Cina. Nascita di un impero Scuderie del Quirinale, Roma 22 settembre gennaio L Età del Bronzo in Cina

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cina. Nascita di un impero Scuderie del Quirinale, Roma 22 settembre 2006 28 gennaio 2007. L Età del Bronzo in Cina"

Transcript

1 Cina. Nascita di un impero Scuderie del Quirinale, Roma 22 settembre gennaio 2007 Wang Fengjun * L Età del Bronzo in Cina Le più antiche evidenze archeologiche relative all uso del metallo in Cina provengono da contesti riferibili all Età Neolitica; in particolare si tratta di un frammento semicircolare di metallo e di un piccolo cilindro in lamina metallica rinvenuti (rispettivamente nel terzo strato della trincea di saggio 259 e sul pavimento della capanna F29) nel sito di Jiangzhai, nei pressi di Xi an (Shaanxi) in livelli databili al V millennio a.c. Le analisi metallografiche effettuate sui due reperti hanno dimostrato che si tratta di lega di rame e zinco (66,54% Cu, 25,56% Zn, 5,92% Pb, il primo; 69% Cu, 32% Zn, 0,5-0,6% S, il secondo); anche a Sanlihe, un distretto di Jiaoxian (Shandong), sito riferibile alla cultura Longshan (ca a.c.), sono stati rinvenuti due punteruoli che dalle analisi effettuate risultano costituiti da una lega di rame e zinco (fig. 1), una sorta di ottone, dunque, ma non intenzionale. Nei giacimenti cupriferi della Cina settentrionale, infatti, rame e zinco spesso coesistono nella stessa roccia metallifera; queste rocce sottoposte a ripetuti riscaldamenti potrebbero aver dato luogo a una qualche forma di primitiva fusione; è quindi possibile ipotizzare che nel periodo più antico il rame impuro risultasse naturalmente alligato ad altri metalli. In un sito della cultura Majiayao ( ), a Linjia, un distretto di Dongxiang (Gansu), gli archeologi del Museo Provinciale del Gansu hanno rinvenuto sotto il muro nord della capanna F20 (databile a ca a.c.) una lama metallica di coltello (12,6 cm) che analisi elementali ad attivazione neutronica condotte dall Istituto di Archeologia dell Accademia Cinese di Scienze Sociali hanno rivelato essere costituita da rame (Cu 36,5%), zinco (Zn 6,47%), piombo (Pb 3,49%) e ferro (Fe 0,41%); ancora una volta, però, questa lega sembra essere il risultato della combinazione accidentale di risorse minerali locali e non una lega deliberatamente prodotta dall uomo (fig. 2). Altri ritrovamenti di manufatti di rame/bronzo sono avvenuti in diversi siti della Cina nord-occidentale in contesti culturali databili tra la fine del III e l inizio del II millennio a.c.: gli oltre sessanta manufatti (ornamenti e piccoli attrezzi) da siti della cultura Qijia sono prevalentemente di rame (purezza 95%) e solo alcuni in lega ternaria (rame, stagno e piombo), mentre gli oltre duecento utensili rinvenuti a Huoshaogou (Cultura Siba) sono per metà in rame e per metà in bronzo. In ogni caso, però, si tratta di oggetti di piccole dimensioni e a corpo pieno, gettati con ogni probabilità in semplici matrici aperte o composte da due valve. Il rame puro, sebbene naturalmente duttile e malleabile, non si adatta alla realizzazione per gettata diretta entro matrice di oggetti a corpo cavo o di grandi dimensioni, a causa della sua alta viscosità allo stato fuso. Per la realizzazione di tali oggetti fu quindi necessario fluidificare il rame alligandolo con stagno, creando così una lega meno soggetta a ossidazione rispetto al rame e dall aspetto brillante che conferiva maggior pregio al manufatto. L Età del Bronzo ebbe inizio in Cina agli inizi del II millennio a.c., interessando le Tre Dinastie pre-imperiali Xia (II millennio-xvi sec. a.c. circa), Shang (circa XVI sec a.c.) e Zhou ( a.c.). La lavorazione di questo metallo giunse all apice del suo sviluppo durante

2 la seconda fase della dinastia Shang (Periodo Shang di Yin, a.c.) e i primi secoli della dinastia Zhou, dando vita alla più raffinata e complessa arte fusoria di tutta l Asia Orientale. La quantità di oggetti di bronzo prodotti in Cina è immensa: soltanto nella provincia dello Shaanxi, nell arco di un trentennio, dal 1949 al 1979, sono stati riportati alla luce oltre tremila manufatti databili all epoca delle dinastie Shang e Zhou. In nessun altra cultura antica si è avuta una produzione così imponente, si pensi che nella sola tomba di Fu Hao (circa 1200 a.c.), una delle mogli del potente re Wuding (circa a.c.), si sono rinvenuti 466 manufatti di bronzo per complessivi 1600 kg, mentre in una sepoltura del V secolo a.c., la tomba del Marchese Yi di Zeng (catt ), ne sono stati ritrovati quasi dieci tonnellate. Nel dicembre del 1976 a Zhuangbai, un distretto di Fufeng (Shaanxi), è stato rinvenuto un intero ripostiglio di bronzi cerimoniali appartenuti al potente clan Wei: ben 103 raffinatissimi ed eleganti recipienti di bronzo, 74 dei quali recanti iscrizioni dedicatorie, grazie alle quali è stato possibile ricostruire la genealogia e la storia di almeno cinque generazioni della famiglia Wei (si veda il saggio di A. Andreini in questo catalogo). Ritrovamenti simili sono molto frequenti anche in siti più tardi: ad esempio, dei bronzi rinvenuti sino ad oggi, solo quelli recanti iscrizioni in numero esiguo rispetto a quelli che ne sono privi sono ben oltre dodicimila. Oltre che per il gran numero, i manufatti di bronzo sono degni di nota per la varietà dei tipi e la specializzazione delle funzioni: basti ricordare, ad esempio, i recipienti per i cibi, per l acqua e le bevande alcoliche, gli strumenti musicali, le armi, gli utensili per l agricoltura e l artigianato, i finimenti per cavalli e per carro, gli oggetti d uso domestico, le monete e i sigilli, solo per citare le categorie più frequenti. Dei soli vasi per bevande alcoliche si conoscono più di venti tipi principali (fig. 3), di cui in mostra figurano, oltre al singolare contenitore a forma di figura femminile ignuda (cat. 1), tre vasi da vino jue (cat. 19), un elegante coppa libatoria gu (cat. 21), recipienti denominati zun (cat. 23), hu (catt. 11, 12, 34, 40, 43, 49, 90), fanghu (catt. 3, 29, 85), la caraffa he con beccuccio a forma di uccello e manico a forma di quadrupede (cat. 24), la coppia di secchielli you (cat. 25) e il bellissimo gong zoomorfo (cat. 7). Forme, accessori e decorazioni cambiarono nel tempo, persino nel corso della medesima epoca, mentre stili e motivi decorativi rivelano spesso diversità regionali: una continua evoluzione e una eccezionale diversificazione che conferiscono a ogni singolo oggetto grande valore e pregio. I vasi rituali di bronzo rappresentano concretamente la sfera religiosa dell aristocrazia Shang e Zhou; i vasi e le decorazioni che li ornano erano in altre parole il veicolo di preghiere, aspirazioni e credenze, vale a dire di comunicazione con il mondo degli spiriti. Di tali decorazioni a carattere religioso, le più ricorrenti nelle epoche Shang e Zhou erano la maschera zoomorfa nota come Taotie (rappresentata in diversi recipienti in mostra, catt. 24, 41, 182, 225, 809, 287 e fig. 4) e esseri fantastici dal corpo composito tradizionalmente chiamati Kui e che si è soliti tradurre come draghi (cat. 24 e fig. 5). Nella visone frontale, il Taotie appare come una sorta di muso ferino privo di mandibola (da qui l uso di definirlo maschera ) formato da due metà speculari; ciascuna metà, a sua volta, non è altro che un animale fantastico raffigurato di profilo: i grandi occhi sporgenti, il corpo sdoppiato specularmene lungo entrambi i lati della testa, le zampe e gli artigli paralleli al corpo, la coda arricciata, suggeriscono l immagine di una creatura dall aspetto terrifico, che, se forse incuteva timore e riverenza all osservatore, sicuramente costituiva il tramite simbolico con il mondo degli spiriti, con l Aldilà. Nel periodo di massima fioritura dell arte del bronzo, fra il tardo periodo Shang e l inizio della dinastia Zhou, queste figure rese in altorilievo si armonizzavano sullo sfondo decorato da motivi a nuvola (yunwen, fig. 6) e a fulmine (leiwen, fig. 7), canonicamente disposte su tre fasce orizzontali (fig. 8). Le linee vigorose, fuse o incise in forte rilievo, evocavano primitivi e arcani 2

3 sentimenti religiosi. Inoltre, l organizzazione dei motivi decorativi in tre fasce si sposava perfettamente con la struttura pesante e imponente dei vasi. Nelle decorazioni dei manufatti di bronzo delle epoche Shang e Zhou Occidentali ( a.c.) prevalgono gli esseri zoomorfi dall aspetto terrifico e feroce, mentre la rappresentazione della figura umana è piuttosto rara (fig. 9) e, quando presente, non ha alcuna preminenza, si confonde anzi con i motivi zoomorfi o è preda di bestie feroci e mostruose. In Cina, i recipienti rituali destinati alle cerimonie religiose e ai corredi funerari dell aristocrazia sembrano essere l elemento caratterizzante, rispetto alla pur ricca tipologia delle armi e degli utensili. Senza dubbio la complessità delle fogge, e dei raffinati motivi decorativi del vasellame rituale fu possibile grazie a tecniche di fusione evolute e sofisticate, ben diverse dalle tecniche fusorie adottate nelle coeve culture asiatiche produttrici di bronzo (nelle regioni delle steppe lungo i confini settentrionali e occidentali della Cina, ad esempio, il bronzo fu principalmente usato per produzione di utensili, di armi e di monili, quali placche da cintura, bracciali e cavigliere). La tecnologia del bronzo in Cina vanta una tradizione esclusiva nei procedimenti di fusione, con gettata diretta entro matrici composite. Questa lavorazione, più complessa e dispendiosa, fu possibile grazie all abbondanza dei minerali metalliferi, alla piena padronanza della pirotecnologia - grazie alla lunga esperienza acquisita, durante i millenni dell Età Neolitica, nel controllo delle elevate temperature raggiunte dalle fornaci per la cottura della ceramica (si veda il saggio di S. Rastelli in questo catalogo) - e alla disponibilità e organizzazione della forza lavoro. Il complesso procedimento consisteva nel plasmare un modello di argilla del vaso da fondere, attorno ad esso veniva applicato uno spesso strato di argilla depurata che prendeva la forma del modello; questo strato esterno era quindi tagliato in varie sezioni (il numero variava a seconda del tipo di vaso) che venivano separate dal modello. Il modello iniziale di argilla era trasformato nel nucleo dello stampo eliminando uno strato d argilla corrispondente allo spessore desiderato; su questo nucleo era montata la matrice esterna costituita dalle varie sezioni. La giunzione tra le singole parti della matrice esterna era assicurata da incastri ricavati lungo i bordi di ogni sezione, dove erano anche praticati degli sfiatatoi per la fuoriuscita dei gas prodotti dal metallo fuso durante la colata. Dei piccoli frammenti di bronzo (scarti di fornace, di solito), detti distanziatori, al momento del montaggio delle diverse componenti della matrice, erano posti in diversi punti tra il nucleo e la matrice esterna, assicurando un intercapedine costante e omogenea; nello spazio vuoto così creato veniva direttamente gettato il bronzo fuso che, una volta raffreddato, veniva liberato dall involucro esterno e dal nucleo (fig. 10). Inizialmente i motivi decorativi erano incisi sulla parete concava delle sezioni della matrice esterna, successivamente furono invece eseguiti in rilievo sul modello, in modo da trasferire il decoro direttamente sulle matrici. Questo procedimento, diversamente dalle matrici aperte o a due valve, consentiva di usare una matrice una sola volta per un solo oggetto, ed è per questo che i vasi di bronzo sono uno diverso dall altro, e trovarne due identici è pressoché impossibile. Intorno al sec. VII-VI a.c., assieme a innovazioni nella fabbricazione e struttura delle matrici, comparvero nuove tecniche decorative, come ad esempio l agemina in rame, tecnica che si diffuse ampiamente nei secoli successivi. Come testimoniato dai frammenti di stampi per matrice messi in luce nella grande fonderia di Houma (Shanxi), datata tra il 585 e il 380 a.c. circa, il disegno del motivo decorativo era inciso profondamente sul modello che impresso sulla matrice produceva una replica in rilievo del disegno desiderato. Questo disegno in rilievo sulla matrice si sarebbe a sua volta trasferito, con la fusione, in forma di solco sull oggetto di bronzo; i solchi, quindi, erano riempiti con lamine di rame battute a freddo e successivamente levigate. Solo in un 3

4 secondo momento vennero introdotte le tecniche della battitura a caldo e del riempimento dei solchi con metallo in fusione, utilizzando per l agemina anche l oro e l argento (come ad esempio nel tripode ding, cat. 46). Una variante semplificata dell agemina su bronzo con battitura a caldo, era usata per manufatti di spessore relativamente sottile; in questo caso i motivi decorativi erano eseguiti a bulino, praticando sottili solchi o file di puntini che permettevano di realizzare decorazioni fluenti e sinuose. Con lo sviluppo di queste nuove tecniche, gli elementi decorativi in rilievo furono sostituiti da motivi piani, bidimensionali, ma sempre più raffinati e dettagliati. Gradualmente lo stile severo dei più antichi motivi ornamentali si eclissò di fronte all affermarsi di uno stile artistico evoluto, anche grazie alla diffusione della tecnica di fusione a cera persa che, intorno ai secc. V-IV a.c., si diffuse nel nord a partire dalle regioni lungo la valle dello Yangzi. Proprio in queste regioni meridionali furono fusi a cera persa i vasi e gli oggetti di bronzo, splendidi e oltremodo ricchi di ornamenti, deposti nel corredo funebre del marchese Yi di Zeng. Un altro elemento che caratterizza la bronzistica della Cina arcaica è la presenza delle iscrizioni, che gli studiosi chiamano, almeno dal sec. XII d.c., jinwen (lett. scrittura su metallo ). Le prime iscrizioni su bronzo apparvero intorno alla metà dell epoca della dinastia Shang: uno o due caratteri, generalmente, che riportano il nome del clan dell antenato cui era dedicato il vaso. In seguito, verso la fine della dinastia, iniziò a diffondersi la pratica di riportare su metallo testi narrativi che celebravano, ad esempio, l occasione che aveva determinato la realizzazione del manufatto: la più lunga iscrizione di quest epoca a noi pervenuta è di 48 caratteri. Il periodo di maggiore fioritura delle iscrizioni su bronzo fu, però, l epoca della dinastia Zhou Occidentale ( a.c.), caratterizzata da testi lunghi e compositi, come l iscrizione di 497 caratteri sul calderone tripodato del duca Mao (Maogong ding). Gradualmente i testi si fecero più brevi e stereotipi, tanto che nel periodo degli Stati Combattenti ( a.c.) si limitavano a riportare i nomi dell artigiano e del committente (solo raramente erano incise frasi di una certa lunghezza). Lo stile grafico dei caratteri (incisi sulla matrice) variò più volte nel corso dei secoli, variando da tratti forti e grossi, a sottili e vigorosi o, infine, raffinati ed eleganti (infra, A. Andreini). È noto che i più antichi manufatti di bronzo furono utensili d uso quotidiano o armi, ma con l affermarsi della tradizione rituale e religiosa dell aristocrazia, sin dal loro primo apparire nel periodo di Erlitou (ca a.c.), i vasi rituali di bronzo si configurano come emblemi di potere ed espressione di un ben preciso gusto estetico, di cui è possibile seguire l evoluzione nelle diverse epoche. Si considerino, ad esempio, i recipienti per cibo: nel periodo Zhou Occidentale, secondo una tradizione che si basa su norme suntuarie riportate in testi di poco posteriori alla dinastia Zhou Occidentale, al sovrano era concesso l uso di nove vasi tripodati ding (di questa tipologia sono presenti in mostra quattro esemplari di epoca Zhou, catt. 9, 26, 27, 31, e uno di epoca Han Occidentale, cat. 93), i signori feudali (i gong o duchi) potevano usare sette ding, gli aristocratici di livello inferiore cinque e infine i funzionari solo tre. Questi tripodi, in altre parole, erano simboli di rango all interno di una società organizzata da un rigoroso ordine gerarchico, e il cui uso non poteva contravvenire a precise norme rituali garanti dell ordine sociale. Queste norme regolavano il possesso e l uso anche di altre categorie di vasi, come quelli per la cottura e la presentazione di cibi (catt. 2, 5, 16, 20, 28), o quelli per contenere, per mescere o consumare bevande. Simboli di potere e di status, questi vasi rituali richiesero ingenti risorse materiali e umane per la loro esecuzione: si pensi, ad esempio, al grande calderone (cat. 9), e ai tre giganteschi esemplari rinvenuti nella sepoltura del Marchese Yi di Zeng: la monumentale coppia di vasi per liquidi hu (cat. 49), l imponente contenitore per bevande (cat. 50) e il prezioso ed 4

5 elegante uccello fantastico (cat. 51). Queste ingenti quantità di manufatti di elevata qualità e raffinatissima foggia, ebbero ampia circolazione e furono tramandati e custoditi di generazione in generazione nel corso delle dinastie Shang e Zhou, ma con il declino delle pratiche cultuali dell aristocrazia Zhou lentamente tramontò anche l uso rituale dei vasi di bronzo. La fine della dinastia Zhou e l avvento dell epoca imperiale per opera del Primo Augusto Imperatore della dinastia Qin ( a.c.) diedero inizio a una nuova fase di splendore, che con la successiva dinastia Han vide fiorire l arte della fusione degli specchi di bronzo, la cui faccia non riflettente divenne il campo per la realizzazione di decorazioni tra le più raffinate e complesse (catt. 89, 101). Un arte fusoria che, non più legata alle sole esigenze rituali, investì ogni aspetto della vita quotidiana delle classi più abbienti, in grado di apprezzare e possedere oggetti d uso eleganti e costosi, quali i pesi zoomorfi di bronzo dorato e ageminato (cat. 86) che servivano per tenere fermi gli angoli delle stuoie, le ingegnose lampade configurate, come quella a forma di ariete presente in mostra (cat. 88), che illuminavano i palazzi, e le raffinate scatole, forse destinate ai belletti, come quella dorata con decorazioni policrome dipinte all interno del corpo e del coperchio, quest ultimo fornito di tre zampe a forma di fenice (cat. 99). Oggetti di lusso utilizzati nella vita quotidiana; manufatti che, sebbene fossero talvolta destinati alla sfera della religiosità, come la misteriosa statuina raffigurante un Immortale (cat. 87), avevano perduto ormai l arcana sacralità dei bronzi dell aurea età arcaica. * Wang Fengjun, direttore dell Istituto di Archeologia delle Shaanxi, Xi an. Dal catalogo a cura di Maurizio Scarpari e Lionello Lanciotti, edito da Skira 5

6 FIGURE fig. 1: punteruoli (da Wen Fong, a cura di, The Bronze Age of China, p. 1) fig. 2: pugnale (Chang Kwang-chih, The Formation of Chinese Civilization. An Archaeological Perspective, p. 67). fig. 3: disegno di un set di contenitori della dinastia Shang, (J. Rawson, ed., Mysteries of Ancient China. New Discoveries from the Early Dynasties, The British Museum Press, London. 1996, p. 249). Oppure: Monumentality, pp fig. 4: calco dei motivi decorativi di un vaso di bronzo, in basso l immagine di taotie (J. Rawson, op. cit., p. 255); calchi di quattro versioni di taotie di bronzi di epoca Shang (J. Rawson, op. cit., p. 254); oppure fig. 5: calchi di draghi kui da A Chinese-English Glossary and Illustrations of Antique, pp Fig 6: motivi decorativi a nuvola (yunwen), A Chinese-English Glossary, p. 26. Fig. 7: motivi decorativi a fulmine (leiwen), A Chinese-English Glossary, p. 26. Fig. 8: motivi decorativi su tre fasce orizzontali di un vaso hu, A Chinese-English Dictionary, p. 36 Fig. 9: vaso con figura antropomorfa (M. Scarpari, Antica Cina, p. 182) Fig. 10: tecnica a matrici composte (Ciarla, Shaughnessy o J. Rawson) 6

Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE. COSa diventa

Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE. COSa diventa Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE COSa diventa IL VETRO Questo importantissimo materiale si realizza con un minerale che si chiama silicio che si trova anche nella sabbia del mare. Riciclando

Dettagli

tici, tra cui uccelli, arieti, cervi e pesci. mentre i manici delle tazze, rivestiti d'oro, sono a forma di animali selvaggi.

tici, tra cui uccelli, arieti, cervi e pesci. mentre i manici delle tazze, rivestiti d'oro, sono a forma di animali selvaggi. Il 15 marzo prossimo si inaugura a Milano (Palazzo Reale) 110ro. Il mistero dei Sarmati e degli Scitil1, una mostra di eccezionale interesse dedicata a un fenomeno particolare dell'arte antica, il cosiddetto

Dettagli

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA

EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA EVOLUZIONE NELLA PREISTORIA PREISTORIA SCIMMIE ANTROPOMORFE: SONO SIMILI ALL UOMO VIVONO SUGLI ALBERI NELLE FORESTE DELL AFRICA DIVENTANO ONNIVORE: MANGIANO TUTTO, ANCHE LA CARNE DA QUADRUPEDI DIVENTANO

Dettagli

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA Il Museo Archeologico Aquaria è molto giovane ed è nato per l intraprendenza di un gruppo di appassionati di archeologia di Gallignano, piccola frazione di Soncino. Anche i

Dettagli

MISCELA DELLE MATERIE PRIME

MISCELA DELLE MATERIE PRIME LA FABBRICAZIONE DEL VETRO MISCELA DELLE MATERIE PRIME Le materie prime (silice, soda, calce, ossidi, rottami ) allo stato polveroso, sono macinate e mescolate tra loro in modo omogeneo FORMATURA La modellazione

Dettagli

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e Pannello 1 I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e nelle vicinanze della strada basolata di età imperiale messa in luce negli anni 60 del secolo

Dettagli

Immagini e didascalie scaricabili da www.mondomostre.it 1

Immagini e didascalie scaricabili da www.mondomostre.it 1 Immagini e didascalie scaricabili da www.mondomostre.it 1 file immagine didascalie 01 I due Imperi 02 Particolare di statua raffigurante un ufficiale di alto rango Terracotta. Altezza 196 cm. Terracotta

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011

SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 SCUOLA PRIMARIA DI RIVALTA Reggio Emilia CLASSI 5^A e 5^B Anno scolastico 2010-2011 Gli Etruschi dell Etruria Padana, nel VI secolo a.c., vivevano vicino al fiume Eridano ( il Po ), in villaggi di capanne

Dettagli

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya.

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. LA CIVILTÀ CINESE Dove La civiltà cinese è nata lungo il iume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. Perché si chiama iume Giallo? Giallastro: un colore giallo sporco, non brillante. Perché in

Dettagli

MAO. Scuola dell infanzia e primaria (3-11 anni)

MAO. Scuola dell infanzia e primaria (3-11 anni) SCUOLE al MUSEO Proposte didattiche 2014-2015 Fondazione Torino usei Palazzo adama Borgo edievale Attività a cura del Theatrum Sabaudiae Torino MAO Le collezioni del Museo d'arte Orientale raccontano importanti

Dettagli

Laboratori didattici per bambini e ragazzi

Laboratori didattici per bambini e ragazzi Laboratori didattici per bambini e ragazzi SCUOLA DELL INFANZIA/SCUOLA PRIMARIA (I CICLO) TEMATICA: ARCHEOLOGIA PER I Più PICCOLI Favole in museo Obiettivi: l'approccio alla storia avviene attraverso la

Dettagli

L UNIVERSO NEI CARATTERI. Il rapporto tra scrittura e cultura nella Cina antica e moderna. Dott.ssa Serena Ballarini

L UNIVERSO NEI CARATTERI. Il rapporto tra scrittura e cultura nella Cina antica e moderna. Dott.ssa Serena Ballarini L UNIVERSO NEI CARATTERI Il rapporto tra scrittura e cultura nella Cina antica e moderna Dott.ssa Serena Ballarini Fondamenti di scrittura cinese: parola, sillaba, carattere Accenni alla millenaria storia

Dettagli

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Dai dati di scavo è stato possibile ipotizzare quanto segue: Fase I: IX-X sec.

Dettagli

INTRODUZIONE GENERALE

INTRODUZIONE GENERALE INTRODUZIONE GENERALE L Esercito di terracotta del Primo Imperatore dei Qin Qin Shi Huangdi ha affascinato l Occidente, divenendo, insieme alla Grande Muraglia, uno dei simboli più noti della Cina antica.

Dettagli

FILIGRANA E GRANULAZIONE

FILIGRANA E GRANULAZIONE Tecniche di lavorazione orafe FILIGRANA E GRANULAZIONE Pierangelo Fiorino ORO nome latino simbolo numero atomico peso specifico durezza temperatura di fusione aurum AU 79 19,3 gr/cm3 2,5-3 (scala Mohs)

Dettagli

OFFERTA DIDATTICA 2013/2014

OFFERTA DIDATTICA 2013/2014 L archeologia, il cui nome deriva dal greco e significa discorso sulle cose antiche, e la scienza che studia la storia dell uomo e le civiltà del passato tramite l analisi dei reperti archeologici rinvenuti

Dettagli

MUV Museo della civiltà Villanoviana

MUV Museo della civiltà Villanoviana MUV Museo della civiltà Villanoviana RAVENNA BOLOGNA Laboratori e attività didattiche Anno scolastico 2013-2014 SAN LAZZARO MUV Museo della civiltà Villanoviana Via Tosarelli, 191 40055 Villanova di Castenaso

Dettagli

- 72 - - 73 - Figura di Buddha in metallo. H. cm. 30. 100/200. - 74 - Figura di Buddha in legno. H. cm. 35. 100/200-75 - - 76 - - 77 - - 78 -

- 72 - - 73 - Figura di Buddha in metallo. H. cm. 30. 100/200. - 74 - Figura di Buddha in legno. H. cm. 35. 100/200-75 - - 76 - - 77 - - 78 - - 72 - - 74 - - 73 - - 75 - - 76 - - 72 - Figura di Buddha in terracotta. H. cm. 36. - 73 - Figura di Buddha in metallo. H. cm. 30. - 74 - Figura di Buddha in legno. H. cm. 35. - 75 - Figura di Buddha

Dettagli

SCOPRENDO LA CIVILTÀ ABBIAMO RICOSTRUITO GLI ELEMENTI DELLA NOSTRA CIVILTÀ CERCANDO DI SPIEGARLI AD UN ALIENO.

SCOPRENDO LA CIVILTÀ ABBIAMO RICOSTRUITO GLI ELEMENTI DELLA NOSTRA CIVILTÀ CERCANDO DI SPIEGARLI AD UN ALIENO. SCOPRENDO LA CIVILTÀ ABBIAMO RICOSTRUITO GLI ELEMENTI DELLA NOSTRA CIVILTÀ CERCANDO DI SPIEGARLI AD UN ALIENO. CIVILTÀ: INSIEME DI ELEMENTI CHE CARATTERIZZANO UN POPOLO CHE VIVE IN UN DETERMINATO PERIODO

Dettagli

Rispondi alle seguenti domande

Rispondi alle seguenti domande Gli affreschi e i rilievi delle pareti di templi e piramidi raccontano la storia dell antico Egitto. Si potrebbero paragonare a dei grandi libri illustrati di storia. Gli studiosi hanno così potuto conoscere

Dettagli

Gruppo Archeologico Ambrosiano

Gruppo Archeologico Ambrosiano PROGRAMMA ATTIVITA Visite guidate Inverno/Primavera 2011 Visita guidata alla Mostra : Signori di Maremma. Elites etrusche fra Populonia e Vulci presso il Museo Archeologico di Firenze e visita alle collezioni

Dettagli

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi Viadana Civico A.Parazzi Il Civico A. Parazzi è collocato nel Mu.Vi., edificio che ospita altre istituzioni culturali ( della Città A. Ghinzelli, Biblioteca, Galleria d Arte Moderna e Contemporanea, Ludoteca,

Dettagli

I FORNI FUSORI. Combustibile solido; Energia elettrica per produrre calore; Gas (solitamente naturale).

I FORNI FUSORI. Combustibile solido; Energia elettrica per produrre calore; Gas (solitamente naturale). I FORNI FUSORI La fusione avviene in appositi forni fusori che hanno la funzione di fornire alla carica la quantità di calore necessaria per fonderlo e surriscaldarlo (cioè portarlo ad una temperatura

Dettagli

12 TESORI CIVITA CASTELLANA STORIA E LEGGENDE D ITALIA 13

12 TESORI CIVITA CASTELLANA STORIA E LEGGENDE D ITALIA 13 Capitale del territorio falisco, Falerii Veteres sorgeva nel luogo dell odierna Civita Castellana, su un altopiano tufaceo delimitato dal Rio Maggiore a nord, dal Rio Filetto a sud e dal fiume Treja ad

Dettagli

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA,

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA, SILVANO PIROTTA RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA, ROMANA E LONGOBARDA LUNGO I CANTIERI AUTOSTRADALI E DELL ALTA VELOCITÀ 2012 I RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI NEL TERRITORIO DELLA MARTESANA I

Dettagli

MANUALE DIDATTICO ACCIAIO

MANUALE DIDATTICO ACCIAIO MANUALE DIDATTICO sui temi della raccolta, del riciclo e del recupero dei rifiuti di imballaggio Anno 2010/2011 Un iniziativa con il patrocinio di Ministero dell Istruzione dell Università e Ricerca Un

Dettagli

Aes cuprum Il fascino del rame, metallo prezioso per l uomo e l arte

Aes cuprum Il fascino del rame, metallo prezioso per l uomo e l arte Aes cuprum Il fascino del rame, metallo prezioso per l uomo e l arte Laboratorio didattico sull antica tecnica di lavorazione del rame A cura di Mario Pessott fondazioneartistica Dall alto verso destra:

Dettagli

SEZIONE ETRUSCA (Museo Archeologico, corso Magenta 15)

SEZIONE ETRUSCA (Museo Archeologico, corso Magenta 15) INDICE Museo Archeologico: informazioni generali.....p. 2 Sezione etrusca... p. 3 Costi attività didattiche...........p. 5 Dove sono i musei e i siti... p. 5 Il Museo per gli Insegnanti....p. 6 Informazioni

Dettagli

ARCHEOMETALLURGIA IN EUROPA AQUILEIA, 17-21 GIUGNO 2007

ARCHEOMETALLURGIA IN EUROPA AQUILEIA, 17-21 GIUGNO 2007 ARCHEOMETALLURGIA IN EUROPA AQUILEIA, 17-21 GIUGNO 2007 ANALISI ARCHEOMETALLURGICHE ESEGUITE SU UN QUINCUSSIS PROVENIENTE DALL AREA VESUVIANA. CONFRONTO CON UN RITROVAMENTO ANALOGO DAL MUSEO ARCHEOLOGICO

Dettagli

Quando l uomo scoprì di esistere

Quando l uomo scoprì di esistere laboratorio Prerequisiti 1 conoscere i contenuti relativi alla preistoria collocare i contenuti appresi nello spazio e nel tempo comprendere e conoscere il concetto-chiave di cultura Obiettivi riflettere

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi Corso di Storia delle Arti visive 4. Gli Etruschi 1 Le civiltà classiche: gli Etruschi Il popolo etrusco si era insediato nel territorio corrispondente alle attuali Toscana, Umbria e Lazio intorno al IX

Dettagli

Lucia Caterina YISHU MANUALE DI STORIA DELL ARTE CINESE. collaborazione di Chiara Visconti appendice di Pietro De Laurentis

Lucia Caterina YISHU MANUALE DI STORIA DELL ARTE CINESE. collaborazione di Chiara Visconti appendice di Pietro De Laurentis A10 217 Lucia Caterina YISHU MANUALE DI STORIA DELL ARTE CINESE collaborazione di Chiara Visconti appendice di Pietro De Laurentis Copyright MMVI ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

LA CULTURA VILLANOVIANA

LA CULTURA VILLANOVIANA LA CULTURA VILLANOVIANA Percorso per le classi quinte della scuola primaria Col termine villanoviano si definisce convenzionalmente un aspetto culturale dell Italia protostorica (IX-VIII secolo a.c.),

Dettagli

IL Maggio 3 del GIORNALETTO IV Centro Dialisi Ulivella Firenze 2007

IL Maggio 3 del GIORNALETTO IV Centro Dialisi Ulivella Firenze 2007 1 IL GIORNALETTO Centro Dialisi Ulivella Maggio/Giugno Numero 3 del 2011 Anno IV Firenze 2007 2 Indice di questo numero Editoriale... pag. 2 Curiosando qua e là I segreti della Maremma di Roberto Terzo...pag.

Dettagli

I MATERIALI SCELTA DEL MATERIALE SCELTA DEL MATERIALE FUNZIONALITÀ

I MATERIALI SCELTA DEL MATERIALE SCELTA DEL MATERIALE FUNZIONALITÀ SCELTA DEL MATERIALE I MATERIALI LA SCELTA DEL MATERIALE PER LA COSTRUZIONE DI UN PARTICOLARE MECCANICO RICHIEDE: LA CONOSCENZA DELLA FORMA E DELLE DIMEN- SIONI DELL OGGETTO LA CONOSCENZA DEL CICLO DI

Dettagli

Nel regno dei Saevates

Nel regno dei Saevates Nel regno dei Saevates Esplora il museo MANSIO SEBATVM! illustrationi: gruppegut La cartella di lavoro appartiene a Chi erano i Saevates? Nella seconda Età del Ferro il popolo dei Saevates insediava la

Dettagli

IC Conti JESI. Chiara Compagnucci compaychiara@hotmail.com Classe IV A F

IC Conti JESI. Chiara Compagnucci compaychiara@hotmail.com Classe IV A F IC Conti JESI Chiara Compagnucci compaychiara@hotmail.com Classe IV A F CENTRO- PERIFERIA Mappa Concettuale CENTRO PERIFERIA = SPAZI GERACHICIZZATI con SCAMBIO INEGUALE caratterizzati dall intercambiabilità

Dettagli

Attività didattica a.s. 2015/2016

Attività didattica a.s. 2015/2016 MUSEO CIVICO di MANERBIO e DEL TERRITORIO Attività didattica a.s. 2015/2016 Percorsi didattici Scuola dell infanzia Scuola primaria Scuola secondaria di I grado Scuola secondaria di II grado Museo Civico

Dettagli

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE 4a. ARTE MINOICA ALLE ORIGINI DELL ARTE GRECA La civiltà cretese (o minoica) e quella micenea prendono il nome dai principali centri di sviluppo: l isola di Creta (situata nel mar Egeo, fra la Grecia e

Dettagli

LE ANFORE ARCAICHE DI KAMARINA

LE ANFORE ARCAICHE DI KAMARINA PARCO ARCHEOLOGICO TERRACQUEO DI KAMARINA LE ANFORE ARCAICHE DI KAMARINA SCHEDE DIDATTICHE REGIONE SICILIANA Assessorato dei beni culturali e dell identità siciliana 1 A Il PADIGLIONE DELLE ANFORE Il Padiglione

Dettagli

LA FORNACE DI SANT'ARPINO*

LA FORNACE DI SANT'ARPINO* LA FORNACE DI SANT'ARPINO* * L'articolo è tratto da uno dei cartelli esplicativi preparati dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici delle province di Caserta e Benevento in collaborazione con l'architetto

Dettagli

La specie umana fra passato e futuro

La specie umana fra passato e futuro La specie umana fra passato e futuro 2 a parte (Società civile) Leonardo Beccarisi Corso di Ecologia Università degli Studi di Roma Tre 10 marzo 2011 18 a lezione Sommario 1 Società civile Origini della

Dettagli

I METALLI. I metalli sono materiali strutturali costituiti ciascuno da un singolo elemento. Hanno tra loro proprietà molto simili.

I METALLI. I metalli sono materiali strutturali costituiti ciascuno da un singolo elemento. Hanno tra loro proprietà molto simili. M et 1 all I METALLI I metalli sono materiali strutturali costituiti ciascuno da un singolo elemento. Hanno tra loro proprietà molto simili. Proprietà Le principali proprietà dei metalli sono le seguenti:

Dettagli

FORMAGGIO. Autore: Irene Mondelli Periodo: PREISTORIA

FORMAGGIO. Autore: Irene Mondelli Periodo: PREISTORIA FORMAGGIO Autore: Irene Mondelli Periodo: PREISTORIA Nel quadro preistorico del Paradigma della Continuità Paleolitica (PCP) l etimologia e la storia dei tre nomi del formaggio lat. caseum, lat. *formaticum

Dettagli

CINA, KIRGHIZSTAN E KAZAKISTAN

CINA, KIRGHIZSTAN E KAZAKISTAN CINA, KIRGHIZSTAN E KAZAKISTAN Programma di Viaggio 19 Giorni - Cod AC 501 LA VIA DELLA SETA Da Pechino ad Almaty, attraversando il deserto di Gobi fino a raggiungere la spettacolare oasi di Kashgar. Da

Dettagli

MODELLO creta e gesso STAMPO STAMPO RIUTILIZZABILE STAMPO A PERDERE FUSIONE MODELLO IN CERA CESELLATURA RIFINITURA APPLICAZIONE MATAROZZI

MODELLO creta e gesso STAMPO STAMPO RIUTILIZZABILE STAMPO A PERDERE FUSIONE MODELLO IN CERA CESELLATURA RIFINITURA APPLICAZIONE MATAROZZI MODELLO creta e gesso STAMPO STAMPO A PERDERE STAMPO RIUTILIZZABILE FUSIONE MODELLO IN CERA CESELLATURA RIFINITURA APPLICAZIONE MATAROZZI PATINATURA COLORAZIONE RICOPERTURA STAMPI COTTURA STAMPI FUSIONE

Dettagli

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA LA SCUOLA IN MUSEO - PER IL TRIENNIO DELLA SCUOLA PRIMARIA Per accompagnare e approfondire l insegnamento scolastico delle antiche civiltà, si propone una serie incontri che si potranno adottare o per

Dettagli

PROGETTO SCUOLEINSIEME

PROGETTO SCUOLEINSIEME Bando Fondazione Cariplo PROMUOVERE PERCORSI DI INTEGRAZIONE INTERCULTURALE TRA SCUOLA E TERRITORIO PROGETTO SCUOLEINSIEME UNITÀ DIDATTICA SEMPLIFICATA Elaborata da: Dott.ssa Bellante Ilaria A cura di:

Dettagli

Corso di tecnologia Scuola media a.s. 2010-2011 PROF. NICOLA CARIDI

Corso di tecnologia Scuola media a.s. 2010-2011 PROF. NICOLA CARIDI Corso di tecnologia Scuola media a.s. 2010-2011 PROF. NICOLA CARIDI ARGOMENTI TRATTATI: Oggetti materiali e tecnologie Classificazione dei materiali Proprietà dei materiali Proprietà chimico/fisico Proprietà

Dettagli

ARTE NEL MONDO. L arte in Cina

ARTE NEL MONDO. L arte in Cina L arte in Cina Una lunga tradizione La storia dell arte cinese ha origini antichissime. Il vasto territorio dell Asia che va sotto il nome di Cina era popolato già nel 5000 a.c. da comunità di agricoltori.

Dettagli

Introduzione all archeologia percorso per le classi terze della scuola primaria

Introduzione all archeologia percorso per le classi terze della scuola primaria Introduzione all archeologia percorso per le classi terze della scuola primaria SINTESI DEL PRIMO INCONTRO Nel presentare ai bambini la parola archeologia, si scopre che essi l associano, quasi invariabilmente,

Dettagli

Le Botteghe dell Insegnare

Le Botteghe dell Insegnare Le Botteghe dell Insegnare percorso 2013-2014 Elaborato a cura di Daniela Bellomo classe III B del Liceo Linguistico annesso all ITC Giulio Cesare Bari; anno scolastico 2013/14 Per molti secoli la casa

Dettagli

In epoca romana l uso del vetro si diffuse ampiamente, per contenitori, bicchieri e finestre.

In epoca romana l uso del vetro si diffuse ampiamente, per contenitori, bicchieri e finestre. Prof. Carlo Carrisi Il vetro è un prodotto omogeneo e compatto, ad elevata trasparenza, costituito prevalentemente da silice e materiali fondenti (ossidi di sodio e potassio). Una antica leggenda racconta

Dettagli

ADI. Convergenze Tra tradizione e tecnologia Collezioni per il Merchandising Museale

ADI. Convergenze Tra tradizione e tecnologia Collezioni per il Merchandising Museale MUSEO Archeologico Nazionale Firenze Convergenze Tra tradizione e tecnologia Collezioni per il Merchandising Museale progetto a cura di iniziativa promossa da in collaborazione con Confederazione Nazionale

Dettagli

Pavimenti: Cotto Interno Sommario. Il Palagio - 1 -

Pavimenti: Cotto Interno Sommario. Il Palagio - 1 - Pavimenti: Cotto Interno Sommario Il Palagio Trattato a galesro -2- Natura -3- Tarsie -4- Onda pompeiana -5- Solare -6- Palmmira -7- Antico -8- Semilevigato -9- Artigiano -10- Mito -11- Museo -12- Sabbiato

Dettagli

Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone

Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone Proposte didattiche del Museo Civico di Pizzighettone Il Museo Civico di Pizzighettone è uno fra i più antichi della provincia di Cremona: inaugurato nel 1907 in seguito a donazioni private, dopo il 25

Dettagli

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c.

Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. Palazzo di Cnosso XV secolo a.c. L isola di Creta è una immensa cittadella con il tempio incorporato nel palazzo circondata dal mare che la cingeva come un invalicabile fossato. Nel palazzo di Minosse

Dettagli

Scultura greca. Scultura dedalica e arcaica

Scultura greca. Scultura dedalica e arcaica Scultura greca Scultura dedalica e arcaica Scultura geometrica (VIII secolo a.c.) Piccole statuette in bronzo e avoriofigure umane, divine e cavalli Scultura dedalica (VII secolo a.c.) La grande statuaria

Dettagli

Evoluzione della carta nel corso dei secoli

Evoluzione della carta nel corso dei secoli Evoluzione della carta nel corso dei secoli Introduzione della carta Le prime iscrizioni di cui si ha notizia risalgono a 4.000 anni prima di Cristo. èin Egitto che s inizia a produrre un primo materiale

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE FERRO BATTUTO ARTIGIANO

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE FERRO BATTUTO ARTIGIANO ALLEGATO 3 REGOLAMENTO D USO MARCHIO COLLETTIVO I.S.O.L.A. DISCIPLINARE DI PRODUZIONE FERRO BATTUTO ARTIGIANO Art. 1 Denominazione Il marchio collettivo costituito dalla dicitura I.S.O.L.A. e dalla immagine

Dettagli

Quando il tubo diventa design.

Quando il tubo diventa design. Quando il tubo diventa design. ELEMENTI DI ARREDO, OGGETTI ESCLUSIVI, REGALI PERSONALIZZATI, ARTICOLI DA COLLEZIONE. www.eurotubidesign.com Dalla produzione industriale all artigianato creativo. Artigianato

Dettagli

La posizione dei nostri monumenti

La posizione dei nostri monumenti Foro romano Autori: Luca Gray Beltrano, Irene Bielli, Luca Borgia, Alessandra Caldani e Martina Capitani Anno: 2013, classe: 1 N Professoressa: Francesca Giani La posizione dei nostri monumenti Tempio

Dettagli

U A SCIMMIA PER BOTTO E.

U A SCIMMIA PER BOTTO E. U A SCIMMIA PER BOTTO E. Alla scoperta del mondo sconosciuto dell arte primitiva cinese. Chui-tzu. Scimmia seduta con le mani portate al mento. Osso o avorio. H. cm. 4,3. Appartenenti ad una tradizione

Dettagli

L antica Grecia e l Impero persiano ai giorni nostri

L antica Grecia e l Impero persiano ai giorni nostri L antica Grecia e l Impero persiano ai giorni nostri Grecia nel 400 a.c Grecia oggi Governo: repubblica parlamentare Caratteristiche sociali: 98% greci, restante turchi, valacchi e albanesi Religione:

Dettagli

Servizi per la didattica 2014/2015

Servizi per la didattica 2014/2015 Servizi per la didattica 2014/2015 Servizio didattico Tel. 06-49913924 Fax 06-49913653 Dott.ssa La Marca: 349-2360256 Dott.ssa Savino: 320-4871773 DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELL ANTICHITÀ Sulle orme della

Dettagli

ffllffl EO! ITr Guida alle attività didattiche MUSEO REGIONE TOSCANA Comune di Grosseto MUSEO ARCHEOLOGICO E D'ARTE DELLA MAREMMA

ffllffl EO! ITr Guida alle attività didattiche MUSEO REGIONE TOSCANA Comune di Grosseto MUSEO ARCHEOLOGICO E D'ARTE DELLA MAREMMA Comune di Grosseto AL EO! Guida alle attività didattiche REGIONE TOSCANA ITr,M :,; I i[ 1,1.A MAREMMA MUSEO ARCHEOLOGICO E D'ARTE DELLA MAREMMA ffllffl MUSEO ARCHEOLOGICO E D'ARTE DELLA MAREMMA Coordinamento:

Dettagli

Prof. A. Battistelli

Prof. A. Battistelli Prof. A. Battistelli Materiale da costruzione Materiale di origine minerale (si estrae da pietre) per costruire: oggetti, costruzioni edili, materiale tecnico ed elettronico, mezzi, attrezzi, ecc.. Come

Dettagli

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale.

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale. Cinque occasioni da non perdere 1 Il Museo 2 I Templi 3 L anfiteatro. Nazionale. Paestum Una città antica. 4 Il Comune di 5 Il Parco Nazionale del Cilento e Valle di Capaccio, una meraviglia ed una scoperta

Dettagli

LA DONNA E IL GUERRIERO NEL MONDO ANTICO Percorso per le classi quinte della scuola primaria

LA DONNA E IL GUERRIERO NEL MONDO ANTICO Percorso per le classi quinte della scuola primaria LA DONNA E IL GUERRIERO NEL MONDO ANTICO Percorso per le classi quinte della scuola primaria Obiettivi di questo breve approfondimento tematico sono: l esame del mondo femminile nell antichità, mirato

Dettagli

Il primo documento della storia del Bonsai: (circa il 706) nella parete orientale della tomba del figlio Li dell'imperatore Koshiu sono disegnati due

Il primo documento della storia del Bonsai: (circa il 706) nella parete orientale della tomba del figlio Li dell'imperatore Koshiu sono disegnati due La Storia La storia Il bonsai come lo si conosce oggi è sostanzialmente quello giapponese, tuttavia l'origine dei bonsai è da situarsi in Cina: furono dei transfughi cinesi, approdati sulle coste giapponesi,

Dettagli

Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME

Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME Bellezza, per sempre 10 BUONI MOTIVI PER SCEGLIERE IL RAME 1 Un materiale che dura nel tempo Una volta che hai scelto il rame non ci pensi più! Le coperture in rame durano secoli. Infatti il rame quando

Dettagli

NEL 1933, durante i lavori per GLI AFFRESCHI IN VIA GENOVA

NEL 1933, durante i lavori per GLI AFFRESCHI IN VIA GENOVA GLI AFFRESCHI IN VIA GENOVA NEL 1933, durante i lavori per la costruzione della Caserma dei Vigili del Fuoco di via Genova, furono scoperti una serie di reperti, risalenti all epoca romana e attribuibili

Dettagli

Le Cere Liturgiche di Antonino Spanò

Le Cere Liturgiche di Antonino Spanò Le Cere Liturgice di Antonino Spanò Catalogo 2014 Candele Votive e Ceretti Codice 1427 1527 1530 1540 1630 1825 1830 1836 2040 2060 2530 2540 2550 2555 2560 Diametro 0,14 cm. 0,15 cm. 0,15 cm. 0,15 cm.

Dettagli

I metalli non ferrosi si distinguono in:

I metalli non ferrosi si distinguono in: MATERIALI METALLICI NON FERROSI Si dicono materiali non ferrosi, tutti quei materiali che non contengono ferro, ma sono costituiti da altri materiali o loro leghe. I metalli non ferrosi si distinguono

Dettagli

Celtic Ogham Reiki CHI ERANO I CELTI?

Celtic Ogham Reiki CHI ERANO I CELTI? CHI ERANO I CELTI? Dare una risposta precisa su una popolazione che ha coperto un area geografica tanto ampia da estendersi dall Irlanda alla Turchia e, che ha avuto una presenza storica estremamente forte

Dettagli

Storia dello Zafferano

Storia dello Zafferano Riso e zafferano Riso Zafferano Origine: India Orientale Arriva in Europa: grazie alla conquista dell Asia da parte di Alessandro Magno All'inizio viene utilizzato: a scopo terapeutico Trionfa definitivamente

Dettagli

SEGNO INCISO di Vittorio Avella Inaugurata sabato 17 aprile 2004 la mostra nella Sala Corradino di Svevia

SEGNO INCISO di Vittorio Avella Inaugurata sabato 17 aprile 2004 la mostra nella Sala Corradino di Svevia SEGNO INCISO di Vittorio Avella Inaugurata sabato 17 aprile 2004 la mostra nella Sala Corradino di Svevia Artisti come Meret Oppernhheim, Mario Persico, Fabrizio Clerici, Luca, Mimmo Paladino, Santolo,

Dettagli

L età arcaica LE POPOLAZIONI DI STIRPE APULA. 1 Scheda 12

L età arcaica LE POPOLAZIONI DI STIRPE APULA. 1 Scheda 12 di: Alfonsina Russo L età arcaica LE POPOLAZIONI DI STIRPE APULA Gli abitati dauni del Melfese Il Melfese si configura, nel quadro articolato di gruppi ed ambiti culturali diversi della Basilicata antica,

Dettagli

DIDASCALIE 02. Mario Buccellati, 1929 Tiara

DIDASCALIE 02. Mario Buccellati, 1929 Tiara DIDASCALIE 02. Mario Buccellati, 1929 Tiara Sforata a tulle, in argento platinato e foderato in oro giallo, incassato con brillanti e diamanti taglio a rosa. Disegnata per una principessa Savoia, questa

Dettagli

Le tre passioni della Caravella The three passions of the Caravella

Le tre passioni della Caravella The three passions of the Caravella dal 1959 AMALFI Cinquanta estati, cinquanta primavere, cinquanta estati, cinquanta autunni, cinquanta inverni tante sono le stagioni che la Caravella festeggia nel 2009. Sono stati anni di successi entusiasmanti

Dettagli

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE IL PATRIMONIO CULTURALE di solito indica quell insieme di cose, mobili ed immobili, dette più precisamente beni, che per il loro interesse pubblico e il valore storico,

Dettagli

Comune di Scansano RELAZIONE TECNICA. Ristrutturazione locali Museo archeologico e Museo della Vite e del Vino

Comune di Scansano RELAZIONE TECNICA. Ristrutturazione locali Museo archeologico e Museo della Vite e del Vino RELAZIONE TECNICA Ristrutturazione locali Museo archeologico e Museo della Vite e del Vino La presente relazione tecnica illustra i lavori di adeguamento del Museo Archeologico e del Museo della Vite e

Dettagli

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566 Gli Etruschi Ori, bronzi e terracotte etrusche nel Museo etrusco di Villa Giulia Alla scoperta dei corredi funerari etruschi nel Museo Gregoriano etrusco dei Musei Vaticani Dove riposano gli antenati dei

Dettagli

KILIM 1 SPECIALE KILIM

KILIM 1 SPECIALE KILIM KILIM 1 SPECIALE KILIM Galleria d arte tessile Orientale 2 Collezione Saman Tappeti antichi, kilim d epoca Primavera - Estate 2011 KILIM 3 Non esiste motivo nella tessitura dell Anatolia che sia usato

Dettagli

Il cufico in Puglia.

Il cufico in Puglia. Il cufico in Puglia. Un particolare tipo di calligrafia arabica 1 prende il nome dalla città irachena di al-kufah, sede di califfato prima che fosse trasferito a Baghdad. Al contrario del corsivo, detto

Dettagli

0a_prime pagine.indd 1 11/04/13 15.22

0a_prime pagine.indd 1 11/04/13 15.22 0a_prime pagine.indd 1 11/04/13 15.22 0a_prime pagine.indd 2 11/04/13 15.22 La Cina i** 0a_prime pagine.indd 3 11/04/13 15.22 La Cina a cura di Maurizio Scarpari i* Preistoria e origini della civiltà cinese

Dettagli

Gli elementi di transizione

Gli elementi di transizione Gli elementi di transizione A partire dal quarto periodo del Sistema Periodico, nella costruzione della configurazione elettronica degli elementi, dopo il riempimento degli orbitali s del guscio di valenza

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

LA DONNA E L'UOMO IN ETRURIA

LA DONNA E L'UOMO IN ETRURIA MINISTERO PER I BENI CULTURALI E AMBIENTALI SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DELLA TOSCANA SEZIONE DIDATTICA LA DONNA E L'UOMO IN ETRURIA Gli autori greci e latini hanno sempre posto in cattiva luce il comportamento

Dettagli

La leggenda contiene però gli ingredienti per fare il vetro. - SABBIA quarzosa ( circa il 70%)

La leggenda contiene però gli ingredienti per fare il vetro. - SABBIA quarzosa ( circa il 70%) IL VETRO I primi oggetti in vetro risalgono a circa 3.500 anni fa in Mesopotamia ma la leggenda vuole che siano stati i FENICI ad inventare il vetro per caso Una leggenda narra che dei mercanti FENICI,

Dettagli

G. Paci, R. Paci PROGETTARE E FARE Zanichelli 2011

G. Paci, R. Paci PROGETTARE E FARE Zanichelli 2011 Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna [5985] Questo file è una estensione del corso G. Paci, R. Paci PROGETTARE E FARE Zanichelli 2011 1 MATERIALI METALLI 2 IERI E OGGI Cent anni fa: gli oggetti

Dettagli

Gli Animali della Preistoria

Gli Animali della Preistoria Gli Animali della Preistoria Lynx lynx Lince Hippopotamus amphibius - Ippopotamo anfibio Coelodonta antiquitatis Rinoceronte lanoso Ursus spelaeus Orso delle caverne Felis silvestris Gatto selvatico Mammuthus

Dettagli

Analisi degli insediamenti

Analisi degli insediamenti Analisi degli insediamenti Molteplici significati del termine insediamento (modelli di insediamento; abitato) Qui usato nel senso più ampio in riferimento a specifici luoghi: insediamenti come luoghi dove

Dettagli

GRECIA CLASSICA architettura

GRECIA CLASSICA architettura GRECIA CLASSICA architettura 1200-400 a.c. Grecia classica La Mesopotamia è stata la culla delle più antiche civiltà del Vicino Oriente mentre m la Grecia ha rappresentato la radice della civiltà occidentale

Dettagli

Il racconto per immagini

Il racconto per immagini Arte cretese Pittura vascolare: Aiace e Achille Altare di Pergamo L opera artistica pittorica o scultorea talvolta riproduce immagini che descrivono episodi tratti da storie fantastiche o da fatti realmente

Dettagli

IL CURRICOLO DI STORIA E LA DIDATTICA MUSEALE. Il curricolo di storia e la didattica museale : una questione di trasposizione

IL CURRICOLO DI STORIA E LA DIDATTICA MUSEALE. Il curricolo di storia e la didattica museale : una questione di trasposizione Scuola Estiva di Arcevia XIII CORSO DI AGGIORNAMENTO SUL CURRICOLO DELLE OPERAZIONI COGNITIVE E DELLE CONOSCENZE SIGNIFICATIVE 24-25- 26 agosto 2007 IL CURRICOLO DI STORIA E LA DIDATTICA MUSEALE Il curricolo

Dettagli

La carta MUSEO DELLA PERGAMENA, DEL LIBRO. Testo tratto da Pierre-Marc de Biasi, La carta. Avventura quotidiana, Parigi 1999.

La carta MUSEO DELLA PERGAMENA, DEL LIBRO. Testo tratto da Pierre-Marc de Biasi, La carta. Avventura quotidiana, Parigi 1999. CENTRO DIOCESANO DI DOCUMENTAZIONE PER LA STORIA E LA CULTURA RELIGIOSA VITERBO MUSEO DELLA PERGAMENA, DEL LIBRO E DEL DOCUMENTO D ARCHIVIO La carta Testo tratto da Pierre-Marc de Biasi, La carta. Avventura

Dettagli

L'ESERCITO DI TERRACOTTA DEL PRIMO IMPERATORE DELLA CINA

L'ESERCITO DI TERRACOTTA DEL PRIMO IMPERATORE DELLA CINA L'ESERCITO DI TERRACOTTA DEL PRIMO IMPERATORE DELLA CINA di Patrizia Civeli settembre- 2011 - GEOMONDO - 71 A Litong, circa 35 km ad ovest di Xi an, si trova, inviolato, il mausoleo di Qin Shi Huandi,

Dettagli