8 - La civiltà greca. le adolescenti e le donne incinte.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "8 - La civiltà greca. le adolescenti e le donne incinte."

Transcript

1 124 8 La civiltà greca 1 La religione Dèi ed eroi Secondo i Greci il mondo era cominciato con un grande disordine, che essi chiamavano Caos. Il disordine durò finché da Caos nacque Gea (la Madre Terra), la quale partorì Urano (il Cielo) che divenne poi suo marito. Ebbero molti figli, tra cui i quattordici Titani. Uno di loro Cronos, il Tempo, guidò una ribellione dei suoi fratelli contro suo padre e lo depose dal trono. Cronos generò Zeus il quale, aiutato dai suoi fratelli e dalle sue sorelle, affrontò i Titani in battaglia e li sconfisse. Depose Cronos e divenne il re dei nuovi dèi. Essi La battaglia tra i Titani e gli dèi olimpici. scelsero di abitare sul Monte Olimpo, nel nord della Grecia, la cui cima è invisibile perché sempre coperta di nubi, e vennero chiamati dèi olimpici. GLI DÈI OLIMPICI ZEUS Era il re degli dèi e governava il Cielo. Era lo sposo infedele di sua sorella Hera, che tradiva con numerose donne mortali, alle quali appariva sotto varie forme, per esempio come toro, cigno o neve dorata. In origine era stato la divinità degli Indoeuropei, che lo chiamavano diàus, da cui deriva il nostro termine dio. HERA Sorella e sposa di Zeus, proteggeva le donne e i matrimoni. Era bella, orgogliosa ed eternamente risentita per i tradimenti del marito. Spesso perseguitava crudelmente le sue amanti e i loro figli. POSEIDONE ratello di Zeus, era il dio del Mare. Quando non stava sull'olimpo risiedeva in un palazzo sottomarino in cui allevava splendidi cavalli. Era stato un antico dio cretese e i Greci lo ritenevano responsabile dei terremoti. ADES Era il re del mondo sotterraneo e dei morti, che sorvegliava da vicino permettendo loro, ma raramente, di tornare per qualche ora tra i vivi. Possedeva tutti i metalli e le pietre preziose della Terra. Rapì e sposò Persefone, figlia di Demetra. HESTIA Era la dea della Terra e del focolare. Era gentile e pura e se ne stava in disparte durante i continui litigi degli altri dèi. Rinunciò al suo posto nell Olimpo, che fu quindi occupato da Dioniso. Ogni famiglia greca aveva in casa un altarino dedicato a lei.

2 8 - La civiltà greca 125 DEMETRA Era la dea della vegetazione. Quando sua figlia Persefone fu rapita, trascurò tutte le piante per cercarla e così creò l inverno. Poiché Ades acconsentì a rimandarla per qualche mese a sua madre, nacque l estate. EESTO Era il dio-fabbro di origine ittita e aveva la sua fucina nelle viscere dell Etna, in Sicilia. Costruì il trono e poi lo scudo d oro di Zeus, il quale lo agitava per scatenare fulmini, tuoni e tempeste. Era zoppo e amava sua moglie Afrodite senza esserne riamato. ARODITE Dea dell amore e della bellezza, era nata dal mare su una conchiglia. Era sposata a Efesto, ma amava Ares. Affascinava chiunque e portava una cintura d oro alla quale nessuno poteva resistere. APOLLO ratello gemello di Artemide, era il dio del Sole, ma proteggeva anche la musica, la poesia e la scienza. Quando era nella culla, a Delfi, uccise un pitone che voleva strangolarlo. Da quel giorno Apollo scelse Delfi come sede del suo santuario. ARES Dio della guerra e amante di Afrodite, era violento e facile all ira. Secondo il mito, una volta fu chiamato dagli Ateniesi a giudicare un omicida sulla collina dell Aeropago, che prese quindi il nome da lui. ERMES Era un ragazzino astuto e molto precoce, autore di trucchi e di scherzi. Riuscì a rubare il gregge di Apollo e inventò la lira, uno strumento musicale a corde molto amato dai Greci. Divenne il messaggero degli dèi e il protettore dei viandanti e dei ladri. Si diceva anche che avesse inventato l alfabeto, la matematica, l astronomia e il pugilato. ARTEMIDE Era la dea della Luna e la Signora degli animali. Le piaceva cacciare e, quando era arrabbiata, le sue frecce causavano epidemie e pestilenze tra gli uomini. Proteggeva le adolescenti e le donne incinte. ATENA Un giorno Zeus aveva un terribile mal di testa e ordinò a Efesto di spaccargliela con un ascia. Dal suo cranio uscì Atena, armata di elmo, scudo e lancia. Divenne la dea della saggezza e della guerra e la protettrice della città di Atene. DIONISO Dio del vino e della fertilità, percorreva il mondo insegnando agli uomini come coltivare la vite, accompagnato da donne ebbre e fanatiche. Divenne il dodicesimo dio olimpico quando Hestia rinunciò al suo posto.

3 126 MODULO 3 - Le civiltà del mare 2 Il tempio Un luogo per custodire le statue degli dèi Come tutti i popoli sedentari, anche i Greci costruirono statue che rappresentavano i loro dèi e templi per ospitarle. Esse erano collocate nelle celle interne che erano chiuse a chiave e alle quali avevano accesso solo i sacerdoti. Le processioni di tutta la popolazione e i privati in visita dovevano fermarsi fuori, nella spianata antistante il tempio. L altare per i sacrifici I sacrifici consistevano nell uccidere su un altare di pietra animali come agnelli o buoi e nell arrostirli: il fumo e il profumo dicevano i Greci arrivavano agli dèi ed erano il loro nutrimento; le carni, invece, venivano consumate dagli uomini durante il banchetto rituale che seguiva il sacrificio. Poiché nessuno, se non i sacerdoti, poteva entrare nel tempio, l altare si trovava fuori, davanti all ingresso. IL TEMPIO DI ATENA A PAESTUM TETTO I templi sono coperti di tegole in terracotta. Quelle tra i due spioventi vengono chiamate antefisse. ACROTERIO L elemento decorativo posto sul culmine del frontone. SOITTO Nel tempio di Atena a Paestum è decorato a cassettoni. CELLA Il cuore del tempio, accessibile solo ai sacerdoti. È qui che viene custodita la statua della divinità, spesso decorata da oro e gioielli. RONTONE È il coronamento della facciata del tempio, chiuso dai due spioventi del tetto e della trabeazione. METOPE Occupano la facciata che sta sotto il frontone. Sono decorate con rilievi colorati. TIMPANO Lo spazio triangolare all interno del frontone occupato da bassorilievi. PRONAO Una seconda fila di colonne interne introduce al pronao, anticamera della cella. Lo spazio tra queste colonne è chiuso da porte. L ALTARE Due uomini sacrificano un vitello sull altare collocato davanti al tempio. (Coppa del secolo a.c., Parigi, Museo del Louvre.)

4 8 - La civiltà greca I grandi santuari Uno spazio sacro a disposizione dei cittadini In tutto il mondo greco gli dèi non possedevano soltanto templi, ma anche dei santuari, cioè dei grandi spazi sacri attrezzati, comprendenti uno o più templi, teatri, stadi, palestre, alberghi per i pellegrini e gli atleti, cappelle votive, edifici chiamati tesori destinati a contenere le preziose offerte delle città e dei privati. I Greci vi si recavano periodicamente, sia per scopi privati, sia in occasione di grandi cerimonie panelleniche, cioè di tutte le città greche, che prevedevano sacrifici sugli altari, processioni, gare, premiazioni e feste solenni. LA PROCESSIONE. La settimana lavorativa greca non prevedeva giorni di riposo. In compenso le feste religiose equivalevano a duecento giorni all anno. Nelle feste le processioni avevano un posto centrale. Erano particolarmente amate dalle donne, per le quali rappresentavano una delle poche occasioni per uscire in pubblico. L oracolo di Apollo a Delfi Nel grande santuario dedicato ad Apollo a Delfi si svolgevano i Giochi delfici (gare e spettacoli teatrali). Soprattutto, però, a Delfi il dio rispondeva a coloro che venivano a chiedergli consiglio dettando a una sacerdotessa chiamata Pizia i suoi oracoli, cioè i suoi messaggi profetici orali. La Pizia entrava in trance, cioè in uno stato di incoscienza, e mormorava o urlava risposte incoerenti che venivano interpretate dai sacerdoti di Apollo. Nonostante questa interpretazione, gli oracoli erano sempre ambigui, in modo da non risultare mai errati. LA PIZIA. Nell immagine la Pizia, in trance, sta per trasmettere l oracolo all uomo in piedi che ha interrogato Apollo. È vestita di bianco, siede su un alto tripode e tiene in mano un ramo di alloro, la pianta sacra ad Apollo. (Coppa del sec. a.c., Berlino, Staatliche Museum.) il documento L ambiguità dell oracolo Nel 546 a.c. Creso, re di Lidia, il regno dell Asia Minore in cui era stata inventata la moneta, chiese all oracolo se doveva dichiarare guerra a Ciro, re dei Persiani. La Pizia gli rispose: Se farai guerra ai Persiani distruggerai un grande impero. Creso partì per la guerra, ma fu sconfitto e fatto prigioniero. Quando accusò il dio di averlo ingannato, la Pizia ribatté: Avresti dovuto chiedere al dio di quale impero parlava: il tuo o quello di Ciro? ERODOTO (460 ca-400 ca a.c.), Storie, I, 53 e 90 Come definiresti l oracolo? chiaro ambiguo Come definiresti la risposta? astuta onesta

5 128 MODULO 3 - Le civiltà del mare I giochi olimpici L altro luogo sacro che rivestiva una importanza fondamentale per i Greci era il santuario di Zeus a Olimpia, dove si svolgevano i giochi panellenici olimpici. Giochi e gare atletiche affondavano le loro origini nell Età micenea, in cui gli eroi dell Iliade e dell Odissea avevano l abitudine di accompagnare i riti funebri per i loro compagni morti con competizioni sportive (per esempio Achille ne organizzò di magnifiche in onore di Patroclo). Anche dopo la fondazione della polis, sport e ginnastica restarono la parte più importante dell educazione greca. Un corpo ben allenato, infatti, era considerato la necessaria preparazione alla guerra, un attività che occupava le città greche quasi tutte le primavere, dato che ognuna di esse aveva periodicamente motivi di ostilità nei confronti di ciascuna delle altre. I giochi olimpici, fondati nel 776 a.c. durante i giochi funebri in onore di un eroe caduto e celebrati in onore di Zeus, erano i più importanti e, come hai già studiato, da essi i Greci cominciavano a contare gli anni della loro storia. Duravano cinque giorni e si svolgevano ogni quattro anni a Olimpia, dove era stato costruito appositamente un numero impressionante di attrezzature sportive, templi per le cerimonie religiose, ostelli per gli atleti e per gli spettatori. Ai giochi partecipavano tutte le città greche e tutte le colonie asiatiche e italiche per un totale di circa 500 delegazioni. In quel periodo veniva proclamata una tregua che interrompeva tutte le guerre e permetteva alla popolazione di recarsi a Olimpia in condizioni di totale sicurezza. RICOSTRUZIONE DEL SANTUARIO DI OLIMPIA IL RECINTO SACRO DI ZEUS 1. Altare di Zeus 2. Tempio di Zeus 3. Tempio di Hera 4. Ulivo sacro 5. Statue consacrate dai vincitori 6. Tesori cioè offerte preziose delle diverse città 7. iamma sacra GLI EDIICI CHE OSPITANO LE GARE 8. Ginnasio: gare di corsa e di lancio 9. Palestra: salto e lotta 10. Palazzina per accogliere gli ospiti importanti 11. Sede del consiglio olimpico: qui gli atleti prestano giuramento di lealtà 12. Area dell ippodromo 13. Stadio (lunghezza 192,27 m.)

6 8 - La civiltà greca 129 LE DISCIPLINE ATLETICHE Ecco le principali discipline in cui si cimentavano gli atleti durante i Giochi olimpici, così come appaiono dalle pitture vascolari, cioè dalle pitture eseguite dai ceramisti su vasi, tazze, anfore, bicchieri. LOTTA LANCIO DEL DISCO SALTO IN LUNGO LANCIO DEL GIAELLOTTO EQUITAZIONE Mirone, Il discobolo (copia romana, Roma, Museo Nazionale romano). CORONA DELLA ITTORIA PUGILATO CORSA il documento La tregua olimpica Grazie alle regole dei giochi, noi osserviamo una tregua tra le città e mettiamo a tacere i nostri odi personali per riunirci in uno stesso luogo in cui ricordiamo le nostre comuni origini compiendo insieme sacrifici e recitando preghiere. ISOCRATE ( a.c.), Panegirico, 43 Dopo aver letto il brano, barra con una crocetta il quadratino esatto e riempi le righe. 1. La necessità di una tregua lascia pensare che: le città greche fossero amiche fra loro. le città greche fossero spesso in guerra fra loro. 2. Lo scopo delle Olimpiadi era di riunire i Greci in uno stesso luogo per:

7 130 MODULO 3 - Le civiltà del mare 4 I Greci d Occidente La colonizzazione dell Italia I Greci d Occidente sono quei Greci che tra l III e il I secolo a.c. partirono dalle loro città-madri (metropoli come Atene, Sparta, Corinto e tante altre) e fondarono colonie in Sicilia e nell Italia meridionale, la quale divenne così ricca di splendide città da essere chiamata Magna Grecia, Grande Grecia. Quegli emigrati, una volta giunti a destinazione, mostrarono una competenza tecnica e un senso della politica da far invidia a chi era rimasto in patria. Leggi democratiche In Italia i coloni si distinsero dando alle poleis che avevano fondato leggi più giuste e decidendo di distribuire fra loro la terra in parti uguali. Nelle isole Lipari questo atteggiamento democratico fu talmente ugualitario che alcuni storici hanno parlato di comunismo delle isole Lipari. Una vita lussuosa I coloni seppero sfruttare al massimo l eccezionale fertilità del suolo italico: il grano di Lentini fu celebrato dai poeti perché rendeva cinque volte il peso del seminato e Omero racconta enfaticamente l effetto che Catania produsse su Ulisse: «Gli abitanti dice l eroe non fanno nulla con le loro mani. Tutto spunta senza seminare, senza rivoltare la terra: il grano, l orzo, le vigne cariche di grossi grappoli che il cielo gonfia con la sua pioggia». Approfittando di queste ricchezze agricole e incrementandole con l artigianato e i LE BOTTEGHE DEI BRONZISTI Un cratere di bronzo per il vino ritrovato a ix, in rancia, dove era stato esportato da una bottega di Taranto. Un elegante schiaccianoci in bronzo e oro a forma di mani incrociate. PAESTUM. eduta aerea dei templi.

8 8 - La civiltà greca 131 commerci, i coloni inaugurarono una vita lussuosa, molto diversa da quella che si conduceva nella madre patria. Le loro tombe sono piene di ornamenti d oro e di pietre preziose, la quantità di vasi che produssero testimonia che amavano i grandi banchetti e la vita sociale, le ricette dei loro cibi ci dicono che seguivano un alimentazione ricca e ben più elaborata di quella greca. Il lusso e i divertimenti di Sibari, la città calabrese, divennero leggendari tanto che sibarita indica ancora oggi un gaudente, un amante della bella vita. Benessere e aumento della popolazione Alcune cifre confermano questo benessere. Dove erano approdate poche centinaia di coloni, un secolo dopo ne ritroviamo decine di migliaia. Alla fine del secolo a.c. Agrigento aveva ben abitanti. LA PITTURA Siracusa, con i suoi , fu per molto tempo la città più popolosa del mondo ellenico; la sua cinta di mura misurava 32 chilometri. La grande arte dei Greci italici I Greci d Occidente non impiegarono le loro ricchezze solo per mangiare e bere. Essi produssero una grande arte che si manifestò nell architettura, nella pittura, nella scultura, nella ceramica e nell oreficeria. Di essa vedi alcuni campioni nelle illustrazioni di queste pagine. La sua importanza per noi è enorme, perché è vero che la sua origine è greca, ma è anche vero che essa fu prodotta da uomini e donne che ormai erano diventati italici. Essa perciò è arte nostra, fa parte della civiltà del nostro Paese, la prima che fiorisca sul suolo italiano, quella che lascerà la sua impronta su tutta la sua storia successiva. LA CERAMICA Due squarci di gaia vita quotidiana: un allegro banchetto tra amici e un tuffo nello splendido mare campano (dalla Tomba del tuffatore a Paestum). Questo bicchiere a forma di muso di cavallo è un capolavoro dell arte lucana. Serviva a bere il vino aspro proveniente da vitigni greci, corretto da acqua, miele e spezie. Lo abbiamo riprodotto anche perché i Lucani furono i protagonisti di una grande civiltà italica molto anteriore all arrivo dei Greci, sulla quale gli archeologi stanno lavorando intensamente (Museo di Melfi).

9 132 MODULO 3 - Le civiltà del mare 5 L abbigliamento I giovani portano una tunica corta (chitone). Il costume maschile Il capo base dell abbigliamento maschile era un rettangolo di lana senza cuciture, che in origine serviva da abito di giorno e da coperta di notte. Da questo rettangolo a doppio uso derivò la tunica corta, chiamata chitone, fermata da una spilla sulla spalla destra (la spalla sinistra rimaneva libera) e stretta alla vita da una cintura. Tolta la cintura, questa tunica serviva da veste da notte; coperta da una corazza faceva invece parte della divisa militare; infine, allungata fino ai piedi, veniva utilizzata come abito da cerimonia dai personaggi importanti e come vestito da inverno contro il freddo. Dal rettangolo primitivo nacquero anche il mantello o himátion, una pezza di lana di grandi dimensioni (2 metri per 3) e la clamide, più corta. Gli uomini maturi portano una tunica o chitone lunga fino ai polpacci. Gli schiavi avvolgono intorno ai fianchi un perizoma. I Greci portavano cappelli e cappucci contro il freddo e, ai piedi, sandali leggeri ed eleganti che lasciavano il piede quasi nudo o scarpe alte contro le intemperie. I sandali più ricercati erano di stoffa color porpora e avevano fibbie a forma di fiori. Il costume femminile ra uomini e donne le differenze nell abbigliamento erano impercettibili. Grazie a Omero sappiamo che, presso le popolazioni doriche, esisteva un costume chiamato peplo, che non era altro che il rettangolo di lana usato dagli uomini. Ad Atene questo costume dorico cedette il passo a quello ionico, costituito dalla tunica di lino, chiamata chitone come quella maschile ma in genere lunga fino a terra. Sopra la tunica le donne indossavano lo stesso mantello degli uomini che fermavano su una spalla, facendone ricadere sul petto l estremità. L austero chitone spartano fermato sulle spalle con delle spille. Il leggiadro chitone ateniese. I giovani e i soldati si avvolgono in un mantello corto, la clamide. L himátion si indossa con o senza tunica e lasciando scoperta una spalla. L himátion della festa può essere leggero e trasparente. La cintura. Cappelli e calzature L himátion da viaggio è di lana pesante.

10 6 La casa 8 - La civiltà greca 133 Di case greche se ne sono conservate poche, perciò non sappiamo esattamente quale aspetto avessero. Certamente, come le case sumeriche ed egiziane, erano costruite intorno a un cortile centrale scoperto sul quale si affacciavano le porte di tutte le stanze. Le finestre sulla strada erano pochissime e venivano sbarrate da persiane per dare alla casa intimità e sicurezza. La porta d ingresso era di legno, a volte rinforzata con borchie di bronzo. Le mura erano fatte di mattoni asciugati al sole, molto friabili e soggetti a crolli. Le scale erano esterne: partivano dal cortile e portavano al piano superiore dove si trovavano le stanze da letto e i quartieri degli schiavi. Uomini e donne vivevano in parti separate della casa; la parte riservata alle donne si chiamava gineceo. La colazione consiste in una fetta di pane inzuppata nel vino. Il pranzo è uno spuntino di pane e formaggio o di olive e fichi. COLAZIONE, PRANZO E CENA DI UNA AMIGLIA POERA. Il pasto principale è la cena: una zuppa di verdure e cereali. LA POSSIBILE RICOSTRUZIONE DI UNA CASA GRECA SIGNORILE Il tetto è fatto di tegole di ceramica. Gli alloggi femminili vengono chiamati gineceo. Le donne passano la maggior parte del loro tempo in queste stanze, organizzando il lavoro della servitù, filando, tessendo e intrattenendo le loro amiche. Stanza degli schiavi. I muri sono solitamente dipinti a colori chiari, e sono spesso ornati da arazzi con disegni a colori vivaci. Gli uomini mangiano e intrattengono i loro amici in una stanza chiamata andron. Sono sdraiati su letti e vengono serviti dagli schiavi. In alcune stanze del secolo a.c. i pavimenti sono realizzati con sassi colorati disposti a mosaico. Le stanze vengono riscaldate con bracieri di metallo portatili. In cucina vi è un fuoco acceso che serve per cucinare. Altare. Nel cortile spesso vi è un altare per la preghiera. Nei cortili di alcune case c è anche un pozzo che fornisce acqua. Camera da letto. Spesso le case hanno una stanza dove la famiglia può riunirsi intorno a un focolare che ha la funzione del nostro tinello. La stanza da bagno contiene una vasca di terracotta con un canale di scolo che termina all esterno. Per lavarsi le mani e il viso viene utilizzata una bacinella.

11 134 MODULO 3 - Le civiltà del mare 7 La vita artistica e letteraria 1. Le gradinate 2. L altare dedicato al dio Dioniso 3.L orchestra: area circolare in cui canta e danza il coro 1 Nel secolo a.c. Atene era diventata la capitale culturale del mondo greco. Autori ateniesi inventarono il teatro; autori provenienti dalle colonie d Asia e d Italia fondarono la storia e la filosofia Il proscenio: vi recitano gli attori 5.La scena: davanti serve da scenografia; dietro serve agli attori per cambiarsi 2 5 Uno spettacolo nuovo. I testi teatrali (tragedie e commedie) furono scritti originariamente per i festival che ogni quattro anni si tenevano ad Atene in onore del dio Dioniso. Da Atene il teatro fu poi esportato in tutto il mondo greco. Per consentire le rappresentazioni furono costruiti edifici all aperto adatti a contenere un gran numero di spettatori e concepiti in modo che l acustica fosse perfetta. Gli spettacoli erano riservati ai cittadini maschi ed erano gratuiti perché considerati di alto valore educativo: una vera e propria scuola di valori politici, religiosi e morali. enivano offerti e finanziati da privati cittadini ricchi. In ognuna delle giornate del festival venivano rappresentate tre tragedie e una commedia. Gli spettatori passavano a teatro l intera giornata, mangiando spuntini venduti dagli ambulanti, commuovendosi o ridendo con un altissimo grado di coinvolgimento. IL TEATRO DI EPIDAURO. Epidauro è una piccola città del Peloponneso. Il suo teatro, costruito verso il 360 a.c., poteva contenere spettatori. La sua acustica è resa perfetta dalla barriera di colline di fronte al teatro, che fa rimbalzare i suoni: il rumore di due sassolini percossi sul proscenio si sente fino ai sedili più alti delle gradinate. Una commissione di esperti viaggiò per tutta la Grecia prima di trovare questo luogo ideale in cui il teatro fu costruito. LE MASCHERE. Per essere riconoscibili anche dagli spettatori più distanti, gli attori portavano una maschera che oltre ad avere la funzione di amplificare la voce (una sorta di megafono), caratterizzava il loro personaggio: giovane, vecchio, tragico, comico. Ogni attore, usando maschere diverse, poteva recitare varie parti nella stessa rappresentazione. A sinistra, maschera da Lipari rappresentante la Ragazza e a destra il Giovane.

12 8 - La civiltà greca 135 CONSERARE LA MEMORIA DEL PASSATO: L INENZIONE DELLA STORIA TUCIDIDE Per ciò che riguarda gli eventi che si sono verificati durante la Guerra del Peloponneso, o ne sono stato testimone io stesso oppure ho investigato su ciascuno di esil documento Perché la storia? ERODOTO Erodoto espone qui il frutto della sua ricerca [in greco historìa] per impedire che le azioni compiute dagli uomini, Greci e Barbari, vengano dimenticate a causa del passare del tempo. ERODOTO, Premessa alle Storie si con la massima esattezza possibile. Tuttavia è stato difficile stabilirli, perché i testimoni di ciascun evento ne presentavano versioni differenti. TUCIDIDE (460 ca-400 ca a.c.), La guerra del Peloponneso, I, 22, 2-3 Da questi due brani puoi ricavare i fondamenti del metodo storico. Rifletti e rispondi alle domande. Per quale motivo Erodoto scrisse le Storie?... Come agì Tucidide per stabilire l esatta successione degli eventi?... L UOMO E LA POLITICA: L INENZIONE DELLA ILOSOIA il documento A. Si tenta di dare una definizione dell uomo Il mondo è pieno di meraviglie, ma nessuna meraviglia è più grande dell uomo. Egli è l essere che sa attraversare il grigio mare e che si avventura negli abissi spalancati dalle onde che si sollevano. Egli è l essere che tormenta la Terra, con i suoi aratri che la solcano ogni anno senza riposo. Parola, pensiero e ogni altra cosa, egli l ha imparata da solo, così come, costruendosi una dimora, ha saputo liberarsi del gelo e della pioggia. Però, maestro di un sapere le cui possibilità sono infinite, è libero di intraprendere la via del bene come quella del male. SOOCLE ( a.c.), Antigone B. Qual è il regime politico ideale? La democrazia è davvero il regime ideale che assicura ai cittadini felicità e giustizia? Questo problema fu appassionatamente dibattuto ad Atene dai filosofi, che si domandavano se il popolo era veramente capace di prendere le decisioni migliori. Quando bisogna discutere del governo della città, ognuno si alza per dare il suo parere: il falegname, il fabbro, il calzolaio, il negoziante... tutta gente che non ha studiato e non conosce il problema di cui parla. PLATONE ( a.c.), Protagora, 319 Un assemblea di persone, ciascuna delle quali non possiede che una parte delle qualità necessarie per ben governare, può tuttavia essere capace di farlo meglio di gente particolarmente dotata, perché l intelligenza di ciascuno si aggiunge a quella degli altri formando una sorta di intelligenza collettiva che in tal mondo diventa superiore. ARISTOTELE ( a.c.), La Politica, III, 11, 1-2 Platone dialoga con Aristotele (al centro del quadro), Raffaello, La Scuola di Atene (Roma, Musei aticani). Nel brano al punto A, quali sono le attività che rendono l uomo una meraviglia? Tra quelle elencate qui di seguito, sottolinea quelle citate da Sofocle. sa cacciare sa coltivare la terra sa parlare e pensare sa costruire strumenti sa navigare sa costruire una casa sa combattere sa scalare le montagne può fare del bene come del male Nei brani al punto B sottolinea le frasi che, a tuo parere, sintetizzano rispettivamente il giudizio di Platone e quello di Aristotele sulla democrazia; quindi indica con una crocetta la risposta corretta. Chi, fra i due filosofi, è favorevole alla democrazia? Platone Aristotele

13 136 MODULO 3 - Le civiltà del mare Pagine operative 1 Nel disegno ognuno degli dèi olimpici è collegato al suo campo d intervento o al suo attributo principale. I nomi degli dèi, a loro volta, sono collegati con una freccia a un numero, che ritrovi nelle righe puntinate sottostanti. Su ciascuna riga riporta il nome del dio e spiega brevemente le sue caratteristiche. APOLLO ZEUS 1 ARTEMIDE POSEIDONE HERA DEMETRA ARODITE ERMES ERMES 7 8 ARES DIONISO 9 ATENA ARES 10 ADES EESTO ARODITE Apollo: dio del Sole, proteggeva la musica, la poesia e la scienza

14 8 - La civiltà greca Indica con una crocetta se le seguenti affermazioni 3 Completa lo schema seguente. sono vere () o false (). Le celle che contenevano le statue degli dèi erano collocate all interno dei templi. Le celle venivano aperte in occasione delle processioni. Il fumo e il profumo degli animali sacrificati erano sgraditi agli dèi. L altare dove venivano sacrificati gli animali era collocato all interno del tempio. I santuari erano grandi spazi sacri attrezzati. I Giochi Olimpici e si svolgevano ogni a... dove erano stati costruiti duravano Nel santuario di Delfi il dio Apollo dettava i suoi oracoli a una sacerdotessa Gli oracoli erano risposte precise e dettagliate. che ospitavano... 4 Completa la seguente tabella, relativa alla vita degli emigrati greci che fondarono le colonie della Magna Grecia. La vita nella Magna Grecia In Italia i coloni diedero alle loro poleis leggi... e distribuirono fra loro la terra in.... Seppero sfruttare l eccezionale... del suolo e incrementarono le ricchezze agricole con.... Inaugurarono una vita... e il benessere provocò un aumento della.... I Greci d Occidente impiegarono le loro ricchezze anche per produrre una grande arte, che si manifestò nell..., nella ceramica e nell oreficeria. 5 Descrivi nella seguente tabella l abbigliamento dell uomo e della donna greci. Abbigliamento maschile Abbigliamento femminile

15 138 MODULO 3 - Le civiltà del mare 6 Rispondi alle seguenti domande. 7 Indica con una crocetta se le seguenti affermazioni Su che cosa si affacciavano le stanze della casa greca?. sono vere () o false (). Gli spettacoli teatrali si svolgevano all aperto. Gli spettacoli erano gratuiti. Come si chiamava la parte della casa riservata alle donne?. I festival venivano finanziati dallo Stato. Le rappresentazioni duravano un intera giornata. 8 Al termine di questa unità sulla civiltà greca ti proponiamo di comporre un breve testo scegliendo l argomento che preferisci e seguendo la scaletta che ti suggeriamo. 1. La religione Miti e caratteristiche degli dèi principali Che cosa conteneva un tempio Che cosa avveniva davanti a un tempio Le cerimonie dei due principali santuari greci 2. I Greci d Occidente Caratteristiche della colonizzazione greca dell Italia 3. La vita culturale Il teatro La fondazione della storia La riflessione dei filosofi

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME 1 PREMESSA Questa unità didattica è stata realizzata per bambini stranieri di livello linguistico A2 che frequentano la classe IV della Scuola Primaria.

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

La vita quotidiana ad Atene

La vita quotidiana ad Atene laboratorio 8 Claudia Vinassa La vita quotidiana ad Atene Prerequisiti conoscere la storia di Atene nel v secolo sapere come era strutturata la famiglia in Grecia e qual era la condizione della donna collocare

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

La cenerentola Opera in musica di Gioacchino Rossini

La cenerentola Opera in musica di Gioacchino Rossini La cenerentola Opera in musica di Gioacchino Rossini Che cos è l Opera in musica L opera in musica (chiamata anche opera lirica o melodramma) è un genere teatrale nato a Firenze alla fine del Cinquecento.

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

TOUR GRECIA CLASSICA & METEORE 8 giorni / 7 notti

TOUR GRECIA CLASSICA & METEORE 8 giorni / 7 notti 2014/2015 TOUR GRECIA CLASSICA & METEORE 8 giorni / 7 notti Atene / Canale di Corinto / Epidauro / Micene / Nauplia / Olympia Arachova / Delfi / Kalambaka / Monasteri Bizantini delle Meteore / Termopili

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

GRAN TOUR DELLA GRECIA 9 giorni / 8 notti

GRAN TOUR DELLA GRECIA 9 giorni / 8 notti GRAN TOUR DELLA GRECIA 9 giorni / 8 notti 2014/2015 Atene / Canale di Corinto / Epidauro / Micene / Nauplia / Olympia / Arachova Delfi / Kalambaka / Meteore / Salonicco / Filippi / Kavala / Vergina / Termopili

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Rettangoli isoperimetrici

Rettangoli isoperimetrici Bruno Jannamorelli Rettangoli isoperimetrici Questo rettangolo ha lo stesso perimetro di quello precedente. E l area? È la stessa? Il problema di Didone Venere ad Enea: Poi giunsero nei luoghi dove adesso

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Distribuito da : Precept Minstry Italia. Traduzione a cura di Luigi Incarnato e Jonathan Sproloquio

Distribuito da : Precept Minstry Italia. Traduzione a cura di Luigi Incarnato e Jonathan Sproloquio 4 Minuti Cosa Uno studio biblico di sei settimane ci riserva il Futuro Precept Ministry International Kay Arthur George Huber Distribuito da : Precept Minstry Italia Traduzione a cura di Luigi Incarnato

Dettagli

L invenzione della scrittura

L invenzione della scrittura 42 2 L invenzione della scrittura Preistoria Dal passato ci giungono solo documenti materiali. 3300 a.c. Storia Dal passato ci giungono sia documenti materiali, sia documenti scritti. 2 La scrittura nasce

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Anthony De Mello Istruzioni di volo per aquile e polli

Anthony De Mello Istruzioni di volo per aquile e polli Anthony De Mello Istruzioni di volo per aquile e polli Traduzione di Marco Zappella Nota dell Editore: Il 22 agosto 1998 la Congregazione per la Dottrina della Fede ha emanato una Notificazione, qui pubblicata

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Libro gratuito di filosofia

Libro gratuito di filosofia Libro gratuito di filosofia La non-mente Introduzione Il libro la non mente è una raccolta di aforismi, che invogliano il lettore a non soffermarsi sul significato superficiale delle frasi, ma a cercare

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli