Codice di pratica Commerciale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Codice di pratica Commerciale"

Transcript

1 Codice di pratica Commerciale Linee Guida di Eucomed sui rapporti con i Professionisti del Settore Sanitario Modificato nel settembre 2008 Approvato dal Consiglio di Amministrazione il giorno di 11 settembre 2008 Translation by courtesy of

2 Il Codice di Pratica Commerciale Eucomed consiste nelle Linee Guida sui Rapporti con i Professionisti del Settore Sanitario e le Linee Guida sul Diritto di Concorrenza. La presente brochure contiene solo le Linee Guida sui Rapporti con i Professionisti del Settore Sanitario. Tutti i documenti, comprese le Linee Guida sul Diritto di Concorrenza e le Domande e Risposte sulle Linee Guida di Eucomed sui Rapporti con i Professionisti del Settore Sanitario sono disponibili sul sito web di EUCOMED I. Premessa Le presenti linee guida devono intendersi come guida per i rapporti dei soci di Eucomed con le persone (del settore clinico o non clinico, inclusi, a titolo esemplificativo, medici, infermieri, tecnici e coordinatori di ricerca) o enti (come ospedali o strutture di acquisto collettivo) che direttamente o indirettamente acquistano, locano, consigliano, usano, predispongono l acquisto e la locazione o prescrivono i dispositivi medici dei Soci ( i Professionisti del Settore Sanitario ). Vi sono molte forme di rapporti fra i Soci di Eucomed ed i professionisti del settore sanitario che contribuiscono al progresso della scienza medica o migliorano la cura del paziente, ivi incluse: Il progresso della tecnologia medica: lo sviluppo di dispositivi medici innovativi e il miglioramento dei prodotti esistenti richiedono la collaborazione fra i Soci ed i Professionisti del Settore Sanitario. L innovazione e la creatività sono essenziali per lo sviluppo e l evoluzione dei dispositivi medici, e spesso avvengono al di fuori delle strutture delle società produttrici dei dispositivi medici; L Efficace e Sicuro utilizzo della Tecnologia Medica: L efficace e sicuro utilizzo della tecnologia medica esige che i Soci offrano ai Professionisti del Settore Sanitario adeguate istruzioni, formazione, servizi e supporto tecnico. Gli organi regolatori possono altresì richiedere che tale tipo di formazione sia una condizione per l approvazione dei prodotti. Ricerca ed Istruzione: il sostegno da parte dei Soci alla ricerca medica svolta in buona fede, l istruzione e il miglioramento delle capacità professionali sono alcuni fra gli elementi che contribuiscono alla sicurezza del paziente ed aumentano l accesso alla nuova tecnologia.

3 I Soci di Eucomed riconoscono che l osservanza degli standard etici e il rispetto delle leggi applicabili sono fondamentali per la capacità del settore industriale della tecnologia medica/apparecchiatura di continuare la sua collaborazione con i Professionisti del Settore Sanitario. I Soci devono incoraggiare pratiche commerciali etiche e una condotta dell industria socialmente responsabile in relazione ai rapporti con i Professionisti del Settore Sanitario. I Soci devono altresì continuare a rispettare l obbligo dei Professionisti del Settore Sanitario di prendere decisioni indipendenti rispetto alle terapie da somministrare. Le linee guida sono basate su seguenti principi chiave: Il Principio di Separazione: i Rapporti tra il settore industriale e i Professionisti del Settore Sanitario non devono essere utilizzati in maniera inappropriata al fine di esercitare un influenza attraverso non dovuti o non appropriati vantaggi, o decisioni d'acquisto, né tali rapporti devono dipendere da operazioni di acquisto o dall uso o da un suggerimento dei prodotti dei Soci. Il Principio di Trasparenza: I rapporti tra il settore industriale ed i Professionisti del Settore Sanitario devono essere trasparenti e conformi alle leggi nazionali e locali, ai regolamenti ed ai codici professionali di condotta. Negli stati in cui non siano previste disposizioni specifiche, i soci devono in ogni caso mantenere la trasparenza adeguata richiedendo la preventiva comunicazione scritta all amministrazione dell ospedale, al superiore del Professionista del Settore Sanitario o ad un autorità competente designato a livello locale, rivelando pienamente il fine e lo scopo del confronto. Il Principio di Equivalenza: Laddove i Professionisti del Settore Sanitario sono assunti da un Socio al fine di fornire un servizio per o per conto di un Socio, la retribuzione pagata da un Socio deve essere proporzionata, e corrispondere al loro equo valore di mercato, ai servizi effettivamente forniti dal Professionista del Settore Sanitario. Il Principio di Documentazione: Per i rapporti tra un socio ed i Professionisti del Settore Sanitario come quelli in cui i servizi sono prestati da un Professionista del Settore Sanitario per o per conto di un membro, ci deve essere un accordo scritto che stabilisce, inter alia, lo scopo del rapporto, i servizi da rendersi, il metodo di rimborso delle spese e altresì la remunerazione da pagare da Socio. Le attività previste dall accordo devono essere dimostrate ed evidenziate dai verbali delle attività o documenti simili. La documentazione adeguata, come ad esempio l accordo, i verbali collegati, le fatture etc., deve essere conservata dal Socio ai

4 fini di comprovare la necessità e importanza di servizi nonché la ragionevolezza della remunerazione pagata. I Soci devono esigere da parte dei terzi intermediari, intermediari di vendite ed altri agenti terzi, inclusi a titolo esemplificativo, consulenti, distributori, agenti di vendita, agenti di marketing, brokers, agenti commerciali su commissione e rappresentanti di vendite indipendenti che interagiscono con i Professionisti del Settore Sanitario con riguardo alla vendita, promozione o qualsiasi altra attività relativa ai prodotti dei Soci, il rispetto degli standard equivalenti alle presenti linee guida. Di conseguenza, si suggerisce che, in caso di stipulazione di tali accordi, la documentazione contrattuale rilevante stabilisca obblighi in capo a terzi di rispettare essere le presenti o equivalenti linee guida. Le presenti linee guida stabiliscono gli standard adeguati per i vari tipi di rapporto con i Professionisti del Settore Sanitario. Le presenti linee guida non si prefiggono di sostituire o superare le leggi nazionali o i regolamenti o i codici professionali di condotta (ivi inclusi i codici aziendali) che impongono condizioni più stringenti ai Socio ai Professionisti del Settore Sanitario nello svolgimento della loro attività in tali stati. Tutti i Soci devono dunque garantire in maniera indipendente che i loro rapporti con i Professionisti del Settore Sanitario si conformino alle leggi e alle normative nazionali e locali attuali, ai regolamenti ed ai codici professionali di condotta. II. Soci - Formazione ed Istruzione sui Prodotti Sponsorizzati Laddove opportuno, i Soci devono mettere a disposizione dei Professionisti del Settore Sanitario istruzione e formazione relative ai prodotti al fine di facilitare un utilizzo sicuro ed efficace della tecnologia medica. Tali programmi di istruzione e formazione devono tenersi in luoghi adeguati, tenendo in considerazione la comodità dei partecipanti e il tipo di formazione. In particolare: I programmi e gli eventi devono essere condotti in locali adibiti a clinica, laboratorio, formazione, conferenza o altri locali adeguati, ivi inclusi i locali di proprietà dei Soci o strutture a disposizione commerciale, che siano adatti ad un efficace trasmissione della conoscenza e di qualsiasi formazione di tipo pratico. Il personale addetto alla formazione deve essere in possesso delle qualifiche adeguate. I Soci possono fornire pasti di costo contenuto ai partecipanti a tali programmi e, per i programmi di formazione che necessitino una permanenza notturna, possono rendersi opportuni ulteriori servizi alberghieri. Qualsiasi servizio alberghiero deve avere costi contenuti, e essere subordinato alla durata e funzionale allo scopo educativo del corso di formazione, nonché rispettare i regolamenti dello stato dove il Professionista del Settore Sanitario è abilitato ad esercitare la professione.

5 I Soci possono corrispondere i ragionevoli costi di viaggio e alloggio sostenuti dai Professionisti del Settore Sanitario che partecipano, nel rispetto normativa dei regolamenti dello stato dove il Professionista del Settore Sanitario è abilitato ad esercitare la professione. I Soci non devono inoltre corrispondere spese di pasti, viaggio, alloggio o altre spese per i coniugi o gli ospiti dei Professionisti del Settore Sanitario, o per qualsiasi altro soggetto che non abbia in buona fede un interesse professionale nell informazione che viene condivisa nel corso della riunione. III. Sostegno alle Conferenze Formative Tenute da Terzi Le conferenze indipendenti in buona fede, formative, scientifiche o fautrici di politiche promuovono la conoscenza scientifica, il progresso medico e forniscono aiuto per un efficace assistenza sanitaria. A questo scopo i Soci possono dare il loro sostegno a tali eventi a condizione che il contenuto di conferenze formative promuova la conoscenza scientifica, il progresso medico ed un efficace assistenza sanitaria e sia conforme alle linee guida rilevanti stabilite da associazioni o enti professionali per tali conferenze. I Soci di Eucomed possono fornire il sostegno a tali eventi attraverso la fornitura di assistenza finanziaria, scientifica, tecnica, organizzativa e/o logistica in modi seguenti: La sponsorizzazione di Professionisti del Settore Sanitario. Laddove consentito dalle leggi nazionali e locali, dai regolamenti e dai codici professionali di condotta, i Soci possono fornire il sostegno finanziario ai fini di coprire i costi di partecipazione nella conferenza di alcuni Professionisti del Settore Sanitario. Tale sostegno finanziario dovrebbe limitarsi a coprire le spese di tassa di registrazione alla conferenza e ragionevoli costi di viaggio, pasti e alloggio sostenuti in relazione alla partecipazione all evento. I Soci devono assicurare la stretta osservanza delle leggi nazionali e locali nella materia di requisiti per la divulgazione e l approvazione di tale sponsorizzazione, e, laddove tali requisiti non sono prescritti, deve comunque mantenere la trasparenza adeguata, ad esempio, richiedendo che si effettuata una preventiva comunicazione scritta della sponsorizzazione all amministrazione dell ospedale, al superiore del Professionista del Settore Sanitario o ad un altra autorità competente designata a livello locale. Pubblicità e Dimostrazioni. I Soci possono acquistare pubblicità e prendere in locazione degli spazi per stand espositivi per i loro prodotti e/o servizi durante le conferenze. Sostegno alle Conferenze. I Soci possono fornire contributi finanziari direttamente agli organizzatori di conferenza ai fini di ridurre i costi complessivi della partecipazione e

6 coprire le ragionevoli spese di onorari, viaggio, pasti e alloggio sostenute dai Professionisti del Settore Sanitario che sono membri in buona fede del corpo docente della conferenza. La richiesta deve essere fatta per iscritto dall organizzatore di conferenza al Socio e qualsiasi sponsorizzazione deve essere pagata direttamente ali organizzatore della conferenza o all istituzione di formazione. L organizzatore di conferenza sarà l unico responsabile dei contenuti del programma e della scelta del corpo docente. I Soci non devono essere coinvolti eccessivamente in determinazione dei contenuti della conferenza all infuori di raccomandare speakers o commentare su programma se chiesti di farlo. Simposi tramite Satellite. I Soci possono sponsorizzare i simposi satelliti presso le conferenze dei terzi e organizzare presentazioni sui temi conformi al contenuto generale di conferenza dei terzi a condizione che tutta l informazione presentata sia giusta, equilibrata e scientificamente rigorosa. I Soci possono determinare il contenuto di tali eventi ed essere responsabili per la scelta del corpo docente. L accordo deve essere documentato in forma di contratto per iscritto ed il sostegno del Socio deve essere dichiarato in tutti materiali riguardanti l evento satellite. Borse di studio. I Soci possono anche fornire le borse di studio alle istituzioni di formazione, istituzioni di settore sanitario o associazioni professionali di programmi di formazione medica attraverso la fornitura di sostegno finanziario per incarichi di ricercatori e borse di studio simili. La selezione dei candidati deve essere fatta a discrezione dell istituzione in cui loro si sono inscritti o dell istituzione di istruzione in cui loro riceveranno la formazione. Le borse di studio devono essere attribuite alle istituzioni di formazione o associazioni professionali, non ai ricercatori individuali, salvo nel caso di preventiva richiesta dell istituzione. In nessun caso il finanziamento può essere vincolato all acquisto dei prodotti della società da parte dell istituzione o può comunque essere basato sull uso passato o potenziale dei prodotti o servizi della società. IV. Vendite e Riunioni a scopo promozionale Negli Stati in cui è consentito ai Soci di riunirsi con i Professionisti del Settore Sanitario al fine di discutere delle caratteristiche dei prodotti, negoziare il contratto o discutere dei termini di vendita, tali riunioni devono, come regola generale, tenersi riunioni presso o nelle vicinanze del luogo in cui operano i Professionisti del Settore Sanitario. In relazione a tali riunioni, i Soci possono pagare i pasti, ad un prezzo ragionevole, per i Professionisti del Settore Sanitario che partecipano nell ambiente adatto allo scambio di informazione. Qualora siano necessari tour di impianti o dimostrazioni di attrezzi non portatili, i Soci possono altresì pagare le ragionevoli spese di viaggio e l alloggio per i Professionisti del Settore Sanitario partecipanti. Tuttavia è vietata la promozione o il pagamento di pasti, viaggi, alloggio ed altre

7 spese per i coniugi e gli ospiti dei Professionisti del Settore Sanitario o per qualsiasi altro soggetto che non abbia in buona fede un interesse professionale legittimo alle informazioni che vengono condivise nel corso della riunione. V. Accordi con i Consulenti I Professionisti del Settore Sanitario possono prestare in buona fede ai Soci servizi di consulenza di rilevanza, che compresa la ricerca, la partecipazione a consigli consultivi, la presentazione a corsi di formazione sponsorizzati dai Soci o corsi di formazione di terzi e lo sviluppo dei prodotti. Si ritiene opportuno corrispondere ai Professionisti del Settore Sanitario ragionevoli compensi per l effettuazione di tali servizi. I fattori seguenti sostengono l esistenza di un accordo di consulenza in buona fede tra i Soci ed i Professionisti del Settore Sanitario: Gli accordi di consulenza devono stipularsi unicamente laddove venga individuato in anticipo uno scopo legittimo per tali servizi. La scelta dei consulenti deve essere basata sulle qualifiche e sull esperienza degli stessi, al fine di identificare lo scopo individuato e senza essere basata sui volumi o il valore del business generato dal consulente. Gli accordi di consulenza con i Professionisti del Settore Sanitario devono avvenire in forma scritta, essere sottoscritti dalle parti e specificare tutti i servizi che devono essere forniti. Tali accordi devono essere conformi ai regolamenti dello stato in cui il Professionista del Settore Sanitario è abilitato ad esercitare la professione. La retribuzione ai Professionisti del Settore Sanitario che presteranno servizi di consulenza deve corrispondere al loro equo valore di mercato senza essere collegata in alcun modo al valore di dispositivi medici che possono essere utilizzati dai consulenti nella loro pratica. Tutti i pagamenti devono conformarsi alla tassa applicabile e agli altri requisiti di legge applicabili. I Soci possono corrispondere le ragionevoli spese correnti sostenute dai consulenti nello svolgimento di quanto previsto dall accordo di consulenza, incluse ragionevoli ed attuali spese di viaggio, pasti ed alloggio o altre spese sostenute dai consulenti durante la partecipazione in riunioni con o per conto dei Soci. L accordo scritto deve descrivere tutte le spese che il consulente potrebbe reclamare con riguardo alla fornitura di servizi. I Soci devono garantire la piena osservanza delle leggi nazionali e locali con riguardo alla divulgazione o approvazione dei requisiti per i Soci che incaricano i Professionisti del Settore Sanitario come consulenti. Laddove non siano prescritte disposizioni

8 specifiche nazionali, i soci devono comunque mantenere la trasparenza adeguata richiedendo che una preventiva comunicazione scritta sia effettuata all amministrazione dell ospedale, al superiore del Professionista del Settore Sanitario o ad un altra autorità competente disegnato al livello locale, divulgando il fine e lo scopo dell accordo di consulenza. Tutti gli accordi di consulenza con i Professionisti del Settore Sanitario devono essere documentati per iscritto anche nei casi in cui il Professionista del Settore Sanitario non richiede il pagamento per i servizi o in cui l accordo è stipulato solo per un evento di durata di un giorno. Il luogo e le circostanze per le riunioni fra i Soci ed i consulenti devono essere adeguate all argomento della consultazione. Le riunioni devono essere condotte in locali clinici, di formazione o conferenza o altri locali adeguati, inclusi alberghi o altre strutture a disposizione per riunioni, che siano adatte ad un efficace scambio di informazione. Il servizio alberghiero sponsorizzato da un Socio che viene fornito insieme ad una riunione con il consulente deve avere costi contenuti e deve essere subordinato alla durata e funzionale allo scopo principale della riunione. Laddove un Socio stipuli un contratto con un Professionista del Settore Sanitario che operi in qualità di consulente per servizi di ricerca, il contratto scritto di cui sopra deve fare riferimento ad un protocollo di ricerca scritto o ad un programma di lavoro adatto e devono essere ottenuti tutti i permessi e le approvazioni necessarie. Laddove un Socio stipuli un contratto con un Professionista del Settore Sanitario avente ad oggetto lo sviluppo di proprietà intellettuale, deve esserci un accordo scritto che preveda la retribuzione al valore equo di mercato. Tuttavia, in nessun caso il Professionista del Settore Sanitario potrà ricevere una retribuzione in relazione ai dispositivi medici che abbia prescritto nel passato o che potrebbe prescrivere nel futuro, compresi i dispositivi medici che contengono nuove proprietà intellettuali. È necessario ottenere tutti i consensi e le approvazioni richieste, incluse quelle dall amministrazione di ospedale o dal superiore del Professionista del Settore Sanitario (o un autorità competente designato al livello locale).

9 VI. Regali Occasionalmente, i Soci possono regalare articoli non costosi, anche di marca, ai Professionisti del Settore Sanitario, purché siano di modico valore ed in osservanza alle leggi nazionali e locali, ai regolamenti ed ai codici professionali di condotta dello stato in cui il Professionista del Settore Sanitario è abilitato ad esercitare la professione. I doni devono essere collegati alla pratica del Professionista del Settore Sanitario, devono beneficiare i pazienti o essere di natura essenzialmente educativa. Non possono essere dati doni in forma di denaro o equivalenti. Il presente capitolo non riguarda la legittima pratica di fornire i campioni appropriati di prodotti e le opportunità di valutazione del prodotto. VII. Rimborso ed altre informazioni economiche I Soci devono sostenere la fatturazione corretta e responsabile per il rimborso delle autorità ed altri soggetti paganti. Facendo così, forniscono efficienza economica ed informazioni sul rimborso ai Professionisti del Settore Sanitario ed ai soggetti terzi paganti, in relazione ai prodotti dei Soci. Tale informazione deve essere limitata all identificazione della copertura adatta, della codificazione o fatturazione dei prodotti dei Soci o delle procedure di uso di tali prodotti o ad incoraggiare una consegna economicamente efficace dei prodotti dei Soci. Il presente capitolo riguarda la legittima pratica di fornire il supporto tecnico o altro supporto ai fini di aiutare l uso o l installazione corretta dei prodotti dei Soci. VIII. Donazioni a scopi di beneficenza o a scopi filantropici I Soci possono effettuare donazioni a scopi di beneficenza o ad altri scopi filantropici. Le donazioni devono essere effettuate unicamente a organizzazioni di beneficienza ed enti nonprofit che abbiano diritto a riceverle ai sensi della legge nazionale o locale e dei regolamenti. Le donazioni possono essere effettuate a sostegno di attività generali di un organizzazione di buona fede o a sostegno di una raccolta di fondi generale ai fini di realizzare i progetti di tale organizzazione. Le donazioni di beneficenza non devono essere vincolate in alcun modo all uso passato, attuale o futuro dei prodotti e servizi del Socio. Tutte le donazioni ad un organizzazione di beneficienza o non-profit dovranno essere adeguatamente documentate. Ad esempio, una richiesta scritta deve essere presentata dall organizzazione di beneficenza, individuando lo scopo di beneficenza e la natura delle sue attività. I pagamenti devono essere effettuati a nome dell organizzazione di beneficenza e pagati direttamente all organizzazione di beneficenza. Le donazioni di beneficenza all organizzazione in buona fede non devono essere effettuate in risposta a richieste di Professionisti del Settore Sanitario a meno che il Professionista del Settore Sanitario sia l impiegato o il funzionario dell organizzazione e presenta la domanda per conto dell organizzazione. Non è opportuno che un Socio sostenga l organizzazione di beneficenza preferita di un Professionista del Settore Sanitario, in risposta ad una richiesta di un Professionista del Settore Sanitario. I Soci non devono avere alcun controllo sull uso definitivo dei fondi forniti come donazioni di beneficienza ad organizzazioni di beneficenza e altre organizzazioni non-profit.

10 IX. Borse di studio I Soci possono fornire fondi per sostenere la ricerca medica genuina indipendente, il progresso della scienza medica o la formazione o la formazione del paziente o pubblica. Tuttavia, è importante che il sostegno a tali programmi ed attività da parte dei Soci non sia visto come una concessione di prezzo, premio ai clienti preferiti o incentivo per raccomandare, prescrivere o acquistare i prodotti o servizi dei Soci. Quindi i Soci devono assicurarsi di mantenere una documentazione adeguata con riguardo alle borse di studio. Le borse di studio non devono essere in alcun modo vincolate all uso passato, attuale o futuro dei prodotti e servizi del Socio. Le borse di studio devono essere effettuate unicamente ad organizzazioni o enti che abbiano diritto a riceverle ai sensi delle leggi nazionali o locali e ai regolamenti e non devono essere effettuate ai singoli Professionisti del Settore Sanitario. (Per ulteriori indicazioni su come i Soci possano sostenere la formazione dei singoli Professionisti del Settore Sanitario si veda la Sezione III relativa al Sostegno delle Conferenze Formative Tenute da Terzi ). Esempi di programmi formativi appropriati e relative considerazioni sono: Borse di studio. Le associazioni professionali, gli ospedali e le università in cui i Professionisti del Settore Sanitario ricevono la formazione, possono essere idonee a ottenere contributi finanziaria sostegno delle borse di studio. Per ulteriori indicazioni su come i Soci possano sostenere le borse di studio e premi simili si veda la Sezione III Sostegno alle Conferenze Formative Tenute da Terzi. Progresso dell Istruzione Medica. I Soci possono sostenere la formazione di Professionisti del Settore Sanitario attraverso la donazione di fondi agli istituti o organizzazioni, la formazione medica accreditata o non accreditata. Per ulteriori indicazioni su come i Soci possano sostenere tale formazione si veda la Sezione III Sostegno alle Conferenze Formative Tenute da Terzi. Ricerca. Possono consentirsi borse di studio per la ricerca per sostenere customerinitiated studi in relazione a programmi che riguardano la ricerca clinica o non clinica nelle aree di legittimo interesse per il Socio. Il Socio può fornire fondi per spese documentate, servizi in natura o prodotti gratuiti per sostenere le attività di ricerca chiaramente dichiarate in buona fede dei Professionisti del Settore Sanitario laddove è consentito ai sensi delle leggi nazionali e locali, dei regolamenti e dei codici professionali di condotta. Tutte le richieste di borse di studio per la ricerca devono essere fatte in forma scritta da parte del richiedente e devono individuare lo scopo e l obbiettivo dell attività di ricerca. Fino alla sottoscrizione di un accordo scritto da parte di entrambe le parti non deve essere fornito alcun sostegno e tale accordo deve stabilire l obbligo di denunciare, quando opportuno, gli eventi avversi. Il premio deve

11 essere pienamente divulgato all amministrazione di ospedale, al superiore del Professionista del Settore Sanitario o ad altra autorità competente designato a livello locale, secondo quanto sia idoneo, e il beneficiario della borsa di studio avrà l obbligo di dare atto del sostegno di ricerca da parte del Socio durante la presentazione verbale o scritta dei risultati. Istruzione Pubblica. I Soci possono elargire contributi finanziari allo scopo di sostenere l istruzione dei pazienti o del pubblico su importanti argomenti di settore sanitario. Il testo che precede è la traduzione del Code of Business Practice - Eucomed Guidelines On Interactions with Healthcare Professionals in italiano. La traduzione è stata preparata dagli avvocati di Baker & McKenzie dello studio di Roma. Si esclude ogni responsabilità in relazione alla completezza e correttezza della traduzione. Per le domande si prega di contattare l Avv. Roberto Cursano - Baker & McKenzie presso lo studio di Roma.

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA Le presenti Linee Guida si applicano ad ogni amministratore, direttore, dipendente a tempo pieno o parziale, docente, esterno

Dettagli

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION I. SCOPO POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION La corruzione è proibita dalle leggi di quasi tutte le giurisdizioni al mondo. Danaher Corporation ( Danaher ) si impegna a rispettare le leggi

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

CODICE ETICO. Valori. Visione etica dell impresa-valore aggiunto. Orientamento al cliente. Sviluppo delle persone. Qualità.

CODICE ETICO. Valori. Visione etica dell impresa-valore aggiunto. Orientamento al cliente. Sviluppo delle persone. Qualità. CODICE ETICO Premessa Il presente Codice Etico (di seguito, anche il Codice ) definisce un modello comportamentale i cui principi ispirano ogni attività posta in essere da e nei confronti di Starhotels

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. Condizioni di utilizzo aggiuntive di Acrobat.com Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. SERVIZI ONLINE ADOBE RESI DISPONIBILI SU

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU Ai sensi delle seguenti disposizioni: Legge 02.12.1991, n. 390 Articolo 13 D.P.C.M. 09/04/2001 Articolo 4 comma 17 D.P.C.M. 05/12/2013

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari Decreto Direttoriale n. 51 del 20.06.2011 SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE CON CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA VISTA DEL

Dettagli

DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI

DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI DETERMINAZIONE DELLA CNFC IN MATERIA DI VIOLAZIONI LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA VISTO il decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni e, in particolare,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN TERMINI E CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEI MARCHI GEFRAN Le presenti condizioni generali hanno lo scopo di disciplinare l utilizzo dei Marchi di proprietà della società: Gefran S.p.A. con sede in

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

DICHIARAZIONE ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE RIEPILOGO DELLA POLITICA ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE DI JOHNSON MATTHEY

DICHIARAZIONE ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE RIEPILOGO DELLA POLITICA ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE DI JOHNSON MATTHEY DICHIARAZIONE ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE E RIEPILOGO DELLA POLITICA ANTICONCUSSIONE E CORRUZIONE DI JOHNSON MATTHEY Johnson Matthey ha assunto alcuni impegni contro la concussione e la corruzione che

Dettagli

Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE

Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE Consorzio per le AUTOSTRADE SICILIANE CODICE ETICO E COMPORTAMENTALE PREMESSA Il Consorzio Autostrade Siciliane (CAS), costruisce e gestisce le tratte autostradali nell'ambito regionale siciliano, svolgendo

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SITO WEB Art. 1 (Finalità) Il Sito Web del Consorzio è concepito e utilizzato quale strumento istituzionale

Dettagli

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO CONVENZIONE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO FOR INSURANCE BROKER SRL, Società di Brokeraggio con sede principale a Castelfranco V.to, Ha stipulato con i

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA

AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA 24 ottobre 2013 WEB CONFERENCE LEZIONE LIVE IN VIDEOCONFERENZA PROGRAMMA La partecipazione è valevole ai fini IVASS per l aggiornamento professionale

Dettagli

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni. «Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.» Code of Conduct Comunicazione del CEO «Ogni società, grande o

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

Sezione A1) da compilare in caso di società, ente anche pubblico, fondazione, trust:

Sezione A1) da compilare in caso di società, ente anche pubblico, fondazione, trust: DICHIARAZIONE AI SENSI E PER GLI EFFETTI DEL D. LGS. N. 231 DEL 21 NOVEMBRE 2007 IN TEMA DI ANTIRICICLAGGIO MODULO DI IDENTIFICAZIONE E DI ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA (AI SENSI DEGLI ARTT. 18 E 19

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE I criteri indicati nel presente documento esemplificano una serie di situazioni di incarichi vietati per i

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE Tutti i prodotti che compri da Apple, anche quelli non a marchio Apple, sono coperti dalla garanzia legale di due anni del venditore prevista dal Codice del Consumo (Decreto

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

Se avete domande in merito al Codice IDEX di condotta ed etica aziendale o se avete episodi da segnalare, seguite le procedure indicate nel Codice.

Se avete domande in merito al Codice IDEX di condotta ed etica aziendale o se avete episodi da segnalare, seguite le procedure indicate nel Codice. A tutti i dipendenti, dirigenti e direttori IDEX: Al fine di soddisfare e superare le esigenze dei nostri clienti, fornitori, dipendenti e azionisti sono essenziali criteri di comportamento elevati e coerenti,

Dettagli

REGOLAMENTO. SOGGETTO DELEGATO: C-Zone S.r.l., via Eustachi 12, 20129, Milano, Italia.

REGOLAMENTO. SOGGETTO DELEGATO: C-Zone S.r.l., via Eustachi 12, 20129, Milano, Italia. PANDORA CONCORSO DONNE X IL DOMANI REGOLAMENTO NESSUN ACQUISTO O PAGAMENTO DI ALCUN GENERE È NECESSARIO PER PARTECIPARE O VINCERE. UN EVENTUALE ACQUISTO O PAGAMENTO NON AUMENTERÀ LE VOSTRE POSSIBILITÀ

Dettagli

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento?

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento? IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI A chi mi rivolgo? L' dell garantisce a tutti i soggetti interessati l'esercizio dei diritti d informazione e di accesso ai documenti amministrativi, e favorisce la conoscenza

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Accordo d Uso (settembre 2014)

Accordo d Uso (settembre 2014) Accordo d Uso (settembre 2014) Il seguente Accordo d uso, di seguito Accordo, disciplina l utilizzo del Servizio on line 4GUEST, di seguito Servizio, che prevede, la creazione di Viaggi, Itinerari, Percorsi,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

FORMAZIONE PROFESSIONALE

FORMAZIONE PROFESSIONALE FORMAZIONE PROFESSIONALE Le coperture a tutela dell impresa EDIZIONE 21 maggio 2014 DOCENZA IN WEBCONFERENCE PROGRAMMA La partecipazione è valevole ai fini IVASS per il conseguimento della formazione professionale

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni Note legali Termini e condizioni di utilizzo Accettazione dei Termini e Condizioni L'accettazione puntuale dei termini, delle condizioni e delle avvertenze contenute in questo sito Web e negli altri siti

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli