Codice di pratica Commerciale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Codice di pratica Commerciale"

Transcript

1 Codice di pratica Commerciale Linee Guida di Eucomed sui rapporti con i Professionisti del Settore Sanitario Modificato nel settembre 2008 Approvato dal Consiglio di Amministrazione il giorno di 11 settembre 2008 Translation by courtesy of

2 Il Codice di Pratica Commerciale Eucomed consiste nelle Linee Guida sui Rapporti con i Professionisti del Settore Sanitario e le Linee Guida sul Diritto di Concorrenza. La presente brochure contiene solo le Linee Guida sui Rapporti con i Professionisti del Settore Sanitario. Tutti i documenti, comprese le Linee Guida sul Diritto di Concorrenza e le Domande e Risposte sulle Linee Guida di Eucomed sui Rapporti con i Professionisti del Settore Sanitario sono disponibili sul sito web di EUCOMED I. Premessa Le presenti linee guida devono intendersi come guida per i rapporti dei soci di Eucomed con le persone (del settore clinico o non clinico, inclusi, a titolo esemplificativo, medici, infermieri, tecnici e coordinatori di ricerca) o enti (come ospedali o strutture di acquisto collettivo) che direttamente o indirettamente acquistano, locano, consigliano, usano, predispongono l acquisto e la locazione o prescrivono i dispositivi medici dei Soci ( i Professionisti del Settore Sanitario ). Vi sono molte forme di rapporti fra i Soci di Eucomed ed i professionisti del settore sanitario che contribuiscono al progresso della scienza medica o migliorano la cura del paziente, ivi incluse: Il progresso della tecnologia medica: lo sviluppo di dispositivi medici innovativi e il miglioramento dei prodotti esistenti richiedono la collaborazione fra i Soci ed i Professionisti del Settore Sanitario. L innovazione e la creatività sono essenziali per lo sviluppo e l evoluzione dei dispositivi medici, e spesso avvengono al di fuori delle strutture delle società produttrici dei dispositivi medici; L Efficace e Sicuro utilizzo della Tecnologia Medica: L efficace e sicuro utilizzo della tecnologia medica esige che i Soci offrano ai Professionisti del Settore Sanitario adeguate istruzioni, formazione, servizi e supporto tecnico. Gli organi regolatori possono altresì richiedere che tale tipo di formazione sia una condizione per l approvazione dei prodotti. Ricerca ed Istruzione: il sostegno da parte dei Soci alla ricerca medica svolta in buona fede, l istruzione e il miglioramento delle capacità professionali sono alcuni fra gli elementi che contribuiscono alla sicurezza del paziente ed aumentano l accesso alla nuova tecnologia.

3 I Soci di Eucomed riconoscono che l osservanza degli standard etici e il rispetto delle leggi applicabili sono fondamentali per la capacità del settore industriale della tecnologia medica/apparecchiatura di continuare la sua collaborazione con i Professionisti del Settore Sanitario. I Soci devono incoraggiare pratiche commerciali etiche e una condotta dell industria socialmente responsabile in relazione ai rapporti con i Professionisti del Settore Sanitario. I Soci devono altresì continuare a rispettare l obbligo dei Professionisti del Settore Sanitario di prendere decisioni indipendenti rispetto alle terapie da somministrare. Le linee guida sono basate su seguenti principi chiave: Il Principio di Separazione: i Rapporti tra il settore industriale e i Professionisti del Settore Sanitario non devono essere utilizzati in maniera inappropriata al fine di esercitare un influenza attraverso non dovuti o non appropriati vantaggi, o decisioni d'acquisto, né tali rapporti devono dipendere da operazioni di acquisto o dall uso o da un suggerimento dei prodotti dei Soci. Il Principio di Trasparenza: I rapporti tra il settore industriale ed i Professionisti del Settore Sanitario devono essere trasparenti e conformi alle leggi nazionali e locali, ai regolamenti ed ai codici professionali di condotta. Negli stati in cui non siano previste disposizioni specifiche, i soci devono in ogni caso mantenere la trasparenza adeguata richiedendo la preventiva comunicazione scritta all amministrazione dell ospedale, al superiore del Professionista del Settore Sanitario o ad un autorità competente designato a livello locale, rivelando pienamente il fine e lo scopo del confronto. Il Principio di Equivalenza: Laddove i Professionisti del Settore Sanitario sono assunti da un Socio al fine di fornire un servizio per o per conto di un Socio, la retribuzione pagata da un Socio deve essere proporzionata, e corrispondere al loro equo valore di mercato, ai servizi effettivamente forniti dal Professionista del Settore Sanitario. Il Principio di Documentazione: Per i rapporti tra un socio ed i Professionisti del Settore Sanitario come quelli in cui i servizi sono prestati da un Professionista del Settore Sanitario per o per conto di un membro, ci deve essere un accordo scritto che stabilisce, inter alia, lo scopo del rapporto, i servizi da rendersi, il metodo di rimborso delle spese e altresì la remunerazione da pagare da Socio. Le attività previste dall accordo devono essere dimostrate ed evidenziate dai verbali delle attività o documenti simili. La documentazione adeguata, come ad esempio l accordo, i verbali collegati, le fatture etc., deve essere conservata dal Socio ai

4 fini di comprovare la necessità e importanza di servizi nonché la ragionevolezza della remunerazione pagata. I Soci devono esigere da parte dei terzi intermediari, intermediari di vendite ed altri agenti terzi, inclusi a titolo esemplificativo, consulenti, distributori, agenti di vendita, agenti di marketing, brokers, agenti commerciali su commissione e rappresentanti di vendite indipendenti che interagiscono con i Professionisti del Settore Sanitario con riguardo alla vendita, promozione o qualsiasi altra attività relativa ai prodotti dei Soci, il rispetto degli standard equivalenti alle presenti linee guida. Di conseguenza, si suggerisce che, in caso di stipulazione di tali accordi, la documentazione contrattuale rilevante stabilisca obblighi in capo a terzi di rispettare essere le presenti o equivalenti linee guida. Le presenti linee guida stabiliscono gli standard adeguati per i vari tipi di rapporto con i Professionisti del Settore Sanitario. Le presenti linee guida non si prefiggono di sostituire o superare le leggi nazionali o i regolamenti o i codici professionali di condotta (ivi inclusi i codici aziendali) che impongono condizioni più stringenti ai Socio ai Professionisti del Settore Sanitario nello svolgimento della loro attività in tali stati. Tutti i Soci devono dunque garantire in maniera indipendente che i loro rapporti con i Professionisti del Settore Sanitario si conformino alle leggi e alle normative nazionali e locali attuali, ai regolamenti ed ai codici professionali di condotta. II. Soci - Formazione ed Istruzione sui Prodotti Sponsorizzati Laddove opportuno, i Soci devono mettere a disposizione dei Professionisti del Settore Sanitario istruzione e formazione relative ai prodotti al fine di facilitare un utilizzo sicuro ed efficace della tecnologia medica. Tali programmi di istruzione e formazione devono tenersi in luoghi adeguati, tenendo in considerazione la comodità dei partecipanti e il tipo di formazione. In particolare: I programmi e gli eventi devono essere condotti in locali adibiti a clinica, laboratorio, formazione, conferenza o altri locali adeguati, ivi inclusi i locali di proprietà dei Soci o strutture a disposizione commerciale, che siano adatti ad un efficace trasmissione della conoscenza e di qualsiasi formazione di tipo pratico. Il personale addetto alla formazione deve essere in possesso delle qualifiche adeguate. I Soci possono fornire pasti di costo contenuto ai partecipanti a tali programmi e, per i programmi di formazione che necessitino una permanenza notturna, possono rendersi opportuni ulteriori servizi alberghieri. Qualsiasi servizio alberghiero deve avere costi contenuti, e essere subordinato alla durata e funzionale allo scopo educativo del corso di formazione, nonché rispettare i regolamenti dello stato dove il Professionista del Settore Sanitario è abilitato ad esercitare la professione.

5 I Soci possono corrispondere i ragionevoli costi di viaggio e alloggio sostenuti dai Professionisti del Settore Sanitario che partecipano, nel rispetto normativa dei regolamenti dello stato dove il Professionista del Settore Sanitario è abilitato ad esercitare la professione. I Soci non devono inoltre corrispondere spese di pasti, viaggio, alloggio o altre spese per i coniugi o gli ospiti dei Professionisti del Settore Sanitario, o per qualsiasi altro soggetto che non abbia in buona fede un interesse professionale nell informazione che viene condivisa nel corso della riunione. III. Sostegno alle Conferenze Formative Tenute da Terzi Le conferenze indipendenti in buona fede, formative, scientifiche o fautrici di politiche promuovono la conoscenza scientifica, il progresso medico e forniscono aiuto per un efficace assistenza sanitaria. A questo scopo i Soci possono dare il loro sostegno a tali eventi a condizione che il contenuto di conferenze formative promuova la conoscenza scientifica, il progresso medico ed un efficace assistenza sanitaria e sia conforme alle linee guida rilevanti stabilite da associazioni o enti professionali per tali conferenze. I Soci di Eucomed possono fornire il sostegno a tali eventi attraverso la fornitura di assistenza finanziaria, scientifica, tecnica, organizzativa e/o logistica in modi seguenti: La sponsorizzazione di Professionisti del Settore Sanitario. Laddove consentito dalle leggi nazionali e locali, dai regolamenti e dai codici professionali di condotta, i Soci possono fornire il sostegno finanziario ai fini di coprire i costi di partecipazione nella conferenza di alcuni Professionisti del Settore Sanitario. Tale sostegno finanziario dovrebbe limitarsi a coprire le spese di tassa di registrazione alla conferenza e ragionevoli costi di viaggio, pasti e alloggio sostenuti in relazione alla partecipazione all evento. I Soci devono assicurare la stretta osservanza delle leggi nazionali e locali nella materia di requisiti per la divulgazione e l approvazione di tale sponsorizzazione, e, laddove tali requisiti non sono prescritti, deve comunque mantenere la trasparenza adeguata, ad esempio, richiedendo che si effettuata una preventiva comunicazione scritta della sponsorizzazione all amministrazione dell ospedale, al superiore del Professionista del Settore Sanitario o ad un altra autorità competente designata a livello locale. Pubblicità e Dimostrazioni. I Soci possono acquistare pubblicità e prendere in locazione degli spazi per stand espositivi per i loro prodotti e/o servizi durante le conferenze. Sostegno alle Conferenze. I Soci possono fornire contributi finanziari direttamente agli organizzatori di conferenza ai fini di ridurre i costi complessivi della partecipazione e

6 coprire le ragionevoli spese di onorari, viaggio, pasti e alloggio sostenute dai Professionisti del Settore Sanitario che sono membri in buona fede del corpo docente della conferenza. La richiesta deve essere fatta per iscritto dall organizzatore di conferenza al Socio e qualsiasi sponsorizzazione deve essere pagata direttamente ali organizzatore della conferenza o all istituzione di formazione. L organizzatore di conferenza sarà l unico responsabile dei contenuti del programma e della scelta del corpo docente. I Soci non devono essere coinvolti eccessivamente in determinazione dei contenuti della conferenza all infuori di raccomandare speakers o commentare su programma se chiesti di farlo. Simposi tramite Satellite. I Soci possono sponsorizzare i simposi satelliti presso le conferenze dei terzi e organizzare presentazioni sui temi conformi al contenuto generale di conferenza dei terzi a condizione che tutta l informazione presentata sia giusta, equilibrata e scientificamente rigorosa. I Soci possono determinare il contenuto di tali eventi ed essere responsabili per la scelta del corpo docente. L accordo deve essere documentato in forma di contratto per iscritto ed il sostegno del Socio deve essere dichiarato in tutti materiali riguardanti l evento satellite. Borse di studio. I Soci possono anche fornire le borse di studio alle istituzioni di formazione, istituzioni di settore sanitario o associazioni professionali di programmi di formazione medica attraverso la fornitura di sostegno finanziario per incarichi di ricercatori e borse di studio simili. La selezione dei candidati deve essere fatta a discrezione dell istituzione in cui loro si sono inscritti o dell istituzione di istruzione in cui loro riceveranno la formazione. Le borse di studio devono essere attribuite alle istituzioni di formazione o associazioni professionali, non ai ricercatori individuali, salvo nel caso di preventiva richiesta dell istituzione. In nessun caso il finanziamento può essere vincolato all acquisto dei prodotti della società da parte dell istituzione o può comunque essere basato sull uso passato o potenziale dei prodotti o servizi della società. IV. Vendite e Riunioni a scopo promozionale Negli Stati in cui è consentito ai Soci di riunirsi con i Professionisti del Settore Sanitario al fine di discutere delle caratteristiche dei prodotti, negoziare il contratto o discutere dei termini di vendita, tali riunioni devono, come regola generale, tenersi riunioni presso o nelle vicinanze del luogo in cui operano i Professionisti del Settore Sanitario. In relazione a tali riunioni, i Soci possono pagare i pasti, ad un prezzo ragionevole, per i Professionisti del Settore Sanitario che partecipano nell ambiente adatto allo scambio di informazione. Qualora siano necessari tour di impianti o dimostrazioni di attrezzi non portatili, i Soci possono altresì pagare le ragionevoli spese di viaggio e l alloggio per i Professionisti del Settore Sanitario partecipanti. Tuttavia è vietata la promozione o il pagamento di pasti, viaggi, alloggio ed altre

7 spese per i coniugi e gli ospiti dei Professionisti del Settore Sanitario o per qualsiasi altro soggetto che non abbia in buona fede un interesse professionale legittimo alle informazioni che vengono condivise nel corso della riunione. V. Accordi con i Consulenti I Professionisti del Settore Sanitario possono prestare in buona fede ai Soci servizi di consulenza di rilevanza, che compresa la ricerca, la partecipazione a consigli consultivi, la presentazione a corsi di formazione sponsorizzati dai Soci o corsi di formazione di terzi e lo sviluppo dei prodotti. Si ritiene opportuno corrispondere ai Professionisti del Settore Sanitario ragionevoli compensi per l effettuazione di tali servizi. I fattori seguenti sostengono l esistenza di un accordo di consulenza in buona fede tra i Soci ed i Professionisti del Settore Sanitario: Gli accordi di consulenza devono stipularsi unicamente laddove venga individuato in anticipo uno scopo legittimo per tali servizi. La scelta dei consulenti deve essere basata sulle qualifiche e sull esperienza degli stessi, al fine di identificare lo scopo individuato e senza essere basata sui volumi o il valore del business generato dal consulente. Gli accordi di consulenza con i Professionisti del Settore Sanitario devono avvenire in forma scritta, essere sottoscritti dalle parti e specificare tutti i servizi che devono essere forniti. Tali accordi devono essere conformi ai regolamenti dello stato in cui il Professionista del Settore Sanitario è abilitato ad esercitare la professione. La retribuzione ai Professionisti del Settore Sanitario che presteranno servizi di consulenza deve corrispondere al loro equo valore di mercato senza essere collegata in alcun modo al valore di dispositivi medici che possono essere utilizzati dai consulenti nella loro pratica. Tutti i pagamenti devono conformarsi alla tassa applicabile e agli altri requisiti di legge applicabili. I Soci possono corrispondere le ragionevoli spese correnti sostenute dai consulenti nello svolgimento di quanto previsto dall accordo di consulenza, incluse ragionevoli ed attuali spese di viaggio, pasti ed alloggio o altre spese sostenute dai consulenti durante la partecipazione in riunioni con o per conto dei Soci. L accordo scritto deve descrivere tutte le spese che il consulente potrebbe reclamare con riguardo alla fornitura di servizi. I Soci devono garantire la piena osservanza delle leggi nazionali e locali con riguardo alla divulgazione o approvazione dei requisiti per i Soci che incaricano i Professionisti del Settore Sanitario come consulenti. Laddove non siano prescritte disposizioni

8 specifiche nazionali, i soci devono comunque mantenere la trasparenza adeguata richiedendo che una preventiva comunicazione scritta sia effettuata all amministrazione dell ospedale, al superiore del Professionista del Settore Sanitario o ad un altra autorità competente disegnato al livello locale, divulgando il fine e lo scopo dell accordo di consulenza. Tutti gli accordi di consulenza con i Professionisti del Settore Sanitario devono essere documentati per iscritto anche nei casi in cui il Professionista del Settore Sanitario non richiede il pagamento per i servizi o in cui l accordo è stipulato solo per un evento di durata di un giorno. Il luogo e le circostanze per le riunioni fra i Soci ed i consulenti devono essere adeguate all argomento della consultazione. Le riunioni devono essere condotte in locali clinici, di formazione o conferenza o altri locali adeguati, inclusi alberghi o altre strutture a disposizione per riunioni, che siano adatte ad un efficace scambio di informazione. Il servizio alberghiero sponsorizzato da un Socio che viene fornito insieme ad una riunione con il consulente deve avere costi contenuti e deve essere subordinato alla durata e funzionale allo scopo principale della riunione. Laddove un Socio stipuli un contratto con un Professionista del Settore Sanitario che operi in qualità di consulente per servizi di ricerca, il contratto scritto di cui sopra deve fare riferimento ad un protocollo di ricerca scritto o ad un programma di lavoro adatto e devono essere ottenuti tutti i permessi e le approvazioni necessarie. Laddove un Socio stipuli un contratto con un Professionista del Settore Sanitario avente ad oggetto lo sviluppo di proprietà intellettuale, deve esserci un accordo scritto che preveda la retribuzione al valore equo di mercato. Tuttavia, in nessun caso il Professionista del Settore Sanitario potrà ricevere una retribuzione in relazione ai dispositivi medici che abbia prescritto nel passato o che potrebbe prescrivere nel futuro, compresi i dispositivi medici che contengono nuove proprietà intellettuali. È necessario ottenere tutti i consensi e le approvazioni richieste, incluse quelle dall amministrazione di ospedale o dal superiore del Professionista del Settore Sanitario (o un autorità competente designato al livello locale).

9 VI. Regali Occasionalmente, i Soci possono regalare articoli non costosi, anche di marca, ai Professionisti del Settore Sanitario, purché siano di modico valore ed in osservanza alle leggi nazionali e locali, ai regolamenti ed ai codici professionali di condotta dello stato in cui il Professionista del Settore Sanitario è abilitato ad esercitare la professione. I doni devono essere collegati alla pratica del Professionista del Settore Sanitario, devono beneficiare i pazienti o essere di natura essenzialmente educativa. Non possono essere dati doni in forma di denaro o equivalenti. Il presente capitolo non riguarda la legittima pratica di fornire i campioni appropriati di prodotti e le opportunità di valutazione del prodotto. VII. Rimborso ed altre informazioni economiche I Soci devono sostenere la fatturazione corretta e responsabile per il rimborso delle autorità ed altri soggetti paganti. Facendo così, forniscono efficienza economica ed informazioni sul rimborso ai Professionisti del Settore Sanitario ed ai soggetti terzi paganti, in relazione ai prodotti dei Soci. Tale informazione deve essere limitata all identificazione della copertura adatta, della codificazione o fatturazione dei prodotti dei Soci o delle procedure di uso di tali prodotti o ad incoraggiare una consegna economicamente efficace dei prodotti dei Soci. Il presente capitolo riguarda la legittima pratica di fornire il supporto tecnico o altro supporto ai fini di aiutare l uso o l installazione corretta dei prodotti dei Soci. VIII. Donazioni a scopi di beneficenza o a scopi filantropici I Soci possono effettuare donazioni a scopi di beneficenza o ad altri scopi filantropici. Le donazioni devono essere effettuate unicamente a organizzazioni di beneficienza ed enti nonprofit che abbiano diritto a riceverle ai sensi della legge nazionale o locale e dei regolamenti. Le donazioni possono essere effettuate a sostegno di attività generali di un organizzazione di buona fede o a sostegno di una raccolta di fondi generale ai fini di realizzare i progetti di tale organizzazione. Le donazioni di beneficenza non devono essere vincolate in alcun modo all uso passato, attuale o futuro dei prodotti e servizi del Socio. Tutte le donazioni ad un organizzazione di beneficienza o non-profit dovranno essere adeguatamente documentate. Ad esempio, una richiesta scritta deve essere presentata dall organizzazione di beneficenza, individuando lo scopo di beneficenza e la natura delle sue attività. I pagamenti devono essere effettuati a nome dell organizzazione di beneficenza e pagati direttamente all organizzazione di beneficenza. Le donazioni di beneficenza all organizzazione in buona fede non devono essere effettuate in risposta a richieste di Professionisti del Settore Sanitario a meno che il Professionista del Settore Sanitario sia l impiegato o il funzionario dell organizzazione e presenta la domanda per conto dell organizzazione. Non è opportuno che un Socio sostenga l organizzazione di beneficenza preferita di un Professionista del Settore Sanitario, in risposta ad una richiesta di un Professionista del Settore Sanitario. I Soci non devono avere alcun controllo sull uso definitivo dei fondi forniti come donazioni di beneficienza ad organizzazioni di beneficenza e altre organizzazioni non-profit.

10 IX. Borse di studio I Soci possono fornire fondi per sostenere la ricerca medica genuina indipendente, il progresso della scienza medica o la formazione o la formazione del paziente o pubblica. Tuttavia, è importante che il sostegno a tali programmi ed attività da parte dei Soci non sia visto come una concessione di prezzo, premio ai clienti preferiti o incentivo per raccomandare, prescrivere o acquistare i prodotti o servizi dei Soci. Quindi i Soci devono assicurarsi di mantenere una documentazione adeguata con riguardo alle borse di studio. Le borse di studio non devono essere in alcun modo vincolate all uso passato, attuale o futuro dei prodotti e servizi del Socio. Le borse di studio devono essere effettuate unicamente ad organizzazioni o enti che abbiano diritto a riceverle ai sensi delle leggi nazionali o locali e ai regolamenti e non devono essere effettuate ai singoli Professionisti del Settore Sanitario. (Per ulteriori indicazioni su come i Soci possano sostenere la formazione dei singoli Professionisti del Settore Sanitario si veda la Sezione III relativa al Sostegno delle Conferenze Formative Tenute da Terzi ). Esempi di programmi formativi appropriati e relative considerazioni sono: Borse di studio. Le associazioni professionali, gli ospedali e le università in cui i Professionisti del Settore Sanitario ricevono la formazione, possono essere idonee a ottenere contributi finanziaria sostegno delle borse di studio. Per ulteriori indicazioni su come i Soci possano sostenere le borse di studio e premi simili si veda la Sezione III Sostegno alle Conferenze Formative Tenute da Terzi. Progresso dell Istruzione Medica. I Soci possono sostenere la formazione di Professionisti del Settore Sanitario attraverso la donazione di fondi agli istituti o organizzazioni, la formazione medica accreditata o non accreditata. Per ulteriori indicazioni su come i Soci possano sostenere tale formazione si veda la Sezione III Sostegno alle Conferenze Formative Tenute da Terzi. Ricerca. Possono consentirsi borse di studio per la ricerca per sostenere customerinitiated studi in relazione a programmi che riguardano la ricerca clinica o non clinica nelle aree di legittimo interesse per il Socio. Il Socio può fornire fondi per spese documentate, servizi in natura o prodotti gratuiti per sostenere le attività di ricerca chiaramente dichiarate in buona fede dei Professionisti del Settore Sanitario laddove è consentito ai sensi delle leggi nazionali e locali, dei regolamenti e dei codici professionali di condotta. Tutte le richieste di borse di studio per la ricerca devono essere fatte in forma scritta da parte del richiedente e devono individuare lo scopo e l obbiettivo dell attività di ricerca. Fino alla sottoscrizione di un accordo scritto da parte di entrambe le parti non deve essere fornito alcun sostegno e tale accordo deve stabilire l obbligo di denunciare, quando opportuno, gli eventi avversi. Il premio deve

11 essere pienamente divulgato all amministrazione di ospedale, al superiore del Professionista del Settore Sanitario o ad altra autorità competente designato a livello locale, secondo quanto sia idoneo, e il beneficiario della borsa di studio avrà l obbligo di dare atto del sostegno di ricerca da parte del Socio durante la presentazione verbale o scritta dei risultati. Istruzione Pubblica. I Soci possono elargire contributi finanziari allo scopo di sostenere l istruzione dei pazienti o del pubblico su importanti argomenti di settore sanitario. Il testo che precede è la traduzione del Code of Business Practice - Eucomed Guidelines On Interactions with Healthcare Professionals in italiano. La traduzione è stata preparata dagli avvocati di Baker & McKenzie dello studio di Roma. Si esclude ogni responsabilità in relazione alla completezza e correttezza della traduzione. Per le domande si prega di contattare l Avv. Roberto Cursano - Baker & McKenzie presso lo studio di Roma.

Translation by courtesy of. Linee Guida per il rispetto del Diritto della Concorrenza

Translation by courtesy of. Linee Guida per il rispetto del Diritto della Concorrenza Translation by courtesy of Linee Guida per il rispetto del Diritto della Concorrenza La nostra associazione commerciale riunisce i fornitori e gli altri soggetti che operano nel settore medico a livello

Dettagli

Federazione Nazionale per le Tecnologie Biomediche, Diagnostiche, Apparecchiature Medicali, Dispositivi Medici Borderline, Servizi e Telemedicina

Federazione Nazionale per le Tecnologie Biomediche, Diagnostiche, Apparecchiature Medicali, Dispositivi Medici Borderline, Servizi e Telemedicina Federazione Nazionale per le Tecnologie Biomediche, Diagnostiche, Apparecchiature Medicali, Dispositivi Medici Borderline, Servizi e Telemedicina CODICE ETICO Giugno 2012 Prefazione Attraverso il Codice

Dettagli

VERSIONE FINALE 25/9/14. CODICE DI CONDOTTA COMBINATO E Q&A (domande e risposte)

VERSIONE FINALE 25/9/14. CODICE DI CONDOTTA COMBINATO E Q&A (domande e risposte) VERSIONE FINALE 25/9/14 CODICE DI CONDOTTA COMBINATO E Q&A (domande e risposte) SULLE INTERAZIONI CON GLI OPERATORI MEDICO-SANITARI Dichiarazione di tutte le società aderenti al COCIR COCIR si dedica al

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA SULLE INTERAZIONI CON GLI OPERATORI DEL SETTORE SANITARIO DOMANDE E RISPOSTE 1

CODICE DI CONDOTTA SULLE INTERAZIONI CON GLI OPERATORI DEL SETTORE SANITARIO DOMANDE E RISPOSTE 1 CODICE DI CONDOTTA SULLE INTERAZIONI CON GLI OPERATORI DEL SETTORE SANITARIO DOMANDE E RISPOSTE 1 IN GENERALE 1. Perché i Soci del COCIR adottano questo Codice? La nostra industria produce e vende prodotti

Dettagli

POLICY ANTICORRUZIONE DEL GRUPPO TELECOM ITALIA

POLICY ANTICORRUZIONE DEL GRUPPO TELECOM ITALIA POLICY ANTICORRUZIONE DEL GRUPPO TELECOM ITALIA Adottata in data 6 dicembre 2012 SOMMARIO Articolo 1 Premessa pag. 2 Articolo 2 - Scopo e campo di applicazione pag. 2 Articolo 3 - Destinatari pag. 2 Articolo

Dettagli

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA Le presenti Linee Guida si applicano ad ogni amministratore, direttore, dipendente a tempo pieno o parziale, docente, esterno

Dettagli

Policy anticorruzione

Policy anticorruzione Policy anticorruzione Policy globale di Novartis 1 marzo 2012 Versione GIC 100.V1.IT 1. Introduzione 1.1 Finalità Il nostro Codice di Comportamento stabilisce che in nessun caso Novartis ricorre alla corruzione.

Dettagli

Politica anticorruzione

Politica anticorruzione Politica anticorruzione Introduzione RPC Group Plc (l'"azienda") dispone di una politica a tolleranza zero nei confronti degli atti di corruzione nelle operazioni commerciali a livello globale, sia nel

Dettagli

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION I. SCOPO POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION La corruzione è proibita dalle leggi di quasi tutte le giurisdizioni al mondo. Danaher Corporation ( Danaher ) si impegna a rispettare le leggi

Dettagli

ALCOA INC. NORMATIVA ANTI CORRUZIONE

ALCOA INC. NORMATIVA ANTI CORRUZIONE ALCOA INC. NORMATIVA ANTI CORRUZIONE a PREMESSA: Alcoa Inc. ( Alcoa ) e la sua dirigenza si impegnano nella conduzione di operazioni eticamente corrette e conformi alle disposizioni di legge. I nostri

Dettagli

Policy Letter No. 2. Oggetto: Etica Aziendale Numero: POL 002. Data di validità: 2 Gennaio 2015 Sostituisce: POL 002 datato: 2 Gennaio 2014

Policy Letter No. 2. Oggetto: Etica Aziendale Numero: POL 002. Data di validità: 2 Gennaio 2015 Sostituisce: POL 002 datato: 2 Gennaio 2014 CAMPO DI APPLICAZIONE Xerox Corporation e sue controllate. SOMMARIO La Policy Letter descrive l etica nella condotta del business che Xerox esige dai propri dipendenti per la durata del rapporto di lavoro

Dettagli

MANUALE DI COMPLIANCE INSIA

MANUALE DI COMPLIANCE INSIA MANUALE DI COMPLIANCE INSIA Registered Seat Indice 1. Informazioni su Marsh & McLennan Companies... 2 2. Informazioni su... 2 3. Presentazione del Manuale... 2 4. Principi di Compliance... 2 4.1. The Greater

Dettagli

Policy Anti-corruzione di Goodyear

Policy Anti-corruzione di Goodyear Policy Anti-corruzione di Goodyear Goodyear non intende ottenere vantaggi commerciali tramite offerta o ricevimento di indebiti benefici pecuniari o di qualsiasi utilità, nemmeno nei Paesi dove tali pratiche

Dettagli

III.A.1. CODICE ETICO

III.A.1. CODICE ETICO III.A.1. CODICE ETICO 1. FINALITA' La Casa di Cura Villa Aurora S.p.a., al fine di definire con chiarezza e trasparenza l insieme dei valori ai quali l'ente si ispira per raggiungere i propri obiettivi,

Dettagli

CODICE ETICO EX D.LGS. 231/01 1 100101 AGGIORNAMENTO 0 080101 EMISSIONE REV DATA DESCRIZIONE

CODICE ETICO EX D.LGS. 231/01 1 100101 AGGIORNAMENTO 0 080101 EMISSIONE REV DATA DESCRIZIONE CODICE ETICO EX D.LGS. 231/01 1 100101 AGGIORNAMENTO 0 080101 EMISSIONE REV DATA DESCRIZIONE 1 INDICE PREMESSA 3 1. PRINCIPI GENERALI E LORO APPLICAZIONE 3 2. RISORSE UMANE E AMBIENTE DI LAVORO 4 3. INFORMATIVA

Dettagli

BOOM POLMONI URBANI VADEMECUM

BOOM POLMONI URBANI VADEMECUM Movimento 5 Stelle Boom Polmoni Urbani BOOM POLMONI URBANI VADEMECUM Questo Vademecum fornisce indicazioni riguardo l ammissibilità delle spese e le modalità di rendicontazione relative ai progetti ammessi

Dettagli

Direttiva di Gruppo della voestalpine AG. Condotta Aziendale. www.voestalpine.com

Direttiva di Gruppo della voestalpine AG. Condotta Aziendale. www.voestalpine.com Direttiva di Gruppo della voestalpine AG Condotta Aziendale www.voestalpine.com 1 Direttiva di Gruppo della voestalpine AG Condotta Aziendale La presente Direttiva di Gruppo Condotta Aziendale integra

Dettagli

INTEGRITÀ IN AZIONE - CONFORMITÀ NEL SETTORE SANITARIO

INTEGRITÀ IN AZIONE - CONFORMITÀ NEL SETTORE SANITARIO PASSIONE PER L'INTEGRITÀ INTEGRITÀ IN AZIONE - CONFORMITÀ NEL SETTORE SANITARIO LA CONFORMITÀ NEL SETTORE SANITARIO È RESPONSABILITÀ DI TUTTI DePuy Synthes è nota come leader mondiale per soluzioni neurologiche

Dettagli

Codice fiscale. Il versamento deve essere effettuato sul C/C postale n. 50803964 intestato alla Federazione Nazionale dei Collegi IPASVI

Codice fiscale. Il versamento deve essere effettuato sul C/C postale n. 50803964 intestato alla Federazione Nazionale dei Collegi IPASVI POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE E TUTELA LEGALE degli Infermieri Professionali, Assistenti Sanitari e Vigilatrici d Infanzia Convenzione tra Federazione Nazionale dei Collegi IPASVI e Carige

Dettagli

Codice Nestlé di Condotta Aziendale

Codice Nestlé di Condotta Aziendale Codice Nestlé di Condotta Aziendale Introduzione Dalla sua fondazione, Nestlé ha adottato prassi aziendali rette da integrità, onestà, correttezza e dal rispetto di tutte le leggi applicabili. I dipendenti

Dettagli

CONTRATTO DI SPONSORIZZAZIONE. Tra

CONTRATTO DI SPONSORIZZAZIONE. Tra CONTRATTO TRA PROVIDER,SEGRETERIA ORGANIZZATIVA (PARTNER NON ACCREDITATO) E SPONSOR: la peculiarità del Contratto in oggetto, rispetto a quello tra Provider, Partner Accreditato (Provider) e Sponsor, attiene

Dettagli

UL STANDARD GLOBALI DI CONDOTTA DEI FORNITORI

UL STANDARD GLOBALI DI CONDOTTA DEI FORNITORI Pagina 1 di 9 UL STANDARD GLOBALI DI CONDOTTA DEI FORNITORI Pagina 2 di 9 INDICE 1.0 SCOPO... 4 2.0 AMBITO... 4 3.0 DEFINIZIONI... 4 4.0 PRATICHE DI IMPIEGO... 5 4.1 LAVORO FORZATO... 5 4.2 LAVORO MINORILE...

Dettagli

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO

CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO CODICE ETICO GRUPPO ESPRESSO 1 1. PREMESSA 3 2. MISSIONE E VISIONE ETICA 3 3. AMBITO DI APPLICAZIONE DEL CODICE 3 4. PRINCIPI E NORME DI RIFERIMENTO 5 4.1 Rispetto della Legge 5 4.2 Onestà e correttezza

Dettagli

Legge sull orientamento scolastico e professionale e sulla formazione professionale e continua (Lorform) (del 4 febbraio 1998)

Legge sull orientamento scolastico e professionale e sulla formazione professionale e continua (Lorform) (del 4 febbraio 1998) Legge sull orientamento scolastico e professionale e sulla formazione professionale e continua (Lorform) (del febbraio 1998) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO - visto il messaggio 1 marzo

Dettagli

CODICE ETICO. DI ACI Informatica SPA

CODICE ETICO. DI ACI Informatica SPA CODICE ETICO DI ACI Informatica SPA Versione 2 approvata dal Consiglio di Amministrazione di ACI Informatica S.p.A. il 16/11/2009. I riferimenti del Codice Etico a ACI Informatica o Società o Azienda si

Dettagli

1. Introduzione. 2. Principi di Etica professionale

1. Introduzione. 2. Principi di Etica professionale Codice di Condotta Contenuti 1. Introduzione 2. Principi di etica professionale 3. Rapporti esterni 4. Rapporti interni a. Documenti e registrazioni contabili b. Conflitti di interesse c. Beni e risorse

Dettagli

Regolamento, criteri e modalità per concessione patrocinio, partecipazione a comitati d onore e compartecipazione a iniziative

Regolamento, criteri e modalità per concessione patrocinio, partecipazione a comitati d onore e compartecipazione a iniziative Regolamento, criteri e modalità per concessione patrocinio, partecipazione a comitati d onore e compartecipazione a iniziative APPROVATO DAL CDA NELLA SEDUTA DEL 31/05/2013 2 I N D I C E Premessa...5 Art.

Dettagli

Procedura sulla. Condotta della. Attività Aziendale

Procedura sulla. Condotta della. Attività Aziendale Procedura sulla Condotta della Attività Aziendale ROGER S. FINE VICE PRESIDENT GENERAL COUNSEL MEMBRO DEL COMITATO ESECUTIVO Cari colleghi, Il presente opuscolo, che contiene la Procedura sulla Condotta

Dettagli

La somministrazione di lavoro. - I contratti di somministrazione

La somministrazione di lavoro. - I contratti di somministrazione Indice La somministrazione di lavoro - I contratti di somministrazione - Cosa sono - Facciamo un po d ordine - La somministrazione di lavoro a tempo determinato - Il contratto - I rapporti tra somministratore

Dettagli

REGOLAMENTO ANTI-CORRUZIONE

REGOLAMENTO ANTI-CORRUZIONE REGOLAMENTO ANTI-CORRUZIONE "MARINTEC adotta un approccio con tolleranza zero contro la corruzione. Siamo impegnati a condurre la nostra attività in modo onesto ed etico. Abbiamo adottato questo regolamento

Dettagli

ISTITUTO DI CERTIFICAZIONE DEI DATI STATISTICI FIERISTICI spa ISF

ISTITUTO DI CERTIFICAZIONE DEI DATI STATISTICI FIERISTICI spa ISF Allegato sub A PROTOCOLLO PER LA RILEVAZIONE E CERTIFICAZIONE DEI DATI ATTINENTI AGLI ESPOSITORI ED AI VISITATORI DELLE MANIFESTAZIONI FIERISTICHE ISTITUTO DI CERTIFICAZIONE DEI DATI STATISTICI FIERISTICI

Dettagli

FAC SIMILE MANIFESTAZIONE DI INTERESSE (Riprodurre su carta intestata del soggetto che manifesta interesse) Il sottoscritto nato a il,

FAC SIMILE MANIFESTAZIONE DI INTERESSE (Riprodurre su carta intestata del soggetto che manifesta interesse) Il sottoscritto nato a il, Allegato 1 FAC SIMILE MANIFESTAZIONE DI INTERESSE (Riprodurre su carta intestata del soggetto che manifesta interesse) Spett.le ATAF S.p.A. Viale dei Mille, 115 50131 FIRENZE Alla c.a. del responsabile

Dettagli

Regolamento Modello Regali di Organizzazione e di Gestione ex decreto legislativo 8 giugno 2001 n. 231

Regolamento Modello Regali di Organizzazione e di Gestione ex decreto legislativo 8 giugno 2001 n. 231 Regolamento Modello Regali di Organizzazione e di Gestione ex decreto legislativo 8 giugno 2001 n. 231 ANTHEA S.R.L. Natura del documento: Edizione definitiva Approvazione: [AU o Assemblea] Data Approvazione:../../2014

Dettagli

INFORMAZIONI E DOCUMENTI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE

INFORMAZIONI E DOCUMENTI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE INFORMAZIONI E DOCUMENTI DA RENDERE AL CONTRAENTE PRIMA DELLA SOTTOSCRIZIONE Ai sensi degli art. 120 D.Lgs 209/2005 e del Regolamento IVASS 5/2006 e successive modifiche Gentile cliente La invitiamo a

Dettagli

Statuto FONDAZIONE PER LA CULTURA TORINO - ONLUS

Statuto FONDAZIONE PER LA CULTURA TORINO - ONLUS n. mecc. 2012 03137/45 allegato 2 [testo coordinato con gli emendamenti approvati, ai sensi articolo 44 comma 2 del Regolamento Consiglio Comunale]. Statuto FONDAZIONE PER LA CULTURA TORINO - ONLUS Titolo

Dettagli

La disciplina dei contratti di cessione di prodotti agroalimentari

La disciplina dei contratti di cessione di prodotti agroalimentari La disciplina dei contratti di cessione di prodotti agroalimentari L art. 62 del D.L 24 gennaio 2012 n.1, convertito nella L. n. 27 del 24 marzo 2012, ha introdotto una disciplina specifica in materia

Dettagli

VADEMECUM PER L AMMISSIBILITA DELLA SPESA

VADEMECUM PER L AMMISSIBILITA DELLA SPESA REGIONE BASILICATA Dipartimento Presidenza della Giunta BANDO DI CONCORSO NUOVI FERMENTI PROGETTI PER LA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE CREATIVE ALLEGATO D VADEMECUM PER L AMMISSIBILITA DELLA SPESA 1 Principi

Dettagli

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni

Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni Codice Etico Rev. 03 Versione del 21/01/2013 Approvato della Giunta Esecutiva del 18/02/2013 Ratificato del Consiglio Direttivo entro il

Dettagli

Direzione generale della comunicazione

Direzione generale della comunicazione Direzione generale della Comunicazione ADMINISTR Direzione generale della comunicazione Accordi quadro di partenariato con organizzazioni paneuropee, nazionali, regionali e locali attive nei settori delle

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO CODICE ETICO E DI COMPORTAMENTO Adottato dal Consiglio di Amministrazione il 27 marzo 2012 Aggiornato in data 14 marzo 2013 Ultimo aggiornamento approvato

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE PRESTAZIONI COMUNALI IN AMBITO SOCIALE

REGOLAMENTO SULLE PRESTAZIONI COMUNALI IN AMBITO SOCIALE REGOLAMENTO SULLE PRESTAZIONI COMUNALI IN AMBITO SOCIALE Il Consiglio Comunale di Locarno Vista la Legge organica comunale (LOC) e le relative norme di applicazione, d e c r e t a CAPITOLO 1 Generalità

Dettagli

CONTRATTO TRA APT/CONSORZIO OPERATORE RICETTIVO

CONTRATTO TRA APT/CONSORZIO OPERATORE RICETTIVO CONTRATTO TRA APT/CONSORZIO OPERATORE RICETTIVO Azienda per il Turismo: o Consorzio delle Associazioni Pro Loco: con sede a c.a.p via n. P. IVA e C.F. in persona del legale rappresentante pro tempore E

Dettagli

Ai Termini di Utilizzo del Sito delle Interfacce API Preva si applicano esclusivamente le seguenti definizioni:

Ai Termini di Utilizzo del Sito delle Interfacce API Preva si applicano esclusivamente le seguenti definizioni: TERMINI DI UTILIZZO DEL SITO DELLE INTERFACCE API PREVA Tutte le disposizioni dei Termini di Utilizzo Preva si applicano anche ai presenti Termini di Utilizzo del Sito delle Interfacce API Preva. In caso

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO AZIENDALE DI ARPA EMILIA ROMAGNA

CODICE DI COMPORTAMENTO AZIENDALE DI ARPA EMILIA ROMAGNA CODICE DI COMPORTAMENTO AZIENDALE DI ARPA EMILIA ROMAGNA Approvato con Delibera del Direttore Generale n. 5 del 31/01/2014 In vigore dal 31/01/2014 Art. 1 Ambito di applicazione 1. Il presente codice si

Dettagli

Consilium Comunicazione S.r.l. Italia - Via Domenichino, 45-20149 Milano +39 (02) 365.65.485 - +39 (02) 365.65.486 +39 (02) 896.99.

Consilium Comunicazione S.r.l. Italia - Via Domenichino, 45-20149 Milano +39 (02) 365.65.485 - +39 (02) 365.65.486 +39 (02) 896.99. CODICE ETICO Revisione V5. 2014 INDICE PREMESSA 1. PRINCIPI GENERALI 1.1. Destinatari 1.2. Impegni di Consilium 1.3. Obblighi dei destinatari 1.4. Efficacia del Codice e conseguenze delle sue violazioni

Dettagli

MANITOWOC. Bollettino Norme di Condotta Aziendale. Relazioni Internazionali Pratiche e Operazioni Corrotte con Persone di Nazionalità Non Americana

MANITOWOC. Bollettino Norme di Condotta Aziendale. Relazioni Internazionali Pratiche e Operazioni Corrotte con Persone di Nazionalità Non Americana MANITOWOC Bollettino Norme di Condotta Aziendale Oggetto: Relazioni Internazionali Pratiche e Operazioni Corrotte con Persone di Nazionalità Non Americana Bollettino Originale 0 Sostituisce il bollettino

Dettagli

LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE,

LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE, 101 Raccomandazione della Commissione 15 febbraio 2005, n. 2005/162/Ce, sul ruolo degli amministratori senza incarichi esecutivi o dei membri del consiglio di sorveglianza delle società quotate e sui comitati

Dettagli

POLIZZE di RESPONSABILITA CIVILE CONVENZIONE PRO.ME.SA. CARIGE ASSICURAZIONI S.p.A.

POLIZZE di RESPONSABILITA CIVILE CONVENZIONE PRO.ME.SA. CARIGE ASSICURAZIONI S.p.A. POLIZZE di RESPONSABILITA CIVILE CONVENZIONE PRO.ME.SA. CARIGE ASSICURAZIONI S.p.A. Modulo di adesione (ad uso proposta irrevocabile di contratto ex. art. 1329 del Codice Civile) Relativo alla polizza

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.ORSELLI.IT

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.ORSELLI.IT 1 CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.ORSELLI.IT Versione 1.0 2 INDICE 1. INTRODUZIONE 2. PROFESSIONALITA 3. TRASPARENZA E COMPLETEZZA DELL INFORMAZIONE 4. RISERVATEZZA DELLE INFORMAZIONI

Dettagli

QUICKTOP S.r.l. Modello Organizzativo, di Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 INDICE CODICE ETICO

QUICKTOP S.r.l. Modello Organizzativo, di Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 INDICE CODICE ETICO QUICKTOP S.r.l. Modello Organizzativo, di Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 INDICE CODICE ETICO 1 PREMESSE 2 OBIETTIVO 3 STRUTTURA DEL CODICE ETICO E AMBITO DI APPLICAZIONE 4 I PRINCIPI

Dettagli

OGGETTO: Programmazione dei Fondi Strutturali europei 2007/2013 - Bando per la progettazione - Progetto LIM in classe cod.

OGGETTO: Programmazione dei Fondi Strutturali europei 2007/2013 - Bando per la progettazione - Progetto LIM in classe cod. Prot. n. /C12 LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B. Scorza 87100 COSENZA Centralino 09841861919 - Fax 0984412725 Sito internet www.liceoscorza.it - e-mail csps03000g@istruzione.it Cosenza, 11.06.2014 All ALBO

Dettagli

A chi partecipa a un panel realizzato dalla nostra società, garantiamo la tutela di tutte le informazioni personali forniteci.

A chi partecipa a un panel realizzato dalla nostra società, garantiamo la tutela di tutte le informazioni personali forniteci. VISION CRITICAL COMMUNICATIONS INC. REGOLE AZIENDALI SULLA PRIVACY DESCRIZIONE GENERALE Per noi della Vision Critical Communications Inc. ("VCCI"), il rispetto della privacy costituisce parte essenziale

Dettagli

La disciplina della proprietà intellettuale nel VII PQ

La disciplina della proprietà intellettuale nel VII PQ La disciplina della proprietà intellettuale nel VII PQ dott.ssa Sandra Salvador Ufficio Trasferimento Tecnologico Ripartizione Ricerca Università degli Studi di Udine 1 Documenti di riferimento Annex II

Dettagli

C O D I C E E T I C O

C O D I C E E T I C O CODICE ETICO INDICE IL NOSTRO IMPEGNO Pagina 4 5 CONFLITTI DI INTERESSE Pagina 140 1.1.2.3.4 PRINCIPI ISPIRATORI Relazioni tra Società e ambiente esterno Rispetto di leggi e regolamenti Ambito di applicazione

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

KEY SOLUTION S.R.L. IL CODICE ETICO E DISCIPLINARE DI COMPORTAMENTO SOMMARIO: 1. Premessa. 2. I principi generali. 3. Il Sistema di controllo interno.

KEY SOLUTION S.R.L. IL CODICE ETICO E DISCIPLINARE DI COMPORTAMENTO SOMMARIO: 1. Premessa. 2. I principi generali. 3. Il Sistema di controllo interno. KEY SOLUTION S.R.L. IL CODICE ETICO E DISCIPLINARE DI COMPORTAMENTO SOMMARIO: 1. Premessa. 2. I principi generali. 3. Il Sistema di controllo interno. 4. I rapporti con i Dipendenti e con i Collaboratori.

Dettagli

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI DI ABILITAZIONE

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI DI ABILITAZIONE Allegato parte integrante Criteri e modalità di riconoscimento degli organismi di abilitazione dei soggetti preposti al rilascio certificazioni energetiche CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI

Dettagli

Le donazioni vanno effettuate con il cuore e la testa e mai, assolutamente mai, al telefono.

Le donazioni vanno effettuate con il cuore e la testa e mai, assolutamente mai, al telefono. Procuratore Generale George Jepsen Suggerimenti veloci Ogni anno, le piccole imprese sono il bersaglio di pratiche di vendita fraudolente o ingannevoli. Gli imprenditori devono proteggere le proprie aziende;

Dettagli

Codice di Condotta. Osservanza alla legge. Concorrenza e Antitrust. Pagamenti e/o regali a pubblici ufficiali. Compravendita di azioni della Società

Codice di Condotta. Osservanza alla legge. Concorrenza e Antitrust. Pagamenti e/o regali a pubblici ufficiali. Compravendita di azioni della Società Codice di Condotta ArcelorMittal ha una reputazione di onestà ed integrità nella sua attività di gestione ed amministrazione così come in tutte le sue attività commerciali. È di fondamentale importanza

Dettagli

Castel MAC SpA CODICE ETICO

Castel MAC SpA CODICE ETICO CODICE ETICO Castel Mac S.p.A. adotta il presente Codice Etico, che si ispira ai principi del D.Lgs 231 Disciplina della Responsabilità Amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni

Dettagli

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA G.S.O. SAN CARLO 25/11/2013 STATUTO

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA G.S.O. SAN CARLO 25/11/2013 STATUTO STATUTO Art. 1 Denominazione e Sede È costituita l Associazione dilettantistica denominata Associazione sportiva dilettantistica G.S.O. San Carlo (d ora in poi: Associazione ). L Associazione ha sede in

Dettagli

Premessa. STIMA S.p.A. si impegna a diffondere il contenuto di questo Codice a quanti entreranno in relazione con l azienda.

Premessa. STIMA S.p.A. si impegna a diffondere il contenuto di questo Codice a quanti entreranno in relazione con l azienda. Codice Etico Premessa Il Codice Etico STIMA S.p.A. individua i valori aziendali, evidenziando l insieme dei diritti, dei doveri e delle responsabilità di tutti coloro che, a qualsiasi titolo, operano nella

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali DICHIARAZIONE PUBBLICA DI INTERESSI DEI PROFESSIONISTI 1 SEZIONE OBBLIGATORIA Parte I NOME... COGNOME... TITOLO/RUOLO... INDIRIZZO PROFESSIONALE... INDIRIZZO E-MAIL... Io sottoscritto/a, in piena conoscenza

Dettagli

PARTENARIATI E PERCORSI INDUSTRIA - UNIVERSITÀ MARIE CURIE

PARTENARIATI E PERCORSI INDUSTRIA - UNIVERSITÀ MARIE CURIE ALLEGATO III DISPOSIZIONI SPECIFICHE PARTENARIATI E PERCORSI INDUSTRIA - UNIVERSITÀ MARIE CURIE [PIÙ BENEFICIARI] III. 1 Definizioni Oltre alle definizioni di cui all articolo II.1, alla presente convenzione

Dettagli

Telesurvey Italia srl CODICE ETICO DISPOSIZIONI GENERALI

Telesurvey Italia srl CODICE ETICO DISPOSIZIONI GENERALI Telesurvey Italia srl CODICE ETICO DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione 1. Le disposizioni contenute nel presente Codice Etico esprimono i principi fondamentali cui si ispira

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA CREAZIONE E PARTECIPAZIONE DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL MOLISE AGLI SPIN-OFF ACCADEMICI

REGOLAMENTO SULLA CREAZIONE E PARTECIPAZIONE DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL MOLISE AGLI SPIN-OFF ACCADEMICI REGOLAMENTO SULLA CREAZIONE E PARTECIPAZIONE DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL MOLISE AGLI SPIN-OFF ACCADEMICI ART. 1 Spin-off accademici. Definizione e scopi 1. L Università degli Studi del Molise (di seguito

Dettagli

SOMMARIO PREMESSA DESTINATARI PRINCIPI GENERALI - DI LEGALITÀ; - DI CORRETTEZZA; - DI LEALTÀ; - DI TRASPARENZA;

SOMMARIO PREMESSA DESTINATARI PRINCIPI GENERALI - DI LEGALITÀ; - DI CORRETTEZZA; - DI LEALTÀ; - DI TRASPARENZA; SOMMARIO PREMESSA DESTINATARI PRINCIPI GENERALI - DI LEGALITÀ; - DI CORRETTEZZA; - DI LEALTÀ; - DI TRASPARENZA; - RISPETTO DELLA DIGNITÀ DELLE PERSONE; RESPONSABILITÀ DIFFUSIONE DEL CODICE RAPPORTI CON

Dettagli

Reparto legale aziendale Titolo:

Reparto legale aziendale Titolo: 1.0 Finalità 1.1 Di volta in volta, CommScope e le sue società affiliate ( CommScope ) possono ingaggiare consulenti, agenti di vendita, consiglieri e altri rappresentanti, stabilendo altresì di frequente

Dettagli

MOBILITA SANITARIA IN AMBITO COMUNITARIO

MOBILITA SANITARIA IN AMBITO COMUNITARIO MOBILITA SANITARIA IN AMBITO COMUNITARIO Decreto Legislativo di recepimento della Direttiva 2011/24/UE Dipartimento della Programmazione e del Servizio Sanitario Nazionale Direzione Generale della Programmazione

Dettagli

A. Principi di Condotta

A. Principi di Condotta Introduzione Il Gruppo Oerlikon (di seguito denominato Oerlikon ) detiene una posizione unica di leader mondiale nella fornitura di tecnologie, prodotti e servizi all avanguardia. I nostri prodotti e le

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.TRCSHIPPING.EU

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.TRCSHIPPING.EU 1 CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.TRCSHIPPING.EU Versione 1.0 2 INDICE 1. INTRODUZIONE 2. PROFESSIONALITA 3. TRASPARENZA E COMPLETEZZA DELL INFORMAZIONE 4. RISERVATEZZA DELLE

Dettagli

CODICE ETICO. Italiana Valutazione Rischi S.p.A.

CODICE ETICO. Italiana Valutazione Rischi S.p.A. CODICE ETICO Italiana Valutazione Rischi S.p.A. Versione Luglio 2013, approvata dal CdA del 5 agosto 2013 INDICE 1 Introduzione... 3 1.1 Scopo dell attività di IVR... 3 1.2 Obiettivi e ambito di applicazione

Dettagli

Comune di Carovigno Provincia di Brindisi Via Verdi, 1-72012 Carovigno - Telefax: 0831.992020 - Internet: http://www.comune.carovigno.br.

Comune di Carovigno Provincia di Brindisi Via Verdi, 1-72012 Carovigno - Telefax: 0831.992020 - Internet: http://www.comune.carovigno.br. Comune di Carovigno Provincia di Brindisi Via Verdi, 1-72012 Carovigno - Telefax: 0831.992020 - Internet: http://www.comune.carovigno.br.it Servizio Gestione del Territorio Avviso pubblico per integrazione

Dettagli

Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 3 luglio 2008

Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 3 luglio 2008 Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 3 luglio 2008 1 INDICE Premessa 1. Principi generali 1.1 Correttezza ed onestà 1.2 Imparzialità 1.3 Professionalità e valorizzazione delle risorse

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ART. 1 ART. 2

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ART. 1 ART. 2 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO A.V.G. FANCONI ART. 1 1. È costituita ai sensi della legge n. 266 del 1991 l organizzazione di volontariato, denominata: «A.V.G. Fanconi» 2. L organizzazione ha

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 16 gennaio 2012, n. 09/Pres.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 16 gennaio 2012, n. 09/Pres. L.R. 11/2011, art. 2, c. 96 B.U.R. 25/01/2012, n. 4 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 16 gennaio 2012, n. 09/Pres. Regolamento recante criteri e modalità per la concessione di finanziamenti a condizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCETTAZIONE DI BENI MOBILI OFFERTI IN DONAZIONE, ATTI DI LIBERALITA E COMODATO D USO

REGOLAMENTO PER L ACCETTAZIONE DI BENI MOBILI OFFERTI IN DONAZIONE, ATTI DI LIBERALITA E COMODATO D USO REGOLAMENTO PER L ACCETTAZIONE DI BENI MOBILI OFFERTI IN DONAZIONE, ATTI DI LIBERALITA E COMODATO D USO Articolo 1 Oggetto del Regolamento Fermo quanto disposto dal Codice Civile-Titolo V, art. 769 e segg.,

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE REGIONALE PER LA RICERCA BIOMEDICA. Art. 1 Denominazione e sede

STATUTO DELLA FONDAZIONE REGIONALE PER LA RICERCA BIOMEDICA. Art. 1 Denominazione e sede Allegato A STATUTO DELLA FONDAZIONE REGIONALE PER LA RICERCA BIOMEDICA Art. 1 Denominazione e sede È costituita una Fondazione denominata Fondazione regionale per la ricerca biomedica, con sede in Milano.

Dettagli

Codice Comportamentale e dei Principi Aziendali

Codice Comportamentale e dei Principi Aziendali Revisione aprile 2015 *smith&nephew Codice Comportamentale e dei Principi Aziendali Codice Comportamentale e dei Principi Aziendali 1 CODICE COMPORTAMENTALE E DEI PRINCIPI AZIENDALI DI SMITH & NEPHEW Aprile

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

ADS Assembly Data System INDICE

ADS Assembly Data System INDICE CODICE ETICO INDICE Disposizioni Generali 3 I Principi 4 Destinatari ed applicazione 4 6 Comportamento dei destinatari 6 Rapporto con i clienti 8 Rapporto con i fornitori 9 Rapporto con la concorrenza

Dettagli

C.E.V.I. S.r.l. Via Giambologna, 38 52100 Arezzo Tel 0575-370371 Fax 0575-293023 - www.cevisrl.org info@cevisrl.org RG-02

C.E.V.I. S.r.l. Via Giambologna, 38 52100 Arezzo Tel 0575-370371 Fax 0575-293023 - www.cevisrl.org info@cevisrl.org RG-02 Pag. 1 di 8 REGOLAMENTO ESECUZIONE VERIFICHE PERIODICHE E STRAORDINARIE ASCENSORI Revisione N. Data MOTIVAZIONE 00 10/12/2012 Prima emissione 01 15/11/2013 Aggiornamenti in seguito ad esame documentale

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

L-LIN/12 Lingua e Traduzione - Lingua inglese Didattica della lingua inglese. Classe A/345 A/346 6 36. Decreto del Direttore del Dipartimento n.

L-LIN/12 Lingua e Traduzione - Lingua inglese Didattica della lingua inglese. Classe A/345 A/346 6 36. Decreto del Direttore del Dipartimento n. DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI Via G. Ferraris, 116 13100 Vercelli VC Tel. 0161 228217 Fax 0161 228229 direzione.dsu@unipmn.it Decreto del Direttore del Dipartimento n.18 Prot. 68 Tit. VII/1 del 28.01.2015

Dettagli

REGOLAMENTO ADESIONI COLLETTIVE

REGOLAMENTO ADESIONI COLLETTIVE REGOLAMENTO ADESIONI COLLETTIVE Art. 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1 Il presente Regolamento reca le disposizioni di funzionamento del Fondo di Assistenza Sanitaria Integrativa Postevita (nel prosieguo, per

Dettagli

Modalità di rendicontazione delle spese sostenute a valere sugli interventi finanziati ai sensi della L.R. 12/2002.

Modalità di rendicontazione delle spese sostenute a valere sugli interventi finanziati ai sensi della L.R. 12/2002. Modalità di rendicontazione delle spese sostenute a valere sugli interventi finanziati ai sensi della L.R. 12/2002. 1 Ammissibilità delle spese: categorie e requisiti Le spese sostenute sono ammissibili

Dettagli

Condizioni Generali. II. Prezzi

Condizioni Generali. II. Prezzi Condizioni Generali I. 1 L'Associazione culturale Roma Sconosciuta è una associazione senza scopo di lucro che si propone l'obiettivo di promuovere la conoscenza, la valorizzazione e la conservazione dei

Dettagli

Regolamento per il reclutamento del personale

Regolamento per il reclutamento del personale Pagina 1 di 7 Regolamento per il 1 Pagina 2 di 7 INDICE PREMESSA... 3 ARTICOLO 1 PRINCIPI GENERALI... 3 ARTICOLO 2 PROCEDURA DI RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE... 4 ARTICOLO 3 PROCEDURA PER LA RICERCA

Dettagli

ISVAP - REGOLAMENTO n. 5 del 16 OTTOBRE 2006. Confronto parte formazione ed informativa all assicurato con bozza di regolamento del 4 agosto 2006

ISVAP - REGOLAMENTO n. 5 del 16 OTTOBRE 2006. Confronto parte formazione ed informativa all assicurato con bozza di regolamento del 4 agosto 2006 ISVAP - REGOLAMENTO n. 5 del 16 OTTOBRE 2006 Confronto parte formazione ed informativa all assicurato con bozza di regolamento del 4 agosto 2006 Parte I - Disposizioni di carattere generale Art. 2 - (Definizioni)

Dettagli

Guida alla rendicontazione

Guida alla rendicontazione Allegato 5 Avviso pubblico per la presentazione di progetti attuativi dell intervento 4 Lavoro in proprio delle Schede Intervento Giovani protagonisti di sé e del territorio (CreAZIONI giovani) della Regione

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA TRENTOFRUTTA S.p.A.

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA TRENTOFRUTTA S.p.A. Ai sensi e per gli effetti degli artt.1469 bis e segg. c.c. le parti dichiarano che l'intero contratto ed ogni sua clausola è stato tra le stesse trattato e negoziato. 1. Ambito di validità - Natura del

Dettagli

RACCOMANDAZIONE SUL LAVORO DIGNITOSO PER LE LAVORATRICI E I LAVORATORI DOMESTICI, 2011 1

RACCOMANDAZIONE SUL LAVORO DIGNITOSO PER LE LAVORATRICI E I LAVORATORI DOMESTICI, 2011 1 Raccomandazione 201 RACCOMANDAZIONE SUL LAVORO DIGNITOSO PER LE LAVORATRICI E I LAVORATORI DOMESTICI, 2011 1 La Conferenza generale dell Organizzazione Internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal

Dettagli

Normativa sugli Appalti

Normativa sugli Appalti Normativa sugli Appalti Verifiche sul rispetto della normativa in materia di appalti pubblici Milano, 7 giugno 2012 Francesca Barletta Archidata Srl Assistenza tecnica PO Italia Svizzera 2007-2013 Agenda

Dettagli

Principi aziendali. Etica. Codice di condotta

Principi aziendali. Etica. Codice di condotta Principi aziendali Etica Codice di condotta Scopo del codice di condotta Nel presente codice di condotta abbiamo fissato in modo vincolante i nostri standard e le aspettative collegate alla nostra condotta

Dettagli

Policy per la rilevazione e gestione degli incentivi ********** CDA 11/03/2015

Policy per la rilevazione e gestione degli incentivi ********** CDA 11/03/2015 Policy per la rilevazione e gestione degli incentivi ********** 2015 CDA 11/03/2015 INDICE 1. PREMESSA...3 2. CONTENUTI E RELAZIONE CON ALTRE NORME E DOCUMENTI...4 3. PROCESSO DI IDENTIFICAZIONE E GESTIONE

Dettagli

SPESE di RAPPRESENTANZA, PUBBLICITÀ e SPONSORIZZAZIONE PRINCIPI di DEDUZIONE dal REDDITO d IMPRESA

SPESE di RAPPRESENTANZA, PUBBLICITÀ e SPONSORIZZAZIONE PRINCIPI di DEDUZIONE dal REDDITO d IMPRESA Circolare informativa per la clientela n. 22/2013 dell'11 luglio 2013 SPESE di RAPPRESENTANZA, PUBBLICITÀ e SPONSORIZZAZIONE PRINCIPI di DEDUZIONE dal REDDITO d IMPRESA In questa Circolare 1. Spese di

Dettagli

Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini fiscali da parte degli enti associativi

Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini fiscali da parte degli enti associativi Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini fiscali da parte degli enti associativi Articolo 30 del decreto legge 29/11/08, n. 185 convertito, con modificazioni, dalla Legge 28/01/09, n. 2

Dettagli

Termini e condizioni generali

Termini e condizioni generali Termini e condizioni generali I seguenti termini e condizioni - e le successive modifiche apportate - si applicano a tutti i nostri servizi resi disponibili online, in modo diretto o indiretto (attraverso

Dettagli