I bambini non sono un errore

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I bambini non sono un errore"

Transcript

1 Spedizione in abbonamento postale Roma, conto corrente postale n Copia 1,00 Copia arretrata 2,00 L OSSERVATORE ROMANO GIORNALE QUOTIDIANO Unicuique suum POLITICO RELIGIOSO Non praevalebunt Anno CLV n. 80 (46.918) Città del Vaticano giovedì 9 aprile y(7ha3j1*qsskkm( +,!z![!"!;! All udienza generale Papa Francesco parla della sofferenza dell infanzia I bambini non sono un errore Ai bambini «rifiutati, abbandonati, derubati della loro infanzia e del loro futuro», Papa Francesco ha dedicato la catechesi dell udienza generale di mercoledì 8 aprile, in piazza San Pietro. Completando la riflessione iniziata il 18 marzo scorso, il Pontefice ha voluto ricordare le tante «storie di passione» che segnano drammaticamente il mondo dell infanzia. Francesco ha invitato in particolare il mondo degli adulti a non scaricare sui piccoli le proprie colpe. «Questo è vergognoso!» ha esclamato ribadendo che «i bambini non sono mai un errore. La loro fame non è un errore, come non lo è la loro povertà, la loro fragilità, il loro abbandono». Semmai, ha aggiunto, «questi sono motivi per amarli di più, con maggiore generosità». Per il Papa «ogni bambino emarginato, abbandonato, che vive per strada mendicando e con ogni genere di espedienti, senza scuola, senza cure mediche, è un grido che sale a Dio e che accusa il sistema che noi adulti abbiamo costruito». Il Pontefice ha denunciato con parole nette la tragedia dei minori «preda dei delinquenti, che li sfruttano per indegni traffici o commerci, o addestrandoli alla guerra e alla violenza». E ha richiamato la condizione dell infanzia «anche nei Paesi cosiddetti ricchi», dove «tanti bambini vivono drammi che li segnano in modo pe- Il loro grido è un accusa al sistema degli adulti Tremilacinquecento minori intrappolati nel campo palestinese teatro di nuovi massacri da parte dell Is La tragedia di Yarmuk e dei suoi piccoli profughi DA M A S C O, 8. Notizie sempre più insistenti, sebbene al momento impossibili da verificare, riferiscono di un massacro in atto a Yarmuk, il quartiere periferico di Damasco da anni diventato un campo profughi palestinese e dove da giorni è in corso un attacco del cosiddetto Stato islamico (Is). Il quotidiano israeliano «Haaretz» riporta dichiarazioni del deputato arabo-israeliano Ahmed Tibi secondo il quale oltre mille profughi del campo sarebbero stati uccisi da quando è incominciato l attacco dell Is. Al tempo stesso, l Unicef (l agenzia dell Onu per l infanzia) parla di almeno tremilacinquecento Profughi palestinesi (Afp) bambini intrappolati a Yarmuk e paventa una nuova Srebrenica, in riferimento alla città bosniaca musulmana teatro nel luglio del 1995 del massacro di oltre ottomila persone a opera delle milizie serbo-bosniache. Le agenzie di stampa internazionali riportano testimonianze atroci di persone riuscite a fuggire da Yarmuk, come un ragazzo palestinese di sedici anni, Amjaad Yaaqub, che si è salvato per il fatto che i miliziani lo avevano creduto morto dopo averlo aggredito e picchiato. Il giovane ha raccontato atti di ferocia e di scherno da parte dei miliziani jihadisti su un cadavere mutilato. sante, a causa della crisi della famiglia, dei vuoti educativi e di condizioni di vita a volte disumane». Esiste dunque una «responsabilità sociale delle persone, di ognuno di noi, e dei Paesi» di fronte alle troppe «infanzie violate nel corpo e nell anima». In proposito il Pontefice ha richiamato la realtà dei «bambini con gravi difficoltà», invitando a non lasciare soli i loro genitori nel quotidiano percorso di assistenza e accompagnamento. E ha espresso preoccupazione per il prezzo che i piccoli pagano a causa di «vite logorate da un lavoro precario e malpagato, da orari insostenibili, da trasporti inefficienti». Finora è rimasta inascoltata la richiesta del Consiglio di sicurezza dell Onu di un accesso immediato a Yarmuk dove rimangono intrappolati almeno sedicimila civili. Secondo il responsabile in Siria dell O rganizzazione per la liberazione della Palestina (Olp), Anwar Abdel Hadi, duemila persone sono riuscite a fuggire in questi giorni e si trovano ora in aree controllate dalle forze del Governo di Damasco. Tutti i loro racconti concordano nel riferire di una situazione disperata. A Yarmuk non c è acqua, né cibo, né elettricità e le milizie dell Is, che ormai controllerebbero il novanta per cento dell area, stanno praticando sistematiche stragi di civili. Ieri l Olp ha inviato a Damasco un suo dirigente, Ahmed Majdalani, per incontrare responsabili del Governo siriano e trovare «i mezzi per offrire una protezione alla popolazione di Yarmuk». Proteste per quanto sta accadendo ai profughi palestinesi in Siria si sono registrate nella Striscia di Gaza. Le ultime notizie da Yarmuk sono di combattimenti ancora in atto tra gli assalitori e residui gruppi di difensori palestinesi. L Olp aveva chiesto «a tutti i movimenti di mettersi immediatamente d accordo per proteggere il campo dal tentativo di farne un teatro di battaglia», ma diverse fonti riferiscono di divisioni tra le fazioni palestinesi. Alcune di queste accusano il Fronte Al Nusra, di aver favorito l avanzata dei miliziani dell Is, respinti in un primo tempo dai gruppi di autodifesa del campo. In questo modo si avrebbe conferma di come i due gruppi jihadisti, che nell ultimo anno si erano ferocemente combattuti, abbiano ora stretto A colloquio con il cardinale Filoni di ritorno dalla missione in Iraq Il sassolino e la colomba GIANLUCA BICCINI A PA G I N A 7 I bambini, ha rimarcato, sono anche «le prime vittime» di «unioni immature e di separazioni irresponsabili»; e per di più «subiscono gli esiti della cultura dei diritti soggettivi esasperati, e ne diventano poi i figli più precoci». PAGINA 8 un alleanza. Del resto, anche la presidente di turno del Consiglio di sicurezza dell Onu, la giordana Dina Kawar, l altro ieri aveva parlato di gravi crimini commessi a Yarmuk sia dall Is sia dal Fronte Al Nusra, sottolineando la necessità di punire i resp onsabili. Lo spettro di Srebrenica, evocato per Yarmuk, si proietta intanto anche sulla città di Tikrit, il capoluogo della provincia irachena di Salahuddin riconquistato dalle truppe governative appoggiate da milizie sia sciite sia sunnite. Tutto conferma ormai che le fosse comuni trovate all interno del palazzo presidenziale e in altri due siti potrebbero contenere i corpi dei millesettecento soldati iracheni sommariamente uccisi il 12 giugno scorso dalle milizie dell Is che conquistarono la città. L Is aveva diffuso filmati di esecuzioni di massa nella base di Camp Speicher. È morto il cardinale Turcotte Mercoledì 8 aprile è morto il cardinale Jean-Claude Turcotte, arcivescovo emerito di Montréal, in Canada. Appresa la notizia il Papa ha inviato a monsignor Christian Lépine, arcivescovo di Montréal, il telegramma che pubblichiamo in una nostra traduzione. Avendo appreso con commozione della morte del Cardinale Jean- Claude Turcotte, Arcivescovo emerito di Montréal, porgo le mie sentite condoglianze a lei, e anche alla sua famiglia e ai suoi ex diocesani. Mentre celebriamo la Risurrezione del Signore, Lo supplico di accogliere nella luce della vita eterna questo Pastore fedele che ha servito la Chiesa con dedizione, non solo nella sua diocesi ma anche a livello nazionale come Presidente della Conferenza Episcopale del Canada, e al contempo è stato Civili bloccati nella città yemenita Situazione catastrofica ad Aden SAN A, 8. La situazione umanitaria è «catastrofica» ad Aden, la città portuale nel sud dello Yemen, teatro ormai da settimane di sanguinosi combattimenti tra i ribelli sciiti huthi e i sostenitori del presidente, Abd Rabbo Mansur Hadi, appoggiati da una coalizione guidata dall Arabia Saudita. A delineare la condizione in cui versa la popolazione della città è stato il portavoce del Comitato internazionale della Croce rossa a San a, Marie Clarie Feghali, che ha confermato l arrivo lunedì nel Paese del primo aereo con personale medico. «Il minimo che possiamo ha dichiarato il portavoce del Comitato è che la situazione è catastrofica e che la guerra è a ogni angolo». A causa dei combattimenti la maggior parte dei circa ottocentomila abitanti «non possono nemmeno scappare». I cadaveri «sono lasciati in strada, nessuno può avventurarsi per andare a rimuoverli». E la situazione «è anche peggiore negli ospedali», aggiunge il portavoce, la cui organizzazione ha invano chiesto una pausa umanitaria per portare aiuti alla pop olazione. Ed è di undici morti, otto ribelli sciiti e tre uomini delle forze fedeli al presidente yemenita, il bilancio degli odierni combattimenti per il controllo della città. Lo hanno riferito fonti militari, aggiungendo che i Comitati popolari, le milizie che affiancano le truppe di Hadi, hanno attaccato una postazione sciita nel quartiere settentrionale di Dar Saad. Alcuni media hanno riferito che le forze fedeli ad Hadi avrebbero ormai ripreso il controllo della città, con decine di miliziani sciiti che si sarebbero arresi e consegnati, ma la notizia non ha trovato conferme. Cortei in Kenya per ricordare gli studenti uccisi Cristiani e musulmani contro il terrorismo PAGINA 3 membro autorevole di diversi Dicasteri Romani. Pastore zelante e attento alle sfide della Chiesa contemporanea, ha partecipato attivamente al Sinodo dei Vescovi del 1994 su «La vita consacrata e la sua missione nella Chiesa e nel mondo», ed è stato uno degli attori principali del Sinodo del 1997 sull America. In pegno di conforto, imparto una particolare Benedizione apostolica a lei, alla famiglia del defunto Cardinale e ai suoi parenti, ai suoi ex diocesani di Montréal, come pure a tutte le persone che parteciperanno alla celebrazione delle esequie. Analogo telegramma è stato inviato dal cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato. PAGINA 6 Le forze fedeli al presidente yemenita, grazie all aiuto dei caccia della coalizione a guida saudita, avrebbero riconquistato la provincia di Abyen, nel sud dello Yemen. Oltre ai ribelli sciiti huthi, anche i militanti di Al Qaeda nella penisola arabica stanno sfruttando il caos per radicarsi nel Paese. Lo ha denunciato oggi il segretario alla Difesa americano, Ashton Carter, in una conferenza stampa a Tokyo. «La situazione nello Yemen è ancora ovviamente molto instabile e ci sono diverse parti in guerra ha osservato il capo del Pentagono Miliziani in azione ad Aden (Afp) gli huthi ma anche Al Qaeda, che stanno sfruttando il caos e l assenza di un Governo centrale». In particolare Carter ha espresso preoccupazione per il braccio qaedista: «Li vediamo avanzare sul territorio e conquistare nuove posizioni sulla linea del fronte e vediamo che Al Qaeda nella penisola arabica partecipa a questo tipo di combattimenti». Ovviamente, ha aggiunto, «è più facile condurre operazioni antiterrorismo quando sul posto c è un Governo stabile e disposto a cooperare, cosa che non esiste nello Yemen. Questo non significa che non continuiamo a prendere misure per proteggerci: lo facciamo, ma in un modo diverso». E infatti gli Stati Uniti hanno accelerato il trasferimento di armi alla coalizione che, guidata dai sauditi, sta fronteggiando l avanzata dei ribelli huthi in Yemen. Il segreto del successo dei romanzi di Haruki Murakami Nel paese delle meraviglie a portata di mano PABLO D ORS A PA G I N A 5 NOSTRE INFORMAZIONI Il Santo Padre ha accettato la rinuncia all ufficio di Ausiliare dell Arcidiocesi di Morelia (Messico), presentata da Sua Eccellenza Reverendissima Monsignor Octavio Villegas Aguilar, vescovo titolare di Cissita, in conformità ai canoni 411 e del Codice di Diritto Canonico.

2 pagina 2 L OSSERVATORE ROMANO giovedì 9 aprile 2015 L incontro tra il presidente iraniano Rohani e quello turco Erdoğan (Epa) Mentre l Unione europea critica le misure adottate da Atene C o n f ro n t o tra Tsipras e Putin ATENE, 8. Le misure di Atene stanno andando «nella direzione sbagliata» in quanto «non sono abbastanza mirate alla parte più debole della popolazione». Con queste parole, nel giorno in cui il premier greco, Alexis Tsipras, è a Mosca per incontrare il leader del Cremlino, Vladimir Putin, Incontro sul gas a Berlino tra Ue, Ucraina e Russia BRUXELLES, 8. Si terrà martedì prossimo, 14 aprile, a Berlino il nuovo incontro trilaterale sul gas tra Ucraina, Russia e Ue. Lo ha annunciato ieri la portavoce del vicepresidente della Commissione Ue responsabile per l unione energetica, Maroš Šefčovič. In agenda la questione del prezzo dei volumi del gas e il sostegno finanziario a Kiev, con l obiettivo di raggiungere un nuovo accordo sulle forniture dopo che il pacchetto invernale è giunto a scadenza a fine marzo. Intanto, sul piano economico, l inflazione in Ucraina è cresciuta in marzo del 10,8 per cento portandola su base annuale a 45,8 per cento, a conferma della grave crisi economica che attraversa il Paese a un anno dall inizio del conflitto armato con i separatisti filorussi nell est che ha provocato oltre seimila vittime. Nel frattempo, il Governo ucraino ha approvato lo schema di ristrutturazione del debito che verrà sottoposto nei prossimi giorni ai creditori. Non sono ancora noti i dettagli della proposta di Kiev. Il raggiungimento di un accordo con i creditori è tra le condizioni del prestito da quaranta miliardi di dollari offerto il mese scorso al Paese dal Fondo monetario internazionale. L intesa andrà quindi chiusa entro fine maggio. Accelera in Spagna la ripresa economica MADRID, 8. La ripresa spagnola accelera. È sceso ieri brevemente in territorio negativo il rendimento dei titoli di Stato spagnoli a due anni. Il tasso è calato infatti a meno 0,019 per cento prima di risalire al più 0,007 per cento, secondo i dati diffusi dall agenzia Blo omb erg. A portare in territorio negativo i tassi sottolineano gli analisti economici è il programma di acquisti di titoli di Stato dei Paesi membri (quantitative easing) portato avanti dalla Banca centrale europea (Bce). Il Governo di Madrid ha anche venduto in asta 725 milioni di euro di titoli a sei mesi, col rendimento sotto lo zero per la prima volta a meno 0,002 per cento. Il dato positivo sui titoli di Stato si lega a quello, pubblicato pochi giorni fa, sulla disoccupazione: il mese scorso, marzo, il numero delle persone senza lavoro in Spagna è sceso di unità attestandosi a persone con una riduzione in termini percentuali, rispetto a febbraio, dell 1,3 per cento. l Ue attacca duramente la linea dell Esecutivo ellenico, chiedendo riforme più chiare e incisive. Da Bruxelles sottolineano che «non ci sono stati molti sviluppi sulla lista in queste settimane» e che ci sono «molte domande senza risposta». I contatti tra Grecia e Ue sono ancora ufficialmente in corso, ma la Commissione Ue ha smentito ieri la notizia circa un possibile incontro bilaterale tra il ministro delle Finanze greco, Yanis Varoufakis, e il commissario Ue per gli Affari economici e monetari, Pierre Moscovici. I rapporti restano tesi, anche se i presupposti del dialogo ci sono: «Ci sono stati contatti durante il fine settimana e ci saranno nei prossimi giorni; oggi ci sarà una riunione dell e u ro working group che sarà una buona occasione per fare il punto della situazione» ha dichiarato un portavoce Ue. E in questo scenario di certo non aiuta la distensione l odierna visita del premier ellenico Tsipras al Cremlino. Oggi ha incontrato Putin, mentre domani è in programma il colloquio con il premier Dmitri Medvedev e un intervento all università. Gli analisti sottolineano che Atene sta cercando di sottrarsi all influenza di Bruxelles guardando verso Mosca, e questo certamente alla Commissione Ue in piena crisi ucraina non può certo piacere. «Futuri possibili accordi bilaterali» tra Grecia e Russia sullo stop al bando dell esportazioni per i prodotti agricoli greci «sono per il momento speculazioni» ha detto un portavoce della Commissione Ue in vista dell incontro di oggi a Mosca. «La politica commerciale è una competenza esclusiva dell Ue» ha quindi ricordato il portavoce, sottolineando la necessità di «un uguale trattamento di tutti gli Stati membri» e che questi «parlino con una voce sola» nei confronti di Mosca. Le offerte più plausibili che Putin potrebbe fare a Tsipras sono uno sconto sulle forniture di gas e nuovi prestiti. Come riferisce il quotidiano «Kommersant» citando una fonte nel Governo russo, in cambio Mosca potrebbe chiedere l accesso a titoli di Stato greci non meglio specificati. Nel 2003 Gazprom voleva acquistare Depa, l azienda statale greca del gas, ma poi lasciò cadere la sua offerta per non aver ricevuto sufficienti garanzie sulla sua posizione finanziaria. Intanto Atene ha stimato che la Germania deve un risarcimento di 279 miliardi di euro per l o ccupazione nazista durante la seconda guerra mondiale. Come riferisce la Bbc, citando il vice ministro delle Finanze Dmitris Mardas, è la prima volta che la Grecia calcola ufficialmente ciò che la Germania deve per le atrocità naziste e i saccheggi effettuati negli anni Quaranta. Il primo ministro Tsipras aveva già sollevato la questione con il cancelliere Merkel a Berlino il mese scorso. Il premier greco Tsipras insieme al presidente russo Putin (Epa) Nessun pericolo di radiazioni nel porto di Severodvinsk Spento l incendio su un sottomarino nucleare MOSCA, 8. Nessun pericolo di radiazioni in seguito all incendio esploso in un sottomarino nucleare russo nel cantiere navale di Zvyozdochka, nel porto sul Mar Bianco di Severodvinsk, in Russia. Lo ha reso noto ieri il ministero della Difesa russo spiegando che il reattore era stato spento più di un anno fa e che a bordo della nave non c era più combustibile nucleare. Le fiamme, provocate da una saldatrice, sono state spente dai so ccorritori. «Il combustibile nucleare era stato scaricato. I reattori spenti. Nessun lavoratore né alcun membro dell equipaggio è rimasto ferito», ha riferito all agenzia Ria Novosti Ilya Zhitomirsky, portavoce della United Shipbuilding Corporation (Usc), che gestisce il cantiere. Dopo diversi tentativi di circoscrivere le fiamme, i soccorritori hanno deciso di inondare il bacino di carenaggio dove si trova il sottomarino. L unità si chiama Oryol ed è il terzo sottomarino del progetto 949A Antey della Marina russa. Entrato in servizio nel 1992 è normalmente dotato di sei tubi lanciasiluri e di 24 tubi verticali per il lancio di missili da crociera armati sia con testata nucleare che convenzionale, con una gitatta massima di chilometri. L Oryol è lungo 155 metri e presenta due reattori. Era in riparazione dal novembre 2013; i lavori sarebbero dovuti durare un paio d anni. Otto memorandum d intesa siglati durante la visita di Erdoğan in Iran Ankara e Teheran rilanciano la cooperazione TEHERAN, 8. Iran e Turchia hanno firmato ieri otto memorandum di intesa per espandere la propria cooperazione economica e politica. Lo ha riferito l agenzia Irna, precisando che alla cerimonia hanno partecipato il presidente turco Recep Tayyp Erdoğan e il presidente iraniano Hassan Rohani. Entrambi i leader hanno commentato l avvenimento come un passo significativo per il rafforzamento della cooperazione tra i due Paesi. La visita ufficiale di Erdoğan a Teheran anche se osteggiata da alcuni ambienti iraniani per le frizioni che hanno spesso segnato le relazioni bilaterali ha dimostrato come la volontà di perseguire gli interessi comuni abbia superato le pur forti divergenze tra i due Paesi. Come quelle connesse al conflitto siriano e i più recenti contrasti sulla crisi in atto nello Yemen. E proprio le questioni yemenita e siriana, unitamente alla situazione in Iraq, sono state occasioni di confronto, e in qualche modo anche di contatto tra le parti, che hanno concordato sulla necessità di operare per porre fine agli spargimenti di sangue. Ma la visita del presidente turco nella capitale iraniana sembra aver avuto, risvolti prevalentemente commerciali. Attualmente l interscambio tra i due Paesi ammonta a circa quattordici miliardi di dollari, e riguarda per lo più beni e petrolio iraniani venduti alla Turchia. Grazie alle intese di ieri il volume di affari potrebbe aumentare fino a toccare i trenta miliardi di dollari annui. Anche se come segnala l agenzia Ap Erdoğan ha chiesto una riduzione del prezzo del gas naturale importato dall Iran. Secondo l analista iraniano Barham Amir-Ahmadian, intervenuto sul quotidiano «Iran Daily», Teheran e Ankara hanno bisogno l una dell altra: «L Iran ha bisogno della Polemiche in Malaysia sulla legge antiterrorismo KUA L A LUMPUR, 8. È stata approvata ieri in Malaysia una controversa legge che consente alle autorità di tenere in prigione i sospettati di terrorismo senza processo per un massimo di due anni. Settantanove i voti a favore, sessanta i contrari. Secondo quanto riporta l agenzia di stampa malese Bernama, la norma è stata approvata al termine di un dibattito durato dodici ore. Durissime critiche sono giunte dalle forze di opposizione, secondo le quali c è il rischio che la norma possa essere utilizzata anche a scopi politici, ovvero per eliminare dissidenti e personaggi scomo di. L approvazione della norma hanno dichiarato rappresentanti dell opposizione r a p p re s e n t a «un enorme passo indietro per i diritti umani in Malaysia». Diverso il parere del ministro dell Interno malese, Ahmad Zahid Hamidi, secondo cui la nuova legge deve essere considerata come uno degli sforzi che il Governo sta compiendo per affrontare la crescente minaccia dell estremismo legato al cosiddetto Stato islamico. Per avvalorare quest idea, durante l ultima ora del dibattito per l approvazione della norma, Ahmad Turchia per aver accesso all E u ro p a e trasportare risorse come gas e olio, e la Turchia ha bisogno dell Iran per aver accesso all Asia centrale». Come sottolineano molte fonti di stampa internazionali, la visita di Stato del presidente di Erdoğan arriva a pochi giorni dall accordo faticosamente raggiunto a Losanna tra la comunità internazionale e il Governo iraniano sul programma nucleare di Teheran. Prima revisione dopo diciassette anni Nuove linee guida di Difesa tra Giappone e Stati Uniti TO KY O, 8. La revisione delle linee guida sulla Difesa tra Stati Uniti e Giappone trasformerà questa storica alleanza, «ampliando le opportunità delle forze armate americane e di quelle di autodifesa nipponiche alla cooperazione senza soluzione di continuità». Questo il messaggio lanciato ieri dal segretario alla Difesa americano, Ashton Carter, durante la conferenza stampa a Tokyo con il ministro della Difesa nipponico, Gen Nakatani, per annunciare appunto la revisione, la prima in 17 Zahid Hamidi ha fornito al Parlamento i dettagli sull arresto di un gruppo di 17 persone accusate di aver pianificato attacchi nella capitale Kuala Lumpur, nei confronti di polizia ed esercito, e accusate di voler rapire funzionari di alto profilo. Due dei 17 arrestati erano rientrati recentemente dalla Siria. Le autorità della Malaysia, nazione a maggioranza musulmana, hanno ripetutamente lanciato l allarme sulla minaccia posta dal fondamentalismo islamico sulla scia del cosiddetto Stato islamico. Il capo della polizia ha specificato che gli arresti erano stati eseguiti lunedì scorso, ma senza fornire ulteriori dettagli né sulla nazionalità delle persone arrestate né sull azione che stavano pianificando. Secondo dati diffusi lo scorso gennaio dalla polizia, 120 persone sono detenute in Malaysia con l accusa di essere legate al cosiddetto Stato islamico, o di esserne simpatizzanti, e 67 cittadini malaysiani combattono con le milizie dell Is in Siria e Iraq. Nei giorni scorsi il direttore dell agenzia antiterrorismo, Ayub Khan Mydin, aveva denunciato il rischio di attacchi imminenti da parte dei miliziani dell Is in Malaysia. anni, delle linee guida sulla cooperazione nel settore della difesa. Carter ha assicurato che il nuovo assetto «aiuterà a rispondere in modo flessibile alle sfide che abbiamo di fronte nella regione Asia-Pacifico e in giro per il mondo». Carter, che in settimana andrà in Corea del Sud, è impegnato nel suo primo viaggio in Asia dopo la nomina a segretario alla Difesa avvenuta a febbraio. La revisione delle linee guida sulla Difesa è stata annunciata anche in vista dei colloqui due più due che coinvolgono i ministri degli Esteri e della Difesa dei due Paesi, in programma nella capitale americana il 27 aprile prossimo. Come sottolineano gli analisti, la revisione delle linee guida, che dovrebbero essere formalmente approvate nelle prossime tre settimane, arriva in una fase in cui il Giappone e altri Paesi asiatici, come le Filippine, sperimentano l attivismo crescente della Cina nella regione sulle rivendicazioni territoriali. Ribadendo la posizione del presidente statunitense, Barack Obama, Carter ha assicurato che le isole Senkaku, controllate dal Giappone e rivendicate dalla Cina, ricadono nell ambito del trattato di sicurezza tra Giappone e Stati Uniti. Washington si oppone con forza a «qualsiasi azione coercitiva unilaterale che punta a minare» lo status quo e l amministrazione nipponica del piccolo arcipelago disabitato nel mar Cinese orientale. Se gli Stati Uniti non prendono posizione sulle dispute territoriali, c è però la «forte opposizione contro la militarizzazione» dei contenziosi. Le linee guida dovrebbero definire un quadro che vede il Giappone giocare un ruolo più importante nella sicurezza regionale. A tal proposito, Carter ha espresso apprezzamento per l appro ccio attivo che il premier giapponese, Shinzo Abe, intende dare alle forze di autodifesa allentando le restrizioni costituzionali sull uso delle forze armate anche fuori dai confini nazionali. E tra le principali sfide in Asia c è quella della Corea del Nord. L OSSERVATORE ROMANO GIORNALE QUOTIDIANO Unicuique suum Città del Vaticano o r n e o s s ro m.v a w w w. o s s e r v a t o re ro m a n o.v a POLITICO RELIGIOSO Non praevalebunt GI O VA N N I MARIA VIAN direttore responsabile Giuseppe Fiorentino v i c e d i re t t o re Piero Di Domenicantonio cap oredattore Gaetano Vallini segretario di redazione Servizio vaticano: Servizio internazionale: Servizio culturale: Servizio religioso: Servizio fotografico: telefono , fax w w w. p h o t o.v a Segreteria di redazione telefono , fax s e g re t e r i o s s ro m.v a Tipografia Vaticana Editrice L Osservatore Romano don Sergio Pellini S.D.B. direttore generale Tariffe di abbonamento Vaticano e Italia: semestrale 99; annuale 198 Europa: 410; $ 605 Africa, Asia, America Latina: 450; $ 665 America Nord, Oceania: 500; $ 740 Abbonamenti e diffusione (dalle 8 alle 15.30): telefono , fax , , d i f f u s i o n o s s ro m.v a Necrologie: telefono , fax Concessionaria di pubblicità Il Sole 24 Ore S.p.A. System Comunicazione Pubblicitaria Ivan Ranza, direttore generale Sede legale Via Monte Rosa 91, Milano telefono /3003, fax s e g re t e r i a d i re z i o n e s y s t e i l s o l e 24 o re. c o m Aziende promotrici della diffusione Intesa San Paolo Ospedale Pediatrico Bambino Gesù Banca Carige Società Cattolica di Assicurazione Credito Valtellinese

3 giovedì 9 aprile 2015 L OSSERVATORE ROMANO pagina 3 Cortei in Kenya per ricordare gli studenti uccisi Cristiani e musulmani contro il terrorismo NAIROBI, 8. Migliaia di cristiani e musulmani sono scesi in piazza e hanno marciato uniti ieri in Kenya in ricordo delle 148 vittime, in maggioranza studenti cristiani, dell attacco terroristico sferrato giovedì scorso dal gruppo islamista somalo Agguato jihadista nella regione tunisina di Kasserine TUNISI, 8. È di quattro militari uccisi e nove feriti il bilancio ufficiale dell ennesimo agguato jihadista compiuto ieri nella regione occidentale tunisina di Kasserine. L imboscata è avvenuta nella località di Ain Zayene, alle pendici del monte Mghila, a circa quindici chilometri dalla cittadina di Sbeitla. Secondo quanto riferito dal ministero della Difesa tunisino sono stati attaccati veicoli dell esercito impegnati in un operazione appunto contro i gruppi jihadisti. Un comunicato ministeriale precisa che a tendere l agguato sono stati otto uomini armati di mitra. In precedenza, l agenzia di stampa Tap, citando a sua volta fonti militari, sia pure anonimamente, aveva sostenuto invece che il gruppo armato aggressore era forte di almeno trentacinque combattenti. Nella regione di Kasserine, al confine con l Algeria, si scontrano regolarmente gruppi jihadisti e forze armate tunisine che nel dicembre 2012 hanno lanciato un operazione per neutralizzarli. Da allora, sono già stati una sessantina i soldati uccisi in imboscate o dall esplosione di mine. Il gruppo più attivo nella regione è la brigata Okba ibn Naafta, decimata da un op erazione delle forze speciali tunisine il 29 marzo scorso. Secondo le autorità di Tunisi proprio questo gruppo è responsabile dell attentato al museo del Bardo del 18 marzo scorso, in cui sono morte 22 persone, in maggioranza turisti stranieri. Sul piano politico e diplomatico, intanto, è incominciata ieri la visita di due giorni a Parigi del presidente tunisino, Beji Caïd Essebsi, che ha firmato con quello francese, François Hollande, una serie di accordi di cooperazione. Tra i temi in agenda della visita di Essebsi ci sono la sicurezza e la lotta al terrorismo, ma anche la conversione da parte di Parigi di sessanta milioni di euro di debito tunisino in progetti di sviluppo nel Paese maghrebino. Al Shabaab nel campus dell università di Garissa. I tre giorni di lutto nazionale dichiarati dal Governo si sono conclusi con manifestazioni che hanno raccolto l invito dei responsabili delle comunità cristiane e musulmane del Paese a mostrare unità e solidarietà contro la minaccia del terrorismo. Il presidente del Consiglio supremo dei musulmani kenyani, Abdullahi Salat, parlando a nome dei vari leader religiosi della regione di Garissa, a maggioranza islamica, ha ricordato che «gli assassini non possono essere considerati credenti dell islam», invitando la popolazione a collaborare con la polizia nella caccia ai terroristi, ma anche le organizzazioni musulmane a identificare le scuole coraniche che propagano le idee jihadiste. A Garissa sono scesi in strada circa duemilacinquecento studenti, in gran parte proprio dell università teatro della strage. Nella capitale Nairobi, studenti abbigliati in nero per ricordare quelli uccisi hanno sfilato in un corteo scandendo slogan ABUJA, 8. Le forze di sicurezza nigeriane hanno completato l op erazione lanciata la settimana scorsa contro le basi di Boko Haram ad Alagarno, nello Stato nordorientale del Borno, considerato la roccaforte del gruppo jihadista. Il portavoce del ministero della Difesa, il generale Chris Olukolade, nel dare notizia della distruzione delle basi, ha riferito che sono contro Al Shabaab. I manifestanti si sono anche fermati davanti al palazzo presidenziale chiedendo risarcimenti per le famiglie delle vittime, la costruzione di un memoriale e maggiore sicurezza nelle università e in tutto il Paese. Quando il corteo è passato davanti alla questura molti giovani hanno scandito slogan di protesta, rinnovando le polemiche che avevano investito polizia e militari accusati di essere intervenuti ore dopo l assalto di Al Shabaab al campus di Garissa. Il Governo di Nairobi aveva respinto decisamente tale accusa. Nel frattempo, sono comparsi in tribunale cinque kenyani arrestati nell ambito dell inchiesta sul massacro. Secondo gli inquirenti gli arrestati avrebbero fornito armi ai quattro terroristi poi uccisi nel blitz delle forze speciali a Garissa. Si indaga anche su un sesto sospettato, un cittadino della Tanzania, Rashid Charles Mberekesho, in stato di fermo a Garissa. Completata con successo un operazione delle forze di sicurezza nigeriane ad Alagarno Distrutte basi di Boko Haram state sequestrate diverse armi di vario calibro, anche pesanti, e attrezzat u re. L operazione viene considerata particolarmente importante dall esercito nigeriano e anche da diversi osservatori. Alagarno era infatti uno snodo cruciale per Boko Haram per raggiungere i villaggi e le città circostanti obiettivo dei suoi attacchi. La Rifugiati nigeriani in un campo allestito dall Onu in Ciad (Afp) L Eliseo toglie il segreto di Stato sugli archivi relativi al genocidio del 1994 In cerca di verità per il Rwanda PARIGI, 8. Nel giorno del ventunesimo anniversario dell inizio del genocidio rwandese, la presidenza della Repubblica francese ha comunicato la rinuncia al segreto di Stato sui documenti riguardanti il Rwanda per il periodo Fonti citate dalle agenzie di stampa riportano che il segretario generale dell Eliseo, Jean- Pierre Jouyet, ha firmato la decisione della rinuncia al segreto su tali documenti. Si tratta del contenuto di archivi provenienti da consiglieri dell allora presidente località si trova nella foresta di Sambisa, dove da sempre i miliziano jihadisti hanno propri rifugi, non facilmente raggiungibili. Nella foresta di Sambisa, secondo diverse fonti, potrebbero essere tenute prigioniere le oltre duecento studentesse sequestrate un anno fa da Boko Haram nel dormitorio di una scuola di Chibok, sempre nel Borno, e delle quali da allora non si hanno notizie certe. Negli ultimi due mesi, dopo anni di sostanziali insuccessi, le truppe nigeriane hanno inflitto a Boko Haram pesanti sconfitte, favorite anche dall invio nel Paese di una forza africana di circa ottomila soldati alla quale forniscono contingenti Benin, Camerun, Ciad e Niger. Il gruppo jihadista, comunque, ancora negli ultimi giorni ha dimostrato di essere ancora in grado di colpire, sia con attacchi armati alle popolazioni inermi sia con attentati terroristici. L ultima strage è stata compiuta l a l t ro ieri nel villaggio di Kwajafa, nella parte meridionale del Borno, dai miliziani che vi erano penetrati travestiti da predicatori. La minaccia di Boko Haram è argomento del vertice straordinario della Comunità economica degli Stati dell Africa occidentale (Ecowas) che si sta tenendo oggi a Malabo, la capitale della Guinea Equatoriale. Diversi osservatori prevedono che l Ecowas decida il sostegno militare e logistico tanto per le forze di Abuja quanto per quelle africane già impegnate in Nigeria. Non è chiaro ancora se questo comporti l invio di altre truppe, ma l Ecowas ha sottolineato la volontà di affrontare la questione visti gli attacchi «sempre più numerosi e sanguinosi contro la Nigeria, il Niger, il Camerun e il Ciad». François Mitterrand e di resoconti di consigli ristretti della Difesa tenuti in quegli anni. Dal 6 aprile alla metà di luglio del 1994 in Rwanda vennero massacrati da bande armate di etnia hutu oltre ottocentomila tutsi, oltre a migliaia di hutu moderati che cercarono di opporsi al genocidio. Negli anni successivi sia l Onu, sia i Governi di Paesi come il Belgio e la Francia, hanno ammesso di aver sottovalutato i segnali di pericolo che arrivavano dal Rwanda. Si riaccendono le violenze nel Nord Kivu KINSHASA, 8. Si riaccendono le violenze nel Nord Kivu, la provincia orientale della Repubblica Democratica del Congo, da decenni teatro dei più sanguinosi scontri dell irrisolta crisi della regione dei Grandi Laghi. Nove militari congolesi sono rimasti uccisi in un imboscata a Karenga, appunto nel Nord Kivu, probabilmente condotta da elementi delle Forze democratiche di liberazione del Rwanda (Fdlr), il gruppo ribelle hutu che riparò oltre confine dopo il genocidio dei tutsi in Rwanda del Secondo Radio Okapi, l emittente della missione dell Onu, i militari stavano raggiungendo Karenga da Masisi per prendere in consegna una ventina di prigionieri, uomini delle Fdlr, quando il mezzo sul quale viaggiavano è stato colpito da due razzi. Tra le vittime c è il colonnello Raphael Bawili, comandante delle truppe dispiegate a Masisi,. Il generale Mushale, comandante delle operazioni in Nord Kivu, ha dichiarato che i guerriglieri «sono stati in grado di portare a termine quest imboscata perché un certo numero di congolesi continua a collaborare con loro». Le Fdlr, ha ammesso l alto ufficiale «non sono state sradicate dal territorio congolese, nonostante che da tempo sia in atto un offensiva contro di loro». Washington pronta a cancellarla dall elenco dei «Paesi canaglia» Cuba fuori dalla lista nera statunitense WASHINGTON, 8. L Amministrazione è pronta a cancellare Cuba dalla lista nera dei «Paesi canaglia», quelli accusati di sostenere il terrorismo. Il presidente Barack Obama si accingerebbe a darne l annuncio ufficiale nell imminente vertice delle Americhe che venerdì e sabato riunirà a Panamá i capi di Stato e di Governo dell Organizzazione degli Stati americani (Osa). Di ufficiale ancora non c è nulla, ma le informazioni lasciate filtrare dalla Casa Bianca lasciano ben pochi dubbi. «La nostra aspettativa è che Cuba venga tolta dalla lista nera», ha detto alla Cnn un funzionario protetto dall anonimato, secondo il quale il Dipartimento di Stato dovrebbe presentare una richiesta in questo senso a Obama forse già oggi. Del resto, già nei giorni scorsi il vice consigliere per la sicurezza nazionale, Ben Rhodes, aveva dichiarato che il dipartimento di Stato ha quasi completato la sua revisione della lista per quanto riguarda Cuba, e non aveva escluso un annuncio entro questa settimana. Cioè in tempo per il vertice dell O sa. A Panamá Obama incontrerà il presidente cubano, Raúl Castro, per la prima volta ufficialmente, dopo il breve saluto scambiato l anno scorso ai funerali di Nelson Mandela. Di una sicura interazione tra Obama e Castro in questa circostanza aveva parlato tre giorni fa Roberta Jacobson, che guida la delegazione statunitense impegnata nei colloqui con quella dell Avana per arrivare al ripristino delle relazioni diplomatiche interrotte da oltre mezzo secolo. Jacobson non aveva comunque specificato se tale interazione preveda incontri bilaterali. L iscrizione di Cuba nella lista nera dei Paesi che sponsorizzano il terrorismo è stata finora uno dei maggiori ostacoli alla riapertura dell ambasciata statunitense all Avana e di quella cubana a Washington in questi mesi seguiti all annuncio dato il 17 dicembre scorso da Obama e Castro della volontà di normalizzare i rapporti. In ogni caso, anche se il presidente statunitense accetterà, come è prevedibile, la richiesta del dipartimento di Stato, il Congresso avrà poi 45 giorni di tempo per approvare la decisione. Lo stesso Ben Rhodes ha esortato alla prudenza riguardo ai tempi della riapertura delle ambasciate. «Quando come in questo caso due Paesi non si sono parlati per oltre cinquant anni c è molto lavoro da fare per superare diverse questioni», ha detto. Incriminato un poliziotto bianco Ancora tensioni razziali negli Stati Uniti WASHINGTON, 8. Ancora episodi di violenza razziale legati alle forze dell ordine statunitensi. Un poliziotto bianco è stato arrestato e incriminato per omicidio nella Carolina del Sud per aver ucciso un uomo nero non armato che, in base a quanto si vede in un video, stava fuggendo. L episodio è avvenuto sabato scorso nella città di North Charleston. L ufficiale ha sostenuto la versione secondo la quale sarebbe stato costretto a sparare al cinquantenne perché temeva per la sua vita dopo che l uomo gli aveva sottratto la pistola di stordimento durante un controllo stradale. Tuttavia un video che è stato diffuso dal «New York Times» e da altri media statunitensi dimostra che l ufficiale ha sparato all uomo più volte alla schiena mentre stava scappando. In totale riportano le fonti sono stati contati otto colpi. Nel filmato si vede poi l agente che sembra raccogliere un piccolo oggetto dall erba e farlo cadere accanto alla vittima. Le accuse sono state depositate dagli inquirenti mentre sono ancora vive le polemiche sulle violenze in Missouri e New York dove agenti di polizia bianchi non sono mai stati incriminati per la morte di afroamericani. Il dibattito sulla diffusione della violenza razziale nella polizia statunitense è tornato di attualità la scorsa estate dopo l uccisione a Ferguson di Michael Brown, il diciottenne nero assassinato, mentre era disarmato, da un agente bianco. L episodio scatenò un ondata di proteste in tutti gli Stati Uniti. Imb oscata contro la polizia in Messico CITTÀ DEL ME S S I C O, 8. Strage di poliziotti in Messico, dove un convoglio della sicurezza è caduto in un agguato teso dai miliziani dei cartelli della droga. Sono morti 15 agenti, mentre cinque sono rimasti feriti, vicino al villaggio di Soyatán lungo l autostrada che conduce a Guadalajara. I miliziani hanno aspettato il convoglio in un accampamento nei pressi dell autostrada. In vista del passaggio della carovana, hanno bloccato l arteria stradale e incendiato l area. Poi hanno aperto il fuo co. Si sospetta che gli autori del massacro siano elementi del cartello Jalisco. Si tratta del più pesante attacco contro la polizia in un solo giorno dall inizio della presidenza di Enrique Peña Nieto.

4 pagina 4 L OSSERVATORE ROMANO giovedì 9 aprile 2015 Il pastore luterano simbolo della resistenza tedesca al nazismo fu ucciso su ordine diretto di Hitler nel campo di concentramento di Flossenbürg A settanta anni dalla morte di Dietrich Bonhoeffer Pa u r a dell infinito Scritti inediti di Dietrich Bonhoeffer, ucciso nel campo di concentramento di Flossenbürg il 9 aprile 1945, sono appena apparsi nel volume dal titolo La fragilità del male (Milano, Piemme, 2015, pagine 176, euro 17,50). Pubblichiamo uno stralcio dal primo capitolo. di L DIETRICH BONHOEFFER a paura è in un certo qual modo il nostro principale nemico. Essa si annida nel cuore dell uomo e lo mina interiormente finché egli crolla improvvisamente, senza opporre resistenza e privo di forza. Corrode e rosicchia di nascosto tutti i fili che ci uniscono al Signore e al prossimo. Quando l essere umano in pericolo tenta di aggrapparsi alle corde, queste si spezzano, ed egli, Dietrich Bonhoeffer indifeso e disperato, si lascia cadere tra le risate dell inferno. Allora la paura lo guarda sogghignando e gli dice: ora siamo soli, tu e io, e ora ti mostro il mio vero volto. Chi ha conosciuto e si è abbandonato a questo sentimento in un orribile solitudine la paura di fronte a una grave decisione, la paura di un destino avverso, la preoccupazione per il lavoro, la paura di un vizio a cui non si può più opporre resistenza e che rende schiavi, la paura della vergogna, la paura di un altra persona, la paura di morire sa che è soltanto una maschera del male, una forma in cui il mondo ostile a Dio cerca di ghermirlo. Non c è nulla nella nostra vita che ci renda evidente la realtà di queste forze ostili al Creatore come questa solitudine, questa fragilità, questa nebbia che si diffonde su ogni cosa, questa mancanza di vie di uscita e questa folle agitazione che ci assale quando vogliamo uscire da questa terribile disperazione. Avete mai visto qualcuno assalito dalla paura? Il suo viso è orribile quando è bambino e continua a essere spaventoso anche da adulto: quella fissità dello sguardo, quel tremore animalesco, quella difesa supplichevole. La paura fa perdere all uomo la sua umanità. Non sembra più una creatura di Dio, ma del diavolo; diventa un essere devastato, sottomesso. Abbiamo paura della quiete. Siamo così abituati all agitazione e al rumore, che il silenzio ci appare minaccioso e lo rifuggiamo. Passiamo da un attività all altra per non dover stare soli, per non essere costretti a guardarci allo specchio. Ci annoiamo, a tu per tu con noi stessi. Spesso le ore che siamo costretti a trascorrere in solitudine ci sembrano le più tristi e le meno fruttuose. Ma non abbiamo soltanto il timore di noi e di scoprirci; temiamo molto di più l O nnipotente. Vorremmo evitare che disturbi la nostra tranquillità e ci smascheri, creando un rapporto esclusivo a due per poi disporre di noi secondo la sua volontà. Questo incontro misterioso ci preoccupa e cerchiamo di sottrarci a questa esperienza. Ci teniamo alla larga dal pensiero di Dio, per evitare che Egli arrivi inaspettatamente e ci rimanga troppo vicino. Sarebbe terribile doverlo guardare negli occhi e doversi giustificare. Dal nostro volto potrebbe scomparire per sempre il sorriso. Potrebbe, per Se ci lambicchiamo il cervello ci procuriamo soltanto grandi tormenti: sappiamo bene che questo atteggiamento conduce alla disperazione e non al sollievo. Quindi è necessario percorrere un altra via: non quella della conoscenza di sé, ma il dominio e la formazione di sé attraverso la volontà. Perché il problema della debolezza è così importante? Hai mai visto nel mondo un mistero più grande dei poveri, dei vecchi, dei malati. Hai mai pensato a come appare la vita a uno storpio, a un infermo senza speranza, a una persona sfruttata, a un nero in un ambiente di bianchi, a un intoccadito?». Non domanderà se eravamo tedeschi o ebrei, se eravamo nazisti oppure no, e nemmeno se facevamo parte della Chiesa confessante, se eravamo persone influenti e di successo, se possiamo vantarci di grandi opere, se eravamo rispettati oppure malvagi, insignificanti, inutili e sconosciuti. Il nostro unico giudice sarà il Va n g e l o. Perché io sono proprio io? Che cosa sono davvero? Chi sono? Perché esisto? Da dove arrivo? Qual è il mio fine? Cosa ne sarà di me? Sono queste le domande che l umanità si pone da sempre. L uomo si sente aggredito da una forza superiore, da tutto un mondo, dal suo stesso io; allora comincia a indagare, a cercare, ad arrovellarsi e procede di scoperta in scoperta, sentendosi sempre più inquieto. Di fronte a se stesso viene colto da una grande paura. Per la prima volta è toccato dalla miseria dell essere umano e il cuore si contrae nella consapevolezza della sua mancanza di li- di GI A N PA O L O RO M A N AT O Da molti anni don Francesco Trolese è figura di spicco del mondo monastico italiano ed europeo. Attualmente è abate dell abbazia di Santa Giustina di Padova, dopo essere stato per molti anni alla guida della sua biblioteca. Inoltre è direttore del Centro storico benedettino italiano e della collana Italia benedettina, nonché professore Sono pagine suggestive dedicate a monaci, libri e università Alla smemorata cultura d oggi ricordano quanto il sapere debba ai religiosi nell Istituto di liturgia pastorale, che ha sede nella medesima abbazia padovana ed è incorporato nel Pontificio ateneo di Sant Anselmo di Roma. Ora, giunto alla soglia dei 75 anni, la Societas veneta per la storia religiosa, libera associazione di studiosi che opera da alcuni decenni a Santa Giustina e di cui Trolese è stato dalla fondazione magna pars, ha voluto onorarlo pubblicando una raccolta dei suoi scritti, che appare come primo volume della nuova serie della collana Italia Sacra, fino- una volta, accadere qualcosa di molto serio a cui non siamo più abituati. Questa paura è una caratteristica della nostra epoca. Viviamo con l ansia di essere improvvisamente avvolti e manovrati dall infinito. Allora preferiamo vivere in società, andare al cinema o a teatro per poi essere portati al cimitero, piuttosto che rimanere un minuto di fronte al Signore. Nell Apocalisse di san Giovanni leggiamo: «Temete Dio e dategli gloria, perché è giunta l ora del suo giudizio» (14, 7). «Temete Dio», invece delle cose che vi fanno paura. Non temete il futuro, non temete gli altri uomini. Non temete la violenza e la forza, anche se possono privarvi dei vostri beni e della vostra vita. Non temete i potenti di questo mondo. Non temete nemmeno voi stessi. Non temete i peccati. Morirete a causa di tutti questi timori. Liberatevi da queste paure, ma temete Dio e soltanto Lui, che ha autorità su tutti i poteri terreni. Davanti a Lui deve provare timore tutta la Terra. Può darci la vita o privarcene. Tutto il resto non ha importanza, solo il Signore conta. Che cosa ci chiederà il Padre nell ultimo giorno? Soltanto una cosa: «Avete creduto al Vangelo e gli avete ubbibertà. A questo punto reclama una cosa soltanto: la liberazione dal demone delirio e dal suo dominio, la redenzione. Come posso salvare il mio io? Come posso diventare libero? Come posso dare una forma a ciò che non ne ha e organizzare ciò che è privo di coerenza? Come posso dominare il caos? In ogni tempio greco antico erano riportate queste parole: «Conosci te stesso!». Solo in questo modo diventerai padrone del tuo io. È un esperienza che può fare ognuno di noi: nessuno riesce realmente a conoscersi nel corso della sua vita. Siamo e rimaniamo ignoti a noi stessi, soltanto Dio è in grado di vedere davvero dentro di noi. I cristiani si sono adattati troppo facilmente al culto del più forte Dovrebbero dare molto più scandalo E schierarsi in modo molto più deciso dalla parte dei deboli Pubblicata una raccolta di scritti dell abate Francesco Trolese Perle di storia monastica ra ospitata dalla Herder e ora passata, senza mutare la veste editoriale, sotto l egida dell Istituto storico italiano per il medioevo: Santa Giustina di Padova nel quadro del monachesimo italiano. Studi di storia e cultura monastica, a cura di Giannino Carraro, Rosetta Frison Segafredo, Cristina Marcon (Roma, Istituto storico italiano per il medioevo, 2014, pagine 485, euro 55). Il volume sarà presentato, a Padova il prossimo 10 aprile. Trolese acquisì a Roma le competenze che ne hanno fatto uno storico di vaglia, seguendo i corsi di Michele Maccarrone e di Giulio Battelli, ma trovò a Padova, nel medievista Paolo Sambin, il maestro che ne forgiò definitivamente la personalità scientifica. I saggi che compaiono in questo volume, sempre precisi, documentati fino allo scrupolo ma scritti in una lingua piana e scorrevole, ne sono la prova. Il cammino qui percorso va dal Trecento a oggi. Partendo dalla grande riforma del monachesimo di Ludovico Barbo, iniziata proprio nell abbazia padovana oggi condotta da Trolese, e passando attraverso la gloriosa stagione maurina dell erudizione storica, il filo dipanato dall autore si prolunga attraverso i grandi della cultura europea seicentesca come Jean Mabillon, per arrivare ai contemporanei, con un capitolo dedicato al maestro Sambin. È un quadro ricco di suggestioni, come rileva Antonio Rigon nell i n t ro - Stefan Kryszak, «In front of block 23» (dipinto di un sopravvissuto al campo di Flossenbürg, 1940) bile? Se lo hai fatto, riesci a sentire che in quei casi l esistenza ha un significato diverso da quello che le attribuisci tu? Comprendi che anche tu, comunque, appartieni alla categoria degli sfortunati, perché anche tu sei un essere umano come loro, perché sei forte e non debole, perché in tutti i tuoi pensieri avvertirai la loro fragilità? Non ci siamo resi conto che non potremo mai essere felici finché questo universo della debolezza, da cui forse finora siamo stati risparmiati ci rimane estraneo e sconosciuto, distante, finché lo teniamo lontano dalla nostra portata, in modo consapevole o inconsap evole? Che cosa significa debolezza nel nostro mondo? Sappiamo che fin dai primi tempi fu rimproverato al cristianesimo di rivolgere il suo messaggio ai deboli: era considerato la religione degli schiavi, di quelli che soffrono di complessi di inferiorità; si diceva che dovesse il suo successo alla massa di disperati dei quali ha esaltato la condizione di miseria. E stato proprio l atteggiamento nei confronti del problema del male nel mondo che ha attirato simpatie oppure odio per questa confessione. Ha sempre prodotto l opposizione forte e sdegnata di una filosofia aristocratica che esaltava la forza e il potere, in contrapposizione con i nuovi valori di rifiuto della violenza ed esaltazione dell umiltà. Anche nella nostra epoca siamo testimoni di questa lotta. Il cristianesimo resiste o fallisce con la sua protesta rivoluzionaria contro l arbitrio e la superbia del potente, con la sua difesa del povero. Credo che i cristiani facciano troppo poco, e non troppo, per rendere chiaro questo concetto. Si sono adattati troppo facilmente al culto del più forte. Dovrebbero dare molto più scandalo, scioccare molto più di quanto facciano ora. duzione, con al centro monaci, libri, biblioteche, università che ricorda alla smemorata cultura d oggi quanto il sapere debba ai religiosi, e ai benedettini in particolare. E di questo sapere la millenaria abbazia di Santa Giustina, benché spogliata di tutti suoi beni dagli espropri napoleonici e ricostituita dopo la prima guerra mondiale, rappresenta uno degli esempi più insigni, di cui sono testimonianza la chiesa grandiosa, i chiostri, i resti archeologici molti ancora da scoprire che ci riportano ai primi secoli dell era cristiana. All imponente lascito culturale di questo complesso monastico, fino alla chiusura ottocentesca e alla riapertura novecentesca, sono dedicati i saggi che costituiscono la seconda parte del volume. Il libro è anche il ritratto in filigrana del suo autore, un monaco che ha fatto del servizio alla cultura ecclesiastica e della sua divulgazione lo scopo di tutta una vita. Dei duecento titoli della sua bibliografia, qui analiticamente ricostruita, molti sono rappresentati da curatele apparse prevalentemente in Italia benedettina o in Fonti e ricerche di storia ecclesiastica padovana. Le curatele, come sa chiunque pratichi i libri, costano molto ma rendono poco al loro autore. È soprattutto di questo umile lavoro che la cultura storica italiana deve essere grata a Francesco Trolese. In mostra a Bergamo Pa l m a il Vecchio stratega dello sguardo Intende colmare una lacuna la mostra allestita all Accademia Carrara di Bergamo, aperta fino al 21 giugno dedicata all artista Iacopo Nigreti, meglio conosciuto come Palma il Vecchio. Infatti, pur essendo stato con Giorgione e Tiziano uno dei principali esponenti del tardo Rinascimento veneziano, al pittore non è mai arrisa quella fama, soprattutto presso il grande pubblico, che pur avrebbe meritato. Pochi sanno che molte delle sue opere sono conservate nei principali musei d Europa. Dal canto suo anche il territorio bergamasco ha preservato numerosi dipinti: ecco allora che l esp osizione è la prima monografica su Palma il Vecchio dopo cinque secoli punta a rilanciare la figura di un artista il cui contributo chiede an- «Cristo e l adultera» ( ) cora di essere apprezzato nella giusta misura. La mostra esibisce alcune opere dell esordio, tra le quali la Ma d o n - na con il Bambino (ora a Berlino). Si possono poi ammirare la Ma - donna dell a l l o ro conservata alla National Gallery di Londra, e il Cristo e l a d u l t e ra, all Ermitage di San Pietroburgo. Il tratto che accomuna queste opere dedicate a temi religiosi è l intensità dello sguardo delle figure ricreate sulla tela. Come pure spicca, per esempio attraverso l espressione degli occhi delle varie Madonne ritratte, una nota di malinconia che acquista particolare risalto perché inserita in uno scenario brillante, dai colori spesso forti e accesi. Ma è soprattutto nel Cristo e l a d u l t e ra che si «La Bella di Madrid» ( ) può apprezzare l abilità dell artista quale consumato stratega degli sguardi: i personaggi o si fissano o scrutano lontano, ma gli occhi sembrano focalizzarsi su un unico punto: il quadro acquista così coesione e forza d attrazione. Palma il Vecchio si cimentò anche con soggetti laici: basti pensare ai ritratti di donne, il cui sguardo il suo inconfondibile marchio di fabbrica colpisce per una sottile quanto coinvolgente sensualità. Di grande eleganza il movimento della mano che lambisce le estremità delle trecce nel Ritratto di donna detta La Bella di Madrid, uno dei fiori all occhiello del museo Thyssen-Bornemisza. (gabriele nicolò)

5 giovedì 9 aprile 2015 L OSSERVATORE ROMANO pagina 5 Un opera di Shinichi Wakasa ispirata all antica pittura Yamato Il segreto del successo dei romanzi di Haruki Murakami Nel paese delle meraviglie a portata di mano di C PABLO D ORS onsidero Haruki Murakami (Kyoto, 1949), insieme a Milan Kundera e a György Konrad, uno dei migliori scrittori viventi. Non solo perché i suoi romanzi mi prendono e mi affascinano, ma anche perché m ispirano e mi spingono a pensare sia alla trama o all a rg o - mento che propongono sia, e soprattutto, all intelligenza narrativa con cui sono composti. Fu n z i o n a re non è un verbo che mi piace particolarmente, ma i romanzi di questo scrittore giapponese di successo sono autentici ingranaggi ai quali tale verbo sembra calzare perfettamente. Come se qualcuno non si stancasse mai di Il suo universo complesso e ambiguo è abitato da personaggi mossi da un forte anelito di purezza e di perfezione oliare tutti i loro dispositivi, i romanzi di Murakami fluiscono, si espandono e conquistano, nel loro percorso, il cuore di milioni di lettori. Chiaro, ho dovuto chiedermi il perché. Per la sua ambizione. Per la sua vista d aquila. Murakami si è chiesto qual è il senso di narrare storie in un mondo come il nostro. Dal momento in cui, come lui stesso ha dichiarato, il suo tema è sempre la realtà, gli interessa soprattutto qual è e com è la frontiera tra ciò che si chiama finzione e ciò che si chiama mondo reale, un mondo che, nei suoi romanzi, inizia sempre a creparsi e dalle cui crepe emergono le cose più magiche e inattese (come in Piccola gente dalla bocca aperta di una capra morta, nella sua opera più importante 1Q84). Murakami non sceglie i suoi temi guardando solo a se stesso: è un romanziere assorto in sé ma non egocentrico. Non affronta solo questioni di ANTONELLA LUMINI Gesù è la resurrezione proprio mentre percorre la terra. Lo testimonia il racconto della trasfigurazione in cui mostra agli apostoli il suo corpo sfolgorante di luce. A Pietro, Giacomo, Giovanni si aprono gli occhi, come dopo la resurrezione. Vedono l invisibile. «Non parlate a nessuno di questa visione, finché il Figlio dell uomo non sia risorto dai morti» (Ma t t e o, 17, 9).La resurrezione si manifesta nel tempo, mentre Gesù vive con i suoi discepoli, incontra le folle, divenendo da quel momento in poi un esperienza viva che comincia a veicolare, a sedimentarsi nelle cellule Tintoretto, «La Resurrezione» ( , particolare) universali come la ricerca dell a m o re, i limiti del libero arbitrio o il desiderio di vendetta, come fecero a loro tempo romanzieri del calibro di Dostoevskij o Tolstoj, con i quali non esiterei a imparentarlo, ma Murakami si domanda anche che cosa di preciso nella nostra epoca si deve narrare e in che modo. Pur restando con i piedi per terra, lo sguardo di Murakami, al momento di rispondere a questa domanda, va così lontano da commuovere e persino sconcertare. I suoi romanzi funzionano perché in essi viene presentato un mondo pieno di ambiguità e di contraddizioni in cui abitano esseri che non desistono dal loro anelito di purezza e di perfezione. Entrambi i poli, quello dell ambiguità e quello della purezza, sono importanti, ed è proprio la loro esplosiva congiunzione a far sì che l impianto narrativo, tanto contrastato, risulti estremamente efficace. Tutti i personaggi di Murakami posso essere feriti disillusi, colpiti ma non per questo smettono di aspirare a una certa eccellenza e a un ideale che, da un punto di vista puramente logico e razionale, risulta insensato. Detto in modo più semplice: tutta la realtà è sporca, anche il cuore dell uomo, ma non per questo il cuore umano smette di guardare a ciò che non è contaminato, al sublime. Consapevolmente o inconsapevolmente, l aspirazione dei personaggi, a partire dalla fragilità e dall incoerenza della realtà in cui si muovono, genera in segreto la complicità e l interesse dei lettori, a prescindere dalla loro età e dalla loro provenienza. Questo anelito di purezza e di pienezza nei romanzi di Murakami si percepisce soprattutto nelle storie d amore, e tutte le sue opere sono in ultima istanza e anche in prima storie d amore. Le trame possono sembrarci complicatissime (e lo sono), ma dietro il groviglio dei fatti e degli episodi ci sono sempre tre o cati all immediato. Mediante questo ricorso al quotidiano, Murakami conquista il lettore comune, la cui prospettiva è raramente sofisticata; ed è così che lo porta all accettazione del fantastico, che altrimenti potrebbe risultargli troppo strano o addirittura suscitare un certo rifiuto. Come avviene nella fantascienza di qualità, le fantasie murakaniane sono sempre esplorazioni nel limite della possibilità dell umano, e perciò in tal senso risultano d interesse universale. A questi paradisi o inferni fantastici Resurrezione e compassione Tutto cominciò in Galilea dell umanità, costituendone il livello più avanzato, l apice. La resurrezione innanzitutto si rende visibile nella compassione: Gesù patisce con i sofferenti, partecipa il loro dolore. C è una stretta relazione fra resurrezione e redenzione. La resurrezione è forza redentrice. L umanità risorta del Cristo purifica, scioglie, trasfigura. La redenzione richiede passione (da pat i o r, patire), accettazione della sofferenza. Questo non è un masochismo, come spesso si dice del cristianesimo, ma risveglio che permette di affrontare la realtà tale e quale è. Questo è possibile solo partecipando della resurrezione. La sofferenza è vista, accettata, affrontata perché sostenuta da un livello superiore di vita. È vissuta mentre passa, ma anche riattraversata se rimossa, fuggita, accantonata. La redenzione è quel processo che fa morire la morte in noi, lo stato di morte, la volontà di morte. Quella forza contraria alla vita che ci domina, prende campo deviando pensieri e azioni, trasformando gran parte della nostra potenzialità creatrice in attività distruttrice. La redenzione scaturisce dalla potenza della resurrezione. Dopo la mia resurrezione vi precederò in Galilea, dice Gesù. La Galilea rappresenta l inizio di tutto. Qui prende vita il regno dei cieli. Quando Gesù comincia a manifestarsi al mondo, a rivelare la sua umanità divina, sulla terra inizia il nuovo regno. Più prende corpo, più si espande attraendo l umanità verso uno stato nuovo Haruki Murakami quattro grandi temi e, dietro di essi, al loro interno, una storia d a m o re ; esseri solitari alla ricerca di una compagnia che un giorno hanno intravisto come possibile, fantasmi alla ricerca dell unità. Tutto questo viene narrato mescolando molto abilmente il quotidiano con il misterioso. In 1Q84 lo stesso Murakami ci dà la chiave interpretativa dei suoi romanzi. «Anche se l opera è di taglio fantastico, i dettagli delle descrizioni sono estremamente realistici». Perciò il genere è quello fantastico (e quale romanzo in fondo non lo è?) ma l approccio e le descrizioni sono realistici e attacsi accede però poco a poco, anche se arriva un momento in cui al lettore viene chiesto di fare un salto. E a questo lettore incauto costerà dire com è giunto al momento in cui gli è stata formulata quella richiesta. Il fantastico sembra allora una conseguenza naturale, sebbene estrema, del quotidiano, e si capisce pertanto perché siamo in molti, in moltissimi, noi lettori che diamo questo voto di fiducia e ci decidiamo a saltare. Come se non bastasse, in questo salto si allargano i confini della finzione, dove tutto comincia a essere possibile, e ciò con la libertà creatrice che comporta; si allargano anche i confini della realtà e, naturalmente, quelli di noi stessi. Ciò risulta inebriante, perché il romanzo comincia allora a essere un luogo di rivelazione. L ambito in cui bisogna formulare le domande è ovviamente diverso da quello abituale e, di certo, più grande, più vasto. Le risposte ottenute fino a quel momento non è che siano sbagliate, ma semplicemente limitate, persino meschine. Inebria rendersi conto che stiamo in un mondo fisico e morale molto più grande di quello in cui immaginavamo di stare. E naturalmente per questo si diviene più umili. Si diviene discepoli, apprendisti, che è la condizione ideale per leggere un romanzo: come leggono i bambini, capaci di stupirsi, con fede, con abbandono, senza quelle riserve che l età mal vissuta o la cultura mal digerita sembrano obbligarci ad avere. Definire la letteratura di Murakami realismo magico di carattere orientale e post-moderno è solo un di vita: stato di grazia, stato di risveglio e re s u r re z i o n e. La Galilea è il luogo in cui i primi discepoli, i dodici, coloro che poi saranno mandati, gli apostoli, sono stati toccati dall amore di Gesù e che appena lo hanno conosciuto, hanno lasciato tutto per seguirlo. È il luogo dell innamoramento che dà origine alla prima realtà di comunione, al corpo mistico. Questa connessione fra la Galilea e la resurrezione, vuol significare che, appena Gesù, dando inizio alla vita pubblica, fa conoscere la sua divina umanità, insieme rivela la sua resurrezione, lo stato di pienezza in cui umanità e divinità sono intrinsecamente unite. Proprio lì, in Galilea, gli apostoli, i discepoli, avendo vissuto con Gesù, hanno cominciato a partecipare di questa pienezza umana, costituendo la cellula viva del primo nucleo di comunione. Pietra fondante di uno stato di relazione fra esseri umani in cui circola amore. Questo primo nucleo è la Chiesa, la nuova assemblea che riunirà uomini e donne di diverse razze, popoli, religioni, quindi non più legati da vincoli di sangue e il cui corpo dovrà distinguersi all interno del tessuto sociale in quanto estraneo a rapporti di possesso, dipendenza, violenza. Questa comunione diviene subito un fuoco vivo che attrae, espande lo Spirito, l amore di Gesù che opera in essa, ma sappiamo poi quanta umana pesantezza assume nello scorrere dei secoli e dei millenni. inutile tentativo d inserire un op era artistica in uno modello. Murakami non s inserisce in categorie, le crea. Alcuni dicono che combina abilmente l alta cultura con la letteratura da supermercato. Di fatto dietro i suoi romanzi ci sono riferimenti culturali (da Sofocle a Orwell passando per Bach e Balzac) e, inutile dirlo, riferimenti da supermercato (dall icona del Kentucky Fried Chicken ai sette nani di Disney, passando per le magliette Smiley, il Johnny Walker o il whisky Cutty Sark). In ogni caso Murakami è di quelli che fanno scuola e non bisognerà attendere molto per vedere proliferare la legione dei i suoi imitatori, come è accaduto a Dickens nella sua epoca. Risulta quasi snervante la quantità di luoghi comuni che popola le sue pagine, la moltitudine di affermazioni ovvie, con un certo retrogusto da manuale di autoaiuto, le infinite ripetizioni che, in qualsiasi altro autore, apparirebbero intollerabili e ci farebbero abbandonare la lettura. In Murakami, invece, per quanto tutto ciò possa irritarci o ferire la nostra sensibilità estetica, funziona. È strano ritrovarsi a leggere dialoghi di una banalità sorprendente che tuttavia i suoi lettori o forse bisognerebbe dire i suoi fan leggono imperterriti fino alla fine. Qual è il segreto di questa specie di sfrontata presa in giro che risulta tanto efficace? Per me non basta dire che Murakami si prende il suo tempo per descrivere le cose, in particolare gli aspetti secondari, per i quali sembra avere una particolare predilezione. Bisogna dire piuttosto che, come nella vita reale si perde, in un modo o nell altro, molto tempo, anche nei romanzi di Murakami si deve perdere del tempo perché si sprigioni quella gradevolissima impressione di vitalità che di fatto l a u t o re riesce a produrre. Sebbene Murakami abbia dichiarato che scrivere gli costa grande fatica, è evidente che si diverte molto a farlo. Si direbbe quasi che si chieda fino a che punto riuscirà a tenere in tensione la pazienza dei suoi lettori. In modo particolare, sembra divertirsi con la trama, elemento che molti romanzieri contemporanei trascurano o sottovalutano. Dei romanzi di Murakami, molto più di quelli di qualsiasi altro scrittore, si può dire con maggior fondamento che ogni romanzo è, in un certo senso, un poliziesco. C è intrigo, c è suspense. Il romanziere ha raggiunto in questo campo un tale livello di maestria che, come dimostra senza mai stancarsi, può gettare in aria quattro palline perché sa che, prima o poi, s incastreranno nel cesto che ha preparato per loro. Il lettore assiste meravigliato, naturalmente, a questo gioco di destrezza narrativa. All inizio si domanda come farà lo scrittore a far sì che tutto s incastri, ma poi, ormai ipnotizzato, smette di preoccuparsi della logica vana preoccupazione e assiste meravigliato a quel ballo di palline che appaiono e scompaiono, s incrociano, cambiano colore e dimensione nel loro andirivieni. Mediante questo ballo, questa danza della realtà, si arriva a perdonare il fatto che ci sia qualche pallina che, alla fine, non s incastra più di tanto, o qualcuna di cui non si sa più nulla. Il fatto che la trama sia importante significa che lo stile letterario le è completamente subordinato. Murakami non è di quegli innamorati delle parole che vi rimangono intrappolati, ma le mette interamente al servizio della storia, dell orizzonte che vuole aprire. Perciò il suo lessico e la sua sintassi sono estremamente semplici e diretti, sebbene molto più elaborati di quanto appaia a prima vista. In ogni caso il suo è un modo di scrivere estremamente visivo; non c è praticamente un solo paragrafo da cui non si possa trarre un disegno. Nei romanzi di Murakami le metafore acquistano un significato e un valore nuovi: non sono più metafore stilistiche, per definirle in qualche modo, bensì globali, strutturali. E si ha la sensazione che tutto sia metafora di qualcosa, di qualcosa di estremamente importante, anche se non si sa bene di cosa. Nel capitolo di 1Q84 intitolato Il paese dei gatti, per esempio, si parla di un paese vuoto di giorno e infestato di gatti di notte. Si tratta di un paese in cui le anime si possono perdere per sempre se non trovano il modo di uscire. Il narratore utilizzerà questo paese in diverse occasioni nel corso del racconto come grande metafora del romanzo stesso, e ciò perché i suoi protagonisti si ritrovano persi e impossibilitati a trovare una soluzione. La complessità della trama e il ricorso alle metafore globali segnalano il bisogno di una struttura solida e minuziosa. A tale riguardo è sintomatico che quasi tutte le storie di Murakami abbiano una lettura dialettica, o quantomeno duale. In 1Q84 i protagonisti sono due, un uomo e una donna: lui crea e lei distrugge; la setta religiosa attorno a cui gira gran parte del racconto si scinde in due correnti, una conciliatrice e una radicale; nel cielo del mondo alternativo che viene presentato ci sono due lune; ci sono p e rc e i - vers e re c e i v e rs, le mother e le daug h t e r, una crisalide di aria che al suo interno ne contiene un altra e così via. Tutta questa duplicità non può, evidentemente, essere casuale. È più di una strategia narrativa: è una filosofia, un punto di partenza; è la radice del conflitto. Non serve dire che, attraverso tutti i suoi giochi di specchi concavi e convessi Murakami mostra come il bene abiti nel cuore del male e vi- Il lettore assiste meravigliato ai giochi di destrezza narrativa E presto ipnotizzato dalla trama dimentica la logica ceversa; e come da questa condizione ibrida della realtà si sprigioni quell ambiguità morale che caratterizza il mondo, come anche la difficoltà a dare un giudizio univoco e definitivo. È questo, come noi che scriviamo romanzi ben sappiamo, il campo narrativo più propizio: la saggezza dell incertezza, la fertile convivenza con la perplessità. Tutti questi giochi di specchi configurano e non poteva essere diversamente la struttura essenziale dei romanzi di Murakami, oltre ad alcuni piani, come la chiave ben temperata di Bach in 1Q84; due cicli di preludi e fughe composti in tutte le tonalità maggiori e minori della gamma cromatica. Questi ultimi ricorsi sono, a mio parere, piuttosto capricciosi e forzati, ma, in ogni caso, rappresentano per l autore un divertimento e una sfida. Un intelaiatura solida ed efficiente è ovvio non può essere un frutto puramente spontaneo o fortuito. L aspetto meraviglioso è che Murakami mostra fin dove gli conviene l architettura della sua cucina letteraria. Come in una gincana, dà piste da seguire a noi lettori, che, come dei bambini, inconsapevoli del fatto che giunti a un determinato punto il romanzo ci risucchierà, c i m b a rc h i a - mo alla ricerca del tesoro che vale la pena trovare, per quello che riesce a mobilitare nel nostro cuore durante la ricerca. Era da molto tempo che nel panorama della narrativa mondiale non nasceva un autentico creatore di favole e miti. Abbiamo bisogno di tornare ai miti: l anima se ne alimenta, e oggi sono pochissimi gli scrittori che, al di là del fatto di scrivere bene, o in modo intelligente, danno ai loro lettori quello di cui la loro anima ha bisogno per sentirsi viva.

6 pagina 6 L OSSERVATORE ROMANO giovedì 9 aprile 2015 Pe t i z i o n e a Istanbul per un tempio buddista IS TA N B U L, 8. La costruzione di un tempio buddista all interno dell Università tecnica di Istanbul: a chiederla, attraverso una petizione on line, che ha già raccolto venticinquemila firme, è una parte degli studenti dell ateneo, in risposta riferisce l Ansa a quella che denunciano come una «islamizzazione rampante» dell insegnamento pubblico in Turchia. L iniziativa è stata lanciata dopo che il rettore dell università, Mehmet Karaca, ha annunciato l edificazione di una nuova moschea, rilevando un «enorme richiesta» in questo senso da parte degli allievi. La Congregazione delle Cause dei Santi partecipa commossa al grave lutto del Rev.do Mons. Giacomo Pappalardo, officiale del Dicastero, per la morte della sua amatissima M a d re S i g. r a RA F FA E L L A DI Q UAT T R O IN PAPPALARD O e prega perché il Signore Risorto la accolga nella luce del Suo Regno in compagnia dei Santi e Beati. Il Rettore, i Prorettori, il Senato Accademico, il Consiglio di Amministrazione, il Centro Pastorale, i Docenti, il Personale, i Laureati e gli Studenti dell Università Cattolica del Sacro Cuore, raccogliendosi in preghiera, partecipano al lutto per il ritorno alla casa del Padre del P ro f. FELICE MARTINELLI laureato e poi docente per molti anni dell Ateneo dei cattolici italiani, al quale fu sempre legato da un profondissimo sentimento di appartenenza e al cui sviluppo ha contribuito, con straordinario spirito di servizio ed elevate competenze, come componente degli organi direttivi. Il suo generoso impegno didattico, profuso nell educazione di molte generazioni di giovani, la sua opera e la sua testimonianza cristiana saranno sempre ricordate con grande riconoscenza e gratitudine dall intera comunità universitaria. Milano, 7 aprile 2015 L Istituto Giuseppe Toniolo di Studi Superiori ricorda con gratitudine e commozione il P ro f. FELICE MARTINELLI da lunghi anni presente nella vita dell Istituto quale Revisore dei conti e componente gli Organi Direttivi. Nei comuni ideali di vita cristiana, Egli ha dato esempio di dedizione e di profonda vicinanza ai nostri Enti perseguendone con generosità le finalità istituzionali. Secondo le organizzazioni islamiche i raduni in luoghi improvvisati agevolano il radicalismo I musulmani francesi chiedono di raddoppiare le moschee PARIGI, 8. Raddoppiare nel giro di due anni il numero delle moschee in Francia: è quanto ha auspicato il rettore della Grande moschea di Parigi, Dalil Boubakeur, presidente del Consiglio francese del culto musulmano (Cfcm), intervenuto sabato scorso alla trentaduesima Rencontre annuelle des musulmans de France organizzata al parco delle esposizioni di Parigi Le Bourget dall Unione delle organizzazioni islamiche di Francia (Uoif), entità vicina ai Fratelli musulmani. Per i «sette milioni di musulmani» residenti nel Paese ha detto Boubakeur le attuali moschee «non sono sufficienti. Ci sono molte sale di preghiera incompiute, molte moschee che non sono state costruite. Ne abbiamo oggi duemiladuecento. Occorre raddoppiarle, da qui a due anni». D accordo con lui, ma con toni che riflettono le posizioni più radicali della sua organizzazione, il presidente dell U o i f, Amar Lasfar: «Bisogna afferma che il numero delle moschee rifletta il numero dei musulmani. Abbiamo il diritto di costruire moschee e il diritto che i sindaci non si oppongano». Un problema, quello delle cifre. Secondo dati più o meno ufficiali, i musulmani residenti in Francia non Fratelli di Taizé in Russia, Bielorussia e Ucraina celebrano la Pasqua con gli ortodossi A braccia aperte di ALOIS LÖSER In questa Settimana santa le preghiere comuni ci hanno avvicinato a Gesù. Lo abbiamo visto prendere il cammino della sofferenza e della morte. Sabato santo ci ha messo nel silenzio di Dio, che Gesù ha conosciuto e condiviso con tanti uomini e donne che hanno la sensazione di essere abbandonati da Dio. E il giorno della sua resurrezione, Gesù ha vinto la morte. Come? Con il suo amore che è stato più forte. Per alcuni è difficile credere a ciò. Abbiamo tanta violenza nel mondo, e in questi ultimi tempi si è scatenata ancora di più. Giovedì scorso c è stato un terribile attentato in un università del Kenya, costato la vita a centocinquanta giovani. Siamo tutti scioccati nel vedere situazioni in cui la vita umana non sembra più avere alcun valore. Sono stato a Roma di recente. Lì ho avuto un incontro personale con Papa Francesco. Noi tutti sappiamo quanto s impegni per difendere i poveri e chi subisce ingiustizie. Mi ha detto che pregava con noi a Taizé in quest anno nel quale ricordiamo fratel Roger. Vorrei chiedere a tutti voi di pregare per lui. Affidatelo a Dio ogni giorno, anche se solo per il tempo di un sospiro. Di Roma è rimasta impressa un immagine nella mia memoria. Nella chiesa del Gesù, su un pannello erano affisse Un nigeriano per la Comunione anglicana LONDRA, 8. Il nigeriano Josiah Idowu-Fearon sarà, a partire da luglio, il nuovo segretario generale della Comunione anglicana. Classe 1949, vescovo di Kaduna, il presule è da tempo impegnato nel dialogo tra cristiani e musulmani e nel movimento ecumenico. Congratulazioni sono state espresse dal World Council of Churches. sarebbero sette milioni (come ha detto il presidente del Cfcm) ma tra i quattro e i cinque milioni, e le moschee duemilaquattrocentocinquanta, comunque un numero «insufficiente», a detta di un rapporto del Senato. Sarebbero a oggi in via di costruzione quasi quattrocento fra moschee e sale di preghiera. Altro problema è quello del finanziamento, in un Paese dove il sovvenzionamento pubblico dei luoghi di culto è vietato e il Governo vorrebbe evitare aiuti economici provenienti da nazioni come il Qatar o l Arabia Saudita, assieme ad Algeria, Marocco ed Egitto fra i maggiori finanziatori delle moschee in Francia. Boubakeur non ha approfondito questo argomento ma al raduno di Le Bourget in gran parte dedicato alla figura di Maometto profeta di misericordia e di pace erano numerosi gli stand per effettuare le donazioni: «Viviamo in Francia, vogliamo pregare degnamente», ha spiegato alla France Presse Mohammed, organizzatore della colletta per la moschea di Muret, alla periferia di Tolosa. Il progetto, per un totale di euro, prevede due sale di preghiera e una piccola scuola. A tre mesi dai tragici attentati di Parigi, di fronte alla crescita del sentimento antimusulmano, cavalcato dal Front national, e all opp osizione le foto, fatte poco prima della loro esecuzione, dei ventuno cristiani copti assassinati; in ginocchio, e dietro ognuno di loro c era il boia con un coltello. Morivano a causa della loro fede. E quanti, anche tra i musulmani, muoiono perché non sono dalla parte giusta! Non restiamo solo scioccati, o accusatori. Vedere tutto ciò pone ognuno di noi di fronte a domande quali: vuoi rivedere le priorità nella tua vita? Non restiamo troppo spesso rinchiusi in interrogativi e discussioni che in fondo non sono poi tanto importanti? Vuoi essere artefice di pace? Allora comincia là dove vivi! Conflitti armati devastano il Medio oriente, ma anche tanti altri luoghi del mondo. Lo scorso anno giovani ucraini sono venuti numerosi a Taizé, dove hanno incontrato giovani russi. È stato emozionante vedere lo sforzo che quei giovani facevano per ascoltarsi reciprocamente. Allora ci siamo chiesti che cosa potevamo fare per mostrare la nostra solidarietà. È così nato il progetto di fare un pellegrinaggio in tre tappe. La prossima settimana con quattro fratelli e un centinaio di giovani di tutta Europa andremo a Mosca per celebrare la Settimana santa con i cristiani ortodossi. La loro Pasqua si celebra una settimana dopo la nostra festa occidentale. Poi noi fratelli andremo due giorni a Minsk, in Bielorussia. E la terza tappa sarà in Ucraina, dove altri giovani europei si uniranno a noi a Kiev e a Lviv. Andremo a mani vuote, senza nessun altro progetto se non quello di unirci ai cristiani di questi Paesi nella celebrazione del mistero pasquale. Cristo è la nostra speranza. È vivo. Ci riunisce. Non ha forse detto queste parole: «Quando sarò innalzato da terra attirerò a me tutti gli uomini»? Allora vogliamo riunirci perché possa attirarci insieme nel suo amore. Sono molto felice di vivere le celebrazioni pasquali con i cristiani di questi tre Paesi. I canti, le parole, le icone, i lumi, tutto esprimerà il mistero di Cristo che ama ogni essere umano. Riporre la nostra fiducia in Cristo non è sempre un sentimento che ci tranquillizza. Ma ricordiamoci che egli ci dona sempre la sua pace, e con essa il coraggio di prendere decisioni forti che orientano la nostra vita. Se ricevere la Pasqua di Cristo potesse divenire la priorità di alcuni sindaci, i responsabili islamici hanno spiegato che la costruzione di nuove moschee va incoraggiata perché si tratta di luoghi dove incanalare l educazione cultuale e culturale dei giovani, evitando derive radicali. «Non c è posto più sicuro della moschea per insegnare i veri valori della religione e scongiurare il suo sviamento», ha sottolineato Fouad Azizi, presidente dell asso ciazione dei musulmani di Le Havre: «Oggi ci sono persone obbligate a pregare nei parcheggi o sul marciapiede. Essere visibili non significa essere dominanti; al contrario, permette di vivere meglio insieme». Nel suo discorso, Boubakeur ha inoltre insistito sulla necessità di formare adeguatamente gli imam, auspicando di arrivare presto a un accordo con alcune università parigine, relativamente alla componente non religiosa di tale formazione. Questi corsi punterebbero all obiettivo di «trasmettere ai nostri imam la conoscenza della Francia, della legge e delle tradizioni francesi, affinché essi abbiano una formazione completa, religiosa e repubblicana». nella nostra vita, il mondo cambierebbe molto. La sera del Sabato santo, noi fratelli siamo stati felici di poter accogliere un nuovo fratello nella nostra comunità, Roland, dei Paesi Bassi. E, una settimana fa, Con il Papa per la pace Prima della sua partenza, mercoledì 8 aprile, per un pellegrinaggio che lo porterà a Mosca, Minsk, Kiev e Lviv, il priore di Taizé si è rivolto ai settemila giovani di quarantacinque Paesi che in occasione della Pasqua si sono riuniti nella comunità della Borgogna. Li ha invitati in particolare a pregare per il Papa. Ecco il testo della sua meditazione. Claudio dal Cile è entrato anche lui nella nostra comunità. Fratel Claudio e fratel Roland si preparano ora a dedicare tutta la loro vita a Cristo. Cercheranno sempre di lasciarsi guidare dallo Spirito Santo. Procedere su questo cammino significa imparare ad aprire le nostre mani, a non restare aggrappati ai nostri sogni e ai nostri progetti, ma a prendere il largo e a credere come figli che Dio si prende cura di noi. Sì, vorremmo abbandonarci a Dio, vivere ogni giorno della pace di Cristo, come nutrimento. In ciò ci sosteniamo tra fratelli. La comunione tra cristiani è un sostegno inestimabile. Ecco, là dove siete, cercate un appoggio nella comunione con altri cristiani. La comunione fra tutti coloro che amano Cristo è una fonte incomparabile di gioia. Questa settimana l abbiamo potuto vivere insieme qui. E a sostenerci sono anche credenti che ci hanno preceduto. Uno di essi, che ha vissuto in Russia, Serafino di Sarov, ha detto: «Ottieni la pace e una moltitudine la troverà attorno a te». Dopo una lunga malattia È morto il cardinale Tu rc o t t e È morto mercoledì 8 aprile il cardinale canadese Jean-Claude Turcotte, arcivescovo emerito di Montréal. Da tempo gravemente malato, era ricoverato all Hôpital Marie-Clarac della sua città. Nato a Montréal il 26 giugno 1936, era stato ordinato sacerdote il 24 maggio Eletto alla Chiesa titolare di Suas il 14 aprile 1982 e nominato vescovo ausiliare di Montréal, aveva ricevuto l ordinazione episcopale il 29 giugno Quindi il 17 marzo 1990 era stato nominato arcivescovo di Montréal. Giovanni Paolo II lo aveva creato e pubblicato cardinale, del titolo di Nostra Signora del Santissimo Sacramento e dei Santi martiri Canadesi, nel concistoro del 26 novembre Il 20 marzo 2012 aveva rinunciato al governo pastorale dell a rc i d i o - cesi. Le condizioni di salute del cardinale Turcotte erano da tempo molto compromesse e in progressivo peggioramento. L arcidiocesi di Montréal aveva, a più riprese, informato l opinione pubblica dell evoluzione della sua malattia e dei continui ricoveri ospedalieri. Così il porporato ha vissuto anche questa difficile prova in comunione con la sua gente, soprattutto attraverso la preghiera offerta nella sofferenza. Era nato a Montréal in una famiglia numerosa: aveva sei fratelli ed era figlio di un impiegato in un piccolo negozio di elettronica. Dopo aver studiato nella scuola parrocchiale di San Vincenzo de Paoli a Laval e compiuto gli studi classici al collegio André-Grasset tra il 1947 e il 1955, era entrato nel seminario maggiore di Montréal, proseguendo gli studi teologici e conseguendo il diploma in teologia. Aveva ricevuto l o rd i n a z i o n e sacerdotale nel 1959, nella chiesa di San Vincenzo de Paoli a Laval, da monsignor Laurent Morin. Il suo primo incarico, per due anni, era stato quello di vicario alla parrocchia di San Matteo apostolo. Poi, dal 1961 al 1964, era stato assistente e cappellano diocesano della Jeunesse Indépendante Catholique Féminine (Jicf) e del Mouvement des Travailleurs Chrétiens (Mtc). Aveva quindi approfondito i suoi studi in Francia, nella facoltà cattolica di Lille, coronandoli nel 1965 con il diploma in pastorale sociale. Al ritorno in Canada aveva continuato a lavorare, fino al 1967, come cappellano diocesano della Jicf e del Mtc. Dal 1967 al 1974 aveva ricoperto diversi incarichi nell ambito dell ufficio del clero: responsabile dei seminaristi della diocesi di Montréal, segretario della Commission des traitements, responsabile degli studi e della formazione permanente del clero. Nel 1974 era divenuto anche direttore dell ufficio per la pastorale parrocchiale. Il 25 settembre 1981 monsignor Paul Grégoire lo aveva nominato vicario generale di Montréal e coordinatore generale della pastorale. Nel 1982 era divenuto vescovo ausiliare, ricevendo l o rd i n a z i o - ne episcopale dallo stesso monsignor Grégoire. Servir le Seigneur dans la joie il motto da lui scelto. In veste di delegato dei vescovi del Québec presso il Governo provinciale, si era occupato in prima persona della visita di Giovanni Paolo II, avvenuta nel settembre Era stato inoltre incaricato del coordinamento della visita papale nella diocesi di Montréal. E nel 1990 era divenuto arcivescovo di Montréal. Nel 1994 aveva partecipato alla nona assemblea ordinaria del Sinodo dei vescovi sulla vita consacrata. E nel 1997 aveva fatto parte della commissione per il messaggio finale dell assemblea sinodale speciale per l America. Il suo stile pastorale era fatto di semplicità e di accoglienza. Aveva a cuore soprattutto la questione della rievangelizzazione: credeva fermamente nella necessità di un nuovo annuncio del Vangelo a tutta la società, soprattutto ai più poveri, i giovani e i lavoratori. La sua attenzione alle problematiche giovanili lo aveva portato a partecipare in prima persona a diverse edizioni della giornata mondiale della gioventù. In particolare a Denver nel 1993 e a Parigi nel 1997, aveva tenuto catechesi ai giovani di lingua francese. Aveva anche preso parte alle giornate di Roma, Toronto e Colonia. Nell ambito dell episcopato canadese era stato presidente e vicepresidente della Conferenza episcopale, oltre che, per vent anni, membro del consiglio permanente. Molti i riconoscimenti a lui attribuiti: tra questi, il dottorato in teologia della McGill University di Montréal e quello in diritto della Concordia University, sempre a Montréal. L 11 settembre 2008 aveva restituito la medaglia di membro dell Ordine del Canada, di cui era stato insignito nel 1996, in segno di protesta contro l assegnazione della stessa al medico abortista Henry Morgentaler. «La mia coscienza mi costringe a riaffermare le mie convinzioni circa il rispetto della vita dal concepimento fino alla morte» erano state le sue parole per rimarcare le ragioni della scelta. Aveva fatto parte del Consiglio dei cardinali per lo studio dei problemi organizzativi ed economici della Santa Sede, della Prefettura degli affari economici della Santa Sede, della Congregazione per l evangelizzazione dei popoli, della Congregazione delle cause dei santi e del Pontificio Consiglio delle comunicazioni sociali. Aveva anche partecipato ai conclavi che hanno eletto Benedetto XVI e Fr a n c e s c o. Lutto nell episcopato Monsignor Luis María Pérez de Onraita Aguirre, arcivescovo emerito di Malanje, in Angola, è morto venerdì scorso, 3 aprile, alle ore 14.30, nella clinica Girasol di Luanda. Il compianto presule era nato in Gauna, nella diocesi spagnola di Vitória, il 12 aprile 1933, ed era stato ordinato sacerdote l 11 agosto Arrivato nello stesso anno in Angola come prete missionario Fidei donum, il 30 dicembre 1995 era stato nominato vescovo coadiutore di Malanje e aveva ricevuto l ordinazione episcopale il 10 marzo Succeduto per coadiuzione il 27 agosto 1998, quando la diocesi era stata elevata ad arcidiocesi il 12 aprile 2011 ne era divenuto primo arcivescovo. Aveva rinunciato al governo pastorale il 19 maggio Le esequie si celebrano giovedì 9 aprile a Malanje.

7 giovedì 9 aprile 2015 L OSSERVATORE ROMANO pagina 7 A colloquio con il cardinale Fernando Filoni di ritorno dalla missione in Iraq Il sassolino e la colomba in cui una famiglia di Roma offre un piccolo dono in questo caso una colomba pasquale, simbolo della pace e del bene, ma anche della condivisione a una famiglia dell Iraq. Così ho potuto portare ben seimila di questi dolci, che hanno avuto un grandissimo successo, oltre che somme di denaro messe a disposizione dal Pontefice. di GIANLUCA BICCINI «La Chiesa che Francesco vuole è aperta e vicina alla sofferenza. Per questo il Papa è stato molto contento che abbiamo potuto essere presenti tra i rifugiati iracheni durante la settimana santa». Di ritorno dalla missione in Iraq, il cardinale Fernando Filoni è stato ricevuto martedì sera a Santa Marta dal Pontefice, al quale ha riferito le impressioni di quello che considera anzitutto un pellegrinaggio: «Ogni luogo visitato ha spiegato il prefetto della Congregazione per l evangelizzazione dei popoli in quest intervista al nostro giornale è stata una stazione della Via crucis che questa gente vive quotidianamente». Quali sono state le tappe principali del viaggio? Ho trascorso la domenica delle Palme ad Amman, in Giordania, dove i rifugiati sono ospitati presso alcune parrocchie; poi mi sono trasferito a Baghdad, in Iraq, dove ho visitato dei centri di raccolta. Ma è stato nel nord, nelle zone del Kurdistan iracheno, che ho trascorso la maggior parte del tempo, celebrando i riti della Pasqua e incontrando le famiglie, non solo cristiane, in fuga dalle violenze del cosiddetto Stato islamico e le autorità religiose e istituzionali che si occupano della loro accoglienza. Che atteggiamento ha riscontrato da parte dei leader politici? Anzitutto vorrei ringraziarli per avermi permesso in breve tempo di organizzare e compiere questo pellegrinaggio molto bello. In particolare il presidente del Parlamento iracheno, che ha voluto inviare una lettera al Papa nella quale, oltre a invitarlo a visitare il Paese, ha affermato che i cristiani non devono lasciare l Iraq, perché sono parte della ricchezza della nazione, e ha assicurato leggi adeguate nel rispetto di tutti. Quindi la presenza dei cristiani è in linea con la visione del futuro assetto che hanno i leader iracheni. Sulla stessa lunghezza d onda anche il presidente della regione autonoma del Kurdistan iracheno, Massoud Barzani, con cui ho avuto un colloquio di 45 minuti, così come il primo ministro e il presidente del Parlamento, per i quali i cristiani sono cittadini a pieno titolo. Ora si tratta di prendere atto della realtà in cui essi si trovano e, nella prospettiva della liberazione del territorio, di dare loro garanzie per un ritorno nei villaggi attualmente occupati o teatro di scontri. E lo stesso può dirsi a livello più locale, visto che ovunque governatori e sindaci mi hanno manifestato gratitudine per questa visita. E per quanto riguarda i capi religiosi? Ho incontrato quasi tutti i vescovi cattolici che vivono nell area, oltre al nunzio apostolico Giorgio Lingua e al patriarca di Babilonia dei caldei Louis Raphaël Sako. In ogni circostanza mi hanno mostrato l imp egno profuso nell accoglienza dalla Chiesa, la quale non fa distinzione di religione o di riti. Al punto che soprattutto nel nord-ovest hanno trovato riparo nelle nostre parrocchie numerose famiglie di yazidi, di shabak e di musulmani sunniti provenienti da Fallujah, Mossul e Ramadi, che non accettano la visione integralista e violenta degli jihadisti. Cosa può dirci sulla minoranza yazida? Ho avuto modo di parlare con il loro leader spirituale Baba Sheik e i saggi che lo accompagnavano. Ha ricordato con gioia l incontro con Papa Francesco e ha espresso gratitudine per il tempo che gli ha dedicato. Ha avvertito in lui un atteggiamento di condivisione per le sofferenze atroci che ha dovuto subire il suo popolo e si è potuto rendere conto che la Chiesa si è fatta portavoce delle sue sofferenze. Ho anche visitato il loro tempio, per una manifestazione di vicinanza non solo formale. La stessa dimostrata anche verso alcune madri con i loro bambini, che sono venute per la prima volta in una chiesa cristiana per trascorrere del tempo insieme. Considero queste esperienze una forma di evangelizzazione indiretta, perché nel dolore e nelle sofferenze comuni Dio ci parla e ci rende fratelli. In che modo è organizzata l ospitalità? I luoghi sono vari: ad Arbil, per esempio, ci sono case prese in affitto attraverso la Caritas e le ong che si accollano i costi per poter ospitare due o tre famiglie in un appartamento; poi ci sono le scuole o altri edifici come il grande mall, che non è stato ultimato, ove hanno trovato riparo numerosi nuclei. I divisori sono costituiti da tende: si creano così spazi dormitorio di 5 o 6 metri quadri, che al mattino, quando vengono tolti i materassi, sono usati per la vita quotidiana. Naturalmente le condizioni sono disagiate: pensiamo alle difficoltà incontrate da anziani, bambini e disabili; per non parlare dei problemi igienico-sanitari. Eppure c è la volontà politica di aiutarli, come dimostra il fatto che 480 famiglie stanno per essere trasferite in campi attrezzati con container o caravan. E poi naturalmente ci sono le parrocchie. Certamente. Da Duhoc ad Arbil, da Suleimanjia ad Alqosh, ovunque le comunità hanno aperto le porte. E ognuna è riuscita secondo le proprie possibilità ad assicurare ospitalità per questa gente. Ad Alqosh, inoltre, il centro storico che era quasi disabitato sta riprendendo vita proprio grazie all insediamento dei rifugiati nelle antiche abitazioni abbandonate. La Caritas in questo senso sta facendo un lavoro encomiabile ed equanime, al fine di evitare che possano sorgere piccole gelosie. Come è stata accolta la sua presenza dalla gente comune? In tutti i villaggi, così come nei campi allestiti nelle città, ho trovato affetto. Le persone hanno molto apprezzato. Nelle case e nelle parrocchie in cui mi sono recato ogni volta mi veniva ripetuto: «La sua presenza è benedizione per noi». E tutti gli incontri si sono conclusi con una preghiera e una benedizione. Parlando con loro, li ho esortati a non perdere la speranza, assicurando che noi non li abbiamo mai dimenticati e non li dimentichiamo. Inoltre li ho incoraggiati a guardare avanti. Ha anche portato segni di solidarietà c o n c re t a? C è un piccolo proverbio arabo che dice: quando vai a visitare, se non hai altro, nella tua povertà, porta almeno un sassolino. In questa prospettiva abbiamo coinvolto la diocesi del Papa in una esperienza Che prospettive hanno oggi le famiglie i ra c h e n e? Tutte aspettano di poter tornare nelle loro case, nei loro villaggi. Non interessa loro se troveranno distruzioni e saccheggi, non le spaventa la ricostruzione. E noi siamo pronti ad aiutarle a ricominciare. Non ho trovato nessuno che abbia manifestato l intenzione di lasciare l Iraq, almeno tra gli uomini e le donne con cui ho dialogato nel Kurdistan. Un uomo ad Alqosh mi ha confidato: «Noi siamo grati prima di tutto a Dio che ci ha fatto preservare la fede. E noi vogliamo continuare a vivere nella nostra tradizione e nella nostra cultura. Già questo è un dono immenso, perché altri sono stati obbligati a rinunciare alla loro fede o sono stati colpiti da lutti o violenze». A Roma il congresso internazionale per i formatori alla vita consacrata «Essere ponte fra la libertà dell uomo e della donna e la libertà di Dio»: è questo il delicato compito dei formatori alla vita consacrata. Lo ha evidenziato l a rc i v e - scovo José Rodríguez Carballo, segretario della Congregazione per gli istituti di vita consacrata e le società di vita apostolica, dicastero che, in occasione dell anno della vita consacrata, ha organizzato dal 7 all 11 aprile a Roma il congresso internazionale dedicato proprio ai formatori sul tema «Vivere in Cristo secondo la forma di vita del Vangelo». L arcivescovo segretario ha guidato la veglia di preghiera che, alla presenza del prefetto della congregazione, il cardinale João Braz de Aviz, ha aperto martedì sera il congresso nella parrocchia di San Gregorio VII. Il presule, seguendo le letture bibliche proposte per la meditazione, ha sottolineato che il processo formativo di un consacrato è permanente, in quanto tende all «assimilazione progressiva dei sentimenti di Cristo verso il Padre», a una «trasformazione dell amante nell Amato», e che la formazione «deve toccare non soltanto l intelligenza, ma il cuore e le mani, poiché deve sempre arrivare alla vita quotidiana». Intelligenza, cuore e mani Di questi aspetti e di tutte le esigenze formative nei contesti contemporanei, così come dei fondamenti dell identità della vita consacrata nella Chiesa, si è cominciato a discutere mercoledì mattina. Tra i primi interventi durante la sessione inaugurale, svoltasi all hotel Ergife, quello del cardinale Braz de Aviz, che richiamando la lettera apostolica scritta da Papa Francesco per l anno della vita consacrata, ha approfondito il tema: «Guardare il passato con gratitudine, vivere il presente con passione, abbracciare il futuro con sp eranza». Il congresso vedrà la partecipazione di milleduecento formatori provenienti da tutto il mondo e, dopo gli interventi introduttivi, sarà articolato in sette relazioni, diciassette laboratori, una tavola rotonda e un forum conclusivo al quale parteciperanno il cardinale Beniamino Stella, prefetto della Congregazione per il clero, l arcivescovo Rodríguez Carballo e l arcivescovo Vincenzo Zani, segretario della Congregazione per l educazione cattolica. È prevista anche la stesura di un messaggio finale. Al l udienza generale di mercoledì 8 aprile, in piazza San Pietro, erano presenti i seguenti gruppi: Da diversi Paesi: Religiosi Redentoristi; Diaconi Gesuiti, con i Familiari; Domenicane della Presentazione; Suore di Nostra Signora della Mercede; Istituzione Teresiana. Dall Italia: Ragazzi e adolescenti della Professione di Fede, dell A rc i - diocesi di Milano; Giovani cresimati della città e della Diocesi di Treviso; Adolescenti della Diocesi di Cremona; gruppi di fedeli dalle Parrocchie: Santi Faustino e Giovita, in Quinzano d Oglio; Santi Pietro e Paolo, in Brescia; Regina della pace, in Zanano di Sarezzo; Sant Andrea, in Pompiano; Santi Faustino e Giovita, in Siviano di Monte Isola; Sant Antonio abate, in Castelcovati; Sant Antonio abate; Patrocinio della Beata Vergine Maria, in Pian Camuno; Sant Apollonio, in Bovezzo; Santi Giovanni Battista e Maurizio, in Caravate; Cristo Re, in Cremona; San Giulio, in Cassano Magnago; Santi Giusto e Donato, in Monteroni d Arbia; San Sabino, in Canosa di Puglia; Maria Santissima Addolorata, in Tuturano; Maria Santissima Desolata, in Bagnoli; San Nicola, in Melicucco; Sacro Cuore, in Rossano Calabro; Madonna della neve, in Portichetto Luisago; San Giulio, in Cugliate Fabiasco; San Giacomo, in Ospitaletto; San Bartolomeo, in Busseto; San Giuseppe Artigiano, in San Giovanni Rotondo; Zona pastorale di Caraglio e Valle Grana; Vicariato della Valle d Intelvi; Comunità pastorale Madonna delle lacrime, di Treviglio; gruppi di fedeli dalle Parrocchie di: Orgiano, Lonigo, Voltabarozzo, Lavenone, Nozza, Vestone, Borgo di Terzo, Berzo, Grone, Cermenate, Verano, Briosco, Missaglia, San Bassano, Picenengo, Senna Lodigiana, Pollenzo, San Felice Circeo; Associazione familiari vittime della strada; Associazione volontari soccorso assistenza, di Cornate d Adda; Associazione sportiva Esplora, di Rimini; Associazione sportiva atletico Campofelice, di Campofelice di Roccella; Associazione Amici della musica, di Aradeo; Associazione ARCA ENEL Lombardia; Associazione Un ponte per...; Associazione Maria Santissima di Pompei, di Frignano; Associazione nazionale forestali, di Ravenna; Presidio ospedaliero, di Sciacca; Terz Ordine francescano secolare, di Stroncone; Delegazione della giusta gestione tecnica dell economia; Coro polifonico delle Terme di Sciacca; gruppo del «Circo degli orrori»; gruppi di studenti: Liceo Montalcini, di Molfetta; Istituto Fazzini-Mercantini, di Grottammare; Scuole medie zona Ottava, di Brescia; Istituto comprensivo, di Marostica; Scuola Maria Ausiliatrice, di Bologna; Scuola Nievo, di San Donà di Piave; gruppi di fedeli da: Fara Sabina, Tagliacozzo, Somaglia, Montorio al Vomano, Lecco, Bergamo, Scafati. Dalla Svizzera: Missione cattolica italiana, di Pratteln; Parrocchia San Cristoforo, di Caslano. Coppie di sposi novelli. Gruppi di fedeli da: Croazia; Repubblica Ceca; Romania. Gruppi di fedeli in piazza San Pietro I polacchi: Pielgrzymka z Centrum Formacji Odnowy w Duchu Świętym «Wieczernik» z Magdalenki koło Warszawy i z Akademii Sztuki ze Szczecina; pielgrzymi indywidualni. De France: Collège Saint-Jean- Baptiste, de Guérande; collège Saint-Joseph, de Ruoms; collège Frassati, de Mandres; lycée privé, Saint-Bonnet-de-Galaure; Les amis de la Cathédrale de Reims. New Jersey; Dominican Academy De Suisse: Groupe de servants de High School, New York City, New Messe, de Bulle; groupe de servants York; St Francis Xavier High de Messe, de Morges. De Belgique: Groupe de pèlerins du diocèse de Namur; Apostolat de School, New York City, New York; Trinity Academy School, Pewaukee, Wisconsin. la prière, de Bruxelles; Unité pastorale d Auderghem, Ixelles, Watermael-Boisfort. De Londres: Groupe de la Communauté catholique congolaise. From England: Pilgrims from the following parishes: Our Lady of Mercy and St Joseph, Lymington, Hampshire; Faithful Virgin, Norwood, London; Students and staff from St Edmund s Catholic School, Portsmouth. From Ireland: Pilgrims from the Archdiocese of Tuam; Newly ordained deacons from the Pontifical Irish College with family members and friends; Students and staff from St Mary s College, Dundalk, County Louth. From Sweden: Pilgrims from Voxtorp Lutheran Church of Sweden, Diocese of Växjö. From Nigeria: A group of pilgrims. From Japan: A group of pilgrims. From Thailand: A group of pilgrims. From Canada: Pilgrims from St Joseph Parish, Diocese of Peterborough. From the United States of America: Pilgrims from the Archdiocese of Milwaukee, Wisconsin; Pilgrims from St Peter Martyr Parish, Pittsburg, California; The Diocesan Choir from the Diocese of Metuchen, New Jersey; Students and faculty from: University of Auburn, Alabama; Kearney High School, New Jersey; Red Bank Regional High School, Little Silver, Aus der Bundesrepublik Deutschland: Pilgergruppen aus den Pfarrgemeinden Maria Heimsuchung, Alsdorf-Schaufenberg; Liebfrauen, Bottrop; St. Vitus, Burglengenfeld; St. Marien, Buseck; St. Aegidius, Dietfurt; St. Blasius, Dietmannsried; St. Vincentius, Dinslaken; St. Nikolaus, Ebermannstadt; St. Georg, Nesselröden, Eichsfeld; Pfarrverband Erdinger Moos; St. Vinzenz von Paul, Landshut; St. Michael, Mettenheim; St. Clemens, Münster; St. Marien, Rachtig; St. Franz Xaver, Thyrnau; St. Joseph, Tutzing; Pilgergruppen aus dem Bistum Münster; Erzbistum Paderborn; Bistum Passau; Bistum Regensburg; Pilgergruppen aus Dingolfing; Ellwangen; Grafenau; Kesseldorf; Konzing; Maxhütte-Haidhof; aus dem Oldenburger Münsterland; Rain am Lech; Regensburg; Schweinfurt; Waghäusel; Seminaristen aus dem Bistum Speyer in Begleitung S.E.R. Dr. Karl-Heinz Wiesemann, Bischof; Pfarrgemeinderatsvorsitzende der Seelsorgsregion Süd aus dem Erzbistum München und Freising in Begleitung S.E.R. Wolfgang Bischof, Weihbischof; Ökumenische Gruppe aus Drensteinfurt; Collegium Orientale, Eichstätt; Ökumenische Gruppe aus Grünwald; Katholische Erwachsenenbildung, Marktredwitz; Katholische Kroatische Mission, Reutlingen; Kirchenchor «Cantate Domino» aus der Pfarrei St. Sebald, Schwabach; Taktisches Luftwaffengeschwader 33, Cochem; Rotex 1800, Goslar; Ministranten aus folgenden Pfarreien: St. Cyriakus, Bottrop; Maria Heimsuchung, Gosseltshausen; Pfarrverband Kirchanschöring; St. Albertus Magnus, Lauingen; Maria Himmelfahrt, Marienthal; St. Jakob, Schwandorf; St. Agatha, Staufen; St. Nikolaus, Unterthingau; St. Emmeram, Windischeschenbach; Ministranten und Jugendchormitglieder aus der Pfarrei Maria Himmelfahrt, Walleshausen; Pilgergruppen aus den Pfarrgemeinden St. Jakobus, Abenberg; St. Benno, Dresden; Hl. Kreuz, Feldafing; St. Peter und Paul, Maria Verkündigung, Künzing-Forsthart; Stadtpfarrei Nabburg; Verklärung Christi, Naila; St. Pankratius, Schwandorf; St. Johannes Baptist, Schweitenkirchen; St. Georg, Steinkirchen; Pilgergruppe aus Gelsenkirchen-Buer; Schemmerhofen; Jugendgruppe aus der Pfarrei St. Michael, Freiburg. Aus der Republik Österreich: Pilger aus Althofen; Maria Enzersdorf; Delegation aus dem Bundesministerium für Europa, Integration und Äußeres in Begleitung des Außenministers Sebastian Kurz; Pilgergruppe aus der Benediktinerabtei St. Blasius zu Admont. Aus der Schweizerischen Eidgenossenschaft: Katholische Mission, Pratteln, Muttenz und Birsfelden; Firmgruppen aus folgenden Pfarreien: Baden; St. Clara, Basel; St. Franziskus, Riehen. Uit het Koninkrijk der Nederlanden en uit het Koninkrijk Belgie: Pelgrimsgroep uit dekenaat Heerlen en pilgrims van Bisdom Hasselt (belgië). Uit het Koninkrijk Belgi: Sint-Catharinacollege, Geraardsbergen. De España: Institución Teresiana; grupo de peregrinos de la Diócesis de Almería; Parroquia San Juan de Ribera, de Valencia; Parroquia Santos Juanes, de Xàtiva; Parroquia Espíritu Santo, de Badajoz; Parroquia Nuestra Señora del Consuelo, de Altea; grupo vocacional «Alma Mater Salvatoris», de Cartagena; grupo de catequistas, de Bilbao Real Colegiata de Roncesvalles; Colegio Mayor de la Presentación, de Valencia; Colegio Trinidad, de Córdoba; Colegio Josefinas, de Cáceres; Colegio Ies Ribeira; Instituto Terra de Xallas, de Santa Comba; Parroquia San José, de Ontinyent. De México: Instituto de educación Naciones Unidas, de Monterrey; Esne Radio Católica El Sembrador, de Guadalajara; grupo de peregrinos de Tijuana. De Argentina: grupos de peregrinos. De Portugal: Associação teatro de construção, de Perafita, Matosinhos; Colégio Nossa Senhora da Boa Nova, do Estoril. Do Brasil: Paróquia Santa Rita de Cássia, de Santa Rita do Passa Quat ro.

8 pagina 8 L OSSERVATORE ROMANO giovedì 9 aprile 2015 All udienza generale Papa Francesco parla della sofferenza dei piccoli I bambini non sono un errore Il loro grido è un accusa al sistema degli adulti Ai bambini «rifiutati, abbandonati, derubati della loro infanzia e del loro futuro», Papa Francesco ha dedicato la catechesi dell udienza generale di mercoledì 8 aprile, in piazza San Pietro. Completando la riflessione sull infanzia iniziata il 18 marzo scorso, il Pontefice ha ricordato che la sofferenza dei bambini è «un grido che sale a Dio e che accusa il sistema che noi adulti abbiamo costruito». Cari fratelli e sorelle, buongiorno! Nelle catechesi sulla famiglia completiamo oggi la riflessione sui bambini, che sono il frutto più bello della benedizione che il Creatore ha dato all uomo e alla donna. Abbiamo già parlato del grande dono che so- Per la pace nella Repubblica D emocratica del Congo Una «preghiera per la pace e la riconciliazione» nella Repubblica Democratica del Congo: con questa intenzione una folta rappresentanza della comunità cristiana congolese residente a Londra ha voluto incontrare Francesco in piazza San Pietro. Accompagnati dal loro cappellano, padre Noël Mpari, sono venuti per chiedere al Papa proprio di «pregare insieme» con loro. «Viviamo un momento particolarmente difficile della nostra storia spiegano specialmente nella regione di Beni- Butumbo, ma anche nella stessa capitale Kinshasa». Per questa ragione, dicono, «tutti dobbiamo fare in modo che non venga più versato sangue innocente». E che si trovino presto «le vie giuste per la pace e la giustizia, come chiede incessantemente a gran voce il nostro cardinale Laurent Monsengwo Pasinya». A parlare con Francesco di «strade di riconciliazione e giustizia» sono venuti dal Brasile anche trenta ragazzi dell associazione Casa do Menor São Miguel Arcanjo, fondata dal missionario piemontese Renato Chiera «per strappare bambini e adolescenti all abbandono, alla droga e alla condanna di morire violentemente prima di arrivare a vent anni». Il missionario, cresciuto nella spiritualità del movimento dei Focolari, lavora in Brasile dal 1978, «precisamente nella grande periferia di Rio de Janeiro, la Baixada Fluminense, una delle aere più sofferenti e problematiche in assoluto». In questi giorni di permanenza in Italia, fino al 27 aprile, i ragazzi della Casa do Menor stanno mettendo in scena lo spettacolo Lasciateci sognare in alcune città «per suscitare speranza e solidarietà». «Giustizia, difesa dei diritti dei più deboli, lotta al narcotraffico, al lavoro schiavo e alla tratta delle persone» sono il pane quotidiano del servizio di Alejandro Amor, defensor del pueblo a Buenos Aires. «In questo mio impegno dice sto trovando un grande sostegno nella testimonianza personale di Papa Francesco». Significativa, poi, la presenza di padre Alejandro Tilve, provinciale della compagnia di Gesù per l Argentina e l Uruguay. «In pratica sono il successore di padre Bergoglio in questo servizio» spiega, «anche se solo di recente Uruguay e Argentina sono stati messi insieme». E, aggiunge, «sono venuto anche per incontrare i tanti gesuiti dei due Paesi che lavorano a Roma». All udienza erano presenti anche i nove nuovi diaconi ordinati martedì 7 del collegio internazionale del Gesù. Provengono da Croazia, Haiti, Indonesia, Portogallo, Stati Uniti d America, Timor Est, Vietnam e Italia. Ad accompagnarli familiari e formatori. D all arcidiocesi di Milano sono arrivati 0ttomila adolescenti «in vista della loro professione di fede» È «una tradizione viva e bella» commenta il vescovo ausiliare, monsignor Pierantonio Tremolada, che ha guidato il gruppo con don Samuele Marelli, direttore della fondazione degli oratori milanesi e responsabile diocesano del servizio ragazzi e adolescenti, che spiega: «La preghiera sulla tomba degli apostoli martedì abbiamo partecipato alla messa celebrata in San Pietro dal cardinale Angelo Comastri e l incontro personale con il Papa sono i due punti forti del nostro itinerario». Accanto a loro anche ducento giovani croati che, un anno fa, hanno dato vita al grande incontro nazionale a Dubrovnik vi presero parte trentacinquemila ragazzi sul tema della «vera libertà cristiana e nel vivo ricordo della testimonianza di san Giovanni Paolo II». Con loro il vescovo di Dubrovnik, monsignor Mate Uzinić. «Proprio la capacità di saper m a n e g g i a re la libertà è oggi più che mai una questione decisiva per i nostri giovani. E la Chiesa cerca di stare al loro fianco per accompagnarli nel cammino di formazione, rilanciando i valori autentici su cui centrare la vita». Particolarmente significativo, infine, l abbraccio di Papa Francesco ai rappresentanti dell associazione italiana che riunisce i familiari delle vittime della strada: «Ogni anno in Italia scompare un paese di cinquemila persone: tante, infatti, sono le vittime sulle strade». E purtroppo bisogna anche aggiungere «trecentomila feriti e oltre ventimila disabili gravi, vittime di questa guerra non dichiarata». no i bambini, oggi dobbiamo purtroppo parlare delle storie di passione che vivono molti di loro. Tanti bambini fin dall inizio sono rifiutati, abbandonati, derubati della loro infanzia e del loro futuro. Qualcuno osa dire, quasi per giustificarsi, che è stato un errore farli venire al mondo. Questo è vergognoso! Non scarichiamo sui bambini le nostre colpe, per favore! I bambini non sono mai un errore. La loro fame non è un errore, come non lo è la loro povertà, la loro fragilità, il loro abbandono tanti bambini abbandonati per le strade; e non lo è neppure la loro ignoranza o la loro incapacità tanti bambini che non sanno cosa è una scuola. Semmai, questi sono motivi per amarli di più, con maggiore generosità. Che ne facciamo delle solenni dichiarazioni dei diritti dell uomo e dei diritti del bambino, se poi puniamo i bambini per gli errori degli adulti? Coloro che hanno il compito di governare, di educare, ma direi tutti gli adulti, siamo responsabili dei bambini e di fare ciascuno ciò che può per cambiare questa situazione. Mi riferisco alla passione dei bambini. Ogni bambino emarginato, abbandonato, che vive per strada mendicando e con ogni genere di espedienti, senza scuola, senza cure mediche, è un grido che sale a Dio e che accusa il sistema che noi adulti abbiamo costruito. E purtroppo questi bambini sono preda dei delinquenti, che li sfruttano per indegni traffici o commerci, o addestrandoli alla guerra e alla violenza. Ma anche nei Paesi cosiddetti ricchi tanti bambini vivono drammi che li segnano in modo pesante, a causa della crisi della famiglia, dei vuoti educativi e di condizioni di vita a volte disumane. In ogni caso sono infanzie violate nel corpo e nell anima. Ma nessuno di questi bambini è dimenticato dal Padre che è nei cieli! Nessuna delle loro lacrime va perduta! Come neppure va perduta la nostra responsabilità, la responsabilità sociale delle persone, di ognuno di noi, e dei Paesi. Una volta Gesù rimproverò i suoi discepoli perché allontanavano i bambini che i genitori gli portavano, perché li benedicesse. È commovente la narrazione evangelica: «Allora gli furono portati dei bambini perché imponesse loro le mani e pregasse; ma i discepoli li rimproverarono. Gesù però disse: Lasciateli, non impedite che i bambini vengano a me; a chi è come loro, infatti, appartiene il regno dei cieli. E, dopo avere imposto loro le mani, andò via di là» (Mt 19, 13-15). Che bella questa fiducia dei genitori, e questa risposta di Gesù! Come vorrei che questa pagina diventasse la storia normale di tutti i bambini! È vero che grazie a Dio i bambini con gravi difficoltà trovano molto spesso genitori straordinari, pronti ad ogni sacrificio e ad ogni generosità. Ma questi genitori non dovrebbero essere lasciati soli! Dovremmo accompagnare la loro fatica, ma anche offrire loro momenti di gioia condivisa e di allegria spensierata, perché non siano presi solo dalla ro u t i n e terap eutica. Quando si tratta dei bambini, in ogni caso, non si dovrebbero sentire quelle formule da difesa legale d ufficio, tipo: dopo tutto, noi non siamo un ente di beneficenza ; oppure: nel proprio privato, ognuno è libero di fare ciò che vuole ; o anche: ci spiace, non possiamo farci nulla. Queste parole non servono quando si tratta dei bambini. Troppo spesso sui bambini ricadono gli effetti di vite logorate da un lavoro precario e malpagato, da orari insostenibili, da trasporti inefficienti... Ma i bambini pagano anche il prezzo di unioni immature e di separazioni irresponsabili: essi sono le prime vittime; subiscono gli esiti della cultura dei diritti soggettivi esasperati, e ne diventano poi i figli più precoci. Spesso assorbono violenza che non sono in grado di s m a l t i re, e sotto gli occhi dei grandi sono costretti ad assuefarsi al degrado. Anche in questa nostra epoca, come in passato, la Chiesa mette la sua maternità al servizio dei bambini e delle loro famiglie. Ai genitori e ai figli di questo nostro mondo porta la benedizione di Dio, la tenerezza materna, il rimprovero fermo e la I saluti ai gruppi di fedeli Risvegliare le coscienze addormentate Nel salutare i gruppi di fedeli presenti all udienza generale, il Papa è tornato sul tema della catechesi. Ricordando come i bambini siano spesso «le prime vittime dei problemi familiari, dei conflitti, delle guerre e delle persecuzioni» Francesco ha invitato a pregare il Signore «di risvegliare le coscienze addormentate e di convertire i cuori di pietra affinché non manchi a nessun bambino l amore e la cura». Rivolgo il mio cordiale benvenuto ai pellegrini di lingua francese, in particolare ai ministranti della Svizzera e ai gruppi venuti dalla Francia e dal Belgio, come pure ai Congolesi di Londra. In questo tempo di Pasqua, vi incoraggio ad essere dei veri testimoni di Cristo Risorto, nelle vostre famiglie e nei vostri luoghi di vita. Che Dio vi b enedica! Saluto cordialmente i pellegrini di lingua inglese presenti a questa Udienza, specialmente quelli provenienti da Inghilterra, Irlanda, Svezia, Nigeria, Giappone, Thailandia, Canada e Stati Uniti. Il Signore Risorto vi confermi nella fede e vi renda testimoni del suo amore e della sua misericordia per tutti. Dio vi benedica! Un cordiale benvenuto ai numerosi pellegrini della Germania, dell Austria e della Svizzera. In particolare saluto i seminaristi della Diocesi di Speyer con il loro Vescovo Mons. Karl-Heinz Wiesemann, nonché i membri dei Consigli pastorali dell Arcidiocesi di München-Freising con l Ausiliare Mons. Wolfgang Bischof. A tutti auguro un soggiorno fruttuoso a Roma. Frohe Ostern! Saludo a los peregrinos de lengua española venidos de España, Argentina, México y otros países latinoamericanos. Queridos hermanos, pidamos para que nunca más tengan que sufrir los niños la violencia y la prepotencia de los mayores. Muchas gracias. Saluto i pellegrini di lingua portoghese, in particolare i fedeli venuti dal Portogallo e dal Brasile. Cari amici, prendersi cura dei bambini significa credere che ciascuno di loro è un dono di Dio al mondo. Non risparmiamo gli sforzi affinché essi possano sentirsi sempre accolti e amati nelle nostre famiglie e nelle nostre comunità. Buona Pasqua a tutti! Rivolgo un cordiale benvenuto ai fedeli di lingua araba, in particolare a quelli provenienti dall Iraq e dal Medio Oriente. I bambini sono spesso le prime vittime dei problemi familiari, dei conflitti, delle guerre e delle persecuzioni. Preghiamo per tutti i bambini sofferenti, chiedendo al Signore di custodirli da ogni male, di risvegliare le coscienze addormentate e di convertire i cuori di pietra affinché non manchi a nessun bambino l amore e la cura. Il Signore benedica tutti i bambini e li protegga dal maligno! Un cordiale saluto rivolgo a tutti i polacchi. Cari fratelli e sorelle, in questo periodo pasquale vi auguro che la pace e la gioia della risurrezione condanna decisa. Con i bambini non si scherza! Pensate che cosa sarebbe una società che decidesse, una volta per tutte, di stabilire questo principio: È vero che non siamo perfetti e che facciamo molti errori. Ma quando si tratta dei bambini che vengono al mondo, nessun sacrificio degli adulti sarà giudicato troppo costoso o troppo grande, pur di evitare che un bambino pensi di essere uno sbaglio, di non valere niente e di essere abbandonato alle ferite della vita e alla prepotenza degli uomini. Come sarebbe bella una società così! Io dico che a questa società, molto sarebbe perdonato, dei suoi innumerevoli errori. Molto, davvero. Il Signore giudica la nostra vita ascoltando quello che gli riferiscono gli angeli dei bambini, angeli che vedono sempre il volto del Padre che è nei cieli (cfr. Mt 18, 10). Domandiamoci sempre: che cosa racconteranno a Dio, di noi, questi angeli dei bambini? del nostro Signore siano sempre presenti in ciascuno e ciascuna di voi, nelle vostre famiglie e nelle comunità. Vi ringrazio per tutti gli auguri e le espressioni di vicinanza spirituale che sono giunti in occasione della Santa Pasqua. Mi affido alle vostre preghiere e le contraccambio, chiedendo al Signore di elargire su di voi un abb ondanza di grazie e la Sua benedizione. Sia lodato Gesù Cristo! Saluto cordialmente tutti i pellegrini croati, in particolare i giovani volontari della Diocesi di Dubrovnik, insieme con il loro Pastore, Mons. Mate Uzinić. Cari amici, voi siete i figli della Chiesa che è vostra Madre e Maestra. Come la Chiesa consola tanti che sono bisognosi, così anche voi, con il vostro zelo fraterno, edificate il mondo in cui vivete. Sappiate trovare il vostro posto nella Chiesa e nella società, assumendo generosamente gli impegni che ora vi vengono affidati in famiglia e fuori. La vostra gioventù sia forte e si nutra della fede e non di altro! Solo così troverete sempre di nuovo nella vostra vita Cristo Risorto, che ci ha liberati dalla morte. Grato per il vostro impegno nella Chiesa, vi benedico tutti. Siano lodati Gesù e Maria! Rivolgo un cordiale benvenuto ai pellegrini di lingua italiana. Sono lieto di accogliere i ragazzi della professione di fede di Milano e gli adolescenti della diocesi di Cremona: vi esorto a vivere sempre la fede con entusiasmo e a non perdere la speranza nel Signore Risorto, che riempie di gioia e di felicità la nostra vita. Saluto i Diaconi della Compagnia di Gesù e i religiosi redentoristi, esortando ciascuno a testimoniare l amore di Gesù e la fedeltà alla Chiesa. Saluto le Associazioni e i gruppi parrocchiali, in particolare i fedeli di Canosa di Puglia, in occasione dell anno giubilare del patrono San Sabino. Porgo un particolare pensiero ai giovani, agli ammalati e agli sposi novelli. L annuncio pasquale continui a farci ardere il cuore nel petto, come ai discepoli di Emmaus: cari giovani, solo il Signore Gesù può rispondere completamente alle aspirazioni di felicità e di bene nella vostra vita; cari ammalati, non c è consolazione più bella alla vostra sofferenza della certezza della Risurrezione di Cristo; e voi, cari sposi novelli, vivete il vostro matrimonio in concreta adesione a Cristo e agli insegnamenti del Vangelo.

CONFLITTI nel MONDO (2015)

CONFLITTI nel MONDO (2015) CONFLITTI nel MONDO (2015) I giornali e le televisioni di tutto il mondo parlano ogni giorno del conflitto in corso tra Israele e Palestina. Continui aggiornamenti sul numero di vittime, sulle brevi tregue

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

FRANCIA: LE MOTIVAZIONI DELL INTERVENTO IN MALI

FRANCIA: LE MOTIVAZIONI DELL INTERVENTO IN MALI Sede legale e amministrativa: Palazzo Besso - Largo di Torre Argentina, 11-00186 Roma Sede secondaria: Largo Luigi Antonelli, 4-00145 Roma Web: www.ifiadvisory.com; Mail: info@ifiadvisory.com Umberto Profazio

Dettagli

SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE

SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE 544 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE Le reazioni degli attori internazionali 25 luglio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Le reazioni degli attori

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

Siria, possibile l intervento di terra di Turchia e Arabia Saudita?

Siria, possibile l intervento di terra di Turchia e Arabia Saudita? Siria, possibile l intervento di terra di Turchia e Arabia Saudita? Lookout News Rocco Bellantone I turchi continuano a bombardare a nord, mentre a Incirlik arrivano i caccia sauditi. La riunione del Gruppo

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

I GENERALI SOTTO ACCUSA

I GENERALI SOTTO ACCUSA Mondo in fiamme Algeria Il conflitto algerino Habib Souaïdia, l ex ufficiale autore del libro La Sale Guerre, torna ad attaccare i vertici militari algerini. Per questa intervista la procura di Algeri

Dettagli

È morta l architetta Zaha Hadid

È morta l architetta Zaha Hadid È morta l architetta Zaha Hadid Edifici distrutti dai bombardamenti del governo siriano a Damasco, il 10 febbraio 2016. (Bassam Khabieh, Reuters/Contrasto) 11MAR 201618.40 La spartizione della Siria è

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

Attentato di Parigi. 13 novembre 2015. Documento del corso Relazioni Internazionali

Attentato di Parigi. 13 novembre 2015. Documento del corso Relazioni Internazionali Attentato di Parigi 13 novembre 2015 Documento del corso Relazioni Internazionali Il lavoro della sezione RIM è finalizzato a sostenere la Pace tra i Popoli PEACE NOT WAR I FATTI Gli attentati del 13 novembre

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

LA CASA BIANCA Ufficio stampa. PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN

LA CASA BIANCA Ufficio stampa. PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN LA CASA BIANCA Ufficio stampa PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN LA NOSTRA MISSIONE Il discorso del Presidente riafferma l obiettivo

Dettagli

STATUTO ORGANISMO MONDIALE DEI CURSILLOS DI CRISTIANITA (OMCC)

STATUTO ORGANISMO MONDIALE DEI CURSILLOS DI CRISTIANITA (OMCC) STATUTO ORGANISMO MONDIALE DEI CURSILLOS DI CRISTIANITA (OMCC) INTRODUZIONE 01. Il Movimento dei Cursillos di Cristianità è un movimento ecclesiale a diffusione mondiale che opera all interno della Chiesa

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

Smantellata con la II guerra mondiale

Smantellata con la II guerra mondiale Europa dopoguerra I organismo di cooperazione Devastata, sminuito il ruolo centrale del potere economico e politico Nasce a Ginevra, 10/01/1920 Inizialmente scarsi risultati politici Società delle Nazioni

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale Il 1 settembre 1939 Hitler attacca la Polonia con il pretesto di occupare il corridoio di Danzica video A questo punto Francia e Inghilterra, decise a non permettere ulteriori

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

1 Premio sez. Poesia. C era una volta.

1 Premio sez. Poesia. C era una volta. 1 Premio sez. Poesia C era una volta. C era una volta una bimba adorabile ben educata e un sorriso invidiabile. Nulla le mancava, tutto poteva, una vita da sogno conduceva. C era una volta un bimbo adorabile

Dettagli

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Corso Scegli Gesù SG01 Lezione 1 IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Troppo difficile? Antiquato? Solo per persone molto religiose? No! Ti dimostreremo che sono solo pregiudizi. LA NOSTRA GENERAZIONE È INSICURA

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

Parigi sotto attacco oltre 120 morti. Il Presidente Hollande chiude le frontiere

Parigi sotto attacco oltre 120 morti. Il Presidente Hollande chiude le frontiere Parigi sotto attacco oltre 120 morti. Il Presidente Hollande chiude le frontiere Diverse sparatorie a Parigi, almeno tre esplosioni vicino allo stadio: è l inferno in tutta la capitale francese, con decine

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

UNCC: Cosa è e come funziona la Commissione Onu per i Risarcimenti

UNCC: Cosa è e come funziona la Commissione Onu per i Risarcimenti UNCC: Cosa è e come funziona la Commissione Onu per i Risarcimenti Uno dei meccanismi essenziali della strategia di annientamento dell Iraq è tuttora sconosciuto al grande pubblico. Si tratta della United

Dettagli

Rivoluzione Francese

Rivoluzione Francese Rivoluzione Francese Alla fine degli anni 80 del XVIII secolo la Francia attraversata una grave crisi economica: la produzione agricola era calata, le spese militari viste le numerose guerre erano aumentate,

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Diocesi di Rieti. La Pastorale della Salute

Diocesi di Rieti. La Pastorale della Salute Diocesi di Rieti La Pastorale della Salute Che cos è la Pastorale della Salute? Con Pastorale si intende l azione multiforme della comunità cristiana dentro le concrete situazioni della vita. La Pastorale

Dettagli

NUMERI FONDI PRIORITA EMERGENZA IN IRAQ. 1,9 milioni. 150mila. +530mila. 8mila. 18mila. sfollati interni. rifugiati iracheni nei Paesi confinanti

NUMERI FONDI PRIORITA EMERGENZA IN IRAQ. 1,9 milioni. 150mila. +530mila. 8mila. 18mila. sfollati interni. rifugiati iracheni nei Paesi confinanti NUMERI EMERGENZA IN IRAQ Aggiornato al 1 dicembre 2014 1,9 milioni sfollati interni 150mila rifugiati iracheni nei Paesi confinanti +530mila sfollati assistiti con rifugi e aiuti umanitari primari 8mila

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012.

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. II INCONTRO DI PASTORALE FAMILIARE 23.11.2013 [13] Un angelo del

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

MOZIONE. Il Senato, premesso che:

MOZIONE. Il Senato, premesso che: MOZIONE Il Senato, premesso che: è del 20 luglio 2015, a distanza di quasi 65 anni dalla chiusura delle relazioni diplomatiche tra Stati Uniti e Cuba, la riapertura delle ambasciate nelle rispettive capitali;

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

La questione curda CHI SONO I CURDI?

La questione curda CHI SONO I CURDI? Il conflitto politico culturale tra il governo turco e la minoranza curda nel paese ha una lunga storia alle spalle, che risale agli accordi di pace dopo il primo conflitto mondiale quando, dopo lo scioglimento

Dettagli

Tunisiaca Tunisi Museo del Bardo 19.01.2004

Tunisiaca Tunisi Museo del Bardo 19.01.2004 Discorsi del Presidente della Fondazione Craxi Inaugurazione della Mostra "Tunisiaca" Tunisi, Museo Nazionale del Bardo, 19 gennaio 2004 Stefania Craxi Tunisiaca Tunisi Museo del Bardo 19.01.2004 Eccellenza,

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

Relazioni giordani comunità Europea La storia delle relazioni tra Giordania e comunità europea risale al 1977, quando è stato siglato un accordo di

Relazioni giordani comunità Europea La storia delle relazioni tra Giordania e comunità europea risale al 1977, quando è stato siglato un accordo di Relazioni giordani comunità Europea La storia delle relazioni tra Giordania e comunità europea risale al 1977, quando è stato siglato un accordo di cooperazione, entrato in vigore nel 1978. Queste relazioni

Dettagli

WORLD WATCH LIST 2014

WORLD WATCH LIST 2014 COS E PORTE APERTE/OPEN DOORS INTERNATIONAL? La cronaca internazionale degli ultimi tempi ci ricorda quanto sia reale la persecuzione a danno dei cristiani e l ondata di violenze in vari paesi nel mondo,

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici La voce de "Gli Amici" Testo più grande Cerca domenica 2 maggio 2004 Home page News Newsletter Disabili mentali: amici senza limiti Handicap e Vangelo Pagina precedente Gli Amici La mostra di pittura Scarica

Dettagli

I bambini soldato: situazione e cause

I bambini soldato: situazione e cause I bambini soldato: situazione e cause Sono più di 300.000 i minori di 18 anni attualmente impegnati in conflitti nel mondo. Centinaia di migliaia hanno combattuto nell'ultimo decennio, alcuni negli eserciti

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

Proposte 2016 Il coraggio della misericordia

Proposte 2016 Il coraggio della misericordia Proposte 2016 Il coraggio della misericordia 1 Durante l estate 2015, a Taizé, abbiamo cercato in che modo impegnarci in nuove solidarietà che sono urgenti oggi. In tutto il mondo, nuove difficoltà legate

Dettagli

Le armi leggere hanno alimentato il conflitto in Siria causando oltre 93mila morti

Le armi leggere hanno alimentato il conflitto in Siria causando oltre 93mila morti Osservatorio Permanente Armi Leggere e Politiche di Sicurezza e Difesa Onlus Viale Venezia 112 25123 Brescia C.F.98114040177 Website: www.opalbrescia.org - Email: info@opalbrescia.org Le armi leggere hanno

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

L inizio del conflitto: l invasione della Polonia

L inizio del conflitto: l invasione della Polonia L inizio del conflitto: l invasione della Polonia La seconda Guerra Mondiale scoppiò nel 1939 dopo l invasione della Polonia da parte dei Tedeschi. La Repubblica Polacca non accettò le imposizioni tedesche

Dettagli

Storia contemporanea

Storia contemporanea Storia contemporanea Prof. Roberto Chiarini http://rchiarinisc.ariel.ctu.unimi.it Anno Accademico 2008/2009 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia PARROCCHIA S. BARTOLOMEO CARUGO SOGNI E REALTA Foglio di comunicazione e fraternità Ciclostilato in proprio del 4 maggio 2014 - www.parrocchiacarugo.it PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia Ci sono

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale dura dal 1939 al 1945 ed è una guerra totale, cioè coinvolge tutto il mondo. da un lato i regimi nazifascisti, gli STATI DELL ASSE, cioè Germania,

Dettagli

Storia d Israele in mappe

Storia d Israele in mappe Storia d Israele in mappe INDICE Introduzione............................................................. p. 1 MAPPE DEL PERIODO ANTICO ll regno di Davide e Salomone..........................................

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone :

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone : LA RIVOLUZIONE FRANCESE In Francia la società è divisa in tre ordini o stati: 1) Nobiltà 2) Clero 3) Terzo Stato Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie

Dettagli

Giorno della Memoria. 27 gennaio 1945-2015. Un ricordo per le vittime, gli eroi e gli interpreti.

Giorno della Memoria. 27 gennaio 1945-2015. Un ricordo per le vittime, gli eroi e gli interpreti. Giorno della Memoria 27 gennaio 1945-2015 Un ricordo per le vittime, gli eroi e gli interpreti. Il 27 gennaio 1945 il campo di concentramento di Auschwitz viene liberato dalle truppe russe. Il 27 gennaio

Dettagli

EMERGENZA SIRIA Il dramma umanitario

EMERGENZA SIRIA Il dramma umanitario PROGETTI EMERGENZA SIRIA Il dramma umanitario Portiamo aiuti nelle città di Damasco, Aleppo, Latakia e Knayeh WWW.PROTERRASANCTA.ORG Chi siamo Associazione pro Terra Sancta è l organizzazione non governativa

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato Signor Presidente del Consiglio, Autorità civili, militari e

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana.

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana. signore e signori, è un grande onore per il mio Paese, per l Italia, essere qui oggi. Vorrei ringraziare la Repubblica Federale Democratica d Etiopia e il Presidente dell Assemblea Generale, Sam Kutesa,

Dettagli

LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941

LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941 LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941 Alla fine del 1940 l Italia invade la Grecia. L impresa è più difficile del previsto e deve chiedere aiuto ai tedeschi L esercito italiano e quello tedesco combattono

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli

Accoglimento totale del 03/11/2015 RG n. 2031/2014

Accoglimento totale del 03/11/2015 RG n. 2031/2014 R.G. n. 2031/2014 Accoglimento totale del 03/11/2015 RG n. 2031/2014 TRIBUNALE ORDINARIO DI TRIESTE SEZIONE CIVILE Il Tribunale in composizione monocratica, in persona del giudice dottor Mauro Sonego nel

Dettagli

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Storia contemporanea n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Anno Accademico 2011/2012 1 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

DALL INFERNO AL LIMBO

DALL INFERNO AL LIMBO DALL INFERNO AL LIMBO (A protezione dell identità delle persone, non è stato utilizzato il loro vero nome) TESTIMONIANZE DA MINEO, ITALIA Abdoul, 42, Niger, In Libia lavoravo come autista. Il mio datore

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

Alice Walker. Non restare muti. Traduzione di Silvia Bre. nottetempo

Alice Walker. Non restare muti. Traduzione di Silvia Bre. nottetempo Alice Walker Non restare muti Traduzione di Silvia Bre nottetempo 1. Tre anni fa Tre anni fa ho visitato il Ruanda e il Congo Orientale. A Kigali ho reso omaggio alle centinaia di migliaia di neonati,

Dettagli

SANTO NATALE 2015 (Omelia all ospedale

SANTO NATALE 2015 (Omelia all ospedale SANTO NATALE 2015 (Omelia all ospedale) E nato per noi un bambino, un figlio ci è stato donato (antifona). Pochi giorni dopo l'apertura della porta Santa che ci ha visti accorrere numerosi per vivere la

Dettagli

http://circolopliniocorreadeoliveira.blogspot.it/2010/10/santa-teresa-davila.html Santa Teresa d Avila

http://circolopliniocorreadeoliveira.blogspot.it/2010/10/santa-teresa-davila.html Santa Teresa d Avila http://circolopliniocorreadeoliveira.blogspot.it/2010/10/santa-teresa-davila.html Santa Teresa d Avila Le mura di Avila Santa Teresa d Avila (1515-1582) era al Carmelo di Toledo quando il re del Portogallo,

Dettagli

Introduzione. Guarda il filmato:

Introduzione. Guarda il filmato: Introduzione. Guarda il filmato: Lo sfruttamento del lavoro minorile e il caso di Iqbal Masih http:///il-lavoro-minorile.htm Cosa dice l articolo 32 della convenzione ONU sui diritti dell infanzia? Quell

Dettagli

Violenza sulle donne. In ogni parte del mondo

Violenza sulle donne. In ogni parte del mondo Violenza sulle donne In ogni parte del mondo Più della metà della popolazione mondiale femminile è vittima di molteplici forme di violenza. A ogni latitudine, in qualsiasi paese, in contesti sociali diversi

Dettagli

IL MODELLO TURCO TRA REALTÀ

IL MODELLO TURCO TRA REALTÀ 440 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com IL MODELLO TURCO TRA REALTÀ E GRAVI LIMITI 6 giugno 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 La guerra civile siriana Le fasi iniziali del conflitto

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO

2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO 2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO 1. RITO ORDINARIO RITI INIZIALI 60. Il ministro, entrando dal malato, rivolge a lui e a tutti i presenti un fraterno saluto.

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE

LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA SOCIETÀ FRANCESE NEL 1700 In Francia, nel 1700, il re Luigi XVI ha tutti i poteri. I nobili sono amici del re. I nobili hanno molti privilegi. Anche il clero (vescovi e cardinali)

Dettagli

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali.

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali. il testo: 01 L Impero romano d Oriente ha la sua capitale a Costantinopoli. Costantinopoli è una città che si trova in Turchia, l antico (vecchio) nome di Costantinopoli è Bisanzio, per questo l Impero

Dettagli

La chiesa primitiva e l Impero Romano

La chiesa primitiva e l Impero Romano La chiesa primitiva e l Impero Romano L Impero Romano La situazione dell Impero L Impero romano e l Ellenismo 323 a.c.-1 sec. d.c. Il Giudaismo tradizionale e quello ellenizzato. Impero Romano: circa 50

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE LA SECONDA GUERRA MONDIALE 1 SETTEMBRE 1939 - GERMANIA INVADE POLONIA Il 1 settembre 1939 l esercito tedesco invade la Polonia. La Gran Bretagna e la Francia dichiarano guerra alla Germania. I generali

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente MOZIONE SULLA SIRIA 11 settembre 2013

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente MOZIONE SULLA SIRIA 11 settembre 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 297 MOZIONE SULLA SIRIA 11 settembre 2013 2 La Camera, premesso che: la crisi siriana ha raggiunto

Dettagli

Diritti Umani una materia dimenticata QUESTIONARIO RICOGNITIVO. diritti umani pena di morte tortura. SEZIONE A: Diritti Umani

Diritti Umani una materia dimenticata QUESTIONARIO RICOGNITIVO. diritti umani pena di morte tortura. SEZIONE A: Diritti Umani Diritti Umani una materia dimenticata diritti umani pena di morte tortura QUESTIONARIO RICOGNITIVO SEZIONE A: Diritti Umani 1. Scegli, tra le seguenti definizioni di diritti umani, quella che ritieni più

Dettagli

La pena di morte. Vorrei iniziare a parlarvi della pena di morte spiegandovi che cosa significa: la pena capitale è

La pena di morte. Vorrei iniziare a parlarvi della pena di morte spiegandovi che cosa significa: la pena capitale è La pena di morte Vorrei iniziare a parlarvi della pena di morte spiegandovi che cosa significa: la pena capitale è intesa come l uccisione di un criminale decisa da un tribunale, dopo una condanna. In

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

Conferenza stampa di presentazione del Rapporto 2014-2015. Intervento di Antonio Marchesi

Conferenza stampa di presentazione del Rapporto 2014-2015. Intervento di Antonio Marchesi Conferenza stampa di presentazione del Rapporto 2014-2015 Intervento di Antonio Marchesi 1) Il Rapporto 2014-2015, che presentiamo oggi, contiene informazioni sulla situazione dei diritti umani in 160

Dettagli

Rassegna del 05/10/2015

Rassegna del 05/10/2015 Rassegna del 05/10/2015 INDICE RASSEGNA STAMPA Rassegna del 05/10/2015 Si parla di noi Avvenire 30/09/2015 p. 2 IL PAPA CONFORTA L'IMPEGNO CON L'AFRICA Mario Raffaelli 1 Corriere Del Trentino 01/10/2015

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

INFORMAZIONI SULL ISIS

INFORMAZIONI SULL ISIS INFORMAZIONI SULL ISIS Brevi linee di storia da Maometto all ISIS 1 2 3 L ISIS OGGI 4 IL MEDIO ORIENTE Superficie Italia kmq. 300.000 Superficie Iraq kmq. 430.000 Superficie Iran kmq. 1.640.000 Superficie

Dettagli