Codice di pratica Commerciale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Codice di pratica Commerciale"

Transcript

1 Codice di pratica Commerciale Linee Guida di Eucomed sui rapporti con i Professionisti del Settore Sanitario Modificato nel settembre 2008 Approvato dal Consiglio di Amministrazione il giorno di 11 settembre 2008 Translation by courtesy of

2 Il Codice di Pratica Commerciale Eucomed consiste nelle Linee Guida sui Rapporti con i Professionisti del Settore Sanitario e le Linee Guida sul Diritto di Concorrenza. La presente brochure contiene solo le Linee Guida sui Rapporti con i Professionisti del Settore Sanitario. Tutti i documenti, comprese le Linee Guida sul Diritto di Concorrenza e le Domande e Risposte sulle Linee Guida di Eucomed sui Rapporti con i Professionisti del Settore Sanitario sono disponibili sul sito web di EUCOMED I. Premessa Le presenti linee guida devono intendersi come guida per i rapporti dei soci di Eucomed con le persone (del settore clinico o non clinico, inclusi, a titolo esemplificativo, medici, infermieri, tecnici e coordinatori di ricerca) o enti (come ospedali o strutture di acquisto collettivo) che direttamente o indirettamente acquistano, locano, consigliano, usano, predispongono l acquisto e la locazione o prescrivono i dispositivi medici dei Soci ( i Professionisti del Settore Sanitario ). Vi sono molte forme di rapporti fra i Soci di Eucomed ed i professionisti del settore sanitario che contribuiscono al progresso della scienza medica o migliorano la cura del paziente, ivi incluse: Il progresso della tecnologia medica: lo sviluppo di dispositivi medici innovativi e il miglioramento dei prodotti esistenti richiedono la collaborazione fra i Soci ed i Professionisti del Settore Sanitario. L innovazione e la creatività sono essenziali per lo sviluppo e l evoluzione dei dispositivi medici, e spesso avvengono al di fuori delle strutture delle società produttrici dei dispositivi medici; L Efficace e Sicuro utilizzo della Tecnologia Medica: L efficace e sicuro utilizzo della tecnologia medica esige che i Soci offrano ai Professionisti del Settore Sanitario adeguate istruzioni, formazione, servizi e supporto tecnico. Gli organi regolatori possono altresì richiedere che tale tipo di formazione sia una condizione per l approvazione dei prodotti. Ricerca ed Istruzione: il sostegno da parte dei Soci alla ricerca medica svolta in buona fede, l istruzione e il miglioramento delle capacità professionali sono alcuni fra gli elementi che contribuiscono alla sicurezza del paziente ed aumentano l accesso alla nuova tecnologia.

3 I Soci di Eucomed riconoscono che l osservanza degli standard etici e il rispetto delle leggi applicabili sono fondamentali per la capacità del settore industriale della tecnologia medica/apparecchiatura di continuare la sua collaborazione con i Professionisti del Settore Sanitario. I Soci devono incoraggiare pratiche commerciali etiche e una condotta dell industria socialmente responsabile in relazione ai rapporti con i Professionisti del Settore Sanitario. I Soci devono altresì continuare a rispettare l obbligo dei Professionisti del Settore Sanitario di prendere decisioni indipendenti rispetto alle terapie da somministrare. Le linee guida sono basate su seguenti principi chiave: Il Principio di Separazione: i Rapporti tra il settore industriale e i Professionisti del Settore Sanitario non devono essere utilizzati in maniera inappropriata al fine di esercitare un influenza attraverso non dovuti o non appropriati vantaggi, o decisioni d'acquisto, né tali rapporti devono dipendere da operazioni di acquisto o dall uso o da un suggerimento dei prodotti dei Soci. Il Principio di Trasparenza: I rapporti tra il settore industriale ed i Professionisti del Settore Sanitario devono essere trasparenti e conformi alle leggi nazionali e locali, ai regolamenti ed ai codici professionali di condotta. Negli stati in cui non siano previste disposizioni specifiche, i soci devono in ogni caso mantenere la trasparenza adeguata richiedendo la preventiva comunicazione scritta all amministrazione dell ospedale, al superiore del Professionista del Settore Sanitario o ad un autorità competente designato a livello locale, rivelando pienamente il fine e lo scopo del confronto. Il Principio di Equivalenza: Laddove i Professionisti del Settore Sanitario sono assunti da un Socio al fine di fornire un servizio per o per conto di un Socio, la retribuzione pagata da un Socio deve essere proporzionata, e corrispondere al loro equo valore di mercato, ai servizi effettivamente forniti dal Professionista del Settore Sanitario. Il Principio di Documentazione: Per i rapporti tra un socio ed i Professionisti del Settore Sanitario come quelli in cui i servizi sono prestati da un Professionista del Settore Sanitario per o per conto di un membro, ci deve essere un accordo scritto che stabilisce, inter alia, lo scopo del rapporto, i servizi da rendersi, il metodo di rimborso delle spese e altresì la remunerazione da pagare da Socio. Le attività previste dall accordo devono essere dimostrate ed evidenziate dai verbali delle attività o documenti simili. La documentazione adeguata, come ad esempio l accordo, i verbali collegati, le fatture etc., deve essere conservata dal Socio ai

4 fini di comprovare la necessità e importanza di servizi nonché la ragionevolezza della remunerazione pagata. I Soci devono esigere da parte dei terzi intermediari, intermediari di vendite ed altri agenti terzi, inclusi a titolo esemplificativo, consulenti, distributori, agenti di vendita, agenti di marketing, brokers, agenti commerciali su commissione e rappresentanti di vendite indipendenti che interagiscono con i Professionisti del Settore Sanitario con riguardo alla vendita, promozione o qualsiasi altra attività relativa ai prodotti dei Soci, il rispetto degli standard equivalenti alle presenti linee guida. Di conseguenza, si suggerisce che, in caso di stipulazione di tali accordi, la documentazione contrattuale rilevante stabilisca obblighi in capo a terzi di rispettare essere le presenti o equivalenti linee guida. Le presenti linee guida stabiliscono gli standard adeguati per i vari tipi di rapporto con i Professionisti del Settore Sanitario. Le presenti linee guida non si prefiggono di sostituire o superare le leggi nazionali o i regolamenti o i codici professionali di condotta (ivi inclusi i codici aziendali) che impongono condizioni più stringenti ai Socio ai Professionisti del Settore Sanitario nello svolgimento della loro attività in tali stati. Tutti i Soci devono dunque garantire in maniera indipendente che i loro rapporti con i Professionisti del Settore Sanitario si conformino alle leggi e alle normative nazionali e locali attuali, ai regolamenti ed ai codici professionali di condotta. II. Soci - Formazione ed Istruzione sui Prodotti Sponsorizzati Laddove opportuno, i Soci devono mettere a disposizione dei Professionisti del Settore Sanitario istruzione e formazione relative ai prodotti al fine di facilitare un utilizzo sicuro ed efficace della tecnologia medica. Tali programmi di istruzione e formazione devono tenersi in luoghi adeguati, tenendo in considerazione la comodità dei partecipanti e il tipo di formazione. In particolare: I programmi e gli eventi devono essere condotti in locali adibiti a clinica, laboratorio, formazione, conferenza o altri locali adeguati, ivi inclusi i locali di proprietà dei Soci o strutture a disposizione commerciale, che siano adatti ad un efficace trasmissione della conoscenza e di qualsiasi formazione di tipo pratico. Il personale addetto alla formazione deve essere in possesso delle qualifiche adeguate. I Soci possono fornire pasti di costo contenuto ai partecipanti a tali programmi e, per i programmi di formazione che necessitino una permanenza notturna, possono rendersi opportuni ulteriori servizi alberghieri. Qualsiasi servizio alberghiero deve avere costi contenuti, e essere subordinato alla durata e funzionale allo scopo educativo del corso di formazione, nonché rispettare i regolamenti dello stato dove il Professionista del Settore Sanitario è abilitato ad esercitare la professione.

5 I Soci possono corrispondere i ragionevoli costi di viaggio e alloggio sostenuti dai Professionisti del Settore Sanitario che partecipano, nel rispetto normativa dei regolamenti dello stato dove il Professionista del Settore Sanitario è abilitato ad esercitare la professione. I Soci non devono inoltre corrispondere spese di pasti, viaggio, alloggio o altre spese per i coniugi o gli ospiti dei Professionisti del Settore Sanitario, o per qualsiasi altro soggetto che non abbia in buona fede un interesse professionale nell informazione che viene condivisa nel corso della riunione. III. Sostegno alle Conferenze Formative Tenute da Terzi Le conferenze indipendenti in buona fede, formative, scientifiche o fautrici di politiche promuovono la conoscenza scientifica, il progresso medico e forniscono aiuto per un efficace assistenza sanitaria. A questo scopo i Soci possono dare il loro sostegno a tali eventi a condizione che il contenuto di conferenze formative promuova la conoscenza scientifica, il progresso medico ed un efficace assistenza sanitaria e sia conforme alle linee guida rilevanti stabilite da associazioni o enti professionali per tali conferenze. I Soci di Eucomed possono fornire il sostegno a tali eventi attraverso la fornitura di assistenza finanziaria, scientifica, tecnica, organizzativa e/o logistica in modi seguenti: La sponsorizzazione di Professionisti del Settore Sanitario. Laddove consentito dalle leggi nazionali e locali, dai regolamenti e dai codici professionali di condotta, i Soci possono fornire il sostegno finanziario ai fini di coprire i costi di partecipazione nella conferenza di alcuni Professionisti del Settore Sanitario. Tale sostegno finanziario dovrebbe limitarsi a coprire le spese di tassa di registrazione alla conferenza e ragionevoli costi di viaggio, pasti e alloggio sostenuti in relazione alla partecipazione all evento. I Soci devono assicurare la stretta osservanza delle leggi nazionali e locali nella materia di requisiti per la divulgazione e l approvazione di tale sponsorizzazione, e, laddove tali requisiti non sono prescritti, deve comunque mantenere la trasparenza adeguata, ad esempio, richiedendo che si effettuata una preventiva comunicazione scritta della sponsorizzazione all amministrazione dell ospedale, al superiore del Professionista del Settore Sanitario o ad un altra autorità competente designata a livello locale. Pubblicità e Dimostrazioni. I Soci possono acquistare pubblicità e prendere in locazione degli spazi per stand espositivi per i loro prodotti e/o servizi durante le conferenze. Sostegno alle Conferenze. I Soci possono fornire contributi finanziari direttamente agli organizzatori di conferenza ai fini di ridurre i costi complessivi della partecipazione e

6 coprire le ragionevoli spese di onorari, viaggio, pasti e alloggio sostenute dai Professionisti del Settore Sanitario che sono membri in buona fede del corpo docente della conferenza. La richiesta deve essere fatta per iscritto dall organizzatore di conferenza al Socio e qualsiasi sponsorizzazione deve essere pagata direttamente ali organizzatore della conferenza o all istituzione di formazione. L organizzatore di conferenza sarà l unico responsabile dei contenuti del programma e della scelta del corpo docente. I Soci non devono essere coinvolti eccessivamente in determinazione dei contenuti della conferenza all infuori di raccomandare speakers o commentare su programma se chiesti di farlo. Simposi tramite Satellite. I Soci possono sponsorizzare i simposi satelliti presso le conferenze dei terzi e organizzare presentazioni sui temi conformi al contenuto generale di conferenza dei terzi a condizione che tutta l informazione presentata sia giusta, equilibrata e scientificamente rigorosa. I Soci possono determinare il contenuto di tali eventi ed essere responsabili per la scelta del corpo docente. L accordo deve essere documentato in forma di contratto per iscritto ed il sostegno del Socio deve essere dichiarato in tutti materiali riguardanti l evento satellite. Borse di studio. I Soci possono anche fornire le borse di studio alle istituzioni di formazione, istituzioni di settore sanitario o associazioni professionali di programmi di formazione medica attraverso la fornitura di sostegno finanziario per incarichi di ricercatori e borse di studio simili. La selezione dei candidati deve essere fatta a discrezione dell istituzione in cui loro si sono inscritti o dell istituzione di istruzione in cui loro riceveranno la formazione. Le borse di studio devono essere attribuite alle istituzioni di formazione o associazioni professionali, non ai ricercatori individuali, salvo nel caso di preventiva richiesta dell istituzione. In nessun caso il finanziamento può essere vincolato all acquisto dei prodotti della società da parte dell istituzione o può comunque essere basato sull uso passato o potenziale dei prodotti o servizi della società. IV. Vendite e Riunioni a scopo promozionale Negli Stati in cui è consentito ai Soci di riunirsi con i Professionisti del Settore Sanitario al fine di discutere delle caratteristiche dei prodotti, negoziare il contratto o discutere dei termini di vendita, tali riunioni devono, come regola generale, tenersi riunioni presso o nelle vicinanze del luogo in cui operano i Professionisti del Settore Sanitario. In relazione a tali riunioni, i Soci possono pagare i pasti, ad un prezzo ragionevole, per i Professionisti del Settore Sanitario che partecipano nell ambiente adatto allo scambio di informazione. Qualora siano necessari tour di impianti o dimostrazioni di attrezzi non portatili, i Soci possono altresì pagare le ragionevoli spese di viaggio e l alloggio per i Professionisti del Settore Sanitario partecipanti. Tuttavia è vietata la promozione o il pagamento di pasti, viaggi, alloggio ed altre

7 spese per i coniugi e gli ospiti dei Professionisti del Settore Sanitario o per qualsiasi altro soggetto che non abbia in buona fede un interesse professionale legittimo alle informazioni che vengono condivise nel corso della riunione. V. Accordi con i Consulenti I Professionisti del Settore Sanitario possono prestare in buona fede ai Soci servizi di consulenza di rilevanza, che compresa la ricerca, la partecipazione a consigli consultivi, la presentazione a corsi di formazione sponsorizzati dai Soci o corsi di formazione di terzi e lo sviluppo dei prodotti. Si ritiene opportuno corrispondere ai Professionisti del Settore Sanitario ragionevoli compensi per l effettuazione di tali servizi. I fattori seguenti sostengono l esistenza di un accordo di consulenza in buona fede tra i Soci ed i Professionisti del Settore Sanitario: Gli accordi di consulenza devono stipularsi unicamente laddove venga individuato in anticipo uno scopo legittimo per tali servizi. La scelta dei consulenti deve essere basata sulle qualifiche e sull esperienza degli stessi, al fine di identificare lo scopo individuato e senza essere basata sui volumi o il valore del business generato dal consulente. Gli accordi di consulenza con i Professionisti del Settore Sanitario devono avvenire in forma scritta, essere sottoscritti dalle parti e specificare tutti i servizi che devono essere forniti. Tali accordi devono essere conformi ai regolamenti dello stato in cui il Professionista del Settore Sanitario è abilitato ad esercitare la professione. La retribuzione ai Professionisti del Settore Sanitario che presteranno servizi di consulenza deve corrispondere al loro equo valore di mercato senza essere collegata in alcun modo al valore di dispositivi medici che possono essere utilizzati dai consulenti nella loro pratica. Tutti i pagamenti devono conformarsi alla tassa applicabile e agli altri requisiti di legge applicabili. I Soci possono corrispondere le ragionevoli spese correnti sostenute dai consulenti nello svolgimento di quanto previsto dall accordo di consulenza, incluse ragionevoli ed attuali spese di viaggio, pasti ed alloggio o altre spese sostenute dai consulenti durante la partecipazione in riunioni con o per conto dei Soci. L accordo scritto deve descrivere tutte le spese che il consulente potrebbe reclamare con riguardo alla fornitura di servizi. I Soci devono garantire la piena osservanza delle leggi nazionali e locali con riguardo alla divulgazione o approvazione dei requisiti per i Soci che incaricano i Professionisti del Settore Sanitario come consulenti. Laddove non siano prescritte disposizioni

8 specifiche nazionali, i soci devono comunque mantenere la trasparenza adeguata richiedendo che una preventiva comunicazione scritta sia effettuata all amministrazione dell ospedale, al superiore del Professionista del Settore Sanitario o ad un altra autorità competente disegnato al livello locale, divulgando il fine e lo scopo dell accordo di consulenza. Tutti gli accordi di consulenza con i Professionisti del Settore Sanitario devono essere documentati per iscritto anche nei casi in cui il Professionista del Settore Sanitario non richiede il pagamento per i servizi o in cui l accordo è stipulato solo per un evento di durata di un giorno. Il luogo e le circostanze per le riunioni fra i Soci ed i consulenti devono essere adeguate all argomento della consultazione. Le riunioni devono essere condotte in locali clinici, di formazione o conferenza o altri locali adeguati, inclusi alberghi o altre strutture a disposizione per riunioni, che siano adatte ad un efficace scambio di informazione. Il servizio alberghiero sponsorizzato da un Socio che viene fornito insieme ad una riunione con il consulente deve avere costi contenuti e deve essere subordinato alla durata e funzionale allo scopo principale della riunione. Laddove un Socio stipuli un contratto con un Professionista del Settore Sanitario che operi in qualità di consulente per servizi di ricerca, il contratto scritto di cui sopra deve fare riferimento ad un protocollo di ricerca scritto o ad un programma di lavoro adatto e devono essere ottenuti tutti i permessi e le approvazioni necessarie. Laddove un Socio stipuli un contratto con un Professionista del Settore Sanitario avente ad oggetto lo sviluppo di proprietà intellettuale, deve esserci un accordo scritto che preveda la retribuzione al valore equo di mercato. Tuttavia, in nessun caso il Professionista del Settore Sanitario potrà ricevere una retribuzione in relazione ai dispositivi medici che abbia prescritto nel passato o che potrebbe prescrivere nel futuro, compresi i dispositivi medici che contengono nuove proprietà intellettuali. È necessario ottenere tutti i consensi e le approvazioni richieste, incluse quelle dall amministrazione di ospedale o dal superiore del Professionista del Settore Sanitario (o un autorità competente designato al livello locale).

9 VI. Regali Occasionalmente, i Soci possono regalare articoli non costosi, anche di marca, ai Professionisti del Settore Sanitario, purché siano di modico valore ed in osservanza alle leggi nazionali e locali, ai regolamenti ed ai codici professionali di condotta dello stato in cui il Professionista del Settore Sanitario è abilitato ad esercitare la professione. I doni devono essere collegati alla pratica del Professionista del Settore Sanitario, devono beneficiare i pazienti o essere di natura essenzialmente educativa. Non possono essere dati doni in forma di denaro o equivalenti. Il presente capitolo non riguarda la legittima pratica di fornire i campioni appropriati di prodotti e le opportunità di valutazione del prodotto. VII. Rimborso ed altre informazioni economiche I Soci devono sostenere la fatturazione corretta e responsabile per il rimborso delle autorità ed altri soggetti paganti. Facendo così, forniscono efficienza economica ed informazioni sul rimborso ai Professionisti del Settore Sanitario ed ai soggetti terzi paganti, in relazione ai prodotti dei Soci. Tale informazione deve essere limitata all identificazione della copertura adatta, della codificazione o fatturazione dei prodotti dei Soci o delle procedure di uso di tali prodotti o ad incoraggiare una consegna economicamente efficace dei prodotti dei Soci. Il presente capitolo riguarda la legittima pratica di fornire il supporto tecnico o altro supporto ai fini di aiutare l uso o l installazione corretta dei prodotti dei Soci. VIII. Donazioni a scopi di beneficenza o a scopi filantropici I Soci possono effettuare donazioni a scopi di beneficenza o ad altri scopi filantropici. Le donazioni devono essere effettuate unicamente a organizzazioni di beneficienza ed enti nonprofit che abbiano diritto a riceverle ai sensi della legge nazionale o locale e dei regolamenti. Le donazioni possono essere effettuate a sostegno di attività generali di un organizzazione di buona fede o a sostegno di una raccolta di fondi generale ai fini di realizzare i progetti di tale organizzazione. Le donazioni di beneficenza non devono essere vincolate in alcun modo all uso passato, attuale o futuro dei prodotti e servizi del Socio. Tutte le donazioni ad un organizzazione di beneficienza o non-profit dovranno essere adeguatamente documentate. Ad esempio, una richiesta scritta deve essere presentata dall organizzazione di beneficenza, individuando lo scopo di beneficenza e la natura delle sue attività. I pagamenti devono essere effettuati a nome dell organizzazione di beneficenza e pagati direttamente all organizzazione di beneficenza. Le donazioni di beneficenza all organizzazione in buona fede non devono essere effettuate in risposta a richieste di Professionisti del Settore Sanitario a meno che il Professionista del Settore Sanitario sia l impiegato o il funzionario dell organizzazione e presenta la domanda per conto dell organizzazione. Non è opportuno che un Socio sostenga l organizzazione di beneficenza preferita di un Professionista del Settore Sanitario, in risposta ad una richiesta di un Professionista del Settore Sanitario. I Soci non devono avere alcun controllo sull uso definitivo dei fondi forniti come donazioni di beneficienza ad organizzazioni di beneficenza e altre organizzazioni non-profit.

10 IX. Borse di studio I Soci possono fornire fondi per sostenere la ricerca medica genuina indipendente, il progresso della scienza medica o la formazione o la formazione del paziente o pubblica. Tuttavia, è importante che il sostegno a tali programmi ed attività da parte dei Soci non sia visto come una concessione di prezzo, premio ai clienti preferiti o incentivo per raccomandare, prescrivere o acquistare i prodotti o servizi dei Soci. Quindi i Soci devono assicurarsi di mantenere una documentazione adeguata con riguardo alle borse di studio. Le borse di studio non devono essere in alcun modo vincolate all uso passato, attuale o futuro dei prodotti e servizi del Socio. Le borse di studio devono essere effettuate unicamente ad organizzazioni o enti che abbiano diritto a riceverle ai sensi delle leggi nazionali o locali e ai regolamenti e non devono essere effettuate ai singoli Professionisti del Settore Sanitario. (Per ulteriori indicazioni su come i Soci possano sostenere la formazione dei singoli Professionisti del Settore Sanitario si veda la Sezione III relativa al Sostegno delle Conferenze Formative Tenute da Terzi ). Esempi di programmi formativi appropriati e relative considerazioni sono: Borse di studio. Le associazioni professionali, gli ospedali e le università in cui i Professionisti del Settore Sanitario ricevono la formazione, possono essere idonee a ottenere contributi finanziaria sostegno delle borse di studio. Per ulteriori indicazioni su come i Soci possano sostenere le borse di studio e premi simili si veda la Sezione III Sostegno alle Conferenze Formative Tenute da Terzi. Progresso dell Istruzione Medica. I Soci possono sostenere la formazione di Professionisti del Settore Sanitario attraverso la donazione di fondi agli istituti o organizzazioni, la formazione medica accreditata o non accreditata. Per ulteriori indicazioni su come i Soci possano sostenere tale formazione si veda la Sezione III Sostegno alle Conferenze Formative Tenute da Terzi. Ricerca. Possono consentirsi borse di studio per la ricerca per sostenere customerinitiated studi in relazione a programmi che riguardano la ricerca clinica o non clinica nelle aree di legittimo interesse per il Socio. Il Socio può fornire fondi per spese documentate, servizi in natura o prodotti gratuiti per sostenere le attività di ricerca chiaramente dichiarate in buona fede dei Professionisti del Settore Sanitario laddove è consentito ai sensi delle leggi nazionali e locali, dei regolamenti e dei codici professionali di condotta. Tutte le richieste di borse di studio per la ricerca devono essere fatte in forma scritta da parte del richiedente e devono individuare lo scopo e l obbiettivo dell attività di ricerca. Fino alla sottoscrizione di un accordo scritto da parte di entrambe le parti non deve essere fornito alcun sostegno e tale accordo deve stabilire l obbligo di denunciare, quando opportuno, gli eventi avversi. Il premio deve

11 essere pienamente divulgato all amministrazione di ospedale, al superiore del Professionista del Settore Sanitario o ad altra autorità competente designato a livello locale, secondo quanto sia idoneo, e il beneficiario della borsa di studio avrà l obbligo di dare atto del sostegno di ricerca da parte del Socio durante la presentazione verbale o scritta dei risultati. Istruzione Pubblica. I Soci possono elargire contributi finanziari allo scopo di sostenere l istruzione dei pazienti o del pubblico su importanti argomenti di settore sanitario. Il testo che precede è la traduzione del Code of Business Practice - Eucomed Guidelines On Interactions with Healthcare Professionals in italiano. La traduzione è stata preparata dagli avvocati di Baker & McKenzie dello studio di Roma. Si esclude ogni responsabilità in relazione alla completezza e correttezza della traduzione. Per le domande si prega di contattare l Avv. Roberto Cursano - Baker & McKenzie presso lo studio di Roma.

CODICE DI CONDOTTA SULLE INTERAZIONI CON GLI OPERATORI DEL SETTORE SANITARIO

CODICE DI CONDOTTA SULLE INTERAZIONI CON GLI OPERATORI DEL SETTORE SANITARIO CODICE DI CONDOTTA SULLE INTERAZIONI CON GLI OPERATORI DEL SETTORE SANITARIO Dichiarazione di tutti i Soci del COCIR COCIR si dedica al progresso della scienza medica e al miglioramento della cura dei

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA SULLE INTERAZIONI CON GLI OPERATORI MEDICO-SANITARI

CODICE DI CONDOTTA SULLE INTERAZIONI CON GLI OPERATORI MEDICO-SANITARI CODICE DI CONDOTTA SULLE INTERAZIONI CON GLI OPERATORI MEDICO-SANITARI Dichiarazione di tutte le società aderenti al COCIR COCIR si dedica al progresso della scienze medica e al miglioramento delle cure

Dettagli

Translation by courtesy of. Linee Guida per il rispetto del Diritto della Concorrenza

Translation by courtesy of. Linee Guida per il rispetto del Diritto della Concorrenza Translation by courtesy of Linee Guida per il rispetto del Diritto della Concorrenza La nostra associazione commerciale riunisce i fornitori e gli altri soggetti che operano nel settore medico a livello

Dettagli

POLICY ANTICORRUZIONE DEL GRUPPO TELECOM ITALIA

POLICY ANTICORRUZIONE DEL GRUPPO TELECOM ITALIA POLICY ANTICORRUZIONE DEL GRUPPO TELECOM ITALIA Adottata in data 6 dicembre 2012 SOMMARIO Articolo 1 Premessa pag. 2 Articolo 2 - Scopo e campo di applicazione pag. 2 Articolo 3 - Destinatari pag. 2 Articolo

Dettagli

qualsiasi altra terza ; o utilizzo di loro ingaggio. Pagina 1

qualsiasi altra terza ; o utilizzo di loro ingaggio. Pagina 1 STANDARD DI COMPLIANCE AGGIUNTIVII ALL'ACCORDO DI VENDITA TERRITORIALE Gli Standard di Compliance aggiuntivi sono obbligatori, costituisconoo uno dei requisiti di cui alla Clausola 16.3 dell'accordo di

Dettagli

CODICE ETICO GIUGNO 2015

CODICE ETICO GIUGNO 2015 CODICE ETICO GIUGNO 2015 PREFAZIONE Attraverso il Codice Etico, Assobiomedica e le Imprese associate manifestano la precisa intenzione di ispirare i propri comportamenti, non soltanto al rispetto delle

Dettagli

DONAZIONI, LIBERALITÀ, SPONSORIZZAZIONI, OMAGGI ED OSPITALITÀ - Sintesi -

DONAZIONI, LIBERALITÀ, SPONSORIZZAZIONI, OMAGGI ED OSPITALITÀ - Sintesi - DONAZIONI, LIBERALITÀ, SPONSORIZZAZIONI, OMAGGI ED OSPITALITÀ - Sintesi - INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. PRINCIPI... 2 3. DONAZIONI, LIBERALITÀ E SPONSORIZZAZIONI... 4 4. OMAGGI... 4 5. OSPITALITÀ... 5

Dettagli

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA

OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA OMAGGI, PRANZI, INTRATTENIMENTO, VIAGGI SPONSORIZZATI E ALTRI ATTI DI CORTESIA Le presenti Linee Guida si applicano ad ogni amministratore, direttore, dipendente a tempo pieno o parziale, docente, esterno

Dettagli

C.I.C. Collegio Italiano dei Chirurghi

C.I.C. Collegio Italiano dei Chirurghi ACCORDO TRA ASSOBIOMEDICA E COLLEGIO ITALIANO DEI CHIRURGHI PREMESSA Nella moderna sanità è del tutto evidente l importanza dello stretto rapporto tra medicina e tecnologie; le prestazioni mediche, sempre

Dettagli

Federazione Nazionale per le Tecnologie Biomediche, Diagnostiche, Apparecchiature Medicali, Dispositivi Medici Borderline, Servizi e Telemedicina

Federazione Nazionale per le Tecnologie Biomediche, Diagnostiche, Apparecchiature Medicali, Dispositivi Medici Borderline, Servizi e Telemedicina Federazione Nazionale per le Tecnologie Biomediche, Diagnostiche, Apparecchiature Medicali, Dispositivi Medici Borderline, Servizi e Telemedicina CODICE ETICO Giugno 2012 Prefazione Attraverso il Codice

Dettagli

Regolamento, criteri e modalità per concessione patrocinio, partecipazione a comitati d onore e compartecipazione a iniziative

Regolamento, criteri e modalità per concessione patrocinio, partecipazione a comitati d onore e compartecipazione a iniziative Regolamento, criteri e modalità per concessione patrocinio, partecipazione a comitati d onore e compartecipazione a iniziative APPROVATO DAL CDA NELLA SEDUTA DEL 31/05/2013 2 I N D I C E Premessa...5 Art.

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione e misura del gas naturale Rev. 01 del 10.06.2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato per assicurare

Dettagli

CODICE ETICO. Emissione 01 : G2008-050R01E01-JAC/MAZ/rc Milano, 3 Giugno 2008. Emissione 02 : G2015-032R01E01-JAC/MAZ/sc Milano, 30 Aprile 2015

CODICE ETICO. Emissione 01 : G2008-050R01E01-JAC/MAZ/rc Milano, 3 Giugno 2008. Emissione 02 : G2015-032R01E01-JAC/MAZ/sc Milano, 30 Aprile 2015 CODICE ETICO Emissione 01 : G2008-050R01E01-JAC/MAZ/rc Milano, 3 Giugno 2008 Emissione 02 : G2015-032R01E01-JAC/MAZ/sc Milano, 30 Aprile 2015 (revisione approvata con delibera del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCETTAZIONE DI DONAZIONI E PER L ACQUISIZIONE DEI BENI IN COMODATO D USO GRATUITO ED IN PROVA/VISIONE

REGOLAMENTO PER L ACCETTAZIONE DI DONAZIONI E PER L ACQUISIZIONE DEI BENI IN COMODATO D USO GRATUITO ED IN PROVA/VISIONE REGOLAMENTO PER L ACCETTAZIONE DI DONAZIONI E PER L ACQUISIZIONE DEI BENI IN COMODATO D USO GRATUITO ED IN PROVA/VISIONE 1 PREMESSA Al fine di favorire la qualità dei servizi prestati per l ampliamento

Dettagli

VERSIONE FINALE 25/9/14. CODICE DI CONDOTTA COMBINATO E Q&A (domande e risposte)

VERSIONE FINALE 25/9/14. CODICE DI CONDOTTA COMBINATO E Q&A (domande e risposte) VERSIONE FINALE 25/9/14 CODICE DI CONDOTTA COMBINATO E Q&A (domande e risposte) SULLE INTERAZIONI CON GLI OPERATORI MEDICO-SANITARI Dichiarazione di tutte le società aderenti al COCIR COCIR si dedica al

Dettagli

GESTIONE DELLE LIBERALITÀ

GESTIONE DELLE LIBERALITÀ GESTIONE DELLE LIBERALITÀ 1. OBIETTIVO, AMBITO DI APPLICAZIONE E RESPONSABILITÀ Il presente Regolamento ha l'obiettivo di definire ruoli, responsabilità e regole di condotta nella gestione di donazioni,

Dettagli

Policy sulla Proprietà Intellettuale

Policy sulla Proprietà Intellettuale Policy sulla Proprietà Intellettuale 1. Missione e scopi di AriSLA - Finalità della Policy 1.1 Missione della Fondazione Italiana di Ricerca per la SLA - Sclerosi Laterale Amiotrofica (di seguito, la Fondazione

Dettagli

Premessa. STIMA S.p.A. si impegna a diffondere il contenuto di questo Codice a quanti entreranno in relazione con l azienda.

Premessa. STIMA S.p.A. si impegna a diffondere il contenuto di questo Codice a quanti entreranno in relazione con l azienda. Codice Etico Premessa Il Codice Etico STIMA S.p.A. individua i valori aziendali, evidenziando l insieme dei diritti, dei doveri e delle responsabilità di tutti coloro che, a qualsiasi titolo, operano nella

Dettagli

Regolamento dell Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna B. Ubertini in materia di brevetti.

Regolamento dell Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna B. Ubertini in materia di brevetti. Regolamento dell Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna B. Ubertini in materia di brevetti. Titolo I Disposizioni generali Art. 1 (Oggetto) 1. Il presente regolamento

Dettagli

INNOSPEC INC. POLITICA RELATIVA A REGALI, OSPITALITÀ, DONAZIONI DI BENEFICIENZA E SPONSORIZZAZIONI

INNOSPEC INC. POLITICA RELATIVA A REGALI, OSPITALITÀ, DONAZIONI DI BENEFICIENZA E SPONSORIZZAZIONI INNOSPEC INC. POLITICA RELATIVA A REGALI, OSPITALITÀ, DONAZIONI DI BENEFICIENZA E SPONSORIZZAZIONI INDICE 1. INTRODUZIONE...1 2. AMBITO DI APPLICAZIONE...1 3. NORMA GENERALE...1 4. DEFINIZIONI...2 5. REGALI...3

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in

STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in Parma Via Gramsci,14 presso il Centro per le Malattie dell

Dettagli

PREMESSE DESTINATARI DEI CONTRIBUTI

PREMESSE DESTINATARI DEI CONTRIBUTI Allegato alla Delib.G.R. n. 43/14 del 28.10.2014 Direttive per la presentazione dei programmi di attività, per la ripartizione delle risorse tra le organizzazioni professionali agricole regionali e per

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA SULLE INTERAZIONI CON GLI OPERATORI DEL SETTORE SANITARIO DOMANDE E RISPOSTE 1

CODICE DI CONDOTTA SULLE INTERAZIONI CON GLI OPERATORI DEL SETTORE SANITARIO DOMANDE E RISPOSTE 1 CODICE DI CONDOTTA SULLE INTERAZIONI CON GLI OPERATORI DEL SETTORE SANITARIO DOMANDE E RISPOSTE 1 IN GENERALE 1. Perché i Soci del COCIR adottano questo Codice? La nostra industria produce e vende prodotti

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale 1111 CODICE DI COMPORTAMENTO Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale INDICE 1 INTRODUZIONE...4 La separazione funzionale nel settore energetico...

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ART. 1 ART. 2

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ART. 1 ART. 2 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO A.V.G. FANCONI ART. 1 1. È costituita ai sensi della legge n. 266 del 1991 l organizzazione di volontariato, denominata: «A.V.G. Fanconi» 2. L organizzazione ha

Dettagli

CONTRATTO DI SPONSORIZZAZIONE. per eventi formativi organizzati dall Università degli Studi Milano. Bicocca TRA. La Società, con sede legale

CONTRATTO DI SPONSORIZZAZIONE. per eventi formativi organizzati dall Università degli Studi Milano. Bicocca TRA. La Società, con sede legale marca da bollo da 14,62 CONTRATTO DI SPONSORIZZAZIONE per eventi formativi organizzati dall Università degli Studi Milano Bicocca (A5_ECM_FC_contrattosponsor02-Rev.1-18/06/2009) Con la presente scrittura

Dettagli

Direttiva di Gruppo della voestalpine AG. Condotta Aziendale. www.voestalpine.com

Direttiva di Gruppo della voestalpine AG. Condotta Aziendale. www.voestalpine.com Direttiva di Gruppo della voestalpine AG Condotta Aziendale www.voestalpine.com 1 Direttiva di Gruppo della voestalpine AG Condotta Aziendale La presente Direttiva di Gruppo Condotta Aziendale integra

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione dell energia elettrica e del gas naturale Rev. 03 del 21/12/2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato

Dettagli

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION I. SCOPO POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION La corruzione è proibita dalle leggi di quasi tutte le giurisdizioni al mondo. Danaher Corporation ( Danaher ) si impegna a rispettare le leggi

Dettagli

Addendum relativo all Iniziativa per i Consulenti di Servizi e Software Microsoft

Addendum relativo all Iniziativa per i Consulenti di Servizi e Software Microsoft Addendum relativo all Iniziativa per i Consulenti di Servizi e Software Microsoft ALLA FINE DEL PRESENTE ADDENDUM AL CONTRATTO PER MICROSOFT PARTNER PROGRAM ( MSPP ) FACENDO CLIC SUL PULSANTE ACCETTO,

Dettagli

Consiglio europeo delle libere professioni. Valori comuni delle libere professioni (I) nell Unione europea. Versione rivista 2014.

Consiglio europeo delle libere professioni. Valori comuni delle libere professioni (I) nell Unione europea. Versione rivista 2014. Consiglio europeo delle libere professioni Valori comuni delle libere professioni (I) nell Unione europea Versione rivista 2014 Preambolo Nel marzo del 2000 il Consiglio europeo di Lisbona ha adottato

Dettagli

CONTRATTO DI SPONSORIZZAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL CONVEGNO CARCINOMA DELLA MAMMELLA: QUALITA' IN ANATOMIA PATOLOGICA

CONTRATTO DI SPONSORIZZAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL CONVEGNO CARCINOMA DELLA MAMMELLA: QUALITA' IN ANATOMIA PATOLOGICA CONTRATTO DI SPONSORIZZAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL CONVEGNO CARCINOMA DELLA MAMMELLA: QUALITA' IN ANATOMIA PATOLOGICA con sede legale in, C.F. e/o P. IVA, nella persona del legale rappresentante in

Dettagli

Tutto ciò premesso, le associazioni dei consumatori sopra elencate ed UniAcque Spa, di seguito

Tutto ciò premesso, le associazioni dei consumatori sopra elencate ed UniAcque Spa, di seguito PROTOCOLLO DI INTESA TRA UNIACQUE SPA E FEDERCONSUMATORI BERGAMO, FEDERCONSUMATORI SEBINO, ADICONSUM BERGAMO SEBINO, ADOC PER ATTIVITÀ DI PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE E DI ATTIVAZIONE DI UNA PROCEDURA

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 12/05/2009) Sommario Art. 1.

Dettagli

Prot. n. 05798-03 del 03.07.2014 EMANAZIONE DEL REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DI SPIN-OFF DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO

Prot. n. 05798-03 del 03.07.2014 EMANAZIONE DEL REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DI SPIN-OFF DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO Prot. n. 05798-03 del 03.07.2014 EMANAZIONE DEL REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DI SPIN-OFF DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO IL RETTORE VISTO lo Statuto di Ateneo; VISTO il Regolamento

Dettagli

SOMMARIO PREMESSA DESTINATARI PRINCIPI GENERALI - DI LEGALITÀ; - DI CORRETTEZZA; - DI LEALTÀ; - DI TRASPARENZA;

SOMMARIO PREMESSA DESTINATARI PRINCIPI GENERALI - DI LEGALITÀ; - DI CORRETTEZZA; - DI LEALTÀ; - DI TRASPARENZA; SOMMARIO PREMESSA DESTINATARI PRINCIPI GENERALI - DI LEGALITÀ; - DI CORRETTEZZA; - DI LEALTÀ; - DI TRASPARENZA; - RISPETTO DELLA DIGNITÀ DELLE PERSONE; RESPONSABILITÀ DIFFUSIONE DEL CODICE RAPPORTI CON

Dettagli

«La libera professione infermieristica oggi»

«La libera professione infermieristica oggi» Collegio I.P.A.S.V.I. della Provincia di Ravenna 15/11/14 IPASVI «La libera professione infermieristica oggi» ARTICOLO 19 *L Infermiere PROMUOVE STILI DI VITA SANI, la diffusione del valore della cultura

Dettagli

Politica anticorruzione

Politica anticorruzione Politica anticorruzione Introduzione RPC Group Plc (l'"azienda") dispone di una politica a tolleranza zero nei confronti degli atti di corruzione nelle operazioni commerciali a livello globale, sia nel

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (Approvato con Delibera del Commissario Straordinario n. 15 del 01/02/2002) Art. 1 Istituzione del Servizio E istituito

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri.

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. Articolo 1 COSTITUZIONE SEDE STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. 2) La Fondazione ha sede in Mede, Piazza della Repubblica

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE INDICE CAPITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - AMBITO DI APPLICAZIONE, FINALITA, DESTINATARI pag. 2 Art. 2 - IL RUOLO DELLA FORMAZIONE pag.

Dettagli

Città di Nichelino Provincia di Torino. Regolamento degli Uffici Legali Enti Pubblici. al fine dell iscrizione nell Elenco speciale

Città di Nichelino Provincia di Torino. Regolamento degli Uffici Legali Enti Pubblici. al fine dell iscrizione nell Elenco speciale Città di Nichelino Provincia di Torino Regolamento degli Uffici Legali Enti Pubblici al fine dell iscrizione nell Elenco speciale Approvato dal Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino il 29.4.2014

Dettagli

Regolamento per il reclutamento del personale

Regolamento per il reclutamento del personale Pagina 1 di 7 Regolamento per il 1 Pagina 2 di 7 INDICE PREMESSA... 3 ARTICOLO 1 PRINCIPI GENERALI... 3 ARTICOLO 2 PROCEDURA DI RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE... 4 ARTICOLO 3 PROCEDURA PER LA RICERCA

Dettagli

MODULO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI

MODULO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Richiedente:.. [ Titolo progetto:.. MODULO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Si richiede di compilare il presente modulo e di inviarlo firmato e completo degli allegati a: Fondazione di Piacenza e Vigevano

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 155, FATTA A GINEVRA IL 22 GIUGNO 1981, E RELATIVO PROTOCOLLO, FATTO A GINEVRA IL 22 GIUGNO

Dettagli

Fondazione Vodafone Italia

Fondazione Vodafone Italia TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Articolo I Denominazione, sede e durata É costituita una Fondazione sotto la denominazione Fondazione Vodafone Italia La Fondazione ha sede legale a Milano, Via Lorenteggio,

Dettagli

GUIDA PER LA CANDIDATURA ALLA EROGAZIONE DI SERVIZI DI CONSULENZA AD ALTA SPECIALIZZAZIONE

GUIDA PER LA CANDIDATURA ALLA EROGAZIONE DI SERVIZI DI CONSULENZA AD ALTA SPECIALIZZAZIONE GUIDA PER LA CANDIDATURA ALLA EROGAZIONE DI SERVIZI DI CONSULENZA AD ALTA SPECIALIZZAZIONE 1. PREMESSA Spinner 2013 è il programma per la qualificazione delle risorse umane nel settore della ricerca e

Dettagli

è un marchio di proprietà dell Ente di Formazione Format

è un marchio di proprietà dell Ente di Formazione Format è un marchio di proprietà dell Ente di Formazione Format IL DATORE DI LAVORO LA FIGURA DEL RSPP La figura del Datore di Lavoro quale Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione Materiale Didattico

Dettagli

Policy Anticorruzione di Goodyear 1 luglio 2011

Policy Anticorruzione di Goodyear 1 luglio 2011 Policy Anticorruzione di Goodyear 1 luglio 2011 Policy Anticorruzione Goodyear non intende ottenere vantaggi commerciali tramite l offerta o il ricevimento di indebiti benefici pecuniari o di qualsiasi

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE SANT ANNA

STATUTO FONDAZIONE SANT ANNA STATUTO FONDAZIONE SANT ANNA Articolo 1) E costituita la Fondazione avente le caratteristiche di organizzazione non lucrativa di utilità sociale (ONLUS), ai sensi e per gli effetti del Decreto Legislativo

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 30.4.2009 C(2009) 3177 RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE che integra le raccomandazioni 2004/913/E e 2005/162/CE per quanto riguarda il regime concernente

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. SALVEMINI Centro Studi Polivalente Japigia Via Prezzolini, 9 70126 Bari

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. SALVEMINI Centro Studi Polivalente Japigia Via Prezzolini, 9 70126 Bari LICEO SCIENTIFICO STATALE G. SALVEMINI Centro Studi Polivalente Japigia Via Prezzolini, 9 70126 Bari Tel.080/5548739 Fax 080/5548742 E-Mail: baps060001@istruzione.it - C.F.80016760722 PREMESSO Che l art.

Dettagli

Allegato =A= al n. 1899/985 di repertorio. Fondazione AVANTEA ONLUS

Allegato =A= al n. 1899/985 di repertorio. Fondazione AVANTEA ONLUS Allegato =A= al n. 1899/985 di repertorio Fondazione AVANTEA ONLUS Art. 1 - Origini, denominazione, sede e durata Art. 2 - Scopi ed attività Art. 3 - Patrimonio Art. 4 - Mezzi finanziari Art. 5 - Bilancio

Dettagli

FEP 2007/2013 SPESE AMMISSIBILI MISURA ASSISTENZA TECNICA

FEP 2007/2013 SPESE AMMISSIBILI MISURA ASSISTENZA TECNICA FEP 2007/2013 SPESE AMMISSIBILI MISURA ASSISTENZA TECNICA Settembre 2009 Indice Introduzione...3 1. Azioni e relative spese ammissibili...3 1.1 Acquisizione di personale di supporto...3 1.2 Valutazione...4

Dettagli

Comunicazione del nostro CEO

Comunicazione del nostro CEO Comunicazione del nostro CEO Coltivare e conservare la fiducia nei nostri rapporti professionali e perseguire i massimi standard etici rimangono due aspetti fondamentali dei valori chiave della nostra

Dettagli

Modello di organizzazione ex D.Lgs. n. 231/01. Codice etico e di comportamento

Modello di organizzazione ex D.Lgs. n. 231/01. Codice etico e di comportamento Modello di organizzazione ex D.Lgs. n. 231/01 Codice etico e di comportamento Sommario 1. Principi generali 3 1.1 1.2 1.3 Preambolo Destinatario Gli obblighi e doveri dei destinatari 3 3 3 2. Politiche

Dettagli

STATUTO ONLUS PROMETEO PROGETTO MALATTIE EPATICHE TRAPIANTI ED ONCOLOGIA

STATUTO ONLUS PROMETEO PROGETTO MALATTIE EPATICHE TRAPIANTI ED ONCOLOGIA STATUTO ONLUS PROMETEO PROGETTO MALATTIE EPATICHE TRAPIANTI ED ONCOLOGIA Art. 1 Costituzione E costituita associazione, definita in seguito come l Associazione, denominata Onlus Prometeo Progetto Malattie

Dettagli

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE

REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE REGOLAMENTO DI MEDIAZIONE Art. 1 - Ambito di applicazione del Regolamento Art. 2 - Segreteria Art. 3 - Responsabile Art. 4 - Mediatori Art. 5 - Avvio della Procedura di Mediazione Art. 6 - Luogo della

Dettagli

Statuto di World Vision Italia Onlus (4 marzo 2008 e successive modifiche)

Statuto di World Vision Italia Onlus (4 marzo 2008 e successive modifiche) Statuto di World Vision Italia Onlus (4 marzo 2008 e successive modifiche) 1. Denominazione 1.1 L associazione è denominata: World Vision Italia ONLUS 1.2 Il nome e il logo di World Vision Italia ONLUS

Dettagli

PARTENARIATI E PERCORSI INDUSTRIA - UNIVERSITÀ MARIE CURIE

PARTENARIATI E PERCORSI INDUSTRIA - UNIVERSITÀ MARIE CURIE ALLEGATO III DISPOSIZIONI SPECIFICHE PARTENARIATI E PERCORSI INDUSTRIA - UNIVERSITÀ MARIE CURIE [PIÙ BENEFICIARI] III. 1 Definizioni Oltre alle definizioni di cui all articolo II.1, alla presente convenzione

Dettagli

STATUTO. Centro Studi Comunicazione Istituzionale e Innovazione Tecnologica

STATUTO. Centro Studi Comunicazione Istituzionale e Innovazione Tecnologica STATUTO Centro Studi Comunicazione Istituzionale e Innovazione Tecnologica ARTICOLO 1 Costituzione E costituita l Associazione denominata Centro Studi Comunicazione Istituzionale e Innovazione Tecnologica

Dettagli

Ingegneria Finanziaria nel periodo di programmazione 2007-13

Ingegneria Finanziaria nel periodo di programmazione 2007-13 Versione finale del 16/07/2007 COCOF/07/0018/01 Documento dei servizi della Commissione sulla Ingegneria Finanziaria nel periodo di programmazione 2007-13 Questo documento è stato preparato dalle Direzioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO D.R. N. 688 DEL 10/12/2007 (sostituisce il testo emanato con D.R. n. 449 del 06/09/2007.) REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO CAPO I Art. 1 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

MANITOWOC. Bollettino Norme di Condotta Aziendale. Relazioni Internazionali Pratiche e Operazioni Corrotte con Persone di Nazionalità Non Americana

MANITOWOC. Bollettino Norme di Condotta Aziendale. Relazioni Internazionali Pratiche e Operazioni Corrotte con Persone di Nazionalità Non Americana MANITOWOC Bollettino Norme di Condotta Aziendale Oggetto: Relazioni Internazionali Pratiche e Operazioni Corrotte con Persone di Nazionalità Non Americana Bollettino Originale 0 Sostituisce il bollettino

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DIPARTIMENTO DEGLI INTERVENTI PER LA PESCA

ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DIPARTIMENTO DEGLI INTERVENTI PER LA PESCA ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DIPARTIMENTO DEGLI INTERVENTI PER LA PESCA Linee guida per la rendicontazione degli interventi a sostegno della pesca e dell'acquacoltura

Dettagli

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011)

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011) Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO (Anno 2011) INDICE: Art. 1 Costituzione, natura e sede Art. 2 Competenze e funzioni Art. 3 Rapporti

Dettagli

Procedura sulla. Condotta della. Attività Aziendale

Procedura sulla. Condotta della. Attività Aziendale Procedura sulla Condotta della Attività Aziendale ROGER S. FINE VICE PRESIDENT GENERAL COUNSEL MEMBRO DEL COMITATO ESECUTIVO Cari colleghi, Il presente opuscolo, che contiene la Procedura sulla Condotta

Dettagli

UDL. L intermediazione assicurativa

UDL. L intermediazione assicurativa L intermediazione assicurativa Norme sull intermediazione assicurativa il codice delle assicurazioni e il regolamento ISVAP n. 5 del 16/10/2006: l attuazione delle direttive UE e la regolamentazione degli

Dettagli

Le previsioni che dovranno essere rispettate sono le seguenti:

Le previsioni che dovranno essere rispettate sono le seguenti: - Il materiale informativo di consultazione scientifica o di lavoro, non specificamente attinente al medicinale, può essere ceduto a titolo gratuito solo alle strutture sanitarie pubbliche ad eccezione

Dettagli

PROTOCOLLO DI AUTOREGOLAZIONE PER LA VENDITA DI GAS NATURALE E/O ENERGIA ELETTRICA FUORI DAI LOCALI COMMERCIALI DELL IMPRESA. Art.

PROTOCOLLO DI AUTOREGOLAZIONE PER LA VENDITA DI GAS NATURALE E/O ENERGIA ELETTRICA FUORI DAI LOCALI COMMERCIALI DELL IMPRESA. Art. PROTOCOLLO DI AUTOREGOLAZIONE PER LA VENDITA DI GAS NATURALE E/O ENERGIA ELETTRICA FUORI DAI LOCALI COMMERCIALI DELL IMPRESA (ai sensi e per gli effetti dell articolo 3 - allegato A della Deliberazione

Dettagli

Partecipa e innoviamo insieme il networkaias

Partecipa e innoviamo insieme il networkaias Associazione professionale Italiana Ambiente e Sicurezza Passione tenace per la prevenzione efficace www.aias-sicurezza.it Il networkaias incrementa la tua professionalità e il tuo business (Giancarlo

Dettagli

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DEL PERSONALE ESTERNO

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DEL PERSONALE ESTERNO CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DEL PERSONALE ESTERNO (adottato con delibera del CdA del 17/7/2013) INTRODUZIONE Art. 1) PRINCIPI GENERALI Art. 2) REGOLE GENERALI

Dettagli

---------------------------------------. =. ADR NOTARIATO SRL. =. ---------------------------------------

---------------------------------------. =. ADR NOTARIATO SRL. =. --------------------------------------- ---------------------------------------. =. ADR NOTARIATO SRL. =. --------------------------------------- REGOLAMENTO DELLA CAMERA DI CONCILIAZIONE NOTARILE -.-.- I - Definizione 1) La Camera di Conciliazione

Dettagli

GESTIONE DEI FINANZIAMENTI

GESTIONE DEI FINANZIAMENTI 1 GESTIONE DEI FINANZIAMENTI Documento redatto da: Reparto Funzione Nome Firma Data Organismo di Vigilanza Organismo di Vigilanza Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 13 maggio 2010 2 INDICE

Dettagli

INTEGRITÀ IN AZIONE - CONFORMITÀ NEL SETTORE SANITARIO

INTEGRITÀ IN AZIONE - CONFORMITÀ NEL SETTORE SANITARIO PASSIONE PER L'INTEGRITÀ INTEGRITÀ IN AZIONE - CONFORMITÀ NEL SETTORE SANITARIO LA CONFORMITÀ NEL SETTORE SANITARIO È RESPONSABILITÀ DI TUTTI DePuy Synthes è nota come leader mondiale per soluzioni neurologiche

Dettagli

IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO

IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO ... Legge sull Università della Svizzera italiana, sulla Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana e sugli Istituti di ricerca (del ottobre 99) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE

Dettagli

VADEMECUM PER L AMMISSIBILITA DELLA SPESA

VADEMECUM PER L AMMISSIBILITA DELLA SPESA REGIONE BASILICATA Dipartimento Presidenza della Giunta BANDO DI CONCORSO NUOVI FERMENTI PROGETTI PER LA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE CREATIVE ALLEGATO D VADEMECUM PER L AMMISSIBILITA DELLA SPESA 1 Principi

Dettagli

approvato all adunanza del 18 marzo 2013

approvato all adunanza del 18 marzo 2013 REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI INDIVIDUALI DI COLLABORAZIONE AUTONOMA A SOGGETTI ESTRANEI ALL AMMINISTRAZIONE DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI BOLOGNA approvato all adunanza del 18 marzo 2013 ARTICOLO

Dettagli

QUICKTOP S.r.l. Modello Organizzativo, di Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 INDICE CODICE ETICO

QUICKTOP S.r.l. Modello Organizzativo, di Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 INDICE CODICE ETICO QUICKTOP S.r.l. Modello Organizzativo, di Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 INDICE CODICE ETICO 1 PREMESSE 2 OBIETTIVO 3 STRUTTURA DEL CODICE ETICO E AMBITO DI APPLICAZIONE 4 I PRINCIPI

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE A SOCIO (Statuto art. 4-5 - 6 7)

DOMANDA DI AMMISSIONE A SOCIO (Statuto art. 4-5 - 6 7) ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE "FAMIGLIA DI NAZARETH DI TRENTO legge 7 dicembre 2000 n 383 38100 Trento Via Saluga, 7. Tel. 0461 980093 - Fax 0461 260718- E-mail: sacrafamigliatrento@pssf.it DOMANDA

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA TRENTOFRUTTA S.p.A.

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA TRENTOFRUTTA S.p.A. Ai sensi e per gli effetti degli artt.1469 bis e segg. c.c. le parti dichiarano che l'intero contratto ed ogni sua clausola è stato tra le stesse trattato e negoziato. 1. Ambito di validità - Natura del

Dettagli

Allegato "A" al n.30506 di raccolta S T A T U T O "OLTRE IL GIARDINO ONLUS o ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITA'SOCIALE" S t a t u t o

Allegato A al n.30506 di raccolta S T A T U T O OLTRE IL GIARDINO ONLUS o ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITA'SOCIALE S t a t u t o Allegato "A" al n.30506 di raccolta S T A T U T O "OLTRE IL GIARDINO ONLUS o ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITA'SOCIALE" S t a t u t o Costituzione - Denominazione - Sede Art.1. E' costituita, ai

Dettagli

Fondazione Deutsche Bank Italia

Fondazione Deutsche Bank Italia Fondazione Deutsche Bank Italia STATUTO Articolo 1 Costituzione Denominazione Sede È costituita una fondazione denominata Fondazione Deutsche Bank Italia, con durata illimitata, avente sede in Milano,

Dettagli

L ASSOCIAZIONE ITALIANA C.R.O. Associazione Italiana Contract Research Organization STATUTO NOME E SEDE

L ASSOCIAZIONE ITALIANA C.R.O. Associazione Italiana Contract Research Organization STATUTO NOME E SEDE L ASSOCIAZIONE ITALIANA C.R.O. Associazione Italiana Contract Research Organization STATUTO NOME E SEDE Articolo 1. E costituita l Associazione Italiana Contract Research Organization, con acronimo, A.I.C.R.O.

Dettagli

Criteri per la presentazione di richieste di contributo

Criteri per la presentazione di richieste di contributo Fondazione della Banca di Credito Cooperativo di Pianfei e Rocca de Baldi Criteri per la presentazione di richieste di contributo alla Fondazione della Banca di Credito Cooperativo di Pianfei e Rocca de

Dettagli

CITTA di SARZANA Provincia della Spezia REGOLAMENTO

CITTA di SARZANA Provincia della Spezia REGOLAMENTO REGOLAMENTO ISTITUTIVO E DI GESTIONE DEL FONDO DI ASSISTENZA, PREVIDENZA ED INCENTIVAZIONE DEI SERVIZI SVOLTI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Le presenti condizioni generali di vendita si applicano ai contratti conclusi tra SOLON S.p.A. (di seguito SOLON ), persona giuridica che agisce nell esercizio della propria

Dettagli

CAPO V... 5. SISTEMA SANZIONATORIO... 5 Art. 13 Applicazione dei provvedimenti... 5

CAPO V... 5. SISTEMA SANZIONATORIO... 5 Art. 13 Applicazione dei provvedimenti... 5 Sommario PREMESSA... 2 CAPO I... 3 DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 - Ambito di applicazione e Destinatari 3 Art. 2 - Principi generali... 3 Art. 3 - Comunicazione... 3 Art. 4 - Responsabilità... 3 Art.

Dettagli

Policy. Sulla classificazione della clientela. Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto

Policy. Sulla classificazione della clientela. Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto Policy Sulla classificazione della clientela Data ultima modifica 29/03/2016 Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto Approvato da : Consiglio di Amministrazione Massimo

Dettagli

COMUNE DI BORGIO VEREZZI. Provincia di SAVONA REGOLAMENTO

COMUNE DI BORGIO VEREZZI. Provincia di SAVONA REGOLAMENTO Allegato A alla deliberazione C.C. n. 39 del 27.07.2015 COMUNE DI BORGIO VEREZZI Provincia di SAVONA REGOLAMENTO CRITERI PER L ATTRIBUZIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI E VANTAGGI ECONOMICI A PERSONE ED

Dettagli

Ai fini dell ammissibilità al contributo, le spese rendicontate dovranno: a) essere pagate a mezzo di bonifico bancario;

Ai fini dell ammissibilità al contributo, le spese rendicontate dovranno: a) essere pagate a mezzo di bonifico bancario; BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA PREVENZIONE ANTISISMICA, LA SICUREZZA E LA TUTELA DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO. Periodo di apertura per la presentazione delle domande telematiche:

Dettagli

ROMA, 12 GIUGNO 2014. Gli intermediari iscritti nella sezione B del RUI

ROMA, 12 GIUGNO 2014. Gli intermediari iscritti nella sezione B del RUI ROMA, 12 GIUGNO 2014 1. I reclami concernenti l accertamento dell osservanza delle disposizioni del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 disciplinanti la trasparenza e le modalità di offerta al

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE D'OPERA PROFESSIONALE

CONTRATTO DI PRESTAZIONE D'OPERA PROFESSIONALE CONTRATTO DI PRESTAZIONE D'OPERA PROFESSIONALE Con la presente scrittura privata tra :, nato a ( ) il e residente in, alla Via, cod. fisc., (identificato con valido documento di riconoscimento, la cui

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO Art. 1 OGGETTO DELL INCARICO Il presente capitolato disciplina l'incarico inerente il servizio professionale di

Dettagli

ALLEGATO "B" - LINEE GUIDA DI FINANZIAMENTO 1

ALLEGATO B - LINEE GUIDA DI FINANZIAMENTO 1 ALLEGATO "B" - LINEE GUIDA DI FINANZIAMENTO 1 LINEE GUIDA RELATIVE ALLE PREVISIONI CONTRATTUALI, OBBLIGAZIONI E IMPEGNI CHE LA BANCA DOVRÀ OBBLIGATORIAMENTE INSERIRE IN OGNI CONTRATTO DI FINANZIAMENTO

Dettagli

La disciplina dei contratti di cessione di prodotti agroalimentari

La disciplina dei contratti di cessione di prodotti agroalimentari La disciplina dei contratti di cessione di prodotti agroalimentari L art. 62 del D.L 24 gennaio 2012 n.1, convertito nella L. n. 27 del 24 marzo 2012, ha introdotto una disciplina specifica in materia

Dettagli

CODICE ETICO DI AMBIENTE ITALIA SRL

CODICE ETICO DI AMBIENTE ITALIA SRL DI AMBIENTE ITALIA SRL Q-D-02-03 SISTEMA GESTIONE QUALITA Gennaio 2013 Sistema di gestione per la qualità certificato da DNV UNI EN ISO 9001:2008 CERT-12313-2003-AQ-MIL-SINCERT Sistema di gestione ambientale

Dettagli

MODULISTICA PER LE RICHIESTE DI CONTRIBUTO PER ANNO 2016 (SCADENZA 28/02/16)

MODULISTICA PER LE RICHIESTE DI CONTRIBUTO PER ANNO 2016 (SCADENZA 28/02/16) MODULISTICA PER LE RICHIESTE DI CONTRIBUTO PER ANNO 2016 (SCADENZA 28/02/16) I CONTRIBUTI NON DEVONO RIGUARDARE L ATTIVITA ORDINARIA DEL SOGGETTO PROPONENTE. Per attività ordinaria a titolo esemplificativo

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1

REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1 REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1 Art. 1. FINALITA Presso la Facoltà di Giurisprudenza dell Università di Trieste è istituito il Master Universitario

Dettagli

OGGETTO: Programmazione dei Fondi Strutturali europei 2007/2013 - Bando per la progettazione - Progetto LIM in classe cod.

OGGETTO: Programmazione dei Fondi Strutturali europei 2007/2013 - Bando per la progettazione - Progetto LIM in classe cod. Prot. n. /C12 LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B. Scorza 87100 COSENZA Centralino 09841861919 - Fax 0984412725 Sito internet www.liceoscorza.it - e-mail csps03000g@istruzione.it Cosenza, 11.06.2014 All ALBO

Dettagli