l'ornamento consuma le strutture portanti su cui si appoggia. Al calibrato eloquio in cui Rousseau aveva potuto riconoscere gli echi di un'ipotetica lingua naturale si sostituisce un nervoso e artificiale susseguirsi di figure acrobatiche sospese sul nulla. L'accessorio prende il posto del necessario, al significante si sostituisce 17 H. Honour, Neoclassicismo, Einaudi, Torino 1980, p In questa prospettiva possiamo valutare il forte impatto che ebbero i Canti di Ossian, scritti da James Macpherson nel 1760, sull'arte e la letteratura di fine Settecento. Infatti i Canti di Macpherson erano poesie che indulgevano in descrizioni intense di una natura selvaggia e tempestosa, raffigurata prevalentemente in ambienti notturni che finivano con lo stemperarsi in atmosfere malinconiche, lugubri e spettrali. La letteratura ossianica, spesso accreditata come prefigurazione preromantica, troverebbe la sua ratio proprio nella liberazione della tensione neoclassica. 19 G. C. Argan, L'arte moderna 1770/1970, Sansoni, Milano 1970, p Scrive Mozart, cogliendo la compresenza di vita e morte, che: «poiché la morte (a ben guardare) è l'ultimo, vero fine della nostra vita da un paio d'anni sono entrato in tanta familiarità con quest'amica sincera e carissima dell'uomo, che la sua immagine non solo ha per me nulla di terrificante, ma ha addirittura molto di tranquillizzante e di consolante» 21 V. Coletti, Da Monteverdi a Puccini, Einaudi, Torino 2003, p. 120.

6 l'insignificante. Ciò che viene messo in opera, qui, è un radicale sfondamento del sistema linguistico-espressivo messo a punto dall'opera buffa settecentesca. Quello che poteva sembrare un irrilevante vezzo stilistico, si rivela un gesto capace di smantellare, dalle basi, un edificio linguistico apparentemente inattaccabile 22». Sotto questo sguardo l'opera buffa si pone non tanto come un momento dialettico nei confronti dell'opera seria, quanto piuttosto come la sua nemesi, o meglio come la sua accelerata fuga in avanti verso un oltre dove ogni cosa viene spazzata via: «in scena restano servette, padroni gottosi, denaro, matrimoni, desideri. Non è che la vita, quale risulta dall'essenzializzazione prodotta da un' epoché magari un po' rozza, consumata d'altronde in un teatro non in una torre d'avorio, e comunque efficace. Nell'opera buffa non s'incontrano che i personaggi dell'opera seria, derubati però del mito e del destino: corrosi, essenzializzati. Figaro, i mille Figaro dell'opera buffa, sono ottenibili, per sottrazione spregiudicata e asettica, dagli eroi del mito 23». Quando Stendhal volle descrivere il fenomeno dell'innamoramento ne parlò come di una «cristallizzazione», ovvero di un processo di gemmazione che coinvolge interamente e completamente la persona amata 24 e la rende ferma nel ricordo e nel sentimento di quel primo innamoramento. In Rossini la cristallizzazione sta invece «nel tempo e nello spazio, di un commiato, di una perdita, di una lacerazione: non ha affatto bisogno di un qualche senso ulteriore. ( ) Il suo cammino va come va un'incrinatura lungo un vaso : e dove incontra le traiettorie della Storia, è per una fugace coincidenza, tutt'al più per uno scrupolo passeggero. L'Idea rossiniana è sostanzialmente il prodotto di un'immaginazione astorica 25». A questo punto è possibile dare risposta alla domanda di Zizek allorquando, a proposito del Barbiere, si chiede che cosa accade nel momento in cui si nega la realtà, componendo e creando opere d'arte come se tutt'intorno non fosse accaduto niente. La risposta sta proprio nella consapevolezza di esser-fuori dal destino, nel sentirsi fuori dallo scorrere del tempo, non volendo riconoscere, più che non riconoscendo, che stare sull'incrinatura del vaso impedisce di riconoscere e di capire che il vaso si sta per rompere definitivamente. Sarà a questo punto più chiaro comprendere i motivi della grande rinuncia di Rossini di ritirarsi dalla vita musicale attiva a soli trentasei anni (quando scrisse il Guglielmo Tell), mentre ne aveva solo quarantaquattro quando si stabilì a Bologna. Ai molti che ne chiesero ragione e spiegazioni, Rossini rispose sempre in modo vago, a volte ironico, mentre delle numerose teorie che si sono sollevate e succedute, forse la più plausibile la fornì lo stesso Rossini in una lettera a Pacini del 1866, quando scrisse: «Quest'arte (la musica) che solo ha per base l'ideale e il Sentimento, non può sottrarsi all'influenza del tempo in cui viviamo. L'Ideale e il Sentimento odierni sono esclusivamente rivolti al vapore, alla rapina e alle barricate... Ti sia presente la mia filosofica determinazione di abbandonare la mia carriera italiana nel 1822, francese nel 22 A. Baricco, Il genio in fuga. Due saggi sul teatro musicale di Giochino Rossini, Einaudi, Torino 1997, pp Ibidem, p Scrive Stendhal: «Nelle miniere di sale di Salisburgo si usa gettare nelle profondità abbandonate della miniera un ramo sfogliato dal gelo; due o tre mesi dopo lo si ritrova coperto di fulgide cristallizzazioni: i più minuti ramoscelli, quelli che non sono più grossi dello zampino d'una cincia, sono fioriti d'una infinità di diamanti mobili e scintillanti; è impossibile riconoscere il ramo primitivo» (Stendhal, Dell'amore, Einaudi, Torino 197, p A. Baricco, Op. Cit., pp

7 1829; questo presentire non è dato a tutti; Dio me l'accordò e il benedico ognora 26». Il rifiuto dello psicologismo, la condanna dei personaggi a un'inquietudine febbrile, l'astuta dolcezza delle fiabe, il desiderio spasmodico di felicità sono tutti contenuti della poetica rossiniana che non possono più trovare domicilio già a partire dalla prima metà del XIX secolo. Rossini rifiuta consapevolmente la scappatoia della riduzione borghese nelle declinazioni romantiche di realismo e immaginazione, poiché il linguaggio musicale rossiniano custodisce «il senso, il ricordo, l'emozione della felicità: ( ) nel preciso momento in cui il Pensiero scopriva la lusinga della Totalità, e si avviava a bruciare la multiformità del mondo nell'elevazione ad assoluto dell'identico lui inseguiva l'ipotesi di un mondo fondato sulla differenza, e in essa salvato 27». Un'evidente ulteriore prova dell'impossibilità di sintesi, negata principalmente da un pensiero che è ancora profondamente meccanicista e illuminista. Si tratta della stessa tensione imprigionata, come nelle statue di Canova, e che trasforma quell'energia sottesa in una compresenza di movimento e quiete, terra e cielo, determinato e infinito, questo e quello. In quegli stessi anni il ventenne Giacomo Leopardi scrive a Recanati l'infinito ( ) e in quindici versi ripete sei volte l'articolo determinativo questo e due volte il corrispettivo quello, quasi a indicare che possiamo comprendere l'infinito solo quando abbiamo fatto veramente esperienza del questo. «Dal questo colle, - scrive Giorgio Agamben su cui l'idillio si apre, a queste piante e questa voce, che imprimono una nuova svolta al discorso, fino a questa immensità e questo mare, in cui esso si conclude. E sempre dall'esperienza del questo scaturisce il senso sgomento dell'interminato, dell'infinito, come se il gesto di indicare, di dir questo, facesse affiorare nell'idillio l'incommensurabile, il silenzio, il pauroso; e, alla fine, è ancora questo che il pensiero si placa e fa naufragio 28». Due piani distinti che si oppongono e non trovano una sintesi tra l'indeterminatezza di quel suon di lei, o dei sovrumani silenzi, e profondissima quiete e dall'altra parte con la presenza di quest'ermo colle e questa siepe. Cielo e terra s'incontrano solo nella linea dell'orizzonte che è solo pensata e immaginata, poiché la vista è negata al poeta, come è negata la stessa possibilità ci conciliare questa materia con quello infinito silenzio. Una sintesi che avrà luogo solo più avanti, in pieno romanticismo, nell'unico posto che è presente proprio perché non appartiene a nessun luogo: il sogno 29. «Viviamo e sentiamo tanto nel sogno quanto nella veglia e siamo l'uno come l'altro. Sognare e saperlo, è uno dei tanti privilegi dell'uomo. Fino ad ora però, non se n'è tratto tutto il possibile vantaggio. Il sogno è una vita che aggiunta al resto della nostra esistenza diventa ciò che noi chiamiamo vita umana. I sogni si perdono poco a poco nel nostro stato di veglia; non si può 26 F. Toye, Rossini, Edizioni Accademia, Milano 1976, p A. Baricco, Op. cit., p G. Agamben, Il linguaggio e la morte, Einaudi, Torino 1982, p Il sogno, nella tradizione della cultura occidentale, è stato spesso inteso come un luogo che esisteva al di fuori del soggetto che lo sognava. Uno spazio in cui un soggetto, ma anche un'intera comunità rielaborava e comunicava. Se pensiamo a Giacobbe o Giuseppe che, nella Bibbia, sognano gli angeli portatori di verità oppure alla tradizione letteraria (Lisabetta che sogna l'amato Lorenzo nella novella del Decameron), allora capiremo che è solo con L'interpretazione dei sogni di Sigmund Freud del 1899 che il sogno diventerà la via regia per entrare nella vita inconscia dell'anima, ovvero l'appagamento di un desiderio rimosso, trasformandosi da luogo altro a spazio interiore.

8 dire dove nasca la veglia dell'uomo 30» (Georg Christoph Lichtenberg, Aphorismen, 1777) 30 G. Briganti, I pittori dell'immaginario, Electa, Milano 1977, p. 42.

1)il rifiuto dell arte barocca e della sua eccessiva irregolarità;

1)il rifiuto dell arte barocca e della sua eccessiva irregolarità; Il Neoclassicismo inizia alla metà del XVIII sec., per concludersi nel 1815. Ciò che contraddistingue lo stile artistico di quegli anni fu l adesione ai principi dell arte classica. Quei principi di armonia,

Dettagli

ROSSINI GIOACHINO Pesaro 29 febbraio 1792 Passy 13 Febbraio 1868

ROSSINI GIOACHINO Pesaro 29 febbraio 1792 Passy 13 Febbraio 1868 ROSSINI GIOACHINO Pesaro 29 febbraio 1792 Passy 13 Febbraio 1868 Gioachino Rossini nasce a Pesaro il 29 Febbraio 1792, figlio di un suonatore d'orchestra e di una cantante d'opera attivi nei teatri di

Dettagli

DA SUDDITI A CITTADINI

DA SUDDITI A CITTADINI DA SUDDITI A CITTADINI LO STATO ASSOLUTO 1) L'assolutismo. Lo Stato nasce in Europa a partire dal 15 secolo: i sovrani stabilirono il loro poteri su territori che avevano in comune razza, lingua, religione

Dettagli

LICEO MUSICALE PROGRAMMA STORIA DELL'ARTE

LICEO MUSICALE PROGRAMMA STORIA DELL'ARTE LICEO MUSICALE PROGRAMMA STORIA DELL'ARTE Il Dipartimento, nell'ambito della discussione preliminare relativa alla Programmazione, ed in considerazione del riordino dei cicli scolastici previsti dalla

Dettagli

La società francese. Nobiltà

La società francese. Nobiltà 1. Nuovi ideali e crisi economica demoliscono l antico regime La Rivoluzione francese, insieme a quella americana, è giustamente considerata uno dei momenti essenziali della nostra storia e della nostra

Dettagli

PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI

PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI MODULO 1 DALL ANTICO REGIME ALL ILLUMINISMO Unità 1 La Francia di Luigi XIV 1.1 Dal governo di Mazzarino al regno di Luigi XIV Mazzarino

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE

LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA SOCIETÀ FRANCESE NEL 1700 In Francia, nel 1700, il re Luigi XVI ha tutti i poteri. I nobili sono amici del re. I nobili hanno molti privilegi. Anche il clero (vescovi e cardinali)

Dettagli

Immagini dell ARTE NEOCLASSICA. Prof.ssa Ida La Rana

Immagini dell ARTE NEOCLASSICA. Prof.ssa Ida La Rana Immagini dell ARTE NEOCLASSICA Prof.ssa Ida La Rana Il Neoclassicismo Il Neoclassicismo è un movimento culturale che intende recuperare la grandezza dell arte classica, ovvero di quella greco-romana. Si

Dettagli

Rivoluzione Francese

Rivoluzione Francese Rivoluzione Francese Alla fine degli anni 80 del XVIII secolo la Francia attraversata una grave crisi economica: la produzione agricola era calata, le spese militari viste le numerose guerre erano aumentate,

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

Andrea Crisanti scenografo

Andrea Crisanti scenografo UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di laurea in Lettere Andrea Crisanti scenografo RELATORE Prof. Paolo Bertetto CORRELATORE Prof. Andrea Minuz LAUREANDA Elisa

Dettagli

PROGRAMMA A.S. 2012/2013

PROGRAMMA A.S. 2012/2013 Istituto Tecnico Commerciale Statale Giuseppe Ginanni Via Carducci, 11, 48121 Ravenna Percorsi di studio: - Amministrazione Finanza e Marketing - Sistemi informativi aziendali - Turismo - Relazioni internazionali

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

Allegato n.5 RELIGIONE CATTOLICA TANTI DONI, UN SOLO DONATORE La scuola dell'infanzia, attraverso le attività proposte, realizza un contesto

Allegato n.5 RELIGIONE CATTOLICA TANTI DONI, UN SOLO DONATORE La scuola dell'infanzia, attraverso le attività proposte, realizza un contesto Allegato n.5 RELIGIONE CATTOLICA TANTI DONI, UN SOLO DONATORE La scuola dell'infanzia, attraverso le attività proposte, realizza un contesto educativo nel quale l'apprendimento si accorda all'essere e

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE Classe 4 a C A.S. 2015/2016 Disciplina: Italiano Docente: prof. ssa Anna Schiavo Ore settimanali: quattro Libro di

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

IL RISORGIMENTO IN SINTESI

IL RISORGIMENTO IN SINTESI IL RISORGIMENTO IN SINTESI La rivoluzione francese ha rappresentato il tentativo violento, da parte del popolo, ma soprattutto della borghesia francese (e poi anche del resto dei paesi europei) di lottare

Dettagli

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti Uno dei caratteri fondamentali dell arte è quello di essere contemplativa, distinguendosi, in tal modo, da ciò che è attivo, nel senso, quest ultimo, di prendere

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Rivoluzione francese

Rivoluzione francese 2 3 4 1 5 6 7 8 9 10 11 12 13 Orizzontali 2. Governo moderato che si instaurò al termine della Rivoluzione 5. Importante esponente della Rivoluzione 7. Catturarono Luigi XVI 8. La fortezza di Parigi 10.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H LSA

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H LSA PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H LSA MODULO n. 1 TITOLO: L ETA DELL ASSOLUTISMO ORE TOTALI: 12 PREREQUISITI MODULO Conoscere termini e concetti fondamentali del linguaggio

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Il 1848. Il II impero in Francia

Il 1848. Il II impero in Francia Il 1848. Il II impero in Francia Le rivoluzioni del 48 in Europa Dimensioni più ampie: eccetto Inghilterra e Russia, tutta l Europa è coinvolta, compresa l Austria di Metternich. Più ampio coinvolgimento

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

OPPOSITORI HEGELISMO. Arthur Schopenhauer (1788-1861) ELVIRA VALLERI 2010-11

OPPOSITORI HEGELISMO. Arthur Schopenhauer (1788-1861) ELVIRA VALLERI 2010-11 OPPOSITORI HEGELISMO Arthur Schopenhauer (1788-1861) 1 Arthur Schopenhauer Danzica, il padre era un banchiere, la madre una scrittrice 1818 pubblica Il mondo come volontà e rappresentazione 1851 pubblica

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici Gli Amici La voce de "Gli Amici" domenica 10 novembre 2002 La domenica con Gesù Tempo Ordinario Domenica 10 novembre Parabola delle dieci vergini L'artista della settimana Monica Argentino Piazza Santa

Dettagli

GIOACCHINO ROSSINI ( P E S A R O, 1 7 9 2 P A R I G I, 1 8 6 8 )

GIOACCHINO ROSSINI ( P E S A R O, 1 7 9 2 P A R I G I, 1 8 6 8 ) GIOACCHINO ROSSINI ( P E S A R O, 1 7 9 2 P A R I G I, 1 8 6 8 ) Dal Classicismo al Romanticismo A Rossini, uomo profondamente conservatore, nemico delle novità, toccò il curioso destino di traghettare

Dettagli

X edizione de I Colloqui Fiorentini Nihil Alienum Alessandro Manzoni Sentir, riprese, e meditar. Intervista Raffaele Cavalluzzi 1

X edizione de I Colloqui Fiorentini Nihil Alienum Alessandro Manzoni Sentir, riprese, e meditar. Intervista Raffaele Cavalluzzi 1 XedizionedeIColloquiFiorentini NihilAlienum AlessandroManzoni Sentir,riprese,emeditar IntervistaRaffaeleCavalluzzi 1 ValerioCapasa:«Sentiremeditar»puòsintetizzarel approcciodimanzoniallarealtàsottoilvigilesostegnodella

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

Liceo T.L. Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2008-2009 STORIA. Insegnante: Guastella Egizia

Liceo T.L. Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2008-2009 STORIA. Insegnante: Guastella Egizia Liceo T.L. Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2008-2009 STORIA Classe IV F Insegnante: Guastella Egizia Argomenti svolti con l uso degli appunti proposti dall insegnante e del manuale

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d Italia

Il Risorgimento e l Unità d Italia Il Risorgimento e l Unità d Italia IL CONGRESSO DI VIENNA Quando? dal 1 novembre 1814 al 9 giugno 1815 Chi lo ha voluto? Francia, Inghilterra, Austria, Prussia e Russia Perché? per ritornare al passato,

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

COMMENTO. infatti, prima è questa, poi è quella (Anna).

COMMENTO. infatti, prima è questa, poi è quella (Anna). RIASSUNTO Il poeta è seduto su un colle, con una siepe che gli impedisce di vedere l'orizzonte. Seduto e immerso nei suoi pensieri, si immagina spazi sterminati, silenzi sovrumani e una quiete profonda

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SEZIONI A B C BIMBI ROSSI

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SEZIONI A B C BIMBI ROSSI PROGRAMMAZIONE ANNUALE SEZIONI A B C BIMBI ROSSI Anno scolastico 2012/2013 I collegamenti con le Indicazioni Nazionali e il Piano dell'offerta Formativa La programmazione dell anno scolastico 2012/2013

Dettagli

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE Gli Italiani vogliono essere indipendenti. Gli Italiani cercano di liberarsi dagli austriaci e dagli amici degli austriaci. Questo periodo si chiama RISORGIMENTO. Gli

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone :

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone : LA RIVOLUZIONE FRANCESE In Francia la società è divisa in tre ordini o stati: 1) Nobiltà 2) Clero 3) Terzo Stato Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie

Dettagli

Il Counseling Maieutico Orientamenti teorici e operativi

Il Counseling Maieutico Orientamenti teorici e operativi IlCounselingMaieutico Orientamentiteoricieoperativi 1.IlconflittocomerisorsaperilCounselingMaieutico Dr.DanieleNovara Responsabilescientifico Il Counseling Maieutico è uno strumento innovativo nato dopo

Dettagli

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Gigisland I edizione 2011 Luigi Giulio Bonisoli Responsabile della pubblicazione: Luigi Giulio Bonisoli Riferimenti web: www.melacattiva.com www.scribd.com/luigi Giulio

Dettagli

Il NEOCLASSICISMO ha come personalità di spicco nell ambito letterario: In Ambito artistico:

Il NEOCLASSICISMO ha come personalità di spicco nell ambito letterario: In Ambito artistico: IN ITALIA: Il NEOCLASSICISMO ha come personalità di spicco nell ambito letterario: VINCENZO MONTI IPPOLITO PINDEMONTE UGO FOSCOLO In Ambito artistico: Lo scultore ANTONIO CANOVA GIOVAN BATTISTA PIRANESI

Dettagli

L Espressionismo tedesco integrazione del libro di testo per la V A lg. e la V A ped.

L Espressionismo tedesco integrazione del libro di testo per la V A lg. e la V A ped. L Espressionismo tedesco integrazione del libro di testo per la V A lg. e la V A ped. Docente: prof.ssa Rita Paolicelli Camminavo lungo la strada con due amici quando il sole tramontò il cielo si tinse

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE (1789-1799)

LA RIVOLUZIONE FRANCESE (1789-1799) LA RIVOLUZIONE FRANCESE (1789-1799) COSA FU Fu un periodo di radicale e a tratti violento sconvolgimento sociale, politico e culturale occorso in Francia tra il 1789 e il 1799, i cui effetti principali

Dettagli

GIOCANDO D ARTE. Realizzato in collaborazione con. Il girotondo dell arte. di DANIELA AMATI e SARA CRIPPA

GIOCANDO D ARTE. Realizzato in collaborazione con. Il girotondo dell arte. di DANIELA AMATI e SARA CRIPPA PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2009/10 GIOCANDO D ARTE Realizzato in collaborazione con Il girotondo dell arte di DANIELA AMATI e SARA CRIPPA IL GIROTONDO DELL ARTE snc (laboratori didatticiartistici,

Dettagli

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA

TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA TRAGUARDI MINIMI DI COMPETENZA AL TERMINE DELLA SCUOLA D INFANZIA COMPETENZE EDUCATIVE AMBITO INDICATORI COMPETENZE IDENTITÀ Conoscenza di sé Relazione con gli altri Rispetta il proprio ruolo. Esprime

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI ABILITA COMPETENZE FINE SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI CONOSCENZE NUCLEO: ESPRIMERE E COMUNICARE

Dettagli

La Bibbia è contro il sesso

La Bibbia è contro il sesso mito 5 La Bibbia è contro il sesso L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. Woody Allen Facendone un peccato il Cristianesimo ha fatto molto

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

Programma svolto. Unità 2. Le scienze nell'età di Galileo: la nuova medicina di Harvey e Malpighi, Bacone e il metodo

Programma svolto. Unità 2. Le scienze nell'età di Galileo: la nuova medicina di Harvey e Malpighi, Bacone e il metodo Iti Fermi - Modena Classe 4 H Docente Elisa Boldrini Disciplina Lingua e lett. italiane a. s. 2015/2016 Programma svolto Modulo 1. Produzione di testi scritti argomentativi e secondo le tipologie previste

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTEFIORINO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTEFIORINO ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTEFIORINO SCUOLA PRIMARIA MATILDE DI CANOSSA A. S. 2004/05 e 2005/06 Insegnanti: Ferraguti Paola Bocchi Silvana 1 UNITA DI APPRENDIMENTO: CAPIRE CON IL CUORE Premessa L educazione

Dettagli

Circoli di lettura genitori. Ciliegie. Anno scolastico 2013-2014

Circoli di lettura genitori. Ciliegie. Anno scolastico 2013-2014 Circoli di lettura genitori Ciliegie Anno scolastico 2013-2014 CILIEGIE Circoli lettura genitori Istituto comprensivo di campomaggiore In questo anno scolastico 2013-2014, i genitori degli alunni sono

Dettagli

La politica economica degli stati e la nascita dell economia come scienza. Fisiocrazia e liberismo.

La politica economica degli stati e la nascita dell economia come scienza. Fisiocrazia e liberismo. PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA CLASSE IV B geo A.S. 2010-2011 DOCENTE: CRISTINA FORNARO L antica aspirazione alla riforma della Chiesa. La riforma di Lutero. La diffusione della riforma in Germania e in Europa.

Dettagli

La rivoluzione Francese. 1. La fine della monarchia

La rivoluzione Francese. 1. La fine della monarchia La rivoluzione Francese 1. La fine della monarchia Alle origini della rivoluzione Immobilismo politico della Francia: la culla dell illuminismo non conosce riforme. Esempio della rivoluzione americana.

Dettagli

Storia della musica - classe 2^

Storia della musica - classe 2^ a.s. 2013/2014 Storia della musica - classe 2^ A CURA DEL RESPONSABILE DELL AMBITO prof. Giovanni Lorenzo Cardia L ambito disciplinare di STORIA DELLA MUSICA stabilisce che: 1. saranno previste un congruo

Dettagli

Programmi a.s. 2014-15

Programmi a.s. 2014-15 Docente DEL GROSSO TERENZIO Classi 4 ENOGASTRONOMIA sezione/i Ge PROGRAMMA CLASSE IV A.S. 2014/15 ITALIANO CULTURA E LETTERATURA NEL SETTECENTO L Illuminismo La letteratura illuministica J.J. Rousseau:

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Francesca Marzilla Rampulla

Francesca Marzilla Rampulla Con Eufrosina, edito da Dario Flaccovio, Licia Cardillo Di Prima abbandona l ambientazione provinciale dei suoi precedenti racconti per trasferirsi nella Palermo del XVI Secolo, ai tempi della dominazione

Dettagli

Studiò a Roma e a Bonn (in Germania) dove si laureò; tornò in Italia nel 1892 e si. La casa dove nacque Pirandello

Studiò a Roma e a Bonn (in Germania) dove si laureò; tornò in Italia nel 1892 e si. La casa dove nacque Pirandello Luigi Pirandello è stato uno dei più importanti scrittori e drammaturghi italiani, conosciuto, famoso e apprezzato in tutto il mondo, e fu anche premiato con il Nobel per la letteratura nel 1934. Nacque

Dettagli

Intervista ad Anke Merzbach

Intervista ad Anke Merzbach Intervista ad Anke Merzbach a cura di Giorgio Tani Seravezza Fotografia, iniziata da alcuni anni, si è affermata, per le proposte che vengono fatte, come una delle più interessanti manifestazioni nazionali.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

Centro Internazionale di Scrittura Drammaturgica La Loggia

Centro Internazionale di Scrittura Drammaturgica La Loggia 35 Centro Internazionale di Scrittura Drammaturgica La Loggia Centro Internazionale di Scrittura Drammaturgica La Loggia internet: www.teatrinodeifondi.it e-mail: cisd@teatrinodeifondi.it Gertjan Durmishi

Dettagli

GIACOMO LEOPARDI. LEOPARDI.notebook

GIACOMO LEOPARDI. LEOPARDI.notebook GIACOMO LEOPARDI una famiglia di rango nobiliare da...(nasce)... a Recanati nel 1798 PADRE il conte Monaldo Leopardi: uomo molto colto; aveva messo insieme una notevole biblioteca; l'orientamento politico

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof. SGUBIN ROSALIA A.S. 2015/2016 CLASSE 4 LM MATERIA: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof. SGUBIN ROSALIA A.S. 2015/2016 CLASSE 4 LM MATERIA: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof. SGUBIN ROSALIA A.S. 2015/2016 CLASSE 4 LM MATERIA: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Modulo n.1 RACCORDO Storia e politica nell età delle corti Collocazione temporale: SETTEMBRE

Dettagli

LA CHIAVE D INGRESSO

LA CHIAVE D INGRESSO LA CHIAVE D INGRESSO Una personalità così ricca e così umanamente complessa quale quella che emerge dai manoscritti di Sandra Sabattini non poteva non essere analizzata da un punto di vista psico-grafologico.

Dettagli

I segreti della mente

I segreti della mente Vittorino Andreoli I segreti della mente Capire, riconoscere, affrontare i segnali della psiche Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06413-2 Prima edizione:

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Indice. Introduzione... vii

Indice. Introduzione... vii Indice Introduzione... vii PARTE PRIMA L AMORE IN OCCIDENTE... 1 L amore nel pensiero occidentale... 3 L amore nell Occidente cristiano... 17 L amore fiorisce nell infanzia... 23 I legami che l amore crea...

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE FINALITA' Sviluppare e potenziare la capacità di leggere e comprendere immagini e creazioni artistiche. Sapersi esprimere e comunicare in modo personale e creativo.

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI CLASSE: IV MATERIA: STORIA

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI CLASSE: IV MATERIA: STORIA PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI CLASSE: IV MATERIA: STORIA Modulo n 1 : Il seicento tra rivolte, rivoluzioni e depressione

Dettagli

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori FRATELLI D'ITALIA spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori Di seguito vi proponiamo una serie di tematiche, presenti nello spettacolo teatrale, che possono

Dettagli

Imparare l inglese nell antica Roma

Imparare l inglese nell antica Roma PROGETTI CLIL PER LE SCUOLE SUPERIORI Imparare l inglese nell antica Roma Questo percorso di approfondimento storico ed archeologico vuole unire due aspetti importanti della formazione scolastica di uno

Dettagli

Museo del Risorgimento:

Museo del Risorgimento: Museo del Risorgimento: Il giorno 14 gennaio la classe 3C ha visitato il museo del Risorgimento. Il museo, prima di diventare tale,è stato la residenza di casa de Marchi, il quale una volta morto, ha donato

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

POESIE DAL CUORE. Concorso "Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco

POESIE DAL CUORE. Concorso Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco POESIE DAL CUORE Concorso "Don Bosco 2012 Prendimi per mano... Don Bosco di Matteo Melis, 3 a A (primo classificato) Proprio tu sei l amico più importante PeR ragazzi come me PiEno di ideali, desideri

Dettagli

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del Giuseppe Ungaretti Giuseppe Ungaretti nacque nel 1888 ad Alessandria d Egitto, dove i suoi genitori, che erano originari di Lucca, si erano trasferiti in quanto il padre lavorava alla realizzazione del

Dettagli

Protocollo dei saperi imprescindibili

Protocollo dei saperi imprescindibili CLASSE:PRIMA Le antiche civiltà (Civiltà idrauliche) La comune identità delle comunità greche (i miti, la religione...) L Atene del V secolo. Alessandro Magno La civiltà etrusca Roma: la fondazione, il

Dettagli

Dante Alighieri, Oltre la sfera che più larga gira

Dante Alighieri, Oltre la sfera che più larga gira Dante Alighieri, Oltre la sfera che più larga gira Analisi della poesia Il testo e la parafrasi La prima strofa verso 1 Oltre la sfera che gira più larga Dante concepisce la Terra immobile al centro dell'universo.

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA

IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA CAPITOLO XXVII IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA ENTRATO IN POSSESSO DI MANTOVA E DEL MONFERRATO,

Dettagli

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G.Galilei www.istitutocomprensivosgt.it CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE : 5 anni SCUOLA INFANZIA Consapevolezza ed espressione culturale / imparare a imparare.

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

1. FARE YOGA 2. NUOVE INTERPRETAZIONI

1. FARE YOGA 2. NUOVE INTERPRETAZIONI 1. FARE YOGA are yoga significa rifuggire e condizionarsi nella pratica del corpo e dell intima saggezza espressa, dalle necessità storiche, dallo sforzo di protezione di se. Come concetto acquisito ed

Dettagli

1 Quad. 1 U.D.A. Mi conosco.. Traguardi Competenze Indicazioni Nazionali

1 Quad. 1 U.D.A. Mi conosco.. Traguardi Competenze Indicazioni Nazionali 1 Quad. 1 U.D.A. Mi conosco.. Traguardi Competenze Indicazioni Nazionali - Scopre nei racconti del Vangelo la persona e l insegnamento di Gesù, da cui apprende che Dio è Padre di tutti e che la Chiesa

Dettagli

La rivoluzione francese

La rivoluzione francese La rivoluzione francese Comunque la si giudichi, qualunque interpretazione se ne dia, non si può negare che la rivoluzione francese rappresenti una svolta nella storia: il mondo dopo di essa sarà diverso.

Dettagli

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO INSEGNAMENTO IL MIO CUORE CANTA LE TUE LODI a cura di Carlo Arditi, Responsabile del Servizio Musica e Canto Nel preparare questa condivisione mi sono accorto che, pur non avendolo fatto apposta, anche

Dettagli

CARTELLONE SPETTACOLI

CARTELLONE SPETTACOLI 8 edizione a.s. 2014/2015 Coquelìcot Teatro in collaborazione con: Fondazione Festival Pucciniano Torre del Lago Comune di Forte dei Marmi - Assessorato alla Cultura Comune di Massarosa Ufficio Cultura

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2011/12 Docente Ketti Demo Disciplina Storia Classe II Sezione A n. alunni 23 SITUAZIONE DI PARTENZA Livello della classe (indicare con X a sinistra):

Dettagli

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS Marco Marcuzzi Pensieri IL SAMARITAN ONLUS PREFAZIONE Questi pensieri sono il frutto dell esperienza di vita e dell intuizione di un amico che ancora oggi coltiva con cura, pazienza e amore la sua anima.

Dettagli

FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO

FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO Numero Terzo Novembre 2007 Idee per una rilettura Hans Georg Gadamer La ragione nell'età della scienza (Il nuovo melagnolo, Genova 1999) di Scilla Bellucci

Dettagli

Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA

Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA MOTIVAZIONE Istituto Comprensivo Gallicano nel Lazio Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA La dimensione del tempo, come quella dello spazio, nella società di oggi è stravolta dalla modalità e dalla

Dettagli

ALLA SERA. Vagar mi fai co' miei pensier su l'orme che vanno al nulla eterno; e intanto fugge questo reo tempo, e van con lui le torme

ALLA SERA. Vagar mi fai co' miei pensier su l'orme che vanno al nulla eterno; e intanto fugge questo reo tempo, e van con lui le torme ALLA SERA For/se/ per/chè /del/la /fa/tal/ quï/e/te Tu/ sei /l'ima/go a /me/ sì /ca/ra /vie/ni O /se/ra! E/ quan/do/ ti /cor/teg/gian/ lie/te Le /nu/bi e/sti/ve e i /zef/fi/ri /se/re/ni, E/ quan/do/ dal

Dettagli

FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING. prof. Giorgio Morgione

FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING. prof. Giorgio Morgione FRIEDRICH WILHELM JOSEPH VON SCHELLING prof. Giorgio Morgione CENNI BIOGRAFICI 1775 nasce il 27 gennaio a Leonberg 1791 inizia il seminario di teologia a Tubinga, dove conosce Hördeling e Hegel 1799 dopo

Dettagli

Siamo un cambiamento in cammino

Siamo un cambiamento in cammino Scuola Primaria Paritaria Sacra Famiglia PROGETTO EDUCATIVO ANNUALE 2013 2014 Siamo un cambiamento in cammino Uno di fianco all altro, uno di fronte all altro Il percorso educativo di quest anno ci mette

Dettagli

Istituto Maria Consolatrice

Istituto Maria Consolatrice ISTITUTO PARITARIO MARIA CONSOLATRICE Via Melchiorre Gioia, 51 20 124 MILANO Tel. 02/66.98.16.48 - Fax 02/66.98.43.64 - Cod.Fiscale: 01798650154 e-mail:direzioneprimaria@ismc.it sito internet: www.consolatricemilano.it

Dettagli

Uno sguardo che ti abbraccia - La Bellezza di Maria

Uno sguardo che ti abbraccia - La Bellezza di Maria Uno sguardo che ti abbraccia - La Bellezza di Maria La prima immagine che si vede, entrando nel nostro sito web, è quella di Maria dipinta da Giotto nella volta della Cappella degli Scrovegni. La pagina

Dettagli

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Docente: Prof.ssa Mariotti Maria Adele Libri di testo adottati

Dettagli